PROVINCIA DI BOLOGNA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL ISTITUTO PROFESSIONALE ALBERGHIERO E DELLA RISTORAZIONE B. SCAPPI PROGETTO ESECUTIVO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI BOLOGNA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL ISTITUTO PROFESSIONALE ALBERGHIERO E DELLA RISTORAZIONE B. SCAPPI PROGETTO ESECUTIVO"

Transcript

1 PROVINCIA DI BOLOGNA SETTORE EDILIZIA E PATRIMONIO Servizio Edilizia Scolastica FABBRICATI DEL CIRCONDARIO DI IMOLA PROGETTO DI AMPLIAMENTO DELL ISTITUTO PROFESSIONALE ALBERGHIERO E DELLA RISTORAZIONE B. SCAPPI Via Delle TERME n 1054 CASTEL S. PIETRO TERME (BO) PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE IMPIANTI IDROTERMOSANITARI E ANTINCENDIO Bologna 7 aggio 2009 IL PROGETTISTA Ing. Stefano Silvestri

2 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA IMPIANTI MECCANICI 1. DESCRIZIONE DELLE OPERE DA ESEGUIRE Gli ipianti oggetto della presente relazione, relativaente all apliaento dell IPSAR Scappi di Castel San Pietro Tere, copleti da fornire in opera e perfettaente funzionanti risultano essere: ipianto cliatizzazione invernale abienti; ipianto idrico sanitario; ipianto idrico antincendio (idranti e sprinkler). 2. NORME E LEGGI DI RIFERIMENTO Legge 10 del 9 Gennaio 1991 Nore per il conteniento del consuo di energia negli edifici D.P.R. 412 del 26 Agosto 1993 n. 412 D.Lgs. 19 agosto 2005, n. 192 Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendiento energetico nell edilizia coordinato con il Decreto Legislativo 29 dicebre 2006, n. 311; Delibera Regione Eilia Roagna n. 156 del 04/03/2008, Atto di indirizzo e coordinaento sui requisiti di rendiento energetico e sulle procedure di Certificazione Energetica degli edifici ; Legge 37/08 "Nore per la sicurezza degli ipianti" D.M. del 12 Aprile 1996 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, costruzione e l esercizio degli ipianti terici alientati da cobustibili gassosi. UNI 8852: /01/ Ipianti di cliatizzazione invernali per gli edifici adibiti ad attività industriale ed artigianale. Regole per l' ordinazione, l' offerta ed il collaudo. UNI 8854: /01/ Ipianti terici ad acqua calda e/o surriscaldata per il riscaldaento degli edifici adibiti ad attività industriale e artigianale. Regole per l' ordinazione, l' offerta e il collaudo. UNI : /09/ Terinologia per la regolazione autoatica degli ipianti di benessere. Ipianti di riscaldaento degli abienti.

3 UNI 8364: /02/ F.A. - Ipianti di riscaldaento. Controllo e anutenzione. UNI 8065: /06/ Trattaento dell' acqua negli ipianti terici ad uso civile. UNI 10389: /06/ Generatori di calore. Misurazione in opera del rendiento di cobustione. UNI EN : /10/ Riscaldaento a paviento - Ipianti e coponenti - Definizioni e siboli. UNI EN : /10/ Riscaldaento a paviento - Ipianti e coponenti - Deterinazione della potenza terica. prescrizioni di collaudo dell Istituto Italiano del Marchio di Qualità per i ateriali per i quali è previsto il controllo e il contrassegno IMQ; disposizioni particolari del DIPARTIMENTO I.S.P.E.S.L. di BOLOGNA; regolaenti, le prescrizioni e disposizioni ASL; regolaenti e le prescrizioni counali. legge n. 615 del 13 luglio 1966: provvedienti contro l inquinaento atosferico e successivi regolaenti di esecuzione ; DM del 1 dicebre 1975: nore di sicurezza per apparecchi contenenti liquidi caldi sotto pressione e successivi aggiornaenti; DM del 10 arzo 1977: deterinazione delle zone cliatiche e dei valori inii e assii dei relativi coefficienti voluici globali di dispersione terica ; DPR n del 28 giugno 1977: regolaento di esecuzione alla legge 30 aprile 1976 n. 373, relativa al consuo energetico per usi terici negli edifici ; DM del 30 luglio 1986: : aggiornaento dei coefficienti di dispersione terica degli edifici ; DM del 6 agosto 1994: recepiento delle nore UNI relative all applicazione del DPR n. 412 ; nora UNI 5364: ipianti di riscaldaento ad acqua calda. Regola per la presentazione dell offerta ed il collaudo ; nore UNI : ipianti a gas alientati da rete di distribuzione: progettazione, installazione e anutenzione.; nore UNI : ipianto di riscaldaento ad acqua calda, regole per il riscaldaento degli edifici ; nora UNI-CTI 8065: trattaento dell acqua negli ipianti terici ad uso civile;

4 nora UNI 8199: isura in opera e valutazione del ruore prodotto negli abienti dagli ipianti di riscaldaento, condizionaento e ventilazione ; nora UNI-CTI 8884: caratteristiche e trattaento delle acque dei circuiti di raffreddaento e uidificazione D.M del 12 aprile 1996: approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per la progettazione, la costruzione e l esercizio degli ipianti terici alientati da cobustibili gassosi. nora UNI e circolari del Ministero della Sanità per il convogliaento dell acqua potabile 3. PARAMETRI UTILIZZATI NEL DIMENSIONAMENTO DEGLI IMPIANTI Condizioni invernali Condizioni esterne - Teperatura dell'aria Te = - 5 C - Uidità relativa esterna UR = 80 % Condizioni abienti interni - Aule: Ti = C - Servizi igienici Ti = C - Uidità relativa interna UR = 60 % Fluido terovettore - Teperatura acqua circuito priario C - Salto terico ax 10 C - Teperatura acqua circuito pannelli radianti C - Salto terico ax. dell'acqua nei pannelli radianti 5 C - Teperatura ax. paviento zona a pannelli radianti Ti = 28 C - Teperatura acqua circuito UTA C - Salto terico ax. dell'acqua UTA 10 C Funzionaento dell'ipianto Interittente in funzione dell orario di utilizzo del coplesso edilizio

5 Velocità ax dell'acqua nelle tubazioni idrico ed igienico sanitario - fino D 1/2" 1,1 /s - da D >1/2" a D1" 1,25 /s - D > 1" 1,75 /s Diaetro inio interno utilizzato nelle tubazioni dell'ipianto idrico igienico sanitario - D 1/2" 20 polipropilene Portata delle utilizzazioni dell'ipianto idrico igienico sanitario UNI cassetta W.C., lavabo, 0,10 l/s - lavabo 0,20 l/s Pressione residua alla utilizzazione 50 KPa Velocità ax dell'aria nelle canalizzazioni principali 7 /s Velocità ax nelle tubazioni dell'ipianto di riscaldaento - tubazioni principali 1,5 /s - tubazioni secondarie 0,9 /s Caratteristiche presa acquedotto in corrispondenza del contatore - pressione inia aessa per uso idrico 4,5 - pressione assia aessa 6 Teperatura acqua acquedotto: 8 C Teperatura distribuzione acqua calda: 48 C Livello assio di ruore in abiente: 40 dba 4. COLLEGAMENTO CENTRALE TERMICA L ipianto di riscaldaento sarà alientato da generatori installati nella centrale terica, che attualente alienta l ipianto del fabbricato esistente. La posizione della centrale terica è indicata nella docuentazione grafica allegata, all interno sono presenti due generatori di calore a gas etano di potenzialità al focolare totale pari a 933,0 kw, potenzialità utile 844,0 kw. Il sistea di espansione esistente è a vaso chiuso, con dotazione di tutti gli organi di sicurezza ISPESL coe da norativa. A carico della ditta installatrice è l aggiornaento della pratica ISPESL in essere e relativa alla parte di ipianto da realizzare, con calcolo da

6 parte di tecnico abilitato dei vasi d espansione necessari per il contenuto effettivo di acqua isurato nel nuovo ipianto. 5. IMPIANTO DI RISCALDAMENTO L ipianto di riscaldaento in oggetto sarà in tutte le aule e spazi couni ipianto terico a bassa teperatura con fluido terovettore costituito da fluido acqua alientato dai generatori di calore esistenti in centrale terica esistente (Teperature andata ritorno C). Le teperature di funzionaento saranno le seguenti: teperatura di andata : 50 C teperatura di ritorno : 40 C All interno dei servizi igienici è prevista l installazione di eleenti radianti ad alta teperatura, alientati da circuito dedicato con partenza dalla sottocentrale di progetto. Gli eleenti radianti, del tipo in acciaio a colonna, saranno collegati traite distribuzione a collettori di zona installati in prossiità dei servizi igienici. Ogni eleento radiante sarà dotato di testina terostatica per la regolazione abiente. La distribuzione a pettine, tipo "odul", sarà posata sottopaviento, con collegaento tra il collettore ed il punto terinale di utilizzo (radiatore) realizzata a ezzo di tubazioni in rae precoibentato. Ogni collettore sarà a sua volta collegato traite distribuzione a due tubi in acciaio alla sottocentrale terica. Gli ipianti a pannelli radianti a paviento saranno realizzati con tubo in polietilene reticolato ad alta pressione, con riera antiossigeno, da posare in odo da garantire il anteniento dei paraetri terici di progetto. La lunghezza di ciascun circuito non sarà superiore a 115, i circuiti faranno capo a più collettori di distribuzione; il nuero assio degli anelli (circuiti per collettore) non dovrà essere superiore a 9, per consentire la igliore distribuzione del fluido terovettore. I collettori saranno copleti di valvola di zona e valvole di intercettazione, di teroetro in andata e in ritorno e su ogni circuito saranno installate valvole di pre regolazione e di intercettazione.

7 Il controllo della teperatura abiente verrà realizzata ediante sonde abiente poste in locali tipo, collegate alla regolazione cliatica presente nella sotto centrale terica agente, a sua volta su valvola a tre vie odulante, regolata in funzione della teperatura di andata (ax 42 C), delle condizioni cliatiche esterne e delle teperature interne. 6. IMPIANTO IDRO-IGIENICO SANITARIO APPARECCHI SANITARI Gli apparecchi sanitari saranno dotati di rubinetteria a pulsante al fine di liitare gli sprechi di acqua, dovuti ad un consuo eccessivo. Gli apparecchi sanitari saranno di priaria arca nazionale in vitreus china e saranno dotati di iscelatori in acciaio croato. La produzione di acqua calda sanitaria, visto il liitato utilizzo previsto solo nei bagni disabili e nei servizi riservati al personale docente, è prevista localente traite scaldacqua elettrici. 7. IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO GRUPPO IDRICO DI SOLLEVAMENTO E prevista l installazione di gruppo di pressurizzazione antincendio preasseblato, da posizionare in locale tecnico interno all edificio esistente. Il gruppo di popaggio è da installare in quanto l'alientazione della rete idrica dell'acquedotto non garantisce la portata e pressione necessaria, ed è in cobinazione a due vasche interrate di riserva idrica, per una riserva totale di Il gruppo di pressurizzazione coprende: Popa di copensazione per anteniento pressione. n. 2 Elettropope di alientazione rete incendio. Motopopa diesel di scorta. Pressostati di avviaento ed arresto. Quadro elettrico di coando Batteria di avviaento costanteente controllata da un circuito di ricarica autoatico. IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO AD IDRANTI

8 L ipianto idrico antincendio da realizzare è costituito da n. 6 idranti UNI 45 collegati al gruppo di pressurizzazione e aventi riserva idrica nelle vasche indicate. La derivazione dall ipianto esistente dovrà essere realizzata traite tubazione principale interrata in PE HD, e tubazioni in acciaio zincato per le due colonne ontanti principali posate a vista a collegare gli idranti ai piani. In prossiità del gruppo di popaggio andrà inoltre posizionato attacco predisposto per collegaento alla otopopa VVF. La relazione di calcolo dell ipianto è riportata nell Allegato A alla presente relazione, ed è stato realizzato in odo confore alla nora UNI Ipianti di estinzione incendi Reti idranti Progettazione, installazione ed esercizio. IMPIANTO SPRINKLER Si installerà ipianto a sprinkler a secco, visto che l ipianto sprinkler dovrà essere installato nella autoriessa, quindi in esterno e pertanto nelle tubazioni di distribuzione vi sarà aria copressa anziché acqua evitando il pericolo di gelo nell ipianto. Tale ipianto è pertanto accessoriato di copressore d aria e di sistei di controllo e gestione di tipo elettrico. Gli erogatori sprinkler saranno coposti da struttura etallica resistente alla corrosione e da bulbo di vetro, contenente liquido opportunaente tarato, ed il tipo di ugello sarà del tipo sprinkler pendent (orizzontale verso il basso) L ipianto sarà dotato anche di valvola di allare, per il controllo dell ipianto sprinkler, e che in caso di attivazione dell ipianto fornirà acusticaente l allare incendio e intervento ipianto. Per il diensionaento dell ipianto, i criteri di progettazione utilizzati sono indicati nella nora UNI EN Sistei autoatici a sprinkler. Progettazione, installazione e anutenzione. IL PROGETTISTA U.O. IMPIANTI TECNOLOGICI E SICUREZZA Ing. Stefano Silvestri

9 ALLEGATO A DIMENSIONAMENTO DELLE RETI DI IDRANTI - UNI Progettista AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE - Sett. Oper. Edilizia Via Malvasia, BOLOGNA Denoinazione Apliaento Scappi C.S. Pietro Tere Riferiento al disegno nuero Nuero totale idranti 6 Perdite di carico aesse per le tubazioni 60 dapa/ Percentuale idranti in funzione 50 % Diaetro interno delle tubazioni (inio aesso) 35 Idrante più sfavorito 6 Pressione all attacco della rete () Pressione all idrante più sfavorito () Valori di pressione richiesti per erogare la portata di progetto 3,02 1,73 Valori di pressione richiesti per avere all idrante più sfavorito la pressione 3,29 2,00 di 2,00 Valori di pressione corrispondenti alla pressione disponibile dell alientazione 5,00 3,71 Portata assia effettiva 21,60 ³/h Tipo di alientazione [ ] da acquedotto [ x ] da gruppo di popaggio Pressione disponibile da acquedotto ---- Pressione disponibile da gruppo di popaggio 5,00 Pressione sufficiente SI' Durata inia della riserva idrica 60 in. Capacità inia della riserva idrica 0,0 ³ Portata di reintegro 25,00 ³/h Capacità effettiva della riserva idrica 25 ³ Durata effettiva della riserva idrica in Capacità riserva idrica sufficiente SI'

10 Dati geoetrici Ni Nf Lungh. Valv. sar. Valv. ritegno Curve Goiti Tee o X Lungh. equiv. Quota finale noin. interno Codice tubo Codice idrante , ,00 0,00 2.1/2" 69, , ,50 0,00 2.1/2" 69, , ,00 0,00 2.1/2" 69, , ,50 4,00 2.1/2" 69, , ,00 8,00 2" 53, , ,50 4,00 2.1/2" 69, , ,00 8,00 2" 53, Ni Nf Portata teorica l/h Portata effettiva l/h dp distrib. Portate e pressioni dp accid. dp quota dp tubazione dp deriv. + idrante Pressione nodo Pressione finale ,13 0,00 0,00 0,13 0,00 0,13 0, ,04 0,01 0,00 0,04 1,95 0,17 2, ,10 0,00 0,00 0,10 1,95 0,27 2, ,01 0,00 0,39 0,41 1,95 0,67 2, ,01 0,00 0,39 0,40 1,95 1,07 3, ,01 0,01 0,39 0,41 1,95 0,58 2, ,01 0,00 0,39 0,40 1,95 0,98 2,93 Tubazioni Ni Nf noinale Tipo tubo Vs Vr Cu Go Tee Lungh. dp lin dapa/ Velocità /s /2" PE HD ,00 50,1 1, /2" UNI Tubi di acciaio - Gas coerciali ,00 50,1 1, /2" UNI Tubi di acciaio - Gas coerciali ,00 50,1 1, /2" UNI Tubi di acciaio - Gas coerciali ,00 23,6 1, " UNI Tubi di acciaio - Gas coerciali ,00 23,0 0, /2" UNI Tubi di acciaio - Gas coerciali ,00 23,6 1, " UNI Tubi di acciaio - Gas coerciali ,00 23,0 0,88 Nf Denoinazione Portata idrante Lungh. anich. Idranti anich. bocch. l/h l/in Lungh. Derivazione L.eq. Codice tubo tubo Press. disp. boc. 2 3 UNI 45 a uro ,0 45,0 12,00 1,00 3, /2" 4,62 0,00 4 UNI 45 a uro ,0 45,0 12,00 1,00 3, /2" 4,51 0,00 5 UNI 45 a uro ,0 45,0 12,00 1,00 3, /2" 4,11 4,00 6 UNI 45 a uro ,0 45,0 12,00 1,00 3, /2" 3,71 8,00 7 UNI 45 a uro ,0 45,0 12,00 1,00 3, /2" 4,20 4,00 8 UNI 45 a uro ,0 45,0 12,00 1,00 3, /2" 3,80 8,00 Coputo tubazioni Tipo tubazione UNI Tubi di acciaio - Gas coerciali Codice tubo noinale interno esterno Lunghezza totale Massa kg Contenuto d acqua litri 8 1.1/2" ,0 19,5 8,5 9 2" ,0 36,6 18, /2" ,0 350,3 228,3 Totale 74,0 406,4 255,0 Quota

11 Coputo idranti Codic Denoinazione Portata Manichetta Pressione richiasta Quantità e bocchello l/h l/in Lungh. bocchello attacco 6 UNI 45 a uro ,0 45,0 12,00 1,73 1,92 6 Dati schea Ni Nf noinale Lungh. Descrizione tubo Descrizione idrante Portata l/in /2" 25,00 PE HD interrato /2" 7,00 PE HD interrato UNI 45 a uro /2" 20,00 PE HD interrato UNI 45 a uro /2" 4,00 UNI Tubi di acciaio - Gas coerciali UNI 45 a uro " 4,00 UNI Tubi di acciaio - Gas coerciali UNI 45 a uro /2" 4,00 UNI Tubi di acciaio - Gas coerciali UNI 45 a uro " 4,00 UNI Tubi di acciaio - Gas coerciali UNI 45 a uro 120

D.M. 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione (Gazz. Uff. 27 giugno 1987, n. 148)

D.M. 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione (Gazz. Uff. 27 giugno 1987, n. 148) D.M. 16 aggio 1987, n. 246 Nore di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione (Gazz. Uff. 27 giugno 1987, n. 148) Sono approvate le nore di sicurezza antincendi per gli edifici di civile

Dettagli

I. CONTROLLO E GESTIONE DEL SISTEMA

I. CONTROLLO E GESTIONE DEL SISTEMA - La presenza di cavi elettrici scaldanti interrati deve essere chiaraente segnalata (nora CEI 11-17) e una copia della geoetria di posa deve essere in possesso del responsabile della anutenzione dell

Dettagli

murali Meteo Caldaie murali combinate istantanee da esterno e da incasso

murali Meteo Caldaie murali combinate istantanee da esterno e da incasso Anche sulla gaa coe su tutte le caldaie Beretta è possibile ottenere il Servizio 5 anni Forula Kasko*. * Per aderire al servizio si rianda al depliant inforativo disponibile presso la Rete di Assistenza

Dettagli

Impianti Meccanici Calcoli Esecutivi e Relazione illustrativa Rete Gas Metano

Impianti Meccanici Calcoli Esecutivi e Relazione illustrativa Rete Gas Metano ZeroCento - Studio di Pianificazione Energetica Ing. Ing. Maria Cristina Sioli via Zezio 54 - Coo via El Alaein 11/b - Coo Progetto Edilizia Residenziale Pubblica da locare a Canone Sociale e Moderato

Dettagli

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti

Impianti di Condizionamento: Impianti a tutt'aria e misti Facoltà di Ingegneria - Polo di Rieti Corso di " Ipianti Tecnici per l'edilizia" Ipianti di Condizionaento: Ipianti a tutt'aria e isti Prof. Ing. Marco Roagna INTRODUZIONE Una volta noti i carichi sensibili

Dettagli

SOLARC.S.P. Concentrating Solar Power

SOLARC.S.P. Concentrating Solar Power SOLARC.S.P. Concentrating Solar Power NEW 2013 via I Maggio 23 27042 Bressana Pavia Italia tel. +39 03821855848 eail info@.co www..it Concentrating Solar Power il perché di una scelta... La nostra tecnologia

Dettagli

AARIA S. Denominazione commerciale

AARIA S. Denominazione commerciale SISTEMI OME DI CAORE E VENTIAZIONE Condizionatore d'aria a parete AARIA S SOARE TERMICO E BOITORI ROFESSIONAE ROFESSIONAE COMEMENTI DI IMIANTO 202 Ionizzatore Monosplit Inverter a parete opa di calore

Dettagli

COMPLESSO SAN BENIGNO

COMPLESSO SAN BENIGNO COMPLESSO SAN BENIGNO Studio per una infrastruttura di condizionaento del coplesso attraverso l uso dell acqua di are Introduzione Lo studio riporta alcune idee di assia ed una valutazione costi benefici

Dettagli

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DELL UNITA IMMOBILIARE (art. 20, Legge Regionale Emilia Romagna 25.11.2002, n. 31)

SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DELL UNITA IMMOBILIARE (art. 20, Legge Regionale Emilia Romagna 25.11.2002, n. 31) Allo SPORTELLO UNICO DELL EDILIZIA del Coune di ZIANO PIACENTINO Protocollo Generale SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA DELL UNITA IMMOBILIARE (art. 20, Legge Regionale Eilia Roagna 25.11.2002, n. 31) TITOLARE

Dettagli

RISERVATO ALLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA' PRODUTTIVE

RISERVATO ALLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA' PRODUTTIVE DATA DI ARRIVO PROTOCOLLO CARPANETO P. - PODENZA SAN GIORGIO P. - VIGOLZONE SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA' PRODUTTIVE dell' UNIONE VALNURE e VALCHERO DOCUMENTO ESENTE DA MARCA DA BOLLO SCHEDA TECNICA

Dettagli

GRUPPI POMPE ANTINCENDIO A NORMA UNI EN 12845

GRUPPI POMPE ANTINCENDIO A NORMA UNI EN 12845 GRUI OME ANTINCENDIO A NORMA UNI EN 5 DATI GENERALI Gruppi pope antincendio realizzati secondo le specifiche della nora europea UNI EN 5 Installazioni fisse antincendio - Sistei autoatici a sprinkler CENNI

Dettagli

MXZ SERIE DA 2 A 6 PORTE DC INVERTER - MULTISPLIT. Elevata efficienza stagionale. DC Inverter. ErP

MXZ SERIE DA 2 A 6 PORTE DC INVERTER - MULTISPLIT. Elevata efficienza stagionale. DC Inverter. ErP SERIE MXZ D 6 PORTE +++ ++ + B C D ErP MXZ-D MXZ-C DC INVERTER - MULTISPLIT DC Inverter Elevata efficienza stagionale Il sistea Inverter è un dispositivo elettronico che consente di variare in odo efficiente

Dettagli

Provincia di Torino Area Edilizia- Servizio Impianti Tecnologici e Gestione Energia. Impianti meccanici

Provincia di Torino Area Edilizia- Servizio Impianti Tecnologici e Gestione Energia. Impianti meccanici Impianti meccanici La presente relazione tecnica accompagna il progetto definitivo-esecutivo relativo ad interventi di manutenzione straordinaria e messa in sicurezza da realizzarsi presso l IIS Gobetti

Dettagli

Hydro Fire CK. Gruppi antincendio con elettro e/o motopompe orizzontali con funzionalità e controlli conformi alla norma UNI EN 12845 50 Hz

Hydro Fire CK. Gruppi antincendio con elettro e/o motopompe orizzontali con funzionalità e controlli conformi alla norma UNI EN 12845 50 Hz Grundfos Data booklet Gruppi antincendio con elettro e/o otopope orizzontali con funzionalità e controlli confori alla nora UNI EN 12845 Indice Applicazione Gaa delle prestazioni della popa di servizio

Dettagli

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO)

Comune di Acqui Terme (AL) Centro Congressi Area Bagni PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO - IMPIANTI FLUIDO-MECCANICI (IDROSANITARIO) INDICE 1 Premessa...2 2 Caratteristiche del sistema edilizio...3 3 Impianti previsti...4 3.1 IMPIANTI FLUIDOMECCANICI ED AFFINI...4 3.1.1 IMPIANTI IDROSANITARI E PER SMALTIMENTO ACQUE...4 3.1.2 IMPIANTI

Dettagli

TUBO MULTISTRATO PER IMPIANTI IDROTERMICI

TUBO MULTISTRATO PER IMPIANTI IDROTERMICI TUBO MULTISTRATO PER IMPIANTI IDROTERMICI I L T U O S I S T E M A I D R O T E R M I C O Caratteristiche Carattereistiche tubo tubo WELCO-Flex - WELCO-Teck *Quando, nelle descrizioni che seguono, il tubo

Dettagli

UNI EN 12215 Impianti di verniciatura

UNI EN 12215 Impianti di verniciatura Dipartiento di Sanità Pubblica U.O. Prevenzione e Sicurezza Abienti di Lavoro UNI EN 12215 Ipianti di verniciatura Cabine di verniciatura per l applicazione prodotti vernicianti liquidi Requisiti di sicurezza

Dettagli

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)]

SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] SETTORE IMPIANTI TERMOIDRAULICI [DM 37/08 art.1 co. 2 lettere c), d), e) e g)] A seguito dell incontro del 20 marzo u.s. e degli accordi presi a maggioranza dei presenti, si trasmette la modifica del calendario

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 1 - ZONA 2 - SCUOLA N 1170 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E ADDUZIONE GAS NEL

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO...

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... 2 1.1 IMPIANTO DI SCARICO... 2 1.1.1 Calcolo delle Unità di scarico... 3 1.2 IMPIANTO IDROSANITARIO... 5 1.2.1 Alimentazione...

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI IMPIANTI MECCANICI (OPERE NON PREVISTE IN PROGETTO)

ELENCO PREZZI UNITARI IMPIANTI MECCANICI (OPERE NON PREVISTE IN PROGETTO) 001 001.01 001.01.001 001.01.001.002 Operaio specializzato (secondo il Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro per l'edilizia ed ai contratti integrativi provinciali; si intendono per operai specializzati

Dettagli

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4 Sommario 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2 2. Descrizione degli interventi... 4 2.1 Impianto protezione idrica antincendio... 4 2.1.1 Rete idranti... 4 2.1.2 Sostituzione del gruppo di pressurizzazione

Dettagli

Capitolato Prestazionale Impianti Meccanici Brisighella

Capitolato Prestazionale Impianti Meccanici Brisighella SOMMARIO 1. PREMESSA... 2 2. NORMATIVE DI RIFERIMENTO... 3 3. SCELTE PROGETTUALI... 6 4. CALDAIA... Errore. Il segnalibro non è definito. 5. SOLARE TERMICO... Errore. Il segnalibro non è definito. 6. RADIATORI...

Dettagli

LG Air Conditioning Professional 2011 GUIDA PRODOTTI LINEA MULTISPLIT

LG Air Conditioning Professional 2011 GUIDA PRODOTTI LINEA MULTISPLIT LG Air Conditioning Professional 11 GUIDA PRODOTTI LINEA MULTISPLIT CLIMATIZZATORI LG EFFICIENZA E DESIGN LG è tra le aziende più iportanti al ondo per la produzione di condizionatori d aria. La gaa dei

Dettagli

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione

IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Corso di IMPIANTI TECNICI per l EDILIZIA IMPIANTI RISCALDAMENTO Descrizione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it Impianto termico : Impianto tecnologico

Dettagli

TIP Aerotermi TIP. Aerotermi come apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico

TIP Aerotermi TIP. Aerotermi come apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico TIP Aeroteri TIP Aeroteri coe apparecchi a parete e soffitto Catalogo tecnico Indice 01 Inforazioni sul prodotto 6 Panoraica 7 Dati sul prodotto 8 Guida alla scelta: Panoraica delle versioni 9 TIP in un

Dettagli

Catalogo TEC Formazione Tecnologica

Catalogo TEC Formazione Tecnologica TEC Bosch Training Esperienze Copetenze Robert Bosch S.p.A. Via M.A. Colonna, 35 20149 Milano tel +39 02 3696 2830 fax +39 02 3696 2397 tec@it.bosch.co www.bosch-tec.it Catalogo TEC Forazione Tecnologica

Dettagli

Impianti tecnici. Distribuzione acqua per uso sanitario

Impianti tecnici. Distribuzione acqua per uso sanitario Impianti tecnici Distribuzione acqua per uso sanitario Impianti idrici Requisiti - Coibentazione: riferimento ai requisiti di legge per le tubazioni di acqua calda; - Protezione dalla condensa; - Protezione

Dettagli

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI

COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI COMPLESSO E 13 RETE IDRANTI Con la costituzione dei nuovi filtri in adiacenza ai vani scala a prova di fumo, si prevede lo spostamento degli idranti attualmente esistenti all'interno dei vani filtro sopra

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI

RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICO FOGNANTI E' previsto il rifacimento di tutti i corpi bagni. Gli apparecchi sanitari previsti nella progettazione edile, sono delle seguenti tipologie: vaso del tipo a

Dettagli

IMPIANTI IDRAULICI ED ANTINCENDIO PROGETTO ESECUTIVO

IMPIANTI IDRAULICI ED ANTINCENDIO PROGETTO ESECUTIVO SETTORE LAVORII PUBBLIICII E MANUTENZIIONE DEL PATRIIMONIIO REALIZZAZIONE DEL NUOVO MAGAZZINO COMUNALE IN REGIONE DENTE RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA E CALCOLI ESECUTIVI (articolo 37 e 39 del Decreto

Dettagli

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci POLITECNICA SOC. COOP. ING. M. GUSSO GENNAIO 2007 Relazione tecnica descrittiva impianti meccanici - gennaio/07 (ai sensi dell art. 20 D.P.R. 554/99)

Dettagli

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA Il presente documento riguarda il progetto esecutivo per la sostituzione della centrale termica a servizio della Villa Andrea facente parte del complesso Ville Ponti in Varese. E inoltre compresa l installazione

Dettagli

Auchan Bussolengo Ampliamento Progetto di ampliamento dell Auchan di Bussolengo (VR) RELAZIONE TECNICA IMPIANTI TECNOLOGICI

Auchan Bussolengo Ampliamento Progetto di ampliamento dell Auchan di Bussolengo (VR) RELAZIONE TECNICA IMPIANTI TECNOLOGICI INDICE 1 OGGETTO 3 2 NORME TECNICHE DI RIFERIMENTO PER GLI IMPIANTI E I COMPONENTI 4 3 RIEPILOGO DEGLI IMPIANTI PREVISTI 8 4 DATI GENERALI 8 4.1 DESCRIZIONE DELL EDIFICIO OGGETTO DELL INTERVENTO...8 5

Dettagli

PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4

PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4 Sommario PREMESSA... 2 IMPIANTI TERMICI DI RISCALDAMENTO... 2 DESCRIZIONE DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO - RICAMBIO ARIA LOCALI CIECHI... 4 Tipologie d impianto... 4 1 - Impianto riscaldamento a pannelli

Dettagli

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua.

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. 9 4 6 5 7 3 8 1 2 1. Strumento base MP7 UNI 2. Attacco UNI 45

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO RETE GAS

RELAZIONE DI CALCOLO RETE GAS Via della Madonna n 105, 51100 Pistoia Tel/fax 0573.977477 0573.25014 RELAZIONE DI CALCOLO RETE GAS S. Domenico ASP Via Colle dei Fabbri n 8 51017 Pescia (PT) Premessa di carattere generale La presente

Dettagli

GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE

GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE 21 arzo 2013 GLI INDICI DEI COSTI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATO RESIDENZIALE La nuova base 2010 A partire dal ese di arzo 2013, l Istituto nazionale di statistica avvia la pubblicazione dei nuovi indici

Dettagli

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA

livello progettazione: Relazione Impianto Idrico Fognante ing. Antonello DE STASIO Geom. Angelo CASOLI ing. Renato Mario PAVIA COMUNE DI TROIA (Provincia di Foggia) denominazione progetto: Fondo Per lo Sviluppo e Coesione 2007-2013 Accordo di programma quadro "Settore Aree Urbane - Città" Realizzazione di n. 18 alloggi di edilizia

Dettagli

guida prodotti professional 2010 air conditioning

guida prodotti professional 2010 air conditioning guida prodotti professional 10 air conditioning 6residenziale 34 ultisplit 112 78 coerciale e accessori 122 LG è tra le aziende più iportanti al ondo per la produzione di condizionatori d aria. Ha sviluppato

Dettagli

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì IMPIANTO IDRICO-SANITARIO I AGGIORNAMENTO 14/12/2013 GENERALITÀ L impianto idrico-sanitario comprende:

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 215-1:1990 31/03/90 Valvole termostatiche per radiatori. Requisiti e metodi di prova. UNI EN 255-1:1998 31/10/98 Condizionatori, refrigeratori di liquido e pompe di calore con compressore elettrico

Dettagli

INTERVENTI DI SISTEMAZIONE - RESTAURO DEL CONVENTO DI SANTA MARIA IN VALLE E DEL TEMPIETTO LONGOBARDO

INTERVENTI DI SISTEMAZIONE - RESTAURO DEL CONVENTO DI SANTA MARIA IN VALLE E DEL TEMPIETTO LONGOBARDO CONVENTO SANTA MARIA IN VALLE 16 COMUNE DI CIVIDALE DEL FRIULI CIVIDALE INTERVENTI DI SISTEMAZIONE - RESTAURO DEL CONVENTO DI SANTA MARIA IN VALLE E DEL TEMPIETTO LONGOBARDO PROGETTO ESECUTIVO PIANO DI

Dettagli

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati

CDP - Studio Tecnico Casetta & Del Piano Ingegneri Associati IMPIANTO TERMICO 1. Impianto termico La presente relazione riguarda il dimensionamento dell impianto termico a servizio dell edificio in progetto da adibire struttura a servizio del Comune di Orbassano

Dettagli

Versione integrata e modificata dalla deliberazione ARG/elt 107/08, 5/10 e 127/10

Versione integrata e modificata dalla deliberazione ARG/elt 107/08, 5/10 e 127/10 Versione integrata e odificata dalla deliberazione ARG/elt 107/08, 5/10 e 127/10 MODALITÀ E CONDIZIONI TECNICO ECONOMICHE PER IL RITIRO DELL ENERGIA ELETTRICA AI SENSI DELL ARTICOLO 13, COMMI 3 E 4, DEL

Dettagli

COMPONENTI D IMPIANTO IN REGIME INVERNALE Dispositivi termici atti alla Distribuzione del Calore

COMPONENTI D IMPIANTO IN REGIME INVERNALE Dispositivi termici atti alla Distribuzione del Calore Dispositivi termici atti alla Distribuzione del Calore Distribuzione del calore E della portata idraulica Tipologie: A velocità fissa A 3 velocità regolabili A velocità variabile o elettronica modulante

Dettagli

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed Esercizio UNI 10779-07 A cura di BM SISTEMI srl Introduzione La progettazione e l installazione delle reti idranti è regolata in Italia dalla norma UNI 10779.

Dettagli

Misure elettriche circuiti a corrente continua

Misure elettriche circuiti a corrente continua Misure elettriche circuiti a corrente continua Legge di oh Dato un conduttore che connette i terinali di una sorgente di forza elettrootrice si osserva nel conduttore stesso un passaggio di corrente elettrica

Dettagli

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE Elenco dei Corpi d'opera 03 OPERE IMPIANTISTICHE Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE Unità tecnologiche 01 Impianto riscaldamento 02 Impianto smaltimento acque usate e meteoriche 03 Impianto antincendio

Dettagli

CASE CON SISTEMI INNOVATIVI COMPARATIVA IMPIANTI RISCALDAMENTO

CASE CON SISTEMI INNOVATIVI COMPARATIVA IMPIANTI RISCALDAMENTO CASE CON SISTEMI INNOVATIVI COMPARATIVA IMPIANTI RISCALDAMENTO PREMESSA Con la presente relazione si intende fare una analisi comparativa fra alcuni dei sistemi di Riscaldamento utilizzati per la costruzione

Dettagli

Allegato INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE

Allegato INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE Allegato INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE 1 ART. 1 SCOPO DEL DOCUMENTO Il Capitolato Speciale d appalto di cui questo Allegato è parte integrante prevede l esecuzione di alcuni interventi di riqualificazione

Dettagli

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni

Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni Elenco delle norme UNI Impianti di riscaldamento e climatizzazione relative alle civili abitazioni UNI 5104 Impianti di condizionamento dell'aria - norme per l'ordinazione, l'offerta e il collaudo. UNI

Dettagli

SOMMARIO. 44-EIDRT004 VVF.doc 1/9

SOMMARIO. 44-EIDRT004 VVF.doc 1/9 SOMMARIO... 2 1.1 Premessa... 2 1.2 Riferimenti normativi... 2 1.3 Caratteristiche generali dell impianto e prestazioni garantite... 2 1.4 Caratteristiche generali della rete.... 5 1.5 Progettazione ed

Dettagli

Residenziale - Monosplit Eleganti, dalle linee semplici e di classe, disegnati per inserirsi armoniosamente in ogni ambiente.

Residenziale - Monosplit Eleganti, dalle linee semplici e di classe, disegnati per inserirsi armoniosamente in ogni ambiente. Residenziale - Eleganti, dalle linee seplici e di classe, disegnati per inserirsi aroniosaente in ogni abiente. Efficienti, progettati per assicurare aria pura e il assio del cofort in ogni oento della

Dettagli

INDICE. 1. Premessa pag. 2. 2. Riferimenti Legislativi e normativi pag. 2. 3. Tipologia dell impianto pag. 3

INDICE. 1. Premessa pag. 2. 2. Riferimenti Legislativi e normativi pag. 2. 3. Tipologia dell impianto pag. 3 INDICE 1. Premessa pag. 2 2. Riferimenti Legislativi e normativi pag. 2 3. Tipologia dell impianto pag. 3 3.1 Descrizione generale dell impianto di un appartamento tipo pag. 4 3.2 Caratteristiche tecniche

Dettagli

I sistemi a norma UNI EN 12845. Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845

I sistemi a norma UNI EN 12845. Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845 Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845 Tipologie di pompe ammesse: 1. Pompe base-giunto di tipo back Pull-out 2. Pompe base-giunto

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Premessa Attualmente all interno della struttura è già presente un impianto di estinzione incendi costituito da idranti UNI45; si provvederà ad

Dettagli

RELAZIONE TECNICA GENERALE

RELAZIONE TECNICA GENERALE RESTAURO PIANO SEMINTERRATO DELL ANNESSO E COMPLETAMENTO VILLA ANKURI IN MASSA E COZZILE INSTALLAZIONE REFRIGERATORE DI LIQUIDO PER CLIMATIZZAZIONE 6000,866 della sicurezza oltaa Volta RELAZIONE TECNICA

Dettagli

Pompe Sommerse. Pompe Verticali Multistadio. Pompe Orizzontali Multistadio. Pompe Sommergibili

Pompe Sommerse. Pompe Verticali Multistadio. Pompe Orizzontali Multistadio. Pompe Sommergibili E X P E R I E N C E E - T E C H IT Pope Soerse Vogliao servire i nostri clienti con la igliore Qualità. Tutte le pope e i coponenti sono costruiti con tolleranze di precisione. Ogni coponente viene controllato

Dettagli

UNIVERSITTA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - POLO UNIVERSITARIO DI COMO CALCOLI ESECUTIVI DEGLI IMPIANTI, DATI DI PROGETTO

UNIVERSITTA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA - POLO UNIVERSITARIO DI COMO CALCOLI ESECUTIVI DEGLI IMPIANTI, DATI DI PROGETTO SOMMARIO DATI DI PROGETTO... 3 VERIFICA POTENZA EDIFICIO ESISTENTE... 9 CARICHI TERMICI INVERNALI MANICA LUNGA... 12 CARICHI TERMICI ESTIVI MANICA LUNGA... 32 Pagina 2 DATI DI PROGETTO INTRODUZIONE La

Dettagli

www.buildingthefuture.it

www.buildingthefuture.it Oggetto via Orly, n. 327 Campi Bisenzio Impianti di riscaldamento, condizionamento, idrico sanitario, adduzione EDIFICIO INDUSTRIALE Zona Lavori L'offerta comprende la fornitura e posa in opera di : A

Dettagli

Impianto Antincendio. 1 di 5

Impianto Antincendio. 1 di 5 1 Impianto Antincendio 1. 01 Allestimento di cantiere comprensivo di apposizione di segnaletica di sicurezza, apposizione di cartello di cantiere indicante lavori da eseguire, committente, impresa e quant'altro,

Dettagli

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO

NORME ORDINATE PER ARGOMENTO UNI EN 230:1997 31/10/1997 Bruciatori monoblocco di olio combustibile a polverizzazione. Dispositivi di sicurezza, di comando e di regolazione. Tempi di sicurezza. UNI EN 247:2001 31/05/2001 Scambiatori

Dettagli

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014

PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGRAMMI INTEGRATI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE PERIFERIE FONDO PER LO SVILUPPO E COESIONE 2007-2014 PROGETTO ESECUTIVO PER LAVORI DI COSTRUZIONE DI UN FABBRICATI DI E.R.P. COMPOSTO DA N. 8 ALLOGGI SITO

Dettagli

Calcolo della densità dell aria alle due temperature utilizzando l equazione dei gas:

Calcolo della densità dell aria alle due temperature utilizzando l equazione dei gas: Lezione XXIII - 0/04/00 ora 8:0-0:0 - Esercizi tiraggio e sorbona - Originale di Marco Sisto. Esercizio Si consideri un ipianto di riscaldaento a caino caratterizzato dai seguenti dati: T T Sezione ati

Dettagli

PROGETTO DI NUOVO EDIFICIO PER UFFICI E SERVIZI NEL COMPLESSO PRODUTTIVO CAMEO S.P.A.

PROGETTO DI NUOVO EDIFICIO PER UFFICI E SERVIZI NEL COMPLESSO PRODUTTIVO CAMEO S.P.A. PROGETTO DI NUOVO EDIFICIO PER UFFICI E SERVIZI NEL COMPLESSO PRODUTTIVO CAMEO S.P.A. RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA IMPIANTO DI RISCALDAMENTO, VENTILAZIONE E CONDIZIONAMENTO DELL'ARIA Milano, 10 luglio

Dettagli

VARIANTE AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN ZONA SA MINDA NOA VIALE ALDO MORO OLBIA GOLFO ARANCI V.LE. d7 d8 ALDO MORO VIA CAIRO VIA ATENE VIA VIA TUNISI

VARIANTE AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN ZONA SA MINDA NOA VIALE ALDO MORO OLBIA GOLFO ARANCI V.LE. d7 d8 ALDO MORO VIA CAIRO VIA ATENE VIA VIA TUNISI 40 HELSINKI 70 VARIANTE AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN ZONA SA MINDA NOA LE ALDO MORO OLBIA GOLFO ARANCI d1 d3 d4 d2 d5 d6 d7 d8 V.LE ALDO MORO CAIRO ATENE TUNISI 40 LUBIANA MOSCA MOSCA NAIROBI STRADA 3

Dettagli

ATOMIZZATORI PORTATI

ATOMIZZATORI PORTATI ATOMIZZATORI PORTATI L eccezionale qualità dei nuovi atoizzatori portati della LOCHMANN Plantatec è il risultato di oltre 60 anni di esperienza e dell utilizzo delle più oderne tecnologie; l ipiego di

Dettagli

CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE DELLA POMPA

CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE DELLA POMPA FEKA 6 DATI TECNICI Tipo girante: onocanale chiusa Passaggio Libero: 95 1. Potenza Noinale: 15 2 Mandata: DN 15 Capo di funzionaento: da 36 a 2 3 /h con prevalenza fino a 2,5 etri. Liquido popato: acque

Dettagli

Impianti di riscaldamento convenzionali

Impianti di riscaldamento convenzionali Impianti di riscaldamento convenzionali convenzionale Impianti di riscaldamento Schema di un impianto con caldaia Combustibile Generazione regolazione emissione Carichi termici Distribuzione Impianti di

Dettagli

Oggetto: DENUNCIA DI IMPIANTO TERMICO AD ACQUA CALDA AI SENSI DELL ART. 18 D.M. 01/12/1975 UTENTE INDIRIZZO COMUNE (PROV. )

Oggetto: DENUNCIA DI IMPIANTO TERMICO AD ACQUA CALDA AI SENSI DELL ART. 18 D.M. 01/12/1975 UTENTE INDIRIZZO COMUNE (PROV. ) MARCA DA BOLLO Spett.le I.S.P.E.S.L. DIPARTIMENTO DI. via via cap. città Oggetto: DENUNCIA DI IMPIANTO TERMICO AD ACQUA CALDA AI SENSI DELL ART. 18 D.M. 01/12/1975 UTENTE INDIRIZZO COMUNE (PROV. ) Il sottoscritto

Dettagli

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia

Impianti di riscaldamento. Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Impianti di riscaldamento Prof. Ing. P. Romagnoni Università IUAV di Venezia Dorsoduro 2206 Venezia Sono i sistemi più utilizzati nell edilizia residenziale dove spesso sono di solo riscaldamento, ma possono

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROVINCIA DI TRENTO OPERE DA TERMOIDRAULICO COMUNE DI LASINO. COMUNE DI LASINO Lasino (Trento) OGGETTO:

RELAZIONE TECNICA PROVINCIA DI TRENTO OPERE DA TERMOIDRAULICO COMUNE DI LASINO. COMUNE DI LASINO Lasino (Trento) OGGETTO: COMUNE DI LASINO PROVINCIA DI TRENTO RELAZIONE TECNICA OPERE DA TERMOIDRAULICO OGGETTO: SOSTITUZIONE GENERATORI DI CALORE E TRASFORMAZIONE ALIMENTAZIONE COMBUSTIBILE DA GASOLIO A GAS METANO PER MUNICIPIO

Dettagli

Depliant di progettazione GARDENA 2012

Depliant di progettazione GARDENA 2012 Depliant di progettazione GARDENA 2012 GARDENA Sistea di irrigazione Se siete interessati a servizi di progettazione e installazione? Vi preghiao di rivolgervi direttaente alla nostra sedo www.gardena.ch

Dettagli

NELL AMBITO DELL OPERA DI

NELL AMBITO DELL OPERA DI f di Maurizio Livraghi, Tecnoprogen srl MEGASTORE A MILANO IMPIANTO SPRINKLER E IDRANTI NELL AMBITO DELL OPERA DI RISTRUTTURAZIONE DI UNA STORICA SALA CINEMATOGRAFICA, RICONVERTITA IN MEGASTORE NEL CENTRO

Dettagli

Comune di Surbo Progetto Esecutivo Centro Comunale per la Raccolta Differenziata

Comune di Surbo Progetto Esecutivo Centro Comunale per la Raccolta Differenziata Premessa La presente relazione specialistica riguarda la progettazione dell impianto idrico-fognante a servizio di un centro comunale per la raccolta differenziata (CCR) dei rifiuti solidi urbani ed assimilati

Dettagli

Reti Idranti Antincendio

Reti Idranti Antincendio Reti Idranti Antincendio Progettazione (installazione) collaudo e verifica alla luce dell edizione 2014 Ing. Luciano Nigro Rete Idranti Principale e più elementare presidio antincendio fisso Richiesta

Dettagli

Denuncia di impianto centrale di riscaldamento ad acqua calda

Denuncia di impianto centrale di riscaldamento ad acqua calda ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA DEL LAVORO Legge 23.12.78 n. 833 DPR 31.7.80 n. 619 Legge 12.8.82 n. 597 Legge 16 giugno 1927 n. 1132 (Regolamento R.D. 12-5-1927 n. 824 D.M. 1-12-1975)

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO 1. TERMINOLOGIA RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Idrante antincendio: apparecchiatura antincendio dotata di un attacco unificato, di valvola di intercettazione ad apertura manuale e collegato ad una

Dettagli

Environment 10 gennaio 2014. Progetto di rimozione del prodotto surnatante la falda acquifera. Ex Consorzio Agrario, Via dell Acquedotto Pesaro

Environment 10 gennaio 2014. Progetto di rimozione del prodotto surnatante la falda acquifera. Ex Consorzio Agrario, Via dell Acquedotto Pesaro Environent 10 gennaio 2014 Progetto di riozione del prodotto surnatante la falda acquifera Ex Consorzio Agrario, Via dell Acquedotto Pesaro Il presente Docuento è stato preparato da AECOM ITALY Srl (nel

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI

PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI 5 Settore Tecnico Edificio ISTITUTO MAGISTRALE DI PARTANNA Attività principale: n. 67/C scuola Attività collegate : n. 74/B centrale termica a servizio corpo aule Pratica

Dettagli

RAFFRESCAMENTO E RISCALDAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO CLIMATIZZAZIONE E RAFFRESCAMENTO A PANNELLI RADIANTI

RAFFRESCAMENTO E RISCALDAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO CLIMATIZZAZIONE E RAFFRESCAMENTO A PANNELLI RADIANTI RAFFRESCAMENTO E RISCALDAMENTO RADIANTE A PAVIMENTO CLIMATIZZAZIONE E RAFFRESCAMENTO A PANNELLI RADIANTI Contrariamente al passato dove, di norma, venivano annegati nel pavimento delle linee in acciaio,

Dettagli

SCALA - PROVINCIA BELLUNO

SCALA - PROVINCIA BELLUNO TITOLO ELABORATO SISTEMAZIONE DELL AREA PARCHEGGIO E REALIZZAZIONE DI UN AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA BREVE DI CAMPER IN LOCALITÀ CANDÀTEN - COMUNE DI SEDICO (BL) FASE PROGETTO ESECUTIVO ELABORATO PROGETTO

Dettagli

PROGETTO STUDIO ESERCITAZIONE PER L A.A. 2014-2015

PROGETTO STUDIO ESERCITAZIONE PER L A.A. 2014-2015 PROGETTO STUDIO ESERCITAZIONE PER L A.A. 2014-2015 Selezione del progetto Ogni gruppo (da 3 a 5 massimo) seleziona il progetto da utilizzare per la preparazione del progetto studio dell A.A: 2014-15 fra

Dettagli

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione

CALEFFI. Valvola di scarico termico con reintegro incorporato. serie 544 01058/09. sostituisce dp 01058/07. Funzione Valvola di scarico termico con reintegro incorporato serie 544 R EGI STERED BS EN ISO 9001:2000 Cert. n FM 21654 UNI EN ISO 9001:2000 Cert. n 0003 CALEFFI 01058/09 sostituisce dp 01058/07 Funzione La valvola

Dettagli

Interventi sugli impianti di climatizzazione invernale ed estiva. Stima dei potenziali risparmi

Interventi sugli impianti di climatizzazione invernale ed estiva. Stima dei potenziali risparmi Interventi sugli impianti di climatizzazione invernale ed estiva. Stima dei potenziali risparmi Gianfranco Cellai DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE Il ruolo dell edificio e degli impianti Assicurare

Dettagli

L impianto è a servizio dell attività: Sita in: Progettazione a cura di:

L impianto è a servizio dell attività: Sita in: Progettazione a cura di: Pag. 1 RELAZIONE TECNICA E DI CALCOLO DI UN IMPIANTO DI SPEGNIMENTO IDRICO AD IDRANTI L impianto è a servizio dell attività: Sita in: Proprietà: Timbro e Firma del legale rappresentante della proprietà:

Dettagli

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE

IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE parti 3 4 1 IMPIANTO TERMICO In generale si può pensare articolato nelle seguenti parti: Generatore uno o più apparati che forniscono energia termica ad un mezzo di trasporto

Dettagli

SymCAD C.A.T.S. Software di progettazione impianti HVAC NUOVA VERSIONE 2014/2015

SymCAD C.A.T.S. Software di progettazione impianti HVAC NUOVA VERSIONE 2014/2015 SymCAD C.A.T.S Software di progettazione impianti HVAC NUOVA VERSIONE 2014/2015 1 PREMESSA SymCAD viene costantemente aggiornato, seguendo l evoluzione della normativa tecnica (europea, ma non solo) e

Dettagli

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 6 Aspirazione aria e scarico fumi 9 Accessori 11

Sommario. Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 6 Aspirazione aria e scarico fumi 9 Accessori 11 Murali Standard Residenziale Sommario Guida al capitolato 2 Dati tecnici 4 Descrizione e installazione 6 Aspirazione aria e scarico fumi 9 Accessori 11 1 Meteo BOX Guida al capitolato Meteo MIX C.S.I.

Dettagli

Voci di capitolato. Generatore termofrigorifero EcoPower Accorroni mod. HPE/C 22

Voci di capitolato. Generatore termofrigorifero EcoPower Accorroni mod. HPE/C 22 Generatore termofrigorifero EcoPower Accorroni mod. HPE/C 22 Classificazione apparecchio: Pompa di calore monoblocco aria/acqua per installazione da esterno con integrato generatore termico a gas metano.

Dettagli

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 Allegato A05 - Impianti idrici-antincendio Scheda n. 1 Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 02.01 Lettura manometri acqua, condotte principali. Ispezione visiva

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICI E FOGNARI

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICI E FOGNARI PROGETTO DEFINITIVO EX FILAN D A D I MALVAGLIO _ OFFICIN A D I CREATIVITÀ E CULTURA COMUN E D I ROBECHETTO CON IN D UN O (MI) RELAZIONE TECNICA IMPIANTI IDRICI E FOGNARI Settembre 2010 Sommario PROGETTO

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IMPIANTO ANTINCENDIO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IMPIANTO ANTINCENDIO Comune di Offida Lavori di: Legge 27 dicembre 2002 n. 289, art. 21 comma 80 PIANO STRAORDINARIO PER LA MESSA IN SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI Delibera CIPE n. 143/2006 di approvazione del II programma

Dettagli

Comando Rieti, maggio 2010

Comando Rieti, maggio 2010 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO IMPIANTI DI SPEGNIMENTO AD IDRANTI Comando Rieti, maggio 2010

Dettagli

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 27 settembre

Dettagli

Milano - 18 giugno 2014

Milano - 18 giugno 2014 Milano - 18 giugno 2014 Linee Guida CIG N. 11 Esecuzione degli accertamenti documentali di sicurezza degli impianti di utenza a gas. (Realizzate ai sensi della Delibera AEEG n. 40/14 in ambito CIG P.C.

Dettagli

Gli impianti idrico sanitari. prof. arch. Sciurpi Fabio prof. arch. Simone Secchi Dipartimento Ingegneria Industriale Università di Firenze

Gli impianti idrico sanitari. prof. arch. Sciurpi Fabio prof. arch. Simone Secchi Dipartimento Ingegneria Industriale Università di Firenze Gli impianti idrico sanitari prof. arch. Sciurpi Fabio prof. arch. Simone Secchi Dipartimento Ingegneria Industriale Università di Firenze Componenti dell impianto idrico sanitario L'impianto idrico sanitario

Dettagli

A4 INGEGNERIA STUDIO TECNICO ASSOCIATO INGG. BALDACCHINI, CAPPELLI, LO RUSSO, MALOSSI E TANI COMUNE DI CAMPI BJSENZIO PROVINCIA DI FIRENZE PMU 4.

A4 INGEGNERIA STUDIO TECNICO ASSOCIATO INGG. BALDACCHINI, CAPPELLI, LO RUSSO, MALOSSI E TANI COMUNE DI CAMPI BJSENZIO PROVINCIA DI FIRENZE PMU 4. INGG. BALDACCHINI, CAPPELLI, LO RUSSO, MALOSSI E TANI COMUNE DI CAMPI BJSENZIO PROVINCIA DI FIRENZE PMU 4.3 COMPATIBILITA1 IDRAULICA DELLE OPERE IDRAULICHE PREVISTE NEL PMU 4.3 CON LE OPERE COMPRESE NEL

Dettagli

Codice Codice Fornitore Descrizione u.m Prezzo

Codice Codice Fornitore Descrizione u.m Prezzo VALVOLA DI SICUREZZA QUALIFICATA E TARATA (527) CALE0001 527430 VALVOLA DI SICUREZZA 3 BAR 1/2 F. x 3/4 F. PZ 53,550 CALE0120 527460 VALVOLA DI SICUREZZA 6 BAR 1/2 F. x 3/4 F. PZ 53,550 CALE0002 527530

Dettagli