1. PREMESSA INQUADRAMENTO NORMATIVO PARERE DI CONFORMITÀ SUL PROGETTO... 3 SCHEDA INFORMATIVA GENERALE... 6

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. PREMESSA... 1 2. INQUADRAMENTO NORMATIVO... 2 3. PARERE DI CONFORMITÀ SUL PROGETTO... 3 SCHEDA INFORMATIVA GENERALE... 6"

Transcript

1

2

3 INDICE pag. 1. PREMESSA INQUADRAMENTO NORMATIVO PARERE DI CONFORMITÀ SUL PROGETTO... 3 SCHEDA INFORMATIVA GENERALE DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ QUANTITATIVI DI MATERIALI COMBUSTIBILI PRESENTI VALUTAZIONE QUALITATIVA DEL RISCHIO NELL EDIFICIO PRESELEZIONE VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO AI SENSI DEL D.M.I VIE D USCITA SCELTA DELLA LUNGHEZZA DEI PERCORSI DI ESODO NUMERO E LARGHEZZA DELLE USCITE PORTE INSTALLATE LUNGO LE VIE DI USCITA SEGNALETICA INDICANTE LE VIE D USCITA ILLUMINAZIONE DELLE VIE DI USCITA CONSIDERAZIONI FINALI ALTRE ATTIVITA NORMATE CENTRALE DI PRODUZIONE ENERGIA ELETTRICA STOCCAGGIO BIOGAS Allegati: All. 1 All. 2 Richiesta di Conformità antincendio per attività di discarica controllata per rifiuti solidi non pericolosi del 1 aprile Rif. Pratica VV.F. n Allegati tecnici Impiantistica antincendio esistente prima di quella prevista con le integrazioni di Allegato 1 (impianti realizzati dalla SECIT, Impresa realizzatrice dell impianto di preselezione esistente) i

4

5 1. PREMESSA La presente relazione ha lo scopo di fornire gli elementi necessari per procedere agli adempimenti procedurali di prevenzione incendi da parte dell Impresa aggiudicatrice dell appalto integrato di progettazione e costruzione dell impianto di seguito descritto; questa forma di appalto, infatti, pone a carico dell Impresa aggiudicataria la redazione del progetto esecutivo, con le eventuali modifiche migliorative o relative ad aspetti legati ai brevetti ed alla tecnologie proprie dell Impresa, che potrebbero discostarsi in modo anche significativo, per gli aspetti legati alla prevenzione incendi, dal presente progetto definitivo (ad. es. il posizionamento della fiaccola sul cielo del digestore, anziché in apposita area distinta). Il progetto definitivo ha per oggetto la realizzazione, nel territorio servito da SRT S.p.A., azienda che gestisce lo smaltimento dei rifiuti del Consorzio Servizi Rifiuti del Novese, Tortonese, Acquese ed Ovadese (C.S.R.), di un impianto di digestione anaerobica della Frazione Organica dei Rifiuti Solidi Urbani (F.O.R.S.U.) e degli sfalci e potature, con produzione di biogas e recupero, da esso, di energia elettrica e calore. L attività principale sopra descritta avverrà presso l impianto di pretrattamento meccanico dei rifiuti esistente a Novi Ligure, ampliato con le sezioni di digestione anaerobica della Frazione Organica dei Rifiuti Solidi Urbani (F.O.R.S.U.) e degli sfalci e potature, con produzione di biogas e recupero, da esso, di energia elettrica e calore. Queste attività, per la presenza del biogas e del suo sfruttamento in motore di cogenerazione, modificano in modo significativo l assetto impiantistico ai fini della prevenzione incendi. La frazione solida del rifiuto digerito verrà poi portata all impianto di trattamento meccanico - biologico di Tortona per una fase di compostaggio; in questo impianto, a regime, proseguiranno in contemporanea, le attività di trattamento dei rifiuti indistinti già attualmente presenti. Queste attività non modificano in modo significativo l assetto impiantistico ai fini della prevenzione incendi. 1

6 2. INQUADRAMENTO NORMATIVO L attuale disciplina, dettata dalla legge n. 966/1965, dal D.P.R. n. 577/1982 e dal D.P.R. n. 37/1998, prevede che l attività di controllo delle condizioni di sicurezza per la prevenzione incendi, svolta dai Comandi provinciali del Vigili del Fuoco, sia articolata in due fasi tra loro coordinate: Richiesta di parere di conformità sui progetti al fine di accertare la conformità dell opera ai criteri di prevenzione incendi; Richiesta di visita di sopralluogo per riscontrare, anche sulla base di idonea documentazione tecnica, la rispondenza dell opera realizzata al progetto approvato, al fine del rilascio del Certificato di prevenzione incendi. Altri adempimenti a carico di Enti e privati responsabili di attività soggette ai controlli di prevenzione incendi sono relativi: Al rinnovo del Certificato di prevenzione incendi; Alla richiesta di deroga al rispetto di specifiche disposizioni antincendio, qualora ne ricorra il caso. Per quanto concerne le aree in cui è stoccato o combusto il biogas va fatto riferimento alla Direttiva 99/92/CE ATEX che si applica alle zone a rischio di esplosione. 2

7 3. PARERE DI CONFORMITÀ SUL PROGETTO (Rif. art. 2 DPR 37/ art. 1 DM 4/5/1998). La prima fase per ottenere il certificato di prevenzione incendi consiste nel richiedere il parere di conformità del progetto di nuove attività, o di modifiche di quelle esistenti, rispetto alle specifiche regole tecniche emanate dal Ministero dell'interno ovvero, in mancanza, ai criteri tecnici generali di prevenzione incendi. A tal fine i responsabili di attività comprese nell'elenco del decreto del Ministro dell'interno 16 febbraio 1982 sono tenuti a presentare al Comando provinciale dei Vigili del fuoco competente per territorio, apposita domanda di parere di conformità sui progetti, redatta secondo il modello PIN1, allegando la seguente documentazione: documentazione tecnico progettuale, in duplice copia, a firma di tecnico abilitato, (che quindi può essere qualsiasi professionista nell'ambito delle proprie, specifiche, competenze) comprendente la scheda informativa generale, la relazione tecnica e gli elaborati grafici; attestato del versamento effettuato a mezzo di conto corrente postale a favore della Tesoreria provinciale dello Stato. Il Comando esamina i progetti e si pronuncia sulla conformità degli stessi alla normativa antincendi entro 45 giorni, salvo il caso di situazioni complesse, in cui il termine può essere prorogato al novantesimo giorno, previa comunicazione all'interessato. In presenza di documentazione incompleta od irregolare, l'ufficio può richiedere la necessaria documentazione integrativa interrompendo i predetti termini. Ove il Comando non si esprima nei tempi prescritti, il progetto si intende respinto (silenzio-rifiuto). Nel caso di stabilimenti produttivi e di complessi edilizi ad unica gestione nei quali coesistono più attività singolarmente soggette ai controlli di prevenzione incendi, deve essere presentato un unico progetto cui seguirà il rilascio di un solo certificato di prevenzione incendi relativo a tutto il complesso in quanto, per le interdipendenze tra più fattori di rischio, è necessario che il problema della sicurezza venga affrontato globalmente. L immagine di seguito riportata schematizza i passi necessari per l espletamento del procedimento di Parere Conformità Progetto. 3

8 Di seguito è poi riportato il Modello PIN da compilarsi per tale richiesta di procedimento. 4

9 Rif. Pratica VV.F. n. marca da bollo (solo sull'originale) AL COMANDO PROVINCIALE DEI VIGILI DEL FUOCO DI Il sottoscritto provincia cognome domiciliato in via piazza n. civico c.a.p. comune C.F. provincia telefono codice fiscale della persona fisica nella sua qualità di qualifica rivestita (titolare, legale rappresentante, amministratore, etc.) della ragione sociale ditta, impresa, ente, società con sede in nome via piazza n. civico c.a.p. comune provincia telefono RICHIESTA DI PARERE DI CONFORMITÀ ANTINCENDIO da presentare in duplice copia di cui una in bollo C H I E D E a codesto Comando Provinciale, ai sensi della legge 26/7/1965 n 966, del DPR 29/7/1982 n.577 e del DPR 12/1/1998 n. 37 di voler disporre l esame del progetto allegato, presentato in duplice copia, al fine di ottenere il per i lavori di: relativi all attività sita in individuata al n. numeri PARERE DI CONFORMITÀ ANTINCENDIO tipo di lavoro (nuovo insediamento, modifica, ampliamento, ristrutturazione, etc.) tipo di attività (albergo, scuola, centrale termica, etc.) via - piazza n. civico c.a.p. comune provincia telefono del decreto del Ministro dell Interno 16/2/1982 e comprendente anche le attività di cui ai del decreto medesimo. La documentazione tecnico progettuale è sottoscritta dal tecnico titolo professionale iscritto all Albo professionale dell Ordine/Collegio con domicilio in cognome via - piazza provincia n. iscrizione nome n. civico c.a.p. comune provincia telefono con ufficio in via - piazza n. civico c.a.p. comune provincia telefono 5

10 Spazio riservato al Comando Provinciale SCHEDA INFORMATIVA GENERALE a) INFORMAZIONI GENERALI SULL' ATTIVITÀ PRINCIPALE E SULLE EVENTUALI ATTIVITÀ SECONDARIE SOGGETTE A CONTROLLO DI PREVENZIONE INCENDI b) INDICAZIONI DEL TIPO DI INTERVENTI IN PROGETTO: NUOVO INSEDIAMENTO O MODIFICA, AMPLIAMENTO O RISTRUTTURAZIONE DI ATTIVITÀ ESISTENTE N.B.: La scheda informativa generale deve essere sempre riferita all intero complesso, anche nei casi di modifiche o ampliamenti o ristrutturazioni di una parte dell attività, o di richiesta di deroga. 6

11 Allega i seguenti documenti: Relazione tecnica (2 copie a firma di tecnico abilitato) relativa a (barrare una delle tre ipotesi corrispondente alla situazione ): per attività non regolate da specifiche disposizioni antincendio: individuazione dei pericoli di incendio; descrizione delle condizioni ambientali; valutazione qualitativa del rischio; compensazione del rischio incendio; gestione dell emergenza. per attività regolate da specifiche disposizioni antincendio: dimostrazione dell osservanza delle specifiche disposizioni tecniche di prevenzione incendi. per ampliamenti o modifiche di attività esistenti: documentazione tecnica e grafica riferita alla parte oggetto dell intervento ed alle relative correlazioni con l esistente (scheda informativa e planimetria generale devono riguardare l intero complesso). Elaborati grafici (2 copie a firma di tecnico abilitato) preferibilmente nei formati non superiori ad A2 e piegati in A4 comprendenti: planimetria generale in scala (da 1:2000 a 1:200), a seconda delle dimensioni dell insediamento, da cui risultano: ubicazione delle attività, accessibilità, distanze di sicurezza esterne, etc.; piante in scala da 1:50 a 1:200, a seconda delle dimensioni dell edificio o locale dell attività, relative a ciascun piano, con destinazione d uso dei locali, indicazione uscite, attrezzature antincendio, impianti di sicurezza, etc; sezioni ed eventuali prospetti degli edifici in scala adeguata, tavole relative ad impianti e macchinari di particolare importanza ai fini della sicurezza antincendio. Ricevuta di versamento n. del effettuato sul c/c postale n. N.B.: la compilazione della distinta di versamento e obbligatoria intestato alla Tesoreria Provinciale dello Stato di 1965, n.966, per un totale di così distinte: ai sensi della legge 26 luglio attività n. tipologia (1) n. ore attività n. tipologia (1) n. ore attività n. tipologia (1) n. ore attività n. tipologia (1) n. ore attività n. tipologia (1) n. ore attività n. tipologia (1) n. ore attività n. tipologia (1) n. ore attività n. tipologia (1) n. ore attività n. tipologia (1) n. ore attività n. tipologia (1) n. ore attività n. tipologia (1) n. ore attività n. tipologia (1) n. ore attività n. tipologia (1) n. ore attività n. tipologia (1) n. ore attività n. tipologia (1) n. ore attività n. tipologia (1) n. ore totale n. ore (1) specificare la dizione riportata nell allegato VI al D.M. 4 maggio 1998 al fine di definire il numero di ore ed il relativo importo (quantitativo, capacità, capienza, superficie, potenzialità, etc.) 7

12 Altro: Ulteriore eventuale indirizzo presso il quale si chiede di inviare la corrispondenza: cognome nome via piazza n. civico c.a.p. comune provincia Data Firma N.B.: In caso di delega, ove la firma non sia apposta in presenza del pubblico ufficiale addetto alla ricezione del modello, la persona delegata deve allegare all istanza una fotocopia del documento di riconoscimento del richiedente (DPR 445 del 28 dicembre 2000). In caso di inoltro dell istanza a mezzo posta, deve essere allegata fotocopia del documento di riconoscimento del richiedente. Spazio riservato al delegante Il sottoscritto per le procedure di cui alla presente istanza delega il/la sig. titolo profess. domiciliato in cognome via piazza n. civico c.a.p. comune provincia Data telefono nome Firma Spazio riservato al Comando Provinciale (da compilare solo in assenza di fotocopia del documento di riconoscimento del richiedente) Ai sensi del D.P.R. del 28 dicembre 2000, n. 445, io sottoscritto addetto incaricato con qualifica di in data / / a mezzo documento n. rilasciato in data / / a ho proceduto all accertamento dell identità personale del sig. che ha qui apposto la sua firma alla mia presenza. Data / / Firma Nel caso specifico si riporta la Scheda Informativa Generale utilizzata per l ultima comunicazione effettuata per l Impianto di Novi Ligure, di cui la nuova comunicazione costituirà ampliamento e ristrutturazione. A questa comunicazione erano allegati gli elaborati di Allegato 1 (nella planimetria è individuata anche l impiantistica preesistente) 8

13 9

14 10

15 4. DESCRIZIONE DELLE ATTIVITÀ In considerazione di quanto esposto al Capitolo 1, si accentra l attenzione sulla situazione impiantistica del sito di Novi Ligure. Riprendendo quanto descritto nella Relazione Tecnica (Elaborato A.1) si ipotizza di procedere alla realizzazione di un impianto che funzionerà, a regime, sulla base dei seguenti principali dati di progetto: t/a (49,32 t/g), di cui: Umido domestico, da mense, sfalci e mercati: t/a (al 23% di SS, con un contenuto di organico sul secco pari al 83%) Potature e materiale ligneocellulosico: t/a (al 50% di SS, con un contenuto di organico sul secco pari al 72%) Sostanza secca nella miscela: 32% di SS Densità apparente: 500 kg/mc. Con riferimento agli elaborati di Progetto definitivo, la situazione attuale degli impianti a Novi Ligure è descritta nell Elaborato grafico B.4 - Planimetria impianti Novi Ligure - Stato di fatto. Le sezioni e fasi di trattamento esistenti sono indicate nell Elaborato grafico C.1 - Sezioni impianti Novi Ligure - Stato di fatto e nell Elaborato grafico D.1 - Layout trattamento Novi Ligure - Stato di fatto. I rifiuti saranno conferiti agli impianti di pretrattamento meccanico di Novi Ligure nei locali di ricezione già esistenti, in cui saranno depositati negli spazi indicati nell Elaborato grafico B.7 - Planimetria impianti Novi Ligure - Progetto. Le sezioni e fasi di trattamento sono indicate nell Elaborato grafico C.2 - Sezioni impianti Novi Ligure - Progetto e nell Elaborato grafico D.2 - Layout trattamento Novi Ligure - Progetto. I sacchetti contenenti la F.O.R.S.U. sono poi dilacerati nell esistente trituratore aprisacco insieme agli sfalci e potature, preventivamente passati in un biotrituratore che li riduce a pezzatura < 50 mm (vedi oltre in questa descrizione) per ottenere un idonea miscelazione delle due componenti nel trituratore e nel vaglio rotante. Dopo il trituratore i rifiuti entrano nel vaglio rotante esistente, previa deferrizzazione lungo il nastro trasportatore di caricamento mediante il separatore magnetico esistente. Il vaglio va modificato con l inserimento di due sezioni sulla lunghezza, a differente foronomia: nella prima sezione (approssimativamente pari al 60 % della lunghezza del vaglio) i fori avranno un diametro di 50 mm; nel restante 40 % della lunghezza del vaglio, i fori avranno un diametro di 80 mm. La frazione sottile < 50 mm derivante dalla prima sezione del vaglio è adatta al processo di digestione anaerobica e sarà trasportata mediante un nastro trasportatore ad una fossa di stoccaggio prima del digestore. La frazione compresa fra mm, che è separate nella restante parte del vaglio, viene trasportata nuovamente al trituratore per consentire un ulteriore riduzione di pezzatura per massimizzare l ingresso al digestore di frazioni con pezzatura < 50 mm. 11

16 Nel caso in cui si verifichi un accumulo di contaminanti e materiali che non sono lavorati dal trituratore, parte del materiale non desiderato può essere rimandato indietro al trituratore, ma può anche essere invertita la direzione del nastro ed il materiale inviato nel container dei sovvalli per lo smaltimento. Il sovvallo per la maggior parte consiste in film plastici e contenitori vari ed è inviato ad un press container dedicato. C è un nastro trasportatore addizionale che permette che la frazione fine < 50 mm venga nuovamente trasportata all area di ricezione. Questa possibilità verrà utilizzata, per esempio, nel caso in cui occorra rivagliare gli sfalci e le potature triturati, se il trituratore non dovesse sminuzzare a 50 mm o non fosse disponibile un vaglio mobile addizionale per sminuzzare gli sfalci e le potature stesse. Gli sfalci e le potature devono, infatti, avere una pezzatura inferiore a < 50 mm prima di venir mescolati con la F.O.R.S.U. nel trituratore al fine di essere sicuri che nessun rifiuto verde sia vagliato con una pezzatura > 80 mm cosa che comporterebbe un aumento indesiderato dei sovvalli ed una perdita di sostanze organiche utili per la digestione. La frazione < 50 mm è convogliata alla fossa di stoccaggio. Questa fossa è idonea a garantire un alimentazione in continuo al digestore anche durante la notte, i fine settimana e le festività. La fossa è dimensionata per lo stoccaggio dei rifiuti di 3 giorni, come potrebbe risultare necessario in alcuni casi (ad es. nelle festività natalizie), per un volume utile di 200 mc. Dalla fossa di stoccaggio il rifiuto è automaticamente trasportato al digestore mediante pavimento mobile e nastri trasportatori chiusi nella parte di tragitto all aperto, per evitare esalazioni maleodoranti. Lungo il percorso verso il digestore vengono aggiunte parte delle acque di processo in modo da inseminare i rifiuti con i microrganismi necessari e regolare il grado di umidità. La miscela è poi introdotta nel digestore ove permane approssimativamente per giorni, in funzione della tecnologia applicata; cautelativamente, per la definizione degli ingombri e dei costi, si adotta un tempo di permanenza di 21 giorni. Considerando lo spazio occupato dalle apparecchiature di movimentazione ed il volume interno occupato dall inoculo e dal gas prodotto, ne risulta un manufatto delle dimensioni di ingombro indicate in planimetria pari a 33 x 9 x 8,4 (H) m (1.300 mc utili, di cui circa 200 occupati da biogas). Nella linea di digestione, si ha produzione di biogas ed all uscita vengono separate la frazione liquida, stoccata in serbatoio, dalla quale si recupera ulteriore biogas, prima dello smaltimento come rifiuto liquido, e la frazione solida da inviare a compostaggio all impianto di Tortona. Durante questo tempo di permanenza nel digestore vengono prodotti circa 1.9 Milioni di Nm³ all anno di biogas con un contenuto di metano stimabile attorno al 58 %. Il biogas viene utilizzato in una centrale di cogenerazione di calore ed energia elettrica (CHP). Assumendo un rendimento elettrico del 40 % queto corrisponde alla possibile produzione di 530 kw di potenza elettrica e 520 kw di potenza termica. Con 12

17 una disponibilità del CHP pari al 95% risulta una produzione di energia elettrica di MWh/a lordi, che può essere ceduta come energia prodotta da fonte rinnovabile (a meno del quantitativo di autoconsumo attribuibile all impianto da concordarsi con ENEL, normalmente assunto pari al 20%). Si assume che i consumi energetici degli impianti accessori non vengano prelevati dal CHP, ma acquistati dalla rete di distribuzione nazionale, in quanto più conveniente dal punto di vista del bilancio economico. La restante parte è il liquido digestato che è collettato sotto la pressa e viene poi pompato in una vasca di stoccaggio delle acque di processo. Il volume di questo serbatoio deve essere idoneo a d una permanenza di 3 settimane. In considerazione di questo lungo tempo di permanenza si creano le condizioni per nuovo sviluppo di biogas che si raccoglie nella parte superiore della vasca che, con tetto chiuso, funge anche da gasometro; questa vasca di stoccaggio funziona, pertanto, da digestore secondario per la frazione liquida e dovrà, quindi essere attrezzata con miscelatore ed estrazione del biogas. Con le dimensioni previste (14 m di diametro, 3 m di altezza) il serbatoio avrà una capacità di stoccaggio di gas di circa m³. Mediante la digestione delle t/a di rifiuti organici ci si attende di ottenere, cautelativamente, una produzione di biogas pari a 1,9 Milioni di Nm³ per anno (217 Nm³/h); secondo esperienze di impianti esistenti tale produzione potrà giungere anche a 2,2 milioni di Nmc. Ci si attende un contenuto di metano pari a circa il 58 %. Questo significa un contenuto energetico globale nel biogas pari a MWh/a. Assumendo una efficienza energetica del 40% l unità di cogenerazione avrà una potenza di 530 KW (con margini di sicurezza). Con una disponibilità della centrale di cogenerazione pari al 95 % si possono produrre MWh/a di elettricità. Risultano inoltre disponibili MWh/a di energia termica dei quali sono necessari per il riscaldamento del digestore per mantenere condizioni termofile (55 C). In considerazione del fatto che la flessibilità dell impianto di cogenerazione consente di sfruttarlo con buone performance di resa produttiva sino all 80% della sua potenzialità massima, in previsione di maggiori produzioni di gas rispetto a quelle cautelativamente attese o del possibile inserimento nel digestore anche di rifiuti liquidi altamente produttivi di biogas ed energia quali gli oli alimentari, si assume una taglia standard di potenza installata del cogeneratore pari a 670 KW. La stazione di servizio include l'essiccazione del gas (gas di raffreddamento), il compressore del gas per la fornitura di gas alla cogenerazione e gli analizzatori dei gas (CH4, CO2, O2, H2S); l analisi del gas, rispetto a questa configurazione base normalmente adottata nei container prefabbricati di normale fornitura, nel nostro caso è previsto che l analisi del gas avvenga anche prima della separazione delle condotte di invio al CHP ed alla torcia di combustione di emergenza, per consentire un controllo su quest ultima. La stazione sarà concepita per essere fornita come un gruppo container (base di circa 6 x 2,25 m). 13

18 Per ridurre il contenuto di acqua il biogas viene raffreddato a <5 C con uno scambiatore di calore. Una unità di raffreddamento posizionata all'esterno (simile a quelle che si utilizzano per l aria condizionata) disperde il calore nell'ambiente. La condensa viene scaricata separatamente e viene pompata nel deposito di acqua di processo o nella condensa del biofiltro. Il compressore di gas è usato per aumentare la pressione del gas proveniente dal digestore e dallo stoccaggio del gas (spazio di accumulo in sommità del serbatoio di acqua di processo) sino alla pressione necessaria per il funzionamento della cogenerazione (in base al tipo di cogenerazione circa 8-20 mbar). Nella stazione sono previsti dispositivi di allarme per rilevare le miscele di gas esplosivi ed un dispositivo di ventilazione. In caso di allarme si attiva la ventilazione ed è riempito il contenitore con l'aria. Il flusso medio di gas sarà pari a circa 217 m³ / h. Il raffreddamento del compressore di gas deve essere dimensionato per circa il 120% di questo flusso medio, quindi per 260 m³ / h. Il volume massimo di dimensionamento della stazione del gas deve essere adatto alla portata massima di consumo di biogas del CHP. Se durante il processo si verificano malfunzionamenti il gas deve essere automaticamente eliminato utilizzando ciò che è conosciuta come una fiaccola di emergenza. Spesso la fiaccola di emergenza è posta sul contenitore delle unità di cogenerazione. Per Novi Ligure è stata prevista una posizione isolata lontana dal digestore e dal CHP. Il dimensionamento della portata da bruciare in caso di emergenza dovrebbe essere di circa il 150% del gas prodotto mediamente. Con un flusso atteso in volume medio di circa 220 m³ / h, la fiaccola di emergenza deve essere in grado di coprire un flusso di volume di almeno 330 m³/h. La gamma di contenuti accettabile può variare tra il 40 e il 65% 14

19 5. QUANTITATIVI DI MATERIALI COMBUSTIBILI PRESENTI Con riferimento alla planimetria 3a allegata alla relazione di richiesta di modifica sostanziale di AIA, i materiali presenti sono: Materie prime Stoccaggio N progr Rif PLAN3A Descrizione Stato fisico Capacità di stoccaggio istantanea (m 3 ) Quantità/anno (m 3 e t) A4 FORSU S t mc A5 oli e grassi L 0,5 4,5 t commestibili 5 mc A6 Sfalci e S t potature mc Modalità di stoccaggio In cumuli In taniche e fusti In cumuli Prodotti finiti Stoccaggio N progr Rif PLAN3A Descrizione Stato fisico Capacità di stoccaggio istantanea (m 3 ) Quantità/anno (m 3 e t) Modalità di stoccaggio D11 Biogas G t m 3 Serbatoio a tetto galleggiante Prodotti intermedi Sono inoltre presenti: 1. Frazione organica selezionata e triturata: in polmone di stoccaggio di metallo posizionato in locale chiuso, prima della digestione: 200 mc utili. 2. Sovvallo costituito dalla frazione secca stoccata in container posto all aperto del volume di 30 mc. 3. Digestore della frazione organica costituito da bunker in cemento armato ed acciaio a tenuta stagna dotato di apparecchiature di regolazione della pressione interna e meccanismi per sfiati di emergenza, del volume di mc utili, di cui circa 200 occupati da biogas. 4. Centrale di combustione del biogas con produzione di energia elettrica e calore, della potenzialità di 670 kw. 5. Torcia di combustione del biogas per situazioni di emergenza, della potenzialità di 330 mc/h. 15

20 6. VALUTAZIONE QUALITATIVA DEL RISCHIO NELL EDIFICIO PRESELEZIONE 6.1 VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO AI SENSI DEL D.M.I La valutazione dei rischi d incendio nei luoghi di lavoro è stata effettuata in conformità ai criteri di cui all allegato I del D.M.I Criteri di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro. Nel caso particolare l innesco di un incendio può essere causato ad es. dalla lacerazione di un sacco di R.S.U. contenente ceneri di Barbecue a combustione latente riattivata dal contatto con l ossigeno, oppure dall esplosione di una bomboletta di gas da campeggio oppure da un corto circuito negli impianti elettrici delle apparecchiature elettromeccaniche di lavorazione rifiuti, etc. Nel caso specifico, comunque, trattandosi della componente organica dei rifiuti solidi urbani raccolta in modo differenziato, il basso potere calorifico del materiale trattato, la sua limitata e temporanea presenza nei locali in questione e la separazione fra le varie fasi di trattamento limitano grandemente il rischio di incendio. Anche per quanto riguarda la frazione verde, il modesto quantitativo e la presenza degli sfalci composti da materiale umido difficilmente combustibile, il rischio di incendio è molto limitato. Tutte le attività di ricezione, lavorazione e stoccaggio dei rifiuti avvengono all interno dei capannoni esistenti che hanno, complessivamente, una superficie superio a mq. Si ritiene, quindi, che l attività indicata al n 88 dell elenco allegato al D.M , locali adibiti al deposito di merci e materiali vari, con superficie lorda superiore a mq, sia quella che consente un corretto approccio alla valutazione del rischio ed alle conseguanti misure idonee al suo contenimento nei limiti fissati dalla normativa vigente. In relazione alla valutazione del rischio d incendio si ritiene vadano adottate, comunque, misure finalizzate a: a) Ridurre la probabilità di insorgenza di incendio secondo i criteri di cui all allegato II del D.M.I b) Realizzare le vie e le uscite di emergenza previste dall art. 13 del D.P.R n.547, così come modificato dall art. 33 del decreto legislativo 626/94, per garantire l esodo delle persone in sicurezza in caso d incendio, in conformità ai requisiti di cui all allegato III del D.M.I

21 c) Realizzare le misure per una rapida segnalazione dell incendio al fine di garantire l attivazione dei sistemi di allarme e delle procedure d intervento, in conformità ai criteri di cui all allegato IV del D.M.I d) Assicurare l estinzione di un incendio in conformità ai criteri di cui all allegato V del D.M.I e) Garantire l efficienza dei sistemi di protezione antincendio secondo i criteri di cui all allegato VI del D.M.I f) Fornire ai lavoratori una adeguata informazione e formazione sui rischi di incendio secondo i criteri di cui all allegato VII del D.M.I Nel caso in esame, la classificazione del livello del rischio d incendio può essere considerato, c) livello di rischio basso, così come descritto al punto dell allegato I del D.M.I Dall esito della valutazione dei rischi di incendio il datore di lavoro: 1) Designerà uno o più lavoratori incaricati dell attuazione delle misure di prevenzione incendi, lotta antincendio e gestione delle emergenze, ai sensi dell art.4, comma 5 lettera a) del decreto legislativo 626/94, o se stesso, nei casi previsti dall art.10 del decreto stesso. 2) I lavoratori designati dovranno frequentare il corso di formazione di cui all art.7. Definiti, quindi, i luoghi di lavoro in esame a rischio d incendio basso, saranno adottate le misure di cui all allegato II del D.M.I , intese a ridurre la probabilità di insorgenza degli incendi: A. Misure di tipo tecnico. Realizzare impianti elettrici a regola d arte (legge 186/68) Effettuare la messa a terra di impianti, strutture e masse metalliche, al fine di evitare la formazione di cariche elettrostatiche. Realizzare impianti di protezione contro le scariche atmosferiche conformemente alle regole dell arte, qualora ne risulti la necessità, ai sensi delle norme C.E.I B. Misure di tipo organizzativo gestionale Rispettare l ordine e la pulizia. Controllare le misure di sicurezza. Predisporre un regolamento interno sulle misure di sicurezza da osservare. Informare e formare i lavoratori. Inoltre saranno ovviate le cause ed i pericoli d incendio più comuni, quali: Negligenza relativamente all uso di fiamme libere e di apparecchi generatori di calore. 17

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno

Ing. Mauro Malizia - Criteri generali di sicurezza antincendio - testo coordinato - Comando Provinciale VVF di Ascoli Piceno D.M. 10 marzo 1998 (1) Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell'emergenza nei luoghi di lavoro (S.O. n. 64 alla G.U. n. 81 del 7 aprile 1998) Il Ministro dell'interno e il Ministro

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali

OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali Lettera Rischi Interferenziali Spett.le Ditta Appaltatrice Ditta Subappaltatrice Luogo, Data 2 OGGETTO: Documento Unico di Valutazione dei Rischi Interferenziali In relazione alla necessità di una possibile

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122

Servizio di Pulizia della sede del Comando di Roma Carabinieri per la tutela della Salute, viale dell Aeronautica n. 122 MINISTERO DELLA SALUTE UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE DELL ORGANIZZAZIONE E DEL BILANCIO UFFICIO VIII EX DGPOB LOTTO 2. AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE DEL COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA

Dettagli

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3

CAPITOLO 1 - GENERALITA' 3 CAPITOLO 2 - NORMA DI RIFERIMENTO 3 CAPITOLO 3 RILASCIO DELLA CERTIFICAZIONE 3 Regolamento per la certificazione del personale addetto alle attività di cui alla Norma UNI 11554, secondo la Prassi di Riferimento UNI/PdR 11:2014: Figure professionali operanti sugli impianti a gas di

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili

Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili Gestione della sicurezza antincendio nei cantieri temporanei e mobili RICHIAMO AL TESTO UNICO PER LA SICUREZZA D.lgs.vo 9 aprile 2008 n 81 Dott. Ing Luigi ABATE DPR N NN 37 3712 12 gennaio 1998 regolamento

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione

Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione 3.347.5275.106 IM-P148-39 ST Ed. 1 IT - 2004 Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione 1. Informazioni generali per la sicurezza

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA

COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA COME E FATTA E COME DEVE ESSERE APPOSTA E composta dalla sigla CE e, nel caso un Organismo Notificato debba intervenire nella fase del controllo della produzione, contiene anche il numero d identificazione

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati.

In accordo alla Direttiva ATEX, gli equipaggiamenti sono progettati in funzione del tipo d atmosfera nella quale possono essere utilizzati. Atmosfere potenzialmente esplosive sono presenti in diverse aree industriali: dalle miniere all industria chimica e farmacautica, all industria petrolifera, agli impianti di stoccaggio di cereali, alla

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

EDIL-SERV via Ciantro Marrocco n 13; C.A.P.: 93100 Caltanissetta; Fax: 36.338.8233126; Cell. 338.8233126 388.1832953 Web:

EDIL-SERV via Ciantro Marrocco n 13; C.A.P.: 93100 Caltanissetta; Fax: 36.338.8233126; Cell. 338.8233126 388.1832953 Web: Via C. Marrocco, 13 93100 Caltanissetta (CL) Tel.: 338.8233126 388.1832953 Fax: 36.338.8233126 E-mail:edil-serv@alice.it Web: www.webalice.it/edil-serv Alla cortese attenzione del Titolare di codesta Spett.le

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica.

Note inerenti chiarimenti in materia di prevenzione incendi - Trasmissione per via informatica. DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA Prot. n P 810 / 4101 sott. 72/C.1 (21).4 Roma, 2 LUGLIO 2003 Allegati: n 1 -AI SIGG. ISPETTORI REGIONALI DEI VIGILI DEL FUOCO LORO SEDI -AI

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI

L AUTORIZZAZIONE VA COMPILATA IN TUTTE LE SUE PARTI Marca da Bollo 16,00 Al Sig. Presidente della Provincia di Pavia Ufficio concessioni pubblicitarie Piazza Italia, 2 27100 Pavia AUTORIZZAZIONE OGGETTO: Richiesta di autorizzazione per il posizionamento

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie Gruppo termico murale a gas a premiscelazione Serie GENIO Tecnic Serie GENIO TECNIC Caratteristiche principali Quali evoluzione subirà il riscaldamento per rispondere alle esigenze di case e utenti sempre

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO, DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE DIREZIONE CENTRALE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA TECNICA AREA PREVENZIONE INCENDI LARGO SANTA BARBARA, 2-00178 ROMA TEI..

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE

COMUNE DI RUFFANO. - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE COMUNE DI RUFFANO - Provincia di Lecce - REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'UTILIZZO DEL CENTRO DI RACCOLTA COMUNALE approvato con Deliberazione del Commissario Straordinario con i poteri del Consiglio Comunale

Dettagli

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA COMUNE DI SANTA MARGHERITA LIGURE Piazza Mazzini, 46 16038 SANTA MARGHERITA LIGURE (GE) REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI SULLE COPERTURE DELLA SCUOLA PRIMARIA A.R. SCARSELLA, DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA

Dettagli