DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE"

Transcript

1 Comune di Morciano di Romagna Provincia di Rimini DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA SESSIONE: ORDINARIA CONVOCAZIONE: 1 2 N. 23 IN DATA 18/03/2008 O G G E T T O AFFIDAMENTO ALLOGGI DI PROPRIETÀ COMUNALE IN CONCESSIONE ALL'ACER DI RIMINI. L anno duemilaotto, il giorno diciotto del mese di marzo, alle ore 21:00, nella residenza comunale, in apposita sala, regolarmente convocati, all appello nominale risultano i signori consiglieri: COGNOME E NOME PRES. ASS. COGNOME E NOME PRES. ASS. 1. CIOTTI GIORGIO Sì == 2. OTTAVIANI DANILO Sì == 10. BATTELLI FABRIZIO Sì == 3. GENNARI FILIPPO Sì == 11. TURCI GIANCARLO Sì == 4. GOSTOLI MARIA ROSA Sì == 12. MAZZEO MARIO Sì == 5. CASADEI GIUSEPPE Sì == 13. LIVERANI LUIGI EMILIO Sì == 6. MONTANI ENZO Sì == 14. AUTUNNO PIERLUIGI Sì == 7. ODDONE DAVID Sì == 15. ANDRUCCIOLI RENATA Sì == 8. MANCINI GIAMPIETRO Sì == 16. GHIGI FILIPPO == Sì 9. CIOTTI LANFRANCO Sì == 17. GARATTONI MARIO Sì == Presiede il Prof. GIORGIO CIOTTI, quale Sindaco. Partecipa alla seduta la Dott.ssa ROSANNA FURII, Segretario, e ne cura la verbalizzazione (art. 97,4,T.U. 267/00). Fra gli assenti sono giustificati i signori: GHIGI FILIPPO. Il Presidente, accertato il numero legale, dichiara aperta la seduta e da atto che sono stati nominati scrutatori i signori consiglieri: ANDRUCCIOLI - MAZZEO - GARATTONI. Il Presidente, quindi, dichiara aperta la discussione, premettendo che, ai sensi dell art. 49 del T.U. 267/2000, sulla proposta della presente deliberazione sono stati espressi i relativi pareri: [ ] NON NECESSARI, in quanto mero atto di indirizzo; [x] il Responsabile del Servizio LL. PP.-Patrimonio, Geom. OLIVIERO PAZZAGLINI, in ordine alla regolarità tecnica ha espresso parere favorevole.firma il Responsabile di Ragioneria, Dott.ssa ELENA MASINI, in ordine alla regolarità contabile [ ] ha espresso parere favorevole.. firma [x] non ha espresso alcun parere, non comportando il presente atto impegno di spesa o diminuzione di entrata... firma

2 Premesso che: IL CONSIGLIO COMUNALE la L.R. 08 agosto 2001 n. 24 relativa alla disciplina generale dell intervento pubblico nel settore abitativo dispone, tra le altre cose, il riordino della gestione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica; l art. 3 della citata legge conferisce ai Comuni il compito di disciplinare la materia con propri regolamenti e di esercitare tutte le funzioni amministrative che ad esso ineriscono, nell ambito dei principi previsti dalla legge stessa; a seguito della previsione, per i Comuni, in capo di realizzare l unificazione della titolarità del patrimonio di edilizia residenziale pubblica, avvalendosi dell ACER (ex IACP) per la gestione unitaria del patrimonio suindicato e per l esercizio delle proprie funzioni nel campo delle politiche abitative; con nota ACER assunta al protocollo di questo Comune al n in data 18 aprile 2003 è stato trasmesso l elenco dei beni costituenti patrimonio di proprietà dell ACER Rimini ubicato sul territorio di Morciano di Romagna e che risulta così composto: o edificio Via Forlani n. 13/2 (appartamenti n. 2) o edificio Via Rossini n (appartamenti n. 19) o edificio Via Arno n. 32 (appartamenti n. 6) questo Comune possiede, altri immobili che ha assoggettato alla disciplina vigente per l edilizia residenziale pubblica e che sono propriamente: o edificio Via Bucci n. 53 (appartamenti n. 9) o edificio Via Bucci ang. Via Forlani (appartamenti n. 4) o "palazzo Marvelli" Via Bucci n. 76 (appartamenti n. 5) con atto G.C. n. 21 in data , esecutivo, sono state conferite all ACER di Rimini, i, compiti gestionali, previsti dagli artt. 27, 28, 32 e 33 della L.R. n. 24/2001 e meglio specificati nell apposita convenzione che è stata sottoscritta in data 16 febbraio 2004 Rep. n. 576, tra questa amministrazione e l azienda Acer di Rimini - Azienda dotata del sistema di qualità conforme alla norma ISO ; Acer si è dotata di una carta dei servizi per certificare gli standard delle prestazioni gestionali erogate, approvata dal Tavolo di concertazione provinciale; Tutto ciò premesso; Considerato che: l edilizia residenziale pubblica è ritenuta un servizio pubblico locale di interesse generale; l Acer ha proposto il passaggio dal regime contrattuale della convenzione a quello della concessione, in quanto si reputa di poter definire, con maggior precisione, linearità e coerenza la responsabilità dell ente gestore, operando una distinzione fra l attività gestionale e operativa che va affidata all Acer stessa, rispetto alle funzioni di programmazione,indirizzo, controllo e regolamentazione dell ERP, che restano in capo ai Comuni; attraverso il regime della concessione di servizio si possono cogliere nuove opportunità di crescita dell efficacia, efficienza ed economicità nel governo dell ERP, liberando nuove

3 risorse, provenienti dai canoni degli alloggi, da reinvestire ai sensi dell art. 36 della L.R. 24/2001, ed in particolare: a) al recupero ed allo sviluppo del patrimonio abitativo pubblico, ivi compresi i programmi di manutenzione ed adeguamento tecnologico; è competenza del Consiglio Comunale, allo scopo di razionalizzare ed ottimizzare l intervento pubblico nel settore abitativo, stabilire che la gestione avvenga in concessione approvando, altresì lo schema di concessione; che occorre, inoltre, da parte di ACER, l accettazione, con apposita delibera del Consiglio di Amministrazione, della trasformare in concessione la convenzione di gestione del patrimonio abitativo comunale, conferendo mandato al Direttore di intervenire nella stipulazione Visti: lo schema di convenzione da sottoscriversi tra il Comune e l ACER Emilia Romagna della Provincia di Rimini per la gestione in concessione degli immobili ERP e del patrimonio non abitativo di proprietà comunale e ritenutolo meritevole di approvazione; lo schema di disciplinare per la gestione e la manutenzione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica; Riscontrato che in rappresentanza del Comune si autorizza, nel rispetto delle disposizioni statutarie e del TUEL n. 267/2000, alla sottoscrizione il responsabile del Servizio LL.PP./Patrimonio, geom. Oliviero Pazzaglini. Dopo l esposizione della proposta da parte dell Assessore Casadei, il quale si sofferma sui punti più salienti del nuovo regime di concessione che comporterà un significativo contenimento dell iva, sul corrispettivo, nonché una maggiore semplificazione delle procedure con accollo da parte dell Acer e non più dei Comuni di tutti gli adempimenti connessi alla morosità, chiede la parola il Consigliere Garattoni. Lo stesso fa presente che è d accordo con il passaggio dal regime contrattuale della convenzione a quello della concessione, non è d accordo invece sul fatto che l assegnazione degli alloggi venga fatta dall Acer, non è d accordo sulla presentazioni delle autocertificazioni, così pure propone che vengano individuati negli atti regolamentari punteggi aggiuntivi sulla base della effettiva residenza per accedere alle case popolari. Il Sindaco replicando allo stesso fa presente che gli argomenti dal lui esposti non sono oggetto di discussione di questa proposta, ma lo saranno in sede di discussione del regolamento per l assegnazione degli alloggi erp che si sta trattando nel tavolo di concertazione provinciale permanente per le politiche abitative. Il Consigliere Garattoni udito il Sindaco prende atto di quanto da questi enunciato. Si passa quindi alla votazione dell argomento posto all ordine del giorno. Visto il D.Lgs. n. 267/2000; Vista la L.R. n. 24/2001; Vista la deliberazione del Consiglio Regionale n. 391/2002; Visto lo Statuto Comunale; Visto l ordinamento generale per gli uffici ed i servizi; Con votazione unanime espressa in forma palese

4 DELIBERA 1. di affidare in concessione all Acer di Rimini la gestione delle funzioni pubbliche del patrimonio di edilizia residenziale pubblica di questo Comune, già in precedenza con il regime dell affidamento in convenzione; 2. di approvare l allegato schema (ALLEGATO 1) di convenzione da sottoscriversi tra il Comune e l ACER Emilia Romagna della Provincia di Rimini per la gestione degli immobili ERP e del patrimonio non abitativo di proprietà comunale, con allegato (ALLEGATO A) il relativo disciplinare per la gestione e la manutenzione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica; 3. di individuare responsabile del procedimento il geom. Oliviero Pazzaglini già responsabile del Servizio LL.PP./Patrimonio per gli atti gestionali afferenti il servizio attribuendogli altresì l'incarico di sottoscrive gli atti di cui alla presente delibera.

5 ALLEGATO 1 CONCESSIONE DELLE FUNZIONI PUBBLICHE DI GESTIONE DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Il giorno del mese di dell'anno, presso la Residenza Comunale con il presente atto, da valere fra le parti ad ogni effetto di legge, TRA - il Signor. nato a.. il.. domiciliato per la carica in... presso. nella sua qualità di., il quale agisce in rappresentanza del Comune di.., di seguito più semplicemente denominato Comune, giusti poteri attribuitigli da.. del Comune di.., con domicilio fiscale in (Codice Fiscale.) E - il Signor. nato a.. il.. domiciliato per la carica in. presso nella sua qualità di Direttore Generale dell Azienda Casa Emilia - Romagna della Provincia di Rimini (Codice Fiscale ), di seguito più semplicemente denominato ACER, a ciò autorizzato con Deliberazione Consiliare n. del..; PREMESSO - che la Legge Regionale 8 agosto 2001, n. 24 ha riordinato le funzioni e le competenze in materia di Edilizia Residenziale Pubblica, prevedendo altresì il trasferimento della proprietà del patrimonio in capo al Comune e riconoscendo all'acer, Ente Pubblico Economico, il ruolo di ente strumentale del Comune nella gestione e manutenzione del patrimonio stesso; - che, con convenzione del., il Comune ha affidato all ACER la gestione degli immobili ad uso abitativo di Edilizia Residenziale Pubblica e relative pertinenze di proprietà comunale a decorrere dal. fino al.., in base alla deliberazione n. in data. del Consiglio Comunale e n. del della Giunta Comunale; - che l ACER è dotato del Sistema Qualità conforme alle norme UNI/EN ISO 9001/2000 per lo svolgimento delle procedure tecniche e gestionali e che, in conformità a tali norme effettua periodiche indagini di soddisfazione del Cliente; - che ACER certifica i propri bilanci d esercizio già dall esercizio 2003 secondo quanto prevede la citata L.R. 8 agosto 2001, n. 24 e che effettua regolarmente controllo di gestione della propria attività; - che ACER si è dotata della Carta dei Servizi per certificare gli standard delle prestazioni gestionali erogate, approvata dal Tavolo di Concertazione Provinciale in data ; che l edilizia residenziale pubblica è considerata un servizio pubblico locale di interesse generale; Che il passaggio dal regime contrattuale della convenzione a quello della concessione permette di definire con maggiore precisione, linearità e coerenza le responsabilità dell Ente Gestore, operando una migliore distinzione fra l attività gestionale ed operativa che va affidata ad ACER, rispetto alle funzioni di programmazione, indirizzo e regolamentazione dell ERP, che restano in capo ai Comuni. Che attraverso il regime della concessione di servizio si possono cogliere nuove opportunità di crescita dell efficacia, efficienza ed economicità nel governo dell ERP, liberando nuove risorse, provenienti dai canoni degli alloggi, da reinvestire ai sensi dell art. 36 della L.R. 24/2001, ed in particolare: a) al recupero ed allo sviluppo del patrimonio abitativo pubblico, ivi compresi i programmi di manutenzione ed adeguamento tecnologico che, con provvedimento del Consiglio Comunale n. / del / /, il Comune, allo scopo di razionalizzare ed ottimizzare l intervento pubblico nel settore abitativo, ha approvato che la gestione avvenga in concessione ed ha approvato altresì lo schema di concessione; - che l ACER, con delibera del Consiglio di Amministrazione n. del / /, ha accettato di trasformare in concessione la convenzione di gestione del patrimonio abitativo comunale, conferendo mandato al Direttore di intervenire nella stipulazione; Ciò premesso e ratificato a far parte integrante e sostanziale del presente atto, si conviene e stipula quanto segue:

6 Art. 1 OGGETTO DELLA CONCESSIONE Il Comune in persona del Signor, nei limiti ed alle condizioni di cui alle successive pattuizioni, affida in concessione all ACER di Rimini, che in persona del proprio rappresentante accetta, il servizio di gestione delle unità immobiliari, trasferite dall Acer al Comune stesso con verbali di consegna autenticati in data.., registrati all Ufficio delle Entrate.., per complessivi nn..., i cui dati qui si intendono come integralmente riportati. Si dà atto che dette funzioni rivestono peculiare rilevanza sociale. L affidamento e l espletamento dei poteri gestionali dovranno ritenersi, sin d ora, estesi ed operanti anche nei riguardi di quelle unità immobiliari che il Comune avesse a consegnare in gestione dopo la sottoscrizione del presente atto, giudicandosi sufficiente da entrambe le parti disporne l identificazione a mezzo di successivi singoli verbali di consegna da redigersi in contraddittorio. L affidamento in concessione del servizio di gestione del patrimonio immobiliare di proprietà comunale, costituito dal patrimonio di edilizia residenziale pubblica, comporta il diritto in capo al concessionario Acer di incamerare i proventi derivanti dai canoni di locazione dei suddetti patrimoni, nonché il trasferimento in capo ad ACER degli oneri e dei costi connessi alla gestione e alla manutenzione ordinaria e straordinaria Art. 2 REGIME DELLA CONCESSIONE La proprietà degli immobili su cui si esercitano le funzioni oggetto di concessione è del Comune. Con la concessione il Comune trasferisce in capo ad ACER la gestione degli immobili senza che questo comporti la costituzione di diritti reali di alcun tipo sugli immobili stessi. L ACER assume in proprio ed in toto il rischio d impresa inerente la gestione del servizio. Al fine di garantire il rispetto delle disposizioni previste dall art. 113 del D.Lgs. 18 agosto 2000 n. 267, dalla L.R. 8 agosto 2001 n. 24 e dai regolamenti e dalle delibere degli Enti Locali, le parti concordano sulla necessità di assicurare le condizioni affinché l ACER svolga la propria attività di concessionario in una situazione di pareggio economico e finanziario. La gestione degli immobili in oggetto è regolata dal presente atto, nonché da atti integrativi o modificativi, di cui le parti dovessero di comune accordo riconoscere la necessità o l opportunità, che dovranno tener conto degli indirizzi che l Amministrazione comunale abbia assunto od intenda assumere. Stante l assenza della soggettività d imposta di cui all art. 3 del D.Lgs n. 504/1992, ACER è esonerata dal pagamento dell Imposta Comunale sugli Immobili (ICI) ricevuti in concessione. Art. 3 COMPITI DELL ACER L ACER, oltre alle attività previste dall art. 41 della L.R n 24, assume anche le funzioni di centro coordinante e coadiuvante di tutte le tematiche realtive al settore abitativo pubblico con particolare riguardo alle disposizioni di legge e alle fonti di finanziamento pubblico In dipendenza della concessione di funzioni conferitagli, l ACER provvederà a tutte le attività elencate nell allegato A) (contenente i capitolati prestazionali) alla deliberazione del Consiglio Regionale 30/07/2002, n 391, e a quelle previste nel disciplinare di cui al successivo art. 19. Il Comune autorizza l ACER a compiere, in generale, ogni atto comunque connesso alla gestione degli immobili oggetto della presente concessione e di quelli di cui verrà conferita anche di seguito la gestione. Il Comune concede ad ACER l esercizio delle attività di cui al titolo III della L.R. 24/2001 e successive modifiche ed integrazioni, fatta salva le attività di cui agli artt. 24 e 25 (disciplina delle assegnazioni di ERP), art. 29 (annullamento dell assegnazione) ed art. 30 (decadenza dall assegnazione), con riferimento alla lettera a) abbandono dell alloggio; lettera b) aver adibito l alloggio a scopi immorali o illeciti; lettera c) aver causato gravi danni all alloggio ed alle parti comuni; lettera e) aver perduto i requisiti prescritti per l assegnazione; lettera f) aver superato i limiti reddituali; lettera g) essersi reso inadempiente nella produzione della documentazione reddituale; lettera h) aver eseguito opere sulle parti comuni. In particolare l ACER concessionario provvederà a gestire, con l adozione dei necessari provvedimenti, il rapporto locativo con gli assegnatari dal momento della stipulazione del contratto di locazione e fino alla cessazione dello stesso. In considerazione del fatto che la morosità graverà in toto sul bilancio dell ACER (rischio d impresa) l azienda provvederà ad attuare tutte le procedure ed i relativi atti previsti dalla normativa vigente per recuperare la morosità maturata dagli assegnatari di ERP. Per quanto riguarda le azioni di recupero del credito, in caso di morosità, nonché di recupero forzoso dell alloggio, l ACER attiverà le procedure previste all art.32 del R.D. 1165/1939, secondo le modalità previste dal successivo art. 8 della presente concessione.

7 La gestione dei piani di recupero della morosità, maturata dagli assegnatari di ERP, è affidata ad ACER. Tutte le attività amministrative inerenti e conseguenti le occupazioni illegali e/o abusive, di ERP, saranno svolte da ACER ai sensi del DPR 1035/1972. Il servizio inerente le procedure di mobilità, sia su richiesta degli assegnatari, che d ufficio, ed i relativi atti amministrativi è affidato ad ACER ai sensi della presente concessione. In alternativa il Comune può operare, condividendo con ACER il servizio, attraverso la costituzione di una commissione-mobilità a cui vengono affidati i compiti istruttori per la formazione della graduatoria e relative assegnazioni, in questo caso restano di competenza del Comune gli atti amministrativi conseguenti. Le modalità di organizzazione della commissione e la tempistica relativa alla fase istruttoria ed procedimenti amministrativi, verranno specificati in apposito disciplinare. Il Comune, in caso di dichiarazioni mendaci sui redditi dichiarati dagli assegnatari, può autorizzare l ACER ad applicare le sanzioni amministrative, disciplinate dalla delibera di ACER, n 39 del 12/08/2005. Dagli atti di straordinaria amministrazione sono esclusi solamente: a) I lavori di recupero di cui alle lettere c), d) ed e) dell art. 31 della L. 457/78; b) I cambi di destinazione d uso degli immobili gestiti; c) L alienazione, a qualsiasi titolo, degli immobili gestiti. L effettuazione di lavori sugli immobili gestiti, motivati da esigenze di urgenza e somma urgenza, sarà invece ammessa con le modalità ed i limiti previsti dalla vigente normativa sui lavori pubblici, ove si intende per Stazione appaltante, alla quale trasmettere il verbale di intervento urgente, il Comune, che autorizza la spesa ed approva i lavori. Il Comune s impegna ad adeguare, ove necessario, i propri regolamenti in coerenza con l atto di concessione dei servizi, sottoscritto fra le parti. Art. 4 PROGRAMMI DI INVESTIMENTO I programmi di manutenzione straordinaria, di risanamento conservativo, di ristrutturazione edilizia, di demolizione con ricostruzione e di ristrutturazione urbanistica non finanziati con le risorse dei canoni che si rendessero necessari, saranno definiti di comune intesa, con cadenza annuale, fissando altresì, di volta in volta, i criteri di intervento e le modalità di copertura dei conseguenti oneri finanziari, non rientrando gli stessi tra gli adempimenti di cui all allegato A alla deliberazione del Consiglio Regionale 30/07/2002 n 391. Il piano di investimento sarà verificato periodicamente anche ai fini dell aggiornamento che si rendesse necessario per eventi straordinari e imprevedibili. Le parti si impegnano ad individuare i possibili canali di finanziamento dei programmi, il cui costo comunque rimane a carico del Comune proprietario. Gli incarichi per la progettazione, l affidamento e la direzione dei lavori che il Comune affiderà all ACER saranno regolati da specifica convenzione onerosa. L ACER si impegna ad assistere il Comune nell individuazione di canali di finanziamento pubblico ed a predisporre i necessari programmi e progetti. L ACER gestisce i programmi intercomunali per l E.R.P. concordati, ex articolo 36 Legge Regionale 24/2001, nell ambito del tavolo di concertazione provinciale, secondo le modalità ivi previste. Art. 5 ATTIVITÀ DI MANUTENZIONE ORDINARIA, STRAORDINARIA E PRONTO INTERVENTO L ACER si impegna a realizzare gli interventi di manutenzione ordinaria definiti dalla lettera a) dell art. 31 della Legge 457/1978, nei limiti delle risorse disponibili. Per accelerare la riassegnazione degli alloggi riconsegnati per finita locazione od altre cause, gli interventi di ripristino e recupero che richiedono opere di manutenzione straordinaria saranno effettuati dall ACER senza necessità di preventiva autorizzazione, nei limiti delle disponibilità finanziarie assegnate e nel rispetto della normativa urbanistica e dei regolamenti edilizi vigenti. Le manutenzioni ordinarie a carico dell assegnatario che dovranno essere sostenute dal medesimo, vengono individuate con riferimento al Regolamento per la ripartizione degli oneri fra l'ente Gestore ed assegnatari emanato ai sensi dell art. 25 della L.R. 08/08/2001 n 24 nonché per quelli previsti a carico dei medesimi da norme di legge e secondo gli usi locali. L ACER potrà provvedere all esecuzione di tutte quelle opere necessarie per la salvaguardia della sicurezza degli utenti e/o di terzi e per garantire la funzionalità e l igiene dell alloggio e/o del fabbricato, qualora i conduttori non vi adempiano. L ACER provvederà all addebito in bolletta agli utenti della relativa spesa, con l indicazione dell intervento eseguito, del suo costo, dell insediamento interessato e del criterio di ripartizione. Nel caso di utenti assistiti dai servizi socio-sanitari, ne verrà data comunicazione al Comune e le relative spese resteranno a carico del Comune medesimo, in caso di mancato pagamento da parte degli stessi.

8 Per gli altri tipi di lavoro, diversi da quelli necessari per la salvaguardia della sicurezza o per la funzionalità ed igiene dell alloggio e/o del fabbricato, comunque a carico degli utenti secondo il regolamento di cui sopra, ACER potrà intervenire su richiesta dell utente provvedendo al relativo addebito all utente in bolletta. L ACER farà fronte, attingendo dai canoni di locazione incassati, alle spese di manutenzione ordinaria e ripristino alloggi a carico della proprietà. In caso di interventi qualificabili come manutenzione straordinaria, l ACER incamererà altresì le relative competenze tecniche, pari al nella misura e con le modalità stabilite dalla Conferenza degli Enti. Le fatture emesse dalle imprese esecutrici saranno intestate all ACER e liquidate dalla stessa. Art. 6 DETERMINAZIONE CANONI DI LOCAZIONE L ACER provvede a calcolare ed a riscuotere i canoni di locazione uniformandosi ai criteri di calcolo stabiliti dalle disposizioni regionali ed alle deliberazioni assunte in merito dal Comune concedente. Ogni cinque anni L ente Gestore ( ACER) e l Ente proprietario (Comune), verificheranno di comune accordo, l andamento dei canoni e la loro congruità rispetto ai costi di gestione ed alle necessità manutentive. L ACER provvederà alla verifica periodica delle condizioni reddituali degli assegnatari secondo le modalità previste dall art. 33 della L.R. 08/08/2001 n 24 e dalle disposizioni regionali e comunali. Qualora il Comune intendesse procedere alla riduzione e/o esonero dal pagamento del canone, di alcuni assegnatari, si farà carico dell onere finanziario relativo, compensando ACER, per le mancate entrate da canoni, attraverso il fondo socio-assistenziale a disposizione del bilancio dei Comuni-Provincia-ASL. Le somme fatturate a titolo di canone di locazione e di indennità di occupazione da parte di ACER sono acquisite dal concessionario. Art. 7 PROVENTI E ONERI DI GESTIONE Gli oneri della gestione e della manutenzione ordinaria sono sostenuti dall ACER, che li coprirà con i ricavi da canoni di locazione degli alloggi gestiti, fatturati e contabilizzati secondo le modalità di cui al precedente articolo. Sono a completo carico dell ACER le spese per le imposte, tributi e contributi ordinari connessi con l attività gestionale degli immobili stessi. Gli oneri di gestione degli alloggi, trattenuti dall Acer, saranno determinati ogni anno in proporzione al numero di alloggi gestiti ed in base: - alle spese vive di amministrazione degli stabili, al netto dei rispettivi recuperi da parte degli inquilini; - alla quota di spese di personale direttamente od indirettamente impegnato nella gestione degli alloggi; - alla quota di spese generali e di struttura attribuibili alla gestione degli alloggi. In ogni caso l ACER si impegna a mantenere i costi di gestione stabiliti dalla deliberazione della Conferenza degli Enti. Art. 8 RECUPERO DELLA MOROSITA L ACER è tenuta alla contabilizzazione periodica di canoni ed oneri accessori relativi agli immobili comunali ed all attivazione per conto del Comune, nei confronti di assegnatari inadempienti, di ogni azione volta al recupero della morosità, compreso lo sfratto esecutivo. In particolare l ACER provvede all esecuzione dei provvedimenti di rilascio conseguenti a morosità, costituenti titolo esecutivo in base alla legislazione vigente. ACER provvederà alla costituzione nei giudizi che avessero ad insorgere innanzi all Autorità Giudiziaria, ordinaria o amministrativa, in dipendenza dell attività svolta per l esecuzione dell incarico col presente atto conferitogli. L ACER si fa carico della morosità, salvo che non dimostri di avere eseguito tutte le azioni necessarie al suo recupero ed il credito si configuri conseguentemente come inesigibile o che l Amministrazione comunale, in applicazione del comma 5 dell art. 32 della L.R. 24/2001, se ne sia fatta esplicitamente carico. L ACER provvede alla messa in mora degli assegnatari inadempienti con diffida al pagamento entro il termine di 15 giorni dal ricevimento della raccomandata. L ACER avvia le procedure legali per il recupero del credito e il rilascio dell immobile dandone comunicazione preventiva al Comune, escludendo dalla procedura: a) I casi per i quali si sia concordato il pagamento dilazionato dell arretrato, a cui verranno applicati gli interessi legali di mora; b) Le posizioni per le quali il Comune faccia formale richiesta di sospensione delle procedure. Il Comune si impegna ad adottare richieste di sospensione delle procedure legali di recupero, richieste di transazione o di rinuncia al credito ed autorizzazioni all esonero o riduzione del canone solo previa attenta

9 valutazione della condizione socio-economica del debitore, dello stadio di avanzamento dell azione di recupero e della natura delle vicende da cui è derivata la formazione della posizione debitoria, e comunque previa liquidazione all ACER delle somme non addebitate all utente. Sarà cura dell ACER, prima di eseguire giudizialmente uno sfratto per morosità, richiedere il preventivo assenzo del Comune. Nel caso in cui l Amministrazione Comunale non richieda la sospensione dello sfratto, entro 3 giorni dalla data fissata per l esecuzione, l ACER è autorizzata a procedere per il recupero dell alloggio. Art. 9 DETERMINAZIONE DELLE RISORSE REINVESTIBILI La determinazione delle risorse reinvestibili nell ambito dell e.r.p. avviene sottraendo dagli importi riscossi dagli inquilini a titolo di canone e di altri oneri di gestione ad essi imputabili, le seguenti spese: 1) gli oneri di gestione degli alloggi sostenuti dall ACER, come definito all articolo 7; 2) gli oneri fiscali, tributari, assicurativi e legali sostenuti dall ACER in qualità di soggetto concessionario ma direttamente od indirettamente collegati alla proprietà comunale degli alloggi e delle relative pertinenze; 3) le spese documentate per gli interventi di manutenzione ordinaria, straordinaria e ripristino alloggi di risulta; 4) le quote di spese di amministrazione e di manutenzione deliberate dalle assemblee condominiali, ai sensi del Codice Civile, relative ad alloggi e relative pertinenze di proprietà comunale gestiti dall ACER in attuazione della presente concessione; 5) ogni altro onere eventualmente sostenuto dall ACER in adempimento di normative di settore, ma facente capo alla proprietà degli alloggi; 6) Il Comune, in quanto proprietario, riconosce altresì ad ACER gli oneri necessari per l ammortamento di eventuali mutui gravanti sugli immobili eventualmente anticipati da ACER per conto del Comune. Art. 10 UTILIZZO DELLE RISORSE Al termine di ciascun esercizio ACER si impegna ad accantonare in un apposito fondo le somme reinvestibili determinate ai sensi dell art. 9, suddividendole per comprensori comunali. Tali risorse saranno oggetto di rendicontazione da parte di ACER in sede di Bilancio Consuntivo e verranno vincolate all attuazione dei programmi di manutenzione ordinaria, ripristino alloggi e pronto intervento a favore dei rispettivi comuni e saranno materialmente disponibili a seguito dell approvazione del bilancio consuntivo di ACER da parte della Conferenza degli Enti. Qualora gli avanzi di gestione facenti capo ai singoli comuni, anche attraverso l accumulo nel tempo di risorse secondo il meccanismo di cui sopra, dovessero consentire una disponibilità tale da permetterne la programmazione di significativi interventi di recupero e sviluppo del patrimonio dell E.R.P. comunale, verrà concordata con il Comune una programmazione più specifica. L eventuale utile di esercizio di ACER che risulterà una volta effettuati gli accantonamenti di cui sopra, sarà sempre accantonato al fondo di riserva, e disponibile per il reinvestimento nell ERP, ai sensi dell ART. 36 della L.R. 24/2001, con particolare riferimento alla lettera a) recupero e sviluppo del patrimonio di alloggi di ERP ivi compresi i relativi programmi sistematici di manutenzione e di adeguamento tecnologico. Art. 11 VERIFICA DELL ANDAMENTO DELLA GESTIONE La gestione degli alloggi di proprietà comunale è rendicontata al Comune attraverso la trasmissione del Bilancio consuntivo dell ACER. Entro il 31 dicembre di ogni anno l AER produrrà una relazione sull andamento della spesa e l incasso dei proventi dei canoni e degli altri oneri di gestione recuperati dagli inquilini nel primo semestre dell anno precisando: 1) i ricavi da canoni incassati ed emessi; 2) il costo amministrativo di gestione; 3) i costi di manutenzione ordinaria e straordinaria, comprensivi dei costi di manutenzione ordinaria e straordinaria programmati e deliberati dalle assemblee condominiali relative ad unità immobiliari di proprietà comunale gestiti dall ACER in forza del presente contratto; 4) le spese di registrazione dei contratti di locazione degli immobili gli oneri fiscali, tributari ed ogni altro onere eventualmente sostenuto od anticipato dall ACER in adempimento di normative di settore, ma facente capo alla proprietà degli immobili, con contestuale informazione al Comune; 5) le rate di ammortamento dei mutui gravanti sugli immobili eventualmente anticipate dall ACER per conto del Comune proprietario; 6) il costo assicurativo;

10 7) i costi dei traslochi non recuperabili dall utente previamente autorizzati dal comune, salvo casi d urgenza; 8) gli eventuali servizi aggiuntivi affidati; 9) l IVA pro-rata provvisoria d esercizio ovvero l onere derivante all ACER per l IVA che rimarrà indetraibile per effetto del calcolo di pro-rata di cui all art. 19 bis del D.P.R. 633/72. Art. 12 GRATUITA DELLA CONCESSIONE Il presente affidamento in concessione a favore di ACER avviene a titolo gratuito. Infatti in conformità all art. 36 della L.R. 24/2001 il canone di locazione degli alloggi di edilizia residenziale pubblica e delle unità immobiliari diverse è diretto a garantire la copertura di tutti i costi di gestione e di manutenzione, nonché al recupero e allo sviluppo del patrimonio Erp. Art. 13 PROGRAMMI COMUNALI DI MANUTENZIONE L ACER, nell ambito della gestione degli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria assicura che, in caso di incapienza del monte canoni incassato in ciascun Comune, le risorse necessarie a coprire le situazioni di emergenza manutentiva degli edifici e degli alloggi, verranno effettuate con risorse economiche dell ACER, senza che questo provochi pregiudizio alla gestione di altre amministrazioni comunali. Il Comune si impegna a garantire l equilibrio di gestione, in un ottica di autofinanziamento del settore, attraverso i canoni degli alloggi di ERP. Art. 14 CARTA DEI SERVIZI L ACER ha adottato una Carta dei Servizi finalizzata alla definizione delle modalità di rapporto con l utenza con particolare riferimento ai tempi ed alle modalità di accesso ai servizi. Detta carta è stata approvata dal Tavolo di Concertazione Provinciale il 16/11/2005. Art. 15 REPORTS La verifica effettuata dal Comune concedente, in ordine all attività di gestione svolta dall ACER concessionaria, è compiuta attraverso reports-informatici che certificheranno il conseguimento degli obiettivi di gestione nei confronti del Comune concedente. La documentazione che ACER fornirà al comune concedente sarà composta da: - elenco riepilogativo delle fatture per lavori di manutenzione eseguiti; - bilancio preventivo; - bilancio consuntivo annuale relativo al patrimonio degli alloggi gestiti; - relazione annuale generale sull andamento dell attività svolta; - rapporti periodici sulle principali prestazioni da convenirsi col comune; ACER si impegna altresì a pubblicare sul proprio sito web, (area riservata), informazioni aggiornate bimestralmente riguardanti i principali aspetti gestionali degli alloggi e.r.p. del comune, con particolare riferimento: a) ai canoni emessi bimestralmente; b) alla situazione relativa i nuclei familiari; c) banca dati sul patrimonio di proprietà comunale in gestione; d) ai lavori di manutenzione realizzati. Art. 16 SERVIZI GESTIONALI COMPLEMENTARI Il Comune dà atto che non rientra fra le attività cui l ACER è tenuta in base alla concessione, in quanto non compresi tra gli adempimenti di cui all allegato A alla deliberazione del Consiglio Regionale 30/07/2002 n 391, l adempimento dei sottoelencati servizi gestionali complementari, che il Comune può affidare all ACER. L ACER s impegna fin d ora ad accettare l eventuale affidamento dei servizi di seguito elencati, dietro corresponsione del relativo corrispettivo concordato. Funzioni di amministratore di condominio dietro corresponsione del compenso stabilito dall Assemblea del singolo Condominio; Qualora il Comune intendesse alienare gli alloggi di ERP, le relative procedure gestionali, di cui all art. 37 della L.R. 24/01, sono concesse ad ACER. compenso variabile fra il 1,5% ed il 2,5% del ricavato delle cessioni andate a buon fine (in dipendenza del diverso grado di onerosità nel reperimento della documentazione ed in generale nella trattazione delle pratiche, come nel caso di gare da reiterare);

11 compenso pari al 1,5% del valore di stima delle cessioni non andate a buon fine, comprese nel programma di vendita approvato ed anche nel caso in cui il Comune non intendesse procedere all alienazione, per le quali Acer avesse già effettuato le stime e la predisposizione del bando di vendita ; il suddetto compenso sarà ridotto al 3,00 per mille del valore di stima, con un minimo di 300,00 per singola stima, qualora l Acer avesse già effettuato la sola stima dei beni, e non la predisposizione del bando di vendita; c) Consulenza fiscale e legale in materia di edilizia residenziale pubblica; d ) Il Comune può affidare ad ACER le procedure istruttorie relative alle graduatorie di ERP (bandi, domande, graduatorie, ecc.), Restano comunque in capo al Comune l approvazione della graduatoria di ERP e le relative assegnazioni. e) Gestione della istruttoria relativa alla formazione della graduatoria per il fondo affitti; f) Consulenza tecnico-amministrativa e finanziaria per predisposizione di programmi di intervento, relativi progetti preliminari ed individuazione dei possibili canali di finanziamento, dietro corresponsione di compensi da concordarsi tra le parti. Le prestazioni previste alle lettere d), f) saranno fornite senza corrispettivo ai Comuni con popolazione residente inferiore a abitanti; le prestazioni di cui alla lettera c) saranno fornite gratuitamente a tutti i Comuni. Art. 17 DURATA, RECESSO E REVOCA La presente concessione decorre dal 1/01/2008 fino al 31/12/2018 rinnovabile di dieci anni in dieci anni, salvo formale disdetta da parte dei contraenti, con preavviso di almeno 12 mesi. Le parti convengono che la presente convenzione potrà comunque essere disdetta da una delle stesse, con preavviso di almeno 6 mesi, in caso di gravi inadempienze. Art. 18 RISOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE Qualora per l esecuzione della presente concessione-contratto dovessero verificarsi delle controversie, le stesse dovranno essere preliminarmente trattate dai soggetti firmatari del contratto o loro successori e, se non risolte, dovrà essere rimessa alla Giunta Comunale ed al Consiglio di Amministrazione dell Acer; se non composta in via bonaria, potrà essere adita l Autorità Giudiziaria competente. E esclusa la competenza arbitrale. Per tutto quanto qui non previsto si rinvia al Codice civile ed alla normativa vigente in materia. Art. 19 DISPOSIZIONI FINALI Il presente atto sostituisce tutti i precedenti atti stipulati fra il Comune e l ACER per la gestione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica. Per una definizione delle singole attività che ACER svolgerà per conto dei Comuni si rinvia ad un disciplinare da allegare all atto di concessione con il quale verranno definiti in maniera compiuta le singole attività, tecnico-amministrative, che l Ente di Gestione dovrà svolgere in materia di ERP. La presente concessione dovrà essere approvata dai singoli Comuni entro il 31 gennaio 2008, ed i suoi effetti decorreranno dal 1 luglio Art. 20 SPESE Le spese tutte del presente atto, inerenti e conseguenti, sono interamente a carico dell ACER. La presente concessione è soggetta all imposta di bollo e tenuto conto che l art 7 della stessa non prevede corrispettivo né compensi ad Acer per la gestione effettuata, è da registrarsi solo in caso d uso ai sensi dell art. 4, parte 2^, della tariffa allegata al D.P.R. 131/86. Art. 21 PRIVACY Ai sensi del vigente D.L.g.s. 196/2003 e successive modifiche, in materia di protezione dei dati personali, con la sottoscrizione della presente convenzione l ACER assume le funzioni e gli obblighi del Titolare del Trattamento dei dati personali di cui entra legittimamente in possesso per il buon adempimento dell oggetto della concessione.

12 L ACER si obbliga al trattamento dei dati personali di cui entra legittimamente in possesso per i soli fini dedotti nella concessione e limitatamente al periodo di vigenza della medesima, esclusa ogni altra finalità, impegnandosi alla distruzione delle banche dati non più utili alle finalità proprie. Letto, approvato e sottoscritto. Per il COMUNE Per l ACER

13 DISCIPLINARE TECNICO PER LA GESTIONE E LA MANUTENZIONE DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ALLEGATO A Art. 1 Oggetto del disciplinare. La gestione, la manutenzione e le attività di investimento ai sensi dell'art. 36 della L.R. 24/2001 degli immobili in oggetto sono regolati dal presente disciplinare tecnico, nonché da eventuali successivi accordi integrativi, modificativi di mero dettaglio e puntualizzazioni di cui le parti dovessero concordemente riconoscere la necessità o l'opportunità. Art. 2 Funzioni svolte da ACER. All' Azienda Casa Emilia Romagna di Rimini sono affidate le funzioni amministrative, manutentive e gestionali di cui alla L.R. n. 24/2001, secondo il contenuto di massima dell'allegato A) della Delibera di Consiglio Regionale 391/2002 e dell atto concessorio, come specificato dai successivi articoli. Art. 3 Istruttoria e redazione graduatoria per l accesso all ERP 3.1 Funzioni necessarie all istruttoria delle domande presentate finalizzate alla redazione della graduatoria per l accesso all ERP. alla redazione del bando di concorso pubblico per la formazione della graduatoria di ERP, secondo le modalità e i tempi stabiliti dal regolamento comunale per l accesso. Al ricevimento delle domande per l accesso all ERP presentate al Comune; Al controllo della documentazione; All istruttoria delle domande con le modalità previste dai regolamenti comunali in materia; Alla redazione della graduatoria secondo i punteggi determinati con le modalità previste dai regolamenti comunali in materia; Alla trasmissione della graduatoria per l accesso all ERP al Comune per la relativa approvazione. Art. 4 Gestione dei contratti di locazione. 3.2 Funzioni necessarie alla stipula dei contratti di locazione di alloggi e pertinenze, finalizzate all'assegnazione degli stessi ed alla volturazione dei contratti in essere. Al ricevimento degli atti di assegnazione ed al controllo della documentazione; All'Informazione dell'utenza ed alla distribuzione dei moduli alla stessa; Al ricevimento ed alla verifica delle richieste di volture contrattuali; Alla preparazione e stampa dei contratti di locazione; Alla sottoscrizione dei contratti ed allegati (convenzioni speciali, regolamenti d'uso, regolamenti di ripartizioni degli oneri, ecc.); A trasmettere le comunicazioni di cessione di fabbricati; Alla registrazione dei contratti di locazione; Alla consegna degli alloggi; Alla stampa dei duplicati dei contratti od altra documentazione inerente; A trasmettere la rendicontazione annuale delle suddette attività al Comune. * 3.3 Funzioni necessarie alla stipula dei contratti locativi di unità immobiliari ad uso diverso da quello abitativo. Alla distribuzione e raccolta delle domande di assegnazione; All'istruttoria delle domande ed all'assegnazione delle unità immobiliari; Alla stampa ed alla sottoscrizione dei contratti di locazione; Alla registrazione dei contratti di locazione; Alla comunicazione di cessione u.i.; All'aggiornamento dell'anagrafe; A trasmettere la rendicontazione annuale delle suddette attività al Comune 3.4 Pratiche necessarie alla formalizzazione di subentri, ospitalità temporanee, coabitazioni ed ampliamenti dei nuclei familiari.

14 Alla gestione delle procedure secondo le disposizioni del regolamento comunale; All'informazione all'utenza ed alla distribuzione alla stessa dei moduli per le domande di subentro, ospitalità ed ampliamento; Alla verifica dei requisiti ed all aggiornamento della consistenza dei nuclei famigliari; All autorizzazione dei subentri, delle ospitalità temporanee ed ampliamento dei nuclei familiari; A segnalare al Comune l'eventuale presenza di inquilini non più in possesso dei requisiti di legge; A trasmettere la rendicontazione annuale delle suddette attività al Comune. * 3.5 Pratiche necessarie alla formalizzazione delle disdette ed alla riconsegna degli alloggi ERP di risulta e delle altre unità immobiliari. Alla raccolta delle disdette; Alla comunicazione al Comune della disponibilità di alloggi; Al ritiro delle chiavi ed alla redazione del verbale di consegna dell alloggio, in contraddittorio con l'assegnatario, al momento del rilascio; Al rimborso dei depositi cauzionali, qualora gli stessi non debbano essere utilizzati per il ripristino dell alloggio, in caso di danni causati dall assegnatario; All aggiornamento dell'anagrafe utenza in archivi informatici; Ad eseguire l'attività manutentiva per il ripristino dell'alloggio; A segnalare la disponibilità dell'alloggio al Comune a ripristino avvenuto; A trasmettere la rendicontazione periodica al Comune, relativamente alla situazione degli alloggi vuoti ed alle condizioni di manutenzione degli stessi 3.6 Pratiche necessarie alla formalizzazione dei contratti di cessione in proprietà immediata o differita. Al ricevimento degli atti di assegnazione; Alla verifica dei requisiti dei soggetti beneficiari; Alla stipula dei contratti; All'iscrizione ed al rinnovo delle ipoteche; All'acquisizione dei riscatti anticipati; All'estinzione dei diritti di prelazione; Alla divisione delle parti comuni, delle aree cortilive; Alla redazione dei relativi frazionamenti catastali; Alla contabilità relativa ai contributi consortili; Alla redazione di tutte le pratiche catastali e accatastamenti; Agli eventuali procedimenti necessari al rilascio di sanatorie edilizie; Alla gestione delle pertinenze; A trasmettere rendicontazione annuale al Comune. Art. 4 Gestione dei ricavi. 4.1 Attività relative alla gestione dei canoni di locazione e del servizio dì bollettazione. Al calcolo dei canoni locativi in conformità al regolamento comunale; Alla comunicazione agli assegnatari di eventuali variazioni dei canoni; Alla rideterminazione dei canoni in caso di cambio alloggio e/o ampliamenti del nucleo familiare; Al calcolo dell'indennità di occupazione per ospitalità temporanea; Agli aggiornamenti periodici dei canoni; All'applicazione della maggiorazione dei canoni in seguito a provvedimento di decadenza; Alla riscossione dei canoni e di ogni altra entrata conseguente e connessa alla gestione degli immobili; Al riscontro degli incassi e delle morosità; Alla rilevazione degli incassi per ogni singolo inquilino; Al ricevimento degli utenti ed alla ristampa dei duplicati delle bollette; All'incasso ed alla rendicontazione delle quote sindacali;

15 All'incasso ed alla rendicontazione dì eventuali premi, polizze assicurative a carico degli assegnatari e addebiti vari; A trasmettere rendicontazione annuale al Comune. 4.2 Attività relative al recupero dei crediti da canoni, quote dì riscatto e servizi parti comuni fabbricato. L Acer dovrà provvedere: Ad emettere i solleciti di pagamento; A trasmettere agli utenti le comunicazioni di costituzione in mora; Ad effettuare le opportune segnalazioni dell'avvenuta costituzione in mora ai competenti uffici comunali; Alla gestione dei piani di recupero crediti concordati; Al recupero coattivo del credito ed al recupero dell alloggio mediante sfratto per morosità secondo la procedura legale di cui all art.32 del R.D. 1165/1938; 4.3 Attività di rendicontazione crediti/debiti degli inquilini usciti Ad individuare il nuovo domicilio; A comunicare il prospetto con le modalità di riscossione o pagamento; A sollecitare il pagamento di somme a credito; A sviluppare le procedure legali per il recupero dei crediti; Alla cassazione di crediti divenuti inesigibili; 4.4 Attività di controllo sulle Dichiarazioni Sostitutive Uniche Al controllo circa la veridicità delle DSU presentate annualmente dagli assegnatari in fase di rilevazione dei redditi; A comunicare agli assegnatari l avvio del procedimento di verifica e controllo delle DSU; A calcolare il conguaglio del canone di locazione; Ad applicare le sanzioni amministrative, se previste, e segnalare all autorità giudiziaria le dichiarazioni mendaci. Art. 5 Gestione dei soggetti assegnatari. 5.1 Attività di prima informazione al pubblico. All'informazione di primo livello; Alla gestione dei reclami; Ad effettuare le indagini di customer satisfaction secondo le modalità e la tempistica previsti dal Sistema Qualità dell Azienda; Ad informare il pubblico mediante periodica comunicazione scritta e/o tramite strumenti informatici e telematici; Ad informare il pubblico mediante periodica comunicazione. 5.2 Attività relative alla gestione dell'anagrafe reddituale ed utenza. All'aggiornamento dell'anagrafe utenza; Alla redazione e aggiornamento dell'anagrafe reddituale annuale; Alla verifica ricorsi su applicazioni nuovi canoni A fornire le informazioni all'utenza relativamente ai redditi e canoni; Alla tenuta dell'archivio redditi; Al raccordo delle informazioni con le Amministrazioni certificanti; A tenere i rapporti con i Servizi Sociali e OO.SS. utenza su redditi e canoni; A trasmettere rendicontazione annuale al Comune. 5.3 Attività relative alle verifiche di permanenza dei requisiti e dell'eventuale decadenza.

16 Ad eseguire i controlli e le verifiche ai sensi del regolamento comunale; Ad eseguire indagini ed ispezioni in merito alle occupazioni degli alloggi; Alla verifica dei limiti alla titolarità di diritti reali su beni immobili; Alla verifica del corretto utilizzo dell'alloggio; Alla verifica di eventuali danneggiamenti patrimoniali; Alle verifiche del superamento del limite di reddito o dell'esistenza di eventuali redditi non documentati; Ad eseguire controlli su parziali dichiarazioni dei redditi; Alla verifica della permanenza dei requisiti ai sensi dell'art. 15 della Legge 24/2001; Alla verifica di eventuali opere realizzate abusivamente; Ad inoltrare le proposte di decadenza al Comune; Ad informare l'utenza in merito alle procedure di decadenza; A trasmettere la rendicontazione annuale al Comune 5.4 Attività di gestione dei cambi alloggio secondo le disposizioni del regolamento comunale. Ad informare l'utenza; Alla distribuzione e raccolta delle domande; Ad effettuare l'istruttoria e la gestione del procedimento di mobilità, secondo quanto previsto dal regolamento comunale; Alla redazione ed approvazione della graduatoria e relativa trasmissione al Comune; All emissione dei provvedimenti di mobilità ; A fornire le risposte all'utenza; Alla gestione del procedimento di mobilità attivato d'ufficio per sottoutilizzo dell'alloggio; Alla gestione del procedimento di mobilità per esigenze di ristrutturazione con assistenza nel trasloco e spese a carico della proprietà; Alla gestione della mobilità d ufficio nei casi previsti dal regolamento comunale; Alla visita finalizzata alla scelta degli alloggi; Alla sottoscrizione dei nuovi contratti di locazione; Ad effettuare le comunicazioni relative alla cessione dei contratti degli alloggi; Alla preparazione degli atti per la registrazione dei contratti; A trasmettere la rendicontazione annuale al Comune. 5.5 Attività relative allo sgombero degli immobili occupati illegalmente. Alla rilevazione dell'abuso; A diffidare l occupante senza titolo e/o abusivo per il rilascio dell alloggio; A segnalare al Comune l'eventuale occupazione abusiva o senza titolo; Ad attivare le procedure di cui al DPR 1035/1972 con contestuale emissione del decreto di rilascio finalizzato al recupero dell alloggio; A seguire tutte le la fasi del procedimento fino al momento dell'esecuzione; A fornire costantemente le informazioni relative alle procedure di rilascio al Comune; A mantenere la corrispondenza con i competenti servizi comunali. 5.6 Servizio di gestione e segnalazione guasti. Al ricevimento degli utenti e/o delle telefonate concernenti le richieste di pronto intervento; Alla compilazione e trasmissione degli "ordini d'incarico" per verifiche degli interventi; Ad effettuare i sopralluoghi di accertamento o verifica dei lavori in corso di esecuzione; A ricevere le segnalazioni 24 ore su Gestione delle assicurazioni relative ai rischi nella conduzione degli alloggi. Alla promozione assicurativa, nei confronti degli assegnatari, per la copertura rischi derivanti dalla conduzione degli alloggi; Alla definizione del Capitolato d'appalto; Ad individuare la compagnia di assicurazioni;

17 A comunicare agli assegnatari il nominativo della compagnia assicurativa e le condizioni di polizza; Ad anticipare i premi per conto degli assegnatari e ad effettuare il recupero nella bolletta d'affitto; Alla gestione dei rapporti tra assegnatario e compagnia, legati al manifestarsi di eventuali sinistri, previo coinvolgimento dell'ente gestore; Art. 6 Gestione delle manutenzioni. La gestione di tutte le attività inerenti e conseguenti alla manutenzione ordinaria dovranno essere svolte dall ACER, che assume a proprio carico ogni onere e responsabilità conseguente, fatte salve quelle a carico della proprietà. Gli interventi di manutenzione ordinaria sono quelli riportati nel Regolamento per la ripartizione degli oneri per spese di manutenzione tra Ente proprietario/gestore ed inquilino. In via del tutto esemplificativa ma non esaustiva, si riporta di seguito, l'elenco delle attività che l ACER dovrà svolgere: 6.1 Gestione del pronto intervento. Al ricevimento delle segnalazioni; Alle procedure di affidamento dei lavori; Alla verifica dei lavori in corso di esecuzione; Alla verifica dei lavori al termine degli stessi; Al controllo tecnico ed alla verifica del grado di soddisfacimento dei lavori eseguiti; Alla verifica tecnico-contabile delle prestazioni eseguite; Alla gestione informatizzata delle spese di pronto intervento con aggiornamento della serie storica dei lavori; Alla rendicontazione annuale al Comune delle spese e degli interventi effettuati. 6.2 Attività di gestione della manutenzione ordinaria e programmata. Alla predisposizione ed all'aggiornamento della scheda tecnologica del fabbricato; Alle ispezioni e verifiche periodiche dello stato manutentivo degli alloggi e degli edifici di proprietà comunale; All'elaborazione dei programmi di manutenzione periodica; A ricevere le segnalazioni con richiesta di intervento; Alla redazione delle Determinazioni in merito alla fattibilità procedurale e finanziaria delle richieste; Alla compilazione e trasmissione degli "ordini d'incarico" per l'esecuzione degli interventi; Ad effettuare i sopralluoghi di accertamento o verifica dei lavori in corso di esecuzione; Ad effettuare il controllo tecnico e del livello qualitativo dei lavori eseguiti; Alla rilevazione ed all'aggiornamento degli elenchi relativi alle problematiche riscontrate nei fabbricati a seguito delle segnalazioni pervenute; Ad effettuare prove e collaudi su impianti tecnologici; Alla verifica tecnico-contabile delle prestazioni eseguite; Alla gestione informatizzata delle spese di manutenzione con aggiornamento della serie storica dei lavori; Alla verifica dei lavori di lieve entità di competenza della proprietà affidati alle autogestioni; 6.3 Attività di gestione per la rassegnazione degli alloggi di risulta (tourn-over) L ACER dovrà provvedere: Alla gestione informatizzata della procedura di riassegnazione a decorrere dal ricevimento delle chiavi dell'alloggio; Ad effettuare i sopralluoghi per verificare i lavori da eseguire; Ad effettuare le opportune valutazioni in merito alle modalità procedurali e finanziarie di realizzazione dell'intervento in rapporto alla determinazione dei proventi dei canoni di locazione; Alla compilazione e trasmissione dell' "ordine d'incarico" per le varie tipologie di lavori; Ad effettuare i sopralluoghi di accertamenti e verifica; Ad operare il controllo tecnico e del livello qualitativo dei lavori eseguiti; Ad effettuare prove e collaudi su impianti tecnologici; Ad effettuare la verifica tecnico-contabile delle prestazioni;

18 Ad effettuare la gestione informatizzata delle spese e a procedere all'aggiornamento schede fabbricati; Ad attuare le procedure previste dalla Regione in caso di finanziamento dell'intervento con fondi regionali. Al rispetto dei tempi di ripristino previsti dalla Carta dei Servizi. 6.4 Attività di gestione assicurazioni fabbricati. L ACER dovrà provvedere: Alla redazione del capitolato d'appalto; Alle procedure necessarie allo svolgimento della gara d'appalto; Alla stipula del contratto di assicurazione globale con la compagnia d'assicurazione; Al pagamento del premio ed ai successivi adeguamenti annuali; Alla gestione dei sinistri; Alla gestione e contabilizzazione dei risarcimenti. Art. 7 Gestione condominiale, approvvigionamenti e servizi. 7.1 Attività di gestione dei fabbricati amministrati dall ACER. L ACER dovrà provvedere: Alla fornitura ed erogazione dei servizi comuni; Alla convocazione assemblee assegnatari; Alla rendicontazione dei servizi al Comune; Alla rendicontazione annuale al Comune; All elaborazione ruoli dei fruitori dei servizi. 7.2 Attività di gestione dei condomini a proprietà mista amministrati da terzi e da ACER. All analisi delle comunicazioni degli amministratori terzi e verifica congruità spese per attività ordinaria e straordinaria, con particolare riferimento alle proposte di lavori di manutenzione sulle parti comuni degli edifici; Alla partecipazione assemblee condominiali a ciò autorizzata dal Comune, proprietario e condomino; All attribuzione quote spese di competenza del Comune a favore di ACER, in qualità di amministratore condominiale diretto e/o di amministratori terzi; Alla liquidazione quote di competenza del Comune a favore di ACER e/o di amministratori esterni; Alla rendicontazione a bilancio di esercizio annuale. 7.3 Attività di autogestione delle parti comuni dei fabbricati. A promuovere promuovere la partecipazione degli utenti alla gestione del patrimonio; Alla fornitura di assistenza tecnica, amministrativa e legale alle autogestioni; All informativa all'utenza; Alla rendicontazione annuale al Comune. 7.4 Attività di gestione dei servizi. Alla predisposizione ed aggiornamento delle schede inventario dei servizi da erogare; All individuazione del livello richiesto per ogni tipo di servizio; All individuazione delle aziende erogatrici dei singoli servizi mediante selezione; All organizzazione e sorveglianza dei livelli prestazionali dei servizi; Alla contabilizzazione dei servizi forniti; Alla rendicontazione agli utenti dei servizi erogati; Alla rendicontazione annuale al Comune. 7.5 Rimborsi a autogestioni e amministrazioni condominiali per insoluti o sfitti mediante utilizzo canoni di locazione.

19 A verificare le richieste di rimborsi spese; A trasmettere i solleciti di pagamento in caso di insoluto; Alla predisposizione degli atti necessari al rimborso delle spese sostenute; Alla rendicontazione annuale al Comune. Art. 8 Amministrazione del patrimonio immobiliare 8.1 Innovazioni per il patrimonio immobiliare. L ACER dovrà effettuare, secondo tempi e modalità da concordare con l'amministrazione Comunale: Alla promozione strategica per scelte innovative che aumentino la redditività del patrimonio attraverso interventi sui seguenti aspetti: Innovazioni tecnologiche con particolare riferimento al risparmio energetico; Verifica ed eventuale studio di fattibilità circa la possibilità di reperimento siti (edifici) per installazione impianti di telefonia mobile; Verifica ed eventuale studio di fattibilità altri interventi (es.:pannelli luminosi pubblicitari, pubblicità nei cantieri, pubblicità negli ascensori, etc.); Acquisizione parere Ente proprietario; Rapporti con i rispettivi gestori; Rapporti con l'utenza; Stesura e stipula contratti d'uso di locazione. Art. 9 Programmi di investimento I programmi di investimento saranno verificati periodicamente anche ai fini dell aggiornamento che si rendesse necessario per eventi straordinari e imprevedibili. I programmi di manutenzione straordinaria, di risanamento conservativo, di ristrutturazione edilizia, di demolizione con ricostruzione e di ristrutturazione urbanistica che si rendessero necessari, saranno definiti di comune intesa, con cadenza annuale, fissando altresì, di volta in volta, i criteri di intervento e le modalità di copertura dei conseguenti oneri finanziari. Le parti si impegnano ad individuare tutti i possibili canali di finanziamento per la realizzazione degli interventi descritti al secondo comma del presente articolo e l ACER si impegna ad assistere il Comune nella predisposizione dei relativi e necessari programmi e progetti. Gli interventi, sopra citati, rientrano nelle attività gestionali previste in concessione. Per le prestazioni d opera fornite da ACER, a titolo esemplificativo e non esaustivo: progettazione, appalto, affidamento e direzione lavori saranno riconosciute le relative competenze tecniche, secondo quanto stabilito dalla Conferenza degli Enti. Art. 10 Attività di manutenzione ordinaria e pronto intervento La stima del fabbisogno per il pronto intervento manutentivo, la manutenzione ordinaria ed il ripristino degli alloggi da riassegnare verrà proposta dall ACER ed il relativo stanziamento sarà individuato in sede di predisposizione del Bilancio di previsione dell ACER. L ACER si impegna a dare attuazione agli interventi di manutenzione ordinaria definiti dalla lettera a) dell art. 31 della Legge 457/1978, secondo la tempistica prevista dalla Carta dei Servizi, nei limiti delle somme disponibili. Per accelerare la riassegnazione degli alloggi riconsegnati per finita locazione od altre cause, gli interventi di ripristino e recupero anche comportanti opere di manutenzione straordinaria saranno di norma effettuati dall ACER senza necessità di preventiva autorizzazione, nei limiti delle disponibilità finanziarie assegnate e nel rispetto della normativa urbanistica e dei regolamenti edilizi vigenti. Sarà verificato periodicamente il fabbisogno finanziario per la manutenzione ordinaria in funzione delle esigenze. L ACER farà fronte, attingendo dai canoni di locazione incassati, alle spese di manutenzione ordinaria e ripristino alloggi. Le fatture emesse dalle imprese esecutrici saranno intestate ad ACER e liquidate dalla stessa. Per la fornitura di servizi tecnici per gli interventi di manutenzione ordinaria e di ripristino alloggi, l ACER di Rimini rinuncia a percepire le competenze tecniche.

20 Ad esclusione degli interventi descritti al precedente comma, sono riconosciute all ACER le competenze tecniche, nella misura del 12% IVA compresa del costo complessivo dell intervento, così come stabilito dalla Conferenza degli Enti con propria deliberazione n. 3 del 16/12/2002, nel caso di interventi di cui all art. 31, comma 1, lettere b), c), d, e), della L. 05/08/1978 n 457. Le manutenzioni ordinarie a carico dell assegnatario che dovranno essere sostenute dal medesimo, vengono individuate con riferimento al Regolamento per la ripartizione degli oneri fra l'ente Gestore ed assegnatari emanato ai sensi dell art. 25 della L.R. 08/08/2001 n 24. Art. 11 Destinazione dei canoni di locazione L ACER nel corso dell anno provvederà alla riscossione diretta dei canoni di locazione, che verranno imputati a ricavo nel proprio Conto Economico mantenendo contabilmente separate le gestioni dei vari Comuni. Alla fine di ogni esercizio, in sede di bilancio consuntivo, l Azienda provvederà ad effettuare la rendicontazione degli introiti da canoni, delle spese di gestione, delle spese sostenute dall Azienda e delle somme eventualmente da reinvestire. In conformità al combinato disposto delle deliberazioni del Consiglio Regionale 30/07/2002 n 391 e degli articoli 35 e 36 della L.R. 08/08/2001 n 24 i proventi dei canoni degli alloggi di edilizia residenziale pubblica, oltre che alla copertura dei costi di gestione, sono destinati esclusivamente: a) Al recupero ed allo sviluppo del patrimonio di alloggi di edilizia residenziale pubblica, ivi compresi i programmi sistematici di manutenzione e di adeguamento tecnologico; b) Al cofinanziamento di programmi intercomunali per l ERP, concordati nell ambito del Tavolo di concertazione, di cui all articolo 5 della Legge Regionale 8/08/2001, n. 24. c) Al cofinanziamento del fondo per l accesso all abitazione in locazione di cui all art. 38 della L.R. 24/2001 nei limiti definiti dalla Regione. In sede di approvazione del Bilancio consuntivo dell ACER, verranno quantificate le risorse reinvestibili relative all anno di riferimento, detraendo dagli importi riscossi a titolo di canone degli alloggi affidati in gestione le seguenti voci costituenti i costi della gestione: 1) il costo riguardante la gestione degli alloggi determinato ai sensi dell articolo 7 della concessione; 2) gli oneri fiscali, tributari, assicurativi, legali, nonché le spese vive sostenute ed anticipate dall ACER in qualità di soggetto gestore ma direttamente od indirettamente collegati alla proprietà comunale degli alloggi e delle relative pertinenze; 3) le spese documentate per gli interventi di manutenzione ordinaria e ripristino alloggi di risulta; 4) le quote di spese di amministrazione e di manutenzione deliberate dalle assemblee condominiali relative ad alloggi e pertinenze di proprietà comunale gestiti dall ACER e/o da terzi, in attuazione della presente concessione; 5) gli oneri finanziari necessari per l ammortamento dei mutui gravanti gli immobili eventualmente anticipati dall ACER per conto del Comune proprietario; 6) ogni altro onere eventualmente sostenuto dall ACER in adempimento di normative di settore, ma facente capo alla proprietà degli alloggi. Gli interventi di manutenzione straordinaria e di nuova costruzione previsti nel programma di reinvestimento dei canoni verranno inseriti nel Programma Triennale dei lavori pubblici dell ACER, redatto ai sensi del D.L.G.S. 163/2006, successive modifiche e integrazioni, che viene approvato annualmente dalla Conferenza degli Enti unitamente al bilancio di previsione. Art. 12 Personale impiegato nello svolgimento delle attività L Azienda Casa Emilia-Romagna di Rimini assicura l esercizio delle attività che con la presente concessione le sono state affidate avvalendosi di proprio personale. Art. 13 Recupero dei crediti. Sarà cura e responsabilità dell'acer attuare tutte le procedure finalizzate e necessarie al recupero forzoso dei crediti, come previsto dall art. 8 della concessione, fatta salva la possibilità, per il Comune, di farsi carico della morosità, ai sensi dell art. 32, comma 5, della L.24/2001. Art. 14 Comunicazioni tra Azienda ACER e Comune.

COMUNE DI CATTOLICA AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI RIMINI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI IMMOBILI AD USO

COMUNE DI CATTOLICA AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI RIMINI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI IMMOBILI AD USO COMUNE DI CATTOLICA AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI RIMINI CONVENZIONE PER LA GESTIONE DI IMMOBILI AD USO ABITATIVO NON COMPRESI NELL E.R.P. Il giorno. del mese di dell anno 2013 TRA Il

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Comune di Morciano di Romagna Provincia di Rimini DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA SESSIONE: STRAORDINARIA CONVOCAZIONE: 1 2 N. 25 IN DATA 29/03/2010 O G G E T T O CONCESSIONE

Dettagli

CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO

CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE ALL AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI PROPRIETA DEL COMUNE DI MONTEVEGLIO. L anno

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA Comune di Morciano di Romagna Provincia di Rimini DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA NON PUBBLICA N. 159 IN DATA 20/12/2007 O G G E T T O CANONI DI LOCAZIONE INPS - INAIL E CENTRO

Dettagli

Ver. 01-2010. I:\segreteria\delibere di Consiglio da pubblicare sul sito 2011\n. 002 del 31.1.2011 allegato 1.doc 1

Ver. 01-2010. I:\segreteria\delibere di Consiglio da pubblicare sul sito 2011\n. 002 del 31.1.2011 allegato 1.doc 1 Ver. 01-2010 CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE ALL AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA DEL SERVIZIO DI GESTIONE DEL PATRIMONIO IMMOBILIARE DI PROPRIETA DEL COMUNE DI... L

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA Comune di Morciano di Romagna Provincia di Rimini DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA NON PUBBLICA N. 89 IN DATA 19/07/2007 O G G E T T O BILANCIO DI PREVISIONE DELL'ESERCIZIO 2007.

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA Comune di Morciano di Romagna Provincia di Rimini DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA NON PUBBLICA N. 164 IN DATA 23/12/2008 O G G E T T O APPROVAZIONE NUOVE TARIFFE DEI SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti

COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti COMUNE DI PALERMO Settore Risorse Immobiliari Servizio Fitti Regolamento per l autogestione degli alloggi E.R.P. e dei relativi servizi accessori e degli impianti e degli spazi comuni condominiali in edifici

Dettagli

REGOLAMENTO PER SUBENTRO, OSPITALITA TEMPORANEA, COABITAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

REGOLAMENTO PER SUBENTRO, OSPITALITA TEMPORANEA, COABITAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA COMUNE DI MONTECCHIO EMILIA Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER SUBENTRO, OSPITALITA TEMPORANEA, COABITAZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

INDICE ART. 1 OGGETTO E FINALITA DELL INIZIATIVA ART. 2 MODALITA E CRITERI PER IL REPERIMENTO DEGLI ALLOGGI

INDICE ART. 1 OGGETTO E FINALITA DELL INIZIATIVA ART. 2 MODALITA E CRITERI PER IL REPERIMENTO DEGLI ALLOGGI REGOLAMENTO DELLE LOCAZIONI STIPULATE DAL COMUNE CON I PRIVATI PER LA SUBLOCAZIONE TEMPORANEA A FAVORE DI CITTADINI IN STATO DI EMERGENZA ABITATIVA, DI BISOGNO O DI EMARGINAZIONE SOCIALE INDICE ART. 1

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA REGIONE UMBRIA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA REGIONE UMBRIA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA REGIONE UMBRIA REGOLAMENTO ATTUATIVO DEL REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE (Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 54 del 19-09-2012) TITOLO I -

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Via Francesco Guicciardini n 61-56020 - Montopoli in Val d'arno (PI) - ( 0571/44.98.11) - COPIA - DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 17 del 03/02/2011 OGGETTO: DISCIPLINARE

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI ALLOGGIO

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI ALLOGGIO CONTRATTO DI LOCAZIONE DI ALLOGGIO Programma ERP area in via Fosse, con realizzazione di n 10 alloggi, per l eliminazione di baracche, containers e prefabbricati leggeri di cui alla delibera di G.R. n

Dettagli

L anno duemilaquattordici addì trenta del mese di dicembre in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 10:45

L anno duemilaquattordici addì trenta del mese di dicembre in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 10:45 PAG. 1 1 OGGETTO: Approvazione schemi di convenzione per l affidamento all Ente Regionale per l Abitazione Pubblica delle Marche - Presidio Provinciale di Macerata - della gestione di alloggi di proprieta

Dettagli

Gestione del contratto di locazione immobili

Gestione del contratto di locazione immobili DATA EMISSIONE 04/10/2006 1^ REVISIONE 18/04/2007 2^ REVISIONE 09/06/2008 3^ REVISIONE APPROVAZIONE Responsabile Servizio Rapporti Utenza AUTORIZZAZIONE Direttore Generale Visto Responsabile Operativo

Dettagli

DELLA GIUNTA COMUNALE

DELLA GIUNTA COMUNALE ORIGINALE COMUNE DI FAUGLIA Provincia di Pisa VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.144 10.11.2012 OGGETTO: FUNZIONI AMMINISTRATIVE IN MATERIA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGI. CONVENZIONE CON APES SCPA

Dettagli

Regolamento per l autogestione dei servizi accessori e degli spazi comuni da parte degli assegnatari degli alloggi di edilizia residenziale pubblica

Regolamento per l autogestione dei servizi accessori e degli spazi comuni da parte degli assegnatari degli alloggi di edilizia residenziale pubblica Regolamento per l autogestione dei servizi accessori e degli spazi comuni da parte degli assegnatari degli alloggi di edilizia residenziale pubblica Approvato con delibera di Consiglio dell Unione n. 32

Dettagli

BENICOMUNI SRL CONCESSIONE COMMERCIALE. - con atto notaio Federico Tassinari n. 51415/2012 il Comune di Imola ha conferito

BENICOMUNI SRL CONCESSIONE COMMERCIALE. - con atto notaio Federico Tassinari n. 51415/2012 il Comune di Imola ha conferito BENICOMUNI SRL Società soggetta all'attività di direzione e coordinamento da parte del Comune di Imola CONCESSIONE COMMERCIALE Atto n. del Premesso che: - con atto notaio Federico Tassinari n. 51415/2012

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO IN MATERIA DI PROCEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 1 Ambito di applicazione. Il presente Regolamento dà applicazione

Dettagli

COMUNE DI GEMMANO PROVINCIA DI RIMINI

COMUNE DI GEMMANO PROVINCIA DI RIMINI COMUNE DI GEMMANO PROVINCIA DI RIMINI Sede : Piazza Roma, 1 47855 GEMMANO (RN) - Tel (0541) 854060-854080 - fax 854012 Partita I.V.A. n. 01188110405 - Codice Fiscale n. 82005670409 COPIA di deliberazione

Dettagli

L intervento pubblico in campo abitativo è regolato in Emilia - Romagna dalla Legge Regionale n. 24 dell 8 agosto 2001 2 e successive modifiche.

L intervento pubblico in campo abitativo è regolato in Emilia - Romagna dalla Legge Regionale n. 24 dell 8 agosto 2001 2 e successive modifiche. GUIDA AI SERVIZI L intervento pubblico in campo abitativo è regolato in Emilia - Romagna dalla Legge Regionale n. 24 dell 8 agosto 2001 2 e successive modifiche. I principali obiettivi della legge sono:

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI ANZOLA DELL'EMILIA PROVINCIA DI BOLOGNA C O P I A RINNOVO DELLA CONVENZIONE PER L'AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE ALL'AZIENDA CASA EMILIA ROMAGNA DELLA PROVINCIA

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI STRAORDINARI ED INTEGRATIVI DEL PROGRAMMA

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI STRAORDINARI ED INTEGRATIVI DEL PROGRAMMA Allegato 2 SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEGLI INTERVENTI STRAORDINARI ED INTEGRATIVI DEL PROGRAMMA DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DI CUI ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA per la promozione dell'utilizzo del contratto di locazione a canone concordato nel territorio del Comune di Rimini

PROTOCOLLO D INTESA per la promozione dell'utilizzo del contratto di locazione a canone concordato nel territorio del Comune di Rimini Allegato A) delibera G.C. n. 13 del 27.01.2015 PROTOCOLLO D INTESA per la promozione dell'utilizzo del contratto di locazione a canone concordato nel territorio del Comune di Rimini Il giorno del mese

Dettagli

Città di Potenza MODELLO ORGANIZZATIVO

Città di Potenza MODELLO ORGANIZZATIVO Città di Potenza MODELLO ORGANIZZATIVO UNITÀ DI DIREZIONE PATRIMONIO - MANUTENZIONI PATRIMONIO EDILIZIO - SICUREZZA LUOGHI DI LAVORO L Unità di Direzione si occupa di tutte le attività di gestione tecnico/amministrativa

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO Provincia di Taranto

COMUNE DI MARUGGIO Provincia di Taranto SETTORE: Affari Generali COMUNE DI MARUGGIO Provincia di Taranto DETERMINA ORIGINALE Ufficio Casa Impegno di Spesa NUMERAZIONE DEL SERVIZIO Proposta determina N 21 del 15/09/2015 NUMERO DI REGISTRO GENERALE

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO ART.1 Poste Italiane S.p.A., con sede in Roma, Viale Europa 190, codice fiscale n.97103880585, (di seguito denominata) Poste o locatore in persona del dirigente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E L ALIENAZIONE DEI TERRENI DI PROPRIETA DEL COMUNE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E L ALIENAZIONE DEI TERRENI DI PROPRIETA DEL COMUNE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E L ALIENAZIONE DEI TERRENI DI PROPRIETA DEL COMUNE Deliberazione consiliare n. 87 dd. 9 ottobre 2008 divenuta esecutiva in data 1 novembre 2008 2 REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI IN REGISTRO SCRITTURE PRIVATE N REP. N. L anno duemila, il giorno del mese di, in Novate Milanese presso e

Dettagli

CENTRALE DI COMMITTENZA SCHEMA CONVENZIONE ATTUATIVA

CENTRALE DI COMMITTENZA SCHEMA CONVENZIONE ATTUATIVA A l l e g a t o A ) CENTRALE DI COMMITTENZA SCHEMA CONVENZIONE ATTUATIVA L'anno... il giorno... del mese di... presso la sede della Comunità Montana dei Monti Sabini Tiburtini Cornicolani Prenestini, in

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE ED EXTRATRIBUTARIE DEL COMUNE

CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DELLA RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE ED EXTRATRIBUTARIE DEL COMUNE C O M U N E D I L E N O (Provincia di Brescia) 25024 LENO - Via Dante n. 3 P.I.: 00727240988 - C.F. 88001410179 Tel. 030/9046250-251 - Fax 030/9046253 e-mail: tributi@comune.leno.bs.it CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE (USO COMMERCIALE)E RELATIVA PERTINENZA TRA

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE (USO COMMERCIALE)E RELATIVA PERTINENZA TRA CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE DESTINATO AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE (USO COMMERCIALE)E RELATIVA PERTINENZA TRA L ASP(Azienda Pubblica di Servizi alla Persona) RETE - Reggio Emilia Terza Età con

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI PER EMERGENZA ABITATIVA (deliberazione C.C. n.41 del 12.7.2011) ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI PER EMERGENZA ABITATIVA (deliberazione C.C. n.41 del 12.7.2011) ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI PER EMERGENZA ABITATIVA (deliberazione C.C. n.41 del 12.7.2011) ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina le modalità di concessione

Dettagli

TITOLO I OPERE INCLUSE NEI PROGRAMMI REGIONALI. Capo I PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI. Art. 1 (Norme generali) Art. 2 (Finalita')

TITOLO I OPERE INCLUSE NEI PROGRAMMI REGIONALI. Capo I PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI. Art. 1 (Norme generali) Art. 2 (Finalita') L.R. 16 Febbraio 1981, n. 12 Norme in materia di edilizia scolastica (1). TITOLO I OPERE INCLUSE NEI PROGRAMMI REGIONALI Capo I PROGRAMMAZIONE DEGLI INTERVENTI Art. 1 (Norme generali) I programmi di edilizia

Dettagli

COMUNE DI SASSARI. Settore Politiche della Casa REGOLAMENTO

COMUNE DI SASSARI. Settore Politiche della Casa REGOLAMENTO COMUNE DI SASSARI Settore Politiche della Casa REGOLAMENTO SULLA GESTIONE DELLA PERDITA E DELLA MANCANZA DI REQUISITI PER LA CONDUZIONE DEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA (E.R.P.) DI PROPRIETA

Dettagli

DELIBERAZIONE G.C. N. 82

DELIBERAZIONE G.C. N. 82 DELIBERAZIONE G.C. N. 82 COMUNE DI CAMUGNANO (Provincia di Bologna) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A Oggetto: RINNOVO AFFITTO LOCALE EX SCUOLA DI BURZANELLA AL SIG. SACCHETTI LUIGI

Dettagli

Su relazione del Dirigente del 7 Settore e proposta dell Assessore ai Servizi Cimiteriali, prof. Paolo Cascavilla:

Su relazione del Dirigente del 7 Settore e proposta dell Assessore ai Servizi Cimiteriali, prof. Paolo Cascavilla: OGGETTO: Loculi della Tomba C della zona di ampliamento cimiteriale assegnati per l immediato seppellimento Stipula atti di concessione. Su relazione del Dirigente del 7 Settore e proposta dell Assessore

Dettagli

Deliberazione del Commissario Straordinario

Deliberazione del Commissario Straordinario COMUNE DI GEMMANO PROVINCIA DI RIMINI PIAZZA ROMA N. 1-47855 GEMMANO (RN) TEL. 0541 85.40.60 / 85.40.80 FAX 0541 85.40.12 C.F. 82005670409 - P.IVA 01188110405 www.comune.gemmano.rn.it Deliberazione del

Dettagli

COMUNE DI RIMINI Direzione Risorse Finanziarie Settore Tributi ed Economato

COMUNE DI RIMINI Direzione Risorse Finanziarie Settore Tributi ed Economato Direzione Risorse Finanziarie Settore Tributi ed Economato U.O. Economato SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO PER IL COMUNE DI RIMINI CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Il Responsabile (Dott.

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA Comune di Morciano di Romagna Provincia di Rimini DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA NON PUBBLICA N. 115 IN DATA 03/09/2009 O G G E T T O INFORMATIZZAZIONE DELLA GESTIONE DEL CANONE

Dettagli

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE

CONTRATTO TIPO AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE CONTRATTO TIPO di AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE 1 CONTRATTO DI AMMINISTRAZIONE CONDOMINIALE Il condominio sito in via.. codice fiscale.., nella persona del sig.., delegato alla sottoscrizione del presente

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO DI LOCAZIONE DI LOCALI DA UTILIZZARE COME ESERCIZIO DIREZIONALE - COMMERCIALE

SCHEMA DI CONTRATTO DI LOCAZIONE DI LOCALI DA UTILIZZARE COME ESERCIZIO DIREZIONALE - COMMERCIALE SCHEMA DI CONTRATTO DI LOCAZIONE DI LOCALI DA UTILIZZARE COME ESERCIZIO DIREZIONALE - COMMERCIALE Con il presente contratto il geom. Claudio Sturaro Responsabile del Settore Servizi Tecnici SUAP (Sportello

Dettagli

COMUNE DI REGGIO EMILIA ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ

COMUNE DI REGGIO EMILIA ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ COMUNE DI REGGIO EMILIA ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA REGOLAMENTO PER LA MOBILITÀ Art. 1 - Finalità e ambito della mobilità La mobilità degli assegnatari negli alloggi di edilizia residenziale

Dettagli

TRA PREMESSO, a formare parte integrante e sostanziale del presente atto,

TRA PREMESSO, a formare parte integrante e sostanziale del presente atto, ACCORDO DI PROGRAMMA TRA IL COMUNE DI AOSTA, LA REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA E L AZIENDA REGIONALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA VALLE D AOSTA (A.R.E.R.) PER L AFFIDAMENTO ALL A.R.E.R DELLA GESTIONE

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA C O P I A AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. APPROVAZIONE CAPITOLATO SPECIALE D'APPALTO.

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA ( Prov. di Chieti) REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI

COMUNE DI PAGLIETA ( Prov. di Chieti) REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI COMUNE DI PAGLIETA ( Prov. di Chieti) REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 09/05/2011 Capo I Disposizioni

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO tra, in persona del legale rappresentante pro tempore Dr., con sede legale in Roma, alla Via, numero di iscrizione al Registro delle Imprese e Codice Fiscale

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna)

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER L ABITAZIONE TESTO COORDINATO Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 64 del

Dettagli

C O M U N E D I MASSAROSA

C O M U N E D I MASSAROSA Regolamento comunale per interventi (sistemazioni abitative e contributi) a famiglie in condizioni di emergenza abitativa (approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 32 del 10.06.2013) Art. 1 Generalità

Dettagli

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI IMOLA. E L'AZIENDA CASA EMILIA-ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA PER LA

CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI IMOLA. E L'AZIENDA CASA EMILIA-ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA PER LA CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI IMOLA. E L'AZIENDA CASA EMILIA-ROMAGNA DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA PER INTERVENTI DIRETTI A MIGLIORARE L'EFFICIENZA ENERGETICA E L'UTILIZZO

Dettagli

ART. 1 OGGETTO E PRESTAZIONI OGGETTO DELL INCARICO

ART. 1 OGGETTO E PRESTAZIONI OGGETTO DELL INCARICO CAPITOLATO D APPALTO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO DEL CONSIGLIO DELL ORDINE NAZIONALE DEI DOTTORI AGRONOMI E DEI DOTTORI FORESTALI SEDE IN VIA PO, 22

Dettagli

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART. REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.1 ( Oggetto dell autogestione ) Gli assegnatari in locazione semplice

Dettagli

Art. 1: Oggetto dell appalto

Art. 1: Oggetto dell appalto Art. 1: Oggetto dell appalto Il presente capitolato ha per oggetto il servizio di consulenza e brokeraggio assicurativo, ed in particolare: o il servizio di assistenza, consulenza e gestione del programma

Dettagli

ARTICOLO 1 Premesse Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto.

ARTICOLO 1 Premesse Le premesse costituiscono parte integrante e sostanziale del presente atto. SCRITTURA PRIVATA TRA la Diocesi/Parrocchia di..., con sede in..., Via/Piazza,..., codice fiscale/partita iva..., in persona del legale rappresentante pro-tempore, di seguito denominato anche Committente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE COMUNALI COMUNE DI SCANDIANO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE COMUNALI Il presente regolamento: 1. E stato adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 31/07/2014

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI SALERNO ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI SALERNO BANDO DI CONCORSO PER CAMBI DI ALLOGGIO ALL INTERNO DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA IL DIRIGENTE DEL SETTORE GESTIONE

Dettagli

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 05490/104 Area Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti

Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 05490/104 Area Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2015 05490/104 Area Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico

Dettagli

C O M U N E D I S A L U D E C I O

C O M U N E D I S A L U D E C I O Commento: C O M U N E D I S A L U D E C I O PROVINCIA DI RIMINI Regolamento Comunale per la disciplina d accesso all Edilizia Residenziale Pubblica e permanenza negli alloggi (Approvato con delibera C.C.

Dettagli

COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2015/130 O G G E T T O

COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2015/130 O G G E T T O COMUNE DI ROVIGO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON I POTERI DELLA GIUNTA COMUNALE DLGC/2015/130 O G G E T T O Approvazione rinnovo contratto di locazione immobile sito a Rovigo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SOSTEGNO DEI CITTADINI IN EMERGENZA ABITATIVA

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SOSTEGNO DEI CITTADINI IN EMERGENZA ABITATIVA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SOSTEGNO DEI CITTADINI IN EMERGENZA ABITATIVA Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 4/42585/13 del 24 giugno 2013 ART. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente regolamento

Dettagli

1 di 16 CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SECUGNAGO E L'AZIENDA LOMBARDA PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI LODI PER LA

1 di 16 CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SECUGNAGO E L'AZIENDA LOMBARDA PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI LODI PER LA 1 di 16 CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SECUGNAGO E L'AZIENDA LOMBARDA PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI LODI PER LA GESTIONE DI ALLOGGI E DI UNITA' IMMOBILIARI AD USO DIVERSO DALL'ABITAZIONE.

Dettagli

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 10 del 28 gennaio 2011

CITTÀ DI AVIGLIANO. (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. N. 10 del 28 gennaio 2011 CITTÀ DI AVIGLIANO (Provincia di Potenza) DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 10 del 28 gennaio 2011 OGGETTO: Disciplina dei prestiti personali mediante l istituto della delegazione di pagamento. Approvazione

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA Rep. GenJe lì.. PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA SERVIZI FINANZIARI DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. _Jjf DEL Oggetto: Modifica dello schema dì disciplinare "per adesione" relativo ai finanziamenti erogati

Dettagli

REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI Regolamento per la gestione autonoma dei servizi in applicazione della Legge regionale n. 22/2001 art. 22, 23 e 24 e della Delibera del Consiglio A.T.C.

Dettagli

Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale Lanciano. Statuto

Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale Lanciano. Statuto Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale Lanciano Statuto AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DI LANCIANO STATUTO NATURA E COMPITI ISTITUZIONALI Art. 1 Natura dell Azienda 1. L ATER

Dettagli

Regolamento per l Autogestione dei servizi

Regolamento per l Autogestione dei servizi DELLA PROVINCIA DI TORINO EX IACP Regolamento per l Autogestione dei servizi (in applicazione della L.R. 28/3/1995 n. 46 e s.m.i.) 1. NORME GENERALI Art. 1 (Principi e finalità) L Agenzia Territoriale

Dettagli

STATUTO DELL AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI

STATUTO DELL AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI STATUTO DELL AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI approvato in occasione della seduta del Consiglio

Dettagli

COMUNITA DELLA VALLE DI SOLE PROVINCIA DI TRENTO

COMUNITA DELLA VALLE DI SOLE PROVINCIA DI TRENTO L145-0002497-19/12/2014 A - Allegato Utente 2 (A02) COMUNITA DELLA VALLE DI SOLE PROVINCIA DI TRENTO REP. n. /PR. del. SCHEMA DI CONVENZIONE DEL SERVIZIO DI APPLICAZIONE DELLA TARIFFA DI CUI AL D.P.R.

Dettagli

Sono ammissibili al finanziamento le seguenti tipologie di intervento: 2.1 ) Interventi finalizzati all acquisizione della prima casa.

Sono ammissibili al finanziamento le seguenti tipologie di intervento: 2.1 ) Interventi finalizzati all acquisizione della prima casa. DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DI MUTUI AGEVOLATI FINALIZZATI ALL ACQUISIZIONE DELLA PRIMA CASA, AL RECUPERO ED ALLA RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DEL PATRIMONIO EDILIZIO DEL COMUNE DI FUSIGNANO ED ALL

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO All. n. 3 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO tra, in persona del legale rappresentante pro tempore Dr., con sede legale in Roma, alla Via, numero di iscrizione al Registro delle Imprese e Codice

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 21-03-1984 REGIONE PIEMONTE. Legge generale in materia di opere e lavori pubblici

LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 21-03-1984 REGIONE PIEMONTE. Legge generale in materia di opere e lavori pubblici LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 21-03-1984 REGIONE PIEMONTE Legge generale in materia di opere e lavori pubblici Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 13 del 28 marzo 1984 Il Consiglio Regionale

Dettagli

IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DL. 74/2012

IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DL. 74/2012 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DL. 74/2012 Ordinanza n 25 del 14 agosto 2012 Criteri e modalità di assegnazione di alloggi in locazione a favore dei nuclei

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE Allegato alla Deliberazione Consiliare.., n. TITOLO I Art. 1 Oggetto del Regolamento Finalità ed Ambito di applicazione Il presente regolamento, adottato

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI

REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI REGOLAMENTO GENERALE DELLE ENTRATE COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 12 del 03/02/2000 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 8 del 31/01/2002 Modificato con

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COPIA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA DELIBERAZIONE N. 41 in data: 02.10.2012 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: AFFIDAMENTO A DITTA SPECIALIZZATA DEL SERVIZIO DI

Dettagli

Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari. MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova

Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari. MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova Associazione Nazionale Amministratori Condominiali e Immobiliari MANSIONARIO DELL AMMINISTRATORE CONDOMINIALE ANACI Provincia di Genova Suddivisione dei compensi I compensi dovuti all amministratore si

Dettagli

Il/La sig./soc. (1)..di seguito denominato/ a locatore... ... ...

Il/La sig./soc. (1)..di seguito denominato/ a locatore... ... ... Allegato 8 - all Accordo Territoriale per la Locazione del Comune di Arzignano Allegato C DM 30/12/2002 LOCAZIONE ABITATIVA DI NATURA TRANSITORIA Accordo Territoriale sottoscritto ad Arzignano il 18.05.2006

Dettagli

ACER PIACENZA. Azienda Casa Emilia-Romagna della provincia di Piacenza STATUTO

ACER PIACENZA. Azienda Casa Emilia-Romagna della provincia di Piacenza STATUTO ACER PIACENZA Azienda Casa Emilia-Romagna della provincia di Piacenza STATUTO Approvato dalla Conferenza degli Enti nella seduta del 18 Gennaio 2002 verbale n. 2/2 (Modificato ed integrato art. 21 Risultati

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L ACCESSO ALLA PRIMA CASA IN PROPRIETA ANNO 2006

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L ACCESSO ALLA PRIMA CASA IN PROPRIETA ANNO 2006 ALLEGATO A COMUNE DI LUGO (Provincia di Ravenna) Servizio Assistenza e Politiche Sociali REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER L ACCESSO ALLA PRIMA CASA IN PROPRIETA ANNO 2006 Giugno 2006 COMUNE

Dettagli

Art. 2 - Condizioni di alienabilità degli alloggi e destinazione dei relativi proventi

Art. 2 - Condizioni di alienabilità degli alloggi e destinazione dei relativi proventi ALLEGATO A Proposta di legge Alienazione degli immobili di edilizia residenziale pubblica finalizzata alla razionalizzazione e valorizzazione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica (ERP) Sommario

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PREMESSO

SCHEMA DI CONTRATTO PREMESSO SCHEMA DI CONTRATTO (DA SOTTOPORRE A REGISTRAZIONE) CONTRATTO n. (ai sensi della D.G.R. n. 186 del 22/02/2013 e della D.G.R. n. 1522 del 06/12/2013) Repubblica Italiana L'anno questo giorno del mese di

Dettagli

Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233

Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233 Unione di Comuni Unione dei Miracoli Sede di Casalbordino (CH) Piazza Umberto I Codice fiscale 02385890690 - tel. 0873/92191 - fax 0873/9219233 CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO CENTRALE

Dettagli

3. Quali sono le principali attività dell amministratore in merito alla gestione delle spese per la manutenzione delle parti comuni?

3. Quali sono le principali attività dell amministratore in merito alla gestione delle spese per la manutenzione delle parti comuni? LE FUNZIONI DELL AMMINISTRATORE DI CONDOMINIO (ART. 1130 C.C.) A cura di: Avv. Alessandro Re - ASSOCOND 1.Quali sono le principali funzioni dell amministratore del condominio in merito all assemblea e

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO NON ABITATIVO tra, in persona del legale rappresentante pro tempore Dr., con sede legale in Roma, alla Via, numero di iscrizione al Registro delle Imprese e Codice Fiscale

Dettagli

CONFERIMENTO MANDATO DI CONSULENZA E MEDIAZIONE CREDITIZIA. Il/La sottoscritto/a., nato/a a (.. ) il.., residente in.

CONFERIMENTO MANDATO DI CONSULENZA E MEDIAZIONE CREDITIZIA. Il/La sottoscritto/a., nato/a a (.. ) il.., residente in. CONFERIMENTO MANDATO DI CONSULENZA E MEDIAZIONE CREDITIZIA Il/La sottoscritto/a., nato/a a (.. ) il.., residente in., codice fiscale..., professione.., stato civile, documento tipo N..., rilasciato da

Dettagli

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011

Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 Allegato alla deliberazione di G.C. n. 133 del 13/10/2011 PROTOCOLLO D INTESA PROMOSSO DALLA PREFETTURA DI BOLOGNA TRA TRIBUNALE DI BOLOGNA, REGIONE EMILIA-ROMAGNA, PROVINCIA DI BOLOGNA, COMUNI DELLA PROVINCIA

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE AD USO NON ABITATIVO

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE AD USO NON ABITATIVO CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE AD USO NON ABITATIVO L anno il giorno del mese di presso la sede dell I.A.C.P. di Caserta, alla Via E. Ruggiero N.47, in Caserta, con il presente atto l Istituto Autonomo

Dettagli

COMUNE DI CASALNOCETO Provincia di Alessandria DELIBERAZIONE N. 21 *********** COPIA

COMUNE DI CASALNOCETO Provincia di Alessandria DELIBERAZIONE N. 21 *********** COPIA COMUNE DI CASALNOCETO Provincia di Alessandria DELIBERAZIONE N. 21 *********** COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE del giorno 27 Agosto 2014 OGGETTO: INCARICO LEGALE PER RECUPERO CREDITI

Dettagli

REGOLAMENTO Per la disciplina della mobilità degli assegnatari negli alloggi E.R.P. ai sensi dell art. 28 della L.R. 8 Agosto 2001, n.

REGOLAMENTO Per la disciplina della mobilità degli assegnatari negli alloggi E.R.P. ai sensi dell art. 28 della L.R. 8 Agosto 2001, n. REGOLAMENTO Per la disciplina della mobilità degli assegnatari negli alloggi E.R.P. ai sensi dell art. 28 della L.R. 8 Agosto 2001, n. 24 Delibera di Consiglio n 61 del 12/10/2011 * * * PREMESSE: I comuni

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE CON IL COMUNE DI TRIGGIANO FINALIZZATO ALL ATTUAZIONE DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE - ZONA DI ESPANSIONE C4-4

SCHEMA DI CONVENZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE CON IL COMUNE DI TRIGGIANO FINALIZZATO ALL ATTUAZIONE DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE - ZONA DI ESPANSIONE C4-4 SCHEMA DI CONVENZIONE Allegato alla deliberazione di C.C. n./.. SCHEMA DI CONVENZIONE CON IL COMUNE DI TRIGGIANO FINALIZZATO ALL ATTUAZIONE DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE - ZONA DI ESPANSIONE C4-4 REPUBBLICA

Dettagli

Comune di Montesano - prov. di Lecce SCHEMA CONTRATTO DI LOCAZIONE

Comune di Montesano - prov. di Lecce SCHEMA CONTRATTO DI LOCAZIONE Allegato B REPUBBLICA ITALIANA Comune di Montesano - prov. di Lecce SCHEMA CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE COMUNALE EX SCUOLA MATERNA via San Donato. In Montesano, addì -- del mese di ------ dell anno

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 13 DEL 10-06-1996 REGIONE LOMBARDIA

LEGGE REGIONALE N. 13 DEL 10-06-1996 REGIONE LOMBARDIA LEGGE REGIONALE N. 13 DEL 10-06-1996 REGIONE LOMBARDIA Norme per il riordino degli enti di edilizia residenziale pubblica ed istituzione delle aziende lombarde per l' edilizia residenziale (ALER) Fonte:

Dettagli

REGOLAMENTO MISURE PER L EMERGENZA ABITATIVA. Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE

REGOLAMENTO MISURE PER L EMERGENZA ABITATIVA. Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE REGOLAMENTO MISURE PER L EMERGENZA ABITATIVA Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento intende: - riordinare in modo organico i criteri per individuare i soggetti aventi titolo a fruire dei

Dettagli

(stipulato ai sensi dell'art.2, comma 1, L.9 dicembre 1998, n.431) TRA:

(stipulato ai sensi dell'art.2, comma 1, L.9 dicembre 1998, n.431) TRA: CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (stipulato ai sensi dell'art.2, comma 1, L.9 dicembre 1998, n.431) TRA: la società CENTRO REGIONALE S.ALESSIO MARGHERITA DI SAVOIA PER I CIECHI con sede in ROMA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO per l assegnazione di contributi per la prevenzione dell esecutività degli sfratti per morosità incolpevole - ANNO 2015 -

AVVISO PUBBLICO per l assegnazione di contributi per la prevenzione dell esecutività degli sfratti per morosità incolpevole - ANNO 2015 - AVVISO PUBBLICO per l assegnazione di contributi per la prevenzione dell esecutività degli sfratti per morosità incolpevole - ANNO 2015 - Il Dirigente del Settore Qualità della Vita Visti : - la delibera

Dettagli

Enti Pubblici IPAB ISMA ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO

Enti Pubblici IPAB ISMA ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO Enti Pubblici IPAB ISMA ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO Avviso 4 novembre 2015, n. 1 Bando pubblico per l'assegnazione in locazione di una proprieta' immobiliare non di pregio di proprieta' degli Isma sita

Dettagli

A. TITOLO REGIONE SICILIA L.R. 20 dicembre 1975, n. 79 Nuove norme per l incentivazione dell attività edilizia delle cooperative nella Regione

A. TITOLO REGIONE SICILIA L.R. 20 dicembre 1975, n. 79 Nuove norme per l incentivazione dell attività edilizia delle cooperative nella Regione A. TITOLO REGIONE SICILIA L.R. 20 dicembre 1975, n. 79 Nuove norme per l incentivazione dell attività edilizia delle cooperative nella Regione Modificata con L.R. 1 agosto 1977, n. 79 Modifiche alla legge

Dettagli

Regolamento ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE E DISCIPLINA DELLA GESTIONE NEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

Regolamento ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE E DISCIPLINA DELLA GESTIONE NEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Regolamento ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE E DISCIPLINA DELLA GESTIONE NEGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA Approvato con delibera di C.C. n. 120 del 28-11-2002 Modificato con delibere

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE CITTA DI COLOGNO MONZESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE Allegato C) alla deliberazione di Consiglio Comunale N. 9 del 15 febbraio

Dettagli