Barriere Passive - EN /4

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Barriere Passive - EN 1366-3/4"

Transcript

1 Barriere Passive - /4 versione 1.1

2

3 Sommario i i INFORMAZIONI TECNICHE GERALI E NORMATIVE DI RIFERIMTO pagina 4 Strategie di sicurezza Informazioni tecniche generali L importanza della sigillatura degli attraversamenti Differenti tipologie di attraversamenti Tubazioni ed attraversamenti combustibili sigillatura di attraversamenti sigillatura di giunti PROMASTOP U (Unicollar) pagina 8 PROMASTOP FC (RS10) pagina 11 PROMASTOP E pagina 14 PROMASTOP I pagina 16 PROMASTOP B pagina 18 PROMASTOP S / PROMASTOP L pagina 20 PROMASEAL A pagina 22 PROMASEAL S pagina 24 PROMASTOP M (Mortar) pagina 26 PROMASTOP W pagina 28 PROMAFOAM C pagina 33 PROTEZIONE DI GIUNTI pagina 34 PROTEZIONE DI GIUNTI SISMICI pagina 35

4 Informazioni tecniche generali e normative di riferimento i Grazie alla specializzazione ed alle competenze del gruppo Promat nel settore della protezione passiva all incendio, è stato possibile formulare e realizzare una vastissima gamma di articoli adatti alla sigillatura di varchi di attraversamento e giunti lineari, basata principalmente su una nuova generazione di prodotti termoespandenti a base grafite. Il gruppo Promat, pioniere della tecnologia dei materiali per la protezione al fuoco, è stato il primo gruppo di aziende capace di offrire al mercato una tecnologia basata sulla grafite lamellare, sia nel campo delle guarnizioni intumescenti, sia in uello delle barriere passive. Strategie di sicurezza La sicurezza inizia con la pianificazione. Più importante e vasto sarà un edificio, più persone saranno residenti o lavoreranno al suo interno e, di conseguenza, maggiore sarà l attenzione alla sicurezza antincendio. In pratica, uindi, la strategia antincendio dovrà essere parte integrante della progettazione. Capita sempre, più freuentemente, che i tradizionali sistemi di protezione dal fuoco risultino inadeguati e molto spesso i punti deboli siano identificabili negli attraversamenti di tubazioni, cavi elettrici, canalizzazioni o servizi, sia nelle pareti sia nei solai. Informazioni tecniche generali La norma europea, Prove di resistenza al fuoco per impianti di fornitura di servizio - Parte 3: Sigillatura degli attraversamenti, definisce un attraversamento come: una apertura in un elemento di separazione per il passaggio di uno o più servizi. Per servizio si intende un sistema uale: un cavo, un condotto, un tubo (con o senza isolamento) o una condotta. Lo standard di prova definisce una sigillatura di attraversamenti come il sistema utilizzato per mantenere la resistenza al fuoco di un elemento di separazione nella zona in cui è previsto il passaggio di servizi attraverso l elemento di separazione. L importanza della sigillatura degli attraversamenti L importanza della sigillatura degli attraversamenti non può essere sottovalutata. L esperienza dimostra che gli attraversamenti sono spesso l anello debole delle compartimentazioni all interno degli edifici. La sigillatura degli attraversamenti viene generalmente utilizzata per chiudere ogni varco rimasto aperto (o che si potrebbe aprire durante l incendio), negli elementi di compartimentazione. Un compartimento antincendio è definito come: parte della costruzione organizzata per rispondere alle esigenze della sicurezza in caso di incendio e delimitata da elementi costruttivi idonei a garantire, sotto l azione del fuoco e per un dato intervallo di tempo, la capacità di compartimentazione, cioè l attitudine di un elemento costruttivo a conservare, sotto l azione del fuoco, oltre alla propria stabilità, un sufficiente isolamento termico ed una sufficiente tenuta ai fumi e ai gas caldi della combustione, e tutte le altre prestazioni richieste (DM 9 marzo 2007) È necessario essere consapevoli che l efficacia di un compatimento è spesso compromessa da uegli attraversamenti che risultato poco visibili o nascosti all interno degli elementi che la compongono. Purtroppo in molti casi la mancanza di sigillature o l errata installazione delle barriere passive, ha causato numerosi incendi in diversi tipologie di edifici. Questi eventi non si sarebbero verificati, o le loro conseguenze sarebbero state notevolmente inferiori, se le sigillature degli attraversamenti in pareti e solai fossero state adeguatamente eseguite. L obiettivo principale di una compartimentazione è uello di prevenire la propagazione del fuoco all interno di un edificio o tra edifici adiacenti. Risulta evidente che l interazione tra tutti gli elementi costruttivi, uali tetti, porte, giunti lineari di dilatazione, di servizio ed attraversamenti in genere, giocano un ruolo importante nel raggiungimento di una soluzione performante. Solo essendo consapevoli che, in caso di incendio, un particolare elemento possa influenzarne un altro, è possibile valutare correttamente uello che può succedere durante la combustione e l importanza di ogni singolo elemento all interno di un sistema complesso. E uindi di fondamentale importanza verificare accuratamente l integrità e l isolamento degli elementi di compartimentazione, soprattutto nelle zone di attraversamento e nei giunti, sia strutturali sia fra diversi elementi, uali lastre, mattoni, pannelli, ecc. Queste zone non devono essere permeabili al fuoco ed è sempre necessario accertarsi che, nel caso si verifichi un apertura durante l incendio, esista un sistema di chiusura che si possa attivare chimicamente o fisicamente, per ripristinare l attraversamento. In termini pratici, è necessario che durante l incendio, la temperatura rilevabile sulla faccia non esposta al fuoco non superi nella media i 140 C, oltre la temperatura ambiente, ed i 180 C uale temperatura massima. Inoltre non dovrà esserci passaggio di gas caldi o fiamme che potrebbero innescare l incendio nel compartimento adiacente. Questi criteri sono noti internazionalmente con i simboli I (isolamento) ed E (tenuta). Differenti tipologie di attraversamenti In base alla tipologia di servizio che attraversa l elemento di compartimentazione (parete o solaio), come ad esempio: cavi, canaline portacavi, tubi in plastica, tubi in acciaio, tubi con o senza isolamento ecc., sarà necessario utilizzare sistemi protettivi o prodotti diversi, in funzione del tipo di attraversamento, dell elemento attraversante e della sua composizione chimica, con particolare riferimento alla sua combustibilità. Inoltre dovrà essere posta la massima attenzione a tutti uei casi nei uali sono previsti giunti o altri elementi che potrebbero avere una certa espansione termica o che potrebbero essere oggetto di compressione, uando posti all interno di strutture portanti. Tutti uesti sono importanti fattori da considerare, sia nella progettazione, sia nell installazione del sistema protettivo. Gli attraversamenti si dividono in: attraversamenti tecnici atti al passaggio di impianti tecnologici (canaletta, tubazioni, passerelle, pluviali, canalizzazioni per condizionamento o estrazione); attraversamenti strutturali, giunti edilizi/ dilatazione; attraversamenti di comunicazione, atti a consentire il passaggio di persone o mezzi mobili (porte, sportelli di ispezione saracinesche). 4

5 Informazioni tecniche generali e normative di riferimento i Tubazioni ed attraversamenti combustibili I cavi elettrici o telefonici, siano essi singoli o in fasci, i tubi di plastica ed alcuni isolamenti utilizzati su tubazioni o canalizzazione, sono combustibili e uindi, non solo contribuiscono al carico di incendio del compartimento, ma diventano spesso vie preferenziali per l avanzamento del fronte di fiamma e uindi dell incendio. I piccoli cavi singoli sono considerati meno pericolosi, perché tendono a estinguersi in prossimità dell attraversamento. E probabile invece che un fascio composto da un grande numero di cavi o da singoli cavi di grande diametro, possa causare un problema, per uesto deve essere protetto in modo che la funzionalità della compartimentazione non risulti compromessa. Da sottolineare che, in alcuni casi, sarà necessario garantire che i cavi elettrici non si surriscaldino, perdendo uindi la loro funzione elettrica. I tubi in plastica, pur essendo una delle componenti più pericolose di una compartimentazione, sono facilmente trattabili dal punto di vista della sicurezza antincendio, attraverso l impiego di un collare intumescente, montato attorno al tubo, che, in caso di incendio, schiaccerà e chiuderà la tubazione, prevenendo cosi il passaggio delle fiamme e del fumo da un compartimento all altro. Va considerato che, nel caso ci sia presenza di un lasco tra la tubazione ed il collare, è possibile che la fuoriuscita di un eventuale fumo freddo non sia bloccata, in uanto il collare potrebbe non svolgere il proprio compito fino a uando la temperatura non sarà sufficiente ad attivare la guarnizione intumescente al suo interno. Poiché il comportamento delle tubazioni varia in funzione del tipo di plastica, del diametro e dello spessore di parete, è fondamentale che il Professionista Antincendio scelga il tipo di collare adatto e che, soprattutto, la tubazione da proteggere rientri nel suo campo di diretta applicazione. In particolare dovranno essere valutati attentamente sia il massimo spessore testato ed il relativo diametro, sia la funzionalità del tipo (si veda la sezione riguardante la norma ). Prove di resistenza al fuoco di installazioni tecniche: sigillatura di attraversamenti La norma descrive il metodo di prova ed i criteri di valutazione per verificare la capacità di una barriera passiva di mantenere la resistenza al fuoco di un elemento di compartimentazione nella zona interessata dall attraversamento di un impianto (cavi, tubi, passerelle, blindosbarre, ecc.). La norma non include la valutazione delle sigillature di camini, condotte di aria, canali antincendio, cavedi ed estrattori, che sono oggetto di collaudo nelle specifiche norme di prova (1366 pt ) Le barriere passive sono testate all intero di costruzioni standard (pareti e soffitti) oppure in costruzioni ad hoc, scelte dal committente. Lo scopo del test è di valutare: L effetto delle penetrazioni sulle performances di integrità ed isolamento negli elementi di compartimentazione testati L integrità e l isolamento della barriera passiva Le performance di isolamento sull elemento attraversante e, uando necessario, l integrità dell impianto La prova non fornisce indicazioni circa la perdita di caratteristiche meccaniche di elementi portanti nei uali sono incluse le penetrazioni oggetto del test (in uesto caso è necessario ricorrere a prove specifiche) Sia le penetrazioni sia le barriere passive devono essere testate nelle configurazioni e dimensioni reali; In particolare i provini dovranno: Essere pienamente rappresentativi sia dell impianto sia della barriera passiva. Essere provati secondo configurazioni standard, per permettere l estensione dei risultati. Per gli attraversamenti di tubazioni combustibili, sono previste le seguenti configurazioni: (non tappato / non tappato) C/U (tappato / non tappato) U/C (non tappato / tappato) C/C (tappato / tappato) Per tappato si intende una tubazione che, pur passante, è tappata da un disco di lana di roccia all interno o all esterno del forno. Le varie configurazioni possono essere usate per diversi utilizzi del tubo. In particolare la configurazione è considerata universale, ovvero con uella determinata barriera passiva possono essere protette tubazioni atte a ualsiasi utilizzo (pluviale, scarico per acua potabile, gas, ecc.). I protettivi per le tubazioni combustibili (collari antincendio) devono essere provati almeno su: tubo con il maggior diametro e minor spessore di parete tubo e minor diametro e maggior spessore di parete. I risultati sono interpolati per ottenere le valutazioni intermedie. Per gli attraversamenti di cavi elettrici la norma prevedere diversi casi sia per attraversamenti di grandi dimensioni sia di piccole. Per gli attraversamenti di grandi dimensioni (600 x 600 mm), i cavi elettrici sono divisi in gruppi di elementi standard con dimensioni e caratteristiche variabili. Si possono testare tre diverse configurazioni: Piccolo (che copre diametri di cavi fino a 21 mm), Medio (diametro cavi massimo 50 mm) e Grande (diametro cavi massimo 80 mm) E possibile collaudare anche penetrazioni miste, cioè composte da diversi attraversamenti e diverse barriere passive, secondo delle speciali configurazioni descritte nell allegato F. 5

6 Informazioni tecniche generali e normative di riferimento i Al fine di evitare che le barriere passive si influenzino fra loro all interno dello stesso elemento di compartimentazione, la norma prevede precise procedure per il loro posizionamento e distanze minime che non possono essere superate. Il risultato del test è relativo ad ogni singola barriera passiva e non è mai da considerarsi come un risultato generale della compartimentazione. Le barriere passive sono collaudate all interno di elementi di compartimentazione di tipo standard che si dividono in: Pareti rigide Composte da lastre in calcestruzzo areato, cemento leggero o ad alta densità, con uno spessore tale da garantire la stessa resistenza al fuoco richiesta dal committente per le proprie barriere passive (in accordo alla per cemento leggero ed per pareti in blocchi di cemento alleggerito autoclavato.) Pareti flessibili Pareti leggere costruite in accordo alla norma costituite da lastre in cartongesso in numero e spessore tale da garantire la resistenza al fuoco richiesta dal committente. All interno delle pareti leggere dovrà essere inserito un isolamento a base di lana minerale con densità 45 ± 15 kg/m3 per pareti fino a 60 minuti e 100 ± 15 kg/m3 per resistenze al fuoco maggiori. Nel caso siano testate diverse configurazioni e diversi prodotti, i grafici possono essere più complessi e completi, come ad esempio in figura 2 Solai rigidi Composti da lastre in calcestruzzo areato, cemento leggero o ad alta densità, con uno spessore tale da garantire la stessa resistenza al fuoco richiesta dal committente per le proprie barriere passive (in accordo alla per cemento leggero ed per pareti in blocchi di cemento alleggerito autoclavato.) Solai flessibili Scelti dal committente (legno, acciaio, ecc.) Durante la prova, l intero campione è monitorato da numerosissime termocoppie applicate nei punti più critici fra i uali: a 25 mm dalla faccia non esposta di ogni singolo elemento attraversante a 25 mm dalla zona di attraversamento sulla barriera passiva a 25 mm dall attraversamento per gli elementi di supporto (staffe, vassoi, ecc.) L integrità del sistema (criterio E) è valutata in accordo al sistema del batuffolo di cotone descritto nella norma in (anche se con dimensioni più piccole rispetto a uelli usati per le pareti ed i solai senza attraversamenti) Il rapporto di prova include numerose informazioni fra le uali: descrizione di ogni singolo attraversamento e della relativa barriera passiva provata dimensione degli attraversamenti e degli impianti provati indicazioni sulla configurazione (ad esempio, per le tubazioni, le classificazioni, U/C, ecc.) configurazione dei cavi elettrici, secondo uanto riportato nel complesso e dettagliato allegato E Le dimensioni delle tubazioni incombustibili (metalliche) provate e la loro configurazione I risultati in termini di temperature e di integrità per ogni singolo attraversamento. I risultati dei protettivi per le tubazioni sono spesso espressi attraverso grafici che riportano, per tipo di tubo testato (PVC, PE, PP, ecc.) ed elemento di supporto (parete flessibile, rigida, soletta, ecc.), i diametri di tubazione che è possibile proteggere, in funzione del loro spessore, per un certo tempo di resistenza al fuoco (vedi fig. 1). Nel grafico di Figura 2, è possibile rilevare uale prodotto è necessario utilizzare per uella determina resistenza al fuoco, in funzione delle configurazione tappato/non tappato, del diametro del tubo, dello spessore di parete e del tipo di protettivo. Ad esempio, un tubo con diametro 100 mm, spessore 5 mm, potrà essere protetto EI 120 dal Collare A nella configurazione, mentre se lo spessore è di 10 mm, lo stesso Collare A sarà utilizzabile solo nella configurazione U/C. Nello stesso esempio (diametro 100 mm e spessore 10 mm), per avere la classificazione sarà necessario utilizzare il Collare B. Il Collare B potrà essere utilizzato fino a diametro 315 mm con spessore 155 mm oppure fino a diametro 250 mm con spessore 22 mm. Il campo di diretta applicazione della norma è uno dei più complessi e difficili da interpretare, essendo composto da oltre settanta articoli distribuiti in diversi allegati. I termini generali le possibili estensioni dei risultati sono le seguenti: I risultati si applicano unicamente all orientamento provato (orizzontale, verticale.) I risultati ottenuti su pareti rigide possono essere applicati a pareti rigide con densità o spessore superiore a uelli provati I risultati ottenuti su pareti flessibili sono applicabili a ualsiasi parete rigida purché di spessore non inferiore a uello testato o a uello minimo previsto dalla norma per ogni resistenza al fuoco. Inoltre i risultati ottenuti su parete leggera possono essere applicati anche a penetrazioni di pareti rigide (mattoni o calcestruzzo), purché di spessore almeno uguale a uello della parete leggera testata. I risultati non sono però applicabili a pannelli sandich o laddove gli strati esterni non coprono i montanti. I risultati sono validi per barriere passive con dimensioni uguali o inferiori a uelle testate purché la sezione degli impianti non superi il 60% dell area di penetrazione. Per i collari a protezione di tubazioni combustibili, non è possibile proteggere diametri minori di uello minimo testato o maggiori di uello massimo testato (mentre sono possibili interpolazioni). 6

7 Informazioni tecniche generali e normative di riferimento i Prove di resistenza al fuoco di installazioni tecniche: sigillatura di giunti lineari La norma descrive il metodo di prova per determinare la resistenza al fuoco dei giunti lineari, in funzione del loro utilizzo previsto nella pratica. La norma descrive il giunto lineare come: spazio vuoto fra due elementi affiancati avente un rapporto lunghezza/larghezza di almeno 10:1. I giunti lineari sono divisi in giunti senza movimento e giunti con movimento indotto (sia prima sia durante l incendio.) I campioni da sottoporre a prova consistono in giunti lineari di ualsiasi tipo, dimensione, all interno di diversi elementi costruttivi, secondo le richieste del committente. La protezione dei giunti deve essere eseguita in modo uniforme, per la massima larghezza richiesta dal committente. Per limitare l influenza di un giunto su uno adiacente nella stessa prova, devono essere mantenute distanze minime pari ad almeno 200 mm. Tutti i prodotti, ed i sistemi di montaggio dei protettivi di giunti devono essere rappresentativi della realtà e dell utilizzo pratico Il campo di diretta applicazione è definito dal DM 16 febbraio 2007 come: l ambito previsto dallo specifico metodo di prova e riportato nel rapporto di classificazione, delle limitazioni d uso e delle possibili modifiche apportabili al campione che ha superato la prova, tali da non richiedere ulteriori valutazioni, calcoli o approvazioni per l attribuzione del risultato conseguito. Campo di diretta applicazione Il risultato ottenuto su un giunto verticale in un elemento verticale è applicabile solo a giunti verticali in pareti. Il risultato ottenuto su un giunto orizzontale in un elemento verticale è applicabile a giunti orizzontali in pareti ed ai giunti fra parete e soletta/ pavimento Il risultato ottenuto su un giunto orizzontale in un elemento orizzontale è applicabile a giunti su soletta e a giunzioni fra pareti e solette I giunti possono essere provati su diversi tipi di elementi costruttivi standard: Elementi in calcestruzzo o mattoni (pareti/soffitti) - Blocchi in calcestruzzo alleggerito con densità (650 ± 200) kg/m³ - Calcestruzzo con densità 2400 ± 200 kg/m³ Elementi in legno - Legno da costruzione con densità 500 ± 50 kg/m³ con umidità del 12% Durante la prova devono essere registrate le temperature sulla faccia non esposta dell elemento di supporto, sul giunto e nei punti più critici della costruzione. Inoltre, dovranno essere monitorate le deformazioni della parete o del soffitto. L integrità del sistema è valutata con la prova del batuffolo di cotone prevista dalla norma (mentre non è consentito l uso dei calibri). Nel caso di giunti con movimento meccanico indotto, i due parametri fondamentali per definirli sono: direzione del movimento (laterale, taglio, torsione o una combinazione di uesti) estensione del movimento (scelta dal committente per ogni larghezza provata) Nel caso sia richiesta una valutazione di giunti di diversa larghezza, sarà necessario provare la minima e la massima larghezza, eventualmente protetta con lo stesso sistema. Quando la prova è eseguita su giunti con movimento meccanico (protetti), è necessario indurre un movimento pari al 20% del massimo previsto prima della prova e successivamente, durante l 80% del tempo stimato di resistenza al fuoco, un movimento pari al 100%. Dopo il sessantesimo minuto, non sono previsti ulteriori incrementi Il rapporto di prova contiene numerose informazioni interessanti fra le uali: Completa descrizione dei giunti, dei loro movimenti e dei sistemi di protezione (inclusi i dettagli di montaggio ed applicazione) L orientamento del test e l elemento di supporto testato I limiti dimensionali dei giunti che hanno superato il test (cioè che hanno garantito tenuta ed isolamento termico) Il rapporto di classificazione comprende i risultati finali delle prove in termini di classificazioni ed il campo di diretta applicazione. Il risultato ottenuto su blocchi di calcestruzzo alleggerito può essere applicato a murature in blocchi o mattoni di spessore e densità superiori a uelle provate. I risultati ottenuti su elementi in calcestruzzo con densità 2400 ± 200 kg/m³ sono applicabili su blocchi, mattoni o elementi in calcestruzzo con densità superiore a uella provata. I risultati ottenuti su elementi in legno si possono applicare ad elementi di legno di densità e spessore superiori a uelle provate Nel caso siano utilizzati supporti non standard, il risultato è valido solo per il supporto testato. Se la capacità di movimento di un giunto è inferiore a ±7,5%, il giunto sarà provato senza movimento indotto e sarà classificato per un movimento massimo pari al valore sopra indicato. Nel caso il movimento indotto sia superiore a ±7,5%, la classificazione sarà valida per il massimo movimento testato. Nel caso due giunti identici diano risultati diversi, la classificazione è valida per il risultato inferiore. La classificazione di un giunto protetto è valida per larghezze comprese fra la minima e la massima testata. Nel caso di prova su una sola larghezza, il risultato sarà limitato solo alla larghezza provata. 7

8 PROMASTOP U (Unicollar) Prodotto marcato CE per la resistenza al fuoco, Rapporto di Classificazione e soluzioni tecniche in accordo all Art. 4.4 del D.M. 16 febbraio 2007, direttamente utilizzabili nelle certificazioni di resistenza al fuoco (CERT REI) a firma del professionista antincendio. Reuisiti generali di base per la protezione di un attraversamento Le sigillature degli attraversamenti devono avere almeno la stessa resistenza al fuoco dell elemento attraversato. Nel caso di elementi di compartimentazione portanti, occorre tenere sempre in considerazione i carichi e le sollecitazioni in gioco. Nel caso di impianti in sospensione, al fine di garantire una corretta stabilità degli stessi in caso d incendio, è raccomandabile utilizzare un sistema di sostegno in acciaio, fissato in maniera adeguata, ad una distanza non superiore a 250 mm dalla parete o dal solaio attraversato. Informazioni generali È possibile applicare i collari PROMASTOP U sia superficialmente che internamente, nel caso in cui uesto sia previsto dal rapporto di classificazione; Generalmente i collari PROMASTOP U sono installati a parete su entrambi i lati dell attraversamento, indipendentemente dal lato di esposizione al fuoco, sia nel caso di applicazione in superficie, sia nel caso di eventuale applicazione interna. Per verificare se è sufficiente un solo collare, consultare l Ufficio Tecnico Promat. Nel caso di applicazioni a solaio utilizzare un solo collare; PROMASTOP U è utilizzabile per tubazioni delle più comuni tipologie di plastica come PVC, PP, PE, ecc: per maggiori dettagli fare riferimento alle schede di Classificazione; Il collare antincendio PROMASTOP U grazie alle sue classificazioni, è utilizzabile per ogni destinazione finale del tubo, secondo uanto previsto dalla norma. Inoltre è utilizzabile per tubazioni che trasportano gas e liuidi non infiammabili, cavi di linea e di comando/controllo; Nel caso di installazioni adiacenti, non è necessario mantenere una distanza minima tra i collari, eccetto per le installazioni interne al manufatto dove occorre mantenere una distanza minima di 100 mm; La striscia PROMASTOP U può essere tagliata ed ottimizzata per creare tanti più collari possibili, tenendo sempre presente che occorre utilizzare un collare per ogni elemento da proteggere. Legenda tecnica Tubazione in PVC, PP, PE o cavi elettrici PROMASTOP U e Tasselli e viti metalliche di fissaggio r Barre filettate passanti la parete (solo per pareti leggere, se previste dal rapporto di classificazione) e 8

9 PROMASTOP U (Unicollar) Fissaggio I tasselli inclusi nella confezione sono idonei per applicazioni su pareti e solai solidi come cemento, mattoni pieni, pietra e calcestruzzo leggero. Le viti incluse nella confezione sono idonee per applicazioni su pareti leggere. Le stesse, non dovranno essere eccessivamente serrate. Per applicazione su manufatti composti da cemento, mattoni pieni, pietra e calcestruzzo leggero possono essere utilizzate anche viti autoperforanti (in uasto caso contattare l Ufficio Tecnico Promat). Nel caso di applicazione su pareti in cartongesso, dovrà essere previsto l utilizzo di barre filettate di dimensione minima M6, le uali dovranno essere passanti l intero spessore del divisorio; i collari, in uesto caso, saranno fissati mediante l uso di dadi e rondelle applicati su ogni estremità delle barre filettate. Linee guida per l installazione a parete r e Montaggio del collare sulla superficie esterna della parete: Riempire gli eventuali laschi (massimo 15 mm) presenti tra il collare e la muratura con lana minerale (punto di fusione >1000 C), intonaco, malta antincendio, cemento o sigillante; Definire il diametro della tubazione e la relativa lunghezza del collare sulla base della tabella seguente (pag.10); Tagliare la striscia nella corretta misura di segmenti; Posizionare il collare PROMASTOP U attorno alla tubazione; Fissaggio dell apposito sistema di aggancio (staffe incluse nella confezione); Fissare il collare PROMASTOP U alla parete con la rimanente accessoristica presente nella confezione; Installazioni adiacenti: Non è necessario mantenere una distanza minima tra i collari, eccetto per le installazioni interne al manufatto, dove occorre mantenere una distanza minima di 100 mm Montaggio del collare sulla superficie interna della parete: Promat ha inoltre testato sperimentalmente il collare PROMASTOP U installato internamente sia a pareti solide che flessibili. Per uesta particolare tipologia di montaggio contattare l Ufficio Tecnico. Linee guida per l installazione a solaio e Montaggio del collare sulla superficie esterna del solaio: Riempire gli eventuali laschi (massimo 15 mm) presenti tra il collare ed il manufatto con lana minerale (punto di fusione >1000 C), intonaco, malta antincendio, cemento o sigillante; Definire il diametro della tubazione e la relativa lunghezza del collare sulla base della tabella seguente (pag.10); Tagliare la striscia nella corretta misura di segmenti; Posizionare il collare PROMASTOP U attorno alla tubazione; Se necessario utilizzare temporaneamente un sistema di supporto; Fissaggio dell apposito sistema di aggancio (staffe incluse nella confezione); Fissare il collare PROMASTOP U al solaio con la rimanente accessoristica presente nella confezione; Applicare l etichetta di identificazione se richiesto. Resistenza al fuoco e Configurazioni: Per differenti configurazioni e resistenze al fuoco occorre fare sempre riferimento ai Rapporti e Schede di Classificazione. Installazioni adiacenti: Non è necessario mantenere una distanza minima tra i collari eccetto per le installazioni interne al manufatto dove occorre mantenere una distanza minima di 100 mm 9

10 PROMASTOP U (Unicollar) Tabella indicativa ai fini del taglio della striscia di PROMASTOP U di lunghezza 2250 mm (150 segmenti ca.): Diametro esterno della tubazione (mm) Segmenti necessari Numero di collari realizzabili con una confezione Numero di fissaggi necessari * * * * * * per applicazioni a doppio collare (entrambi dallo stesso lato dell elemento divisorio) contattare l ufficio tecnico Promat. i Maggiori dettagli sono rilevabili dalla scheda tecnica. Descrizioni per capitolati PROMASTOP U è un sistema a collare antincendio utilizzabile su tubazioni combustibili, allo scopo di prevenire il passaggio del fumo caldo e delle fiamme in prossimità dell attraversamento in caso di incendio, costituito da nastro continuo flessibile in acciaio zincato a segmenti pretagliati, realizzato con sistema intumescente a base di grafite che, grazie alle sua flessibilità può essere installato su tubazioni di diametro variabile. Il nastro deve essere avvolto intorno al tubo ed agganciato con l apposito angolare metallico a scatto. Il sistema deve essere applicato mediante l impiego di tasselli metallici ad espansione in numero subordinato al diametro del tubo da proteggere. PROMASTOP U è stato testato su pareti e solai, su entrambi i lati di esposizione, sia esternamente che internamente ai manufatti. PROMASTOP U è utilizzabile per conferire protezione al passaggio del fumo caldo e delle fiamme su tubazioni composte dalle più comuni plastiche come PVC, PP, PE, ecc... Marcatura CE Esempio di marcatura CE e relative informazioni PROMASTOP U dispone di marcatura CE ETA 13/0378. Rapporto di Classificazione e soluzioni tecniche in accordo all Art. 4.4 del D.M. 16 febbraio 2007, direttamente utilizzabili nelle certificazioni di resistenza al fuoco (CERT REI) a firma del professionista antincendio. Verificare sempre le prestazioni del sistema a collare PROMASTOP U (Unicollar) sintetizzate nelle Schede di Classificazione*. * Le classificazioni al fuoco dei prodotti Promat sono soggette a continui miglioramenti, verificare sempre la versione pdf del presente documento scaricabile dal sito Promat. Simbolo CE Numero di identificazione dell ente certificatore notificato Nome ed indirizzo del produttore (o legale rappresentante) per l immissione nel mercato Ultime due cifre dell anno di emissione delle marcatura CE Numero della dichiarazione di conformità EC Numero dell ETA Numero dell ETAG Indicazione sul prodotto Nome del prodotto Categoria d uso Classe di reazione al fuoco 10

11 PROMASTOP FC (RS10) Reuisiti di base per la chiusura dell attraversamento Le sigillature degli attraversamenti devono avere almeno la stessa resistenza al fuoco dell elemento attraversato. Nel caso di elementi di compartimentazione portanti, occorre tenere sempre in considerazione i carichi e le sollecitazioni in gioco. Nel caso di impianti in sospensione, al fine di garantire una corretta stabilità degli stessi in caso d incendio, è raccomandabile utilizzare un sistema di sostegno in acciaio, fissato in maniera adeguata, ad una distanza non superiore a 250 mm dalla parete o dal solaio attraversato. Informazioni generali È possibile applicare i collari PROMASTOP FC sia superficialmente che internamente nel caso in cui uesto sia previsto dal rapporto di classificazione; Generalmente i collari PROMASTOP FC sono installati a parete su entrambi i lati dell attraversamento, indipendentemente dal lato di esposizione al fuoco, sia nel caso di applicazione in superficie, sia nel caso di eventuale applicazione interna. Per verificare se è sufficiente un solo collare, consultare l Ufficio Tecnico Promat. Nel caso di applicazioni a solaio utilizzare un solo collare; PROMASTOP FC è utilizzabile per tubazioni delle più comuni tipologie di plastica come PVC, PP, PE, ecc...: per maggiori dettagli fare riferimento alle tabelle nelle pagine seguenti; PROMASTOP FC può essere fissato a superfici solide (cemento, blocchi ecc ) aventi una resistenza al fuoco minima uguale a uella del collari; PROMASTOP FC è utilizzabile per tubazioni di diametro da 30 a 315 mm; Il collare antincendio PROMASTOP FC grazie alle sue classificazioni, è utilizzabile per ogni destinazione finale del tubo, secondo uanto previsto dalla norma. Inoltre è utilizzabile per tubazioni che trasportano gas e liuidi non infiammabili, cavi di linea e di comando/controllo; PROMASTOP FC e anche utilizzabile per tubazioni non lineari, purché l angolo di inclinazione o la curvatura permetta l installazione del collare stesso Non è necessario mantenere una distanza minima tra i collari, eccetto per le installazioni interne, dove occorre mantenere una distanza minima di 100 mm (soft penetration); Può essere incluso un isolante acustico dello spessore massimo di 4 mm. Legenda tecnica Tubazione in PVC, PP e PE PROMASTOP FC e Tasselli e viti metalliche di fissaggio r Barre filettate passanti la parete (solo per pareti leggere uando previsto dal rapporto di classificazione) e 11

12 PROMASTOP FC (RS10) Fissaggio Le viti incluse nella confezione sono idonee per applicazioni su pareti e solai solidi come cemento, mattoni pieni, pietra e calcestruzzo leggero. All interno della confezione sono incluse le rondelle che dovranno essere fissate tra l asola del collare e la testa delle viti. Le viti non dovranno essere eccessivamente serrate. Nel caso di applicazione su pareti in cartongesso, dovrà essere previsto l utilizzo di barre filettate di dimensione minima M6 le uali dovranno essere passanti l intero spessore del divisorio; i collari in uesto caso saranno fissati mediante l uso di dadi e rondelle applicati su ogni estremità delle barre filettate. Linee guida per l installazione a parete r e Montaggio del collare sulla superficie esterna della parete: (Se necessario applicare un isolante acustico con nastro di giunzione); Riempire gli eventuali laschi (massimo 15 mm) presenti tra il collare e la muratura con lana minerale (punto di fusione >1000 C), intonaco, malta antincendio, cemento o sigillante; Posizionare il collare PROMASTOP FC attorno alla tubazione; Fissaggio a scatto piegando la flangia di raccordo di 180 ; Fissare il collare PROMASTOP FC alla parete con l accessoristica presente nella confezione (viti, rondelle ed eventuali barre filettate/dadi) Applicare l etichetta di identificazione se richiesto. Montaggio del collare interno alla parete Posizionare il collare PROMASTOP FC attorno alla tubazione mantenendo le flange di fissaggio verso l esterno; Fissaggio a scatto piegando la flangia di raccordo di 180 ; Far scorrere il collare all interno del muro fino a uando esso sarà allineato al filo esterno della parete. Riempire i laschi presenti con malta antincendio (l uso di lana minerale o sigillature non sono ammessi) Applicare l etichetta di identificazione se richiesto. Linee guida per l installazione a solaio e Montaggio del collare sulla superficie esterna del solaio: Se necessario applicare un isolante acustico e del nastro di giunzione; Riempire gli eventuali laschi (massimo 15 mm) presenti tra il collare ed il manufatto con lana minerale (punto di fusione >1000 C), intonaco, malta antincendio, cemento o sigillante; Posizionare il collare PROMASTOP FC attorno alla tubazione; Fissaggio a scatto piegando la flangia di raccordo di 180 ; Fissare il collare PROMASTOP FC al solaio con l accessoristica presente nella confezione (viti, rondelle ed eventuali barre filettate/dadi) Applicare l etichetta di identificazione se richiesto. Sezione verticale Montaggio del collare interno al solaio Raddrizzare il collare; Posizionare il collare PROMASTOP FC attorno alla tubazione mantenendo le flange di fissaggio verso l esterno; Fissaggio a scatto piegando la flangia di raccordo di 180 ; Far scorrere il collare all interno del solaio fino a uando esso sarà allineato al filo esterno; Applicare il sistema di fissaggio provvisorio e riempire i laschi presenti con malta antincendio (l uso di lana minerale o sigillature non sono ammessi); Applicare l etichetta di identificazione se richiesto. 12

13 PROMASTOP FC (RS10) DIMSIONI DEI COLLARI PROMASTOP FC (mm) PROMASTOP FC (diametro in mm) Diametro esterno della tubazione Diametro interno del collare Diametro esterno del collare Dimensione del foro FC FC FC FC FC FC FC FC FC FC FC FC i Maggiori dettagli sono rilevabili dalla scheda tecnica. Resistenza al fuoco e Configurazioni: Per differenti configurazioni e resistenze al fuoco occorre fare sempre riferimento ai Rapporti e Schede di Classificazione. Descrizioni per capitolati Sistema a collare testato sperimentalmente al fuoco fino a 180 minuti denominato PROMASTOP FC, utilizzabile su tubazioni composte dalle più comuni plastiche come PVC, PP, PE, ecc... utilizzabile anche su tubazioni in pressione. Il sistema è costituito da: struttura metallica ad anello flessibile in acciaio inox verniciato a polvere, dotato al suo interno di materiale termoespandente ed isolante denominato PROMASEAL L, resistente all umidità. Il sistema offre la possibilità di essere applicato sia esternamente, che internamente al manufatto. La marcatura CE del prodotto PROMASTOP FC è in fase di emissione Verificare sempre le prestazioni del sistema a collare PROMASTOP FC (RS10) sintetizzate nelle Schede di Classificazione*. * Le classificazioni al fuoco dei prodotti Promat sono soggette a continui miglioramenti, verificare sempre la versione pdf del presente documento scaricabile dal sito Promat. 13

14 PROMASTOP E Prodotto marcato CE per la resistenza al fuoco, Rapporto di Classificazione e soluzioni tecniche in accordo all Art. 4.4 del D.M. 16 febbraio 2007, direttamente utilizzabili nelle certificazioni di resistenza al fuoco (CERT REI) a firma del professionista antincendio. Reuisiti di base per la chiusura dell attraversamento Le sigillature degli attraversamenti devono avere almeno la stessa resistenza al fuoco dell elemento attraversato. Nel caso di elementi di compartimentazione portanti, occorre tenere sempre in considerazione i carichi e le sollecitazioni in gioco. Nel caso di impianti in sospensione, al fine di garantire una corretta stabilità degli stessi in caso d incendio, è raccomandabile utilizzare un sistema di sostegno in acciaio, fissato in maniera adeguata, ad una distanza non superiore a 250 mm dalla parete o dal solaio attraversato. Informazioni generali Mescolare bene PROMASTOP E (si consiglia un miscelatore meccanico); PROMASTOP E può essere diluito (fino ad un massimo di 0,5 litri di acua pulita per ciascun contenitore da 12,5 kg); PROMASTOP E può essere applicato a pennello, rullo, spatola o dispositivo airless; Una volta aperti i contenitori dovrebbero essere completamente utilizzati il più presto possibile - richiudere correttamente dopo l uso; Tempo di essiccazione: ca. 8 ore a 20 C e ad umidità relativa del 65% per 1 mm di spessore; Lavare gli attrezzi con acua dopo l uso; Il film di spessore 1 mm a secco è euivalente ad il film di spessore 1,28 mm umido (circa 1800 g/m 2 ); La sovraverniciatura è possibile, l adesione e la compatibilità dovranno però essere verificate. Condizioni di applicazione La temperatura della superficie e dell ambiente dovrà essere compresa tra +5 C e + 40 C In condizioni di umidità relativa superiore al 65% è necessario prevedere tempi di asciugatura più lunghi; Le superfici di applicazione devono essere esenti da olii, grassi e polvere; Nel caso di applicazione su superfici assorbenti, utilizzare un primer di adesione o inumidire la parte con acua. Legenda tecnica Rivestimento endotermico PROMASTOP E Canaletta portacavi elettrici o altro tipo di impianti e Sostegno inferiore al sistema r Tubazioni t Solaio t r Resistenza al fuoco e Configurazioni: e Per differenti configurazioni e resistenze al fuoco occorre fare sempre riferimento ai Rapporti e Schede di Classificazione. 14

15 PROMASTOP E Linee guida per l installazione a parete Pulire il varco di attraversamento; È consigliato delimitare l area di lavoro sulla parete attraversata con nastro adesivo; Tagliare i pannelli in lana minerale esattamente alle dimensioni del varco (punto di fusione della lana minerale: 1000 C); Rivestire gli impianti passanti ed i bordi dei pannelli in lana minerale con PROMASTOP E; Inserire i pannelli in lana minerale; Riempire le giunzioni presenti con PROMASTOP E; Applicare il corretto spessore finale di PROMASTOP E al di sopra dei pannelli in lana minerale ed al di sopra degli impianti; Rimuovere il nastro adesivo; Se necessario eseguire la stessa operazione sul lato opposto; Applicare l etichetta di identificazione se richiesto. Linee guida per l installazione a solaio Rendere pulito il varco di attraversamento (è consigliato delimitare l area di lavoro sulla parete attraversata con nastro adesivo); Se necessario, applicare (al di sotto dei pannelli in lana minerale) una griglia di metallo adeguata per l eventuale camminamento; Tagliare i pannelli in lana minerale esattamente alle dimensioni del varco (punto di fusione della lana minerale: 1000 C); Rivestire gli impianti passanti ed i bordi dei pannelli in lana minerale con PROMASTOP E; Inserire i pannelli in lana minerale fissandoli alla griglia di metallo (spessore del filo di acciaio 1,5 mm) e riempire le giunzioni presenti con PROMASTOP E; Applicare il corretto spessore finale di PROMASTOP E al di sopra dei pannelli in lana minerale ed al di sopra degli impianti; Rimuovere il nastro adesivo ed applicare l etichetta di identificazione se richiesto. Attraversamenti multipli; installazione a parete ed a pavimento Nel caso in cui diverse tipologie di impianti come cavi, canaline portacavi cavi elettrici, tubi metallici o in plastica, sistemi di ventilazione ecc, attraversino un unico varco, occorre prevedere misure supplementari facenti riferimento a soluzioni testate e classificate. Descrizioni per capitolati PROMASTOP E, è un rivestimento endotermico a base acuosa applicabile su tubazioni e/o cavi elettrici, utilizzabile su parete o soletta, con resistenza al fuoco EI180. Il sistema è costituito da: diaframma di doppio materassino in lana di roccia con densità 120 kg/m 3 e spessore 50 mm cad. protetto da rivestimento endotermico base acuosa. Nel caso di applicazione a solaio, il pannello inferiore in lana di roccia e sostenuto da una rete elettro saldata con spessore del filo di acciaio maggiore di 1,5 mm, applicata al solaio con piastre e tasselli metallici ad espansione. Le tubazione o impianti attraversanti dovranno essere protetti anch essi da rivestimento endotermico PROMASTOP E. PROMASTOP E può essere impiegato anche in abbinamento ai collari antincendio PROMASTOP FC sulla base dei Rapporti di Classificazione di riferimento. Marcatura CE Esempio di marcatura CE e relative informazioni PROMASTOP E dispone di marcatura CE ETA 13/0381. Rapporto di Classificazione e soluzioni tecniche in accordo all Art. 4.4 del D.M. 16 febbraio 2007, direttamente utilizzabili nelle certificazioni di resistenza al fuoco (CERT REI) a firma del professionista antincendio. Verificare sempre le prestazioni del sistema PROMASTOP E sintetizzate nelle Schede di Classificazione*. * Le classificazioni al fuoco dei prodotti Promat sono soggette a continui miglioramenti, verificare sempre la versione pdf del presente documento scaricabile dal sito Promat. Simbolo CE Numero di identificazione dell ente certificatore notificato Nome ed indirizzo del produttore (o legale rappresentante) per l immissione nel mercato Ultime due cifre dell anno di emissione delle marcatura CE Numero della dichiarazione di conformità EC Numero dell ETA Numero dell ETAG Indicazione sul prodotto Nome del prodotto Categoria d uso Classe di reazione al fuoco 15

16 PROMASTOP I Reuisiti di base per la chiusura dell attraversamento Le sigillature degli attraversamenti devono avere almeno la stessa resistenza al fuoco dell elemento attraversato. Nel caso di elementi di compartimentazione portanti, occorre tenere sempre in considerazione i carichi e le sollecitazioni in gioco. Nel caso di impianti in sospensione, al fine di garantire una corretta stabilità degli stessi in caso d incendio, è raccomandabile utilizzare un sistema di sostegno in acciaio, fissato in maniera adeguata, ad una distanza non superiore a 250 mm dalla parete o dal solaio attraversato. Informazioni generali Mescolare bene PROMASTOP I (si consiglia un miscelatore meccanico); PROMASTOP I può essere diluito (fino ad un massimo di 0,5 litri di acua pulita per ciascun contenitore da 12,5 kg); PROMASTOP I Liuid può essere applicato a pennello, rullo, spatola o ispositivo airless; PROMASTOP I Paste può essere applicato a pennello o a spatola; Una volta aperti i contenitori dovrebbero essere completamente utilizzati il più presto possibile - richiudere correttamente dopo l uso; Tempo di essiccazione: ca. 8 ore a 20 C ed a umidità relativa del 65% per 1 mm; Lavare gli attrezzi con acua dopo l uso; Il film di spessore 1 mm a secco è euivalente ad il film di spessore 1,38 mm umido di PROMASTOP I Liuid ed ad un film di spessore 1,28 mm umido di PROMASTOP I Paste (circa 1850 g/m2 per PROMASTOP I Liuid e circa 1800 g/m2 per PROMASTOP I Paste); La sovraverniciatura è possibile, l adesione e la compatibilità deve essere verificata. Condizioni di applicazione Temperatura della superficie e dell ambiente minima +5 C - massima 40 C In condizioni di umidità relativa superiore al 65% prevedere tempi di asciugatura più lunghi; Le superfici di applicazione devono essere esenti da olii, grassi e polvere; Nel caso di superfici assorbenti utilizzare primer di adesione o inumidire con acua. Legenda tecnica Rivestimento intumescente PROMASTOP I Canaletta portacavi elettrici o altro tipo di impianti e Sostegno inferiore al sistema (solo per applicazioni a solaio) r Tubazioni t Solaio e t r 16

17 PROMASTOP I Linee guida per l installazione a parete Pulire il varco di attraversamento; Delimitare l area di lavoro sulla parete attraversata con nastro adesivo; Tagliare i pannelli in lana minerale esattamente alle dimensioni del varco (punto di fusione della lana minerale: 1000 C); Rivestire gli impianti passanti ed i bordi dei pannelli in lana minerale con PROMASTOP I; Inserire i pannelli in lana minerale; Riempire le giunzioni presenti con PROMASTOP I Paste; Applicare il corretto spessore finale di PROMASTOP I al di sopra dei pannelli in lana minerale ed al di sopra degli impianti; Rimuovere il nastro adesivo; Se necessario eseguire la stessa operazione sul lato opposto; Applicare l etichetta di identificazione se richiesto. Linee guida per l installazione a solaio Pulire il varco di attraversamento e, se utile, delimitare l area di lavoro sulla parete attraversata con nastro adesivo; Se necessario, applicare (al di sotto dei pannelli in lana minerale) una griglia di metallo adeguata all eventuale camminamento; Tagliare i pannelli in lana minerale esattamente alle dimensioni del varco; Rivestire gli impianti passanti ed i bordi dei pannelli in lana minerale con PROMASTOP I; Inserire i pannelli in lana minerale fissandoli griglia di metallo (spessore del filo di acciaio 1,5 mm) e riempire le giunzioni presenti con PROMASTOP I Paste; Applicare il corretto spessore finale di PROMASTOP I al di sopra dei pannelli in lana minerale ed al di sopra degli impianti; Rimuovere il nastro adesivo ed applicare l etichetta di identificazione se richiesto. Attraversamenti multipli; installazione a parete ed a pavimento Nel caso in cui diverse tipologie di impianti come cavi, canaline portacavi cavi elettrici, tubi metallici o in plastica, sistemi di ventilazione ecc, attraversino un unico varco, occorre prevedere misure supplementari facenti riferimento a soluzioni testate e classificate. Resistenza al fuoco e Configurazioni: Per differenti configurazioni e resistenze al fuoco occorre fare sempre riferimento ai Rapporti e Schede di Classificazione. Descrizioni per capitolati PROMASTOP I, è un rivestimento intumescente a base acuosa applicabile su tubazioni e o cavi elettrici, utilizzabile su parete o soletta, con resistenza al fuoco EI180. Il sistema è costituito da: diaframma di doppio materassino in lana di roccia con densità 120 kg/m 3 e spessore 50 mm cad. protetto da rivestimento intumescente base acuosa. Nel caso di applicazione a solaio, il pannello inferiore in lana di roccia e sostenuto da una rete elettro saldata con spessore del filo di acciaio maggiore di 1,5 mm, applicata al solaio con piastre e tasselli metallici ad espansione. Le tubazione o impianti attraversanti dovranno essere protetti anch essi da rivestimento intumescente PROMASTOP I. PROMASTOP I può essere impiegato anche in abbinamento ad i collari antincendio PROMASTOP FC sulla base dei Rapporti di Classificazione di riferimento. La marcatura CE del prodotto PROMASTOP I è in fase di emissione Verificare sempre le prestazioni di PROMASTOP I sintetizzate nelle Schede di Classificazione*. * Le classificazioni al fuoco dei prodotti Promat sono soggette a continui miglioramenti, verificare sempre la versione pdf del presente documento scaricabile dal sito Promat. 17

18 PROMASTOP B Reuisiti di base per la chiusura dell attraversamento Le sigillature degli attraversamenti devono avere almeno la stessa resistenza al fuoco dell elemento attraversato. Nel caso di elementi di compartimentazione portanti, occorre tenere sempre in considerazione i carichi e le sollecitazioni in gioco. Nel caso di impianti in sospensione, al fine di garantire una corretta stabilità degli stessi in caso d incendio, è raccomandabile utilizzare un sistema di sostegno in acciaio, fissato in maniera adeguata, ad una distanza non superiore a 250 mm dalla parete o dal solaio attraversato. Informazioni generali Il mattone intumescente PROMASTOP B mantiene la sua elasticità nel tempo, mentre sotto l effetto del fuoco, se correttamente installato, è in grado di chiudere ogni varco di attraversamento; PROMASTOP B è un sistema adatto all attraversamento di tubazioni e cavi elettrici; Dimensione massima del varco a parete e solaio: 1200 x 1200 mm; PROMASTOP B è un sistema resistente anche ai fumi freddi; Semplicità di applicazione e precisione nell adattamento in uanto PROMASTOP B può essere facilmente tagliato. Possibilità di sovraverniciatura, l adesione e la compatibilità dovranno essere però verificate. Dati per il consumo: numero necessario di mattoni PROMASTOP B in accordo ai Rapporti di Classificazione Volume in % di impianti passanti (cavi elettrici) m 2 - varco 0% 10% 30% 60%

19 PROMASTOP B Linee guida per l ìnstallazione a parete Applicare i mattoni intumescenti PROMASTOP B in maniera sfalsata, seguendo la posa simile a uella dei mattoni in edilizia. I mattoni potranno essere tagliati e gli interstizi potranno essere chiusi comprimendo gli sfridi ed inserendoli negli spazi vuoti. Applicare l etichetta di identificazione se richiesto. i Dimensione massima del varco a parete e solaio: 1200 x 1200 mm Resistenza al fuoco e Configurazioni: Per differenti configurazioni e resistenze al fuoco occorre fare sempre riferimento ai Rapporti e Schede di Classificazione. Linee guida per l ìnstallazione a solaio Pulire il varco di attraversamento; Nel caso sia necessaria una resistenza al camminamento, applicare (al di sotto dei mattoni intumescenti PROMASTOP B) una griglia di metallo di spessore adeguato; Inserire i mattoni intumescenti PROMASTOP B fissandoli alla griglia metallica; Applicare i mattoni intumescenti PROMASTOP B in maniera sfalsata seguendo la posa simile a uella dei mattoni in edilizia. I mattoni potranno essere tagliati e gli interstizi potranno essere chiusi comprimendo gli sfridi ed inserendoli negli spazi vuoti. Applicare l etichetta di identificazione se richiesto. Sezione verticale i Dimensione massima del varco a parete e solaio: 1200 x 1200 mm Descrizioni per capitolati Sistema a mattoni intumescenti denominati PROMASTOP B applicabile per la chiusura di varchi attraversati da impianti di vario genere, a parete e solaio, con resistenza al fuoco fino ad EI180. I mattoni intumescenti PROMASTOP B reagiscono al fuoco tramite un espansione del proprio volume associato ad uno sviluppo di pressione. PROMASTOP B è resistente all invecchiamento ed all umidità. Il sistema antincendio a mattoni intumescenti PROMASTOP B, è costituito da un materiale permanentemente elastico, utilizzabile contro la propagazione dei fumi, dei gas caldi e delle fiamme, ed è impiegabile su cavi (singoli o fasci di cavi), tubazioni combustibili e non combustibili. PROMASTOP B è adattabile a varchi sia a solaio che a pavimento di dimensione massima 1200x1200 mm. L applicazione dovrà avvenire con un orientamento sfalsato, simile al modello utilizzato tradizionalmente per la posa dei mattoni. Eventuali spazi vuoti, dovranno essere riempiti con strisce, ricavate dagli stessi mattoni intumescenti, tali da essere inserite a compressione nel lasco stesso. Nel caso di applicazione a solaio, i cuscini antincendio dovranno essere sostenuti da una rete elettrosaldata con spessore del filo di acciaio maggiore di 1,5 mm e maglia di dimensione consigliata maggiore di 100 x 100 mm, applicata al solaio con piastre e tasselli metallici ad espansione. i Maggiori dettagli sono riportati nella scheda tecnica. 19

20 PROMASTOP S - PROMASTOP L Reuisiti di base per la chiusura dell attraversamento Le sigillature degli attraversamenti devono avere almeno la stessa resistenza al fuoco dell elemento attraversato. Nel caso di elementi di compartimentazione portanti, occorre tenere sempre in considerazione i carichi e le sollecitazioni in gioco. Nel caso di impianti in sospensione, al fine di garantire una corretta stabilità degli stessi in caso d incendio, è raccomandabile utilizzare un sistema di sostegno in acciaio, fissato in maniera adeguata, ad una distanza non superiore a 250 mm dalla parete o dal solaio attraversato. Informazioni generali Utilizzabile su canaline portacavi elettrici. Linee guida per l ìnstallazione a parete e solaio Pulire il varco di attraversamento; Per le sole installazioni a solaio, applicare (al di sotto dei cuscini antincendio) una griglia di metallo di spessore adeguato; Il primo strato di cuscini dovrà essere installato al di sotto dei cavi o delle tubazioni. Chiudere perfettamente l attraversamento posizionando i cuscini antincendio PROMASTOP S e PROMASTOP L a pressione in modo tale da eliminare completamente possibili infiltrazioni di luce tra gli impianti o tra i cuscini antincendio. Applicare l etichetta di identificazione. Condizioni di applicazione L applicazione dei cuscini antincendio PROMASTOP S e PROMASTOP L dovrà rispettare un orientamento sfalsato, simile a uello utilizzato in edilizia per la posa dei mattoni. Legenda tecnica Cuscini antincendio PROMASTOP S - PROMASTOP L Canalina portacavi elettrici e Sostegno inferiore ai cuscini (solo per applicazioni a soffitto e pavimento) r Tubazioni t Solaio t r 20 e

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch

Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch Non brucia. Lana di roccia la naturale protezione antincendio. www.flumroc.ch Ogni giorno si registrano più di 50 allarmi incendio Pagina 4 Ecco cosa blocca la propagazione di un incendio Pagina 7 Combustibile

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

Tecnologia della fermentazione

Tecnologia della fermentazione Effettivo riscaldamento del fermentatore BIOFLEX - BRUGG: tubo flessibile inox per fermentazione dalla famiglia NIROFLEX. Il sistema a pacchetto per aumentare l efficienza dei fermentatori BIOFLEX- tubazione

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché?

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Klaus Pfitscher Relazione 09/11/2013 Marchio CE UNI EN 14351-1 Per finestre e porte pedonali Marchio CE UNI EN 14351-1

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

Guida alla protezione passiva dal fuoco. Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain

Guida alla protezione passiva dal fuoco. Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain Guida alla protezione passiva dal fuoco Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain ED. FEBBRAIO 2012 Guida alla protezione passiva dal fuoco Le soluzioni Gyproc Saint-Gobain Nell ambito edile, la protezione dal

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA IT Sistema a soffitto Il rivoluzionario sistema a soffitto Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA Il rivoluzionario sistema a soffitto Resa certificata Adduzione inserita nella

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

Modell 8108.1 H D. Modell 8108.1. Modell 8108.1. Modell 8108.1

Modell 8108.1 H D. Modell 8108.1. Modell 8108.1. Modell 8108.1 ie gelieferten bbildungen sind teilweise in arbe. Nur die Vorschaubilder sind in raustufen. ei ruckdatenerstellung bitte beachten, dass man die ilder ggf. in raustufen umwandelt. 햽 햾 Vielen ank 12.0/2010

Dettagli

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm CT LISCIATURE C40-F10 A2 fl CONFORME ALLA NORMA EUROPEA Nivorapid EN 13813 Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20

Dettagli

PROTEZIONE AL FUOCO. Le tecnologie più avanzate per un futuro più sicuro

PROTEZIONE AL FUOCO. Le tecnologie più avanzate per un futuro più sicuro PROTEZIONE AL FUOCO Le tecnologie più avanzate per un futuro più sicuro Evolvere insieme Sviluppare con e per il cliente tecnologie innovative ed ecosostenibili che permettano ad entrambi di raggiungere

Dettagli

EDIL-SERV via Ciantro Marrocco n 13; C.A.P.: 93100 Caltanissetta; Fax: 36.338.8233126; Cell. 338.8233126 388.1832953 Web:

EDIL-SERV via Ciantro Marrocco n 13; C.A.P.: 93100 Caltanissetta; Fax: 36.338.8233126; Cell. 338.8233126 388.1832953 Web: Via C. Marrocco, 13 93100 Caltanissetta (CL) Tel.: 338.8233126 388.1832953 Fax: 36.338.8233126 E-mail:edil-serv@alice.it Web: www.webalice.it/edil-serv Alla cortese attenzione del Titolare di codesta Spett.le

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2 MIT-SE Plus 300 e 400 Ancorante Chimico Strutturale Vinilestere/Epossiacrilato certificato ETA/CE DESCRIZIONE Mungo MIT-SE Plus è un ancorante chimico strutturale ad alte prestazioni e rapido indurimento,

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Parma 16 novembre 2012 S.D.A.C. Arch. Fabrizio Finuoli L evoluzione della Prevenzione Incendi 2 Panorama normativo della Prevenzione incendi

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

W 11 Pareti Knauf ad orditura metallica

W 11 Pareti Knauf ad orditura metallica W 11 Pareti 01/2009 W 11 Pareti Knauf ad orditura metallica W 111 - Parete Knauf a singola orditura metallica e singolo rivestimento W 112 - Parete Knauf a singola orditura metallica e doppio rivestimento

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Il Ripristino DELLE Strutture Interrate NIDI DI GHIAIA E DISTANZIATORI PLASTICI RIPRESE DI GETTO Strutture Interrate RIPRESE

Dettagli

Protezione antincendio nell edilizia in legno

Protezione antincendio nell edilizia in legno Protezione antincendio nell edilizia in legno Manuale per la progettazione Nozioni di base Soluzioni pratiche Catalogo degli elementi costruttivi La forza naturale della roccia Sommario Progettare una

Dettagli

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Misura di portata Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Scheda tecnica WIKA FL 10.05 FloTec Applicazioni Produzione di petrolio e raffinazione Trattamento

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Solai osservazioni generali

Solai osservazioni generali SOLAI Struttura orizzontale posta ad ogni piano di un edificio. Ha lo scopo di sostenere il proprio peso, dei pavimenti, delle pareti divisorie e dei carichi di esercizio. Per orizzontamento si intende

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti

MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS. Membrane impermeabilizzanti MEMBRANA IMPERMEABILIZZANTE ELASTOMERICA ARMATA AD ALTA CONCENTRAZIONE DI BITUME DISTILLATO E POLIMERI SBS Membrane impermeabilizzanti L L ERFLEX HELASTO M INERAL LIGHTERFLEX HELASTO LIGHTERFLEX HPCP SUPER

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Scheda tecnica StoColor Puran Satin

Scheda tecnica StoColor Puran Satin Pittura bicomponente poliuretanica ad elevata resistenza, classe 1 resistenza all abrasione umida, classe 2 di potere coprente secondo EN 13300 Caratteristiche Applicazione Caratteristiche interni per

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6 Sistema FS Uno Istruzione di montaggio CONTENUTO Pagina 1 Generalità 2 2 Palificazione 3 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4 4 Elenco dei componenti 6 5 Rappresentazione esplosa del sistema

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE 1 CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI ELEMENTI COSTRUTTIVI SECONDO NORME, LEGGI E DIRETTIVE IN VIGORE 2 1. CLASSIFICAZIONE DELLA RESISTENZA AL FUOCO 2. CERTIFICAZIONE

Dettagli

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Scheda Tecnica Edizione14.10.11 Sikadur -31CFNormal Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Indicazioni generali Descrizione Sikadur -31CFNormalèunamaltaepossidicabicomponente,contenenteaggregatispeciali,perincollaggieriparazionistrutturali,tolleral

Dettagli

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Se progettate di rinnovare o costruire un nuovo bagno, una cucina o un

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE

Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE 8 1 4 6 7 8 7 1 4 2 Guida tecnica alla progettazione dell IMPERMEABILIZZAZIONE INTRODUZIONE MAPEI, azienda leader mondiale nella produzione di

Dettagli

Interruttori di posizione precablati serie FA

Interruttori di posizione precablati serie FA Interruttori di posizione precablati serie FA Diagramma di selezione 01 08 10 11 1 15 1 0 guarnizione guarnizione esterna in esterna in gomma gomma AZIONATORI 1 51 5 54 55 56 5 leva leva regolabile di

Dettagli

Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non

Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non 2 Soluzioni Antigelo Ensto, niente ghiaccio anche in caso di temperature molto basse. I sistemi elettrici Ensto per la protezione dal

Dettagli

Quando un pavimento è ben fatto: Un brevetto esclusivo ne preserva il valore e garantisce l igiene dell aria interna all edificio

Quando un pavimento è ben fatto: Un brevetto esclusivo ne preserva il valore e garantisce l igiene dell aria interna all edificio Costruire, ristrutturare e risanare Quando un pavimento è ben fatto: Un brevetto esclusivo ne preserva il valore e garantisce l igiene dell aria interna all edificio GEV spiega gli aspetti da considerare

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Misure precise e affidabili in applicazioni ad alta temperatura, come il trattamento termico e i processi di combustione Materiali ceramici

Dettagli

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit

1 Sifoni per vasca da bagno Geberit Sifoni per vasca da bagno Geberit. Sistema.............................................. 4.. Introduzione............................................. 4.. Descrizione del sistema.................................

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza.

Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Tema Isolamento termico ad alta efficienza energetica Isolamento termico ad alta efficienza energetica Un investimento per il futuro che rende da subito. Costruire con coscienza. Le informazioni, le immagini,

Dettagli

Sistemi di presa a vuoto su superfici FXC/FMC

Sistemi di presa a vuoto su superfici FXC/FMC Sistemi di presa a vuoto su superfici / Massima flessibilità nei processi di movimentazione automatici Applicazione Movimentazione di pezzi con dimensioni molto diverse e/o posizione non definita Movimentazione

Dettagli

MapeWrap Resilient System

MapeWrap Resilient System C.P. MK707910 (I) 12/13 INNOVATIVO SISTEMA DI PROTEZIONE PASSIVA DEGLI EDIFICI NEI CONFRONTI DELLE AZIONI SISMICHE L unione delle tecnologie Mapei per la protezione in caso di sisma Applicazione di un

Dettagli

FIN-Project. L innovativa gamma di serramenti in alluminio

FIN-Project. L innovativa gamma di serramenti in alluminio FIN-Project L innovativa gamma di serramenti in alluminio FIN-Project: serramenti in alluminio ad alte prestazioni Ricche dotazioni tecnologiche e funzionali Eccezionale isolamento termico Massima espressione

Dettagli

Il vetro nell architettura

Il vetro nell architettura Opuscolo tecnico Il vetro nell architettura upi Ufficio prevenzione infortuni Uso sicuro del vetro nell edilizia Nell architettura moderna il vetro non è utilizzato soltanto per le finestre, bensì come

Dettagli

Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere

Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere Guide Guide su rotelle, guide su sfera Quadro, e sistema di estrazione portatastiere Sommario Kit di assemblaggio InnoTech 2-3 Guida Quadro 6-7 Guide su sfere 8-11 Guide su rotelle 12-13 Portatastiere

Dettagli

Maggior semplicità per un impianto migliore e più economico

Maggior semplicità per un impianto migliore e più economico lindab ventilation Maggior semplicità per un impianto migliore e più economico TÜV ha testato cinque sistemi di canali e documentato i vantaggi delle diverse soluzioni. Cos è TÜV TÜV (Technischer ÜberwachungsVerein

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

cimosa di sormonto autoadesiva

cimosa di sormonto autoadesiva Polietilene reticolato fisicamente sp. 8 mm nominale cimosa di sormonto autoadesiva. Massa elastoplastomerica Lato posa CARATTERISTICHE TECNICHE Acustic System 10, è un manto bistrato con cimosa adesiva,

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

Sistema con compluvio integrato

Sistema con compluvio integrato Sistema con compluvio integrato NUOVO! Compluvio standard 1.5 % Ancora più semplice. Ancora più conveniente. La forza naturale della roccia Isolamento termico e compluvio in un unico sistema 2 I sistemi

Dettagli

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO

1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO GUIDA AL CONFEZIONAMENTO 1. IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO Si devono rispettare i limiti massimi di dimensioni e peso indicati nella tabella: prodotto limite massimo di peso dimensioni massime Pacco ordinario

Dettagli

Tubi rigidi CARATTERISTICHE GENERALI

Tubi rigidi CARATTERISTICHE GENERALI Tubi rigidi Tubo medio RK 15 Sigla: RK15 Colore: grigio RA 735 Materiale: PVC unghezza di fornitura: verghe da 2 e 3 metri (±,5%) Normativa: EN 61386-1 (CEI 23-8); EN 61386-21 (CEI 23-81) CARATTERISTICHE

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano

SERIE TK20 MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano SERIE MANUALE DI ASSEMBLAGGIO Italiano PAG. 1 ESPLOSO ANTA MOBILE VISTA LATO AUTOMATISMO PAG. 2 MONTAGGIO GUARNIZIONE SU VETRO (ANTA MOBILE E ANTA FISSA) Attrezzi e materiali da utilizzare per il montaggio:

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli