1. SCHEDA INFORMATIVA 3 2. ATTIVITA PRINCIPALE 3 3. ATTIVITA SECONDARIA 3 4. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE 3

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1. SCHEDA INFORMATIVA 3 2. ATTIVITA PRINCIPALE 3 3. ATTIVITA SECONDARIA 3 4. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE 3"

Transcript

1 Sommario 1. SCHEDA INFORMATIVA 3 2. ATTIVITA PRINCIPALE 3 3. ATTIVITA SECONDARIA 3 4. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE 3 5. RISPETTO DELLE PRESCRIZIONI DEL D.P.G.P 14/01/1992 E DEL D.M. 26/08/ PROVVEDIMENTI GENERALI DI PROTEZIONE NEI CONFRONTI DEL PERICOLO DI INCENDIO MEZZI ED IMPIANTI DI ESTINZIONE DEGLI INCENDI IMPIANTI DI RIVELAZIONE E SEGNALAZIONE DEGLI INCENDI IMPIANTI ELETTRICI CENTRALE TERMICA FUNZIONANTE A GAS IMPIANTO INTERNO DI ADDUZIONE DEL GAS SEGNALETICA DI SICUREZZA GESTIONE DELLA SICUREZZA 27 1

2 14. ADDESTRAMENTO DEL PERSONALE ISTRUZIONI DI SICUREZZA 28 2

3 1. SCHEDA INFORMATIVA Provincia : BOLZANO Comune : BOLZANO Oggetto : Progetto per la ristrutturazione parziale di adeguamento alle direttive per l edilizia scolastica, misure di sicurezza e prevenzione antincendio e normativa per il superamento delle barriere architettoniche della suola RODARI via S. Vigilio a Bolzano. La presente relazione è finalizzata a illustrare i provvedimenti assunti nella ristrutturazione e adeguamento alle direttive scolastiche ai fini della prevenzione incendi. 2. ATTIVITA PRINCIPALE N 85 Scuola di ogni ordine, grado e tipo, collegi accademici e simili per oltre 100 persone presenti (D.M. 16 febbraio 1982) Il progetto è stato studiato e sviluppato sulla attività contemporanea di 15 classi di alunni divise in tre distinte sezioni, che comporteranno la presenza massima simultanea di 343 alunni e in aggiunta tutto il personale docente, logistico e amministrativo. 3. ATTIVITA SECONDARIA N 91 Impianto per la produzione di calore alimentato a combustibile gassoso con potenzialità superiore a kcal/h (D.M. 16 febbraio 1982) Impianto per la produzione di calore. Centrale termica costituita da due generatori di calore funzionate a gas metano dalla pot. foc. 293 kw ciascuno. 4. DESCRIZIONE DELL IMMOBILE Dati generali La struttura intera è costituita da due corpi nettamente distinti, separati da un corpo scala centrale. Ciascuno di tali corpi è configurato con tre livelli, due fuori terra e uno seminterrato, ove sono distribuite le aule normali, speciali e la zona amministrativa. Il piano interrato è caratterizzato principalmente dalle aule di servizio/speciali, vani tecnici, sala udienze, mentre al piano rialzato sono presenti gli uffici amministrativi 3

4 direzionali, classi normali, una biblioteca interna. Il piano primo ospita esclusivamente aule normali con esclusione del blocco ad est dove si trova il locale tecnico unità trattamento aria e un deposito. L intera struttura può essere scomposta in due blocchi, uno ad ovest ed uno ad est. Il blocco ad est è servito da due corpi scala, che fungono da vie di uscita, contrapposti e indipendenti, mentre nel blocco ad ovest oltre al corpo scala principale si è dovuto inserire al piano primo una scala antincendio di sicurezza, per poter ottenere in questo comparto due uscite indipendenti Destinazione d uso dei piani PIANO SEMINTERRATO altezza 2.82 m. Aule sostegno - superficie totale in pianta mq; Aula lingue - superficie totale in pianta mq; Archivio - superficie totale in pianta mq; Depositi - superficie totale in pianta mq; Atrio / ingresso - superficie totale in pianta mq.; Servizi - superficie totale in pianta mq.; Locale quadri elettrici - superficie totale in pianta 3.67 mq; Centrale termica / sottostazione - superficie totale in pianta mq; Cucina funzionante ad energia elettrica superficie totale in pianta mq; Sale mensa - superficie totale in pianta mq; 4

5 PIANO RIALZATO altezza m. BLOCCO A EST Palestra - magazzino - superficie totale in pianta mq; Spogliatoi - superficie totale in pianta mq; Aula insegnanti - superficie totale in pianta 44.42mq; Aula informatica - superficie totale in pianta mq; Biblioteca ad uso esclusivo - superficie totale in pianta mq; Direzione / segreteria / guardiania - superficie totale in pianta 64.43mq; Atrio - superficie totale in pianta mq; Servizi - superficie in pianta mq; BLOCCO A OVEST Aule n 5 - superficie totale in pianta mq; Atrio - superficie totale in pianta mq; Servizi - superficie totale in pianta mq; PIANO PRIMO altezza m. BLOCCO A EST Aule n 5 - superficie totale in pianta mq; Aule di sostegno n 2 - superficie totale in pianta mq; Atrio - superficie totale in pianta mq; Servizi - superficie totale in pianta mq; Locale tecnico / deposito - superficie totale in pianta mq; BLOCCO A OVEST Aule n 5 - superficie totale in pianta mq; Atrio - superficie totale in pianta mq; Servizi - superficie totale in pianta mq; Deposito - superficie totale in pianta 7.43 mq; Accesso L accesso all area è situato sulla via S, Vigilio, direttamente comunicante con il cortile principale a nord, che avrà la funzione in caso di emergenza di area di soccorso e di 5

6 manovra. L ingresso all area in oggetto ha una larghezza maggiore di 3,50 m e una raggio di manovra interno superiore a 13,0 m ( art. 2.2 del D.M. 26/08/1992). Mentre sul lato a sud è presente un area che verrà utilizzata come luogo sicuro e di raccolta delle persone in caso di emergenza e di evacuazione in modo da non intralciare le attività e operazioni di soccorso Caratteristiche architettoniche e costruttive Per quanto riguarda la distribuzione planovolumetrica dell attività, con indicazione delle aree di accesso dei mezzi di soccorso dei Vigili del Fuoco, i luoghi sicuri e di raccolta delle persone in caso di evacuazione, le vie di fuga, i locali di deposito, le compartimentazioni si rimanda agli elaborati grafici allegati alla presente relazione. Il fabbricato in oggetto è realizzato in: muratura perimetrale in blocchi di laterizio spessore 38 cm; struttura portante a telaio in cemento armato solai in latero cemento; vano scala centrale interno di larghezza non inferiore a 150 cm in c.l.s. vano scala a est interno di larghezza non inferiore a 120 cm in c.l.s. 5. RISPETTO DELLE PRESCRIZIONI DEL D.P.G.P 14/01/1992 e del D.M. 26/08/ Compartimento La scuola, che si sviluppa per due piani fuori terra e uno seminterrato, è stata suddivisa su ciascun piano in due compartimenti antincendio; uno sul blocco ad est e uno su quello ad ovest. L edificio, oggetto d intervento, è servito da tre vie di sicurezza: la scala principale di accesso alla scuola e quella ad ovest fungono da vie di sicurezza a servizio dei due corpi; inoltre al piano primo del corpo ad est è stato aggiunto una scala esterna per garantire una doppia uscita indipendente. I vani scala, che collegano i compartimenti interni con porte RE 60, sono di tipo protetto e ventilati, con superficie di aerazione minima di 1/20 della superficie in pianta. Sia la scala principale di accesso ai due livelli fuori terra sia quella collega il piano rialzato con quello seminterrato hanno rispettivamente una larghezza pari a 1,50 m. 6

7 Ogni compartimento è servito da due vie di uscita indipendenti e contrapposte, raggiungibili con percorsi inferiori a 30 m e di larghezza minima 1,20 m. I percorsi di evacuazione, corridoi e scale sono stati studiati per garantire sia un agevole deflusso delle persone sia il corretto dimensionamento delle larghezze dei percorsi in ragione di 1cm ogni persona. Al lato seminterrato lato ovest il nuovo progetto prevede la realizzazione di una cucina compartimentata R.E.I. 120 dalle nuove sale mensa. Ogni sala mensa come anche la cucia sono dotate tutte di una uscita di emergenza sfociante direttamente verso l esterno. Il blocco cucina-mensa risulterà compartimentato con strutture R.E.I. 60 dal resto dell edificio. PROSPETTO dimensionamento vie di fuga COMPARTIMENTO N AULE LOCALI N alunni N personale Tot. Persone presenti N vie di fuga Larghezza minima (n px1cm) Larghezza via di uscita P.1 - comp. EST ,19 m 1,20 m P.1 - comp. OVEST ,20 m 1,21 m P.R. - comp. EST ,19 m 1,60 m P.R. - comp. OVEST ,11 m 1,60 m P.Int. - comp. EST ,80 m 1,20 m Sala udienze P.Int. - comp. EST ,46 m 1,20 m Musica aula P.Int. - comp. OVEST m 1,25 m Resistenza al fuoco delle strutture (art.3.1 e art. 11 D.M.I. 26/08/92 e art. 96 D.P.G.P. 14/01/92) Le strutture portanti sono realizzate in cemento armato e tamponamento in mattoni in laterizio che garantiscono una resistenza al fuoco di almeno R 60 (strutture portanti) e REI 60 (strutture separanti). Le caratteristiche di reazione al fuoco dei materiali utilizzati è: negli atri, nei corridoi, nei disimpegni, nelle scale, nelle rampe e passaggi in genere è consentito l impiego dei materiali di classe 1 in ragione del 20% massimo della loro superficie totale. Tutte le restanti parti sono impiegati materiali di classe 0; in tutti gli altri ambienti è consentito l utilizzo di pavimenti compresi i relativi 7

8 rivestimenti di classe 2 e gli altri materiali di rivestimento di classe 1; materiali di rivestimento combustibili, ammessi nelle varie classi di reazione al fuoco, debbono essere posti in opera in aderenza agli elementi costruttivi, di classe 0 con l esclusione di intercapedini e spazi vuoti. materiali suscettibili di prendere fuoco su entrambi i lati (tendaggi ecc..) devono essere di classe di reazione al fuoco 1 o inferiore Resistenza al fuoco del vano ascensore (art.3.1 e art. 11 D.M.I. 26/08/92 e art. 96 D.P.G.P. 14/01/92) All interno dell edificio scolastico verrà installato nel blocco scale ad ovest un vano ascensore a servizio dei tutti i tre piani. IL vano ascensore dovrà garantire una resistenza al fuoco di almeno R 60 e essere conforme alle seguenti prescrizioni: i vani corsa avranno le medesime caratteristiche di resistenza al fuoco dei vani scala in prossimità dei quali sono installati; i vani corsa avranno in sommità una superficie di areazione netta permanente non inferiore al 3% dell area della sezione netta orizzontale dei vani corsa stessi con un minimo di 0.20 mq. i locali macchine saranno separati dagli altri locali con destinazioni d uso diverse mediante strutture separanti aventi resistenza al fuoco non inferiore a 60 minuti primi (REI 60) i locali macchine avranno in sommità una superficie di aerazione netta permanente non inferiore al 3% della superficie dei locali stessi con un minimo di 0.05 mq. le porte di accesso a detti locali saranno del tipo tagliafuoco se posizionate in corrispondenza di strutture separanti (REI 60) Spazio a rischio specifico (art.3.1 e art. 11 D.M.I. 26/08/92 e art. 96 D.P.G.P. 14/01/92) All interno dell edificio sono previsti dei locali, che vengono classificati come spazi a rischio specifico. Al piano seminterrato saranno individuate una aula cucina con annesso deposito e piccola cucina, un deposito a servizio del materiale di pulizia e per ultimo un archivio. 8

9 Questi locali, essendo considerati zone a rischio, sono stati opportunamente compartimentati e isolati con strutture REI 60, per la sola attività aula cucina, e REI 120 per l archivio e depositi, inoltre in tutti i locali non sarà ammesso tenere ed usare fiamme libere, fornelli o stufe a gas, stufe elettriche con resistenza in vista, stufe a kerosene, apparecchi a incandescenza senza protezione, nonché depositare sostanze che possano, per la loro vicinanza, reagire tra loro provocando incendi e/o esplosioni. Per quanto riguarda le aperture di aerazione necessarie nei locali adibiti ad archivio e/o deposito saranno realizzate apertura aventi una superficie complessiva minima pari ad 1/30 della superficie in pianta dei rispettivi locali. Ogni locale sarà presidiato da un sistema automatico di rivelazione incendi. All interno dell archivio vi sarà presenza saltuaria di personale (max 2-3 persone) in occasione delle operazioni di deposito, sistemazione e consultazione della documentazione cartacea. Per una corretta analisi della situazione di sicurezza e di prevenzione incendi è necessario determinare il carico di incendio relativo al locale in oggetto. Il carico di incendio rappresenta la quantità di calore che le sostanze combustibili presenti in un compartimento possono sviluppare durante un incendio, riferita alla superficie totale del compartimento stesso. Nei due casi in oggetto risulta, in questa fase, assai difficile determinare la suddivisione interna degli spazi ed il conseguente quantitativo di materiale combustibile in essi presente. Entrambi i reparti saranno comunque compartimentati mediante strutture portanti e di separazione verticali ed orizzontali aventi caratteristiche di resistenza al fuoco non inferiori a 120 minuti primi (R RE REI 120). Qualora in fase di ulteriore definizione progettuale il carico di incendio dovesse variare ed assumere un valore superiore a quello previsto nella presente relazione sarà cura dell Amministrazione Scolastica definire le nuove condizioni di esercizio e prevedere le necessarie modifiche alle strutture di compartimentazione in modo da adeguare queste ultime al nuovo carico di incendio ed alla nuova classe del locale. Le vie di esodo e le uscite di emergenza saranno dimensionate e definite in funzione di quanto stabilito agli art.98 del D.P.G.P. dd. 14/01/1992 e secondo art. 5 del D.M. 26/08/

10 Lo scopo degli articoli precedentemente descritti è quello di garantire l esodo degli occupanti dai locali in ogni circostanza stabilendo che in caso di pericolo tutti i posti di lavoro devono poter essere evacuati rapidamente in piena sicurezza. Per quanto riguarda detti locali sono state previste n.2 uscite di sicurezza avente larghezza minima l=1,20 ml situate in modo tale da consentire una percorrenza massima non superiore a ml; inoltre le porte di uscita avranno senso di apertura nella direzione dell esodo e saranno dotate di meccanismo automatico di chiusura Sala mensa Sul piano seminterrato si trovano le tre sale mensa, che saranno provviste di un sistema organizzato di due vie di uscita per ogni sala di cui una verso l esterno, per il deflusso rapido ed ordinato degli occupanti verso spazi scoperti o luoghi sicuri in caso di incendio o di pericolo di altra natura. Il percorso di esodo in ogni punto avrà larghezza uguale o superiore a 120 cm, sarà privo di ostacoli, segnalato con cartelli conformi al D.P.R. n.521/82 e provvisto, ad intervalli regolari, di cartelli recanti le istruzioni sul comportamento che in caso di incendio dovranno tenere gli occupanti. I percorsi di esodo inoltre, avranno lunghezza non superiore a 30 m, saranno dimensionati in funzione del massimo affollamento ipotizzato, con una capacità di deflusso non superiore a 161 alunni Palestra Nella zona ad est al piano rialzato si trova la palestra, dove si è riusciti a creare all interno dell atrio, due accessi indipendenti direttamente comunicanti, uno all interno della scuola mentre l altro all esterno; in modo da non interferire con le attività scolastiche in caso di manifestazioni sportive esterne. Per quanto riguarda le vie di sicurezza, anche in questo caso, è garantita la presenza di due uscite di sicurezza contrapposte di larghezza uguale o maggiore di 120 cm direttamente comunicanti con l'esterno. Anche in questo caso i percorsi di esodo avranno uno sviluppo non superiore a 30 m. La palestra è servita da un magazzino per il deposito attrezzi ginnici, che sarà comunque compartimentato mediante strutture di separazione verticali ed 10

11 orizzontali aventi caratteristiche di resistenza al fuoco non inferiori a 120 minuti primi (R RE REI 120). 6. Provvedimenti generali di protezione nei confronti del pericolo di incendio In tutti i locali non sarà ammesso tenere ed usare fiamme libere, fornelli o stufe a gas, stufe elettriche con resistenza in vista, stufe a kerosene, apparecchi a incandescenza senza protezione, nonché depositare sostanze che possano, per la loro vicinanza, reagire tra loro provocando incendi e/o esplosioni. Negli atri, nei corridoi, nei disimpegni, nelle scale, nelle rampe, il carico d incendio esistente costituito dalle strutture, non verrà modificato con l apporto di ulteriori arredi e di materiali combustibili. Il carico di incendio relativo agli arredi ed al materiale depositato, con esclusione delle strutture e degli infissi combustibili esistenti, non supererà i 50 kg/mq in ogni singolo ambiente Materiali omologati Ove richiesta l'installazione di materiale omologato ai fini della prevenzione incendi l omologazione dovrà essere acquisita secondo i criteri e procedure riconosciute in Italia. In particolare tali omologazioni saranno conformi a: D.M. Interno del 26/06/1984: "Classificazione di reazione al fuoco ed omologazione dei materiali ai fini della prevenzione incendi." D.M. Interno del 20/12/1982: "Norme tecniche e procedurali relative agli estintori portatili d incendio, soggetti all'approvazione di tipo da parte del Ministero dell'interno." UNI 9723 "Resistenza al fuoco di porte ed altri elementi di chiusura. Prove e criteri di classificazione UNI 7677 "Prove al fuoco -Termini e definizioni", UNI EN "Prove di resistenza al fuoco - Requisiti generali", UNI EN "Prove di resistenza al fuoco - Procedure alternative e aggiuntive". Le strutture e gli elementi omologati dovranno essere dotate di certificazione rilasciata dal Centro Studi e Esperienze o dai Laboratori Ufficiali autorizzati dal Ministero dell'interno in applicazione delle norme relative. L'installatore dovrà posare in opera il materiale certificato secondo le indicazioni del costruttore e rilascerà dichiarazione di corretta posa in opera. 11

12 Attraversamento strutture REI Gli attraversamenti delle strutture REI saranno realizzati come sotto descritto. Per le vie cavi con barriera tagliafiamma per passaggi in parete o soffitto costituiti da: sacchetti sigillati in plastica contenenti strisce di materiale termoespandente resistente al fuoco ricavate da lastre, tamponi in fibra minerale non infiammabile, spessore 4 cm, per la chiusura degli imbocchi e impedire il passaggio del fumo. Negli attraversamenti di tubazioni metalliche si eviterà la propagazione dell'incendio causata dall'elevata trasmissione del calore lungo le stesse tubazioni utilizzando barriere di tipo "Grunau foam" realizzate avvolgendo la tubazione a monte e a valle della parete con fogli di spugna poliester-poliuretanica autoadesiva, densità 100kg/m3, successivamente impregnati con vernice a base acquosa di resine termoplastiche, fibre inorganiche incombustibili e vari pigmenti ritardanti il fuoco, priva di solventi che non produce alogeni (colore bianco; densità 1,43 kg/dm3; PH= 7,8; residuo secco =70%; tempo di essiccazione 24 ore a 20 C). La protezione ablativa è ottenuta dalla reazione endotermica causata dalla scomposizione chimica e fisica dei componenti della vernice sottoposta ad una elevata temperatura. Negli attraversamenti di tubazioni in materiale plastico la compartimentazione sarà ripristinata con barriere tipo "Grunau pipe seal FB" realizzate da un involucro flessibile in lamiera di acciaio zincato contenente al suo interno capsule di materiale intumescente che, sotto l'azione del calore, si espandono e schiacciano il tubo combustibile rammollito, fino a ostruire completamente il foro nella parete. In funzione della resistenza al fuoco da ripristinare saranno montati uno o due collari (uno per lato). Negli attraversamenti dei canali di ventilazione con serrande tagliafuoco omologate secondo la circ. n. 91 del Ministero degli interni tarate su una temperatura di sgancio di 72 C (chiusura per effetto termico) e, se necessario, mediante rivelatori di fumo per la chiusura delle serrande in presenza di fumi freddi Vie di uscita (D.M. Interno del 10/03/1998) 12

13 Le porte installate lungo le vie d'uscita e in corrispondenza delle uscite di piano si apriranno nel verso dell'esodo. Tutte le porte resistenti al fuoco saranno munite di dispositivo di autochiusura. Le porte in corrispondenza di locali adibiti a depositi potranno essere non dotate di dispositivo di autochiusura, ma saranno tenute chiuse a chiave. Le porte resistenti al fuoco installate lungo le vie d'uscita e dotate di dispositivo di autochiusura se utilizzate frequentemente nella circolazione pedonale saranno tenute in posizione aperta tramite appositi dispositivi elettromagnetici che ne consentano il rilascio a seguito: dell'attivazione di rivelatori di fumo posti in vicinanza delle porte; dell'attivazione automatica o manuale di un sistema di allarma incendio; di mancanza di alimentazione elettrica del sistema di allarme incendio Sistemi di apertura delle porte Sarà nominato un responsabile che avrà il compito di assicurarsi all'inizio della giornata lavorativa che le porte in corrispondenza delle uscite di piano e quelle da utilizzare lungo le vie di esodo non siano chiuse a chiave. Se saranno previsti accorgimenti antintrusione, le porte dovranno essere aperte facilmente e immediatamente dall'interno senza l'uso delle chiavi. Tutte le porte delle uscite che devono essere tenute chiuse durante l'orario di lavoro e per le quali è obbligatoria l'apertura nel verso dell'esodo si apriranno a semplice spinta dall'interno. Se saranno adottati accorgimenti antintrusione, si prevedranno idonei e sicuri sistemi di apertura delle porte alternativi a quelli previsti nel presente punto e tutti gli utenti saranno messi a conoscenza del particolare sistema di apertura per essere capaci di utilizzarlo in caso di emergenza Illuminazione delle vie d'uscita Tutte le vie d'uscita, inclusi anche i percorsi esterni, saranno adeguatamente illuminati per consentire la loro percorribilità in sicurezza fino all'uscita su luogo sicuro. Nelle aree prive di illuminazione naturale o utilizzate in assenza di illuminazione naturale sarà previsto un sistema di illuminazione di sicurezza con inserimento automatico in caso di interruzione dell'alimentazione di rete. 13

14 Divieti da osservare lungo le vie d'uscita Lungo le vie d'uscita sarà vietata l'installazione di attrezzature che possono costituire pericoli potenziali di incendio od ostruzione delle stesse. 7. Mezzi ed impianti di estinzione degli incendi Estintori portatili Per quanto riguarda la protezione diretta e l estinzione del sorgere di incendi, verrà installato un estintore mobile da kg 6 con potere estinguente non inferiore a 13 A ogni 200 mq di superficie di pavimento e ad una distanza massima l uno dall altro di 25 m. Per quanto riguarda la posizione si rimanda agli elaborati grafici allegati alla presente relazione Impianto di estinzione fisso ad idranti L edificio scolastico è dotato di una rete antincendio esistente a servizio di idranti a muro posizionati su ciascun piano nei pressi delle vie di uscita. All interno di ogni piano e a servizio di ciascun compartimento compreso il blocco vano scale principale è installato un idrante a muro con attacco STORZ 52. L impianto deve garantire una portata minima di 360 l/min per ogni colonna montante e il funzionamento contemporaneo di almeno due colonne. L alimentazione all acquedotto pubblico deve essere in grado di assicurare l erogazione ai 3 idranti idraulicamente più sfavoriti, di 120 l/min. cad., con una pressione residua alla lancia di 1,5 bar per un tempo di 60 min. Le tubazioni di alimentazione e quelle della rete interna devono essere protette dal gelo, da urti e dal fuoco. I diversi piani dell edificio sono provvisti di: Piano Seminterrato 3 idranti STORZ 52 Piano Rialzato 3 idranti STORZ 52 Piano Primo 2 idranti STORZ 52 Palestra 1 naspo UNI 25 Gli idranti, ben segnalati, visibili e dotati di una propria saracinesca, sono posizionati vicino agli accessi ed alle uscite di sicurezza, in modo che disteso le tubazioni flessibili (20 m circa), sarà possibile raggiungere col getto ogni punto della zona 14

15 servita. Fuori dall edificio, in zona facilmente raggiungibile e visibile, è installato un attacco motopompa VVF collegato all impianto ad idranti. La prova di tenuta dovrà essere eseguita prima di mettere in servizio l impianto interno. La prova andrà effettuata adottando gli accorgimenti necessari per l esecuzione in condizioni di sicurezza. Inoltre l impianto dovrà essere collaudato da tecnico abilitato, verificando che la portata dell idrante più sfavorito, sia sufficiente anche quando è in funzione metà più uno degli idranti. Per quanto riguarda la posizione si rimanda agli elaborati grafici allegati alla presente relazione. 8. Impianti di rivelazione e segnalazione degli incendi. L edificio scolastico sarà dotato di impianto fisso di rivelazione e segnalazione automatica degli incendi in grado di rivelare e segnalare a distanza un principio di incendio che possa verificarsi nell ambito dell attività. L impianto verrà progettato e realizzato a regola d arte, la segnalazione di allarme proveniente da uno qualsiasi dei rivelatori utilizzati determinerà sempre un segnale ottico ed acustico di allarme incendio nella centrale di controllo e segnalazione, la quale sarà ubicata in ambiente presidiato. Nei locali, come i corridoi, le scale, gli spazi a rischio specifico e altri ambienti dove si svolgono attività particolari, verrà installato almeno un sistema di allarme acustico in grado di avvertire i presenti delle condizioni di pericolo in caso di incendio. Tale sistema verrà attivato dal responsabile dell attività o di un suo delegato. I dispositivi sonori avranno caratteristiche e sistemazione tali da poter segnalare il pericolo a tutti gli occupanti. Il comando del funzionamento dei dispositivi sonori verrà sistemato in uno o più luoghi posti sotto controllo del personale. Gli impianti avranno almeno due alimentazioni elettriche, una di riserva all altra. Un alimentazione sarà in grado di assicurare il funzionamento per almeno 60 minuti consecutivi. Le apparecchiature di trasmissione saranno poste in luogo sicuro noto al personale e facilmente raggiungibile dal personale stesso. 9. Impianti elettrici Gli impianti elettrici saranno realizzati in conformità alla legge n.186 del 1 marzo Tutti i locali dove si svolgeranno le attività scolastiche, aule, sale udienze, palestra, 15

16 archivio ecc., saranno dotati di due impianti distinti di illuminazione (normale e di sicurezza). All'interno delle sale e lungo le vie di esodo saranno quindi installate e/o integrate lampade per l'illuminazione di sicurezza complete di batteria tampone e di raddrizzatore per la ricarica automatica; esse saranno posizionate in modo tale da consentire una adeguata intensità luminosa fino alle uscite di sicurezza previste. Anche le iscrizioni luminose delle porte e le eventuali frecce indicatrici saranno alimentate con entrambi gli impianti di illuminazione. L autonomia dell alimentazione di sicurezza dovrà consentire lo svolgimento in sicurezza di tutte le operazioni di soccorso e di spegnimento dell incendio per il tempo necessario; in ogni caso l autonomia minima, sia per l impianto di illuminazione sia l impianto di diffusione sonora, sarà non inferiore a 60 minuti. L impianto di illuminazione di sicurezza consentirà un livello di illuminazione non inferiore a 5 lux (valutato a 1.00 ml di altezza dal piano di calpestio lungo le vie di esodo). Gli impianti elettrici al servizio dei locali saranno realizzati in base alle norme CEI vigenti in materia. Gli impianti di allarme e rivelazione inoltre, disporranno di circuito di sicurezza Il quadro elettrico generale verrà ubicato in posizione facilmente accessibile, segnalata e protetta dall incendio. L edificio inoltre, sarà protetto contro le scariche atmosferiche. 10. Centrale termica funzionante a gas L intervento prevede la sostituzione degli attuali generatori di calore asserventi l edificio, con la relativa impiantistica di centrale termica, e la rimozione e sostituzione dei corpi scaldanti del piano seminterrato e della zona palestra. La centrale termica dell edificio in oggetto è ubicata al piano seminterrato, a quota non inferiore a -5 m al di sotto del piano di riferimento. Almeno una parete, di lunghezza non inferiore al 15% del perimetro, s attesta su spazio a cielo. Su tale parete è realizzata l apertura d aerazione permanente con superficie superiore a cm². L accesso dal locale avviene attraverso intercapedine antincendio. La porta del locale sarà apribile verso l esterno, munita di congegno di autochiusura, di altezza minima di 2 m e larghezza minima 0,6 m e sarà costituita in materiale di classe 0 di reazione al fuoco. L altezza interna del locale caldaia non è inferiore a 2.90 m. 16

17 Le strutture portanti possiederanno i requisiti di resistenza al fuoco pari a R 120, quelle di separazione da altri ambienti pari a R.E.I.120. Nella suddetta centrale saranno installati n. 2 generatori a condensazione, a camera di combustione stagna, funzionanti a gas metano con potenzialità al focolare rispettivamente di 293 kw, per una portata termica complessiva di 586 kw, atti al riscaldamento dell intero stabile. I gruppi termici saranno dotati delle apparecchiature di regolazione, espansione, sicurezza e controllo previste dagli elaborati tecnici e dalla normativa vigente. Le caldaie saranno collegate mediante collettore fumi in polipropilene ad un canna fumaria anch essa in polipropilene intubata in cavedio secondo UNI Il canale da fumo in corrispondenza dell attraversamento del corridoio della scuola al piano seminterrato verrà posizionato in cavedio ispezionabile avente resistenza al fuoco di R.E.I I nuovi generatori saranno collegati ai circuiti degli impianti termici esistenti. Dal collettore esistente nella sottostazione si aggiungerà il circuito asservente la U.T.A. della cucina. Nel locale tecnico della palestra sarà installata la relativa sottostazione con il collettore asserventi i vari circuiti termici di zona. La valvola miscelatrice sul circuito degli impianti radianti collegata ad una centralina climatica regolerà, la temperatura dell acqua di mandata in funzione della temperatura esterna e delle effettive esigenze. L impianto funzionerà in base ai carichi termici effettivamente richiesti dal fabbricato. La distribuzione all interno della CT e delle sottostazioni sarà realizzata con tubazioni nere, senza saldature tipo commerciale, serie media secondo tabella UNI EN 10255:2005 coibentate con coppelle in lana di vetro di spessore a norma L.10/91 e D.lgs. 192/05. 17

18 CARATTARISTICHE SINGOLO GENERATORE DATI TECNICI Potenzialità utile TM/TR= 50/30 C kw TM/TR=80/60 C kw Potenzialità al focolare kw Temperatura max. d'esercizio 95 C Temperatura max. esercizio (= temperatura di sicurezza) 110 C Pressione max. d esercizio 4 bar Dimensioni d ingombro totali Dimensioni d ingombro totali e 1790 mm Larghezza totale c 915 mm Altezza totale a 1450 mm Basamento Lunghezza 1250 mm Larghezza 800 mm Altezza 100 mm Peso corpo caldaia 256 kg Peso complessivo 360 kg Contenuto acqua di caldaia 279 litri Attacchi caldaia Mandata caldaia DN 65 PN 6 Ritorno caldaia DN 65 PN 6 Attacco di sicurezza (valvola di sicurezza) DN 1¼ R Scarico R 1 R Scarico acqua di condensa (sifone) R 20 mm Gas di scarico Temperatura (con una temperatura del ritorno di 30 C) alla potenzialità utile in riscaldamento 45 C a carico ridotto 35 C Temperatura (con una temperatura del ritorno di 60 C) 75 C Pressione disponibile 70 Pa Attacco scarico fumi Ø 200 mm 18

19 I nuovi elementi scaldanti sono di tipo tubolare tranne quelli della palestra e dei relativi spogliatoi, dove è prevista la posa di un impianto radiante a pavimento. L operazione di sostituzione dei radiatori dovrà essere realizzata adottando radiatori con interasse degli attacchi a misura, senza ricorrere a modifiche e/o adattamenti degli attacchi preesistenti. I nuovi corpi scaldanti saranno costituiti da: radiatori tubolari in acciaio. Tutti i radiatori compresi anche quelli esistenti saranno completi di nuove valvole termostatiche, di detentori e valvoline di sfiato. Dove è stato progettato l inserimento di nuovi corpi scaldanti, si è prevista l intercettazione delle tubazioni esistenti e lo spostamento delle stesse, realizzate con tubazioni nere, senza saldature tipo commerciale, serie media secondo tabella UNI 8863, con giunzioni saldate opportunamente coibentate con coppelle in lana di vetro negli spessori previsti dal D.Lgs. 311/06. Lo spostamento verticale ed orrizzontale delle nuove tubazioni a servizio dei corpi scaldanti viene realizzato nel seguente modo: - distribuzione con tubazioni nere, senza saldature tipo commerciale, serie media secondo tabella UNI 8863, con giunzioni saldate opportunamente coibentate negli spessori previsti dalla L.10/91; - distribuzione con tubo in rame crudo o ricotto, opportunamente coibentato negli spessori previsti dalla L. 10/91. 19

20 11. Impianto interno di adduzione del gas Il dimensionamento delle tubazioni e degli eventuali riduttori di pressione sarà tale da garantire il corretto funzionamento degli apparecchi di utilizzazione. L impianto interno ed i materiali impiegati dovranno essere conformi alla legislazione vigente Materiali delle tubazioni Potranno essere utilizzati solamente tubi idonei. Sono considerati tali quelli rispondenti alle caratteristiche di seguito indicate e realizzati in acciaio Tubi di acciaio I tubi in acciaio potranno essere senza saldatura oppure con saldatura longitudinale e dovranno avere caratteristiche qualitative e dimensionali non inferiori a quelle indicate dalla norma UNI I tubi in acciaio con saldatura longitudinale, se interrati, dovranno avere caratteristiche qualitative e dimensionali non inferiore a quelle indicate dalla norma UNI Giunzioni, raccordi e pezzi speciali, valvole Tubazioni in acciaio a) L impiego di giunti a tre pezzi sarà ammesso esclusivamente per i collegamenti iniziale e finale dell impianto interno; b) le giunzioni dei tubi di acciaio dovranno essere realizzate mediante raccordi con filettature o a mezzo saldatura di testa per fusione o a mezzo di raccordi flangiati; c) nell utilizzo di raccordi con filettatura sarà consentito l impiego di mezzi di tenuta, quali ad esempio canapa con mastici adatti (tranne per il gas con densità maggiore di 0.8), nastro di tetrafluorcetilene, mastici idonei per lo specifico gas. Sarà vietato l uso di biacca, minio o altri materiali simili; d) tutti i raccordi ed i pezzi speciali dovranno essere realizzati di acciaio oppure di ghisa malleabile; quelli di acciaio con estremità filettate o saldate, quelli di ghisa malleabile con estremità unicamente filettate; e) le valvole dovranno essere di facile manovrabilità e manutenzione e con possibilità di rilevare facilmente le posizioni di aperto e di chiuso. Esse dovranno essere di acciaio, di ottone o di ghisa sferoidale con sezione libera di passaggio 20

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO

I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO I&Q STUDIO TECNICO ASSOCIATO COMUNE DI SEGRATE PROVINCIA DI MILANO AL COMANDO PROVINCIALE DEI VV.F. DI MILANO Ufficio Prevenzione Incendi Relazione tecnica concernente l installazione di cucina per ristorante

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi

Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Allegato 07 - Norme prevenzione incendi Estratto dal: Decreto Ministeriale del 10 marzo 1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro. 3.1. DEFINIZIONI

Dettagli

UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione

UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione UNI 7129 Impianti a gas per uso domestico alimentati da rete di distribuzione Progettazione, installazione e manutenzione Scopo La presente norma ha lo scopo di fissare i criteri per la progettazione,

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418. Regolamento concernente norme di sicurezza antincendio per gli edifici di interesse storico-artistico destinati a biblioteche ed archivi.

Dettagli

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1

Relazione tecnica di prevenzione incendi 1 1. RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI... 2 1.1. PREMESSA... 2 1.2 ACCESSIBILITÀ PER I DISABILI... 3 2. GENERALITA... 4 2.1. PRESIDI PASSIVI ANTINCENDIO... 4 2.2 SISTEMA DI RIVELAZIONE INCENDIO...

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Corso scienza e tecnica della prevenzione incendi Pisa 11-12 Aprile 2014 La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Dr. Ing. Fabio Bernardi C.N.VV.F. 1 2 Attività commerciali

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Preambolo Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Il Ministro dell'interno

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA

STUDIO TECNICO INGEGNERIA IMPIANTISTICA via aspromonte, 29-23900 LECCO - tel. 0341-282334 / 365570 fax c.f. - p. i.v.a. via colonna, 29-22100 COMO - tel. 031-505548 / 505410 fax 01985140134 e-mail : scilecco@tin.it - scicomo@tin.it A.L.E.R.

Dettagli

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto.

1.2. ALTEZZA DEI PIANI. Altezza massima misurata tra pavimento e intradosso del soffitto. ESPRESSIONI SPECIFICHE DELLA PREVENZIONE INCENDI ( ESTRATTO DEL D.M. 30 NOVEMBRE 1983 ) Ai fini di un uniforme linguaggio ed uniforme applicazione delle norme emanate, si è rilevata la necessità di determinare

Dettagli

* * * * * Pratica VV.F. 4996

* * * * * Pratica VV.F. 4996 Azienda Ospedaliera Policlinico di Modena ******** ADEGUAMENTO ANTINCENDIO AL PROGETTO GUIDA DEGLI ATRI E DEI VANI SCALA DEL POLICLINICO DI MODENA RELAZIONE TECNICA * * * * * Pratica VV.F. 4996 L AMMINISTRAZIONE

Dettagli

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori

D.M. 27 / 07 / 2010 3.5 ascensori 3.5 ascensori se attraversano due compartimenti, vano corsa protetto EI come strutture (vale anche per le scale) H > 24 m almeno un ascensore antincendio 1 4.1 affollamento aree vendita dettaglio alimentari

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno.

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ANTINCENDIO Attività: 68 D.P.R. 01.08.2011 n 151-86 D.M. 16.02.1982 Riferimenti: Decreto Ministro dell Interno 18 settembre 2002 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MESSINA Area Servizi Tecnici Progetto esecutivo di un piano intermedio da realizzarsi nell edificio C del Plesso Centrale Universitario RELAZIONE TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI

Dettagli

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI

1.0.0. PREMESSA 2.0.0. EDIFICI 1.0.0. PREMESSA L Azienda Ospedaliera Ospedale di Lecco intende procedere, presso il Presidio Ospedale S. Leopoldo Mandic di Merate, alla ristrutturazione di tre reparti (Pneumologia; Centro assistenza

Dettagli

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm

http://www.vigilfuoconole.it/normativa/1983-dm-30-11-83-simboli.htm Pagina 1 Decreto Ministeriale 30 novembre 1983 Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi (Gazzetta Ufficiale n. 339 del 12 dicembre 1983) IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 13 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 INDIVIDUAZIONE DEI

Dettagli

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa

Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione arch. Antonio Esposito Comando Provinciale VV.F. Pisa DPR 151/2011 Regolamento

Dettagli

Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO DECRETA:

Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO DECRETA: MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 30 NOVEMBRE 1983 (G.U. n. 339 del 12 dicembre 1983) Termini, definizioni generali e simboli grafici di prevenzione incendi IL MINISTRO DELL'INTERNO VISTA la

Dettagli

Registro antincendio e dei controlli periodici

Registro antincendio e dei controlli periodici Registro antincendio e dei controlli periodici Art. 12 del D. M. 26 agosto 1992 Art. 4. D.M 10 marzo 1998 D.Lgs 81/08 e successive modifiche e integrazioni D.P.R. 1 agosto 2011, n. 151 www.sicurezzainnanzitutto.it

Dettagli

OPERE DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO AL SERVIZIO CENTRALE TERMICA SITA NEL COMPLESSO DEL MONASTERO DI SANTA MARIA IN VALLE PROGETTO GAS

OPERE DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO AL SERVIZIO CENTRALE TERMICA SITA NEL COMPLESSO DEL MONASTERO DI SANTA MARIA IN VALLE PROGETTO GAS OPERE DI EFFICIENTAMENTO ENERGETICO AL SERVIZIO CENTRALE TERMICA SITA NEL COMPLESSO DEL MONASTERO DI SANTA MARIA IN VALLE PROGETTO GAS Comune di: CIVIDALE DEL FRIULI Provincia di : UDINE Committente/i:

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGETTO ESECUTIVO PER LAVORI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATI DI E.R.P. COMPOSTO DA N. 8 ALLOGGI SITO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO 1 RELAZIONE TECNICA ANTINCENDIO PREMESSA 2 La presente relazione ha per oggetto l individuazione delle misure di prevenzione incendi riguardanti la progettazione e la costruzione del compendio edilizio

Dettagli

Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI

Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI Decreto Ministero dell Interno 30 novembre 1983 TERMINI E DEFINIZIONI GENERALI DI PREVENZIONE INCENDI D.M. 30/11/1983 1. Caratteristiche costruttive 2. Distanze 3. Affollamento - esodo 4. Mezzi antincendio

Dettagli

Impianti per la produzione di calore alimentati da combustibili gassosi e da combustibili liquidi

Impianti per la produzione di calore alimentati da combustibili gassosi e da combustibili liquidi «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» A.A. 2013-2014 Impianti per la produzione di calore alimentati da combustibili gassosi e da combustibili liquidi arch. Antonio Esposito Comando Provinciale

Dettagli

DECRETO 22 ottobre 2007

DECRETO 22 ottobre 2007 DECRETO 22 ottobre 2007 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la installazione di motori a combustione interna accoppiati a macchina generatrice elettrica o a macchina operatrice

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Ing. Claudio Giacalone

Ing. Claudio Giacalone Comando provinciale Vigili del fuoco Belluno Impianti termici a gas Ing. Claudio Giacalone Comandante provinciale Corso prevenzione incendi - L.818/84 1 D.M. 12 aprile 1996 Approvazione della regola tecnica

Dettagli

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto.

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. SEMINARIO TECNICO DI AGGIORNAMENTO NORME DI PREVENZIONE I N C E N D I GENERALI E SEMPLIFICATE La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. Rimini

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) 1 Attività commerciali Obbligo del C.P.I. ai sensi del punto 87 del D.M. 16 febbraio 1982 Locali, adibiti ad esposizione e/o vendita,

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

Norme di sicurezza per caldaiette e centrali termiche a gas (metano o GPL)

Norme di sicurezza per caldaiette e centrali termiche a gas (metano o GPL) Norme di sicurezza per caldaiette e centrali termiche a gas (metano o GPL) antincend...page 1 of 19 Norme di sicurezza per caldaiette e centrali termiche a gas (metano o GPL) ottobre 2008 Il riscaldamento

Dettagli

ISTANZA DI VALUTAZIONE DI PROGETTO ANTINCENDIO

ISTANZA DI VALUTAZIONE DI PROGETTO ANTINCENDIO ISTANZA DI VALUTAZIONE DI PROGETTO ANTINCENDIO per VARIANTI AL FASCICOLO 29110: - ATTIVITA 54.B: OFFICINA MECCANICA PER LAVORAZIONI A FREDDO CON OLTRE 25 ADDETTI (FINO A 50 ADDETTI) - ATTIVITA 12.A: DEPOSITO

Dettagli

4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO

4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO 4.1 DATI IDENTIFICATIVI DELL IMPIANTO Dichiarazione di conformità n Committente Punto di riconsegna (PDR) (1) Impresa / Ditta Responsabile Tecnico / Titolare La presente documentazione si riferisce alla

Dettagli

Testo elaborato dal gdl per l ottemperanza a quanto previsto dal comma 2 art. 11 (proroga di termini in materia di turismo) della L 15/2014

Testo elaborato dal gdl per l ottemperanza a quanto previsto dal comma 2 art. 11 (proroga di termini in materia di turismo) della L 15/2014 Testo elaborato dal gdl per l ottemperanza a quanto previsto dal comma 2 art. 11 (proroga di termini in materia di turismo) della L 15/2014 APPROVAZIONE DELLA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI PER

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SULLA PREVENZIONE INCENDI

RELAZIONE TECNICA SULLA PREVENZIONE INCENDI Premessa RELAZIONE TECNICA SULLA PREVENZIONE INCENDI Nella presente relazione tecnica verranno evidenziati gli aspetti di prevenzione incendi connessi al progetto esecutivo per la realizzazione di un Centro

Dettagli

AUTOSILO PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA

AUTOSILO PREVENZIONE INCENDI OGGETTO: DOCUMENTAZIONE RELATIVA AD ATTIVITA' REGOLATA DA SPECIFICHE DISPOSIZIONI ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA Sanremo, 23 luglio 2012 Riferimento: Trasformazione ex convento ISTITUTO SUORE CAPPUCCINE DI MADRE RUBATTO In zona A1 A1 bis f30 del vigente P.R.G. Sanremo (IM) Proponente: RENATO Gaggino l.r., GEORGIA

Dettagli

Seminario di studio 31 maggio 2013 - TORTOLI' 1

Seminario di studio 31 maggio 2013 - TORTOLI' 1 1 Edilizia scolastica e sicurezza nella scuola: lo stato degli adempimenti Le 10.798 scuole statali sono dislocate in 41.328 edifici ove studiano e lavorano oltre 10 milioni di persone. Come si sa, ai

Dettagli

RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO

RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO Il gas metano sarà addotto, per ogni piano, con tubazione come le tavole allegate mostrano esterne al fabbricato e ad esso ancorate a vista. La rete principale sarà

Dettagli

NUOVO POLO SCOLASTICO via fr.lli Rosselli ESAME PROGETTO VIGILI DEL FUOCO ATTIVITA

NUOVO POLO SCOLASTICO via fr.lli Rosselli ESAME PROGETTO VIGILI DEL FUOCO ATTIVITA Relazione prevenzione incendio Pag. 1 di 16 NUOVO POLO SCOLASTICO via fr.lli Rosselli PROPRIETA : OGGETTO: ESAME PROGETTO VIGILI DEL FUOCO ATTIVITA ELABORATO: RELAZIONE TECNICA Relazione prevenzione incendio

Dettagli

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. DM 6 ottobre 2003 Approvazione della regola tecnica recante l'aggiornamento delle disposizioni di prevenzione incendi per le attività ricettive turistico-alberghiere esistenti di cui al decreto 9 aprile

Dettagli

REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI

REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI Disposizioni di prevenzione incendi per le attività ricettive turistico - alberghiere, con numero di posti letto superiore a 25 e fino a 50, esistenti alla data di

Dettagli

>>> RISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI <<< 4. PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA

>>> RISCHI PER LA SICUREZZA DEI LAVORATORI <<< 4. PORTE, VIE E USCITE IN CASO DI EMERGENZA 01. E stata effettuata una specifica Valutazione dei rischi associati alle porte dei locali, e alle porte e vie di uscita in caso di emergenza 02. Le porte dei locali di lavoro consentono una comoda e

Dettagli

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione

UNI 10683/2012. Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione UNI 10683/2012 Generatori di calore alimentati a legna o altri bio combustibili solidi Verifica, installazione, controllo e manutenzione Regione Lombardia D.G.R.1118 La UNI 10683 è la norma per l installazione,

Dettagli

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2

NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 NORME ISO 7396-1 e ISO 7396-2 Relazioni con il D.M. 18/09/2002 - La Guida AIIGM Elio PATETTA Dottore in Ingegneria Biomedica Vice Presidente AIIGM CORSO DI FORMAZIONE CARATTERISTICHE E PROGETTAZIONE DEGLI

Dettagli

ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA

ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA ANTINCENDIO TERMINI, DEFINIZIONI, SIMBOLI GRAFICI DI PREVENZIONE INCENDI E SEGNALETICA DI SICUREZZA Materiale Il componente (o i componenti variamente associati) che può (o possono) partecipare alla combustione

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VICENZA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VICENZA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VICENZA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AI DEPOSITI DI MATERIALI COMBUSTIBILI RICADENTI NELLE SEGUENTI ATTIVITA DEL D.M. 16/02/1982 Punto 43) Depositi

Dettagli

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Attività n. 95 di cui alla tabella allegata al D.M. 16 febbraio 1982 A questo punto, con l entrata in vigore del DPR 151/2011, bisogna precisare: ALLEGATO II DPR 151/2011 (di

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

1. PREMESSA 2. TUBAZIONI

1. PREMESSA 2. TUBAZIONI 1. PREMESSA Oggetto della seguente relazione è il dimensionamento della rete di distribuzione interna di gas metano, distribuito dalla rete cittadina, a servizio del palazzo sede del Comune di Mesagne

Dettagli

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno

Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) 17/02/2015 Ingg. E. Collini - P. Fabrizio - ad uso esclusivo VF e ANVVF - IAE Bruno Le fonti della normativa della sicurezza Parte 3) Prevenzione Incendi Misure di protezione attiva e passiva Vie di esodo, compartimentazioni, distanziamenti Segnaletica di sicurezza Sistemi di allarme

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 1 - ZONA 2 - SCUOLA N 1170 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E ADDUZIONE GAS NEL

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014

PIANO DI EMERGENZA LICEO C. RINALDINI ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 ALLEGATO N. 3 PROCEDURA DI EMERGENZA STUDENTI AGG. 01 DEL 13/10/2014 FASE OPERATIVA DI EVACUAZIONE GENERALE Quando si avverte il segnale acustico (sonoro e vocale) di evacuazione dell edificio si deve:

Dettagli

MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 6 ottobre 2003

MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 6 ottobre 2003 MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 6 ottobre 2003 Approvazione della regola tecnica recante l'aggiornamento delle disposizioni di prevenzione incendi per le attivita' ricettive turistico-alberghiere esistenti

Dettagli

L edificio è costituito da un unico compartimento costituito dal piano interrato destinato a ricovero autoveicoli.

L edificio è costituito da un unico compartimento costituito dal piano interrato destinato a ricovero autoveicoli. Relazione tecnica relativa alla realizzazione di autorimessa annessa a nuovo edificio di civile abitazione (DM 1 febbraio 1986 G.U. n. 38 del 15 febbraio 1986) 1.1 Classificazione Trattasi di autorimessa

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI E' previsto il rifacimento di tutti i corpi bagni. Gli apparecchi sanitari previsti nella progettazione edile, sono delle seguenti tipologie: vaso del tipo a

Dettagli

La sicurezza antincendio negli uffici

La sicurezza antincendio negli uffici G. Varisco C.T. ANIE AssoAscensori giovanni.varisco@kone.com Convegno La sicurezza antincendio negli uffici 13 marzo 2008 Istituto Superiore Antincendio Roma Le varie tipologie di ascensori previste dal

Dettagli

4.b) Criteri utilizzati per procedere alla valutazione dei rischi di incendio.

4.b) Criteri utilizzati per procedere alla valutazione dei rischi di incendio. RELAZIONE SPECIALISTICA ANTINCENDIO OSTELLO DELLA GIOVENTU 1) - PREMESSA. La presente relazione, redatta ai sensi del DECRETO MINISTERIALE 9 aprile 1994 (G.U. n. 95 del 26/4/1994) - APPROVAZIONE DELLA

Dettagli

Decreta: Articolo 1. Oggetto Campo di applicazione. Articolo 2. Valutazione dei rischi di incendio

Decreta: Articolo 1. Oggetto Campo di applicazione. Articolo 2. Valutazione dei rischi di incendio MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 10 marzo 1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro. (Gazzetta Ufficiale n. 81 del 7/4/1998 - Suppl. Ordinario)

Dettagli

SOMMARIO. 44-EIDRT004 VVF.doc 1/9

SOMMARIO. 44-EIDRT004 VVF.doc 1/9 SOMMARIO... 2 1.1 Premessa... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 1.3 Caratteristiche generali dell impianto e prestazioni garantite... 2 1.4 Caratteristiche generali della rete.... 5 1.5 Progettazione ed

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO MINISTERO DELL INTERNO DECRETO MINISTERIALE 26 agosto 1992 (G. U. n. 218 del 16 settembre 1992) Norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica IL MINISTRO DELL INTERNO VISTA la legge 27 dicembre

Dettagli

TESTO IL MINISTRO DELL INTERNO

TESTO IL MINISTRO DELL INTERNO Decreto Ministeriale del 10/03/1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro. PREVENZIONE INCENDI - Norme generali - Prevenzione e Protezione SOMMARIO

Dettagli

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag.

Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio. 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3. 2.2 Descrizione dell attività e del ciclo lavorativo Pag. Indice Valutazione Rischio Incendio Palestra di Oratoio GENERALITA Pag. 3 1. ATTIVITA SVOLTA Pag. 3 2. DESCRIZIONE DELLA STRUTTURA E DELL ATTIVITÀ SVOLTA Pag. 3 2.1 Descrizione della struttura Pag. 3 2.2

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

QT_EFC_03. I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03

QT_EFC_03. I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03 QT_EFC_03 I sistemi di Evacuazione Fumo e Calore nelle regole tecniche di Prevenzione Incendio QUADERNO TECNICO EFC_03 Il presente documento è stato realizzato dall ufficio tecnico Zenital, coordinato

Dettagli

DECRETO 26 agosto 1992. Norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica. MINISTERO DELL'INTERNO

DECRETO 26 agosto 1992. Norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica. MINISTERO DELL'INTERNO DECRETO 26 agosto 1992. Norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica. (GAZZETTA UFFICIALE n. 278 del 16 settembre 1992) MINISTERO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570; Vista

Dettagli

ELABORATI DESCRITTIVI... 2 ELABORATI GRAFICI... 2. 1. Premessa... 4. 2. Scopo del progetto... 5

ELABORATI DESCRITTIVI... 2 ELABORATI GRAFICI... 2. 1. Premessa... 4. 2. Scopo del progetto... 5 SOMMARIO ELABORATI DESCRITTIVI... 2 ELABORATI GRAFICI... 2 1. Premessa... 4 2. Scopo del progetto... 5 2.1. Impianti di rivelamento fumi e segnalazione incendio... 5 2.2. Scala di sicurezza esterna in

Dettagli

STRUTTURA RICETTIVA - DICHIARAZIONE INIZIO ATTIVITA

STRUTTURA RICETTIVA - DICHIARAZIONE INIZIO ATTIVITA STRUTTURA RICETTIVA - DICHIARAZIONE INIZIO ATTIVITA AFFITTACAMERE PROFESSIONALE AFFITTACAMERE NON PROFESSIONALE CASA E APPARTAMENTI VACANZE RESIDENZE D EPOCA (*) Al COMUNE DI FAUGLIA Il sottoscritto Cognome

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO

GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO GUIDA ALL INSTALLAZIONE DI UN SISTEMA FISSO AUTOMATICO DI RIVELAZIONE E ALLARME D INCENDIO La presente guida mette in risalto solo alcuni punti salienti estrapolati dalla specifica norma UNI 9795 con l

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

COMUNE DI IGLESIAS CENTRO INTERMODALE

COMUNE DI IGLESIAS CENTRO INTERMODALE COMUNE DI IGLESIAS CENTRO INTERMODALE 1.8 RELAZIONE ANTINCENDIO PROGETTAZIONE: DOTT. ING. GIANCARLO CASULA COLLABORATORI: DOTT. ING. BASILIO SECCI DOTT. ING. DAVIDE MARRAS Pag. 2 di 1.8 - RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI

Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI Capitolo 3 EDIFICIO ED IMPIANTI TECNOLOGICI 3.1. Descrizione dell edificio 3.2. Descrizione delle vie di esodo 3.3. Impianto elettrico 3.3.1. Impianto di illuminazione 3.3.2. Impianto di illuminazione

Dettagli

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.)

Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.) Allegati tecnici obbligatori alla dichiarazione di conformità (Legge 46/90, D.M. 20-feb-1992, Del. AEEG 40/04 e succ. mod.) Foglio n... Intervento su impianto gas di portata termica totale (Qn) (*) =.

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA le metodologie di elaborazione degli strumenti di espressione della domanda e di verifica del progetto Firenze 15 gennaio 2014 Requisiti a supporto di una corretta progettazione

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO Progetto: PROGETTO PER LAVORI DI ADEGUAMENTO FUNZIONALE, ANTINCENDIO E DI SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DELLA SCUOLA ELEMENTARE RODARI IN VIA

Dettagli

TESTO COORDINATO E COMMENTATO EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

TESTO COORDINATO E COMMENTATO EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE TESTO COORDINATO E COMMENTATO EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE D.M. 16 maggio 1987 n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) Legenda: - In corsivo

Dettagli

VIE D ESODO E USCITE DI SICUREZZA

VIE D ESODO E USCITE DI SICUREZZA VIE D ESODO E USCITE DI SICUREZZA MINISTERO DELL'INTERNO MINISTERO DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1 DELLA LEGGE 3 AGOSTO 2007, N. 123, IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE

Dettagli

Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori

Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori Istruzioni per la compilazione degli Allegati Tecnici Obbligatori Seguire i riferimenti posti sul modulo prestampato (A) Per una migliore garanzia della integrità del documento è consigliato numerare tutti

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO

PROGETTO PRELIMINARE PER L ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ANTINCENDIO DI EDIFICIO COMUNALE ADIBITO AD ASILO NIDO STUDIO TECNICO ING. MERIZZI PAOLO PROGETTAZIONI E CONSULENZE IN MATERIA TERMOTECNICA E ANTINCENDIO Via Roncari, 39a 21023 BESOZZO (VA) Tel. - Fax 0332/970477 - e-mail: pmerizzi@gmail.com PROGETTO PRELIMINARE

Dettagli

IL MINISTRO DELL'INTERNO. Rilevata la necessità di emanare norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica;

IL MINISTRO DELL'INTERNO. Rilevata la necessità di emanare norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica; Decreto Ministeriale del 26/08/1992 Norme di prevenzione incendi per l'edilizia scolastica. (Gazzetta Ufficiale Italiana n. 218 del 16/09/1992) Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570; IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

Comando Rieti, maggio 2010

Comando Rieti, maggio 2010 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO IMPIANTI DI SPEGNIMENTO AD IDRANTI Comando Rieti, maggio 2010

Dettagli

Comune di Seravezza Provincia di Lucca

Comune di Seravezza Provincia di Lucca Ing. Renato Tofanelli Via Illica 12-55040 Capezzano Pianore (Lu) e-mail: renato.tofanelli@tin.it Tel/Fax 0584/913854 RELAZIONE SPECIALISTICA 2 Stralcio PROGETTO ESECUTIVO Comune di Seravezza Provincia

Dettagli

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed Esercizio UNI 10779-07 A cura di BM SISTEMI srl Introduzione La progettazione e l installazione delle reti idranti è regolata in Italia dalla norma UNI 10779.

Dettagli

Installazione dei contatori a membrana per reti gas metano

Installazione dei contatori a membrana per reti gas metano Installazione dei contatori a membrana per reti gas metano Tutti i contatori per gas combustibile sono strumenti di misura di precisionee pertanto vanno movimentati con le dovute cautele, sia durante le

Dettagli

Corso base di formazione per il personale nelle istituzioni scolastiche

Corso base di formazione per il personale nelle istituzioni scolastiche Corso base di formazione per il personale nelle istituzioni scolastiche D.Lgs.81/2008 e seguenti D.M. 26 agosto 1992 D.M. 1 0 Marzo 1998 D.P.R. 151/2011 Anno 2012 Il luogo di lavoro LA SCUOLA Il Dirigente

Dettagli

PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195

PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195 PROVINCIA DI CREMONA c.f. 80002130195 UFFICIO TECNICO SETTORE DELL EDILIZIA Via Bella Rocca, 7-26100 CREMONA - tel. 4061 - fax n 0372/406474 e-mail: edilizia@provincia.cremona.it ITIS G. GALILEI CREMA.

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI Schema Impianto realizzato - Relazione con tipologie materiali utilizzati D.M.n.37 del 22 gennaio 2008

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI Schema Impianto realizzato - Relazione con tipologie materiali utilizzati D.M.n.37 del 22 gennaio 2008 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI Schema Impianto realizzato - Relazione con tipologie materiali utilizzati D.M.n.37 del 22 gennaio 2008 Intervento su impianto gas di portata termica totale (Qn) (*)=............

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO. Comune di Pisa DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO DOCUMENTO REDATTO AI SENSI DEL D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D.M. 10 marzo 1998 D.P.R. 151 11 agosto 2011 Comune di Pisa Servizio Istruzione via del Carmine

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 13 aprile 2011 n.58 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 12 della Legge 28 ottobre 2005 n.148; Vista la deliberazione

Dettagli