D.1.02 PROGETTO ESECUTIVO PROGETTO IMPIANTI MECCANICI RELAZIONE GENERALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "D.1.02 PROGETTO ESECUTIVO PROGETTO IMPIANTI MECCANICI RELAZIONE GENERALE"

Transcript

1 COSTRUZIONE DELLA NUOVA MENSA SCOLASTICA A SERVIZIO DELLE SCUOLE MATERNA AQUILONE, ELEMENTARE GIULIO ZANON E MEDIA DON MILANI DI MEJANIGA DI CADONEGHE (PD) PROGETTISTI COMMITTENTE arch. Federico Tasso calle dei calafati Dolo (VE) tel ing. Guido Viel via dei Re Magi, Revine Lago (TV) tel ARCHITETTONICO STRUTTURE Committente: Unione dei Comuni del Medio Brenta Viale della Costituzione, Cadoneghe (Pd) Tel Fax P.I./C.F Responsabile Unico Procedimento arch. Vanni Baldisseri Ufficio LL.PP. - Comune di Cadoneghe (PD) P.zza Insurrezione, Cadoneghe (PD) Tel Studio de Zolt Per. Ind. Liviano de Zolt arch. Luana de Zolt Via Guglielmo Marconi, Vigodarzere (Padova) tel fax Studio Tecnico Zambonin via Rossi, 3/f Rubano (Padova) tel fax IMPIANTI MECCANICI IMPIANTI ELETTRICI FASE: DESCRIZIONE: PROGETTO ESECUTIVO PROGETTO IMPIANTI MECCANICI RELAZIONE GENERALE ENERGO s.r.l. Per. Ind. Denis Zuin Via Guido Rossa, Ponte San Nicolò (PD) tel fax SICUREZZA D.1.02 dott.sa Silvia Cipriano via Monte Gallo Padova ARCHEOLOGIA SCALA --- DATA FEBBRAIO 2014

2 INTRODUZIONE 2 PREMESSA 2 DESIGNAZIONE DELLE OPERE 2 OSSERVANZA NORME GENERALI 3 NORME UNI 3 NORME UNI 3 NORME UNI PER IMPIANTI ANTINCENDIO 6 CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI MECCANICI 8 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE 8 DATI TECNICI DI PROGETTO 8 TEMPERATURE DEI FLUIDI 8 FILTRAZIONE DELL ARIA 8 PRESE DELL AREA ESTERNA 8 MOVIMENTO DELL ARIA 8 LIVELLI SONORI INTERNI 8 DESCRIZIONE DEI CIRCUITI E APPARECCHIATURE IN CAMPO PER LA CLIMATIZZAZIONE 9 APPARECCHIATURE ESTERNE 9 SERVIZI IGIENICI 9 IMPIANTO ANTINCENDIO A IDRANTI 10 IMPIANTO IDRICO SANITARIO 10 IMPIANTI DI SCARICO 10 ACQUE NERE (WC) E BIONDE (LAVANDINI) 10 NOTE GENERALI IMPIANTI DI SCARICO 10

3 INTRODUZIONE PREMESSA Per meglio comprendere gli impianti meccanici che si andranno a realizzare nell intervento in progetto, qui di seguito, viene data una sommaria descrizione degli impianti. E evidente che trattandosi di una relazione sommaria sarà poi necessario fare riferimento agli altri elaborati di progetto e agli elaborati grafici del progetto definitivo. Per meglio identificare il progetto si precisa che l intervento è ubicato a Cadoneghe (PD) e riguarda la costruzione di una nuova mensa scolastica.. Tutti gli impianti che si andranno comunque a realizzare, saranno rispondenti alle vigenti normative ed alle eventuali successive modificazioni.. DESIGNAZIONE DELLE OPERE Brevemente, gli impianti che interessano il progetto definitivo sono: - Impianto di climatizzazione estiva ed invernale; - Impianto aria primaria; - Impianto idrico sanitario; - Impianto scarichi; - Impianto idrico antincendio (predisposizione);

4 OSSERVANZA NORME GENERALI Il progetto, è sarà soggetto alla piena osservanza di tutte le leggi e normative di natura sia tecnica che amministrativa-contabile, che di altra natura avente attinenza con i lavori e con il progetto in questione. In maniera particolare si sono osservate scrupolosamente le seguenti norme: NORME UNI legge n. 10 del 09/01/1991, Dlgs 192/05, Dlgs 311/2006 e s.m. e norma per l attuazione del piano energetico nazionale in materia d uso nazionale dell energia e relativo regolamento di attuazione; normative I.S.P.E.S.L.; normative UNI CIG; legge n. 818 del 07/12/1984 e successivo decreto M.I. del 08/03/1985; legge n. 37/08 e norma per la sicurezza degli impianti relativo regolamento di attuazione; D.Lgs. n. 626 del 19/09/1994 attuazione delle direttive 89/391/CEE, 89/654/CEE, 86/655/CEE, 89/656/CEE, 90/269/CEE, 90/270/CEE, 90/679/CEE, riguardanti il miglioramento della sicurezza e salute dei lavoratori sul luogo di lavoro; D.Lgs. n. 494 del 10/08/1996 attuazione della direttiva 92/57 CEE concernente le prescrizioni minime di sicurezza da attuare nei cantieri temporanei e mobili e successivi aggiornamenti ; normative del Ministero dell'interno per gli impianti termici e combustibili liquidi e/o gassosi disposizioni dei Vigili del Fuoco; leggi, regolamenti e circolari tecniche che venissero emanate in corso d'opera; normative, leggi, decreti ministeriali, regionali o comunali; Norme uni UNI 5364: impianti di riscaldamento ad acqua calda - regole per la presentazione dell'offerta e per il collaudo UNI 6883: generatori di vapore d acqua e di acqua calda sotto pressione - norme per l ordinazione ed il collaudo UNI 7831: filtri di aria per particelle a secco e a umido classificazione e dati per l ordinazione UNI 7832: filtri di aria per particelle a media efficienza prova in laboratorio e classificazione UNI 7833: filtri di aria per particelle ad alta ed altissima efficienza prova in laboratorio e classificazione UNI 7939/1: terminologia per la regolazione automatica degli impianti di benessere - impianti di riscaldamento degli ambienti UNI 8061: impianti di riscaldamento a fluido diatermico a vaso aperto - progettazione, costruzione ed esercizio UNI 8063: scambiatori di calore a circolazione di aria forzata per riscaldamento - metodi di prova

5 UNI 8064: riscaldatori d acqua per usi sanitari con fluido primario acqua calda - classificazione e prove UNI 8065: trattamento dell acqua negli impianti termici ad uso civile UNI 8130: misure delle prestazioni di depolveratori valutazione delle grandezze fisiche caratteristiche e calcolo dell efficienza di separazione UNI 8199: misura in opera e valutazione del rumore prodotto negli ambienti dagli impianti di riscaldamento, condizionamento e ventilazione UNI 8213: depositi di gas di petrolio liquefatti per impianti centralizzati con serbatoi fissi di capacità complessiva fino a 5 m3 - progettazione, installazione ed esercizio UNI 8364: impianti di riscaldamento - controllo e manutenzione UNI 8477/1: energia solare - calcolo degli apporti per applicazioni in edilizia - valutazione dell energia raggiante ricevuta UNI 8477/2: energia solare - calcolo degli apporti per applicazioni in edilizia - valutazione degli apporti ottenibili mediante sistemi attivi o passivi UNI 8728: apparecchi per la diffusione dell aria - prova di funzionalità UNI 8855: riscaldamento a distanza - modalità per l allacciamento di edifici a reti di acqua calda UNI 8884: caratteristiche e trattamento delle acque dei circuiti di raffreddamento e di umidificazione UNI 9036: gruppi di misura con contatori volumetrici a pareti deformabili con pressione di esercizio minore o uguale a 40 mbar - prescrizioni di installazione UNI 9157: impianti idrici - disconnettori a tre vie - caratteristiche e prove UNI 9166: generatori di calore - determinazione del rendimento utile a carico ridotto per la classificazione ad alto rendimento UNI 9182: edilizia - impianti di alimentazione e distribuzione d'acqua fredda e calda - criteri di progettazione, collaudo e gestione UNI 9183: edilizia - sistemi di scarico delle acque usate - criteri di progettazione, collaudo e gestione UNI 9317: impianti di riscaldamento - conduzione e controllo UNI 9511/1: disegni tecnici Rappresentazione delle installazioni segni grafici per impianti di condizionamento dell aria, riscaldamento, ventilazione, idrosanitari UNI 9511/2: disegni tecnici - rappresentazione delle installazioni - segni grafici per apparecchi e rubinetteria sanitaria UNI 9511/3: disegni tecnici - rappresentazione delle installazioni - segni grafici per la regolazione automatica UNI 9511/4: disegni tecnici - rappresentazione delle installazioni - segni grafici per gli impianti di refrigerazione UNI 9511/5: disegni tecnici - rappresentazione delle installazioni - segni grafici per i sistemi di drenaggio e scarico acque usate UNI 9615: calcolo delle dimensioni interne dei camini - definizioni, procedimenti di calcolo fondamentali UNI 9860: impianti di derivazione di utenza - progettazioni, costruzione e collaudo UNI 9953: ricuperatori di calore aria-aria negli impianti di condizionamento dell aria - definizioni, classificazione, requisiti e prove UNI 10199: impianti ad acqua surriscaldata - requisiti per l installazione e metodi di prova UNI 10339: impianti aeraulici ai fini di benessere - generalità, classificazione e requisiti - regole per la richiesta d offerta, l offerta, l ordine e la fornitura UNI 10344: riscaldamento degli edifici - calcolo del fabbisogno di energia. UNI 10345: riscaldamento e raffrescamento degli edifici - trasmittanza termica dei componenti edilizi finestrati - metodo di calcolo UNI 10346: riscaldamento e raffrescamento degli edifici - scambi di energia termica tra terreno ed edificio - metodo di calcolo UNI 10347: riscaldamento e raffrescamento degli edifici - energia termica scambiata tra una tubazione e ambiente circostante - metodo di calcolo UNI 10348: riscaldamento degli edifici - rendimenti dei sistemi di riscaldamento - metodo di calcolo UNI 10349: riscaldamento e raffrescamento degli edifici - dati climatici

6 UNI 10351: materiali da costruzione - conduttività termica e permeabilità al vapore UNI 10375: metodo di calcolo della temperatura interna estiva degli ambienti UNI 10379: riscaldamento degli edifici - fabbisogno energetico convenzionale normalizzato - metodo di calcolo e verifica UNI 10381/1: impianti aeraulici condotte - classificazione, progettazione, dimensionamento e posa in opera UNI 10381/2: impianti aeraulici - componenti di condotte - classificazione, dimensionamento e caratteristiche costruttive UNI 10412: impianti di riscaldamento ad acqua calda - prescrizioni di sicurezza UNI 10531: ventilatori industriali - metodi di prova e criteri di accettazione UNI EN 255/1: pompe di calore - pompe di calore con compressore trascinato da motore elettrico per riscaldamento o per riscaldamento e raffreddamento - termini, definizioni e designazione UNI ENV 305: scambiatori di calore - definizioni delle prestazioni degli scambiatori di calore e procedure generali di prova per la determinazione delle prestazioni di tutti i tipi di scambiatori UNI EN 329: rubinetteria sanitaria - dispositivi di scarico per piatti doccia - specifiche tecniche generali UNI EN 378/1: impianti di refrigerazione e pompe di calore - requisiti di sicurezza e ambientali - requisiti di base UNI EN 411: rubinetteria sanitaria - dispositivi di scarico per lavelli - specifiche tecniche generali UNI EN 442/1: radiatori e convettori - specifiche tecniche e requisiti UNI EN 442/2: radiatori e convettori - metodi di prova e valutazione UNI EN 489: sistemi bloccati di tubazioni preisolate per reti interrate di acqua calda - assemblaggio-giunzione per tubi di servizio di acciaio con isolamento termico di poliuretano e tubo esterno di polietilene UNI EN 676: bruciatori automatici di combustibili gassosi ad aria soffiata UNI EN 676: UNI EN 733: UNI EN 734: UNI EN 735: UNI EN 779: UNI EN 816: UNI EN 834: UNI EN : UNI EN 1012/2: UNI EN 27726: UNI ENV 306: UNI ENV 1048: UNI ENV 1148: UNI ENV 1117: UNI ENV 1118: UNI ENV 12097: bruciatori di gas ad aria soffiata - prescrizioni di sicurezza pompe centrifughe ad aspirazione assiale, pressione nominale 10 bar, con supporti - punto di funzionamento nominale, dimensioni principali, sistema di designazione pompe a canali laterali PN40 - punto di funzionamento nominale, dimensioni principali, sistema di designazione dimensioni complessive delle pompe rotodinamiche - tolleranze filtri d aria antipolvere per ventilazione generale - requisiti, prove, marcatura rubinetteria sanitaria - rubinetti a chiusura automatica PN10 ripartitori dei costi di riscaldamento per la determinazione del consumo dei radiatori - apparecchiature ad alimentazione elettrica compressori e pompe per vuoto - requisiti di sicurezza - compressori compressori e pompe per vuoto - requisiti di sicurezza pompe per vuoto ambienti termici - strumenti e metodi per la misurazione delle grandezze fisiche scambiatori di calore - modalità di misura dei parametri necessari a stabilire le prestazioni scambiatori di calore- batterie di raffreddamento di liquido raffreddate ad aria batterie di raffreddamento a secco - procedimento di prova per valutare le prestazioni scambiatori di calore - scambiatori di calore acqua-acqua per teleriscaldamento - procedimenti di prova per la determinazione delle prestazioni scambiatori di calore - condensatori di fluidi frigorigeni con liquidi - procedure di prova per stabilire le prestazioni scambiatori di calore - batterie di raffreddamento di liquidi con fluido frigorigeno - procedure di prova per stabilire le prestazioni ventilazione negli edifici rete delle condotte requisiti relativi ai componenti atti a facilitare la manutenzione delle reti delle condotte

7 UNI ENV 1216: UNI ENV 1397: UNI EN 27243: scambiatori di calore - batterie di raffreddamento e di riscaldamento dell aria a ventilazione forzata - procedure di prova per stabilire la prestazione scambiatori di calore - ventilconvettori acqua-aria - procedimenti di prova per la determinazione delle prestazioni ambienti caldi - determinazione dell indice WBGT per la valutazione dello stress termico per l uomo negli ambienti di lavoro Norme UNI per impianti antincendio UNI 7678: elementi costruttivi - prove di resistenza la fuoco UNI 8293: manometri, vacuometri e manovacuometri - classi di precisione UNI 8456: materiali combustibili suscettibili di essere investiti dalla fiamma su entrambe le facce - reazione al fuoco mediante applicazione di una piccola fiamma UNI 8457: materiali combustibili suscettibili di essere investiti dalla fiamma su una sola faccia - reazione al fuoco mediante applicazione di una piccola fiamma UNI 8478: apparecchiature per estinzione incendi - lance a getto pieno - dimensioni, requisiti e prove UNI 9175: reazione al fuoco di mobili imbottiti sottoposti all azione di una piccola fiamma UNI 9177: classificazione di reazione al fuoco dei materiali combustibili UNI 9482: articoli per puericoltura - reazione al fuoco mediante applicazione di una piccola fiamma UNI 9485: apparecchiature per estinzione incendi - idranti a colonna soprassuolo di ghisa UNI 9486: apparecchiature per estinzione incendi - idranti sottosuolo di ghisa UNI 9489: apparecchiature per estinzione incendi - impianti fissi di estinzione automatici a pioggia (sprinkler) UNI 9490: apparecchiature per estinzione incendi - alimentazioni idriche per impianti automatici antincendio UNI 9491: apparecchiature per estinzione incendi - idranti fissi a estinzione automatici a pioggia - erogatori sprinkler) UNI 9492: estintori carrellati di incendio - requisiti di costruzione e tecniche di prova UNI 9493: lotta contro l incendio - liquidi schiumogeni a bassa espansione UNI 9494: evacuatori di fumo e calore - caratteristiche, dimensionamento e prove UNI 9502: procedimento analitico per valutare la resistenza al fuoco degli elementi costruttivi di conglomerato cementizio armato, normale e precompresso UNI 9503: procedimento analitico per valutare la resistenza al fuoco degli elementi costruttivi di acciaio UNI 9504: procedimento analitico per valutare la resistenza al fuoco degli elementi costruttivi di legno UNI 9723: resistenza al fuoco di porte ed altri elementi di chiusura - prove e criteri di classificazione UNI 9795: sistemi fissi automatici di rivelazione e di segnalazione manuale di incendio UNI 9796: reazione al fuoco dei prodotti vernicianti ignifughi applicati su materiali legnosi - metodo di prova e classificazione UNI 9994: apparecchiature per estinzione incendi - estintori di incendio manutenzione UNI 10365: apparecchiature antincendio dispositivi di azionamento di sicurezza per serrande tagliafuoco. Prescrizioni UNI 10799: impianti di estinzione incendi reti di idranti progettazione, installazione ed esercizio UNI EN 2: classificazione dei fuochi UNI EN 3/1: estintori di incendio portatili tenuta, prova di dielettricità, prova di costipamento UNI EN 3/2: estintori di incendio portatili tenuta, prova di dielettricità, prova di costipamento, disposizioni speciali UNI EN 3/4 estintori d incendio portatili - cariche, focolari minimi esigibili UNI EN 3/5: estintori d incendio portatili - specifiche e prove complementari UNI EN 54/1: sistemi di rivelazione e di segnalazione d incendio - introduzione

8 UNI EN 54/5: UNI EN 54/6: UNI EN 54/7: UNI EN 54/8: UNI EN 54/9: UNI EN 671/1: UNI EN 671/2: UNI ISO 3008: UNI ISO 3009: componenti dei sistemi di rivelazione automatica d incendio - rivelatori di calore - rivelatori puntiformi con un elemento statico (FA 1-89) componenti dei sistemi di rivelazione automatica d incendio - rivelatori di calore - rivelatori velocimetrici di tipo puntiforme senza elemento statico componenti dei sistemi di rivelazione automatica d incendio - rivelatori puntiformi di fumo rivelatori funzionanti secondo il principio della diffusione della luce, della trasmissione della luce o della ionizzazione componenti dei sistemi di rivelazione automatica d incendio - rivelatori di calore a soglia di temperatura elevata componenti dei sistemi di rivelazione automatica d incendio - prove di sensibilità su focolari tipo sistemi fissi di estinzione incendi - sistemi equipaggiati con tubazioni - naspi antincendio con tubazioni semirigide sistemi fissi di estinzione incendi. sistemi equipaggiati con tubazioni - idranti a muro con tubazioni flessibili prove di resistenza al fuoco - porte ed altri serramenti prove di resistenza la fuoco - elementi di vetro Inoltre, qualsiasi altra norma, anche se non qui elencata, necessaria per l esecuzione, la fornitura, la posa in opera di qualsiasi prodotto, materiale, apparecchiatura, manufatto ecc. facente parte degli impianti e in vigore ala consegna degli impianti.

9 CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI MECCANICI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE La mensa, sarà costituita, come già illustrato, da un edificio unico destinato esclusivamente a tale scopo. Per la produzione di energia termica e frigorifera, si è previsto di utilizzare una apparecchiatura a pompa di calore alimentata ad energia elettrica. Essa sarà alimentate elettricamente dal nuovo impianto elettrico previsto, sono inoltre previsti pannelli fotovoltaici ad integrazione dei vari impianti elettrici e meccanici. DATI TECNICI DI PROGETTO Condizioni termoigrometriche di riferimento per la progettazione Locale Estate b.s. ( C) Inverno b.u. ( C) Esterno 34,0-5,0 Ambienti ad uso abitativo/mensa 26,0 20,0 Locali servizi igenici 30,0 20,0 su tali valori si ammetterà una tolleranza di ±0,5 C; l umidità non sarà controllata. TEMPERATURE DEI FLUIDI La temperatura dell acqua calda al bollitore sanitario sarà di 60/50 C; FILTRAZIONE DELL ARIA La filtrazione avverrà, a secondo delle zone interessate, tramite filtri conformi alla norma UNI (e a tutti i regolamenti e normative vigenti, anche localmente). PRESE DELL AREA ESTERNA Le prese d aria esterna, necessarie alla ventilazione ambiente, saranno realizzate ad un altezza minima di tre metri dal piano stradale, sufficientemente lontane da espulsioni di aria o prodotti di combustione. MOVIMENTO DELL ARIA L'aria immessa in ambiente avrà velocità finale residua misurata ad una quota di 1,5 ml rispetto al piano di calpestio non superiore a 0,15 m/s LIVELLI SONORI INTERNI

10 Per quanto riguarda i livelli di rumore trasmessi dalle apparecchiature installate all esterno ed all interno di recettori limitrofi potenzialmente esposti, si farà riferimento alle disposizioni contenute nella legge quadro sul inquinamento acustico n 447 del 26/10/1995 e relativi decreti attuativi. A tale proposito saranno selezionate apparecchiature in grado di garantire già alla fonte bassi livelli di emissione sonora; il fornitore dovrà comunque indicare preventivamente tutti gli accorgimenti necessari per ottemperare ai requisiti di legge. Il livello sonoro interno prodotto dai diffusori di immissione o di ripresa dell aria, oppure da apparecchiature installate direttamente in ambiente dovrà rispettare le prescrizioni previste dalla normativa UNI DESCRIZIONE DEI CIRCUITI E APPARECCHIATURE IN CAMPO PER LA CLIMATIZZAZIONE E stato previsto un sistema di climatizzazione estiva ed invernale, del tipo in pompa di calore Hi-VRV IV (volume di refrigerante variabile) con refrigerante R410A. In specifico, i locali mensa, saranno provvisti di terminale del tipo a pavimento e/o a controsoffitto e/o ove necessario, a parete, con canalizzazioni e opportune griglie di mandata. Le riprese saranno realizzata tramite eventuali gole appositamente create nei controsoffitti e/o diversamente, da apposite griglie di ripresa a vista. Tutte le singole unità interne di climatizzazione (ventilconvettori, cassette ventilanti ecc.) saranno interfacciate con il sistema di supervisione generale. Infatti, l intero complesso è asservito da un sistema di supervisione impiantistica che sarà in grado di comandare e controllare singolarmente ogni apparecchio, sia in locale che da postazioni remote via Web. Tutto ciò permetterà di gestire, controllare e verificare il corretto andamento degli impianti evitando possibili sprechi di energia a causa di involontarie manomissione degli impianti dagli utilizzatori. Ogni locale potrà essere comandato e regolato a seconda delle esigenze, sempre nell ambito del periodo di climatizzazione, inoltre, in ogni locale ove necessario e richiesto, sarà immessa aria primaria. Specificatamente per l aria primaria, sarà utilizzata una tecnologia a recupero di calore in grado di utilizzare l energia presente nei locali riutilizzandola per uno scambio termico con l aria proveniente dall esterno, senza però utilizzare ulteriori fonti energetiche. E evidente che tutto ciò avviene gratuitamente e quindi con rendimenti energetici elevatissimi. L aria primaria, in tutti i locali, sarà quanto previsto dalle UNI e s.m. L aria primaria sarà sempre immessa neutra, non arrecherà in alcun modo fastidio alle persone presenti. APPARECCHIATURE ESTERNE Tutte le apparecchiature esterne poggeranno su appositi basamenti rinforzati strutturalmente, rispetto alla struttura ordinaria. Particolare cura sarà prestata, inoltre, per garantire l accessibilità alle strumentazioni di corredo delle varie apparecchiature, evitandone la posa in aree chiuse da canali, passerelle e tubazioni, per limitare le opere di sorpasso dei vari impianti. SERVIZI IGIENICI I servizi igienici del complesso, ove non sia prevista l aerazione naturale, saranno dotati di sistemi canalizzati per l estrazione dell aria. L aria di rinnovo, verrà recuperata direttamente o indirettamente dagli ambienti circostanti. I servizi igienici ad uso della struttura avranno come fonte di climatizzazione invernale i radiatori a colonna elettrici.

11 IMPIANTO ANTINCENDIO A IDRANTI L impianto antincendio, in questa fase, è previsto come predisposizione, cioè saranno installate le tubazioni esterne interrate in polietilene Pn 16 e le tubazioni interne di alimentazione dei naspi sino al posizionamento previsto in progetto ed indicato nelle planimetrie a corredo. IMPIANTO IDRICO SANITARIO Premesso che, l alimentazione idrica potabile al fabbricato avverrà dalla rete Comunale, il sistema sarà Costituito da una rete primaria di distribuzione completamente interrata e risponderà alle vigenti normative. Nell edificio, inoltre, sarà istallata apposita pompa di calore per la produzione di acqua calda sanitaria. Tali apparecchiatura di ultima generazione, considerate per la vigente normative come fonti alternative, sono quanto di tecnologicamente più avanzato attualmente disponibile. Infatti, queste apparecchiature, hanno un coefficiente di rendimento superiori ad un COP di 3,0. Con l intervento è prevista la realizzazione completa di tutti i bagni e servizi ad uso della mensa. IMPIANTI DI SCARICO ACQUE NERE (WC) E BIONDE (LAVANDINI) Per l edifico si prevede la realizzazione di una linea di scarico unica per le acque nere e bionde, esse saranno distribuite sino all esterno del fabbricato e saranno collegate al sistema generale di scarico previsto per l intervento, dove sarà realizzata una rete di collettori esterni con pozzetti di ispezione e quant altro necessario. Per quanto possibile, nei limiti previsti dalle vigenti norme, sarà previsto un sistema di scarico in gravità. Saranno previste reti di scarico distinte per le varie utenze cucina, così come usualmente richiesto dai regolamenti d igiene, anche per permettere l installazione di sistemi di prelievo campioni e/o degrassaggio. NOTE GENERALI IMPIANTI DI SCARICO Le tubazioni di scarico e di ventilazione saranno in polietilene ad alta densità (PEHD) silenziate, con giunti saldati. Verranno utilizzati tutti i pezzi speciali (curve, braghe, riduttori, innesti, collari, ispezioni, ecc.) per garantire un corretto smaltimento dei liquami e la facilità di ispezione. Sugli attraversamenti di tubazioni non in classe 0 di reazione al fuoco, attraverso pareti tagliafuoco saranno installati appositi manicotti termoespandenti (certificati) in grado di mantenere la protezione REI anche in caso d incendio. I tratti orizzontali dei collettori di scarico avranno idonea pendenza e saranno dotati di apposite ispezioni a tee con passaggio diritto e tappo di ispezione a tenuta. Le ispezioni saranno realizzate in pozzetti con chiusura a filo pavimento. La disposizione delle ispezioni dovrà permettere interventi di manutenzione in ogni tratto dei collettori. Per questo verranno posizionate anche seguendo le prescrizioni dei costruttori di sistemi di scarico e saranno disposte in modo avere tratti non superiori a 25 m tra due punti ispezionabili.

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO APPENDICE 2 APPROFONDIMENTI SUGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO ( a cura Ing. Emiliano Bronzino) CALCOLO DEI CARICHI TERMICI A titolo di esempio verrà presentato il calcolo automatico dei carichi termici

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

Il presente decreto sara' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana. DM 13/12/93 APPROVAZIONE DEI MODELLI TIPO PER LA COMPILAZIONE DELLA RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ART. 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991 N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO

Dettagli

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione

Corso di energetica degli edifici. Impianti per il riscaldamento ambientale. Impianti di climatizzazione Corso di energetica degli edifici 1 Impianti di climatizzazione 2 Obiettivo di un impianto di climatizzazione destinato agli usi civili è quello di mantenere e realizzare, nel corso di tutto l anno ed

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA

REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA REC HRA 350 UNITA' DI RECUPERO ATTIVA Unita' di climatizzazione autonoma con recupero calore passivo efficienza di recupero > 50% e recupero di calore attivo riscaldamento, raffrescamento e ricambio aria

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO

Le prestazioni delle pompe di calore: aspetti normativi e legislativi CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO CENTRALI FRIGORIFERE NUOVE TECNOLOGIE E RISPARMIO ENERGETICO Cagliari 8 maggio 2014 Prof. Ing. Carlo Bernardini SEER e SCOP Metodi di prova, valutazione a carico parziale e calcolo del rendimento stagionale

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna

Unità monoblocco aria - aria. Scroll : solo unità NE. modello 65 a 155 GAMMA LIMITI OPERATIVI. Batteria interna. Batteria esterna Unità monoblocco Potenza frigorifera: da 11 a 70.6 kw Potenza calorifica: da 11.7 a 75.2 kw Unità verticali compatte Ventilatori centrifughi Aspirazione e mandata canalizzate Gestione free-cooling con

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

4 - Dati generali e climatici

4 - Dati generali e climatici 4 - Dati generali e climatici 88 Sommario 4.1 Dati catasto energetico... 91 4.1.1 Edificio... 91 4.1.2 Proprietario e responsabile dell impianto... 92 4.2 Dati generali... 96 4.2.1 Richiesta... 96 4.2.2

Dettagli

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V

Serie. Genio Tecnic. Moduli termici a premiscelazione a condensazione. Emissioni di NOx in classe V Serie Genio Tecnic Moduli termici a premiscelazione a condensazione Emissioni di NOx in classe V Serie Genio tecnic Vantaggi Sicurezza Generatore totalmente stagno rispetto all ambiente. Progressiva riduzione

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Sistemi di trattamento aria per impianti radianti

Sistemi di trattamento aria per impianti radianti Sistemi di trattamento aria per impianti radianti Da trent anni lavoriamo in un clima ideale. Un clima che ci ha portato ad essere leader in Italia nel riscaldamento e raffrescamento radianti e ad ottenere,

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22

Recuperatore di calore compatto CRE-R. pag. E-22 pag. E- Descrizione Recuperatore di calore compatto con configurazione attacchi fissa (disponibili 8 varianti. Cassa autoportante a limitato sviluppo verticale con accesso laterale per operazioni d ispezione/manutenzione.

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01. Ecoenergia. Idee da installare ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con gestione remota tramite APP IT 01 Ecoenergia Idee da installare La pompa di calore Eco Hot Water TEMP La pompa di calore a basamento Eco Hot

Dettagli

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1

POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 POR CALABRIA FESR 2007/2013 ASSE II - ENERGIA OBIETTIVO SPECIFICO 2.1 - LINEA DI INTERVENTO 2.1.2.1 AVVISO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO ALLA REALIZZAZIONE DI MODELLI PER LA DIMINUIZIONE DEI CONSUMI NEGLI USI

Dettagli

Diffusione dell aria nei musei

Diffusione dell aria nei musei L AggiornamentoMonografico diffusione aria Diffusione dell aria nei musei I più recenti progetti internazionali in campo museale, firmati dalle gradi star dell architettura, vedono l impiego di due soluzioni

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie Gruppo termico murale a gas a premiscelazione Serie GENIO Tecnic Serie GENIO TECNIC Caratteristiche principali Quali evoluzione subirà il riscaldamento per rispondere alle esigenze di case e utenti sempre

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

N.B. Le parti di testo abrogate o sostituite sono riportate tra [ ]. Le parti di testo inserite sono riportate in carattere corsivo.

N.B. Le parti di testo abrogate o sostituite sono riportate tra [ ]. Le parti di testo inserite sono riportate in carattere corsivo. Decreto Ministeriale 12 aprile 1996 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio degli impianti termici alimentati da combustibili gassosi.

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

AMBRA. Unità di recupero calore con circuito frigorifero integrato

AMBRA. Unità di recupero calore con circuito frigorifero integrato Ventilatori Unità trattamento aria Diffusori Antincendio Veli d aria e prodotti per il riscaldamento Ventilazione per galleria AMBRA Unità di recupero calore con circuito frigorifero integrato Systemair

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

TIPI E CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

TIPI E CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE li TIPI E CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE impianti di climatizzazione, in genere vengono classificati in base ai fluidi che vengono impiegati per controbilanciare sia il carico termico

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione

UNI 10389. Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione UNI 10389 Generatori di calore Misurazione in opera del rendimento di combustione 1. Scopo e campo di applicazione La presente norma prescrive le procedure per la misurazione in opera del rendimento di

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO

I CONSUMI ED IL RENDIMENTO I CONSUMI ED IL RENDIMENTO E buona prassi che chiunque sia interessato a realizzare un impianto di riscaldamento, serio, efficiente ed efficace, si rivolga presso uno Studio di ingegneria termotecnica

Dettagli

European Energy Manager

European Energy Manager Diventare Energy Manager in Europa oggi EUREM NET V: programma di formazione e specializzazione per European Energy Manager Durata del corso: 110 ore in 14 giorni, di cui 38 ore di workshop ed esame di

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13

COMPANY PROFILE. Facility management Energy services Engineering General Contracting. FSI Servizi Integrati S.r.l. Settembre 13 Facility management Energy services Engineering General Contracting COMPANY PROFILE Settembre 13 20834 Nova Milanese (MB) 1. Storia e mission FSI Servizi Integrati è una società di servizi giovane, di

Dettagli

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA

Sistema a soffitto. Leonardo. Il rivoluzionario sistema a soffitto. Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA IT Sistema a soffitto Il rivoluzionario sistema a soffitto Sistema radiante selezionato: INTERGAZIONE ENERGIA - ARCHITETTURA Il rivoluzionario sistema a soffitto Resa certificata Adduzione inserita nella

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive.

L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. L efficienza energetica dei condizionatori d aria da quest anno ha nuove direttive. Un testo della redazione di Electro Online, il tuo esperto online. Data: 19/03/2013 Nuove regole per i condizionatori

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Parma 16 novembre 2012 S.D.A.C. Arch. Fabrizio Finuoli L evoluzione della Prevenzione Incendi 2 Panorama normativo della Prevenzione incendi

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico ERETO 11 marzo 2008 coordinato con ecreto 26 gennaio 2010 (modifiche in rosso, in vigore dal 14 marzo 2010; attenzione: le modifiche sono riportate al solo scopo di facilitare la lettura del decreto; in

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con

Il Ministro dell Economia e delle Finanze. Il Ministro dello Sviluppo Economico. di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico Visto l articolo 1 della legge 27 dicembre 2006, n. 296, recante legge finanziaria per il 2007 (di seguito:

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE

RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE RESISTENZA AL FUOCO DELLE STRUTTURE 1 CLASSIFICAZIONE DI RESISTENZA AL FUOCO DI ELEMENTI COSTRUTTIVI SECONDO NORME, LEGGI E DIRETTIVE IN VIGORE 2 1. CLASSIFICAZIONE DELLA RESISTENZA AL FUOCO 2. CERTIFICAZIONE

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Centrale Generativa e Energie alternative Pianta ergonomica dei componenti

Centrale Generativa e Energie alternative Pianta ergonomica dei componenti Soluzione 3 Dimensioni Nuova Sala Termica Cortina 30 ottobre 2013 agg. 12 Novembre 2013 agg. 18 Novembre 2013 Comune di Cortina d'ampezzo Provincia di Belluno 1,50 0,80 Pompa di Calore Aermec ANLI 021H

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico

Il Ministro dello Sviluppo Economico DECRETO 11 marzo 2008. Attuazione dell articolo 1, comma 24, lettera a) della legge 24 dicembre 2007, n. 244, per la definizione dei valori limite di fabbisogno di energia primaria annuo e di trasmittanza

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via

ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via NUOVO ALLEGATO A ALLEGATO A (Articolo 2) ULTERIORI DEFINIZIONI 1. accertamento è l'insieme delle attività di controllo pubblico diretto ad accertare in via esclusivamente documentale che il progetto delle

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 1 2 3 Ossido carbonio 4 Normale Ordinamento Codice civile Codice Penale Leggi speciali Legge 1083/71 D.P.R. 412/93 -> D.Lgs. 192/05 DM 37/08 5 Premessa: L incontro ha lo scopo di illustrare le principali

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Sistemi SET FREE 5-8 - 10-16 - 20 -

Sistemi SET FREE 5-8 - 10-16 - 20 - Sistemi SET FREE 5-8 - 10-16 - 20 - La gaa più completa di Sistemi VRF Esclusivo compressore HITACHI SCROLL ad Alta Pressione, garanzia di elevata resa e grande affidabilità nel tempo Scambiatori di calore

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400

Unità fan coil. Dati Tecnici EEDIT12-400 Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Unità fan coil Dati Tecnici EEDIT12-400 FWL-DAT FWM-DAT FWV-DAT FWL-DAF FWM-DAF FWV-DAF Indice Indice Unità tipo

Dettagli

Fonti Energetiche Rinnovabili

Fonti Energetiche Rinnovabili Fonti Energetiche Rinnovabili Impianti sanitari» Riscaldamento e raffrescamento a pavimento Geotermia» Pannelli solari» Trattamento dell aria e Condizionamento Impianti antincendio» Impianti elettrici

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare

Diamo importanza all affidabilità Paradigma è: Solare Bollitori / Accumuli inerziali gma Biomassa Termoregolazioni GARANZIA adi ANNI Solare I prodotti Paradigma Paradigma Italia: l azienda ecologicamente conseguente Paradigma Italia nasce nel 1998 dall esperienza e affidabilità della casa madre tedesca, azienda leader nella distribuzione di

Dettagli

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O

pag. 1 Num.Ord. TARIFFA E DEGLI Quantità R. E L E M E N T I unitario TOTALE R I P O R T O pag. 1 R I P O R T O 023573g Valvola a sfera in ottone cromato di diam. 2" con maniglia a leva gialla. Si intende compreso nel prezzo la mano d'opera e quanto altro necessario a rendere l'opera finita

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Pompe di calore per la climatizzazione

Pompe di calore per la climatizzazione SPECIALE TECNICO Pompe di calore per la climatizzazione CO.AER CO.AER - Associazione Costruttori di Apparecchiature ed Impianti per la climatizzazione e le pompe di calore SPONSOR www.carel.com www.robur.it

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli