IMPIANTI FISSI DI ESTINZIONE INCENDI AD ALIMENTAZIONE IDRICA E GRUPPI DI PRESSURIZZAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IMPIANTI FISSI DI ESTINZIONE INCENDI AD ALIMENTAZIONE IDRICA E GRUPPI DI PRESSURIZZAZIONE"

Transcript

1 IMPIANTI FISSI DI ESTINZIONE INCENDI AD ALIMENTAZIONE IDRICA E GRUPPI DI PRESSURIZZAZIONE SEMINARIO TECNICO SCUOLA DI FORMAZIONE OIC CAESAR S HOTEL CAGLIARI 14 OTTOBRE 2014

2 SICUREZZA ANTINCENDIO DEFINIZIONI

3 SICUREZZA ANTINCENDIO La prevenzione incendi è la funzione di preminente interesse pubblico diretta a conseguire, secondo criteri applicativi uniformi sul territorio nazionale, gli obiettivi di sicurezza della vita umana, di incolumità delle persone e di tutela dei beni e dell ambiente attraverso la promozione, lo studio, la predisposizione e la sperimentazione di norme, misure, provvedimenti, accorgimenti e modi di azione intesi ad evitare l insorgenza di un incendio e degli eventi ad esso comunque connessi o a limitarne le conseguenze. art. 13 D.Lgs , n 139 Riassetto delle disposizioni relative alle funzioni ed ai compiti del Corpo nazionale dei vigili del fuoco, a norma dell'articolo 11 della legge 29 luglio 2003, n

4 SICUREZZA ANTINCENDIO La SICUREZZA ANTINCENDIO è l insieme di misure, provvedimenti, accorgimenti e attenzioni intesi ad evitare l'insorgere di un incendio e a limitarne le conseguenze. Allegato I DM 28/10/2005 Sicurezza nelle gallerie ferroviarie 4

5 Dm 10/03/1998 All. IArt.1.2 PERICOLO D INCENDIO Proprietà o qualità intrinseca di determinati materiali o attrezzature, oppure di metodologie e pratiche di lavoro o di utilizzo di un ambiente di lavoro, che presentano il POTENZIALE di causare un incendio RISCHIO D INCENDIO Probabilità che sia raggiunto il livello POTENZIALE di accadimento di un incendio e che si verifichino conseguenze dell incendio sulle persone presenti VALUTAZIONE DEL RISCHIO D INCENDIO Procedimento di valutazione dei rischi di incendio in un luogo di lavoro, derivante dalle circostanze del verificarsi di un pericolo di incendio

6 VALUTAZIONE DEL RISCHIO D INCENDIO R = F x M ALTA MEDIO ALTA PROTEZIONE Area di rischio INACCETTABILE MEDIO BASSA BASSA PREVENZIONE TRASCUR. MODESTA NOTEVOLE INGENTE 6

7 SICUREZZA ANTINCENDIO La valutazione dei rischi di incendio deve consentire al datore di lavoro di prendere i provvedimenti che sono effettivamente necessari per salvaguardare la sicurezzadei lavoratori e delle altre persone presenti nel luogo di lavoro. SICUREZZA ANTINCENDIO PREVENZIONE PROTEZIONE MISURE D ESERCIZIO ATTIVA PASSIVA 7

8 VALUTAZIONE DEL RISCHIO D INCENDIO COME SI REALIZZA LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO D INCENDIO? METODO PRESCRITTIVO Decreto Ministeriale 10/03/1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro APPROCCIO INGEGNERISTICO Decreto del Ministro dell interno 9 maggio 2007 Direttive per l attuazione dell approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio

9 VALUTAZIONE DEL RISCHIO D INCENDIO METODO PRESCRITTIVO Decreto Ministeriale 10/03/1998 Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro Allegato I-Linee guida per la valutazione dei rischi di incendio nei luoghi di lavoro Allegato Art.1.4 -Criteri II- Misure per intese procedere a ridurre alla la probabilità valutazione di insorgenza dei rischi degli di incendio. La valutazione Allegato III-Misure dei rischi relative di incendio alle vie di si uscita articola in caso nelle di seguenti incendio fasi: Allegato IV-Misure a)individuazione per la rivelazione di ogni pericolo e l'allarme di in incendio caso incendio b) individuazione dei lavoratori e di altre persone presenti nel luogo di lavoro esposte a rischi Allegato V- Attrezzature ed impianti di estinzione degli incendi di incendio; Allegato VI- Controlli e manutenzione sulle misure di protezione antincendio c) eliminazione o riduzione dei pericoli di incendio; Allegato d) valutazione VII- Informazione del rischio e formazione residuo di antincendio incendio; e) verifica Allegato della adeguatezza VIII- Pianificazione delle misure delle procedure di sicurezza da attuare esistenti in caso ovvero di incendio individuazione di Allegato IX-Contenuti minimi dei corsi di eventuali formazione per addetti alla prevenzione incendi, ulteriori lotta provvedimenti antincendio e gestione e misure delle necessarie emergenze, ad eliminare in relazione o al ridurre livello di i rischi rischio residui dell'attività di incendio. Allegato X-Luoghi di lavoro ove si svolgono attività dall'art. 6, comma 3

10 VALUTAZIONE DEL RISCHIO D INCENDIO APPROCCIO INGEGNERISTICO ALLA SICUREZZA ANTINCENDIO Decreto del Ministro dell interno 9 maggio 2007 Direttive per l attuazione dell approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Applicazione dei principi Art. 3. ingegneristici, Analisi preliminare di (I regole fase) e di giudizi esperti basati sulla valutazione 3.1 scientifica Definizione del fenomeno progetto della combustione, degli 3.2 effetti Identificazione dell incendio degli obiettivi e del comportamento di sicurezza antincendio umano 3.3. Individuazione dei livelli di prestazione 3.4. Individuazione degli scenari di incendio di progetto Nasce per insediamenti di tipo complesso o a tecnologia avanzata, di edifici di particolare rilevanza processo architettonica di progettazione e/o costruttiva, prestazionale. ivi compresi quelli pregevoli per arte o storia Art. 4. Analisi o ubicati quantitativa in ambiti (II urbanistici fase) di particolare 4.1 Scelta specificità dei modelli schematizzazione degli eventi che possono verificarsi in relazione alle caratteristiche del focolaio, dell edificio e degli occupanti, svolgono un ruolo fondamentale nell ambito del 4.2 Risultati delle elaborazioni

11 DM 09/05/2007 La lettera Circolare n 4921 del 17/07/2007 chiarisce però che La metodologia stabilita dal DM 9/05/2007 è alternativa a quella prevista dal DM 4/05/1998 che il professionista, in accordo con il committente, può liberamente applicare sia per la: individuazione delle misure di sicurezza necessarie ai fini del rilascio del certificato di prevenzione incendi, nel caso di attività non regolate da specifiche disposizioni antincendio, che per la individuazione delle misure di sicurezza che si ritengono idonee a compensare il rischio aggiuntivo nell ambito del procedimento di deroga NON VENGONO ASSOLUTAMENTE MESSE IN DISCUSSIONE LE REGOLE TECNICHE DI SETTORE CHE DOVRANNO OBBLIGATORIAMENTE CONTINUARE AD ESSERE RISPETTATE.

12 REGOLE TECNICHE VERTICALI Misure di prevenzione e protezione incendi per specifiche attività FONTE - Impianti di compressione o di decompressione dei gas combustibili e comburenti Depositi di bombole di GPL Depositi di bombole di gas metano Serbatoi di gas GPL Grandi depositi di gas GPL Depositi di gas comburenti in serbatoi fissi Reti distribuzione gas metano Distributori stradali di gas GPL Distributori in ambito nautico di GPL Distributori stradali di gas metano Oli minerali[ Contenitori rimovibili di carburante Distributori di carburanti Distributori di idrogeno per autotrazione Depositi soluzioni idroalcoliche Stabilimenti ed impianti ove si producono, impiegano o detengono sostanze esplodenti Esercizi di minuta vendita di sostanze esplodenti Fabbriche e depositi di fiammiferi Gruppi elettrogeni Locali di pubblico spettacolo Impianti sportivi Alberghi Edifici scolastici Ospedali e case di riposo Grandi magazzini Uffici Musei e gallerie Biblioteche e archivi Impianti termici a gas Impianti termici a gasolio Autorimesse Edifici di civile abitazione Ascensori e montacarichi 12

13 TESTO UNICO DI PREVENZIONE INCENDI TESTO UNICO IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI Aprile 2014 RIORDINO E AGGIORNAMENTO DELLE NORME DI BUONA TECNICA PRINCIPI Operare una semplificazione delle regole, garantendo contenuti chiari e stabili: meno prescrittive, maggiormente prestazionali, più flessibili; sostenibili (delega del Parlamento per Scuole e Ospedali); tutela della pubblica e privata incolumità in caso di incendio (con minori investimenti) 13

14 TESTO UNICO DI PREVENZIONE INCENDI Che cosa cambia? 14

15 TESTO UNICO DI PREVENZIONE INCENDI Quali saranno i risultati? 15

16 TESTO UNICO DI PREVENZIONE INCENDI 16

17 SICUREZZA ANTINCENDIO SICUREZZA ANTINCENDIO PREVENZIONE PROTEZIONE MISURE D ESERCIZIO ATTIVA PASSIVA 17

18 PROTEZIONE ANTINCENDIO Consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzionedei danni conseguenti al verificarsi di un incendio, agendo quindi sulla MAGNITUDO dell evento. Gli interventi si suddividono in misure di protezione ATTIVA o PASSIVA in relazione alla necessità o meno dell intervento di un operatore o dell azionamento dell impianto. 18

19 PROTEZIONE PASSIVA Distanze di sicurezza Resistenza al fuoco Compartimentazione Sistemi di vie d uscita Segnaletica di sicurezza Reazione al fuoco dei materiali 19

20 PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI Impianti di rivelazione automatica incendi e segnalazione e di allarme Impianti estinzione o di controllo dell incendio Impianti di controllo e evacuazione di fumo e calore impianti di spegnimento automatici Impianti di spegnimento manuali 20

21 IMPIANTI DI ESTINZIONE E CONTROLLO ELEMENTI COSTITUTIVI Riserva della sostanza estinguente idonea Sistema di erogazione ad azionamento automatico o manuale Centraline di controllo Rete di distribuzione Erogatori 21

22 IMPIANTI DI ESTINZIONE E CONTROLLO Agente estinguente SCHIUMA CO2 ACQUA POLVERE ALTRI clean agents 22

23 IMPIANTI DI ESTINZIONE E CONTROLLO IMPIANTI DI ESTINZIONE O DI CONTROLLO DELL INCENDIO AD ALIMENTAZIONE IDRICA IMPIANTI MANUALI A RETE DI IDRANTI O NASPI IMPIANTI AUTOMATICI SPRINKLERS 23

24 IMPIANTI DI ESTINZIONE E CONTROLLO ELEMENTI COSTITUTIVI Riserva estinguente Gruppo Pressurizzazione Centraline di controllo Rete di distribuzione Erogatori 24

25 IMPIANTI SPRINKLER Tipologia d impianto Ad umido A secco Alternativi A pre-allarme A diluvio 25

26 IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA Decreto del Ministero dell Interno 20 Dicembre 2012 Regola tecnica di prevenzione incendi per gli impianti di protezione attiva contro l'incendio installati nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi. IMPIANTI Impianti di rivelazione automatica incendi e segnalazione e di allarme Impianti estinzione o di controllo dell incendio Impianti di controllo e evacuazione di fumo e calore

27 DISCIPLINA ANTINCENDIO Decreto Presidente Repubblica 1 Agosto 2011 n 151 Sostituisce il Decreto Min.Int. n 98 del 16/02/1982 Regolamento recante semplificazioni della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi ELENCO DI 80 ATTIVITA SOGGETTE A CONTROLLO DEI VV.F. Classificate ciascuna in 3 categorie per le quali è prevista una disciplina differenziata in relazione al rischio d incendio 27

28 DISCIPLINA ANTINCENDIO Decreto Ministero dell Interno 7 Agosto 2012 disciplina le procedure del DPR 151/2011 Disposizioni relative alle modalità di presentazione delle istanze concernenti i procedimenti di prevenzione incendi e alla documentazione da allegare, ai sensi dell'articolo 2, comma 7, del decreto del Presidente della Repubblica 1 agosto 2011, n Regolamento recante semplificazioni della disciplina dei procedimenti relativi alla prevenzione incendi Allegato I - Documentazione tecnica da allegare all istanza di valutazione del progetto Allegato II Certificazioni e dichiarazioni della SCIA Tabella III - Sottoclassificazione Attività Allegato IV Modifiche attività esistenti Rimodulazione della tabella delle Attività 28

29 DISCIPLINA ANTINCENDIO Decreto Presidente Repubblica 1 Agosto 2011 n 151 CATEGORIE CATEGORIA A Attività a BASSO rischio e standardizzate CATEGORIA B Attività a MEDIO rischio CATEGORIA C Attività a ELEVATO rischio Viene eliminato il parere di conformità sul progetto La valutazione di conformità dei progetti ai criteri di sicurezza antincendio si dovrà ottenere entro 60 gg Avvio dell attivita tramite SCIA Segnalazione Certificata di Inizio Attività CONTROLLI CON SOPRALLUOGO A CAMPIONE (entro i 60 gg) Rilascio su richiesta di copia del verbale di visita tecnica CONTROLLO CON SOPRALLUOGO (entro i 60 gg) Rilascio del CPI 29

30 DPR 151/ COSA E CAMBIATO? Decreto Min.Int.n 98 del 16/02/1982 ATTIVITA 87 Locali adibiti all esposizione e/o vendita all ingrosso o al dettaglio con superficie lorda superiore a 400 mq comprensiva di servizi e depositi Allegato III DM 7/8/20012 ATTIVITA 69 Locali adibiti all esposizione e/o vendita all ingrosso o al dettaglio, fiere e quartieri fieristici, con superficie lorda superiore a 400 mq comprensiva di servizi e depositi CATEGORIA 1A Fino ai 600 mq CATEGORIA 2B Dai 600 ai 1500 mq CATEGORIA 3C Oltre i 1500 mq 30

31 DPR 151/ COSA E CAMBIATO? Decreto Min.Int.n 98 del 16/02/1982 ATTIVITA 85 Scuole di ogni ordine, grado e tipo, collegi, accademie e simili per oltre 100 persone Allegato III DM 7/8/20012 CATEGORIA 1A Fino a 150 persone ATTIVITA 67 Scuole di ogni ordine, grado e tipo,collegi, accademie con oltre 100 persone presenti; Asili nido con oltre 30 persone CATEGORIA 2B Da 150 a 300 persone CATEGORIA 3B Asili nido CATEGORIA 4C Oltre 300 persone 31

32 Dec.Min. Interno del 20/12/2012 Regola tecnica di prevenzione incendi per gli impianti di protezione attiva contro l'incendio installati nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi. Con esclusione delle seguenti: Attività a rischio rilevante di cui all All.I del DLgs 17/08/1999 n 334 Stabilimenti per la produzione, la trasformazione o il trattamento di sostanze chimiche organiche o inorganiche Stabilimenti per la distillazione o raffinazione, ovvero altre successive trasformazioni del petrolio o dei prodotti petroliferi. Stabilimenti destinati all'eliminazione totale o parziale di sostanze solide o liquide mediante combustione o decomposizione chimica. Stabilimenti per la produzione, la trasformazione o il trattamento di gas energetici, per esempio gas di petrolio liquefatto,gas naturale liquefatto e gas naturale di sintesi. Stabilimenti per la distillazione a secco di carbon fossile e lignite. Stabilimenti per la produzione di metalli o metalloidi per via umida o mediante energia elettrica Attività rispondenti a regola tecnica verticale Edifici di interesse Storico destinati a biblioteche, archivi musei, gallerie e mostre (Attività 72) Distributori stradali di GPL (Attività 13) Contenitori fissi di GPL sopra i 5 mc e recipienti mobili sopra i 5000 Kg (Attività 4) Distributori di soluzioni idroalcoliche (Attività 15) Distributori stradali di gas naturale per autotrazione (Attività 13) Depositi gas petrolio liquefatto sopra i 5 mc e sotto i 13 mc (Attività 13)

33 Dec.Min. Interno del 20/12/2012 Regola tecnica di prevenzione incendi per gli impianti di protezione attiva contro l'incendio installati nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi. Assume maggior importanza il ruolo del PROFESSIONISTA ANTINCENDIO Art. 1 del DM 7/08/2012 Professionista iscritto in albo professionale, che opera nell ambito delle proprie competenze e che sia scritto negli appositi elenchi del ministero dell Interno di cui all articolo 16 del D.Lgs. 8 marzo 2006 N 139

34 Dec.Min. Interno del 20/12/2012 per gli impianti di protezione attiva disciplina PROGETTAZIONE COSTRUZIONE ESERCIZIO E MANUTENZIONE NUOVI IMPIANTI VECCHI IMPIANTI OGGETTO DI MODIFICA SOSTANZIALE TRASFORMAZIONE DELLA TIPOLOGIA DELL IMPIANTO ORIGINALE O AMPLIAMENTO DELLA SUA DIMENSIONE TIPICA OLTRE IL 50% DELL ORIGINALE, OVE NON DIVERSAMENTE DEFINITO DA SPECIFICA REGOLAMENTAZIONE O NORMA. 34

35 Dec.Min. Interno del 20/12/2012 PROGETTAZIONE TRASFORMAZIONE AMPLIAMENTO - NUOVO IMPIANTO IN CONFORMITA ALLA REGOLA DELL ARTE IN CONFORMITA A NORME STANDARDIZZATE INTERNAZIONALI RICONOSCIUTE NEL SETTORE ANTINCENDIO PROFESSIONISTA ABILITATO PROFESSIONISTA ANTINCENDIO Gli impianti (e i progetti) realizzati in conformita alla vigente normativa e alle norme dell'uni,del CEI o di altri Enti di normalizzazione appartenenti agli Stati membri dell'unione europea o che sono parti contraenti dell'accordo sullo spazio economico europeo, si considerano eseguiti secondo la REGOLA DELL ARTE Comma 1 dell art. 6 e comma 3 dell 5 del DECRETO 22 gennaio 2008, n

36 NORMATIVE STANDARDIZZATE 36

37 NORME UNIFICATE UNI/TR Tecnical Report - Febbraio 2012 Installazioni fisse antincendio Gruppi di pompaggio Istruzioni complementari per l applicazione della UNI EN Nessuna variazione solo chiarimenti e integrazioni 37

38 Dec.Min. Interno del 20/12/2012 NORME DI PRODOTTO UNI EN 671/1 Naspi UNI EN 671/2 Idranti a muro UNI EN Tubazioni antincendio DN 45 UNI 9487 Tubazioni antincendio DN 70 UNI 804 Raccordi per tubazioni DN 45 e DN 70 UNI 7422 Norma per legatura tubazioni UNI EN 14384/06 Idranti soprasuolo UNI EN 14339/06 Idranti sottosuolo UNI EN /5 : componenti per impianto sprinkler UNI EN Sistemi a schiuma 38

39 Dec.Min. Interno del 20/12/2012 IMPIANTI AD IDRANTI Per la progettazione, installazione ed esercizio delle reti di idranti può essere utilizzata la normativa UNI EN RETI DIIDRANTI. PROGETTAZIONE, INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO. LIVELLI DI PERICOLOSITA TIPOLOGIA DI PROTEZIONE ALIMENTAZIONE IDRICA RIFERIMENTO ALLA NORMATIVA UNI EN LIVELLO 1 BASSO RISCHIO LIVELLO 2 MEDIO RISCHIO LIVELLO 3 ALTO RISCHIO INTERNA ESTERNA SINGOLA SINGOLA SUPERIORE DOPPIA COMBINATA 39

40 Dec.Min. Interno del 20/12/2012 Alla UNI si fa quindi riferimento per la definizione dei REQUISITI MINIMI da soddisfare per un IMPIANTO A RETE DI IDRANTI in funzione della specifica ATTIVITA ATTIVITA con specifica regola tecnica senza specifica regola tecnica TABELLA 1 SCUOLE ABITAZIONI AUTORIMESSE OSPEDALI PUBBLICO SPETTACOLO UFFICI IMPIANTI SPORTIVI ALBERGHI IL PROGETTISTA STABILISCE LA NECESSITA DI INSTALLARE UN IMPIANTO A IDRANTI, LA DEFINIZIONE DEI LIVELLI DIPERICOLOSITA NONCHE LE CARATTERISTICHE DELL ALIMENTAZIONE IDRICA I TECNICI DEL CP VVF POSSONO ESPRIMERE PARERI SULL ANALISI SVILUPPATA (NELL AMBITO DEI PROCEDIMENTI CUI AL DLGS 151/11) 40

41 Dec.Min. Interno del 20/12/2012 IMPIANTI AD IDRANTI LIVELLI DI PERICOLOSITA LIVELLO 1 BASSO RISCHIO Aree che presentano basso rischio di incendio in termini di probabilità d'innesco, velocità di propagazione delle fiamme e possibilità di controllodell incendio da parte delle squadre di emergenza Rientrano in tale classe tutte le attività di lavorazione di materiali prevalentemente incombustibili ed alcune delle attività di tipo residenziale, di ufficio, ecc., a basso carico d'incendio LIVELLO 2 MEDIO RISCHIO Aree che presentano moderato rischio di incendio in termini di probabilità d'innesco, velocità di propagazione delle fiamme e possibilità di controllodell incendio da parte delle squadre di emergenza Rientrano in tale classe tutte le attività di in genere che non prevedono accumuli particolari di merci combustibili e nelle quali sia trascurabile la presenza di sostanze infiammabili LIVELLO 3 ALTO RISCHIO Aree che presentano alto rischio di incendio in termini di probabilità d'innesco, velocità di propagazione delle fiamme e possibilità di controllodell incendio da parte delle squadre di emergenza Rientrano in questa categoria le aree adibite a magazzinaggio intensivo, le aree dove sono presenti materie plastiche espanse, liquidi infiammabili, le aree dove si lavorano o depositano merci ad alto rischio d'incendio prodotti vernicianti, prodotti elastomerici, ecc. 41

42 Dec.Min. Interno del 20/12/2012 IMPIANTI AD IDRANTI TIPOLOGIA DI PROTEZIONE INTERNA Sistema che permette di affrontare le prime fasi di sviluppo di un incendio direttamente dall interno dell edificio in cui ha origine. Si realizza con mezzi di facile utilizzo (idranti a muro DN 45, naspi DN 25) ESTERNA Sistema di protezione adatto a personale esperto quali squadre di emergenza addestrate all alto rischio o VVF. Si realizza dall esterno dell edificio dove è in corso l incendio con mezzi di estinzione più difficili (Idranti UNI 70) 42

43 Dec.Min. Interno del 20/12/2012 ALIMENTAZIONE IDRICA SECONDO UNI EN SINGOLA SINGOLA SUPERIORE DOPPIA COMBINATA Acquedotto con o senza surpressione Serbatoio in pressione o a gravità Sorgente inesauribile con GRUPPO DI PRESSURIZZAZIONE con UNA o PIU POMPE SERBATOIO DIACCUMULO CON GRUPPO DI PRESSURIZZAZIONE con UNA o PIU POMPE Acquedotto alimentato in due punti Sorgente inesauribile con GRUPPO DI PRESSURIZZAZIONE con DUE o PIU POMPE SERBATOIO DIACCUMULO CON GRUPPO DI PRESSURIZZAZIONE con DUE o PIU POMPE DUE ALIMENTAZIONI SINGOLE INDIPENDENTI L UN L ALTRA ALIMENTAZIONI SINGOLE, SINGOLESUPERIORI O DOPPIE CHE ALIMENTANO IMPIANTI COMBINATI COME PER ESEMPIO IDRANTI+SPRINKLER 43

44 ESEMPIO ATTIVITA NORMATA TIPO ATTIVITA SCUOLA 120 PRESENZE ATTIVITA N 69 1 A DM 7/08/2012 NORMATA DM 26/08/ PERSONE - TIPO 1 DA 101 A 300 PERSONE UNI EN PROSPETTO B.1 LIVELLO 1 LIVELLO PERICOLOSITA 1 ALIMENTAZIONE SINGOLA TABELLA 1 DM 20/12/2012 Protezione interna DUE IDRANTI UNI 45 (120 L/MIN 2 BAR) DURATA 30 MIN Caratteristiche impianto ALIMENTAZIONE SINGOLA Riserva idrica V=7200 l Portata GP Q = 240 l/min Pressione residua Pr=2 Bar 44

45 ESEMPIO ATTIVITA NON NORMATA TIPO ATTIVITA DEPOSITO DI LEGNAME QUANTITA Kg ATTIVITA n 36 1B DM 7/08/2012 ATTVITA NON NORMATA Analisi del rischio DM 10/03/1998 DM 9/05/2007 UNI EN PROSPETTO B.1 LIVELLO 2 P.INTERNA-TRE UNI 45 P.ESTERNA-QUATTRO UNI 70 DURATA 60 MIN PRESENZA NON TRASCURABILE DI COMBUSTIBILE BASSA PROBABILITA DI INNESCO CONTROLLO DELL EVENTO PROGETTO L INSTALLAZIONE DI CINQUE UNI 45 DUE IDRANTI UNI 70 ALIMENTAZIONE SINGOLA SUPERIORE Caratteristiche impianto ALIMENTAZIONE SING.SUP. Riserva idrica V=36000 l Portata GP Q = 600 l/min Pressione residua Pr=3 Bar 45

46 Dec.Min. Interno del 20/12/2012 IMPIANTI SPRINKLERS Per la progettazione, installazione ed esercizio degli impianti sprinkler può essere utilizzata la normativa UNI EN SISTEMI AUTOMATICI A SPRINKLER. PROGETTAZIONE, INSTALLAZIONE ED ESERCIZIO. CLASSIFICAZIONE DELLA CLASSE DI PERICOLO PERICOLO LIEVE LH LIGHT HAZARD PERICOLO ORDINARIO OH ORDINARY HAZARD PERICOLO ALTO HH HIGH HAZARD SINGOLA ALIMENTAZIONE IDRICA SINGOLA SUPERIORE DOPPIA COMBINATA GRUPPI OH1 OH2 OH3 OH4 DEPOSITO S STORAGE GRUPPI I -HHS1 II -HHS2 III -HHS3 IV -HHS4 PROCESSO P PROCESS GRUPPI HHP1 HHP2 HHP3 HHP4 46

47 Dec.Min. Interno del 20/12/2012 Alla UNI EN si fa quindi riferimento per la definizione dei REQUISITI MINIMI da soddisfare per un IMPIANTO SPRINKLER in funzione della specifica ATTIVITA ATTIVITA con specifica regola tecnica senza specifica regola tecnica TABELLA 2 SCUOLE (nei locali interrati) AUTORIMESSE OSPEDALI PUBBLICO SPETTACOLO (nei depositi e laboratori) UFFICI IMPIANTI SPORTIVI (nei depositi) ALBERGHI (sopra i 1000 poti letto) IL PROGETTISTA STABILISCE LA NECESSITA DI INSTALLARE UN IMPIANTO A IDRANTI, LA DEFINIZIONE DEI LIVELLI DIPERICOLOSITA NONCHE LE CARATTERISTICHE DELL ALIMENTAZIONE IDRICA I TECNICI DEL CP VVF POSSONO ESPRIMERE PARERI SULL ANALISI SVILUPPATA (NELL AMBITO DEI PROCEDIMENTI CUI AL DLGS 151/11) 47

48 Dec.Min. Interno del 20/12/2012 IMPIANTI SPRINKLERS Per la progettazione, installazione ed esercizio degli impianti sprinkler può essere utilizzata la normativa CLASSIFICAZIONE DELLA CLASSE DI PERICOLO PERICOLO LIEVE LH LIGHT HAZARD PERICOLO ORDINARIO OH PERICOLO ALTO HH HIGH HAZARD SCUOLE UFFICI ORDINARY HAZARD GRUPPI OH1 OH2 OH3 OH4 DEPOSITO S STORAGE GRUPPI I -HHS1 II -HHS2 III -HHS3 IV -HHS4 PROCESSO P PROCESS GRUPPI HHP1 HHP2 HHP3 HHP4 48

49 Dec.Min. Interno del 20/12/2012 Per la progettazione, installazione ed esercizio DELLE ALTRE TIPOLOGIE DIIMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA si utilizzano UNI 9795 impianti rivelazione e segnalazione allarme incendio UNI EN / UNI estinguenti gassosi UNI 9494 evacuatori fumo e calore UNI EN impianti a schiuma UNI EN impianti a polvere UNI CEN/TS impianti spray ad acqua UNI ISO impianti aerosol condensato 49

50 Dec.Min. Interno del 20/12/2012 ESERCIZIO E MANUTENZIONE Il DM 20/12/2012 dispone anche che, sugli impianti succitati siano eseguite regolari manutenzioni, effettuate in base alla regola dell arte e in accordo con le normative vigenti e con quanto indicato nei libretti d uso e manutenzione delle macchine. La cadenza temporale dipende dagli impianti La manutenzione va eseguita da personale esperto in materia 50

51 Dec.Min. Interno del 20/12/2012 DOCUMENTAZIONE AI FINI DELLA VALUTAZIONE DEL PROGETTO Art 3.1 Allegato I -DM 20/12/2012 Impianti conformi alle REGOLE DELL ARTE Impianti Conformi NORMATIVE STANDARDIZZATE INTERNAZIONALI riconosciute Documentazione di cui all All. I del DECRETO 7 agosto 2012 Documentazione di cui all All. I del DECRETO 7 agosto 2012 A FIRMA DI TECNICO ABILITATO A FIRMA DIPROFESSIONISTA ANTINCENDIO 51

52 Dec.Min. Interno del 20/12/2012 DOCUMENTAZIONE AI FINI DEI CONTROLLI DI PREVENZIONE Art 3.2 Allegato I -DM 20/12/2012 IMPIANTI CONFORMI ALLA REGOLA DELL ARTE RICADENTI 37/08 NON RICADENTI 37/08 OBBLIGO DI PROGETTO DI TECNICO ABILITATO IMPRESA INSTALLATRICE DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ RESA AI SENSI DELL ART. 7 PROGETTO RELAZIONE TIPOLOGIA MATERIALI E COMPONENTI UTILIZZATI MANUALE D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO IN CONFORMITA A PROGETTO DI TECNICO ABILITATO IMPRESA INSTALLATRICE MOD. PIN DICH. IMP. DICHIARAZIONE DI CORRETTA INSTALLAZIONE E CORRETTO FUNZIONAMENTO PROGETTO RELAZIONE TIPOLOGIA MATERIALI E COMPONENTI UTILIZZATI MANUALE D USO E MANUTENZIONE IMPIANTO SENZA PROGETTO PROFESSIONISTA ANTINCENDIO MOD. PIN CERT.IMP. CERTIFICAZIONE DIRISPONDENZA E DI CORRETTO FUNZIONAMENTO SCHEMA D IMPIANTO REALIZZATO VERIFICA PRESTAZIONI E FUNZIONAMENTO ISTRUZIONI PER L USO E LA MANUTENZIONE 52

53 Dec.Min. Interno del 20/12/2012 DOCUMENTAZIONE AI FINI DEI CONTROLLI DI PREVENZIONE DOCUMENTAZIONE AI FINI DEI CONTROLLI DI PREVENZIONE Art 3.2 Allegato I -DM 20/12/2012 Art 3.2 Allegato I -DM 20/12/2012 IN ASSENZA DI PROGETTO IN ASSENZA DI CERTIFICAZIONI PER IMPIANTI PER CUI SI E UTILIZZATO IL CRITERIO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ATTRAVERSO L APPROCCIO INGEGNERISTICO DM 9 MAGGIO 2007 PER IMPIANTI PROGETTATI E REALIZZATI SECONDO NORME INTERNAZIONALI RICONOSCIUTE REDAZIONE INTEGRAZIONE DELA DOCUMENTAZIONE DELL IMPRESA ESECUTRICE PROFESSIONISTA ANTINCENDIO MOD. PIN CERT.IMP. CERTIFICAZIONE DI RISPONDENZA E DI CORRETTO FUNZIONAMENTO 53

54 Dec.Min. Interno del 20/12/2012 DOCUMENTAZIONE INERENTE L ESERCIZIO Art 3.3 Allegato I -DM 20/12/2012 Le operazioni di controllo, manutenzione ed eventuale verifica periodica, eseguite sugli impianti oggetto del presente decreto, devono essere annotate in apposito registro. Tale registro deve essere mantenuto aggiornato e reso disponibile ai fini dei controlli di competenza del CPVVF. 54

55 LINK & APP APP ANDROID 55

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84

Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Comando Provinciale VV.F. Vicenza Corso L.818/84 Impianti di estinzione incendi RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed esercizio UNI 10779 - Luglio 2007 Vicenza: aprile 2008 relatore: Giuseppe Ing.

Dettagli

CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE LUCCA

CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE LUCCA CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO COMANDO PROVINCIALE LUCCA 1 IL RISCHIO INCENDIO NEL SETTORE CARTARIO Gilberto Giunti, Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Lucca 2 IL RISCHIO INCENDIO Che cos è

Dettagli

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI

emmeciemme Srl Laboratorio di analisi, servizi e consulenze in campo agroalimentare 1 di 5 ROBERTO CROTTI D. Lgs Governo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Art. 37. - Formazione dei lavoratori

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

La sicurezza degli impianti condominiali richiesta dal D.L. 145/2013 in relazione alla prevenzione incendi

La sicurezza degli impianti condominiali richiesta dal D.L. 145/2013 in relazione alla prevenzione incendi La sicurezza degli impianti condominiali richiesta dal D.L. 145/2013 in relazione alla prevenzione incendi Relatore: dott. ing. Mauro Piazza Softability srl Genova, 20 febbraio 2014 ANACI Associazione

Dettagli

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA

DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA DIPARTIMENTO DEI VIGILI DEL FUOCO DEL SOCCORSO PUBBLICO E DELLA DIFESA CIVILE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO ALESSANDRIA Gestione del rischio incendio e delle misure mitigative negli istituti scolastici

Dettagli

Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler

Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler Impianti Sprinkler Caratteristiche Comprendono almeno una rete di tubazioni di distribuzione ad uso esclusivo antincendio, un insieme

Dettagli

DPR 151 del 01.08.2011. Novità e varianti introdotti rispetto alla normativa previgente

DPR 151 del 01.08.2011. Novità e varianti introdotti rispetto alla normativa previgente DPR 151 del 01.08.2011 Novità e varianti introdotti rispetto alla normativa previgente Ridefinizione delle attività soggette al controllo dei Vigili del Fuoco Allegato I del DPR 151/2011 Art. 2 comma 2

Dettagli

Rivelazione incendi e prevenzione incendi. Dott.Ing. Annalicia Vitullo - Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Parma

Rivelazione incendi e prevenzione incendi. Dott.Ing. Annalicia Vitullo - Comando Provinciale Vigili del Fuoco di Parma Rivelazione incendi e prevenzione incendi Di cosa parliamo? 1. Il quadro normativo: DM 37/2008 2. La normativa di prevenzione incendi: certificazione 3. La regola dell arte: UNI 9795 EN 54 4. Rivelazione

Dettagli

GIORNATA FORMATIVA SULLA CULTURA DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO

GIORNATA FORMATIVA SULLA CULTURA DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO GIORNATA FORMATIVA SULLA CULTURA DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO Le misure di protezione attiva nella attività soggette ai controlli di Prevenzione Incendi: il ruolo del professionista nelle novità introdotte

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro

Criteri generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/1 generali di sicurezza antincendio e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro 1/25 Contenuti DM 10/03/98 1/2 Valutazione dei rischi di incendio, protettive e precauzionali di esercizio Controllo

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

Corso base di specializzazione in Prevenzione Incendi

Corso base di specializzazione in Prevenzione Incendi Corso base di specializzazione in Prevenzione Incendi Modulo Argomento Ore Data Orario 1 Obiettivi, direttive, legislazione e regole tecniche di prevenzione incendi 1.1 Obiettivi e fondamenti di prevenzione

Dettagli

Prevenzione Incendi. Perché scegliere AntiFuocus. Elaborati prodotti da AntiFuocus

Prevenzione Incendi. Perché scegliere AntiFuocus. Elaborati prodotti da AntiFuocus Il vantaggio di una soluzione unica, integrata ed omogenea. Unica interfaccia per tutte le attività: più semplice l integrazione delle diverse attività, più veloci l input dei dati e la lettura dei risultati.

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI di cui all art. 4 del D.M. 5 agosto 2011

PROGRAMMA DEL CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI di cui all art. 4 del D.M. 5 agosto 2011 PROGRAMMA DEL CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI di cui all art. 4 del D.M. 5 agosto 011 A) OBIETTIVI E FONDAMENTI DI PREVENZIONE INCENDI A1 A A3 A4 A5 A6 Introduzione alla prevenzione

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) 1 Attività commerciali Obbligo del C.P.I. ai sensi del punto 87 del D.M. 16 febbraio 1982 Locali, adibiti ad esposizione e/o vendita,

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

ANACI ROMA INCENDIO NEI CONDOMINI

ANACI ROMA INCENDIO NEI CONDOMINI INCENDIO NEI CONDOMINI FILMATO ANACI ROMA TRIANGOLO DEL FUOCO PRIMA DOMANDA... L incendio scoppia nei condomini moderni... o anche nei condomini antichi? L incendio non ha età! ANACI ROMA Dove può scoppiare

Dettagli

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

R.S.P.P. Misure contro l incendio

R.S.P.P. Misure contro l incendio R.S.P.P. Misure contro l incendio D. Lgs. 9 aprile 2008, n 81 D. Lgs. 81/08 - Allegato IV Misure contro l incendio Negli studi, seppure non esistano pericoli specifici di incendio: E vietato fumare Devono

Dettagli

Quesiti di prevenzione incendi

Quesiti di prevenzione incendi Quesiti di prevenzione incendi Raccolta 2010/2011 183 domande e risposte a cura di Mario Abate Direttore Vice Dirigente Comando VVF Milano (Le risposte ai quesiti sono riferite alle norme vigenti al momento

Dettagli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli

Le guide degli alberghi. La prevenzione incendi Il registro dei controlli Le guide degli alberghi La prevenzione incendi Il registro dei controlli INTRODUZIONE L art. 5 del D.P.R. n. 37/98, disciplinando i principali adempimenti gestionali finalizzati a garantire il corretto

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure

PREVENZIONE INCENDI norme e procedure PREVENZIONE INCENDI norme e procedure dott. ing. Gioacchino Giomi COMANDANTE VIGILI DEL FUOCO ROMA 1 abitazione 2 fabbrica 3 albergo 4 albergo 5 CHE COSA E LA PREVENZIONE INCENDI è una funzione di preminente

Dettagli

uniformità di indirizzi e di livelli di sicurezza semplicità in fase di progettazione e di controllo

uniformità di indirizzi e di livelli di sicurezza semplicità in fase di progettazione e di controllo L approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio e le procedure di deroga Ing. Gianfranco Tripi 06/09/2013 1 APPROCCIO PRESCRITTIVO VANTAGGI: uniformità di indirizzi e di livelli di sicurezza semplicità

Dettagli

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 27 settembre

Dettagli

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.

Edifici e locali destinati ad uffici. Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda. Edifici e locali destinati ad uffici Ing. Stefano Perri Funzionario Comando Regionale Vigili del Fuoco Aosta s.perri@regione.vda.it DPR 151/2011 N Attività Categoria A B C 71 Aziende ed uffici con oltre

Dettagli

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010)

La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Corso scienza e tecnica della prevenzione incendi Pisa 11-12 Aprile 2014 La nuova regola tecnica sui centri commerciali (D.M. 27 luglio 2010) Dr. Ing. Fabio Bernardi C.N.VV.F. 1 2 Attività commerciali

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CROTONE Corso di specializzazione in Prevenzione Incendi PROGRAMMA CONFORME AL DM 05.08.

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CROTONE Corso di specializzazione in Prevenzione Incendi PROGRAMMA CONFORME AL DM 05.08. a ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI CROTONE Corso di specializzazione in Prevenzione Incendi PROGRAMMA CONFORME AL DM 05.0.011 ARGOMENTO ORE Obiettivi e fondamenti di prevenzione incendi DOCENTE

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO PORDENONE

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO PORDENONE COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO PORDENONE Corsi di formazione e modalità di accertamento dell idoneità tecnica del personale incaricato a svolgere, nei luoghi di lavoro, mansioni di addetto alla prevenzione

Dettagli

programma aggiornato al 05/02/14

programma aggiornato al 05/02/14 programma aggiornato al 05/02/14 Modulo 1: Obiettivi, direttive, Legislazione e regole tecniche di prevenzione incendi Presentazione del corso Presidenti degli Ordini e Collegi 0.15 15.30 15.45 mercoledì

Dettagli

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI. norma UNI 11292/2008

MEZZI DI ESTINZIONE FISSI. norma UNI 11292/2008 MEZZI DI ESTINZIONE FISSI SISTEMI AUTOMATICI SPRINKLER norma UNI 12845/2009 Specifica i requisiti e fornisce i criteri per la progettazione l installazione e la manutenzione di impianti fissi antincendio

Dettagli

BOZZA CORSO BASE PROFESSIONISTI ANTINCENDIO - D.M. 05/08/2011

BOZZA CORSO BASE PROFESSIONISTI ANTINCENDIO - D.M. 05/08/2011 Ente di diritto pubblico non economico sotto la vigilanza del Ministero della Giustizia Art. 0 R.D. 75/99 74 Verona Via A. Sacchi, 6 Tel. +9 045 85.7.7 Fax + 9 045 84.9.84 E-mail: segreteriaperiti@tin.it

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI

PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI PROGETTO FORMATIVO 2010 TIPO_1: INCONTRI INFORMATIVI DESCRIZIONE SINTETICA ARGOMENTI INCONTRI: 1a 1b 1c 1d 1e reti idranti Componenti reti idranti: scelta, utilizzo e manutenzione UNI 10779 2007 estintori

Dettagli

ATTIVITÀ DI TE.S.I. S.r.l.

ATTIVITÀ DI TE.S.I. S.r.l. Prove, collaudi e certificazioni nel campo antincendio; formazione; consulenze tecniche; verifiche ascensori. ATTIVITÀ DI Tecnologie Sviluppo Industriale S.r.l. (TE.S.I.) é un'azienda articolata in più

Dettagli

Roma 27 Maggio 2009. Progettare gli impianti antincendio in armonia con le regole tecniche di prevenzione incendi e le norme UNI

Roma 27 Maggio 2009. Progettare gli impianti antincendio in armonia con le regole tecniche di prevenzione incendi e le norme UNI Forum di Prevenzione Incendi Roma 27 Maggio 2009 Progettare gli impianti antincendio in armonia con le regole tecniche di prevenzione incendi e le norme UNI 1 Parte I : Progettazione dei sistemi antincendio

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito

Eventuale controllo del Comando a seguito della presentazione dell attestazione di rinnovo periodico presentata oltre il termine stabilito Prevenzione incendi: il Ministero dell Interno ha emanato chiarimenti in merito all applicazione del regolamento di semplificazione antincendio (lettera circolare del 18 aprile 2012 prot. n. 0005555) Canale:

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DI BENEVENTO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DI BENEVENTO Lezione Programma didattico del corso base di specializzazione in Prevenzione Incendi organizzato ai sensi del DM 05.08.0 Ora Durata Argomento trattato Modulo Docente Data 6 OBIETTIVI, DIRETTIVE, LEGISLAZIONE

Dettagli

Gli esami si svolgeranno in sessione unica, dopo il termine delle lezioni e in date da confermarsi (comunque entro luglio 2015).

Gli esami si svolgeranno in sessione unica, dopo il termine delle lezioni e in date da confermarsi (comunque entro luglio 2015). CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI finalizzato all iscrizione dei professionisti negli elenchi del Ministero dell Interno, art. D.M. 5 agosto 0 PERIODO: aprile 9 luglio 05 dal aprile

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

Autorimesse. Un progetto di prevenzione incendi per garantire la sicurezza degli utenti

Autorimesse. Un progetto di prevenzione incendi per garantire la sicurezza degli utenti Autorimesse Un progetto di prevenzione incendi per garantire la sicurezza degli utenti TABELLA 1 CLASSIFICAZIONE DELLE AUTORIMESSE N. attività secondo D.P.R. n. 151/2011 Descrizione attività 59 Autorimesse

Dettagli

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA

L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA L OSPEDALE IN EVOLUZIONE CONTINUA le metodologie di elaborazione degli strumenti di espressione della domanda e di verifica del progetto Firenze 15 gennaio 2014 Requisiti a supporto di una corretta progettazione

Dettagli

OBBLIGHI A CARICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI

OBBLIGHI A CARICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI OBBLIGHI A CARICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI dott. ing. Marco Di Felice Il 07/10/2011 è entrato in vigore il DPR 151/2011: Regolamento sulla semplificazione dei procedimenti

Dettagli

Argomento Idranti. Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale. Docente. n.marotta@ing.unipi.it

Argomento Idranti. Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale. Docente. n.marotta@ing.unipi.it Dipartimento di Ingegneria Civile e Industriale «Scienza e Tecnica della Prevenzione Incendi» Argomento Idranti Docente n.marotta@ing.unipi.it Impianti di protezione attiva antincendi Gli impianti di protezione

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE SPECIFICA

CORSI DI FORMAZIONE SPECIFICA Informativa del 11/09/2012 CORSI DI FORMAZIONE SPECIFICA AMBITO SEGNALAZIONE PAG. Sicurezza Corso Addetti Antincendio 2 Sicurezza Corso Aggiornamento Addetti Antincendio 4 Bucciarelli Engineering S.r.l.

Dettagli

La scommessa della riduzione degli oneri regolatori Ing. Roberto EMMANUELE VVF

La scommessa della riduzione degli oneri regolatori Ing. Roberto EMMANUELE VVF La scommessa della riduzione degli oneri regolatori Ing. Roberto EMMANUELE VVF Roma, 18 giugno 2014 D.Ing.Roberto Emmanuele Funzionario direttivo Direzione Centrale Prevenzione e Sicurezza Tecnica-Area

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

RIUNIONE PROGETTISTI 2012

RIUNIONE PROGETTISTI 2012 RIUNIONE PROGETTISTI 2012 Sistemi antincendio Le attuali prescrizioni Cenni UNI EN 12845 (Maggio 2009) UNI 11292 (Agosto 2008) UNI/TR 11438 (Febbraio 2012) Gruppi di pressurizzazione Situazione Normativa

Dettagli

FORMAZIONE ANTINCENDIO

FORMAZIONE ANTINCENDIO ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA SUL LAVORO SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE Decreto Ministero dell Interno 10 marzo 1998 FORMAZIONE ANTINCENDIO con LEGGI, DECRETI, CIRCOLARI E COMMENTI

Dettagli

LA NECESSITÀ DELLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI ADDETTI ALL ANTINCENDIO NELLE ATTIVITÀ LAVORATIVE

LA NECESSITÀ DELLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI ADDETTI ALL ANTINCENDIO NELLE ATTIVITÀ LAVORATIVE Corso Per Addetto Antincendio pag. 1 CAPITOLO 1 LA NECESSITÀ DELLA FORMAZIONE DEI LAVORATORI ADDETTI ALL ANTINCENDIO NELLE ATTIVITÀ LAVORATIVE Vediamo anzitutto da dove nascono gli obblighi formativi nei

Dettagli

Direttive per l attuazione dell approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio

Direttive per l attuazione dell approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Decreto del Ministro dell interno 9 maggio 2007 (G.U. n. 117 del 22/05/2007) Direttive per l attuazione dell approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Il Ministro dell interno VISTO il decreto

Dettagli

Direzione Generale Organizzazione, risorse umane e tecniche

Direzione Generale Organizzazione, risorse umane e tecniche ALLEGATO A CARATTERISTICHE TECNICHE DEI LOCALI DA ADIBIRE AD ARCHIVIO DI DEPOSITO Sommario 1. Caratteristiche generali... 2 2. Ubicazione... 2 3. Strutture esterne e dimensioni... 2 4. Diapositivi di sicurezza...

Dettagli

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418.

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 30 giugno 1995, n. 418. Regolamento concernente norme di sicurezza antincendio per gli edifici di interesse storico-artistico destinati a biblioteche ed archivi.

Dettagli

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed Esercizio UNI 10779-07 A cura di BM SISTEMI srl Introduzione La progettazione e l installazione delle reti idranti è regolata in Italia dalla norma UNI 10779.

Dettagli

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto.

La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. SEMINARIO TECNICO DI AGGIORNAMENTO NORME DI PREVENZIONE I N C E N D I GENERALI E SEMPLIFICATE La nuova regola tecnica verticale per le strutture ricettive turistico-alberghiere fino a 50 posti letto. Rimini

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA

MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA 27/06/13 MINISTERO DELL INTERNO COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI CREMONA Gruppo Interprofessionale Provincia di Cremona Seminario di aggiornamento ai sensi del D.M. 5 agosto 2011 27 giugno 2013

Dettagli

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E

Meno carte più sicurezza. Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E FUOCO DEL VIGILI Meno carte più sicurezza Procedure semplificate per la prevenzione incendi C O R P O N A Z I O N A L E Premessa La semplificazione per le procedure di prevenzione incendi entra in vigore

Dettagli

Osservatorio per l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio

Osservatorio per l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Osservatorio per l approccio ingegneristico alla sicurezza antincendio Segnaliamo infine che il decreto introduce un organo destinato al monitoraggio dell uso del nuovo approccio a livello nazionale, l

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI. Della PROVINCIA DI TRAPANI. In collaborazione con Fiarcom. Corso di formazione PREVENZIONE INCENDI

ORDINE DEGLI ARCHITETTI. Della PROVINCIA DI TRAPANI. In collaborazione con Fiarcom. Corso di formazione PREVENZIONE INCENDI ORDINE DEGLI ARCHITETTI Della PROVINCIA DI TRAPANI In collaborazione con Fiarcom Corso di formazione PREVENZIONE INCENDI Legge 7 dicembre 1984 n.818, DM 5 marzo 1985 e se0gg 12 GIUGNO- 26 SETTEMBRE 2015

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI VICENZA DELIBERA N. 1680-28 APRILE 2004 - DEL CONSIGLIO DELL ORDINE ARCHITETTI P.P.C. DI VICENZA ATTO DI INDIRIZZO

Dettagli

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio Nuovo codice di prevenzione incendi Capitolo S.9: Operatività antincendio Istituto Superiore Antincendi, Roma Cos è?? Perchè?? Cos è? E la strategia antincendio che ha come scopo rendere possibile l effettuazione

Dettagli

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno.

Nuova costruzione che erogherà prestazioni in regime residenziale a ciclo continuativo e diurno. RELAZIONE TECNICA IMPIANTO ANTINCENDIO Attività: 68 D.P.R. 01.08.2011 n 151-86 D.M. 16.02.1982 Riferimenti: Decreto Ministro dell Interno 18 settembre 2002 - Approvazione della regola tecnica di prevenzione

Dettagli

Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati della Provincia di Pescara

Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati della Provincia di Pescara D.M. 05 Agosto 0 - OBBIETTIVI E DESTINATARI DEL CORSO Il corso, rivolto ai soggetti in possesso dei requisiti previsti dall Art.3 del D.M. 5 Agosto 0, ha l obbiettivo di formare le figure professionali

Dettagli

CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI DM 5 AGOSTO 2011

CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI DM 5 AGOSTO 2011 CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI DM 5 AGOSTO 2011 PROGRAMMA ai sensi dell art. 4 del DM 5/08/2011 Modulo 1 Obiettivi, direttive, legislazione e regole tecniche di prevenzione incendi

Dettagli

Impianti idrici antincendio a naspi o idranti

Impianti idrici antincendio a naspi o idranti Anno 4 Nr. 5 17 Giugno 2013 Impianti idrici antincendio a naspi o idranti L acqua resta ancora oggi il mezzo estinguente fondamentale utilizzato per combattere gli incendi per la facile reperibilità, il

Dettagli

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni UNI 5104 Impianti di condizionamento dell'aria - norme per l'ordinazione, l'offerta e il collaudo. UNI

Dettagli

Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845. Forum Antincendio 2012 Milano 26 Settembre 2012

Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845. Forum Antincendio 2012 Milano 26 Settembre 2012 Sistemi di pressurizzazione Idrica a norma UNI EN 12845 Forum Antincendio 2012 Milano 26 Settembre 2012 Salmson la leggenda Un marchio, oltre un secolo di storia 1896 : Emile SALMSON «SA» fabbrica pompe

Dettagli

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie

La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO Comando Provinciale di Lecco La nuova regola tecnica di prevenzione incendi per le strutture sanitarie Lecco, 16 Settembre 2015 Le strutture sanitarie: le criticità

Dettagli

CALENDARIO DEL CORSO DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI FERRARA 2016

CALENDARIO DEL CORSO DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI FERRARA 2016 1.1 Obiettivi e fondamenti di prevenzione incendi e competenze del CNWF 2 In questo ambito vengono analizzati gli obiettivi della prevenzione incendi, introdotti i criteri generali per la valutazione del

Dettagli

PROGRAMMA DEL CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ferrara

PROGRAMMA DEL CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Ordine degli Ingegneri della Provincia di Ferrara Mod Tema trattato H docente data Obiettivi e fondamenti di prevenzione incendi e competenze del CNWF In questo ambito vengono analizzati gli obiettivi della prevenzione incendi, introdotti i criteri generali

Dettagli

Impianti e dispositivi antincendio

Impianti e dispositivi antincendio Gestione ambientale Impianti e dispositivi antincendio 1/2 Concetti base sugli incendi classificazione e cinetica degli incendi carico d incendio e REI 2 2005 Politecnico Torino 1 2/2 Interventi preventivi

Dettagli

RELAZIONE CALCOLO CARICO INCENDIO VERIFICA TABELLARE RESISTENZA AL FUOCO **** **** **** D.M. Interno 09 Marzo 2007 D.M. 16 Febbraio 2007 L.C.

RELAZIONE CALCOLO CARICO INCENDIO VERIFICA TABELLARE RESISTENZA AL FUOCO **** **** **** D.M. Interno 09 Marzo 2007 D.M. 16 Febbraio 2007 L.C. RELAZIONE CALCOLO CARICO INCENDIO VERIFICA TABELLARE RESISTENZA AL FUOCO **** **** **** D.M. Interno 09 Marzo 2007 D.M. 16 Febbraio 2007 L.C. 15/02/2008 L.C. 28/03/2008 GENERALITA' COMPARTIMENTI La presente

Dettagli

Direttore Vicedirigente ing. Mario De Bona DIREZIONE REGIONALE VV.F. - BASILICATA

Direttore Vicedirigente ing. Mario De Bona DIREZIONE REGIONALE VV.F. - BASILICATA Direttore Vicedirigente ing. Mario De Bona DIREZIONE REGIONALE VV.F. - BASILICATA Le Attività Scolastiche rientrano nelle attività soggette ai controlli di prevenzione incendi da parte dei Vigili del Fuoco

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI CAMBIA

LA PREVENZIONE INCENDI CAMBIA LA PREVENZIONE INCENDI CAMBIA D.P.R. 01 agosto 2011, n. 151 NORMATIVA E PROCEDURE La nuova normativa e le procedure per la prevenzione incendi e in particolare l arrivo della cosi detta Scia, segnano un

Dettagli

In data 4 Maggio 2012 sono stati inoltre forniti da parte del Ministero (Protocollo n. 6334), chiarimenti relativi alla Guida 2012 [3].

In data 4 Maggio 2012 sono stati inoltre forniti da parte del Ministero (Protocollo n. 6334), chiarimenti relativi alla Guida 2012 [3]. Oggetto: Considerazioni riguardo alla nuova linea guida 2012 del Ministero dell Interno per l installazione degli impianti fotovoltaici (Protocollo n. 1324 del 7 febbraio 2012) In data 7 Febbraio 2012

Dettagli

Collegio Periti Industriali - Collegio Geometri - Collegio Periti Agrari della Provincia di Bologna

Collegio Periti Industriali - Collegio Geometri - Collegio Periti Agrari della Provincia di Bologna In questo ambito vengono analizzati gli obiettivi della prevenzione incendi, introdotti i criteri generali per la valutazione del rischio di incendio e per la individuazione delle misure preventive, protettive

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI VALUTAZIONE DEL RISCHIO INCENDIO PAGINA 1 di 10 SOMMARIO RIFERIMENTI NORMATIVI... 2 PREMESSA... 3 OBBIETTIVI DELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 3 CRITERI ADOTTATI NELLA VALUTAZIONE DEI RISCHI D INCENDIO... 4 VALUTAZIONE DEI RISCHI

Dettagli

IL MINISTERO DELL INTERNO. della Difesa Civile

IL MINISTERO DELL INTERNO. della Difesa Civile IL MINISTERO DELL INTERNO tramite Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Emana le norme contenenti le misure di Prevenzione e di Protezione contro gli Incendi che

Dettagli

IL REGOLAMENTO DI PREVENZIONE INCENDI DPR 1 AGOSTO 2011, N.151

IL REGOLAMENTO DI PREVENZIONE INCENDI DPR 1 AGOSTO 2011, N.151 1 IL REGOLAMENTO DI PREVENZIONE INCENDI DPR 1 AGOSTO 2011, N.151 2 IL PERCORSO LOGICO DELLA DISCUSSIONE L INQUADRAMENTO NORMATIVO IL DPR VERO E PROPRIO I DETTAGLI CONSIDERAZIONI 3 L INQUADRAMENTO esterno

Dettagli

LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI

LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI ChiesadiMilano LA SICUREZZA NELLE SALE: APPROFONDIMENTO SUGLI ASPETTI TECNICO NORMATIVI LA REGOLA TECNICA DI PREVENZIONE INCENDI ED ADEGUAMENTI PIÙ URGENTI REGOLAMENTO DI PREVENZIONE INCENDI ED IL CONTROLLO

Dettagli

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA

Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA Inpdap ISTITUTO NAZIONALE DI PREVIDENZA PER I DIPENDENTI DELL AMMINISTRAZIONE PUBBLICA DIREZIONE COMPARTIMENTALE DELLA LOMBARDIA EDIFICIO SITO IN VIA FORTEZZA N. 11 - MILANO SEDE TERRITORIALE INPDAP ATTIVITA

Dettagli

Dott. Ing. Paolo PALOMBO

Dott. Ing. Paolo PALOMBO INCENDIO PREVENZIONE - PROTEZIONE Dott. Ing. Paolo PALOMBO Ordine dei Medici della provincia di Latina Incontro di aggiornamento STUDI SICURI 2012 E Obbligo del datore di lavoro l assicurare gli adempimenti

Dettagli

perseguito DICHIARA N.B: In caso di variazioni in attività già esistenti, riportare di seguito i dati corrispondenti alla nuova situazione

perseguito DICHIARA N.B: In caso di variazioni in attività già esistenti, riportare di seguito i dati corrispondenti alla nuova situazione B7 Locali di pubblico trattenimento e svago - 04/01/10 Spazio per la vidimazione da parte del SUAP ALLEGATO B-7 Locali di pubblico trattenimento e svago R.D. n 773/1931 e s.m.i. artt. 68/69/80 1. Dati

Dettagli

DVD Antonio Del Gallo

DVD Antonio Del Gallo NUOCO CODICE DI PREVENZIONE INCENDI Capitolo S.5 Gestione della sicurezza antincendio DVD Antonio Del Gallo Direzione Interregionale per il Veneto e il Trentino Alto Adige Premessa GSA : misura della Strategia

Dettagli

nella piccola e media azie

nella piccola e media azie ' ", nella piccola e media azie ea a organi del servi o ci! sieu interno aziendale GIUSEPPE SANTARSIERE PROTEZIONE CIVILE NELLA PICCOLA E MEDIA AZIENDA sistemi di prevenzione incendi ed antinfortunistica

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 1 - ZONA 2 - SCUOLA N 1170 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E ADDUZIONE GAS NEL

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico, Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Napoli Programma Operativo Interregionale

Dettagli

Il testo riportato è aggiornato con l emanazione del D.M. 16 febbraio 1982 che ha sostituito il D.M. 27 settembre 1965

Il testo riportato è aggiornato con l emanazione del D.M. 16 febbraio 1982 che ha sostituito il D.M. 27 settembre 1965 Circolare n 75 del 03/07/1967 Criteri di prevenzione incendi per grandi magazzini, empori, ecc. TESTO COORDINATO E' noto che al n. 87 del Decreto Interministeriale del 16 febbraio 1982, emanato ai sensi

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81

PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 PROCEDURE STANDARDIZZATE PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI AI SENSI DELL ART. 29 D.Lgs. N 81 Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema Indicazioni per la stesura del documento standardizzato

Dettagli

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c)

IMPIANTI DI RISCALDAMENTO, CLIMATIZZAZIONE, CONDIZIONAMENTO E REFRIGERAZIONE (DM. 37/08 art. 1, comma 2, lettera c) TIPO DI LAVORO Installazione, rifacimento, trasformazione, ampliamento di impianto dotato o anche non dotato di canna fumaria collettiva ramificata (Per frigorifero ad adsorbimento alimentato a gas vedere

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Dibattiti e proposte per il prossimo futuro

Dibattiti e proposte per il prossimo futuro Anno 4 Nr. 6 1 Ottobre 2013 Dibattiti e proposte per il prossimo futuro Oggi è in corso un importante dibattito in materia antincendio, fra chi ritiene utile il sistema di regole tecniche prescrittive

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL'ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL'INTERNO

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL'ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL'INTERNO CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN PREVENZIONE INCENDI FINALIZZATO ALL'ISCRIZIONE DEI PROFESSIONISTI NEGLI ELENCHI DEL MINISTERO DELL'INTERNO CODICE CORSO: -PE-VVF (0 h)-0 (D.M. 05 Agosto 0 - Art. ) OGGETTO:

Dettagli

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE MENSA MARTIRI PISA

Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE MENSA MARTIRI PISA Azienda Regionale per il Diritto allo Studio Universitario della Toscana PIANO PER LA GESTIONE DELLE EMERGENZE MENSA MARTIRI PISA 1 STRUTTURA SEDE MENSA UNIVERSITARIA MARTIRI VIA DEI MARTIRI PISA DESCRIZIONE

Dettagli