MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica MEZZO ANTINCENDIO PER ESIGENZE ELISUPERFICIE PALAZZO SMA.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica MEZZO ANTINCENDIO PER ESIGENZE ELISUPERFICIE PALAZZO SMA."

Transcript

1 C.P. 072/11/0087 LOTTO N. C8 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI Scheda tecnica MEZZO ANTINCENDIO PER ESIGENZE ELISUPERFICIE PALAZZO SMA QUANTITA AREA IMPIEGO COLORE Garanzia Assistenza Luogo di consegna 1 (+ 1 in opz acq futuri) SMA ROSSO Garanzia 2 anni Deposito Materiali Aeronautica Militare di ROMA VEICOLI OFFERTI (La Ditta dovrà indicare la marca, il modello ed il tipo del veicolo offerto. Dovrà inoltre allegare e controfirmare i figurini nelle diverse proiezioni o depliant riportanti i dati dimensionali e ponderali del veicolo offerto. Le dotazioni di serie (accessori) poste a listino saranno considerate parti integrati del veicolo in fornitura anche se non specificate nell offerta). Costruttore autotelaio.....allestitore Rappresentante/Concessionario. Denominazione dei veicoli.... I VALORI RELATIVI ALLE SPECIFICHE DEL VEICOLO, QUALORA NON INDICATO, DEVONO INTENDERSI CON UNA TOLLERANZA DEL +/- 5%

2 1. GENERALITA Il presente requisito tecnico-logistico-operativo si riferisce ad un veicolo destinato al personale antincendi per operare interventi di soccorso su elicotteri incidentati, provvedendo all estinzione dell eventuale incendio, al recupero del personale navigante e dei passeggeri eventualmente rimasti imprigionati. Lo stesso inoltre potrà essere impiegato in: - incendi di autovetture; - assistenza incendi di tipo boschivo; - etc. L automezzo in oggetto dovrà essere dotato di tutti i dispositivi ed accorgimenti ritenuti necessari a garantirne la perfetta funzionalità e la massima sicurezza nell impiego. Dovrà essere rispondente alla classe H3 stanag 3861, ed essere conforme a tutte le norme vigenti, per la costruzione e l impiego ad esso applicabili (UNI, CEE, ISO, STANAG, Codice della Strada, ecc). Il veicolo in oggetto è destinato ad operare su strade asfaltate e non, innevate o fangose, su terreni fuori strada semi accidentati e su terreni non compattati e, pertanto, dovrà possedere ampie possibilità di manovra e di impiego. L automezzo, al minimo, dovrà essere dotato di: - trazione integrale 4x4; - adeguata protezione dell abitacolo, che garantisca comunque la sicurezza del personale trasportato in caso di ribaltamento del veicolo, nel rispetto delle vigenti normative; - cinture di sicurezza per tutti gli occupanti; - copertura a tetto rigido; - gancio di traino di tipo normale e NATO, per traino di sistemi/equipaggiamenti carrellati. Dovrà essere capace di trasportare tre persone compreso il conducente. Dovrà possedere caratteristiche di elevata affidabilità e semplicità di manutenzione. 2. PRESTAZIONI E DIMENSIONI L automezzo in argomento, in considerazione del suo impiego principale in contesti urbani, dovrà avere dimensioni il più possibile compatte e garantire prestazioni adeguate all impiego per il quale è destinato. 3. CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE PARTE AUTOTELAIO Il veicolo dovrà rispondere a tutte le normative vigenti, che risultino applicabili per la costruzione e l impiego di un veicolo conforme al presente requisito militare. Inoltre dovrà essere omologato per la circolazione su strada. Abitacolo Di agevole accesso, dovrà essere di dimensioni interne tali da consentire il comodo alloggiamento di due persone più il conducente nei sedili anteriori ed essere dotato di impianto di climatizzazione. La sistemazione del personale dovrà essere realizzata in maniera tale da consentire un agevole e rapida fuoriuscita degli operatori. Dovrà essere predisposta nell abitacolo l installazione di un apparato radiotelefonico T/T VHF. Motore di trazione L automezzo sarà equipaggiato con un gruppo propulsore del tipo Diesel Common-rail sovralimentato di potenza adeguata alle prestazioni richieste ed essere realizzato in conformità alle norme antinquinamento vigenti all atto della consegna all A.M. Trasmissione, cambio, riduttore e frizione Il cambio dovrà essere di tipo automatico o automatizzato tale da sfruttare al massimo la potenza del motore garantendo costantemente la progressione allo spunto ed in marcia. pag. 2 di 8 SOCIETA :... TIMBRO E FIRMA...

3 Guida Di tipo tradizionale con idroguida. Il volante dovrà essere disposto a sinistra rispetto al centro. Impianto frenante Il sistema frenante, dotato di servofreno ed ABS, dovrà essere dimensionato adeguatamente e dotato di freno di stazionamento. Sospensioni Le sospensioni dovranno essere in grado di assicurare: - il migliore sfruttamento delle caratteristiche del motore e della trasmissione nella marcia su strada e fuori strada; - prestazioni ottimali per mobilità e confort, contenendo entro valori più bassi possibile le vibrazioni e le accelerazioni verticali trasmesse al personale trasportato. Impianto elettrico e d illuminazione a 24 V. Il veicolo dovrà inoltre essere dotato di: - una presa ausiliaria stagna in posizione di facile accessibilità per l avviamento mediante fonte esterna o per la ricarica delle batterie di bordo dall esterno o per l avviamento di altri mezzi similari; - attacchi idonei per due antenne veicolari e predisposizioni per l installazione di apparato radio; - colonna fari in più segmenti, in lega d alluminio anodizzato con doppio sfilo guidato azionato dall impianto pneumatico dell autoveicolo. L altezza a massima estensione non dovrà essere inferiore a 3,45 metri rispetto al piano di calpestio del tetto della furgonatura. Inoltre, dovrà essere in grado di potersi fermare in qualsiasi posizione intermedia ed avere la possibilità di ruotare di 360 mediante volantino di rotazione. Sulla predetta colonna, dovranno essere posizionati due fari a tenuta stagna aventi una potenza di almeno 1000 W ciascuno. I fari, dovranno disporre di una copertura superiore solidale agli stessi, mentre a colonna retratta dovranno rientrare in un apposito contenitore in alluminio fissato sul tetto della furgonatura; - gruppo elettrogeno da almeno 4 KVA silenziato con motore Diesel montato fisso sulla furgonatura e collegato direttamente al serbatoio del veicolo per il prelievo del carburante; - n. 2 fari rotanti a luce blue posizionati sul tetto della cabina e n.1 posizionato nella parte posteriore del veicolo; - sirena di allarme bitonale SOL-MI del tipo omologato con comando di accensione elettrico mediante interruttore posizionato sulla plancia; - avvisatore acustico retromarcia; - predisposizione per ricarica lampade a bordo. Furgonatura La struttura dovrà essere realizzata in profili di alluminio, preferibilmente non saldati, con pannellature in alluminio o in acciaio inox. La furgonatutra dovrà essere realizzata in modo da non superare la massima larghezza ed altezza complessiva della cabina di guida. La parte superiore dovrà essere ricoperta con fogli in alluminio mandorlato, o altro materiale idoneo, tale da sopportare il peso degli operatori e di eventuali materiali di caricamento. Per accedere alla parte superiore della furgonatura, nella parte posteriore dell automezzo, sarà installata una scaletta in materiale metallico dotata di gradini antiscivolo. Dovrà disporre di due o più vani portamateriali per ogni lato e di un vano posteriore chiusi da serrandine a rullo in lega leggera anodizzate. In corrispondenza di detti vani dovranno essere previste delle pedane laterali di tipo ribaltabile per agevolare il carico e scarico del materiale ed attrezzature depositate all interno. Tutti i materiali ed attrezzature dovranno essere efficacemente bloccati all interno dei vani per una sicura mobilità del veicolo e pronta fruizione in caso di intervento. Le precitate serrandine dovranno essere azionabili tramite maniglione a doppia impugnatura con pulsante di chiusura ed apertura dotato di serratura a chiave (unica per tutta la furgonatura). All apertura delle serrandine, i vani dovranno essere illuminati con luci al neon di tipo tubolare con griglia protettiva o LED Verricello Nella parte anteriore del mezzo dovrà essere installato un verricello elettrico di almeno 4 Ton completo di 20 metri di fune e gancio. Pag. 3 di 8 SOCIETA :.. TIMBRO E FIRMA...

4 Dotazioni Il veicolo dovrà essere equipaggiato in permanenza di: - ruota di scorta e relativo sistema di bloccaggio; - paraurti anteriore e posteriore; - occhione di traino anteriore; - presa a dodici poli per il collegamento elettrico del rimorchio; - badile, piccone, estintore (omologato da 2 Kg); - lampada per ispezione con spinotto; - idoneo martinetto idraulico; - triangolo di segnalazione auto ferma e n. 2 calzatoie; - borsa attrezzi completa. MEZZO ANTINCENDIO PER ESIGENZE ELISUPERFICIE PALAZZO SMA 4. CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE PARTE ANTINCENDIO Impianto antincendio L impianto antincendio dovrà essere formato dai seguenti elementi principali: - serbatoio acqua di capacità minima di 1600 litri esclusivi per la lotta agli incendi alla quale dovrà essere aggiunta la quantità necessaria per l autoprotezione del mezzo (440 litri), realizzato in acciaio inossidabile INOX AISI 316 L o in polipropilene, di frangi flutti, coperchio passo duomo, di attacco per il carico UNI 70, tubazione troppo pieno, valvola di drenaggio, ed attacco alimentazione pompa; - serbatoio di liquido schiumogeno AFFF concentrato da utilizzare al 6% avente capacità minima pari a 240 litri e comunque sufficiente ad assicurare due scariche complete dell automezzo. realizzato in acciaio inossidabile INOX AISI 316 L o in polipropilene, bocca di carico, attacco per il carico UNI 45, valvola di drenaggio, ed attacco alimentazione miscelatore; - pompa antincendio autoadescante, in grado di alimentare contemporaneamente il monitor frontale e la tubazione semirigida di seguito descritti alla massima portata di esercizio. Tale pompa, comunque dovrà avere una portata non inferiore a 1900 l/min a 10 bar. La stessa prenderà il moto dal motore dell autoveicolo attraverso idonea presa di forza. N. 1 attacco aspirazione pompa UNI 100, n. 2 connessioni di mandata UNI 70 e n. 2 UNI 45; - sistema di miscelazione integrato alla pompa per la produzione di soluzione schiumogena per l alimentazione del monitor frontale e della tubazione semirigida, di seguito descritti, in grado di funzionare aspirando acqua sia dal serbatoio che da fonti esterne. Il sistema di regolazione schiuma dovrà permettere la corretta costante ed automatica immissione della schiuma al variare delle condizioni fluidodinamiche della pompa. Dovrà essere impiegabile con tutti gli schiumogeni e regolabile attraverso manopola posizionata in cabina a percentuali da zero al 6%; - monitor frontale adatto ad erogare acqua e schiumogeno a bassa espansione, azionabile con comando remoto tipo joystick posizionato all interno della cabina e di facile accesso per l autista, con possibilità di regolazione getto da pieno a nebulizzato, alimentato dal sistema di pompaggio. Il monitor frontale dovrà avere una portata minima di 950 l/min alla pressione di esercizio dell automezzo; - naspo media pressione realizzato con tubazione diametro DN 25, semirigida di lunghezza pari ad 80 metri avvolta su girello rotante, con freno per trattenere la tubazione durante il trasporto ed alimentato dalla pompa principale. Il riavvolgimento della tubazione dovrà essere di tipo elettrico (in caso di guasto, dovrà essere possibile il riavvolgimento manuale mediante maniglia dedicata o altro sistema idoneo). Tale naspo, completo di idoneo bocchello, dovrà avere una portata di almeno 100 l/min alla pressione di esercizio dell automezzo e lancia da 1. Detto naspo, per un fruttuoso impiego operativo dovrà essere installato nel vano posteriore, in posizione di facile accesso per gli operatori; - impianto polvere estinguente con serbatoio avente dimensioni tali da poter contenere almeno 80 Kg di polvere. L impianto in argomento, pressurizzato attraverso bombola esterna contenente azoto, sarà dotato di un naspo avente lunghezza pari a 10 m e lancia polvere. Pag. 4 di 8 SOCIETA :.. TIMBRO E FIRMA...

5 Sistema automatico di comando e controllo I comandi e dispositivi di controllo devono essere riportati su un pannello all interno della cabina in posizione tale da consentire il facile uso anche da parte del solo autista. Detto pannello, per una chiara visione notturna, deve essere illuminato sia con luce radente diffusa sia tramite illuminazione delle scritte relative ai singoli comandi e dispositivi. Sul pannello devono essere ricavati direttamente dei pulsanti a tasti con Led di segnalazione luminosi indicanti o meno l attivazione dei dispositivi di comando. Particolare attenzione deve essere posta nella realizzazione dei vari contatti affinché l umidità dell aria e le vibrazioni prodotte dal mezzo non generino problemi di funzionamento. Il sistema che deve essere il più semplice possibile e di chiaro utilizzo, in particolare, deve consentire con immediatezza: - l erogazione dell acqua dal monitor frontale; - l erogazione della schiuma con predeterminazione della percentuale di agente schiumogeno dal monitor frontale; - l erogazione dal naspo posteriore; - il funzionamento dell autoprotezione cabina e gomme; - il lavaggio automatico degli impianti dopo l uso con schiuma; - l arresto immediato delle operazioni programmate o in esecuzione. Il sistema deve, altresì, consentire tramite un quadro sinottico, anch esso il più semplice possibile e di chiaro utilizzo, il controllo dello stato di efficienza delle apparecchiature antincendio, la segnalazione, tramite i dispositivi ottici, di eventuali avarie dei componenti dell impianto, indicazione delle varie pressioni di esercizio ed i livelli dei serbatoi dell acqua e liquido schiumogeno. In caso di avaria del sistema automatico deve essere possibile escluderlo ed azionare manualmente, possibilmente dall interno della cabina di guida, tutte le apparecchiature per garantire in ogni caso l effettuazione dell intervento. Autoprotezione Il mezzo sarà equipaggiato con un sistema di autoprotezione ad acqua, contro il calore radiante, attraverso una serie di ugelli opportunamente installati ed alimentati con acqua. Attrezzature e materiali di dotazione Dovranno inoltre essere fornite le seguenti attrezzature e materiali necessari al personale designato per le operazioni di soccorso, opportunamente fissate sulla furgonatura: - gruppo motopompa e serbatoio idrico; - unità idraulica di soccorso spallabile tipo LUKAS MOBILE POWER PACK CP100 o equivalente comunque completa di cesoia e divaricatore; - girello porta autoprotettori montato su slitta estraibile minimo 4 posizioni; - nr.4 autoprotettori; - nr.3 indumenti termoriflettenti; - nr.2 tubazioni flessibili semirigide lunghe con raccordi UNI nr.6 tubazioni flessibili lunghe 20 m con raccordi UNI 45; - n. 1 lancia acqua schiuma con attacco UNI 45 - nr.3 estintori portatili da 5 Kg a CO2; - nr.3 estintori portatili da 6 Kg a polvere; - cassetta attrezzi da scasso amovibile contenente utensili ritenuti utili per un intervento su aeromobile (prussiana, martello, scalpello, tenaglia taglia lamiere, chiave taglia tubi, piede di porco, etc.); - nr.3 asce; - nr.3 cordini di salvataggio; - cassetto estraibile in grado di poter ospitare nr.1 barella a cucchiaio; Pag. 5 di 8 SOCIETA :.. TIMBRO E FIRMA...

6 - nr.1 barella a cucchiaio; - elettropompa sommersa; - scala in alluminio sfilabile; - coni di segnalazione con catenella; - cassetta pronto soccorso; - nr.2 lampade portatili antideflagranti; - nr.2 lampade gialle intermittenti. 5. FORMAZIONE DEL PERSONALE La Ditta provvederà all addestramento di numero 4 unità tra Uff.li e Sott.li dell A.M. preposte alla gestione ed all impiego dell automezzo, anche presso lo stabilimento della Ditta, con particolare riguardo all uso ed alla manutenzione dello stesso. 6. PUBBLICAZIONI - Dovranno essere consegnate all Ente Gestore del contratto le seguenti pubblicazioni: n 1 libretti uso e manutenzione su supporto informatico; n 1 cataloghi parti di ricambio o microfiche su supporto informatico; n 1 libretti di istruzioni per la manutenzione e per la riparazione su supporto informatico; Schemi impianto idraulico ed elettrico; Certificato di conformità CE. - Inoltre ogni veicolo dovrà essere dotato di n 1 copia del libretto uso e manutenzione. Pag. 6 di 8 SOCIETA :.. TIMBRO E FIRMA...

7 CONDIZIONI DI FORNITURA 1. VERNICIATURA I veicoli dovranno essere totalmente ed efficacemente trattati con idonei prodotti anticorrosivi. La verniciatura dei veicoli dovrà essere in colore rosso RAL 3000 con paraurti metallici e parafanghi in colore bianco riflettente RAL Le superfici metalliche dovranno essere trattate e verniciate secondo norme di buona tecnica e adeguate al processo tecnologico in modo che le stesse risultino adeguatamente protette ed i processi di protezione dovranno essere compatibili con la vernice a finire. In ogni caso i processi di protezione e verniciatura dovranno essere rispondenti a quanto previsto dalle procedure del Sistema Qualità adottato. 2. DOCUMENTAZIONE E CERTIFICAZIONI In sede di collaudo la Ditta dovrà presentare: - Certificato di Omologazione (in copia) ed il Certificato di Conformità. Tali documenti dovranno essere rilasciati dai competenti organi della D.G. della Motorizzazione e Sicurezza del Trasporto Terrestre; - Certificazione di Conformità alle normative vigenti applicabili, in particolare sulle prevenzione infortuni e Direttiva Macchine con marcatura CE per quanto applicabili; 3. QUALITA Gli Stabilimenti di produzione o di allestimento dei veicoli dovranno essere certificati per i sistemi di qualità ISO 9001: GARANZIA Totale per ciascun veicolo, non inferiore a 730 giorni ( 2 anni ) dalla data di consegna all A.D. su tutte le componenti del veicolo (complessivi, sotto complessivi, accessori, impianti, strumentazione, etc.). Detta garanzia dovrà prevedere, a totale carico della società fornitrice del veicolo, tutti gli interventi di riparazione, le parti di ricambio ed i materiali di consumo necessari al ripristino della completa efficienza dei mezzi, qualora emergano durante il suddetto periodo (fatta eccezione per i materiali esposti a normale usura): - anomalie di funzionamento ed inefficienze varie non imputabili ad un errato uso dei mezzi o alla mancata manutenzione preventiva prevista dal manuale di uso e manutenzione; - difetti di assemblaggio degli stessi, non riscontrati in fase di collaudo o evidenziatesi successivamente. La garanzia sarà ritenuta valida a condizione che i veicoli siano stati sottoposti a regolare manutenzione (cioè se effettuata presso la rete di assistenza nazionale ed internazionale della Casa Costruttrice, sia presso le officine dell A.D.) secondo le indicazioni riportate sul manuale di uso e manutenzione; saranno esclusi dalla garanzia i particolari usurati per normale utilizzo del veicolo (es. pneumatici, freni, frizione, batteria, materiali di consumo, ecc.). Il telaio ed i lamierati dovranno essere garantiti per almeno 2190 giorni per quanto attiene la corrosione passante. I termini della garanzia, che non dovranno prevedere altre limitazioni se non quelle sopra riportate, e delle eventuali estensioni dovranno essere riportati su un apposito documento che dovrà essere fornito a corredo della documentazione che accompagna ciascun veicolo in consegna. Su tale documento dovrà inoltre essere precisato che le operazioni di manutenzione ordinaria, previste nei tagliandi, saranno effettuabili presso le officine dell A.D. nel rispetto della garanzia. Tali operazioni verranno riportate sul libretto di bordo del veicolo. Tale norma vale in particolare, anche nel caso in cui i veicoli vengano impiegati fuori area. Sul veicolo, in posizione opportuna, dovrà essere apposta una targhetta che indichi la data di scadenza della garanzia. 5. TERMINI DI APPRONTAMENTO AL COLLAUDO I veicoli in provvista dovranno essere approntati al collaudo entro 180 giorni solari a decorrere dalla data di esecutività del contratto. La comunicazione di approntamento al collaudo dovrà essere inviata all Ente Gestore del contratto, secondo le modalità riportate nel contratto stesso. pag. 7 di 8 SOCIETA :... TIMBRO E FIRMA...

8 CONDIZIONI DI FORNITURA 6. COLLAUDO Il collaudo dei veicoli in provvista, svolto da una commissione dell Amministrazione Difesa presso la Ditta fornitrice in Italia o presso l U.T.T. di Torino, ha lo scopo di accertare la loro rispondenza ai requisiti richiesti dal contratto e dal relativo capitolato tecnico. L A.D. si riserva di richiedere alla Ditta di apportare gli adeguamenti che si rendessero necessari per il corretto impiego dei veicoli e delle attrezzature, al fine di verificare la perfetta rispondenza ai requisiti richiesti. Dovrà essere presentata in sede di collaudo la documentazione di cui al punto 2 delle Condizioni di Fornitura. L Amministrazione Difesa si riserva la facoltà di chiedere alla Ditta di mettere a disposizione, in sede di collaudo, il Manuale di Controllo Qualità interno conforme al Sistema di Qualità della Ditta previsto a contratto. Sui veicoli in provvista sarà effettuato: - Esame generale, comprendente verifica statica dei mezzi secondo la procedura del bollettino di collaudo. - Prova pratica d impiego. La prova, di norma non superiore a 50 Km o ad un ora di funzionamento, verrà effettuata su strada, pista, o terreno a diverso andamento altimetrico e planimetrico con i veicoli anche a pieno carico, secondo la tipologia dei veicoli stessi. Il personale per il collaudo statico e dinamico, le zavorre, nonché tutti gli apparecchi, i dispositivi e le strumentazioni occorrenti per le prove, verifiche ed accertamenti, dovranno essere messi a disposizione a cura e spese della Ditta contraente. L A.D. avrà la facoltà di sostituire i predetti tecnici con personale proprio per tutte o parte delle prove e potrà eseguirle presso i propri laboratori o di istituti certificati, fermo restando il diritto di assistenza alle prove stesse del rappresentante della Ditta; La polizza assicurativa della targa prova dovrà garantire tale possibilità. Sono a carico della Ditta contraente: a. l assistenza di proprio personale per l effettuazione del collaudo; b. tutte le spese necessarie per l esecuzione del collaudo (carburanti, lubrificanti, apparecchi e materiali comunque necessari per le operazioni di collaudo, assicurazioni del personale); c. le operazioni di ripulitura, ritoccatura della verniciatura e la riparazione delle piccole avarie che si fossero eventualmente verificate durante l esecuzione del collaudo; d. la messa a disposizione dei collaudatori dell A.D. di D.P.I. (Dispositivi di Protezione Individuale) necessari per il tipo specifico di collaudo. 7. RICAMBI La Ditta dovrà garantire la fornitura delle parti di ricambio per un periodo di almeno 10 anni dalla consegna dell ultimo veicolo. Tali ricambi dovranno essere mantenuti a listino almeno per la durata suddetta. 8. RETE DI ASSISTENZA La Ditta dovrà presentare in sede di offerta, da allegare alla presente scheda tecnica, l elenco dei centri di assistenza autorizzati sul territorio nazionale che assicurino le condizioni di garanzia di cui al punto LUOGO E TERMINI DI CONSEGNA I veicoli dovranno essere consegnati franco destino presso il Deposito Materiali Aeronautica Militare di Roma entro 30 giorni solari decorrenti dal giorno successivo alla data di ricezione della comunicazione dell'esito positivo dell'avvenuto collaudo. 10. CODIFICAZIONE I veicoli completi, oggetto della fornitura, dovranno essere codificati, come unica voce, a cura e spesa della Ditta secondo le norme previste dall A.D. nella clausola standard di codificazione e dati di gestione e della codificazione del codice a barre, secondo quanto indicato nel contratto. Pag. 8 di 8 SOCIETA : TIMBRO E FIRMA...

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica. VEICOLI UTILITARI PICK-UP 4x4 (tipo Porter Piaggio) Garanzia

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica. VEICOLI UTILITARI PICK-UP 4x4 (tipo Porter Piaggio) Garanzia C.P. 072/10/0089 LOTTO N. C5 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI Scheda tecnica VEICOLI UTILITARI PICK-UP 4x4 (tipo Porter Piaggio) QUANTITA AREA IMPIEGO COLORE Garanzia

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica VEICOLI FUORISTRADA 5 POSTI PICK-UP. Garanzia.

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica VEICOLI FUORISTRADA 5 POSTI PICK-UP. Garanzia. C.P. 072/11/0015 LOTTO N. A2.a MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI Scheda tecnica VEICOLI FUORISTRADA 5 POSTI PICK-UP QUANTITA AREA IMPIEGO COLORE Garanzia Assistenza Luogo

Dettagli

TRATTORI AGRICOLI SPECIFICHE RICHIESTE

TRATTORI AGRICOLI SPECIFICHE RICHIESTE C.P. 072/12/0032 LOTTO N. 8 MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI DIREZIONE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI QUANTITA 3 (+ 2 opz. Acq. Fut. ) AREA IMPIEGO

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica AUTOBUS INTERPISTA. Garanzia. 2 SMA BIANCO Garanzia 2 anni

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica AUTOBUS INTERPISTA. Garanzia. 2 SMA BIANCO Garanzia 2 anni C.P. 072/11/0015 LOTTO N. A9 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI Scheda tecnica AUTOBUS INTERPISTA QUANTITA AREA IMPIEGO COLORE Garanzia Assistenza Luogo di consegna 2 SMA

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica CARRELLO TRASPORTATORE ELETTRICO CON BRACCIO IDRAULICO.

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica CARRELLO TRASPORTATORE ELETTRICO CON BRACCIO IDRAULICO. C.P. 072/11/0086 LOTTO N. B7 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI Scheda tecnica CARRELLO TRASPORTATORE ELETTRICO CON BRACCIO IDRAULICO QUANTITA AREA IMPIEGO COLORE Garanzia

Dettagli

C.P. 072/11/0086 LOTTO N. B9 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica

C.P. 072/11/0086 LOTTO N. B9 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica C.P. 072/11/0086 LOTTO N. B9 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI Scheda tecnica PIATTAFORME AEREE AUTOCARRATE DA 17 m. QUANTITA AREA IMPIEGO COLORE Garanzia Assistenza 2

Dettagli

C.P. 072/12/0032 LOTTO N. 9.a

C.P. 072/12/0032 LOTTO N. 9.a C.P. 072/12/0032 LOTTO N. 9.a MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI DIREZIONE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI Scheda tecnica Veicoli antincendio categoria

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica MOTOVEICOLI PER SCORTA AUTOCOLONNE E SCORTE TECNICHE.

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica MOTOVEICOLI PER SCORTA AUTOCOLONNE E SCORTE TECNICHE. C.P. 072/10/0030 LOTTO N. A13 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI Scheda tecnica MOTOVEICOLI PER SCORTA AUTOCOLONNE E SCORTE TECNICHE QUANTITA AREA IMPIEGO COLORE Garanzia

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica AUTOIDROSCHIUMA ANTINCENDIO. Garanzia. SMA ROSSO Garanzia 2 anni

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica AUTOIDROSCHIUMA ANTINCENDIO. Garanzia. SMA ROSSO Garanzia 2 anni C.P. 072/11/0087 LOTTO N. C7.b MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI Scheda tecnica AUTOIDROSCHIUMA ANTINCENDIO QUANTITA AREA IMPIEGO COLORE Garanzia Assistenza Luogo di consegna

Dettagli

C.P. 073_13_0106 LOTTO N. 2 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica AUTOBUS INTERPISTA. Garanzia.

C.P. 073_13_0106 LOTTO N. 2 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica AUTOBUS INTERPISTA. Garanzia. C.P. 073_13_0106 LOTTO N. 2 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI Scheda tecnica AUTOBUS INTERPISTA QUANTITA AREA IMPIEGO COLORE Garanzia Assistenza Luogo di consegna 2 SMA ARGENTO

Dettagli

C.P. 73/13/0107 LOTTO N. 6 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica. AUTOGRU 90 t.

C.P. 73/13/0107 LOTTO N. 6 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica. AUTOGRU 90 t. C.P. 73/13/0107 LOTTO N. 6 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI Scheda tecnica AUTOGRU 90 t. QUANTITA AREA IMPIEGO COLORE Garanzia Assistenza Luogo di consegna 1 SMM VERDE

Dettagli

PTT di 3.500 Kg e pertanto conducibile con Patente B. Pagina 1

PTT di 3.500 Kg e pertanto conducibile con Patente B. Pagina 1 SPAZZATRICE ASPIRANTE VELOCE mod. MINOR m 3 2 La Spazzatrice Aspirante Scarab Minor è una delle più potenti spazzatrici compatte per aree urbane. E allestita con motore Diesel VM sovralimentato (conforme

Dettagli

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI

IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI IMPIANTO ANTINCENDIO Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli e manutenzioni preventive; Serramenti REI della rispondenza della posizione delle porte REI al progetto di

Dettagli

Il parere di conformità nella prevenzione incendi

Il parere di conformità nella prevenzione incendi 92 2.2.5.1.1 Tipi di estintore Gli estintori di distinguono: in base all agente estinguente utilizzato in: polvere idrocarburi alogenati (halon) anidride carbonica (CO 2 ) schiuma acqua in base alle dimensioni

Dettagli

C.P. 072/12/0032 LOTTO N. 12

C.P. 072/12/0032 LOTTO N. 12 C.P. 072/12/0032 LOTTO N. 12 MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI DIREZIONE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI Scheda tecnica SISTEMA M.C.C.A.M. MODULO

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica. CARRELLO ELEVATORE DIESEL 4X4 PORTATA 3 t.

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica. CARRELLO ELEVATORE DIESEL 4X4 PORTATA 3 t. C.P. 072/11/0086 LOTTO N. B4 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI Scheda tecnica CARRELLO ELEVATORE DIESEL 4X4 PORTATA 3 t. QUANTITA AREA IMPIEGO COLORE Garanzia Assistenza

Dettagli

C.P. 072/09/0008 LOTTO N. 7 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica. MINIBUS 4x4 DA 12 POSTI + conducente

C.P. 072/09/0008 LOTTO N. 7 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica. MINIBUS 4x4 DA 12 POSTI + conducente C.P. 072/09/0008 LOTTO N. 7 MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI Scheda tecnica MINIBUS 4x4 DA 12 POSTI + conducente QUANTITA AREA IMPIEGO COLORE Garanzia Assistenza Luogo

Dettagli

SPECIFICHE TECNICHE AUTOMEZZO COSTIPATORE DA 5 MC

SPECIFICHE TECNICHE AUTOMEZZO COSTIPATORE DA 5 MC Pagina 1 di 5 SPECIFICHE TECNICHE AUTOMEZZO COSTIPATORE DA 5 MC Pagina 2 di 5 1) DESCRIZIONE GENERALE L attrezzatura è costituita di massima dalle seguenti parti: a) Cassone a vasca dal volume minimo di

Dettagli

COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti -

COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti - COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti - P.S.R. 2007/2013 Misura 226 Azione d) (Acquisto di attrezzature e mezzi innovativi per il potenziamento degli interventi di prevenzione

Dettagli

AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA SPA

AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA SPA AZIENDA METROPOLITANA TRASPORTI CATANIA SPA CAPITOLATO TECNICO PER L ACQUISTO DI N 1 VEICOLO CABINATO CON PIATTAFORMA AEREA PORTA OPERATORI CIG: 6060322FE8 2 OGGETTO: Acquisto di n 1 veicolo cabinato con

Dettagli

Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE:

Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE: Pag. 1 Art. 1072/E. STRINGO (montaferetri oleodinamico elettrico) PRESENTAZIONE: Alla semplicità strutturale si accompagnano soluzioni avanzate che fanno una macchina molto versatile utilizzabile in tutte

Dettagli

Sito Web: http://www.gardenale-estintori.it/ UNI 9994-1 /2013 fasi di manutenzione 4 ATTIVITA E PERIODICITA DELLA MANUTENZIONE

Sito Web: http://www.gardenale-estintori.it/ UNI 9994-1 /2013 fasi di manutenzione 4 ATTIVITA E PERIODICITA DELLA MANUTENZIONE Sito Web: http://www.gardenale-estintori.it/ UNI 9994-1 /2013 fasi di manutenzione 4 ATTIVITA E PERIODICITA DELLA MANUTENZIONE 4.1 Generalità La persona responsabile deve predisporre un programma di manutenzione,

Dettagli

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 Allegato A05 - Impianti idrici-antincendio Scheda n. 1 Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 02.01 Lettura manometri acqua, condotte principali. Ispezione visiva

Dettagli

Area Amministrativo - Contabile

Area Amministrativo - Contabile P r o v i n c i a d i P i s t o i a Area Amministrativo - Contabile S e r v i z i o E c o n o m a t o P r o v v e d i t o r a t o P a t r i m o n i o m o b i l i a r e e S e r v i z i I n f o r m a t i

Dettagli

GENERATORE DI CORRENTE CON TORRE FARO, SCARRABILE, ALLESTITO SU CARRELLO STRADALE IN ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE

GENERATORE DI CORRENTE CON TORRE FARO, SCARRABILE, ALLESTITO SU CARRELLO STRADALE IN ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE ALLEGATO TECNICO N.11 GENERATORE DI CORRENTE CON TORRE FARO, SCARRABILE, ALLESTITO SU CARRELLO STRADALE IN ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE Dovrà essere fornito generatore di corrente con torre faro, scarabbile,

Dettagli

FUORISTRADA PICK UP DOTATO DI CABINA DOPPIA E CASSONE, ALLESTITO CON MODULO PER ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE E ANTINCENDIO BOSCHIVO.

FUORISTRADA PICK UP DOTATO DI CABINA DOPPIA E CASSONE, ALLESTITO CON MODULO PER ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE E ANTINCENDIO BOSCHIVO. ALLEGATO TECNICO N.8 FUORISTRADA PICK UP DOTATO DI CABINA DOPPIA E CASSONE, ALLESTITO CON MODULO PER ATTIVITA DI PROTEZIONE CIVILE E ANTINCENDIO BOSCHIVO. Dovranno essere forniti Fuoristrada Pick Up con

Dettagli

La sicurezza dei TRATTORI agricoli

La sicurezza dei TRATTORI agricoli La sicurezza dei TRATTORI agricoli Nozioni generali applicate ai trattori agricoli o forestali In riferimento al PIANO REGIONALE DEI CONTROLLI IN AGRICOLTURA E SILVICOLTURA Tratte da Linee Guida INAIL/ISPESL,

Dettagli

MANUTENZIONE ESTINTORI

MANUTENZIONE ESTINTORI MANUTENZIONE ESTINTORI Fra tutti gli strumenti a disposizione dell uomo per combattere gli incendi, l estintore è quello più diffuso, immediato e facile da usare per la sicurezza di qualsiasi edificio

Dettagli

Estintore omologato a polvere, UNI-EN 3-7 portatile 34 BC 89 BC. Estintore omologato a polvere, carrellato A B1 C A B1 C A B1 C

Estintore omologato a polvere, UNI-EN 3-7 portatile 34 BC 89 BC. Estintore omologato a polvere, carrellato A B1 C A B1 C A B1 C antincendio art. 139 Estintore omologato a polvere, UNI-EN 3-7 portatile ESTINTORI Kg. 6 34 A 233 BC Kg. 9 55 A 233 BC Kg. 12 55 A 233 BC art. 139/A Estintore omologato CO 2, UNI-EN 3-7 portatile Kg. 2

Dettagli

Armadi e Cassette Idranti e Naspi a Muro - CE Lastre Safe Windows

Armadi e Cassette Idranti e Naspi a Muro - CE Lastre Safe Windows Materiale Pompieristico Accessori per Manichetta Macchina manuale raccordatubi con basamento completa di attacchi per raccordi UNI DN 25/45/70 Avvolgimanichetta carrellato per tubazione flessibile DN 25/38/45/52/63/70

Dettagli

10006 MOTOPOMPA PORTATILE WILDFIRE MINI STRIKER / MOSKITO

10006 MOTOPOMPA PORTATILE WILDFIRE MINI STRIKER / MOSKITO 10006 MOTOPOMPA PORTATILE WILDFIRE MINI STRIKER / MOSKITO Pompa Centrifuga mono stadio con corpo e girante in lega leggera Avviamento Manuale a strappo Questa pompa è progettata per un utilizzo dove viene

Dettagli

NORMA UNI 9994-1 APPARECCHIATURE PER ESTINZIONE INCENDI: ESTINTORI DI INCENDIO

NORMA UNI 9994-1 APPARECCHIATURE PER ESTINZIONE INCENDI: ESTINTORI DI INCENDIO NORMA UNI 9994-1 APPARECCHIATURE PER ESTINZIONE INCENDI: ESTINTORI DI INCENDIO 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE La norma UNI 9994-1, in vigore dal 20 Giugno 2013, sostituisce la UNI 9994 del 2003. Essa

Dettagli

D e s c r i z i o n e i n t e r v e n t o N OPERAZ. ORE LAV. 28 SOSTITUZIONE MOTORINO AVVIAMENTO 29 S.R. MOTORINO AVVIAMENTO E REVISIONE

D e s c r i z i o n e i n t e r v e n t o N OPERAZ. ORE LAV. 28 SOSTITUZIONE MOTORINO AVVIAMENTO 29 S.R. MOTORINO AVVIAMENTO E REVISIONE ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA SERVIZIO TERRITORIALE DI NUORO VIA A. DEFFENU N 9 T e m p a r i o V e i c o l i I n d u s t r i a l i 2012 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 ESECUZIONE TAGLIANDO CON: SOST.NE FILTRO

Dettagli

A R M A D I E CASSETTE I D R A N T I E NASPI A MURO - CE L A S T R E SAFE WINDOWS

A R M A D I E CASSETTE I D R A N T I E NASPI A MURO - CE L A S T R E SAFE WINDOWS A R M A D I E CASSETTE I D R A N T I E NASPI A MURO - CE L A S T R E SAFE WINDOWS A R M A D I M E TA L L I C I Armadio attrezzatura antincendio (2 ante/2 ripiani) Dim. mm 1000x400x1000h (senza nr.2 lastre

Dettagli

2- SCHEDA TECNICA LAVABIDONI INDICATIVA

2- SCHEDA TECNICA LAVABIDONI INDICATIVA Allegato A-2-a 2- SCHEDA TECNICA LAVABIDONI INDICATIVA SENZA MOTORE AUSILIARIO SU IVECO DAILY 65C18 CABINATO e/o EQUIVALENTE L è così composta: Sistema di alimentazione Impianto acqua Vasche acqua Impianto

Dettagli

COMUNE DI GORLAGO PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI GORLAGO PROVINCIA DI BERGAMO PRESTAZIONALE IMPIANTI ELEVATORI E ASCENSORI, ANTINCENDIO, ANTIFURTO CITTOFONO E CONTROLLO ACCESSO 1. IMPIANTI ELEVATORI, ASCENSORI, Le prestazioni richieste sono: A- conduzione degli impianti; B- controlli

Dettagli

I sistemi a norma UNI EN 12845. Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845

I sistemi a norma UNI EN 12845. Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845 Curva caratteristica Pompa principale per sistemi di pressurizzazione idrica antincendio a norme UNI EN 12845 Tipologie di pompe ammesse: 1. Pompe base-giunto di tipo back Pull-out 2. Pompe base-giunto

Dettagli

Manutenzione Edifici: scheda mensile delle operazioni programmate da contratto per impianti elevatori fissi

Manutenzione Edifici: scheda mensile delle operazioni programmate da contratto per impianti elevatori fissi Manutenzione Edifici: scheda mensile delle operazioni programmate da contratto per impianti elevatori fissi Edificio 03 Scuola elementare Barbusi Quadro sinottico delle attività Mese di Giugno Anno 2015

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 8 PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE MOTORIZZATE IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE PARTI APPLICABILI DELLE NORME EN 13241-1, EN

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche Torino Istituto per le Macchine Agricole e Movimento Terra

Consiglio Nazionale delle Ricerche Torino Istituto per le Macchine Agricole e Movimento Terra Consiglio Nazionale delle Ricerche Torino Istituto per le Macchine Agricole e Movimento Terra Rischi nel settore Agricolo Forestale Vezzolano, 24 ottobre 2008 Danilo RABINO CNR-IMAMOTER Macchine agricole

Dettagli

ESTINTORI CARRELLATI OMOLOGATI M.I. UNI 9492

ESTINTORI CARRELLATI OMOLOGATI M.I. UNI 9492 Estintori carrellati a pressione permanente, con manometro di controllo, serbatoio separato dalla struttura portante. Ogni serbatoio viene collaudato idraulicamente secondo la normativa europea PED 97/23.

Dettagli

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua.

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. 9 4 6 5 7 3 8 1 2 1. Strumento base MP7 UNI 2. Attacco UNI 45

Dettagli

IMPRESA SICURA s.r.l.

IMPRESA SICURA s.r.l. REGISTRO DEI CONTROLLI E DELLA MANUTENZIONE ANTINCENDIO ai sensi del D.P.R. 151/2011 IMPRESA SICURA s.r.l. Via N. Bixio n. 6 47042 - Cesenatico (FC) Tel. 0547.675661 - Fax. 0547.678877 e-mail: info@impresasicurasrl.it

Dettagli

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO

DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO DATI DI COPERTINA E PREMESSA DEL PROGETTO U70001730 Impianti di estinzione incendi Reti di idranti a secco Progettazione, installazione ed esercizio Fire fighting equipment Dry pipe Fire Hydrant systems

Dettagli

Dati tecnici Spandilegante serie TA SW 10 TA SW 16 TA

Dati tecnici Spandilegante serie TA SW 10 TA SW 16 TA Dati tecnici Spandilegante serie TA SW 10 TA SW 16 TA Dati tecnici Spandilegante SW 10 TA Spandilegante SW 16 TA Cassone Capacità del cassone 10 m 3 16 m 3 Diametro bocchettone / tubazione di riempimento

Dettagli

C.P. 072/12/0032 LOTTO N. 14

C.P. 072/12/0032 LOTTO N. 14 C.P. 072/12/0032 LOTTO N. 14 MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI DIREZIONE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI Scheda tecnica VEICOLI DE-ICER QUANTITA

Dettagli

Le novità subentrate sono le seguenti: 1. CAPITOLO 3 TERMINI E DEFINIZIONI

Le novità subentrate sono le seguenti: 1. CAPITOLO 3 TERMINI E DEFINIZIONI La nuova normativa UNI 9994-1 edizione 06/2013: Estintori d incendio - Manutenzione Dopo 10 anni ecco, rivista e aggiornata alle esigenze del mercato, la nuova norma tecnica UNI 9994-1 (prima parte), in

Dettagli

Allestimento veicoli commerciali

Allestimento veicoli commerciali DISCIPLINARE TECNICO Edizione APRILE 2015 Allestimento veicoli commerciali ACEA ATO2 ACEA DISTRIBUZIONE INDICE OGGETTO DEL CONTRATTO E DESCRIZIONE DELLE PRESTAZIONI... 3 LUOGO DI ESECUZIONE... 5 DURATA

Dettagli

Manutenzione estintori: Norma UNI 9994-1 (20.06.2013)

Manutenzione estintori: Norma UNI 9994-1 (20.06.2013) Manutenzione estintori: Norma UNI 9994-1 (20.06.2013) La presente norma prescrive i criteri per effettuare il controllo iniziale, la sorveglianza, il controllo periodico, la revisione programmata e il

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA

RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA SOMMINISTRAZIONE TEMPORANEA DI ALIMENTI E BEVANDE - allestimenti temporanei - CAPES10C.rtf - (06/2012) RELAZIONE TECNICA ILLUSTRATIVA TIPO DI MANIFESTAZIONE ED UBICAZIONE Descrizione sommaria: Gli spazi

Dettagli

L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) Corso integrato Acquedotti e Fognature e Laboratorio di Acquedotti e Fognature

L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) Corso integrato Acquedotti e Fognature e Laboratorio di Acquedotti e Fognature L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) L'impianto autoclave (pompaggio, sollevamento, sopraelevazione) L'impianto autoclave è un sistema per dare pressione a un impianto idrico

Dettagli

ART.l OGGETTO ED AMMONTARE DELLA FORNITURA

ART.l OGGETTO ED AMMONTARE DELLA FORNITURA Capitolato d oneri per la fornitura di n 45 automezzi leggeri, dotati di modulo antincendio da 400 litri, per il potenziamento del servizio di vigilanza e prevenzione degli incendi boschivi. ART.l OGGETTO

Dettagli

PORTE DI USCITA DI SICUREZZA

PORTE DI USCITA DI SICUREZZA PORTE DI USCITA DI SICUREZZA (fire safety exits) Per uscita (di sicurezza) il decreto 30/11/1983 intende: Apertura atta a consentire il deflusso di persone verso un luogo sicuro avente altezza non inferiore

Dettagli

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA

ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA ELABORATO TECNICO DELLA COPERTURA Legge Regionale 3 gennaio 2005, n. 1 - articolo 82, comma 16 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 18 dicembre 2013, n. 75/R Regolamento di attuazione dell articolo

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica AUTOSOCCORSO ANTINCENDIO. Garanzia

MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI. Scheda tecnica AUTOSOCCORSO ANTINCENDIO. Garanzia C.P. 072/11/0087 LOTTO N. C7.c MINISTERO DELLA DIFESA DIREZIONE GENERALE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI Scheda tecnica AUTOSOCCORSO ANTINCENDIO QUANTITA AREA IMPIEGO COLORE Garanzia Assistenza Luogo di consegna

Dettagli

RELAZIONE SPECIALISTICA STAZIONE DI POMPAGGIO ANTINCENDIO

RELAZIONE SPECIALISTICA STAZIONE DI POMPAGGIO ANTINCENDIO PROGETTO GESTIONE ORDINARIA EDIFICI SCOLASTICI II Codice Edificio: 2008 RELAZIONE SPECIALISTICA STAZIONE DI POMPAGGIO ANTINCENDIO OGGETTO: L.S. BRUNO, TORINO - INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA

Dettagli

C.P. 072/12/0032 LOTTO N. 4

C.P. 072/12/0032 LOTTO N. 4 C.P. 072/12/0032 LOTTO N. 4 MINISTERO DELLA DIFESA SEGRETARIATO GENERALE DELLA DIFESA E DIREZIONE NAZIONALE DEGLI ARMAMENTI DIREZIONE DEGLI ARMAMENTI TERRESTRI Scheda tecnica CARRELLO ELEVATORE DIESEL

Dettagli

THE NEW FIRE PROTECTION SYSTEM IS

THE NEW FIRE PROTECTION SYSTEM IS THE NEW FIRE PROTECTION SYSTEM IS BY SISTEMA PROGETTATO IN RIFERIMENTO ALLA UNI 11292 Locali destinati ad ospitare gruppi di pompaggio per antincendio. Quest ultima specifica i requisiti costruttivi e

Dettagli

SOMMARIO PRESENTAZIONE V PARTE I INTRODUZIONE ALLA PROBLEMATICA ANTINCENDIO. 1.1 La prevenzione 1.2 Il controllo e l estensione

SOMMARIO PRESENTAZIONE V PARTE I INTRODUZIONE ALLA PROBLEMATICA ANTINCENDIO. 1.1 La prevenzione 1.2 Il controllo e l estensione SOMMARIO PRESENTAZIONE V PARTE I INTRODUZIONE ALLA PROBLEMATICA ANTINCENDIO CAPITOLO 1 - I criteri di difesa antincendio 3 1.1 La prevenzione 1.2 Il controllo e l estensione» 3» 3 CAPITOLO 2 - I sistemi

Dettagli

REGISTRO CONTROLLI ANTINCENDIO

REGISTRO CONTROLLI ANTINCENDIO REGISTRO CONTROLLI ANTINCENDIO.. Sede:.. (.) Data del Documento : Versione Documento : Rev.0 e-cons s.r.l. Via del Lavoro, 4-35040 Boara Pisani (PD) Tel: 0425485621 - Fax 0425019846 0425485245 e-mail:

Dettagli

PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO

PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO PROCEDURA PER LA MANUTENZIONE DEI PRESIDI ANTINCENDIO 1) Scopo La presente procedura descrive le modalità operative per eseguire gli interventi di manutenzione periodica dei presidi antincendio presenti

Dettagli

COMUNE DI LASTRA A SIGNA

COMUNE DI LASTRA A SIGNA COMUNE DI LASTRA A SIGNA PROCEDURA DI COTTIMO FIDUCIARIO SVOLTA IN MODALITÀ TELEMATICA PER L ACQUISTO DI UN AUTOMEZZO SCUOLABUS CON ALIMENTAZIONE IBRIDA METANO/BENZINA E CONTESTUALE PERMUTA DI UN AUTOMEZZO

Dettagli

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono)

Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) Installatore: (Nome, indirizzo, telefono) GUIDA UNAC N. 9 PER L INSTALLAZIONE DEI CANCELLI MOTORIZZATI A SCORRIMENTO VERTICALE DAL BASSO VERSO L ALTO IN CONFORMITÀ ALLA DIRETTIVA MACCHINE 98/37/CE E ALLE

Dettagli

Dati tecnici Riscaldatrice HM 4500

Dati tecnici Riscaldatrice HM 4500 Dati tecnici Riscaldatrice HM 4500 Dati tecnici Riscaldamento Larghezza max. di riscaldamento Potenza calorifica max. Radiatori Lunghezza del gruppo radiante anteriore Lunghezza del gruppo radiante posteriore

Dettagli

Più sicuri. www.allegraimpianti.it. Decreto 23 luglio 2009. In ascensore. con la nuova normativa nazionale per la sicurezza

Più sicuri. www.allegraimpianti.it. Decreto 23 luglio 2009. In ascensore. con la nuova normativa nazionale per la sicurezza Più sicuri Via C. Perazzi, 54-28100 Novara Tel. 0321 467313 Fax 0321 491434 Mail: info@allegraimpianti.it www.allegraimpianti.it In ascensore con la nuova normativa nazionale per la sicurezza Decreto 23

Dettagli

JCB MINI ESCAVATORI 8040 & 8045 ZTS

JCB MINI ESCAVATORI 8040 & 8045 ZTS PESO OPERATIVO: POTENZA MASSIMA: 4300 4750 kg 34,1 kw H E I F K C J A B D G L JCB MINI ESCAVATORI 8040 & 8045 ZTS A Interasse ruote 1845 1990 B Lunghezza totale carro 2385 2530 C Luce libera supporto escavatore

Dettagli

Il veicolo commerciale del 21 secolo

Il veicolo commerciale del 21 secolo Il veicolo commerciale del 21 secolo V E I C O L I C O M M E R C I A L I R E S P O N S A B I L I D I S T R I B U T O R E P E R L I T A L I A w w w. g r u p p o m o v i n c a r. c o m P U L I Z I A G I

Dettagli

Carrelli per il trasporto e il

Carrelli per il trasporto e il Trasporti interni Carrelli per il trasporto e il sollevamento Classificazione dei carrelli Tipologie esistenti Caratteristiche e prestazioni Predisposizioni antinfortunistiche 2 2005 Politecnico di Torino

Dettagli

5.1 MATERIALE POMPIERISTICO: IDRANTI E ACCESSORI

5.1 MATERIALE POMPIERISTICO: IDRANTI E ACCESSORI 5.1 MATERIALE POMPIERISTICO: IDRANTI E ACCESSORI 5.1.1 Idranti a muro - portello pieno verniciato inox Per uso esterno ed uso interno Il sistema fisso di estinzione incendi è equipaggiato con tubazione

Dettagli

M A C C H I N E P E R L A P U L I Z I A I N D U S T R I A L E E U R B A N A

M A C C H I N E P E R L A P U L I Z I A I N D U S T R I A L E E U R B A N A 5000-200 HYDRO Il concetto Le lavastrade Dulevo 200 e 5000 Hydro sono state progettate per la pulizia ad alta pressione e la sanificazione delle aree urbane, ma si adattano senza problemi anche ad aree

Dettagli

ESTINTORI DI INCENDIO

ESTINTORI DI INCENDIO ESTINTORI DI INCENDIO MINISTERO DELL'INTERNO NORME TECNICHE E PROCEDURALI PER LA CLASSIFICAZIONE DELLA CAPACITÀ ESTINGUENTE E PER L OMOLOGAZIONE DEGLI ESTINTORI CARRELLATI D INCENDIO D.M. 06/03/1992 Art.

Dettagli

Allestimenti veicoli commerciali. Catalogo n ii S05 00

Allestimenti veicoli commerciali. Catalogo n ii S05 00 Allestimenti veicoli commerciali Catalogo n ii S05 00 Indice pag. 4-5 L AZIENDA pag. 6-7 UNA GAMMA COMPLETA DI PRODOTTI pag. 8-9 STRATEGICAMENTE FORTI pag. 10-27 LINEA FAST. Ottimizzazione dello spazio

Dettagli

COMUNE DI SAMATZAI Provincia di Cagliari SERVIZI TECNICI

COMUNE DI SAMATZAI Provincia di Cagliari SERVIZI TECNICI COMUNE DI SAMATZAI Provincia di Cagliari SERVIZI TECNICI CAPITOLATO PER LA FORNITURA E POSA IN OPERA DI UN IMPIANTO DI CLIMATIZZAZIONE A MEZZO POMPA DI CALORE ARIA ARIA TIPO SPLIT DA REALIZZARE PRESSO

Dettagli

REGOLAMENTO TECNICO LIGHT - ATTIVITA DI BASE

REGOLAMENTO TECNICO LIGHT - ATTIVITA DI BASE REGOLAMENTO TECNICO LIGHT - ATTIVITA DI BASE EQUIPAGGIAMENTI DI SICUREZZA 1. EQUIPAGGIAMENTO DEI CONDUTTORI a) Abbigliamento resistente al fuoco I conduttori titolari di Licenza ACI Attività di Base Abilità

Dettagli

Decreta. gli aeroporti di aviazione generale e le aviosuperfici del 2 febbraio 2011; Services Manual (Doc 9137- AN/898 parti) (I.C.A.O.

Decreta. gli aeroporti di aviazione generale e le aviosuperfici del 2 febbraio 2011; Services Manual (Doc 9137- AN/898 parti) (I.C.A.O. VISTO l'articolo 26 del decreto legislativo 8 marzo 2006, n. 139; VISTO l'articolo 3 della legge 23 dicembre 1980. n. 930; ATTESO che, ai sensi delle richiamate norme, il servizio di soccorso pubblico

Dettagli

PROCEDURA APERTA EX D. LGS. 163/2006 e s.m.i. PER L APPALTO DELLA FORNITURA DI N. 60 AUTOBUS IN TOTALE.

PROCEDURA APERTA EX D. LGS. 163/2006 e s.m.i. PER L APPALTO DELLA FORNITURA DI N. 60 AUTOBUS IN TOTALE. ALL. A6/2 Gara n. 2/2011 PROCEDURA APERTA EX D. LGS. 163/2006 e s.m.i. PER L APPALTO DELLA FORNITURA DI N. 60 AUTOBUS IN TOTALE. LOTTO 2: N. 6 AUTOBUS URBANI CORTI NUOVI DI FABBRICA DA CIRCA 8 METRI; LOTTO

Dettagli

SCHEMA ATTIVITA PER LA MANUTENZIONE DELLA STRUTTURA FAST PARK IN VIA GUGLIELMO MARCONI

SCHEMA ATTIVITA PER LA MANUTENZIONE DELLA STRUTTURA FAST PARK IN VIA GUGLIELMO MARCONI SCHEMA ATTIVITA PER LA MANUTENZIONE DELLA STRUTTURA FAST PARK IN VIA GUGLIELMO MARCONI Articolo 1 - Oggetto della manutenzione La struttura è costituita da: n 88 moduli piani standard; n 5 moduli piani

Dettagli

ETRUCK Veicolo Elettrico Litio ABS

ETRUCK Veicolo Elettrico Litio ABS ETRUCK Veicolo Elettrico Litio ABS 1 AZIENDA CON PRODUZIONE DI SERIE 11000 veicoli prodotti per anno 250 dipendenti 2 fabbriche 100M turnover Produzione di serie Attività iniziata nel 1975 DATI TECNICI

Dettagli

Norma UNI 9994-1:2013 - Apparecchiature per estinzione incendi - Estintori d'incendio - Parte 1:

Norma UNI 9994-1:2013 - Apparecchiature per estinzione incendi - Estintori d'incendio - Parte 1: Brugherio, (Mi) 15 Luglio 2013 A tutti i Clienti C/O loro sedi OGGETTO : La nuova versione della norma UNI 9994 Come molti di voi sapranno in data 20 giugno 2013 è stata pubblicata la norma in oggetto,

Dettagli

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI

Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Ente Scuola Edile Taranto MOVIMENTAZIONE MECCANICA DEI CARICHI Introduzione Nelle varie fasi lavorative, si è visto come ricorra spesso l utilizzo di ausili per la movimentazione meccanica dei carichi,

Dettagli

AUTOMEZZO IDROSCHIUMA MAGIRUS-DEUTZ 170 D11 4X4

AUTOMEZZO IDROSCHIUMA MAGIRUS-DEUTZ 170 D11 4X4 AUTOMEZZO IDROSCHIUMA MAGIRUS-DEUTZ 170 D11 4X4 Aero Club Belluno Arturo Dell Oro Manuale d Uso e Ordinaria Manutenzione Specifiche Tecniche: Cilindrata: 8424 cm³ Anno di fabbricazione: 1973 Potenza: 129

Dettagli

LOTTO A AUTOCARRO 3 POSTI CON CESTELLO

LOTTO A AUTOCARRO 3 POSTI CON CESTELLO Città di Torino - Allegato 1/A - MODELLO - Autocarro cassonato con cestello per lavori aerei - Posti in cabina n. 3 - Guida sinistra. - Peso totale a terra 3500 kg - Passo > 3,70 mt LOTTO A AUTOCARRO 3

Dettagli

1. RETI ANTINCENDIO AD IDRANTI... pag. 2. 1.1 Riferimenti Normativi... pag. 2. 1.2 Generalità sull Impianto... pag. 3

1. RETI ANTINCENDIO AD IDRANTI... pag. 2. 1.1 Riferimenti Normativi... pag. 2. 1.2 Generalità sull Impianto... pag. 3 INDICE 1. RETI ANTINCENDIO AD IDRANTI.................................... pag. 2 1.1 Riferimenti Normativi........................................ pag. 2 1.2 Generalità sull Impianto.......................................

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Verifica ed analisi dei rischi per cancelli scorrevoli

Verifica ed analisi dei rischi per cancelli scorrevoli Verifica ed analisi dei rischi per cancelli scorrevoli Rev 3.00 In conformità alla Direttiva Macchine 98/37/CE e alle parti applicabili delle norme EN 13241-1; EN 12453; EN 12445; EN 12635. 01/09/2007

Dettagli

Dati tecnici Spandilegante serie MA SW 12 MA SW 16 MA

Dati tecnici Spandilegante serie MA SW 12 MA SW 16 MA Dati tecnici Spandilegante serie MA SW 12 MA SW 16 MA Dati tecnici Spandilegante SW 12 MA Spandilegante SW 16 MA Cassone Capacità del cassone 12 m 3 16 m 3 Diametro bocchettone / tubazione di riempimento

Dettagli

Montauto Marte - Marte CT

Montauto Marte - Marte CT Montauto Marte - Marte CT Caratteristiche Il sistema di elevazione elettro-idraulico è composto di pantografo e cilindri idraulici per la movimentazione di salita e di discesa della piattaforma. Il sollevatore

Dettagli

GRUPPI ANTINCENDIO UNI 9490

GRUPPI ANTINCENDIO UNI 9490 GRUPPI ANTINCENDIO UNI 9490 NORMATIVE DI RIFERIMENTO q UNI 9490 q UNI 10779 q UNI ISO 2548 q CEI 17/13 q CEI 64/8 q Direttiva CE 89/392 q Direttiva CE 73/23 I gruppi antincendio TEK-UNI 9490 sono realizzati

Dettagli

Per. Ind. Sorri Enrico Termotecnico. Bergamo, 20 novembre 2008 1465CMCCM01-1_Mascheroni.xls Pagina 1 di 4. prezzi unitari

Per. Ind. Sorri Enrico Termotecnico. Bergamo, 20 novembre 2008 1465CMCCM01-1_Mascheroni.xls Pagina 1 di 4. prezzi unitari Pagina 1 di 4. A Impianto antincendio esterno 1 FORNITURA E POSA IN OPERA DI: SARACINESCA esente da manutenzione in ghisa sferoidale a corpo ovale, diametro DN 100 PN 16 di sezionamento completa di doppia

Dettagli

Irroratrice: ATV 3000

Irroratrice: ATV 3000 SERVIZIO DI ACCERTAMENTO DELLE CARATTERISTICHE FUNZIONALI E DELLA SICUREZZA DELLE MACCHINE AGRICOLE Irroratrice: ATV 3000 Centro prova: Ditta costruttrice: AGRICOLMECCANICA Srl Stradone Zuino Nord, 4050

Dettagli

120-25. RIFORNIMENTO Capacità serbatoio olio... 20 l Capacità serbatoio carburante... 30 l Capacità carter trasmissione a catena...

120-25. RIFORNIMENTO Capacità serbatoio olio... 20 l Capacità serbatoio carburante... 30 l Capacità carter trasmissione a catena... 120-25 45 35 2985 530 1982 1895 2381 27 150 803 2253 2810 1200 1075 1180 MOTORE Marca...................................................................................................... YANMAR Tipo...........................................................................................................

Dettagli

ANNUARIO SPORTIVO NAZIONALE 2015 REGOLAMENTO DI SETTORE - SLALOM REGOLAMENTO TECNICO LIGHT

ANNUARIO SPORTIVO NAZIONALE 2015 REGOLAMENTO DI SETTORE - SLALOM REGOLAMENTO TECNICO LIGHT ANNUARIO SPORTIVO NAZIONALE 2015 REGOLAMENTO DI SETTORE - SLALOM REGOLAMENTO TECNICO LIGHT CRONOLOGIA MODIFICHE: ARTICOLO MODIFICATO DATA DI APPLICAZIONE DATA DI PUBBLICAZIONE REGOLAMENTO DI SETTORE (RDS)

Dettagli

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA MISURE DI SICUREZZA PASSIVA: Resistenza al fuoco delle strutture e delle porte Compartimentazione Comportamento al fuoco dei materiali MISURE

Dettagli

MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO

MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO I PRODOTTI DI Modelli per la valutazione dei rischi, Kit, Linee guida, Registro della Sicurezza Antincendio (cod. 300.41) DIMOSTRATIVO MODELLO DI REGISTRO DELLA SICUREZZA ANTINCENDIO Modello di REGISTRO

Dettagli

CONTROLLO INIZIALE, SORVEGLIANZA, CONTROLLO PERIODICO, REVISIONE PROGRAMMATA ED IL COLLAUDO DEGLI ESTINTORI DI INCENDIO, QUALE NORMA SEGUIRE?

CONTROLLO INIZIALE, SORVEGLIANZA, CONTROLLO PERIODICO, REVISIONE PROGRAMMATA ED IL COLLAUDO DEGLI ESTINTORI DI INCENDIO, QUALE NORMA SEGUIRE? Il 20 Giugno 2013 dopo 10 anni è stata diffusa la nuova norma per gli estintori di incendio nella sua parte 1, la norma UNI 9994-1 edizione Giugno 2013 va a sostituire la norma UNI 9994:2003. Qui sotto

Dettagli

SERRANDA INDUSTRIALE MOTORIZZATA MANUALE D USO E MANUTENZIONE

SERRANDA INDUSTRIALE MOTORIZZATA MANUALE D USO E MANUTENZIONE SERRANDA INDUSTRIALE MOTORIZZATA MANUALE D USO E MANUTENZIONE INDICE 2 LETTERA ALLA CONSEGNA INFORMAZIONI GENERALI Identificazione della macchina Dati del costruttore Servizio assistenza tecnica Garanzia

Dettagli

news PISTOLE PER ADBLUE ADATTATORI PINZA FRENI 3PZ Italia Marzo 2015

news PISTOLE PER ADBLUE ADATTATORI PINZA FRENI 3PZ Italia Marzo 2015 PISTOLE PER ADBLUE Pistola manuale caratterizzata da elevata efficienza, dovuta alla bassa resistenza al flusso, unita ad una notevole economicità. Erogazione massima 40 lt/min - ingresso 3/4 BSP - Uscita

Dettagli

La soluzione innovativa per le applicazioni pesanti. OptiFant 8000

La soluzione innovativa per le applicazioni pesanti. OptiFant 8000 La soluzione innovativa per le applicazioni pesanti OptiFant 8000 Potente unità Power-Pack Il potente motore a basse emissioni ed il ventilatore ad azionamento idraulico creano un unità motrice compatta

Dettagli

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222

ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 ESTRATTO NORMA UNI CEI 11222 Art. 4 VERIFICHE PERIODICHE 4.1 Generalità Per l esecuzione delle verifiche periodiche deve essere resa disponibile la documentazione tecnica relativa all impianto, compresa

Dettagli

LA TRATTRICE AGRICOLA

LA TRATTRICE AGRICOLA LA TRATTRICE AGRICOLA TIPOLOGIE DI TRATTRICI STRUTTURA DELLE TRATTRICI MODERNE PARTICOLARI TIPI DI TRATTRICE PRINCIPALI PARTI DELLA TRATTRICE TIPOLOGIE DI TRATTRICI La trattrice agricola viene definita

Dettagli