REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI MINI ALLOGGI PROTETTI PER ANZIANI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI MINI ALLOGGI PROTETTI PER ANZIANI"

Transcript

1 CITTÀ DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI MINI ALLOGGI PROTETTI PER ANZIANI

2 Articolo 1: Oggetto Il presente regolamento disciplina la gestione degli otto mini alloggi protetti per anziani siti nell ex foresteria di Villa Paglia. Utenti di tale servizio sono gli anziani autosufficienti o parzialmente autosufficienti residenti in Alzano Lombardo che abbiano compiuto o che compiano i sessantacinque anni di età nell anno di presentazione della domanda. Gli alloggi sono concessi in locazione. E vietata la sub locazione totale o parziale, anche a titolo gratuito. Articolo 2 : Struttura dei mini alloggi Gli alloggi sono destinati a nuclei familiari composti da un massimo di due persone. Ciascun mini alloggio consiste in un appartamento indipendente composto da tre locali (cucina, bagno e camera), dotato a cura dell Amministrazione Comunale del gruppo cucina. Ogni ulteriore arredo è a completo carico dell assegnatario. I costi dell eventuale attivazione di utenze sono a completo carico dell assegnatario. Tali attivazioni devono essere comunicate tempestivamente per scritto all Ufficio Servizi Sociali. Le spese condominiali vengono ripartite secondo le disposizioni di legge e dei patti contrattuali. Articolo 3: Assegnazione degli alloggi L assegnazione degli otto mini alloggi è effettuata con apposito bando di concorso da emanarsi indicativamente con cadenza annuale e conseguente aggiornamento della graduatoria. La domanda di assegnazione deve essere presentata in Comune secondo le modalità e i termini stabiliti nel bando di concorso su apposito modello predisposto dall Ufficio Servizi Sociali. Alla domanda deve essere allegata dichiarazione ISEE presentata ai sensi del Decreto Legislativo n. 109 del 31/03/1998 come modificato ed integrato dal Decreto Legislativo n. 130 del 03/05/2000. La stesura della graduatoria definitiva per l assegnazione in locazione degli otto mini alloggi è effettuata da apposita Commissione costituita da: - il Responsabile dell Area Servizi alla Persona con funzioni di Presidente, - l Assistente Sociale, - un impiegato dell Ufficio Servizi Sociali. 2

3 La graduatoria sarà affissa all Albo Pretorio per quindici giorni consecutivi. Durante l affissione la graduatoria potrà essere impugnata, con apposito atto scritto, da coloro che hanno presentato domanda di ammissione. Le impugnazioni saranno analizzate dalla Commissione nei quindici giorni successivi e la nuova graduatoria verrà affissa nei termini di cui sopra. Dopo la pubblicazione all Albo Pretorio la graduatoria potrà essere visionata dagli interessati presso l Ufficio Servizi Sociali. La graduatoria resterà in vigore fino all approvazione della nuova graduatoria. Articolo 4: Requisiti per l ammissione e assegnazione del punteggio Per l ammissione in graduatoria è necessario: 1. risiedere in Alzano Lombardo al momento della presentazione della domanda e successivamente al momento dell assegnazione. 2. essere dichiarato dal proprio medico curante autosufficiente o parzialmente autosufficiente al momento della presentazione della domanda e conservare tale stato fino al momento dell assegnazione. 3. compiere i sessantacinque anni di età entro l anno di presentazione della domanda. In caso un nucleo familiare sia composto da più persone, i requisiti di cui ai punti 1 e 2 devono essere posseduti da tutti i componenti. Il requisito di cui al punto 3 deve essere posseduto da tutti i componenti il nucleo familiare ovvero, esclusivamente in caso di coniugi, da almeno uno dei due componenti. I punteggi verranno così assegnati: - nessuna abitazione di proprietà punti 2 - abitazione in situazione non adeguata alle esigenze della persona, previa presentazione di idonea documentazione medica e/o tecnica in tal senso punti 1 - abitazione di proprietà o diritti reali di godimento su immobili punti 0 - presenza del Servizio di Assistenza Domiciliare già attivato punti 1 alla data di apertura del bando - presenza del Servizio di Telesoccorso già attivato punti 1 alla data di apertura del bando - presenza di due persone nel nucleo familiare punti 1 3

4 - anziano autosufficiente punti 1 - anziano parzialmente autosufficiente punti 3 - occupanti di alloggi ERP comunali punti 2 - residente ad Alzano L.do fino a 5 anni alla data di apertura del bando punti 1 - residente ad Alzano L.do da 5 anni e 1 giorno a 10 anni alla data di apertura del bando punti 3 - residente ad Alzano L.do oltre i 10 anni e un 1 alla data di apertura del bando punti 5 - appartenente alla fascia ISEE da 0 a 5.165,00 Euro - appartenente alla fascia ISEE da 5.165,01 a 9.200,00 Euro punti 2 punti 1 - appartenente alla fascia ISEE superiore a 9.200,01 Euro punti 0 - anziano senza figli punti 1 Se il nucleo familiare è composto da due persone con caratteristiche che determinano l attribuzione di punteggi diversi, verrà considerato il punteggio più alto. In caso di parità di punteggio sarà data precedenza all utente più anziano. Se il nucleo familiare è composto da due persone verrà considerata l età del più anziano. Coloro che risultano inseriti in una precedente graduatoria per l assegnazione dei mini alloggi protetti per anziani avranno la precedenza, a parità di punteggio, sui nuovi richiedenti. Articolo 5: Convocazione utenti Gli utenti in graduatoria verranno convocati dall Ufficio Servizi Sociali, non appena un appartamento si renderà disponibile all assegnazione, secondo l ordine della stessa. Ogni richiedente potrà rifiutare una sola volta l assegnazione per gravi e documentati motivi; in tal caso verrà rimesso in graduatoria all ultimo posto, previa valutazione della Commissione. In caso 4

5 non sussistano gravi e documentati motivi il richiedente verrà automaticamente escluso dalla graduatoria. L Ufficio si preoccuperà di far visionare l appartamento all interessato e di confermare l assegnazione con apposito atto del Responsabile dell Area Servizi alla Persona, dopo la verifica della permanenza dei requisiti di cui all articolo 4. Successivamente la pratica sarà trasmessa all amministratore per il calcolo del canone e per la gestione amministrativa. Articolo 6: Durata della locazione e importo del canone L inquilino dovrà sottoscrivere apposito contratto di locazione presentandosi il giorno stabilito presso la sede comunale. In caso di mancata presentazione la domanda verrà automaticamente eliminata dalla graduatoria, salvo gravi e documentati motivi da presentare con atto scritto e valutati dalla Commissione. Le spese per la registrazione di tale contratto saranno ripartite secondo le disposizioni di legge. L inquilino dovrà occupare l alloggio entro trenta giorni dalla sottoscrizione del contratto pena la decadenza dall assegnazione. Il contratto di locazione avrà la durata di quattro anni e potrà essere rinnovato per altri quattro anni salvo l esercizio del diritto di recesso dell inquilino come da disposizioni di legge. Il canone di locazione è determinato dalla Giunta Comunale. Articolo 7: Servizi integrati Il Comune fornisce, a chi ne fa richiesta ed in base alla disponibilità, i seguenti servizi: - SAD, - trasporto, - telesoccorso, secondo le tariffe stabilite dalla Giunta Comunale. I servizi verranno erogati a seguito di valutazione dell Assistente Sociale e potranno essere richiesti durante tutta la durata del contratto di locazione. Gli inquilini potranno inoltre usufruire dei servizi previsti nella Convenzione tra il Comune di Alzano Lombardo e la Fondazione Martino Zanchi per la gestione dei mini alloggi protetti per Anziani. Articolo 8: Norme comportamentali Gli inquilini devono tenere un comportamento adeguato alla vita comunitaria, nella stretta osservanza delle norme in materia di ordine pubblico. In 5

6 particolare all interno dell alloggio è proibito introdurre sostanze stupefacenti, armi proprie e improprie. Gli inquilini sono tenuti a mantenere l alloggio nelle condizioni igienicosanitarie in cui è stato consegnato. E fatto divieto esplicito di: - introdurre materiale infiammabile e usare fornelli a combustibile, - gettare oggetti dalle finestre, - fare abuso di alcol, - giocare d azzardo, - introdurre animali non domestici senza il consenso scritto dell amministratore, - danneggiare mobilia e attrezzature dell Amministrazione Comunale, - lasciare oggetti fuori dall alloggio, - produrre rumori molesti, - apportare modifiche strutturali e murarie all alloggio. Eventuali spese derivanti dalla violazione di quanto sopra indicato saranno addebitate agli inquilini, comprese quelle derivanti dai danni dovuti al cattivo uso di quanto in dotazione sia come alloggio sia come struttura in genere. L amministratore interviene qualora il comportamento dell inquilino risulti scorretto o pericoloso, assumendo eventuali iniziative urgenti e improcrastinabili e relazionando sulle circostanze l Ufficio Servizi Sociali del Comune per l adozione di eventuali provvedimenti di revoca del contratto. Articolo 9: Manutenzioni La manutenzione straordinaria dei locali e degli impianti compete all Amministrazione Comunale. La manutenzione ordinaria dei locali, degli impianti e arredi, incluso la cucina, spetta agli inquilini. Gli inquilini arredano autonomamente l alloggio; si impegnano a rimuovere il proprio arredamento in caso di chiusura, per qualsiasi motivo, del contratto entro trenta giorni decorrenti dalla non occupazione dell alloggio e autorizzano l Amministrazione Comunale ad asportare, alienare e/o distruggere tale arredamento una volta scaduto senza esito il termine di cui sopra, fermo restando l imputazione delle relative spese a proprio carico o carico dei propri eredi. Articolo 10: Cauzione L inquilino deve versare, secondo le modalità stabilite dal contratto di locazione, un deposito cauzionale che sarà utilizzato per la copertura delle spese per danni e/o lavori che si rendessero necessari in conseguenza dell incuria degli ospiti nella gestione dell alloggio o degli spazi comuni. 6

7 Il versamento della cauzione deve avvenire contestualmente alla sottoscrizione del contratto di locazione. L amministratore può chiedere il reintegro del deposito cauzionale nel caso in cui sia stato utilizzato per i motivi sopra precisati. Il deposito cauzionale viene restituito all inquilino o ai suoi eredi al momento della risoluzione o scadenza del contratto e solo dopo il definitivo allontanamento dell inquilino dall alloggio, previa verifica dello stato dell appartamento. Articolo 11: Compiti dell amministratore L amministratore, oltre a quanto previsto dai singoli articoli di questo regolamento, ha il compito di soprintendere ai rapporti tra gli inquilini e l Amministrazione Comunale. Può effettuare in ogni momento controlli relativi alla gestione. Deve redigere apposito regolamento condominiale da sottoporre all assemblea ed alla Giunta Comunale per conoscenza, ad integrazione del presente regolamento e del contratto di locazione. Articolo 12: Tutela della salute e dell igiene L assistenza sanitaria viene erogata dai medici di fiducia degli inquilini e dai presidi sanitari territoriali. Gli inquilini devono attenersi, a livello di igiene personale e di pulizia dei locali, al rispetto del presente regolamento e delle norme sanitarie previste nel contesto di vita comunitaria. Articolo 13: Decadenza e revoca del contratto La morte dell inquilino determina la decadenza dal contratto. L alloggio non potrà essere concesso in locazione ad eventuali eredi, se non già conviventi ed aventi i requisiti di cui all articolo 4. La decadenza è automatica e non necessita di alcun atto da parte dell Amministrazione Comunale. Sono motivo di risoluzione del contratto: - l abbandono dell alloggio, - gravi violazioni alle norme comportamentali, - il venir meno dei requisiti per la concessione dell alloggio ad esclusione delle condizioni di autosufficienza e dell età, - la morosità per due mensilità consecutive, - il mancato reintegro del deposito cauzionale. Le segnalazioni in merito alle sopra elencate circostanze vengono trasmesse alla Commissione per l assegnazione che valuterà l eventuale risoluzione del contratto. 7

8 La risoluzione viene disposta con determinazione del Responsabile di Area. Articolo 14: Utilizzo spazi comuni Gli spazi comuni devono essere utilizzati secondo le indicazioni dell assemblea dei condomini, da convocarsi a cura dell amministratore. Articolo 15: Norma finale Per quanto non espressamente previsto nel presente regolamento si rimanda alle norme di legge in materia. 8

CITTÀ DI CHIARI PROVINCIA DI BRESCIA FONDAZIONE OPERA PIA BETTOLINI ONLUS REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI NELL IMMOBILE DI PROPRIETA SITI

CITTÀ DI CHIARI PROVINCIA DI BRESCIA FONDAZIONE OPERA PIA BETTOLINI ONLUS REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI NELL IMMOBILE DI PROPRIETA SITI CITTÀ DI CHIARI PROVINCIA DI BRESCIA FONDAZIONE OPERA PIA BETTOLINI ONLUS REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI NELL IMMOBILE DI PROPRIETA SITI IN CHIARI, VIALE CADEO Articolo 1: Oggetto Il presente

Dettagli

COMUNE DI BORE PROVINCIA DI PARMA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI APPARTAMENTI PROTETTI PER ANZIANI INTITOLATI A DON RENZO SALVI

COMUNE DI BORE PROVINCIA DI PARMA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI APPARTAMENTI PROTETTI PER ANZIANI INTITOLATI A DON RENZO SALVI COMUNE DI BORE PROVINCIA DI PARMA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI APPARTAMENTI PROTETTI PER ANZIANI INTITOLATI A DON RENZO SALVI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 17 del 18 maggio

Dettagli

3 DURATA DELLA CONCESSIONE

3 DURATA DELLA CONCESSIONE Per la valutazione della concessione dei minialloggi per portatori di handicap fisico e/o psicofisico (di cui al punto a- dell art.1, la Commissione Sociale è ulteriormente integrata da un rappresentante

Dettagli

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 5 ALLOGGI MONO E BILOCALI, POSTI IN MARLIA VIA DEL PARCO IN FAVORE DI CITTADINI E ANZIANI AUTOSUFFICIENTI

BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 5 ALLOGGI MONO E BILOCALI, POSTI IN MARLIA VIA DEL PARCO IN FAVORE DI CITTADINI E ANZIANI AUTOSUFFICIENTI BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 5 ALLOGGI MONO E BILOCALI, POSTI IN MARLIA VIA DEL PARCO IN FAVORE DI CITTADINI E ANZIANI AUTOSUFFICIENTI FINALITA E SCOPI Il presente Bando di Concorso è finalizzato

Dettagli

ALLOGGIO PROTETTO PER ANZIANI REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO, LA PERMANENZA E LA DIMISSIONE DEGLI OSPITI

ALLOGGIO PROTETTO PER ANZIANI REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO, LA PERMANENZA E LA DIMISSIONE DEGLI OSPITI ALLOGGIO PROTETTO PER ANZIANI REGOLAMENTO PER L ACCOGLIMENTO, LA PERMANENZA E LA DIMISSIONE DEGLI OSPITI (approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 80 del 20/12/2014 e modificato con deliberazione

Dettagli

Comune di Castel San Pietro Terme

Comune di Castel San Pietro Terme Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER ASSEGNAZIONE E USO DI GARAGE E POSTI AUTO DI PROPRIETÀ COMUNALE (approvato con Delibera C.C. n. 27 del 23/02/2007) ART. 1 FINALITÀ

Dettagli

C:\temp\Regolamento.doc. Residenze Universitarie Alberti ANNO ACCADEMICO 2009/2010 REGOLAMENTO

C:\temp\Regolamento.doc. Residenze Universitarie Alberti ANNO ACCADEMICO 2009/2010 REGOLAMENTO Residenze Universitarie Alberti ANNO ACCADEMICO 2009/2010 REGOLAMENTO 1 Indice NORME GENERALI ASSEGNAZIONE E REVOCA DEL POSTO ALLOGGIO 3 Art. 1. Regole di comportamento in collettività 3 Art. 2. Presa

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN EMERGENZA ABITATIVA Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 93 del 13/12/2012 SOMMARIO ART. 1 ART. 2 ART.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI PROPRIETA COMUNALE PER FINALITA SOCIO-ASSISTENZIALI.-

REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI PROPRIETA COMUNALE PER FINALITA SOCIO-ASSISTENZIALI.- REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI PROPRIETA COMUNALE PER FINALITA SOCIO-ASSISTENZIALI.- CAPO I Disposizioni generali Art. 1 Finalità Il Comune di San Martino Buon Albergo, nell ambito

Dettagli

AZIENDA SERVIZI PERSONA E FAMIGLIA AREA INTEGRAZIONE SOCIALE BANDO DI CONCORSO PER POSTI ALLOGGIO IN LOCAZIONE TEMPORANEA

AZIENDA SERVIZI PERSONA E FAMIGLIA AREA INTEGRAZIONE SOCIALE BANDO DI CONCORSO PER POSTI ALLOGGIO IN LOCAZIONE TEMPORANEA AZIENDA SERVIZI PERSONA E FAMIGLIA AREA INTEGRAZIONE SOCIALE BANDO DI CONCORSO PER POSTI ALLOGGIO IN LOCAZIONE TEMPORANEA Da assegnare a studenti di corsi universitari, stagisti, borsisti, ricercatori,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI MINI ALLOGGI DI PROPRIETA COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI MINI ALLOGGI DI PROPRIETA COMUNALE COMUNE DI CAPRIANO DEL COLLE PIAZZA MAZZINI 8 25020 CAPRIANO DEL COLLE TEL. 030 9748683 FAX 030 9747384 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI MINI ALLOGGI DI PROPRIETA COMUNALE MINI ALLOGGI PER ANZIANI PREMESSA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI ALLOGGI PROTETTI PER ANZIANI

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI ALLOGGI PROTETTI PER ANZIANI Comune di Rovereto Provincia di Trento REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI ALLOGGI PROTETTI PER ANZIANI Approvato con deliberazione del Consiglio comunale 18.07.2002, n. 41 INDICE Comune di Rovereto...1

Dettagli

AZIENDA SERVIZI PERSONA E FAMIGLIA AREA INTEGRAZIONE SOCIALE BANDO DI CONCORSO PER POSTI ALLOGGIO IN LOCAZIONE TEMPORANEA

AZIENDA SERVIZI PERSONA E FAMIGLIA AREA INTEGRAZIONE SOCIALE BANDO DI CONCORSO PER POSTI ALLOGGIO IN LOCAZIONE TEMPORANEA AZIENDA SERVIZI PERSONA E FAMIGLIA AREA INTEGRAZIONE SOCIALE BANDO DI CONCORSO PER POSTI ALLOGGIO IN LOCAZIONE TEMPORANEA Da assegnare a studenti di corsi universitari, stagisti, borsisti, ricercatori,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI PER FAR FRONTE A SITUAZIONI DI DISAGIO ABITATIVO

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI PER FAR FRONTE A SITUAZIONI DI DISAGIO ABITATIVO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI ALLOGGI PER FAR FRONTE A SITUAZIONI DI DISAGIO ABITATIVO (Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 26 del 28.06.2007 e successivamente modificato con delibera di

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA RACCOLTA DI CANDIDATURE

AVVISO PUBBLICO PER LA RACCOLTA DI CANDIDATURE AVVISO PUBBLICO PER LA RACCOLTA DI CANDIDATURE ALLOGGI IN LOCAZIONE PREMESSA Oggetto del presente avviso è la selezione dei candidati per il progetto abitativo Pompeo Leoni, comparto sito in via Pompeo

Dettagli

CASA ANZIANI ISPRESI MONS. FERRARIO

CASA ANZIANI ISPRESI MONS. FERRARIO Allegato alla deliberazione C.C. n. 34 del 30/11/2011 CASA ANZIANI ISPRESI MONS. FERRARIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI MINIALLOGGI ED OBBLIGHI A CARICO DEGLI ASSEGNATARI ART. 1 Il presente documento

Dettagli

REGOLAMENTO DI ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI COMUNALI DESTINATI AGLI ANZIANI

REGOLAMENTO DI ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI COMUNALI DESTINATI AGLI ANZIANI REGOLAMENTO DI ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI COMUNALI DESTINATI AGLI ANZIANI ART. 1: Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina l assegnazione degli appartamenti di proprietà Comunale destinati

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA COMUNITA ALLOGGIO PER ANZIANI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA COMUNITA ALLOGGIO PER ANZIANI COMUNE DI LUNANO (Provincia di Pesaro e Urbino) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA COMUNITA ALLOGGIO PER ANZIANI COMUNITA ALLOGGIO PER ANZIANI (L.R. n. 20/2012, art. 3, comma 2, lettera c) Via

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNO 2015 indetto ai sensi della Legge 9 dicembre 1998, n. 431, del Decreto del Ministero dei Lavori Pubblici 7 giugno 1999,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI APPARTAMENTI DI PROPRIETA' COMUNALE DESTINATI AD ANZIANI O DISABILI.

REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI APPARTAMENTI DI PROPRIETA' COMUNALE DESTINATI AD ANZIANI O DISABILI. COMUNE di SAVIGNO (PROVINCIA di BOLOGNA) REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DI APPARTAMENTI DI PROPRIETA' COMUNALE DESTINATI AD ANZIANI O DISABILI. - approvato con delibera di C.C. n. 47 del 21/05/2002; -

Dettagli

Comune di Castelnovo ne Monti

Comune di Castelnovo ne Monti Comune di Castelnovo ne Monti SERVIZIO SICUREZZA SOCIALE Approvato con delibera con C.C.n.70/05 REGOLAMENTO APPARTAMENTI PROTETTI RESIDENZA CASA DEGLI ARGENTINI RESIDENZA CA MARTINO PREMESSA: Il Comune

Dettagli

Settore Servizi alla Persona

Settore Servizi alla Persona BANDO DI CONCORSO PER LA FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA DEGLI ASPIRANTI ALL ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA SOVVENZIONATA NEL COMUNE DI SAN BENEDETTO DEL TRONTO IL DIRIGENTE SETTORE

Dettagli

E.R.S.U. di Ancona Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario V.lo della Serpe, 1 60121 ANCONA Tel. 071-227411 - Fax 071-57516

E.R.S.U. di Ancona Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario V.lo della Serpe, 1 60121 ANCONA Tel. 071-227411 - Fax 071-57516 E.R.S.U. di Ancona Ente Regionale per il Diritto allo Studio Universitario V.lo della Serpe, 1 60121 ANCONA Tel. 071-227411 - Fax 071-57516 REGOLAMENTO CASE DELLO STUDENTE Articolo 1 Normativa 1. L E.R.S.U.

Dettagli

COMUNE Dl TRIESTE AREA DEI SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE SERVIZIO DEMANIO E PATRIMONIO IMMOBILIARE ESPROPRI UFFICIO CASA

COMUNE Dl TRIESTE AREA DEI SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE SERVIZIO DEMANIO E PATRIMONIO IMMOBILIARE ESPROPRI UFFICIO CASA COMUNE Dl TRIESTE AREA DEI SERVIZI DI DIREZIONE GENERALE E PROTEZIONE CIVILE SERVIZIO DEMANIO E PATRIMONIO IMMOBILIARE ESPROPRI UFFICIO CASA BANDO Dl CONCORSO per l erogazione di contributi integrativi

Dettagli

Approvato con delibera del C.C. n. 37 del 12/06/2007, esecutiva il 25/06/2007

Approvato con delibera del C.C. n. 37 del 12/06/2007, esecutiva il 25/06/2007 Approvato con delibera del C.C. n. 37 del 12/06/2007, esecutiva il 25/06/2007 REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE ED USO DI GARAGE E POSTI AUTO DI PROPRIETÀ COMUNALE ART. 1 FINALITÀ DEL REGOLAMENTO E AMBITO

Dettagli

All. 5 LOCAZIONE ABITATIVA PARZIALE DI APPARTAMENTO A STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

All. 5 LOCAZIONE ABITATIVA PARZIALE DI APPARTAMENTO A STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) All. 5 LOCAZIONE ABITATIVA PARZIALE DI APPARTAMENTO A STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./sig.ra..di seguito denominato/ a locatore (assistito/a

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO LIBERTY CASA ALBERGO PER ANZIANI

REGOLAMENTO INTERNO LIBERTY CASA ALBERGO PER ANZIANI REGOLAMENTO INTERNO LIBERTY CASA ALBERGO PER ANZIANI Via Ernesto Di Fiore n.11, Cupra Marittima (AP) AGGIORNATO AL 14/07/2010 1 ART. 1 Introduzione La CASA ALBERGO LIBERTY di Cupra Marittima sita in via

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEGLI ORTI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEGLI ORTI COMUNALI COMUNE DI SCANZOROSCIATE PROVINCIA DI BERGAMO SEDE: Piazza Della Costituzione, 1 Tel. 035 654700 Fax 035 656228 COD FISC.P.IVA 00696720168 C.A.P. 24020 REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DEGLI

Dettagli

COMUNE DI BOSA. Provincia di Oristano

COMUNE DI BOSA. Provincia di Oristano COMUNE DI BOSA Provincia di Oristano C.A.P. 08013 C.so Garibaldi S.n.c. C.C.P. 11870086 C.F. 83000090916 P.I. 00202690913 Tel. 0785/368000 Fax 0785/373949 REGOLAMENTO SULLA MOBILITA AI SENSI DEL TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO E ISTITUZIONE SERVIZIO ABITATIVO APPARTAMENTI CASALGRANDE ALTO

REGOLAMENTO E ISTITUZIONE SERVIZIO ABITATIVO APPARTAMENTI CASALGRANDE ALTO REGOLAMENTO E ISTITUZIONE SERVIZIO ABITATIVO APPARTAMENTI CASALGRANDE ALTO Premessa Il Comune di Casalgrande proprietario dell immobile, sito nella frazione di Casalgrande Alto, all incrocio tra Via Statutaria

Dettagli

COMUNE DI RONCADE (Provincia di Treviso) NUOVO REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DELLE AREE DESTINATE AD EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE (P.E.E.P.

COMUNE DI RONCADE (Provincia di Treviso) NUOVO REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DELLE AREE DESTINATE AD EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE (P.E.E.P. COMUNE DI RONCADE (Provincia di Treviso) NUOVO REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DELLE AREE DESTINATE AD EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE (P.E.E.P.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 3 del

Dettagli

Comune di Parma REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE SOCIALE (ERS).

Comune di Parma REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE SOCIALE (ERS). Comune di Parma REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE SOCIALE (ERS). Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 14 del 25/02/2014 1 SOMMARIO Art. 1 OGGETTO..

Dettagli

COMUNE DI MONDAVIO Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI MONDAVIO Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI MONDAVIO Provincia di Pesaro e Urbino Ufficio Tecnico IL RESPONSABILE DELL'AREA TECNICA Vista la legge regionale Marche n. 36 del 16/12/2005 e successive integrazioni e modificazioni; Visto l

Dettagli

CASA INTEGRA - BOCCALEONE UN OPPORTUNITÀ ABITATIVA TRA LA CITTÀ E IL QUARTIERE

CASA INTEGRA - BOCCALEONE UN OPPORTUNITÀ ABITATIVA TRA LA CITTÀ E IL QUARTIERE CASA INTEGRA - BOCCALEONE UN OPPORTUNITÀ ABITATIVA TRA LA CITTÀ E IL QUARTIERE AVVISO PUBBLICO PER LA RACCOLTA DI CANDIDATURE PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE MODERATO E CON PATTO DI

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona. "San Giuseppe" di Primiero

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona. San Giuseppe di Primiero Azienda Pubblica di Servizi alla Persona "San Giuseppe" di Primiero REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI PROTETTI Allegato quale parte integrante e sostanziale alla deliberazione del Consiglio di

Dettagli

AZIENDA CASA EMILIA-ROMAGNA (ACER) FERRARA

AZIENDA CASA EMILIA-ROMAGNA (ACER) FERRARA AZIENDA CASA EMILIA-ROMAGNA (ACER) FERRARA Ente Pubblico Economico ex L.R. 24/2001 Corso Vittorio Veneto, 7 44121 Ferrara - C.F. - Partita IVA 00051510386 Centralino Tel. 0532 230311 - Servizio Clienti

Dettagli

COMUNE DI BALLAO PROVINCIA DI CAGLIARI. BANDO PUBBLICO PROGRAMMA DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTÀ - ANNO 2013 D.G.R. n. 39/9 del 26/09/2013

COMUNE DI BALLAO PROVINCIA DI CAGLIARI. BANDO PUBBLICO PROGRAMMA DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTÀ - ANNO 2013 D.G.R. n. 39/9 del 26/09/2013 COMUNE DI BALLAO PROVINCIA DI CAGLIARI BANDO PUBBLICO PROGRAMMA DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTÀ - ANNO 2013 D.G.R. n. 39/9 del 26/09/2013 IL RESPONSABILE DEI SERVIZI SOCIALI VISTA la L.R. n. 21 del

Dettagli

Il/La sig./soc. (1).di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2). in persona di ) concede in locazione al/ai signori......

Il/La sig./soc. (1).di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2). in persona di ) concede in locazione al/ai signori...... All. 4 LOCAZIONE ABITATIVA PARZIALE DI APPARTAMENTO DI NATURA TRANSITORIA TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 1) Il/La sig./soc. (1).di seguito denominato/a locatore (assistito/a

Dettagli

REGOLAMENTO CONVITTI per il PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONVITTI per il PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONVITTI per il PERSONALE DIPENDENTE dell AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE SAN CARLO BORROMEO MILANO ART. 1 OGGETTO DEL SERVIZIO E funzionante presso quest Azienda Ospedaliera un servizio di convitto.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI DI SERVIZI IN CAMPO SOCIALE. SERVIZIO DI ALLOGGI PROTETTI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI DI SERVIZI IN CAMPO SOCIALE. SERVIZIO DI ALLOGGI PROTETTI COMUNALI Comune di Toscolano Maderno Provincia di Brescia Allegato A REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI DI SERVIZI IN CAMPO SOCIALE. SERVIZIO DI ALLOGGI PROTETTI COMUNALI 1. Definizione,

Dettagli

(versione 1; revisione con C.C. n. 36 del 30.09.2010)

(versione 1; revisione con C.C. n. 36 del 30.09.2010) REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE E LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI COMUNALI UBICATI PRESSO IL CENTRO ANZIANI Art. 1 Finalità II presente regolamento disciplina le modalità di locazione, ad uso esclusivamente

Dettagli

COMUNE di VERUCCHIO PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI SOCIALI NON E.R.P.

COMUNE di VERUCCHIO PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI SOCIALI NON E.R.P. REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI SOCIALI NON E.R.P. Approvato con delibera C.C. n. 73 del 04/11/2011 Esecutivo dal 01/01/2012 Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI SOCIALI

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO FORESTERIA

REGOLAMENTO SERVIZIO FORESTERIA REGOLAMENTO SERVIZIO FORESTERIA Estratto dal Regolamento sui Servizi del Centro Residenziale, aggiornato alla delibera del C.D.A. del 03 giugno 2014. CAPO I SERVIZIO FORESTERIA Art. 19 - Destinatari del

Dettagli

COMUNE DI PAGLIETA ( Prov. di Chieti) REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI

COMUNE DI PAGLIETA ( Prov. di Chieti) REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI COMUNE DI PAGLIETA ( Prov. di Chieti) REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 09/05/2011 Capo I Disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO DEI COLLEGI UNIVERSITARI Allegato al decreto n. 16 del 10 aprile 2013

REGOLAMENTO DEI COLLEGI UNIVERSITARI Allegato al decreto n. 16 del 10 aprile 2013 Ufficio Residenze REGOLAMENTO DEI COLLEGI UNIVERSITARI Allegato al decreto n. 16 del 10 aprile 2013 Art. 1 COLLEGI UNIVERSITARI I Collegi Universitari sono strutture abitative destinate ad ospitare gli

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA FORESTERIA DELL ISTITUTO REGIONALE PER LA FLORICOLTURA

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA FORESTERIA DELL ISTITUTO REGIONALE PER LA FLORICOLTURA REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DELLA FORESTERIA DELL ISTITUTO REGIONALE PER LA FLORICOLTURA Approvato con Deliberazione di Comitato Direttivo n.11 del 14/04/2014 Art. 1 GENERALITA L Istituto Regionale per

Dettagli

COMUNE di DECIMOMANNU Provincia di Cagliari

COMUNE di DECIMOMANNU Provincia di Cagliari COMUNE di DECIMOMANNU Provincia di Cagliari REGOLAMENTO DELL INCUBATORE DI IMPRESE REALIZZATO NEL PIANO DEGLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 1 del 23 aprile

Dettagli

INDICE ART. 1 OGGETTO E FINALITA DELL INIZIATIVA ART. 2 MODALITA E CRITERI PER IL REPERIMENTO DEGLI ALLOGGI

INDICE ART. 1 OGGETTO E FINALITA DELL INIZIATIVA ART. 2 MODALITA E CRITERI PER IL REPERIMENTO DEGLI ALLOGGI REGOLAMENTO DELLE LOCAZIONI STIPULATE DAL COMUNE CON I PRIVATI PER LA SUBLOCAZIONE TEMPORANEA A FAVORE DI CITTADINI IN STATO DI EMERGENZA ABITATIVA, DI BISOGNO O DI EMARGINAZIONE SOCIALE INDICE ART. 1

Dettagli

BANDO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO E L ATTUAZIONE DEI PATTI SOCIALI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA

BANDO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO E L ATTUAZIONE DEI PATTI SOCIALI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA Comune di Fiorano Modenese Assessorato alle Politiche Sociali BANDO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO E L ATTUAZIONE DEI PATTI SOCIALI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA ANNO 2015 Il COMUNE DI FIORANO per contrastare

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED ASSEGNAZIONE POSTI AUTO ED AUTORIMESSE DI PERTINENZA DI ALLOGGI POPOLARI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED ASSEGNAZIONE POSTI AUTO ED AUTORIMESSE DI PERTINENZA DI ALLOGGI POPOLARI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED ASSEGNAZIONE POSTI AUTO ED AUTORIMESSE DI PERTINENZA DI ALLOGGI POPOLARI Regolamento adottato in Consiglio Comunale n. 82 del 22/11/2007 1 Art. 1 GENERALITA Gli immobili

Dettagli

Comune di Piacenza assessorato al nuovo welfare e sostegno alle famiglie EMERGENZA ABITATIVA CONTRIBUTI ECONOMICI A SOSTEGNO DEI PIACENTINI

Comune di Piacenza assessorato al nuovo welfare e sostegno alle famiglie EMERGENZA ABITATIVA CONTRIBUTI ECONOMICI A SOSTEGNO DEI PIACENTINI Conferenza Stampa Comune di Piacenza assessorato al nuovo welfare e sostegno alle famiglie EMERGENZA ABITATIVA CONTRIBUTI ECONOMICI A SOSTEGNO DEI PIACENTINI Stefano Cugini - Luigi Squeri - Laura Vlacci

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE ALLOGGI VILLA IL PINO DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO GENERALE ALLOGGI VILLA IL PINO DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO GENERALE ALLOGGI VILLA IL PINO DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 DESTINATARI DEI POSTI ALLOGGIO DELLA FORESTERIA La foresteria consta di strutture abitative, in uso alla Cascina Global Service destinate

Dettagli

All.1) ZONA SOCIALE N. 4

All.1) ZONA SOCIALE N. 4 All.1) ZONA SOCIALE N. 4 AVVISO PUBBLICO AI SENSI DELL ARTICOLO 7 DELLA LEGGE REGIONALE N. 13 DEL 16 FEBBRAIO 2010 (Disciplina dei servizi e degli interventi a favore della famiglia) CONCERNENTE INTERVENTI

Dettagli

COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze) SERVIZIO AFFARI GENERALI E FINANZIARI

COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze) SERVIZIO AFFARI GENERALI E FINANZIARI COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze) SERVIZIO AFFARI GENERALI E FINANZIARI Bando di concorso per l assegnazione di contributi ad integrazione dei canoni di locazione, indetto ai sensi dell art. 11 della

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI A CANONE CONTENUTO

PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI A CANONE CONTENUTO Comune di Imola Provincia di Bologna Via Mazzini n. 0026 Imola Tel. 052-602111-Fax 602289. REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI A CANONE CONTENUTO Approvato con delibera C.C. n. 160 del 18.07.2005,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI PER EMERGENZA ABITATIVA (deliberazione C.C. n.41 del 12.7.2011) ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI PER EMERGENZA ABITATIVA (deliberazione C.C. n.41 del 12.7.2011) ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI PER EMERGENZA ABITATIVA (deliberazione C.C. n.41 del 12.7.2011) ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina le modalità di concessione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE AGLI APPARTAMENTI PROTETTI DEL CENTRO SERVIZI SOCIO SANITARI E RESIDENZIALI MALÉ

REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE AGLI APPARTAMENTI PROTETTI DEL CENTRO SERVIZI SOCIO SANITARI E RESIDENZIALI MALÉ REGOLAMENTO PER L AMMISSIONE AGLI APPARTAMENTI PROTETTI DEL CENTRO SERVIZI SOCIO SANITARI E RESIDENZIALI MALÉ Il Centro Servizi dispone di una palazzina di quindici appartamenti, autonomi: dodici ad un

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Pro Senectute Via Valdirivo, 11- Trieste. Regolamento della Casa Albergo Enrico Caratti. Art.

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Pro Senectute Via Valdirivo, 11- Trieste. Regolamento della Casa Albergo Enrico Caratti. Art. Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Pro Senectute Via Valdirivo, 11- Trieste Regolamento della Casa Albergo Enrico Caratti Art. 1 Definizione Nel rispetto delle finalità previste dall art. 2 dello

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione Allegato n. 1 REGOLAMENTO PER L AMPLIAMENTO DEL NUCLEO FAMILIARE E PER L OSPITALITA TEMPORANEA IN ALLOGGI DI E.R.P, DI CUI AGLI ARTT. 25, c. 6 d) E 27 DELLA L.R. N. 24/2001. TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

UNIONE di COMUNI FIESOLE VAGLIA Provincia di Firenze

UNIONE di COMUNI FIESOLE VAGLIA Provincia di Firenze UNIONE di COMUNI FIESOLE VAGLIA Provincia di Firenze BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DEI CANONI DI LOCAZIONE indetto ai sensi dell art. 11 della 9 dicembre 1998, n. 431, che istituisce

Dettagli

REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI REGOLAMENTO AUTOGESTIONE DEGLI ALLOGGI E DEI SERVIZI Regolamento per la gestione autonoma dei servizi in applicazione della Legge regionale n. 22/2001 art. 22, 23 e 24 e della Delibera del Consiglio A.T.C.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA E LA CONVIVENZA GUIDATA DELLA CASA DELLE DONNE SOLE E/O CON FIGLI E DELLA CASA DEGLI UOMINI SOLI E/O CON FIGLI,

REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA E LA CONVIVENZA GUIDATA DELLA CASA DELLE DONNE SOLE E/O CON FIGLI E DELLA CASA DEGLI UOMINI SOLI E/O CON FIGLI, REGOLAMENTO PER L ACCOGLIENZA E LA CONVIVENZA GUIDATA DELLA CASA DELLE DONNE SOLE E/O CON FIGLI E DELLA CASA DEGLI UOMINI SOLI E/O CON FIGLI, IN SITUAZIONI DI DIFFICOLTA Approvato con deliberazione del

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO PASTI A DOMICILIO

REGOLAMENTO SERVIZIO PASTI A DOMICILIO REGOLAMENTO SERVIZIO PASTI A DOMICILIO Pagina 1 di 7 Indice ART. 1 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO...3 ART. 2 QUANDO VIENE EROGATO IL SERVIZIO PASTI...3 ART. 3 MODALITA DI ACCESSO E AMMISSIONE AL SERVIZIO...3

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA Finanziamento anno 2014 1 Art. 1 Oggetto Il presente documento stabilisce i criteri per la

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN USO TEMPORANEO DI ALLOGGI DI PROPRIETA DEL COMUNE Di PISTOIA Approvato con Deliberazione CC n 120 del 19/7/2011

REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN USO TEMPORANEO DI ALLOGGI DI PROPRIETA DEL COMUNE Di PISTOIA Approvato con Deliberazione CC n 120 del 19/7/2011 REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE IN USO TEMPORANEO DI ALLOGGI DI PROPRIETA DEL COMUNE Di PISTOIA Approvato con Deliberazione CC n 120 del 19/7/2011 ARTICOLO 1 OGGETTO E FINALITA 1. Il presente Regolamento

Dettagli

COMUNE DI MARANO LAGUNARE PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI MARANO LAGUNARE PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI MARANO LAGUNARE PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI POSTI BARCA Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente Regolamento, nel rispetto del Piano regolatore dei porti, disciplina

Dettagli

COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE BANDO PUBBLICO IL DIRETTORE

COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE BANDO PUBBLICO IL DIRETTORE COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE PATRIMONIO IMMOBILIARE BANDO PUBBLICO IL DIRETTORE VISTO il Decreto n. 4114 del 25 luglio 2005 con il quale il Dirigente della Direzione Generale Politiche Territoriali e Ambientali

Dettagli

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D.

Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. Servizio Assistenza Domiciliare S. A. D. (Approvato con Delibera Consiglio Comunale n. 11 del 22/01/08 ) Indice Art. 1 Definizione del servizio pag. 2 Art. 2 Finalità ed obiettivi pag. 2 Art. 3 Destinatari

Dettagli

AZIENDAREGIONALETERRITORIALEEDILIZIA

AZIENDAREGIONALETERRITORIALEEDILIZIA AZIENDAREGIONALETERRITORIALEEDILIZIA AMBITO TERRITORIALE DI UTENZA P RIVIERA SPEZZINA COMPRENDENTE I COMUNI DI: Levanto, Bonassola, Framura, Deiva Marina, Riomaggiore, Vernazza, Monterosso al Mare. BANDO

Dettagli

CRITERI, PARAMETRI E MODALITA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO REGIONALE PREVISTO DALL ART. 4, COMMA 5, L.R. N. 10/03

CRITERI, PARAMETRI E MODALITA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO REGIONALE PREVISTO DALL ART. 4, COMMA 5, L.R. N. 10/03 Allegato al D.A.n 1571 del 14/06/2004 CRITERI, PARAMETRI E MODALITA DI ACCESSO AL CONTRIBUTO REGIONALE PREVISTO DALL ART. 4, COMMA 5, L.R. N. 10/03 OBIETTIVI La Regione riconosce e promuove quale soggetto

Dettagli

REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA

REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA Approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 34 del 22/04/2013 REGOLAMENTO CONTRIBUTI ED INTERVENTI PER EMERGENZA ABITATIVA Art. 1 AMBITO

Dettagli

COMUNE DI PONZANO VENETO

COMUNE DI PONZANO VENETO COMUNE DI PONZANO VENETO Provincia di Treviso REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DEGLI ALLOGGI COMUNALI PER ANZIANI (Approvato con deliberazioni di Consiglio Comunale n. 49 del 19/12/2013

Dettagli

COMUNE DI MANIAGO CANONE DI LOCAZIONE

COMUNE DI MANIAGO CANONE DI LOCAZIONE BANDO DI CONCORSO N. 24 2015 (ai sensi della L.R. 6/2003, del Regolamento di esecuzione dell art. 3 della L.R. 6/2003 approvato con D.P.Reg. n. 0119/Pres. del 13/4/2004 e loro successive modifiche ed integrazioni)

Dettagli

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MILANO) REGOLAMENTO DI GESTIONE ORTI PER ANZIANI DI BRUGHERIO

COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MILANO) REGOLAMENTO DI GESTIONE ORTI PER ANZIANI DI BRUGHERIO COMUNE DI BRUGHERIO (PROVINCIA DI MILANO) REGOLAMENTO DI GESTIONE ORTI PER ANZIANI DI BRUGHERIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 60 del 17/05/2000 REGOLAMENTO DI GESTIONE ORTI PER

Dettagli

PROGETTO DI INTEGRAZIONE SOCIALE FRA ANZIANI, DISABILI E STUDENTI UNIVERSITARI DENOMINATO VICINATO SOLIDALE

PROGETTO DI INTEGRAZIONE SOCIALE FRA ANZIANI, DISABILI E STUDENTI UNIVERSITARI DENOMINATO VICINATO SOLIDALE PROGETTO DI INTEGRAZIONE SOCIALE FRA ANZIANI, DISABILI E STUDENTI UNIVERSITARI DENOMINATO VICINATO SOLIDALE BANDO DI CONCORSO PER ASSEGNAZIONE POSTO ALLOGGIO A FAVORE DEGLI ALLIEVI DELLA SEDE DI PIACENZA

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

UNIONE MONTANA DEI COMUNI DELLA VALTIBERINA TOSCANA UNIONE MONTANA DEI COMUNI DELLA VALTIBERINA TOSCANA

UNIONE MONTANA DEI COMUNI DELLA VALTIBERINA TOSCANA UNIONE MONTANA DEI COMUNI DELLA VALTIBERINA TOSCANA UNIONE MONTANA DEI COMUNI DELLA VALTIBERINA TOSCANA ANGHIARI BADIA TEDALDA CAPRESE MICHELANGELO MONTERCHI SANSEPOLCRO SESTINO UNIONE MONTANA DEI COMUNI DELLA VALTIBERINA TOSCANA Bando per l assegnazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L UTILIZZAZIONE DELLA CASA DELLE ASSOCIAZIONI INDICE Articolo 1 - Articolo 2 - Articolo 3 - Articolo 4 - Articolo 5 - Articolo 6 - Articolo 7 - Articolo 8 - Articolo 9 - Articolo

Dettagli

COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DI ORMEGGI (POSTI BARCA)

COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DI ORMEGGI (POSTI BARCA) COMUNE DI MARANO LAGUNARE Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE E LA GESTIONE DI ORMEGGI (POSTI BARCA) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 06 del 16 marzo 2015 Articolo

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE AD USO NON ABITATIVO

CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE AD USO NON ABITATIVO CONTRATTO DI LOCAZIONE DI IMMOBILE AD USO NON ABITATIVO L anno il giorno del mese di presso la sede dell I.A.C.P. di Caserta, alla Via E. Ruggiero N.47, in Caserta, con il presente atto l Istituto Autonomo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A PERSONE FISICHE FINALIZZATI ALL'ACQUISTO, ALLA COSTRUZIONE O AL RECUPERO DELLA PRIMA ABITAZIONE.

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A PERSONE FISICHE FINALIZZATI ALL'ACQUISTO, ALLA COSTRUZIONE O AL RECUPERO DELLA PRIMA ABITAZIONE. REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A PERSONE FISICHE FINALIZZATI ALL'ACQUISTO, ALLA COSTRUZIONE O AL RECUPERO DELLA PRIMA ABITAZIONE. Approvato con deliberazione consiliare n.68/28.11.2007 Art.

Dettagli

Enti Pubblici IPAB ISMA ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO

Enti Pubblici IPAB ISMA ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO Enti Pubblici IPAB ISTITUTI DI S. MARIA IN AQUIRO Avviso 10 luglio 2014, n. 1 Bando pubblico per l'assegnazione in locazione di una unità immobiliare non di pregio sita in Roma Via Ennio Bonifazi, 48/B

Dettagli

Descrizione dell intervento convenzionato e condizioni di acquisto

Descrizione dell intervento convenzionato e condizioni di acquisto COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA Provincia di Bologna * * * BANDO PUBBLICO PER LA CESSIONE IN DIRITTO DI PROPRIETA DI N. 2 ALLOGGI DI EDILIZIA CONVENZIONATA COMPRESI NEL COMPARTO RESIDENZIALE C2.5 IN LOCALITA

Dettagli

Il Commissario Delegato

Il Commissario Delegato REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI VILLAGGI ATTREZZATI PER LE COMUNITA NOMADI NELLA REGIONE LAZIO Visto il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data 21 maggio 2008, recante la dichiarazione

Dettagli

Art. 1 Requisiti per l ammissione al concorso

Art. 1 Requisiti per l ammissione al concorso UNIONE MONTANA DEI COMUNI DELLA VALTIBERINA TOSCANA ANGHIARI BADIA TEDALDA CAPRESE MICHELANGELO MONTERCHI SANSEPOLCRO SESTINO UNIONE MONTANA DEI COMUNI DELLA VALTIBERINA TOSCANA Bando per l assegnazione

Dettagli

VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI

VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI VIVERE VICINI IN VIA VOLTRI AVVISO PER L ASSEGNAZIONE DI ALLOGGI IN LOCAZIONE A CANONE SOCIALE NEL COMUNE DI MILANO VIA VOLTRI Ai sensi della Convenzione tra Comune di Milano e Pessina Costruzioni S.P.A.

Dettagli

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO Provincia di Milano

COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO Provincia di Milano COMUNE DI VEDANO AL LAMBRO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER CONCESSIONE ED USO DEGLI ORTI URBANI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 16 del 27/2/2007 Art. 1 DEFINIZIONE Per orto urbano

Dettagli

COMUNE DI ALA DEI SARDI

COMUNE DI ALA DEI SARDI PROT. N. 2375 DEL 06.06.2013 COMUNE DI ALA DEI SARDI Provincia di Olbia Tempio AREA AMMINISTRATIVA BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 2 TITOLARITA PER IL SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE

Dettagli

COMUNE DI COMUN NUOVO Provincia di Bergamo P.zza De Gasperi, 10 24040 Comun Nuovo Tel. 035/595043 fax 035/595575 p.i.00646020164

COMUNE DI COMUN NUOVO Provincia di Bergamo P.zza De Gasperi, 10 24040 Comun Nuovo Tel. 035/595043 fax 035/595575 p.i.00646020164 COMUNE DI COMUN NUOVO Provincia di Bergamo P.zza De Gasperi, 10 24040 Comun Nuovo Tel. 035/595043 fax 035/595575 p.i.00646020164 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE DEL BAR-CAFFE

Dettagli

Bando di concorso per l assegnazione di contributi ad integrazione dei canoni di locazione - Anno 2015

Bando di concorso per l assegnazione di contributi ad integrazione dei canoni di locazione - Anno 2015 PROVINCIA DI FIRENZE Tel. (055) 819941 Bando di concorso per l assegnazione di contributi ad integrazione dei canoni di locazione - Anno 2015 Il presente bando è emanato ai sensi dell art. 11 della legge

Dettagli

REGOLAMENTO DELL USO DEGLI ALLOGGI DI ERP E DELL OSPITALITA

REGOLAMENTO DELL USO DEGLI ALLOGGI DI ERP E DELL OSPITALITA Regolamento n. 1 REGOLAMENTO DELL USO DEGLI ALLOGGI DI ERP E DELL OSPITALITA TITOLO I DELL USO DEGLI ALLOGGI ERP. PREMESSA L art. 25 della L.R. 8 agosto 2001 n. 24 Disciplina generale dell intervento pubblico

Dettagli

BANDO PER LA FORMAZIONE DI GRADUATORIA PER L ACQUISTO DI ALLOGGI DI EDILIZIA A PREZZO CONVENZIONATO IN VIA CURIEL

BANDO PER LA FORMAZIONE DI GRADUATORIA PER L ACQUISTO DI ALLOGGI DI EDILIZIA A PREZZO CONVENZIONATO IN VIA CURIEL BANDO PER LA FORMAZIONE DI GRADUATORIA PER L ACQUISTO DI ALLOGGI DI EDILIZIA A PREZZO CONVENZIONATO IN VIA CURIEL SI RENDE NOTO che l Amministrazione Comunale, nell ambito delle proprie politiche abitative

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME

BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME Prot. n. 946 Del /3/4 BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME ANNUALITA 3 Il Responsabile del Servizio

Dettagli

PROGETTO DI INTEGRAZIONE SOCIALE FRA ANZIANI, DISABILI E STUDENTI UNIVERSITARI DENOMINATO VICINATO SOLIDALE

PROGETTO DI INTEGRAZIONE SOCIALE FRA ANZIANI, DISABILI E STUDENTI UNIVERSITARI DENOMINATO VICINATO SOLIDALE PROGETTO DI INTEGRAZIONE SOCIALE FRA ANZIANI, DISABILI E STUDENTI UNIVERSITARI DENOMINATO VICINATO SOLIDALE BANDO DI CONCORSO PER ASSEGNAZIONE POSTO ALLOGGIO A FAVORE DEGLI ALLIEVI DELLA SEDE DI PIACENZA

Dettagli

Alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica

Alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica Alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica Modalità di assegnazione Riferimenti normativi LEGGE REGIONALE 5 GENNAIO 2000 N. 1 '"Riordino del sistema delle autonomie in Lombardia. Attuazione del D.Lgs. 31

Dettagli

Chiedere subito all'agenzia il costo del servizio di intermediazione per evitare sorprese.

Chiedere subito all'agenzia il costo del servizio di intermediazione per evitare sorprese. Guida pratica e giuridica per la ricerca di un alloggio in Italia Affittare una casa 1 Leggi di riferimento Legge 27 Luglio 1078 n. 392 (equo canone) Legge 8 Agosto 1992, n.359 (patti in deroga) Legge

Dettagli

Protocollo Operativo per il funzionamento dell Agenzia Casa

Protocollo Operativo per il funzionamento dell Agenzia Casa Protocollo Operativo per il funzionamento dell Agenzia Casa 1. Finalità L'agenzia casa è un servizio pubblico del Comune di Modena volto istituzionalmente ad assicurare l'accesso alla casa ai cittadini

Dettagli