HI-FOG per edifici. Introduzione tecnica. Proteggiamo le persone, i beni e il vostro business. Jussi Tiainen

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "HI-FOG per edifici. Introduzione tecnica. Proteggiamo le persone, i beni e il vostro business. Jussi Tiainen"

Transcript

1 HI-FOG per edifici Introduzione tecnica Jussi Tiainen

2 University Hospital Münster Sommario Maik Schuck HI-FOG : Una breve introduzione... 3 Come HI-FOG combatte il fuoco... 4 Principi della progettazione del sistema HI-FOG... 6 Tipi di sistema... 7 Daniel Spehr Descrizione del sistema HI-FOG... 8 Riserva idrica... 9 Unità di pompaggio... 9 Rete di tubazioni Valvole di sezionamento Testine nebulizzatrici ed erogatori Appendice: Configurazioni di un sistema tipo Le Méridien Etoile Sana Kliniken Berlin-Brandenburg GmbH

3 HI-FOG : Una breve introduzione HI-FOG, il sistema antincendio ad acqua nebulizzata (water mist) ad alta pressione sviluppato e prodotto da Marioff, utilizza ridotte quantità di acqua pulita allo scopo di controllare, domare o estinguere gli incendi. A differenza degli impianti sprinkler tradizionali che sfruttano il meccanismo del bagnamento richiedendo grandi quantitativi di acqua, il sistema HI-FOG evita sprechi, garantendo prestazioni equivalenti o addirittura superiori nelle stesse condizioni di impiego. Un incendio può provocare gravi danni e mettere a rischio la vita delle persone coinvolte: è un dato di fatto. Tuttavia, spesso si sottovalutano i possibili danni causati da un sistema antincendio ad acqua. Negli edifici a più piani, ad esempio, una perdita dovuta alla scarica di acqua nei piani superiori peggiora ulteriormente la situazione. Grazie alle straordinarie prestazioni del sistema HI-FOG, il consumo di acqua è minimo. Durante una dimostrazione controllata, in trenta minuti, utilizzando un unità di pompaggio di tipo pneumatico GPU, un ugello HI-FOG ha scaricato circa 380 litri di acqua contro i circa litri di un sistema tradizionale. Testato e approvato La prestazione di un sistema antincendio ad acqua nebulizzata dipende da diversi fattori. Tutti i sistemi devono quindi essere sottoposti a test in scala reale nell ambito di un processo di approvazione basato su una serie di criteri prestazionali comunemente riconosciuti. HI-FOG è il risultato di un lavoro di ricerca e sviluppo che prosegue senza sosta da diverso tempo. Nessun altro sistema antincendio è stato sottoposto a un numero così elevato di test in scala reale come HI-FOG e non sono molti a poter vantare così tante certificazioni. I sistemi ad acqua nebulizzata ad alta pressione come HI-FOG rappresentano un importante passo in avanti nella protezione antincendio ad acqua: i settori in cui questa soluzione trova applicazione sono in continuo aumento così come gli standard normativi, i criteri prestazionali, le omologazioni e il successo sul mercato, testimoniato dal numero crescente di clienti che scelgono il marchio Marioff. HI-FOG può essere impiegato in presenza di incendi di materiali solidi e liquidi. I casi in cui un sistema antincendio ad acqua di questo tipo non riesce a garantire una protezione adeguata sono molto pochi e si limitano ad esempio ai metalli liquidi o ai materiali che fanno reazione a contatto con l acqua. Approvazione FM LH FM LH FM Locali Tecnici FM Locali Tecnici FM Locali Tecnici VdS OH1 VdS OH1 VdS OH2 Autorimessa VdS OH3 VdS Locali Tecnici UL OH1 HI-FOG HI-FOG HI-FOG HI-FOG HI-FOG HI-FOG HI-FOG HI-FOG HI-FOG HI-FOG HI-FOG Tecnologia SPU GPU GPU GPU SPU MSPU GPU MSPU MSPU GPU SPU Altezza max stanza/ volume 5m / illimitato 5m / 10m / 11m / 11m / 4m / illimitato 1500m m m 3 illimitato 4m / 3m / 5m / 5,6m / 4m / illimitato illimitato illimitato 500m 3 illimitato APPLICAZIONI Hotels Data Centers Edifici storici Grattacieli Ospedali Stazioni 3

4 Come HI-FOG co Un incendio si sviluppa a seguito di una reazione chimica tra una sostanza combustibile e l ossigeno. Le condizioni necessarie per innescare tale processo sono quattro: Combustibile: solido (classe A), liquido (classe B) o gassoso Ossigeno Fonte di calore Reazione chimica ininterrotta L entità di un incendio è determinata dal relativo tasso di rilascio di calore, misurato in Watt (W). Un incendio vivo che può essere domato con un estintore portatile ha un tasso di rilascio di calore inferiore ad 1 megawatt (MW), unità che orientativamente corrisponde ad un metro quadrato di fiamme visibili. Un incendio diventa critico quando raggiunge i 5 MW. Per estinguere un incendio, è necessario eliminare almeno una delle quattro cause scatenanti. Se difficilmente è possibile rimuovere la sostanza combustibile, per intervenire sulle altre condizioni possono essere impiegati diversi estinguenti. Gli incendi possono essere domati manualmente o servendosi di sistemi antincendio fissi. Un sistema fisso deve controllare o domare l incendio evitando il riaccendersi delle fiamme finché non verrà estinto manualmente. Per descrivere il funzionamento di un sistema antincendio, si ricorre a tre termini che descrivono con precisione le prestazioni dei sistemi antincendio fissi. Dopo aver utilizzato sistemi per domare e/o controllare un incendio, è sempre necessario un intervento manuale per una completa estinzione. Controllare Arginare le dimensioni di un incendio, diminuire il tasso di rilascio di calore e prevenire danni strutturali Domare Ridurre drasticamente il tasso di rilascio di calore e prevenire la riaccensione delle fiamme Estinguere Soffocare completamente l incendio fino ad eliminare i combustibili ardenti Fonte: Normativa NFPA 750 sui sistemi antincendio ad acqua nebulizzata (water mist), edizione

5 mbatte il fuoco L acqua nebulizzata (water mist) come agente estinguente L acqua è l estinguente più antico, più utilizzato e più diffuso al mondo. Vanta eccellenti capacità estinguenti e straordinaria versatilità di impiego rispetto ad altri agenti estinguenti, oltre ad essere completamente atossica ed ecocompatibile. Tre sono le azioni dell acqua nella prevenzione degli incendi: Raffreddamento: trasformandosi in vapore, l acqua assorbe più calore di qualsiasi altro estinguente Inertizzazione: evaporando, il volume dell acqua aumenta di oltre volte, sostituendosi all ossigeno Blocco del calore radiante: la nebbia d acqua consente di bloccare l irradiazione di calore Il tasso di evaporazione dell acqua dipende dalla superficie interessata: in un secchio, l acqua evapora molto più lentamente rispetto a quando dispersa su un pavimento. La superficie di contatto può essere sensibilmente aumentata trasformando l acqua in minuscole goccioline: l evaporazione risulta maggiore con una migliore efficienza di raffreddamento e inertizzazione. A parità di prestazioni, un sistema HI-FOG richiede quindi quantitativi inferiori d acqua rispetto agli impianti tradizionali. A differenza di altri sistemi poi, HI-FOG è in grado di proteggere l ambiente circostante dal fenomeno dell irraggiamento termico. Le goccioline in sé non garantiscono un efficace azione antincendio, dovendo penetrare negli strati esterni delle fiamme. L efficacia di un sistema antincendio ad acqua nebulizzata è determinata da: Dimensione delle gocce Numero di gocce Penetrazione delle gocce nell incendio La combinazione di queste proprietà risulta estremamente variabile da sistema a sistema. HI-FOG e relative capacità antincendio Ogni sistema antincendio ad acqua nebulizzata è unico nel suo genere. Le prestazioni offerte da HI-FOG qui descritte non possono essere estese in linea generale antincendio. Le apposite testine sprinkler ed erogatrici HI-FOG erogano una sottile nebbia di acqua che viaggia ad alta velocità grazie alle pompe ad alta pressione e penetra velocemente nell incendio: l ambiente si raffredda prevenendo la propagazione delle fiamme. HI-FOG nasce per estinguere gli incendi (provocati da liquidi infiammabili) o, in alternativa, domarli e controllarli (incendi di materiali solidi). HI-FOG è un sistema antincendio a nebbia d acqua (water mist) ad alta pressione alimentato da pompe elettriche o diesel a pressione costante oppure a gas pressurizzato. Il grado di penetrazione della nebbia d acqua HI-FOG può arrivare orizzontalmente ad 8 m in condizioni normali; verticalmente è possibile raggiungere distanze anche superiori. Il buon grado di penetrazione significa che la nebbia d acqua HI-FOG può diffondersi velocemente nell ambiente superando anche eventuali ostacoli. Grazie al suo straordinario effetto di raffreddamento, inertizzazione e blocco del calore radiante, HI-FOG agisce molto velocemente consentendo una drastica riduzione della temperatura nell arco di pochi secondi. L incendio viene avvolto in una densa nube di nebbia d acqua che blocca l irradiazione di calore. Le strutture adiacenti all incendio sono ben protette anche quando quest ultimo non è stato completamente spento. Il sistema HI-FOG eroga minuscole goccioline d acqua sotto forma di nebbia ad alta pressione che bloccano l irradiazione di calore assorbendolo tramite evaporazione, raffreddando l ambiente e minimizzando eventuali danni collaterali. 5

6 Principi della progettazio Straordinarie prestazioni e flessibilità significano che HI-FOG può proteggere un intero edificio. CIRCOLI US LH CUCINE EUR OH1 / US OH1 RISTORANTI EUR OH1 AREE RISTORAZIONE US LH AREE RISTORAZIONE US OH1 HOTEL, OSPEDALI EUR OH1 / US LH ZONE RESIDENZIALI EUR OH1 / US LH UFFICI EUR OH1 / US LH LAVANDERIE EUR OH2 / US OH1 BIBLIOTECHE (ESCLUSE LIBRERIE E AMPI LOCALI CON SCAFFALI) EUR OH1 / US LH UNITÀ DI POMPAGGIO PARCHEGGIO EUR OH2 GARAGE US OH1 6

7 ne del sistema HI-FOG I sistemi antincendio ad acqua nebulizzata vengono sviluppati in modo mirato, in funzione del tipo di impiego. Sistemi del genere non dovrebbero mai essere frutto dello studio di sistemi analoghi di un fornitore e dei relativi risultati dei test. I sistemi nel loro complesso devono infatti essere sottoposti a scrupolosi e specifici test antincendio. Ove possibile, i sistemi HI-FOG sono progettati in ottemperanza alla vasta gamma di approvazioni di Marioff. In altri casi i sistemi sono studiati project-by-project partendo dai risultati dei test antincendio supervisionati e certificati da terzi. Nella maggior parte dei casi, i progetti dei sistemi devono essere sottoposti ad approvazione delle autorità antincendio locali. Il sistema HI-FOG di un edificio ottempera alla Normativa NFPA 750 sui sistemi antincendio a nebbia d acqua (water mist) nei casi in cui questa risulta applicabile. Tipi di sistema HI-FOG è sinonimo di flessibilità senza compromessi: vasta è la gamma di tubi, valvole e ugelli tra cui scegliere a seconda di condizioni di impiego e grado di rischio incendio. Per un sistema HI-FOG è possibile scegliere tra configurazione singola o combinata. In un edificio adibito ad uffici, l impianto principale potrebbe essere composto da un sistema ad umido con sistema di preallarme a protezione della sala server e da un sistema a diluvio per la salvaguardia dei generatori di back-up. Tutte le configurazioni verrebbero alimentate dalla stessa unità di pompaggio. Sistema ad umido Un sistema ad umido è di norma composto da testine sprinkler termosensibili chiuse. Il superamento della temperatura impostata, causa la rottura dell elemento a bulbo con conseguente erogazione della nebbia d acqua. I sistemi ad umido sono i più comuni non solo per il contenimento dei costi per le aree di medie e grandi dimensioni soggette al normale rischio incendio, ma anche per il vantaggio di erogare l acqua solo in presenza della temperatura impostata. Sistema a diluvio In un sistema a diluvio, le testine erogatrici sono aperte e il flusso d acqua viene controllato da una valvola chiusa. All apertura (manuale o tramite rilevatore) della valvola di sezionamento, la nebbia d acqua viene erogata da tutte le testine. I sistemi a diluvio, offrendo una protezione completa ed omogenea all interno dei locali, si adattano alla protezione di quelli che ospitano macchinari. Sistema a secco A differenza del sistema ad umido, in un sistema a secco la valvola trattiene l acqua lato pompa. I tubi che collegano la valvola agli sprinkler sono riempiti di aria compressa, soggetta a monitoraggio. In caso di incendio, non appena il bulbo dello sprinkler si rompe, il sistema rileva una perdita di pressione comandando l apertura della valvola di sezionamento. L acqua penetra nelle tubazioni raggiungendo gli sprinkler che provvedono alla nebulizzazione. Questo sistema viene tipicamente utilizzato nel caso in cui l area sia soggetta a congelamento. Sistema di preallarme A differenza del sistema a secco, un sistema di preallarme è collegato ad un impianto antincendio separato; affinché il sistema si attivi è necessaria sia la rottura del bulbo dello sprinkler che l invio di un segnale di attivazione da parte dell impianto di rivelazione. Questo sistema viene di norma impiegato nei casi in cui è necessario minimizzare il rischio di falsi allarmi risultando quindi ideale per i grandi centri di elaborazione dati e per i musei. Idrante È possibile collegare un idrante portatile ai sistemi HI-FOG tramite singole unità di pompaggio. 7

8 Descrizione del Tipicamente un sistema HI-FOG si compone di: Riserva idrica Pompe o accumulatori ad alta pressione Rete di tubazioni Valvole di sezionamento e/o valvole a diluvio Testine sprinkler e/o erogatrici Le testine sprinkler ed erogatrici HI-FOG vengono disposte in base alla configurazione del sistema, test antincendio specifici per le condizioni di impiego, normative antincendio locali e requisiti tecnici dell edificio. All occorrenza, è possibile aggiungere un sistema di controllo, idranti, pannelli, dispositivi di rilascio, compressori e altre apparecchiature. 8

9 sistema HI-FOG Riserva idrica L erogazione dell acqua per le unità di pompaggio HI-FOG è sempre mantenuta separata dalle unità di pompaggio. L acqua può essere erogata tramite una rete di tubazioni o un serbatoio di uso esclusivo del sistema antincendio o condiviso con altri sistemi. Poiché alcuni tipi di unità di pompaggio richiedono una pressione di ingresso dell acqua di 2 bar, il sistema può essere dotato di una pompa ad hoc. Sebbene le dimensioni del serbatoio dell acqua dipendano dalle condizioni di impiego, dai requisiti locali e dal tipo di unità di pompaggio, il volume può variare dai 3 ai 9 m3 per un unità di pompaggio a gas e dai 20 ai 40 m3 per un unità elettrica. In tutte le unità di pompaggio HI-FOG sono presenti filtri per assicurare un elevata qualità dell acqua, garanzia di affidabilità e durata nel tempo. Unità di pompaggio Per gli edifici, i sistemi HI-FOG utilizzano una delle seguenti tipologie di unità di pompaggio: a gas (GPU), elettrica (SPU), modulare (MSPU), diesel (DPU). Grazie all alimentazione a gas (aria o azoto), la GPU non necessita di elettricità esterna e viene impiegata per le aree a basso rischio e per quelle che ospitano macchinari. La GPU impiega ridotte quantità d acqua per combattere gli incendi risultando così la soluzione ideale per edifici di importanza storico-culturale, hotel e grandi centri di elaborazione dati. La SPU si adatta pressoché ad ogni tipo di impiego ed è disponibile in una vasta gamma di dimensioni e configurazioni. Per grandi installazioni è possibile collegare più unità SPU insieme. La MSPU è invece una versione modulare della SPU. GPU MSPU Tipo di unità di pompaggio Spazio minimo per l unità di pompaggio incluso spazio per manutenzione (mm / pollici) Lunghezza Larghezza Altezza GPU Integrata 7+7+6W 3000 / / 80 Modulo GPU 1100 / / 35 Bombole / / 60 Bombole / / 90 SPU MSPU / / / 90 MSPU / / / 80 SPU2 SPU3 SPU / / / / 90 SPU5 SPU / / 90 DPU / / / 100 DPU 9

10 Tubazione principale Valvola di sezionamento Esempio di configurazione della rete di un sistema HI-FOG Sprinkler a parete Sprinkler a soffitto Può essere trasportata in spazi ristretti in diversi moduli da assemblare nell area di installazione. Anche l unità DPU risulta straordinariamente versatile, forte di dimensioni e configurazioni diversificate. In caso di alimentazione elettrica insufficiente, la DPU400 viene spesso utilizzata al posto della SPU. Diametro della tubazione (mm / pollici) Raggio di curvatura (mm / pollici) 12 / / / / / / / / / / 5.9 Impiego Diramazione Distribuzione principale Tubazione principale Tubazione principale Tubazione per grandi sistemi Le dimensioni dei tubi HI-FOG sono frutto di calcoli di idraulica basati sulla formula di Darcy-Weisbach in ottemperanza ai requisiti della Normativa NFPA 750 sui sistemi antincendio water mist. All estremità di ogni area che ospita una tubazione principale, viene installata una valvola a sfera chiusa ad azionamento manuale per pulire i condotti, soprattutto in caso di sistemi ad umido. Rete di tubazioni Tutti i tubi delle sezioni ad alta pressione di un sistema HI-FOG sono in acciaio inossidabile. Marioff fornisce anche raccordi per alte pressioni a completamento della rete di tubazioni e per l installazione di testine sprinkler o erogatrici. I tubi HI-FOG vantano dimensioni estremamente contenute rispetto a quelli dei sistemi tradizionali. Vengono modellati direttamente in fase di montaggio, consentendo un installazione discreta anche in spazi ridotti, dettaglio tutt altro che trascurabile soprattutto per i siti di interesse storico-culturale. I collegamenti per le tubazioni ad alta pressione vengono effettuati utilizzando raccordi ad anello tagliente per tubi fino a 38 mm di diametro; raccordi a cartella vengono invece utilizzati per tubi con diametro superiore a 38 mm. Sia i tubi che i raccodi sono garantiti per l utilizzo ad alta pressione e sottoposti a test ad almeno quattro volte la massima pressione operativa. In fase di collaudo, le tubazioni ad alta pressione vengono sottoposte ad un test di pressione nel rispetto delle direttive della NFPA 750 per assicurare un installazione a regola d arte e perfettamente a tenuta. La rete di tubazioni HI-FOG presenta alcune differenze rispetto alla rete degli impianti tradizionali. I sistemi HI-FOG sono progettati partendo da un condotto di alimentazione principale dal quale si diramano tubi di sezione inferiore ognuno con la propria valvola di sezionamento. Gli ugelli sono alimentati da tubi di 12 mm a loro volta parti di queste diramazioni. In media circa due terzi della rete di tubazioni è costituita da tubi di 12 mm. 10

11 12 mm 25 mm 30 mm 38 mm 60 mm Tubi in acciaio inossidabile HI-FOG : dimensioni reali 11

12 Valvole di sezionamento Le valvole di sezionamento HI-FOG possono essere normalmente aperte o normalmente chiuse. Le prime vengono utilizzate nei sistemi ad umido mentre le seconde trovano impiego in altre configurazioni. Le dimensioni variano in funzione del flusso da gestire. Queste valvole possono essere azionate manualmente, elettricamente, con controllo idraulico o tramite una combinazione di tali modalità oltre a poter essere dotate di un indicatore di flusso per consentirne il monitoraggio. Le valvole di sezionamento normalmente aperte per i sistemi ad umido vengono chiuse, solitamente attraverso un azionamento manuale, soltanto per interrompere l erogazione d acqua o contestualmente ad interventi di manutenzione. Sono ubicate al di fuori dell area da proteggere, vicino all uscita oppure in una zona centrale. Testine sprinkler ed erogatrici Le testine sprinkler HI-FOG sono ugelli chiusi. Sono dotati di elementi termosensibili a bulbo di vetro in grado di resistere alla pressione del sistema. Le testine erogatrici HI-FOG sono invece ugelli aperti senza alcun elemento termosensibile a bulbo. È disponibile una vasta gamma di testine sprinkler ed erogatrici HI-FOG progettate per le diverse condizioni di impiego e i diversi rischi incendio in base a criteri quali temperatura ambiente, altezza e tipologia di soffitto, muro o pavimento, unità di pompaggio, livello di inquinamento dell aria, ecc. La scelta del modello deve essere effettuata in base a impiego, test e certificazioni antincendio. Le testine sprinkler HI-FOG ad attivazione termica vengono scelte in funzione della destinazione d uso e della temperatura di attivazione richiesta. Le temperature di attivazione per i bulbi termosensibili sono le seguenti: 57 C, 68 C, 79 C, 93 C e 141 C. Il coefficiente del tempo di risposta (RTI) di 22(ms)½ è garanzia di massima tempestività di intervento. Le testine sprinkler HI-FOG presentano inoltre l indiscusso vantaggio di essere costituite da un corpo unico, semplificando così gli interventi di manutenzione. Il sistema, brevettato da Marioff, consente di rendere più veloce la manutenzione attraverso l impiego di una valvola locale di non ritorno. In alternativa allo svuotamento dell intera rete di tubazioni, è sufficiente la semplice chiusura della valvola per interventi di manutenzione o sostituzione della testina sprinkler. È inoltre disponibile un ampia serie di testine erogatrici HI-FOG studiate per particolari applicazioni come i casi in cui il flusso d aria non può essere limitato (condotti o camini) o laddove sussistano particolari vincoli su montaggio o struttura degli ugelli. Le testine sprinkler ed erogatrici HI-FOG si adattano all installazione anche in spazi molto ristretti grazie al diametro ridotto delle tubazioni del sistema HI-FOG. È disponibile una vasta gamma di elementi di assemblaggio per il montaggio sulle diverse superfici. Le valvole di non ritorno brevettate semplificano gli interventi di manutenzione rendendoli più rapidi. 12

13 Ugelli HI-FOG della serie 2000 Ugelli HI-FOG della serie 1000 Testine erogatrici HI-FOG Ugelli speciali 13

14 Sistema HI-FOG con pompa elettrica MSPU Scarico / Linea di test 02 Ingresso acqua 03 Pannello di controllo allarme antincendio 04 Serbatoio acqua 05 Fonte esterna d acqua 06 Pompa di alimentazione acqua 07 Giunto a T 08 Valvola di sezionamento 09 Nodo di distribuzione 10 Corpo di assemblaggio 11 Sprinkler 12 Unità di filtraggio 13 Valvola a solenoide Segnale di comando per altre applicazioni Guasto e incendio Alimentazione elettrica Alimentazione elettrica

15 Sistema HI-FOG con pompa pneumatica GPU Ingresso acqua 02 Bombola gas 03 Bombola acqua 04 Giunto a T 05 Valvola di sezionamento 06 Nodo di distribuzione 07 Corpo di assemblaggio 08 Sprinkler 09 Pannello di controllo allarme antincendio 10 Fonte esterna d acqua 11 Valvola di rilascio 12 Valvola secondaria 13 Ingresso riempimento e tappo di sfiato 14 Serbatoio acqua Segnale di comando per altre applicazioni Guasto e incendio Alimentazione elettrica

16 Daniel Spehr Fachhochschule Worms Marioff S.r.l Via Sempione, Pero (MI) Italy Tel Fax Maggiori informazioni sulle società del Gruppo Marioff, sugli agenti/distributori e sulle referenze dei Clienti sono disponibili sul sito Marioff Corporation Oy si riserva il diritto di modificare le informazioni riportate nella presente brochure, dati tecnici inclusi, senza alcuna comunicazione a riguardo. HI-FOG e Marioff sono marchi registrati di Marioff Corporation Oy. Marioff fa parte di UTC Building & Industrial Systems, una divisione di United Technologies Corp. (NYSE:UTX) Tutti i diritti riservati. È vietata la riproduzione anche parziale del presente documento senza espressa autorizzazione scritta di Marioff Corporation Oy. 2400G-IT 2014 Marioff Corporation Oy

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non

Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non Sistemi di protezione dal gelo Per installazioni residenziali e non 2 Soluzioni Antigelo Ensto, niente ghiaccio anche in caso di temperature molto basse. I sistemi elettrici Ensto per la protezione dal

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version

FAS-420-TM rivelatori di fumo ad aspirazione LSN improved version Sistemi di Rivelazione Incendio FAS-420-TM rivelatori di fumo ad FAS-420-TM rivelatori di fumo ad Per il collegamento alle centrali di rivelazione incendio FPA 5000 ed FPA 1200 con tecnologia LSN improved

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear

Protezione dal Fuoco. Vetri Resistenti al Fuoco. Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Protezione dal Fuoco Vetri Resistenti al Fuoco Pilkington Pyrostop Pilkington Pyrodur Pilkington Pyroclear Chicago Art Istitute, Chicago (USA). Chi siamo Produciamo e trasformiamo vetro dal 1826. Questa

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Se progettate di rinnovare o costruire un nuovo bagno, una cucina o un

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Misure precise e affidabili in applicazioni ad alta temperatura, come il trattamento termico e i processi di combustione Materiali ceramici

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO

LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO LINEA GUIDA PER LA CORRETTA MANUTENZIONE DEI SISTEMI ANTINCENDIO Nel rispetto dei diritti di copyright che tutelano le norme tecniche UNI la presente versione della Linea Guida è stata redatta in forma

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Misura di portata Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Scheda tecnica WIKA FL 10.05 FloTec Applicazioni Produzione di petrolio e raffinazione Trattamento

Dettagli

Le applicazioni della Dome Valve originale

Le applicazioni della Dome Valve originale Le applicazioni della Dome Valve originale Valvole d intercettazione per i sistemi di trasporto pneumatico e di trattamento dei prodotti solidi Il Gruppo Schenck Process Tuo partner nel mondo Il Gruppo

Dettagli

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale

I Leader nella Tecnologia dell'agitazione. Agitatori ad Entrata Laterale I Leader nella Tecnologia dell'agitazione Agitatori ad Entrata Laterale Soluzione completa per Agitatori Laterali Lightnin e' leader mondiale nel campo dell'agitazione. Plenty e' il leader di mercato per

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche

Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche Energie rinnovabili - energie di fonti energetiche inesauribili - sono un importante alternativa rispetto allo sfruttamento delle fonti energetiche tradizionali. Il principo dell uso è di deviare energie

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse

ADVANCE Easy Moving. Il pellet diventa facile! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da biomasse ADVANCE Easy Moving www.advanceeasymoving.com Il pellet diventa facile! Caldaia sempre alimentata... senza pensarci! Il primo SISTEMA COMPLETO per l alimentazione di caldaie a combustibile derivato da

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione

Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione 3.347.5275.106 IM-P148-39 ST Ed. 1 IT - 2004 Scaricatori di condensa per aria compressa e gas CAS 14 e CAS 14S - ½, ¾ e 1 Istruzioni di installazione e manutenzione 1. Informazioni generali per la sicurezza

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw. Serie BRIO

Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw. Serie BRIO Compressori rotativi a vite da 2,2 a 11 kw Serie BRIO Approfittate dei vantaggi BALMA Fin dal 1950, BALMA offre il giusto mix di flessibilità ed esperienza per il mercato industriale, professionale e hobbistico

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN

MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Sistemi di Rivelazione Incendio MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN MAGIC.SENS rivelatore d'incendio automatico LSN Proprietà del rivelatore adatte all'utilizzo in ambienti interni Regolazione

Dettagli

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali

FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Sistemi di Rivelazione Incendio FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali FCS-320_TM rivelatori di fumo ad aspirazione convenzionali Per il collegamento a centrali di rivelazione incendio

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT)

PT-27. Torcia per il taglio con arco al plasma. Manuale di istruzioni (IT) PT-27 Torcia per il taglio con arco al plasma Manuale di istruzioni (IT) 0558005270 186 INDICE Sezione/Titolo Pagina 1.0 Precauzioni per la sicurezza........................................................................

Dettagli

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio

Schindler 9500AE Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio Tappeti mobili inclinati Tipo 10/15 Tranquillità e sicurezza Anche se avanzano con brio 2 3 4 Tipo 10 e Tipo 15 Affidabilità per i centri commerciali Appositamente studiati per i centri commerciali, i

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Parma 16 novembre 2012 S.D.A.C. Arch. Fabrizio Finuoli L evoluzione della Prevenzione Incendi 2 Panorama normativo della Prevenzione incendi

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici

Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici RISCALDATORI DI ACQUA IBRIDI LOGITEX LX AC, LX AC/M, LX AC/M+K Gamma di modelli invenzione brevettata Riscaldamento dell acqua con pannelli fotovoltaici Catalogo dei prodotti Riscaldatore dell acqua Logitex

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA IT Sistema a soffitto Il rivoluzionario sistema a soffitto Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA Il rivoluzionario sistema a soffitto Resa certificata Adduzione inserita nella

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06

PARCHEGGI MECCANIZZATI CON FOSSA PER L INTERNOL Modello DUO BOX Mod. DP 03 DP 06 DESCRIZIONE IMPIANTO MOD. DP03 Sistema per il parcheggio di autoveicoli a comando elettrico con movimentazioni oleodinamiche con tre piattaforme singole sovrapposte idonee a parcheggiare in modo indipendente

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità.

Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. 1200 W Riscaldamento elettrico 1 model Pannello agli infrarossi con lampada alogena ELIR Per tutte le applicazioni esterne in cui si desidera un'elevata flessibilità. Applicazioni ELIR offre un riscaldamento

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr

ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 04.07.2006 9:56:34 Uhr ITALIANO SANO Liftkar SAL 2006 RZ.indd 1 04.07.2006 9:56:34 Uhr 1 LIFTKAR, il carrello motorizzato saliscale e MODULKAR, il carrello manuale. 2 3 Caratteristiche principali: 1) Tubolare in Alluminio in

Dettagli

Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount

Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount Bollettino tecnico Gennaio 2013 00813-0102-4952, Rev. DC Sensore su fascetta stringitubo 0085 Rosemount Design non intrusivo per una misura di temperatura facile e veloce in applicazioni su tubazioni Sensori

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Elettrovalvole a comando diretto Serie 300

Elettrovalvole a comando diretto Serie 300 Elettrovalvole a comando diretto Serie 00 Minielettrovalvole 0 mm Microelettrovalvole 5 mm Microelettrovalvole mm Microelettrovalvole mm Modulari Microelettrovalvole mm Bistabili Elettropilota CNOMO 0

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

Focolari ad alto livello

Focolari ad alto livello 34 & 35 1 Focolari ad alto livello Contura 34T e 35T sono due innovativi modelli di stufa in pietra ollare, caratterizzati da un desig n più moderno e slanciato, una migliore visibilità del fuoco e l usuale

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

FORM. superiori a 80 cm. 1,1 4,2 L-2,2 L

FORM. superiori a 80 cm. 1,1 4,2 L-2,2 L FORM FORM è un calorifero estremamente versatile ed elegante grazie alla forma particolare dei collettori e alle dimensioni dei tubi radianti, decisamente ridotte (ø1 mm). Form è prodotto in due modelli:

Dettagli

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico

Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. La nuova generazione di sistemi solari compatti con un design unico Acqua. Calda. Gratis. Questa è la visione di Solcrafte per il futuro. La tendenza in aumento ininterrotto, dei

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli