1 - PREMESSA. 2 2 PRINCIPALI LEGGI DI RIFERIMENTO UTILIZZATE. 3 3 PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "1 - PREMESSA. 2 2 PRINCIPALI LEGGI DI RIFERIMENTO UTILIZZATE. 3 3 PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO."

Transcript

1

2 SOMMARIO 1 - PREMESSA PRINCIPALI LEGGI DI RIFERIMENTO UTILIZZATE PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO CARATTERISTICHE DELL EDIFICIO E PROBLEMATICHE DI SICUREZZA Descrizine generale dell edifici Prblematiche di carattere edile Prblematiche cnnesse all impiant antincendi Prblematiche relative agli impianti elettrici INTERVENTI PREVISTI Descrizine degli interventi di tip edile Descrizine degli interventi relativi all impiant antincendi Descrizine degli interventi relativi all impiant elettric

3 Adeguament alle nrme di prevenzine incendi della scula secndaria A. Zappata P.zza D. Alighieri, Cmacchi (FE) RELAZIONE TECNICA 1 - PREMESSA La presente relazine tecnica si riferisce alla descrizine dell stat di fatt e degli interventi e delle pere necessarie all adeguament alle nrme di prevenzine incendi della scula secndaria A. Zappata di P.zza D. Alighieri, 15, a Cmacchi (FE). L edifici viene utilizzat cme pless sclastic per l istruzine secndaria e la relazine tecnica specialistica ha l scp di frnire le indicazini relative agli interventi da realizzarsi affinché l stess presenti un livell di sicurezza cnfrme a quant prescritt dalle leggi e dalle nrmative in vigre. 2

4 2 PRINCIPALI LEGGI DI RIFERIMENTO UTILIZZATE Per la stesura del presente prgett sn state utilizzate, quale riferiment, le seguenti principali Leggi: Legge 186/68 "Dispsizini cncernenti la prduzine di materiali, apparecchiature, macchinari e installazine di impianti elettrici ed elettrnici"; DM 18/12/1975 Nrme tecniche aggirnate relative all edilizia sclastica, ivi cmpresi gli indici di funzinalità didattica, edilizia ed urbanistica, da sservarsi nell esecuzine di pere di edilizia sclastica ; Decret 26/08/92 Nrme di prevenzine incendi per l edilizia sclastica ; DMI 12/04/1996 Apprvazine della regla tecnica di prevenzine incendi per la prgettazine, la cstruzine e l esercizi degli impianti termici alimentati da cmbustibili gasssi ; Decret MI.S.E. 37/08 Reglament cncernente l attuazine dell articl 11- quaterdecies, cmma 13, lettera a) della Legge 248 del 2 Dicembre 2005, recante rirdin delle dispsizini in materia di attività di installazine degli impianti all intern degli edifici ; D.Lgs. 81/2008 Test unic sulla salute e sicurezza sul lavr Attuazine dell articl 1 della Legge 3 Agst 2007 nr. 13 in materia di tutela della salute e della sicurezza nei lughi di lavr ; DPR 151/2011 Reglament recante semplificazine della disciplina dei prcedimenti relativi alla prevenzine degli incendi, a nrma dell'articl 49, cmma 4-quater, del decret-legge 31 maggi 2010, n. 78, cnvertit, cn mdificazini, dalla legge 30 lugli 2010, n. 122 ; DMI 7/8/2012 Mdalità di presentazine delle istanze previste dal DPR 151/2011. Per quell che riguarda gli interventi di carattere impiantistic, sn state utilizzate tutte le nrmative UNI e CEI in vigre, cn particlare riferiment alle seguenti: Nrma UNI EN 1838 Illuminazine di emergenza ; Nrma UNI 9795 Sistemi fissi autmatici di rivelazine, di segnalazine manuale, e di allarme incendi Sistemi dtati di rivelatri puntifrmi di fum e calre, rivelatri ttici lineari di fum e punti di segnalazine manuale ; UNI 10779/07 - Impianti di estinzine incendi - Reti di idranti; Nrma UNI Lcali sclastici. Criteri generali per l'illuminazine artificiale e naturale ; UNI EN Lcali destinati ad spitare gruppi di pmpaggi per impianti antincendi - Caratteristiche cstruttive e funzinali ; UNI EN Installazini fisse antincendi - Sistemi autmatici a sprinkler - Prgettazine, installazine e manutenzine ; Nrma CEI " Apparecchiature assiemate di prtezine e di manvra per bassa tensine (quadri BT) "; Nrma CEI 64-8 "Impianti elettrici utilizzatri a tensine nminale nn superire a 1000 V in crrente alternata e a 1500 V in crrente cntinua"; Nrma CEI Edilizia ad us residenziale e terziari. Guida per l'integrazine degli impianti elettrici utilizzatri e per la predispsizine di impianti ausiliari, telefnici e di trasmissine dati negli edifici. Criteri particlari per edifici sclastici ; Nrma CEI "Prtezine cntr i fulmini". e cmunque tutte le nrme nn richiamate spra ed applicabili al cas, le nrme di prevenzine incendi, le dispsizini e le nrmative USL. 3

5 3 PROGETTO DEFINITIVO ESECUTIVO Il presente prgett è cmpst dai seguenti elabrati: Cdice elabrat Descrizine Scala Agg.t 2014_PE_01 Interventi sugli impianti di prtezine attiva antincendi Pian 1:100 terra 2014_PE_02 Interventi sugli impianti di prtezine attiva antincendi Pian 1:100 prim 2014_PE_03 Impianti di prtezine attiva antincendi Particlari cstruttivi _PE_04 Centrale termica Interventi di adeguament nrmativ _PE_05_1 Inquadrament interventi edili pian terra 1:100 23/02/ _PE_06_1 Inquadrament interventi edili pian prim 1:100 23/02/ _PE_07_1 Interventi strutturali Particlari cstruttivi 1:25 1:10 14/10/ _PE_08_1 Interventi edili Particlari cstruttivi Abac infissi - 23/02/ _PE_RTS_1 Relazine tecnica specialistica - 23/02/ _PE_AC Allegati di calcl (AC1) Calcl della rete antincendi - (AC2) Calcl prbabilistic della fulminazine (AC3) Relazine di calcl strutturale 2014_PE_PM Pian di manutenzine _PE_PSC Pian di sicurezza e crdinament _PE_CME_2 Cmput metric estimativ - 23/02/ _PE_EPU_2 Elenc prezzi unitari - 23/02/ _PE_CSA_1 Capitlat speciale d appalt - 23/02/ _PE_MDO_1 Quadr dell incidenza percentuale della man d pera - 23/02/ _PE_AP_1 Analisi dei prezzi unitari - 23/02/ _PE_CP_1 Crnprgramma - 23/02/2015 4

6 4 CARATTERISTICHE DELL EDIFICIO E PROBLEMATICHE DI SICUREZZA Descrizine generale dell edifici Il fabbricat, di tip indipendente, è dedicat alla sla attività sclastica, circndat su tre lati da crtile ad us esclusiv e cnfinante, sul lat Nrd-Est, cn la V. dei Mercanti. L edifici è cmpst da un unic crp di fabbrica cstituit da due piani furi terra (pian rialzat e prim). Le principali caratteristiche dimensinali del fabbricat sn le seguenti: Altezza massima Altezza in grnda Altezza antincendi Pian rialzat Pian prim Superficie in pianta Ttale superficie in pianta 10,00 m. circa 8,50 m. circa 5,70 m. circa 845 m 2 circa 845 m 2 circa m 2 circa Il pian rialzat presenta: l atri di ingress; 6 aule didattiche; 2 gruppi di servizi igienici di cui un cn bagn disabili; un aula di sstegn; un aula di musica; un lcale ristr per persnale nn dcente; una bibliteca saltuariamente utilizzata cme piccla sala riunini; 5

7 un archivi cartace; un ripstigli per attrezzi e materiali per le pulizie; la centrale termica e la sala pmpe dell impiant di riscaldament. Il pian prim presenta: 6 aule didattiche; un ulterire aula didattica (nn utilizzata nell ann sclastic 2013/14); 2 gruppi di servizi igienici; un ripstigli nn utilizzat; un aula di sstegn; un aula di infrmatica; 3 lcali adibiti rispettivamente a Presidenza, Segreteria e aula insegnanti. L uscita dall edifici è assicurata: al pian rialzat dalla prta di ingress principale (prspett Sud-Est) e da due uscite che adducn direttamente su lug sicur (crtile intern); al pian prim dalla scala interna e da 2 scale esterne antincendi, una cn struttura in CLS, l altra in carpenteria metallica Prblematiche di carattere edile Le prblematiche di carattere edile pssn essere riassunte cme segue: 1. Nel crtile psterire estern dell edifici sn presenti due vecchie cisterne interrate del gasli della centrale termica, che dvrann, previa bnifica dei fndami ancra presumibilmente presenti al su intern, essere rimsse; 2. Le uscite di sicurezza dei crridi sui lati Sud-Ovest e Nrd-Est, su entrambi i piani, nn rispettan le misure minime richieste dalla nrmativa in merit alla luce netta di passaggi; 3. I lcali a rischi specific presenti nell edifici (bibliteca, archivi, ripstigli pian terra, archivi prim pian e centrale termica) presentan un grad di resistenza al fuc REI, delle strutture prtanti e nn, insufficiente se cmmisurat cn il caric d incendi specific di prgett (necessari R/EI120); 4. Le prte tagliafuc presenti nei lcali spra elencati, sia pur in discrete cndizini manutentive e di cnservazine, nn pssiedn certificazini di alcun tip; 5. I maniglini antipanic esistenti, installati su prte tagliafuc e nn, nn pssiedn certificazini di alcun tip; Prblematiche cnnesse all impiant antincendi L impiant di spegniment incendi è attualmente cstituit da 6 idranti UNI 45 distribuiti su tre clnne mntanti, alimentati da una rete di distribuzine cstituita da tubazini in acciai zincat, psate a vista stt muratura all intern dell edifici. L impiant è allacciat a un grupp pmpe bslet, in pessime cndizini cnservative e manutentive e prbabilmente nn funzinante, installat nel crtile estern psterire dell edifici. L stat delle tubazini nn cnsente di garantire la prtezine da gel e fuc. 6

8 Analgamente tutt l impiant nn è in grad di assicurare le prestazini idrauliche richieste dalla nrma, né è pssibile garantire cstantemente la presenza di un idnea riserva idrica. L impiant antincendi nn è pertant asslutamente cnfrme a quant richiest dal punt 9.1 del Decret 26/08/92. All intern della scula sn inltre presenti estintri a plvere idnei a sddisfare quant richiest al punt 9.2 del Decret 26/08/92 per la cpertura dell edifici e che andrann integrati in quant in numer nn sufficiente Prblematiche relative agli impianti elettrici L impiant elettric a servizi dell attività appare cmplessivamente in discrete cndizini di cnservazine. Ciò nnstante, dai rilievi e dalle indagini eseguite, sn emerse le seguenti prblematiche: 1. l impiant di illuminazine di sicurezza, cstituit da lampade autalimentate ad intervent autmatic in cas di black-ut, è quasi ttalmente nn funzinante per bslescenza e cattiv stat di manutenzine dei cmpnenti e deve essere integrat in alcuni lcali e zne dell edifici; 2. il sistema di sganci di emergenza dell inter impiant elettric è insufficiente e deve essere integrat; 3. i due servizi igienici per persne cn limitata impedita capacità mtria sn sprvvisti di impiant di chiamata; 4. i lcali a rischi specific di entrambi i piani utilizzati cme archivi, ripstigli e la bibliteca del pian terra, in quant cn caric d incendi superire a 30 kg/m 2, devn essere equipaggiati cn un impiant di rivelazine incendi autmatic. 7

9 5 - INTERVENTI PREVISTI Descrizine degli interventi di tip edile Cn riferiment ai singli cmmi del punt 4.2, si prevede l esecuzine dei seguenti interventi: risanament e bnifica delle cisterne interrate, cn degassificazine dei serbati, pulizia cn asprtazine dei residui, bnifica e sgrassaggi pareti cn acqua e slventi, aspirazine dei reflui, smaltiment e trasprt a discarica autrizzata; smntaggi e smaltiment dei vecchi infissi installati lung le uscite di sicurezza dei crridi lat Sud-Ovest e Nrd-Est, su entrambi i piani; pere edili per allargament e riquadratura cn prfili in acciai delle luci di uscita; pere edili di adattament della scala esterna in CLS, cn rifaciment spallature prte, demlizine e ricstruzine parapetti, allargament slai, getti, intnaci, tinteggiature e ripristin al finit; pere edili e di carpenteria metallica per adattament scala antincendi in ferr, cn rifaciment spallature prte, smntaggi e adattament parapetti, allargament slai, getti, intnaci, tinteggiature e ripristin al finit; installazine di nuvi serramenti in allumini apribili a spinta vers l estern e manigline antipanic; adeguament nrmativ dei lcali a rischi specific (bibliteca, archivi, ripstigli pian terra, archivi prim pian e centrale termica), cn demlizine e smaltiment dei materiali esistenti nn idnei, realizzazine di cntrsffitti, cntrpareti e pareti in cartngess cn adeguata resistenza al fuc R/REI120, il tutt previ smntaggi e rimntaggi dei cmpnenti impiantistici presenti e finitura delle superfici interessate cn ripristini e tinteggiature; installazine di griglie metalliche sulle finestre apribili della bibliteca, dell archivi e del ripstigli del pian terra e dell archivi del prim pian; installazine di prte REI120 certificate nei lcali a rischi specific; installazine di maniglini antipanic di tip push-bar sugli infissi in allumini presenti nell ingress principale; installazine di cartellnistica antincendi mnitria e di indicazine, ad integrazine della cartellnistica esistente Descrizine degli interventi relativi all impiant antincendi Generalità L impiant antincendi sarà cstituit dai seguenti cmpnenti principali: serbati di accumul per installazine sprasul, cn prtezine antigel, da 10 m 3 di capienza, mantenut pien dalla rete idrica del fabbricat; grupp di pressurizzazine cnfrme alle nrme UNI EN cmplet di bx prefabbricat a nrma UNI EN 11292; attacc sttsul per autpmpa VV.F., sit in crrispndenza dell ingress dei mezzi di sccrs su V. Rinascita; rete idrica di distribuzine, nel crtile intern, cn cnfrmazine ad anell e realizzata cn tubazini in PeAD psate interrate; clnne mntanti. I tratti di drsali interne sarann in acciai zincat senza saldatura diam. 2, psate in vista a parete, prive di prtezine dal fuc in quant sempre in ambienti a caric di incendi null (crridi e atri cmuni); valvle di intercettazine per il sezinament dell impiant; naspi psati in cassetta da estern, cn attacc UNI 25 e tubazine semirigida da 20 m. Il psizinament dei naspi garantisce la cpertura di tutte le aree interne del fabbricat. I cmpnenti dell'impiant sarann cstruiti, cllaudati e installati in cnfrmità alla specifica nrmativa vigente. 8

10 La pressine nminale dei cmpnenti del sistema sarà superire alla pressine massima che il sistema può raggiungere in gni circstanza. Grupp di pressurizzazine Il grupp di pressurizzazine, cnfrme alle nrme UNI EN 12845, sarà di tip prefabbricat e installat all intern di un bx crredat di tutti i cmpnenti e accessri per renderl cnfrme alla nrma UNI vigente in merit ai lcali tecnici per gruppi di pressurizzazine antincendi. Il grupp sarà installat sttbattente, sarà dtat di mtpmpa ed elettrpmpa di mandata e di pressurizzazine, in grad di assicurare prtata e pressine richiesti dalle nrmative (in grad ciè di garantire una pressine residua di 2 bar al nasp idraulicamente più sfavrit, cnsiderand un ergazine cntempranea di 35 l/min dei 4 naspi idraulicamente più sfavriti). Il grupp è cmpst dai seguenti elementi: mtpmpa diesel cn cppia di batterie di avviament, serbati cmbustibile cn indicatre di livell e supprt di sstegn, cllettre di scaric cn silenziatre di tip industriale, giunt antivibrante sulla mandata; elettrpmpa di servizi rizzntale multistadi ed elettrpmpa pilta; cllettri di aspirazine e di mandata; valvla di intercettazine e valvla di ritegn mntate tra gni pmpa e il cllettre di mandata; valvla di intercettazine mntata sulla bcca di aspirazine di gni elettrpmpa; misuratre di prtata a lettura diretta installat su cllettre dedicat dtat delle relative intercettazini; quadr elettric di cmand indipendente per gni pmpa. Il quadr della pmpa di servizi è dtat della mrsettiera necessaria al cllegament cn l unità di allarme remt per la segnalazine dell assenza di alimentazine elettrica; tubazine di scaric fumi, prese d aria, sistema lcale di estinzine incendi cn sprinkler, sistema di riscaldament mediante ventilcnvettre e termstat per garantire la temperatura minima interna, punt luce nrmale e punt luce di emergenza, ventilatre di espulsine alimentat da grupp di cntinuità per 6 re cme previst dalla nrma, serbati gasli cn bacin di racclta, estintre di classe 34A144 BC. Il grupp è realizzat in esecuzine mnblcc ttalmente preassemblat su un basament cmune, a cui le pmpe sn fissate mediante bullni e i quadri di cntrll tramite supprti. Serbati 9

11 Il serbati di accumul presenterà le seguenti caratteristiche: esecuzine in acciai FE S235JR; fndi e fasciame cn spessre 50/10 mm. sin al diametr 2500 e 60/10 per i diametri maggiri; saldature interne-esterne realizzate secnd UNI EN ; rivestiment intern ed estern di prtezine; cnnessini per cllegamenti elettridraulici e scaric trpp pien. Il serbati sarà psat sprasul in prssimità del nuv bx antincendi. Sarà realizzat un basament in cement armat sul quale la vasca verrà fissata. L apprvviginament idric sarà assicurat attravers il cllegament della vasca cn la rete idrica già presente all intern dell edifici sclastic. Tubazini Le tubazini cstituenti l impiant, sia nelle zne furi terra che in quelle interrate, sarann cnfrmi alle specifiche nrmative di riferiment. Le tubazini sarann installate in md da nn risultare espste a danneggiamenti per urti meccanici in particlare per il passaggi di autmezzi. Nei lcali zne dell edifici nn riscaldate ve sia pssibile il pericl di gel, le tubazini antincendi sarann cibentate esternamente cn guaine in materiale espans di spessre minim 30 mm. e finitura esterna di prtezine. Nell attraversament di strutture verticali e rizzntali, quali pareti slai, sarann previste le necessarie precauzini atte a evitare la defrmazine delle tubazini il danneggiament degli elementi cstruttivi derivanti da dilatazini da cedimenti strutturali. Le tubazini interrate sarann installate tenend cnt della necessità di prtezine dal gel e da pssibili danni meccanici La prfndità di psa nn sarà minre di 0,8 m. dalla generatrice superire della tubazine. Sstegni Il tip il materiale e il sistema di psa dei sstegni delle tubazini sarann tali da assicurare la stabilità dell impiant nelle più severe cndizini di esercizi raginevlmente prevedibili. In particlare: i sstegni sarann in grad di assrbire gli sfrzi assiali e trasversali in fase di ergazine; il materiale utilizzat per qualunque cmpnente del sstegn sarà nn cmbustibile; i cllari sarann chiusi attrn ai tubi; nn sarann utilizzati sstegni aperti (cme ganci a uncin simili); nn sarann utilizzati sstegni ancrati tramite graffe elastiche; nn sarann utilizzati sstegni saldati direttamente alle tubazini né avvitati ai relativi raccrdi. Ciascun trnc di tubazine sarà supprtat da un sstegn, ad eccezine dei tratti di lunghezza minre di 0,6 m., dei mntanti e delle discese di lunghezza minre a 1 m. per i quali nn sn richiesti sstegni specifici. Il psizinament dei supprti garantirà la stabilità del sistema. In generale la distanza tra due sstegni nn sarà maggire di 4 m., cme prescritt per tubazini di dimensini minri a DN 65. Valvle di intercettazine 10

12 Le valvle di intercettazine della rete antincendi sarann di tip indicante la psizine di apertura/chiusura, sarann psate entr pzzett interrat e sarann cnfrmi alla UNI EN La distribuzine delle valvle di intercettazine sarà realizzata in md da cnsentire l'esclusine di parti di impiant per manutenzine mdifica, senza dvere gni vlta mettere furi servizi l'inter sistema. Le valvle di intercettazine sarann blccate mediante appsit sigill nella psizine di nrmale funzinament. Naspi I naspi sarann cnfrmi alla UNI EN e le relative tubazini semirigide antincendi sarann cnfrmi alla UNI EN 694. I naspi sarann psizinati in md che gni parte dell'attività sia raggiungibile cn la manichetta di almen un di essi e sarann installati in psizine ben visibile e facilmente raggiungibile, in prssimità di uscite di emergenza vie di fuga in md da nn staclare l'esd dai lcali. Segnalazini Tutti i cmpnenti dell impiant antincendi sarann segnalati cnfrmemente alle nrmative vigenti. Ogni cartell installat sarà cnfrme al D.Lgs. 81/08. Attacc di mandata per autpmpa L attacc di mandata per autpmpa sarà cllegat alla nuva rete antincendi e sarà cstituit dai seguenti elementi: bcchetta di immissine cnfrme alla specifica nrmativa di riferiment, cn diametr nn inferire a DN 70, dtata di attacc a vite cn girell prtetta cntr l'ingress di crpi estranei nel sistema; valvla di intercettazine che cnsenta l'intervent sui cmpnenti senza vutare l'impiant; valvla di nn ritrn altr dispsitiv att ad evitare furiuscita d'acqua dall'impiant in pressine; valvla di sicurezza tarata a 12 bar, per sfgare l'eventuale svrapressine dell'autpmpa. Gli attacchi avrann inltre le seguenti caratteristiche: installati sttsul in appsiti pzzetti apribili senza difficltà; ancrati al sul e prtetti da urti altri danni meccanici e dal gel. accessibili dall autpmpa in md agevle e sicur, anche durante l'incendi; cntrassegnati in md da permettere l'immediata individuazine dell'impiant che alimentan e segnalati mediante cartelli iscrizini riprtanti la dicitura ATTACCO PER AUTOPOMPA VV.F Descrizine degli interventi relativi all impiant elettric Alla luce di quant espst al paragraf 4.4, gli interventi relativi all impiant elettric sarann i seguenti: 1. Realizzazine di un nuv impiant di illuminazine di sicurezza in grad di assicurare, anche in cas di mancanza di alimentazine dell illuminazine nrmale, l esd sicur da un lug frnend apprpriate cndizini di visibilità (illuminazine di sicurezza) e che sarà destinat ad evitare il panic e a frnire l illuminazine necessaria per raggiungere un lug da cui pssa essere identificata una via di esd (illuminazine antipanic). L impiant di illuminazine di emergenza sarà cstituit da apparecchi ad alimentazine autnma e ad entrata in funzine autmatica (immediata) in cas di black ut. L autnmia delle lampade è di 1 ra (ricarica cmpleta entr 12 h.), la lr dispsizine, evidenziata negli elabrati grafici allegati, sarà tale da garantire 11

13 un livell di illuminament pari a 5 lux a 1 m. dal pian di calpesti, cn particlare riguard a uscite di sicurezza, cambi di direzine, intersezine di crridi, immediatamente all estern di gni uscita, nelle vicinanze di punti di prnt sccrs, dispsitivi antincendi e punti di chiamata; 2. Installazine di pulsanti di sganci di emergenza, in grad di disattivare l inter impiant elettric dell edific e cnsentire interventi da parte di persnale addestrat (VV.F.) in cndizini di perfetta sicurezza. Sarann installati in prssimità dei punti nei quali si iptizza l ingress da parte delle squadre VV.F. 3. Realizzazine di un impiant di rivelazine incendi, cmpst da centrale di rivelazine cn alimentatre supplementare e batteria tampne interna da installare in lcale presidiat (ingress principale zna bidelli), rivelatri puntifrmi di tip ttic (nei lcali a rischi specific), pulsanti di attivazine manuale di allarme (distribuiti lung le vie di fuga in ragine di un gni max 30 m.), avvisatri ttic acustici di allarme interni e da estern, cmbinatre telefnic. 12

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14

Sconti e agevolazioni speciali in CONVENZIONE em.01 14 Sigeim Energia srl Ftvltaic Veicli elettrici Batterie slari Scnti e agevlazini speciali in CONVENZIONE em.01 14 Negli ultimi 6 anni la Sigeim Energia si è dedicata alla prgettazine e installazine di impianti

Dettagli

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti.

Abstract: una versione sintetica della tua relazione. Il lavoro di ricerca e progettazione svolto prima di cominciare gli esperimenti. COME SCRIVERE LA RELAZIONE DEL PROGETTO La tua relazine finale deve includere le seguenti sezini: Titl Abstract: una versine sintetica della tua relazine. Indice. Dmanda, variabili e iptesi. Il lavr di

Dettagli

Aggiornamento remoto della chiave hardware

Aggiornamento remoto della chiave hardware AMV S.r.l. Via San Lrenz, 106 34077 Rnchi dei Leginari (Grizia) Italy Ph. +39 0481.779.903 r.a. Fax +39 0481.777.125 E-mail: inf@amv.it www.amv.it Cap. Sc. 10.920,00 i.v. P.Iva: IT00382470318 C.F. e Iscriz.

Dettagli

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO

MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO MODELLO RI2 DOMANDA DI RILASCIO/RINNOVO AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPO IDRICO SUPERFICIALE PER IMPIANTI A SCAMBIO TERMICO Riepilg dcumentazine 1 2 Istanza di autrizzazine all scaric in crp idric

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER PRIVATI Md. 1 - Privati D.P.G.R n in data Eventi eccezinali del/dal..al (gg/mese/ann). MODULO PER PRIVATI Cn il presente mdul pssn essere segnalate anche vci di dann nn ricmprese nella LR 4/97 Da cnsegnare al

Dettagli

PER IMPIEGHI SPECIALI FINO A 1000 VOLT PROGRAMMA. T Giraviti VDE. T Assortimenti VDE. T Pinze VDE. T Cricchetti VDE

PER IMPIEGHI SPECIALI FINO A 1000 VOLT PROGRAMMA. T Giraviti VDE. T Assortimenti VDE. T Pinze VDE. T Cricchetti VDE ER IMIEGHI SECIALI FINO A 1000 VOL ROGRAMMA Giraviti VDE inze VDE Cricchetti VDE Assrtimenti VDE 1 2 UENSILI GEDORE VDE utti gli utensili i sicurezza GEDORE mlgati VDE in plastica mrbia sn tati i islament

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Quadri fissi con interruttore automatico tipo NXPLUS C fino a 24 kv, isolati in gas

Quadri fissi con interruttore automatico tipo NXPLUS C fino a 24 kv, isolati in gas www.siemens.cm/medium-vltage-switchgear Quadri fissi cn interruttre autmatic tip NXPLUS C fin a kv, islati in gas Quadri di media tensine Catalg HA 5. 0 Answers fr infrastructure and cities. R-HA5-6.tif

Dettagli

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE DATALOG ITALIA SRL LA FATTURAZIONE ELETTRONICA VERSO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE La Finanziaria 2008 ha stabilit che la fatturazine nei cnfrnti delle amministrazini dell stat debba avvenire esclusivamente

Dettagli

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II

Università degli Studi di Lecce Facoltà di Ingegneria Informatica N.O. A.A. 2003/2004. Tesina Esame di Elettronica Analogica II Università degli Studi di Lecce Facltà di Ingegneria Infrmatica N.O. A.A. /4 esina Esame di Elettrnica Analgica II Studentessa: Laura Crchia Dcente: Dtt. Marc Panare INDICE Presentazine del prgett del

Dettagli

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H

Manuale d uso. Manuale d uso EPIC 10 codice articolo 5400321-03 Rev. H Manuale d us Manuale d us EPIC 10 cdice articl 5400321-03 Rev. H INDICE Indice... 1 Intrduzine... 4 1. Cnfezine... 5 1.1 Elenc dei cmpnenti del sistema... 5 1.2 Dati Tecnici... 5 2. Descrizine dell apparecchiatura...

Dettagli

Scheda di sintesi Armenia

Scheda di sintesi Armenia VI. Prgramma prmzinale 2006: ARMENIA SCHEDA DI SINTESI ATTIVITA ne altri 1. EVENTI DI PROMOZIONE TURISTICA 1.1 Manifestazini fieristiche diffusine di ntizie tramite e-mail e Sit Internet dell Ambasciata

Dettagli

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI

SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI SPINE PER GLI IMPIANTI ELETTRICI Una spina elettrica è un cnnettre elettric che può essere inserit in una presa di crrente cmplementare. Per mtivi di sicurezza, il lat cstantemente stt tensine è sempre

Dettagli

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE

I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE I SERVIZI DI CUI AVETE BISOGNO OVUNQUE VOI SIATE La direttiva Servizi mira a ffrire ai cnsumatri più scelta, più qualità e un access più facile ai servizi in tutt il territri dell UE PERCHÉ LE NUOVE NORME

Dettagli

Allegato all'articolo Taglialeggi

Allegato all'articolo Taglialeggi Allegat all'articl Taglialeggi Tip att Titl dispsizi ni da abrgare 1 R.D. 773 18/06/1931 Apprvazine del test unic delle leggi di Le persne che hann l'bblig di prvvedere all'istruzine art. 12, elementare

Dettagli

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808

VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 VERBALE DELLA COMMISSIONE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA E DISINFEZIONE DEI LOCALI CAMERALI CIG N. 1310739808 L ann duemilaundici il girn 11 del mese di Aprile alle re 10:00, press la sede della

Dettagli

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto?

Chi è il soggetto che procede ad erogare il servizio di scambio sul posto? Quali sono i vantaggi di aderire al regime di scambio sul posto? Mdalità di access alla cnvenzine (13) Csa si intende per servizi di scambi sul pst? L scambi sul pst [Deliberazine ARG/elt 74/08, Allegat A Test integrat dell scambi sul pst (TISP)], è un meccanism che

Dettagli

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008

Manuale Amministratore. Edizione Ottobre 2008 Manuale Amministratre Edizine Ottbre 2008 Manuale Amministratre PaschiInTesreria - Ottbre 2008 INDICE 1. Intrduzine 3 2. Access Amministratre 4 3. Funzini Amministrative 6 3.1. Gestine Azienda 6 3.2. Gestine

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

(Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione )

(Fonte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmio energetico, le rinnovabili termiche e la cogenerazione ) CERTIFICATI BIANCHI (TITOLI DI EFFICIENZA ENERGETICA TEE) (Fnte: Vademecum Nextville 2013, Efficienza energetica, gli incentivi per il risparmi energetic, le rinnvabili termiche e la cgenerazine ) 1) MECCANISMO

Dettagli

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq

Dopo 30 giugno. Totale. TASSA D ISCRIZIONE 30 giugno RICHIESTE E CONDIZIONI DI PRENOTAZIONE SPAZI. DOPO QUANTITÀ 30 GIUGNO x mq Rma, 29-30-31 ttbre 2003, EUR, Palazz dei Cngressi DOMANDA DI AMMISSIONE A BIBLIOCOM BIBLIOTEXPO 2003 cmpilare in gni sua parte Dati aziendali DATI DELL AZIENDA TITOLARE DELLO STAND DATI PER LA FATTURAZIONE

Dettagli

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010

Nota tecnica riferita alla nota M.I.U.R. prot. n. 8409 del 30 luglio 2010 Nta tecnica riferita alla nta M.I.U.R. prt. n. 8409 del 30 lugli 2010 Oggett: Istruzini amministrativ-cntabili per le istituzini ggett di dimensinament. Le Istituzini sclastiche, per quant attiene all

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA

rigenerazione urbana volti a promuovere la riqualificazione Pulsano, viale dei Micenei n.70. PREMESSA RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Prgett di un intervent sit in Pulsan, lc. La Fntana, viale dei Micenei n.70 inserit nei prgrammi integrati di rigenerazine urbana vlti a prmuvere la riqualificazine di città

Dettagli

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato

RELAZIONE PROGETTO Breve descrizione del problema trattato RELAZIONE PROGETTO Irene Maria Girnacci Fndamenti di prgrammazine I ann laurea triennale Breve descrizine del prblema trattat Il prblema assegnat cnsiste nell svilupp di una agenda elettrnica, cmpsta da

Dettagli

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015.

REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denominato Scopri l'azerbaijan e vinci un biglietto per Expo2015. REGOLAMENTO del CONCORSO A PREMI denminat Scpri l'azerbaijan e vinci un bigliett per Exp2015. 1. SOCIETA PROMOTRICE Simmetric SRL Via V. Frcella 13, 20144 Milan P.IVA 05682780969 (di seguit la Prmtrice

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE N. 4091. D iniziativa dei deputati

PROPOSTA DI LEGGE N. 4091. D iniziativa dei deputati PROPOSTA DI LEGGE N. 4091 D iniziativa dei deputati SANTULLI, ARACU, BIANCHI CLERICI, CARLUCCI, GALVAGNO, GARAGNANI, LICASTRO SCARDINO, ORSINI, PACINI, PALMIERI, RANIERI Statut dei diritti degli insegnanti

Dettagli

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni

Progettare l ambiente di apprendimento. Valorizzare l esperienza e le conoscenze degli alunni Rendiam prduttive le riunini Per prgettare un mdell di scula: un apprcci culturale e filsfic un elabrazine pedaggica una prgettazine didattica frti cnscenze disciplinari L autnmia è: respnsabilità innvazine

Dettagli

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione

La retta è il luogo geometrico dei punti che soddisfano la seguente relazione RETTE Definizine intuitiva La retta linea retta è un dei tre enti gemetrici fndamentali della gemetria euclidea. Viene definita da Euclide nei sui Elementi cme un cncett primitiv. Un fil di ctne di spag

Dettagli

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5

Guida alla Convenzione TELEFONIA MOBILE 5 TELEFONIA MOBILE 5 Realizzat da azienda cn sistema di gestine per la qualità certificat ISO 9001:2008 Smmari 1. PREMESSA... 4 1.1 CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE SIM IN CONVENZIONE AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI...

Dettagli

1. CORRENTE CONTINUA

1. CORRENTE CONTINUA . ONT ONTNUA.. arica elettrica e crrente elettrica e e e e P N NP e e arica elementare carica dell elettrne,6 0-9 Massa dell elettrne m 9, 0 - Kg L atm è neutr. Le cariche che pssn essere spstate nei slidi

Dettagli

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800

Soci. Posteggio barche/canoa. Categoria Socio Tassa base Uso barche Uso natante Uso tutto. Socio attivo 150 350 550 800 TARIFFARIO 2015 Valid dal 01.02.2015 Sci Categria Sci Tassa base Us barche Us natante Us tutt Psteggi barche/cana Sci attiv 150 350 550 800 Sci attiv famiglia 160 400 600 800 Sci attiv Junir 50 *1) 100

Dettagli

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative

Università degli Studi di Messina Anno Accademico 2014/2015. Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Ambientali e Metodologie Quantitative Università degli Studi di Messina Ann Accademic 2014/2015 Dipartiment di Scienze Ecnmiche, Aziendali, Ambientali e Metdlgie Quantitative I MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO LIVELLO IN ECONOMIA BANCARIA E FINANZIARIA

Dettagli

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015

Dati dai questionari. Report preliminare. Maggio 2015 Dati dai questinari Reprt preliminare Maggi 2015 Dati Scule Regine Abruzz 3,9% 16 Basilicata 0,5% 2 Calabria 2,4% 10 Campania 3,9% 16 Emilia Rmagna 4,6% 19 Friuli Venezia Giulia 3,4% 14 Lazi 4,1% 17 Liguria

Dettagli

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation.

Silk Enterprise Content Management Collaboration, content, people, innovation. Cllabratin, cntent, peple, innvatin. The Need fr an Enterprise Cntent Management System In un mercat knwledge riented, estremamente cmpetitiv e dinamic, le Imprese di success sn quelle che gestiscn in

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione

1. Microsoft Power Point: costruire una presentazione Dtt. Pal Mnella Labratri di Infrmatica Specialistica per Lettere Mderne 2 semestre, A.A. 2009-2010 Dispensa n. 3: Presentazini Indice Dispensa n. 3: Presentazini...1 1. Micrsft Pwer Pint: cstruire una

Dettagli

Cos è il Master Essere HR Business Partner?

Cos è il Master Essere HR Business Partner? Cs è il Master Essere HR Business Partner? Un percrs che aiuta i prfessinisti HR ad andare ltre in termini di autrevlezza e fcalizzazine sul cliente e sui risultati. Quali biettivi permette di raggiungere?

Dettagli

referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione

referente e-mail PEC referente identificatore titolo descrizione referente e-mail PEC referente identificatre titl descrizi Avv. Pal Brgia - resp. cmu.mnterdibisacciacb@legalmail.it Settre Affari Gerali Avv. Pal Brgia - resp. cmu.mnterdibisacciacb@legalmail.it Settre

Dettagli

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti

SOAP qwerty Manuale Utente. Ver.1.0.20101105. Contenuti Ver.1.0.20101105 Cntenuti SOAP QWERTY 1. Per la Vstra Sicurezza... 4 2. Prfil del telefn... 7 3. Prim utilizz... 9 Installare la SIM Card... 9 Installare la Memry card... 11 Installare la Batteria... 12

Dettagli

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI

MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI MINISTERO DELLA DIFESA UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO E DEGLI AFFARI FINANZIARI II REPARTO- COOPERAZIONE INTERNAZIONALE 2 Uffici- Trattamenti ecnmici del persnale all'ester All.8 Indirizz Pstale: Via XX

Dettagli

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE

PREMESSA PREMESSA PREMESSA PRE PREMESSA PREMESSA I Servizi via internet, cellulare e telefn le permettn di perare in md semplice e dirett cn la Banca, dvunque lei sia, a qualsiasi ra del girn, scegliend di vlta in vlta il canale che

Dettagli

Ingegneria, Qualità e Servizi Engineering Process Owner

Ingegneria, Qualità e Servizi Engineering Process Owner Engineering Prcess Owner ING. FABIO GIANOLA Dati Anagrafici Nat a Milan il 25/11/1968. Nazinalità: Italiana Residenza: Milan Prfessine: Da Nvembre 2013 Amministratre Unic di I.Q.S. Ingegneria Qualità e

Dettagli

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x)

Understanding VMware HA. Le meccaniche di ridondanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) Understanding VMware HA Le meccaniche di ridndanza dei cluster VMware vsphere (v5.x) 1 «Chi sn?» Rcc Sicilia, IT Manager e Virtualizatin Architect. Attualmente sn respnsabile del team di Design di un System

Dettagli

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone

Parte II specifica Edificio RM022 - Villino A Via degli Apuli, 1-00185 Roma. Il Responsabile dell Uspp Arch. Simonetta Petrone PIANO DI EMERGENZA ED EVACUAZIONE (ai sensi del D.Lgs. 81/08 artt.18, 43, 46 e del D.M. 10/03/98 art. 5) Il presente documento è parte integrante del Documento di Valutazione dei Rischi di cui all art.

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

Condizioni Generali sito SOSartigiani.it

Condizioni Generali sito SOSartigiani.it Cndizini Generali sit SOSartigiani.it 1. Premesse 1.1 Il presente accrd è stipulat in Italia tra il Dtt. Lrenz Caprini, via Garibaldi 2, Trezzan Rsa 20060 Milan, ideatre di SOSartigiani.it di seguit denminat

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

A chi si rivolge: a coloro che già svolgono o svolgeranno mansioni di amministratore di sistemi o ingegnere di sistemi in strutture medio-grandi

A chi si rivolge: a coloro che già svolgono o svolgeranno mansioni di amministratore di sistemi o ingegnere di sistemi in strutture medio-grandi Via Renat Cesarini, 58/60 00144 Rma Via Scrate 26-20128 - Milan P. IVA: 01508940663 CCIAA: 11380/00/AQ Cisc, Juniper and Micrsft authrized Trainers Esame 70 291: (Btcamp Crs MS-2276 e crs MS-2277 ) Crs

Dettagli

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE)

MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) MINIGUIDA SULLA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA NELL'INDUSTRIA (ESCLUSO SETTORE EDILE) "per la nzine di "industria" ai fini del trattament di cig ccrre fare riferiment alla legge 9 marz 1989 n. 88

Dettagli

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi...

Non vuoi disegnare a mano libera? Preferisci usare il computer? Nessun problema! Puoi... Idee per nn far fatica Nn vui disegnare a man libera? Preferisci usare il cmputer? Nessun prblema! Pui... Utilizzare gli emticn In quest blg ci sn numersi emticn a tua dispsizine. Clicca semplicemente

Dettagli

Grilamid Poliammide 12 Tecnopolimero per le massime prestazioni

Grilamid Poliammide 12 Tecnopolimero per le massime prestazioni Grilamid Pliammide 12 Tecnplimer per le massime prestazini Indice 3 Intrduzine 4 Cnfrnt cn altre pliammidi 5 Nmenclatura Grilamid 6 Esempi di impieghi 8 Caratteristiche tipi Grilamid 10 Prprietà 20 Dati

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro)

COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) COMUNE DI TROPEA (Provincia di Catanzaro) PROGETTO DEFINITIVO-ESECUTIVO Comune di TROPEA Interventi manutentivi alla rete idrica comunale per fronteggiare l emergenza idrica sul territorio di Tropea Completamento,

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO

3) MECCANISMI DI RILASSAMENTO 3) MECCANSM D RLASSAMENTO nuclei eccitati tendn a cedere l'energia acquisita ed a ritrnare nella "psizine" di equilibri. meccanismi del rilassament sn mlt cmplessi (sprattutt nei slidi) e pssn essere classificati

Dettagli

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF

5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF 5. I PRINCIPALI TIPI DI INTERVENTI AMMESSI ALLA DETRAZIONE IRPEF Ecco un elenco esemplificativo di interventi ammissibili a fruire della detrazione Irpef. In ogni caso, deve essere verificata la conformità

Dettagli

MARTINA ZIPOLI. Curriculum Vitae Martina Zipoli INFORMAZIONI PERSONALI. Sesso Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazionalità Italiana

MARTINA ZIPOLI. Curriculum Vitae Martina Zipoli INFORMAZIONI PERSONALI. Sesso Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazionalità Italiana INFORMAZIONI PERSONALI MARTINA ZIPOLI Sess Femmina Data di nascita 14/12/1986 Nazinalità Italiana ESPERIENZA PROFESSIONALE Archelga press cantieri di scav prgrammat ed emergenza, cn ruli di respnsabile

Dettagli

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto.

CONTENUTO INTRODUZIONE. Descrizione della piattaforma Servizio di ricezione di dati Servizio di trading Materiale di supporto. CONTENUTO INTRODUZIONE Descrizine della piattafrma Servizi di ricezine di dati Servizi di trading Materiale di supprt INIZIARE A LAVORARE CON VISUAL CHART V Requisiti del sistema Cme ttenere i dati di

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI ALLE OFFICINE E LABORATORI INDIVIDUATI AI PUNTI 8 E 21 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 8) Officine

Dettagli

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini

Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Attività soggette al controllo dei VV.F. nei condomini Innocenzo Mastronardi, Ingegnere Civile, professionista antincendio, PhD student in S.O.L.I.P.P. XXVI Ciclo Politecnico di Bari INTRODUZIONE Con l

Dettagli

Alto Apprendistato 2011-2013

Alto Apprendistato 2011-2013 Alt Apprendistat 2011-2013 Dcente: 2010 - CEFRIEL The present riginal dcument was prduced by CEFRIEL fr the benefit and

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI Ringraziamenti Diverse persne hann cntribuit a quest lavr. Tra queste ringrazi l Avv. Rsari Salnia, che nel nstr ambiente, è cnsiderat il miglir giuslavrista di Rma ed il su

Dettagli

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA?

EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Analysis N. 284, Aprile 2015 EMERGENZA MEDITERRANEO E MIGRAZIONI: COME PUÒ RISPONDERE L EUROPA? Stefan M. Trelli La tragedia avvenuta nel Canale di Sicilia, cn circa 700 persne che si teme abbian pers

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Eurpass Infrmazini persnali Cgnme(i/)/Nme(i) Gentili Marc Cittadinanza italiana Sess Occupazine desiderata/settre prfessinale Maschile Espert Senir Esperienza prfessinale Date Lavr psizine

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81

FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 CARTA SEMPLICE FAC SIMILE PER LA NOTIFICA AI SENSI ART.67 DEL D.LGS.R DEL 09/04/2008 N. 81 ALL A.S.L. N. CN2 ALBA BRA DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio Prevenzione Sicurezza Ambienti di Lavoro Via Vida

Dettagli

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569

D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 D.M. 20 MAGGIO 1992, n. 569 Preambolo Il Ministro per i beni culturali e ambientali, di concerto con il Ministro dell'interno: Vista la legge 1º giugno 1939, n. 1089 (Gazzetta Ufficiale 8 agosto 1939,

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata.

Per risolvere le equazioni alle differenze si può utilizzare il metodo della Z-trasformata. 8.. STRUMENTI MATEMATICI 8. Equazini alle differenze. Sn legami statici che legan i valri attuali (all istante k) e passati (negli istanti k, k, ecc.) dell ingress e k e dell uscita u k : u k = f(e 0,

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN. Formatore Multimediale UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA' DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE CORSO DI LAUREA IN Frmatre Multimediale METODOLOGIA METACOGNITIVA DEI SISTEMI INTEGRATI PER LA GESTIONE DELL APPRENDIMENTO E DELLA

Dettagli

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO

3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO 3.2 B ANALISI DEI RISCHI E SOLUZIONI NELLA FASE LAVAGGIO FASE DI LAVORAZIONE : LAVAGGIO COD. INAIL : FATTORE DI RISCHIO : - Rischi per la salute e igienico ambientali: rumore prodotto dal motore delle

Dettagli

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO

PREVENZIONE DEL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGICO ALLETTATO PREVENZIONE EL TROMBOEMBOLISMO VENOSO NEL PAZIENTE NEUROLOGIO ALLETTATO 1. Intrduzine ed biettivi 3 2 Sinssi delle raccmandazini 4 3. Ictus cerebri ischemic acut 10 3.1 Prfilassi meccanica 10 3.2 Prfilassi

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

IL TESTO ARGOMENTATIVO

IL TESTO ARGOMENTATIVO IL TESTO ARGOMENTATIVO 1. LA STRUTTURA DI UN TESTO ARGOMENTATIVO La struttura base del test argmentativ può essere csì schematizzata: PROBLEMA TEMATICA CONFUTAZIONE DELLE SIN CONCLUSIONE Questa struttura,

Dettagli

Annual General Meeting AGM 3-6 Aprile 2014

Annual General Meeting AGM 3-6 Aprile 2014 Annual General Meeting AGM 36 Aprile 2014 Erasmus Student Netwrk Annual General Meeting 2014 Milan Italia COS'E' ESN? Erasmus Student Netwrk (ESN) è una delle più grandi assciazini studentesche in Eurpa.

Dettagli

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione).

(Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). (Gli asterischi indicano punti di interesse per i disabili visivi o modifiche richieste nel caso che la circolare fosse sottoposta a revisione). CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per

Dettagli

Carta dei Servizi CARTA DEI SERVIZI

Carta dei Servizi CARTA DEI SERVIZI CARTA DEI SERVIZI SERVIZIO RELATIVA AL TRASPORTO PUBBLICO LOCALE INDICE 1. Elenc mduli richiamati... 4 2. Riferimenti... 4 3. Scp e generalità... 5 4. Camp di applicazine... 5 5. Standard specifici...

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

1. Lessicologia vs terminologia... 4 2. Lessico comune e lessico specialistico... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni storici... 6 5.

1. Lessicologia vs terminologia... 4 2. Lessico comune e lessico specialistico... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni storici... 6 5. 1. Lessiclgia vs terminlgia... 4 2. Lessic cmune e lessic specialistic... 4 3. I linguaggi speciali... 6 4. Cenni strici... 6 5. La nrmazine terminlgica... 7 6. Dalla lessicgrafia alla termingrafia, dai

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

Relazione tecnica. Interferenze

Relazione tecnica. Interferenze Relazione tecnica L autorimessa interrata di Via Camillo Corsanego, viene realizzata nel V Municipio ai sensi della Legge 122/89 art.9 comma 4 (Legge Tognoli). Il dimensionamento dell intervento è stato

Dettagli

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici.

Errata Corrige. Variante. &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. 1250(&(, &(, 2WW Guida per la definizione della documentazione di progetto degli impianti elettrici. &(, Legge 46/ 90 - Guida per la compilazione della dichiarazione di conformità e relativi allegati &(,9

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

Deliberazion G.C. n. 14 dai 23 de jené 2014 Tachèda fora te l albo de Comun ai 31 de jené 2014

Deliberazion G.C. n. 14 dai 23 de jené 2014 Tachèda fora te l albo de Comun ai 31 de jené 2014 Deliberazine G.C. nr. 14 dd. 23.01.2014 Pubblicata all'alb cmunale il 31.01.2014 OGGETTO: Adzine pian triennale di prevenzine della crruzine (p.t.p.c.) ai sensi della legge n. 190 del 06.11.2012. Deliberazin

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini europei

Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini europei Requisiti per la firma di un'iniziativa dei cittadini eurpei REQUISITI GENERALI Per pter sstenere un'iniziativa dei cittadini eurpei ccrre essere cittadini dell'ue (cittadini di un Stat membr) e aver raggiunt

Dettagli

anno scolastico/school YEAR 2015/2016

anno scolastico/school YEAR 2015/2016 MODULO D ISCRIZIONESERVIZIO TRASPORTO ALUNNI PER LE FAMIGLIE DELLA CANADIAN SCHOOL OF MILAN SCHOOL BUS APPLICATION FORM FOR THE STUDENTS OF CANADIAN SCHOOL OF MILAN ann sclastic/school YEAR 2015/2016 SCRIVERE

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

La nuova Strategia Energetica Nazionale per un energia più competitiva e sostenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA

La nuova Strategia Energetica Nazionale per un energia più competitiva e sostenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA La nuva Strategia Energetica Nazinale per un energia più cmpetitiva e sstenibile DOCUMENTO PER CONSULTAZIONE PUBBLICA Settembre 2012 La Nuva Strategia Energetica Nazinale Premessa Il cntest nazinale e

Dettagli

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture

Aprile 2007. Prevenzione dei rischi di caduta dall alto nei lavori di manutenzione in quota su pareti e coperture LINEE GUIDA RELATIVE ALLE MISURE PREVENTIVE E PROTETTIVE DA PREDISPORRE NEGLI EDIFICI PER L ACCESSO, IL TRANSITO E L ESECUZIONE DEI LAVORI DI MANUTENZIONE IN QUOTA IN CONDIZIONI DI SICUREZZA Aprile 2007

Dettagli