LETTERA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LETTERA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE"

Transcript

1 LETTERA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Dott.ssa Patrizia Bravo AGEC è un azienda la cui attività si compenetra con quasi 100 anni della storia della città di Verona, soprattutto con la storia dei suoi cittadini più deboli. Nata storicamente per la gestione del patrimonio abitativo residenziale pubblico, con la trasformazione nel 1997 in Azienda Speciale ha visto ampliare le proprie competenze. Nel 2000 è stata affi data ad Agec la gestione dei 23 cimiteri comunali e nel 2005 la gestione delle 13 Farmacie Comunali. Con questo primo bilancio sociale si concretizza la scelta di una nuova modalità di rendicontazione e di comunicazione. Con la rendicontazione sociale delle attività svolte intendiamo comunicare con ogni persona, gruppo o ente che riponga aspettative legittime nei confronti di Agec e che quindi necessiti di informazioni trasparenti, chiare e imparziali. Vogliamo quindi rendere esplicita la dimensione sociale e ambientale dell Azienda, oltre a quella economica già ampiamente rendicontata nei nostri bilanci. Questo percorso di crescita culturale coinvolge il Consiglio di Amministrazione e Agec tutta e parte dalla consapevolezza che la legittimazione sociale di ogni organizzazione sia pubblica che privata non può essere guadagnata e mantenuta nel tempo senza dedicare attenzione e risorse: alle necessità della collettività, alla soddisfazione di utenti e collaboratori, alla salvaguardia della salute e della sicurezza negli ambienti di lavoro, alla collaborazione con le Istituzioni, all attenzione all impatto sociale ed ambientale di ogni attività intrapresa, e, non ultimo, alla necessità di una comunicazione trasparente di tutto ciò. L attitudine al sociale viene a volte data per scontata soprattutto in ambito pubblico ma è solo nell autoanalisi dei comportamenti che si può dare signifi cato veritiero al proprio agire e questo è stato il percorso intrapreso in questi anni dall Azienda. L autoanalisi cui ci siamo sottoposti in questi quattro anni, sia per la certifi cazione di qualità delle attività cimiteriali e funebri sia per la preparazione di questo documento, ha contribuito sicuramente a migliorare il nostro agire e di conseguenza la percezione esterna dell Azienda. I risultati rendicontati attengono all esercizio 2005, un periodo troppo breve tuttavia per poter dare un reale giudizio di valore. Pur essendo Agec radicata nella storia cittadina non sempre è realmente conosciuta; il documento si sofferma quindi a esporre le premesse dell argomento che verrà poi trattato, per scelta comunicativa al fi ne di eliminare ogni eventuale asimmetria informativa. Ci auguriamo che i riscontri da parte dei nostri lettori siano numerosi e propositivi, per incrementare il dialogo tra Agec e la città e per apportare in futuro al documento le modifi che necessarie e utili al miglioramento della conoscenza di Agec da parte dei nostri Stakeholder, e viceversa.

2 COMPOSIZIONE ORGANI SOCIALI DELL AZIENDA CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Dott.ssa PATRIZIA BRAVO Presidente del Consiglio Consiglieri e rispettivi incarichi: Sig.ra FRANCESCA BRAGAJA Sig.ra SILVANA CASTELLANI Dott.ssa ANNA FORESTI Sviluppo e miglioramento dei rapporti con l'utenza immobiliare Sviluppo e miglioramento dei rapporti con l'utenza immobiliare Sviluppo e miglioramento dei contatti con le associazioni e della gestione delle problematiche dei diversamente abili Geom. ROBERTO COLOGNATO Arch. VINCENZO GENOVESE Sviluppo del settore tecnico (progettazioni, lavori e manutenzioni) Sviluppo del settore tecnico (progettazioni, lavori e manutenzioni) Sig ANDREA BRUNELLI Sviluppo e miglioramento dei rapporti con l'utenza cimiteriale e funeraria; sviluppo del settore tecnico Sig. MARCELLO PIGOZZI Sviluppo e miglioramento dell URP e dei rapporti con le Circoscrizioni Sig. ALBINO CALOI Sviluppo e formazione del personale DIRETTORE GENERALE Ing. SANDRO TARTAGLIA COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Dott. FRANCO POLLANI Presidente del Collegio Dott. GIANLUCA DALL'OGLIO Componente effettivo Rag. AGOSTINO SCAPINI Componente effettivo GARANTE DEGLI INQUILINI Sig. GIUSEPPE BRAGA

3 NOTA INTRODUTTIVA E METODOLOGICA Questo documento è il primo Bilancio Sociale di Agec, Azienda speciale del Comune di Verona. L obiettivo di questo documento è di fornire informazioni sull attività aziendale che siano utili, agli interlocutori dell Azienda, per meglio comprendere e valutare le performance economiche sociali e ambientali di Agec. Trattandosi della prima redazione si cercherà di dare un quadro il più possibile esaustivo e completo di tutte le attività svolte, cercando di esplorare la complessità aziendale in maniera trasparente, neutrale e intelligibile. Questo primo Bilancio Sociale quindi si preoccupa di far conoscere chi è Agec, che cosa gestisce e di dare informazioni oggettive e verificabili sul come vengono svolte le molteplici attività aziendali attraverso indicatori quali-quantitativi. Al lettore la libertà di trarre le proprie conclusioni sui risultati ottenuti. Il bilancio è stato redatto secondo principi e indicazioni procedurali contenute nei Principi di Redazione del Bilancio Sociale elaborati nel 2001 dal Gruppo di Studio per il Bilancio Sociale (GBS). La qualità del processo di formazione e le informazioni in esso contenute rispettano pertanto i principi enunciati dalle Linee guida GBS, con particolare attenzione ai principi di: Responsabilità Trasparenza Neutralità Comparabilità Comprensibilità e chiarezza Significatività e rilevanza Verificabilità dell informazione Attendibilità e fedele rappresentazione L ambito di analisi è relativo all attività svolta dall Azienda speciale attraverso i propri organi aziendali ed i propri collaboratori. Il periodo di riferimento è l esercizio Tuttavia, qualora ritenuto significativo, l indagine si sposta sull ultimo triennio o anche oltre (come ad esempio nella sezione dedicata agli interventi edilizi, nell intento di dare una visione più esaustiva delle performance di questa attività, per sua natura, pluriennale). I dati quantitativi esposti nel documento sono tratti sia dalla contabilità, generale e analitica, sia dal sistema informativo centrale e sezionale (gestionale). I dati descrittivi sono tratti fedelmente dalla documentazione aziendale, sia di tipo istituzionale che tecnico-amministrativo. Come previsto quindi dalle linee guida GBS, il documento si compone di tre parti: 1. L Identità aziendale: la storia, i valori, l assetto, la strategia e gli obiettivi aziendali. 2. La produzione e distribuzione del Valore aggiunto: l effetto economico dell attività sulle categorie di stakeholder. 3. La Relazione sociale, dove, per ciascuna categoria di portatori di interessi, sono descritte le politiche e le attività effettivamente svolte. Trattandosi del primo Bilancio Sociale, il documento risente dei limiti derivanti dalla mancanza a volte di una rilevazione periodica e sistematica dei dati e degli indicatori di performance economica, sociale ed ambientale finalizzati al monitoraggio delle prestazioni e alla rendicontazione sociale periodica.

4 l identita aziendale

5

6 l identita aziendale L identità aziendale Storia ed evoluzione di Agec I valori di riferimento Missione Sistema di governo e assetto organizzativo Le principali attività La strategia aziendale Progetti, obiettivi e la politica della qualità 10 l identita aziendale

7 1908, Facciata di Palazzo Cappella dei Diamanti. l identita aziendale > oooo 11

8 STORIA ED EVOLUZIONE DI AGEC L INIZIO dell ATTIVITA Nel dicembre del 1909 il Consiglio Comunale della Città di Verona propose la costituzione di un azienda municipalizzata per la costruzione dei primi quartieri di case popolari. l identita aziendale Il progetto riportò l approvazione della Commissione Reale nell agosto dell anno successivo ed il 9 ottobre 1910 fu indetto un referendum popolare: la cittadinanza veronese rispose in modo molto favorevole e fu così che l azienda delle case popolari iniziò la propria storia. La posa della prima pietra avvenne il 30 ottobre del 1910 e nel novembre del 1912 furono consegnati gli appartamenti ai primi inquilini. Nel 1913 furono avviati lavori che portarono alla costruzione di ben 19 fabbricati, per la maggior parte ubicati a Porta Palio e gli altri a S. Pancrazio e in Borgo Roma, il tutto per la capienza complessiva di 435 appartamenti. La durissima congiuntura della grande guerra e i difficili inizi della ricostruzione determinarono un comprensibile rallentamento delle attività dell azienda delle case popolari. Dal 1924 al 1937 la costruzione dei fabbricati riprese con slancio nelle diverse zone della città. Inoltre, l Amministrazione comunale, con deliberazione podestarile, il 26 agosto 1930 deliberò di affidare all azienda comunale delle case popolari la gestione, per conto del Comune, degli stabili comunali concessi in affidanza a ditte private. In conformità a tale provvedimento, l azienda assunse il nome di Azienda Gestione Edifici Comunali. Anche nei difficili anni della seconda guerra mondiale, l attività aziendale subì una battuta d arresto, per riprendere poi nel periodo post bellico della ripresa e del successivo boom economico, fino ad arrivare ai giorni nostri 12 l identita aziendale > storia ed evoluzione di agec

9 con un patrimonio di circa unità immobilari civili tra usi abitativi ed usi diversi (cfr. Analisi e composizione del patrimonio immobiliare in gestione ) IL PATRIMONIO IMMOBILIARE PER ANNO DI COSTRUZIONE % % % % % < % DALLA TRASFORMAZIONE ALLA DIVERSIFICAZIONE Dati aggiornati al 20/03/2006 Agec continua la propria attività di amministrazione e gestione degli immobili comunali in forma di Azienda Municipalizzata fino all aprile 1997, data in cui viene trasformata dal Comune di Verona in Azienda Speciale, in ottemperanza del disposto degli artt. 22 e 23 della legge 142/90 Legge di riforma dei servizi pubblici locali. La forma giuridica di Azienda Speciale, ente strumentale del Comune, rende possibile la coesistenza di aspetti pubblicistici e sociali all interno di una struttura gestionale organizzata in forma d impresa, che, a differenza dell impresa commerciale, non mira al profitto ma all economicità della gestione ovvero al pareggio di bilancio. In altre parole, la riforma mirava a creare nuove strutture che consentissero una gestione più dinamica ed imprenditoriale dei servizi pubblici. l identita aziendale > storia ed evoluzione di agec 13

10 Inoltre entro il 31/ , i Comuni veneti potevano decidere di costituire una propria azienda speciale per la gestione del proprio patrimonio ERP oppure devolvere tutti i fabbricati alle competenti Ater provinciali. Il Comune di Verona in data 31/12/97 possedeva già una propria azienda speciale operativa, quindi continuò a gestire direttamente il proprio patrimonio a mezzo di una controllata. Da ciò trae origine la motivazione della coesistenza di due strutture di gestione ERP sul territorio comunale veronese: l Ater e l Agec. Con delibera consiliare n. 105/96, il Comune di Verona elencava e classificava il patrimonio gestito da Agec, e delegava alla stessa tutte le sue competenze in tema di gestione ERP e derivanti dalla L.R. 10/96. Con il successivo Contratto di Servizio il Comune delegava ad Agec la facoltà di modificare la suddivisione del patrimonio; contestualmente Agec diveniva inoltre interlocutore della Regione Veneto in materia di edilizia abitativa. l identita aziendale Nel 1996 l Amministrazione Comunale decideva di assegnare ad Agec il cinquecentesco edificio Palazzo dei Diamanti rendendo così possibile la riunione di tutti gli uffici aziendali in un unica e prestigiosa sede, uffici all epoca suddivisi in quattro diverse localizzazioni. Il palazzo sarà in seguito conferito ad Agec come capitale di dotazione e nel contempo oggetto di ristrutturazioni e migliorie (2001/02). Nel marzo 1999 l Amministrazione Comunale affidava ad Agec la gestione dei 23 cimiteri veronesi e di tutti i servizi cimiteriali connessi; dal mese di aprile, prendeva avvio l affidamento del servizio di trasporto ed onoranze funebri e quello di illuminazione votiva, fino al quel momento gestiti da Agsm. Sopra: cantiere durante la costruzione dell Atrio del Cimietro Monumentale - fine l identita aziendale > storia ed evoluzione di agec

11 Interni Palazzo Diamanti nel 1920 Atrio piano terra In particolare, con deliberazione consiliare 11 marzo 1999 n. 20, in occasione dell approvazione del Piano Programma dell Agec per gli anni , il Consiglio Comunale di Verona stabiliva di unificare la gestione dei servizi cimiteriali e funerari in capo ad Agec trasferendo all Azienda la concessione di tutti i cimiteri cittadini e tutti i rapporti giuridici attivi e passivi relativi alla gestione cimiteriale e funeraria. Con questo atto veniva completata una complessa operazione istituzionale intesa a concentrare in capo all Agec una molteplicità di servizi cimiteriali e funerari, fino ad allora gestiti in modo frammentario da più soggetti; pertanto, in funzione dell affidamento, già con deliberazione consiliare n. 21 del 12 febbraio 1998, era stata ampliata la competenza istituzionale dell Azienda fino a ricomprendervi (art. 2, comma 1, lett. e, dello statuto aziendale) la gestione dei servizi cimiteriali ed, in particolare, gli adempimenti operativi di natura istituzionale disciplinati dal D.P.R. 10 settembre 1990, n. 285, i trasporti e le onoranze funebri e l edilizia cimiteriale con i connessi atti autorizzativi e concessori con il mantenimento del diritto di privativa sui trasporti funebri. Con successiva deliberazione consiliare n.78 del 22 novembre 2001, il testo dell art. 2 dello statuto aziendale veniva ulteriormente modificato eliminando il riferimento all esercizio del servizio di trasporto funebre con diritto di privativa. l identita aziendale > storia ed evoluzione di agec 15

12 Agec, inizia quindi ad operare in un settore totalmente nuovo e gli anni che seguono sono dedicati ad una completa riorganizzazione aziendale sia in funzione dell ampliamento delle attività, sia in funzione della connessa e necessaria espansione delle dimensioni aziendali in termini di risorse umane ed economiche. In data 14/02/2005 Agec ha conseguito la certificazione del proprio sistema di gestione secondo la norma UNI EN ISO 9001:2000 per l erogazione di servizi cimiteriali e funerari. Ed ancora il 14/12/2005 il Consiglio Comunale ha deliberato l affidamento della gestione del servizio farmaceutico comunale in capo ad Agec a partire dal 1 gennaio 2006 Il servizio è articolato sulla gestione delle tredici farmacie comunali localizzate nei vari quartieri della città. l identita aziendale 16 l identita aziendale > storia ed evoluzione di agec

13 I VALORI DI RIFERIMENTO I principi assunti dall azienda per guidare le proprie scelte strategiche, le linee politiche ed i comportamenti operativi di coloro che contribuiscono alla gestione, sono dichiarati nei propri documenti fondamentali (art. 28 dello Statuto; art. 4 Contratto di Servizio; Piano programma) e nel Manuale per la Qualità e possono essere così riassunti : a) Eguaglianza e Imparzialità di trattamento. Agec s impegna a garantire parità di trattamento a tutti i cittadini residenti nel territorio di competenza, con particolare attenzione, sia nel rapporto diretto agli sportelli che in quello indiretto, ai soggetti portatori di handicap, anziani e cittadini appartenenti a fasce sociali deboli. L eguaglianza viene intesa come divieto di ogni ingiustificata discriminazione. Agec nei comportamenti verso gli utenti, si attiene ai principi di obiettività, neutralità ed imparzialità. b) Continuità del servizio. Agec si impegna ad erogare agli utenti servizi regolari, continui e senza interruzioni. c) Comunicazione e Partecipazione. Agec si pone con chiarezza, trasparenza e comprensibilità nei rapporti con l utenza. Agec garantisce la partecipazione di ogni cittadino alla prestazione dei servizi, sia per tutelare il diritto alla corretta erogazione del servizio stesso, sia per favorire la collaborazione tra utenti e azienda. L utente ha perciò diritto di accesso alle informazioni aziendali che lo riguardano, può produrre documenti, formulare reclami o avanzare suggerimenti per il miglioramento del servizio. l identita aziendale > i valori di riferimento 17

14 d) Efficacia, efficienza e qualità nello svolgimento del servizio e nei rapporti con gli utenti. Agec lavora per raggiungere obiettivi di efficienza ed efficacia nell erogazione dei servizi. Al miglioramento continuo delle prestazioni è finalizzata infatti la politica aziendale della qualità in una logica di QualitàTotale. e) Cortesia e soddisfazione Agec impronta i rapporti con gli Utenti a criteri di disponibilità, cortesia e flessibilità. Agec effettua delle rilevazioni per conoscere le opinioni dell utenza in merito all erogazione del servizio. f ) Tutela l identita aziendale Qualsiasi violazione può essere segnalata all azienda. L Azienda si impegna a rispondere a tutte le segnalazioni che pervengono. L Agec ha attivato l Ufficio Relazioni con il Pubblico equiparando lo stesso ai requisiti previsti dalle Pubbliche Amministrazioni: - garantendo un informazione trasparente ed esauriente dell operato dello stesso; - pubblicizzando e consentendo l accesso ai servizi; - promuovendo nuove relazioni con i cittadini; - ottimizzando l efficienza e l efficacia dei prodotti-servizi attraverso un adeguato sistema di comunicazione interna. Anche il Piano programma prevede il rafforzamento dei valori guida, inserendo in particolare i concetti del rispetto dell utenza, dell attenzione e della correttezza formale e sostanziale, valori di riferimento che dovranno guidare le azioni dei lavoratori Agec. 18 l identita aziendale > i valori di riferimento

15 LA MISSIONE: PERCHE AGEC ESISTE? 1. MISSIONE IMMOBILIARE STORICA L azienda storicamente esiste per gestire nell ambito delle politiche abitative del Comune di Verona e compatibilmente con le risorse disponibili il fenomeno sociale dell emergenza abitativa all interno del territorio del Comune di Verona e, nel contempo, amministrare, mantenere ed accrescere il patrimonio immobiliare civile di proprietà del Comune stesso. La missione di Agec è quella di promuovere e difendere il diritto alla casa attraverso l impegno a garantire ai cittadini veronesi, temporaneamente o permanentemente in difficoltà, la disponibilità di una casa dove abitare con la propria famiglia. OFFRIRE L OPPORTUNITA DI AVERE UNA CASA A QUANTI NE HANNO BISOGNO 2. MISSIONE CIMITERIALE La missione per il comparto cimiteriale e funerario è quella di salvaguardare il diritto di tutti i cittadini ad una adeguata sepoltura e ad una dignitosa onoranza dei propri cari, anche fungendo da calmiere del mercato. La missione del settore cimiteriale e funerario può essere declinata nelle seguenti funzioni-missione: Mantenimento del decoro dei luoghi cimiteriali Diritto ad un servizio di onoranza decoroso anche per le fasce più deboli Assicurare e fornire i servizi istituzionali connessi alla sepoltura e custodia dei luoghi cimiteriali (es. trasporti, cremazioni, lampade votive, ecc.) Calmieramento del mercato 3. MISSIONE FARMACEUTICA Collaborare con la Regione del Veneto, le Aziende Ospedaliera e Sanitaria e con il Comune per garantire l interesse primario del cittadino alla salute e al benessere della persona. l identita aziendale > la missione 19

16 Tale diritto deve essere tutelato anche attraverso un servizio di pubblica utilità e di elevato valore sociale come il servizio farmaceutico comunale, integrato nel Servizio Sanitario Nazionale. SISTEMA DI GOVERNO E ASSETTO ORGANIZZATIVO IL SISTEMA DI GOVERNO: LE FONTI obbligatorie e volontarie dell assetto organizzativo l identita aziendale Il sistema di governo aziendale deriva da un sistema coordinato di norme, atti fondamentali, regolamenti pubblici e aziendali, quest ultimi sia obbligatori che facoltativi. Brevemente le fonti da cui deriva l insieme dei valori e comportamenti che informano la corporate governance aziendale sono: Legislazione Nazionale e Regionale, con particolare riferimento alle Aziende speciali Statuto Contratto di servizio Regolamenti aziendali Sistema aziendale di gestione per la qualità I REGOLAMENTI AZIENDALI, obbligatori e volontari I regolamenti sono una forma di codice di autodisciplina che l Azienda redige sia su base obbligatoria perché espressamente previsto dallo statuto aziendale o dalla legge, oppure su base volontaria per disciplinare con maggiore trasparenza e chiarezza determinate funzioni. 20 l identita aziendale > sistema di governo e assetto organizzativo

17 Ecco un breve elenco dei regolamenti interni vigenti con delibera di approvazione da parte del Consiglio di Amministrazione e distinzione a seconda che si tratti di regolamento obbligatorio (con rifermento normativo di origine) oppure facoltativo: Regolamento per il funzionamento del CDA e Collegio dei Revisori Approvato con delibera n. 139 del e modificato con delibera n. 87 del Origine: obbligatoria art. 17 co II lett. A) Statuto Regolamento di Contabilità e Finanza Approvato n delibera n. 126 del Origine: obbligatoria Art. 17 Statuto Aziendale Regolamento sui contratti Approvato con delibera n 66 del e modificato con delibere n. 128 del , n. 230 del , e n.127 del Origine: obbligatorio art. 17 co.ii lett b) Statuto Regolamento sulle modalità di assunzione del personale Approvato con delibera n.68 del e modificato con delibera n. 18 del Origine: obbligatorio art. 17 co.ii lett c) Statuto Regolamento sulle modalità di accesso e pubblicizzazione degli atti aziendali Approvato con delibera n. 9 del Origine: obbligatorio Legge 241/90 e Drp 352/92 e art. 17 lett.d) dello Statuto Regolamento per l assegnazione degli alloggi soggetti a canone convenzionato L.431/98 Approvato con delibera n. 71 del Origine: volontario Regolamento delle locazioni e concessioni attive di immobili a regime di libero mercato Approvato con delibera n. 71 del 17/05/2005 Origine: obbligatorio art. 4 co.viii del Regolamento sui contratti Regolamento per l accesso ai cimiteri con veicoli privati Approvato con delibera n. 78 del e modificato con delibera n. 171 del Origine: volontario l identita aziendale > sistema di governo e assetto organizzativo 21

18 Regolamento del deposito di osservazione dei cadaveri e dell obitorio Approvato con delibera n. 81 del Origini: volontario Regolamento per le onoranze dei due Pantheon Ingenio Claris e Beneficis in patriam del cimitero Monumentale di Verona Approvato con delibera n. 265 del e approvato con modifiche dal Consiglio Comunale con delibera n. 77 del Origine: fonte Comune di Verona. L attuale regolamento deriva da modifiche del precedente regolamento comunale del 1898 circa. IL SISTEMA INTERNO DI GESTIONE PER LA QUALITA, un codice volontario l identita aziendale L Azienda ha avviato il percorso di certificazione del proprio sistema di gestione secondo la norma UNI EN ISO 9001:2000, il quale prevede l implementazione di un sistema interno di procedure atte a garantire la qualità del servizio e la soddisfazione del cliente-utente, ed il loro continuo miglioramento. E un processo volontario che comporta la redazione ed il rispetto di quanto riportato nella seguente documentazione di sistema: - Manuale della qualità - Procedure gestionali per la qualità - Istruzioni di Lavoro - Modulistica interna. IL SISTEMA DI GOVERNO: L ASSETTO ORGANIZZATIVO L assetto organizzativo di Agec, come disciplinato dallo Statuto, prevede i seguenti organi aziendali: a) il Consiglio di amministrazione; b) il Presidente del Consiglio di amministrazione; c) il Direttore generale; d) il Collegio dei Revisori dei conti. 22 l identita aziendale > sistema di governo e assetto organizzativo

19 a) Il Consiglio di Amministrazione Il Consiglio di Amministrazione è composto da nove membri compreso il Presidente, che durano in carica per un periodo corrispondente al mandato del Consiglio comunale. Le modalità di funzionamento del Consiglio di amministrazione sono oggetto di apposito regolamento di competenza dello stesso Consiglio. Il Consiglio di amministrazione delibera - con la presenza della maggioranza dei membri in carica ed a maggioranza dei presenti - su una vasta gamma di argomenti attinenti la programmazione, l indirizzo e la vigilanza sull attività aziendale, che sono identificati dall art. 8 dello Statuto e possono essere così riassunti: il piano programma ed i suoi adeguamenti; il bilancio di esercizio ed i bilanci preventivi, annuale e triennale; i regolamenti aziendali; la specificazione degli obiettivi e dei programmi da attuare e la correlativa indicazione delle priorità mediante direttive generali; la verifica della rispondenza dei risultati della gestione amministrativa rispetto alle direttive generali impartite; i principi e le linee fondamentali dell organizzazione interna nonché la individuazione delle unità organizzative di più elevato livello e delle loro attribuzioni; le modalità procedimentali da osservarsi per l affidamento dei singoli appalti di lavori, di forniture e di servizi; l acquisto e la cessione di beni immobili e le operazioni finanziarie a lungo e medio termine; la costituzione e la partecipazione ad enti, società, consorzi o associazioni l assunzione di servizi complementari, connessi o affini ovvero a favore di soggetti terzi; le convenzioni, gli accordi e la partecipazione a gare per conseguire l affidamento dei servizi; le tariffe dei servizi pubblici erogati o comunque i criteri per la fissazione dei prezzi delle prestazioni rientranti nei compiti istituzionali ove non impedito da specifiche disposizioni di legge. b) Il Presidente del Consiglio di Amministrazione Il Presidente del Consiglio di amministrazione: a) convoca, presiede ed organizza i lavori del Consiglio di amministrazione, assegnando eventualmente a singoli consiglieri la trattazione di specifiche materie; b) cura le relazioni esterne e, in particolare, i rapporti con il Comune di Verona e con gli utenti l identita aziendale > sistema di governo e assetto organizzativo 23

20 c) vigila sulla corretta gestione dell Azienda; d) esegue gli incarichi affidatigli dal Consiglio; e) esercita ogni altra competenza attribuita dalla legge, dallo statuto o dai regolamenti. c) Il Direttore generale Il Direttore generale è nominato dal Consiglio di amministrazione, previa verifica dei requisiti di professionalità, esperienza e onorabilità; dura in carica tre anni e può essere confermato di triennio in triennio. Il Direttore generale ha la rappresentanza legale dell Azienda ed è responsabile della gestione aziendale. Il Direttore generale, ai sensi dell art. 11 dello Statuto: assume in via generale ogni misura ed iniziativa diretta ad attuare gli indirizzi generali fissati nel piano programma e negli altri atti programmatici di competenza del Consiglio di amministrazione; sovrintende ad ogni aspetto dell attività dell Azienda coordinando l attività dei dirigenti; determina la struttura organizzativa interna per quanto non di competenza del Consiglio di amministrazione; dirige il personale, adottando tutti i provvedimenti incidenti sullo stato giuridico ed economico; promuove le liti e resiste alle stesse con facoltà di conciliarle o transigerle; stipula il contratto di servizio nonché gli altri contratti, convenzioni, accordi che necessitino di una previa deliberazione del Consiglio di amministrazione; cura lo svolgimento delle procedure per l affidamento degli appalti; partecipa con voto consultivo e con potere propositivo alle sedute del Consiglio di amministrazione; cura l esecuzione delle deliberazioni del Consiglio di amministrazione ed i provvedimenti di urgenza adottati dal Presidente; presenta ogni tre mesi al Consiglio di amministrazione una relazione sull identita aziendale Egli esercita ogni competenza non riservata dalla legge, dallo Statuto o dai regolamenti interni ad altri organi dell Azienda. 24 l identita aziendale > sistema di governo e assetto organizzativo

21 l andamento dell Azienda ed il rendiconto delle operazioni effettuate; relaziona comunque il Consiglio di amministrazione ed il Presidente su ogni affare per il quale gli venga da questi espressamente richiesto qualsiasi tipo di informativa; può sottoporre al Consiglio di amministrazione ogni affare o schema di atto seppur di propria competenza, al fine di ricevere eventuali indicazioni in merito. Il Direttore può delegare il potere di compiere e sottoscrivere singoli atti, o singole categorie di atti, a singoli dirigenti o dipendenti. d) Il Collegio dei Revisori La vigilanza sulla regolarità contabile e della gestione economico finanziaria è affidata ad un Collegio di Revisori composto da tre membri, nominato dal Sindaco, con durata della carica per un triennio. Il Collegio dei Revisori, ai sensi dell art. 13 dello Statuto, svolge numerose funzioni, tra le quali le principali sono: vigilanza sulla regolarità contabile, fiscale, finanziaria ed economica della gestione; l organo di revisione svolge tali funzioni anche con tecniche motivate di campionamento; verifica periodica dello stato di attuazione del Piano programma, formulando eventuali motivate osservazioni e proposte al Consiglio di Amministrazione; relazione sul bilancio di esercizio, deliberato dal Consiglio di Amministrazione dell Azienda; formulazione di pareri sulla proposta di bilancio preventivo economico annuale e triennale prima dell approvazione da parte del Consiglio di Amministrazione; pareri su specifiche questioni attinenti alla gestione economico finanziaria sottopostegli dal Consiglio di Amministrazione; verifiche periodiche di cassa. Il Collegio dei revisori deve riunirsi almeno ogni bimestre ed è validamente costituito anche nel caso siano presenti solo due componenti. Delle riunioni del Collegio deve redigersi processo verbale, che viene trasmesso nel termine di tre giorni al Sindaco, al Presidente ed al Direttore generale dell Azienda. l identita aziendale > sistema di governo e assetto organizzativo 25

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011)

Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO. (Anno 2011) Unione Regionale delle Camere di Commercio, Industria, Artigianato, Agricoltura delle Marche STATUTO (Anno 2011) INDICE: Art. 1 Costituzione, natura e sede Art. 2 Competenze e funzioni Art. 3 Rapporti

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S.

CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Pagina 1 di 6 CONSORZIO TORINO INFANZIA COOPERATIVA SOCIALE O.N.L.U.S. Sede Legale in Torino (TO), Corso Lombardia n. 115 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO Allegato 1 Codice Etico ai sensi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (Approvato con deliberazione di G.C. 140/02.12.2010) 1 TITOLO I - SISTEMA DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE Capo I - Aspetti generali

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014

DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 DELIBERAZIONE N. 152 DEL 09/07/2014 Il Direttore Generale, nella sede dell Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna Via Castiglione, 29 nella data sopra indicata, alla presenza del Direttore Amministrativo

Dettagli

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE

PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE PROVINCIA di ROVIGO SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE ORGANIZZATIVA ED INDIVIDUALE Allegato alla deliberazione di Giunta Comunale n. 289 del 28.12.2011 1 INDICE SEZIONE I - CONTESTO

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE POLETTI LUIGI- EDEN PER LA TERZA ETA

REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE POLETTI LUIGI- EDEN PER LA TERZA ETA COMUNE DI OFFANENGO Provincia di Cremona REGOLAMENTO DELL ISTITUZIONE POLETTI LUIGI- EDEN PER LA TERZA ETA Approvato atto C.C. 25-3.3.1995 Modificato atto C.C. 9-10.3.2005 1 Art.1: Denominazione, origini,

Dettagli

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A.

Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. Regolamento del Comitato Controllo e Rischi di Eni S.p.A. 1 Il presente Regolamento, approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 1 giugno

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO

REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 34/29.03.2011

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ D.Lgs. 33/2013 art.10 1 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ D.Lgs. 33/2013, art. 10 Il D.Lgs. n. 33/2013, nel modificare, in parte,

Dettagli

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE

POLITICA PER LA QUALITÀ, L AMBIENTE, LA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO E LA RESPONSABILITA SOCIALE POLITICA DEL SISTEMA DI GESTIONE INTEGRATO La Cooperativa sociale ITALCAPPA è consapevole dell importanza e della necessità di avvalersi di un Sistema di Gestione integrato per la qualità, l ambiente,

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Giunta Regione Emilia-Romagna - atto n. 156 del 07/02/2005 Prot. N. (PRC/05/2194) ------------------------------------------------------------ LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Vista la legge regionale

Dettagli

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico

D.Lgs. 231/01 Normativa e Modello di organizzazione Sispi Codice Etico 1. Principi generali La Sispi S.p.A., persegue la sua missione aziendale attraverso lo svolgimento di attività che hanno impatto sulla vita della collettività oltreché dei singoli. In tale percorso l esigenza

Dettagli

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi

Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 3 Linee di indirizzo per il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi 1. Premessa Il Sistema di Controllo Interno e di Gestione dei Rischi di Fiat S.p.A. (la Società ) costituisce elemento

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE REGOLAMENTO INTERNO DEL COA DI FROSINONE PREAMBOLO Il presente Regolamento disciplina l attività del Consiglio dell Ordine Forense di Frosinone nell osservanza delle disposizioni legislative in materia

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 85 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEI CONTROLLI INTERNI Approvato con D.C.P. del 14.3.2013 n. 6 reg. e modificato con D.C.P. del 28.4.2014 n. 22 reg. INDICE Art. 1 Art. 2

Dettagli

Codice Etico. Gennaio 2010

Codice Etico. Gennaio 2010 Codice Etico Gennaio 2010 ( SOMMARIO ) CAPO I IL VALORE DEL CODICE ETICO Pag. 2 CAPO II DESTINATARI E AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 2 CAPO III MISSIONE Pag. 3 CAPO IV STRUMENTI DI ATTUAZIONE DELLA MISSIONE

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI ROMA IL COMUNE DI CIVITAVECCHIA

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI ROMA IL COMUNE DI CIVITAVECCHIA Città di CIVITAVECCHIA PROTOCOLLO D INTESA TRA LA PROVINCIA DI ROMA IL COMUNE DI CIVITAVECCHIA E L AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMPRENSORIO DI CIVITAVECCHIA (A.T.E.R.)

Dettagli

E N T E P R O V I N C I A L E P E R I L T U R I S M O B E N E V E N T O D E L I B E R A Z I O N E C O M M I S S A R I O S T R A O R D I N A R I O

E N T E P R O V I N C I A L E P E R I L T U R I S M O B E N E V E N T O D E L I B E R A Z I O N E C O M M I S S A R I O S T R A O R D I N A R I O E N T E P R O V I N C I A L E P E R I L T U R I S M O B E N E V E N T O D E L I B E R A Z I O N E C O M M I S S A R I O S T R A O R D I N A R I O N. 15 DEL REG. DATA: 09/07/2013 OGGETTO: Decreto Lgs.vo

Dettagli

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015

PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 PROVINCIA DI LIVORNO PIANO DELLE AZIONI POSITIVE 2013-2015 1. Premessa L art. 48 del D.Lgs. 11 aprile 2006 n 198 Codice delle pari opportunità tra uomo e donna, a norma dell articolo 6 della Legge 28 novembre

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI GESTIONE (Deliberazione Giunta Comunale n._364/05 ) TITOLO I RIFERIMENTI NORMATIVI E OGGETTO DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Riferimenti normativi e oggetto Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO DI GESTIONE DEL COMITATO ESECUTIVO Art. 1 Finalità Il presente Regolamento ha per oggetto le norme di funzionamento del Comitato Esecutivo di Slow Food Italia. Art. 2 Il Comitato Esecutivo.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE ALTA VAL TAGLIAMENTO (Comuni di: Ampezzo, Forni di Sopra, Forni di Sotto, Preone, Sauris, Socchieve) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Codice di Corporate Governance

Codice di Corporate Governance Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 1 del 3 maggio 200 Indice 1 Introduzione 2 Organizzazione della Società 2.1 Assemblea dei Soci 2.2 Consiglio di Amministrazione 2.3 Presidente

Dettagli

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi

Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance. Finalità e principi Comune di Grumento Nova Sistema per la misurazione e la valutazione della performance Finalità e principi Art. 1 - Finalità Il presente regolamento disciplina il sistema di misurazione e valutazione della

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Rev.: 6 Data ultimo aggiornamento: 22 settembre 2014 N.B. le modifiche effettuate sono evidenziate in corsivo

CARTA DEI SERVIZI. Rev.: 6 Data ultimo aggiornamento: 22 settembre 2014 N.B. le modifiche effettuate sono evidenziate in corsivo CARTA DEI SERVIZI Premessa La procedura di appalto pubblico, ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 Codice dei contratti pubblici di lavori, servizi e forniture, deve rispettare i principi di libera concorrenza,

Dettagli

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda.

Premessa. STIMA S.p.A. si impegna a diffondere il contenuto di questo Codice a quanti entreranno in relazione con l azienda. Codice Etico Premessa Il Codice Etico STIMA S.p.A. individua i valori aziendali, evidenziando l insieme dei diritti, dei doveri e delle responsabilità di tutti coloro che, a qualsiasi titolo, operano nella

Dettagli

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013

DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 DELIBERA n. 11/13 della seduta del 31 luglio 2013 Definizione degli indirizzi in materia di certificazione di qualità delle imprese che effettuano trasporti di merci pericolose, di derrate deperibili,

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu

Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu Via Frà Bartolomeo da Pisa, 1 20144 Milano Tel 02 36 53 29 74 Fax 02 700 59 920 www.carmaconsulting.net www.marcaturace.eu CHI SIAMO Carmaconsulting nasce dall intuizione dei soci fondatori di offrire

Dettagli

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale

Principio 1 Organizzazione orientata al cliente. Principio 2 Leadership. Principio 3 - Coinvolgimento del personale Gli otto princìpi di gestione per la qualità possono fornire ai vertici aziendali una guida per migliorare le prestazioni della propria organizzazione. Questi princìpi, che nascono da esperienze collettive

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO INDICE Art. 1 Ambito di applicazione TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 Finalità del processo di gestione del patrimonio Art. 3 Fondo stabilizzazione erogazioni

Dettagli

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000

Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Norme per l organizzazione - ISO serie 9000 Le norme cosiddette organizzative definiscono le caratteristiche ed i requisiti che sono stati definiti come necessari e qualificanti per le organizzazioni al

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Via Guido Rossa, 1 40033 Casalecchio di Reno (BO) Tel 051.598364 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013-2014-2015 Approvato con determinazione Amministratore Unico n. 20 del 20/12/2013

Dettagli

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE

DOCUMENTO SULLA POLITICA DI PREVENZIONE DEGLI INCIDENTI RILEVANTI E DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA DEI LAVORATORI E DELL AMBIENTE 0 PREMESSA La scienza dei trattamenti galvanici e di verniciatura e le attinenti applicazioni industriali sono relativamente antiche. Il progresso delle conoscenze in campo medico e scientifico ha evidenziato

Dettagli

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA

ART. 1 COSTITUZIONE ART. 2 FINALITA REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COMITATO UNICO DI GARANZIA PER LE PARI OPPORTUNITA, LA VALORIZZAZIONE DEL BENESSERE DI CHI LAVORA E CONTRO LE DISCRIMINAZIONI ART. 1 COSTITUZIONE 1.1 Con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO DELLA FONDAZIONE PESCARABRUZZO Approvato dal Comitato di Indirizzo nella seduta del 20 marzo 2015 Sommario TITOLO I - PREMESSE... 3 1. Ambito di applicazione...

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013-2015 Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 29/01/2013 con delibera n. 9 SOMMARIO Premessa Trasparenza come libertà di informazione

Dettagli

Prot. n. 24706 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n.

Prot. n. 24706 IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. Prot. n. 24706 IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300; VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165; VISTI in particolare gli articoli 6, comma 3, e 1, comma 1, del decreto

Dettagli

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno CODICE ETICO AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 dicembre 2009 1 Sommario Premessa 1. 0.1 Obiettivi 2. 0.2 Adozione 3. 0.3 Diffusione 4. 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento

Dettagli

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009)

Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Legge Regionale 13 novembre 2009 n. 40 Disciplina delle Associazioni di Promozione Sociale ( B. U. REGIONE BASILICATA N. 51 bis del 16 novembre 2009) Articolo 1 Finalità e oggetto della legge 1. La Regione,

Dettagli

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09)

( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) TITOLO I: Principi generali ( articoli 11 e 28 del d.lgs. 150/09) Regolamento di disciplina della misurazione, valutazione e trasparenza della performance ( Decreto Legislativo 150/09 Decreto Brunetta) Il presente Regolamento è assunto ai sensi degli artt. 16 e 31 del

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA. Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA. Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA Disciplina della misurazione, valutazione e integrità e trasparenza della Performance APPROVATO CON DELIBERA 58 CG 2013 E MODIFICATO ED INTEGRATO CON DELIBERE 59 E 149CG/2013

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

S T A T U T O. Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE

S T A T U T O. Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE S T A T U T O Art. 1 COSTITUZIONE ASSOCIAZIONE 1) In attuazione dell articolo 46 del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro del comparto degli Enti pubblici non economici stipulato il 6 luglio 1995,

Dettagli

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE.

Procedura. Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. enipower. POL.HSE.pro-01_ep_r03. POL.HSE. Procedura Politica in materia di salute, sicurezza, ambiente, energia e incolumità pubblica. TITOLO PROCEDURA TITOLO PRPOCEDURA TITOLO PROCEDURA MSG DI RIFERIMENTO: HSE 1 Frontespizio TITOLO: Politica

Dettagli

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA

PARTE GENERALE 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA 3. CODICE ETICO 3.1. PREMESSA Il CODICE ETICO costituisce parte integrante del MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO adottato ed implementato da I valori e i principi ivi dichiarati rispecchiano

Dettagli

MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA

MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA MONTEDOMINI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA INDICE Art. 1 Oggetto e finalità Pag. 2 Art. 2 La disciplina contabile 2 Art. 3 Contabilità analitica 2 Art. 4 La programmazione

Dettagli

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI

IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI IL CICLO DI GESTIONE DELLA PERFORMANCE (PROCEDURA) LE FASI FASE 0 IL PROCESSO DI PIANIFICAZIONE DELL ENTE FASE 1 DEFINIZIONE E ASSEGNAZIONE DEGLI OBIETTIVI DA RAGGIUNGERE FASE 2 MONITORAGGIO IN CORSO DI

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale

Regolamento per il reclutamento del personale Pagina 1 di 7 Regolamento per il 1 Pagina 2 di 7 INDICE PREMESSA... 3 ARTICOLO 1 PRINCIPI GENERALI... 3 ARTICOLO 2 PROCEDURA DI RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE... 4 ARTICOLO 3 PROCEDURA PER LA RICERCA

Dettagli

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO

STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO STATUTO UNIONE APPENNINO E VERDE TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE- OGGETTO Art. 1 Denominazione E costituita, anche ai sensi dell art. 13 della L.R. 7/98, una associazione, senza scopo di lucro, denominata

Dettagli

C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO

C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO Regolamento di funzionamento del Comitato Unico di Garanzia per le Pari Opportunità, la valorizzazione del benessere di chi lavora

Dettagli

ORGANIGRAMMA DELL ASP AZALEA

ORGANIGRAMMA DELL ASP AZALEA Allegato alla deliberazione del Consiglio di amministrazione n 29 del 20/11/2012 ORGANIGRAMMA DELL ASP AZALEA PREMESSA Nell organigramma sotto riportato, si è inteso rappresentare l unicum di governo dell

Dettagli

Comune di Montevago Provincia di Agrigento

Comune di Montevago Provincia di Agrigento Città Termale Comune di Montevago Provincia di Agrigento D E T E R M I N A Z I O N E DEL SETTORE SERVIZI TECNICI N 389 Del 28/12/2011 OGGETTO: Organizzazione interna del settore SERVIZI TECNICI e definizione

Dettagli

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico

Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Bimecar Carrelli Elevatori S.r.l. Codice etico Sommario Premessa 0.1 Obiettivi 0.2 Adozione 0.3 Diffusione 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento Sezione I Rapporti con l esterno 1.1 Competizione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Approvato con delibera assembleare nr. 10 del 11.02.2014 REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO ANALOGO DELLE SOCIETA CONTROLLATE O PARTECIPATE Art. 1 - Ambito di applicazione e modalità di controllo Le disposizioni

Dettagli

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.)

Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO (PROVINCIA DI FERMO) Alleg.B Regolamento del sistema di controlli interni (art.147 e ss. del T.U.E.L.) Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 5, in data 28.01.2016

Dettagli

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione

Valentina Croff * La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova. Premessa. Contenuti e modalità di attuazione 33 Valentina Croff * Premessa Contenuti e modalità di attuazione La Certificazione del Sistema di Gestione per la Qualità del Consorzio Venezia Nuova Lo scorso mese di aprile il Consorzio Venezia Nuova

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE

REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE REGOLAMENTO COMITATO CONTROLLO, RISCHI, REMUNERAZIONE E NOMINE 24 Luglio 2015 1 ARTICOLO 1 PREMESSA 1.1. Conto tenuto delle raccomandazioni contenute nel Codice di Autodisciplina di Borsa Italiana S.p.A.,

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI

LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI LA VALUTAZIONE DEL PERSONALE NEGLI ENTI LOCALI Premesse e riferimenti normativi La valutazione del personale, che costituisce un processo centrale nell ambito del management pubblico, ha registrato negli

Dettagli

Regolamento di contabilità

Regolamento di contabilità Regolamento di contabilità Approvato con atto del Consiglio di Amministrazione n. 25 del 14/09/2012 14/09/2012 Pag. 1 Articolo 1 Oggetto del Regolamento INDICE Articolo 2 Documenti obbligatori Articolo

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 10 INDICE IL SISTEMA DI GESTIONE DELLA QUALITÀ Requisiti generali Responsabilità Struttura del sistema documentale e requisiti relativi alla documentazione Struttura dei

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri.

STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI. 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. Articolo 1 COSTITUZIONE SEDE STATUTO DELLA FONDAZIONE TEATRO BESOSTRI 1) Per iniziativa del Comune di Mede, è costituita la Fondazione Teatro Besostri. 2) La Fondazione ha sede in Mede, Piazza della Repubblica

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

Il controllo interno delle imprese

Il controllo interno delle imprese Corso di International Accounting Università degli Studi di Parma - Facoltà di Economia (Modulo 1 e Modulo 2) LAMIB Il controllo interno delle imprese Anno Accademico 2009-2010 1 SISTEMA DI CONTROLLO IL

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12

MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 MANUALE DELLA QUALITÀ Pag. 1 di 12 INDICE RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE Impegno della Direzione Attenzione focalizzata al cliente Politica della Qualità Obiettivi della Qualità Soddisfazione del cliente

Dettagli

Allegato alla Delibera di Giunta n.09 del 23 febbraio 2015

Allegato alla Delibera di Giunta n.09 del 23 febbraio 2015 Allegato alla Delibera di Giunta n.09 del 23 febbraio 2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CALTANISSETTA TRIENNIO 2015-2017 (Articolo 11, comma 2, D.Lgs.

Dettagli

COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Art. 11 c. 2, del ) Indice generale 1. PREMESSA 2. I DATI DA PUBBLICARE SUL SITO ISTITUZIONALE DEL COMUNE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELLA STRUTTURA. COMPLESSA GESTIONE TECNICA ART. 2 STRUTTURA DELLA S.C. GESTIONE TECNICA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELLA STRUTTURA. COMPLESSA GESTIONE TECNICA ART. 2 STRUTTURA DELLA S.C. GESTIONE TECNICA Azienda Sanitaria Locale n. 4 - Chiavarese Via G.B. Ghio 9-16043 CHIAVARI C.F. e P.IVA 01038700991 UNITA OPERATIVA GESTIONE TECNICA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DELLA STRUTTURA. COMPLESSA GESTIONE TECNICA

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Master in gestione e innovazione nelle amministrazioni pubbliche Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Giuseppe Panassidi 1

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato

SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato SEMINARIO Sistemi di gestione e modelli organizzativi per l Edilizia Residenziale Pubblica: Il valore aggiunto del Sistema Integrato Firenze, 22 Febbraio 2008 Massimo Maraziti presentiamoci Process Factory

Dettagli

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager

I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager I Sistemi Gestione Energia e il ruolo dell energy manager Valentina Bini, FIRE 27 marzo, Napoli 1 Cos è la FIRE La Federazione Italiana per l uso Razionale dell Energia è un associazione tecnico-scientifica

Dettagli

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa

PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA. UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA DI GESTIONE QUALITA IN CONFORMITÀ ALLA NORMA UNI EN ISO 9001 (ed. 2008) Revisione Approvazione n. 03 del 31/01/09 Salvatore Ragusa PROGETTO TECNICO SISTEMA QUALITA Il nostro progetto

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO Approvato dal Consiglio di Indirizzo nella seduta del 14 febbraio 2014 1 SOMMARIO AMBITO DI APPLICAZIONE Pag. 3 1. PRINCIPI GENERALI Pag. 3 1.1. Finalità del

Dettagli

OBBLIGHI DI TRASPARENZA 2015-2017

OBBLIGHI DI TRASPARENZA 2015-2017 OBBLIGHI DI TRASPARENZA 2015-2017 Allegato A Al Programma Triennale per la 2015-2017 Di seguito i dati oggetto di pubblicazione, ai sensi di quanto previsto dalla normativa sulla di cui al 33 del 2013.

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 126 del 22.11.1999 www.comune.genova.it Regolamento sugli interventi di volontariato ART. 1 Finalità In

Dettagli

ARPAT. Politica per la Qualità

ARPAT. Politica per la Qualità ARPAT Politica per la Qualità POLITICA PER LA QUALITÀ La missione di ARPAT L Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale della Toscana (ARPAT) concorre alla promozione dello sviluppo sostenibile e contribuisce

Dettagli

Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007

Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007 Benefici della Certificazione Sicurezza OHSAS 18001:2007 Premessa Decreto Legislativo 8 giugno 2001, n. 231 "Disciplina della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle

Dettagli

Progetto Arti&Mestieri. Protocollo di Intesa. tra. Comune di Salerno. Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana. CIDEC Salerno

Progetto Arti&Mestieri. Protocollo di Intesa. tra. Comune di Salerno. Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana. CIDEC Salerno Progetto Arti&Mestieri Protocollo di Intesa tra Comune di Salerno Fondazione Cassa di Risparmio Salernitana CIDEC Salerno Pagina 1 di 7 Addì nove del mese di marzo dell anno 2011, a Palazzo di Città tra:

Dettagli

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N.

REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. REGOLAMENTO E POLITICHE AZIENDALI ALLEGATO (J) DOCUMENTO SULLE POLITICHE DI SICUREZZA E TUTELA DELLA SALUTE SUL LAVORO EX D.LGS. N. 81/2008 Il Consiglio di Amministrazione della Società ha approvato le

Dettagli

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017

Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017 Programma triennale per la trasparenza e l integrità (P.T.T.I.) 2015 2017 06/02/2015 e pubblicato sul sito internet nella sezione Amministrazione trasparente Introduzione: organizzazione e funzioni di

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO COMUNALE SUI CONTROLLI INTERNI Articolo 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento ha ad oggetto il sistema dei controlli interni come previsti dagli articoli 147 e seguenti del decreto legislativo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL PATRIMONIO MOBILIARE INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione Ambito di applicazione 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 2 - Finalità del processo di gestione del patrimonio

Dettagli

STATUTO DEL FONDO ASSISTENZA SANITARIA. CAPO I Ambito di applicazione, natura giuridica, finalità e funzioni. Art. 1 Ambito di applicazione

STATUTO DEL FONDO ASSISTENZA SANITARIA. CAPO I Ambito di applicazione, natura giuridica, finalità e funzioni. Art. 1 Ambito di applicazione STATUTO DEL FONDO ASSISTENZA SANITARIA CAPO I Ambito di applicazione, natura giuridica, finalità e funzioni Art. 1 Ambito di applicazione 1. Il «Fondo Assistenza Sanitaria» (FAS) assicura l assistenza

Dettagli

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA

IL DIRETTORIO DELLA BANCA D ITALIA REGOLAMENTO DEL 18 LUGLIO 2014 Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria per l Italia (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007,

Dettagli

STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO

STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO STATUTO DELLA FONDAZIONE ORCHESTRA DI PADOVA E DEL VENETO Art. 1 - Natura e fondatori La Fondazione Orchestra di Padova e del Veneto (di seguito indicata come Fondazione) è un istituzione di alta cultura,

Dettagli

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE

CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE CONSULTA PROVINCIALE DELLE ASSOCIAZIONI DI PROTEZIONE CIVILE Art.1- Costituzione E istituito, ai sensi dell art. 3 lettera J dello Statuto della Provincia, un Comitato di Coordinamento denominato CONSULTA

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001

Q&C dei sistemi di gestione in base alla norma UNI CEI EN 16001 Ing. Sandro Picchiolutto Fabbisogni di qualificazione e certificazione (Q&C) di competenze, servizi e sistemi per l efficienza energetica e le fonti rinnovabili Q&C dei sistemi di gestione in base alla

Dettagli

Regolamento per la gestione del patrimonio

Regolamento per la gestione del patrimonio Regolamento per la gestione del patrimonio Approvato dall Organo di indirizzo nella seduta del 19 aprile 2013 Art. 1 (Ambito di applicazione) Il presente regolamento, adottato ai sensi dell'art. 6 dello

Dettagli

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

MANUALE DELLA QUALITÀ SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ MANUALE GESTIONE QUALITÀ SEZ. 5.1 REV. 02 pagina 1/5 MANUALE DELLA QUALITÀ Rif.to: UNI EN ISO 9001:2008 PARTE 5: RESPONSABILITÀ DELLA DIREZIONE SEZIONE 5.1: FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI GESTIONE PER LA

Dettagli