D NEUROPSICOLOGIA. STEFANO PAOLUCCI Fondazione Santa Lucia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "D NEUROPSICOLOGIA. STEFANO PAOLUCCI Fondazione Santa Lucia"

Transcript

1 D NEUROPSICOLOGIA STEFANO PAOLUCCI Fondazione Santa Lucia

2 Neuropsicologia D Correlati elettro-fisiologici dei disturbi dell orientamento volontario della attenzione spaziale e della valutazione della distribuzione probabilistica di bersagli attentivi nella eminegligenza spaziale sinistra (Fabrizio Doricchi) D Valutazione dei processi di imagery mentale visiva (Cecilia Guariglia) D Deficit della rappresentazione corporea: prevalenza clinica, substrati neurali e outcome riabilitativo (Cecilia Guariglia) D Rappresentazione mentale della città in pazienti cerebrolesi (Laura Piccardi) D Utilizzo dei punti di repere ambientali: ruolo del linguaggio (Laura Piccardi) D Benefici dell esercizio fisico sui processi cognitivi: possibili applicazioni in campo riabilitativo (Francesco Di Russo) D Basi neurali della pianificazione di azioni complesse (Francesco Di Russo) D Effetti conseguenti a mielolesione sulla performance di arti non colpiti. Dati comportamentali ed elettrofisiologici (Donatella Spinelli) D La distanza tra sguardo e pronuncia durante la lettura ad alta voce nella dislessia evolutiva (Maria De Luca) D Influenza della codifica predittiva sulla elaborazione cosciente di stimoli visivi (Fabrizio Doricchi) D Analisi longitudinale delle competenze pre-lessicali e lessicali in bambini con dislessia (Pierluigi Zoccolotti) D L effetto della stimolazione transcranica a corrente diretta sulla riabilitazione del neglect (Grazia Fernanda Spitoni) D Il rallentamento cognitivo e motorio in pazienti con trauma cranico: decisione in movimento (Maria Luisa Martelli) D Studi di risonanza magnetica funzionale sulla specializzazione funzionale e sulle connessioni delle aree visive dorsali sensibili al movimento (Sabrina Pitzalis)

3 Neuropsicologia D Correlati elettro-fisiologici dei disturbi dell orientamento volontario della attenzione spaziale e della valutazione della distribuzione probabilistica di bersagli attentivi nella eminegligenza spaziale sinistra (Fabrizio Doricchi) Anno d inizio: 2012 Durata in mesi: 24 Parole chiave: Erps, eminattenzione, pianificazione attentiva. Descrizione Il progetto si prefigge di indagare sistematicamente, in gruppi di cerebrolesi destri affetti e non affetti da eminegligenza spaziale sinistra, le fasi tardive di elaborazione attentiva e strategica degli stimoli sensoriali, consistenti nella capacità di: 1) valutare la congruenza od incongruenza tra stimoli attesi e stimoli effettivamente comparsi nell ambiente; 2) valutare e sfruttare regolarità statistiche e spaziali nella comparsa di stimoli sensoriali, al fine di orientare le risorse cognitive verso stimoli futuri in modo strategicamente efficace; 3) apprendere e sfruttare la distribuzione spaziale di incentivi motivazionali. Risultati e prodotti conseguiti Abbiamo completato un primo studio anatomo funzionale su un campione di 14 pazienti cerebrolesi destri. Abbiamo amministrato un semplice compito di apprendimento spaziale al rinforzo, nel quale abbiamo messo in contrasto la valenza motivazionale degli spazi ipsi e controlesionale. In ogni trial del compito venivano presentate due box visive, una nello spazio sinistro ed una nel destro. Compito del paziente era capire in quale delle due box erano più frequentemente collocati dei piccoli premi monetari. In alcuni blocchi di trials la box di sinistra veniva premiata nell 80% delle prove e quella di destra solo nel 20%. Nei rimanenti blocchi di prove il posizionamento probabilistico degli incentivi veniva spazialmente rovesciato. Durante il compito i pazienti venivano esplicitamente invitati ad indicare le due box, per evitare che l eventuale presenza di eminegligenza spaziale sinistra influenzasse in modo spurio la capacità di analisi motivazionale dello spazio. Abbiamo verificato che in queste condizioni anche i pazienti con eminegligenza spaziale sinistra riescono ad apprendere ed a sfruttare il più frequente rilascio di rinforzi nello spazio controlesionale sinistro. Questa osservazione aveva però una importante eccezione nell unico paziente del campione che oltre ad essere affetto da eminegligenza aveva, rispetto a tutti gli altri pazienti eminegligenti e non, un coinvolgimento lesionale della corteccia cingolare destra. Tale paziente aveva una curva di apprendimento al rinforzo perfetta quando i rinforzi venivano

4 Sezione III: Attività per linea di ricerca corrente D più frequentemente rilasciati nell emispazio destro ma si mostrava incapace di raggiungere il criterio di apprendimento quando i rinforzi erano più frequentemente rilasciati a sinistra. Questo risultato costituisce la prima documentazione anatomo-clinica di un deficit di apprendimento al rinforzo spazialmente modulato (i.e. eminegligenza motivazionale) [Mesulam, 1999]. L osservazione di una mantenuta capacità ad apprendere il rilascio di rinforzi nello spazio controlesionale, da parte dei pazienti eminegligenti non affetti da lesioni cingolari mediali, ha importanti ed ovvie implicazioni per la strutturazione degli esercizi di riabilitazione per l eminegligenza. Abbiamo raccolto dati comportamentali ed elettrofisiologici (ERPs visivi) relativi alla esecuzione di un test di Posner con cue centrali a valore predittivo variabile (80% vs. 50% di validità spaziale), in 8 cerebrolesi destri senza eminegligenza ed in 4 con eminegligenza. La valutazione delle componenti ERPs relative alle fasi preparatorie di orientamento dell attenzione precedenti la comparsa dei bersagli attentivi (i.e. ERPs relativi alla fase di cuing: componenti Edan, Adan e Ldap) e di quelle relative alla fase tardiva, di elaborazione attentiva dei bersagli (ERPs relative alla detezione del target: P300) è in corso. In tutti i pazienti, sino a ora esaminati, sono stati raccolti dati anatomici strutturali finalizzati allo studio di correlazione anatomoclinica. Attività previste Completamento dello studio ERPs

5 Neuropsicologia D Valutazione dei processi di imagery mentale visiva (Cecilia Guariglia) Anno d inizio: 2013 Durata in mesi: 24 Parole chiave: Imagery mentale visiva, test neuropsicologici, processi visuoimmaginativi. Altri Enti coinvolti: Università dell Aquila, Università di Bologna. Descrizione L imagery mentale visiva viene definita come la capacità di vedere con l occhio della mente [Kosslyn, 1987]. Si riferisce, cioè, all esperienza della percezione in assenza dello stimolo fisico corrispondente ed è cruciale per la soluzione di problemi connessi alla vita quotidiana. La capacità di mental imagery non è un abilità unitaria, ma è costituita da diversi processi [Kosslyn, 1980; 2005] che possono essere danneggiati in maniera indipendente in seguito a lesioni cerebrali [Farah et al., 1988; Luzzatti et al., 1998]. Questi processi includono: a) Il processo di generazione che crea una rappresentazione nel buffer visivo (una struttura comune all imagery e alla percezione, definibile come una sorta di schermo mentale), utilizzando l informazione contenuta nella memoria visiva a lungo termine. Nello specifico, secondo Kosslyn e colleghi [1995a], un immagine può essere generata facendo riferimento a relazioni tra le parti di tipo categoriale (per esempio la finestra sta a destra della porta) o metriche (per esempio la finestra dista 55 centimetri dalla porta). b) Il processo di ispezione che permette di esplorare l immagine mentale visiva. c) Il processo di trasformazione dell immagine mentale visiva che permette, per esempio, la rotazione o la traslazione dell immagine. Aspetti differenti della capacità di imagery mentale hanno un ruolo importante in diverse funzioni cognitive come la memoria, il ragionamento astratto, la comprensione del linguaggio e l orientamento topografico [Brunsdon et al., 2007; Kosslyn et al., 1995b; Palermo et al., 2008a]. Un deficit della capacità di imagery visiva mentale conseguente a lesioni cerebrali, pertanto, può ripercuotersi su diverse funzioni cognitive e può essere altamente invalidante nello svolgere diverse attività. Ad esempio i pazienti con neglect immaginativo (un deficit nell esplorare la parte controlesionale di un immagine mentale) mostrano peculiari deficit di orientamento nell ambiente [Guariglia et al., 2005]. Diventa, pertanto, fondamentale valutare questa complessa capacità, in maniera specifica e con appositi strumenti, al fine di pianificare trattamenti riabilitativi efficaci. Obiettivo di questo progetto di ricerca è proprio quello di realizzare una batteria di test che permetta di analizzare i diversi processi della capacità di

6 Sezione III: Attività per linea di ricerca corrente D imagery mentale visiva in pazienti con lesioni cerebrali. A tal fine verranno costruite nuove prove o adattate prove utilizzate in precedenti studi [Palermo et al., 2008b; 2010] che valutino: La capacità di generare immagini mentali. Verranno costruite, cioè, prove che valutino la generazione di immagini mentali di elementi differenti (ad esempio oggetti e palazzi), la capacità di generare immagini facendo riferimento a relazioni spaziali di tipo metrico o categoriale e la capacità di generale aspetti specifici come il colore di un immagine. La capacità di ispezionare immagini mentali. Nello specifico verranno realizzate prove in cui il soggetto deve ispezionare materiale recentemente appreso (immagini presentate al soggetto per 10 secondi) o materiale in memoria a lungo termine (ad esempio ispezionare l immagine di una lettera dell alfabeto). La capacità di trasformare immagini mentali. Verranno costruite, pertanto, prove che valutino diversi aspetti di questo processo quali l abilità di assemblare immagni, di compiere piegamenti mentali (folding) e di ruotare immagini. La batteria di test sarà somministrata ad un campione di 200 soggetti italiani sani (tutti i soggetti dovranno, cioè, avere un anamnesi negativa per disturbi neurologici e/o psichiatrici) di età compresa tra i anni. I dati così raccolti saranno opportunamente analizzati in modo tale da avere per ogni prova realizzata dei dati normativi da utilizzare in ambito clinico. In questo modo sarà possibile avere, per ogni processo visuo-immaginativo, dei test che valutino la presenza di un eventuale danno e pianificare in maniera tempestiva il miglior trattamento riabilitativo possibile. Inoltre, il presente studio consentirà di avere dei dati sulle modificazioni legate all invecchiamento delle diverse componenti dell imagery mentale visiva. Ci aspettiamo che il processo di trasformazione sia quello più soggetto a modifiche all aumentare dell età anche nell anziano non patologico. Brunsdon R, Nickels L, Coltheart M (2007) Neuropsychological Rehabilitation 17: Farah MJ, Hammond KM, Levine DN, Calvanio R (1988) Cognitive Psychology 20: Guariglia C, Piccardi L, Iaria G, Nico D, Pizzamiglio L (2005) Neuropsychologia 43: Kosslyn SM (1980) Image and mind. Cambridge, MA: Harvard University Press. Kosslyn SM (1987) Psychological Review 2: Kosslyn SM (2005) Cognitive Neuropsychology 22: Kosslyn SM, Behrmann M, Jeannerod M (1995b) Neuropsychologia 33: Kosslyn SM, Maljkovic V, Hamilton SE, Horwitz G, Thompson WL (1995a) Neuropsychologia 33: Luzzatti C, Vecchi T, Agazzi D, Cesa-Bianchi M, Vergani C (1998) Cortex 34: Palermo L, Bureca I, Matano A, Guariglia C (2008b) Neuropsychologia 46: Palermo L, Iaria G, Guariglia C (2008a) Behavioural Brain Research 192: Palermo L, Piccardi L, Nori R, Giusberti F, Guariglia C (2010) Cognitive Neuropsychology 27:

7 Attività previste Neuropsicologia Nel corso del 2013 saranno realizzate o adattate le prove necessarie a valutare i diversi processi della capacità di imagery visiva. Le prove saranno somministrate ad una parte del campione (80 soggetti) e si procederà allo scoring e inserimento in un database dei dati raccolti. D Deficit della rappresentazione corporea: prevalenza clinica, substrati neurali e outcome riabilitativo (Cecilia Guariglia) Anno d inizio: 2013 Durata in mesi: 24 Parole chiave: Rappresentazione corporea, anosognosia, outcome. Descrizione Negli ultimi anni è stato acquisito un discreto corpo di conoscenze in merito alla nozione di consapevolezza e di rappresentazione corporea. Tali conoscenze derivano, da un lato, dallo studio delle alterazioni della rappresentazione corporea conseguenti a lesioni cerebrali (ARC) o a deafferentazione senso-motoria, dall altro, da studi di neuroimmagine funzionale. Numerose questioni restano, però, ancora aperte. In seguito a danno cerebrale, possono manifestarsi ARC nelle quali il sintomo predominante è costituito da un disturbo della conoscenza dello spazio corporeo che può coinvolgere l intero corpo (autotopoagnosia: AT), o la metà controlesionale (neglect personale: NP). Nonostante tali deficit siano ben noti nella letteratura neuropsicologica, non è nota la loro prevalenza. L AT sembra essere, ad esempio, relativamente rara anche se la mancanza nella pratica clinica di una valutazione sistematica potrebbe comportarne una sottostima [Semenza, Goodglass, 1985]; il NP è, invece, più frequente, ma spesso si associa a eminegligenza extrapersonale (EN) [Committeri et al., 2007], sono quindi rari i casi puri. Per quanto riguarda il ruolo delle ARC nel recupero funzionale, studi recenti [Katz et al., 2012; Schönberger et al., 2006] mostrano elevate correlazioni tra le ARC e l outcome funzionale, sottolineando anche il ruolo negativo svolto dalla presenza di disturbi legati al neglect. Per nostra conoscenza, nessuno studio ha però analizzato in maniera sistematica la relazione tra ARC e recupero funzionale. In particolare, nessuno studio ha indagato il ruolo delle ARC sull outcome funzionale tenendo in considerazione altri deficit che sono noti influenzare l outcome, come, ad esempio, la mancata consapevolezza della malattia (anosognosia) [Denes, 1989]. Quest ultima incide negativamente sull outcome funzionale [Jehkonen et al., 2006], probabilmente riducendo la motivazione del paziente alla terapia [Paolucci et al., 2012]. Inoltre, considerato che, ad esempio, nei pazienti con NP alla mancata attenzione

8 Sezione III: Attività per linea di ricerca corrente D per l emisoma controlesionale spesso si associa anosognosia per l emiplegia, è possibile ipotizzare che il ruolo delle ARC sull outcome riabilitativo sia in parte mediato dal ruolo che questi disturbi svolgono nella consapevolezza del deficit. Si intende quindi analizzare anche la possibile relazione tra ARC e anosognosia. Infine, come accennato precedentemente, la letteratura recente è fiorente di studi di neuroimmagine funzionale che hanno indagato i meccanismi attraverso i quali il cervello elabora la rappresentazione corporea in assenza di lesioni [Ehrsson et al., 2004; Corradi Dell Acqua et al., 2009]. Sono tuttavia meno numerosi i lavori che hanno indagato i substrati anatomici delle ARC. Si rende, quindi, necessario integrare le conoscenze derivanti dagli studi di neuroimmagine funzionale con studi lesionali capaci di porre in relazione causale il danno neuroanatomico e l eventuale disturbo presentato dai pazienti. Il presente studio si propone quindi di analizzare la prevalenza delle ARC, il loro ruolo nell outcome funzionale e le loro basi neurali. In particolare, l uso di test sensibili consentirà di rilevare un ampio campione di casi di ARC con differenti gradi di gravità; ciò ci permetterà di definire il peso di tali deficit tenendo in considerazione anche il ruolo di altre variabili (ad esempio, presenza di demenza e depressione). Inoltre, la possibilità di evidenziare substrati neurofunzionali diversi, sottesi ai diversi tipi di ARC, ci permetterà di verificare modelli cognitivi delle rappresentazioni del corpo esistenti ed eventualmente di proporre nuove interpretazioni teoriche. Committeri G, Pitzalis S, et al. (2007) Brain 130: Corradi-Dell Acqua C, Tomasino B, et al. (2009) J Neurosci 29: Denes G (1989) Amsterdam: Elsevier, Ehrsson HH, Spence C, et al. (2004) Science 305: Guariglia C, Piccardi L, et al. (2002) Neuropsychologia 40: Jehkonen M, Laihosalo M, et al. (2006) Acta Neurol Scand114 : Katz N, Fleming J, et al. (2002) Can J Occup Ther 69: Paolucci S, Di Vita A, et al. (2012) Eur J Phys Rehabil Med 48:1-2. Rorden C, Karnath HO, et al. (2007) J Cogn Neurosci 19: Schönberger M, Humle F, et al. (2006) Brain Inj 20: Attività previste Nel corso del 2013 verrà organizzato il materiale sperimentale e si provvederà a reclutare un gruppo di partecipanti con lesione emisferica destra o sinistra e un gruppo di partecipanti sani di pari età e livello di scolarità dei gruppi di pazienti. Saranno somministrate al campione di partecipanti reclutato le diverse prove sperimentali e verrà effettuato l esame di risonanza magnetica, successivamente, si procederà allo scoring e all analisi dei dati raccolti

9 Neuropsicologia D Rappresentazione mentale della città in pazienti cerebrolesi (Laura Piccardi) Anno d inizio: 2013 Durata in mesi: 24 Parole chiave: Navigazione umana, spatial neglect, rappresentazione mentale topografica. Descrizione La capacità di orientarsi in ambienti familiari dipende dalla corretta formazione ed uso della rappresentazione mentale dell ambiente [Tolman, 1948]. La mappa mentale di un ambiente include i punti di riferimento (landmark) presenti nel luogo e le relazioni spaziali tra di essi, e permette agli individui di raggiungere una certa destinazione da differenti punti di partenza. Secondo Siegel e White [1975] la conoscenza ambientale progredisce attraverso una fase iniziale landmark in cui l individuo è in grado di riconoscere dei punti di repere dell ambiente, ma non di usarli per orientarsi, seguita da una fase route in cui l individuo è in grado di associare al landmark un istruzione verbale per orientarsi ed infine da una fase survey in cui l individuo è in grado di rappresentarsi mentalmente l ambiente in forma di mappa. Esso suggerisce che il passaggio da una fase alla successiva sia determinato dal grado di familiarità che ogni individuo sviluppa con l ambiente: all aumentare della familiarità aumentano le competenze spaziali e ciò permette di passare da una fase ad un altra. La fase route non prescinde dalla posizione dell individuo e la rappresentazione dell ambiente si basa sulle coordinate egocentriche, mentre nella fase survey, l individuo è in grado di rappresentarsi l ambiente a prescindere dalla posizione e si basa su coordinate allocentriche. Pazienti con eminegligenza spaziale (NSU) possono avere deficit selettivi nell elaborazione di immagini mentali topografiche rispetto all elaborazione di immagini mentali non topografiche [Guariglia, Pizzamiglio, 2007]. Secondo Guariglia e Pizzamiglio [2007] il sistema di rappresentazione mentale di immagini ambientali è diverso da quello che elabora immagini mentali di oggetti. La presenza di pazienti con deficit specifici di un immagine o di un altra suggerisce che l elaborazione avviene in modo diverso [Palermo et al., 2010a; 2010b]. Gli studi su NSU e disturbi navigazionali hanno mostrato interessanti dissociazioni a seconda del tipo di NSU che colpisce i pazienti. Per esempio, Bisiach et al. [1997] hanno trovato che pazienti con NSU nello spazio extrapersonale non hanno difficoltà nell indicare il punto di partenza e i successivi spostamenti lungo un percorso anche quando le svolte sono a sinistra. Questo suggerisce che sia integra la capacità di elaborare un percorso sulla base di informazioni propriocettive, vestibolari e somatosensoriali. Similmente, Pizzamiglio et al. [2003] non hanno trovato differenze tra pazienti con NSU percettivo e pazienti con lesioni destre senza NSU percettivo

10 Sezione III: Attività per linea di ricerca corrente D in compiti nei quali si chiedeva loro di replicare una distanza a seguito di uno spostamento passivo, anche quando il corpo era orientato verso sinistra. Guariglia et al. [2005] hanno evidenziato, però, la presenza di differenze nelle prestazioni dei pazienti nella versione umana del labirinto ad acqua di Morris (un noto paradigma impiegato per valutare il ri-orientamento nei ratti) attribuibili alla presenza o assenza di deficit nella rappresentazione dello spazio mentale. Questi autori hanno trovato che solo i pazienti con NSU immaginativo falliscono nel costruire una mappa mentale dell ambiente. Al contrario, pazienti con NSU percettivo sono abili nel costruire una rappresentazione spaziale stabile dell ambiente e nell utilizzare gli indizi geometrici utili al ri-orientamento. Inoltre, mentre pazienti senza NSU e partecipanti sani di pari età e scolarità sono avvantaggiati dalla presenza di landmark nell ambiente, i pazienti con NSU sia percettivo che immaginativo non traggono nessun giovamento dalla presenza di indizi ambientali, anche quando sono posti nello spazio di destra. I pazienti con NSU immaginativo mostrano però un deficit ancora più pervasivo che impedisce anche il ri-orientamento a lungo termine, diversamente dai pazienti con NSU percettivo che sembrerebbero in grado di costruirsi una mappa mentale di un ambiente [Nico et al., 2008]. Uno studio recente [Guariglia et al., in press] riporta che l NSU immaginativo per le immagini topografiche è molto più diffuso di quello per le immagini non topografiche, suggerendo anche che la presenza di disturbi nell orientamento topografico nei pazienti con NSU potrebbe essere molto più alta di quanto atteso. Da questi studi emerge che l NSU, in particolar modo quello immaginativo, compromette la capacità di navigare in ambienti nuovi e di rievocare la conoscenza di ambiente precedentemente acquisiti. Ciò nonostante la conoscenza di ambienti noti finora è stata indagata solo chiedendo al paziente di descrivere un ambiente familiare [Descrizione di piazze familiari: Bisiach e Luzzatti, 1978], l obiettivo del seguente studio è quello di analizzare la rappresentazione mentale di un luogo conosciuto, la propria città (Roma), valutando il livello di conoscenza sulla base del modello di Siegel e White [1975]. A tal proposito si indagherà la conoscenza landmark, route e survey della città di Roma in pazienti cerebrolesi destri e sinistri con e senza NSU e con tipi di NSU diversi. Per valutare la conoscenza ambientale verrà utilizzata una batteria di test derivata dal lavoro di Nori e Piccardi [2010] sulla città di Bologna e adattata alla città di Roma. I pazienti verranno inclusi nello studio sulla base della loro conoscenza ambientale con la città valutata attraverso la Familiarity and Spatial Cognitive Style Scale [FSCS: Piccardi et al., 2011]. Sulla base dei risultati alla FSCS, le prestazioni dei partecipanti alle prove sperimentali di conoscenza ambientale verranno confrontate a parità di familiarità con l ambiente. Intendiamo realizzare uno studio su una popolazione: 10 pazienti cerebrolesi destri con NSU, 10 pazienti cerebrolesi destri senza NSU, 10 pazienti cerebrolesi sinistri senza NSU e senza disturbi del linguaggio che impediscano la comprensione del compito e di 30 partecipanti sani (15 maschi) senza precedenti neurologici e/o psichiatrici di pari età e scolarità dei pazienti. La batteria di test

11 Neuropsicologia utilizzata per indagare la conoscenza di Roma include 6 prove: 2 per la valutazione della conoscenza landmark (elenco verbale di landmark e riconoscimento di landmark); 2 per la valutazione della conoscenza route (riordino di percorsi e capacità di fornire indicazioni stradali) e 2 per la valutazione della conoscenza survey (posizionamento di landmark su mappa muta e stima di distanze). Tutti i pazienti effettueranno prove neuropsicologiche per escludere la presenza di disturbi agnosici e deficit di ragionamento su materiale visuo-spaziale. Ci attendiamo di osservare la presenza di disturbi diversi a seconda della presenza di NSU percettivo o immaginativo. Riteniamo che l NSU immaginativo comprometta sia la conoscenza route che quella survey, mentre l NSU percettivo comprometterebbe prevalentemente la fase route. Ci aspettiamo inoltre di osservare dei deficit percettivi che impediscano il riconoscimento o la corretta localizzazione di landmark ma esclusivamente nell emispazio controlesionale. Diversamente nei pazienti con NSU immaginativo ci aspettiamo un disturbo più pervasivo della rappresentazione mentale di un ambiente. Ipotizziamo, inoltre, di poter trovare delle dissociazioni a seconda del tipo di NSU immaginativo. Pazienti con NSU immaginativo per le immagini non topografiche non dovrebbero avere deficit nelle prove di tipo ambientale. Non ci aspettiamo di osservare deficit nei pazienti cerebrolesi sinistri senza NSU se non la presenza di difficoltà legate alla presenza di anomie. I risultati dello studio ci permetteranno di individuare sia nuove prove di valutazione che di realizzare programmi di intervento mirato per quei pazienti affetti da NSU e da disturbi nella rappresentazione spaziale ambientale che, sulla base di quanto riportato da Guariglia et al. [in press] sulla frequenza dei disturbi navigazionali nell NSU, sarebbero di estrema necessità. Bisiach E, Luzzatti C (1978) Cortex 14: Bisiach E, Pattini P, Rusconi ML, Ricci R, Bernardini B (1997) Cortex 33: Guariglia C, Palermo L, Piccardi L, Iaria G (in press) Neglecting the left side of the public square but not the left side of its clock. Incidence, characteristics and nature of representational neglect. PlosOne. Guariglia C, Piccardi L, Iaria G, Nico D, Pizzamiglio L (2005) Neuropsychologia 43: Guariglia C, Pizzamiglio L (2007) In: F Mast, L Ja ncke (Eds.), Spatial processing in navigation, imagery and perception, New York: Springer-Verlag, Nico D, Piccardi L, Iaria G, Bianchini F, Zompanti L, Guariglia C (2008) Neuropsychologia 46(7): Nori R, Piccardi L (2010) In: Jacob B Thomas (Ed) Spatial Memory: Visuospatial Processes, Cognitive Performance and Developmental Effects, New York: Novapublisher, Palermo L, Nori R, Piccardi L, Giusberti F, Guariglia C (2010b) Journal of the International Neuropsychological Society 16(5): Palermo L, Piccardi L, Nori R, Giusberti F, Guariglia C (2010a) Cognitive Neuropsychology 27(2):

12 Sezione III: Attività per linea di ricerca corrente D Piccardi L, Risetti M, Nori R (2011) Psychological Reports 109(1): Pizzamiglio L, Iaria G, Berthoz A, Galati G, Guariglia C (2003) Journal of Clinical Experimental Neuropsychology 25: Siegel AW, White SH (1975) In: HW Reese. Advances in child development, New York: Academic Press, Vol. 10, Tolman EC (1948) Psychological Review 55: Attività previste Nel corso del 2013 verrà preparato il materiale sperimentale, adattando le prove di Nori e Piccardi [2010] e validandole su un gruppo di partecipanti sani. Si provvederà in seguito a reclutare un gruppo di partecipanti con lesione emisferica destra e sinistra con e senza NSU e un gruppo di partecipanti sani di pari età e livello di scolarità dei gruppi di pazienti sulla base dei loro risultati alla FSCS. Ai gruppi di soggetti reclutati verranno somministrate le diverse prove sperimentali e verrà effettuato l esame di risonanza magnetica, successivamente, si procederà allo scoring e all analisi dei dati raccolti. D Utilizzo dei punti di repere ambientali: ruolo del linguaggio (Laura Piccardi) Anno d inizio: 2011 Durata in mesi: 24 Parole chiave: Navigazione umana, agrammatismo, linguaggio spaziale. Altri enti coinvolti: Università di L Aquila. Descrizione Per orientarsi in ambienti familiari l individuo utilizza sia la propria posizione nello spazio, che i punti di riferimento (landmark) presenti nel luogo e le relazioni spaziali tra di essi, fino ad arrivare ad una rappresentazione mentale dell ambiente che prescinde dalla propria posizione [Tolman, 1948]. Secondo Siegel e White [1975] la conoscenza ambientale progredisce attraverso una fase iniziale landmark, in cui l individuo è in grado di riconoscere dei punti di repere dell ambiente, ma non di usarli per orientarsi, seguita da una fase route, in cui l individuo è in grado di associare al landmark un istruzione verbale per orientarsi ed infine da una fase survey in cui l individuo è in grado di rappresentarsi mentalmente l ambiente in forma di mappa. Hermer-Vazquez et al. [1999] sottolinearono l influenza del linguaggio nell orientamento spaziale. Questi autori durante un compito di ri-orientamento che richiedeva o l utilizzo delle coordinate geometriche o l utilizzo di punti di repere per ritrovare un oggetto nascosto chiesero ad adulti senza precedenti neurologici né psichiatrici di svolgere un compito di interferenza linguistica. I loro risultati

13 Neuropsicologia mostravano come il compito di interferenza linguistica impedisse l utilizzo del landmark e che gli adulti si comportavano come i bambini piccoli che utilizzano le informazioni geometriche e non il landmark. Un recente lavoro di Bek et al. [2010] dimostra come in pazienti con una grave afasia né la presenza di deficit di sintassi né la presenza di deficit di lessico comprometterebbero la capacità di rappresentazione spaziale e che il linguaggio spiegherebbe in minima parte la capacità di orientarsi nell ambiente. Obiettivo del presente studio è quello di indagare la relazione tra comprensione dei locativi spaziali e l apprendimento di un percorso con e senza punti di repere. Lo studio si articolerà in due fasi, una prima fase riguarderà l apprendimento di tali percorsi in bambini con sviluppo tipico di età compresa tra i 6 e i 10 anni e la seconda fase riguarderà gruppi di pazienti cerebrolesi destri e sinistri e un gruppo di partecipanti sani di pari età e scolarità. Per valutare la capacità di apprendere un percorso con e senza landmark, verrà utilizzato il Walking Corsi Test [Piccardi et al., 2008; 2012], chiedendo ai soggetti di apprendere una sequenza supra-span con senza punti di repere aggiunti. Per quanto concerne lo studio sui bambini con sviluppo tipico le sequenze supra-span saranno di lunghezza span + 2 (4 per i bambini di 6 anni e 5 per i bambini dai 7-10 anni) [Piccardi et al., submitted] e nella sequenza supraspan con landmark verranno posizionati 3 landmark in punti critici del percorso. Ai bambini verrà mostrata la sequenza fino a quando non saranno in grado di riprodurla correttamente per 3 volte consecutive (Max 18 ripetizioni come da procedura del WalCT) [Piccardi et al., 2012]. Dopo 5 minuti verrà chiesto loro di riprodurre la sequenza appresa ancora una volta. Alla fine, verrà chiesto al bambino di tracciare il percorso appreso su una mappa muta e nella condizione landmark di posizionare le figurine dei landmark lungo il percorso. Verrà anche effettuata una prova di riconoscimento di landmark e distrattori. I bambini eseguiranno anche il subtest dei locativi spaziali del TCGB [Chilosi, Cipriani, 1995] e le Matrici di Raven [Raven, 1938] per valutare la capacità di ragionamento spaziale. La seconda parte dello studio verrà condotta su un gruppo di pazienti cerebrolesi destri e sinistri e un gruppo di controllo di pari età e scolarità. Il gruppo di pazienti cerebrolesi sinistri con afasia dovrà essere in grado di comprendere le consegne del compito. Tutti i pazienti verranno sottoposti ad un esame del linguaggio [Ciurli et al., 1996] e al subtest che misura la comprensione spaziale del TCGB. Tutti i partecipanti eseguiranno il WalCT con e senza landmark apprendendo una sequenza supra-span da 8. Dopo la fase di apprendimento anche loro effettueranno una rievocazione differita a 5 minuti e verrà chiesto loro di tracciare un percorso su mappa muta, di posizionare i landmark e di riconoscerli tra distrattori. Tutti i pazienti eseguiranno un approfondito esame neuropsicologico ed esami neuroradiologici. I partecipanti sani, al fine di escludere la presenza di demenza non ancora diagnosticata, effettueranno il Milan Overall Dementia Assessment [MODA: Brazzelli et al., 1994]. I pazienti utilizzeranno il WalCT nella versione modificata di De Nigris et al. [2013] che

14 Sezione III: Attività per linea di ricerca corrente D consente la somministrazione della prova anche a pazienti con disturbi motori. Noi ci aspettiamo che nella prima parte dello studio l abilità a comprendere i locativi spaziali predica la prestazione nella prova con i landmark e non nella prova senza landmark, perché il ruolo del linguaggio nella navigazione spaziale è rilevante a seconda del compito che il soggetto deve svolgere. In una prova di apprendimento di questo tipo, l utilizzo corretto del landmark richiede l uso di etichette verbali direzionali. Nella seconda parte dello studio ci aspettiamo che la presenza di alcuni disturbi di linguaggio (ad es. agrammatismo) compromettano maggiormente la prestazione nella prova landmark, ma non nella prova senza landmark. Ci si attende di evidenziare prestazioni doppiamente dissociate nei due compiti [Crawford, Howell, 1998]. I risultati dello studio ci permetteranno di individuare sia nuove prove di valutazione che di aumentare la conoscenza della relazione tra linguaggio spaziale e rappresentazione spaziale ad oggi poco oggetto di studio. Bek J, Blades M, Siegal M, Varley R (2010) Journal of Experimental Psychology: Learning, Memory and Cognition 36: Brazzelli M, Capitani E, Della Sala S, Spinnler H, Zuffi M (1994) MODA, Milan Overall Dementia Assessment. Florence, Italy: O.S. Organizzazioni Speciali. Chilosi AM, Cipriani P (1995) Test di Comprensione Grammaticale per bambini. Edizioni del Cerro: Tirrenia. Ciurli P, Marangolo P, Basso A (1996) Esame del Linguaggio II. Florence, Italy: O.S. Organizzazioni Speciali. Crawford JR, Howell DC (1998) The Clinical Neuropsychologist 12: De Nigris A, Piccardi L, Bianchini F, Palermo L, Incoccia C, Guariglia G (2013) Cortex 49: Hermer-Vazquez L, Spelke E, Katsnelson AS (1999) Cognitive Psychology 39:3-36. Piccardi L, Bianchini F, Argento O, De Nigris A, Maialetti A, Palermo L, Guariglia C (2012) Neurological Sciences, DOI /s x. Piccardi L, Iaria G, Ricci M, Bianchini F, Zompanti L, Guariglia C (2008) Neuroscience Letters 432: Piccardi L, Leonzi M, D Amico S, Marano A, Guariglia C (submitted) Development of navigational working memory: evidence from 6- to 10- year-old children. Raven JC (1938) Standard Progressive Matrices: Sets A, B, C, D and EHK. London: Lewis. Siegel AW, White SH (1975) In: HW Reese. Advances in child development, New York: Academic Press, Vol. 10, Tolman EC (1948) Psychological Review 55: Attività previste Nel corso del 2013 verrà preparato il materiale, verranno presi i contatti con le scuole e verrà condotta la prima fase di studio sui bambini con sviluppo tipico di età compresa tra i 6-10 anni. Nella seconda parte verrà effettuato lo studio sui pazienti e sul gruppo di controllo di pari età e scolarità

15 Neuropsicologia Verranno somministrate le diverse prove sperimentali e tutti i pazienti effettueranno l esame di risonanza magnetica. Successivamente si procederà allo scoring e all analisi dei dati raccolti. D Benefici dell esercizio fisico sui processi cognitivi: possibili applicazioni in campo riabilitativo (Francesco Di Russo) Anno d inizio: 2013 Durata in mesi: 36 Parole chiave: Invecchiamento cerebrale, attività motoria, ERP. Altri Enti coinvolti: Università di Roma Foro Italico. Descrizione Le strategie per migliorare il funzionamento neuro-cognitivo hanno importanti implicazioni per la salute pubblica, come i deficit subclinici che sono associati ad un aumentato rischio di deterioramento cognitivo, indipendente dai fattori di rischio tradizionali. Questa implicazione è particolarmente importante nelle persone anziane, per le quali l effetto più invalidante dell invecchiamento è il rallentamento generale delle prestazioni cognitive. La letteratura sull esercizio fisico sta avendo sempre più attenzione nel campo delle neuroscienze perché la pratica dell esercizio fisico sembra migliorare il funzionamento neuro-cognitivo. Il presente progetto si propone di ottenere dei dati normativi su un ampio campione di tutte le età (in particolare in persone anziane) per indagare il ruolo dell esercizio fisico sulle risposte corticali relative al funzionamento cognitivo. Utilizzando misure comportamentali ed elettrofisiologiche, questo studio fornirà importanti informazioni circa gli effetti benefici dell esercizio fisico su fattori comportamentali, cerebrali e criticamente cognitivi. In prospettiva, questi dati normativi consentiranno di valutare il grado di invecchiamento cerebrale (in particolare delle funzioni cognitive) di qualsiasi persona, ma in campo clinico e riabilitativo consentiranno di valutare il livello di invecchiamento cognitivo indotto dalla patologia. L utilizzo dell esercizio fisico ai fini di migliorare le funzioni cognitive potrebbe anche avere importanti implicazioni in campo riabilitativo. Attività previste Dal gennaio 2013 sono stati acquisiti dati su 65 soggetti sani (34 attivi e 31 sedentari). Obiettivo del primo anno è di acquisire dati elettrofisiologici e comportamentali su un campione di soggetti sani di tutte le età suddividendoli in due gruppi in base al livello di attività fisica praticata (attivi vs. sedentari)

16 Sezione III: Attività per linea di ricerca corrente D I soggetti dovranno eseguire un compito visuo-motorio complesso e in particolare ci si focalizzerà su misure di accuratezza e velocità della risposta motoria e sui processi cognitivi di preparazione all azione che precedono la risposta e che avvengono nella corteccia prefrontale. Entro la fine dell anno i dati preliminari verranno analizzati ed inviati ad una rivista scientifica. D Basi neurali della pianificazione di azioni complesse (Francesco Di Russo) Anno d inizio: 2013 Durata in mesi: 36 Parole chiave: Azione, MRCPs, consapevolezza motoria. Altri enti coinvolti: Università di Roma Foro Italico. Descrizione In generale siamo inconsapevoli delle strategie che utilizziamo per eseguire uno stesso movimento in diversi contesti e dell influenza che esercita l ambiente. Inoltre sono note condizioni patologiche in cui la consapevolezza del movimento è decisamente perturbata, ad esempio l anosognosia per l emiplegia. Nelle neuroscienze, gli studi che hanno indagato la consapevolezza dei movimenti si sono concentrati sul quando e dove questo processo abbia luogo a livello cerebrale. In generale la consapevolezza dell intenzione di movimento volontario sembra paradossalmente seguire piuttosto che precedere l attività di preparazione motoria. Il processo in passato è stato localizzato in aree fronto-centrali, ma studi più recenti hanno messo in evidenza il ruolo del lobo parietale. In particolare si suggerisce che le aree parietali posteriori e le aree prefrontali si attivino in modo diverso nella fase di preparazione motoria a seconda della possibilità effettiva di eseguire una determinata azione. La consapevolezza di non poter eseguire sembra associata ad una de-attivazione delle aree parietali e ad una sostenuta attività prefrontale. Nel progetto ci si propone di studiare con tecniche elettrofisiologiche la preparazione del movimento per complesse azioni bimanuali scoordinate. Più precisamente, varieremo la complessità dell azione fino a renderne impossibile la perfetta esecuzione. In soggetti normali questo avviene in compiti di coordinazione bi-manuale quando l azione dei due arti non è simmetrica (disegnare contemporaneamente un cerchio e una linea verticale). Valuteremo se e in che modo il pattern corticale di preparazione motoria è influenzato dalla consapevolezza della possibilità/impossibilità di eseguire correttamente l azione. I risultati possono essere rilevanti per applicazioni in pazienti nell ambito del brain computer interface, i risultati degli eventuali pattern neurali associati a intenzioni e obiettivi consapevoli, potrebbero offrire nuove chiavi per

17 Neuropsicologia leggere più rapidamente e poi trasformare in azioni appropriate le intenzioni del paziente. Attività previste Nel corso dell anno saranno studiati almeno 15 soggetti eseguendo registrazioni EEG ad alta risoluzione (64 canali) durante l esecuzione dei compiti motori proposti. Si propone di studiare la coordinazione manuale adattandola ad un contesto più ecologico. In questo compito di coordinazione bi-manuale, si chiede ai soggetti di eseguire due semplici figure geometriche (cerchio e linea verticale) contemporaneamente con le due mani. In questo caso l interferenza avverrebbe tra un movimento lineare e uno circolare portando il soggetto a disegnare due oggetti tendenzialmente simili, ovvero invece del cerchio si disegnerà un ovale verticale ed invece della linea retta una curva. Questo compito potrà essere eseguito su una tavoletta grafica che invierà al sistema EEG i trigger relativi all istante nel quale hanno inizio i disegni. Entro la fine dell anno i dati preliminari verranno analizzati ed inviati ad una rivista scientifica. D Effetti conseguenti a mielolesione sulla performance di arti non colpiti. Dati comportamentali ed elettrofisiologici (Donatella Spinelli) Anno d inizio: 2013 Durata in mesi: 36 Parole chiave: Mielolesione, plasticità, ERP. Altri enti coinvolti: Università degli studi Foro Italico. Descrizione La ricerca vuole indagare variabili comportamentali ed elettrofisiologiche in pazienti mielolesi, con particolare riferimento all ipotesi di un rallentamento del processing e dei tempi di reazione in riferimento a compiti visuo-motori eseguiti con gli arti superiori altrimenti caratterizzati da attività perfettamente integra. Intendiamo valutare le costanti di tempo di queste variazioni rispetto alla norma per capire se esse siano presenti già precocemente dopo l evento traumatico o si accentuino/regrediscano nel corso del tempo. In termini più generali siamo interessati all evoluzione di questi fenomeni che potenzialmente esprimono forme di plasticità cerebrale. Il rallentamento (comportamentale ed elettrofisiologico) potrebbe risultare accentuato nella fase acuta, e poi attenuarsi nel corso del tempo. Questo risultato potrebbe favorire una interpretazione del rallentamento come conse

18 Sezione III: Attività per linea di ricerca corrente D guenza di un lieve danno cerebrale associato all evento traumatico che è stato responsabile della mielolesione, seguito da un progressivo recupero. Viceversa se il rallentamento fosse meno accentuato nella fase post-acuta e si amplificasse progressivamente con il passare del tempo, si potrebbero interpretare le variazioni cerebrali in termini di plasticità conseguente alla parziale deprivazione sensori-motoria. Vorremo inoltre valutare se l esercizio fisico e lo sport possano ridurre il rallentamento del processing; questo potrà essere valutato con studi longitudinali e trasversali. Una particolare attenzione sarà dedicata alle caratteristiche della attività cerebrale nel corso della preparazione motoria, l attività cerebrale che precede l azione, che risulta un indicatore particolarmente sensibile a variazioni di performance. I compiti utilizzati implicheranno la discriminazione fra stimoli visivi, la selezione di risposte motorie o di inibizione motoria; questi compiti coinvolgono molteplici processi: percezione, attenzione, discriminazione, preparazione motoria, decisione di eseguire ovvero inibire la risposta già preparata. Studieremo in quaranta pazienti mielolesi (e quaranta soggetti di controllo) i meccanismi cerebrali responsabili di questo comportamento complesso. I dati comportamentali ed elettrofisiologici registrati nel gruppo di pazienti saranno inoltre correlati con i dati clinici e neuropsicologici acquisiti nel reparto. Risultati e prodotti conseguiti Dati precedenti del gruppo [Di Russo et al., 2010] in mielolesi valutati a grandissima distanza dall evento suggeriscono che si possano osservare rallentamenti consistenti a livello comportamentale e modificazioni a livello dell attività corticale sottostante. Attività previste Si prevede la registrazione mediante EEG ad alta risoluzione in 12 pazienti mielolesi valutati a differenti distanze dall evento traumatico. Si prevede inoltre la registrazione di 12 soggetti sani confrontabili per età, genere e scolarità. L esperimento si baserà sul confronto di condizioni che richiedono la discriminazione fra stimoli visivi (target) cui il soggetto deve rispondere premendo il tasto di un computer (Go) vs. stimoli (non-target) che chiedono l inibizione della risposta motoria (No-go). I dati comportamentali (RT ed errori) saranno associati ai dati elettrofisiologici (Event Related Potentials, ERPs) registrati simultaneamente. I dati comportamentali saranno analizzati mediante ANOVA su differenti parametri e considerando eventuali correlazioni con dati neuropsicologici dei pazienti; i dati elettrofisiologici saranno analizzati in vario modo, incluso l analisi del dipolo mediante sistema BESA

19 Neuropsicologia D La distanza tra sguardo e pronuncia durante la lettura ad alta voce nella dislessia evolutiva (Maria De Luca) Anno d inizio: 2013 Durata in mesi: 12 Parole chiave: Dislessia, movimenti oculari. Altri enti coinvolti: Dipartimento di Psicologia, Università di Roma La Sapienza. Descrizione In compiti di lettura ad alta voce saranno registrati simultaneamente i movimenti oculari e la pronuncia ad alta voce, al fine di misurare la relazione che intercorre tra la posizione dello sguardo sul testo e l avanzamento della pronuncia del testo. I risultati potranno consentire l approfondimento dello studio dei meccanismi responsabili della lentezza di lettura nei ragazzi con dislessia evolutiva. Attività previste Parteciperanno allo studio circa venti ragazzi con disturbo di lettura e venti ragazzi normolettori, selezionati tra alunni della classe prima media inferiore di madrelingua italiana. Lo screening includerà prove standardizzate di livello di lettura (prove di lettura MT) [Cornoldi, Colpo, 1998] e di intelligenza non verbale (test delle matrici colorate di Raven), e la valutazione del visus. Saranno inclusi nel gruppo dei partecipanti con difficoltà di lettura i ragazzi che al test di livello di lettura avranno una prestazione inferiore a 1.65 deviazioni standard (5 percentile) dalla media prevista per il livello di scolarizzazione, e che avranno un punteggio grezzo superiore o uguale a 22 al test delle matrici progressive di Raven [dati normativi in Pruneti et al., 1996], e una normale o corretta acuità visiva. I movimenti oculari saranno registrati con un campionamento di 1000 Hz con il sistema di eye-tracking binoculare eye-link 1000 (SR- Research; Canada) basato sulla riflessione pupillare e corneale a raggi infrarossi; la voce sarà registrata digitalmente mediante un sistema audio interfacciato al sistema di eye-tracking, che consentirà di sincronizzare tra loro le tracce audio e dei movimenti oculari. Si utilizzerà un brano presentato sullo schermo del computer senza limiti di tempo, che dovrà essere letto ad alta voce individualmente da ciascun partecipante. Il tempo totale di lettura, separatamente per le componenti di pronuncia e di esplorazione visiva, sarà misurato basandosi sull analisi delle tracce audio e dei movimenti oculari. L analisi combinata di queste tracce consentirà di stabilire le relazioni tra l elaborazione dei movimenti oculari e l articolazione della pronuncia ad alta voce. Saranno anche misurati altri parametri critici sia per i movimenti oculari (numero e durata delle fissazioni, ampiezza dei movimenti saccadici) che per la componente orale della lettura (durata di pronuncia per le singole parole, numero e durata delle pause)

20 Sezione III: Attività per linea di ricerca corrente D D Influenza della codifica predittiva sulla elaborazione cosciente di stimoli visivi (Fabrizio Doricchi) Anno d inizio: 2013 Durata in mesi: 12 Parole chiave: Sistema visivo, coscienza, potenziali evocati. Altri enti coinvolti: Dipartimento di Psicologia, Università di Roma La Sapienza. Descrizione Individuare i meccanismi che sono all origine della nostra esperienza cosciente degli stimoli ambientali è uno dei problemi centrali delle neuroscienze. Attualmente, i fattori che più di altri influenzano la possibilità che un evento sensoriale abbia accesso alla coscienza, i.e. che si abbia un resoconto esplicito della esperienza soggettiva di tale evento [Dehaene S, Changeux JP (2011) Neuron 70: ], sono due. Il primo è l intensità della stimolazione sensoriale: gli stimoli vicini alla soglia percettiva possono a volte sfuggire alla elaborazione cosciente. Il secondo è il grado di attenzione posto alla elaborazione di stimoli in arrivo: se la nostra attenzione è distratta da uno stimolo inatteso, aumenterà la probabilità di perdere l elaborazione cosciente dello stimolo sul quale stavamo focalizzando la nostra attenzione. Le indagini fmri ed ERPs hanno dimostrato che la percezione cosciente è correlata alla opportuna amplificazione della traccia dello stimolo nelle aree sensoriali primarie e secondarie ed al coinvolgimento delle aree associative parietali e frontali. Il mancato ingresso della traccia sensoriale nelle aree parieto-frontali preclude la sua elaborazione conscia [Dehaene S, Changeux JP (2011) Neuron 70: ]. Recentemente, diversi studi hanno suggerito che i processi percettivi non possano essere considerati una mera registrazione passiva degli eventi sensoriali ma che, al contrario, il cervello costruisca attivamente delle predizioni sulle informazioni sensoriali in arrivo in base alle esperienze pregresse [Friston K (2011) Int J Psychophysiol epub dec 13]. Tali predizioni vengono continuamente aggiornate sulla base della congruenza od incongruenza tra eventi predetti ed eventi accaduti (i.e. errore di predizione). Lo scopo del nostro progetto di ricerca è quello di investigare se la regolarità statistica con la quale degli stimoli visivi si sono presentati nello spazio e nel tempo moduli i processi nervosi che sono alla base della elaborazione cosciente dei nuovi stimoli in arrivo. Più concisamente, la domanda che ci poniamo è la seguente: le predizioni che formuliamo sulla base della esperienza sensoriale passata possono facilitare l elaborazione cosciente di nuovi stimoli che altrimenti rimarrebbero al di sotto della soglia di elaborazione cosciente? Attività previste Verrà utilizzato il paradigma sperimentale dell attentional blink (AttB). In ogni prova di questo compito, viene presentata una serie di stimoli che si suc

NEUROPSICOLOGIA CLINICA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGIA Test e dipendenze

NEUROPSICOLOGIA CLINICA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGIA Test e dipendenze NEUROPSICOLOGIA CLINICA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGIA Test e dipendenze Franca Stablum Dipartimento di Psicologia Generale Università degli Studi di Padova 1 Neuropsicologia clinica = scienza applicata Problemi

Dettagli

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Progetto Memento. Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica Progetto Memento Diagnosi precoce della malattia di Alzheimer e mantenimento della autonomia psicofisica

Dettagli

GLI EFFETTI DELL INSEGNAMENTO SULL APPRENDIMENTO. Valentina Tobia Università degli Studi di Milano-Bicocca

GLI EFFETTI DELL INSEGNAMENTO SULL APPRENDIMENTO. Valentina Tobia Università degli Studi di Milano-Bicocca GLI EFFETTI DELL INSEGNAMENTO SULL APPRENDIMENTO Valentina Tobia Università degli Studi di Milano-Bicocca DI COSA PARLEREMO? Struttura del cervello e tecniche per studiarlo Processi cognitivi implicati

Dettagli

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE

LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE MUSICA, CORPO E CERVELLO (PARTE SECONDA) PROF. MAURIZIO PISCITELLI Indice 1 LO SVILUPPO DEL CERVELLO MUSICALE ------------------------------------------------------------------------ 3 2 NEUROLOGIA DELLA

Dettagli

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico

La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico La Malattia di Alzheimer: approccio neuropsicologico Dott.ssa Sara Fascendini Centro Alzheimer, Fondazione Europea di Ricerca Biomedica (FERB), Ospedale Briolini, Gazzaniga (BG) CHE COSA È LA DEMENZA?

Dettagli

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio Sommario LEZIONE 8 1. Psicolinguistica: caratteri generali 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio 3. Neurolinguistica Che cosêè la psicolinguistica...compito della psicolinguistica (o psicologia

Dettagli

ABSTRACT DELLA TESI DI LAUREA: IL SISTEMA DEI NEURONI SPECCHIO: QUALI IMPLICAZIONI PER IL LINGUAGGIO. STUDIO DI TRE QUADRI DI AFASIA NON-FLUENTE.

ABSTRACT DELLA TESI DI LAUREA: IL SISTEMA DEI NEURONI SPECCHIO: QUALI IMPLICAZIONI PER IL LINGUAGGIO. STUDIO DI TRE QUADRI DI AFASIA NON-FLUENTE. ABSTRACT DELLA TESI DI LAUREA: IL SISTEMA DEI NEURONI SPECCHIO: QUALI IMPLICAZIONI PER IL LINGUAGGIO. STUDIO DI TRE QUADRI DI AFASIA NON-FLUENTE. Premesse teoriche Nella letteratura recente si trovano

Dettagli

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO Il Cervello e il suo sviluppo IL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO Il Sistema Nervoso (SN) viene suddiviso in due parti, che svolgono funzioni specifiche e agiscono sinergicamente

Dettagli

LEZIONE 1 1 INTRODUZIONE ALLA NEUROPSICOLOGIA

LEZIONE 1 1 INTRODUZIONE ALLA NEUROPSICOLOGIA INTRODUZIONE ALLA LEZIONE INTRODUZIONE ALLA 2007 Università degli studi e-campus - Via Isimbardi 0-22060 Novedrate (CO) - C.F. 0854905004 Tel: 03/7942500-7942505 Fax: 03/794250 - info@uniecampus.it INTRODUZIONE

Dettagli

TESEO Sistema di Realtà Virtuale per la diagnosi e la riabilitazione neurologica

TESEO Sistema di Realtà Virtuale per la diagnosi e la riabilitazione neurologica TESEO Sistema di Realtà Virtuale per la diagnosi e la riabilitazione neurologica L.L.Locche*,C.Caltagirone* e J.Manzano * Sezione Robotica, Roma Introduzione Verrà di seguito descritto un Ambiente Virtuale

Dettagli

RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione

RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione PAOLO CANGIANO DISCIPLINE DELLA RICERCA PSICOLOGICO SOCIALE (Nettuno) Matricola nr 710756 RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione Aprile 2012 Indice 1. Introduzione p. 2 2. Procedura di raccolta dati

Dettagli

La risposta dell attività cerebrale alle stimolazioni verbali

La risposta dell attività cerebrale alle stimolazioni verbali La risposta dell attività cerebrale alle stimolazioni verbali Differenze nel processamento lessicale e semantico in bambini con disturbo dello spettro autistico Giancarlo Zito, Magda Di Renzo, Federico

Dettagli

BES e DSA: Lettura della relazione diagnostica

BES e DSA: Lettura della relazione diagnostica BES e DSA: Lettura della relazione Dott.ssa Anna Bruno Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Chiara Izzo Logopedista Chi effettua la diagnosi? DISABILITÀ Servizio pubblico specialistico che ha in carico il

Dettagli

ANCHE L OCCHIO VUOLE LA SUA PARTE : correlazioni tra dislessia e disturbi visivi

ANCHE L OCCHIO VUOLE LA SUA PARTE : correlazioni tra dislessia e disturbi visivi ANCHE L OCCHIO VUOLE LA SUA PARTE : correlazioni tra dislessia e disturbi visivi Castelfranco Emilia 23/04/2008 Dr.ssa Roberta Leonetti Neuropsichiatra Infantile Anna Maggiani Ortottista Difficoltà scolastiche:

Dettagli

Linguaggio orale & Linguaggio scritto. Diversità funzionale Diversità temporali di acquisizione

Linguaggio orale & Linguaggio scritto. Diversità funzionale Diversità temporali di acquisizione Linguaggio orale & Linguaggio scritto Diversità funzionale Diversità temporali di acquisizione Linguaggio orale & Linguaggio scritto All'età di sei anni un bambino è in grado di capire 14.000 parole circa

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Corso di Laurea in Scienze Motorie e dello Sport La formazione e lo sviluppo delle capacità e delle abilità motorie Prof. Maurizio Mondoni LE CAPACITA MOTORIE

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dislessia disgrafia disortografia - discalculia

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dislessia disgrafia disortografia - discalculia DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Dislessia disgrafia disortografia - discalculia Come si sviluppa un abilità Predisposizione innata: le funzioni superiori si insediano nell uomo per sola esposizione

Dettagli

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

dr.ssa Fernanda Bernabei

dr.ssa Fernanda Bernabei I disturbi specifici dell apprendimento dr.ssa Fernanda Bernabei 1 IL DISTURBO SPECIFICO DELL APPRENDIMENTO Il disturbo specifico si presenta in genere come una difficoltà specifica isolata, in contrasto

Dettagli

Fondamenti metodologici della neuropsicologia. Il metodo neuropsicologico. Dai dati alla teoria. Il metodo della correlazione anatomo-clinica

Fondamenti metodologici della neuropsicologia. Il metodo neuropsicologico. Dai dati alla teoria. Il metodo della correlazione anatomo-clinica FUNZIONI ESECUTIVE E MISURE ELETTROFISIOLOGICHE PATRIZIA S. BISIACCHI DIPARTIMENTO DI PSICOLOGIA GENERALE PADOVA Fondamenti metodologici della neuropsicologia Studio delle basi neurali delle funzioni mentali

Dettagli

Indagine e rilevazione sulle abilità di lettura

Indagine e rilevazione sulle abilità di lettura Indagine e rilevazione sulle abilità di lettura Prova individuale di correttezza e rapidità nella lettura La prova di lettura ad alta voce si è dimostrata estremamente utile per riconoscere il livello

Dettagli

MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: (Scadenza iscrizioni 11 GENNAIO 2014) Organizzato da: Con il patrocinio di:

MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: (Scadenza iscrizioni 11 GENNAIO 2014) Organizzato da: Con il patrocinio di: PROGRAMMA MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: DIAGNOSI NEUROPSICOLOGICA NELL ADULTO E NELL ANZIANO I EDIZIONE TORINO 19 GENNAIO 2014-14 DICEMBRE 2014 (Scadenza iscrizioni 11 GENNAIO 2014) Organizzato da:

Dettagli

Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni

Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni psicologiche. L autore del V.M.I. Test rilevò,negli anni 60,

Dettagli

MODA. Milan Overall Dementia Assessment. M. Brazzelli, E. Capitani, S. Della Sala, H. Spinnler, M. Zuffi Scopo

MODA. Milan Overall Dementia Assessment. M. Brazzelli, E. Capitani, S. Della Sala, H. Spinnler, M. Zuffi Scopo MODA Milan Overall Dementia Assessment M. Brazzelli, E. Capitani, S. Della Sala, H. Spinnler, M. Zuffi Scopo Il MODA è stato concepito e modellato sul quadro cognitivo dei deficit neuropsicologici della

Dettagli

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento?

Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Cosa sono i Disturbi Specifici di Apprendimento? Considerati parte della famiglia dei Disturbi Evolutivi Specifici, i Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) affliggono alcune specifiche abilità che

Dettagli

Psicologia Generale I

Psicologia Generale I Psicologia Generale I Dott.ssa Paola Ricciardelli Dipartimento di Psicologia Edificio U6-3026c, int. 3734 paola.ricciardelli@unimib.it Ricevimento: Giovedì, 11:30-12:30 1 Sommario Il concetto di attenzione

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA

Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA www.labda-spinoff.it 0498209059/3284366766

Dettagli

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo

I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero. Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo I disturbi specifici dell apprendimento: dall identificazione precoce agli interventi di recupero Autore: Letizia Moretti Editing : Enrica Ciullo Corso Dsa - I disturbi specifici dell apprendimento: dall

Dettagli

A. TERRENI, M.L. TRETTI, P.R. CORCELLA, C. CORNOLDI, P.E. TRESSOLDI IPDA IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO (2002) Descrizione

A. TERRENI, M.L. TRETTI, P.R. CORCELLA, C. CORNOLDI, P.E. TRESSOLDI IPDA IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO (2002) Descrizione IPDA IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO A. TERRENI, M.L. TRETTI, P.R. CORCELLA, C. CORNOLDI, P.E. TRESSOLDI (2002) DEVELOPMENTAL assessment individuale; valutazione disturbi di apprendimento;

Dettagli

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE

CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE CORSO DI PSICOLOGIA DELL EDUCAZIONE A.A. 2012-2013 SCIENZE INFERMIERISTICHE POLO DI PISA II ANNO V LEZIONE Dott.ssa Chiara Toma I DISTURBI DELLO SVILUPPO Disturbi del linguaggio Autismo e disturbi pervasivi

Dettagli

Guida alla terapia con Gloreha

Guida alla terapia con Gloreha Guida alla terapia con Gloreha Introduzione Questo documento vuole essere un supporto per tutti coloro che desiderano effettuare riabilitazione con Gloreha a casa propria. Non è un manuale d uso tecnico

Dettagli

DISLESSIA E DISORTOGRAFIA dalla diagnosi alla presa in carico

DISLESSIA E DISORTOGRAFIA dalla diagnosi alla presa in carico DISLESSIA E DISORTOGRAFIA dalla diagnosi alla presa in carico dr. Antonio Salandi Neuropsichiatra Infantile IRCCS EUGENIO MEDEA Associazione La Nostra Famiglia - Bosisio Parini antonio.salandi@bp.lnf.it

Dettagli

Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio

Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio 178 Interviews Interviste Intervjuoj 5 luglio 2011 Un parere su bilinguismo e acquisizione del linguaggio Intervista a Maria Teresa Guasti Mauro Viganò Presentazione Maria Teresa Guasti è professore ordinario

Dettagli

Cogito ergo riabilito. Un prototipo: il progetto COGITO

Cogito ergo riabilito. Un prototipo: il progetto COGITO Cogito ergo riabilito Le potenzialità del training computerizzato per i disturbi di attenzione, memoria visuo-spaziale e linguaggio Un prototipo: il progetto COGITO Dott.ssa Gindri P., Dott. Passerini

Dettagli

Test e strumenti di valutazione psicologica e educativa. Collana diretta da Cesare Cornoldi e Luigi Pedrabissi

Test e strumenti di valutazione psicologica e educativa. Collana diretta da Cesare Cornoldi e Luigi Pedrabissi Test e strumenti di valutazione psicologica e educativa Collana diretta da Cesare Cornoldi e Luigi Pedrabissi Enrico Savelli, Stefano Franceschi e Barbara Fioravanti speed Screening Prescolare Età Evolutiva

Dettagli

I disturbi dell apprendimento

I disturbi dell apprendimento I disturbi dell apprendimento I disturbi dell apprendimento si dividono in: Disturbi specifici dell apprendimento (DSA) (sono quei disturbi che si manifestano in soggetti con adeguato sviluppo cognitivo,

Dettagli

Disturbi Specifici di Apprendimento

Disturbi Specifici di Apprendimento Disturbi Specifici di Apprendimento Pennabilli - 28 Aprile 2014 Enrico Savelli Il Disturbo Specifico di Apprendimento della Letto-Scrittura Alla fine del primo anno scolastico, in quasi ogni classe, almeno

Dettagli

NEPSY Second Edition

NEPSY Second Edition NEPSY Second Edition 3 Autori Marit Korkman, Ursula Kirk e Sally Kemp Data di pubblicazione 2011 Range di età Da 3 a 16 anni Tempo di somministrazione 90 minuti ca. per i soggetti in età prescolare 2-3

Dettagli

LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST

LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST LO STRUMENTO NEUROPSICOLOGICO LUISA BOSIA U.O. NEUROLOGIA IRCCS AZIENDA OSPEDALIERA SAN MARTINO-IST Le Malattie dell encefalo comunemente causano modificazioni del comportamento capacitàdi mantenere una

Dettagli

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA )

Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA. T. Mandarino (MMG ASL RMA ) Il RUOLO DEL MEDICO DI MEDICINA GENERALE NELLA IDENTIFICAZIONE DELLE PERSONE CON SOSPETTA DEMENZA T. Mandarino (MMG ASL RMA ) La Malattia di Alzheimer La malattia di Alzheimer è la forma più frequente

Dettagli

MEMORIA. La memoria umana è definita come la capacità di riattivare, in modo parziale o totale, gli avvenimenti del passato;

MEMORIA. La memoria umana è definita come la capacità di riattivare, in modo parziale o totale, gli avvenimenti del passato; MEMORIA La memoria umana è definita come la capacità di riattivare, in modo parziale o totale, gli avvenimenti del passato; La memoria umana è definita anche come la capacità di generare nuove conoscenze,

Dettagli

ABILITÀ VISIVE nella DISGRAFIA

ABILITÀ VISIVE nella DISGRAFIA FABIO MIGNANELLI, Optometrista Studio di Optometria Comportamentale ABILITÀ VISIVE nella DISGRAFIA ANCONA Jesi Civitanova M. DISGRAFIA Difficoltà strumentale di scrivere correttamente e nella giusta fluidità,

Dettagli

LA PREVENZIONE DELLA DISLESSIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPOSTE DIDATTICHE

LA PREVENZIONE DELLA DISLESSIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPOSTE DIDATTICHE LA PREVENZIONE DELLA DISLESSIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPOSTE DIDATTICHE 1 Scuola dell infanzia e primi anni scuola primaria Segnali di rischio e difficoltà IDENTIFICAZIONE PRECOCE Intervenire: risolvere

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA E RIABILITAZIONE COGNITIVA IN PAZIENTI AFFETTI DA SCLEROSI MULTIPLA

Progetto VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA E RIABILITAZIONE COGNITIVA IN PAZIENTI AFFETTI DA SCLEROSI MULTIPLA Progetto VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA E RIABILITAZIONE COGNITIVA IN PAZIENTI AFFETTI DA SCLEROSI MULTIPLA Durata: diciotto mesi, con inizio nel giugno 2011 e termine il 30 novembre 2012 (prorogato fino

Dettagli

MMSE. Mini Mental State Examination. Folstein e coll. (1975)

MMSE. Mini Mental State Examination. Folstein e coll. (1975) MMSE Mini Mental State Examination Folstein e coll. (1975) Scopo Il MMSE è un test ampiamente utilizzato nella pratica clinica della valutazione delle funzioni cognitive dei soggetti anziani. E un test

Dettagli

Neuropsicologia. Corso Alta Formazione. Clinica Integrata nell adulto e nell anziano IV edizione. Associazione Spazio Iris. www.spazioiris.

Neuropsicologia. Corso Alta Formazione. Clinica Integrata nell adulto e nell anziano IV edizione. Associazione Spazio Iris. www.spazioiris. Corso Alta Formazione Neuropsicologia Clinica Integrata nell adulto e nell anziano IV edizione Milano - Novembre 2015 OBIETTIVI FORMATIVI L'obiettivo principale del corso di formazione sarà quello di fornire

Dettagli

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test

MSCEIT Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test Mayer-Salovey-Caruso Emotional Intelligence Test John D. Mayer, Peter Salovey e David R. Caruso Adattamento italiano a cura di Antonella D'Amico e Antonietta Curci RAPPORTO INTERPRETATIVO Nominativo: Codice

Dettagli

INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO

INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO Chiara Cantiani Psicologa Dottore di ricerca in Psicologia chiara.cantiani@bp.lnf.it chiara.cantiani@lanostrafamiglia.it IRCCS «E. Medea» Associazione La Nostra

Dettagli

AMBULATORIO MULTIDISCIPLINARE DELL APPRENDIMENTO

AMBULATORIO MULTIDISCIPLINARE DELL APPRENDIMENTO AMBULATORIO MULTIDISCIPLINARE DELL APPRENDIMENTO Gruppo di lavoro Dott. Piergiorgio Miottello, Neuropsichiatra infantile - Direttore Sanitario Dott. Michela Bontorin, Psicologa - Psicoterapeuta Dott. Renzo

Dettagli

DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO e la motivazione dell intervento precoce

DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO e la motivazione dell intervento precoce DAL PROTOCOLLO REGIONALE ALL AZIONE SCOLASTICA PROGETTO DI INDIVIDUAZIONE PRECOCE IN RETE CLASSI PRIME SCUOLA PRIMARIA DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO e la motivazione dell intervento precoce

Dettagli

MODENA NON TI LASCIA SOLO CON L ALZHEIMER

MODENA NON TI LASCIA SOLO CON L ALZHEIMER MODENA NON TI LASCIA SOLO CON L ALZHEIMER Dai primi sintomi alla diagnosi Roberto De Gesu Medico di Med. Generale - Responsabile della attività medica di base e del coordinamento sanitario RSA Cialdini

Dettagli

Assenza di cause neurologiche o sensoriali; Persistenza del disturbo nel tempo 5.

Assenza di cause neurologiche o sensoriali; Persistenza del disturbo nel tempo 5. I Dsa: disturbi specifici dell apprendimento Lettura, scrittura e calcolo sono funzioni fondamentali per l apprendimento. Un soggetto con capacità intellettive nella norma e privo di deficit (sensoriali,

Dettagli

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo

Sintomi e segni. Disturbo. Sindrome. Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Disturbi Pervasivi dello Sviluppo Annamaria Petito SSIS 400H Sintomi e segni Sono le informazioni che derivano da consapevoli sensazioni del paziente e sono le interpretazioni date dal medico agli elementi

Dettagli

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti

Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento. a cura della Dott.ssa Donata Monetti Tecniche strategie e metodologie del processo di insegnamento-apprendimento a cura della Dott.ssa Donata Monetti Gli elementi di base della dinamica insegnamento - apprendimento LA PROGRAMMAZIONE DEGLI

Dettagli

GLI INDICATORI PER LA TERAPIA LOGOPEDICA NEL SOGGETTO AUTISTICO

GLI INDICATORI PER LA TERAPIA LOGOPEDICA NEL SOGGETTO AUTISTICO GLI INDICATORI PER LA TERAPIA LOGOPEDICA NEL SOGGETTO AUTISTICO A cura di Dr. M. Brighenti * A. Cinì** S. Isoli** M. Maffei** * Neuropsichiatra Infantile, Primario del II Servizio NPI e PEE dell Azienda

Dettagli

Psicologia dello Sviluppo

Psicologia dello Sviluppo Psicologia dello Sviluppo DESCRIVE i cambiamenti dell essere umano nei comportamenti e nelle competenze (motorie, percettive, sociali, emotive, comunicativo-linguistiche, cognitive) in funzione del trascorrere

Dettagli

Dislessia nell adulto e costruzione di protocolli di valutazione

Dislessia nell adulto e costruzione di protocolli di valutazione Dislessia nell adulto e costruzione di protocolli di valutazione A. M. Re Università degli studi di Padova Servizio per i Disturbi dell Apprendimento Evoluzione della velocità di lettura in normo-lettori

Dettagli

Vademecum per la richiesta di progetti di tesi di laurea magistrale presso il Centro studi e ricerche in Neuroscienze Cognitive (CsrNC)

Vademecum per la richiesta di progetti di tesi di laurea magistrale presso il Centro studi e ricerche in Neuroscienze Cognitive (CsrNC) Università degli Studi di Bologna Laurea Magistrale in Neuroscienze e riabilitazione neuropsicologica Vademecum per la richiesta di progetti di tesi di laurea magistrale presso il Centro studi e ricerche

Dettagli

RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA

RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA PROGRAMMA MASTER ANNUALE DI II LIVELLO in: RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA NELL ADULTO E NELL ANZIANO III EDIZIONE TORINO 21 FEBBRAIO 2015-20 DICEMBRE 2015 (Scadenza iscrizioni 15 GENNAIO 2015) Organizzato

Dettagli

Cesare Cornoldi 19 Marzo, ore 15.30 Bambini e ragazzi con Difficoltà di Apprendimento e problematiche attentive/comportamentali: gestione del

Cesare Cornoldi 19 Marzo, ore 15.30 Bambini e ragazzi con Difficoltà di Apprendimento e problematiche attentive/comportamentali: gestione del Cesare Cornoldi 19 Marzo, ore 15.30 Bambini e ragazzi con Difficoltà di Apprendimento e problematiche attentive/comportamentali: gestione del rapporto con la scuola e la famiglia 1) L esperienza del nostro

Dettagli

Terapia non farmacologica: lo stato dell arte

Terapia non farmacologica: lo stato dell arte Terapia non farmacologica: lo stato dell arte Giovannina Conchiglia Clinica Villa Camaldoli Napoli Reparto Neurologia Comportamentale giopsico@libero.it Caserta, 16 ottobre 2014 1 CONGRESSO NAZIONALE A.

Dettagli

Difficoltà di apprendimento nei bambini con DCD

Difficoltà di apprendimento nei bambini con DCD Difficoltà di apprendimento nei bambini con DCD Dr.ssa Stefania Zoia S. C. di Neuropsichiatria Infantile e Neurologia Pediatrica Istituto per l Infanzia I.R.C.C.S. Burlo Garofolo,, Trieste Email zoia@burlo.trieste.it

Dettagli

Corteccia cerebrale aree del linguaggio e asimmetria emisferica

Corteccia cerebrale aree del linguaggio e asimmetria emisferica Corteccia cerebrale aree del linguaggio e asimmetria emisferica Asimmetria emisferica Esplorazione della asimmetria emisferica a) anatomica (autoptica e neuro-immagini) b) studio di lesioni c) test di

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO Le varie teorie della riabilitazione motoria Nel corso degli anni si sono sviluppate varie teorie: Teoria motivazionale : è usata

Dettagli

Ipovisione in età evolutiva: servizi in una rete regionale integrata Bosisio Parini, 20 gennaio 2012

Ipovisione in età evolutiva: servizi in una rete regionale integrata Bosisio Parini, 20 gennaio 2012 Ipovisione in età evolutiva: servizi in una rete regionale integrata Bosisio Parini, 20 gennaio 2012 Il contributo diagnostico-riabilitativo nella presa in Dipartimento di carico Scienze Chirurgiche del

Dettagli

FORMAZIONE 2015-2016 FORMAZIONE SPECIALISTICA PER EDUCATORI, TERAPISTI OCCUPAZIONALI, TECNICI DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA

FORMAZIONE 2015-2016 FORMAZIONE SPECIALISTICA PER EDUCATORI, TERAPISTI OCCUPAZIONALI, TECNICI DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA FORMAZIONE 2015-2016 FORMAZIONE SPECIALISTICA PER EDUCATORI, TERAPISTI OCCUPAZIONALI, TECNICI DELLA RIABILITAZIONE PSICHIATRICA CHE LAVORANO NELL AMBITO DELLE DEMENZA SOSTEGNO PSICOLOGICO E RIABILITAZIONE

Dettagli

Fattori neuro-cognitivi alla base dello sviluppo della competenza plurilingue

Fattori neuro-cognitivi alla base dello sviluppo della competenza plurilingue Fattori neuro-cognitivi alla base dello sviluppo della competenza plurilingue Andrea Marini Universita degli Studi di Udine IRCCS La Nostra Famiglia PFVG IRCSS Santa Lucia, Roma andrea.marini@uniud.it

Dettagli

UNA DIDATTICA PER I DSA, UNA DIDATTICA PER TUTTI GLI ALUNNI: SUGGERIMENTI PER L AMBITO MATEMATICO/SCIENTIFICO

UNA DIDATTICA PER I DSA, UNA DIDATTICA PER TUTTI GLI ALUNNI: SUGGERIMENTI PER L AMBITO MATEMATICO/SCIENTIFICO www.aiditalia.org UNA DIDATTICA PER I DSA, UNA DIDATTICA PER TUTTI GLI ALUNNI: SUGGERIMENTI PER L AMBITO MATEMATICO/SCIENTIFICO RELATORE: Chiara Barausse insegnante, psicopedagogista, formatore AID L APPRENDIMENTO

Dettagli

Strategie alternative ai metodi sperimentali

Strategie alternative ai metodi sperimentali Strategie alternative ai metodi sperimentali 1. 2. I quasi-esperimenti (non sperimentali) prevedono la descrizione del fenomeno in esame. Il metodo descrive le variabili in esame, non prevede alcuna manipolazione

Dettagli

STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA. Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013

STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA. Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013 STRUMENTI PER LA DIAGNOSI DI DSA Bruna Codogno UST Belluno CTI di Belluno 20 febbraio 2013 PRINCIPALI DIFFICOLTA NEL PORRE LA DIAGNOSI (ICD-10) 1. Distinguere il disturbo dalle normali variazioni del rendimento

Dettagli

DSA. I disturbi specifici di apprendimento. Metodologie e didattica inclusiva. Dott.ssa Sabrina Di Tullio

DSA. I disturbi specifici di apprendimento. Metodologie e didattica inclusiva. Dott.ssa Sabrina Di Tullio DSA I disturbi specifici di apprendimento Metodologie e didattica inclusiva Dott.ssa Sabrina Di Tullio DSA Non vanno confusi con le difficoltà di apprendimento; Interessano abilità specifiche in soggetti

Dettagli

Valutazione e Riabilitazione nei Disturbi Specifici dell Apprendimento. Gruppo di Lavoro di Neuropsicologia 4 ottobre 2008

Valutazione e Riabilitazione nei Disturbi Specifici dell Apprendimento. Gruppo di Lavoro di Neuropsicologia 4 ottobre 2008 Valutazione e Riabilitazione nei Disturbi Specifici dell Apprendimento 4 ottobre 2008 Il principale criterio necessario per effettuare una diagnosi di DSA è quello della discrepanza tra abilità nel dominio

Dettagli

IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE

IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE IL CALCIO A 5 NELL ATTIVITA DI BASE IL BAMBINO I giovani giocatori che frequentano la scuola calcio appartengono alla fascia di età classificata come età evolutiva. La letteratura sociologica identifica

Dettagli

INTERVENTI PER LO SVILUPPO DELLE ABILITA SOCIALI NEI PDD

INTERVENTI PER LO SVILUPPO DELLE ABILITA SOCIALI NEI PDD INTERVENTI PER LO SVILUPPO DELLE ABILITA SOCIALI NEI PDD G. Doneddu*, R. Fadda** *Centro Regionale per i Disturbi Pervasivi dello Sviluppo, **Azienda Ospedaliera G. Brotzu Dipartimento di Psicologia, Università

Dettagli

ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO

ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO ALLEGATO B: TEST DI VALUTAZIONE PREVISTI NEL PROGETTO SUMMER SCHOOL ROME: CENTRO ESTIVO ABILITATIVO INTEGRATO PER BAMBINI CON DIAGNOSI DI AUTISMO Vineland Le Vineland Adaptive Behavior Scales valutano

Dettagli

METODOLOGIE RIABILITATIVE IN LOGOPEDIA VOL. 15

METODOLOGIE RIABILITATIVE IN LOGOPEDIA VOL. 15 METODOLOGIE RIABILITATIVE IN LOGOPEDIA VOL. 15 Collana a cura di Carlo Caltagirone Carmela Razzano Fondazione Santa Lucia, IRCCS, Roma Maria Donata Orfei Carlo Caltagirone Gianfranco Spalletta I disturbi

Dettagli

Laboratorio di Valutazione dello sviluppo Cognitivo 4 lezione Elena Gandolfi

Laboratorio di Valutazione dello sviluppo Cognitivo 4 lezione Elena Gandolfi Laboratorio di Valutazione dello sviluppo Cognitivo 4 lezione Elena Gandolfi Quali obiettivi? Indagare la qualità e il livello raggiunti nello sviluppo delle capacità comunicative e linguistiche Individuare

Dettagli

MODULO D INSEGNAMENTO: ANALISI DEL COMPORTAMENTO APPLICATA LINEE DI INTERVENTO NEI DISTRUBI DELLO SPETTRO AUTISTICO

MODULO D INSEGNAMENTO: ANALISI DEL COMPORTAMENTO APPLICATA LINEE DI INTERVENTO NEI DISTRUBI DELLO SPETTRO AUTISTICO MODULO D INSEGNAMENTO: ANALISI DEL COMPORTAMENTO APPLICATA LINEE DI INTERVENTO NEI DISTRUBI DELLO SPETTRO AUTISTICO Corso di formazione per insegnanti PREMESSA: Analisi comportamentale applicata (Applied

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

CONGRESSO AIDAI MILANO 2005 RELAZIONE PROF. SANTO DI NUOVO Università di Catania

CONGRESSO AIDAI MILANO 2005 RELAZIONE PROF. SANTO DI NUOVO Università di Catania CONGRESSO AIDAI MILANO 2005 RELAZIONE PROF. SANTO DI NUOVO Università di Catania Nella diagnosi delle sindromi ADHD, seguendo i criteri previsti sia nel DSM- IV-R sia nell'icd-10 dell'oms, occorre non

Dettagli

Modelli di riabilitazione lessicali e sublessicali San Marino 2012 Convegno: «Imparare, questo è il problema»

Modelli di riabilitazione lessicali e sublessicali San Marino 2012 Convegno: «Imparare, questo è il problema» Modelli di riabilitazione lessicali e sublessicali San Marino 2012 Convegno: «Imparare, questo è il problema» Francesca Scortichini psicologa Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Riabilitazione

Dettagli

APPRENDIMENTO MEMORIA MOTIVAZIONE EMOZIONI SONNO VEGLIA LINGUAGGIO

APPRENDIMENTO MEMORIA MOTIVAZIONE EMOZIONI SONNO VEGLIA LINGUAGGIO La NEUROPSICOLOGIA studia le relazioni tra i COMPORTAMENTI e l attività del SISTEMA NERVOSO APPRENDIMENTO MOTIVAZIONE SONNO MEMORIA EMOZIONI VEGLIA LINGUAGGIO Parti del Sistema Nervoso Centrale Encefalo

Dettagli

La valutazione comportamentale. Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC

La valutazione comportamentale. Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC La valutazione comportamentale Dr. C. Marra e Dr. D. Quaranta Istituto di Neurologia - UCSC Ruolo dei disturbi comportamentali nella demenza sono la prima causa di stress nel care-giver (Rabins et al,

Dettagli

DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it

DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi DSA e/o BES. La comprensione del testo. Proposte didattiche Barbara Carretti barbara.carretti@unipd.it

Dettagli

Osservatorio Lettoscrittura. Strumenti per l identificazione, il trattamento didattico e il monitoraggio delle difficoltà nella lettoscrittura

Osservatorio Lettoscrittura. Strumenti per l identificazione, il trattamento didattico e il monitoraggio delle difficoltà nella lettoscrittura Osservatorio Lettoscrittura Strumenti per l identificazione, il trattamento didattico e il monitoraggio delle difficoltà nella lettoscrittura Lettura dei bisogni di funzionamento B.E.S. Lettura dei bisogni

Dettagli

PERCEZIONE E ATTENZIONE NELL AUTISMO: UN APPROCCIO BASATO SULLE NEUROSCIENZE EVOLUTIVE COGNITIVE. Verona, 04 Aprile 2014

PERCEZIONE E ATTENZIONE NELL AUTISMO: UN APPROCCIO BASATO SULLE NEUROSCIENZE EVOLUTIVE COGNITIVE. Verona, 04 Aprile 2014 Verona, 04 Aprile 2014 PERCEZIONE E ATTENZIONE NELL AUTISMO: UN APPROCCIO BASATO SULLE NEUROSCIENZE EVOLUTIVE COGNITIVE Andrea Facoetti Dipartimento di Psicologia Generale, Università di Padova & E. Medea,

Dettagli

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica Strumenti di indagine per la valutazione psicologica Esercitazione dott. Davide Massidda D1. Qual è lo scopo delle tecniche di analisi fattoriale applicate ai test psicologici? Qual è la differenza tra

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO AGGIORNAMENTO: OLTRE I DISTURBI DELL APPRENDIMENTO Corso di formazione per docenti Scuole Cattoliche Scuole Primarie e Secondarie di I grado Dott.ssa Michela Rampinini

Dettagli

Dislessia: informazioni generali

Dislessia: informazioni generali Dislessia: informazioni generali Autore: Sarah Menini da neuropsy.it Introduzione La dislessia è un disordine del linguaggio scritto caratterizzato da una capacità di lettura sostanzialmente al di sotto

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO Ascolto e parlato Prendere la parola negli scambi comunicativi (dialogo, conversazione, discussione) rispettando

Dettagli

Valutazione e intervento didattico nell apprendimento della lettura e della scrittura. Belluno, ottobre dicembre 2011.

Valutazione e intervento didattico nell apprendimento della lettura e della scrittura. Belluno, ottobre dicembre 2011. Valutazione e intervento didattico nell apprendimento della lettura e della scrittura Belluno, ottobre dicembre 2011 Michela Cendron Centro Regionale Specializzato per i Disturbi dell Apprendimento ULSS20

Dettagli

L'utilizzo del tachistoscopio nella dislessia e nella disortografia come approccio riabilitativo integrato Studio su sei casi clinici

L'utilizzo del tachistoscopio nella dislessia e nella disortografia come approccio riabilitativo integrato Studio su sei casi clinici L'utilizzo del tachistoscopio nella dislessia e nella disortografia come approccio riabilitativo integrato Studio su sei casi clinici Il lavoro che viene presentato ha come scopo la proposta di un intervento

Dettagli

Tecniche di misurazione

Tecniche di misurazione Tecniche di misurazione Analisi del movimento oculare e Dipartimento di Psicologia dei Processi di Sviluppo e Socializzazione Overview Tecniche di misurazione nel marketing Le misure psicofisiologiche

Dettagli

DISTURBI DI LETTURA: IMPLICAZIONI PER LA SCUOLA. Barbara Carretti Dipartimento di Psicologia Generale, Università degli Studi di Padova

DISTURBI DI LETTURA: IMPLICAZIONI PER LA SCUOLA. Barbara Carretti Dipartimento di Psicologia Generale, Università degli Studi di Padova DISTURBI DI LETTURA: IMPLICAZIONI PER LA SCUOLA Barbara Carretti Dipartimento di Psicologia Generale, Università degli Studi di Padova Temi emersi dal laboratorio 2 Nel parlare di disturbi nella lettura

Dettagli

Valutazione cognitiva a d i s t a n z a d e i b a m b i n i trattati per craniostenosi sagittale

Valutazione cognitiva a d i s t a n z a d e i b a m b i n i trattati per craniostenosi sagittale 2 Incontro del Coordinamento di Neuroscienze Pediatriche Roma, 19 marzo 2005 Valutazione cognitiva a d i s t a n z a d e i b a m b i n i trattati per craniostenosi sagittale Simona Di Giovanni, Daniela

Dettagli

Apprendimenti relativi ai numeri nei bambini prescolari (apprendimento informale)

Apprendimenti relativi ai numeri nei bambini prescolari (apprendimento informale) Dott.ssa Patrizia Nagliati Psicologo Neuropsicologia Cognitiva e Psicopatologia dell apprendimento Formatore AID LA DISCALCULIA EVOLUTIVA E un disturbo delle abilità numeriche e aritmetiche che si manifesta

Dettagli

La validità. La validità

La validità. La validità 1. Validità interna 2. Validità di costrutto 3. Validità esterna 4. Validità statistica La validità La validità La validità di una ricerca ci permette di valutare se quello che è stato trovato nella ricerca

Dettagli

Analizza/Confronta medie. ELEMENTI DI PSICOMETRIA Esercitazione n. 7-8-9-107. Test t. Test t. t-test test e confronto tra medie chi quadrato

Analizza/Confronta medie. ELEMENTI DI PSICOMETRIA Esercitazione n. 7-8-9-107. Test t. Test t. t-test test e confronto tra medie chi quadrato Analizza/Confronta medie ELEMENTI DI PSICOMETRIA Esercitazione n. 7-8-9-107 t-test test e confronto tra medie chi quadrato C.d.L. Comunicazione e Psicologia a.a. 2008/09 Medie Calcola medie e altre statistiche

Dettagli