Relazione Impianti comparto Produttivo Pallerone AULLA (MS) Lotto I

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione Impianti comparto Produttivo Pallerone AULLA (MS) Lotto I"

Transcript

1 Relazione Impianti comparto Produttivo Pallerone AULLA (MS) Lotto I 1/13

2 2/13

3 Relazione progetto La presente relazione si pone l obbiettivo di confrontare il progetto originario con quanto realizzato fino ad ora nel Comparto produttivo di Pallerone, Aulla (MS) ed elencare le opere incompiute nonché i lavori per completare le stesse secondo il progetto originario. Sono stati effettuati diversi sopralluoghi al fine di valutare le opere ancora da realizzare per portare a completamento quanto inizialmente progettato. Si è tenuto conto anche della suddivisione in due lotti al fine di inserire le opere da completare nella giusta misura. Relativamente al progetto originario è stata fornita la seguente documentazione: Planimetria delle reti idriche (acquedotto e acquedotto industriale) Planimetria della rete di smaltimento acque piovane (fogne bianche) Planimetria reti tecnologiche (Distribuzione elettrica, Rete di telecomunicazione, rete gas) Planimetria rete fognaria (fogne nere) Planimetria rete antincendio Planimetria rete di pubblica illuminazione Relazione illuminotecnica della pubblica illuminazione Relazioni generali sulle alimentazioni e i quadri della pubblica illuminazione Relazione del dimensionamento dell impianto antincendio e dell acquedotto industriale Relazione del depuratore di marca ORM Impianto Pubblica Illuminazione Dai sopralluoghi effettuati l'impianto risulta parzialmente realizzato. L'impianto attualmente si presenta con i sostegni (Pali) parzialmente installati, la rimanente parte è depositata all'interno del comparto. 3/13

4 I corpi illuminanti sono parzialmente installati, quelli non installatati non sono stati trovati durante il sopralluogo.per quanto riguarda l'impianto e l'alimentazione elettrica non sono stati consegnati dei progetti esecutivi, pertanto non si è in grado di capire cosa sia stato realizzato rispetto al progettato, comunque, in generale, si può affermare che l'impianto elettrico si presenta parzialmente mancante e vandalizzato. Figura 1 Pali Pubblica illuminazione abbandonati nel comparto di Pallerone L'analisi del progetto illuminotecnico configura la zona con livelli illumino tecnici molto elevati, ad esempio nella strada di accesso siamo intorno a 2 cd/m2 (valore massimo previsto dalla uni 11248) e nel parcheggio intorno a valori di 1cd/m2, anch'essi molto elevati per un parcheggio. L'impianto totale per il lotto I e II prevedeva l'installazione di n 113 sostegni, 86 corpi illuminanti da 250 W e 89 da 150W per una potenza totale pari a (86 x x 150) W = 35,6 kw.se consideriamo le perdite di circuito e dei corpi illuminanti, per illuminare il comparto abbiamo necessità di una potenza installata pari a 35,6 kw, più le perdite dei corpi illuminanti (considerate il 15%), le perdite sui cavi, che ricordiamo essere per norma contenute entro il 5% di caduta di tensione, per arrivare quindi ad una potenza di esercizio stimata di 42 kw. Considerando che le ore annue di utilizzo di un impianto di pubblica illuminazione sono 4200 h, si stima che solamente per l illuminazione pubblica il consumo energetico annuo è paria (42 kw x 4200) = kwh. Considerando un costo medio di 18 4/13

5 centesimi di arriviamo ad una spesa prevista di circa ,00 annui. Tale considerazione, nonostante i vincoli geometrici e il materiale già installato, ci porta a rivedere il completamento del progetto ponendosi comunque l obbiettivo di ridurre drasticamente i consumi di esercizio che, se non si modifica il progetto originario uniti a quelli manutentivi diventerebbero inaccettabili. Di seguito viene descritta la situazione attuale: Pali attualmente installati: n 22 di altezza 10,80 m n 17 di altezza 8,80 m ne rimangono da installare n 9 da 10,80 m, n 65 da 8,80 m Come già detto, i pali sono presenti nel comparto ma mancano i corpi illuminanti. In totale i corpi illuminanti da installare sono 105 da 100 w ciascuno. In considerazione degli elevati rapporti illuminanti considerati nel progetto iniziale e del rendimento degli attuali corpi illuminanti rispetto quelli installati (tecnologia di 20 anni fa) si possono rivedere le potenze di installazione delle nuove armature da fornire ed installare. Rimane comunque in tale scelta il vincolo della geometria dell impianto, ovvero l'altezza e l'interdistanza dei pali già definita. Pertanto nei sostegni da 10,80 m, verranno installati dei corpi illuminanti da 150 W con lampade SAP e nei pali da 8,80 m dei corpi illuminanti da 100 W SAP. In totale l'impianto sarà composto da 44 corpi illuminati da 250W, 28 da 150W (già installati) e 71 da 100W per una potenza installata totale di (44x250W+45x150W+71x100W)= 22,3 Kw più le perdite del 15% e arriviamo a 26kW. In questo modo, essendo le ore di accensione annue della pubblica illuminazione circa 5/13

6 4200, si stima un consumo di (4200 *26kW)= kwh. La spesa annua prevista, con questa nuova configurazione dell impianto, mantenendo il costo del kwh a 0,18 c e pari a circa ,00. Inoltre, prevediamo una distribuzione di alimentazione che permetta uno spegnimento parziale dell'impianto dopo un certo orario, non creando ovviamente zone buie ma permettendo di dimezzare da una certa ora in poi le lampade accese. Si stima che alle 22 si può dimezzare l'illuminazione permettendo cosi una riduzione dei consumi di un 40% e quindi anche di spesa energetica. Con questo ulteriore accorgimento, pertanto, si stima un costo annuo di ,00 ovvero il 30% di ciò che era stato previsto con il progetto iniziale. In futuro con un cambio tecnologico a corpi illuminanti più efficienti tale costo potrebbe essere ulteriormente ridotto di circa un ulteriore 40%. In considerazione di quanto esposto l'impianto di l'alimentazione sarà costituito da un unico quadro di alimentazione posizionato in maniera baricentrica all'impianto. Da tale quadro si dipartono 6 linee di alimentazione con cavo FG7OR 4x4 mmq. Le linee, meglio identificate in planimetria, alimentano in maniera sfalsata i punti luce; ovvero due corpi illuminanti contigui saranno alimentate da linee differenti, in modo tale da disalimentare, ad un certo orario, la metà delle linee di alimentazione. Impianto Antincendio Nel presente paragrafo vengono descritte le operazioni per portare a compimento l impianto antincendio. Verrà indicato per ciascun macro blocco quanto ancora da completare. L impianto è composto principalmente da seguenti elementi: 1. vasche di accumulo acqua: sono state realizzate due vasche da 125 mc per l accumulo dell acqua. Esse sono state calcolate in modo che la metà degli idranti (30) possano essere alimentati per almeno mezz ora alla portata massima. Le vasche sono state realizzate e possono essere considerate complete, ad eccezione della realizzazione del collegamento della tubazione di riempimento, che pesca acqua dal fiume, e del collegamento alle pompe gemelle dell impianto antincendio. Rispetto al progetto originario, che prevedeva un pozzo ed una pompa che consentiva di riempire la vasca, è stata progettata una variante che prevede di utilizzare l acqua del fiume. Per questa ragione va realizzata l intercettazione del 6/13

7 tubo di mandata, originariamente proveniente dal pozzo, che va collegato al tubo proveniente dalla pompa immersa nel fiume. I collegamenti dalle vasche alle pompe, invece, sono stati predisposti, ma vanno modificati perché realizzati in posizione errata. Per collegare l attacco della pompa è infatti necessario spostare in alto gli attacchi uscenti dalle vasche di circa 40 cm. Figura 2 Tubazione di riempimento delle vasche antincendio e acquedotto industriale 2. Cabina idrica: la struttura è stata realizzata. Essa è realizzata parzialmente sottoterra, per cui per accedervi è necessaria una scala. All interno del locale tecnico è presente l impianto di pressione e le pompe per l acquedotto industriale. È stato predisposto il quadro elettrico generale ma sono rimasti da realizzare i collegamenti con le apparecchiature elettriche e un sistema di telecontrollo che rilevi i segnali e le eventuali anomalie delle apparecchiature stesse. Manca la tubazione di collegamento verso la rete di distribuzione, l impianto di illuminazione e la pompa di sentina per svuotare la cabina da eventuali allagamenti e/o perdite. Inoltre deve essere fornita e posata in opera una scala in acciaio zincato autoportante con gradini antiscivolo per l accesso al locale tecnico.. Infine è necessario effettuare anche alcune opere di risanamento esterno alla struttura e riprendere la guaina isolante. 7/13

8 Figura 3 Cabina Idrica/Locale Tecnico 3. Gruppo di pressione: sono presenti le due pompe diesel e la pompa pilota per mantenere in pressione l impianto. Il gruppo di pressione è stato consegnato e lasciato in mezzo alla cabina idrica, per cui deve essere riposizionato secondo lo schema di progetto. Una volta riposizionato, va collegato, da un lato all uscita della vasca di accumulo e dall altro alla rete di distribuzione che arriva all esterno della cabina. Per il collegamento alla vasca di accumulo, si deve realizzare il raccordo con le flange di aspirazione già presenti nel locale tecnico e le bocche di aspirazione dei gruppi di pressurizzazione. Per compiere tale collegamento risulta necessario correggere l altezza dell uscita dalla vasca di accumulo. 8/13

9 Figura 4 Gruppo di pressione antincendio 4. Rete di distribuzione: la rete è stata realizzata e si trova all esterno della cabina. Rimane da realizzare, come già specificato nel punto precedente, il collegamento con il gruppo di pressurizzazione. Figura 5 Arrivo ex adduzione vasche e partenza antincendio e acquedotto industriale 9/13

10 5. Idranti: non sono stati forniti. È necessario quindi prevedere la fornitura e posa in opera degli idranti (60). Rete di Telecomunicazione Dai sopralluoghi effettuati si può affermare che la distribuzione principale della rete di telecomunicazione è stata realizzata completamente. Mancano tre colonnine Telecom e i collegamenti secondari, ovvero la distribuzione verso gli edifici. Per questa ragione sono state inserite nelle ramificazioni anche la realizzazione di tubazioni di diametro 50 e 125 e alcuni pozzetti. Si può affermare che la rete di cavidotti al servizio della rete di telecomunicazioni sia stata quasi completamente realizzata per i lotti 1 e 2. Impianto Depurazione / fogne nere Il progetto originario prevedeva un impianto di depurazione per lo smaltimento di tutti gli scarichi civili o ad essi assimilabili della capacità di 500 AE (Abitanti Equivalenti). L impianto selezionato è della ditta ORM. L impianto di depurazione non è stato realizzato. Sul posto si trovano solamente le vasche. Figura 6 Vasche impianto depurazione ORM 10/13

11 Non vi è traccia delle pompe ed in generale delle apparecchiature elettriche previste. Nell ipotesi, abbastanza plausibile, che possano essere riutilizzate le vasche, per completare l opera è necessario riacquistare il materiale e metterlo in opera. Sulla base dello schema previsto dalla ORM sono necessari gli apparati elettrici (2 elettropompe trifase di sollevamento/equalizzatore ad immersione, 1 soffiante trifase tipo bistadio a canali laterali CL 10/21, 2 soffianti monofase a membrana mod. 200), il vano tecnico, dove allocare le soffianti, il quadro di distribuzione e l impianto elettrico per l alimentazione degli apparati elettrici. Inoltre è previsto un impianto di allarme sonoro con avvisatore esterno al locale che entri in funzione in caso di anomalia su qualsiasi apparecchiatura elettrica. Per quanto riguarda la rete di raccolta delle fogne nere, essa è quasi completamente realizzata. Mancano i collegamenti alle utenze. Per questa ragione sono stati preventivati circa 50 metri di sviluppo con relativi pozzetti (3) e l adeguamento delle altezze dei pozzetti al manto stradale. Fogne bianche Per quanto rilevabile durante il sopralluogo, la rete di smaltimento delle acque meteoriche è stata quasi completamente realizzata. A parte qualche piccolo tratto appartenente al lotto I, circa una cinquantina di metri, mancano da completare il parcheggio sud-ovest e il raccordo del parcheggio nord-est. Per questa ragione sono stati preventivati circa 460 metri di sviluppo con i relativi pozzetti (circa 50). Acquedotto industriale Nel presente paragrafo vengono descritte le operazioni per portare a compimento l acquedotto industriale. Essendo il locale tecnico in comune, molti aspetti sono in analogia con l impianto antincendio, per cui si seguirà lo stesso schema di verifica. L impianto è composto principalmente da: 1. vasche di accumulo acqua: sono state realizzate due vasche da 125 mc per l accumulo dell acqua. Le vasche sono state realizzate e possono essere considerate complete, ad eccezione della realizzazione del collegamento della tubazione di riempimento, che pesca acqua dal fiume, e del collegamento alle pompe che portano in pressione l acquedotto. Come già indicato, rispetto al progetto originario, che prevedeva un pozzo ed una pompa che consentiva di riempire la vasca, è stata 11/13

12 progettata una variante che prevede di utilizzare l acqua del fiume. Per questa ragione va realizzata l intercettazione del tubo di mandata, originariamente proveniente dal pozzo, e collegato al tubo proveniente dalla pompa immersa nel fiume. Tale collegamento può essere condiviso con le opere per l antincendio. I collegamenti dalle vasche alle pompe sono stati già realizzati. 2. Cabina idrica: essa è in comune con l impianto antincendio, per cui valgono le stesse considerazioni. In aggiunta possiamo dire che all interno della struttura sono presenti le pompe per l acquedotto industriale. È stato predisposto il quadro elettrico generale ma sono rimasti da realizzare i collegamenti con le apparecchiature elettriche. Anche per l acquedotto industriale, manca la tubazione di collegamento verso la rete di distribuzione. 3. Gruppo pompe: il gruppo pompe è stato consegnato e lasciato in mezzo alla cabina idrica. Per questa ragione le pompe dovranno essere riposizionate secondo lo schema di progetto. Una volta collocate le pompe, dovranno essere effettuati i collegamenti sia con l uscita della vasca di accumulo, sia con la rete di distribuzione che arriva all esterno della cabina. Per il collegamento alla vasca di accumulo, si deve realizzare il raccordo con le flange di aspirazione già presenti nel locale tecnico e le bocche di aspirazione dei gruppi di pressurizzazione. 4. Rete di distribuzione: la rete è stata realizzata e si trova all esterno della cabina. Rimane da realizzare, come già specificato nel punto precedente, il collegamento con il gruppo di pressurizzazione. Acquedotto Per quanto rilevabile durante il sopralluogo, la rete di distribuzione principale è stata realizzata. Per completarla sarà necessario collegarla con la rete dell acquedotto pubblico. Per tale ragione è stato previsto di realizzare un tratto di tubazione di circa 150 metri per arrivare all acquedotto pubblico. Ing. Benedetto La Rosa 12/13

13 Allegato 1 13/13

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente)

Programma Integrato di interventi produttivi nell ambito della zona D5 (in variante al PRG vigente) Sommario Capitolo 1- Rete Idrica. Capitolo 2- Rete Metano. Capitolo 3- Rete elettrica e Telematica. Capitolo 4- Rete fognarie Bianche e Nere. Capitolo 5- Impianti di Pubblica Illuminazione. Relazione e

Dettagli

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO

RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO RELAZIONE DI CALCOLO ELETTRICO E ILLUMINOTECNICO 1 Indice 1 PREMESSA...2 2 RIFERIMENTI NORMATIVI...2 3 CARATTERISTICHE GENERALI...3 4 CORPI ILLUMINANTI PREVISTI IN PROGETTO...5 5 VERIFICHE ILLUMINOTECNICHE...8

Dettagli

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE ALLEGATO C Chiari, Febbraio 2014 COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE AREA DELIMITATA DA VIA BRESCIA

Dettagli

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico

RELAZIONE. 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico RELAZIONE 1)Inquadramento del P.L. nello strumento urbanistico L area oggetto del presente piano di lottizzazione è sita in località Marina del Comune di Rocca Imperiale (CS). Le particelle catastali interessate

Dettagli

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO...

INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... INDICE 1. DESCRIZIONE GENERALI DELLE COMPONENTI DELL IMPIANTO MECCANICO... 2 1.1 IMPIANTO DI SCARICO... 2 1.1.1 Calcolo delle Unità di scarico... 3 1.2 IMPIANTO IDROSANITARIO... 5 1.2.1 Alimentazione...

Dettagli

DIVISIONE IN COMPARTI DI ATTUAZIONE -LOTTIZZAZIONE ARTIGIANALE D5 - LOCALITA VALLE D ASO, COMUNE DI CARASSAI (AP)

DIVISIONE IN COMPARTI DI ATTUAZIONE -LOTTIZZAZIONE ARTIGIANALE D5 - LOCALITA VALLE D ASO, COMUNE DI CARASSAI (AP) 1) PREMESSA Il sottoscritto Arch. Stefano MARCHIONNI, è stato incaricato dai sig.ri SCENDONI Paolo, Legale Rappresentante della Ditta Agroalimentare Cariaci di Scendoni Paolo & C. con sede ad Ortezzano

Dettagli

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì

IMPIANTO IDRICO-SANITARIO. Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì IMPIANTO IDRICO-SANITARIO I AGGIORNAMENTO 14/12/2013 GENERALITÀ L impianto idrico-sanitario comprende:

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4

Relazione specialistica impianti meccanici. 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2. 2. Descrizione degli interventi... 4 Sommario 1. Dati generali e descrizione dell'opera... 2 2. Descrizione degli interventi... 4 2.1 Impianto protezione idrica antincendio... 4 2.1.1 Rete idranti... 4 2.1.2 Sostituzione del gruppo di pressurizzazione

Dettagli

DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE

DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE DIMENSIONAMENTO CONDOTTA FOGNANTE 1. VERIFICA DELLA RETE DI SMALTIMENTO DELLE ACQUE NERE Il centro di cure palliative hospice di Spicchio è allocato all interno di un fabbricato già esistente nel complesso

Dettagli

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il

Comune di Frascati Provincia di Roma RELAZIONE TECNICA. Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il Comune di Frascati Provincia di Roma pag. 1 RELAZIONE TECNICA OGGETTO: Progetto per la realizzazione della rete fognante interna ai L.N.F. ed il suo collegamento al collettore ACEA lungo Via Enrico Fermi.

Dettagli

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE RELAZIONE SULLE INTERFERENZE 1. PREMESSA Il tipo di lavorazione prevalente, prevista nel presente progetto, consiste nella posa di tubazioni in ghisa o acciaio, di diversi diametri, fino al DN150, su strade

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G.

RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. RELAZIONE SOMMARIA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO: SUB-AMBITO 1 SCHEDA N. 2 CUPE DEL P.R.G. VIGENTE 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO

COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO COMUNE DI CASTEL BARONIA AVELLINO LAVORI DI ADEGUAMENTO DELLA FOGNATURA IN VIA REGINA MARGHERITA E DEPURATORE (art. 5, legge regionale 31.10.1978, n 51 anni 2005e 2006 ) PROGETTO ESECUTIVO Elaborato A

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IMPIANTO ANTINCENDIO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO IMPIANTO ANTINCENDIO Comune di Offida Lavori di: Legge 27 dicembre 2002 n. 289, art. 21 comma 80 PIANO STRAORDINARIO PER LA MESSA IN SICUREZZA DEGLI EDIFICI SCOLASTICI Delibera CIPE n. 143/2006 di approvazione del II programma

Dettagli

CITTA' DI MANFREDONIA (Provincia di Foggia)

CITTA' DI MANFREDONIA (Provincia di Foggia) CITTA' DI MANFREDONIA (Provincia di Foggia) Assessorato All'Urbanistica e all'edilizia Legge 865/71 - Art. 27 PIANO INSEDIAMENTI PRODUTTIVI Località "PARITI" RIAPPROVAZIONE E VARIANTE ALLE N.T.A. DEL P.R.G.

Dettagli

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.

RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P. RELAZIONE SOMMARIA INTEGRATIVA SULLA PREVISIONE DI SPESA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO URBANISTICO ATTUATIVO SUB AMBITO 4 FONTANELLE SCHEDA N. 1 DEL P.R.G. 1. PREMESSA La presente relazione eseguirà una valutazione

Dettagli

QUADRO «A»: IDENTIFICAZIONE DEL FABBRICATO / COMPLESSO IMMOBILIARE

QUADRO «A»: IDENTIFICAZIONE DEL FABBRICATO / COMPLESSO IMMOBILIARE QUADRO «A»: IDENTIFICAZIONE DEL FABBRICATO / COMPLESSO IMMOBILIARE 1. CARATTERISTICHE DELL IMMOBILE Indirizzo: Corso Torino, 154 Anno o periodo di costruzione: 1970/1980 È soggetto a vincoli si no Sono

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO PIANO ATTUATIVO D INIZIATIVA PRIVATA AREA TRAFOJER IN VIA PIANI D ISARCO

PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO PIANO ATTUATIVO D INIZIATIVA PRIVATA AREA TRAFOJER IN VIA PIANI D ISARCO PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO COMUNE DI BOLZANO PIANO ATTUATIVO D INIZIATIVA PRIVATA AREA TRAFOJER IN VIA PIANI D ISARCO PROGETTISTA: ARCH. OSWALD ZOEGGELER BOLZANO 24/05/2002 1 INDICE 1 Elenco degli elaborati

Dettagli

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione

Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Descrizione degli impianti tecnici del Piano di Lottizazione Gli impianti di cui è previsto che venga dotata il P.d.L. sono: impianto fognario; impianto idrico; impianto gas metano; impianto elettrico;

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Preambolo Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Il Ministro dell'interno

Dettagli

Impianto Antincendio. 1 di 5

Impianto Antincendio. 1 di 5 1 Impianto Antincendio 1. 01 Allestimento di cantiere comprensivo di apposizione di segnaletica di sicurezza, apposizione di cartello di cantiere indicante lavori da eseguire, committente, impresa e quant'altro,

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli

Le previsioni del progetto generale delle fognature di Cividale del Friuli Relazione idraulica Premesse Il progetto generale delle fognature comunali non è conforme allo standard progettuale del gestore Acquedotto Poiana spa. Ciononostante abbiamo ritenuto indispensabile intervenire

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE. Comune di PISOGNE - BS. Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004

PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE. Comune di PISOGNE - BS. Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004 PIANO REGOLATORE ILLUMINAZIONE COMUNALE Comune di PISOGNE - BS Adeguamento alle norme contro l inquinamento luminoso 17/2000-38/2004 RISPARMIO ENERGETICO ANALISI DELLA SITUAZIONE F - IN ALLEGATO AI FASCIOLI

Dettagli

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI)

Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) Raggruppamento Temporaneo di Professionisti ing. Giuseppe Puglisi (Mandatario) - ing. Vincenzo Marco Nicolosi e arch. Lorenzo Santoro (MandantI) via E. Boner n 36 - Messina tel. 090.46868 - fax 090.5726244

Dettagli

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP

PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI NUOVE RETI FOGNARIE E LA SUCCESSIVA PRESA IN CARICA DA PARTE DI AGESP Busto Arsizio, 12 Dicembre 2011 Sommario 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

LOCALI INDUSTRIALI USO DEPOSITO IN TORINO

LOCALI INDUSTRIALI USO DEPOSITO IN TORINO LOCALI INDUSTRIALI USO DEPOSITO IN TORINO I NOSTRI CONTATTI GEST PROJECT General Contractor S.r.l. C.so Vinzaglio, 3-10121 Torino - Italia Tel. +39 011 547855 +39 011 548201 Fax +39 011 5667868 Sito Internet:

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NOTE TECNICHE RELATIVE ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tea acque srl assume ogni responsabilità per le attività e conduzione degli impianti oggetto del servizio. CONDUZIONE: intesa

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO

RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO RELAZIONE TECNICA_IMPIANTO GAS METANO Il gas metano sarà addotto, per ogni piano, con tubazione come le tavole allegate mostrano esterne al fabbricato e ad esso ancorate a vista. La rete principale sarà

Dettagli

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3

1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 INDICE 1 PREMESSA... 2 2 DESCRIZIONE E CARATTERISTICHE DEGLI IMPIANTI... 3 2.1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 3 2.2 DATI TECNICI DI PROGETTO... 4 2.3 DESCRIZIONE DELLE OPERE... 6 2.3.1 Linee e cavidotti di

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA

RELAZIONE TECNICA IDRAULICA PIANO URBANISTICO ESECUTIVO DI INIZIATIVA PRIVATA per insediamento produttivo di nuovo impianto ad uso artigianale, produttivo e commerciale in Comune di Comacchio Loc. San Giuseppe S.S. 309 Romea Spett.le

Dettagli

2) Determinazione della portata nera prodotta dall insedimanento scolasticoresidenziale

2) Determinazione della portata nera prodotta dall insedimanento scolasticoresidenziale COMUNE DI DESENZANO D/G PROVINCIA DI BRESCIA COMMITTENTE SOCIETÀ AGRICOLA TREZZA Studio idraulico preliminare per lo smaltimento delle acque reflue del piano integrato- PII Grezze RELAZIONE TECNICA GIUSTIFICATIVA

Dettagli

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO

RELAZIONE. OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO RELAZIONE OGGETTO: Risistemazione con Risanamento Ambientale e Funzionale del Porto di Torre Annunziata CARATTERISTICHE GENERALI DELL IMPIANTO L impianto in progetto presenta le seguenti caratteristiche

Dettagli

Allegato A SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

Allegato A SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE COMUNE DI VIADANA REGOLAMENTO DI FOGNATURA Allegato A SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE 1. Domanda di concessione del permesso di allacciamento alla fognatura 1.1 La domanda di concessione del permesso

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

1. INTERFERENZE CON I SERVIZI A RETE...2 2. ELENCO DELLE INTERFERENZE...4 3. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI DI RISOLUZIONE DELLE INTERFERENZE...6 4.

1. INTERFERENZE CON I SERVIZI A RETE...2 2. ELENCO DELLE INTERFERENZE...4 3. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI DI RISOLUZIONE DELLE INTERFERENZE...6 4. 1. INTERFERENZE CON I SERVIZI A RETE...2 2. ELENCO DELLE INTERFERENZE...4 3. DESCRIZIONE DEGLI INTERVENTI DI RISOLUZIONE DELLE INTERFERENZE...6 4. SPOSTAMENTO DELLE LINEE ENEL BASSA E MEDIA TENSIONE (ENEL

Dettagli

IMPIANTO DI SCARICO DEI REFLUI

IMPIANTO DI SCARICO DEI REFLUI TITOLO ELABORATO SISTEMAZIONE DELL AREA PARCHEGGIO E REALIZZAZIONE DI UN AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA BREVE DI CAMPER IN LOCALITÀ CANDÀTEN - COMUNE DI SEDICO (BL) FASE PROGETTO ESECUTIVO ELABORATO PROGETTO

Dettagli

INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA SULLE COMPONENTI DEL TERRITORIO LOTTO 1 (STRADE, SEGNALETICA, VERDE E ARREDO URBANO) PROGETTO ESECUTIVO

INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA SULLE COMPONENTI DEL TERRITORIO LOTTO 1 (STRADE, SEGNALETICA, VERDE E ARREDO URBANO) PROGETTO ESECUTIVO COMUNE DI NICHELINO (Provincia di Torino) Area Tecnica INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA SULLE COMPONENTI DEL TERRITORIO LOTTO 1 (STRADE, SEGNALETICA, VERDE E ARREDO URBANO) PROGETTO ESECUTIVO RELAZIONE

Dettagli

THE NEW FIRE PROTECTION SYSTEM IS

THE NEW FIRE PROTECTION SYSTEM IS THE NEW FIRE PROTECTION SYSTEM IS BY SISTEMA PROGETTATO IN RIFERIMENTO ALLA UNI 11292 Locali destinati ad ospitare gruppi di pompaggio per antincendio. Quest ultima specifica i requisiti costruttivi e

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA COMUNE DI MILANO Settore Edilizia Scolastica GRUPPO 1 - ZONA 2 - SCUOLA N 1170 -------- RELAZIONE DESCRITTIVA DELLE OPERE DA REALIZZARE PER L ADEGUAMENTO DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO E ADDUZIONE GAS NEL

Dettagli

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS

COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS COMUNE DI FAENZA Area ITALGAS 29 gennaio 2013 RELAZIONE TECNICA RETE FOGNARIA 0. VARIANTE La variante dal punto di vista idraulico riguarda sostanzialmente tre punti: 1. la modifica del piccolo lotto di

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE

Elenco dei Corpi d'opera. Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE. Unità tecnologiche 03 OPERE IMPIANTISTICHE Elenco dei Corpi d'opera 03 OPERE IMPIANTISTICHE Corpo d'opera 03OPERE IMPIANTISTICHE Unità tecnologiche 01 Impianto riscaldamento 02 Impianto smaltimento acque usate e meteoriche 03 Impianto antincendio

Dettagli

Prodotti innovativi per un ambiente sicuro e pulito

Prodotti innovativi per un ambiente sicuro e pulito Prodotti innovativi per un ambiente sicuro e pulito 04.2009 w w w. t u b i. n e t Pozzetto di cacciata per lo scarico automatico di acqua Pulizia Automatica / Subirrigazione Cos è? E un pozzetto in PE

Dettagli

A.R.P.A. Regione Piemonte

A.R.P.A. Regione Piemonte Al Signor Sindaco del Comune di Corio Pagina 1/5 Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche o ad esse assimilabili in ricettore diverso dalla pubblica fognatura (ai sensi del D.Lgs.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO RELAZIONE TECNICA DI CALCOLO IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Premessa Attualmente all interno della struttura è già presente un impianto di estinzione incendi costituito da idranti UNI45; si provvederà ad

Dettagli

UNIPUMPS SOLLEVAMENTO ACUQE REFLUE STAZIONI AUTOMATICHE DI RACCOLTA E DI SOLLEVAMENTO ACQUE REFLUE IMPIEGO COMPONENTISTICA LOGICA DI FUNZIONAMENTO

UNIPUMPS SOLLEVAMENTO ACUQE REFLUE STAZIONI AUTOMATICHE DI RACCOLTA E DI SOLLEVAMENTO ACQUE REFLUE IMPIEGO COMPONENTISTICA LOGICA DI FUNZIONAMENTO STAZIONI AUTOMATICHE DI RACCOLTA E DI SOLLEVAMENTO ACQUE REFLUE IMPIEGO Stazioni di raccolta e sollevamento automatico d'acqua domestica di rifiuto modello SER50, per acque scaricate da lavelli, vasche

Dettagli

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO PROGETTO ESECUTIVO ADEGUAMENTO DELLA CENTRALE TERMICA E DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO "ALESSANDRO MANZONI" - PLESSO A. MANZONI ANALISI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PROVINCIA DI TREVISO COMUNE DI RONCADE PROGETTO DI LOTTIZZAZIONE RESIDENZIALE SCHEDA DI ACCORDO N. 10 DITTA: Bassetto Elio, Bassetto Renato, Bresolin Gino, Geromel Sergio, Pellegrin Luigi e Damelico Severina

Dettagli

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA

PE-2005-0098-DRD0-2.doc RELAZIONE TECNICA RELAZIONE TECNICA Pagina 2 di 7 INDICE OPERE IDRAULICHE... 3 RETI FOGNARIE... 3 TOMBINATURA AUSA... 3 MATERIALI E POSA IN OPERA... 4 RETE IDRICA... 5 RETE GAS METANO... 5 IMPIANTO DI RICIRCOLO ACQUE LAGHETTO

Dettagli

1. PREMESSA... 2 2. RETE ACQUEDOTTISTICA... 2 3. RETE FOGNARIA... 3. Fognatura nera... 4 Raccolta acque meteoriche... 4

1. PREMESSA... 2 2. RETE ACQUEDOTTISTICA... 2 3. RETE FOGNARIA... 3. Fognatura nera... 4 Raccolta acque meteoriche... 4 1. PREMESSA...2 2. RETE ACQUEDOTTISTICA...2 3. RETE FOGNARIA...3 3.1. 3.2. Fognatura nera...4 Raccolta acque meteoriche...4 4. RETE GAS METANO...7 5. OSSIGENODOTTO...8 6. RETE TECNOLOGICA...8 6.1. 6.2.

Dettagli

HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA

HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA HERA s.p.a. SOT MODENA Via Cesare Razzaboni 80 SERVIZIO ENERGIA E CICLO IDRICO 1.4 RETE DISTRIBUZIONE GAS METANO CARATTERISTICHE E SEZIONI DI POSA Aggiornamento settembre 2012 A) NORMATIVA SULLE CONDOTTE

Dettagli

COMUNE DI FANO. Provincia di Pesaro e Urbino. Committente: Sabatini Marco CF SBTMRC62T15D488D Feduzi Maurizio CF FDZMRZ54H15G514F

COMUNE DI FANO. Provincia di Pesaro e Urbino. Committente: Sabatini Marco CF SBTMRC62T15D488D Feduzi Maurizio CF FDZMRZ54H15G514F COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro e Urbino Oggetto: PROGETTO PLANOVOLUMETRICO UNITARIO COMPARTI ST6_P67 e ST6_P26 IN VIA LAGO DI COMO A FANO Committente: Sabatini Marco CF SBTMRC62T15D488D Feduzi Maurizio

Dettagli

SCALA - PROVINCIA BELLUNO

SCALA - PROVINCIA BELLUNO TITOLO ELABORATO SISTEMAZIONE DELL AREA PARCHEGGIO E REALIZZAZIONE DI UN AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA BREVE DI CAMPER IN LOCALITÀ CANDÀTEN - COMUNE DI SEDICO (BL) FASE PROGETTO ESECUTIVO ELABORATO PROGETTO

Dettagli

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845

Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 Allegato A05 - Impianti idrici-antincendio Scheda n. 1 Gruppo di pressurizzazione senza motopompa Rif. Normativi UNI10779 - UNI 12845 02.01 Lettura manometri acqua, condotte principali. Ispezione visiva

Dettagli

BWT SOLAR PUMPE. Gruppo di caricamento e lavaggio per impianti solari, geotermici e di riscaldamento tradizionali MANUTENZIONE ORDINARIA

BWT SOLAR PUMPE. Gruppo di caricamento e lavaggio per impianti solari, geotermici e di riscaldamento tradizionali MANUTENZIONE ORDINARIA BWT SOLAR PUMPE Gruppo di caricamento e lavaggio per impianti solari, geotermici e di riscaldamento tradizionali NOTE GENERALI DATI TECNICI INSTALLAZIONE AVVIAMENTO MANUTENZIONE ORDINARIA INTERVENTI STRAORDINARI

Dettagli

www.buildingthefuture.it

www.buildingthefuture.it Oggetto via Orly, n. 327 Campi Bisenzio Impianti di riscaldamento, condizionamento, idrico sanitario, adduzione EDIFICIO INDUSTRIALE Zona Lavori L'offerta comprende la fornitura e posa in opera di : A

Dettagli

Relazione tecnica fognatura interna

Relazione tecnica fognatura interna Comune di Monza FARCASA S.R.L. PIANO ATTUATIVO IN VIA CAVALLOTTI Allegato 7 Relazione tecnica fognatura interna Ottobre 2013 (Aggiornamento 26/02/2014) Via Valsugana, 6 20052 Monza Tel 039 745508 e-mail:

Dettagli

1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2

1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2 INDICE pag. 1. OGGETTO...1 2. DESCRIZIONE DELLE OPERE...2 2.1 PREMESSA... 2 2.2 CABINA MT/BT... 2 2.3 IMPIANTO DI TERRA... 3 2.4 QUADRI ELETTRICI... 3 2.5 DISTRIBUZIONE ELETTRICA... 5 2.6 APPARECCHI DI

Dettagli

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci

Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci Nuovo Centro Civico e Stazione Tramvia Veloce - Scandicci POLITECNICA SOC. COOP. ING. M. GUSSO GENNAIO 2007 Relazione tecnica descrittiva impianti meccanici - gennaio/07 (ai sensi dell art. 20 D.P.R. 554/99)

Dettagli

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Presentazione del progetto ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Contestualmente alla domanda il richiedente è tenuto a presentare in DUPLICE copia e su supporto informatico la seguente documentazione,

Dettagli

TECHNOLOGIES 2000 S.r.l. via Baldinucci, 14/a - 59100 Prato pag. 2

TECHNOLOGIES 2000 S.r.l. via Baldinucci, 14/a - 59100 Prato pag. 2 via Baldinucci, 14/a - 59100 Prato pag. 2 D E S C R I Z I O N E D E L L' A R T I C O L O di misura P R E Z Z O UNITARIO Nr. 1 Fornitura e posa in opera di nr. 1 GRUPPO PRESSURIZZAZIONE ANTINCENDIO a norma

Dettagli

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE FA125 IMPIANTO BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI DELLA POTENZIALITA DI 125 ABITANTI EQUIVALENTI (rev. 111202) Introduzione alla tecnologia impiantistica La

Dettagli

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione

Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Progettazione, ampliamento o modifica di una rete idranti: obblighi normativi e di legge per la sua corretta realizzazione e certificazione Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 27 settembre

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

Comune di Taggia. Provincia di Imperia

Comune di Taggia. Provincia di Imperia Comune di Taggia Provincia di Imperia RELAZIONE TECNICA-ILLUSTRATIVA OGGETTO: LAVORI PER LA REALIZZAZIONE DI UN NUOVO PARCHEGGIO SU LIVELLI TRA LE SCUOLE MEDIE ED ELEMENTARI DI TAGGIA E NUOVO CAMPO SPORTIVO

Dettagli

GRUNDFOS ACQUE CARICHE MINI PUST STAZIONE DI POMPAGGIO PER ACQUE DI DRENAGGIO, ACQUE PIOVANE E ACQUE CARICHE.

GRUNDFOS ACQUE CARICHE MINI PUST STAZIONE DI POMPAGGIO PER ACQUE DI DRENAGGIO, ACQUE PIOVANE E ACQUE CARICHE. GRUNDFOS ACQUE CARICHE MINI PUST STAZIONE DI POMPAGGIO PER ACQUE DI DRENAGGIO, ACQUE PIOVANE E ACQUE CARICHE. La stazione di pompaggio Grundfos MINI PUST viene impiegata per acque grigie e nere e per l

Dettagli

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua.

MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. MP7 UNI Strumento per la misurazione della portata H 2 O delle reti idrauliche antincendio in funzione della pressione dinamica e residua. 9 4 6 5 7 3 8 1 2 1. Strumento base MP7 UNI 2. Attacco UNI 45

Dettagli

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO

ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO PARTE A: Ricognizione delle infrastrutture ALLEGATO A1: DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO DELLE ACQUE METEORICHE E DI DILAVAMENTO ALLEGATO DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014

IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 IE 010 Centrale idrica Ottobre 2014 Riferimenti normativi: Norma CEI 64-8 Guida CEI 64-50 Prima di effettuare il progetto dell impianto elettrico è necessario acquisire tutte le informazioni relative alla

Dettagli

Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali

Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali 2015 Stazioni di sollevamento, vasche di segregazione, pozzetti speciali Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch Stazioni di sollevamento

Dettagli

COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti -

COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti - COMUNITA MONTANA ALBURNI AREA TECNICA - Ufficio Gare e Contratti - P.S.R. 2007/2013 Misura 226 Azione d) (Acquisto di attrezzature e mezzi innovativi per il potenziamento degli interventi di prevenzione

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA PIANO DI MANUTENZIONE RELAZIONE GENERALE

PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA PIANO DI MANUTENZIONE RELAZIONE GENERALE PROVINCIA REGIONALE DI CATANIA PIANO DI MANUTENZIONE RELAZIONE GENERALE DESCRIZIONE: RISTRUTTURAZIONE ED ADEGUAMENTO DELLA MASSERIA IN C/DA "TORRE ALLEGRA" A CENTRO POLIFUNZIONALE DELLA R.N.O. OASI DEL

Dettagli

Reti Idranti Antincendio

Reti Idranti Antincendio Reti Idranti Antincendio Progettazione (installazione) collaudo e verifica alla luce dell edizione 2014 Ing. Luciano Nigro Rete Idranti Principale e più elementare presidio antincendio fisso Richiesta

Dettagli

COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO

COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO 1 COMUNE DI SANSEPOLCRO PROVINCIA DI AREZZO PIANO DI LOTTIZZAZIONE Area di Via Giuliano Da Sangallo Zona C 3 P di P.R.G. PROGETTO PRELIMINARE OPERE DI URBANIZZAZIONE Proprietà delle aree: COMUNE DI SANSEPOLCRO,

Dettagli

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA

ELAB. F01 - RELAZIONE TECNICA SPECIALISTICA Il presente documento riguarda il progetto esecutivo per la sostituzione della centrale termica a servizio della Villa Andrea facente parte del complesso Ville Ponti in Varese. E inoltre compresa l installazione

Dettagli

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO

COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO COMUNE DI LIZZANO PROVINCIA DI TARANTO PROGETTO ESECUTIVO ADEGUAMENTO DELLA CENTRALE TERMICA E DELL'IMPIANTO DI RISCALDAMENTO DELL'ISTITUTO COMPRENSIVO "ALESSANDRO MANZONI" - PLESSO A. MANZONI RELAZIONE

Dettagli

COMMITTENTE ELABORATO N. RENDER PROGETTISTA COORDINATORE. arch. Antonio Rossi PROGETTISTA ARCHITETTONICO. arch. Antonio Rossi COLLABORATORE

COMMITTENTE ELABORATO N. RENDER PROGETTISTA COORDINATORE. arch. Antonio Rossi PROGETTISTA ARCHITETTONICO. arch. Antonio Rossi COLLABORATORE P I E T R O B O N & R O S S I E N G I N E E R I N G S I N E R G O P R O G E T T I piazza della serenissima, 20-31033 castelfranco veneto (tv) tel. 0423/49.49.55/72.46.83 - fax 0423/72.09.66 www.sinergoprogetti.it

Dettagli

1. Premessa. 2. Descrizione degli impianti antincendio

1. Premessa. 2. Descrizione degli impianti antincendio Sommario 1. Premessa...2 2. Descrizione degli impianti antincendio...2 3. Centrali antincendio...4 4. Locali destinati ad ospitare i gruppi di pressurizzazione (Osservanza della norma UNI 11292 - Agosto

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO E QUADRO ECONOMICO Studio Tecnico Rossi geom. Renato Via G. Zanella 3/1 Montorso Vicentino (VI) Tel. 0444 685322 Fax. 0444 486630 email. geom.rossi@gmail.com AL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI

Dettagli

NELL AMBITO DELL OPERA DI

NELL AMBITO DELL OPERA DI f di Maurizio Livraghi, Tecnoprogen srl MEGASTORE A MILANO IMPIANTO SPRINKLER E IDRANTI NELL AMBITO DELL OPERA DI RISTRUTTURAZIONE DI UNA STORICA SALA CINEMATOGRAFICA, RICONVERTITA IN MEGASTORE NEL CENTRO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE E INDUSTRIALE

REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE E INDUSTRIALE REGOLAMENTO PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE E INDUSTRIALE PREMESSA Il Consorzio per lo Sviluppo Industriale di Sulmona fornisce il servizio idrico (acqua potabile e industriale) alle aziende insediate

Dettagli

TOTALE 272,22 Incidenza Oneri Sicurezza 8,17 (3 % su 272,22) 13% SPESE GENERALI SU 272,22 35,39 10% UTILE IMPRESA SU 307,61 30,76 PREZZO 338,37

TOTALE 272,22 Incidenza Oneri Sicurezza 8,17 (3 % su 272,22) 13% SPESE GENERALI SU 272,22 35,39 10% UTILE IMPRESA SU 307,61 30,76 PREZZO 338,37 INGG SALVATORE CATALANO & ORAZIO URSO Pag. 1 1) IA.002 Fornitura e posa in opera di idrante ant A.001 Operaio specializzato h 24,07 3 72,21 A.003 Operaio comune h 20,19 3 60,57 C.040 cassetta in lamiera

Dettagli

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area

Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area INQUADRAMENTO GENERALE Il Comune di Lozzo Atestino sorge sulle pendici del monte omonimo, (320 m.) nell area SW dei Colli Euganei. La sua popolazione, pari a circa 3100 abitanti, comprende oltre all abitato

Dettagli

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA

SERVIZIO FOGNATURA E DEPURAZIONE OPERE DI ALLACCIAMENTO ALLA RETE FOGNARIA NERA E/O MISTA Pagina 1 di 7 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 DESCRIZIONE DELL OPERA... 3 3 CRITERI DI DIMENSIONAMENTO DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO 4 4 POZZETTI PREFABBRICATI IN C.A.V.... 4 5 GRADINI SCALA DI ACCESSO AL POZZETTO...

Dettagli

STUDIO DI FATTIBILITA INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE E POTENZIAMENTO RETE FOGNATURA ACQUE NERE ESISTENTE

STUDIO DI FATTIBILITA INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE E POTENZIAMENTO RETE FOGNATURA ACQUE NERE ESISTENTE Allegato A) Delibera G.C. n. 26 del 08.05.2013 Il Segretario Comunale f.to Silvio Grieco Provincia di CREMONA Regione LOMBARDIA Comune di AZZANELLO STUDIO DI FATTIBILITA INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

RELAZIONE DELLA RETE IDRICA E ANTINCENDIO

RELAZIONE DELLA RETE IDRICA E ANTINCENDIO RELAZIONE DELLA RETE IDRICA E ANTINCENDIO INDICE 1 PREMESSE... 1 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 4 3 GENERALITA SULL IMPIANTO... 6 4 CONDOTTE... 6 4.1 Rete idrica-antincendio ed allacciamenti secondari...

Dettagli

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce

Comune di Carmiano. Provincia di Lecce Regione Puglia Unione Europea Comune di Carmiano Provincia di Lecce BANDO PER IL FINANZIAMENTO IN FAVORE DEI COMUNI PUGLIESI DI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA NELL'AMBITO DI INSEDIAMENTI

Dettagli

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO

RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO 1. TERMINOLOGIA RELAZIONE IMPIANTO IDRICO ANTINCENDIO Idrante antincendio: apparecchiatura antincendio dotata di un attacco unificato, di valvola di intercettazione ad apertura manuale e collegato ad una

Dettagli

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA

OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA Comune di Faenza Sportello Unico per le Attività produttive 7 Incontro Tecnico - 23 Giugno 2005 OPERE DI URBANIZZAZIONE FOGNARIA NELL AMBITO DI INTERVENTI DI ESPANSIONE URBANISTICA ing. Michele Lotito

Dettagli

COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE. per il servizio di fognatura

COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE. per il servizio di fognatura COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE per il servizio di fognatura Approvato con deliberazione consiliare n. 74 dd. 25.09.1981 Modificato con deliberazione consiliare n. 7 dd. 12.03.2007

Dettagli

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio

Nuovo codice di prevenzione incendi. Capitolo S.9: Operatività antincendio Nuovo codice di prevenzione incendi Capitolo S.9: Operatività antincendio Istituto Superiore Antincendi, Roma Cos è?? Perchè?? Cos è? E la strategia antincendio che ha come scopo rendere possibile l effettuazione

Dettagli

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto

L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto RELAZIONE TECNICA L intervento ricade all interno della cinta portuale del porto di Gioia Tauro. L area oggetto dell intervento è individuata come Area Franca ed istituita dalla Regione Calabria con legge

Dettagli

RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE

RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE RELAZIONE TECNICA E DESCRITTIVA RICHIESTA PERMESSO DI COSTRUIRE Committente: AUTOSTORE S.R.L. Via Fonderia n. 47/A Treviso Compilatore: Ing. Bonaldo Simone Via Riva IV Novembre n. 38 Cittadella (PD) Data

Dettagli