1 - PREMESSA. 2 2 PRINCIPALI LEGGI DI RIFERIMENTO UTILIZZATE. 3 3 PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 - PREMESSA. 2 2 PRINCIPALI LEGGI DI RIFERIMENTO UTILIZZATE. 3 3 PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO."

Transcript

1

2 SOMMARIO 1 - PREMESSA PRINCIPALI LEGGI DI RIFERIMENTO UTILIZZATE PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO CARATTERISTICHE DELL EDIFICIO E PROBLEMATICHE DI SICUREZZA Descrizine generale dell edifici Prblematiche di carattere edile Prblematiche cnnesse all impiant antincendi Prblematiche relative agli impianti elettrici INTERVENTI PREVISTI Descrizine degli interventi di tip edile Descrizine degli interventi relativi all impiant antincendi Descrizine degli interventi relativi all impiant elettric

3 Adeguament alle nrme di prevenzine incendi della scula secndaria A. Zappata P.zza D. Alighieri, Cmacchi (FE) RELAZIONE TECNICA 1 - PREMESSA La presente relazine tecnica si riferisce alla descrizine dell stat di fatt e degli interventi e delle pere necessarie all adeguament alle nrme di prevenzine incendi della scula secndaria A. Zappata di P.zza D. Alighieri, 15, a Cmacchi (FE). L edifici viene utilizzat cme pless sclastic per l istruzine secndaria e la relazine tecnica specialistica ha l scp di frnire le indicazini relative agli interventi da realizzarsi affinché l stess presenti un livell di sicurezza cnfrme a quant prescritt dalle leggi e dalle nrmative in vigre. 2

4 2 PRINCIPALI LEGGI DI RIFERIMENTO UTILIZZATE Per la stesura del presente prgett sn state utilizzate, quale riferiment, le seguenti principali Leggi: Legge 186/68 "Dispsizini cncernenti la prduzine di materiali, apparecchiature, macchinari e installazine di impianti elettrici ed elettrnici"; DM 18/12/1975 Nrme tecniche aggirnate relative all edilizia sclastica, ivi cmpresi gli indici di funzinalità didattica, edilizia ed urbanistica, da sservarsi nell esecuzine di pere di edilizia sclastica ; Decret 26/08/92 Nrme di prevenzine incendi per l edilizia sclastica ; DMI 12/04/1996 Apprvazine della regla tecnica di prevenzine incendi per la prgettazine, la cstruzine e l esercizi degli impianti termici alimentati da cmbustibili gasssi ; Decret MI.S.E. 37/08 Reglament cncernente l attuazine dell articl 11- quaterdecies, cmma 13, lettera a) della Legge 248 del 2 Dicembre 2005, recante rirdin delle dispsizini in materia di attività di installazine degli impianti all intern degli edifici ; D.Lgs. 81/2008 Test unic sulla salute e sicurezza sul lavr Attuazine dell articl 1 della Legge 3 Agst 2007 nr. 13 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei lughi di lavr ; DPR 151/2011 Reglament recante semplificazine della disciplina dei prcedimenti relativi alla prevenzine degli incendi, a nrma dell'articl 49, cmma 4-quater, del decret-legge 31 maggi 2010, n. 78, cnvertit, cn mdificazini, dalla legge 30 lugli 2010, n. 122 ; DMI 7/8/2012 Mdalità di presentazine delle istanze previste dal DPR 151/2011. Per quell che riguarda gli interventi di carattere impiantistic, sn state utilizzate tutte le nrmative UNI e CEI in vigre, cn particlare riferiment alle seguenti: Nrma UNI EN 1838 Illuminazine di emergenza ; Nrma UNI 9795 Sistemi fissi autmatici di rivelazine, di segnalazine manuale, e di allarme incendi Sistemi dtati di rivelatri puntifrmi di fum e calre, rivelatri ttici lineari di fum e punti di segnalazine manuale ; UNI 10779/07 - Impianti di estinzine incendi - Reti di idranti; Nrma UNI Lcali sclastici. Criteri generali per l'illuminazine artificiale e naturale ; UNI EN Lcali destinati ad spitare gruppi di pmpaggi per impianti antincendi - Caratteristiche cstruttive e funzinali ; UNI EN Installazini fisse antincendi - Sistemi autmatici a sprinkler - Prgettazine, installazine e manutenzine ; Nrma CEI " Apparecchiature assiemate di prtezine e di manvra per bassa tensine (quadri BT) "; Nrma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatri a tensine nminale nn superire a 1000 V in crrente alternata e a 1500 V in crrente cntinua"; Nrma CEI Edilizia ad us residenziale e terziari. Guida per l'integrazine degli impianti elettrici utilizzatri e per la predispsizine di impianti ausiliari, telefnici e di trasmissine dati negli edifici. Criteri particlari per edifici sclastici ; Nrma CEI "Prtezine cntr i fulmini". e cmunque tutte le nrme nn richiamate spra ed applicabili al cas, le nrme di prevenzine incendi, le dispsizini e le nrmative USL. 3

5 3 PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO Il presente prgett è cmpst dai seguenti elabrati: Cdice elabrat Descrizine Scala Agg.t 2014_PE_01 Interventi sugli impianti di prtezine attiva antincendi Pian 1:100 terra 2014_PE_02 Interventi sugli impianti di prtezine attiva antincendi Pian 1:100 prim 2014_PE_03 Impianti di prtezine attiva antincendi Particlari cstruttivi _PE_04 Centrale termica Interventi di adeguament nrmativ _PE_05_1 Inquadrament interventi edili pian terra 1:100 23/02/ _PE_06_1 Inquadrament interventi edili pian prim 1:100 23/02/ _PE_07_1 Interventi strutturali Particlari cstruttivi 1:25 1:10 14/10/ _PE_08_1 Interventi edili Particlari cstruttivi Abac infissi - 23/02/ _PE_RTS_1 Relazine tecnica specialistica - 23/02/ _PE_AC Allegati di calcl (AC1) Calcl della rete antincendi - (AC2) Calcl prbabilistic della fulminazine (AC3) Relazine di calcl strutturale 2014_PE_PM Pian di manutenzine _PE_PSC Pian di sicurezza e crdinament _PE_CME_2 Cmput metric estimativ - 23/02/ _PE_EPU_2 Elenc prezzi unitari - 23/02/ _PE_CSA_1 Capitlat speciale d appalt - 23/02/ _PE_MDO_1 Quadr dell incidenza percentuale della man d pera - 23/02/ _PE_AP_1 Analisi dei prezzi unitari - 23/02/ _PE_CP_1 Crnprgramma - 23/02/2015 4

6 4 CARATTERISTICHE DELL EDIFICIO E PROBLEMATICHE DI SICUREZZA Descrizine generale dell edifici Il fabbricat, di tip indipendente, è dedicat alla sla attività sclastica, circndat su tre lati da crtile ad us esclusiv e cnfinante, sul lat Nrd-Est, cn la V. dei Mercanti. L edifici è cmpst da un unic crp di fabbrica cstituit da due piani furi terra (pian rialzat e prim). Le principali caratteristiche dimensinali del fabbricat sn le seguenti: Altezza massima Altezza in grnda Altezza antincendi Pian rialzat Pian prim Superficie in pianta Ttale superficie in pianta 10,00 m. circa 8,50 m. circa 5,70 m. circa 845 m 2 circa 845 m 2 circa m 2 circa Il pian rialzat presenta: l atri di ingress; 6 aule didattiche; 2 gruppi di servizi igienici di cui un cn bagn disabili; un aula di sstegn; un aula di musica; un lcale ristr per persnale nn dcente; una bibliteca saltuariamente utilizzata cme piccla sala riunini; 5

7 un archivi cartace; un ripstigli per attrezzi e materiali per le pulizie; la centrale termica e la sala pmpe dell impiant di riscaldament. Il pian prim presenta: 6 aule didattiche; un ulterire aula didattica (nn utilizzata nell ann sclastic 2013/14); 2 gruppi di servizi igienici; un ripstigli nn utilizzat; un aula di sstegn; un aula di infrmatica; 3 lcali adibiti rispettivamente a Presidenza, Segreteria e aula insegnanti. L uscita dall edifici è assicurata: al pian rialzat dalla prta di ingress principale (prspett Sud-Est) e da due uscite che adducn direttamente su lug sicur (crtile intern); al pian prim dalla scala interna e da 2 scale esterne antincendi, una cn struttura in CLS, l altra in carpenteria metallica Prblematiche di carattere edile Le prblematiche di carattere edile pssn essere riassunte cme segue: 1. Nel crtile psterire estern dell edifici sn presenti due vecchie cisterne interrate del gasli della centrale termica, che dvrann, previa bnifica dei fndami ancra presumibilmente presenti al su intern, essere rimsse; 2. Le uscite di sicurezza dei crridi sui lati Sud-Ovest e Nrd-Est, su entrambi i piani, nn rispettan le misure minime richieste dalla nrmativa in merit alla luce netta di passaggi; 3. I lcali a rischi specific presenti nell edifici (bibliteca, archivi, ripstigli pian terra, archivi prim pian e centrale termica) presentan un grad di resistenza al fuc REI, delle strutture prtanti e nn, insufficiente se cmmisurat cn il caric d incendi specific di prgett (necessari R/EI120); 4. Le prte tagliafuc presenti nei lcali spra elencati, sia pur in discrete cndizini manutentive e di cnservazine, nn pssiedn certificazini di alcun tip; 5. I maniglini antipanic esistenti, installati su prte tagliafuc e nn, nn pssiedn certificazini di alcun tip; Prblematiche cnnesse all impiant antincendi L impiant di spegniment incendi è attualmente cstituit da 6 idranti UNI 45 distribuiti su tre clnne mntanti, alimentati da una rete di distribuzine cstituita da tubazini in acciai zincat, psate a vista stt muratura all intern dell edifici. L impiant è allacciat a un grupp pmpe bslet, in pessime cndizini cnservative e manutentive e prbabilmente nn funzinante, installat nel crtile estern psterire dell edifici. L stat delle tubazini nn cnsente di garantire la prtezine da gel e fuc. 6

8 Analgamente tutt l impiant nn è in grad di assicurare le prestazini idrauliche richieste dalla nrma, né è pssibile garantire cstantemente la presenza di un idnea riserva idrica. L impiant antincendi nn è pertant asslutamente cnfrme a quant richiest dal punt 9.1 del Decret 26/08/92. All intern della scula sn inltre presenti estintri a plvere idnei a sddisfare quant richiest al punt 9.2 del Decret 26/08/92 per la cpertura dell edifici e che andrann integrati in quant in numer nn sufficiente Prblematiche relative agli impianti elettrici L impiant elettric a servizi dell attività appare cmplessivamente in discrete cndizini di cnservazine. Ciò nnstante, dai rilievi e dalle indagini eseguite, sn emerse le seguenti prblematiche: 1. l impiant di illuminazine di sicurezza, cstituit da lampade autalimentate ad intervent autmatic in cas di black-ut, è quasi ttalmente nn funzinante per bslescenza e cattiv stat di manutenzine dei cmpnenti e deve essere integrat in alcuni lcali e zne dell edifici; 2. il sistema di sganci di emergenza dell inter impiant elettric è insufficiente e deve essere integrat; 3. i due servizi igienici per persne cn limitata impedita capacità mtria sn sprvvisti di impiant di chiamata; 4. i lcali a rischi specific di entrambi i piani utilizzati cme archivi, ripstigli e la bibliteca del pian terra, in quant cn caric d incendi superire a 30 kg/m 2, devn essere equipaggiati cn un impiant di rivelazine incendi autmatic. 7

9 5 - INTERVENTI PREVISTI Descrizine degli interventi di tip edile Cn riferiment ai singli cmmi del punt 4.2, si prevede l esecuzine dei seguenti interventi: risanament e bnifica delle cisterne interrate, cn degassificazine dei serbati, pulizia cn asprtazine dei residui, bnifica e sgrassaggi pareti cn acqua e slventi, aspirazine dei reflui, smaltiment e trasprt a discarica autrizzata; smntaggi e smaltiment dei vecchi infissi installati lung le uscite di sicurezza dei crridi lat Sud-Ovest e Nrd-Est, su entrambi i piani; pere edili per allargament e riquadratura cn prfili in acciai delle luci di uscita; pere edili di adattament della scala esterna in CLS, cn rifaciment spallature prte, demlizine e ricstruzine parapetti, allargament slai, getti, intnaci, tinteggiature e ripristin al finit; pere edili e di carpenteria metallica per adattament scala antincendi in ferr, cn rifaciment spallature prte, smntaggi e adattament parapetti, allargament slai, getti, intnaci, tinteggiature e ripristin al finit; installazine di nuvi serramenti in allumini apribili a spinta vers l estern e manigline antipanic; adeguament nrmativ dei lcali a rischi specific (bibliteca, archivi, ripstigli pian terra, archivi prim pian e centrale termica), cn demlizine e smaltiment dei materiali esistenti nn idnei, realizzazine di cntrsffitti, cntrpareti e pareti in cartngess cn adeguata resistenza al fuc R/REI120, il tutt previ smntaggi e rimntaggi dei cmpnenti impiantistici presenti e finitura delle superfici interessate cn ripristini e tinteggiature; installazine di griglie metalliche sulle finestre apribili della bibliteca, dell archivi e del ripstigli del pian terra e dell archivi del prim pian; installazine di prte REI120 certificate nei lcali a rischi specific; installazine di maniglini antipanic di tip push-bar sugli infissi in allumini presenti nell ingress principale; installazine di cartellnistica antincendi mnitria e di indicazine, ad integrazine della cartellnistica esistente Descrizine degli interventi relativi all impiant antincendi Generalità L impiant antincendi sarà cstituit dai seguenti cmpnenti principali: serbati di accumul per installazine sprasul, cn prtezine antigel, da 10 m 3 di capienza, mantenut pien dalla rete idrica del fabbricat; grupp di pressurizzazine cnfrme alle nrme UNI EN cmplet di bx prefabbricat a nrma UNI EN 11292; attacc sttsul per autpmpa VV.F., sit in crrispndenza dell ingress dei mezzi di sccrs su V. Rinascita; rete idrica di distribuzine, nel crtile intern, cn cnfrmazine ad anell e realizzata cn tubazini in PeAD psate interrate; clnne mntanti. I tratti di drsali interne sarann in acciai zincat senza saldatura diam. 2, psate in vista a parete, prive di prtezine dal fuc in quant sempre in ambienti a caric di incendi null (crridi e atri cmuni); valvle di intercettazine per il sezinament dell impiant; naspi psati in cassetta da estern, cn attacc UNI 25 e tubazine semirigida da 20 m. Il psizinament dei naspi garantisce la cpertura di tutte le aree interne del fabbricat. I cmpnenti dell'impiant sarann cstruiti, cllaudati e installati in cnfrmità alla specifica nrmativa vigente. 8

10 La pressine nminale dei cmpnenti del sistema sarà superire alla pressine massima che il sistema può raggiungere in gni circstanza. Grupp di pressurizzazine Il grupp di pressurizzazine, cnfrme alle nrme UNI EN 12845, sarà di tip prefabbricat e installat all intern di un bx crredat di tutti i cmpnenti e accessri per renderl cnfrme alla nrma UNI vigente in merit ai lcali tecnici per gruppi di pressurizzazine antincendi. Il grupp sarà installat sttbattente, sarà dtat di mtpmpa ed elettrpmpa di mandata e di pressurizzazine, in grad di assicurare prtata e pressine richiesti dalle nrmative (in grad ciè di garantire una pressine residua di 2 bar al nasp idraulicamente più sfavrit, cnsiderand un ergazine cntempranea di 35 l/min dei 4 naspi idraulicamente più sfavriti). Il grupp è cmpst dai seguenti elementi: mtpmpa diesel cn cppia di batterie di avviament, serbati cmbustibile cn indicatre di livell e supprt di sstegn, cllettre di scaric cn silenziatre di tip industriale, giunt antivibrante sulla mandata; elettrpmpa di servizi rizzntale multistadi ed elettrpmpa pilta; cllettri di aspirazine e di mandata; valvla di intercettazine e valvla di ritegn mntate tra gni pmpa e il cllettre di mandata; valvla di intercettazine mntata sulla bcca di aspirazine di gni elettrpmpa; misuratre di prtata a lettura diretta installat su cllettre dedicat dtat delle relative intercettazini; quadr elettric di cmand indipendente per gni pmpa. Il quadr della pmpa di servizi è dtat della mrsettiera necessaria al cllegament cn l unità di allarme remt per la segnalazine dell assenza di alimentazine elettrica; tubazine di scaric fumi, prese d aria, sistema lcale di estinzine incendi cn sprinkler, sistema di riscaldament mediante ventilcnvettre e termstat per garantire la temperatura minima interna, punt luce nrmale e punt luce di emergenza, ventilatre di espulsine alimentat da grupp di cntinuità per 6 re cme previst dalla nrma, serbati gasli cn bacin di racclta, estintre di classe 34A144 BC. Il grupp è realizzat in esecuzine mnblcc ttalmente preassemblat su un basament cmune, a cui le pmpe sn fissate mediante bullni e i quadri di cntrll tramite supprti. Serbati 9

11 Il serbati di accumul presenterà le seguenti caratteristiche: esecuzine in acciai FE S235JR; fndi e fasciame cn spessre 50/10 mm. sin al diametr 2500 e 60/10 per i diametri maggiri; saldature interne-esterne realizzate secnd UNI EN ; rivestiment intern ed estern di prtezine; cnnessini per cllegamenti elettridraulici e scaric trpp pien. Il serbati sarà psat sprasul in prssimità del nuv bx antincendi. Sarà realizzat un basament in cement armat sul quale la vasca verrà fissata. L apprvviginament idric sarà assicurat attravers il cllegament della vasca cn la rete idrica già presente all intern dell edifici sclastic. Tubazini Le tubazini cstituenti l impiant, sia nelle zne furi terra che in quelle interrate, sarann cnfrmi alle specifiche nrmative di riferiment. Le tubazini sarann installate in md da nn risultare espste a danneggiamenti per urti meccanici in particlare per il passaggi di autmezzi. Nei lcali zne dell edifici nn riscaldate ve sia pssibile il pericl di gel, le tubazini antincendi sarann cibentate esternamente cn guaine in materiale espans di spessre minim 30 mm. e finitura esterna di prtezine. Nell attraversament di strutture verticali e rizzntali, quali pareti slai, sarann previste le necessarie precauzini atte a evitare la defrmazine delle tubazini il danneggiament degli elementi cstruttivi derivanti da dilatazini da cedimenti strutturali. Le tubazini interrate sarann installate tenend cnt della necessità di prtezine dal gel e da pssibili danni meccanici La prfndità di psa nn sarà minre di 0,8 m. dalla generatrice superire della tubazine. Sstegni Il tip il materiale e il sistema di psa dei sstegni delle tubazini sarann tali da assicurare la stabilità dell impiant nelle più severe cndizini di esercizi raginevlmente prevedibili. In particlare: i sstegni sarann in grad di assrbire gli sfrzi assiali e trasversali in fase di ergazine; il materiale utilizzat per qualunque cmpnente del sstegn sarà nn cmbustibile; i cllari sarann chiusi attrn ai tubi; nn sarann utilizzati sstegni aperti (cme ganci a uncin simili); nn sarann utilizzati sstegni ancrati tramite graffe elastiche; nn sarann utilizzati sstegni saldati direttamente alle tubazini né avvitati ai relativi raccrdi. Ciascun trnc di tubazine sarà supprtat da un sstegn, ad eccezine dei tratti di lunghezza minre di 0,6 m., dei mntanti e delle discese di lunghezza minre a 1 m. per i quali nn sn richiesti sstegni specifici. Il psizinament dei supprti garantirà la stabilità del sistema. In generale la distanza tra due sstegni nn sarà maggire di 4 m., cme prescritt per tubazini di dimensini minri a DN 65. Valvle di intercettazine 10

12 Le valvle di intercettazine della rete antincendi sarann di tip indicante la psizine di apertura/chiusura, sarann psate entr pzzett interrat e sarann cnfrmi alla UNI EN La distribuzine delle valvle di intercettazine sarà realizzata in md da cnsentire l'esclusine di parti di impiant per manutenzine mdifica, senza dvere gni vlta mettere furi servizi l'inter sistema. Le valvle di intercettazine sarann blccate mediante appsit sigill nella psizine di nrmale funzinament. Naspi I naspi sarann cnfrmi alla UNI EN e le relative tubazini semirigide antincendi sarann cnfrmi alla UNI EN 694. I naspi sarann psizinati in md che gni parte dell'attività sia raggiungibile cn la manichetta di almen un di essi e sarann installati in psizine ben visibile e facilmente raggiungibile, in prssimità di uscite di emergenza vie di fuga in md da nn staclare l'esd dai lcali. Segnalazini Tutti i cmpnenti dell impiant antincendi sarann segnalati cnfrmemente alle nrmative vigenti. Ogni cartell installat sarà cnfrme al D.Lgs. 81/08. Attacc di mandata per autpmpa L attacc di mandata per autpmpa sarà cllegat alla nuva rete antincendi e sarà cstituit dai seguenti elementi: bcchetta di immissine cnfrme alla specifica nrmativa di riferiment, cn diametr nn inferire a DN 70, dtata di attacc a vite cn girell prtetta cntr l'ingress di crpi estranei nel sistema; valvla di intercettazine che cnsenta l'intervent sui cmpnenti senza vutare l'impiant; valvla di nn ritrn altr dispsitiv att ad evitare furiuscita d'acqua dall'impiant in pressine; valvla di sicurezza tarata a 12 bar, per sfgare l'eventuale svrapressine dell'autpmpa. Gli attacchi avrann inltre le seguenti caratteristiche: installati sttsul in appsiti pzzetti apribili senza difficltà; ancrati al sul e prtetti da urti altri danni meccanici e dal gel. accessibili dall autpmpa in md agevle e sicur, anche durante l'incendi; cntrassegnati in md da permettere l'immediata individuazine dell'impiant che alimentan e segnalati mediante cartelli iscrizini riprtanti la dicitura ATTACCO PER AUTOPOMPA VV.F Descrizine degli interventi relativi all impiant elettric Alla luce di quant espst al paragraf 4.4, gli interventi relativi all impiant elettric sarann i seguenti: 1. Realizzazine di un nuv impiant di illuminazine di sicurezza in grad di assicurare, anche in cas di mancanza di alimentazine dell illuminazine nrmale, l esd sicur da un lug frnend apprpriate cndizini di visibilità (illuminazine di sicurezza) e che sarà destinat ad evitare il panic e a frnire l illuminazine necessaria per raggiungere un lug da cui pssa essere identificata una via di esd (illuminazine antipanic). L impiant di illuminazine di emergenza sarà cstituit da apparecchi ad alimentazine autnma e ad entrata in funzine autmatica (immediata) in cas di black ut. L autnmia delle lampade è di 1 ra (ricarica cmpleta entr 12 h.), la lr dispsizine, evidenziata negli elabrati grafici allegati, sarà tale da garantire 11

13 un livell di illuminament pari a 5 lux a 1 m. dal pian di calpesti, cn particlare riguard a uscite di sicurezza, cambi di direzine, intersezine di crridi, immediatamente all estern di gni uscita, nelle vicinanze di punti di prnt sccrs, dispsitivi antincendi e punti di chiamata; 2. Installazine di pulsanti di sganci di emergenza, in grad di disattivare l inter impiant elettric dell edific e cnsentire interventi da parte di persnale addestrat (VV.F.) in cndizini di perfetta sicurezza. Sarann installati in prssimità dei punti nei quali si iptizza l ingress da parte delle squadre VV.F. 3. Realizzazine di un impiant di rivelazine incendi, cmpst da centrale di rivelazine cn alimentatre supplementare e batteria tampne interna da installare in lcale presidiat (ingress principale zna bidelli), rivelatri puntifrmi di tip ttic (nei lcali a rischi specific), pulsanti di attivazine manuale di allarme (distribuiti lung le vie di fuga in ragine di un gni max 30 m.), avvisatri ttic acustici di allarme interni e da estern, cmbinatre telefnic. 12

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settre Edilizia Sclastica GRUPPO 4 - ZONA 8 - SCUOLA N 7486 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E ADDUZIONE GAS NELLA

Dettagli

Ascensori e montacarichi (Prescrizioni particolari e verifiche)

Ascensori e montacarichi (Prescrizioni particolari e verifiche) Ascensri e mntacarichi (Prescrizini particlari e verifiche) Ultim aggirnament: 1 apr. 2008 Prescrizini particlari Cmand di emergenza (vedi scheda "Cmand di emergenza"): In base al DM 8/3/85 il cmand di

Dettagli

Distributori di carburanti liquidi per autotrazione (benzina, gasolio)

Distributori di carburanti liquidi per autotrazione (benzina, gasolio) Distributre benzina gasli Ultim aggirnament: 1 apr. 2009 Distributri di carburanti liquidi per auttrazine (benzina, gasli) Sistema di alimentazine: TT, TN-S, Nrme di riferiment: Nrma CEI 64-8 "Impianti

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE E SICUREZZA DI GALLERIE STRADALI

IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE E SICUREZZA DI GALLERIE STRADALI Illuminazine e sicurezza gallerie Ultim aggirnament: 1 nv. 2006 IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE E SICUREZZA DI GALLERIE STRADALI Sistema di alimentazine: TT, TN Nrme di riferiment: Nrma CEI 64-8 "Impianti

Dettagli

IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE STRADALE

IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE STRADALE Illuminazine stradale Ultim aggirnament: 1 apr. 2009 IMPIANTO ELETTRICO DI ILLUMINAZIONE STRADALE Sistema di alimentazine: TT, TN Nrme di riferiment: Nrma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatri a tensine

Dettagli

ASCENSORI E MONTACARICHI

ASCENSORI E MONTACARICHI Ascensri e mntacarichi Ultim aggirnament: 1 apr. 2008 ASCENSORI E MONTACARICHI Sistema di alimentazine: TT, TN Nrme di riferiment: Nrma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatri a tensine nminale nn superire

Dettagli

STUDIO TECNICO A. BORGOGNI & A. PISPICO I N G E G N E R I A S S O C I A T I

STUDIO TECNICO A. BORGOGNI & A. PISPICO I N G E G N E R I A S S O C I A T I Cmmessa: ASPSIENA090915AI\PROGETTO File: RAI011015_0 Data: 27/10/2015 ASP AZIENDA PUBBLICA SERVIZI ALLA PERSONA CITTA DI SIENA STRUTTURA CAMPANSI VIA CAMPANSI N 18 - SIENA (SI) RELAZIONE TECNICA LAVORI

Dettagli

AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO - ASL AT

AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO - ASL AT Allegat B AL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO - ASL AT SCHEDA INFORMATIVA PER LA NOTIFICA RELATIVA A COSTRUZIONE, AMPLIAMENTO O RISTRUTTURAZIONE DI EDIFICI O LOCALI DA ADIBIRE AD

Dettagli

Falegnameria (Scheda)

Falegnameria (Scheda) Ultim aggirnament: 1 feb. 2007 Falegnameria Sistema di alimentazine: TT, TN Nrme di riferiment: Nrma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatri a tensine nminale nn superire a 1000 V in crrente alternata

Dettagli

CENTRALE TERMICA A GAS METANO O GPL (riscaldamento, produzione acqua calda, grandi cucine, forni da pane, etc.)

CENTRALE TERMICA A GAS METANO O GPL (riscaldamento, produzione acqua calda, grandi cucine, forni da pane, etc.) CENTRALE TERMICA A GAS METANO O (riscaldament, prduzine acqua calda, grandi cucine, frni da pane, etc.) Sistema di alimentazine: TT Nrme di riferiment: Nrma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatri a tensine

Dettagli

in conformità al D.M. 30/11/1983

in conformità al D.M. 30/11/1983 A P P A R E C C H I AT U R E D I P R E S S U R I Z Z A Z I O N E F I LT R I A P R O V A D I F U M O in cnfrmità al D.M. 30/11/1983 Le apparecchiature sn certificate C/O l Istitut Girdan SPA, Labratri Autrizzat

Dettagli

Impianti elettrici nelle strutture alberghiere Caratteristiche generali dell impianto elettrico (prima parte)

Impianti elettrici nelle strutture alberghiere Caratteristiche generali dell impianto elettrico (prima parte) Impianti elettrici nelle strutture alberghiere Caratteristiche generali dell impiant elettric (prima parte) Pubblicat il 21/01/2008 Aggirnat al: 21/01/2008 di Gianluigi Saveri 1 Generalità Le strutture

Dettagli

ALLEGATO A SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA

ALLEGATO A SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA ALLEGATO A SPECIFICA TECNICA DI FORNITURA PER LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOLTAICI CONNESSI ALLA RETE DI POTENZA NOMINALE COMPRESA TRA 20 E 50 kw p SCOPO L scp della presente specifica è quell di

Dettagli

AUTORITA PORTUALE PORTO DI MILAZZO PROGETTO PER I LAVORI DI COMPLETAMENTO SISTEMA PORTUALE DI MESSINA E MILAZZO ELENCO ALLEGATI. o o. o o. o o.

AUTORITA PORTUALE PORTO DI MILAZZO PROGETTO PER I LAVORI DI COMPLETAMENTO SISTEMA PORTUALE DI MESSINA E MILAZZO ELENCO ALLEGATI. o o. o o. o o. AUTORITA PORTUALE SISTEMA PORTUALE DI MESSINA E MILAZZO PORTO DI MILAZZO PROGETTO PER I LAVORI DI COMPLETAMENTO DEGLI ARREDI DEL PONTILE ALISCAFI (INTERVENTO N. 22 P.O.T. 2013-2015) ELENCO ALLEGATI RELAZIONE

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI Impianti ftvltaici Ultim aggirnament: 1 nv. 2007 IMPIANTI FOTOVOLTAICI Sistema di alimentazine: In quest cas nn si tratta di alimentazine, ma di prduzine. Il generatre ftvltaic dvrebbe, preferibilmente,

Dettagli

della Mappa Censuaria del Comune di Salo/Campoverde. Pratica Edilizia n.. all Ordine/Albo de della provincia di al n,

della Mappa Censuaria del Comune di Salo/Campoverde. Pratica Edilizia n.. all Ordine/Albo de della provincia di al n, Spett.le Amministrazine Cmunale di Salò Oggett: Dichiarazine attestante la tiplgia di intervent in relazine a quant dispst dal punt 9.2 delle Dispsizini inerenti all efficienza energetica allegate alla

Dettagli

Cabina MT/BT. Prescrizioni particolari:

Cabina MT/BT. Prescrizioni particolari: Prescrizini Particlari e Verifiche Ultim aggirnament: dicembre 2008 Prescrizini particlari: Nelle cabine elettriche d'utente MT/BT ccrre installare il cmand di emergenza se l'attività alimentata dalla

Dettagli

Introduzione pag. 3. Interventi di adeguamento derivanti da esigenze architettoniche pag. 3

Introduzione pag. 3. Interventi di adeguamento derivanti da esigenze architettoniche pag. 3 1 Indice Intrduzine pag. 3 Interventi di adeguament derivanti da esigenze architettniche pag. 3 Interventi di adeguament derivanti da esigenze strutturali pag. 4 Individuazine degli interventi e particlari

Dettagli

Guida all alimentazione delle pompe antincendio

Guida all alimentazione delle pompe antincendio Guida all alimentazine delle pmpe antincendi (secnda parte) Guida all alimentazine delle pmpe antincendi Pubblicat il 11/10/2007 Aggirnat al: 09/01/2008 di Gianfranc Ceresini 1 Prgettazine e installazine

Dettagli

Prot. n. 6570/A23 Roma, 09/12/2015. Circolare n. 27

Prot. n. 6570/A23 Roma, 09/12/2015. Circolare n. 27 M I N I S T E R O D E L L I S T R U Z I O N E D E L L U N I V E R S I T À E D E L L A R I C E R C A U F F I C I O S C O L A S T I C O R E G I O N A L E P E R I L L A Z I O L I C E O S T A T A L E C L A

Dettagli

Gruppi di Continuità (UPS)

Gruppi di Continuità (UPS) Gruppi di Cntinuità (UPS) Generalità Il grupp di cntinuità frnisce una alimentazine di riserva che supplisce alla mancanza dell alimentazine nrmale, senza alcuna interruzine (n break). Si dicn gruppi rtanti

Dettagli

C O M U N E D I M I R A Provincia di Venezia

C O M U N E D I M I R A Provincia di Venezia ORIGINALE C O M U N E D I M I R A Prvincia di Venezia Lavri Pubblici\\Edilizia pubblica e prgettazine realizzazine Infrastrutture, D. Lgs 81/2008 DETERMINAZIONE DI IMPEGNO N 1938 Del 12/10/2012 Oggett:

Dettagli

Oggetto : norme e leggi europee concernenti produzione ed istallazione di Cancelli a battente. Contenuto

Oggetto : norme e leggi europee concernenti produzione ed istallazione di Cancelli a battente. Contenuto A VV. M AURIZIO I ORIO 20122 Milan, Crs di Prta Vittria, 17 Tel. +39. 335.13.21.041 ; +39. 348.25.19.305 ; +39.02 36593383 ; Fax +39.02 36594845 : +30.0373 779119 Indirizzi e-mail : avv.maurizi.iri@fastpiu.it

Dettagli

QUADRO DI CONTROLLO MANUALE/AUTOMATICO (ACP) - Mod. AC 03

QUADRO DI CONTROLLO MANUALE/AUTOMATICO (ACP) - Mod. AC 03 QUADRO DI CONTROLLO MANUALE/AUTOMATICO (ACP) - Md. AC 03 Generalità Quadr di cmand e cntrll manuale/autmatic (ACP) frnit a brd macchina, integrat e cnness al grupp elettrgen. Il quadr utilizza un cmpatt

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICO Servizi Prevenzine e Sicurezza negli Ambienti di Lavr Respnsabile: dtt. Girgi Luzzana via Brg Palazz 130 24125 Bergam Ingress 9 C, clre blu 035 2270 599 / 598 - fax 035

Dettagli

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione

IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavori di manutenzione IL RISCHIO DI CADUTA DAI TETTI PER LAVORI DI RIMOZIONE DEL MANTO DI COPERTURA e lavri di manutenzine Le cadute dall alt determinan spess infrtuni gravi cn lesini permanenti e, in alcuni casi, la mrte.

Dettagli

Guida agli impianti di rilevazione incendi

Guida agli impianti di rilevazione incendi Guida agli impianti di rilevazine incendi Pubblicat il 11/10/2007 Aggirnat al: 08/01/2008 di Gianfranc Ceresini 10. Dispsizine e suddivisine in zne degli impianti autmatici Un impiant autmatic di rivelazine

Dettagli

R.IE01. PROGETTO DEFINITIVO settembre 2011. Università degli Studi di Bari "ALDO MORO" MACROAREA TECNICA P.za Umberto I, 1-70124 Bari

R.IE01. PROGETTO DEFINITIVO settembre 2011. Università degli Studi di Bari ALDO MORO MACROAREA TECNICA P.za Umberto I, 1-70124 Bari Università degli Studi di Bari "ALDO MORO" MACROAREA TECNICA P.za Umbert I, 1-70124 Bari PROGETTO DI ADEGUAMENTO ALLE NORME DI PREVENZIONE INCENDI E SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE DEL PALAZZO

Dettagli

COMUNE DI AZZANO DECIMO Provincia di Pordenone

COMUNE DI AZZANO DECIMO Provincia di Pordenone COMUNE DI AZZANO DECIMO Prvincia di Prdenne LAVORI DI AMPLIAMENTO, RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO/MIGLIORAMENTO SISMICO ED ENERGETICO DELLA SCUOLA PRIMARIA CESARE BATTISTI DI AZZANO DECIMO DOCUMENTO PRELIMINARE

Dettagli

DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE CENTRO PER LA GIUSTIZIA MINORILE PER LA CALABRIA E LA BASILICATA CATANZARO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE CENTRO PER LA GIUSTIZIA MINORILE PER LA CALABRIA E LA BASILICATA CATANZARO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DIPARTIMENTO GIUSTIZIA MINORILE CENTRO PER LA GIUSTIZIA MINORILE PER LA CALABRIA E LA BASILICATA CATANZARO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI (Art. 26, D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81) OGGETTO: Prcedura

Dettagli

Capitolato. localizzazione. www.casatrenno.coop

Capitolato. localizzazione. www.casatrenno.coop Capitlat lcalizzazine www.casatrenn.cp Edilizia sstenibile Gli edifici di prssima realizzazine testimnian l attenzine vers l ambiente, da sempre un principi ed un biettiv della nstra Cperativa. Classe

Dettagli

COMUNE di IMPRUNETA Provincia di Firenze SERVIZIO GESTIONE DEL TERRITORIO UFFICIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA

COMUNE di IMPRUNETA Provincia di Firenze SERVIZIO GESTIONE DEL TERRITORIO UFFICIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA COMUNE di IMPRUNETA Prvincia di Firenze SERVIZIO GESTIONE DEL TERRITORIO UFFICIO EDILIZIA PUBBLICA E PRIVATA (spazi riservat all uffici Prtcll) (spazi riservat all uffici Edilizia Privata) Al Dirigente

Dettagli

Informazioni generali minime per una corretta esecuzione dell attestato di prestazione energetica

Informazioni generali minime per una corretta esecuzione dell attestato di prestazione energetica Infrmazini generali minime per una crretta esecuzine dell attestat di prestazine energetica Si prega il richiedente dell attestat di prestazine energetica dell edific di rispndere alle seguenti dmande

Dettagli

Resistività del terreno espressa in Ωm.

Resistività del terreno espressa in Ωm. Resistività del terren espressa in Ωm. L'impiant cmprenderà: un dispersre, un cnduttre di terra, un cnduttre di prtezine, un cllettre principale di terra, cnduttri di equiptenzialità. Dispersre L impiant

Dettagli

Panoramica sulla Direttiva attrezzature in pressione

Panoramica sulla Direttiva attrezzature in pressione Panramica sulla Direttiva attrezzature in pressine La Direttiva Attrezzature in pressine, cmunemente detta PED dalla denminazine inglese Pressure Equipment Directive, è una direttiva di prdtt (rif. 97/23/CE)

Dettagli

Alimentazione delle pompe antincendio (Prescrizioni particolari e verifiche)

Alimentazione delle pompe antincendio (Prescrizioni particolari e verifiche) Prescrizini particlari Circuiti di alimentazine delle elettrpmpe: Occrre distinguere fra i due tipi di alimentazine idrica: Alimentazine idrica di tip rdinari (singl secnd EN 12845) : Alimentazine in bassa

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE RELAZIONE SUI MATERIALI

PROGETTO PRELIMINARE RELAZIONE SUI MATERIALI Via di San Salvi 12 50135 Firenze tel. 055 62.631 fax 055 62.63.700 Ospedale Santa Maria Annunziata Intervent di ristrutturazine edilizia per l installazine di una apparecchiatura per la Risnanza Magnetica

Dettagli

Manuale d uso e manutenzione

Manuale d uso e manutenzione Manuale d us e manutenzine Archivi Cmpattabile TECROLL Dcument generic riferit al prdtt Tecnrll. Per dettagli specifici riferiti ad gni singl impiant persnalizzat cntattare l Uffici Tecnic de La Tecnica

Dettagli

PIANO DI EMERGENZA TRENTO

PIANO DI EMERGENZA TRENTO Pag. 1 PIANO DI EMERGENZA secnd quant previst dal D. Lgs. n. 81/2008 PER TUTTE LE SEDI DELLA FONDAZIONE BRUNO KESSLER TRENTO Data N di revisine Natura della mdifica Ottbre 1999 0 Emissine dcument Lugli

Dettagli

GUIDA ALLA PROGETTAZIONE

GUIDA ALLA PROGETTAZIONE Giunta Reginale d Abruzz Servizi Tecnic GUIDA ALLA PROGETTAZIONE DI INTERVENTI PER L ABBATTIMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE Csa sn le barriere architettniche? Cn il termine barriere architettniche

Dettagli

ALLEGATO B DESCRIZIONE DELL IMMOBILE OGGETTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E RELATIVE MODALITA ATTUALI DI GESTIONE

ALLEGATO B DESCRIZIONE DELL IMMOBILE OGGETTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E RELATIVE MODALITA ATTUALI DI GESTIONE PROCEDURA APERTA PER L'AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI PULIZIA PRESSO LA SEDE DI INFORMATICA TRENTINA S.P.A. CIG 6256549B8E ALLEGATO B DESCRIZIONE DELL IMMOBILE OGGETTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E RELATIVE MODALITA

Dettagli

INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PER LA PREVENZIONE INCENDI E PER LA SICUREZZA 2^ FASE PROGETTO DEFINITIVO SCUOLA MATERNA - VIA CASSONI 7

INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA PER LA PREVENZIONE INCENDI E PER LA SICUREZZA 2^ FASE PROGETTO DEFINITIVO SCUOLA MATERNA - VIA CASSONI 7 COMUNE DI MILANO Settre Edilizia Sclastica GRUPPO 4 - ZONA 5 - SCUOLA N 5402/7 -------- RELAZIONE TECNICA RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DELL IMPIANTO ANTINCENDIO NELLA

Dettagli

DOMANDA DI LICENZA TEMPORANEA PER SPETTACOLI E TRATTENIMENTI PUBBLICI NELL'AMBITO DI SAGRE, FIERE O ALTRE MANIFESTAZIONI

DOMANDA DI LICENZA TEMPORANEA PER SPETTACOLI E TRATTENIMENTI PUBBLICI NELL'AMBITO DI SAGRE, FIERE O ALTRE MANIFESTAZIONI Bll (nn dvut dalle ONLUS) Al Cmune di Mntecchi Emilia DOMANDA DI LICENZA TEMPORANEA PER SPETTACOLI E TRATTENIMENTI PUBBLICI NELL'AMBITO DI SAGRE, FIERE O ALTRE MANIFESTAZIONI Il sttscritt Cgnme Nme Cdice

Dettagli

Inquadramento territoriale dell edificio 2 NOTE STORICHE 4 LO STATO DEI LUOGHI 5 INTERVENTI DI PROGETTO 5

Inquadramento territoriale dell edificio 2 NOTE STORICHE 4 LO STATO DEI LUOGHI 5 INTERVENTI DI PROGETTO 5 INDICE Inquadrament territriale dell edifici 2 NOTE STORICHE 4 LO STATO DEI LUOGHI 5 INTERVENTI DI PROGETTO 5 Allegat 1 - DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA Inquadrament territriale dell edifici NOTE STORICHE

Dettagli

Prot. A00DRAB 2688 L Aquila, 24.02.2011 REGIONE ABRUZZO AI GESTORI DELLE SCUOLE PARITARIE DI OGNI ORDINE E GRADO DELLA REGIONE ABRUZZO

Prot. A00DRAB 2688 L Aquila, 24.02.2011 REGIONE ABRUZZO AI GESTORI DELLE SCUOLE PARITARIE DI OGNI ORDINE E GRADO DELLA REGIONE ABRUZZO Minister dell Istruzine, dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO DIREZIONE GENERALE - L AQUILA Uffici di Vigilanza e Crdinament delle Scule nn Statali, Paritarie e nn

Dettagli

ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN CATANIA

ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN CATANIA ISTITUTO TECNICO AERONAUTICO A. FERRARIN CATANIA PROCEDURE D EMERGENZA PREVISTE DAL PIANO DI EVACUAZIONE La nrma relativa alla predispsizine di un pian di evacuazine dell ambiente sclastic è citata nel

Dettagli

LIMITATORI DI SOVRATENSIONE (SPD)

LIMITATORI DI SOVRATENSIONE (SPD) LIMITATORI DI SOVRATENSIONE (SPD) SCARICATORE DI CORRENTE DA FULMINE classe I (B) SCARICATORE cn circuit cmpst da spintermetr autestinguente nn sffiante, per la prtezine da svratensine di utenze in B.T.,

Dettagli

CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE CARATTERISTICHE TECNICHE CARATTERISTICHE DIMENSIONALI

CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE CARATTERISTICHE TECNICHE CARATTERISTICHE DIMENSIONALI AIRTERM UP DISAREATORE ORIENTABILE CT2649.0_00 ITA Aprile 2015 Garantisce l efficienza dell impiant; Mntaggi su tubazini verticali, rizzntali, diagnali; Elevate capacità di scaric. GAMMA DI PRODUZIONE

Dettagli

piano generale di smaltimento delle acque (PGA)

piano generale di smaltimento delle acque (PGA) Abteilung 29 - Landesagentur für Umwelt Amt 29.4 - Amt für Gewässerschutz Ripartizine 29 - Agenzia prvinciale per l'ambiente Uffici 29.4 - Uffici Tutela acque Linee guida per l elabrazine del pian generale

Dettagli

airpointer in breve ANALIZZATORE COMPATTO PER IL MONITORAGGIO DELLA QUALITÀ DELL ARIA airpointer

airpointer in breve ANALIZZATORE COMPATTO PER IL MONITORAGGIO DELLA QUALITÀ DELL ARIA airpointer airpinter Analizzatre cmpatt per la misura di SO2/H2S, NOx, CO, O3 Il sistema airpinter appartiene ai sistemi di mnitraggi di nuva generazine ed ffre agli utenti un pprtunità unica: disprre di misure di

Dettagli

Prot. n. A00DRAB 365 L Aquila, 16.01.2013. OGGETTO: Riconoscimento della parità scolastica - Indicazioni operative. Anno scolastico 2013/2014.

Prot. n. A00DRAB 365 L Aquila, 16.01.2013. OGGETTO: Riconoscimento della parità scolastica - Indicazioni operative. Anno scolastico 2013/2014. Respnsabile del prcediment: Agnese Giusti - Tel:. 0862/574220 e-mail: agnese.giusti@istruzine.it Minister dell Istruzine, dell Università e della Ricerca Uffici Sclastic Reginale per l Abruzz Direzine

Dettagli

iib COMUNE DI SENEGHE Provincia di ORISTANO 42b l.{\( Mura & Tomasello Associati ~ arcn1tettura inge a urbanistica

iib COMUNE DI SENEGHE Provincia di ORISTANO 42b l.{\( Mura & Tomasello Associati ~ arcn1tettura inge a urbanistica COMUNE DI SENEGHE Prvincia di ORISTANO VERIFICA DI CONFORMITA' E VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL CENTRO STORICO IN ADEGUAMENTO AL P.P.R. PROGETTO STUDIO MURA-TOMASELLO Dtt. Ing. Givanni MURA GRUPPO

Dettagli

L a v o r i d i ad e g u a mento e m a nuten zione p e r l integr azione logi stica d e gli

L a v o r i d i ad e g u a mento e m a nuten zione p e r l integr azione logi stica d e gli DIREZIONE REGIONALE CAMPANIA Uffici Tecnic Reginale ***************** L a v r i d i ad e g u a ment e m a nuten zine p e r l integr azine lgi stica d e gli u ffici della Direzine Prvi nci a l e di Benevent.

Dettagli

Oggetto: Estensione del reverse charge - Legge di stabilità 2015

Oggetto: Estensione del reverse charge - Legge di stabilità 2015 Oggett: Estensine del reverse charge - Legge di stabilità 2015 L art.1, cmma 629, lett. a), della Finanziaria 2015 mdificand l art. 17, cmma 6, DPR n. 633/72 ha estes il reverse charge anche a: prestazini

Dettagli

STUDIO TECNICO COCITO Corso Europa 351/4 16132 Genova Tel. 0103741834 - Fax 0103072147 SOMMARIO

STUDIO TECNICO COCITO Corso Europa 351/4 16132 Genova Tel. 0103741834 - Fax 0103072147 SOMMARIO SOMMARIO 1 - DESCRIZIONE IMPIANTO 2 2 - REALIZZAZIONE 2 3 - CABINA ELETTRICA MT/BT 3 4 - QUADRI ELETTRICI 9 CRITERI COSTRUTTIVI 9 COLLEGAMENTI E CABLAGGIO INTERNO 10 APPARECCHI ELETTRICI 10 COLLETTORI

Dettagli

SOTTOSTAZIONI PER TELERISCALDAMENTO DISTRICT HEATING SUBSTATIONS

SOTTOSTAZIONI PER TELERISCALDAMENTO DISTRICT HEATING SUBSTATIONS SOTTOSTAZIONI PER TELERISCALDAMENTO DISTRICT HEATING SUBSTATIONS INDICE Ed. 20130206 GENERALITÀ... 2 Istruzini da sservare prima dell installazine... 2 Materiali e nrmativa PED (97/23/CE)... 3 SOTTOSTAZIONI

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE Software Schola Res

CONTRATTO DI LOCAZIONE Software Schola Res ISTITUTO COMPRENSIVO DI CODEVIGO Via Garubbi, 43 35020 Cdevig (PD) Tel. N. 049 5817860 Fax N. 049 5817883 C.F. 80013420288 - e-mail : pdic87000x@pec.istruzine.it Prt. n. _3335/B15 Cdevig, 20/11/2013 Reg.

Dettagli

miapura E' PRODOTTA IN DUE MODELLI: a) da soprabanco b) da inserimento sotto lavello.

miapura E' PRODOTTA IN DUE MODELLI: a) da soprabanco b) da inserimento sotto lavello. 1. RACCOMANDAZIONI Prima di utilizzare il gasatre refrigeratre miapura, leggere attentamente il manuale di istruzini. E' imprtante attenersi alle dispsizini cntenute nel presente manuale per un crrett

Dettagli

SCALE AEREE, PONTI SOSPESI CON ARGANO O SVILUPPABILI SU CARRO RICHIESTA DI COLLAUDO

SCALE AEREE, PONTI SOSPESI CON ARGANO O SVILUPPABILI SU CARRO RICHIESTA DI COLLAUDO INIZIATIVA SPORTELLO UNICO SI, ADERISCO NO, NON ADERISCO, PROCEDURA ORDINARIA PROCEDURA 46 REV 0 DATA 08/11/99 COMUNE DI UFFICIO TECNICO via tel fax SCALE AEREE, PONTI SOSPESI CON ARGANO O SVILUPPABILI

Dettagli

COMUNE DI NOVARA. IL CONSIGLIO COMUNALE Su proposta della Giunta Comunale

COMUNE DI NOVARA. IL CONSIGLIO COMUNALE Su proposta della Giunta Comunale COMUNE DI NOVARA OGGETTO: I.U.C. ANNO 2014; Aliquta Tributi Servizi Indivisibili -TASI. IL CONSIGLIO COMUNALE Su prpsta della Giunta Cmunale Premess che: l art. 1 della Legge del 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

SEMINARI E CORSI DI SPECIALIZZAZIONE PER INGEGNERI IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI

SEMINARI E CORSI DI SPECIALIZZAZIONE PER INGEGNERI IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI SEMINARI E CORSI DI SPECIALIZZAZIONE PER INGEGNERI IN MATERIA DI PREVENZIONE INCENDI (ex art. 4 del D.M.05-08-2011 e circlare VVF 7213 del 25-05-2012) Presentazine Da un lat l evluzine nrmativa nel settre

Dettagli

Comune di Fumane. Provincia di Verona NUOVA SCUOLA ELEMENTARE DEL CAPOLUOGO PROGETTO PRELIMINARE RELAZIONE

Comune di Fumane. Provincia di Verona NUOVA SCUOLA ELEMENTARE DEL CAPOLUOGO PROGETTO PRELIMINARE RELAZIONE Cmune di Fumane Prvincia di Verna NUOVA SCUOLA ELEMENTARE DEL CAPOLUOGO PROGETTO PRELIMINARE RELAZIONE Prgettisti Gem. Pala Perantni Arch. Cecilia Beghelli Lcalizzazine dell intervent Analisi dell stat

Dettagli

3 REPARTO GENIO A.M. RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA. S.S. S. Giorgio Jonico s.n.c. GROTTAGLIE (TA) ATA0981

3 REPARTO GENIO A.M. RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA. S.S. S. Giorgio Jonico s.n.c. GROTTAGLIE (TA) ATA0981 3 REPARTO GENIO A.M. RELAZIONE TECNICO - DESCRITTIVA S.S. S. Girgi Jnic s.n.c. GROTTAGLIE (TA) ATA0981 1 Indice 1. OGGETTO E SCOPO DELLA RELAZIONE 2. UBICAZIONE 3. DESCRIZIONE E STATO DI MANUTENZIONE 4.

Dettagli

CAPITOLATO WICLINE 77HI

CAPITOLATO WICLINE 77HI CAPITOLATO WICLINE 77HI ART. 1) SERRAMENTI IN ALLUMINIO Frnitura e psa in pera di serramenti in allumini, realizzati in prfili serie Wicline 77 HI, aventi dimensini secnd quant indicat nei vstri elabrati

Dettagli

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA PALAZZINA N. 23 - ALLOGGIO MRM0308 -

RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA PALAZZINA N. 23 - ALLOGGIO MRM0308 - MARINA MILITARE DIREZIONE DEL GENIO MILITARE PER LA MARINA ROMA Via dell Acqua Traversa, 151-00135 RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA PALAZZINA N. 23 - ALLOGGIO MRM0308 - Indirizz del bene da stimare CITTA

Dettagli

PROVINCIA DI BIELLA. Ambiente e Agricoltura - DT Impegno n. DETERMINAZIONE N. 1239 IN DATA 13-05-2011

PROVINCIA DI BIELLA. Ambiente e Agricoltura - DT Impegno n. DETERMINAZIONE N. 1239 IN DATA 13-05-2011 PROVINCIA DI BIELLA Ambiente e Agricltura - DT Impegn n. Dirigente / Resp. P.O.: SARACCO GIORGIO DETERMINAZIONE N. 1239 IN DATA 13-05-2011 Oggett: ATTIVITÀ DI STOCCAGGIO DI OLI MINERALI di cui all art.

Dettagli

Guida ai sistemi di diffusione sonora per l emergenza

Guida ai sistemi di diffusione sonora per l emergenza Guida ai sistemi di diffusine snra per l emergenza (secnda parte) Pubblicat il: 22/01/2007 Aggirnat al: 22/01/2007 di Gianfranc Ceresini 1. Requisiti tecnici Nella centrale di cntrll e negli eventuali

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI SOMMARIO

PROGETTO DEFINITIVO RELAZIONE TECNICA IMPIANTI ELETTRICI E SPECIALI SOMMARIO SOMMARIO SOMMARIO...1 1 Dati del sistema di distribuzine e di utilizzazine dell energia elettrica...2 1.1 Dati Elettrici ENEL...2 1.2 Cabina di trasfrmazine MT/BT Utente...2 1.3 Carichi elettrici stt linea

Dettagli

Titolo: RCAV - Regolazione e controllo accessi in Bologna Rif. Ordine Cliente/Commessa di Produzione N : Approvato: Firma: Allegati.

Titolo: RCAV - Regolazione e controllo accessi in Bologna Rif. Ordine Cliente/Commessa di Produzione N : Approvato: Firma: Allegati. Titl: RCAV - Reglazine e cntrll accessi in Blgna Rif. Ordine Cliente/Cmmessa di Prduzine Rif. Ns. Offerta: N : Rif. Ver.:1.0 Redatt: Apprvat: Pag.: Firma: Firma: 1/1 N.r 1 2 3 4 5 6 7 8 9 1 2 3 4 5 6 7

Dettagli

Sartorius Extend Series Modello ED224S

Sartorius Extend Series Modello ED224S MONTEPAONE DI MONTEPAONE & C. S.A.S. A P P A R E C C H I E S T R U M E N T I S C I E N T I F I C I Sartrius Extend Series Mdell ED224S Specifiche tecniche: Camp di pesata e tara (sttrattiva) g 220 Divisine

Dettagli

atmoblock plus, turboblock plus

atmoblock plus, turboblock plus Per l utente atmblok plus, turbblok plus VM/VMW T 4/-5 VM/VMW T 8/-5 VMW T 4/-5B VMW T 8/-5B VM/VMW T 4/-5 VM/VMW T 8/-5 VM/VMW T 3/-5 VMW T 4/-5B VMW T 8/-5B VMW T 3/-5B T Smmari; nfrmazini generali Smmari

Dettagli

ADAMO. Specifiche tecniche

ADAMO. Specifiche tecniche ADAMO Specifiche tecniche Orlgi Assistiv LED di stat spia biclre verde/rss la spia lampeggia quand l rlgi è attiv luce verde = rlgi attiv e stt cpertura luce rssa (impulsi lenti) = rlgi attiv furi cpertura

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI VIDEORIPRESA E TRASMISSIONE TELEVISIVA O A MEZZO WEB DELLE RIUNIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI VIDEORIPRESA E TRASMISSIONE TELEVISIVA O A MEZZO WEB DELLE RIUNIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI VIDEORIPRESA E TRASMISSIONE TELEVISIVA O A MEZZO WEB DELLE RIUNIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE Apprvat cn deliberazine del Cnsigli cmunale n. 73 dd.28.09.2010 IL PRESIDENTE

Dettagli

COMUNE DI VERGATO. Area3 - Lavori Pubblici, Manutenzione Determinazione n. 62 del 19/06/2015

COMUNE DI VERGATO. Area3 - Lavori Pubblici, Manutenzione Determinazione n. 62 del 19/06/2015 COMUNE DI VERGATO Prvincia di BOLOGNA C O P I A Area3 - Lavri Pubblici, Manutenzine Determinazine n. 62 del 19/06/2015 OGGETTO: SERVIZIO DI MANUTENZIONE IMPIANTI ANTIFURTO E RILEVAZIONE INCENDI PRESSO

Dettagli

o Norma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua";

o Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua; DIFFUSIONE SONORA PER L EMERGENZA Sistema di alimentazine: Preferibilmente IT dppi islament separazine elettrica all scp di nn interrmpere l alimentazine al prim guast a terra. Nn sn cmunque esclusi i

Dettagli

inquinamento acustico inquinamento elettromagnetico o o o o o

inquinamento acustico inquinamento elettromagnetico o o o o o 1 TUTELA DELL ARIA impianti industriali inquinament atmsferic (cause antrpiche) veicli a mtre impianti termici inquinament acustic Inquinament dell aria inquinament elettrmagnetic Elettrdtti Impianti radielettrici

Dettagli

Condizioni tecniche per la connessione alle reti di distribuzione dell energia elettrica a tensione nominale superiore ad 1 kv

Condizioni tecniche per la connessione alle reti di distribuzione dell energia elettrica a tensione nominale superiore ad 1 kv pubblicata sul sit www.autrita.energia.it in data 20 marz 2008 Delibera ARG/elt 33/08 Cndizini tecniche per la cnnessine alle reti di distribuzine dell energia elettrica a tensine nminale superire ad 1

Dettagli

CITTA DI SAN SALVATORE MONFERRATO

CITTA DI SAN SALVATORE MONFERRATO CITTA DI SAN SALVATORE MONFERRATO PROVINCIA DI ALESSANDRIA R EGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA E L'ACCESSO AGLI INCENTIVI PER I LAVORI DI RIMOZIONE DEI MANUFATTI IN AMIANTO ANCORA PRESENTI NEL TERRITORIO DI

Dettagli

INDICE. Sommario 1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 2 3 OPERAZIONI E FREQUENZA DELLA MANUTENZIONE... 3 4 AVVERTENZE... 6

INDICE. Sommario 1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 2 3 OPERAZIONI E FREQUENZA DELLA MANUTENZIONE... 3 4 AVVERTENZE... 6 INDICE Smmari 1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 2 3 OPERAZIONI E FREQUENZA DELLA MANUTENZIONE... 3 4 AVVERTENZE... 6 APPENDICE 1: Scheda tecnica sintetica dell impiant ftvltaic APPENDICE 2: Lista

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE

PIANO DI MANUTENZIONE APPLICAZIONE: IRIDE Servizi GRUPPI ELETTROGENI PIANO DI MANUTENZIONE RESPONSABILE CONTROLLO ED APPROVAZIONE Mansine: Respnsabile C&I RESPONSABILE ATTUAZIONE Mansine: Respnsabile IEC FCD/1 aggirnat il 01

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Prvincia di Csenza REGOLAMENTO CONSULTA PROVINCIALE DELLE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Settembre 2003 ART. 1 Istituzine e sede 1. E istituita, press la Prvincia di Csenza, la Cnsulta

Dettagli

Prot. n 4918/M00 Latina, 30 novembre 2012

Prot. n 4918/M00 Latina, 30 novembre 2012 Prt. n 4918/M00 Latina, 30 nvembre 2012 Spett.le Degli Stefani srl Via Tscanini n. 22 04011 APRILIA FAX 06/92854627 Spett.le CR Uffci di Vignarli G. Via S. Francesc n. 59 FAX 0773/610768 Spett.le Cpyline

Dettagli

RICHIESTA CERTIFICATO DI IDONEITA DELL ALLOGGIO E DI CONFORMITA AI REQUISITI IGIENICO SANITARI

RICHIESTA CERTIFICATO DI IDONEITA DELL ALLOGGIO E DI CONFORMITA AI REQUISITI IGIENICO SANITARI Aggirnament 2016 ORIGINALE/COPIA Al Cmune di BRUNATE ISTANZA N. / PROTOCOLLO GENERALE via alla Chiesa 2 22034 BRUNATE (CO) Marca da bll eur 16,00 Area Tecnica Il/La sttscritt/a: RICHIESTA CERTIFICATO DI

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNALE. Settore LAVORI PUBBLICI - MANUTENZIONE

DETERMINAZIONE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNALE. Settore LAVORI PUBBLICI - MANUTENZIONE COP IA COMUNE DI SANTO STEFANO BELBO Prvincia di Cune DETERMINAZIONE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNALE Settre LAVORI PUBBLICI - MANUTENZIONE N. 33 del 30/05/2012 Il Respnsabile del Servizi: Gem. Luigi BIESTRO

Dettagli

Titolo I Definizioni. ART. 1 (Campo di applicazione e definizione dei soggetti)

Titolo I Definizioni. ART. 1 (Campo di applicazione e definizione dei soggetti) Reglament per la sicurezza e la salute dei lavratri sul lug di lavr della Scula Nrmale Superire emanat cn D.D. n.168 del 29 marz 2006 e affiss all Alb Ufficiale in data 29 marz 2006 Titl I Definizini ART.

Dettagli

... La sottoscritta..., con sede legale in (ragione sociale)..., capitale sociale. Euro.. interamente versato; iscritta al Tribunale di...

... La sottoscritta..., con sede legale in (ragione sociale)..., capitale sociale. Euro.. interamente versato; iscritta al Tribunale di... BOLLO DA 16,00 Mdell 2INST (Aggirnat il 28.9.2015) Al Cmune di Milan Settre Parcheggi e Sprtell Unic per la Mbilità c/ Uffici Prtcll Via Beccaria, 19 20122 MILANO MI OGGETTO: Richiesta di installare un

Dettagli

ISTRUZIONI D USO E MANUTENZIONE. Dispositivo di ancoraggio UNI EN 795 0302 No. Di Cat. REIT001 CLASSE B EASY-STOP

ISTRUZIONI D USO E MANUTENZIONE. Dispositivo di ancoraggio UNI EN 795 0302 No. Di Cat. REIT001 CLASSE B EASY-STOP ISTRUZIONI D USO E MANUTENZIONE Dispsitiv di ancraggi UNI EN 795 0302 N. Di Cat. REIT001 CLASSE B EASY-STOP 2 Indice INDICAZIONI GENERALI ASSEMBLAGGIO DEL DISPOSITIVO MONTAGGIO DEL DISPOSITIVO UTILIZZO

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO ISO 9001:2000 Prvincia di Firenze Uffici Gestine Rifiuti e Bnifica Siti Inquinati PROGETTO ESECUTIVO DEL SISTEMA DI BONIFICA DEL SITO INDUSTRIALE DI PIANVALLICO FI021 COMUNI DI SCARPERIA SAN PIERO A SIEVE

Dettagli

PROGETTO: ADEGUAMENTO SITO INTERNET COMUNALE ALLE NORME W3C IN TEMA DI ACCESSIBILITA' ED USABILITA'

PROGETTO: ADEGUAMENTO SITO INTERNET COMUNALE ALLE NORME W3C IN TEMA DI ACCESSIBILITA' ED USABILITA' PROGETTO: ADEGUAMENTO SITO INTERNET COMUNALE ALLE NORME W3C IN TEMA DI ACCESSIBILITA' ED USABILITA' 1. Finalità Le ragini del prgett: Il sit internet del Cmune è stat realizzat nel 2002 nella sua attuale

Dettagli

Raccomandiamo di leggere attentamente il presente manuale prima di procedere all'accensione

Raccomandiamo di leggere attentamente il presente manuale prima di procedere all'accensione 4) 1. Istruzini di Sicurezza Raccmandiam di leggere attentamente il presente manuale prima di prcedere all'accensine dell'ups! 1.1 Trasprt Cntrllare che l'imball dell'ups in cartne sia integr. 1.2 Set-up

Dettagli

Prot.3350/a10 Del 15/12/2015 Al Personale Docente e A.T.A. della scuola

Prot.3350/a10 Del 15/12/2015 Al Personale Docente e A.T.A. della scuola MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE ORSA MAGGIORE 00144 Rma Via dell Orsa Maggire, 112 Municipi IX Sede Amministrativa

Dettagli

DESCRIZIONE INTERVENTI TECNICI EFFETTUATI PER ATTESTAZIONE DI CONFORMITA

DESCRIZIONE INTERVENTI TECNICI EFFETTUATI PER ATTESTAZIONE DI CONFORMITA PRIVACY IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DESCRIZIONE INTERVENTI TECNICI EFFETTUATI PER ATTESTAZIONE DI CONFORMITA ALLE DISPOSIZIONI DELL ALLEGATO B AL D. LGS. N. 196/2003 CODICE IN MATERIA DI PROTEZIONE DEI

Dettagli

ALLEGATO 2. CAPITOLATO TECNICO

ALLEGATO 2. CAPITOLATO TECNICO Minister dell Istruzine, dell Università e della Ricerca ISISS F. Daveri N. Casula Via Bertlne 13-21100 VARESE Tel. 0332 283200 Fax 0332 239389 Vais01300g@pec.istruzine.it ALLEGATO 2. CAPITOLATO TECNICO

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO

POLITECNICO DI TORINO POLITECNICO DI TORINO Allegat 10 Dispsizini Edili ed Impiantistiche Cncessine dei servizi di gestine bar (di cui alla categria 17 dell Allegat II B del cdice dei cntratti cdice CPV 55410000-7) press le

Dettagli

MATERIALI CONTENENTI AMIANTO

MATERIALI CONTENENTI AMIANTO Cmune di Terruggia Servizi Tecnic Via Marcni, 9 15030 Terruggia (AL) Tel.0142.401400 Fax 0142.401471 e-mail: tecnic@cmune.terruggia.al.it C.F. 00458160066 MATERIALI CONTENENTI AMIANTO Elenc nn esaustiv

Dettagli

Booster. Serie N. Pressione iniziale fino a 13 bar - pressione finale fino a 45 bar Portate da 0,28 a 18,1 m3/min

Booster. Serie N. Pressione iniziale fino a 13 bar - pressione finale fino a 45 bar Portate da 0,28 a 18,1 m3/min Bster Serie N ressine iniziale fin a bar - pressine finale fin a bar rtate da 0,8 a 8, m/min erché i bster? fferta di differenti livelli di pressine fa dell aria cmpressa un vettre di energia ancra più

Dettagli

Data Inizio : Non Specificato Termine : Non Specificato Gruppo : Costo : 3000 EUR Location : Viterbo, Roma, Latina Livello :

Data Inizio : Non Specificato Termine : Non Specificato Gruppo : Costo : 3000 EUR Location : Viterbo, Roma, Latina Livello : Data Inizi : Nn Specificat Termine : Nn Specificat Grupp : Cst : 3000 EUR Lcatin : Viterb, Rma, Latina Livell : Crs ASPP-RSPP mdul Atec B (dal B1 al B9) Crs prfessinalizzante per la figura esterna di Respnsabili

Dettagli

A. Relazione illustrativa

A. Relazione illustrativa Cntrattintegrativecnmicperl utilizzazinedelfnddelpersnalenn dirigenzialeann2012sttscrittil24settembre2012.relazineillustrativae tecnicfinanziaria(articl 40, cmma 3 sexies, Decret Legislativ n.165/2001;

Dettagli

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI PER L EMITTENZA RADIO E TELEVISIVA

RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER L INSTALLAZIONE DI IMPIANTI PER L EMITTENZA RADIO E TELEVISIVA Cmune di Rimini Settre Sprtell Unic per le Attività Prduttive Area Tecnica R-TV Dc. 2 Via Rsaspina n 7-47900 Rimini www.sprtellunic.rimini.it E-mail: sprtellareatecnica@cmune.rimini.it c.f.-p.iva 00304260409

Dettagli

Principi di sicurezza nell attrezzare aree di soccorso. Ester Baldi Infermiera IRCCS Don Carlo Gnocchi Firenze

Principi di sicurezza nell attrezzare aree di soccorso. Ester Baldi Infermiera IRCCS Don Carlo Gnocchi Firenze Principi di sicurezza nell attrezzare aree di sccrs Ester Baldi Infermiera IRCCS Dn Carl Gncchi Firenze Obiettivi: Cncett e frme di rischi nel cntest dell emergenza Cme riuscire a ridurre i rischi Cncett

Dettagli