MRP. Pianificazione della produzione. Distinta base Bill Of Materials (BOM) MPS vs. MRP. Materials Requirements Planning (MRP)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MRP. Pianificazione della produzione. Distinta base Bill Of Materials (BOM) MPS vs. MRP. Materials Requirements Planning (MRP)"

Transcript

1 MRP Pianificazione della produzione Materials Requirements Planning (MRP) 15/11/ Con l MRP si decide la tempificazione delle disponibilità dei materiali, delle risorse e delle lavorazioni. MRP vs. ERP (Enterprise Resources Planning): con ERP si indicano quei pacchetti SW che coprono la parte del sistema informativo che gestisce i flussi logistici, compresi gli aspetti amministrativi e di gestione del personale, all interno di un azienda. Il sistema che gestisce l MRP è di solito il nucleo base dell ERP. L ERP di solito non comprende invece CAD/CAM e paghe. 1 2 MPS vs. MRP Con il Master Production Schedule (MPS) si definiscono livelli di produzione di ogni prodotto nei sottoperiodi di T e le corrispondenti date di consegna. I dati di input dell MPS sono tra gli altri: gli ordini dei clienti e gli ordini interni, le previsioni della domanda futura, le necessità delle scorte di sicurezza, gli output della pianificazione aggregata. Le decisioni sono prese interagendo con i sistemi che gestiscono l MRP e la gestione operativa della produzione. Distinta base Bill Of Materials (BOM) La distinta base (vedi UNI-ISO 7573/00) contiene le informazioni circa i componenti e i tempi di lavorazione necessari per realizzare i sottoassemblati e da essi il prodotto finale. La distinta base è organizzata ad albero e la sua esplosione permette di schedulare a ritroso quando devono essere disponibili al più tardi i componenti o di un unico prodotto o di un lotto di prodotti. 3 4

2 s.a.: sottoassemblato c.: componente base s.a. 1.1 (molteplicità) c (molteplicità) s.a. 1 (molteplicità) Distinta base: rappresentazione grafica prodotto finale s.a. 1.2 (molteplicità) c (molteplicità) s.a. 2 (molteplicità) c (molteplicità) disponibile a magazzino s.a. 3 (molteplicità) Distinta base: rappresentazione indentata Esempio: motore elettrico 1 motore elettrico a gabbia di scoiattolo c.a. 1gg 1 carcassa 5gg... 1 statore 4gg 1 pacco statorico 3gg 3 avvolgimenti 2gg... 1 rotore 4gg 21 sbarre di alluminio 1gg 2 anelli frontali 1gg Distinta base e MRP Esempio MRP I indicano i tempi di disponibilità del subassemblato una volta che si siano resi disponibili i componenti. Con i sistemi MRP procedendo a ritroso si calcola quando devono essere disponibili i componenti. Nell esempio si assume di riuscire di ad assiemare il motore in giornata una volta disponibili la carcassa, lo statore e il rotore. Per avere un motore il giorno 10 si devono avere i componenti della carcassa il giorno 5, quelli dello statore e del rotore il 6. Per avere uno statore il 6 si devono avere i componenti per il pacco il 3 e per gli avvolgimenti il 4. 7 gg domanda motore completo carcassa statore pacco avvolgimenti rotore sbarre anelli

3 Commenti il processo presentato assume disponibilità infinita di risorse di produzione; le scadenze dell MPS devono essere fissate sufficientemente lontano nel tempo in modo da potere essere soddisfatte; devono essere eventualmente considerati anche i dei fornitori. 9 Componenti base Quando (e quanti) ordinare i componenti base, e.g., sbarre e anelli della gabbia del rotore? Alternative elementari: lot-for-lot (ogni giorno solo quello che serve): non ha costi di mantenimento, non ottimizza i costi fissi d ordine; EOQ: la domanda non è costante, si rischia di tenere in magazzino materiali che comunque non sarebbero sufficienti a soddisfare la domanda del giorno successivo e quindi si sarebbe costretti comunque a riordinare; (Q,R),(s,S),...: la domanda non è stocastica, trattandola come tale per lo meno si spreca inutilmente dell informazione e quindi ci si allontana dall ottimo. 10 Lot-sizing Il problema del lot-sizing (dimensionamento lotto) richiede di trovare un compromesso tra costi di riordino oppure set-up produzione e costi di mantenimento*. metodi euristici (richiedono conoscenza esatta della domanda nel breve periodo) Silver-Meal least unit cost part period balancing metodo esatto (richiede conoscenza esatta della domanda nel lungo periodo) Wagner-Within *come scorte, ma con domanda diversa 11 Metodi euristici I metodi euristici ricercano la soddisfazione di almeno una delle condizioni di ottimalità dell EOQ: minimalità locale del costo medio per periodo (Silver-Meal), minimalità del costo per prodotto (least unit cost ), costi di mantenimento uguale ai costi di riordino (part period balancing). 12

4 Silver - Meal Siano K: costo fisso ordine h: costo mantenimento in un periodo r i : domanda da soddisfare nel periodo i-mo G(T): costo medio per periodo se si ordina lotto equivalente alla domanda dei seguenti T periodi: G(1) = K, G(2) = (K+ h r 2 )/2, G(3) = (K+ h r h r 3 )/3... G(j) = (K+ h r h r (j-1) h r j )/j Silver - Meal si riordina per soddisfare la domanda di j periodi, dove j è il primo minimo locale, i.e., il numero più piccolo t.c.: G(j -1) > G(j ) e G(j ) G(j +1) Esempio: sbarre motore a gabbia, K = 1000, h = 1 G(1) = 1000, G(2) = ( )/2 = 605, G(3) = ( *252)/3 = 571.3, G(4) = ( * *252)/4 = minimo locale in j =3, il giorno 5 devono essere disponibili le sbarre anche per il 6 e il Least unit cost Siano K: costo fisso ordine h: costo mantenimento in un periodo r i : domanda da soddisfare nel periodo i-mo G(T): costo unitario per periodo se si ordina lotto equivalente alla domanda dei seguenti T periodi: G(1) = K/ r 1, G(2) = (K+ h r 2 )/(r 1 +r 2 ), G(3) = (K+ h r h r 3 )/(r 1 +r 2 + r 3 )... G(j) = (K+ h r h r (j-1) h r j )/ (r 1 +r r j ) Least unit cost si riordina per soddisfare la domanda di j periodi, dove j è il primo minimo locale, i.e., il numero più piccolo t.c.: G(j -1) > G(j ) e G(j ) G(j +1) Esempio: sbarre motore a gabbia, K = 1000, h = 1 G(1) = 1000/189=5.3, G(2) = ( )/( ) = 3.0, G(3) = ( *252)/( ) = 2.6, G(4) = ( * *252)/( ) = 2.7, minimo locale in j =3, il giorno 5 devono essere disponibili le sbarre anche per il 6 e il

5 Part period balancing Siano K: costo fisso ordine h: costo mantenimento in un periodo r i : domanda da soddisfare nel periodo i-mo G(T): costo di mantenimento se si ordina lotto equivalente alla domanda dei seguenti T periodi: G(1) =0, G(2) = h r 2, G(3) = h r h r 3... G(j) = h r h r (j-1) h r j Part period balancing si riordina per soddisfare la domanda di j periodi, dove j è il primo minimo locale del valore K- G(j) Esempio: sbarre motore a gabbia, K = 1000, h = 1 G(1) = 0, G(2) = 210, G(3) = *252 = 714, G(4) = * *252 = 1470, minimo locale in j =3, il giorno 5 devono essere disponibili le sbarre anche per il 6 e il Commenti in questo caso tutte le euristiche forniscono lo stesso risultato. In genere Silver - Meal è quella che fornisce risultati migliori, ma per la sua semplicità la part period balancing è la più usata; negli esempi si è calcolato la dimensione del primo ordine e utilizzano solo i dati per i pochi giorni successivi, le euristiche vanno riapplicate a partire dal primo giorno per cui non sia hanno a disposizione scorte, i.e, il giorno 8; si ordina sempre per soddisfare un numero esatto di periodi, non conviene fare altrimenti. Wagner - Within Metodo esatto che suppone di conoscere la domanda per tutto l orizzonte rispetto al quale si vuole ottimizzare. Siano K: costo fisso ordine h: costo mantenimento in un periodo r i : domanda da soddisfare nel periodo i-mo c(i,j): costo d ordine e di mantenimento pagato per un lotto che soddisfa la domanda dei periodi da i a (j-1), e.g.,: c(1,2) =K, c(1,3) = K+ h r 2, c(2,5) = K+ h r h r

6 Wagner - Within sia T la lunghezza dell orizzonte su cui si vuole ottimizzare, si deve determinare la sequenza di costi c(i,j) t.c. sia minima la somma: c(1,i 1 ) + c(i 1,i 2 ) + c(i 2,i 3 ) c(i k,t+1). Tale problema corrisponde a determinare il percorso minimo su una rete aciclica e può essere risolto attraverso la programmazione dinamica. Reti Una rete G(N,A) è costituita da: un insieme N di nodi, in questo caso i nodi sono i giorni dell orizzonte più uno, N = T+1; un insieme A di archi orientati (i,j) con i,j N che esprimono l esistenza di una relazione tra una coppia di nodi, in questo caso gli archi esprimono il fatto che in i si ha a disposizione prodotti per soddisfare tutta e sola la domanda fino a j-1; un insieme C di pesi c(i,j) associati ad ogni singolo arco, in questo caso i pesi sono i costi delle scorte da i a j-1. Una rete ha una ovvia rappresentazione grafica: Percorso a costo minimo Esempio: sbarre motore a gabbia su T=6 giorni (dal 5 al 11), sia f(i) il cost-to-go (costo minimo dal giorno i a T+1) f(7) = 0 f(6) = min{c(6,7) + f(7)} = = 1000 se al sesto giorno si deve ordinare, si ordina solo per il giorno stesso f(5) = min{c(5,6) + f(6), c(5,7) + f(7)}= = min{ , ( ) + 0} = 1252 se al quinto giorno si deve ordinare, conviene ordinare anche per il sesto 23 Percorso a costo minimo f(4) = min{c(4,5) + f(5), c(4,6) + f(6), c(4,7) + f(7)}= = min{ , ( )+ 1000, ( *252) + 0} = 1756 se al quarto giorno si deve ordinare, conviene ordinare anche per rimanenti; f(3) = min{c(3,4) + f(4), c(3,5) + f(5), c(3,6) + f(6), c(3,7) + f(7)}= = min{ , ( )+ 1252, ( *252) , ( * *252) + 0} = 2504 se al terzo giorno si deve ordinare, conviene ordinare anche per il quarto e quindi ricevere la merce di nuovo il quinto giorno; 24

7 Percorso a costo minimo f(2) = min{c(2,3) + f(3), c(2,4) + f(4), c(2,5) + f(5), c(2,6) + f(6), c(2,7) + f(7)} = min{ , ( )+ 1756, ( *252) , ( * *252) , ( * * *252) + 0} = 3008 se al secondo giorno si deve ordinare, conviene ordinare anche per il terzo e quindi ricevere la merce di nuovo il quarto giorno; f(1) = min{c(1,2) + f(2), c(1,3) + f(3), c(1,4) + f(4), c(1,5) + f(5), } = = min{ , ( )+ 2504, ( *252) , ( * *252) } = 3470 al primo giorno conviene ordinare anche per il secondo e il terzo, quindi ricevere la merce di nuovo il quarto giorno. 25 Commenti il numero di operazioni che si devono compiere per calcolare il percorso minimo cresce con il quadrato di T, in realtà esistono procedure più efficienti che crescono con TlogT; è possibile evitare alcuni confronti nei minimi (come avvenuto nel calcolo di f(1)) escludendo le situazioni in cui si è certi che i costi di mantenimento eccedono i costi di riordino. 26 MRP a capacità finita Sia la domanda da soddisfare temporaneamente superiore alle capacità del sistema, allora si deve: verificare se anticipando gli ordini si può soddisfare la domanda, altrimenti qualche consegna sarà necessariamente in ritardo; decidere quali ordini anticipare e di quanto. Il problema è in generale estremamente complesso e viene risolto in maniera euristica riconducendosi ad uno dei metodi precedenti, anche se non vale più la condizione per cui conviene avere lotti la cui dimensione soddisfa la domanda complessiva di un numero esatti di periodi. 27 Verifica Condizione necessaria che si possa soddisfare la domanda senza ritardo è che, ad ogni istante di tempo, la domanda cumulata non ecceda la capacità cumulata. Esempio: T = 6, D={30, 40, 50, 40, 40, 60}, C={45, 45, 45, 45, 45, 45} t= t= = = 90 t= = =135 t= = = 180 t= = = 225 t= = = 270 domanda soddisfacibile. Se invece la domanda complessivamente aumentasse di più di 10 unità non sarebbe possibile soddisfarla senza introdurre ritardi. 28

8 Anticipazione Procedendo all indietro a partire dall ultimo giorno si anticipa la domanda che non può essere soddisfatta. Esempio: T = 6, D={30, 40, 50, 40, 40, 60}, C={45, 45, 45, 45, 45, 45} t=6 da 60 a 45, si anticipano 15 unità al periodo precedente da cui D={30, 40, 50, 40, 55, 45} t=5 da 55 a 45, D={30, 40, 50, 50, 45, 45} t=4 da 50 a 45, D={30, 40, 55, 45, 45, 45} t=3 da 55 a 45, D={30, 50, 45, 45, 45, 45} t=2 da 50 a 45, D={35, 45, 45, 45, 45, 45} Lot-sizing La domanda periodo per periodo è non superiore alla capacità del sistema, si può quindi applicare un metodo qualunque di lotsizing, avendo cura di aggiungere il vincolo che i singoli lotti non eccedano le capacità di produzione. In Wagner - Within questo significa, ad esempio, che da un nodo si potranno raggiungere solo i nodi più vicini, quelli la cui domanda complessiva fino a tal punto non eccede la dimensione massima di un lotto in un periodo. Nel caso dell esempio, banalmente, ogni nodo sarebbe collegato solo con il successivo Capacità comuni a più prodotti Alcuni prodotti possono competere per capacità comuni, e.g., le sbarre e gli anelli del motore a gabbia potrebbero essere prodotti dalle stesse squadre. In questo caso conviene esprimere la domanda in termini aggregati (sbarre e anelli assieme) di capacità, eseguire l MRP e quindi disaggregare. 31 Metodo esatto Parametri T: orizzonte N: insieme componenti/subassemblati della distinta base K i : costi ordine/set-up componente i h i : costi mantenimento componente i r t : domanda prodotto finito periodo t c jt : capacità disponibile risorsa j periodo t a ij : capacità risorsa j per produrre un unità i s(i): subassemblato padre di i m is(i) : molteplicità di componenti i richiesti da s(i) l(i): componente i M: big M 32

9 Metodo esatto Variabili x it : quantità prodotta/acquisita componente i periodo t (variabili continue) y it indicatore di ordine/produzione componente i periodo t (variabili binarie) I it disponibilità a magazzino componente i periodo t (variabili continue) 33 Obiettivo: Metodo esatto minimizzazione costi Σ i N Σ t T (K i y it +h i I it ) Vincoli: soddisfare la domanda prodotto finito i=1 I 1(t-1) +x 1t = I 1t +r t 1 t T soddisfare la domanda componenti intermedi I i(t-1) +x it =I it + Σ k s(i) m ik x k(t+l(k) ) 1 t T 2 i N considerare i set-up x it My it 1 t T 2 i N rispettare le capacità Σ i N a ij x it c jt 1 t T 1 j C positività/interezza variabili le capacità x it, I it 0 y it {0,1} 34 Commenti Stocasticità la presenza di variabili binarie rende il problema estremamente complesso da risolvere in generale, però molto spesso. molti costi di set-up possono essere trascurati, quindi si può ridurre il numero delle variabili binarie; trascurando i tutti costi di set-up si ha una soluzione ammissibile che può essere utilizzata come punto di partenza di una soluzione euristica in due passi: si ottimizzano i costi di mantenimento, trascurando i set-up; attraverso una ricerca locale, a piccoli gruppi di componenti a partire da quelli più in alto nella BOM, si ottimizzano i set-up rispettando le risorse. I sistemi MRP suppongono tutto deterministico. In caso di stocasticità della domanda può essere opportuno prevedere una scorta di sicurezza per i prodotti finali o comunque per i subassemblati più complessi per cui sia ragionevole farlo (aumentando fittiziamente la domanda) e propagarla attraverso l esplosione della distinta base; analogamente ci si comporta nel caso i cui i lotti possono includere pezzi difettosi

10 Rolling horizon e nervousness I sistemi MRP nel caso siano applicati con una politica di rolling horizon (sempre consigliabile) possono presentare: indicazioni significativamente diverse sulle dimensioni dei lotti (non convergenti) a secondo dell orizzonte considerato soprattutto in presenza di domanda periodica; nervousness, cambiare i periodi in cui effettuare gli ordini. Conviene sempre inserire termini che penalizzino il cambiamento delle decisioni, e.g., i costi di set-up possono essere aumentati nei giorni non previsti. Altri problemi l MRP deve interagire con il sw di CRP (Capacity Requirement Planning) per gestire al meglio le risorse. Purtroppo non ci sono metodologie esatte efficienti di CRP e quindi tali problemi sono di solito gestiti in modo euristico molto elementare dai sw commerciali; l MRP suppone costanti, mentre questi possono dipendere dalla dimensione del lotto; l MRP funziona soltanto se i dati su cui si basa sono aggiornati, cosa che spesso non avviene nelle aziende

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO

LIVELLO STRATEGICO E TATTICO Corso di Laurea Triennale in INGEGNERIA GESTIONALE Anno Accademico 2012/13 Prof. Davide GIGLIO 1 ESEMPI DI PROBLEMI DECISIONALI LIVELLO STRATEGICO Capacity growth planning LIVELLO TATTICO Aggregate planning

Dettagli

Seconda Prova di Ricerca Operativa. Cognome Nome Numero Matricola A 1/12 A 2/12

Seconda Prova di Ricerca Operativa. Cognome Nome Numero Matricola A 1/12 A 2/12 A / A / Seconda Prova di Ricerca Operativa Cognome Nome Numero Matricola Nota: LA RISOLUZIONE CORRETTA DEGLI ESERCIZI CONTRADDISTINTI DA UN ASTERISCO È CONDIZIONE NECESSARIA PER IL RAGGIUNGIMENTO DELLA

Dettagli

Il piano principale di produzione

Il piano principale di produzione Il piano principale di produzione Piano principale di produzione 1 Piano principale di produzione (Master Production Schedule) MPS pianifica le consegne di prodotto finito in termini di quantità e di data

Dettagli

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera

Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera Ricerca Operativa Branch-and-Bound per problemi di Programmazione Lineare Intera L. De Giovanni AVVERTENZA: le note presentate di seguito non hanno alcuna pretesa di completezza, né hanno lo scopo di sostituirsi

Dettagli

Modelli di Sistemi di Produzione

Modelli di Sistemi di Produzione Modelli di Sistemi di Produzione 2 Indice 1 I sistemi di produzione 1 1.1 Generalità............................. 1 1.2 I principi dei sistemi manifatturieri............... 4 1.3 Descrizione dei principali

Dettagli

LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE. Introduzione

LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE. Introduzione LA PROGRAMMAZIONE DELLA PRODUZIONE Introduzione La complessità e la moltitudine delle realtà competitive che caratterizzano oggi le aziende industriali hanno progressivamente condotto alla ricerca di soluzioni

Dettagli

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti

Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova. Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti Project Management Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Project Management 2 Metodi per supportare le decisioni relative alla gestione di progetti esempi sono progetti nell

Dettagli

Flusso a costo minimo e simplesso su reti

Flusso a costo minimo e simplesso su reti Flusso a costo minimo e simplesso su reti La particolare struttura di alcuni problemi di PL può essere talvolta utilizzata per la progettazione di tecniche risolutive molto più efficienti dell algoritmo

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati

Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati 1 Esercizi per il corso di Algoritmi e Strutture Dati Esercizi sulla Tecnica Divide et Impera N.B. Tutti gli algoritmi vanno scritti in pseudocodice (non in Java, né in C++, etc. ). Di tutti gli algoritmi

Dettagli

Alberi binari. Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it A.A. 2009/2010. Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Alberi binari. Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it A.A. 2009/2010. Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Alberi binari Ilaria Castelli castelli@dii.unisi.it Università degli Studi di Siena Dipartimento di Ingegneria dell Informazione A.A. 2009/2010 I. Castelli Alberi binari, A.A. 2009/2010 1/20 Alberi binari

Dettagli

Equazioni non lineari

Equazioni non lineari Dipartimento di Matematica tel. 011 0907503 stefano.berrone@polito.it http://calvino.polito.it/~sberrone Laboratorio di modellazione e progettazione materiali Trovare il valore x R tale che f (x) = 0,

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione.

Quando A e B coincidono una coppia ordinata é determinata anche dalla loro posizione. Grafi ed Alberi Pag. /26 Grafi ed Alberi In questo capitolo richiameremo i principali concetti di due ADT che ricorreranno puntualmente nel corso della nostra trattazione: i grafi e gli alberi. Naturale

Dettagli

Corso di Matematica finanziaria

Corso di Matematica finanziaria Corso di Matematica finanziaria modulo "Fondamenti della valutazione finanziaria" Eserciziario di Matematica finanziaria Università degli studi Roma Tre 2 Esercizi dal corso di Matematica finanziaria,

Dettagli

Rational Unified Process Introduzione

Rational Unified Process Introduzione Rational Unified Process Introduzione G.Raiss - A.Apolloni - 4 maggio 2001 1 Cosa è E un processo di sviluppo definito da Booch, Rumbaugh, Jacobson (autori dell Unified Modeling Language). Il RUP è un

Dettagli

IL PROBLEMA DELLO SHORTEST SPANNING TREE

IL PROBLEMA DELLO SHORTEST SPANNING TREE IL PROBLEMA DELLO SHORTEST SPANNING TREE n. 1 - Formulazione del problema Consideriamo il seguente problema: Abbiamo un certo numero di città a cui deve essere fornito un servizio, quale può essere l energia

Dettagli

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello

Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Minimizzazione di Reti Logiche Combinatorie Multi-livello Maurizio Palesi Maurizio Palesi 1 Introduzione Obiettivo della sintesi logica: ottimizzazione delle cifre di merito area e prestazioni Prestazioni:

Dettagli

Esercizi Capitolo 5 - Alberi

Esercizi Capitolo 5 - Alberi Esercizi Capitolo 5 - Alberi Alberto Montresor 19 Agosto, 2014 Alcuni degli esercizi che seguono sono associati alle rispettive soluzioni. Se il vostro lettore PDF lo consente, è possibile saltare alle

Dettagli

GESTIONE DELLA CAPACITA

GESTIONE DELLA CAPACITA Capitolo 8 GESTIONE DELLA CAPACITA Quale dovrebbe essere la capacità di base delle operations? (p. 298 e segg.) 1 Nel gestire la capacità l approccio solitamente seguito dalle imprese consiste nel fissare

Dettagli

VC-dimension: Esempio

VC-dimension: Esempio VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di. y b = 0 f() = 1 f() = 1 iperpiano 20? VC-dimension: Esempio Quale è la VC-dimension di? banale. Vediamo cosa succede con 2 punti: 21 VC-dimension: Esempio

Dettagli

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE

PASSEPARTOUT PLAN PLANNING E AGENDA I PLANNING LA MAPPA INTERATTIVA LA GESTIONE DEI SERVIZI LA PRENOTAZIONE PASSEPARTOUT PLAN Passepartout Plan è l innovativo software Passepartout per la gestione dei servizi. Strumento indispensabile per una conduzione organizzata e precisa dell attività, Passepartout Plan

Dettagli

I costi nel breve periodo

I costi nel breve periodo I costi di produzione e la funzione di offerta Breve e lungo periodo Il breve periodo è quell orizzonte temporale nel quale l impresa può variare solo parzialmente l impiego degli input esempio: l impresa

Dettagli

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni

Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Modelli Binomiali per la valutazione di opzioni Rosa Maria Mininni a.a. 2014-2015 1 Introduzione ai modelli binomiali La valutazione degli strumenti finanziari derivati e, in particolare, la valutazione

Dettagli

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI

METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI METODI ITERATIVI PER SISTEMI LINEARI LUCIA GASTALDI 1. Metodi iterativi classici Sia A R n n una matrice non singolare e sia b R n. Consideriamo il sistema (1) Ax = b. Un metodo iterativo per la soluzione

Dettagli

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso

2 Formulazione dello shortest path come problema di flusso Strumenti della Teoria dei Giochi per l Informatica A.A. 2009/10 Lecture 20: 28 Maggio 2010 Cycle Monotonicity Docente: Vincenzo Auletta Note redatte da: Annibale Panichella Abstract In questa lezione

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT POTEZONE DA CONTATT NDETT NE SSTEM TT Appunti a cura dell ng. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d ngegneria dell Università degli

Dettagli

Il motore asincrono trifase

Il motore asincrono trifase 7 Giugno 2008 1SDC007106G0901 Quaderni di Applicazione Tecnica Il motore asincrono trifase Generalità ed offerta ABB per il coordinamento delle protezioni Quaderni di Applicazione Tecnica Il motore asincrono

Dettagli

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP

Storia ed evoluzione dei sistemi ERP Storia ed evoluzione dei sistemi ERP In questo breve estratto della tesi si parlerà dei sistemi ERP (Enterprise Resource Planning) utilizzabili per la gestione delle commesse; questi sistemi utilizzano

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

ADVANCED MES SOLUTIONS

ADVANCED MES SOLUTIONS ADVANCED MES SOLUTIONS PRODUZIONE MATERIALI QUALITA MANUTENZIONE HR IIIIIIIIIaaa Open Data S.r.l. all rights reserved About OPERA OPERA MES è il software proprietario di Open Data. È un prodotto completo,

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A.

Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica. Marco Fusaro KPMG S.p.A. Università di Venezia Corso di Laurea in Informatica Laboratorio di Informatica Applicata Introduzione all IT Governance Lezione 5 Marco Fusaro KPMG S.p.A. 1 CobiT: strumento per la comprensione di una

Dettagli

AA 2006-07 LA RICORSIONE

AA 2006-07 LA RICORSIONE PROGRAMMAZIONE AA 2006-07 LA RICORSIONE AA 2006-07 Prof.ssa A. Lanza - DIB 1/18 LA RICORSIONE Il concetto di ricorsione nasce dalla matematica Una funzione matematica è definita ricorsivamente quando nella

Dettagli

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE

TELECOMUNICAZIONI (TLC) Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Trasduttore. Attuatore CENNI DI TEORIA (MATEMATICA) DELL INFORMAZIONE TELECOMUNICAZIONI (TLC) Tele (lontano) Comunicare (inviare informazioni) Comunicare a distanza Generico sistema di telecomunicazione (TLC) Segnale non elettrico Segnale elettrico TRASMESSO s x (t) Sorgente

Dettagli

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL

Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL SAP Customer Success Story Prodotti Industriali Raffineria Metalli Capra Raffineria Metalli Capra. Utilizzata con concessione dell autore. Raffineria Metalli Capra: innovazione nel settore METAL Partner

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

L Azienda che comunica in tempo reale

L Azienda che comunica in tempo reale Il servizio gestionale SaaS INNOVATIVO per la gestione delle PMI Negli ultimi anni si sta verificando un insieme di cambiamenti nel panorama delle aziende L Azienda che comunica in tempo reale La competizione

Dettagli

Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB

Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB La nostra tecnologia. Il vostro successo. Pompe n Valvole n Service Una soluzione sempre pronta a magazzino: Service e parti di ricambio KSB 02 Introduzione Rapidi, affidabili e competenti da oltre 140

Dettagli

Limiti e forme indeterminate

Limiti e forme indeterminate Limiti e forme indeterminate Edizioni H ALPHA LORENZO ROI c Edizioni H ALPHA. Ottobre 04. H L immagine frattale di copertina rappresenta un particolare dell insieme di Mandelbrot centrato nel punto.5378303507,

Dettagli

FORWARD RATE AGREEMENT

FORWARD RATE AGREEMENT FORWARD RATE AGREEMENT FLAVIO ANGELINI. Definizioni In generale, un contratto a termine o forward permette una compravendita di una certa quantità di un bene differita a una data futura a un prezzo fissato

Dettagli

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing

FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE. Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing FONDAMENTI DI ECONOMIA AZIENDALE E IMPIANTISTICA INDUSTRIALE Proff.. Alberto Baggini Marco Melacini A.A. 2008/2009 Sistemi di rilevazione dei costi Job Costing, Process Costing Allocazione dei costi industriali

Dettagli

La direttiva europea sull eco-design OGNI GIORNO SEMINIAMO TECNOLOGIA PER LA VITA

La direttiva europea sull eco-design OGNI GIORNO SEMINIAMO TECNOLOGIA PER LA VITA La direttiva europea sull eco-design OGNI GIORNO SEMINIAMO TECNOLOGIA PER LA VITA 2020. Ci aspetta un grande obiettivo La direttiva Eco-design. 02 Nel 2005 l Unione Europea ha approvato la nuova direttiva

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Esame di Ricerca Operativa del 20/12/13. Esercizio 1. Completare la seguente tabella considerando il problema di programmazione lineare:

Esame di Ricerca Operativa del 20/12/13. Esercizio 1. Completare la seguente tabella considerando il problema di programmazione lineare: Esame di Ricerca Operativa del 0// (Cognome) (Nome) (Corso di laurea) Esercizio. Completare la seguente tabella considerando il problema di programmazione lineare: max x x x + x x +x x x x x x x 0 x x

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Il problema del massimo flusso. Preflow-push e augmenting path: un approccio unificante

Il problema del massimo flusso. Preflow-push e augmenting path: un approccio unificante Introduzione Il problema del massimo flusso. Preflow-push e augmenting path: un approccio unificante Il problema del massimo flusso è uno dei fondamentali problemi nell ottimizzazione su rete. Esso è presente

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

Descrizioni VHDL Behavioral

Descrizioni VHDL Behavioral 1 Descrizioni VHDL Behavioral In questo capitolo vedremo come la struttura di un sistema digitale è descritto in VHDL utilizzando descrizioni di tipo comportamentale. Outline: process wait statements,

Dettagli

Sistemi ERP e i sistemi di BI

Sistemi ERP e i sistemi di BI Sistemi ERP e i sistemi di BI 1 Concetti Preliminari Cos è un ERP: In prima approssimazione: la strumento, rappresentato da uno o più applicazioni SW in grado di raccogliere e organizzare le informazioni

Dettagli

Guide a sfere su rotaia

Guide a sfere su rotaia Guide a sfere su rotaia RI 82 202/2003-04 The Drive & Control Company Rexroth Tecnica del movimento lineare Guide a sfere su rotaia Guide a rulli su rotaia Guide lineari con manicotti a sfere Guide a sfere

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa

Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Gli uni e gli altri. Strategie in contesti di massa Alessio Porretta Universita di Roma Tor Vergata Gli elementi tipici di un gioco: -un numero di agenti (o giocatori): 1,..., N -Un insieme di strategie

Dettagli

Business Process Reengineering

Business Process Reengineering Business Process Reengineering AMMISSIONE ALL'ESAME DI LAUREA Barbagallo Valerio Da Lozzo Giordano Mellini Giampiero Introduzione L'oggetto di questo lavoro riguarda la procedura di iscrizione all'esame

Dettagli

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza

2- Identificazione del processo. (o dei processi) da analizzare. Approcci: Esaustivo. In relazione al problema. Sulla base della rilevanza PROCESS MAPPING (2) Approcci: 2- Identificazione del processo Esaustivo (o dei processi) da analizzare Mappatura a largo spettro (es.: vasta implementazione di un ERP) In relazione al problema ad es. i

Dettagli

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO

ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO ATTIVITÀ DIDATTICHE 1 Prova di verifica ANALISI DEGLI SCOSTAMENTI DI COSTO E DI RICAVO di Rossana MANELLI MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE (Classe 5 a IT IGEA, 5 a IP Economico - gestionale) La prova, indirizzata

Dettagli

Permutazione degli elementi di una lista

Permutazione degli elementi di una lista Permutazione degli elementi di una lista Luca Padovani padovani@sti.uniurb.it Sommario Prendiamo spunto da un esercizio non banale per fare alcune riflessioni su un approccio strutturato alla risoluzione

Dettagli

Programmazione Non Lineare Ottimizzazione vincolata

Programmazione Non Lineare Ottimizzazione vincolata DINFO-Università di Palermo Programmazione Non Lineare Ottimizzazione vincolata D. Bauso, R. Pesenti Dipartimento di Ingegneria Informatica Università di Palermo DINFO-Università di Palermo 1 Sommario

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA

ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA ESERCIZI SVOLTI PER LA PROVA DI STATISTICA Stefania Naddeo (anno accademico 4/5) INDICE PARTE PRIMA: STATISTICA DESCRITTIVA. DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA E FUNZIONE DI RIPARTIZIONE. VALORI CARATTERISTICI

Dettagli

Gestione Magazzino. Terabit

Gestione Magazzino. Terabit Gestione Magazzino Terabit Informazioni Generali Gestione Magazzino Ricambi Il software è stato sviluppato specificamente per le aziende che commercializzano ricambi In particolare sono presenti le interfacce

Dettagli

Stefano Bonetti Framework per la valutazione progressiva di interrogazioni di localizzazione

Stefano Bonetti Framework per la valutazione progressiva di interrogazioni di localizzazione Analisi del dominio: i sistemi per la localizzazione Definizione e implementazione del framework e risultati sperimentali e sviluppi futuri Tecniche di localizzazione Triangolazione Analisi della scena

Dettagli

Sistema di gestione dei vuoti Gestione efficiente dei vuoti

Sistema di gestione dei vuoti Gestione efficiente dei vuoti Sistema di gestione dei vuoti Gestione efficiente dei vuoti Edizione ottobre 2008 Processi più semplici grazie ad una perfetta pianificazione Una precisa pianificazione preventiva consente da un lato un

Dettagli

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI

PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI 1 PROGRAMMAZIONE LINEARE IN DUE VARIABILI La ricerca operativa nata durante la seconda guerra mondiale ed utilizzata in ambito militare, oggi viene applicata all industria, nel settore pubblico e nell

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo

MANUALE OPERATIVO INTRODUZIONE. Manuale Operativo Pagina 1 di 24 INTRODUZIONE SEZ 0 Manuale Operativo DOCUMENTO TECNICO PER LA CERTIFICAZIONE DEL PROCESSO DI VENDITA DEGLI AGENTI E RAPPRESENTANTI DI COMMERCIO OPERANTI PRESSO UN AGENZIA DI RAPPRESENTANZA:

Dettagli

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A

L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda e la sua gestione P R O F. S A R T I R A N A L azienda può essere considerata come: Un insieme organizzato di beni e persone che svolgono attività economiche stabili e coordinate allo scopo di

Dettagli

Lezione XII: La differenziazione del prodotto

Lezione XII: La differenziazione del prodotto Lezione XII: La differenziazione del prodotto Ci sono mercati che per la natura del loro prodotto, la numerosità dei soggetti coinvolti su entrambi i lati del mercato (e in particolare, la bassa concentrazione

Dettagli

Appunti dalle lezioni di

Appunti dalle lezioni di Università di Roma La Sapienza Sede di Latina (Università Pontina) Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Appunti dalle lezioni di Ricerca Operativa Anno Accademico 2003-2004 Indice Introduzione 5 Che

Dettagli

HORIZON SQL PREVENTIVO

HORIZON SQL PREVENTIVO 1/7 HORIZON SQL PREVENTIVO Preventivo... 1 Modalità di composizione del testo... 4 Dettaglia ogni singola prestazione... 4 Dettaglia ogni singola prestazione raggruppando gli allegati... 4 Raggruppa per

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

Ricerca non informata in uno spazio di stati

Ricerca non informata in uno spazio di stati Università di Bergamo Facoltà di Ingegneria Intelligenza Artificiale Paolo Salvaneschi A5_2 V2.4 Ricerca non informata in uno spazio di stati Il contenuto del documento è liberamente utilizzabile dagli

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso

UMB Power Day. 15-11-2012 Lugano-Paradiso UMB Power Day 15-11-2012 Lugano-Paradiso Mission Competenza e flessibilità al fianco delle imprese che necessitano di esperienza nel gestire il cambiamento. Soluzioni specifiche, studiate per migliorare

Dettagli

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente CAPITOLO Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente. - Struttura e principio di funzionamento Una rappresentazione schematica della struttura di un motore a corrente continua a due poli è mostrata

Dettagli

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI

SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI SISTEMI LINEARI QUADRATI: METODI ITERATIVI CALCOLO NUMERICO e PROGRAMMAZIONE SISTEMI LINEARI QUADRATI:METODI ITERATIVI p./54 RICHIAMI di ALGEBRA LINEARE DEFINIZIONI A R n n simmetrica se A = A T ; A C

Dettagli

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI

INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI INTRODUZIONE AGLI ALGORITMI Prima di riuscire a scrivere un programma, abbiamo bisogno di conoscere un metodo risolutivo, cioè un metodo che a partire dai dati di ingresso fornisce i risultati attesi.

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS

TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS TEORIA DELL UTILITÀ E DECISION PROCESS 1 UTILITÀ Classicamente sinonimo di Desiderabilità Fisher (1930):... uno degli elementi che contribuiscono ad identificare la natura economica di un bene e sorge

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

1 BI Business Intelligence

1 BI Business Intelligence K Venture Corporate Finance Srl Via Papa Giovanni XXIII, 40F - 56025 Pontedera (PI) Tel/Fax 0587 482164 - Mail: info@kventure.it www.kventure.it 1 BI Business Intelligence Il futuro che vuoi. Sotto controllo!

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA

THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA SAP World Tour 2007 - Milano 11-12 Luglio 2007 THUN con ARIS: dall'ottimizzazione dei processi verso l enterprise SOA Agenda Presentazione Derga Consulting Enterprise SOA Allineamento Processi & IT Il

Dettagli

L impresa che non fa il prezzo

L impresa che non fa il prezzo L offerta nei mercati dei prodotti L impresa che non fa il prezzo L impresa che non fa il prezzo (KR 10 + NS 6) Dipartimento di Economia Politica Università di Milano Bicocca Outline L offerta nei mercati

Dettagli

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione

Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Semantica operazionale dei linguaggi di Programmazione Oggetti sintattici e oggetti semantici Rosario Culmone, Luca Tesei Lucidi tratti dalla dispensa Elementi di Semantica Operazionale R. Barbuti, P.

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

LISTINO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI

LISTINO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI LISTI INO PREZZI ARMADI GESTIONE CHIAVI APRILE 2012 APICE Listino Prezzi 04/2012 Indice dei contenuti ARMADI GESTIONE CHIAVI... 3 1. KMS... 4 1.1. ARMADI KMS COMPLETI DI CENTRALINA ELETTRONICA E TOUCH

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1

Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Matematica B - a.a 2006/07 p. 1 Definizione 1. Un sistema lineare di m equazioni in n incognite, in forma normale, è del tipo a 11 x 1 + + a 1n x n = b 1 a 21 x 1 + + a 2n x n = b 2 (1) = a m1 x 1 + +

Dettagli

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1

UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA. Filippo Romano 1 UTILIZZO DEI METODI MULTICRITERI O MULTIOBIETTIVI NELL OFFERTA ECONOMICAMENTE PIÙ VANTAGGIOSA Filippo Romano 1 1. Introduzione 2. Analisi Multicriteri o Multiobiettivi 2.1 Formule per l attribuzione del

Dettagli