Cosa ci aspetta nel futuro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cosa ci aspetta nel futuro"

Transcript

1 17.INTERVISTA :58 Pagina 1 Profilo dell intervistato Ha ricoperto il ruolo di Operation Manager in importanti aziende nazionali e internazionali, dapprima come Operation Manager in Ceam Cavi Speciali S.p.A. e poi come Executive Vice President in Castelli-Gruppo Haworth l.t.d.. Da molti anni opera nell ambito della consulenza di direzione, con particolare attenzione all Operation e Innovation Management, temi sui quali è anche intervenuto come relatore in numerosi convegni e workshop specialistici. Nel 1990 entra in Considi, divenuta poi Consiel (Gruppo Telecom), primaria società di consulenza direzionale, in cui è prima manager e poi partner dell Area Industria e Servizi. Nel 2004 è tra i soci fondatori della nuova Considi, di cui oggi è Presidente. Ha condotto numerosi interventi di miglioramento delle performance aziendali attraverso la revisione dei modelli organizzativi, logistici e produttivi in aziende manifatturiere e distributive, con particolare esperienza nelle PMI del nord est. Ha recentemente pubblicato un libro dal titolo: Aumentare la competitività aziendale attraverso la Lean transformation - casi di studio e applicazioni pratiche di produzione snella nel Nordest. Intervista a Fabio Cappellozza Presidente Considi Considi è uno dei marchi storici di riferimento nel panorama della consulenza direzionale in Italia. Fondata nel 1980 si è sviluppata operando nel mercato delle aziende manifatturiere e di servizi del nord e centro Italia. Nel 1988, insieme al gruppo JMA, ha creato Jmac-Considi, prima joint venture italo giapponese nel consulting; poi nel 1994, con l entrata nel Gruppo Telecom-Finsiel ha dato vita a Consiel, arrivando in pochi anni ad essere la maggiore società di consulenza direzionale e di formazione a proprietà e matrice italiana. Nel 2004 l Area Industria e Servizi esce dall orbita Telecom e riparte la nuova iniziativa imprenditoriale della nuova Considi. Nel corso del 2009 Considi avvia una nuova stretta collaborazione con il Sensei Yoshito Wakamatsu esperto di livello mondiale del Toyota Production System. Oggi l offerta Considi abbraccia i principali ambiti del consulting tradizionale, concretizzati in progetti di lean transformation che si declinano sulle diverse aree aziendali, attraverso l eliminazione degli sprechi e l aumento del valore non solo in fabbrica (Lean Production), ma lungo l intera catena logistica (Lean Supply Chain), nei processi di innovazione e progettazione (Lean Design) e negli uffici (Lean Office). Il tutto grazie allo sviluppo di strumenti e metodologie che garantiscono, grazie ad un approccio sistemico e flessibile, misurabilità e concretezza dei risultati e crescita professionale delle risorse coinvolte. >> 83

2 17.INTERVISTA :58 Pagina 2 Qual è secondo lei la distintività del mercato della consulenza in Italia? Il mercato italiano della consulenza, come tutti gli altri mercati, riflette alcuni elementi distintivi della nostra cultura e dello stile di vita italiano. In primo luogo la creatività e l innovazione intese soprattutto come attenzione al cliente, come capacità di tagliare e cucire un offerta su misura del singolo Imprenditore e/o azienda. In secondo luogo la flessibilità al mercato, la capacità di adattamento alle situazioni e alle contingenze. Ma questi elementi da soli non sufficienti a mio avviso a garantire un posizionamento sul mercato tra i mayor player. Ritengo infatti che nello specifico mercato della consulenza manchi un elemento chiave necessario allo sviluppo ed alla competizione globale, ovvero quell istinto imprenditoriale che porti a coagulare ed integrare imprese diverse intorno a una visione forte e innovativa comune, creando così delle realtà che possano diventare di riferimento non solo per il territorio nazionale ma che anche per i territori e mercati internazionali dei nostri clienti e quindi confrontarsi con il mondo anglosassone, piuttosto che con l estremo oriente, o magari con gli stessi giapponesi. Credo che questa lacuna, porti ad una scarsa valorizzazione delle nostre competenze, all impossibilità di fare azienda nel senso pieno del termine, mantenendo una elevata polverizzazione delle nostre aziende di consulenza, spesso identificabili in singoli studi professionali. La necessità di integrarsi e fare massa critica Collegato a questo c è, a mio avviso, un altro aspetto che impone veri limiti allo sviluppo di molte aziende consulenziali e che ritroviamo anche nelle realtà più innovative, che più hanno dato e continuano a dare lustro a questo mercato; un aspetto che si manifesta non solo a livello italiano ma, direi, a livello europeo. Sto parlando del fatto che le società sono troppo legate alle singole persone, ai partner fondatori. Dietro queste persone c è poca azienda, poca struttura, o meglio pochi processi, e soprattutto poca volontà di fare davvero azienda. Noi non abbiamo impianti ed altri asset materiali su cui fare crescere il nostro capitale, in quanto esso è costituito dalle nostre risorse umane. A questa cosa ovvia e banale non si è data secondo me la dovuta attenzione. Il nostro principale obiettivo dovrebbe essere proprio quello di fare crescere sul fronte delle competenze specifiche e di mestiere le nostre risorse nel modo più rapido possibile. Se un consulente senior ha impiegato 25 anni per diventare esperto di un area e per avere del know how da trasferire, delle soluzioni da proporre o dei suggerimenti da dare, non possiamo per ciò accettare il fatto che per sviluppare dei nuovi consulenti esperti ci debbano volere altri 25 anni. L idea della bottega artigianale è fondamentale, non ci si può staccare da essa; ma al tempo stesso, pur mantenendo i valori distintivi della dimensione artigianale, si deve fare lo sforzo di trasformarsi in una realtà industriale. Dobbiamo quindi puntare con forza la nostra attenzione nel trovare metodi e strumenti che, oltre ovviamente a consentirci di sviluppare nuovi progetti e nuovi clienti, ci consentano di far crescere in modo rapido ed industriale le nostre risorse umane. La mia personale esperienza, prima in Considi e poi in Consiel, e la lunga partnership con la giapponese Jmac, ha radicato in me la convinzione che un sistema professionale strutturato, articolato in metodologie, strumenti di base, documentazione, ecc., possa contribuire in modo determinante all accelerazione dello sviluppo delle risorse umane. Il trasferimento della conoscenza in ambienti ad alta professionalità >> 84

3 17.INTERVISTA :58 Pagina 3 Integrare persone su progetti in corso, anche persone molto esperte, crea sempre notevoli difficoltà. Questo ovviamente per le peculiarità del nostro lavoro, ad alta complessità e bassa ripetitività. E per questo che noi di Considi abbiamo sviluppato glossari comuni, metodi operativi codificati, strumenti condivisi, che sono stati raccolti nei manuali operativi costruiti nel corso degli anni. Ciò per far sì che un progetto fatto da un gruppo di consulenti in un luogo sia metodologicamente uguale a quello fatto da un altro gruppo in un altro luogo. La standardizzazione delle operazioni vuol dire capire come si affrontano progetti, che sono per natura anche molto diversi, in quanto legati a situazioni specifiche, realtà specifiche, persone specifiche, ma che hanno degli elementi e degli approcci comuni. Ciò aiuta ad individuare con maggior facilità gli obiettivi e le strutture dei progetti, non solo aumentando così l omologazione tra i diversi progetti, ma anche l affidabilità degli stessi, riducendo i rischi di errori, di lacune, di ridondanze. In certi progetti i colli di bottiglia diventano i consulenti senior. Se bisogna trattare questi colli di bottiglia come il tartufo, quando si cucina il piatto-progetto c è il rischio che il profumo sia ottimo, ma il piatto che ne esce non abbia consistenza se sotto il tartufo non c è niente. La standardizzazione dei processi Questi sono i limiti del mercato della consulenza in Italia, ma non solo. Ho avuto occasione di lavorare in Francia e in Spagna, e non ho riscontrato una situazione significativamente diversa. Pensavo che questi limiti fossero in qualche modo legati alla specifica cultura italiana, individualistica e poco orientata alla standardizzazione.. Da noi questa situazione è forse molto più marcata, proprio per questi aspetti culturali, ma non creda che in Francia o in Spagna sia diverso. Anche lì se per un qualsiasi motivo due o tre persone di riferimento abbandonano una società, di lì a poco la stessa va in crisi o muore. Forse l area tedesca è un po più avanti da questo punto di vista. Hanno un approccio più industriale. In effetti la cultura tedesca manifesta un maggior senso del gruppo, ed una maggiore inclinazione per gli standard. Infatti.Uno degli elementi distintivi di Considi è proprio quello di voler integrare nella nostra cultura tipicamente italiana un importante senso del gruppo e una forte inclinazione alla standardizzazione. Questa volontà si è concretizzata per noi in una standardizzazione di strumenti e metodi, non solo dal solo punto di vista interno, nella misura in cui gli strumenti vengono utilizzati quotidianamente dai consulenti junior appena arrivati così come dai senior o dai partner, ma anche dal punto di vista esterno, verso il cliente. I metodi e gli strumenti sviluppati nel tempo hanno come obiettivo comune e primario la misurazione quantitativa e oggettiva dei processi aziendali, siano essi fisici, organizzativi o informativi. Questo perché siamo convinti che per conoscere, valutare e migliorare un processo, un fenomeno, un organizzazione, si debba per prima cosa misurarla. In modo naturale è accaduto che, dopo aver visto i metodi e soprattutto i risultati che tali metodi garantivano, i nostri clienti ci hanno chiesto di poter disporre di questi stessi strumenti per poterli utilizzare autonomamente al loro interno. Solo a quel punto abbiamo pensato che forse valesse la pena di svilupparli in modo più sistematico, sotto forma di veri e propri pacchetti informatici. Oggi ne abbiamo due. Uno è LOGOS che sta per Logistic Governance System o Survey, a seconda del tipo di utilizzo richiesto. E un sistema che serve a mappare e misurare le prestazioni logistiche e produttive lungo l intera filiera. Quindi si map- >> 85

4 17.INTERVISTA :58 Pagina 4 pa la logistica in ingresso (vendor rating dei fornitori, analisi del servizio, ecc.) la fabbrica (flusso materiali, OEE degli impianti, value stream dei processi, ecc.), la logistica in uscita (logistica distributiva, delle filiali, del sell out, ecc.). E in sostanza un sistema di monitoraggio che prende i dati dai sistemi aziendali e misura le prestazioni durante e dopo il progetto, per verificare l efficacia degli interventi e il raggiungimento degli obiettivi. Informazioni che servono sia agli operativi che al middle management per monitorare le prestazioni giornaliere, verificando come stanno andando e come dovrebbero andare (è in grado di effettuare simulazioni), ma anche al top management per valutare i risultati di sintesi sull andamento delle giacenze, dei tempi di attraversamento, del livello di servizio, ecc.. Questi pacchetti informatici sono interfacciabili con qualsiasi ERP? Si, certo. Questi prodotti recuperano i dati transazionali dai sistemi informativi aziendali, indipendentemente dai database utilizzati. Dopo opportune pulizie, affinamenti e quadrature sui dati, ed aggiustamenti sui processi e sui controlli, si ottengono i dati su cui lavorare. Ci vuole comunque un azienda strutturata, che abbia dei dati transazionali? Si. Ma dipende dal livello di profondità richiesto. Prendiamo il caso non infrequente di un azienda che registra le microfermate solo su un pezzo di carta In questo caso abbiamo altri strumenti. Ad esempio quando non ci sono dati presenti nel sistema utilizziamo il work sampling. I nostri clienti non sono grandissimi (nel settore manifatturiero il fatturato dei nostri clienti si posiziona tra i 30 e i 500 milioni di euro), quindi non sempre si trovano sistemi strutturati di gestione dei dati. Il work sampling è un metodo più semplice da applicare, serve per la fabbrica, per attività per le quali non esistono informazioni nel sistema. In questi casi facciamo dei carotaggi, per poi analizzare i dati insieme al personale dell azienda. Anche in questo caso, alla fine dell intervento esso diventa uno strumento proprio dell azienda, che lo utilizza autonomamente, magari in altri reparti o in altri momenti. Quale è il secondo pacchetto? Si chiama PROACTA, cioè Process Activity Analysis, e fa le stesse cose di Logos, ma sui flussi organizzativi ed informativi degli uffici. E uno strumento sviluppato sulla base di anni di implementazioni e sperimentazioni da parte di Considi. Originariamente si chiamava OCS, Ottimizzazione dei Costi di Struttura, poi si è orientato alla logica di processo, ha incorporato elementi del Business Process Reengineering, si è integrato con le metodologie della lean organization, per arrivare alla forma attuale. Oggi Proacta fornisce una mappatura qualiquantitativa dei flussi attuali, consentendone una lettura in ottica di Value Stream Mapping. Lo strumento viene quindi tipicamente utilizzato per misurare la situazione attuale, individuare le criticità e quindi gli sprechi recuperabili, e disegnare i processi obiettivo. Gli aspetti che lo caratterizzano rispetto ad un approccio tradizionale sono la completezza e l estremo dettaglio quali/quantitativo della mappatura (che contiene tutti gli elementi tipici di un processo: attività, risorse, input, output, strumenti, tempi, note), e il fatto che tutte le attività vengano descritte direttamente dalle singole risorse, in autorilevazione. In questo modo si hanno tutti gli elementi necessari per rilevare le prestazioni di efficacia e di efficienza dei processi amministrativi (gestione degli ordini, fatturazione, emissione bolle, ecc.) e per misurare gli output di un ufficio. Questi sono dunque gli strumenti realizzati negli anni, che sono diventati non solo strumenti ad uso interno ma >> 86

5 17.INTERVISTA :58 Pagina 5 anche prodotti richiesti dai clienti, che spesso hanno fatto la differenza dello scegliere Considi. Quindi la standardizzazione può essere un primo passo verso l integrazione di cui parlava all inizio? Certamente sì. Nell ambito dell obiettivo di aggregazione dichiarato all inizio, la distintività che mi piacerebbe realizzare con dei potenziali partner è proprio di questo tipo: creare in qualche modo anche sul mercato della consulenza delle realtà che facciano industria di questo mestiere, tramite la standardizzazione dei metodi. Concretamente queste aggregazioni come dovrebbero funzionare? (Incontri per condividere e discutere dei metodi, presentazione in comune presso i clienti? Fusioni?) Credo che il mercato sia caldo al punto tale che a questo punto non ci siano alternative allo sposare un idea comune, fondersi e fare massa critica. Io credo che questo sia uno dei limiti del nostro mercato specifico, anche se come già detto presente non solo in Italia ma in tutta Europa. Per fare certi progetti e affrontare certe sfide una società di professionisti può avere molte buone idee; ma se non ha la dimensione critica per poterli affrontare non può imporsi sul mercato. diffusa, non un elemento di distintività ma un elemento strategico di sopravvivenza, un pezzo del motore dell azienda che non si può fare a meno di avere. La domanda che pongono molti è: ma se poi ce l hanno tutti, che differenza fa? Io invece dico che bisogna chiedersi: chi non ce l ha, potrà sopravvivere? Il Toyotismo come fattore di sopravvivenza In poche parole, può dirmi per lei che cosa caratterista il Toyotismo? Il Sistema Toyota, anche se nato in una grande realtà giapponese, può essere applicato con successo anche alle nostre aziende, anche alle Pmi. I principi che stanno alla base del toyotismo sono semplici e chiari: l attenzione al cliente ( e quindi maggior valore per il cliente), l attenzione alla qualità, ai tempi e ai costi (e quindi lotta agli sprechi) e la volontà di far crescere le risorse umane (tradotta nel termine giapponese hitozukuri). Un primo passo che possiamo compiere verso la messa in pratica di questi principi è un recupero delle nostre origini, del nostro saper fare e saper fare bene. Finora abbiamo parlato del mercato italiano della consulenza. E se invece guardiamo al mercato delle aziende manifatturiere e distributive a cui fate riferimento, ci sono degli elementi specifici che un azienda deve avere oggi per essere competitiva? Secondo noi è il momento oggi di avere il coraggio di fare un passo mentale e culturale, per passare da ragionamenti sinora puramente accademici ad applicazioni pratiche. Dobbiamo essere convinti che il modello di riferimento non è più il fordismo e tutto ciò che ha guidato il mercato industriale nel corso dell ultimo secolo, ma il toyotismo. Esso deve diventare una prassi comune, La solita domanda banale: lei conosce molto bene la realtà italiana perché vi lavora e quella giapponese perché ha lavorato in Jmac. In che misura gli aspetti culturali possono diventare determinanti? Sono stati fondamentali in Giappone, in quanto hanno permesso lo sviluppo di questi metodi. Il contesto ha un ruolo determinante. Appunto: il contesto italiano è molto diverso da quello giapponese. Tokio è una città 5S, molto ordinata e pulita, dove è facile immaginarsi di trovare certe cose in fabbrica. Molte città italiane, mi permetta la battuta, sono >> 87

6 17.INTERVISTA :58 Pagina 6 delle città -5S. Come posso immaginare che il cittadino quando diventa lavoratore si comporti in modo diverso? Questo è assolutamente vero, ed è il motivo per cui quando siamo partiti con Considi a diffondere le metodologie giapponesi abbiamo fatto enormi sforzi di interpretazione e di traduzione. Ricordo i primi tentativi di fare degli interventi con i nostri colleghi giapponesi tra la metà e la fine degli anni 80. Incontrammo un rigetto totale. La distanza culturale allora era enorme. Secondo lei adesso è inferiore? Si. Ma soprattutto siamo tornati in una situazione in cui siamo costretti a lavorare meglio per garantirci la sopravvivenza. Non sto riferendomi solo alla crisi finanziaria dell anno scorso, ma alla crisi industriale che arriva da molto più lontano. Di questo dobbiamo essere ben consci: produrre bene non è più sufficiente per vendere, perché oggi siamo in una situazione di deciso eccesso di offerta, che oltretutto ci portiamo dietro da anni. Sono finiti i tempi delle vacche grasse: oggi il peso del lavoro dove si deve fare fatica e sudare è ritornato determinante in azienda. Penso che l audience straordinaria (circa 800 persone) del convegno Il sistema Toyota per le Piccole e Medie Imprese, tenuto a Padova lo scorso ottobre, o con relatore centrale Yoshihito Wakamatsu, testimoni proprio questo sentimento. Non è più solo una sensazione degli esperti, ma una sensazione invece diffusa quella che il fare bene il proprio lavoro sia ritornato ad essere un valore centrale. Sbagliando si impara. Ad esempio nel tessile abbigliamento si è sbagliato e quindi imparato molto. In quel settore, verso la fine degli anni 90, c è stato un momento in cui la conoscenza del prodotto e del processo era stata talmente esternalizzata che anche le semplici fasi di contrattazione, discussione, preventivazione e budgeting della collezione erano diventate attività a scarsissimo valore aggiunto, in cui utilizzare un buyer con dieci anni di esperienza o un ragazzo appena uscito dall università faceva una differenza quasi irrilevante, perché nessuno dei due conosceva i componenti del costo di prodotto, nessuno dei due sapeva capire dove potevano esserci opportunità di ottimizzazione. Quando hanno cominciato ad andare in pensione i vecchi responsabili della programmazione, dello sviluppo prodotto, dei laboratori, ecc., le aziende si sono trovate svuotate delle loro competenze. Certe realtà si sono trovate a gestire esclusivamente l immagine ed il marchio. Alcune non sono state in grado di perseguire questa strategia e si sono fermate. Per fortuna, ci sono stati viceversa dei casi eccellenti di aziende lungimiranti che già da qualche anno avevano fatto azioni di sviluppo in loco, e ciò ha consentito loro di andare avanti con risultati soddisfacenti. Il recupero delle conoscenze produttive e di quelle necessarie per un processo di qualità sta tornando ad essere oggi soprattutto nel triveneto un elemento particolarmente importante. Su questi aspetti c è secondo me una certa analogia con i giapponesi, i quali peraltro non ci riconoscono solo l inventiva, la fantasia, lo stile, la capacità di conoscere il bello per eccellenza (cioè i soliti aspetti legati all estetica), ma anche il saper fare. Questo è un aspetto sul quale secondo me non c è molta distanza tra i due mondi. Bisogna dire con sincerità che l attenzione al fare le cose, soprattutto al capire come si possano fare bene, è una caratteristica tutt altro che secondaria della cultura italiana, innanzitutto qui nel nord est. E un attenzione ben presente in molti settori industriali e in molte aziende, anche piccole. Quali sono secondo lei gli elementi di successo nella supply chain e nelle operations? Dal punto di vista strategico, cioè dal punto di vista della possibilità di crescita della competitività delle nostre aziende, credo che si potrebbero ottenere grandi risultati nella supply chain e in produzione se l attenzione fosse puntata sulla crescita delle risorse umane di queste aree. >> 88

7 17.INTERVISTA :58 Pagina 7 Non solo imparando le competenze tecniche specifiche, che si possono apprendere nelle business school, ma anche e soprattutto imparando il mestiere all interno di quel settore e in quel particolare mercato. Valorizzare le proprie competenze di mestiere vuol dire saper fare proprio quella specifica cosa, saperla innovare, continuare a migliorarla. Vi deve essere una tensione particolare a voler diventare dei perfezionisti. Voler diventare dei perfezionisti Quindi questa attenzione alle risorse deve essere una prerogativa delle aziende? Non può contribuire l università? Non solo. L Università crea le basi, sulle quali diventa determinante il ruolo dell azienda. Il vero salto competitivo è proprio questo, che l azienda impari a plasmare e a far crescere le risorse al proprio interno. E quanto siamo lontani da ciò in Italia? Molto, molto lontani. E proprio questo uno degli elementi che ci farebbe passare dall era del fordismo a quella del toyotismo. Senza questo elemento fondamentale, filosofie come il Lean ed il TPS, e i metodi connessi, non vanno da nessuna parte. Magari sono efficaci per qualche tempo, ma nel medio-lungo, dopo magari qualche anno, si spengono. Se non si riesce ad innescare un processo virtuoso di crescita e di valorizzazione del mestiere delle nostre risorse interne, le nostre aziende si svuoteranno, perché si svuotano di capitale umano. Le aziende giapponesi, la Toyota in particolare, hanno avuto successo perché hanno innescato cinquant anni fa un processo virtuoso che puntava alla perfezione ed al miglioramento continuo. E questo processo è un attività quotidiana, e soprattutto un attività che non riguarda gli impianti, o i metodi, o i sistemi informativi, o le macchine, ma le persone. Il motivo per cui Toyota ha aperto alla fine degli anni 80 le sue fabbriche consentendo al team di Womack e Jones il grande studio sulla competitività da cui è sortito prima il libro La macchina che ha cambiato il mondo e poi tutto il movimento lean, è che fondamentalmente non aveva problemi (e non li ha tuttora) a far vedere le fabbriche, in quanto il vero fattore competitivo sono le risorse umane ed il loro know how. Fattore non facilmente replicabile. E il risultato di un metodo sistematico di sviluppo continuo delle capacità delle persone. Credo che questo sia il vero grande salto che noi occidentali dovremmo imparare a fare. Questo tipo di approccio è una caratteristica giapponese o di Toyota? E una caratteristica diffusa. Non si può dire che sia comune a tutte le aziende giapponesi, ma non è neppure solo di Toyota. Il sistema paese sostiene questi approcci. Ho visto in uno dei miei ultimi viaggi che ci sono ancora degli istituti, come il JUSE, che si occupano della formazione e della diffusione sulla qualità. Da quanto tempo si parla di qualità? Eppure in Giappone ci sono ancora oggi istituti che fanno formazione, addestramento ed affiancamento ad interi reparti ed aziende sul tema qualità. La insegnano ancora perché deve entrare nel DNA dei lavoratori, deve divenire pane quotidiano, deve diventare comportamento implicito, e non essere solo un applicazione o un esercizio metodico che rischia di andare perso con il passare degli anni. Non è solo questione di apprendere un metodo o delle tecniche, ma di plasmare (più che di addestrare) delle risorse umane in modo che pensino in modo proattivo. Non vuol dire indottrinarle, renderle tutte omologate, ma al contrario, anche se può sembrare una contraddizione, infondere in loro la capacità e la volontà di intraprendere e di sbagliare. Quello che si sentiva narrare già molti anni fa, e cioè che in Toyota, in Mitsubishi, alla Nissan, sulle linee >> 89

8 17.INTERVISTA :58 Pagina 8 di assemblaggio qualsiasi operaio poteva decidere autonomamente di fermare la linea, esiste ancora. E sono oggi linee su cui viaggiano otto/nove modelli di auto, non versioni diverse dello stesso modello, ma auto completamente diverse, il pick up con il coupè, il suv o la berlina. Su linee di questo tipo, ancor oggi un qualsiasi operaio, se percepisce che c è qualcosa che non sa affrontare subito, blocca immediatamente la linea. Perché possono fare questo? In occidente la logica è tira fuori il problema e fai andare avanti la linea. Là assolutamente no. Il problema è un opportunità di miglioramento che va subito affrontata e risolta. In modo strutturale affinché non si ripresenti più. E una logica semplice che ci è stata insegnata fin dagli anni 80. E questo approccio al problem solving ed alla gestione aziendale non si applica con gli impianti o con le macchine automatiche, ma con le persone. Questo è secondo me il più grande investimento che le aziende italiane devono fare. Sono anche convinto dai feedback che ricevo dal campo negli ultimi anni che i nostri imprenditori stiano cominciando a capire queste logiche. Cercano di portarle avanti con metodo: sanno che sono processi molto lenti, che possono richiedere anni per essere implementati e dare i loro frutti, ma quando li sposano lo fanno in via definitiva. Loro stessi sono i primi a stare attenti che questa crescita sia portata avanti da tutti, dagli operativi, ma soprattutto dal middle management, dove spesso si annidano gli ostacoli più significativi. Non è raro il caso di manager di livello intermedio che non hanno la capacità di adattarsi a questi nuovi ruoli, e che quindi devono essere aiutati a migliorare oppure a cambiare mestiere. Ritengo davvero che oggi sia determinante la capacità di innovare, l attenzione all innovazione. Quello che propongo è un ribaltamento rispetto a ciò che troviamo nella realtà. Oggi l innovazione ha raggiunto una dimensione tale, in termini di risorse necessarie, che ha bisogno proprio di massa critica, cioè di mettere insieme cervelli diversi, culture diverse, specializzazioni diverse, focus diversi. La nostra grande ricchezza, che ha consentito la crescita del nostro territorio, è stata l imprenditoria diffusa. Ma oggi dobbiamo trovare delle logiche, dei progetti, dei metodi, che ci facciano fare il salto. Le istituzioni, le università, i centri di ricerca, ecc., possono aiutare, ma il salto e l innovazione si fanno solo se si mettono d accordo gli imprenditori. Quando si genera un idea, o un imprenditore riesce a trovare più imprenditori che si coagulano intorno a tale idea per portare avanti la sfida dell innovazione di prodotto, di mercato, di processo, ecc., oppure l idea è destinata a spegnersi. Quali sono gli ostacoli alla realizzazione di questa rete? Innanzitutto a mio avviso non bisogna parlare di rete. Come quando le parlavo dell idea del polo di aggregazione per la consulenza, anche qui intendo qualcosa di più strutturato. Ho visto e sperimentato le reti per fare innovazione. Mi sono sembrati però tutti esercizi magari anche interessanti con obiettivi ambiziosi e risorse significative, ma che non hanno trovato uno sbocco di mercato, una vera realizzazione. Questo perché dietro non c era un idea imprenditoriale forte. Quindi le aziende dovrebbero fondersi? Si, creando una nuova realtà. Se non si chiariscono questi aspetti di governance fin dall inizio non si va da nessun a parte: la rete rimane rete senza pesci. Come si può essere più innovativi e gestire meglio il processo di innovazione? Gli imprenditori devono imparare a fare massa critica, a condividere tra di loro l innovazione, l idea nuova. La rete senza pesci >> 90

Rev. Gen. 2012. Company Profile

Rev. Gen. 2012. Company Profile Rev. Gen. 2012 Company Profile Agosto 2015 Chi siamo FIWA è una giovane e dinamica società di consulenza direzionale, focalizzata sulla reingegnerizzazione e progettazione dei processi portanti dello

Dettagli

Rev. Gen. 2012. Company Profile

Rev. Gen. 2012. Company Profile Rev. Gen. 2012 Company Profile Chi siamo Finint & Wolfson Associati è una giovane e dinamica società di consulenza di Direzione, focalizzata sulla reingegnerizzazione e progettazione dei processi di Innovazione,

Dettagli

Rev. Gen. 2012. Maggio 2016. Company Profile

Rev. Gen. 2012. Maggio 2016. Company Profile Rev. Gen. 2012 Maggio 2016 Company Profile Chi siamo Finint & Wolfson Associati è una giovane e dinamica società di consulenza di Direzione, focalizzata sulla reingegnerizzazione e progettazione dei processi

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012

INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 INTERVENTO DEL DR. FABIO CERCHIAI, PRESIDENTE FeBAF XLIV GIORNATA DEL CREDITO ROMA, 3 OTTOBRE 2012 Si può essere quotati in Borsa e avere un ottica di lungo periodo? E come recuperare un merito creditizio

Dettagli

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità

LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità LEAN scuola Oltre il Progetto Qualità Convegno rivolto a dirigenti e personale docente della scuola Fondazione CUOA Altavilla Vicentina, 21 maggio 2008 15.00 18.00 1 Il 21 maggio scorso, la Fondazione

Dettagli

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè

Milano, via Savona 15. Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè EVENTO OLIVETTI Milano, via Savona 15 Lunedì, 15 marzo, ore 16.00 Dr. Franco Bernabè Buon giorno a tutti, è per me un piacere oggi partecipare a questo evento organizzato per la presentazione della nuova

Dettagli

CONSULENZA LOCALE, SOLUZIONI INDIVIDUALI, KNOW-HOW INTERNAZIONALE

CONSULENZA LOCALE, SOLUZIONI INDIVIDUALI, KNOW-HOW INTERNAZIONALE CONSULENZA LOCALE, SOLUZIONI INDIVIDUALI, KNOW-HOW INTERNAZIONALE Innovazione e ostacoli relativi L innovazione è il fattore chiave per la creazione di valore nell economia del 21 secolo e determina significativamente

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo.

La felicità per me è un sinonimo del divertimento quindi io non ho un obiettivo vero e proprio. Spero in futuro di averlo. Riflessioni sulla felicità.. Non so se sto raggiungendo la felicità, di certo stanno accadendo cose che mi rendono molto più felice degli anni passati. Per me la felicità consiste nel stare bene con se

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

I 12 principi della. Leadership Efficace in salone

I 12 principi della. Leadership Efficace in salone I 12 principi della Leadership Efficace in salone Leadership = capacita di condurre e di motivare Per condurre i tuoi dipendenti devono avere stima e fiducia di te. Tu devi essere credibile. Per motivare

Dettagli

La storia del Lean Thinking

La storia del Lean Thinking La storia del Lean Thinking Per i manager che cambieranno il mondo Paolo Sganzerla Torino, 29 Marzo 2011 L anno scorso Si iniziava a vedere la luce in fondo al tunnel della crisi, ma ancora si cercava

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

FORMARE, CONNETTERE, INNOVARE COME CONSOLIDARE IL CLUSTER ICT PRATESE RAPPORTO DI RICERCA

FORMARE, CONNETTERE, INNOVARE COME CONSOLIDARE IL CLUSTER ICT PRATESE RAPPORTO DI RICERCA FORMARE, CONNETTERE, INNOVARE COME CONSOLIDARE IL CLUSTER ICT PRATESE RAPPORTO DI RICERCA Marco Betti @marcobetti_ Alberto Gherardini @albgherardini IL RAPPORTO 2013 Obiettivo: Raccogliere e sistematizzare

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura

Capitolo quindici. Produzione globale, outsourcing e logistica. Caso di apertura EDITORE ULRICO HOEPLI MILANO Capitolo quindici Produzione globale, outsourcing e logistica Caso di apertura 15-3 Quando ha introdotto la console video-ludica X-Box, Microsoft dovette decidere se produrre

Dettagli

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico

Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Commencement Speech Master SPRINT Progetto PONa3_00370 Buongiorno a tutti. Innanzitutto, a nome di tutti i formandi del Master SPRINT, porgo i saluti al Magnifico Rettore che questa mattina ci ha onorato

Dettagli

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione

INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione INTERVENTO DEL DR. SAMMARCO AL SEMINARIO DAL TITOLO: Orientamento ai risultati: costruire la cultura della misurazione Forum P.A. - ROMA, 6 Maggio 2003 Vorrei utilizzare questo tempo a mia disposizione

Dettagli

Il management cooperativo e l innovazione

Il management cooperativo e l innovazione AZIENDE IN RETE NELLA FORMAZIONE CONTINUA Strumenti per la competitività delle imprese venete Il management cooperativo e l innovazione DGR n. 784 del 14/05/2015 - Fondo Sociale Europeo in sinergia con

Dettagli

Lean Innovation Workshops

Lean Innovation Workshops Lean Innovation Workshops 10 workshop gratuiti in tutta Italia per capire come ridurre gli sprechi in azienda. Non accademia, non teoria, ma casi reali di successo su cui confrontarci e riflettere insieme

Dettagli

Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione

Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione Percorso di specializzazione: Sviluppo Nuovi Prodotti Tecniche potenti di progettazione e industrializzazione Un percorso dedicato Riduzione costi Qualità Oobeya Room Product Development Value Stream Map

Dettagli

Un imprenditore capisce il marketing? (un problema nascosto) di Marco De Veglia

Un imprenditore capisce il marketing? (un problema nascosto) di Marco De Veglia Un imprenditore capisce il marketing? (un problema nascosto) di Marco De Veglia Un imprenditore capisce il marketing? Pensare che un imprenditore non capisca il marketing e' come pensare che una madre

Dettagli

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel

Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel Six Sigma Handbook Gli strumenti sei sigma per raggiungere obiettivi, organizzativi e di qualità, ad alto impatto economico con l ausilio di Excel di Rinaldo Tartari Consulente Qualità e Affidabilità Excel

Dettagli

Alternative: creazione associazione che operi come ha sempre operato isf e creazione una cooperativa nella quale ci siano persone retribuite.

Alternative: creazione associazione che operi come ha sempre operato isf e creazione una cooperativa nella quale ci siano persone retribuite. Odg 1. isf italia Guido: piccola storia isf italia Quest anno week-end nazionale ad Ancona ma sovrapposto con altri eventi qui a TN (festa di mesiano). Cmq c è stato movimento e dopo percorso fatto dalle

Dettagli

"Gli Elementi del Successo" non sono per Tutti. Sono per te?

Gli Elementi del Successo non sono per Tutti. Sono per te? "Gli Elementi del Successo" non sono per Tutti. Sono per te? Stiamo cercando persone che possano avere successo nel MLM. Come abbiamo fatto noi. E come vogliamo fare ancora quando c'è il "business perfetto

Dettagli

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago

dal 2007 - Kryptos LA PERSONA ECCELLENZE: Lorenzo Zago ECCELLENZE: Lorenzo Zago dal 2007 - Kryptos LA PERSONA Nel corso della storia, la libertà di scelta è stata una grande conquista da parte dell uomo. Oggi, la maggior parte di noi vive in Paesi dove è possibile

Dettagli

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI

METODOLOGIA DIDATTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO OBIETTIVI FORMATIVI PERCORSO FORMATIVO DESTINATARI OPEN YOUR MIND 2.0 Programma di formazione per lo sviluppo delle capacità manageriali e della competitività aziendale delle Piccole e Medie Imprese della Regione Autonoma della Sardegna PRESENTAZIONE DEL

Dettagli

Soluzioni per la tua crescita

Soluzioni per la tua crescita Soluzioni per la tua crescita Sviluppiamo il tuo business Una storia di successi Co.Mark nasce a Bergamo nel 1998 come studio di consulenza professionale nel campo dei servizi di temporary management per

Dettagli

Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro

Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro Grazie mille. sono io la violenza, scusatemi tanto, spero che sia una bella violenza in realtà. Mi piaceva molto il titolo della

Dettagli

Il ruolo del Credito in Sardegna

Il ruolo del Credito in Sardegna Il ruolo del Credito in Sardegna Seminario del 16 luglio 2007 Vorrei circoscrivere il perimetro del mio intervento alle problematiche che coinvolgono il target di clientela di Artigiancassa. Noi infatti

Dettagli

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro

Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Michele Pizzarotti: lezione di famiglia e visione del futuro Guardando al domani mi sento di dire con certezza che continueremo a promuovere l'organizzazione perché possa esprimere sempre più le capacità

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda

uadro Business Intelligence Professional Gestione Aziendale Fa quadrato attorno alla tua azienda Fa quadrato attorno alla tua azienda Professional Perché scegliere Cosa permette di fare la businessintelligence: Conoscere meglio i dati aziendali, Individuare velocemente inefficienze o punti di massima

Dettagli

In meno di dieci anni i social. Social Learning, la formazione 2.0

In meno di dieci anni i social. Social Learning, la formazione 2.0 Social Learning, la formazione 2.0 È IL MODO PIÙ NUOVO DI EROGARE CONTENUTI E INFORMAZIONI A DIPENDENTI, CLIENTI E FORNITORI, MA È ANCHE LA FORMA PIÙ ANTICA DI APPRENDIMENTO, CHE PASSA DALLE RELAZIONI,

Dettagli

Relazione del Presidente Dino Piacentini. Assemblea Generale Aniem

Relazione del Presidente Dino Piacentini. Assemblea Generale Aniem Relazione del Presidente Dino Piacentini Assemblea Generale Aniem 26 giugno 2015 Cari amici e colleghi, anzitutto grazie. Per aver condiviso un percorso in un periodo non certo facile per le nostre imprese,

Dettagli

www.learningschool.it

www.learningschool.it Piano di Formazione Scuola Vendite Progetto Finanziato dal Fondo Coordinato da e Informazioni: Gli ultimi 2 anni, causati dalla profonda crisi economica internazionale, hanno visto un rallentamento del

Dettagli

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE

ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE ILSISTEMA INTEGRATO DI PRODUZIONE E MANUTENZIONE L approccio al processo di manutenzione Per Sistema Integrato di Produzione e Manutenzione si intende un approccio operativo finalizzato al cambiamento

Dettagli

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24

INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 25 ottobre 2013 INTERVISTA 1 DI DEBORA ROSCIANI A MAURIZIO ZORDAN, FOCUS ECONOMIA, RADIO24 Audio da min. 12:00 a 20:45 su http://www.radio24.ilsole24ore.com/player.php?channel=2&idprogramma=focuseconomia&date=2013-10-25&idpuntata=gslaqfoox,

Dettagli

IMPRESS SURFACES GMBH

IMPRESS SURFACES GMBH IMPRESS SURFACES GMBH DORFSTRASSE 2 63741 ASCHAFFENBURG GERMANY Tel: +49 6021 40 6-0 Fax: +49 6021 40 6-295 info@impress.biz www.impress.biz Decorativi in sviluppo Impress vi invita a giocare con I decorativi

Dettagli

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_

METODO_ SOLUZIONI_ DIALOGO_ MANAGEMENT_ COMPETENZE_ ASSISTENZA_ SERVIZI_ MISSION_ TECNOLOGIE_ DIALOGO_ METODO_ SOLUZIONI_ COMPETENZE_ MISSION_ TECNOLOGIE_ ASSISTENZA_ MANAGEMENT_ SERVIZI_ GEWIN La combinazione di professionalità e know how tecnologico per la gestione aziendale_ L efficienza per

Dettagli

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS

TOYOTA. Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS TOYOTA Strategia e politica aziendale A.A. 2012/2013 LAURA CORRIAS 1 1. ANALISI DEL SETTORE 2. TOYOTA 3. LANCIO AYGO 4. CONCLUSIONI 2 INDUSTRIA Più IMPORTANTE PER FATTURATO La rilevanza del settore si

Dettagli

MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management

MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management MANAGEMENT 3.0 Un nuovo manifesto per il management Progetto di ricerca del CeRCA Centro di Ricerca sul Cambiamento e Apprendimento Organizzativo Prof. Vittorio D'Amato Direttore CeRCA 2 Indice Il CeRCA

Dettagli

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013 Seminario "La qualità della scuola: che cosa fa il mondo, che cosa può fare l'italia" Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro Milano,

Dettagli

SAPER SCEGLIERE UN PROGETTO FRANCHISING

SAPER SCEGLIERE UN PROGETTO FRANCHISING SAPER SCEGLIERE UN PROGETTO FRANCHISING 70 domande e risposte per conoscere il mondo del franchising... 20 regole per scegliere il progetto piu idoneo al tuo profilo di affiliato... 6 segreti per avere

Dettagli

Il Controllo di gestione nella piccola impresa

Il Controllo di gestione nella piccola impresa Stampa Il Controllo di gestione nella piccola impresa admin in A cura di http://www.soluzionipercrescere.com La piccola impresa presenta generalmente un organizzazione molto snella dove l imprenditore

Dettagli

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web

LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA. QualitiAmo La Qualità gratis sul web LA LEAN MANUFACTURING E TOYOTA GLI SPRECHI DA EVITARE Quali erano gli sprechi che Toyota voleva evitare, applicando la Produzione snella? Essenzialmente 3: le perdite di tempo legate alle rilavorazioni

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI

CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI CORSO VENDITE LIVELLO BASE ESERCIZIO PER L ACQUISIZIONE DEI DATI 1. Vai a visitare un cliente ma non lo chiudi nonostante tu gli abbia fatto una buona offerta. Che cosa fai? Ti consideri causa e guardi

Dettagli

Lean Production ed OEE al servizio della produzione di macchine: un caso di successo

Lean Production ed OEE al servizio della produzione di macchine: un caso di successo Lean Production ed OEE al servizio della produzione di macchine: un caso di successo La Lean Production può essere interessante anche per un azienda sana? Evidentemente sì, se è stata adottata dalla famiglia

Dettagli

Cambiare il Sistema Informativo

Cambiare il Sistema Informativo Cambiare il Sistema Informativo avvertenze e consigli per la partenza ex-novo o per la sostituzione di quello esistente Febbraio 2008 1 Contenuti Premessa Caratteristiche di un buon Sistema Informativo

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

Lean Office. 31 maggio 2013 Gianluca Spada (partner OPTA srl)

Lean Office. 31 maggio 2013 Gianluca Spada (partner OPTA srl) Lean Office 31 maggio 2013 Gianluca Spada (partner OPTA srl) 0 La società OPTA: il partner ideale per i tuoi progetti di miglioramento Dal 1996 OPTA affianca le aziende con interventi di consulenza organizzativa,

Dettagli

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA

LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA LA GESTIONE DELL INNOVAZIONE TECNOLOGICA NELLA PICCOLA E MEDIA IMPRESA Parte III : R&S nella piccola e media impresa Angelo Bonomi PICCOLE E MEDIE IMPRESE E R&S Esistono varie definizioni di piccole e

Dettagli

mercoledì 30 giugno 2010

mercoledì 30 giugno 2010 mercoledì 30 giugno 2010 Lean Thinking La scelta di Confindustria Bergamo Piergiuseppe Cassone Lean Thinking Ad ottobre del 2007, l Area Qualità di Confindustria Bergamo propose di focalizzare il suo programma

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

I fattori di successo nell industria dei fondi

I fattori di successo nell industria dei fondi Financial Services Banking I fattori di successo nell industria dei fondi Un marketing ed una commercializzazione strategici sono la chiave per l acquisizione ed il mantenimento dei clienti Jens Baumgarten,

Dettagli

www.internetbusinessvincente.com

www.internetbusinessvincente.com Come trovare nuovi clienti anche per prodotti poco ricercati (o che necessitano di essere spiegati per essere venduti). Raddoppiando il numero di contatti e dimezzando i costi per contatto. Caso studio

Dettagli

non accontentarti dell orizzonte, cerca L INFINITO.

non accontentarti dell orizzonte, cerca L INFINITO. non accontentarti dell orizzonte, cerca L INFINITO. Jim Morrison Società Algol Consulting: il partner per i progetti ERP Fin dall inizio della sua attività, l obiettivo di Algol Consulting è stato quello

Dettagli

LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE PMI KNOWLEDGE MANAGEMENT Ing. Obici Roberto 8 / 9 / 10 maggio 2012

LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE PMI KNOWLEDGE MANAGEMENT Ing. Obici Roberto 8 / 9 / 10 maggio 2012 INNOVARE E FARE RETE GLI STRUMENTI DI CONOSCENZA E I PROGRAMMI DI RICERCA DEL DISTRETTO MATERIALI E TECNOLOGIE PER LE COSTRUZIONI LA GESTIONE DELLA CONOSCENZA NELLE PMI KNOWLEDGE MANAGEMENT Ing. Obici

Dettagli

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO 1 INDICE 1/2 1. IL GRUPPO BENETTON: COMPANY OVERVIEW 2. LA STRATEGIA D AREA 2.1 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO 2.2 LA CONFIGURAZIONE DELLE ATTIVITA 3.

Dettagli

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i

liste di liste di controllo per il manager liste di controllo per il manager liste di controllo per i liste di controllo per il manager r il manager liste di controllo per il manager di contr liste di liste di controllo per il manager i controllo trollo per il man liste di il man liste di controllo per

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

Studio Ramenghi PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE PSICOLOGIA COMUNICAZIONE DELLA

Studio Ramenghi PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE PSICOLOGIA COMUNICAZIONE DELLA Studio Ramenghi PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE PSICOLOGIA DELLA COMUNICAZIONE Catalogo formativo COM01 COM02 COM03 COM04 COM05 COM06 COMUNICARE Team working L arte di ascoltare - modulo 1 L arte di ascoltare

Dettagli

EBOOK COME CERCARE CLIENTI: STRATEGIE E STRUMENTI CONCRETI PER ACQUISIRE NUOVI CLIENTI. ComeCercareClienti.com. Autore: Matteo Pasqualini

EBOOK COME CERCARE CLIENTI: STRATEGIE E STRUMENTI CONCRETI PER ACQUISIRE NUOVI CLIENTI. ComeCercareClienti.com. Autore: Matteo Pasqualini EBOOK COME CERCARE CLIENTI: STRATEGIE E STRUMENTI CONCRETI PER ACQUISIRE NUOVI CLIENTI ComeCercareClienti.com ComeCercareClienti.com Copyright Matteo Pasqualini Vietata la Autore: Matteo Pasqualini 1 ComeCercareClienti.com

Dettagli

La gestione dei reclami

La gestione dei reclami La gestione dei reclami - Dispensa del partecipante - Olympos Group srl - Vietata ogni riproduzione anche in forma parziale V. 01/2007 GG OLYMPOS Group srl - Via Madonna della Neve, 2/1 24021 Albino (BG)

Dettagli

TeamSystem rinnova la propria strategia per il canale

TeamSystem rinnova la propria strategia per il canale TeamSystem rinnova la propria strategia per il canale Si è tenuta nella cornice del Palacongressi di Rimini la 36esima edizione della convention annuale dedicata ai partner di TeamSystem, principale software

Dettagli

L Area Marketing di SDA Bocconi, in collaborazione con SAP Italia, ha realizzato uno studio su Il futuro secondo i Direttori Marketing.

L Area Marketing di SDA Bocconi, in collaborazione con SAP Italia, ha realizzato uno studio su Il futuro secondo i Direttori Marketing. PREMESSA L Area Marketing di SDA Bocconi, in collaborazione con SAP Italia, ha realizzato uno studio su Il futuro secondo i Direttori Marketing. L analisi, che ha coinvolto 122 direttori marketing di imprese

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA IN 11 PAESI DEL MONDO

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA IN 11 PAESI DEL MONDO L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA IN 11 PAESI DEL MONDO (ricerca di mercato condotta da GPF e ISPO) 15 dicembre 2005 Mezzogiorno d Italia 2004 1/18 SCOPO DELL INDAGINE Analizzare presso la Business Community

Dettagli

2014 : Fondi o Etf? Mono o multimarca?

2014 : Fondi o Etf? Mono o multimarca? 2014 : Fondi o Etf? Mono o multimarca? Venerdì 29 novembre 2013 In questo Diario di Bordo parliamo in sintesi: MERCATO OBBLIGAZIONARIO. MEGLIO FONDI O ETF? MEGLIO OPERARE CON UNA SOLA SOCIETA DI GESTIONE

Dettagli

Le caratteristiche distintive di Quick Budget

Le caratteristiche distintive di Quick Budget scheda prodotto QUICK BUDGET Mercato imprevedibile? Difficoltà ad adeguare le risorse a una domanda instabile e, di conseguenza, a rispettare i budget?tempi e costi troppo elevati per la creazione di budget

Dettagli

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE Ricerca e innovazione in Italia. Le proposte della politica Italianieuropei intervista Maria Chiara Carrozza I ricercatori appartengono alla schiera dei potenziali innovatori.

Dettagli

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA

LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA vision guide line 6 LE RAGIONI STRATEGICHE DI UNA SCELTA QUANDO SI PARLA DI UN MERCATO COMPLESSO COME QUELLO DELL EDILIZIA E SI DEVE SCEGLIERE UN PARTNER CON CUI CONDIVIDERE L ATTIVITÀ SUL MERCATO, È MOLTO

Dettagli

Nasce a Bologna la prima Family Business Academy (FBA).

Nasce a Bologna la prima Family Business Academy (FBA). Una iniziativa di Nasce a Bologna la prima Family Business Academy (FBA). In collaborazione con Un progetto innovativo a supporto delle nuove sfide delle Imprese Familiari: un percorso formativo permanente

Dettagli

So quello che voglio! Compro quello che voglio!

So quello che voglio! Compro quello che voglio! So quello che voglio! Compro quello che voglio! Le persone con disturbi dell apprendimento hanno la capacità di scegliere i loro servizi di assistenza. Questo libricino è scritto in modo che sia facile

Dettagli

METTI IN MOTO IL TALENTO

METTI IN MOTO IL TALENTO METTI IN MOTO IL TALENTO Laboratorio di sviluppo, al femminile e non solo. Progetto di valorizzazione del personale rivolto ai dipendenti dell Amministrazione Provinciale di Pesaro e Urbino Provincia di

Dettagli

Il venditore di successo deve essere un professionista competente,

Il venditore di successo deve essere un professionista competente, Ariel SIGNORELLI A vete mai ascoltato affermazioni del tipo: sono nato per fare il venditore ; ho una parlantina così sciolta che quasi quasi mi metto a vendere qualcosa ; qualcosa ; è nato per vendere,

Dettagli

Rinascimento della Manifattura Bolognese

Rinascimento della Manifattura Bolognese Bologna, 28/03/2013 Rinascimento della Manifattura Bolognese Progetto UNINDUSTRIA-CNA con il contributo di 0 Agenda: 17.00-17.20 Apertura dei Lavori Mauro Ferri - Presidente PROTESA SpA 17.20-17.50 Presentazione

Dettagli

DIMINUIRE I COSTI CON IL SISTEMA QUALITA

DIMINUIRE I COSTI CON IL SISTEMA QUALITA DIMINUIRE I COSTI CON IL SISTEMA QUALITA Lo so che è un argomento impopolare; la mia tesi è che si puo' usare un sistema qualità per abbassare i costi invece che fabbricare carte false. L idea mi è venuta

Dettagli

CAMBIAMENTO ORGANIZZATIVO

CAMBIAMENTO ORGANIZZATIVO Consulenza direzionale Formazione Temporary Management Efficienza Organizzativa Due Diligence Equity Value Reporting e mappatura dei processi aziendali Cost Accountig Project Management Supply Chain Management

Dettagli

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più

Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il. ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più Nel modello organizzativo di Intesa Sanpaolo è più volte affermato il ruolo centrale della relazione con il cliente. Essere una delle più importanti banche del Paese (In Italia: 5.809 sportelli, 11,4 mln.

Dettagli

SERVIZI ORGANIZZATIVI PER LE IMPRESE

SERVIZI ORGANIZZATIVI PER LE IMPRESE CONFINDUSTRIA MACERATA SEZIONE TERZIARIO INNOVATIVO SERVIZI ORGANIZZATIVI PER LE IMPRESE Percorsi e tecniche per ridefinire i modelli manageriali delle nostre imprese. Ridurre i costi preservando agilità

Dettagli

I modelli di qualità come spinta allo sviluppo

I modelli di qualità come spinta allo sviluppo I modelli di qualità come spinta allo sviluppo Paolo Citti Ordinario Università degli studi di Firenze Presidente Accademia Italiana del Sei Sigma 2005 1 Si legge oggi sui giornali che l azienda Italia

Dettagli

Capitale Intangibile. Le Le Competenze e l Esperienza al al Servizio del Fare. LA MULTICOMPETENZA del Gruppo dirigenti Fiat

Capitale Intangibile. Le Le Competenze e l Esperienza al al Servizio del Fare. LA MULTICOMPETENZA del Gruppo dirigenti Fiat Capitale Intangibile Le Le Competenze e l Esperienza al al Servizio del Fare LA MULTICOMPETENZA del Gruppo dirigenti Fiat 1 Introduzione L Impresa deve affrontare sfide sempre più complesse e spesso l

Dettagli

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15

PROMUOVERSI MEDIANTE INTERNET di Riccardo Polesel. 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 Indice Introduzione pag. 9 Ringraziamenti» 13 1. Promuovere il vostro business: scrivere e gestire i contenuti online» 15 1. I contenuti curati, interessanti e utili aiutano il business» 15 2. Le aziende

Dettagli

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean :

La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : Consulenza di Direzione Management Consulting Formazione Manageriale HR & Training Esperienza e Innovazione La riorganizzazione della Supply Chain secondo i principi lean : un passo chiave nel percorso

Dettagli

Cost_. Quality_. Delivery_. L eccellenza della tua SuppLy chain parte da qui

Cost_. Quality_. Delivery_. L eccellenza della tua SuppLy chain parte da qui Quality_ Cost_ L eccellenza della tua SuppLy chain parte da qui Delivery_ Training for Excellence 2 FORMAZIONE INNOVAZIONE ESPERIENZA In un mercato competitivo come quello odierno, per gestire al meglio

Dettagli

Con SAP Business One la produzione di PROMETAL non avviene più al buio

Con SAP Business One la produzione di PROMETAL non avviene più al buio PROMETAL S.p.A. - Utilizzata con concessione dell autore. Con SAP Business One la produzione di PROMETAL non avviene più al buio Partner Nome dell azienda PROMETAL S.p.A. Settore Manufacturing Servizi

Dettagli

Le Reti di Imprese Aggregarsi per competere

Le Reti di Imprese Aggregarsi per competere Le Reti di Imprese Aggregarsi per competere Lo sviluppo delle reti d'impresa nel settore turistico Gualtiero Milana Region Centro EVOLUZIONE DEI MERCATI La crisi dalla quale stiamo faticosamente uscendo

Dettagli

Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese?

Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese? Perché è importante voltare pagina nella gestione delle piccole imprese? Torino, 14 aprile 2006 Indice Considerazioni iniziali...p.3 La non crescita...p.5 In concreto, cosa si può fare?...p.6 Considerazioni

Dettagli

INTRODUZIONE. Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un

INTRODUZIONE. Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un INTRODUZIONE Le società e le economie occidentali, al giorno d oggi, sono fortemente caratterizzate da un continuo aumento d importanza, in termini qualitativi e quantitativi, del settore dei servizi,

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Lean Excellence Center Operational Excellence TOP CLUB

Lean Excellence Center Operational Excellence TOP CLUB Lean Excellence Center Operational Excellence TOP CLUB Prof. Alberto Por,oli Staudacher alberto.por,oli@polimi.it Lean Excellence Center del Politecnico di Milano www.lean-excellence.it Il nostro gruppo

Dettagli

Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali

Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali Make it work! Guida rapida per integrare la mobilità virtuale nei tirocini internazionali Cosa? I tirocini internazionali in azienda o stage, così come sono generalmente conosciuti, stanno acquisendo una

Dettagli

UNIS&F a fianco delle aziende per sviluppare la competitività. Il progetto Lean in Della Toffola S.p.A.

UNIS&F a fianco delle aziende per sviluppare la competitività. Il progetto Lean in Della Toffola S.p.A. UNIS&F a fianco delle aziende per sviluppare la competitività. Il progetto Lean in Della Toffola S.p.A. Una breve presentazione dell'azienda Della Toffola S.p.A., società fondata nel 1961, ha come business

Dettagli

Ratti DATI AL 31/12/2009. 69,0 mil di euro di fatturato, di cui il 64% all estero Addetti al 31/12/09 n 505 Stabilimento produttivo a Guanzate (Co)

Ratti DATI AL 31/12/2009. 69,0 mil di euro di fatturato, di cui il 64% all estero Addetti al 31/12/09 n 505 Stabilimento produttivo a Guanzate (Co) Ratti La Ratti è leader nella creazione e produzione di tessuti stampati, uniti e tinti in filo per abbigliamento, camiceria, mare, intimo ed arredamento, e nella realizzazione e distribuzione mondiale

Dettagli

Case history del Coaching Creativo. Le competenze come vettore di allineamento con il business

Case history del Coaching Creativo. Le competenze come vettore di allineamento con il business Case history del Coaching Creativo Le competenze come vettore di allineamento con il business Il cliente e lo scenario Alcuni dati sull azienda cliente! Società multinazionale di servizi finanziari con

Dettagli

(R)innoviamo oggi. Lanificio Conte - Schio SAB VEN NOV NOV. Borsa dell Innovazione per cercare nuove sfide ed opportunità.

(R)innoviamo oggi. Lanificio Conte - Schio SAB VEN NOV NOV. Borsa dell Innovazione per cercare nuove sfide ed opportunità. (R)innoviamo oggi. Quattro Workshop dedicati a giovani ed imprese. Borsa dell Innovazione per cercare nuove sfide ed opportunità. Lanificio Conte - Schio 2O Welcome! Contaminazione e cambiamento. Queste

Dettagli

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate

PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA. Accordi verticali e pratiche concordate PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Accordi verticali e pratiche concordate SVILUPPO PROGETTO DISTRIBUZIONE SELETTIVA Il progetto nasce da una valutazione strategica circa l esigenza di approfondire la tematica

Dettagli