Sviluppo percettivo. Sv Cogn H. Bulf

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sviluppo percettivo. Sv Cogn H. Bulf"

Transcript

1 Sviluppo percettivo 1

2 Che cosa si intende per sviluppo percettivo? Lo studio dell emergere della capacità di percepire il mondo che ci circonda. ü Il mondo percettivo non è una copia immediata e diretta dell ambiente. ü Il mondo percettivo è il risultato di mediazioni e attività svolte dall individuo. ü La percezione è un processo attivo e dinamico di elaborazione degli stimoli sensoriali che procede attraverso l analisi, la selezione e l elaborazione dell informazione. 2

3 Che cosa si intende per sviluppo percettivo? Il contatto con il mondo esterno avviene attraverso La sensazione La percezione Effetto soggettivo e immediato provocato dagli stimoli sui diversi organi di senso Organizzazione dinamica e significativa degli stimoli sensoriali 3

4 Che cosa si intende per sviluppo percettivo? Illusione di Muller- Lyer Illusione di Ebbinghaus 4

5 Triangolo di Kanizsa Oggetti parzialmente occlusi Ciò che percepiamo appare VERO a tutti gli effetti. 5

6 6

7 percepire gli oggetti come separati e distinti + 7

8 individuare i margini che definiscono una configurazione 8

9 determinare i diversi piani di profondità nei quali ciascun oggetto del campo visivo risiede DIETRO DAVANTI 9

10 Movimento biologico 10

11 Individuazione dei confini delle parole SOLITAMENTE CHIARA SOLITAMENTECHIARA SOLITA MENTE CHIARA SOLITAMENTE CHI ARA 11

12 Che cosa si intende per sviluppo percettivo? INNATISMO SOLITAMENTE CHIARA SOLITAMENTECHIARA SOLITA MENTE CHIARA SOLITAMENTE CHI ARA Segmentare il flusso continuo di informazioni in entrata in unità coerenti 12

13 Che cosa si intende per sviluppo percettivo? Lo studio dello sviluppo percettivo costituisce una delle maggiori aree di indagine nell ambito della ricerca sulla prima infanzia. DOMANDE. Cosa è in grado di percepire il bambino alla nascita o ancor prima della nascita? Come si modificano le abilità percettive nei primi mesi di vita? Qual è il rispettivo ruolo dell esperienza e della maturazione nel determinare il loro sviluppo? 13

14 Che cosa si intende per sviluppo percettivo? La capacità del bambino di acquisire una gamma sempre più vasta di informazioni sensoriali (Es. incremento dell acuità visiva). # # La capacità del bambino di compiere discriminazioni sempre più raffinate fra eventi fisici o stimoli che differiscono per alcune caratteristiche percettive (Es. discriminazione di dimensione, forma, colore). La capacità del bambino di riconoscere uno stimolo familiare. Il bambino è in grado di trattenere in memoria l informazione selezionata e discriminata (Es. riconoscimento visivo di uno stimolo familiare). # La capacità del bambino di organizzare l informazione in categorie percettive di oggetti o eventi accomunati da determinate qualità (Es. oggetti rossi vs. verdi). 14

15 La concezione del bambino nella prima infanzia Negli ultimi decenni l attenzione all infanzia e le ricerche sulle competenze cognitive ed emotive precoci hanno modificato l immagine del neonato. IERI OGGI passivo recettore di stimoli dotato di soli riflessi incompetente immaturo scarsa o nulla capacità di percepire la realtà attivo nell elaborazione delle esperienze dotato di prerequisiti percettivi e cognitivi precoci che si sviluppano grazie all interazione con l ambiente competenze percettive adattive 15

16 La concezione del bambino nella prima infanzia Quali fattori hanno portato a modificare la concezione del bambino nella prima infanzia? 1. Il mutamento nella prospettiva teorica 2. I progressi in ambito tecnologico e metodologico 3. I progressi nelle conoscenze della funzionalità dei sistemi sensoriali alla nascita 16

17 Il mutamento della prospettiva teorica Neonato Il neonato cognitivista HIP 17

18 La concezione del bambino nella prima infanzia Quali fattori hanno portato a modificare la concezione del bambino nella prima infanzia? 1. Il mutamento nella prospettiva teorica 2. I progressi in ambito tecnologico e metodologico 3. I progressi nelle conoscenze della funzionalità dei sistemi sensoriali alla nascita 18

19 I progressi in ambito tecnologico e metodologico Specifici compiti di laboratorio che consentono di sfruttare le risposte comportamentali che i bambini spontaneamente mettono in atto al fine di compiere inferenze circa i processi che hanno prodotto tali risposte. Alcuni ESEMPI di risposte non verbali utilizzate nelle ricerche sulla prima infanzia: Movimenti oculari. Orientamento della testa in direzione di uno stimolo Risposte di startle Modificazioni nelle espressioni facciali Indici fisiologici (ritmo cardiaco e respiratorio, attività elettrica cerebrale) Movimenti degli arti inferiori e superiori 19

20 La rilevazione dei movimenti oculari!

21 Technological and methodological improvement. Nutritive or non-nutritive sucking behaviour 21

22 Technological and methodological improvement. Modifications in facial expressions Stimolo dolce > espressione positiva, lieve sorriso, movimenti di suzione Stimolo amaro > espressione di non gradimento, arricciamento del naso, chiusura occhi, movimenti di sputo. from Steiner,

23 Il condizionamento della rotazione del capo! Condizionamento operante utilizzato per addestrare i bambini a compiere "movimenti di rotazione della testa verso un determinato stimolo." La generalizzazione o meno della risposta consente di indagare le capacità di discriminazione percettiva." 23

24 Technological and methodological improvement. Limb movements (e.g., kicking) from Rovee-Collier,

25 Technological and methodological improvement. Physiological measures Heart rate Event Related Potentials from Richards,

26 Indici fisiologici! Event-Related Potentials (ERP)" 26

27 Indici fisiologici! 27

28 I progressi in ambito tecnologico e metodologico VANTAGGI Possono essere somministrati in tempi rapidi permettono di raccogliere una notevole quantità di dati in tempi relativamente brevi. Non sono invasivi Consentono di effettuare rilevazioni oggettive Sono facilmente somministrabili anche da personale non altamente specializzato 28

29 Paradigmi sperimentali utilizzati nella 1 infanzia ü Sfruttano le poche risposte comportamentali che i bambini nel primo anno di vita sanno produrre spontaneamente (fissazione visiva, suzione, rotazione del capo, battito cardiaco). ü Si basano sulla ideazione di una situazione sperimentale critica all interno della quale la risposta prodotta dal soggetto consente di compiere inferenze sulla natura dei processi sottostanti. ü Non sono invasive. ü Consentono rilevazioni oggettive, attraverso l utilizzo di strumenti che registrano le risposte dei soggetti. ü Hanno ampie potenzialità di applicazione: vengono utilizzate per studiare diversi aspetti dei processi attentivi, percettivi e cognitivi.

30 Paradigmi sperimentali utilizzati nella 1 infanzia Preferenza visiva Percezione visiva: preferenze visive spontanee specificate per via innata o acquisite grazie all esperienza Abituazione visiva Condizionamento (classico e operante) della risposta di suzione, della rotazione del capo Scansione visiva (registrazione dei movimenti oculari) Tecniche di attivazione dell attività cerebrale Percezione visiva, acustica, tattile, olfattiva: capacità di discriminazione tra 2 stimoli che differiscono per 1 o + caratteristiche Memoria di riconoscimento Categorizzazione percettiva Percezione visiva, acustica: capacità di discriminazione tra 2 stimoli che differiscono per 1 o + caratteristiche Capacità di apprendimento Percezione visiva: strategie di selezione dell informazione utilizzate durante l esplorazione dello stimolo; natura dell informazione selezionata nello stimolo Permettono di indagare i correlati neurali di competenze percettive e cognitive precedentemente indagate con compiti comportamentali 30

31 Paradigmi sperimentali utilizzati nella 1 infanzia 31 Preferenza visiva Percezione visiva: preferenze visive spontanee specificate per via innata o acquisite grazie all esperienza Abituazione visiva Condizionamento (classico e operante) della risposta di suzione, della rotazione del capo Scansione visiva (registrazione dei movimenti oculari) Tecniche di attivazione dell attività cerebrale Percezione visiva, acustica, tattile, olfattiva: capacità di discriminazione tra 2 stimoli che differiscono per 1 o + caratteristiche Memoria di riconoscimento Categorizzazione percettiva Percezione visiva, acustica: capacità di discriminazione tra 2 stimoli che differiscono per 1 o + caratteristiche Capacità di apprendimento Percezione visiva: strategie di selezione dell informazione utilizzate durante l esplorazione dello stimolo; natura dell informazione selezionata nello stimolo Permettono di indagare i correlati neurali di competenze percettive e cognitive precedentemente indagate con compiti comportamentali

32 Il paradigma della preferenza visiva (Fantz, 1958; Berlyne, 1958) Consiste nella presentazione simultanea di 2 stimoli, uno a destra e uno a sinistra di un punto centrale di fissazione. VARIABILI DIPENDENTI: direzione dello sguardo e tempo di fissazione su ciascuno stimolo. ASSUNTO DI BASE: se il bambino fissa per più tempo uno stimolo rispetto all altro, ciò significa che ha selezionato l informazione contenuta in entrambi gli stimoli, li ha discriminati, ossia ha colto le caratteristiche che li differenziano, e ne ha preferito spontaneamente uno. N.B.: perché si possa parlare di preferenza, è necessario che il bambino abbia guardato almeno una volta entrambi gli stimoli, ossia che li abbia codificati entrambi. 32

33 33

34 Il paradigma sperimentale della PREFERENZA VISIVA 34

35 Il paradigma della preferenza visiva Le variabili dipendenti che la tecnica consente di rilevare sono: " " Tempo di latenza Numero di orientamenti indici dell orientamento dell attenzione (Cohen, 1973) " " Tempo totale di fissazione Durata della prima fissazione Durata della fissazione più lunga indici di mantenimento dell attenzione (Cohen, 1973) ON stimolo 1 fissazione 2 Fissazione (+ lunga) 3 fissazione OFF stimolo Tempo di Latenza 35

36 Il paradigma sperimentale della PREFERENZA VISIVA 36

37 Technological and methodological improvement. Looking behavior FILMATI preferenze NEWBORNS 3-Mth-OLD-INFANTS center left right

38 38

39 39

40 40

41 Newborns perception of illusory contours 495 Newborns perception of illusory contours 495 stigated whether kinetic information ns to perceive an illusory Kanizsa y, full-term newborn infants were maternity ward of the Paediatric ersity of Padova. Seven subjects were sample because of position bias (n = (n = 3) or because newborns changed testing (n = 1). So the final sample ewborns, randomly assigned to two atic and moving conditions). All of ening criteria of normal delivery, a een 2625 and 4620 g, an Apgar score min. Infants were tested only if they an alert state. Their ages at the time from approximately 12 to 120 hr Informed Sv Cogn consent H. Bulf was obtained from Figure 1 Stimuli used in Experiment 1. Top figure illustrates the stimuli presented under the static condition; Bottom figure illustrates the stimuli presented under the moving condition. 41

42 Il paradigma della preferenza visiva I limiti della tecnica: 1 Produce risultati interpretabili solo se positivi Se non vi è differenza significativa tra la durata delle fissazioni sui due stimoli non è possibile sapere: A. se il bambino non ha discriminato gli stimoli, ossia non ha colto le caratteristiche che li differenziano B. se il bambino ha discriminato i 2 stimoli ma non ne ha preferito nessuno. Soluzione: attraverso la tecnica dell abituazione visiva è possibile determinare se l assenza di preferenza è imputabile all incapacità del bambino di percepire come diversi (discriminare) i 2 stimoli. 2 La preferenza può dipendere dalla posizione spaziale in cui compare lo stimolo anziché dalle sue caratteristiche intrinseche (preferenza di posizione). Soluzione: la coppia di stimoli viene presentata 2 volte in successione, con la posizione (sinistra e destra) degli stimoli invertita. 42

43 Il paradigma della preferenza visiva Consente di studiare le preferenze visive SPONTANEE del bambino nei primi mesi di vita, ossia le naturali preferenze che il bambino manifesta per alcuni tipi di stimoli visivi o per alcune proprietà dello stimolo, come risultato delle caratteristiche funzionali del suo sistema visivo. Es: - preferenza per il volto umano rispetto ad altri stimoli di pari complessità in neonati di 3 giorni; - preferenza per l orientamento orizzontale in neonati di 3 giorni E particolarmente utilizzata da chi è interessato a studiare le predisposizioni specificate per via innata, che guidano l orientamento e il mantenimento dell attenzione del bambino su particolari classi di input visivi. Permette di studiare anche le preferenze visive ACQUISITE dal bambino come risultato dell esperienza. Es.: - preferenza per il volto della madre rispetto al volto di una donna estranea in neonati di 3 giorni. - preferenza per volti femminili rispetto a volti maschili in bambini di 3 mesi. 43

44 Paradigmi sperimentali utilizzati nella 1 infanzia 44 Preferenza visiva Percezione visiva: preferenze visive spontanee specificate per via innata o acquisite grazie all esperienza Abituazione visiva Condizionamento (classico e operante) della risposta di suzione, della rotazione del capo Scansione visiva (registrazione dei movimenti oculari) Tecniche di attivazione dell attività cerebrale Percezione visiva, acustica, tattile, olfattiva: capacità di discriminazione tra 2 stimoli che differiscono per 1 o + caratteristiche Memoria di riconoscimento Categorizzazione percettiva Percezione visiva, acustica: capacità di discriminazione tra 2 stimoli che differiscono per 1 o + caratteristiche Capacità di apprendimento Percezione visiva: strategie di selezione dell informazione utilizzate durante l esplorazione dello stimolo; natura dell informazione selezionata nello stimolo Permettono di indagare i correlati neurali di competenze percettive e cognitive precedentemente indagate con compiti comportamentali

45 Il paradigma dell abituazione visiva Consiste nella misurazione del decremento nella durata del tempo di fissazione visiva, in conseguenza della ripetuta presentazione di uno stesso stimolo, e del successive incremento in corrispondenza della presentazione di uno stimolo nuovo, diverso da quello familiare per 1 o più caratteristiche. IDEA DI BASE: La tecnica sfrutta la spontanea tendenza del bambino a preferire la NOVITA, ossia a fissare più a lungo uno stimolo nuovo rispetto a uno familiare. Si compone di 2 fasi: 1. fase di abituazione: lo stesso stimolo viene presentato ripetutamente al bambino e viene registrata la durata delle fissazioni. La presentazione continua fino a quando la somma dei tempi di fissazione non raggiunge una soglia predeterminata, o fino a quando i tempi di fissazione non diminuiscono al di sotto di un criterio predefinito dallo sperimentatore. 2. fase di violazione dell aspettativa: lo stimolo familiare viene ripresentato insieme a uno stimolo nuovo, diverso dal precedente per una o più caratteristiche. 45

46 Il paradigma dell abituazione visiva Curva di abituazione: descrive le variazioni nella durata della fissazione visiva in conseguenza della ripetuta presentazione dello stimolo familiare A (fase di abituazione) e della successiva ripresentazione dello stimolo familiare e di uno stimolo nuovo B (fase test) 46

47 Il paradigma dell abituazione visiva Fase Test Fase di Abituazione

48 Il paradigma dell abituazione visiva

49 3 giorni

50 5 mesi

51 8 mesi

52 Paradigmi sperimentali utilizzati nella 1 infanzia 52 Preferenza visiva Percezione visiva: preferenze visive spontanee specificate per via innata o acquisite grazie all esperienza Abituazione visiva Condizionamento (classico e operante) della risposta di suzione, della rotazione del capo Scansione visiva (registrazione dei movimenti oculari) Tecniche di attivazione dell attività cerebrale Percezione visiva, acustica, tattile, olfattiva: capacità di discriminazione tra 2 stimoli che differiscono per 1 o + caratteristiche Memoria di riconoscimento Categorizzazione percettiva Percezione visiva, acustica: capacità di discriminazione tra 2 stimoli che differiscono per 1 o + caratteristiche Capacità di apprendimento Percezione visiva: strategie di selezione dell informazione utilizzate durante l esplorazione dello stimolo; natura dell informazione selezionata nello stimolo Permettono di indagare i correlati neurali di competenze percettive e cognitive precedentemente indagate con compiti comportamentali

53 Condizionamento operante La Tecnica della Suzione Non Nutritiva Utilizzato per studiare le capacità di categorizzazione percettiva Bambini di 1-3 mesi apprendono a modificare la pressione con la quale succhiano al fine di ottenere un rinforzo visivo (la messa a fuoco di una immagine). [Siqueland e De Lucia, 1969] 53

54 Condizionamento operante Il Mobile Conjugate Reinforcement Task (Rovee-Collier) A partire dai 2 mesi i bambini possono apprendere la relazione tra il movimento della loro gamba e il movimento conseguente di un mobile appeso sopra il lettino (un nastro attaccato al mobile viene legato alla caviglia, in modo che quando il bambino muove la gamba, si muove anche il mobile ) il bambino apprende la relazione tra un suo specifico comportamento (muovere la gamba inun certo modo) e il rinforzo visivo (movimento del mobile ) 54

55 Condizionamento operante Limb movements (e.g., kicking) - Rinforzo coniugato al movimento di un giocattolo Età: 3 mesi VD: numero di calci/minuto Fase training: 2 sessioni da 15 minuti Fase test: 24 hr dopo il training (Rovee-Collier, Hankins, & Bhatt, 1992)

56 Condizionamento operante Limb movements (e.g., kicking) - Rinforzo coniugato al movimento di un giocattolo Training Test (Rovee-Collier, Hankins, & Bhatt, 1992)

57 Come opera l attenzione nel selezionare l informazione relativa ad un oggetto? Quali sono i meccanismi attentivi coinvolti nella percezione e nel riconoscimento di un oggetto e delle sue caratteristiche? ricerca visiva di un particolare bersaglio (compagno di viaggio) in mezzo ad un numero enorme di distrattori

58 Ricerca visiva Tempo di reazione Ricerca di target pop-out Grandezza del set effetto pop-out

59 Condizionamento operante Limb movements (e.g., kicking) - Rinforzo coniugato al movimento di un giocattolo Training Test (Rovee-Collier, Hankins, & Bhatt, 1992)

60 Abituazione Età: 3 mesi Effetto pop-out nei primi mesi di vita (Rovee-Collier, Hankins, & Bhatt, 1992) (Quinn & Bhatt, 1995)

61 Effetto pop-out nei primi mesi di vita Tempi di latenza oculare Adler & Orprecio, 2 Adulti 3 mesi

62 Paradigmi sperimentali utilizzati nella 1 infanzia Preferenza visiva Percezione visiva: preferenze visive spontanee specificate per via innata o acquisite grazie all esperienza Abituazione visiva Condizionamento (classico e operante) della risposta di suzione, della rotazione del capo Scansione visiva (registrazione dei movimenti oculari) Tecniche di attivazione dell attività cerebrale Percezione visiva, acustica, tattile, olfattiva: capacità di discriminazione tra 2 stimoli che differiscono per 1 o + caratteristiche Memoria di riconoscimento Categorizzazione percettiva Percezione visiva, acustica: capacità di discriminazione tra 2 stimoli che differiscono per 1 o + caratteristiche Capacità di apprendimento Percezione visiva: strategie di selezione dell informazione utilizzate durante l esplorazione dello stimolo; natura dell informazione selezionata nello stimolo Permettono di indagare i correlati neurali di competenze percettive e cognitive precedentemente indagate con compiti comportamentali 62

63 Il paradigma della scansione visiva Consiste nella registrazione dei movimenti oculari prodotti dal bambino durante l esplorazione visiva di uno stimolo, attraverso l utilizzo di una telecamera sensibile ai raggi infrarossi Eye Tracking System Consente di determinare le zone dello stimolo sulle quali si concentrano le fissazioni del bambino e i movimenti saccadici compiuti dal bambino per spostare lo sguardo da una porzione all altra dello stimolo. Consente di analizzare le modalità di esplorazione visiva utilizzate dal soggetto, rappresentate da un tracciato dei movimenti oculari, e il tempo impiegato dal bambino per esplorare le diverse parti dello stimolo. 63

64 Il paradigma della scansione visiva 64

65 65

66 Il paradigma della scansione visiva I risultati ottenuti hanno dimostrano che: Fino dalla nascita il bambino è un attivo e dinamico ricercatore di informazione, piuttosto che un selettore statico di stimoli. Si verificano marcate modificazioni nel comportamento di esplorazione visiva nel corso dei primi 2 mesi di vita e oltre: i neonati e i bambini di 1 mese tendono a concentrare le loro fissazioni su limitate porzioni dello stimolo, e a effettuare numerosi movimenti oculari di ampiezza ridotta. I bambini più grandi compiono movimenti oculari ampi per esplorare zone più ampie dello stimolo. 66

67 Il paradigma della scansione visiva " Recentemente, la registrazione dei movimenti oculari viene utilizzata per studiare come si sviluppano nei primi mesi la capacità di integrare le informazioni presenti nel campo visivo e individuare i margini di una configurazione segregandola dallo sfondo. " La percezione di oggetti parzialmente occlusi! (2 mesi)! (4 mesi)! 67 59

68 68 Il paradigma della scansione visiva!la percezione di oggetti parzialmente occlusi! DIFFERENZE INDIVIDUALI, 3 mesi " (Johnson, 2004, 2008)" Ogni punto bianco rappresenta una fissazione, ogni linea una saccade." Concentra le fissazioni sulle porzioni rilevanti del percetto. Guarda l oggetto occluso (le porzioni visibili, i punti di intersezione con l occlusore, il movimento) piuttosto che sull occlusore. " " Percepisce l unitarietà dell oggetto occluso." Concentra le fissazioni sulle porzioni MENO rilevanti del percetto. Guarda l occlusore piuttosto che l oggetto occluso. " " " NON percepisce l unitarietà dell oggetto occluso."

69 Eye-tracker: Preferenza e abituazione visiva Turati et al.,

70 Il paradigma della scansione visiva 70

71 Il paradigma della scansione visiva La percezione di margini illusori! 71

72 Il paradigma della scansione visiva La percezione di margini illusori! 72

73 Il paradigma della scansione visiva I limiti della tecnica: Permette di determinare su quali porzioni dello stimolo il bambino ha posizionato la FOVEA. Ciò consente di fare inferenze circa le modalità di esplorazione visiva dello stimolo attuate dal bambino, ma non consente di sapere se l informazione presente nelle altre porzioni dello stimolo sia stata percepita o meno dal bambino (fornisce una misura riduzionista). Soluzione: la misurazione dei movimenti oculari andrebbe realizzata all interno del paradigma della preferenza o dell abituazione visiva, al fine di disporre anche di misure meno riduzioniste del comportamento visivo del bambino. 73

74 Paradigmi sperimentali utilizzati nella 1 infanzia 74 Preferenza visiva Percezione visiva: preferenze visive spontanee specificate per via innata o acquisite grazie all esperienza Abituazione visiva Condizionamento (classico e operante) della risposta di suzione, della rotazione del capo Scansione visiva (registrazione dei movimenti oculari) Tecniche di attivazione dell attività cerebrale Percezione visiva, acustica, tattile, olfattiva: capacità di discriminazione tra 2 stimoli che differiscono per 1 o + caratteristiche Memoria di riconoscimento Categorizzazione percettiva Percezione visiva, acustica: capacità di discriminazione tra 2 stimoli che differiscono per 1 o + caratteristiche Capacità di apprendimento Percezione visiva: strategie di selezione dell informazione utilizzate durante l esplorazione dello stimolo; natura dell informazione selezionata nello stimolo Permettono di indagare i correlati neurali di competenze percettive e cognitive precedentemente indagate con compiti comportamentali

75 Tecniche di visualizzazione dell attività cerebrale Consentono di ottenere delle mappe funzionali dell attività neurale in tempo reale, basate sulle modificazioni dell attività metabolica (flusso sanguigno) o dell attività elettrica del cervello in risposta alla stimolazione. Permettono di indagare i correlati neurali di competenze percettive e cognitive precedentemente indagate con compiti comportamentali. 75

76 76 Near-InfraRed Spectroscopy (NIRS) Misura le variazioni nel livello di OSSIGENAZIONE (concentrazioni di oxi- e deoxi-emoglobina) Usata per studiare attivazione cerebrale in risposta a stimolazione visiva, acustica, olfattiva, motoria.

77 Event-Related Potentials (ERP) 77

78 Event-Related Potentials (ERP) 2 possibili modi in cui vengono rappresentati graficamente i risultati ottenuti attraverso la registrazione degli ERP: (1) La distribuzione spaziale della risposta elettrica cerebrale evocata dalla presentazione di uno stimolo visivo. Le aree GIALLE e ROSSE si riferiscono alle risposte elettriche di segno positivo (+) Le zone BLU indicano risposte di segno negativo (-)

79 Event-Related Potentials (ERP) (2) L andamento temporale della risposta elettrica registrata da un elettrodo o da un gruppo di elettrodi. Ampiezza della risposta elettrica, espressa in microvolt, in funzione del tempo, espresso in millisecondi. 79

80 Event-Related Potentials (ERP) Csibra et al., 2000 Science 80

81 Eliminano il problema dell EQUIVALENZA DELLE MISURE: le differenze rilevate tra le età sono imputabili a cambiamenti intrinseci ai soggetti e non a cambiamenti inerenti il contesto/compito. 81 La registrazione dei movimenti oculari e le tecniche di visualizzazione dell attività cerebrale sono particolarmente adatte per lo studio dello sviluppo cognitivo: (1) Consentono di indagare le competenze cognitive dei bambini in situazioni che implicano carichi attentivi e mnestici ridotti (FREE VIEWING CONDITION) N.B.: maggiori sono le domande poste dal compito, minori sono le competenze che il bambino sembrerà avere (2) Consentono di utilizzare lo stesso compito con soggetti di diverse età, ricavando misure confrontabili

82 La concezione del bambino nella prima infanzia Quali fattori hanno portato a modificare la concezione del bambino nella prima infanzia? 1. Il mutamento nella prospettiva teorica 2. I progressi in ambito tecnologico e metodologico 3. I progressi nelle conoscenze della funzionalità dei sistemi sensoriali alla nascita 82

83 I progressi nelle conoscenze della funzionalità dei sistemi sensoriali alla nascita Vista Udito Odorato Il sistema visivo, anche se immaturo, è in grado fino dalla nascita di rispondere alla stimolazione e consente al neonato di discriminare un ampia gamma di stimoli Diversamente da quello visivo, il sistema uditivo è già funzionale durante la vita intrauterina. Alla nascita è ben sviluppato. Il neonato è sensibile ad una vasta gamma di stimoli olfattivi. Gusto Tatto La sensibilità nei confronti di gusti differenti è presente fin dalla nascita. La sensibilità tattile è presente ancor prima della nascita. 83

84 I progressi nelle conoscenze della funzionalità dei sistemi sensoriali alla nascita Vista Udito Odorato Gusto Tatto Mette a fuoco con entrambi gli occhi a una distanza di 20 cm Segue con gli occhi un oggetto in movimento Preferenza alcuni stimoli visivi rispetto ad altri Localizza la fonte sonora Risponde a diversi suoni, soprattutto alla voce umana Discrimina la voce della madre da quella di altre persone Reagisce ad alcuni odori, ad esempio, l ammoniaca Discrimina l odore della madre già nella prima settimana di vita Discrimina stimoli olfattivi gradevoli e sgradevoli (variabile dipendente: espressione facciale) Discrimina il dolce dal salato. Riconosce l acido dall amaro Preferisce le sostanze zuccherine e rifiuta quelle salate Risponde alle stimolazioni tattili in quasi tutte le parti del corpo, soprattutto intorno alle mani e sulla bocca 84

85 I progressi nelle conoscenze della funzionalità dei sistemi sensoriali alla nascita Competenze gustative e olfattive precoci: Il neonato risponde diversamente a: Sapori dolci Sapori amari e acidi Espressioni di soddisfazione Espressioni di disgusto e irritazione Odori gradevoli (latte materno) Odori sgradevoli * Le sensazioni gustative e olfattive nel neonato sono importanti ai fini della nutrizione ma anche al fine di mediare la relazione con il caregiver. 85

86 I progressi nelle conoscenze della funzionalità dei sistemi sensoriali alla nascita Percezione uditiva precoce Prima della nascita il feto è in grado di udire gli stimoli sonori esterni, s.tto se di elevata intensità, che penetrano attraverso la parete addominale materna in utero. la voce della madre, trasmessa verso il basso tramite il diaframma, è lo stimolo sonoro che può essere udito meglio dal feto. Alla nascita sono predisposti ad elaborare le caratteristiche ritmiche degli stimoli linguistici. Es. orientano gli occhi e la testa in direzione di suoni ritmici e di voci umane. riconoscono precocemente la voce materna e la preferiscono ad altri stimoli sono inizialmente in grado di discriminare i fonemi delle diverse lingue, per poi focalizzarsi selettivamente solo su quella della propria cultura di appartenenza 86

87 87 I progressi nelle conoscenze della funzionalità dei sistemi sensoriali alla nascita Tatto Sensibilità tattile comincia a svilupparsi a partire dall ottava settimana dal concepimento. A tre mesi dal concepimento il feto si gira nella direzione di uno stimolo tattile. il neonato è in grado di discriminare alcuni stimoli tattili con le mani o la bocca (ruvidi versus lisci). Dolore gli stimoli dolorosi elicitano una forte risposta di stress nel neonato: modificazioni nell espressione facciale, negli indici fisiologici, pianto (Es. prelievo del sangue). il dolore nei neonati può essere alleviato da una varietà di stimoli: suzione di soluzione zuccherina, suoni, odori gradevoli.

88 I progressi nelle conoscenze della funzionalità dei sistemi sensoriali alla nascita I sistemi sensoriali sono già funzionali alla nascita o prima della nascita. I neonati NON sono dei recettori passivi di stimoli e NON vengono semplicemente catturati dalle stimolazioni ambientali. I neonati manifestano preferenze nei processi attentivi qualunque sia il sistema sensoriale coinvolto (visivo, uditivo, tattile, olfattivo e gustativo). NB Ciò NON significa che i processi percettivi siano già definitivamente sviluppati alla nascita!!! 88

SVILUPPO PERCETTIVO diverse modalità percettive

SVILUPPO PERCETTIVO diverse modalità percettive SVILUPPO PERCETTIVO Come il neonato, il bambino e l adolescente utilizzano diverse modalità percettive, di cui sono già dotati alla nascita e che si perfezionano nel corso dello sviluppo Come, grazie ai

Dettagli

MAPPA DEI SINTOMI PRECOCI DI DISPRASSIA (A 5 ANNI) Condizioni di rischio di Sindrome Dislessica. Lentezza motoria (a volte alternata a precipitazione)

MAPPA DEI SINTOMI PRECOCI DI DISPRASSIA (A 5 ANNI) Condizioni di rischio di Sindrome Dislessica. Lentezza motoria (a volte alternata a precipitazione) MAPPA DEI SINTOMI PRECOCI DI DISPRASSIA (A 5 ANNI) Condizioni di rischio di Sindrome Dislessica Lentezza motoria (a volte alternata a precipitazione) Maldestrezza, scoordinamenti Disordini nelle prassie

Dettagli

RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione

RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione PAOLO CANGIANO DISCIPLINE DELLA RICERCA PSICOLOGICO SOCIALE (Nettuno) Matricola nr 710756 RELAZIONE dell Aula virtuale di Percezione Aprile 2012 Indice 1. Introduzione p. 2 2. Procedura di raccolta dati

Dettagli

EYE TRACKING TOBII 1750 I MOVIMENTI OCULARI

EYE TRACKING TOBII 1750 I MOVIMENTI OCULARI EYE TRACKING TOBII 1750 I MOVIMENTI OCULARI I movimenti oculari! I movimenti oculari sono i movimenti umani più frequenti (Bridgeman, 1992)! Tutti gli animali che hanno sviluppato un sistema visivo controllano

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano

Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Corso di Laurea in Scienze Motorie e dello Sport La formazione e lo sviluppo delle capacità e delle abilità motorie Prof. Maurizio Mondoni LE CAPACITA MOTORIE

Dettagli

Il bosco delle sensazioni

Il bosco delle sensazioni Programmazione sezione prima SCUOLA DELL'INFANZIA "VILLA FLAMINIA" A.S. 2015 /2016 Il bosco delle sensazioni INSEGNANTI Maela Avvisati Oriana Riina Tina Iavarone Dimmi e io dimentico Mostrami e io ricordo

Dettagli

Rilievo precoce dell handicap visivo: tecniche di abilitazione visiva in età pediatrica.

Rilievo precoce dell handicap visivo: tecniche di abilitazione visiva in età pediatrica. SOCIETA ITALIANA DI MEDICINA PREVENTIVA E SOCIALE CORSO: LA PREVENZIONE IN OFTALMOLOGIA PEDIATRICA Rilievo precoce dell handicap visivo: tecniche di abilitazione visiva in età pediatrica. Anna Maria Papparella

Dettagli

Percorso sensoriale su prodotti lattiero caseari ZEPPA G. Università degli Studi di Torino

Percorso sensoriale su prodotti lattiero caseari ZEPPA G. Università degli Studi di Torino Percorso sensoriale su prodotti lattiero caseari ZEPPA G. Università degli Studi di Torino La scelta del cibo non è genetica (il dolce è buono, il piccante cattivo, ma non sempre!) La scelta del cibo è

Dettagli

Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE. Secondo il comportamento e la psicoanalisi

Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE. Secondo il comportamento e la psicoanalisi Diversi approcci teorici LO SVILUPPO SOCIALE Anna M. Re Psicanalisi Comportamentismo Cognitivo-comportamentale Etologia Secondo il comportamento e la psicoanalisi L uomo alla nascita non è dotato di tendenze

Dettagli

Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia

Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia Autismo: metodologie di osservazione e strategie di intervento nella scuola dell infanzia Novembre 2007 Gennaio 2008 M. Gibertoni, R. Padovani Centro per l Autismo, ASL di Modena Comportamento problema:

Dettagli

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO SCUOLA DELL INFANZIA IL SE E L ALTRO Il bambino supera serenamente il distacco con la famiglia Conosce e rispetta le prime regole di convivenza E autonomo nelle situazioni di vita quotidiana (servizi igienici, pranzo, gioco)

Dettagli

Il Modello Denver, un intervento intensivo e completo per i bambini con autismo in età prescolare

Il Modello Denver, un intervento intensivo e completo per i bambini con autismo in età prescolare Il Modello Denver, un intervento intensivo e completo per i bambini con autismo in età prescolare All interno di un approccio a base relazionale Nella cornice di un affetto fortemente positivo Per programmi

Dettagli

Premessa 31/10/2011. Un due tre stella. ecco MAGA BEA! Esistono vari tipi di attenzione.

Premessa 31/10/2011. Un due tre stella. ecco MAGA BEA! Esistono vari tipi di attenzione. Premessa Un due tre stella ecco MAGA BEA! Laboratorio per il potenziamento delle abilità di ascolto e di attenzione L attenzione comprende la disponibilità a recepire la capacità di selezione dello stimolo

Dettagli

Neuroscienze e Psicologia della musica Tomaso Vecchi

Neuroscienze e Psicologia della musica Tomaso Vecchi Neuroscienze e Psicologia della musica Tomaso Vecchi Department of Brain and Behavioral Sciences, Università di Pavia Brain Connectivity Center, IRCCS Mondino I fondamenti psicologici dell esperienza musicale

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale F. Masci Francavilla al Mare

Istituto Comprensivo Statale F. Masci Francavilla al Mare Istituto Comprensivo Statale F. Masci Francavilla al Mare CURRICOLO SCUOLA DELL INFANZIA ALENTO - FONTECHIARO Anno Scolastico 2012/2013 Insegnanti Scuola Infanzia Alento : Bellonio Adelina, Corrado Gabriella,

Dettagli

Introduzione al Graphic Design

Introduzione al Graphic Design Introduzione al Graphic Design Principi di Design Utilizzando gli elementi formali, descritti nella prima unità didattica, nella realizzazione di una composizione grafica andremo ad applicare dei principi

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

APPROCCI METODOLOGICI ALLA PSICOLOGIA COGNITIVA. M. Cristina Caratozzolo Università di Siena Dipartimento di Scienze della Comunicazione

APPROCCI METODOLOGICI ALLA PSICOLOGIA COGNITIVA. M. Cristina Caratozzolo Università di Siena Dipartimento di Scienze della Comunicazione APPROCCI METODOLOGICI ALLA PSICOLOGIA COGNITIVA M. Cristina Caratozzolo Università di Siena Dipartimento di Scienze della Comunicazione PSICOLOGIA COGNITIVA Studia le reazioni ed i comportamenti di soggetti

Dettagli

a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 La vista 28/3/2006

a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 La vista 28/3/2006 a.a. 2005/2006 Laurea Specialistica in Fisica Corso di Fisica Medica 1 La vista 28/3/2006 Visione della luce La luce è una forma di energia elettromagnetica siamo soliti definire "luce visibile" una radiazione

Dettagli

CONSIDERAZIONI SPERIMENTALI SULLA RAPPRESENTAZIONE MENTALE DELLO SPAZIO NEI NON VEDENTI

CONSIDERAZIONI SPERIMENTALI SULLA RAPPRESENTAZIONE MENTALE DELLO SPAZIO NEI NON VEDENTI CONSIDERAZIONI SPERIMENTALI SULLA RAPPRESENTAZIONE MENTALE DELLO SPAZIO NEI NON VEDENTI Giovanna Virga 1 Riassunto Il presente lavoro partendo dal presupposto che il mondo dei ciechi non è fondamentalmente

Dettagli

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo

Luce e acqua La fotografia subacquea Il colore e l acqua assorbimento selettivo Luce e acqua La fotografia subacquea Ora cercheremo di comprendere come la luce, elemento fondamentale per la fotografia, si comporta in ambiente acquoso e quali sono le sue differenze con il comportamento

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA : CAMPANELLI D ALLARME

SCUOLA DELL INFANZIA : CAMPANELLI D ALLARME SCUOLA DELL INFANZIA : CAMPANELLI D ALLARME E IDEE PER LAVORARE 5 dicembre 2012 Grazia Crinzi 1 DI COSA PARLIAMO? LINEE GUIDA INDIVIDUAZIONE PRECOCE E INDICI DI RISCHIO IDEE PER LAVORARE MONITORAGGIO 5

Dettagli

Progetto di Psicomotricità

Progetto di Psicomotricità Progetto di Psicomotricità 3 anni PROGRAMMA DI LAVORO SCUOLA DELL INFANZIA 4 anni 5/6 anni La psicomotricità nella scuola dell infanzia. I bambini come gli esseri umani adulti hanno un bisogno innato di

Dettagli

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007)

DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) DOMINI / AREE PRINCIPALI CLASSIFICAZIONE ICF-CY (OMS, 2007) Capitolo 1 Funzioni mentali FUNZIONI CORPOREE Funzioni mentali globali (b110-b139) b110 Funzioni della coscienza b114 Funzioni dell orientamento

Dettagli

Sistemi per la valutazione del recupero

Sistemi per la valutazione del recupero Giovani, sport e montagna - 7 convegno nazionale di Formazione - Carichi di allenamento e recupero Predazzo, 9 maggio 2015 Sistemi per la valutazione del recupero Alessandra Galmonte v Dipartimento di

Dettagli

Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola Traguardi Campi di esperienza

Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola Traguardi Campi di esperienza Competenze chiave di cittadinanza europee Imparare ad imparare Spirito di iniziativa ed imprenditorialità Curricolo di Istituto Scuola Infanzia Piano formativo: costruzione del sé Competenze di scuola

Dettagli

LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA

LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA LE ABILITA MOTORIE IN ETA EVOLUTIVA Pasquale Gallina Dottore in Fisioterapista Master in Riabilitazione dei Disordini MuscoloScheletrici OMT Orthopedic Manipulative Therapist LE FASI DELL ETÀ EVOLUTIVA

Dettagli

L ESAME AUDIOMETRICO NELL ADULTO NON COLLABORANTE

L ESAME AUDIOMETRICO NELL ADULTO NON COLLABORANTE L ESAME AUDIOMETRICO NELL ADULTO NON COLLABORANTE RICERCA DELLA SOGLIA UDITIVA: METODI E TECNICHE AUDIOMETRISTA R. RUBERTO Quando si parla di adulto non collaborante si ha a che fare con un paziente complesso,

Dettagli

TABELLE PER LA RILEVAZIONE DEI DATI AI FINI DELLA COMPILAZIONE DEL P.E.I. Aspetti comportamentali

TABELLE PER LA RILEVAZIONE DEI DATI AI FINI DELLA COMPILAZIONE DEL P.E.I. Aspetti comportamentali TABELLE PER LA RILEVAZIONE DEI DATI AI FINI DELLA COMPILAZIONE DEL P.E.I. Aspetti comportamentali Struttura della personalità sociale Affettività sì no data sì no data mostra indifferenza per ciò che sperimenta

Dettagli

Comunicazioni. Percepire per Riconoscere o per Agire sugli oggetti 14/03/2011. Corso di Psicologia Generale e dello Sport. Discriminare, Nominare

Comunicazioni. Percepire per Riconoscere o per Agire sugli oggetti 14/03/2011. Corso di Psicologia Generale e dello Sport. Discriminare, Nominare Università degli Studi di Roma Foro Italico Corso di Psicologia Generale e dello Sport Profssa. Sabrina Pitzalis Contatti: E-mail: sabrina.pitzalis@uniroma4.it Home-page: http://psicologia-uniroma4.it/sab/index.htm

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA IL CURRICOLO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I CAMPI DI ESPERIENZA Gli insegnanti accolgono, valorizzano ed estendono le curiosità, le esplorazioni, le proposte dei bambini e creano occasioni di apprendimento

Dettagli

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro

Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Misura delle proprietà di trasmissione e assorbimento della luce da parte dei materiali mediante spettrofotometro Apparato sperimentale: Spettrofotometro digitale SPID HR (U21830) con software di acquisizione,

Dettagli

Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA

Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA Lab.D.A. Laboratorio sui Disturbi dell Apprendimento Galleria Berchet, 3 Padova Direttore: Prof. Cesare Cornoldi Tipologie di BES e problemi diagnostici di confine con i DSA www.labda-spinoff.it 0498209059/3284366766

Dettagli

La risposta dell attività cerebrale alle stimolazioni verbali

La risposta dell attività cerebrale alle stimolazioni verbali La risposta dell attività cerebrale alle stimolazioni verbali Differenze nel processamento lessicale e semantico in bambini con disturbo dello spettro autistico Giancarlo Zito, Magda Di Renzo, Federico

Dettagli

La Visione Artificiale. La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine

La Visione Artificiale. La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine La Visione Artificiale La vis ione delle macchine La vis ione umana Acquis izione di immag ine Copyright Alcune slide sono tratte dal testo: Digital Image Processing Materiale didattico relativo si trova

Dettagli

Incontro formativo NPL per bibliotecari e operatori del settore Brescia 9 Maggio 2013 Dott.ssa M.Clerici Schoeller

Incontro formativo NPL per bibliotecari e operatori del settore Brescia 9 Maggio 2013 Dott.ssa M.Clerici Schoeller Incontro formativo NPL per bibliotecari e operatori del settore Brescia 9 Maggio 2013 Dott.ssa M.Clerici Schoeller Già nella vita fetale ci sono sensibilità alla luce, al suono, al dolore, movimenti coordinati

Dettagli

La psicologia dell udito. onde sonore percezione uditiva cognizione

La psicologia dell udito. onde sonore percezione uditiva cognizione La psicologia dell udito onde sonore percezione uditiva cognizione Fisica-percezione-cognizione Aria Orecchio Mente Suono Sensazione Musica/Parole Ampiezza Intensità Dinamica Frequenza Altezza Classe di

Dettagli

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO

LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO LA RIABILITAZIONE NEUROCOGNITIVA & L ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO Le varie teorie della riabilitazione motoria Nel corso degli anni si sono sviluppate varie teorie: Teoria motivazionale : è usata

Dettagli

U.O. di Audio-Vestibologia Ospedale Ramazzini di Carpi. g.guidetti@ausl.mo.it

U.O. di Audio-Vestibologia Ospedale Ramazzini di Carpi. g.guidetti@ausl.mo.it Giorgio i Guidetti e Stefano Livio i U.O. di Audio-Vestibologia Ospedale Ramazzini di Carpi g.guidetti@ausl.mo.it Controllo dei movimenti i oculari e performances di guida FATTORI AMBIENTALI (PERCORSO,

Dettagli

DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA

DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA DOTT.SSA LAURA PEDRINELLI CARRARA Capire i meccanismi comunicativi per relazionarsi meglio Sistemi sensoriali e comunicazione Che cosa è la comunicazione verbale è uno scambio di informazioni tra più persone

Dettagli

LA PREVENZIONE DELLA DISLESSIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPOSTE DIDATTICHE

LA PREVENZIONE DELLA DISLESSIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPOSTE DIDATTICHE LA PREVENZIONE DELLA DISLESSIA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA PROPOSTE DIDATTICHE 1 Scuola dell infanzia e primi anni scuola primaria Segnali di rischio e difficoltà IDENTIFICAZIONE PRECOCE Intervenire: risolvere

Dettagli

Rilievo morfologico del manto stradale

Rilievo morfologico del manto stradale Rilievo morfologico del manto stradale Federico Ferrari L utilizzo del Laser Scanner D Cyrax System nel campo dell incidentistica stradale per perizie legali è collocabile all interno dei programmi di

Dettagli

LE DIFFICOLTÀ DI ATTENZIONE E DI IPERATTIVITÀ NEI BAMBINI E NEI RAGAZZI:

LE DIFFICOLTÀ DI ATTENZIONE E DI IPERATTIVITÀ NEI BAMBINI E NEI RAGAZZI: LE DIFFICOLTÀ DI ATTENZIONE E DI IPERATTIVITÀ NEI BAMBINI E NEI RAGAZZI: SPUNTI TEORICI E STRATEGIE DI INTERVENTO NELLA SCUOLA DELL INFANZIA 5 dicembre 2012 Federica Vandelli, Fabiana Zani STRUTTURA DELL

Dettagli

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente

IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO. Generazione In- Dipendente IL CERVELLO E IL SUO SVILUPPO Il Cervello e il suo sviluppo IL SISTEMA NERVOSO CENTRALE E PERIFERICO Il Sistema Nervoso (SN) viene suddiviso in due parti, che svolgono funzioni specifiche e agiscono sinergicamente

Dettagli

METAFONOLOGICO: correlato con

METAFONOLOGICO: correlato con Proposte didattiche per i bambini della scuola dell infanzia Laives, 30 settembre 2010 Graziella Tarter Centro Studi Erickson - Trento Progetto Il mondo delle parole Ago-set 2010 Set 10 formazione teorica

Dettagli

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o

I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o I s t i t u t o C o m p r e n s i v o S i a n o VIA SPINELLI 84088 SIANO (SA)-. 081/5181021- Ê081/5181355 - C.F. 95140330655 e mail SAIC89800D@ISTRUZIONE.IT, SAIC89800D@PEC.ISTRUZIONE.IT, www.istitutocomprensivosiano.gov.it

Dettagli

SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE

SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE CORSO SULLA PSICOMOTRICITA' LA PSICOMOTRICITA E IL LUOGO DEL SAPERE SAPER ESSERE SAPER FARE CONOSCENZA DI SE' ORGANIZZAZIONE DEL MOVIMENTO COORDINAZIONE DINAMICA GENERALE PERCEZIONE E REGOLAZIONE DEL MOVIMENTO

Dettagli

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio

1. Psicolinguistica: caratteri generali. 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio Sommario LEZIONE 8 1. Psicolinguistica: caratteri generali 2. Psicolinguistica: apprendimento del linguaggio 3. Neurolinguistica Che cosêè la psicolinguistica...compito della psicolinguistica (o psicologia

Dettagli

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE: IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA UDITIVO PROF. EDORDO ARSLAN Indice 1 Il funzionamento del sistema uditivo --------------------------------------------------------------------------------------- 3

Dettagli

Elaborazione digitale delle immagini

Elaborazione digitale delle immagini Elaborazione digitale delle immagini Dal Dizionario: rappresentazione, imitazione di un oggetto o di una cosa; descrizione grafica o visiva di oggetti o cose; qualcosa introdotto o rappresentare qualcos

Dettagli

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA EDUCAZIONE FISICA TRAGUARDI AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA Nuclei Tematici Traguardi per lo sviluppo delle Competenze Obiettivi di Apprendimento Obiettivi Minimi Il corpo e le funzioni senso-percettive

Dettagli

La comprensione del testo per la scuola secondaria di I grado

La comprensione del testo per la scuola secondaria di I grado La comprensione del testo per la scuola Analisi delle risposte date dagli studenti ad alcuni quesiti della PN Invalsi 2014: ipotesi sulle cause della mancata comprensione e possibili ricadute didattiche

Dettagli

Che cos è la teoria della mente

Che cos è la teoria della mente Che cos è la teoria della mente La teoria della mente è la capacità di intuire o comprendere gli stati mentali propri e altrui, i pensieri, le credenze, i ragionamenti, le inferenze, le emozioni, le intenzioni

Dettagli

Progetto di CIRCOLO triennale (2006-2009) 2009) Scuola dell infanzia. DOCUMENTAZIONE a.s. 2007 /2008

Progetto di CIRCOLO triennale (2006-2009) 2009) Scuola dell infanzia. DOCUMENTAZIONE a.s. 2007 /2008 Progetto di CIRCOLO triennale (2006-2009) 2009) Scuola dell infanzia DOCUMENTAZIONE a.s. 2007 /2008 1 Oltre i laboratori un ITINERARIO educativo - didattico INVERNO il sonno della natura AUTUNNO fenomeni

Dettagli

«Un astratto intellettuale si trasforma grazie alla luce in uno spazio architettonico. Una visione diviene realtà tangibile.»

«Un astratto intellettuale si trasforma grazie alla luce in uno spazio architettonico. Una visione diviene realtà tangibile.» «Un astratto intellettuale si trasforma grazie alla luce in uno spazio architettonico. Una visione diviene realtà tangibile.» Volker Schultz, Prof. laureato in Architettura, Detmold 1-I-05/13 Sorgente

Dettagli

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino

Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il Minibasket e la preparazione atletica: obiettivi comuni per il miglioramento delle capacità del bambino Il ruolo dell istruttore nel Minibasket è di fondamentale importanza in quanto deve migliorare

Dettagli

percezione e composizione

percezione e composizione Facoltà di Architettura di Genova Corso di laurea in Disegno Industriale Laboratorio di GRAFICA 1 a.a. 2009_10 Prof.ssa Marialinda Falcidieno Prof. Massimo Malagugini Alessandro Castellano Serena Wich

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere

COMPETENZE Comprendere la forma e il significato di messaggi musicali espressi in varie forme e opere 1 ISTITUTO COMPRENSIVO F. de Sanctis Curricolo verticale A.S. 2014/2015 2 MUSICA L educazione musicale, al pari delle altre discipline, ha l obiettivo di educare alla cittadinanza, in linea con le nuove

Dettagli

Psicologia dello Sviluppo Cognitivo (LABORATORIO) 1 lezione Elena Gandolfi

Psicologia dello Sviluppo Cognitivo (LABORATORIO) 1 lezione Elena Gandolfi Psicologia dello Sviluppo Cognitivo (LABORATORIO) 1 lezione Elena Gandolfi L intelligenza Cos è l intelligenza? Non è un abilità cognitiva unitaria Non è un abilità cognitiva generale Non è innata Non

Dettagli

Progetto Prevenzione Difficoltà di Apprendimento

Progetto Prevenzione Difficoltà di Apprendimento Progetto Prevenzione Difficoltà di Apprendimento 17 gennaio 2013 Attività per il consolidamento dei prerequisiti di apprendimento a.s.2012/13 Nella Scuola d Infanzia si prepara il terreno perché l albero

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini

SCUOLA DELL INFANZIA IL SÉ E L ALTRO L ambiente sociale, il vivere insieme, le domande dei bambini Nella scuola dell'infanzia non si può parlare di vere e proprie "discipline", bensì di CAMPI DI ESPERIENZA educativa. Con questo termine si indicano i diversi ambiti del fare e dell'agire e quindi i settori

Dettagli

2Win Refrattometro Binoculare Mobile e Vision Analyzer

2Win Refrattometro Binoculare Mobile e Vision Analyzer 2Win Refrattometro Binoculare Mobile e Vision Analyzer Il modo più intelligente e facile per rilevare errori di refrazione e difetti visivi Adaptica è stata fondata nel 2009 come spin-off dell Università

Dettagli

TESEO Sistema di Realtà Virtuale per la diagnosi e la riabilitazione neurologica

TESEO Sistema di Realtà Virtuale per la diagnosi e la riabilitazione neurologica TESEO Sistema di Realtà Virtuale per la diagnosi e la riabilitazione neurologica L.L.Locche*,C.Caltagirone* e J.Manzano * Sezione Robotica, Roma Introduzione Verrà di seguito descritto un Ambiente Virtuale

Dettagli

BIPLAB Biometric and Image Processing Laboratory. Eye Tracking Analisys

BIPLAB Biometric and Image Processing Laboratory. Eye Tracking Analisys BIPLAB Biometric and Image Processing Laboratory Eye Tracking Analisys Caratteristiche Biometriche Caratteristiche Biometriche Statiche o Fisiologiche Dinamiche o Comportamentali Impronte Digitali Mano

Dettagli

RIABILITAZIONE DELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI

RIABILITAZIONE DELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI RIABILITAZIONE DELLE MALATTIE NEUROMUSCOLARI Approccio multidisciplinare alla riabilitazione del malato neuromuscolare Riabilitazione Terapia occupazionale Assistenza Linee-guida per le attività di riabilitazione

Dettagli

Il senso dell olfatto. Tutte le stagioni offrono una gamma di odori allettanti per stimolare i sensi. La primavera non

Il senso dell olfatto. Tutte le stagioni offrono una gamma di odori allettanti per stimolare i sensi. La primavera non Il senso dell olfatto Tutte le stagioni offrono una gamma di odori allettanti per stimolare i sensi. La primavera non fa eccezione. L aria è piena di profumo di fiori, il terreno fertile profuma di terra

Dettagli

Il cervello siamo noi

Il cervello siamo noi SISSA PER LA SCUOLA Il cervello siamo noi Un gioco di neuroscienze per le scuole superiori Titolo: Il cervello siamo noi Area: Neuroscienze Tipo di attività: Gioco A chi è rivolta: Bambini delle elementari

Dettagli

PROGETTARE UNA PAGINA WEB

PROGETTARE UNA PAGINA WEB PROGETTARE UNA PAGINA WEB Che differenza c è tra una grafica cartacea e una grafica per web? Nella maggior parte dei casi, quando parliamo di grafica cartacea parliamo di cartellonistica volantini, manifesti

Dettagli

Scuola dell Infanzia.

Scuola dell Infanzia. Scuola dell Infanzia. PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA-DIDATTICA a.s. 2014/15 La scuola dell infanzia è un luogo di apprendimento, in quanto tale essa si configura come primo grado del sistema scolastico ed è

Dettagli

Lo sviluppo del linguaggio e le difficoltà presenti nei b.ni di 5 anni. Gli indicatori di rischio.

Lo sviluppo del linguaggio e le difficoltà presenti nei b.ni di 5 anni. Gli indicatori di rischio. Lo sviluppo del linguaggio e le difficoltà presenti nei b.ni di 5 anni. Gli indicatori di rischio. Formatrice AID Legnago 26 aprile2012 DSA: DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELLE ABILITA SCOLASTICHE Sono

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BARIANO. SCUOLA MATERNA DI MORENGO (BG) Anno Scolastico 2003/2004. Io sono

ISTITUTO COMPRENSIVO DI BARIANO. SCUOLA MATERNA DI MORENGO (BG) Anno Scolastico 2003/2004. Io sono ISTITUTO COMPRENSIVO DI BARIANO SCUOLA MATERNA DI MORENGO (BG) Anno Scolastico 2003/2004 Io sono PORTFOLIO - PARTE FORMALE Questionario conoscitivo (per i nuovi iscritti) Primo profilo del bambino di 3

Dettagli

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Mira, 27 marzo 2015 Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Dott.ssa Barbara Longhi Psicologa Psicoterapeuta Ulss13 Servizio Età Evolutiva Cosa sono i DSA? Disturbi dello sviluppo che riguardano

Dettagli

Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI

Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI Capitolo 6 ELABORAZIONE DI IMMAGINI A COLORI Il colore viene utilizzato nelle immagini digitali per due motivi principali: è un descrittore che semplifica l identificazione di un oggetto e la sua estrazione

Dettagli

Psicologia dello sviluppo

Psicologia dello sviluppo 3. Lo sviluppo emotivo 1 Lo sviluppo emotivo Psicologia dello sviluppo Oltre allo sviluppo cognitivo, che viene spesso associato alle capacità intellettive, è importante comprendere il grado di competenza

Dettagli

Processi cerebrali evocati da danno cutaneo negli adulti

Processi cerebrali evocati da danno cutaneo negli adulti Processi cerebrali evocati da danno cutaneo negli adulti Dr Lorenzo Fabrizi Dip. Neuroscienze, Fisiologia e Farmacologia University College London l.fabrizi@ucl.ac.uk Processi neurali del dolore (ovvero

Dettagli

3restituzione - stereoscopia

3restituzione - stereoscopia 3restituzione - stereoscopia La condizione che deve essere verificata perché si realizzi l orientamento esterno è la complanarità dei raggi omologhi Perché i raggi omologhi si intersechino devono essere

Dettagli

LA PALESTRA DELLA MENTE: alcune regole per un invecchiamento di successo!

LA PALESTRA DELLA MENTE: alcune regole per un invecchiamento di successo! LA PALESTRA DELLA MENTE: alcune regole per un invecchiamento di successo! Dott.ssa Edi Farnetani Dott. Alessio Damora 22-12-2011 ü Senectus ipse morbus est Terenzio ü I migliori anni della loro vita 65

Dettagli

CENTRO TERRITORIALE DI SUPPORTO DI RIETI UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI RIETI REGISTRO DEI BENI CONCESSI IN COMODATO D USO

CENTRO TERRITORIALE DI SUPPORTO DI RIETI UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI RIETI REGISTRO DEI BENI CONCESSI IN COMODATO D USO 2009 CENTRO TERRITORIALE DI SUPPORTO DI RIETI UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI RIETI REGISTRO DEI BENI CONCESSI IN COMODATO D USO. Codice Categoria Identif.vo Progr.vo SW-AC -01/ SW-AC -01/ SW-AC -02/

Dettagli

I disturbi visuo-spaziali

I disturbi visuo-spaziali I disturbi visuo-spaziali Barbara Sini *, Roberta Cavaglià ** * Ricercatrice dell Università degli Studi di Torino, Dipartimento di Psicologia. Psicoterapeuta e analista SIPI. Specializzata in Psicopatologia

Dettagli

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine)

INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) 1 Istituto Comprensivo Ferentino 1 Curricolo Verticale 2014/2015 INDICE OBIETTIVI (clicca per aprire le pagine) SCUOLA INFANZIA... 3 I DISCORSI E LE PAROLE... 3 I DISCORSI E LE PAROLE LINGUA STRANIERA...

Dettagli

Progettazione annuale

Progettazione annuale Scuola dell Infanzia PORRANEO Paritaria di ispirazione Salesiana dal 1899 Progettazione annuale Anno scolastico 2013/2014 TITOLO DELLA PROGETTAZIONE MARILU E I 5 SENSI Alla scoperta dei cinque sensi: Gustare

Dettagli

BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY SPORT PEAK PERFORMANCE

BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY SPORT PEAK PERFORMANCE BRAIN WELLNESS SPECIAL NEEDS ADVISORY SPORT PEAK PERFORMANCE Gestire le risorse cognitive per ottimizzare i risultati Il meccanismo neuroscientifico di base che supporta l allenamento mentale è la plasticità

Dettagli

A SCUOLA INSIEME: ESPERIENZE DI CONTINUITA TRA SCUOLA D INFANZIA E SCUOLA PRIMARIA. 1. SCENEGGIATURA

A SCUOLA INSIEME: ESPERIENZE DI CONTINUITA TRA SCUOLA D INFANZIA E SCUOLA PRIMARIA. 1. SCENEGGIATURA A SCUOLA INSIEME: ESPERIENZE DI CONTINUITA TRA SCUOLA D INFANZIA E SCUOLA PRIMARIA. 1. SCENEGGIATURA DOCENTE TITOLO UNITA DIDATTICA (termine generico per indicare un attività didattica omogenea e congruente,

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CURRICOLO VERTICALE DI SCIENZE MOTORIE SCUOLA DELL INFANZIA Raggiungere una buona autonomia personale nell alimentarsi, nel vestirsi e nel prendersi cura di sé. Scoprire e riconoscere il proprio corpo,

Dettagli

Sviluppo dell audizione fetale e percezione prenatale delle melodie

Sviluppo dell audizione fetale e percezione prenatale delle melodie Sviluppo dell audizione fetale e percezione prenatale delle melodie Carolyn Granier- Deferre LPPS - Università Paris Descartes Sorbonne Paris Cité Sviluppo funzionale del sistema udi@vo Nel corso del terzo

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese

CURRICOLO VERTICALE SCUOLA DELL'INFANZIA. IC Borgaro Torinese via Ciriè 52 10071 BORGARO (TO) Tel. 0114702428-0114703011 Fax 0114510084 Cod. Fiscale 92045820013 TOIC89100P@istruzione.it http://www.icborgaro.it Marchio SAPERI certificato n. 14 CURRICOLO VERTICALE

Dettagli

IL FANTASTICO MONDO DEL CORPO IN MOVIMENTO

IL FANTASTICO MONDO DEL CORPO IN MOVIMENTO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI 1º GRADO 93010 - D E L I A Via G. Dolce 8 Presidenza 0922-826570- Segreteria e Fax 0922-820290- Sc.Primaria 0922-820289 Sc.Dell Infanzia

Dettagli

COME SI IMPARA A LEGGERE E A SCRIVERE?

COME SI IMPARA A LEGGERE E A SCRIVERE? COME SI IMPARA A LEGGERE E A SCRIVERE? a cura della Counselor Psicopedagogica dott.ssa P. Paolini Ogni bambino ha una sua SCRITTURA SPONTANEA TEORIA LINGUISTICA: idee e regole che ha ricavato osservando

Dettagli

Martedì della salute Torino, 2 dicembre 2014

Martedì della salute Torino, 2 dicembre 2014 Bruno Oldani, Direttore SC Oculistica, AO Mauriziano Umberto I di Torino Cinzia Orlandi, Ortottica e Assistenza Oftalmologica Martedì della salute Torino, 2 dicembre 2014 SVILUPPO DELLA VISTA NEL BAMBINO

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SCUOLA INFANZIA M.POLO ANNO

PROGRAMMAZIONE SCUOLA INFANZIA M.POLO ANNO PROGRAMMAZIONE SCUOLA INFANZIA M.POLO ANNO PERIODO: INIZIO ANNO SCOLASTICO 15 OTTOBRE ATTIVITA DI ROUTINE GRUPPI DI RIFERIMENTO ( età, contrassegni, armadietti) CONOSCENZA ADULTI DELLA SCUOLA APPROCCIO

Dettagli

Raffaele Pisano (TNPEE)

Raffaele Pisano (TNPEE) ATTIVITA PER BAMBINI 5 ANNI Raffaele Pisano (TNPEE) AZIONI MOTORIE OBIETTIVO PER FASCE D ETA : GUIDA 3 ANNI Camminare Correre Saltare Quadrupedie Strisciare Rotolare Arrampicarsi Entrare / uscire Tirare

Dettagli

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori

Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori Istituto Comprensivo Gandhi as 2014-15 Curricolo ARTE E IMMAGINE Scuola Infanzia Campo di esperienza: Immagini, suoni e colori TRAGUARDI DI COMPETENZA Comunicare, esprimere emozioni, raccontare, utilizzando

Dettagli

CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA

CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA CURRICULUM VERTICALE DI CORPO E MOVIMENTO nella SCUOLA DELL'INFANZIA C. e M. 1 Il bambino raggiunge una buona autonomia personale nell alimentarsi e nel vestirsi, riconosce i segnali del corpo, sa cosa

Dettagli

Lettura targhe con telecamere MOBOTIX

Lettura targhe con telecamere MOBOTIX Lettura targhe con telecamere MOBOTIX Premessa Le telecamere MOBOTIX non hanno a bordo un software in grado di effettuare la lettura dei caratteri della targa (OCR Optical Character Recognition) ma possono

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

MISURE EDUCATIVE E DIDATTICHE

MISURE EDUCATIVE E DIDATTICHE MISURE EDUCATIVE E DIDATTICHE Beinasco 15/09/2011 lugr.papalia@libero.it La Scuola dell Infanzia svolge un ruolo di assoluta importanza sia a livello preventivo, sia nella promozione e nell avvio di un

Dettagli

Occhiali forati Naturalight

Occhiali forati Naturalight 1 Occhiali forati Naturalight Con gli occhiali Naturalight puoi vedere meglio e migliorare la qualità della vista Gli occhiali forati (stenopeici) Naturalight non hanno lenti graduate, ma due dischi in

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dislessia disgrafia disortografia - discalculia

DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dislessia disgrafia disortografia - discalculia DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO Dislessia disgrafia disortografia - discalculia Come si sviluppa un abilità Predisposizione innata: le funzioni superiori si insediano nell uomo per sola esposizione

Dettagli