STG-FR-STD52-R00E PR-R00E Pag. 1 di 29

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STG-FR-STD52-R00E 212015-01-PR-R00E Pag. 1 di 29"

Transcript

1

2 RICHIESTA DI VALUTAZIONE DEL PROGETTO In osservanza della vigente normativa antincendio per l attività principale individuata al n 1 sottoclasse 1 categoria C dell Allegato I del D.P.R. 01/08/2011 n 151 STG-FR-STD52-R00E PR-R00E Pag. 1 di 29

3 INDICE RICHIESTA DI VALUTAZIONE DEL PROGETTO Premessa Generalità Ubicazione e accesibilità Descrizione dell impianto...8 Processo digestivo biogas...10 Distribuzione del biogas...11 Desolforazione del biogas...11 Raffreddamento del biogas rispetto delle prescrizioni dell allegato II del D.M Definizioni Pressioni d esercizio Capacità di accumulo Classificazione dei depositi Ubicazione Recinzione Elementi pericolosi Fabbricati interni Distanze di sicurezza Computo delle distanze di sicurezza Caratteristiche degli elementi costruttivi Impianti elettrici e di protezione contro scariche atmosferiche Impianto antincendio Impianto interno di adduzione del gas metano TRINCEE UTILIZZATE PER LO STOCCAGGIO DELLA BIOMASSA VEGETALE ATTIVITA n 36 sottoclasse 2 categoria C (Deposito di biomasse vegetali contenute in trincee all aperto con quantità complessiva maggiore di Kg), dell allegato I del D.P.R. n 151/2011; DEPOSITO DI OLII UBRIFICANTI A SERVIZIO DEL COGENERATORE IN QUANTITA NON SUPERIORE A 2 mc ATTIVITA n 12 sottoclasse 1 categoria A (Deposito di oli lubrificanti e simili per capacità superiore a 1mc) dell allegato I del D.P.R. n 151/2011; COGENERATORE PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ATTIVITA n 49 sottoclasse 3 categoria C (Gruppo per la produzione di energia sussidiaria con motore endotermico di potenza pari a 999kW), dell allegato I del D.P.R. n 151/2011; Valutazione qualitativa del rischio Compensazione del rischio incendio Organizzazione e gestione della sicurezza antincendio Informazione e formazione Istruzioni di sicurezza...29 STG-FR-STD52-R00E PR-R00E Pag. 2 di 29

4 SCHEDA INFORMATIVA GENERALE (D.M. 4 Maggio 1998) PRATICA: ATTIVITÀ PRINCIPALE: nuova pratica, n 1 sottoclasse 1 categoria C (Stabilimenti ed impianti ove si producono gas combustibili con quantità globali in ciclo superiori a 50 Nmc/h) dell allegato I del D.P.R. N 151/2011, comprendente anche: n 36 sottoclasse 2 categoria C (Deposito di biomasse vegetali contenute in trincee all aperto con quantità complessiva maggiore di Kg), dell allegato I del D.P.R. n 151/2011; n 12 sottoclasse 1 categoria A (Deposito di oli lubrificanti e simili per capacità superiore a 1mc) dell allegato I del D.P.R. n 151/2011; n 49 sottoclasse 3 categoria C (Gruppo per la produzione di energia sussidiaria con motore endotermico di potenza pari a 999kW), dell allegato I del D.P.R. N 151/2011; DITTA: RAPPRESENTANTE LEGALE: SOLENERGIA s.r.l. Via Vittorio Veneto n Calcinelli di Saltara (PU) C.F. e P. IVA Girolametti Claudio STG-FR-STD52-R00E PR-R00E Pag. 3 di 29

5 RICHIESTA VALUTAZIONE DEL PROGETTO (D.P.R. 01 AGOSTO 2011, N 151 ART. 3). a) INFORMAZIONI GENERALI SULL ATTIVITÀ PRINCIPALE: L azienda intende realizzare, in prossimità dello stabilimento principale situato in località S.P. n 48 Montefelcino (fog. 35 mapp ), un impianto per la digestione anaerobica dei materiali agricoli vegetali, con recupero energetico del biogas prodotto da utilizzare come combustibile in motori endotermici per la produzione di energia elettrica. L impianto in progetto avrà una potenza elettrica nominale pari a 998 kwel ed una potenza termica nominale complessiva di circa kw ATTIVITÀ SECONDARIE PRESENTI: Le attività accessorie e facenti parte dell intero ciclo produttivo sono le stesse già elencate nella scheda informativa generale e quindi le seguenti, n dell allegato I del D.P.R. n 151/2011 ALTRE ATTIVITÀ PRESENTI NON SOGGETTE AL CONTROLLO DEI VV.F.. nessuna b) TIPO DI INTERVENTO: si tratta di una nuova attività Il Titolare dell'attività Girolametti Claudio Il Tecnico Per. Ind. Massimo Giommi STG-FR-STD52-R00E PR-R00E Pag. 4 di 29

6 RELAZIONE TECNICA Stabilimenti ed impianti ove si producono gas combustibili con quantità globali in ciclo superiori a 50 Nmc/h (Attività individuata al n 1/1/C dell allegato I del D.P.R. n 151/2011 comprendente anche la n 36/2/C; 12/1/A; 49/3/C del medesimo decreto). 1. PREMESSA In materia di sicurezza non esiste una specifica norma applicabile all intero ciclo produttivo(biogas da biomassa), pertanto l insediamento in oggetto andrà inquadrato nei seguenti riferimenti normativi: D.Lgs. 81/08 Titolo I art. 46 comma 4 e al paragrafo 4 dell allegato IV dello stesso decreto; Titolo XI per la valutazione contro il rischio esplosione e le misure compensative derivanti dal rischio residuo. La presente relazione tecnica, redatta ai sensi del D.M. 4 maggio 1998 (in quanto presenti anche attività non espressamente stabilite da specifiche regole tecniche di prevenzione incendi), evidenzierà l osservanza dei criteri generali di sicurezza antincendio, tramite l individuazione dei pericoli d incendio, la valutazione dei rischi connessi e la descrizione delle misure di prevenzione e protezione antincendio da attuare per ridurre i rischi. Per la trattazione degli argomenti saranno seguiti comunque i riferimenti tecnici delle seguenti Decreti: D.M norme di sicurezza antincendio per il trasporto, la distribuzione, l accumulo e l utilizzazione del gas naturale con densità non superiore a 0,8 D.M regola tecnica per la progettazione, costruzione, collaudo, esercizio e sorveglianza delle opere e dei sistemi di distribuzione di linee dirette del gas naturale con densità non superiore a 0,8 D.M regola tecnica per la progettazione, costruzione, collaudo, esercizio e sorveglianza delle opere e degli impianti di trasporto di gas naturale con densità non superiore a 0,8 D.M approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la installazione di motori a combustione interna accoppiati a macchina generatrice elettrica..omissis.. e di unità di cogenerazione a servizio di attività civili, industriali, agricole, artigianali, commerciali e di servizi STG-FR-STD52-R00E PR-R00E Pag. 5 di 29

7 2. GENERALITÀ Oggetto del presente documento è quindi la descrizione del progetto di un impianto cogenerativo per la produzione di energia elettrica e termica mediante la combustione del biogas generato dal processo di fermentazione anaerobica di biomasse al fine di ottenere l autorizzazione unica ai sensi dell art. 12 del D.Lgs. 387/2003 Attuazione della direttiva 2001/77/CE relativa alla promozione dell'energia elettrica prodotta da fonti energetiche rinnovabili nel mercato interno dell'elettricità. L energia verrà prodotta da un gruppo co-generativo 1 a ciclo otto dalla potenza termica massima in ingresso di circa kw e di potenza elettrica nominale in uscita pari a 998 kwel. L impianto sarà di proprietà della ditta Solenergia s.r.l. e sarà ubicato presso il Comune di Montefelcino in provincia di Pesaro e Urbino, su terreni di proprietà privata. 1 L impianto sarà co-generativo ovvero produrrà contemporaneamente, partendo da un unica sorgente di energia primaria (la biomassa), energia elettrica (che verrà immessa nella rete di distribuzione nazionale) ed energia termica, una parte significativa della quale verrà recuperata e riutilizzata nel processo. STG-FR-STD52-R00E PR-R00E Pag. 6 di 29

8 L impianto sarà alimentato con colture agrarie dedicate (in particolare insilato di mais, di sorgo, di loietto, di erba medica e triturato di fibre secche vegetali) ed una certa quantità di digestato prelevato da altri impianti simili, necessario per dare avvio ai processi fermentativi. materiale in ingresso quantità (T/anno) quantità media giornaliera (T/giorno) insilato di mais ,0 insilato di sorgo ,0 insilato di loietto ,0 insilato di erba medica ,0 Triturato di fibre vegetali ,0 Tabella 1 : Piano d alimentazione giornaliera dell impianto L iniziativa si colloca nel panorama della produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili ed ha una certa significatività, dato che si prevede una produzione lorda annua di energia elettrica pari a circa di kwh. L utilizzo di prodotti e sottoprodotti agricoli da trasformare per via anaerobica in gas rappresenta, a tutti gli effetti, un attività agricola. Il biogas prodotto dalla fermentazione anaerobica non si presta al trasporto a distanza, per cui risulta più agevole e conveniente il suo utilizzo nel sito in cui è prodotto. Ovviamente la sua combustione per la produzione di energia elettrica è il modo di sfruttamento più razionale, dato che quest ultima è decisamente più facile da trasportare. STG-FR-STD52-R00E PR-R00E Pag. 7 di 29

9 3. UBICAZIONE E ACCESSIBILITÀ Il terreno (individuato al catasto al foglio 35 mappali 36, 72, 87, 88) L impianto, esplicitato dalle tavole grafiche in allegato, prevede una viabilità generale su strada dettata dall arrivo delle biomasse nel sito ed una viabilità secondaria, sempre su strada asfaltata, necessaria per la movimentazione ed il carico delle biomasse nell impianto e per la manutenzione degli impianti stessi. Non sussistono impedimenti di avvicinamento e di accostamento dei mezzi di soccorso alle strutture dell impianto. 4. DESCRIZIONE DELL IMPIANTO Le opere previste saranno strettamente funzionali alla conduzione del ciclo tecnologico finalizzato alla valorizzazione energetica di biomasse di origine agricola. La biomassa necessaria è quantificabile in circa t/anno e 45 t/giorno. Dopo una prima fase di stoccaggio all aperto attraverso un sistema d'insilamento a terra, la biomassa verrà caricata, attraverso la tramoggia di carico da 80mc, all interno dei fermentatori dove avverranno le reazioni biochimiche e la produzione di biogas. Il biogas, opportunamente depurato verrà inviato ad un motore cogenerativo alloggiato in un vicino container acusticamente isolato e distante da qualsiasi altro manufatto. L energia elettrica prodotta viene ceduta alla rete pubblica, tramite collegamenti diretti. L energia termica prodotta dal motore in conseguenza della combustione, viene parzialmente riutilizzata per il riscaldamento delle vasche di fermentazione. In questo modo tutta l energia (termica ed elettrica) prodotta per via naturale, trova impiego senza alcuna dispersione. Il progetto prevede di realizzare: un fermentatore ad anello isolato e riscaldato, con agitatori ad immersione e tecnologia d immissione di solidi, con copertura a soletta in cls; un postfermentatore riscaldato, con copertura a telo in poliestere e agitatori ad immersione, concentrico al fermentatore; una vasca di stoccaggio, di forma circolare con copertura a telo, parzialmente interrata, all interno della quale si completa la digestione delle biomasse e lo sviluppo di biogas; una tramoggia per il caricamento dei cofermenti palabili nei fermentatori; una prevasca chiusa per la raccolta dei cofermenti non palabili; una sala di pompaggio del materiale in fermentazione e sala controllo; un impianto di distribuzione liquidi per i fermentatori; condotte del biogas e impianto di desolforazione dello stesso; il container insonorizzato per il cogeneratore; un piccolo locale destinato a spogliatoi e WC; un locale per l alloggiamento del gruppo pompe antincendio; una cabina di trasformazione e una cabina ENEL per l allaccio alla rete elettrica; parcheggi interni all area. STG-FR-STD52-R00E PR-R00E Pag. 8 di 29

10 Come già accennato l'insilato 2 (biomassa) è riposto in trincee di cemento armato prefabbricato, affiancate una vicino all'altra, in cui la pianta di mais triturata, viene posata sul fondo e su vari livelli e pressata. Completata una trincea si passa all'altra. Le trincee (n 4) sono poste a distanza di circa 20 m. dai locali tecnici (sala pompe e sala controllo) e circa 20 m. dai fermentatori. L'area mediamente occupata dalle trincee è di circa 2738 mq totali. Per evitare fenomeni di fermentazione già in trincea l insilato viene coperto con teli di PVC di colore chiaro per impedire l'ingresso delle acque piovane. I liquami sono contenuti in una vasca interrata in c.a., aperta, con pompa interna per il lancio ai fermentatori. 2 Per insilato si intende un materiale succulento ottenuto con un processo di fermentazione (silaggio) a partire da erba o altri materiali vegetali freschi. 3 Le misure dei componenti e delle apparecchiature sono indicative, i componenti potrebbero subire variazioni dettate da esigenze impiantistiche della ditta fornitrice dell impianto. STG-FR-STD52-R00E PR-R00E Pag. 9 di 29

11 L'insilato viene raccolto in un sistema di dosatori, costituito da un container, con pesa del prodotto prelevato, registrazione ed invio per via meccanica (coclea) alle tramogge di carico. I digestori ed il post fermentatore sono costituiti da vasche in c.a. di diametro 26 m, per i digestori primari e diametro 26 m per il post fermentatore, la vasca di stoccaggio ha un diametro di 33m. Tra il fermentatore e la vasca di stoccaggio, è inserito il locale pompe e la sala di controllo. All'interno di ciascuna vasca sono previsti degli agitatori meccanici ad elica per omogeneizzare la fermentazione. Il gas viene raccolto nella parte alta attraverso un sistema a campana costituito da un telo in PVC, a sua volta una seconda copertura protegge l'involucro di ritenzione del gas e costituisce la seconda captazione alle perdite del primo sistema. Il gas è prelevato dal pozzo di servizio. La fermentazione avviene con temperature intorno ai 38-40C, di gran lunga lontano dalla temperatura di autoaccensione del metano che è di 540 C. Il biogas, come precedentemente accennato, non può bruciare da solo, in quanto la quantità dell'ossigeno non arriva all'1% del volume, contro almeno il 12% necessario per iniziare la combustione. All'esterno del gruppo di cogenerazione è posto un chiller di deumidificazione del biogas, una soffiante per incrementare la pressione ed una torcia di emergenza per il bruciamento dell'eventuale gas in caso di emergenza, cioè mal funzionamento della cogenerazione. La torcia è posta ad oltre 15 m. dai fermentatori e ad oltre 15 m. dal container di produzione energia. La rete di distribuzione gas dalla captazione alle soffianti e da queste al cogeneratore od alla torcia in caso di emergenza verrà realizzata secondo il D.M. 16/4/2008 con materiali coerenti alle pressioni. All atto della richiesta S.C.I.A. sarà redatto verbale di collaudo con pressione di prova 2.5 bar come previsto dalla norma e dettagli costruttivi degli impianti e della rete gas. Il gruppo di cogenerazione, di cui sarà redatta relazione specifica ad hoc, è posto in un locale metallico, distante dai fermentatori, ed occuperà un'area di circa 40 mq (13,5 x 2,5 m) con un'altezza interna di circa 2,5 m. Il cogeneratore avrà una potenza elettrica attiva di 998 kw ed erogherà energia elettrica a 400 V che sarà elevata dal trasformatore, in cabina MT/BT, alla tensione della rete Enel più prossima. Processo digestivo biogas Il processo biochimico della digestione anaerobica si sviluppa attraverso l azione di diversi gruppi di microrganismi capaci di trasformare la sostanza organica in composti intermedi quali acido acetico, anidride carbonica, idrogeno ed altri. I composti intermedi sono utilizzati dai microrganismi metanigeni che concludono il processo producendo metano. La digestione anaerobica ha luogo in assenza di ossigeno e i microrganismi anaerobi, responsabili dello sviluppo del processo biochimico, presentano basse velocità di crescita e di reazione. Data la complessità di questo processo biochimico è necessario mantenere, nell ambiente di sviluppo della digestione anaerobica, condizioni ottimali al fine di consentire la crescita contemporanea di tutti i gruppi microbici coinvolti. Nel nostro caso il processo di digestione anaerobica avviene in condizioni di mesofilia, cioè i microrganismi anaerobi interessati agiscono nel range di temperatura di C. Il processo si svilupperà all interno dei 2 digestori anaerobici, ove vengono garantite le condizioni ottimali per lo sviluppo del suddetto processo, ossia temperatura mantenuta pressoché costante nel range di mesofilia e omogeneizzazione della sostanza organica. Per riscaldare all interno i digestori e garantirvi la temperatura di mesofilia (38-40 C) viene sfruttata l energia termica recuperata dal gruppo elettrogeno ceduta al processo biochimico mediante serpentine scambiatrici costituite da tubazioni in acciaio in contatto con il materiale da riscaldare. Come già accennato il processo di fermentazione porta alla produzione di biogas, che è costituito da una miscela di vari gas la cui concentrazione varia in relazione al tipo di fermentazione, STG-FR-STD52-R00E PR-R00E Pag. 10 di 29

12 al materiale fermentato e alla qualità del processo di fermentazione. All'interno dei digestori la concentrazione del gas metano e degli altri componenti è descritto nella tabella seguente, all interno dei digestori non esiste la possibilità di fenomeni di combustione interna od esplosione del fermentatore per assenza totale di ossigeno. Solo nell'eventualità di strappo o danneggiamento dell'involucro in pvc si avrà la fuoriuscita del metano e la potenziale accensione, trovando eventuali punti di innesco. Il controllo automatico della pressione interna fa si che si possa riconoscere l'integrità del contenitore. Data la bassa pressione del gas (5 mbar) all'interno del digestore o del post fermentatore non si possono avere dardi con i quali investire l'insilato e tanto meno insediamenti al di fuori della recinzione. Il biogas (potere calorifico compreso fra 5 e 7,5 kwh/m 3 ) viene utilizzato per produrre energia elettrica e termica (in forma di acqua per riscaldamento) attraverso il cogeneratore, cui giunge dopo essere stato desolforizzato, raffreddato e deumidificato. Distribuzione del biogas L intero impianto (fino al chiller per la deumidificazione) lavora con una pressione massima di 5 mbar, dopodichè una soffiante aumenta la pressione del gas fino ad un massimo di 200 mbar pressione necessaria per alimentare il co-generatore. Le tubazioni del gas collocate in superficie saranno realizzate con tubi di acciaio INOX DN 200, mentre quelle interrate sono condotte forzata PE DN 200. Tutte le vasche saranno collegate con una condotta di biogas che fuoriesce dai pozzi di servizio posti sulla sommità delle vasche stesse. Su ogni entrata e uscita della condotta dal pozzo di servizio sarà montata una valvola, tramite la quale ogni vasca può essere esclusa dal sistema (bypass). Partendo dal fermentatore il biogas prodotto prosegue verso il postfermentatore e giungerà quindi al chiller e poi al cogeneratore. Le tubazioni poste tra il postfermentatore e il cogeneratore percorreranno dapprima nel suolo, poi fuori terra, fino al pozzo di condensa con una pendenza dell 1-1,5%. Desolforazione del biogas Il biogas prodotto prima di essere utilizzato nel motore a combustione interna subirà i trattamenti atti ad adattarlo in quantità e qualità alle esigenze di sfruttamento energetico. Infatti il biogas estratto dovrà essere depurato allo scopo di eliminare quelle sostanze nocive che potrebbero danneggiare il motore endotermico e per rispettare il quadro emissivo imposto dagli Enti di Controllo. STG-FR-STD52-R00E PR-R00E Pag. 11 di 29

13 Il controllo della qualità del biogas è affidato ad apposite apparecchiature, tra cui un modulo analitico per la misurazione di CH4, O2, H2S, poste nell apposito quadro analisi biogas. Nessun combustibile fossile tradizionale viene aggiunto al Biogas per la produzione di energia elettrica. Il primo trattamento è la desolforazione del biogas, la quale avviene tramite l aggiunta controllata di piccole quantità d aria nel fermentatore. L attività dei batteri sulfurei (sulfobakter oxydans) combina l idrogeno solforato con l ossigeno contenuto nell aria per dare origine a zolfo elementare ed acqua. Lo zolfo si separa dal biogas sotto forma di liquido giallastro, sarà asportato insieme al liquido fermentato e potrà essere sfruttato come fertilizzante per piante. La soffiante aspira aria attraverso dei filtri; essa è regolata in maniera tale da aggiungere al massimo il 4-6% d aria in relazione alla quantità di biogas, in modo da evitare che si crei un gas esplosivo (il biogas è esplosivo quando la miscela è composta dal 5-15% di metano e 85-95% di aria). La quantità d aria aggiunta viene dosata automaticamente usando un dispositivo che gestisce la portata dell aria immessa secondo i valori monitorati in continuo dal sistema stesso. In caso di malfunzionamento della soffiante una valvola d arresto provvederà a chiudere i tubi dell aria. La soffiante d aria è dimensionata in modo tale da garantire che non si possano creare miscele esplosive nel fermentatore. Raffreddamento del biogas A causa della temperatura di processo e dell ambiente umido nel fermentatore il biogas grezzo ha un alto contenuto di umidità, che può raggiungere valori fino a 57,6 g/m³ di acqua. Attraverso il gruppo frigo, il biogas viene raffreddato ad una temperatura di 7-8 C, l acqua condensata in seguito al raffreddamento viene separata e raccolta nel pozzo per la condensa dal quale, poi, tramite una pompa, viene portata nel post-fermentatore, cioè re- immessa nel sistema fermentativo. Con questo processo l acqua contenuta nel biogas si riduce fino a 7,8 g/m3. STG-FR-STD52-R00E PR-R00E Pag. 12 di 29

14 5 RISPETTO DELLE PRESCRIZIONI DELL ALLEGATO II DEL D.M Si esamina puntualmente il rispetto delle prescrizioni dell Allegato II del D.M. 24/11/ Definizioni Relativamente alle definizioni del punto 2.2 nel caso in oggetto i serbatoi interessati devono essere classificati come gasometri. 3. c) gasometri: recipienti metallici ad asse verticale ed a volume variabile, con dispositivi di tenuta, tra le strutture mobili e quella fissa, di tipo a secco o idraulico; 2.3. Pressioni d esercizio Le pressioni di esercizio ammesse sono rispettate in quanto nel caso specifico per il gasometro al punto 2.3 è ammessa una pressione di 0,5 bar decisamente superiore a quella di 5 mbar del progetto in esame Le pressioni sono quelle relative, cioè al di sopra della pressione atmosferica. I depositi costituiti da: 1. accumulatori e gasometri; 2. serbatoi fuori terra; 3. tubi-serbatoi; sono definiti depositi rispettivamente in bassa, media ed alta pressione Capacità di accumulo La capacità di accumulo è data da: 1. C = V (P/P0) dove: 1. V = volume geometrico dei serbatoi, espresso in m³; 2. P = pressione assoluta massima, espressa in bar; 3. P0 = pressione assoluta barometrica, espressa in bar e assunta convenzionalmente uguale ad 1 bar. La capacità di accumulo è pertanto misurata in m³ ed è numericamente uguale al prodotto del volume geometrico per la pressione assoluta massima. Per i gasometri ed accumulatori pressostatici, si assume come volume geometrico quello geometrico massimo. Per pressione assoluta massima si intende quella massima di esercizio così come dichiarata dall'esercente. Nel caso in esame pertanto il volume del fermentatore è di 3185 mc quello del post fermentatore di 3185 mc e quello della vasca di stoccaggio di 5131 mc. Mentre la pressione di esercizio è quella dichiarata di 5 mbar Classificazione dei depositi Relativamente alla classificazione ( art. 2.5 ) i serbatoi dell impianto, visti i volumi suddetti, sono di 3ª categoria in quanto tutti inferiori ai mc 2.6. Ubicazione Relativamente all ubicazione (art. 2.6) i depositi sono ubicati in area agricola, classificata E2 dal vigente Piano Urbanistico Comunale, e quindi essendo di 3^ categoria, possono essere realizzati al di fuori delle zone industriali. La densità di edificazione attestata dall allegato Certificato di destinazione urbanistica è inferiore ai 3 mc/mq in un raggio superiore a 100 metri 2.7. Recinzione Relativamente alla recinzione l art Recinzione recita testualmente: L'area di pertinenza del deposito deve essere delimitata da apposita recinzione, di altezza pari ad almeno 2,50 m posta ad una distanza dagli elementi pericolosi non inferiore a quella di protezione fissata per gli elementi. La recinzione deve essere di tipo continuo realizzata in muratura o con elementi prefabbricati di calcestruzzo. Per i depositi costituiti da tubi-serbatoio è ammessa una recinzione in semplice rete metallica. Nella recinzione devono essere previste almeno due aperture idonee ad assicurare, in caso di necessità, l'accesso dei mezzi di soccorso e l'esodo del personale presente. STG-FR-STD52-R00E PR-R00E Pag. 13 di 29

15 La recinzione dei singoli serbatoi risulta piuttosto complicata da realizzarsi, inoltre realizzare una muratura in cemento armato alta 2,5m intorno all intero impianto risulta altamente impattante e contrasta con tutte le altre iniziative volte a mitigare l impatto visivo dei serbatoi e delle trincee. In analogia con tutti gli altri impianti uguali autorizzati dai VV.F. in tutta Italia, si propone una recinzione, non dei singoli serbatoi ma di tutta l area con rete metallica dell altezza di metri 1,80 ciò in virtù di quanto sancito dalla norma suddetta che permette, essendo i serbatoi in bassa pressione, di omettere la stessa recinzione specifica. Per tale motivo, le misure tecniche che si ritengono idonee a compensare il rischio aggiuntivo sono: la realizzazione di un impianto di video-sorveglianza che controlli l intero perimetro dell area e che, in caso di intrusione dall esterno, possa allarmare il luogo presidiato (sala controllo) attraverso l azionamento di sirene e allarmi ottico/acustici remotabili anche a distanza Elementi pericolosi Sono considerati elementi pericolosi: i serbatoi; le stazioni di compressione e le cabine di decompressione; le cabine elettriche di trasformazione; ogni altro elemento che presenti pericolo di esplosione o di incendio nelle normali condizioni di funzionamento. Nel caso in esame si avranno i tre serbatoi attigui (fermentatore, post-fermentatore e vasca di stoccaggio) e la cabina elettrica di trasformazione distante dai serbatoi a circa 100m lineari Fabbricati interni All'interno del complesso di cui fa parte il deposito, possono essere costruiti fabbricati destinati ad uffici e servizi inerenti l'attività e l'esercizio del complesso stesso. Le distanze fra i recipienti d'accumulo, misurate a partire dalla loro proiezione in pianta, e i suddetti fabbricati non devono essere inferiori a:. Omissis 3. c) per depositi in bassa pressione: 1. 6 m per capacità di accumulo del singolo serbatoio fino a 500 m³; m per capacità di accumulo del singolo serbatoio superiore a 500 m³ e fino a m³; m per capacità di accumulo del singolo serbatoio superiore a m³ e fino a m³; m per capacità di accumulo del singolo serbatoio oltre i m³. Insiste nel complesso un edificio destinato a servizi e/o ufficio che essendo il serbatoio a bassa pressione con capacità di 3185 mc dovrebbe avere una distanza di 10 m dai serbatoi Distanze di sicurezza Tutte le distanze vanno misurate a partire dal contorno della proiezione in pianta dei serbatoio. Attorno ad ogni gruppo di serbatoio, deve essere mantenuta una fascia libera di terreno, di larghezza non inferiore alla distanza di protezione. Anche attorno ai singoli recipienti di accumulo in bassa pressione ed ai depositi in alta pressione deve essere mantenuta una fascia libera di terreno, di larghezza non inferiore alla distanza di protezione. Tra i recipienti di accumulo e gli altri elementi pericolosi dell'impianto, di cui al punto 2.8, deve intercorrere la distanza di sicurezza interna. La distanza di sicurezza esterna, variabile in funzione della categoria del deposito, deve intercorrere tra i recipienti di accumulo ed il perimetro del più vicino fabbricato esterno allo stabilimento o in confini di aree edificabili. In quest'ultimo caso è consentito comprendere nella distanza di sicurezza anche la prescritta distanza di rispetto qualora i regolamenti edilizi locali vietino la costruzione sul confine. La distanza di sicurezza esterna deve STG-FR-STD52-R00E PR-R00E Pag. 14 di 29

16 essere aumentata del 50% se i fabbricati esterni da proteggere sono adibiti ad attività industriali che presentino pericolo di esplosione o di incendio, oppure sono costituiti da chiese, scuole, ospedali, locali di pubblico spettacolo, alberghi, convitti, caserme, grandi magazzini, mercati stabili, stazioni ferroviarie o da luoghi similari soggetti a notevole affollamento... omissis. Si applica, pertanto, a ciascun serbatoio la distanza di sicurezza esterna propria del tipo (alta,media o bassa pressione) e della capacità singola di accumulo, considerando però una "categoria" che tenga conto della capacità totale di accumulo come sopra definita. L'area occupata dai serbatoio fuori terra e quella circostante, definita dall'applicazione delle distanze di protezione previste, non deve essere attraversata da linee elettriche aeree; le linee elettriche con tensione superiore a 30 KV devono distare in pianta almeno 50 m e quelle con tensione superiore a 1 KV e fino a 30 KV almeno 20 m dal perimetro della proiezione in pianta del serbatoio più vicino. Tutte le condizioni suddette sono rispettate, in quanto non esiste nessun tipo di attività tra quelle elencate, e le distanze dalle linee elettriche sono ampiamente rispettate Computo delle distanze di sicurezza Per le distanze si è fatto riferimento alla tabella allegata al punto 2.11 delle nome in oggetto che viene di seguito riportata 3. c) Depositi in bassa pressione: le distanze risultano dalla seguente tabella. Pertanto nel nostro caso ed in accordo con le capacità di accumulo calcolate al precedente punto 2.4, si avrà: metri 6 per la distanza di protezione (fascia di rispetto intorno ai singoli recipienti) metri 8 per la distanza di sicurezza interna (distanza tra i singoli elementi pericolosi dell impianto). (nota 1) Per gli accumulatori pressostatici la capacità di accumulo singola è limitata a 500 m 3 Al fine di compensare il limite di 500m 3 imposto dalla nota di cui sopra, si propone la seguente soluzione tecnica alternativa: la realizzazione di un impianto di rilevazione ed allarme fughe di gas metano (CH4) da installare nella camera d aria presente tra le due membrane sovrapposte utilizzate per la copertura sia del post-fermentatore che della vasca di stoccaggio. Detto impianto sarà in grado di segnalare piccole concentrazioni di gas CH4 e in caso di pre-allarme ed in seguito di allarme, oltre ad azionare i segnalatori acustici ed ottici, azionerà le valvole di sicurezza del gas metano e quindi l azionamento della torcia di emergenza. STG-FR-STD52-R00E PR-R00E Pag. 15 di 29

17 2.12. Caratteristiche degli elementi costruttivi 2. C2) gli accumulatori per biogas devono essere costruiti in tessuto gommato con inserto tessile di idonea fibra sintetica. La gomma utilizzata deve rispondere ai requisiti prescritti dalle norme specifiche per quanto riguarda in particolare: tipo di gomma; caratteristiche meccaniche; resistenza a bassa ed alta temperatura; resistenza agli agenti atmosferici; resistenza ai liquami organici; permeabilità al biogas. Il tessuto non deve permettere la formazione di cariche elettrostatiche. Le tubazioni di collegamento degli accumulatori al resto dell impianto devono rispettare le norme previste per gli impianti a gas naturale a pressione minore di 5 bar. Negli accumulatori non devono formarsi sovrapressioni e sottopressioni. A tal fine devono essere installati opportuni dispositivi di sicurezza (valvole di blocco dell alimentazione, valvole di scarico all atmosfera, pressostati). Appositi separatori di condensa devono essere installati in tutti i punti più bassi dell impianto. Da parte del Costruttore dell impianto saranno ottemperate tutte le prescrizioni indicate al punto Come specificato anche negli elaborati di progetto l impianto sarà dotato dei seguenti dispositivi di sicurezza: 1. apparecchio di sicurezza di sovra-pressione per ogni vasca coperta a telo; 2. valvola automatica di chiusura per la condotta del biogas per ogni vasca; 3. valvola automatica di chiusura del biogas a monte della condotta del biogas; 4. valvola automatica di chiusura del biogas a valle della condotta in ingresso al 5. cogeneratore; 6. valvola automatica elettromagnetica per il cogeneratore; 7. controllo di depressione del biogas (pressostato di minima); 8. controllo della pressione del biogas (pressostato di alta e altissima pressione); 2.13 Impianti elettrici e di protezione contro scariche atmosferiche L impianto elettrico sarà conforme a quanto disposto al punto 2.13 e quindi conforme al DPR n. 547 del 27 aprile 1955 e alla legge n. 186 del 1 marzo 1968 e s.m.i. E le masse metalliche afferenti i depositi di accumulo metallici saranno collegati elettricamente a terra, in modo da garantire la dispersione delle scariche atmosferiche Impianto antincendio Per l impianto antincendio, il cui dimensionamento è esplicitato attraverso le tavole grafiche allegate alla presente, è stato dimensionato per garantire le seguenti caratteristiche tecniche: la rete idrica chiusa è interrata e chiusa ad anello e di diametro DN 110 in PEAD PN16; la rete sarà alimentata da un gruppo di pressurizzazione conforme alla UNI EN composto da elettropompa pilota e elettropompa principale la riserva idrica calcolata in 72mc utili, è idonea ad assicurare il funzionamento contemporaneo di n 4 idranti soprasuolo UNI 70 e garantiranno 300lt al minuto con pressione residua al bocchello di 3 bar cadauno; le bocche da incendio tipo UNI 70, sono poste a distanza reciproca non superiore a 50 m; ogni bocca sarà munita di cassetta completa di tubazione lunga almeno 20 m e di lancia erogatrice. STG-FR-STD52-R00E PR-R00E Pag. 16 di 29

18 Estintori portatili: I locali destinati agli altri elementi pericolosi dell'impianto saranno dotati di estintori portatili Distribuiti secondo le indicazioni del costruttore e comunque con capacità estinguente minima 34A 233 B C. 6. Impianto interno di adduzione del gas metano Per l impianto interno di adduzione del gas saranno utilizzati solo materiali idonei (acciaio, rame, polietilene) rispondenti alle caratteristiche, e modalità di posa in opera ed esecuzione, di seguito riportate. Tubi di acciaio: a) i tubi di acciaio possono essere senza saldatura oppure con saldatura longitudinale e devono avere caratteristiche qualitative e dimensionali non inferiori a quelle indicate dalla norma UNI 8863; b) i tubi in acciaio con saldatura longitudinale, se interrati, devono avere caratteristiche qualitative e dimensionali non inferiori a quelle indicate dalla norma UNI Tubi di rame: I tubi di rame, da utilizzare esclusivamente per le condotte del gas della VII specie (pressione di esercizio non superiore a 0,04 bar) devono avere caratteristiche qualitative e dimensionali non minori di quelle indicate dalla norma UNI 6507, serie B. Nel caso di interramento lo spessore non può essere minore di 2,00 mm. Tubi di polietilene: I tubi di polietilene, ammessi unicamente per l interramento all esterno di edifici, devono avere caratteristiche qualitative e dimensionali non minori di quelle indicate dalla norma UNI ISO 4437 serie S8, con spessore minimo di 3 mm. Giunzioni, raccordi e pezzi speciali, valvole Tubazioni in acciaio: a) l impiego di giunti a tre pezzi è ammesso esclusivamente per i collegamenti iniziale e finale dell impianto interno; b) le giunzioni dei tubi di acciaio devono essere realizzate mediante raccordi con filettatura o a mezzo saldatura di testa per fusione o a mezzo di raccordi flangiati; c) nell utilizzo di raccordi con filettatura è consentito l impiego di mezzi di tenuta, quali ad esempio canapa con mastici adatti (tranne per il gas con densità maggiore di 0,8), nastro di tetrafluoroetilene, mastici idonei per lo specifico gas. d) È vietato l uso di biacca, minio o altri materiali simili; e) tutti i raccordi ed i pezzi speciali devono essere realizzati di acciaio oppure di ghisa malleabile; quelli di acciaio con estremità filettate o saldate, quelli di ghisa malleabile con estremità unicamente filettate; f) le valvole devono essere di facile manovrabilità e manutenzione e con possibilità di rilevare facilmente le posizioni di aperto e di chiuso. Esse devono essere di acciaio, di ottone o di ghisa sferoidale con sezione libera di passaggio non minore del 75% di quella del tubo sul quale vengono inserite. Non è consentito l uso di ghisa sferoidale nel caso di gas con densità maggiore di 0,8. Tubazioni in rame: a) le giunzioni dei tubi di rame devono essere realizzate mediante brasatura capillare forte; b) i collegamenti mediante raccordi metallici a serraggio meccanico sono ammessi unicamente nel caso di installazioni fuori terra e a vista o ispezionabili. Non sono ammessi raccordi meccanici con elementi di materiale non metallico. I raccordi ed i pezzi speciali possono essere di rame, di ottone o di bronzo. Le giunzioni miste, tubo di rame con tubo di acciaio, devono essere realizzate mediante brasatura forte o raccordi filettati; c) non è ammesso l impiego di giunti misti all interno degli edifici, ad eccezione del collegamento della tubazione in rame con l apparecchio utilizzatore; d) le valvole per i tubi di rame devono essere di ottone, di bronzo o di acciaio, con le medesime caratteristiche di cui al punto lettera e). STG-FR-STD52-R00E PR-R00E Pag. 17 di 29

19 Tubazioni in polietilene: a) i raccordi ed i pezzi speciali devono essere realizzati in polietilene; le giunzioni devono essere realizzate mediante saldatura di testa per fusione a mezzo di elementi riscaldanti o mediante saldatura per elettrofusione o saldatura mediante appositi raccordi elettro-saldabili; b) le giunzioni miste, tubo di polietilene con tubo metallico, devono essere realizzate mediante raccordi speciali (giunti di transizione) polietilene-metallo idonei per saldatura o raccordi metallici filettati o saldati. Sono altre sì ammesse giunzioni flangiate; c) le valvole per tubi di polietilene possono essere, oltre che dello stesso polietilene, anche con il corpo di ottone, di bronzo o di acciaio, sempre con le medesime caratteristiche di cui al punto lettera e). Posa in opera Percorso delle tubazioni Il percorso tra punto di consegna ed apparecchi utilizzatori deve essere il più breve possibile ed è ammesso: a) all esterno del fabbricato: - interrato; - in vista; - in canaletta; b) all interno dei fabbricati: - in appositi alloggiamenti, in caso di edifici o locali destinati ad uso civile o ad attività soggette ai controlli dei Vigili del Fuoco; - in guaina d acciaio in caso di attraversamento di locali non compresi nei punti precedenti, di androni permanentemente aerati, di intercapedini, a condizione che il percorso sia ispezionabile. Nei locali di installazione degli apparecchi il percorso delle tubazioni è consentito in vista. Generalità a) le tubazioni devono essere protette contro la corrosione e collocate in modo tale da non subire danneggiamenti dovuti ad urti. b) è vietato l uso delle tubazioni del gas come dispersori, conduttori di terra o conduttori di protezione di impianti e apparecchiature elettriche, telefono compreso;c) è vietata la collocazione delle tubazioni nelle canne fumarie, nei vani e cunicoli destinati a contenere servizi elettrici, telefonici, ascensori o per lo scarico delle immondizie; c) eventuali riduttori di pressione o prese libere dell impianto interno devono essere collocati all esterno degli edifici o, nel caso delle prese libere, anche all interno dei locali, se destinati esclusivamente all installazione degli apparecchi. Queste devono essere chiuse o con tappi filettati o con sistemi equivalenti; d) è vietato l utilizzo di tubi, rubinetti, accessori, ecc., rimossi da altro impianto già funzionante; e) all esterno dei locali di installazione degli apparecchi deve essere installata, sulla tubazione di adduzione del gas, in posizione visibile e facilmente raggiungibile una valvola di intercettazione manuale con manovra a chiusura rapida per rotazione di 90 ed arresti di fine corsa nelle posizioni di tutto aperto e di tutto chiuso; f) per il collegamento dell impianto interno finale, e iniziale (se alimentato tramite contatore), devono essere utilizzati tubi metallici flessibili continui. g) nell attraversamento di muri la tubazione non deve presentare giunzioni o saldature e deve essere protetta da guaina murata con malta di cemento. Nell attraversamento di muri perimetrali esterni, l intercapedine fra guaina e tubazione gas deve essere sigillata con materiali adatti in corrispondenza della parte interna del locale, assicurando comunque il deflusso del gas proveniente da eventuali fughe mediante almeno uno sfiato verso l esterno; h) è vietato l attraversamento di giunti sismici; i) le condotte, comunque installate, devono distare almeno 2 cm dal rivestimento della parete o dal filo esterno del solaio; j) fra le condotte ed i cavi o tubi di altri servizi deve essere adottata una distanza minima di 10 cm; nel caso di incrocio, quando tale distanza minima non possa essere rispettata, deve comunque essere evitato il contatto diretto interponendo opportuni setti separatori con adeguate caratteristiche di rigidità dielettrica e di resistenza meccanica; qualora, STG-FR-STD52-R00E PR-R00E Pag. 18 di 29

20 nell incrocio, il tubo del gas sia sottostante a quello dell acqua, esso deve essere protetto con opportuna guaina impermeabile in materiale incombustibile o non propagante la fiamma; Modalità di posa in opera all esterno dei fabbricati Posa in opera interrata a) tutti i tratti interrati delle tubazioni metalliche devono essere provvisti di un adeguato rivestimento protettivo contro lo corrosione ed isolati, mediante giunti dielettrici, da collocarsi fuori terra, nelle immediate prossimità delle risalite della tubazione; b) le tubazioni devono essere posate su un letto di sabbia lavata, di spessore minimo 100 mm, e ricoperte, per altri 100 mm, di sabbia dello stesso tipo. Per le tubazioni in polietilene è inoltre necessario prevedere, a circa 300 mm sopra la tubazione, la sistemazione di nastri di segnalazione; c) l interramento della tubazione, misurato fra la generatrice superiore del tubo ed il livello del terreno, deve essere almeno pari a 600 mm. Nei casi in cui tale profondità non possa essere rispettata occorre prevedere una protezione della tubazione con tubi di acciaio, piastre di calcestruzzo o con uno strato di mattoni pieni; d) le tubazioni interrate in polietilene devono essere collegate alle tubazioni metalliche prima della fuoriuscita dal terreno e prima del loro ingresso nel fabbricato; e) le tubazioni metalliche interrate devono essere protette con rivestimento esterno pesante, e devono essere posate ad una distanza reciproca non minore del massimo diametro esterno delle tubazioni (ivi compresi gli spessori delle eventuali guaine). Nel caso di parallelismi, sovrappassi e sottopassi tra i tubi del gas e altre canalizzazioni preesistenti, la distanza minima, misurata fra le due superfici affacciate, deve essere tale da consentire gli eventuali interventi di manutenzione su entrambi i servizi. Posa in opera in vista a) Le tubazioni installate in vista devono essere adeguatamente ancorate per evitare scuotimenti, vibrazioni ed oscillazioni. Esse devono essere collocate in posizione tale da impedire urti e danneggiamenti e ove necessario, adeguatamente protette. b) Le tubazioni di gas di densità non superiore a 0,8 devono essere contraddistinte con il colore giallo, continuo o in bande da 20 cm, poste ad un distanza massima di 1 m l una dall altra. Le altre tubazioni di gas devono essere contraddistinte con il colore giallo, a bande alternate da 20 cm di colore arancione. All interno dei locali serviti dagli apparecchi le tubazioni non devono presentare giunti meccanici. Posa in opera in canaletta Le canalette devono essere: ricavate nell estradosso delle pareti; rese stagne verso l interno delle pareti nelle quali sono ricavate mediante idonea rinzaffatura di malta di cemento; nel caso siano chiuse, dotate di almeno due aperture di ventilazione verso l esterno di almeno 100 cm2 cadauna, poste nella parte alta e nella parte bassa della canaletta. L apertura alla quota più bassa deve essere provvista di rete taglia-fiamma e, nel caso di gas con densità superiore a 0,8, deve essere ubicata a quota superiore del piano di campagna; ad esclusivo servizio dell impianto. Modalità di posa in opera all interno dei fabbricati Posa in opera in appositi alloggiamenti L installazione in appositi alloggiamenti è consentita a condizione che: gli alloggiamenti siano realizzati in materiale incombustibile, di resistenza al fuoco pari a quella richiesta per le pareti del locale o del compartimento attraversato ed in ogni caso no inferiore a REI 30; le canalizzazioni non presentino giunti meccanici agli interni degli alloggiamenti non ispezionabili; STG-FR-STD52-R00E PR-R00E Pag. 19 di 29

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

N.B. Le parti di testo abrogate o sostituite sono riportate tra [ ]. Le parti di testo inserite sono riportate in carattere corsivo.

N.B. Le parti di testo abrogate o sostituite sono riportate tra [ ]. Le parti di testo inserite sono riportate in carattere corsivo. Decreto Ministeriale 12 aprile 1996 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l'esercizio degli impianti termici alimentati da combustibili gassosi.

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL

TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL TESTO COORDINATO E COMMENTATO DEPOSITI BOMBOLE GPL Circolare n. 74 del 20 settembre 1956 D.P.R. 28 giugno 1955, n. 620 - Decentramento competenze al rilascio di concessioni per depositi di oli minerali

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

La norma UNI-CIG 7129/08

La norma UNI-CIG 7129/08 1 2 3 Ossido carbonio 4 Normale Ordinamento Codice civile Codice Penale Leggi speciali Legge 1083/71 D.P.R. 412/93 -> D.Lgs. 192/05 DM 37/08 5 Premessa: L incontro ha lo scopo di illustrare le principali

Dettagli

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile

Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Impianto di compostaggio e di produzione di energia rinnovabile Come ottenere energia rinnovabile e compost dai rifiuti organici Un percorso di educazione ambientale alla scoperta dell impianto di compostaggio

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Cos'è e come funziona una discarica.

Cos'è e come funziona una discarica. Cos'è e come funziona una discarica. La discarica di rifiuti è un luogo dove vengono depositati in modo non differenziato i rifiuti solidi urbani e tutti i rifiuti provenienti dalle attività umane. La

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio

Progettista(i) degli impianti termici e dell isolamento termico dell'edificio ALLEGATO E (Allegato I, comma 15) RELAZIONE TECNICA DI CUI ALL'ARTICOLO 28 DELLA LEGGE 9 GENNAIO 1991, N. 10, ATTESTANTE LA RISPONDENZA ALLE PRESCRIZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEL CONSUMO ENERGETICO

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano

Opere di ristrutturazione edilizia e risanamento conservativo - variante essenziale relative all'immobile sito in via Millelire n 10/c - Milano Comune di MILANO Provincia di MILANO Regione LOMBARDIA RELAZIONE TECNICA Rispondenza alle prescrizioni in materia di contenimento del consumo energetico Deliberazione Giunta Regionale 22 dicembre 2008

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis)

(omissis) ALLEGATO 5 - NORME TECNICHE GENERALI. (omissis) Deliberazione Comitato per la tutela delle acque dall'inquinamento 04.02.1977 Criteri, metodologie e norme tecniche generali di cui all'art. 2, lettere b), d) ed e), della legge 10 maggio 1976, n. 319,

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A

IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE FANGHI ATTIVI IMPIANTI A DI PRIMA PIOGGIA Divisione Depurazione 87 1. - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE IN ACCUMULO (DA 500 A 12.000 M 2 ) 2. IPC - TRATT TTAMENTO DELLE ACQUE DI PIOGGIA IN CONTINUO (DA 270 A 7.200 M 2 ) 88 Divisione

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo.

www.jabsco.com Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Autoclave Autoclave Mod. RFL 122202A Nuova autoclave autoaspirante a basso consumo energetico, può servire in contemporanea 2 rubinetti massimo. Protezione termica interna per i sovracarichi. Gira a secco

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

SERBATOI A SINGOLA PARETE

SERBATOI A SINGOLA PARETE SERBATOIO DA INTERRO: serbatoi cilindrici ad asse orizzontale, a singola o doppia parete per il deposito nel sottosuolo di liquidi infiammabili e non. Costruiti con lamiere in acciaio al carbonio tipo

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3

INDICE. 1. Recupero ambientale..pag.2. 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale...3 INDICE 1. Recupero ambientale..pag.2 2. Calcolo economico delle operazioni di recupero ambientale....3 M.F.G. service s.a.s. di A.L Incesso 1. Recupero ambientale Istanza di ampliamento di calcare Prima

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI.

1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. -capitolo 1- - 1-1. GLI IMPIANTI ELETTRICI NEGLI AMBIENTI A MAGGIOR RISCHIO IN CASO DI INCENDIO:I RIFERIMENTI NORMATIVI. 1.1 Premessa. Gli impianti elettrici possono essere causa di innesco e di propagazione

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici

Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici CORSO: IL BIOGAS DA EFFLUENTI ZOOTECNICI Reggio Emilia, 15 Dicembre 2011 Il quadro normativo per gli impianti di biogas da effluenti zootecnici Lorella ROSSI Centro Ricerche Produzioni Animali - Reggio

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA

LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA LA NORMA LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE DEL LIBRETTO D IMPIANTO LA REGOLA 2004 INDICE Libretto di impianto pag. 3 Scheda 1 4 Scheda 2 5 Scheda 3 6 Scheda 4 7 Scheda 5 9 Scheda 6 10 Scheda 7 11 Scheda

Dettagli

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici

Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Il trattamento dell acqua per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici 12 Giugno 2014 Stefano Bonfanti Product Manager - Cillichemie Italiana S.r.l. L azienda n.2 Sedi n.47 Agenti

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti

IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici. Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti IL TRATTAMENTO DELL ACQUA per il miglioramento dell efficienza energetica negli impianti termici Cillichemie Italiana Srl Stefano Bonfanti gli utilizzi tecnici dell acqua in un edificio ACQUA FREDDA SANITARIA

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

TUBI E MANUFATTI IN CEMENTO PREFABBRICATI PER STRADE - FOGNATURE - EDILIZIA

TUBI E MANUFATTI IN CEMENTO PREFABBRICATI PER STRADE - FOGNATURE - EDILIZIA TUBI E MANUFATTI IN CEMENTO PREFABBRICATI PER STRADE - FOGNATURE - EDILIZIA INDICE GENERALE PAG. 2 PAG. 3 PAG. 4 PAG. 5 NOVITÀ 2012 SISTEMA QUALITÀ MARCATURA CE MOVIMENTAZIONE E POSA PAG. 6 PAG. 7-8 TUBI

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T

Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T Valvole di zona Serie 571T, 560T, 561T Attuatore elettrotermico Serie 580T 02F051 571T 560T 561T 566T 565T 531T 580T Caratteristiche principali: Comando funzionamento manuale/automatico esterno Microinterruttore

Dettagli

EDIL-SERV via Ciantro Marrocco n 13; C.A.P.: 93100 Caltanissetta; Fax: 36.338.8233126; Cell. 338.8233126 388.1832953 Web:

EDIL-SERV via Ciantro Marrocco n 13; C.A.P.: 93100 Caltanissetta; Fax: 36.338.8233126; Cell. 338.8233126 388.1832953 Web: Via C. Marrocco, 13 93100 Caltanissetta (CL) Tel.: 338.8233126 388.1832953 Fax: 36.338.8233126 E-mail:edil-serv@alice.it Web: www.webalice.it/edil-serv Alla cortese attenzione del Titolare di codesta Spett.le

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO

MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Schede tecniche Moduli Solari MODULO SOLARE A DUE VIE PER IMPIANTI SVUOTAMENTO Il gruppo con circolatore solare da 1 (180 mm), completamente montato e collaudato, consiste di: RITORNO: Misuratore regolatore

Dettagli

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci

Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv. Riccardo Bucci Norma CEI 64-8 e aggiornamenti: cavi per energia bassa tensione fino a 0.61 kv Riccardo Bucci ANIE - AICE Associazione Italiana Industrie Cavi e Conduttori Elettrici Elementi costituivi i cavi elettrici

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA Comune della Spezia MARIO NIRO 5S a.s. 2013/2014 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA RELATIVA AL PROGETTO DI ABITAZIONE UNIFAMILIARE DA EDIFICARE PRESSO IL COMUNE DELLA SPEZIA, VIA MONTALBANO CT FOGLIO 60, MAPPALE

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO

LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO LA PREVENZIONE INCENDI NEI LUOGHI DI LAVORO OBBLIGHI, CONTROLLI E PROCEDURE GIUGNO 2004 A cura del settore Qualità, Ambiente e Sicurezza sul lavoro Dott. Maurizio Santonocito 2 Indice Premessa Pag. 5 Parte

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse

La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse La digestione anaerobica dei rifiuti organici e di altre biomasse Nel corso degli ultimi dieci anni la digestione anaerobica si è diffusa in molti paesi europei, tra cui anche l Italia. Questi impianti

Dettagli

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e

ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01. Ecoenergia. I d e e d a i n s t a l l a r e ECO HOT WATER Pompa di calore per acqua calda sanitaria con integrazione solare IT 01 Ecoenergia I d e e d a i n s t a l l a r e Lo sviluppo sostenibile Per uno sviluppo energetico sostenibile, compatibile

Dettagli

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini

S.F.S. Scuola per la Formazione e Sicurezza in Edilizia della provincia di Massa Carrara - Ing. Antonio Giorgini CADUTE DALL ALTO CADUTE DALL ALTO DA STRUTTURE EDILI CADUTE DALL ALTO DA OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO PER APERTURE NEL VUOTO CADUTE DALL ALTO PER CEDIMENTI O CROLLI DEL TAVOLATO CADUTE DALL ALTO

Dettagli

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP

COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI 7,5-10 - 15-20 HP LABORATORI INDUSTRIA COMPRESSORE ROTATIVO A VITE CSM MAXI HP SERVIZIO CLIENTI CSM Maxi la Gamma MAXI HP Una soluzione per ogni esigenza Versione su Basamento Particolarmente indicato per installazioni

Dettagli

LIBRETTO DI CENTRALE

LIBRETTO DI CENTRALE 1 LIBRETTO DI CENTRALE OBBLIGATORIO PER GLI IMPIANTI TERMICI CON POTENZA TERMICA DEL FOCOLARE NOMINALE SUPERIORE O UGUALE A 35 kw (ART. 11, COMMA 9, DPR 26 AGOSTO 1993, N 412) Conforme al modello pubblicato

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI:

AUTOCALCOLO ONERI RELATIVI ALLA PRATICA DI: COMUNE DI FINALE EMILIA (Provincia di Modena) P.zza Verdi, 1 41034 Finale Emilia (Mo) Tel. 0535-788111 fa 0535-788130 Sito Internet: www.comunefinale.net SERVIZIO URBANISTICA E EDILIZIA PRIVATA AUTOCALCOLO

Dettagli

GRUNDFOS WASTEWATER. Pompe per drenaggio e prosciugamento

GRUNDFOS WASTEWATER. Pompe per drenaggio e prosciugamento GRUNDFOS WASTEWATER Pompe per drenaggio e prosciugamento Pompe per drenaggio e prosciugamento altamente efficienti tecnologicamente all avanguardia Grundfos offre una gamma completa di pompe per per drenaggio

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Parma 16 novembre 2012 S.D.A.C. Arch. Fabrizio Finuoli L evoluzione della Prevenzione Incendi 2 Panorama normativo della Prevenzione incendi

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli