I CACCIA SUPERSPNICI ITALIANI: I GIOIELLI DI SERGIO STEFANUTTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I CACCIA SUPERSPNICI ITALIANI: I GIOIELLI DI SERGIO STEFANUTTI"

Transcript

1 I CACCIA SUPERSPNICI ITALIANI: I GIOIELLI DI SERGIO STEFANUTTI Aerfer Sagittario II. Nell' immediato dopoguerra, in Italia, tra i vari settori produttivi che uscirono fortemente compromessi dalla Seconda Guerra Mondiale, quello industriale aeronautico, ubicato prevalentemente nel Nord, fu uno dei più colpiti. Tutte le industrie del settore, anche se forti di una manodopera abbastanza qualificata, soprattutto dal punto di vista della lavorazione dei metalli e della meccanica, non erano in grado di poter garantire una minima produzione che li rendesse competitive in ambito europeo e mondiale. La maggior parte del mercato era "monopolizzato" dalle industrie americane, che ebbero la possibilità, durante il periodo della guerra, di poter investire in progetti e ricerca. Fu proprio grazie al Piano Marshall del 5 giugno del 1947, che le nazioni sconfitte, ebbero l'opportunità di rimettere in moto le proprie industrie: il Piano Marshall prevedeva oltre che una serie di aiuti per elevare il tenore di vita della popolazione europea reduce da una lunga ed estenuante guerra, una serie di aiuti economici, volti a stabilizzare le condizioni finanziarie degli stati, e di conseguenza, promuovere e favorire il commercio con l estero. Ma altresì l European recovery programm (abbreviato in ERP ossia la denominazione burocratica del Piano Marshall), si tradusse in una serie di aiuti anche militari dovuti essenzialmente alla smisurata paura da parte degli USA, che il comunismo di Stalin che adesso era un nemico - potesse radicarsi in Europa, e soprattutto in Italia, dove il PCI era il partito più forte e numeroso del continente. Image processing: AeroStoria

2 Così sui nostri aeroporti all'inizio degli anni '50 si potevano vedere con la nostra coccarda tricolore i "mostri sacri" dell'aviazione militare americana, come il P-51 Mustang e il P-47 Thunderbolt, molti dei quali ebbero la possibilità di essere prodotti su licenza, questo permise di rimettere in moto velocemente la macchina produttiva italiana; ma quando giunsero caccia a reazione ultramoderni del tipo F-86E "Sabre", F-84F "Thunderstreack", F-84G "Thunderjet" e i ricognitori RF-84F "Thunderflash", o gli addestratori T-33 "shooting Star", l'aeronautica militare fece un balzo in avanti gigantesco sia per numero di velivoli impiegati sia per modernità, ma paradossalmente, le industrie nazionali, ne trassero uno svantaggio abissale, e non potendo competere con le industrie americane, praticamente vennero a trovarsi in una situazione di "dumping" che le tirava fuori dal mercato. Fonte: Aerei Modellismo Anno II - 5 Maggio 1981 Delta Editrice Image processing: AeroStoria Ma grazie all'esperienza acquisita nella costruzione su licenza di aerei per l'aviazione civile e commerciale, sempre di provenienza americana, soprattutto per la produzione di cellule anche per il mercato americano, permise alle industrie nazionali, grazie alla partecipazione statale, di poter accelerare e di costruire su licenza aviogetti militari nelle fabbriche nazionali, il De Havilland "Vampire" fu, di fatto, il primo caccia ad essere prodotto in Italia da IMAM, FIAT, Alfa Romeo, Macchi, caccia relativamente semplice ma questo permise di arrivare alla costruzione su licenza dell' F-86D "Sabre Dog" un caccia intercettore monoposto che era, per gli standard del tempo, paragonabile agli odierni F-15. I progetti italiani: Sergio Stefanutti. Sergio Stefanutti. Fonte : Alenia Aermacchi L'Ing. Stefanutti è stato un vero e proprio "outsider" nel campo delle progettazioni aeronautiche, un uomo che aveva gli aeroplani nel sangue, la sua forte passione aeronautica lo spinse a tentare la carriera di pilota militare, ma venne scartato per un problema ad un timpano che si ruppe durante un tuffo in mare. Ma gli aeroplani non lo abbandonarono mai, si laureò nel 1931 a Roma in ingegneria aeronautica, ed entrò nel Genio Aeronautico stavolta classificandosi primo su 220 concorrenti. Ufficialmente non fu mai dipendente di alcuna azienda del settore, da giovane ufficiale ingegnere del Genio Aeronautico progettò il primo aeroplano con "alette canard" della storia, il SIAI

3 Ambrosini S.S.4 e si racconta che lo stesso Giovanni Caproni gli offrì l'assunzione presso le aziende del suo gruppo, ma decise di mantenere il suo impegno con la divisa dell'allora Regia Aeronautica, preferendo una collaborazione esterna, e così fu per molte altre aziende italiane. L'adesione alla RSI lo costrinse a lasciare il servizio nel dopoguerra, dedicandosi completamente ai suoi progetti, portandolo ad avviare presso la SAI il programma sperimentale per un intercettatore leggero a reazione denominato Sagittario II. Le origini del Sagittario II La SIAI Ambrosini, nel 1953 stava attraversando una crisi durissima, onde evitare di compromettere anche il programma, si decise di incaricare l'aerfer di Pomigliano d'arco (Na) un'azienda che comprendeva un consorzio a partecipazione statale, di cui facevano parte IMAM, Breda, Finmeccanica. (successivamente nel 1969 finì di esistere quando venne fusa con il comparto aeronautico della FIAT e la Salmoiraghi, dando vita all'aeritalia) questa decisione fu voluta anche dalla stessa Aeronautica Militare che sul progetto iniziava a porre molte speranze, Stefanutti, venne assunto dall'aerfer in qualità di consulente esterno. L' ingegnere, iniziò a lavorare con quel poco che aveva: basti pensare che le gallerie del vento, ormai, nell'italia del dopoguerra non esistevano più, e le risorse erano molto limitate. Ciò che aveva a disposizione erano i suoi modelli costruiti negli anni '40, in particolare il suo S.7 prodotto dalla SAI Ambrosini che venne opportunamente modificato: Un primo modello (Prototipo n.1) venne costruito modificando l'ala bassa e a sbalzo dell' S.7, con una a freccia, divenne un biposto ma con motore a pistoni Alfa Romeo, un altro modello (Prototipo n.2) monoposto, venne costruito sostituendo il motore a pistoni con un turbogetto Turbomeca "Marboré" e modificando le ali con altre tipo a freccia più semplice, così da poter testare il comportamento aerodinamico della macchina ad elevate velocità. Il prototipo n.1 venne chiamato "Freccia", il prototipo n.2 venne scelto come base iniziale per sviluppare il velivolo definitivo, venne chiamato "Sagittario I" o "Turbofreccia". Il Sagittario I possiamo consideralo il primo turbogetto costruito in Italia, anche se dal punto di vista costruttivo era "sui generis" era molto funzionale: la presa d'aria era situata all'estremità della cellula, il cono di scarico sotto la pancia sotto l'abitacolo, il carrello era il classico triciclo con ruotino posteriore il quale veniva estratto mediante un meccanismo idraulico.

4 Il Sagittario I MM550 visto di profilo. il motore era posizionato con un inclinazione di 20 rispetto l'asse longitudinale del velivolo, il 26 marzo 1953 effettuò il primo volo a Ciampino, anche se gli osservatori dell' Aeronautica ne furono entusiasti, era chiaro sia per l'aerfer che per Stefanutti, che il Sagittario I fosse soltanto un modello di transizione o addirittura un banco di prova per raccogliere dati più precisi. Stefanutti ed il suo team, completate le prove con successo, decisero di rimettersi al lavoro, il passo successivo era quello di realizzare un velivolo capace di velocità transoniche, di conseguenza serviva un motore più potente e soprattutto una cellula completamente in metallo. Il disegno del prototipo N.1 venne completamente rivoluzionato nella forma e nella sostanza, il motore Turbomeca Marborè venne sostituito col più potente ed ottimo turboreattore centrifugo Rolls- Royce Derwen Mk.9 da 1630kg di spinta contro il 380/400 del precedente, l'ala a freccia di 45 piuttosto bassa, e gli alettoni che occupavano il 34% della corda alare, erano servocomandati, mentre i flap erano asserviti mediante un martinetto idraulico. L'abitacolo del pilota era pressurizzato e dotato di seggiolino eiettabile leggero Martin Baker Mk.4 completamente automatico. Dietro al posto di pilotaggio si trovava il compartimento armi, costituito da due cannoni Hispano Suiza 825 da 30 mm. con canna di 70 calibri ad elevata velocità di tiro. Seguivano i serbatoi di carburante: quello principale da 500 lt. ed uno secondario da 400 lt. più altri due più piccoli nel musone e nella parte centrale dell'ala per un totale di lt. Essi erano delimitati da paratie stagne ed erano pressurizzati. Il carrello era triciclo stavolta anteriore retrattile mediante dei martinetti, questo permise di evitare che il ruotino venisse cotto dal calore del reattore come spesso accadeva sul Sagittario I. Il motore aveva un angolo di 20 e la presa d'aria era sempre posizionata sul muso.

5 Nel 1955 al Salone di Parigi (annata storica anche per il mondo dell'automobilismo, quell'anno venne presentata per la prima volta la mitica Citroen DS), allo stand dell' AERFER venne presentato un modellino aerodinamico del caccia di Stefanutti, lo stesso anno iniziava la costruzione del primo modello, l'anno successivo uscì di fabbrica il primo modello, che ricevette la MM.560, e fu battezzato Sagittario II. Il Caccia a reazione italiano. AERFER Sagittario 2 a Pomigliano. Il SagittarioII MM.560 ai comandi dell' allora Maggiore Costantino Petrosellini, uno dei pochi in Italia ad aver esperienza sui velivoli a getto (già asso della Regia Aeronautica, e poi dell'aeronautica Cobelligerante, volò con i Dassault Mystere al Centre d'essais en vol di Bretigny in Francia, dove frequentò il Corso Piloti Collaudatori), il 28 marzo del 1956 eseguì una serie di rullaggi, intanto per far prendere dimestichezza al collaudatore col velivolo successivamente per testare il motore a bassi regimi, ma si preferì spostare i collaudi dalla sede dell' AERFER a Pomigliano d'arco, all'aeroporto di Pratica di Mare sede del Reparto Sperimentale Volo dell'aeronautica Militare, ritenuta più idonea ai collaudi. A Pratica, iniziarono altri collaudi e venne modificato il muso con un disegno molto più allungato, ed altri test volti a testare il

6 funzionamento del paracadute-freno, e il 19 maggio del 1956 sempre con ai comandi Petrosellini, finalmente il Sagittario II effettuava il suo primo volo, fu un successo, anche se durò pochi minuti. Ulteriori voli si svolsero i giorni successivi, tutti andati a buon fine, soprattutto quelli atti a testare il comportamento del velivolo alla velocità di stallo, ad alta velocità in quota, e l'avionica. L'aereo ormai era abbastanza maturo, per la presentazione ufficiale, infatti nel luglio del '56 venne presentato sia in mostra statica che in volo alla manifestazione aerea di Fiumicino. Copertina de La Domenica del Corriere del luglio 1956 che diede ampio spazio all'evento. (collezione privata) Ma si sa, non tutto può filare sempre liscio, specialmente nelle progettazioni aeronautiche, al Sagittario 2 capitò una sventura qualche giorno dopo: durante un collaudo di routine, il compressore stallò e malgrado i vari tentativi di riprendere il velivolo, non ci fu nulla che l'abile Petrosellini potesse fare, che tentare un atterraggio di fortuna sul ventre, all'aeroporto più vicino, il Leonardo da Vinci di Fiumicino. La vicenda si concluse con un grosso spavento e nulla più, anche se la cellula era danneggiata. La perizia tecnica stabilì che la causa fosse stata il perforamento della capsula del regolatore di flusso del combustibile. Tutti i migliori aeroplani della storia ebbero degli incidenti durante le fasi di collaudo, basti pensare che il primo volo del famosissimo F-14 Tomcat si concluse con l' eiezione del pilota e la distruzione dell'aereo. A volte per paradosso è considerato di buon auspicio. Dopo questa parentesi negativa, iniziò la seconda fase dei collaudi, che vennero affidati al T.Col. Giovanni Franchini del Reparto Sperimentale Volo. Da quì in poi non fu storia ma leggenda: il 3 dicembre 1956 Franceschini fece due tentativi senza autorizzazione dalla torre di controllo (che non se la sentì di assumersi la responsabilità) di superare Mach 1 da e da metri di quota sul mare, superandoli; la notizia girò ufficiosamente in quanto si trattava di una iniziativa personale del pilota. Il giorno successivo, chiese nuovamente l'autorizzazione alla torre di Pratica di Mare di compiere un'affondata supersonica, ma stavolta la ottenne, così Franceschini superò ufficialmente il muro di Mach 1 con un doppio bang: Salito a circa metri di quota il pilota di tuffava a tutta manetta in verticale sul campo di Pratica di Mare mantenendo il velivolo quasi in candela fino alla quota di 5.500/6.000 metri. Unica conseguenza dell'impresa, furono alcune parti di vernice strappate dalla superficie dell'aereo dall' onda d'urto. Il 19 dicembre 1956 il

7 maggiore Arthur Murray dell'usaf, pilota del Bell X-1A superava nuovamente Mach 1, purtroppo e non mi spiego il motivo, soltanto quest'ultimo episodio è quello che spesso viene ricordato dai libri di storia. Intanto a Pomigliano, vedeva la luce il secondo prototipo di Sagittario II il MM.561, quest'ultimo dopo le prime fasi di collaudo, servì per svolgere dei test con i serbatoi subalari, all'inizio si montarono delle taniche tipo F-86, ma poi vennero modificate, tutti i test furono superati brillantemente e senza particolari problemi. Immagine elaborazione AeroStoria. Cartolina commemorativa del MAB57 Manifestazione Aerea Baracca del 1957 svoltasi nel luglio del (collezione privata) L'aereo MM.650 venne presentato alla splendida manifestazione aerea svoltasi all'aeroporto di Linate nel luglio del 1957 il "MAB 57". Ma questo splendido giorno per tutti gli appassionati e non risultò infausto per il team di Stefanutti: il velivolo durante l'esibizione stupì tutti, era splendido, il colonello Franceschini ormai se l'era cucito a dosso quell'aereo, looping, tonneau, picchiate e cabrate, voli rovesci, in una coreografia di manovre che incantarono chi come mio nonno, che quel giorno, ebbero la fortuna di essere li. Al momento dell'atterraggio, come a voler quasi interrompere

8 una magia, i flap iniziarono a funzionare male, i freni e il paracadute freno andarono in avaria, avviene un atterraggio così duro che l'aereo iniziò a rimbalzare per poi finire fuori pista, Franceschini uscì dall'abitacolo con le sue gambe e senza un graffio, ma il Sagittario II MM.560 ebbe la peggio. Stefanutti non si diede per vinto, anche se i detrattori del primo caccia italiano criticarono spesso il lavoro del team dell' AERFER, soprattutto per i lunghi tempi incorsi per i collaudi, e soprattutto per l'esclusione del Sagittario II dal concorso NATO denominato NBMR-1 (NATO BASIC MILITARY REQUIREMENT N.1) ossia un concorso per un nuovo caccia leggero da appoggio tattico e attacco, per i paesi aderenti al Patto Atlantico, del quale risultò vincitore un'altra eccellenza italiana creata dal grande Giuseppe Gabrielli il Fiat G.91 concepito in toto per rispondere a tale richiesta, e quindi senza rivale alcuno. Il Sagittario II era stato concepito come intercettore, successivamente ci furono alcune varianti per impiego tattico e cacciabombardiere, con piloni subalari ed ala adatta per questo compito, altro esperimento fu quello di agganciare sotto la fusoliera una specie di carrello motorizzato con un Allison J-35 da kg. di spinta, ma fu una forzatura, il "Gina" (nome con il quale affettuosamente veniva chiamato il G.91) aveva la superba caratteristica di essere in grado di decollare anche da campi erbosi e piste non preparate. Il Sagittario II quindi a prescindere, non era decisamente idoneo al compito richiesto dalla NATO, purtroppo anche tra i comandi dell'aeronautica Militare c'erano "esterofili" che avrebbero più apprezzato un prodotto americano piuttosto che italiano, ed obbiettivamente, forse avevano anche ragione, ma la scelta di un caccia intercettore di "concezione nazionale" avrebbe sicuramente contribuito allo sviluppo di un industria competitiva in questo difficile e competitivo settore. Il Sagittario II biposto da addestramento. L'addestramento nell' A.M. è da sempre articolata in tre fasi che preparano all'escalation verso macchine sempre più ad elevate prestazioni. Le industrie nazionali erano perfettamente in grado di produrre macchine idonee all'addestramento, ma la disponibilità immediata e la quantità di produzione era assai insufficiente. Stefanutti decise di modificare il Sagittario II a tale scopo: dotare l'aeronautica di una macchina supersonica, con ala a freccia, che non fosse impegnativa per un allievo. Il velivolo era il classico bicomando in tandem, dotato di collimatore, una mitragliatrice da 7,7 mm. nel raccordo ala-fusoliera, due tettucci a sganciamento ed espulsione indipendenti e due distinti sistemi di eiezione dei seggiolini. Sotto le ali, potevano essere agganciati razzi non guidati, inoltre era particolarmente adatto all' allenamento alla navigazione ad alta quota, all' addestramento al tiro. Sarebbe stato un ottimo addestratore, ma gli USA in base al Military Assistance Program, fornì un numero altissimo di T-33 (che era subsonico e ad ala dritta) a tutti i paesi della NATO, l'italia ebbe una disponibilità di moltissimi esemplari, di conseguenza il prototipo non lasciò mai il tavolo da disegno.

9 Evoluzione e nuovi progetti: AERFER "Ariete". Nonostante l'impasse del programma di aiuti militari americano, che avrebbe reso la strada più complicata alle industrie nazionali, Stefanutti ed il suo team, proseguì con le sperimentazioni e gli studi, iniziando una fase successiva al programma Sagittario II. Stavolta il progetto era più ambizioso, l'ingegnere decise di lasciare il concetto di velivolo multiruolo, o che all' occorrenza e con piccole modifiche, potesse svolgere più ruoli, e dedicarsi al concetto di intercettore puro. La base di partenza fu sempre il Sagittario II la sua configurazione aerodinamica era validissima e collaudata, l'unico problema era la fusoliera, piccola per poter ospitare un motore più grande e quindi più potente. Stefanutti optò quindi per una soluzione innovativa e decisamente azzardata, montare due motori, il classico Rolls-Royce Derwent MK.9 ed un altro ausiliario montato in coda R- R Soar R. Sr.2. da 510Kg di spinta. La soluzione non piacque allo Stato Maggiore dell'aeronautica Militare, di contro la Rolls-Royce invalidò il sistema di Stefanutti. Questo, difatti comportò la modifica del dorso della fusoliera, onde poter inserire una presa d'aria retrattile per il motore di coda, l'unica modifica sostanziale era soltanto questa, poi l'aereo rimaneva pressochè identico al predecessore. Tecnicamente l'uso del motore ausiliario doveva essere utilizzato assieme al principale soltanto per il decollo, la salita e, se necessario, durante l'eventuale combattimento aereo e naturalmente il pilota aveva carta bianca ogni qualvolta ritenesse opportuno avere una spinta in più. AERFER Ariete. Il primo prototipo uscito dalla catena di montaggio ricevette la MM.568, venne battezzato "Ariete", e il 27 marzo del 1958 a Pratica di Mare venne effettuato il primo volo con ai comandi il collaudatore Enzo Cauda. I voli successivi, evidenziarono alcuni problemi, innanzitutto il Derwent da solo risultava sotto potenziato, la presa d'aria dorsale retrattile spesso era fuori controllo, probabilmente l'attrito tendeva a farla richiudere quando estratta, e comunque creava resistenza aerodinamica. ciononostante il velivolo volava a Mach 1,1 a volo livellato, L'armamento era affidato ai soliti due c. x 30 mm. Hispano-Suiza ad elevata cadenza di tiro, mentre era prevista l'installazione di razzi non guidati per missioni da attacco leggero. Venne costruito un secondo modello MM.569 oggi esposto a Vigna di Valle.

10 Immagine elaborazione AeroStoria. Il ruggito del Leone. Questa possiamo considerarla come l'ultima fase per la progettazione di un valido intercettore di concezione italiana, Stefanutti, dopo una lunga serie di studi e sperimentazioni, con non poche difficoltà, arrivò a concepire una macchina perfetta. L'aspetto rimaneva lo stesso, sfruttando la configurazione alare dell'ariete, ma il muso era notevolmente ingrandito per ospitare un turboreattore assiale Bristol Orpheus B.Or. 12 da kg. di spinta. In coda, per ovviare ai problemi riscontrati sull'ariete, era montato un motore razzo De Havilland Spectre da kg. di spinta; in questo modo la presa d'aria dorsale che molti problemi aveva causato, venne definitivamente eliminata. Nel muso era sistemato un radar da intercettazione, e l'armamento era costituito principalmente da 2 missilisidewinder/firestreak alloggiati su speciali piloni subalari.

11 Venne battezzato "Leone" ma purtroppo non ruggì mai, venne solo costruito un simulacro di legno a grandezza naturale, tra l'altro mai completato. Nel 1958 lo Stato Maggiore sospendeva il progetto per mancanza di fondi, e da li a poco la Lockheed avrebbe provveduto alla fornitura degli F-104 Starfighter. Iniziò quindi per l'aeronautica Militare, un rapido e repentino ammodernamento grazie agli aiuti provenienti dall'usa, dotata di modernissimi Jets da combattimento, tenuti al massimo stadio di prontezza operativa. Fu proprio nel 1958 che si giunse all'apice quando la nostra Forza Aerea arrivò ad avere in carico oltre 500 caccia e cacciabombardieri della "Classe 80" (F-84G, F-84F, F86E, e i "Kapponi") trasformandosi nella più potente forza aerea dell' Europa Occidentale. Questo, non giovò alla nostra industria, che con ritardo rispetto alle altre nazioni, più nazionaliste, iniziò a produrre su licenza i velivoli tendenzialmente più semplici, fino all'f-104. L'AERFER chiuse i battenti nel 1969, l'ing. Sergio Stefanutti continuò a progettare aeroplani sempre come free lance,fece parte del Centro Consultivo Studi e Ricerche dove studiò un convertiplano che però rimase solo sulla carta. Il suo ultimo progetto fu il trainatore di alianti Stelux, ancora una volta canard. Si spense a 86 anni l'1 marzo del 1992 a Roma, lasciando un segno indelebile nella storia dell'aviazione nazionale.

12 Bibliografia/approfondimenti. Paolo Ferrari - L' Aeronautica italiana, una storia del Novecento, Franco Angeli Editore. Giuseppe Ciampaglia - Dal SAI Ambrosini Sagittario all'aerfer Leone, IBN Editore. I velivoli storici italiani. I Jet dell'aeronautica Militare dal 1960 al 2000, Ufficio Storico Aeronautica Militare (2003). Italian Fighter Aircraft : FIAT G.91, AERFER Sagittario II, Ariete, Leone, LCC Books (2010) in lingua inglese. Harmond Carlyle Nicolao - Aerfer Sagittario II, Fighter Aircraft, Sound Barrier, Italian Air Force, Ambrosini Sagittario, Crypt Publishing.

Che cos è il Centro di Gravità

Che cos è il Centro di Gravità Che cos è il Centro di Gravità Chiunque si è sempre posto domande del tipo: dove si trova il centro di gravità del mio modello? oppure: Dovrò avanzarlo o arretrarlo?. In questa pagina cercherò di spiegare

Dettagli

D ASCANIO CORRADINO (1891-1981) Ingegnere

D ASCANIO CORRADINO (1891-1981) Ingegnere D ASCANIO CORRADINO (1891-1981) Ingegnere Corradino D Ascanio nacque a Popoli (provincia di Pescara) il 1 febbraio 1891 da Giacomo e Anna De Michele. Nel 1906 ancora adolescente, alla giovane età di quindici

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840 Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-840 Parte 1 - AERODINAMICA 1 Come si definisce la velocità? A) la distanza percorsa moltiplicata per il tempo impiegato

Dettagli

SEMIRIPRODUZIONE AD ELASTICO IN SCALA 1:10 DELL AEROCORSA C.S. 15 CON ELICHE COASSIALI CONTROROTANTI. di Antonio DE NICOLA

SEMIRIPRODUZIONE AD ELASTICO IN SCALA 1:10 DELL AEROCORSA C.S. 15 CON ELICHE COASSIALI CONTROROTANTI. di Antonio DE NICOLA SEMIRIPRODUZIONE AD ELASTICO IN SCALA 1:10 DELL AEROCORSA C.S. 15 CON ELICHE COASSIALI CONTROROTANTI di Antonio DE NICOLA UNA LUNGA PREMESSA Chi, come me, si è interessato di aeromodellismo fin dall immediato

Dettagli

Aeronautiche" al Politecnico di Milano. Successivamente, nel 1963, diventa. piccolo aliante monoposto Gheppio (primo volo aprile '57) ed ha in seguito

Aeronautiche al Politecnico di Milano. Successivamente, nel 1963, diventa. piccolo aliante monoposto Gheppio (primo volo aprile '57) ed ha in seguito Milano 22 marzo 2014 - Nato a Pontedera il 18-6-'29, si laurea in Ingegneria g Industriale (sottosezione aeronautica) nel 1954. - Dal '55 al '60 insegna discipline aeronautiche presso l'istituto Tecnico

Dettagli

Aermacchi MB-326. Storia e sviluppo del più famoso addestratore italiano.

Aermacchi MB-326. Storia e sviluppo del più famoso addestratore italiano. Aermacchi MB-326. Storia e sviluppo del più famoso addestratore italiano. 1 Agli inizi del 1950 con l avvento della nuova propulsione a getto l aviazione dovette cambiare radicalmente il suo modo di pensare

Dettagli

Traino Aliante Manuale Operativo I-RF-083. Ed. 2 - Rev. 0 01.01.2012. Traino Aliante. Manuale Operativo

Traino Aliante Manuale Operativo I-RF-083. Ed. 2 - Rev. 0 01.01.2012. Traino Aliante. Manuale Operativo I-RF-083 Traino Aliante Page 2 di 16 INTENTIONALLY BLANK Page 3 di 16 Sommario 1 Parte generale... 4 1.1 Tipi di traino... 4 1.2 Aeromobili trainatori... 4 1.3 Piloti trainatori... 4 1.4 Condizioni minime

Dettagli

AV-8B HARRIER II PLUS

AV-8B HARRIER II PLUS PATRIARCA STEFANO 5^ AER B AV-8B HARRIER II PLUS ITI Arturo Malignani Udine A.S. 2007/2008 1/33 L Harrier occupa un posto particolare nella storia dell'aviazione, essendo stato il primo progetto aeronautico

Dettagli

Istituto Tecnico Settore Tecnologico Giulio Cesare Falco. Studio dell elica aeronautica Parte 2

Istituto Tecnico Settore Tecnologico Giulio Cesare Falco. Studio dell elica aeronautica Parte 2 Istituto Tecnico Settore Tecnologico Giulio Cesare Falco nuovo indirizzo in Trasporti e Logistica articolazione Costruzione del Mezzo opzione Costruzioni Aeronautiche Studio dell elica aeronautica Parte

Dettagli

Reggiane 2005 "Sagittario"

Reggiane 2005 Sagittario Reggiane 2005 "Sagittario" Il Reggiane 2005 è stato definito "il più bel caccia dell'asse". Oltre ad essere il più bello era anche molto performante alle alte quote, superiore persino ai caccia Messerschmitt

Dettagli

Officine Chiarlone References:

Officine Chiarlone References: SETTORE AERONAUTICO Martinetto subalare velivolo F-104 Officine Chiarlone S.N.C. Martinetti sotto velivolo TORNADO Officine Chiarlone S.N.C. Martinetti subalari AM3400 velivolo C27J Martinetti sotto velivolo

Dettagli

Un po di Storia: l Idroscalo di Orbetello A Brunetta

Un po di Storia: l Idroscalo di Orbetello A Brunetta Un po di Storia: l Idroscalo di Orbetello A Brunetta L idroscalo di Orbetello era una base aerea per gli idrovolanti dalla Regia Marina che operavano del medio Tirreno. Negli anni trenta la sua fama aumentò

Dettagli

PRIMA GUERRA MONDIALE Cavalli e cavalieri PIEMONTE REALE. di Stefano Rossi Marcia dedicata al Reggimento Piemonte Reale Cavalleria

PRIMA GUERRA MONDIALE Cavalli e cavalieri PIEMONTE REALE. di Stefano Rossi Marcia dedicata al Reggimento Piemonte Reale Cavalleria PRIMA GUERRA MONDIALE Cavalli e cavalieri PIEMONTE REALE di Stefano Rossi Marcia dedicata al Reggimento Piemonte Reale Cavalleria L'Archivio Storico Tito Belati di Perugia presta la propria opera di documentazione

Dettagli

Rassegna Stampa del 06/08/2008 08:00

Rassegna Stampa del 06/08/2008 08:00 AESVI Rassegna Stampa del 06/08/2008 08:00 La proprietà intellettuale degli articoli è delle fonti (quotidiani o altro) specificate all'inizio degli stessi; ogni riproduzione totale o parziale del loro

Dettagli

MINISTERO DELL AERONAUTICA

MINISTERO DELL AERONAUTICA MINISTERO DELL AERONAUTICA COMANDO AEREO DELLA DIFESA AEREA OF N /CMDO/C- Brasilia-DF, 2 giugno 1986 Da Il Comandante A L Eccell.mo Sig. Comandante del Comando Generale dell Aria Oggetto : Relazione Rif.

Dettagli

Il primo volo. 17 dicembre 1903 - Il primo volo del Flyer:

Il primo volo. 17 dicembre 1903 - Il primo volo del Flyer: Stefanelli Cristian 3^E a. sc. 2007/2008 Il primo volo 17 dicembre 1903 - Il primo volo del Flyer: 12" la durata, 36 metri il percorso di Orville Wright; Il fratello Wilbur sostenne l'ala prima del decollo.

Dettagli

PILOTIAMO IL CONCORDE

PILOTIAMO IL CONCORDE PILOTIAMO IL CONCORDE Queste note sono riferite al Concorde per FS2004 assemblato da Davide Scotti per TropicAir Virtual. L aereo e il modello di volo sono quelli del progetto Mach 2 di FSFrance, mentre

Dettagli

F-35: la rivoluzione di un progetto inter-forze. Capacità di 5ª generazione senza precedenti 253 TOTALE 90. Un salto di qualità nella Air Dominance

F-35: la rivoluzione di un progetto inter-forze. Capacità di 5ª generazione senza precedenti 253 TOTALE 90. Un salto di qualità nella Air Dominance F-35: la rivoluzione di un progetto inter-forze Un salto di qualità nella Air Dominance Panavia Tornado Un aereo Tre varianti La serie F-35 comprende la variante F-35A a decollo e atterraggio convenzionali

Dettagli

Regole per l Volo in Triangolo con Alianti in Scala GPS

Regole per l Volo in Triangolo con Alianti in Scala GPS Regole per l Volo in Triangolo con Alianti in Scala GPS RCS- Traduzione dalla versione inglese 1.4e Autore: Gianni Vetrini Data: 12.3.2008 1. Definizione del volo triangolare con alianti in scala 1.1 Scopi

Dettagli

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile Socata TB 9, marche I-IAEP

INCONVENIENTE GRAVE aeromobile Socata TB 9, marche I-IAEP INCONVENIENTE GRAVE aeromobile Socata TB 9, marche I-IAEP Tipo dell aeromobile e marche Data e ora Località dell evento Descrizione dell evento Esercente dell aeromobile Natura del volo Persone a bordo

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ARTURO MALIGNANI UDINE SEZIONE COSTRUZIONI AERONAUTICHE TESINA ESAME DI STATO SU-27 FLANKER NICOLETTI MATTEO

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ARTURO MALIGNANI UDINE SEZIONE COSTRUZIONI AERONAUTICHE TESINA ESAME DI STATO SU-27 FLANKER NICOLETTI MATTEO ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE ARTURO MALIGNANI UDINE SEZIONE COSTRUZIONI AERONAUTICHE TESINA ESAME DI STATO SU-27 FLANKER NICOLETTI MATTEO CLASSE QUINTA SEZIONE B ANNO SCOLASTICO 2011-2012 Introduzione

Dettagli

E = Cp/Cr (dal momento che tutti gli altri valori sono comuni alle due formule)

E = Cp/Cr (dal momento che tutti gli altri valori sono comuni alle due formule) LE FORMULE ED I DIAGRAMMI Come abbiamo visto, la possibilità di variare la velocità di un veleggiatore è legata indissolubilmente all'angolo di incidenza: perchè? Perchè è proprio l'angolo di incidenza

Dettagli

Il Centro di Gravità CG

Il Centro di Gravità CG Il Centro di Gravità CG di Davide Bassetto, 2002 La determinazione della posizione teorica del centro di gravità del modello (o meglio, dell intervallo all interno del quale il CG dovrà trovarsi) è, per

Dettagli

Assicurazione sulla vita per Piloti Trainatori. (ovvero: come evitare che l incapace all altro capo del cavo possa rovinarvi la giornata.

Assicurazione sulla vita per Piloti Trainatori. (ovvero: come evitare che l incapace all altro capo del cavo possa rovinarvi la giornata. Assicurazione sulla vita per Piloti Trainatori (ovvero: come evitare che l incapace all altro capo del cavo possa rovinarvi la giornata.) CONSIDERAZIONI PRELIMINARI 1. Le prestazioni del vostro aeroplano

Dettagli

Associazione Politecnica Italiana

Associazione Politecnica Italiana Associazione Politecnica Italiana in collaborazione con DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA, GESTIONALE E MECCANICA dell Università degli Studi di Udine Lockheed F-104 Starfighter Tecnologia ed Eccellenza

Dettagli

Confidenziale. Ministero dell'aeronautica Comando Aereo della Difesa Aerea

Confidenziale. Ministero dell'aeronautica Comando Aereo della Difesa Aerea Confidenziale Ministero dell'aeronautica Comando Aereo della Difesa Aerea Brasilia - DF, 02 Giugno, 1986 Dal Comandante Al Generale del Comando Aereo Soggetto: Rapporto sull'accaduto Rif.:Nota N C 002/MIM/ADM,

Dettagli

LE LUCI DELL AEREO (The Lights) Tipologie e Gestione

LE LUCI DELL AEREO (The Lights) Tipologie e Gestione LE LUCI DELL EREO (The Lights) Tipologie e Gestione Questo breve tutorial, che potremmo definire un info-pillola, è stato pensato per fornire un momento di riflessione e di approfondimento sulle diverse

Dettagli

ELICOTTERO AB212. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com

ELICOTTERO AB212. PDF created with pdffactory trial version www.pdffactory.com ELICOTTERO AB212 Descrizione generale COSTRUTTORE AGUSTA su licenza della Bell Helicopter Company ( U.S.A. ). TIPOLOGIA DELLE MISSIONI Addestramento al volo; Concorso in operazioni S.A.R. ( Search And

Dettagli

FRANCO PERFINI: io che la guidavo IL PREDESTINATO NON VIS SE BENE TUTTA LA FAC CENDA. Perfini vide la bicilindrica come un'imposizione del reparto corse, e complice il difficile rapporto con Gilera, si

Dettagli

AEROPLANI L'ALA - 2a parte

AEROPLANI L'ALA - 2a parte AEROPLANI L'ALA - 2a parte Le centine Assolvono la funzione di forma Trasmettono le forze aerodinamiche dal rivestimento ai longheroni (sollecitazioni limitate) Nell ala bilongherone talvolta alcune fungono

Dettagli

Impianto pneumatico. 25 mag. 07IMPIANTO PNEUMATICO-libro 1

Impianto pneumatico. 25 mag. 07IMPIANTO PNEUMATICO-libro 1 Impianto pneumatico La finalità di tale impianto è quella di fornire ad una serie di utenze aria a pressione e temperatura controllate. Queste sono raggiungibili con una rete di distribuzione, composta

Dettagli

L Aviazione Navale. Motivazione, dedizione, competenza per volare in alto

L Aviazione Navale. Motivazione, dedizione, competenza per volare in alto L Aviazione Navale Motivazione, dedizione, competenza per volare in alto Aviazione Navale il volo verso il futuro Nave Cavour rappresenta la sintesi della proiettabilità e delle capacità di controllo del

Dettagli

IL VOLO IN FORMAZIONE E LA NAVIGAZIONE STIMATA

IL VOLO IN FORMAZIONE E LA NAVIGAZIONE STIMATA Il 22 Gruppo Caccia Terrestre Luca Bedetta www.22gct.it presenta: IL VOLO IN FORMAZIONE E LA NAVIGAZIONE STIMATA by 22GCT_Gross Il volo in formazione e la navigazione stimata by 22GCT_Gross 1 Sommario

Dettagli

Testo di Giovanni Del Gais Foto: Lab. Fotografico 70 Stormo, Raffaele Fusilli, Guglielmo Guglielmi e Luca La Cavera

Testo di Giovanni Del Gais Foto: Lab. Fotografico 70 Stormo, Raffaele Fusilli, Guglielmo Guglielmi e Luca La Cavera RADUNO ISTRUTTORI DELLE SCUOLE DI VOLO 70 ANNIVERSARIO SCUOLA DI VOLO SENZA VISIBILITA ULTIMO VOLO SF 260AM Aeroporto Militare E. Comani Latina 19 Settembre 2009 Testo di Giovanni Del Gais Foto: Lab. Fotografico

Dettagli

Impianto Combustibile

Impianto Combustibile Capitolo 7 Impianto Combustibile 7.1 7.1 Introduzione L'impianto combustibile ha lo scopo di stivare il combustibile necessario e di portarlo ai motori nelle condizioni di pressione e di portata necessarie.

Dettagli

Notiziario di S.A.M. 2001 Speciale GIP-46 Allegato al Numero 53 Gennaio - Febbraio 2011

Notiziario di S.A.M. 2001 Speciale GIP-46 Allegato al Numero 53 Gennaio - Febbraio 2011 Notiziario di S.A.M. 2001 Speciale GIP-46 Allegato al Numero 53 Gennaio - Febbraio 2011 Speciale GIP-46 - Allegato all Aquilone n. 53 1 GIP- 46 Nel gennaio 2007, in occasione dell annuale riunione conviviale

Dettagli

L inizio di una grande passione

L inizio di una grande passione Innanzitutto un saluto a tutti i nostri lettori che decideranno di intraprendere con noi questo viaggio all interno del mondo giallo-blu del Minardi Team e delle corse. In questi mesi cercheremo di conoscere

Dettagli

Il 5 GRUPPO MANUTENZIONE VELIVOLI

Il 5 GRUPPO MANUTENZIONE VELIVOLI Il 5 GRUPPO MANUTENZIONE VELIVOLI Testo di Raffaele Fusilli e Guglielmo Guglielmi Foto di Sergio Bottaio, Stefano Crinò, Roberto Farina, Raffaele Fusilli e Guglielmo Guglielmi Cenni Storici Negli ultimi

Dettagli

Lezione 03: Il mezzo aereo e le infrastrutture aeroportuali

Lezione 03: Il mezzo aereo e le infrastrutture aeroportuali Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Ingegneria e Architettura Laurea Magistrale: Ingegneria Civile Corso di INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI Lezione 03: Il mezzo aereo e le infrastrutture aeroportuali

Dettagli

CENTENARIO DELL AVIAZIONE MILITARE ITALIANA

CENTENARIO DELL AVIAZIONE MILITARE ITALIANA 1 LUGLIO 2012 CENTENARIO DELL AVIAZIONE MILITARE ITALIANA ANNIVERSARIO BATTAGLIONE AVIATORI L'AERONAUTICA MILITARE ITALIANA nasce il 6 novembre del 1884 quando il Ministero della Guerra del Regno D Italia

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT.

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Parte 1 - AERODINAMICA 1 Il fenomeno aerodinamico della vite è caratterizzato da: A) semiala interna alla rotazione completamente stallata;

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT.

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. Parte 5 - OPERAZIONI ED ATTERRAGGI DI EMERGENZA 1 Se una situazione d emergenza richiede un atterraggio con vento in coda, il pilota deve

Dettagli

Ho visto che alcuni di noi al campo hanno modelli che riproducono aerei della 1 Guerra Mondiale, tipo il RAF SE5 o vari modelli Fokker.

Ho visto che alcuni di noi al campo hanno modelli che riproducono aerei della 1 Guerra Mondiale, tipo il RAF SE5 o vari modelli Fokker. Ho visto che alcuni di noi al campo hanno modelli che riproducono aerei della 1 Guerra Mondiale, tipo il RAF SE5 o vari modelli Fokker. Ma quanti sanno come si è passati da queste trappole che all inizio

Dettagli

LA VESPA PIAGGIO: Storia di un mito

LA VESPA PIAGGIO: Storia di un mito LA VESPA PIAGGIO: Storia di un mito Guarda questo tributo alla Vespa con un intervista a Corradino D Ascanio url: http://www.youtube.com/watch?v=hkr4xng-lps Conosci la Vespa? Che immagini ti evoca alla

Dettagli

DAGLI ALBORI AL PRIMATO E L EVOLUZIONE PER RADIOBERSAGLI.

DAGLI ALBORI AL PRIMATO E L EVOLUZIONE PER RADIOBERSAGLI. DAGLI ALBORI AL PRIMATO E L EVOLUZIONE PER RADIOBERSAGLI. Quando nel 1947 nella rivista L ALA vidi la foto del Dynajet,rimasi affascinato. Dopo ever capito come funzionava, mi venne la voglia di costruire

Dettagli

DIMENSIONAMENTO E OTTIMIZZAZIONE

DIMENSIONAMENTO E OTTIMIZZAZIONE DIMENSIONAMENTO E OTTIMIZZAZIONE di UN CONVERTIPLANO PER DISTANZE SIBERIANE Tesi di Maurizio MARTI Relatore: Chiar.mo Prof. Luca PIANCASTELLI CORRELATORI: Ch.o Prof. Ing. Gianni CALIGIANA Ch.o Prof. Ing.

Dettagli

NORME PER L IMPIEGO DEGLI AERO MODELLI RADIOCOMANDATI MAXI

NORME PER L IMPIEGO DEGLI AERO MODELLI RADIOCOMANDATI MAXI NORME PER L IMPIEGO DEGLI AERO MODELLI RADIOCOMANDATI MAXI ( per gentile concessione della FIAM e dell AeCI ) Edizione n 1 Art. 1 Scopo Lo scopo di questo documento è regolamentare l uso di aeromodelli

Dettagli

AERO CLUB F. BARACCA LUGO DI ROMAGNA SCUOLA DI ACROBAZIA

AERO CLUB F. BARACCA LUGO DI ROMAGNA SCUOLA DI ACROBAZIA Il presente regolamento è stato redatto per dare a tutti la possibilità di uniformarsi alle procedure che permettono il volo acrobatico in sicurezza. Tutti i piloti sono tenuti a seguire, divulgare e meditare

Dettagli

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI

3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI 3. GLI AEROSTATI: CARATTERISTICHE FUNZIONALI I E STRUTTURALI L aerostato è un aeromobile che, per ottenere la portanza, ossia la forza necessaria per sollevarsi da terra e volare, utilizza gas più leggeri

Dettagli

F-35, la verità a scoppio ritardato

F-35, la verità a scoppio ritardato F-35, la verità a scoppio ritardato Giornalettismo Mazzetta Con un anno di ritardo emergono alle cronache i difetti già denunciati da tempo nel costosissimo programma del JSF di Lockheed Martin In questi

Dettagli

L AGM-62 i WALLEYE. Global Trends & Security Osservatorio Difesa, a cura di Luca Melandri

L AGM-62 i WALLEYE. Global Trends & Security Osservatorio Difesa, a cura di Luca Melandri L AGM-62 i WALLEYE WALLEYE I MK 1 MOD 0 (AGM-62A) è una bomba guidata stand-off sviluppata per conto della U.S. NAVY e AIR FORCE ii dalla Martin Marietta iii utilizzata primariamente contro obbiettivi

Dettagli

In quegli anni la Olivetti aveva iniziato il percorso di inserire l' elettronica nelle sue produzioni.

In quegli anni la Olivetti aveva iniziato il percorso di inserire l' elettronica nelle sue produzioni. GRONDONA 1. L Olivetti In quegli anni la Olivetti aveva iniziato il percorso di inserire l' elettronica nelle sue produzioni. Nel sito: www.storiaolivetti.it è descritta la storia della divisione elettronica

Dettagli

1985: Il sogno diventa realtà

1985: Il sogno diventa realtà Riprende il nostro viaggio all interno del Minardi Team e, in questo nuovo capitolo, affronteremo insieme il momento più importante, l esordio nel Mondiale di Formula 1, al Gran Premio del Brasile sul

Dettagli

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA

PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA PROCEDURE PER ARRIVI E PARTENZE DEI VISITATORI/PILOTI PARTECIPANTI AL SALONE DEL VOLO DI PADOVA L organizzazione tiene in altissima considerazione la Sicurezza del Volo e per questo, con il supporto e

Dettagli

La tesi di fine corso di Mister Maurizio Viscidi.

La tesi di fine corso di Mister Maurizio Viscidi. N. FEBBRAIO 006 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N DEL /0/0 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: BONACINI ROBERTO SEDE VIA E.FRANCALANCI

Dettagli

INTERVISTA A WOLFGANG EGGER

INTERVISTA A WOLFGANG EGGER INTERVISTA A WOLFGANG EGGER Domande a cura di Carlo Alberto Monti, Presidente Club Alfa Sport Trascrizione: Mapelli Paolo, Responsabile Stampa Fotografie: Mapelli Paolo per Club Alfa Sport Come vive la

Dettagli

Come Progettare un Aeromodello!

Come Progettare un Aeromodello! Guida alla Progettazione di un Aermodello Issue 1 31/07/2011 Come Progettare un Aeromodello 1. Si inizia con la scelta della forma dell ala; generalmente l ala re5angolare è consigliata per la maggiore

Dettagli

Aeroplani ed effetto Coanda

Aeroplani ed effetto Coanda tradizione e rivoluzione nell insegnamento delle scienze Istruzioni dettagliate per gli esperimenti mostrati nel video Aeroplani ed effetto Coanda prodotto da Reinventore con il contributo del MIUR per

Dettagli

MESI DI SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE

MESI DI SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE MESI DI SETTEMBRE OTTOBRE NOVEMBRE DICEMBRE A- Idrostatica o Principali proprietà dei fluidi (densità, peso specifico, viscosità, comprimibilità e dilatabilità) o Nozione di liquido reale e liquido ideale.

Dettagli

FRANCESCO VOLPI biografia di lui abbiamo scritto...

FRANCESCO VOLPI biografia di lui abbiamo scritto... FRANCESCO VOLPI biografia di lui abbiamo scritto... Nato a Trento nel 1914, Francesco Volpi, maturità classica e laurea in Giurisprudenza, ex colonnello dell Aeronautica, ha rinnovato la sua licenza di

Dettagli

Via Attilio Benigni, 53-00156 Roma - Tel. +39 06 8207 8219-06 8207 8200, Fax +39 06 8273 672 - www.ansv.it

Via Attilio Benigni, 53-00156 Roma - Tel. +39 06 8207 8219-06 8207 8200, Fax +39 06 8273 672 - www.ansv.it Incidente occorso in data 2 febbraio 2013, sull aeroporto di Roma Fiumicino, all aeromobile ATR 72 marche di identificazione YR-ATS: raccomandazioni di sicurezza relative alle operazioni di ricerca e soccorso.

Dettagli

L AEROMODELLO VELEGGIATORE

L AEROMODELLO VELEGGIATORE Esperti DECS-UIM L AEROMODELLO VELEGGIATORE pagina 1 L AEROMODELLO VELEGGIATORE MOMENTO TEMATICO Osserviamo il volo di un grosso rapace. Con la sua planata con larghi cerchi esso riesce a guadagnare quota

Dettagli

LANCIA BETA MONTECARLO. Premessa

LANCIA BETA MONTECARLO. Premessa LANCIA BETA MONTECARLO Premessa Parlare della Lancia Beta Montecarlo significa anzitutto ricordare la passione per le corse che Vincenza Lancia ha sempre fatto trasparire nei suoi capolavori. La Beta Montecarlo

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 06 CARATTERISTICHE FISICHE DELLE

Dettagli

Categoria Esordienti: il lavoro di campo dell Empoli Giovani FC.

Categoria Esordienti: il lavoro di campo dell Empoli Giovani FC. N.66 LUGLIO-AGOSTO 2009 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 SEDE VIA E.FRANCALANCI 418 55054 BOZZANO (LU) TEL. 0584 976585 - FAX 0584 977273

Dettagli

Lezione 4: I profili alari e le forze

Lezione 4: I profili alari e le forze Corso di MECCANICA DEL VOLO Modulo Prestazioni Lezione 4: I profili alari e le forze aerodinamiche Prof. D. P. Coiro coiro@unina.itit www.dias.unina.it/adag/ Corso di Meccanica del Volo - Mod. Prestazioni

Dettagli

CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO

CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO CAPITOLO 18 I SISTEMI DELL AUTOGIRO Di autogiri ne esistono di tutti i tipi e la gamma spazia dalle costruzioni amatoriali ai velivoli certificati. Parimenti è altrettanto vasta la gamma dei sistemi impiegati

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI. Sistemi Emergenza

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI. Sistemi Emergenza Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI Sistemi Emergenza 2 Hanno lo scopo di ridurre le conseguenze di guasti o rotture Sistemi attivi: eseguono o consentono di eseguire operazioni per

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

Ali sul mare di Giampiero Maria Fabretti

Ali sul mare di Giampiero Maria Fabretti Ali sul mare di Giampiero Maria Fabretti della Marina nasce il L Aviazione 27 giugno del 1913, per iniziativa dell ammiraglio Paolo Thaon di Revel, all epoca Capo di Stato Maggiore della Forza Armata,

Dettagli

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI

FRANCIA: LE MOTIVAZIONI DELL INTERVENTO IN MALI Sede legale e amministrativa: Palazzo Besso - Largo di Torre Argentina, 11-00186 Roma Sede secondaria: Largo Luigi Antonelli, 4-00145 Roma Web: www.ifiadvisory.com; Mail: info@ifiadvisory.com Umberto Profazio

Dettagli

Volo TWA n 891/26 26 giugno 1959

Volo TWA n 891/26 26 giugno 1959 Volo TWA n 891/26 26 giugno 1959 Atene (Grecia) Chicago, Illinois (USA) Ricostruzione del volo fino al momento del disastro aereo Resoconto delle testimonianze Estratti dal verbale del Civil Aeronautics

Dettagli

flight test eval per le tip alari e i timoni.

flight test eval per le tip alari e i timoni. flight test eval ERCO Ercoupe 415-D Prego, lasci fare a me Progettato per essere il più facile e sicuro aereo del mondo, per essere guidato più che pilotato proprio come un autovettura, l Ercoupe rimane

Dettagli

LE SCHEDE DIDATTICHE DELLA MAESTRA MPM LE GUERRE PERSIANE

LE SCHEDE DIDATTICHE DELLA MAESTRA MPM LE GUERRE PERSIANE LE GUERRE PERSIANE Mentre le città greche si sviluppavano, i Persiani crearono un vastissimo impero sottomettendo tutti i popoli conquistati. Sparta e Atene, piuttosto di perdere la propria libertà affrontarono

Dettagli

METEOROLOGIA AERONAUTICA

METEOROLOGIA AERONAUTICA METEOROLOGIA AERONAUTICA Parte I 24/07/12 enav.it METEOROLOGIA AERONAUTICA La meteorologia aeronautica è la scienza che descrive i fenomeni meteorologici pericolosi per il volo. Questi sono: la turbolenza

Dettagli

L'ATMOSFERA un involucro eccezionale

L'ATMOSFERA un involucro eccezionale DIESSE FIRENZE Didattica e Innovazione Scolastica Centro per la formazione e l aggiornamento SCIENZAFIRENZE QUARTA EDIZIONE Docenti e studenti a confronto su: L'ATMOSFERA un involucro eccezionale Aula

Dettagli

Il Cielo di Campoformido. Storia dell aeroporto della città di Udine Dalle origini all 8 settembre del 1943

Il Cielo di Campoformido. Storia dell aeroporto della città di Udine Dalle origini all 8 settembre del 1943 Il Cielo di Campoformido Storia dell aeroporto della città di Udine Dalle origini all 8 settembre del 1943 L attività di volo in Friuli con i più pesanti dell aria ha inizio sul campo de La Comina nel

Dettagli

DALLA MOLE DECOLLA CON SUCCESSO LA MOSTRA IL SECOLO CON LE ALI

DALLA MOLE DECOLLA CON SUCCESSO LA MOSTRA IL SECOLO CON LE ALI Ufficio Pubblica Informazione e Comunicazione DALLA MOLE DECOLLA CON SUCCESSO LA MOSTRA IL SECOLO CON LE ALI All inaugurazione, avvenuta Sabato 6 marzo 2010 a Torino Esposizioni, hanno partecipato un centinaio

Dettagli

PIRELLI, STORIA DI GOMME E AEREI

PIRELLI, STORIA DI GOMME E AEREI PIRELLI, STORIA DI GOMME E AEREI di Stefania Elena Carnemolla 22 INFORMAZIONI DELLA DIFESA 2/2014 La Fondazione Pirelli di Milano ha ospitato, curata da Daniele Pirola, che per la Fondazione si occupa

Dettagli

SULLE ALI DELLA GRANDE GUERRA

SULLE ALI DELLA GRANDE GUERRA Patrocini concessi: Comune di Bagnara Comune di Lugo Provincia di Ravenna SULLE ALI DELLA GRANDE GUERRA 6 7 GIUGNO 2015 Aeroporto Francesco Baracca Lugo di Romagna Ingresso: offerta libera Il ricavato

Dettagli

LA PISTA. A < 91 B 91 / 120 C 121 / 140 D 141 / 165 E 166 / 210 (un nodo, abbreviato con il termine kt, equivale a 1,852 Km/h).

LA PISTA. A < 91 B 91 / 120 C 121 / 140 D 141 / 165 E 166 / 210 (un nodo, abbreviato con il termine kt, equivale a 1,852 Km/h). LA PISTA Un pilota, nel pianificare il suo volo, deve scegliere un aerodromo di destinazione con caratteristiche fisiche che soddisfino le esigenze del suo aeromobile. E abbastanza facile intuire che un

Dettagli

e funzionano come quelli veri. Completi di controventature in scala e ferramenta inox tagliata al laser, sono registrabili per mezzo

e funzionano come quelli veri. Completi di controventature in scala e ferramenta inox tagliata al laser, sono registrabili per mezzo Piper J3 Cub Penso che la più grande soddisfazione per un aeromodellista sia quella di avere la sensazione di costruire e far volare un vero aereo, solo un po più piccolo. Questo è il pensiero che ha sempre

Dettagli

COMANDI DI VOLO GLI AEROMOBILI SONO DOTATI DI SUPERFICI MOBILI CHE PROVVEDONO ALLA MANOVRABILITA ED AL CONTROLLO DURANTE IL VOLO.

COMANDI DI VOLO GLI AEROMOBILI SONO DOTATI DI SUPERFICI MOBILI CHE PROVVEDONO ALLA MANOVRABILITA ED AL CONTROLLO DURANTE IL VOLO. COMANDI DI VOLO GENERALITA GLI AEROMOBILI SONO DOTATI DI SUPERFICI MOBILI CHE PROVVEDONO ALLA MANOVRABILITA ED AL CONTROLLO DURANTE IL VOLO. TALI SUPERFICI VENGONO CLASSIFICATE IN: COMANDI DI VOLO PRIMARI

Dettagli

Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009

Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009 Agenzia Nazionale per la Sicurezza del Volo (ANSV) Aero Club d Italia Roma, 25 giugno 2009 SISTEMA AVIAZIONE CIVILE Ministero dei trasporti Ente nazionale per l aviazione i civile il (ENAC) Aero club d

Dettagli

Il semovente M 15/42 Contraereo (da: http://digilander.libero.it)

Il semovente M 15/42 Contraereo (da: http://digilander.libero.it) Semovente M 15/42 Contraereo Vincenzo Meleca 1 Le esperienze maturate soprattutto in Africa Settentrionale, con i caccia ed i cacciabombardieri della RAF che attaccavano quasi indisturbati i nostri corazzati,

Dettagli

PIAGGIO AERO INDUSTRIES S.p.A.

PIAGGIO AERO INDUSTRIES S.p.A. P180 AVANTI II Il P180 Avanti II è un velivolo bimotore turboelica con cabina pressurizzata capace di trasportare da 6 a 9 persone - equipaggio compreso - in un ampia e confortevole cabina. Il P180 Avanti

Dettagli

Tutto pronto a Maranello per il lancio della nuova Ferrari, la F14-T.

Tutto pronto a Maranello per il lancio della nuova Ferrari, la F14-T. Tutto pronto a Maranello per il lancio della nuova Ferrari, la F14-T. Sarà un'auto innovativa, in ossequio a regolamenti tecnici completamente cambiati: motore turbo, propulsione ibrida, forte componente

Dettagli

Aspetti energetici. Capitolo 2

Aspetti energetici. Capitolo 2 Capitolo 2 Aspetti energetici 2.1 2.1 Introduzione Un impianto è costituito da componenti uniti fra di loro tramite collegamenti nei quali avviene un trasferimento di potenza esprimibile attraverso il

Dettagli

Apparecchi di sollevamento - Ascensori

Apparecchi di sollevamento - Ascensori Apparecchi di sollevamento - Ascensori APPARECCHI DI SOLLEVAMENTO Definizioni e classificazioni Per apparecchio di sollevamento si intende un apparecchio destinato ad effettuare un ciclo di sollevamento

Dettagli

FUORISTRADA GIAPPONESI NELL USO MILITARE E DI POLIZIA

FUORISTRADA GIAPPONESI NELL USO MILITARE E DI POLIZIA FUORISTRADA GIAPPONESI NELL USO MILITARE E DI POLIZIA Chissà se i tecnici delle industrie Alleate che, durante la Guerra, progettarono i piccoli fuoristrada paracadutabili da impiegare nella giungla contro

Dettagli

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492

Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492 Questionario di esame per L'ATTESTATO DI VOLO DA DIP. O SPORT. ELICOTTERO Ref. 41-827-492 Parte 1 - AERODINAMICA Parte 2 - METEOROLOGIA Parte 3 - TECNOLOGIA E PRESTAZIONI DEGLI APPARECCHI VDS Parte 4 -

Dettagli

Il-2 Sturmovik: 1946 v.4.10m

Il-2 Sturmovik: 1946 v.4.10m Il-2 Sturmovik: 1946 v.4.10m TUTORIAL SULL ATTERRAGGIO CON SISTEMA LORENZ Il sistema Lorenz, antesignano dell'attuale ILS, è in dotazione a numerosi caccia e bombardieri della Luftwaffe. Un sistema simile

Dettagli

APPUNTI DI DINAMICA DEL VOLO. Roberto Speziali

APPUNTI DI DINAMICA DEL VOLO. Roberto Speziali APPUNTI DI DINAMICA DEL VOLO Roberto Speziali 1 LE FORZE E LE LEGGI DELLA DINAMICA...2 2 LE FORZE CHE AGISCONO SULL AEREO...3 2.1 LA FORZA PESO...3 2.2 LA PORTANZA...3 2.2.1 Il coefficiente di portanza...5

Dettagli

Corso Teorico di Acrobazia Aerea 4 - Figure Acrobatiche Basiche

Corso Teorico di Acrobazia Aerea 4 - Figure Acrobatiche Basiche Corso Teorico di Acrobazia Aerea 4 - Figure Acrobatiche Basiche Luca Salvadori 1 La Vite Positiva Consiste in un autorotazione attorno ad un asse verticale, con il velivolo stallato a meno di una piccola

Dettagli

L AERONAUTICA ACQUISTA ALTRI 3 M-346 PER 120 MILIONI DI EURO

L AERONAUTICA ACQUISTA ALTRI 3 M-346 PER 120 MILIONI DI EURO L AERONAUTICA ACQUISTA ALTRI 3 M-346 PER 120 MILIONI DI EURO Analisi Difesa Finmeccanica-Alenia Aermacchi e la Direzione Generale degli Armamenti Aeronautici (ARMAEREO) hanno firmato ieri a Roma il contratto,

Dettagli

L organizzazione scientifica del lavoro

L organizzazione scientifica del lavoro L organizzazione scientifica del lavoro Con la seconda rivoluzione industriale, le macchine divennero più veloci e più grandi, come tutto l insieme degli impianti di manifattura. La tendenza all ingrandimento,

Dettagli

La costruzione della stazione è stata articolata in due fasi:

La costruzione della stazione è stata articolata in due fasi: APPENDICE D 1. La Stazione Spaziale Internazionale La Stazione Spaziale Internazionale (conosciuta pure come International Space Station o ISS) è un progetto che vede la più ampia collaborazione mai vista

Dettagli