L anno duemilaquattordici addì trenta del mese di dicembre in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 10:45

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L anno duemilaquattordici addì trenta del mese di dicembre in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 10:45"

Transcript

1 PAG. 1 1 OGGETTO: Approvazione schemi di convenzione per l affidamento all Ente Regionale per l Abitazione Pubblica delle Marche - Presidio Provinciale di Macerata - della gestione di alloggi di proprieta comunale ERP e non ERP. L anno duemilaquattordici addì trenta del mese di dicembre in Macerata e nella sede Municipale, alle ore 10:45 Convocata nelle forme prescritte, si è riunita la Giunta Municipale nelle seguenti persone: Presente Assente Carancini Romano Sindaco X Curzi Federica Vice Sindaco X Blunno Marco Assessore X Canesin Alferio Assessore X Monteverde Stefania Assessore X Pantanetti Luciano Assessore X Ricotta Narciso Assessore X Urbani Ubaldo Assessore X Valentini Enzo Assessore X Partecipa alla seduta il Segretario Generale Dott. Giovanni Montaccini Assume la presidenza il Sindaco Carancini Romano che, riconosciuto legale il numero degli intervenuti, dichiara aperta la seduta.

2 PAG. 2 2 OGGETTO: Approvazione schemi di convenzione per l affidamento all Ente Regionale per l Abitazione Pubblica delle Marche - Presidio Provinciale di Macerata - della gestione di alloggi di proprietà comunale ERP e non ERP. LA GIUNTA Rilevato che il Presidio di Macerata dell ERAP Marche, a norma della L.R. n. 36/2005 e successive integrazioni e modifiche, gestisce il patrimonio di Edilizia Residenziale Pubblica ubicato nel territorio della Provincia di Macerata; Visto l art. 21,comma 5, lett. a), della L.R. n. 36/2005 s.m.i., il quale dispone che Gli ERAP possono svolgere a favore di Enti pubblici e privati le seguenti funzioni: a) la gestione del patrimonio immobiliare non di ERP e le attività di manutenzione ad essa connesse Visto che il Comune di MACERATA è titolare dei seguenti immobili realizzati con fondi non riconducibili ai finanziamenti di ERP e destinati a sopperire alle esigenze abitative di nuclei familiari soggetti a provvedimenti di sfratto (cd. alloggi parcheggio ), per un totale di n. 39 alloggi: n. 1 alloggio in Via Lauro Rossi 55; n. 4 alloggi in Via Metauro 73; n. 1 alloggio in via Indipendenza 31; n. 28 alloggi in via Roma 395; n. 1 alloggio in via Costa 14; n. 3 alloggi in via Volturno 20; n. 1 alloggio in C.da Valle Ventura 89 Considerato che i due Enti intendono riattivare in toto la gestione in parola, stabilendo nello spirito di collaborazione che da sempre impronta i loro rapporti, che le situazioni debitorie e creditorie sussistenti tra le parti relative al periodo 01/01/ /12/2014 vengano estinte per compensazione; Visto a tal proposito lo schema di convenzione relativo agli alloggi di proprietà comunale non ERP allegato in parte integrante e sostanziale al presente atto (allegato 1); Ritenuto che l affidamento della gestione del patrimonio immobiliare sopra individuato all ERAP MARCHE Presidio di Macerata, in conformità al disposto della legge 36/2005 s.m.i., sia rispondente ai principi di efficienza, efficacia ed economicità dell azione amministrativa; Considerato che: - che per lo svolgimento di tutti gli adempimenti derivanti dalla convenzione, il Comune corrisponderà all Ente un corrispettivo annuo di 4,00 vano/mese relativo agli alloggi oggetto della presente convenzione, oltre IVA.

3 PAG per vano convenzionale si intende il locale avente una superficie di mq. 14, determinata calcolando la superficie utile dell alloggio, al netto dei muri perimetrali e dei muri interni. - avendo gli immobili oggetto della presente convenzione una superficie complessiva di mq ,30, pari a vani convenzionali 159,59, il corrispettivo annuo della gestione ammonta a complessivi 7.660,32 oltre IVA; Dato atto che il Presidio Provinciale di Macerata dell ERAP Marche, attualmente gestisce i seguenti alloggi ERP di proprietà del Comune di MACERATA: - n. 8 alloggi in Via Costa nc. 8; - n. 11 alloggi in Via P. Matteo Ricci 24/26/28/30/32/34; Visto a tal riguardo lo schema di convenzione per la gestione degli alloggi di proprietà comunale ERP allegato in parte integrante e sostanziale al presente atto (allegato2); Dato atto che in relazione al presente provvedimento il responsabile del procedimento e il Dirigente del Servizio hanno attestato, mediante la sottoscrizione della proposta e il rilascio del parere, l'assenza di ipotesi di conflitto d'interessi, ai sensi dell'art. 6 bis L. 241/1990, dell'art. 6 D.P.R. 62/2013 e del Codice di comportamento comunale; Visto il parere favorevole relativo alla regolarità tecnica del provvedimento rilasciato dal Dirigente del Servizio Servizi alla Persona, ai sensi e per gli effetti degli artt. 49 comma 1 e 147 bis comma 1 del D. Lgs. n. 267/2000; Visto, altresì, il parere favorevole di regolarità contabile rilasciato dal Dirigente del Servizio Servizi Finanziari e del Personale, ai sensi degli artt. 49 comma 1 e 147 bis comma 1 del D. Lgs. n. 267/2000; Preso atto del visto del Segretario Generale in ordine alla conformità dell azione amministrativa alle norme legislative, statutarie e regolamentari, ai sensi dell art. 97 c.2 del D.Lgs. n. 267/2000; Ritenuto per il carattere d urgenza che riveste il presente provvedimento di doversi avvalere della facoltà prevista dall art. 134, comma 4 del D. Lgs. 267/2000; Con votazione favorevole ed unanime, espressa ed accertata nei modi e nelle forme di legge D E L I B E R A 1. Di approvare lo schema di Convenzione per l affidamento all ENTE REGIONALE PER L ABITAZIONE PUBBLICA DELLE MARCHE - Presidio Provinciale di Macerata - della gestione di alloggi di proprietà comunale non ERP, allegato al presente atto in parte integrante e sostanziale (allegato 1). 2. Di approvare lo schema di Convenzione per l affidamento all ENTE REGIONALE PER L ABITAZIONE PUBBLICA DELLE MARCHE - Presidio Provinciale di Macerata - della

4 PAG. 4 4 gestione di alloggi di proprietà comunale ERP, allegato al presente atto in parte integrante e sostanziale (allegato 2). 3. Di corrispondere all ENTE REGIONALE PER L ABITAZIONE PUBBLICA DELLE MARCHE - Presidio Provinciale di Macerata la somma di 7.660,32 oltre IVA quale corrispettivo annuo della gestione degli alloggi di proprietà comunale. 4. Di imputare la somma di cui sopra pari a totali 9.345,59 al Bilancio Di dare mandato al Dirigente del Servizio Servizi alla Persona di procedere alla stipula delle convenzioni allegate al presente atto, nonché di adottare tutti gli atti necessari all attuazione degli obblighi in essa previsti. 6. Di demandare a successivi atti Dirigenziali l assunzione degli impegni contabili necessari a sostenere la spesa derivante dall adozione del presente atto. 7. Di dichiarare il presente atto immediatamente eseguibile, per motivi di urgenza, previa ulteriore votazione unanime e palese. Il Responsabile del procedimento f.to Dott. Gianluca Puliti Il Dirigente Del Servizio Servizi alla Persona per il parere favorevole di regolarità tecnica f.to Dott. Gianluca Puliti Il Dirigente del Servizio Servizi Finanziari e del Personale per il parere favorevole di regolarità contabile f.to Dott. Simone Ciattaglia Il Segretario Generale per il visto di conformità dell azione amministrativa f.to Dott. Giovanni Montaccini

5 PAG. 5 5 CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO ALL ENTE REGIONALE PER L ABITAZIONE PUBBLICA DELLE MARCHE - PRESIDIO PROVINCIALE DI MACERATA, DELL INCARICO DI GESTIONE DI ALLOGGI DI PROPRIETA COMUNALE NON ERP. Con la presente scrittura privata, redatta in duplice originale tra: il Comune di MACERATA, Codice Fiscale , rappresentato dal Dirigente del Servizio Servizi alla Persona Dott. Gianluca Puliti, nato a Siena il 24/03/1959, il quale agisce in esecuzione della delibera di Giunta Municipale n. del, e l Ente Regionale per l Abitazione Pubblica delle Marche - Presidio Provinciale di Macerata, Codice Fiscale , in persona del Responsabile del Servizio Amministrativo Dott. Daniele Staffolani, nato a Macerata il , il quale interviene in esecuzione del Decreto del Direttore n del, PREMESSO - che il Presidio di Macerata dell ERAP Marche, a norma della L.R. n. 36/2005 e succ. mod. ed int., gestisce il patrimonio di Edilizia Residenziale Pubblica ubicato nel territorio della Provincia di Macerata; - che il Comune di MACERATA è titolare dei seguenti immobili realizzati con fondi non riconducibili ai finanziamenti di ERP e destinati a sopperire alle esigenze abitative di nuclei familiari soggetti a provvedimenti di sfratto (cd. alloggi parcheggio ), per un totale di n. 39 alloggi: n. 1 alloggio in Via Lauro Rossi 55; n. 4 alloggi in Via Metauro 73; n. 1 alloggio in via Indipendenza 31; n. 28 alloggi in via Roma 395; n. 1 alloggio in via Costa 14; n. 3 alloggi in via Volturno 20; n. 1 alloggio in C.da Valle Ventura che il Comune di MACERATA, con atto di Giunta Comunale n. del, tenuto conto dell esperienza e delle specifiche competenze maturate nel settore dall ERAP MARCHE Presidio di Macerata, ha deliberato di affidare in gestione al medesimo anche detti immobili, approvando il relativo schema di convenzione; - che il Presidio di Macerata dell ERAP Marche, con Decreto del Direttore n. del ha deliberato di accettare detto incarico, approvando anch esso il relativo schema di convenzione; Visto l art. 21, 5 comma, lett.a), della L.R. n. 36/2005 e successive integrazioni e modifiche, il quale stabilisce che Gli ERAP possono svolgere a favore di Enti pubblici e privati le seguenti funzioni: (lett. a) la gestione del patrimonio immobiliare non di ERP e le attività di manutenzione ad essa connesse ; - si conviene e si stipula quanto segue, dando atto di voler ritenere le premesse parte integrante e sostanziale del presente atto:

6 PAG. 6 6 ARTICOLO 1 OGGETTO Il Comune di MACERATA, d ora in poi indicato con il termine Comune, in persona come sopra, affida all Ente Regionale per l Abitazione Pubblica delle Marche - Presidio Provinciale di Macerata, d ora in poi indicato con il termine Ente che, come sopra rappresentato accetta, l incarico di gestire gli alloggi elencati in premessa, con l osservanza di tutte le norme e condizioni stabilite dalla presente convenzione; ARTICOLO 2 OBBLIGHI DEL COMUNE Il Comune si impegna : a. a partecipare agli attuali occupanti degli immobili, i contenuti della presente convenzione; b. a far pervenire quanto prima all Ente, copia dei provvedimenti di assegnazione, nonché copia di ogni documento avente rilevanza amministrativa, necessario alla gestione degli alloggi; c. a curare che gli assegnatari degli alloggi propongano istanza di assegnazione di alloggio di ERP sovvenzionata ogni qual volta venga emanato il relativo Bando; d. a sostenere le spese occorrenti alla manutenzione straordinaria degli immobili, restando la manutenzione ordinaria a carico degli inquilini; e. a dare atto nell atto di assegnazione dell alloggio che le spese di ripristino della funzionalità dell alloggio medesimo (tinteggiatura e revisione infissi, certificazione di conformità degli impianti) sono a carico dell inquilino; f. al pagamento delle quote condominiali relative agli alloggi sfitti di sua proprietà, a decorrere dalla comunicazione di avvenuto ripristino dell alloggio dal parte dell ERAP; g. a sostenere le spese inerenti e conseguenti all esperimento di azioni giudiziarie volte alla tutela dei suoi diritti ed interessi; nel caso in cui tali azioni concernano il recupero della morosità o lo sfratto, non sarà necessaria alcuna comunicazione da parte dell Ente gestore, fatto salvo quanto previsto dal successivo art. 9; in ogni altro caso le azioni dovranno essere autorizzate dal Comune proprietario ai sensi del successivo art. 3; in mancanza i relativi oneri faranno capo all Ente gestore; L affidamento e l esecuzione dei poteri gestionali dovranno ritenersi estesi anche a quegli immobili che venissero affidati in gestione all Ente dopo la sottoscrizione del presente atto; In tal caso il Comune resta obbligato ad effettuare: l accatastamento immobili; gli allacciamenti dei vari servizi ( energia elettrica, acqua potabile, fognature ecc..); l adeguamento a norma di legge degli impianti tecnologici a servizio degli alloggi. ART. 3 OBBLIGHI DELL ENTE In dipendenza dell incarico conferitogli l Ente dovrà provvedere: a. in nome proprio e per conto del Comune proprietario, alla stipula dei contratti di locazione relativi alle nuove assegnazioni, in conformità al contratto di locazione di cui all art. 5 della presente convenzione, ovvero di concessione-contratto, come per costante dottrina e prassi, in caso di contratti aventi ad oggetto immobili dichiarati d interesse storico-culturale o presunti tali, in caso di immobili con più di 70 anni; b. alla riscossione dei canoni di locazione;

7 PAG. 7 7 c. alla manutenzione degli immobili ai sensi del successivo art. 4 della presente convenzione; d. all assicurazione degli immobili, per il loro totale valore (aggiornato periodicamente), contro i danni dell incendio e rischi accessori, nonché contro la responsabilità civile verso terzi, anche mediante subentro, in quanto possibile, nelle polizze che il Comune avesse in corso; e. all esercizio delle azioni giudiziarie occorrenti per la risoluzione dei contratti di locazione nei casi di morosità e di sfratto (secondo quanto stabilito al precedente art. 2, lettera g); f. Le azioni diverse da quelle necessarie alla risoluzione dei contratti di locazione per morosità del conduttore saranno previamente concordate con il Comune proprietario ed instaurate solo previo formale assenso del Comune, restando in caso contrario le relative spese a carico dell ERAP; Resta di esclusiva pertinenza del Comune proprietario l esercizio di ogni azione legale intesa a tutelare il suo diritto di proprietà in caso di atti lesivi da parte di utenti o di terzi, fatte salve le azioni possessorie che sono di competenza dell Ente; g. al servizio di vigilanza amministrativa e tecnica degli immobili affidati in gestione, anche per quanto attiene alla tutela della proprietà; h. all esecuzione di ogni operazione presso i competenti uffici allo scopo di curare l accertamento e l eventuale aggiornamento al NCEU di ogni unità immobiliare affidata in gestione, con oneri a carico del Comune proprietario; i. alla predisposizione, all atto della stipula del contratto dell attestato di prestazione energetica (APE) con oneri a carico del Comune proprietario; j. al compimento, più in generale, di ogni atto comunque connesso con la gestione del rapporto contrattuale e con l utenza, ivi compresa la partecipazione alle assemblee condominiali. In caso di alloggi ubicati in fabbricati comprendenti anche unità immobiliari di proprietà di terzi, l ERAP provvederà a compiere le necessarie azioni per tutelare i diritti del Comune proprietario nell ambito del condominio, salvo vi siano particolari obbligazioni da assumere o cause da instaurare, nel qual caso l Ente si atterrà alle direttive del Comune. ARTICOLO 4 MANUTENZIONE DEGLI IMMOBILI All atto dell assegnazione saranno a carico dell assegnatario la tinteggiatura dell alloggio assegnato e la revisione degli infissi, nonché gli oneri per la certificazione di conformità degli impianti alla vigente normativa; La manutenzione ordinaria degli immobili, farà carico agli assegnatari, salvo casi di particolare indigenza degli stessi, in cui il Comune assumerà su di sé il relativo onere, previa valutazione delle singole situazioni di concerto con il Servizio Sociale. La manutenzione straordinaria degli immobili, a carico del Comune proprietario, è affidata all Ente, che vi provvederà senza specifica autorizzazione del Comune. Entro il 31 marzo dell anno l Ente presenterà al Comune il rendiconto delle spese sostenute; i necessari fondi saranno prelevati dalle somme riscosse dall Ente a titolo di canoni di locazione; eventuali disavanzi saranno coperti dal Comune dietro presentazione di fattura. Sarà cura dell Ente concordare con il Comune gli interventi di manutenzione straordinaria potenzialmente in disavanzo ai sensi del precedente comma. Eventuali interventi di risanamento e di ristrutturazione degli immobili, gestiti in forza della presente convenzione, dovranno essere definiti dalle parti, nell ambito di appositi programmi da concordare, con la fissazione dei criteri di intervento e delle modalità di copertura dei conseguenti oneri finanziari, a totale carico dell Ente proprietario.

8 PAG. 8 8 ARTICOLO 5 CONTRATTO DI LOCAZIONE Le parti danno atto che l Ente stipulerà con i nuovi assegnatari degli alloggi oggetto della presente convenzione, entro e non oltre 60 gg., dall invio dell assegnazione da parte del Comune, un contratto di locazione di natura provvisoria della durata di anni uno (1), prorogabile su indicazione del Comune, purché il conduttore sia in regola con il pagamento del canone di locazione ed in possesso dei requisiti per la permanenza nell assegnazione dell alloggio di cui alla l L.R. 36/2005 e s.m.i. Entro tale periodo le spese condominiali sono poste a carico dell ERAP. La disdetta del rapporto di locazione verrà inviata dall Ente gestore su specifica indicazione del Comune. Il corrispettivo della locazione sarà calcolato in base alla vigente normativa in materia di ERP, applicata in via analogica. Similmente, l Ente subentrerà nella gestione dei rapporti contrattuali in corso all atto dell entrata in vigore della presente convenzione; a tal fine provvederà al rinnovo dei contratti in essere giunti a scadenza. ARTICOLO 6 CORRISPETTIVO DEL SERVIZIO Per lo svolgimento di tutti gli adempimenti derivanti dalla presente convenzione, il Comune corrisponderà all Ente un corrispettivo annuo di 4,00 vano/mese relativo agli alloggi oggetto della presente convenzione, oltre IVA. Per vano convenzionale si intende il locale avente una superficie di mq. 14, determinata calcolando la superficie utile dell alloggio, al netto dei muri perimetrali e dei muri interni. Pertanto, avendo gli immobili oggetto della presente convenzione una superficie complessiva di mq ,30, pari a vani convenzionali 159,59, il corrispettivo annuo della gestione ammonta a complessivi 7.660,32 oltre IVA. Il corrispettivo per i servizi in convenzione, senza preventiva comunicazione, sarà oggetto di automatico aggiornamento annuale con applicazione dell indice ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai e impiegati (FOI) del mese di dicembre, a far data dal 1 gennaio del secondo anno successivo a quello di stipula della presente convenzione. Il corrispettivo di cui sopra è comprensivo dei rimborsi per spese generali amministrative. ART. 7 TRASFERIMENTO E RENDICONTAZIONE DEI CANONI I canoni di locazione effettivamente riscossi verranno rendicontati con cadenza semestrale al Comune, ed accreditati, rispettivamente entro il mese di settembre, per i canoni incassati nel corso del primo semestre, e del mese di marzo dell anno successivo, per i canoni incassati nel secondo semestre. L accredito avverrà al netto di imposte e tasse dovute per legge ed anticipate dall Ente ma non corrisposte dagli utenti, dei corrispettivi dovuti per l incarico, oltre alle eventuali spese sostenute per il pagamento delle imposte e tasse relative alla registrazione dei contratti di locazione, nonché per la manutenzione degli immobili a carico del Comune ai sensi del precedente articolo 4 commi 3 e 4. Contestualmente l Ente emetterà a carico del Comune le necessarie fatture. ART. 8 IMPOSTE, TASSE E TARIFFE

9 PAG. 9 9 Restano a carico del Comune eventuali imposte dovute ai sensi di legge per la proprietà e la locazione degli immobili, ed a carico degli inquilini la quota del 50%dell imposta relativa alla registrazione del contratto di locazione, l imposta di bollo, la TOSAP, i passi carrabili, i servizi di pulizia, riscaldamento, ascensore e gli altri eventuali servizi derivanti da usi e consuetudini locali, nonché per consumi di acqua ed energia elettrica relativi alle parti comuni, per contributi di fognatura ed altri eventuali oneri condominiali. ARTICOLO 9 MOROSITA L Ente provvederà ad esperire le necessarie azioni in caso di inadempimento e recupero della morosità relativa al pagamento dei canoni di locazione ovvero delle quote accessorie. All assegnatario che si renda moroso o comunque inadempiente al contratto, si applicheranno le disposizioni vigenti, come da disposto degli articoli 1218 e ss., e 1453 del Codice Civile. L effettiva esecuzione dello sfratto a carico degli inadempienti dovrà comunque essere autorizzata dal Comune proprietario come pure eventuali rinvii da accordare. Il Comune si impegna a procurare idonei locali ove sistemare i beni e le suppellettili dell esecutato, nonché a fornire personale e mezzi per l esecuzione dello sfratto stesso, salva la possibilità di delegare all Ente tali incombenze, dietro rimborso degli oneri relativi. Le spese legali sostenute dall Ente per il recupero della morosità saranno a carico dell assegnatario moroso; nel caso in cui le azioni di recupero si rivelassero infruttuose, le spese legali sostenute dall Ente saranno integralmente rimborsate dal Comune proprietario. Ugualmente saranno a carico del Comune proprietario le spese inerenti e conseguenti all instaurazione ed esecuzione dei procedimenti di sfratto. Qualora le azioni intraprese dall Ente gestore per il recupero della morosità si rivelassero infruttuose, il Comune proprietario assumerà a proprio carico la corrispondente morosità. Il recupero della morosità eventualmente esistente alla data di decorrenza della presente convenzione, sarà a carico del Comune proprietario, correlativamente saranno di competenza dell Ente gestore, gli atti necessari al recupero di eventuali crediti risultanti alla data di risoluzione della presente convenzione. ARTICOLO 10 ADEMPIMENTI FISCALI Eventuali imposte relative agli stabili affidati in gestione, se ed in quanto dovute, sono a carico del Comune proprietario. ARTICOLO 11 DURATA La presente convenzione ha durata quadriennale, a decorrere dal 01/01/2015, e si rinnoverà automaticamente di quadriennio in quadriennio, salvo disdetta, da comunicarsi con un preavviso di almeno tre mesi. In caso di disdetta o di mancata proroga l Ente procederà al versamento di quanto dovuto nel rispetto dei termini di cui all art. 7 della presente convenzione, salvo diverso accordo tra le parti. Le parti si danno reciprocamente atto che con la stipula della presente convenzione i rapporti di dare avere tra i due Enti, relativi al periodo 01/01/ /12/2014 si intendono interamente compensati e che le parti non hanno al riguardo più nulla da pretendere reciprocamente.

10 PAG ARTICOLO 12 FORO COMPETENTE Per qualsiasi controversia in ordine alla presente convenzione è competente il Foro di Macerata. A tal fine le parti eleggono domicilio: il Comune di MACERATA presso la sede Municipale l ERAP MARCHE Presidio Provinciale di Macerata, nella propria sede in Macerata, Via Lorenzoni n e ARTICOLO 13 TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI Il trattamento dei dati personali degli utenti è limitato allo svolgimento delle funzioni indicate nel presene atto nei limiti stabiliti dalla legge e dai regolamenti. I dati verranno trattati con modalità cartacee e informatizzate ad opera di soggetti di ciò appositamente incaricati per l espletamento degli obblighi di legge o di regolamento. L eventuale comunicazione e diffusione ad altri soggetti dei dati trattati, avverrà esclusivamente qualora siano previste da norme di legge o di regolamento, o risultino comunque necessarie in dipendenza dell incarico conferito. Il Comune indicherà all Ente il referente cui trasmettere la corrispondenza relativa all oggetto della presente convenzione. ARTICOLO 14 NORME FINALI La presente convenzione sarà sottoposta a registrazione solo in caso di uso. La stessa revoca automaticamente eventuali precedenti convenzioni sottoscritte tra le parti, aventi il medesimo oggetto. Essa previa lettura ed approvazione, viene sottoscritta dalle parti in segno di accettazione e conferma come appresso. Macerata, li... COMUNE DI MACERATA Il Dirigente Servizio Servizi alla Persona (Dott. Gianluca Puliti) E.R.A.P. DELLE MARCHE PRESIDIO PROVINCIALE DI MACERATA Il Responsabile del Servizio Amministrazione (Dott. Daniele Staffolani)

11 PAG Allegato 2 CONVENZIONE PER L AFFIDAMENTO ALL ENTE REGIONALE PER L ABITAZIONE PUBBLICA DELLE MARCHE PRESIDIO PROVINCIALE DI MACERATA, DELL INCARICO DI GESTIONE DI ALLOGGI DI PROPRIETA COMUNALE. Con la presente scrittura privata tra: - il Comune di MACERATA, Codice Fiscale , rappresentato dal Dirigente dei Servizi alla Persona Dott. Gianluca Puliti, nato a Siena il 24/03/1959 il quale agisce in esecuzione della delibera di Giunta Municipale n. del, e - l Ente Regionale per l Abitazione Pubblica delle Marche Presidio provinciale di Macerata, Codice Fiscale , (già ERAP di Macerata), rappresentato dal Responsabile del Servizio Amministrazione Dott. Daniele Staffolani, nato a Macerata il , il quale interviene in esecuzione della delibera del Consiglio di Amministrazione n. 50 del 01/07/2008, PREMESSO - che l art. 20 della Legge Regionale n. 36 del , introdotto dall art. 1 della L.R. n. 22 del , prevede la unificazione della gestione del patrimonio di edilizia residenziale pubblica; - che lo stesso articolo stabilisce che i Comuni e gli altri Enti locali si avvalgano, per la gestione e la manutenzione del patrimonio pubblico di loro proprietà, dei Presidi Provinciali dell Ente Regionale per l Abitazione Pubblica delle Marche, secondo le rispettive competenze territoriali; - che il Presidio Provinciale di Macerata dell ERAP Marche, attualmente gestisce i seguenti alloggi ERP di proprietà del Comune di MACERATA: - n. 8 alloggi in Via Costa nc. 8; - n. 11 alloggi in Via P. Matteo Ricci 24/26/28/30/32/34. - che l ERAP, con delibera del Consiglio di Amministrazione n. 50 in data 01/07/2008, ha approvato il testo della presente convenzione, destinata a sostituire quella già stipulata ai sensi della L.R. 44/1997; -- che il Comune di MACERATA con Delibera n. del, esecutiva ai sensi di legge, ha approvato il medesimo testo, formalizzando il rinnovo dell affidamento in gestione degli alloggi sopra indicati all Ente Regionale per l Abitazione Pubblica della Provincia di Macerata; Tutto ciò premesso, con il presente atto si conviene e si stipula quanto segue: Articolo 1 ( Oggetto ) Il Comune di MACERATA, d ora in poi indicato con il termine Comune, in persona come sopra, affida all ERAP che, come sopra rappresentato accetta, l incarico di gestire gli alloggi di Edilizia

12 PAG Residenziale Pubblica, così come definiti dalla L.R. 36/2005 e succ. mod. e int., di proprietà comunale indicati in premessa, con l osservanza di tutte le norme e condizioni stabilite dalla presente convenzione: ARTICOLO 2 ( Obblighi del Comune ) Il Comune si impegna a far pervenire quanto prima all ERAP, copia dei provvedimenti di assegnazione, nonché copia di ogni documento avente rilevanza amministrativa, necessario alla gestione degli alloggi. Il Comune si impegna inoltre, con la sottoscrizione della presente convenzione, a partecipare agli assegnatari i contenuti della medesima. Fa carico al Comune, qualora all atto della consegna non vi si fosse ancora provveduto in tutto o in parte, l espletamento di tutte le incombenze derivanti da: - accatastamento degli immobili; - allacciamenti dei vari servizi ( energia elettrica, acqua potabile, fognature ecc...); - adeguamento a norma di legge degli impianti tecnologici a servizio degli alloggi. L affidamento e l esecuzione dei poteri gestionali dovranno ritenersi estesi anche nei riguardi di quegli immobili che venissero consegnati e presi in gestione, con le modalità di cui sopra, dopo la sottoscrizione del presente atto. Sono a carico del Comune le quote condominiali relative agli alloggi sfitti di sua proprietà, a decorrere dalla comunicazione di avvenuto ripristino dell alloggio dal parte dell ERAP. Il Comune si obbliga inoltre a sostenere le spese inerenti e conseguenti all esperimento di azioni giudiziarie volte alla tutela dei Suoi diritti ed interessi. Articolo 3 (Competenze dell ERAP) In dipendenza dell incarico conferitogli l ERAP dovrà provvedere: a) in nome proprio e per conto del Comune proprietario, alla stipula dei contratti di locazione relativi alle nuove assegnazioni; b) alla riscossione dei canoni di locazione; c) alla manutenzione ordinaria degli immobili, con esclusione di tutte quelle riparazioni che, ai sensi del vigente Regolamento per l Uso, manutenzione e miglioramento del patrimonio abitativo in gestione all ERAP, sono a carico dell inquilino, nonché alla loro manutenzione straordinaria periodica o non periodica, nell ambito dei programmi di intervento da concordare con il Comune proprietario, con esclusione di quella relativa ad interventi strutturali di tipo organico;

13 PAG d) all assicurazione degli immobili, per il loro totale valore (aggiornato periodicamente), contro i danni dell incendio e rischi accessori, nonché contro la responsabilità civile verso terzi, anche mediante subentro, in quanto possibile, nelle polizze che il Comune avesse in corso; e) all esercizio delle azioni giudiziarie occorrenti per la risoluzione dei contratti di locazione nei casi di morosità o, comunque, di inadempienza dei locatari a clausole contrattuali o regolamentari, nonché alla costituzione nei giudizi che avessero ad insorgere innanzi all Autorità Giudiziaria o Amministrativa in dipendenza dell attività svolta per l esecuzione dell incarico con il presente atto conferitogli, senza particolare preventiva autorizzazione da parte del Comune proprietario; le spese legali per il promuovimento di azioni giudiziarie diverse da quelle per il recupero della morosità, saranno a carico del Comune proprietario ed allo stesso addebitate da parte dell ERAP. Resta di esclusiva pertinenza del Comune proprietario l esercizio di ogni azione legale intesa a tutelare il suo diritto di proprietà in caso di atti lesivi da parte di utenti o di terzi, fatte salve le azioni possessorie che sono di competenza dell ERAP; f) al servizio di vigilanza amministrativa e tecnica degli immobili affidati in gestione, anche per quanto attiene alla tutela della proprietà; g) all esecuzione di ogni operazione presso i competenti uffici allo scopo di curare l accertamento e l eventuale aggiornamento al NCEU di ogni unità immobiliare affidata in gestione; h) al compimento, più in generale, di ogni atto comunque connesso con la gestione del rapporto contrattuale e con l utenza. In caso di alloggi ubicati in fabbricati comprendenti anche unità immobiliari di proprietà di terzi, l ERAP provvederà a compiere le necessarie azioni per tutelare i diritti del Comune proprietario nell ambito del condominio. Articolo 4 (Interventi di risanamento e ristrutturazione) Eventuali interventi di risanamento o di ristrutturazione degli immobili gestiti in forza della presente convenzione dovranno essere definiti dalle parti, nell ambito di appositi programmi da concordare, con la fissazione dei criteri di intervento e delle modalità di copertura dei conseguenti oneri finanziari. Articolo 5 ( Rinvio ) Le parti si danno atto che l ERAP stipulerà con i nuovi assegnatari degli alloggi il contratto di locazione secondo uno schema tipo, mentre con i conduttori dei locali eventualmente esistenti negli immobili gestiti si farà riferimento alle vigenti disposizioni di legge in materia, nonché alle condizioni di cui alla presente convenzione. Articolo 6 ( Decorrenza. Canoni locativi e rendicontazioni )

14 PAG La presente convenzione entra in vigore dalla data di stipula. Per l affidamento in gestione all ERAP di ulteriori alloggi ERP, le parti convengono che verrà stipulata una nuova convenzione, che sostituirà la presente, relativa alla totalità degli alloggi di proprietà del Comune in gestione all ERAP. La consistenza degli ulteriori alloggi affidati dovrà risultare da apposito verbale redatto in contraddittorio tra le parti, che dovrà evidenziare anche lo stato dei medesimi sotto il profilo della manutenzione e della conservazione. I canoni di locazione degli alloggi saranno determinati nel rispetto della vigente legislazione regionale in materia. La quota destinata al fondo per l Edilizia Residenziale Pubblica di cui all art. 6 L.R. n. 36/2005 e succ. mod. e int., viene rendicontata e versata alla Regione Marche. L ERAP trattiene dai proventi dei canoni locativi dell intero patrimonio ERP gestito, calcolati al netto della quota destinata al fondo per l Edilizia Residenziale Pubblica, le somme relative ai costi di amministrazione e manutenzione degli alloggi, nella misura annualmente stabilita dall Ente stesso. Eventuali somme residue relative al patrimonio gestito in forza della presente convenzione, al netto delle quote di ammortamento mutui da versare direttamente al Comune, vengono rendicontate alla Regione e al Comune proprietario ai sensi dell art. 20 sexiesdecies della L.R. n. 36/2005 e succ. mod. e int., per le finalità di competenza. In caso di insufficienza dei fondi versati al Comune per il pagamento delle rate di ammortamento mutui, il Comune provvede con risorse proprie su segnalazione dell ERAP. Ai fini del precedente comma: - il Comune si impegna a presentare in tempi brevi apposita situazione per consentire la tempestiva contabilizzazione dell ERAP; - l ERAP comunica al Comune le schede per il calcolo della quota proventi destinata al pagamento delle rate di ammortamento. Articolo 7 ( Morosità ) L ERAP provvederà ad esperire le necessarie azioni per il recupero della morosità relativa al pagamento dei canoni di locazione ovvero delle quote accessorie. Ove la morosità fosse determinata da accertato disagio economico dell utente, il Comune proprietario dovrà prestare la propria collaborazione per la promozione e/o ricerca di interventi di carattere assistenziale intesi a sanare la posizione debitoria degli interessati. All assegnatario che si renda moroso o comunque inadempiente al contratto o alla normativa regolante la gestione del patrimonio abitativo pubblico, si applicano le disposizioni vigenti in materia di Edilizia Residenziale Pubblica.

15 PAG Il recupero della morosità eventualmente esistente alla data di decorrenza della presente convenzione, resterà a carico del Comune proprietario; correlativamente resteranno di competenza dell ERAP gli atti necessari al recupero di eventuali crediti risultanti alla data di risoluzione della presente convenzione. Le spese legali sostenute dall ERAP per il recupero della morosità saranno a carico dell assegnatario moroso; nel caso in cui le azioni di recupero si rivelassero infruttuose, le spese legali sostenute dall ERAP saranno integralmente rimborsate dal Comune proprietario. Nel caso si renda necessario conferire ad un legale esterno l incarico di esperire opportune procedure non direttamente attivabili dall Ente, il Comune proprietario sarà chiamato ad esprimere il proprio parere in merito. Ugualmente saranno a carico del Comune proprietario le spese inerenti e conseguenti all instaurazione ed esecuzione dei procedimenti di sfratto. Qualora le azioni intraprese dall ERAP per il recupero della morosità si rivelassero infruttuose, e non fosse possibile fare ricorso ad interventi assistenziali, il Comune proprietario assumerà a proprio carico la corrispondente morosità. Articolo 8 (Adempimenti fiscali ) Eventuali imposte relative agli stabili affidati in gestione, se ed in quanto dovute, sono a carico del Comune proprietario. Articolo 9 ( Autogestione ) Per quanto riguarda la gestione dei servizi e delle parti comuni, l ERAP provvederà ad organizzare l autogestione ai sensi della vigente legislazione in materia. Articolo 10 ( Durata ) In applicazione della Legge Regionale n. 36 citata, che all art. 20 bis prevede l unificazione della gestione del patrimonio di Edilizia Residenziale Pubblica in capo agli EE.RR.AA.PP., la presente convenzione resterà in vigore a tempo indeterminato, fino all eventuale introduzione di un nuovo sistema legislativo. Articolo 11 ( Delega ) Il Comune, come sopra rappresentato, conferisce all ERAP delega ad intervenire in nome e per conto dello stesso Comune nelle riunioni di condominio degli stabili ove sono compresi gli alloggi affidati in gestione, con tutti i poteri conseguenti.

16 PAG Articolo 12 ( Foro competente ) A tutti gli effetti della presente convenzione, le parti convengono che il foro competente sia quello di Macerata e per la notifica degli atti eleggono domicilio come segue: il Comune proprietario nella propria sede Municipale di Macerata, e l ERAP nella sede del Presidio di Macerata, in Macerata Via Lorenzoni n Articolo 13 ( Norme finali ) La presente convenzione sarà sottoposta a registrazione solo in caso d uso e le relative spese saranno, in tale ipotesi, ad esclusivo carico della parte inadempiente. La presente convenzione sostituisce quella precedentemente stipulata ai sensi dell art. 76 della L.R. n. 44/1997. Letto, approvato e sottoscritto. Macerata, li Ai sensi e per gli effetti degli artt e 1342 del Codice Civile, le parti dichiarano di aver preso visione dell art. 12 della presente convenzione (Foro competente) e di approvarlo specificatamente. COMUNE DI MACERATA IL DIRIGENTE DEI SERVIZI ALLA PERSONA (Dott. Gianluca Puliti) ERAP DELLE MARCHE PRESIDIO PROVINCIALE DI MACERATA Il Responsabile del Servizio Amministrazione (Dott. Daniele Staffolani)

17 Letto, approvato e sottoscritto. Il Sindaco F.to Carancini Romano Il Segretario Generale F.to Dott. Giovanni Montaccini CERTIFICATO DI PUBBLICAZIONE Si certifica che il presente atto è affisso all Albo Pretorio di questo Comune in data odierna per quindici giorni consecutivi. Macerata, 13/02/2015 IL SEGRETARIO GENERALE F.to Dott. Giovanni Montaccini Il presente atto è esecutivo: CERTIFICATO DI ESECUTIVITA [] Dopo il decimo giorno dalla data di pubblicazione sopra indicata. [X] Lo stesso giorno in cui l atto è adottato. Macerata, 13/02/2015 IL SEGRETARIO GENERALE F.to Dott. Giovanni Montaccini La presente copia, in carta libera per uso amministrativo e d ufficio è conforme all originale. Macerata, 13/02/2015 IL SEGRETARIO GENERALE Dott. Giovanni Montaccini INVIO ATTI Servizio del Segretario Generale Servizio Servizi al cittadino e all impresa Servizio Servizi Finanziari e del Personale Servizio Servizi Tecnici Servizio Cultura e rapporti con Istituzione Macerata Cultura Biblioteca e Musei Servizio Servizi alla Persona Servizio Polizia Municipale Istituzione Macerata Cultura Biblioteca e Musei Ambito Territoriale Sociale n. 15

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in., alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (CANALE CONCERTATO) Tra i signori, nato a, il, residente in, alla Via, C.F. (di seguito locatore) (assistito da in persona di ), e, nato a, il, residente in, alla

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e

Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale. Tra le parti. cognome; luogo e data di nascita; domicilio e Contratto di locazione a uso commerciale, industriale, artigianale Tra le parti (per le persone fisiche, riportare: nome e cognome; luogo e data di nascita; domicilio e codice fiscale. Per le persone

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

PARTE PRIMA. Art. 2 Ambito di applicazione

PARTE PRIMA. Art. 2 Ambito di applicazione 11976 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali LEGGE REGIONALE 7 aprile 2014, n. 10 Nuova disciplina per l assegnazione e la determinazione dei canoni di locazione degli alloggi di edilizia residenziale

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza

COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza COMUNE DI ALSENO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI Approvato con deliberazione di G.C. n. 232 in data 30.09.1998 Modificato con deliberazione di G.C. n. 102

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO Allegato n. 2 alla delibera n. 11 del 12.12.05 SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO..., con sede in.., Codice

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

COMUNE DI ABBIATEGRASSO

COMUNE DI ABBIATEGRASSO Delibera N. 35 del 14/02/2013 COMUNE DI ABBIATEGRASSO Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: PROMOZIONE APPROFONDIMENTI SULL'EDILIZIA SOCIALE AI FINI DELL' AGGIORNAMENTO DEL P.G.T.. L'anno

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2)

LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) LOCAZIONE ABITATIVA PER STUDENTI UNIVERSITARI TIPO DI CONTRATTO (Legge 9 dicembre 1998, n. 431, articolo 5, comma 2) Il/La sig./soc. (1) di seguito denominato/a locatore (assistito/a da (2) in persona

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA

L'anno duemiladieci, addì 30 del mese di aprile con la presente scrittura privata, da valere ad ogni effetto di legge, TRA Repertorio Unione Terre di Pianura n. 7 del 30/04/2010 CONVENZIONE TRA I COMUNI DI BARICELLA, BUDRIO, GRANAROLO DELL EMILIA, MINERBIO E L UNIONE DI COMUNI TERRE DI PIANURA PER IL CONFERIMENTO DELLE FUNZIONI

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1 LA PRESENTE COPIA NON SOSTITUISCE L ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 133 DEL 08/10/2009 OGGETTO: ATTO D'INDIRIZZO PER PERFEZIONAMENTO AZIONI CONCLUSIVE PROGETTO ''LAVOR@BILE''. INSERIMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

I contratti di gestione delle strutture alberghiere

I contratti di gestione delle strutture alberghiere 12/06/2013 il Contratti tipici: Contratti atipici: contratto di locazione di bene immobile contratto di affitto di azienda (alberghiera) contratto di gestione di azienda. alberghiera (c.d. contratto di

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni

CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI. Articolo 1 Definizioni Regolamento in materia di procedure di risoluzione delle controversie tra operatori di comunicazioni elettroniche ed utenti, approvato con delibera n. 173/07/CONS. [Testo consolidato con le modifiche apportate

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI

CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI CONTRATTO DI PROCACCIAMENTO D AFFARI eprice s.r.l. con Socio Unico (di seguito denominata "SITONLINE") con sede legale in Milano, via degli Olivetani 10/12, 20123 - Italia, Codice Fiscale e Partita I.V.A

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA

R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELLA MENSA SCOLASTICA Allegato alla deliberazione consiliare n. 03 del 31.01.2014 COMUNE DI ROTA D IMAGNA PROVINCIA DI BERGAMO TELEFONO E FAX 035/868068 C.F. 00382800167 UFFICI: VIA VITTORIO EMANUELE, 3-24037 ROTA D IMAGNA

Dettagli