Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale"

Transcript

1 COMUNE DI CASTELVERDE (Prov. di Cremona) DELIBERAZIONE n. 38 Adunanza del 25 GIUGNO 2009 Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale Sessione... ordinaria di...prima... convocazione - seduta PUBBLICA OGGETTO: PRESENTAZIONE DELLE LINEE PROGRAMMATICHE RELATIVE ALLE AZIONI ED AI PROGRAMMI DA REALIZZARE NEL CORSO DEL MANDATO, AI SENSI ART. 46, - COMMA 3 D.LGS 267/2000 L anno DUEMILANOVE addì VENTICINQUE del mese di GIUGNO alle ore nella Sala delle adunanze consiliari. Previa l osservanza di tutte le modalità prescritte, sono stati convocati a seduta per oggi i Consiglieri Comunali. All appello risultano: Presenti Assenti 1) LAZZARINI Carmelo X 2) ARDIGÒ Claudio X 3) BANDERA Guido X 4) BRUSCHI Angelo X 5) BRUSCHI Giada X 6) CASCIELLO Raffaele X 7) CORBARI Roberto X 8) DOLARA Ivano X 9) FERLA Maurizio X 10) GALLI Daniele X 11) LENA Mario Andrea X 12) MATTAROZZI Daniela X 13) PAGLIOLI Maria X 14) POMPINI Paolo Leo X 15) PRIORI Giuseppe X 16) RAVARA Antonio X 17) TOMASONI Massimo X 17 Partecipa all adunanza il Segretario Comunale Sig.ra Nanni Dott.ssa Maria Rita la quale provvede alla redazione del presente verbale. Accertata la validità dell adunanza, il Sig. Lazzarini Prof. Carmelo nella qualità di Sindaco assume la presidenza e dichiara aperta la seduta invitando il Consiglio a deliberare in merito all oggetto sopra indicato.

2 IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che il 6 e 7 giugno 2009 si è svolta la consultazione elettorale per il rinnovo del Consiglio Comunale e per l'elezione del Sindaco; DATO ATTO che per il periodo 2009 / 2014 è risultato eletto alla carica di Sindaco il Sig. Lazzarini Carmelo con lista collegata. Lazzarini Sindaco Rinnovare nella continuità VISTA la propria delibera n. 35 del 25 giugno 2009 con la quale si è proceduto alla convalida dei consiglieri eletti; VISTO il provvedimento sindacale n. 06 del 16 giugno 2009 con il quale è stata nominata la Giunta Comunale; VISTO l'art. 46, comma 3, del D.Lgs , n. 267 per effetto del quale, entro il termine fissato dallo statuto comunale, il Sindaco, sentita la Giunta presenta al Consiglio le linee programmatiche di governo; SENTITO il discorso introduttivo del Sindaco (all B), e dato atto delle linee programmatiche relative alle azioni e ai progetti da realizzare nel corso del mandato, così come riportate nel documento allegato sub "A" al presente atto, depositate agli atti del Consiglio Comunale previa audizione della Giunta Comunale; UDITI gli interventi dei seguenti Consiglieri: - BRUSCHI il quale precisa che la rottura del gruppo è da attribuirsi alle lettere del 2004 e poi dell estate del 2008 del Sindaco. Il consigliere prosegue affermando che la lista non è certo civica, dal momento che il segretario provinciale del PD Fanti ha festeggiato pubblicamente la vittoria di Lazzarini. Infine da lettura del documento allegato alla presente deliberazione sotto la lettera C dichiarando che il suo gruppo farà una costruttiva opposizione. - PRIORI il quale ringrazia il Sindaco per le sue parole e dichiara che il suo gruppo farà un opposizione corretta e costruttiva. Rileva infine l appesantimento, anche in termini economici, costituito dalla scelta di aumentare a cinque il numero degli Assessori, nonostante si stia vivendo un periodo di crisi, in conclusione dichiara voto contrario del gruppo; - ARDIGO il quale, uditi gli interventi, sottolinea la necessità di smorzare i toni per ricondurre il dibattito al confronto civile e democratico sui programmi e sulle idee, con l invito ad evitare toni da scontro tra nemici. Dichiara pertanto piena condivisione con le linee espresse dal Sindaco e voto favorevole del gruppo di maggioranza; VISTO lo Statuto del Comune ed in particolare l art.33; VISTO il D.Lgs n. 267; ACQUISITI i pareri favorevoli ai sensi dell art. 49, commi 1 e 2, del D.Lgs , n. 267; Udita la richiesta del Sindaco di espressione di un primo giudizio su quanto espresso e depositato agli atti; Con voti favorevoli n. 12, contrari n. 5, (Priori Ravara Tomasoni Bruschi A. Bruschi G.) su n.

3 17 Consiglieri presenti e votanti, espressi per alzata di mano, D E L I B E R A 1. Di adottare il documento riguardante le linee programmatiche di governo per gli anni 2009/2014 come da documento allegato "a"; 2. Di disporre la consegna formale ai capi gruppo consiliari del documento programmatico di governo (allegato A).

4 PARERE di cui all art. 49 del D.Lgs n. 267 alla delibera di C.C. n. 38 del In ordine alla regolarità tecnica FAVOREVOLE Il Responsabile del Servizio Tregattini Flavia In ordine alla regolarità contabile /// Il Responsabile del Servizio /// ========================================================== Il presente verbale viene così sottoscritto: IL SEGRETARIO COMUNALE Maria Rita Nanni IL PRESIDENTE Carmelo Lazzarini ========================================================== Castelverde, lì 22 LUGLIO 2009 La suestesa deliberazione: RELAZIONE DI PUBBLICAZIONE ai sensi dell art. 124 del D.Lgs n. 267, viene oggi pubblicata all Albo Pretorio per 15 giorni consecutivi IL SEGRETARIO COMUNALE Maria Rita Nanni ========================================================== Copia conforme all originale per uso amministrativo. Castelverde, lì. IL SEGRETARIO COMUNALE.... ========================================================== CERTIFICATO DI ESECUTIVITÀ (Art. 134, del D.Lgs n. 267) Si certifica che la presente deliberazione è divenuta esecutiva ai sensi di legge: decorsi 10 giorni dalla pubblicazione, ai sensi dell art. 134, comma 3, del D.Lgs n. 267 è stata dichiarata immediatamente eseguibile. Castelverde, lì.03 AGOSTO 2009 IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Maria Rita Nanni

5 ELEZIONI COMUNALI 2009 LISTA N.1 LAZZARINI SINDACO Rinnovare nella continuità Programma e obiettivi dell amministrazione per il quinquennio

6 1. Castelverde. Un territorio tra benessere e accoglienza. Il territorio di Castelverde, non da oggi, è uno dei più dinamici dell intera provincia. Si segnalò in questo senso già alla fine degli anni 60, quando vennero poste le basi del suo grande sviluppo, che non è ancora cessato. Si ricordi che nel 1971 si avevano meno di abitanti. Castelverde è oggi un Comune che sfiora i abitanti e si avvia a grandi passi al traguardo dei Molti nuovi cittadini hanno scelto il nostro territorio per questa grande attenzione alla qualità della vita, ai servizi, alla gradevolezza delle vie e dei parchi, alla relativa sicurezza per ogni fascia di età. Vogliamo che il nostro territorio rimanga un ambiente bello, sano, accogliente, un luogo dell incontro e della solidarietà nella sicurezza e nella partecipazione. IL NOSTRO IMPEGNO SARA Cura dell arredo urbano. Pulizia e manutenzioni più frequenti. Piccole cose fatte bene. Attenzione ai dettagli. Nomina assessore con delega specifica su questi obiettivi. Incentivare collaborazione dei privati per un paese bello e accogliente - Restyling di Via Bergamo - Riqualificazione dei centri storici Acquisizione del Parco Cascina Ferrari a Castelverde Parco urbano di Castelverde: finire con IV-V stralcio Riqualificazione Illuminazione Pubblica: buon gusto e risparmio Ampliamento cimitero Castelverde Migliorare il rapporto con i cittadini - Assemblee più frequenti soprattutto nelle frazioni. - Consiglio Comunale itinerante. Informa Giovani. Non solo tecnologie, ma presenza di un esperto-amico che può consigliare e capire Sportello Comune Amico. Informazioni e sostegno per le famiglie, i nuovi arrivati, gli anziani

7 2. Politiche sociali. Sostegno alle famiglie. Fiducia ai giovani. Assistenza agli anziani. Integrazione per gli stranieri. La crisi economica si fa e si farà sentire anche a Castelverde. L aumento considerevole delle richieste di aiuto al Comune di quest ultimo anno non è che un primo segnale di una situazione difficile. IL NOSTRO IMPEGNO SARA Rete sociale di sostegno intorno alle fragilità individuali e familiari. Potenziare volontariato e associazionismo Attivazione dal 2010 del FLEXIBUS, servizio bus a chiamata in grado di collegare tutte le frazioni tra di loro e la città Sostegni economici per disoccupati o cassintegrati: sostegno spese familiari, riscaldamento, spese scolastiche e trasporti Problema casa: Incremento dell ERP (da 39 a alloggi) con Cast. In; realizzazione residenze protette per soggetti e famiglie fragili Sviluppo centri per la terza età: Centro Integrativo per anziani fragili; Centro Anziani Costa S. Abramo; Centro Ricreativo Polivalente a S. Martino in Beliseto: per Bambini, Giovani, Anziani Consulta giovani; Centri multiculturali Integrazione multiculturale e multietnica. Festa per l incontro con chi viene da fuori. Scambi culturali con raccolta di storie che vengono da vicino e da lontano. Cultura locale tra valori e identità Apertura di una Farmacia a Costa S. Abramo (superando normativa attuale); in alternativa, parafarmacia o dispensario farmaceutico Ridurre l addizionale comunale IRPEF portandola dall attuale 0,4% allo 0,3% se lo Stato consoliderà i trasferimenti sostitutivi all ICI sulla prima casa e alle pertinenze INDENNITA DEGLI AMMINISTRATORI Il pagamento dell indennità degli amministratori è stata una conquista del movimento democratico e ha permesso che tutti, anche i non abbienti, potessero partecipare attivamente alla gestione della cosa pubblica. In questi anni il Sindaco ha rinunciato ad una cospicua cifra dell indennità in proporzione anche gli altri componenti della Giunta. Nessuno si avvale del cellulare d ufficio. Tutto ciò ha portato ad un notevole risparmio per il Bilancio del Comune. 3. Polizia locale, Forze dell Ordine, ruolo della partecipazione e del volontariato dei cittadini. Nell ultima fase dell Amministrazione Lazzarini si è realizzata la ristrutturazione della locale Caserma dei Carabinieri, un opera che ha richiesto un finanziamento di circa Contemporaneamente si è siglato una Convenzione con l Unione dei Comuni del Soresinese per assicurare un servizio anche negli orari serali, notturni, e nei giorni festivi. La Polizia locale può fare molto, e deve fare di più, ma solo un coordinamento costante con la Stazione dell Arma può rendere più completo un difficile compito come questo. PER LA SICUREZZA FAREMO Una presenza costante e coordinata delle forze dell ordine (Polizia locale, Carabinieri), attivando da subito la convenzione con l Unione dei Comuni del Soresinese, per servizio serale, notturno, festivo Il potenziamento della videosorveglianza, attraverso l istallazione di videocamere nei parchi, nelle piazze, presso i luoghi pubblici, presso le piazzole di raccolta differenziata, in modo che i beni comuni e la pubblica proprietà vengano valorizzate e salvaguardate in continuazione Va inoltre creato e potenziato un Gruppo locale di Protezione Civile coordinato dal Nibbio, ma che veda la presenza di operatori del territorio 4. Castel.verde, risparmio energetico Energie rinnovabili/pulite

8 Il dovere di un amministrazione attenta alle sorti del proprio territorio è quello di educare i propri cittadini a comportamenti virtuosi, dando per prima l esempio su modelli e stili di vita improntati al contenimento degli sprechi, al risparmio energetico, all impiego di energie rinnovabili. L installazione di un tetto fotovoltaico presso la scuola secondaria di primo grado e di pannelli solari alla scuola d infanzia di San Martino rappresenta il primo esempio di un percorso d impegno, che ha trovato traduzione anche nelle più recenti norme del nuovo Regolamento Edilizio e del PGT (Piano di Governo del Territorio). Ci sarà entro il 2010, la certificazione energetica del patrimonio comunale. Va istituito un vero e proprio servizio di consulenza ai cittadini sui temi del risparmio energetico. Si attiverà una centrale di produzione di energia pulita all interno dei progetti della società comunale Cast.In, non trasformando una campagna agricola fertile in una distesa artificiale di pannelli antiestetici. Tecnologia sì, ma a servizio dell uomo in un contesto umano e naturale. Si individua e si promuove un Parco Locale di Interesse Sovracomunale (PLIS) dedicato al Morbasco, per la tutela e valorizzazione delle aree del più importante corso d acqua di Castelverde. PROMUOVIAMO E PERSEGUIAMO L utilizzo della bicicletta, da sempre favorito dalla realizzazione di una fitta rete di percorsi locali; realizzazione della Pista della Fabbrica e del percorso ciclo-pedonale lungo il Morbasco verso Cremona e Paderno Ponchielli L incremento della raccolta differenziata dei rifiuti al 70% (avvalersi dell esperienza di Casalasca Servizi nella raccolta porta a porta) la cura ed il rispetto del verde (che il Comune sosterrà in prima persona con la realizzazione del bosco filtro lungo la Tangenziale Sud ed il completamento del Bosco Didattico) Certificazione energetica edifici comunali Educare al risparmio energetico: acqua, luce, gas. Forme di contributi comunali per spese su risparmio energetico Offerta di consulenza ai privati per risparmio energetico: apertura sportello Forme di contributi ai privati per eliminazione fibrocemento amianto Centrale di produzione energia pulita: fotovoltaico tramite Cast.In Ripiantumazioni e percorsi ciclopedonali: Bosco filtro Tangeziale sud Vendita piccoli appezzamenti ai privati per aree verdi Piano Locale di Interesse Sovracomunale del Morbasco con pista ciclo pedonale Completamento Bosco Didattico Nuova piazzola rifiuti a Castelverde Spostamento depuratore di Castelnuovo del Zappa Ricerca di finanziamenti per limitare l inquinamento acustico lungo le grandi direttrici di traffico (Paullese, Via Bergamo) Progetto Valle degli Orti : individuazione di aree in cui coltivare piccoli orti a chi ne fa richiesta, con precedenza pensionati e famiglie povere 5. Sostegno all economia locale-investimenti-infrastrutture-servizi alle imprese L urbanistica rimane ancora oggi l ambito di confronto col territorio di maggior valore nelle mani di un amministrazione comunale. Consapevole di questo fatto, la Giunta uscente ha programmato, redatto e di recente adottato il nuovo Piano di Governo del Territorio. Si tratta di un importante strumento (sostitutivo del Piano Regolatore), entro cui si raccolgono le scelte strategiche che un amministrazione desidera compiere per la comunità che governa. La pianificazione strategica dovrà restare saldamente nelle mani pubbliche che hanno saputo tradurla in qualità progettuale e risorse economiche per le casse comunali. Si procederà alla sistemazione della rete viabilistica. Ad esempio, a Castelverde la definitiva riqualificazione dell incrocio semaforizzato sulla via Bergamo (con tombinatura parziale del fosso, una minirotatoria urbana, il collegamento alla pista ciclabile). A Costa l allargamento della via San Predengo (con la sistemazione delle aree adiacenti al rondò di ingresso alla frazione). Per completare l ambizioso progetto di potenziamento e messa in sicurezza del sistema viabilistico locale si rende tuttavia necessario compiere due ulteriori sforzi: l allargamento della ex provinciale tra il Mulino di Costa e l incrocio delle Otto Spalle e la messa in

9 sicurezza dell incrocio di San Martino in Beliseto (con la chiusura degli attuali accessi alla via Bergamo, la demolizione del Tabacchificio (opera che dovrà tuttavia attendere l interesse dei privati proprietari alla riconversione degli immobili) e la successiva realizzazione di una rotatoria collegata alla via Ponchielli e di un sottopasso ciclopedonale). Il mercato privato, dal suo canto, ha risposto sempre con grande fiducia ed attenzione alle proposte avanzate dal Comune di Castelverde. In sintesi proponiamo: Costa S. Abramo: diversi interventi (vedi più avanti sulla pagina dedicata alla frazione) S. Martino in Beliseto (vedi più avanti sulla pagina dedicata alla frazione) PL Ca de Stirpi a Castelverde realizzazione e completamento Rotonda su Via Bergamo e accesso al Piano Lottizazione Ca de Stirpi Piano di Lottizazione Urbana Podere Dosso a Costa completamento (zona via XXV Aprile) SIT Sistema Informativo Territoriale a servizio delle imprese PUGGS Piano Urbano Gestione e Governo del Sottosuolo: studiare potenzialità Carta dei Servizi di ogni ufficio comunale, esigibili dagli utenti (per offrire il miglior servizio ai cittadini) IL RUOLO FONDAMENTALE DI CASTELVERDE INFRASTRUTTURE La costituzione di Cast. In. ha rivestito e rivestirà un ruolo strategico per l attuazione del programma del Comune. Infatti la Società consente: a) la realizzazione di opere bloccate dal patto di stabilità, tenendo fede al patto stipulato con gli elettori; b) il conseguimento di rilevanti vantaggi fiscali tra cui fondamentale il recupero dell Iva al 10% nella realizzazione di opere pubbliche e per la valorizzazione del patrimonio; c) la possibilità di assunzione di personale, in modo normativamente corretto rispetto al patto di stabilità, assicurando posti di lavoro ed evitando altre spese per il Comune. Ciò ha consentito anche: a) la possibilità di recuperare spese del personale comandato presso la Società; b) evitare l indebitamento per mutui, che avrebbero appesantito notevolmente il bilancio in termini di spesa per le rate di ammortamento in quota capitale e in quota interessi, stante il trend di aumento dei tassi (va qui ricordata anche l operazione di titoli BOC, che hanno permesso l abbattimento dei tassi con le possibilità di reinvestimento delle liquidità che l emissione ha consentito, con beneficio sia di Cast. In. che del Comune ; c) il pagamento da parte di Cast. In. al Comune di canoni per la sede e dell ICI sulle proprietà della società stessa. L impegno sarà ora quello di preparare un ulteriore passaggio di crescita per l effettuazione di servizi in modo più allargato con una maggiore efficienza ed efficacia. 6. Formare oggi i cittadini del domani. Educazione- Istruzione-Sport e Famiglie Nei confronti della scuola l Ente Locale deve favorire la creazione di un contesto formativo democratico dove si attua un confronto discorsivo, per raggiungere un accordo intorno ai valori fondanti la comunità e sul senso dell esperienza dell imparare all interno di relazioni caratterizzate da rispetto e giustizia. Il fine è offrire ai giovani una crescita col senso della democrazia e del rispetto, con forme di partecipazione sempre più alte: informazione sui progetti, consultazione con diritto di intervento e di modifica, costruzione comune delle decisioni a partire dal gruppo classe. Il Comune darà il suo contributo all autonomia scolastica favorendo forme di partecipazione democratica. Da qui la necessità anche di favorire forme di intervento dei genitori e dei ragazzi anche sulla vita pubblica, attivando forme di partecipazione alle attività del Consiglio comunale. Su questa linea si deve muovere anche il complesso importantissimo delle attività sportive, cogliendone le ricadute positive sulla formazione: promozione della socializzazione, educazione al rispetto delle regole, possibilità di libera espressione individuale e di gruppo, salute e benessere fisico e mentale, consapevolezza del proprio valore e dei propri limiti, accettazione del proprio ruolo e delle regole del gioco. Questi obiettivi si raggiungono con la preziosa collaborazione delle famiglie, di associazioni locali e di validissimi volontari.

10 PROMUOVIAMO E PERSEGUIAMO Riqualificazione complessiva degli istituti scolastici: Scuole d infanzia con tinteggiature e nuove aule per 3 sezione. Scuole medie, con nuove aule e miglioramento spazi interni. Scuola Elementare, con nuove aule. Centro Servizi Scolastici a fianco scuola elementare: Mensa, Palestra, Direzione, Segreteria e magazzino/deposito. Sinergia con Centro Culturale Agorà. Creazione del Consiglio comunale dei ragazzi SportivaMente Parliamone. Continuità e ampliamento iniziativa Sistemazione Palestra Polivalente di Castelverde: abbiamo un palasport utilizzato molto e bene. Pertanto è necessario riqualificare gli attuali spogliatoi nonché eseguire alcune opere per metterlo definitivamente a norma. Realizzazione nuovo campo di calcio in erba sintetica Spogliatoi in S. Martino in Beliseto Tensostruttura sportiva a Costa S. Abramo Organizzeremo sul nostro territorio un importante gara podistica 7. Castelverde tra memoria e racconto, cultura, la funzione di Agorà Con la realizzazione del Centro culturale Agorà il territorio di Castelverde si è dotato di un ulteriore luogo simbolico della crescita delle nostre comunità. E un luogo bello, elegante, funzionale. Il solo fatto di essere collocato in uno dei complessi edilizi di più antica tradizione, sta ad indicare l atteggiamento che dobbiamo imparare a tenere: costruire il nuovo e il futuro recuperando tutto il buono e il bello della cultura del passato. E un centro creato per le donne e gli uomini, le bambine e i bambini, gli anziani e le famiglie per incontri tra le generazioni, di ascolto reciproco, per creare qualcosa in comune, per il comune, per incontri non banali o consumistici. Punto di incontro non solo locale, con la messa in atto di un circuito in interazione con le proposte culturali cittadine e provinciali. In sinergia, vanno potenziate le iniziative di cultura popolare, sfruttando gli spazi e le occasioni in cui le diverse comunità e frazioni si ritrovano e imparano di nuovo a vivere e a crescere insieme. Vanno aiutate le associazioni locali, dotandole di una sede e di forme sostegno. Va promossa una Pro Loco, che sviluppi forme di creatività e di partecipazione popolare alla costruzione della cultura e delle culture. PROMUOVIAMO E PERSEGUIAMO Fissare programma Agorà e Auditorium in continuità con le iniziative già avviate: musica, cinema, teatro, incontri, mostre Costituzione di una Commissione Cultura con cittadini, consulenti ed esperti Rassegne musicali. MusicAgorà. Musica classica. Bel canto italiano Proposte di scrittura creativa per ogni età: prosa e poesia. Ciclo di cantafiabe. Sistema bibliotecario informatizzato (magnetizzazione volumi, nuove tessere) Scuola di musica e costruzione di una vera e propria orchestra Mnemoteca sviluppata in tre grandi temi: a) figure di paese; b) scritture del dolore e della riconoscenza; c) vita per l arte - l arte per la vita Fiera del fungo e premio al Ristorante per migliori piatti Promozione di feste ed incontri nelle cascine ristrutturate

11 8. Una rete di strutture con il Comune al centro Il Comune è certo la massima istituzione del territorio e deve fungere da raccordo con le altre istituzioni, favorendo la collaborazione con tutti. Il possibile ruolo di una Pro Loco per il sostegno delle iniziative locali di carattere culturale, ricreativo, del tempo libero Le potenzialità di Castelverde Infrastrutture s.r.l. secondo alcuni assi prioritari, tra servizi al cittadino e valorizzazione del territorio Il dialogo tra le istituzioni: le parrocchie, l Arma dei Carabinieri, l Istituto comprensivo, la Fondazione O.P. SS. Redentore La valorizzazione delle associazioni e del volontariato (AVIS, ecc ) 9. Il ruolo fondamentale delle frazioni Costa S. Abramo Tangenziale in tempi rapidi dopo approvazione definitiva PGT. Uscita mezzi pesanti MG prefabbricati direttamente su tangenziale. Sistemazione Via S. Predengo in raccordo con l uscita sul nuovo rondò della Paullese Allargamento strada dall incrocio Otto spalle al Mulino Tensostruttura sportiva zona Campo Sportivo PLU Podere Dosso a Costa completamento. Sistemazione piazza Riqualificazione Via XXV Aprile Sistemazione entrata dalla Castelleonese verso Costa, di fronte alla Paullese, ricercando accordi con il privato e realizzazione di area protetta e sicura per il BUS e lo SCUOLABUS, con fontana per la distribuzione gratuita di acqua naturale e gasata; innesto attraversamento pedonale protetto della Paullese, posti auto e panchine Piano Locale di Interesse Sovracomunale del Morbasco. Pista ciclo-pedonale Apertura di un Centro Anziani su modello Aurora nel vecchio ambulatorio presso alloggi ERP Apertura del Centro culturale polivalente sopra scuola d infanzia con annessa 3^ sezione scuola materna Tinteggiatura Cappella e cinta muraria del cimitero Sollecitazione alla Regione per farmacia o parafarmacia o dispensario farmaceutico Attivazione servizio trasporto a chiamata FLEXIBUS con tessera gratuita per i pensionati Dissuasori lungo Via Vittorio Veneto e in corrispondenza ambulatorio (dopo realizzazione Tangenziale) Consiglio Comunale Itinerante a Costa Castelnuovo del Zappa Parcheggio di fianco Circolo Acli Completamento lavori di ristrutturazione degli alloggi ERP Acquisizione area per realizzazione campo di calcetto in fianco della chiesa Sistemazione strada verso il cimitero (via Verdi) Sostegno e collaborazione Centro ACLI I Tigli ; iniziative culturali e musicali Favorire interventi di recupero case in via Manzoni con progetto di promozione come: Vecchio Borgo di Castelverde Spostamento depuratore di Castelnuovo del Zappa

12 S. Martino in Beliseto Messa in sicurezza dell uscita su Via Bergamo, con rotatoria e Sottopassaggio ciclo pedonale Apertura piazzetta centrale per posti auto Spogliatoi campo di calcio Centro Polivalente per tutte le età Miglioramento parco: campo da tennis, panchine, manutenzioni, fontanella Marzalengo Completamento Bosco Didattico Allargamento incrocio su via Bergamo, accesso al cimitero Livrasco-Ossalengo Pista ciclabile della Fabbrica Potenziamento pubblica illuminazione Interventi sulla viabilità minore

13 DISCORSO DI INSEDIAMENTO DEL SINDACO CARMINE LAZZARINI (C. C ) Introduzione Cinque anni fa, nel discorso di insediamento per il mio primo mandato, tenuto il , proprio in apertura, pronunciavo parole volutamente non politiche: Se tra qualche anno dovessi scrivere la storia di questa parte della mia vita, e dovessi individuare le ragioni per le quali mi trovo a ricoprire la carica di Sindaco, mi troverei in difficoltà, dato l intreccio strano tra l antica vocazione alla cittadinanza attiva del sottoscritto, che risale a 45 anni fa, e la casualità degli eventi che hanno portato alla mia elezione (fino a tre mesi fa era ancora in forse la legge sul terzo mandato, mentre nel 1999 pregai sì di mettermi in lista, ma di non farmi assumere delle cariche amministrative). Continuavo: E qui a Castelverde che ho incontrato sul piano politico-amministrativo il mio amico e predecessore, Angelo Bruschi, con cui ho collaborato con grande soddisfazione e pienezza di risultati per cinque anni e continueremo a farlo per altri cinque. Parole che oggi suonano surreali, talmente grande era l errore di valutazione da parte mia, non tanto per l accenno alla collaborazione, quanto per l uso della parola amico, totalmente fuori luogo, dato che Bruschi in questi anni è stato l unico in Comune a non chiedermi mai una volta come stava mia moglie ed è stato l unico a non farmi le condoglianze alla sua morte. Meglio non dire altro. Ma veniamo alla politica. Chiudevo quel discorso del 2004 con una citazione di Seneca, che dopo quasi 2000 anni mi sembrava la più adatta allo spirito del mio mandato: Siamo uomini, siamo nati per vivere insieme; la nostra società è simile ad una volta costruita di mattoni: cadrebbe se i mattoni non si sostenessero a vicenda, ed è proprio questo che la tiene insieme. Mi piaceva molto questa idea di una società tenuta insieme dai cittadini che si sostengono a vicenda, come espressione della loro umanità. Una citazione questa fatta propria da Italo Calvino nelle Città invisibili, con qualche significativa variazione. Scriveva in una pagina divenuta celebre: Marco Polo descrive un ponte, pietra per pietra. Ma qual è la pietra che sostiene il ponte? chiede Kublai Kan. Il ponte non è sostenuto da questa o quella pietra risponde Marco, - ma dalla linea dell arco che esse formano. Kublai Kan rimane silenzioso, riflettendo. Poi soggiunge: - Perché mi parli delle pietre? E solo dell arco che m importa. Polo risponde: - Senza pietre non c è arco. Una bella metafora, per dire che mentre l imperatore si interessa della visione d insieme E solo dell arco che m importa, Marco Polo, cittadino veneziano, riporta il discorso sui mattoni, cioè sulla persone singole, che costituiscono una comunità: Senza pietre non c è arco. Penso che questa immagine del ponte, della volta che lo sostiene, dei mattoni o delle pietre di cui è composto, riassuma bene il senso del vivere sociale in una comunità: si richiede una visione unitaria, dei valori fondativi, il contributo e il ruolo di ognuno, il tutto disposto in una certa armonia. Nessuna di queste cose può mancare. Nell arco come struttura architettonica c è un elemento portante: la chiave di volta, l elemento funzionale che sta al vertice, indispensabile per lo scarico dei pesi e delle tensioni dell intera struttura, ma se mancasse anche solo un mattone, tutto crollerebbe. Fuor di metafora, ritengo che la nostra lista sia stata premiata dai cittadini di Castelverde anche per questo, perché ha saputo fornire ad essi una visione d insieme e nel contempo ha presentato persone credibili, uomini e donne, giovani e pensionati, che si sono rivolte ad altre persone, al di là di schieramenti di comodo o precostituiti. I cittadini giustamente hanno percepito che c era una persona, il Sindaco, la chiave di volta, che coordinava il lavoro in una ricerca di armonia, pur tra

14 difficoltà ed incertezze, che era sostenuto da un gruppo dotato di una indubbia ricchezza di personalità altamente motivate, ognuna delle quali, intendeva lavorare per un programma condiviso, per il bene comune. Le ragioni di un successo Se andiamo a considerare i flussi elettorali, e gli spostamenti dei voti da un livello politico ad un altro, troviamo una conferma a questa tesi. Nel 2004 confrontando i risultati delle elezioni europee con quelle comunali, si notava immediatamente che nelle prime le forze politiche che si orientano al centro-sinistra ottenevano nel complesso voti, mentre la lista civica Una nuova stagione per un nuovo raccolto di cui ero candidato, otteneva voti. Da dove uscivano questi 462 voti in più, se non da cittadini che sceglievano un candidato e una lista che rappresentavano veramente gli interessi e le speranze di una comunità locale, da cittadini che compivano una scelta civica, legata alle problematiche del territorio di Castelverde e alle prospettive che quelle persone e quel programma aprivano per il presente e il futuro della comunità? Tutto ciò si è ripetuto ed ampliato nelle recenti elezioni comunali. La lista Priori, presentatasi con i simboli molto forti e attraenti di Berlusconi e Bossi, disponeva sulla carta di voti ed era già pronta a brindare alla vittoria, come era già accaduto a Turotti cinque anni prima, ma alle comunali ha raccolto 980 voti (la metà), per la sua scarsa credibilità sul piano locale ed amministrativo. Il sottoscritto, che ha dichiarato di essere iscritto al PD ma che intendeva presentare una lista di continuità e di rinnovamento sganciata da logiche di partito, è stato creduto, tant è vero che il consenso ottenuto è stato di voti, contro i 691 voti del PD alle europee, cioè 567 voti in più, nonostante l erosione del 20% dei voti andati a sinistra alla lista Bruschi, che si è avvalso dell appoggio esplicito e sconsiderato di Giuseppe Torchio, il quale contro un suo compagno di partito e gli interessi del territorio, aveva piazzato in quella lista uno dei suoi candidati di prestigio, Sciaraffa. Quando abbiamo affermato che intendevamo lavorare per fare del nostro territorio un ambiente bello, sano, accogliente, un luogo dell incontro e della solidarietà nella sicurezza e nella partecipazione; che Castelverde con le sue frazioni non aveva affatto bisogno di persone o forze politiche rissose, che alimentano continuamente divisioni e scontri di carattere personale o ideologico come si è visto in questi anni e negli ultimi mesi, ma di un Sindaco che unisce nel rispetto della dignità di ognuno, siamo stati credibili e creduti. Così come siamo apparsi affidabili, quando abbiamo affermato che il destino di Castelverde deve essere nelle mani dei cittadini di Castelverde e delle sue frazioni, rifiutando logiche di spartizione ed interessi, che venivano dalle segreterie di partito della città. Una certa visione della democrazia: un utopia concreta Nella mia ultima lettera agli elettori non a caso scrivevo che la nostra lista si è costituita, oltre che sulla base dell adesione ad un programma che unisce la visione generale alla cura del dettaglio, anche intorno ad un senso di amicizia. Amicizia? Certo! La politica, da servizio reso ai cittadini, si è spesso degradata a scambio di favori e pura rincorsa all immagine, perdendo di vista quello che viene definito interesse pubblico o bene comune. Al contrario, penso che chi svolge un pubblico servizio, come è un Comune, debba farlo con spirito solidale, in un clima di collaborazione e di relazioni cordiali (derivate dal cuore). Tale spirito è una condizione necessaria per lavorare bene. E un clima che si costruisce giorno dopo giorno in rapporto ad un impegno programmatico.

15 Solo sulla base di stili collaborativi amichevoli è possibile avviare, con il contributo personale e il senso della collegialità, l attuazione di un progetto ricco e articolato come è quello che è stato presentato. Solo con questo modo di intendere il servizio pubblico si possono captare le nuove esigenze che emergono, avanzate dai più piccoli, che sono il termometro della qualità della vita di una comunità; dai giovani, spesso così disorientati da una società votata all esteriorità; dai più anziani, che hanno il diritto di vivere pienamente l ultima fase della vita. Ma anche dalle famiglie, su cui grava il peso della cura dei più bisognosi; dai diversi settori dell economia, che chiedono efficienza; dai ceti più fortunati, che hanno di mira la qualità della vita, ma anche da quelli meno fortunati, per condizioni personali, famigliari, culturali e sociali le nuove povertà; dai gruppi di volontariato e dalle associazioni, che cementano una comunità. Come gruppo riteniamo che il corso della vita di ogni individuo, prescindendo dalle condizioni personali, debba trovare crescenti opportunità di crescita: sul piano delle relazioni sociali e come su quello della sempre più completa realizzazione di sé. Ciò è possibile quando si vive in una vera comunità. Purtroppo molte aree del nostro territorio non sono vere comunità, in quanto l altro è solo vicino, non 'prossimo'. Ma l altro deve diventare prossimo su un piano molto concreto e quotidiano, nell operatività di ogni giorno: tale è l impegno primario che ci accomuna come gruppo. Perciò partendo da noi stessi, abbiamo bandito ogni contrasto, pur non negando le differenze che ci caratterizzano e ci arricchiscono. Nei momenti di crisi, come quella gravissima che stiamo attraversando non stanno entrando gli oneri di urbanizzazione, data la stasi del mercato immobiliare, che erano la linfa vitale del Comune quando le difficoltà mettono in dubbio le certezze e le sicurezze, capita che le tensioni si accentuino, che venga fomentata l aggressività contro chi ci sta attorno, il livello di tolleranza nei confronti degli altri cala paurosamente. Ed ecco che, proprio nel momento in cui vengono indicate facili scorciatoie e inventate soluzioni semplicistiche, c è bisogno di un riferimento istituzionale unitario e riconosciuto dalla maggioranza, autorevole ma non autoritario, che ricerchi il consenso di tutti, che faccia appello alla solidarietà e non susciti divisioni, che ricerchi convergenze contro chi fomenta tensioni semplicistiche. Sta proprio in questo il compito di tutte le istituzioni laiche e religiose, che devono assumersi le responsabilità di un ruolo di raccordo e di presenza rassicurante. E nei momenti di tensione e di crisi che deve risaltare il ruolo del Primo cittadino, di un Sindaco e di una Giunta, di un gruppo di maggioranza, che abbiano la capacità e l intelligenza di unire le forze, rasserenare le coscienze, di fare appello a quanto di migliore c è in ognuno. Non suscitare una litigiosità diffusa, polemiche pretestuose per ambizioni personali o di potere ma incontro, dialogo, rispetto della dignità di tutti tutti e di ciascuno. Noi proponiamo invece una figura di Sindaco e di Giunta, di un gruppo di maggioranza, che rappresentino un punto di riferimento per tutti coloro, e sono la gran parte della popolazione, che vogliono vivere giorno per giorno facendo appello al buon senso, rispettando le regole di convivenza e la dignità delle persone che vivono sullo stesso territorio, capace di costruire una comunità nella quale sia possibile crescere figli e nipoti in relativa sicurezza e alimentare speranze per il presente e il futuro. Questa impostazione, premiata dai cittadini, consente di praticare una concezione della democrazia, che con umiltà e modestia cerchiamo di proporre e di praticare, per tentare, nel nostro piccolo contesto locale, di contrastare la crisi generale della democrazia (si parla ormai apertamente di postdemocrazia, fortunata formula del sociologo Colin Crouch, o di sultanato secondo la definizione sferzante di Giovanni Sartori, o anche di democrazia senza democrazia ).

16 Per evitare che la democrazia scada a puro meccanismo formale in cui ogni tanto i cittadini vengono chiamati ad esprimere una preferenza sulla base di un immagine costruita dai pubblicitari e in cui i poteri sono apparentemente divisi, ma nella sostanza rispondono alle innumerevoli pressioni da parte di poteri forti, che sviluppano un unica strategia basata sul guadagno delle lobby, penso che i politici debbano avere il coraggio di distogliere lo sguardo dai ristretti cerchi di potere dove conta il meccanismo della cooptazione pensate a quanto succede ai partiti italiani. Debbano avere il coraggio di superare il criterio prioritario della propria sopravvivenza anche a costo di affondare la barca sulla quale sono seduti, per cogliere bisogni profondi, pre-politici e pre-partitici, che costituiscono la base della convivenza civile e il fondamento di quell etica pubblica la cui mancanza è il male più grave di questa nostra bellissima Italia. Bisogni che sono depositati nel profondo dell animo di tutti, nell inconscio direbbero gli psicoanalisti. Si tratta del bisogno di ogni singolo soggetto di sentirsi parte di un contesto protettivo più ampio (senso di appartenenza), quasi un grande grembo accogliente, che lo scalda e lo difende dai pericoli e dalle asprezze del mondo ostile (non a caso nel linguaggio comune si parla di madre terra, di madre patria, di comunità come una famiglia ). E del bisogno primordiale di sentirsi riconosciuti come individui da un autorità amata, benevolente, che ti accetta nella tua individualità, un autorità benevola, che ti dà la certezza di essere tenuto in conto, di un riconoscimento che quasi gli permette di esistere come soggetto singolo pur immerso in un contesto più ampio. Tutti i regimi politici cercano di soddisfare queste due esigenze che stanno alla base anche delle religioni, del bisogno di credere. Ma qual è il grande vantaggio della democrazia, la sua superiorità rispetto ad altre forme di regime politico, il valore aggiunto per la quale vale la pena lottare e anche sacrificarsi? Una risposta molto penetrante l ha fornita uno dei massimi esperti di Costituzione del nostro paese, Gustavo Zagrebelsky, quando scriveva: Pensando e ripensando, non trovo altro fondamento della democrazia che questo: il rispetto di sé. La democrazia è l unica forma di reggimento politico che rispetta la mia dignità, mi riconosce capace di discutere e decidere sulla mia vita pubblica. Tutti gli altri regimi non mi prestano questo riconoscimento, mi considerano indegno di autonomia fuori della cerchia delle mie relazioni puramente private e familiari. La democrazia è, fra tutte, l unico regime che si basa sulla mia dignità in una sfera più ampia [ ] Ma non basta il rispetto di sé, occorre anche il rispetto, negli altri, della medesima dignità che riconosciamo in noi. Il motto della democrazia dovrebbe essere: Rispetta il prossimo tuo come te stesso. Una tesi questa ripresa da Platone, quando parlava del rispetto e della giustizia come i due fondamenti della polis, la comunità cittadina, e da Kant, quando scriveva che in un regime liberale il suo riferimento era l illuminismo si richiedeva ad ognuno di uscire da uno stato di minorità, emancipandosi da un tutore che decide per te, facendo proprio il motto: Sapere aude! Abbi il coraggio di usare la tua propria intelligenza!. Una visione d insieme dei bisogni del territorio e delle frazioni E sulla base di queste convinzioni che andremo ad amministrare con una squadra e un programma, che pongono al centro dell azione amministrativa la sollecitazione e il rispetto di un senso di appartenenza aperto e flessibile, un idea di autorità locale collaborativa e non oppositiva, in grado di valorizzare l intelligenza dei cittadini, facendo leva sul loro senso civico, sulla collaborazione per costruire insieme un territorio bello, accogliente, dove si può nutrire la speranza di vivere in armonia, accettando ma non accentuando le inevitabili differenza di concezioni e di stile di vita.. Non a caso perseguiremo sempre il miglioramento del rapporto con i cittadini, incontrandoli

17 maggiormente in Assemblee più frequenti soprattutto nelle frazioni o magari tenendo il Consiglio Consiglio Comunale là dove un problema è più grave e sentito. Non a caso abbiamo posto nel programma, accanto uno sportello Informa Giovani, che offre non solo tecnologie, ma la presenza di un esperto-amico che può consigliare e capire, anche uno Sportello Comune Amico in grado di fornire informazioni e sostegno per le famiglie, i nuovi arrivati, gli anziani, gli elementi più fragili e più indifesi della nostra comunità. Non a caso intendiamo avviare con Casalasca Servizi ad una raccolta rifiuti porta a porta, con la sollecitazione responsabile di ogni famiglia, in modo da giungere ad una differenziata superiore al 70%, traguardo ambizioso, ma alla portata di mano nella misura in cui i cittadini vengono chiamati a collaborare. Sotto la formula Castelverde. Un territorio tra benessere e accoglienza, perseguiremo con grande attenzione la cura dell arredo urbano, con pulizia maggiore e manutenzioni più frequenti, quelle piccole cose fatte bene, quell attenzione ai dettagli: per questo abbiamo già nominato un assessore con delega specifica su questi obiettivi, Paolo Pompini. Non intendo in questa sede illustrare i singoli punti del programma votato dai cittadini, solo richiamare gli assi portanti delle linee programmatiche: Per le Politiche sociali, il sostegno alle famiglie, la fiducia ai giovani, l assistenza agli anziani, l integrazione per gli stranieri, con un impegno prioritario alla rete sociale di sostegno alle fragilità individuali e familiari, anche attraverso il potenziamento del volontariato e dell associazionismo, ai sostegni economici per disoccupati o cassintegrati: sostegno nelle spese familiari, riscaldamento, spese scolastiche e trasporti, allo sviluppo di centri per la terza età e per i giovani, all integrazione multiculturale e multietnica, con momenti di festa per l incontro con chi viene da fuori e la raccolta di storie che vengono da vicino e da lontano, con l attivazione dal 2010 del FLEXIBUS, servizio bus a chiamata in grado di collegare tutte le frazioni tra di loro e la città. Per la politica della sicurezza, la polizia locale, le forze dell Ordine, ruolo della partecipazione e del volontariato dei cittadini, è già stato attivato il servizio integrato con l Unione dei Comuni del Soresinese per assicurare un servizio anche negli orari serali, notturni, e nei giorni festivi. La Polizia locale può fare molto, e deve fare di più, ma solo un coordinamento costante con la Stazione dell Arma può rendere più completo un difficile compito come questo. Sappiamo tutti però che la sola presenza dell Arma e della Polizia locale non risolve i problemi della sicurezza e della legalità. Occorre che sia diffusa una cultura della legalità, che questa cultura sia intimamente vissuta, compenetrata nelle coscienze. Il potenziamento della videosorveglianza, attraverso l istallazione di videocamere nei parchi, nelle piazze, presso i luoghi pubblici, presso le piazzole di raccolta differenziata, in modo che i beni comuni e la pubblica proprietà vengano valorizzate e salvaguardate in continuazione Va inoltre creato e potenziato un Gruppo locale di Protezione Civile coordinato dal Nibbio, ma che veda la presenza di operatori del territorio. Per quanto riguarda il delicato settore del risparmio energetico, dell utilizzo delle energie rinnovabili/pulite. Il dovere di un amministrazione attenta alle sorti del proprio territorio è quello di educare i propri cittadini a comportamenti virtuosi, dando per prima l esempio su modelli e stili di vita improntati al contenimento degli sprechi, al risparmio energetico, all impiego di energie rinnovabili. L installazione di un tetto fotovoltaico presso la scuola secondaria di primo grado e di pannelli solari alla scuola d infanzia di San Martino rappresenta il primo esempio di un percorso d impegno, che ha trovato traduzione anche nelle più recenti norme del nuovo

18 Regolamento Edilizio e del PGT (Piano di Governo del Territorio). Ci sarà entro il 2010, la certificazione energetica del patrimonio comunale. Va istituito un vero e proprio servizio di consulenza ai cittadini sui temi del risparmio energetico. Si attiverà una centrale di produzione di energia pulita all interno dei progetti della società comunale Cast.In, non trasformando una campagna agricola fertile in una distesa artificiale di pannelli antiestetici. Tecnologia sì, ma a servizio dell uomo in un contesto umano e naturale. Si individua e si promuove un Parco Locale di Interesse Sovracomunale (PLIS) dedicato al Morbasco, per la tutela e valorizzazione delle aree del più importante corso d acqua di Castelverde. Sarà importante incentivare l utilizzo della bicicletta, favorito dalla realizzazione di una fitta rete di percorsi locali ciclopedonali, la cura ed il rispetto del verde (che il Comune sosterrà in prima persona con la realizzazione del bosco filtro lungo la Tangenziale Sud ed il completamento del Bosco Didattico). Per quanto riguarda il sostegno all economia locale sul piano degli investimenti, delle infrastrutture, dei servizi alle imprese, l urbanistica rimane ancora oggi l ambito di confronto col territorio di maggior valore nelle mani di un amministrazione comunale. Consapevole di questo fatto, l amministrazione intende giungere entro settembre-ottobre all approvazione del nuovo Piano di Governo del Territorio. Si tratta di un importante strumento (sostitutivo del Piano Regolatore), entro cui si raccolgono le scelte strategiche che un amministrazione desidera compiere per la comunità che governa. La pianificazione strategica dovrà restare saldamente nelle mani pubbliche che hanno saputo tradurla in qualità progettuale e risorse economiche per le casse comunali. Fondamentale procedere alla sistemazione della rete viabilistica con la definitiva riqualificazione dell incrocio semaforizzato sulla via Bergamo; la tangenziale di Costa, l allargamento della via San Predengo (con la sistemazione delle aree adiacenti al rondò di ingresso alla frazione); l allargamento della ex provinciale tra il Mulino di Costa e l incrocio delle Otto Spalle; la messa in sicurezza dell incrocio di San Martino in Beliseto (operazione che dovrà tuttavia attendere l interesse dei privati proprietari alla riconversione degli immobili). Per le politiche scolastiche e formative, Formare oggi i cittadini del domani. Educazione- Istruzione-Sport e Famiglie. Nei confronti della scuola l Ente Locale deve favorire la creazione di un contesto formativo democratico dove si attua un confronto discorsivo, per raggiungere un accordo intorno ai valori fondanti la comunità e sul senso dell esperienza dell imparare all interno di relazioni caratterizzate da rispetto e giustizia. Il fine è offrire ai giovani una crescita col senso della democrazia e del rispetto, con forme di partecipazione sempre più alte: informazione sui progetti, consultazione con diritto di intervento e di modifica, costruzione comune delle decisioni a partire dal gruppo classe. Il Comune darà il suo contributo all autonomia scolastica favorendo forme di partecipazione democratica. Da qui la necessità anche di favorire forme di intervento dei genitori e dei ragazzi anche sulla vita pubblica, attivando forme di partecipazione alle attività del Consiglio comunale. Su questa linea si deve muovere anche il complesso importantissimo delle attività sportive, cogliendone le ricadute positive sulla formazione: promozione della socializzazione, educazione al rispetto delle regole, possibilità di libera espressione individuale e di gruppo, salute e benessere fisico e mentale, consapevolezza del proprio valore e dei propri limiti, accettazione del proprio ruolo e delle regole del gioco. Questi obiettivi si raggiungono con la preziosa collaborazione delle famiglie, di associazioni locali e di validissimi volontari. Il punto più importante e gravoso del

19 programma riguarda la riqualificazione complessiva degli istituti scolastici, per gestire la creazione di una terza sezione in ogni ordine di scuola, e di conseguenza la creazione di un Centro Servizi Scolastici a fianco scuola elementare: Mensa, Palestra, Direzione, Segreteria e magazzino/deposito. Per le politiche culturali, il punto qualificante della nostra azione riguarda il pieno decollo e la funzionalità massima del Centro culturale Agorà, come luogo simbolico della crescita delle nostre comunità. E un luogo bello, elegante, funzionale. Il solo fatto di essere collocato in uno dei complessi edilizi di più antica tradizione, sta ad indicare l atteggiamento che dobbiamo imparare a tenere: costruire il nuovo e il futuro recuperando tutto il buono e il bello della cultura del passato. E un centro creato per le donne e gli uomini, le bambine e i bambini, gli anziani e le famiglie per incontri tra le generazioni, di ascolto reciproco, per creare qualcosa in comune, per il comune, per incontri non banali o consumistici. Punto di incontro non solo locale, con la messa in atto di un circuito in interazione con le proposte culturali cittadine e provinciali. A questo riguardo creeremo un gruppo permanente di progettazione e controllo, sotto la presidenza di Daniela Mattarozzi, composto da consiglieri comunali, da semplici cittadini e da esperti nei diversi settori, a cui tutti potranno ssono dare il loro contributo operativo e ideale.in sinergia, vanno potenziate le iniziative di cultura popolare, sfruttando gli spazi e le occasioni in cui le diverse comunità e frazioni si ritrovano e imparano di nuovo a vivere e a crescere insieme. Vanno aiutate le associazioni locali, dotandole di una sede e di forme sostegno. Per realizzare il massimo di efficienza e di presenza democratica sul territorio, è importante considerare il Comune come il centro di una rete di strutture, che dispiegano la loro presenza sul territorio. Il Comune deve fungere da raccordo con le altre istituzioni, favorendo la collaborazione con tutti, a cominciare dal dialogo con le parrocchie, l Arma dei Carabinieri, l Istituto comprensivo, la Fondazione O.P. SS. Redentore, le associazioni e il volontariato. Nel programma abbiamo proposto un possibile ruolo di una Pro Loco per il sostegno delle iniziative locali di carattere culturale, ricreativo, del tempo libero. Una Pro Loco, che sviluppi forme di creatività e di partecipazione popolare alla costruzione della cultura e delle culture, a livello più popolare rispetto alle proposte del Centro Agorà. Di particolare rilievo sarà la collaborazione con Castelverde Infrastrutture s.r.l. secondo alcuni assi prioritari. La costituzione di Cast. In. ha rivestito e rivestirà un ruolo strategico per l attuazione del programma del Comune. Infatti la Società consente: a) la realizzazione di opere bloccate dal patto di stabilità, tenendo fede al patto stipulato con gli elettori; b) il conseguimento di rilevanti vantaggi fiscali tra cui fondamentale il recupero dell Iva al 10% nella realizzazione di opere pubbliche e per la valorizzazione del patrimonio; c) la possibilità di assumere personale, in modo normativamente corretto rispetto al patto di stabilità. Ciò ha consentito in questi anni anche: a) la possibilità di recuperare spese del personale comandato presso la Società; b) di evitare l indebitamento per mutui, che avrebbero appesantito notevolmente il bilancio in termini di spesa per le rate di ammortamento in quota capitale e in quota interessi, una delle operazioni vincenti della passata tornata amministrativa, insieme all operazione dei BOC, che hanno permesso l abbattimento dei tassi con le possibilità di reinvestimento delle liquidità che l emissione ha consentito, con beneficio sia di Cast. In. che del Comune ; c) il pagamento da parte di Cast. In. al Comune di canoni per la sede e dell ICI sulle proprietà della società stessa. L impegno sarà ora quello di preparare un ulteriore passaggio di crescita per

20 l effettuazione di servizi in modo più allargato con una maggiore efficienza ed efficacia, a cominciare dalla gestione della Pubblica Illuminazione e la realizzazione di una Centrale di produzione di energia elettrica di tipo fotovoltaico. La necessaria collaborazione di tutti i cittadini e del personale Vado a terminare questo mio discorso programmatico in un modo analogo a quello effettuato nel Nel mio ruolo di Sindaco resterò quello che sono, con la mia identità di persona leale fino al rischio di essere considerata ingenua, che crede nelle qualità buone che appartengono ad ogni soggetto, uomo o donna che sia, rispettosa delle diversità, che sa ascoltare anche chi non ha voce, che porta nell attività amministrativa tutte le sue qualità e con umiltà riconosce i suoi limiti. Per questo avrò bisogno, pur nella distinzione di ruoli, della collaborazione di ognuno. In particolare di tutti i dipendenti comunali, a cominciare dai vertici dell amministrazione: la dott.ssa Rita Nanni, segretaria comunale, portatrice di esperienza e grande professionalità, con la quale c è un rapporto profondo di collaborazione e stima reciproca, in mezzo a qualche scintilla quando non concordiamo su qualche modalità di lavoro, che di solito si conclude con una bella risata; i capi-servizio: Fabrizia Baietti per i Servizi sociali; Daniela Balconi per la i servizi finaziari; Marco Turati per l Ufficio tecnico; Flavia Tregattini per l Ufficio di Segreteria. Ognuno di essi, sulla base della loro spiccata personalità e le indubbie competenze, porta tutta la propria disponibilità e la grande capacità di lavoro per la realizzazione degli obiettivi che l amministrazione si prefigge e che spesso costruiamo insieme. Quando si parla di macchina comunale efficiente si dimentica che ogni dipendente o collaboratore è sì parte di un sistema, ma porta innanzitutto la propria caratterizzazione individuale, la propria storia umana, che interagisce con le funzioni di cui ognuno è responsabile Viviamo in momenti difficili per i cittadini e per l ente locale. Non sarà facile realizzare un programma impegnativo come il nostro, che avrà bisogno del contributo di molti e della partecipazione dei cittadini nella sua realizzazione. Il nostro impegno prioritario sarà quello di sperimentare il superamento di un rapporto privatistico con l altro e col territorio, per acquisire e interiorizzare una concezione di appartenenza personalizzata e comunitaria insieme, grazie alla quale ognuno come singolo ogni famiglia, ogni gruppo, ogni categoria sociale, ogni associazione o istituzione laica o religiosa diventa di fatto protagonista e padrone del territorio: lo riceve dal passato, lo rinnova e lo consegna alle generazioni successive, in uno scambio di esperienze, di storie, di valori. Serenità e rispetto nella dialettica maggioranza-opposizioni Per finire, un cenno alla dilettica serena e rispettosa tra maggioranza ed opposizioni. Posso dire che la campagna elettorale si è svolta in un clima di serenità, tranne qualche asprezza polemica, segno di una consolidata maturità democratica della comunità di Castelverde, del che devo ringraziare tutti coloro che mi hanno sostenuto e anche coloro che mi erano contrapposti, quando si sono mossi con pacatezza e spirito liberale. Un ringraziamento particolare lo devo al mio maggiore avversario nella competizione, Priori, per la telefonata gentile di congratulazioni, che mi ha fatto appena si è delineata la mia affermazione, e per la dichiarazione rivolta alla stampa in commento ai risultati. Mio fratello, telefonandomi il giorno dopo, mi disse: Quel Priori, dalle sue parole, mi sembra una brava persona. Spero che pur nelle asprezze dei dibattiti che ci aspettano, continui tra di noi una corretta e aperta competizione che ha di mira il bene primario della comunità. E chiaro che mi metterò al servizio di tutti ed ascolterò con grande attenzione le diverse richieste e le osservazioni anche critiche: in particolare quelle che saranno avanzate avendo di mira il bene dei cittadini e il miglioramento dei servizi, non il mero spirito di

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO CEMENTO E SOLO CEMENTO Il futuro di Salò non può essere ancora di mattoni, di seconde case, di case vuote e di case invendute. La volumetria approvata (oltre 250 appartamenti) corrisponde a circa il 10%

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015

RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 RASSEGNA STAMPA La Regione che vogliamo Toscana 29 Aprile 2015 COMUNICATO STAMPA La Regione che vogliamo: la CIDA organizza il confronto con i candidati alla Presidenza della regione Toscana 29 Aprile

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Statuto del Partito Democratico

Statuto del Partito Democratico Statuto del Partito Democratico Approvato dalla Assemblea Costituente Nazionale il 16 febbraio 2008 CAPO I Principi e soggetti della democrazia interna Articolo 1. (Principi della democrazia interna) 1.

Dettagli

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime -

Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Pro-seguire INSIEME! - La Valigia delle Rime - Progetto Continuità" Scuola dell Infanzia - Scuola Primaria 2010-11 11 Anno Scolastico 2010 Funzioni Strumentali A. Rubino Scuola Infanzia P. Stramonio Scuola

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI

INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI INTERAZIONE CON LE ALTRE AMMINISTRAZIONI TERRITORIALI 48 Come si diceva non ci si deve dimenticare che la rete provinciale va intesa come substrato per un successivo allargamento, come proposta propedeutica

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL.

VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. ISTITUTO COMPRENSIVO DI CESIOMAGGIORE sc. dell Infanzia di Pez, sc. primarie di Cesio, Soranzen, San Gregorio nelle Alpi, sc. sec. di I gr. di Cesiomaggiore VIA GREI, 7-32030 CESIOMAGGIORE (BL) TEL. e

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede)

STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt. Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) STATUTO DELL'ASSOCIAZIONE Amici della Pedagogia Waldorf Emil Molt Art. 1 (Costituzione, denominazione e sede) 1) E costituita, nel rispetto del Codice Civile, della Legge 383/2000 e della normativa in

Dettagli

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA

COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA COMUNE DI MULAZZO PROVINCIA DI MASSA CARRARA REGOLAMENTO COMUNALE per la disciplina della concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari e l attribuzione di vantaggi economici 1 CAPO

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione

COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione UNICEF Centro di Ricerca Innocenti COSTRUIRE CITTÀ AMICHE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Nove passi per l azione Per ogni bambino Salute, Scuola, Uguaglianza, Protezione Firenze, 15 marzo 2004 UNICEF Centro

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI

e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche Giovanili e la Partecipazione Studentesca LORO SEDI Prot. Nr 11636 Vicenza, 25 settembre 2013 Cat.E8 Ai Sigg. Dirigenti Scolastici degli Istituti Superiori di II grado Statali e Paritari della Provincia di Vicenza e p.c. Ai Docenti referenti per le Politiche

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Presentazione ai Dirigenti Scolastici

Presentazione ai Dirigenti Scolastici Il Progetto Adolescenza del Lions Quest International Presentazione ai Dirigenti Scolastici La scuola sta vivendo, da alcuni anni, un periodo molto complesso Potersi dotare di strumenti che facilitino

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli