Giovedì 20 settembre

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Giovedì 20 settembre"

Transcript

1 Registrazione Giovedì 20 settembre METODI E MODELLI ( ) Moderatore: Franca Agnoli (Università di Padova) L utilizzo della statistica e la comunicazione dei risultati: una fotografia degli ultimi 15 anni di pubblicazioni nel Giornale Italiano M. Nucci, M. Pastore La significatività che non c è: il problema grave dei falsi positivi in psicologia F. Agnoli, S. Furlan Il ruolo della numerosità campionaria nella verifica di ipotesi: due approcci a confronto M. Pastore, G. Altoè, L. Finos Promuovere l apprendimento del ragionamento statistico e probabilistico degli studenti di psicologia attraverso un training C. Primi, F. Chiesi Testare l assunzione di indipendenza fra i parametri del Basic Local Independence Model D. de Chiusole, L. Stefanutti, P. Anselmi, E. Robusto INVECCHIAMENTO E COGNIZIONE ( ) Moderatore: Fabio Lucidi (Sapienza Università di Roma) La relazione tra abilità uditive e cognitive in giovani, giovani-anziani e grandi-vecchi M. Grassi, E. Borella Quali sono i meccanismi neurali alla base delle difficoltà degli anziani nel ricordare di G. Cona, G. Arcara, V. Tarantino, compiere intenzioni future? P. S. Bisiacchi Credenze sulla memoria negli anziani: uno studio sui sardi S. Bottiroli, E. Cavallini, T. Vecchi L invecchiamento sano in Sardegna: effetto dei fattori socio-culturali e dell invecchiamento M. P. Penna, M. C. Fastame, sul benessere percepito, sull efficienza mnestica e metacognitiva E. S. Rossetti, M. Agus Potenziamento della memoria di lavoro e effetti di generalizzazione ad abilità complesse E. Borella, B. Carretti, nell'invecchiamento M. Zavagnin, R. De Beni MEMORIA I ( ) Moderatore: Maria A. Brandimonte (Università Suor Orsola Benincasa, Napoli) Cosa differenzia il pensiero episodico futuro dalla costruzione di scene complesse? N. Gamboz, S. de Vito, G. Nigro, M. A. Brandimonte Immaginare di migliorare il passato e il futuro: un asimmetria temporale nel pensiero D. Ferrante, V. Girotto, M. Stragà, ipotetico C. Walsh Ricordare il passato e immaginare il futuro: differenze di età tra giovani, giovani anziani e R. De Beni, B. Carretti, A. Cantarella, anziani anziani M. Zavagnin Il pensiero futuro nella malattia di Parkinson: una funzione esecutiva? S. de Vito, N. Gamboz, M. A. Brandimonte, P. Barone, M. Amboni, G. Nigro, S. Della Sala, Memoria episodica ed immaginazione del futuro: dove sono le differenze? P. Palladino, M. Ferrari, D. Basso SIMPOSIO DI PSICOLOGIA DEL LINGUAGGIO ( ) Moderatore: Alessandro Laudanna (Università di Salerno) Introduzione A. Laudanna Ricordo di Patrizia Tabossi C. Burani Contesto di lista e lettura lessicale in italiano C. Burani Modelli di lettura di parole: il passo successivo R. Job La produzione dei nomi e dei verbi: differenze ed analogie S. Collina Neuropsicologia delle parole composte C. Semenza Discussione La comprensione di espressioni idiomatiche nei pazienti schizofrenici: un nuovo test per l Ipotesi della Configurazione C. Cacciari, F. Pesciarelli, T. Gamberoni, F. Ferlazzo, L. Lo Russo, F. Pedrazzi, E. Melati COFFEE BREAK ( ) ATTENZIONE ( ) Moderatore: Francesco Pavani (Università di Trento) L integrazione multisensoriale della rappresentazione corporea non è modulata da un compito concorrente interocettivo o esterocettivo S. Cannella, A. Folegatti, M. Zampini, F. Pavani

2 L Attentional Network Test: l intensità del conflitto modula l'efficienza e le interazioni dei sistemi attenzionali Asimmetria parietale nella selezione di informazioni globali e locali in stimoli complessi: uno studio TDCS Overlapping tra frequenze di oscillazione di TR e rapporto QEEG theta/beta frontale in pazienti pediatrici con deficit dell attenzione sostenuta da lesione cerebrale acquisita A. Spagna, D. Martella, M. Sebastiani, L. Caccari, A. Marotta, M. Casagrande L. Bardi, R. Kanai, W. Walsh, D. Mapelli S. Gazzellini, F. Benso, G. Bauleo, E. Bisozzi, V. Clavarezza, A. Napolitano L. Rinaldi, S. Di Luca, A. Henik, L. Girelli Influenza contestuale dei sistemi di letto-scrittura nei processi di attenzione visuospaziale Effetti di corrispondenza spaziale in un compito Simon go/no-go L. Lugli, C. Iani, R. Nicoletti, S. Rubichi LINGUAGGIO I ( ) Moderatore: Cristina Cacciari (Università di Modena e Reggio Emilia) Priming semantico e modulazione degli effetti di frequenza delle parole e qualità visiva degli stimoli M. Scaltritti, D. Balota, F. Peressotti Effetto della lingua sulla scelta della metafora: essere acido A. Goldberg, F. M. M. Citron Informazione segmentale e soprasegmentale in lettura ad alta voce: effetti nella codifica fonologica o fonetica? S. Sulpizio, R. Job Frequenza sillabica e apprendimento dell'ordine seriale F. Postiglione, W. M. Hachmann, R. Job La rilevanza delle componenti morfologiche in nomi e verbi: un esperimento di segment G. Bracco, F. Postiglione, shifting in italiano A. Laudanna COGNIZIONE SOCIALE ( ) Moderatore: Marcello Costantini (Università "G. d'annunzio", Chieti) Correlati neurali del pointing dichiarativo e richiestivo Dissociazione dell'empatia cognitiva ed emozionale nei soggetti con sindrome di Asperger mediante compiti di cognizione sociale Indicatori embodied di impegno congiunto: comportamenti non verbali nella negoziazione e emozioni relate alla sua violazione Società e morale nel sistema motorio: il ruolo delle differenze individuali Basi neurali dell'elaborazione di azioni comunicative: uno studio con risonanza magnetica funzionale È davvero il volto l elemento preferenziale per la comprensione di scene sociali complesse? G. Committeri, S. Cirillo, M. Costantini, G. L. Romani, G. Galati, T. Aureli S. Tripaldi, M. Mariano, M. C. Pino, M. Mazza, R. Cerbo F. Morganti, A. Carassa, P. Braibanti, A. Preziosa M. T. Liuzza, M. Candidi, A. L. Sforza, S. M. Aglioti F. Riva, B. Vander Wyk, A. M. Proverbio, R. Adorni, K. Pelphrey D. Villani, F. Morganti, S. Ruggi, S. Menici, G. Gilli, G. Riva PENSIERO E DECISIONE ( ) Moderatore: Alessandro Antonietti (Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano) L effetto del formato 1-su-X sulla valutazione soggettiva delle probabilità in medicina S. Pighin, L. Savadori, E. Barilli, L. Cremonesi, M. Ferrari, J. F. Bonnefon Uno studio di risonanza magnetica funzionale dell'influenza dell'appartenenza religiosa V. Viola, R. Azevedo, V. Santangelo, sulle scelte intertemporali E. Macaluso, S. M. Aglioti Soldi sonanti : influsso della musica sulle decisioni economiche A. Antonietti, E. Bottan, P. Iannello Verifica dell efficacia di un training per la prevenzione del problem gambling negli adolescenti M. Donati, F. Chiesi, C. Primi Ristrutturazione come interpretazione nella soluzione di problemi insight. Il logos come relazione tra pensiero e linguaggio L. Macchi, M. Bagassi La presa di decisione in condizioni di potenziale pericolo: la decisione di sparare o non sparare L. P. Luini, F. S. Marucci, S. Mastroberardino, T. Labellarte Venerdì 21 settembre MISURAZIONE DELL'INTELLIGENZA ( ) Moderatore: Aristide Saggino (Università "G. d'annunzio", Chieti) L effetto della scolarità dei genitori sul campione italiano di standardizzazione della WISC-III L. Cianci, L. Pezzuti, A. Orsini

3 La struttura della scala WISC-IV sul campione di standardizzazione italiano L. Pezzuti, L. Cianci, A. Orsini Un nuovo test di intelligenza fluida secondo la teoria di risposta all item R. Romanelli, A. Saggino, D. J. Weiss Le Standard Progressive Matrices: contributo preliminare alla taratura italiana L. Picone, R. Romanelli, L. Cianci, A. Saggino MOTIVAZIONE ( ) Moderatore: Stefano Puglisi-Allegra (Sapienza Università di Roma) Percezione dei feromoni nell'uomo e regolazione della temperatura corporea Ruolo di un ambiente stressante precoce nell'insorgenza dei disturbi da dipendenza Ricompensa immediata o differita? Preferenza dei soggetti obesi per gratificazioni immediate specifiche per il cibo Un modello animale di "food addiction": ruolo del sistema catecolaminergico cerebrale A. Mazzatenta, M. Corbetta, L. Tommasi, G. L. Romani, A. Merla V. Carola, F. Visco Comandini, P. Caputo, M. G. Alari, T. Pascucci, S. Puglisi-Allegra S. Schiff, M. Sellitto, D. Vego Scocco, M. T. Nardi, L. Caregaro, G. Di Pellegrino L. Patella, M. Di Segni, E. Patrono, S. Puglisi-Allegra, R. Ventura EMOZIONI I ( ) Moderatore: Michela Sarlo (Università di Padova) Bias attentivi verso stimoli minacciosi L. Sagliano, F. D'Olimpio, L. Trojano Il senso di colpa nei comportamenti di controllo V. Tarantino, F. Mancini, M. Migliozzi, R. Cerisoli, F. D'Olimpio Devianza e criminalità minorile: il ruolo della cognizione sociale M. Mariano, S. Peretti, E. Caparello, S. Tripaldi, D. De Berardis, M. Mazza Disposizioni di attaccamento, autostima e sentimenti di vergogna A. Passanisi, A. Schimmenti Lavare le proprie colpe: emozioni nell effetto Ponzio Pilato M. Migliozzi, L. Sagliano, V. Tarantino, F. D'Olimpio, F. Mancini PERCEZIONE ( ) Moderatore: Anna Maria Giannini (Sapienza Università di Roma) La stimolazione elettrica transcranica offre nuove prospettive per studiare i meccanismi di neuroplasticità in un compito di apprendimento percettivo visivo C. Pirulli, A. Fertonani,C. Miniussi L'illusione pentola/coperchio S. Mastandrea,S. Hammad, J. M. Kennedy La musica migliora le capacità spaziali e numeriche: evidenze a favore della teoria ATOM dai musicisti professionisti C. Agrillo, L. Piffer L esperienza estetica di opere d arte ambigue: uno studio fmri M. Boccia, F. Nemmi,E. Tizzani, C. Guariglia,F. Ferlazzo, G. Galati, A. M. Giannini Prosopoagnosia congenita: che cosa può dirci sul riconoscimento di volti? R. Daini, A. Albonico, M. Malaspina COFFEE BREAK ( ) Prima sessione del simposio congiunto delle sezioni Psicologia sperimentale e Psicologia sociale*: LA COGNIZIONE SOCIALE ( ) Moderatore: Luigi Castelli (Università di Padova) *Il simposio congiunto prevede un altra sessione, nel congresso della Sezione sociale (h vedi programma Sezione Sociale) Introduzione L. Castelli Il ruolo degli epiteti omofobi nella stigmatizzazione dei gay e nella costruzione dell identità eterosessuale A. Carnaghi Sulla sincronia e le relazioni sociali: il ruolo dell integrazione multisensoriale in M. P. Paladino, M. Mazzurega, cognizione sociale F. Pavani, T. W. Schubert Le misure implicite come un segnale: un nuovo meccanismo per l'apprendimento M. Perugini, J. Richetin, valutativo C. Zogmaister Dallo sguardo oggettivante alla de-umanizzazione: quando la donna oggetto perde la sua umanità J. Vaes Discussione

4 RAPPRESENTAZIONE SPAZIALE ( ) Moderatore: Francesca Pazzaglia (Università di Padova) Movimenti oculari alterati nella dislessia da neglect S. Primativo, L. S. Arduino, M. De Luca, R. Daini, M. Martelli Il neglect dipende da uno squilibrio attenzionale interemisferico? C. Bagattini, S. Mele, S. Savazzi Il ruolo delle coordinate egocentriche ed allocentriche nell'apprendimento di L. Piccardi, F. Bianchini, R. Nori, ambienti di grandi e piccole dimensioni F. Iachini, L. Lasala, C. Guariglia Correlati neurali dell'apprendimento di sequenze nello spazio di reaching e nello F. Nemmi, M. Boccia, L. Piccardi, spazio navigazionale G. Galati, C. Guariglia Rappresentazioni route e survey: il ruolo delle strategie M. Fantino, S. Schmidt, C. Tinti, I. Mammarella, C. Cornoldi Memoria di descrizioni spaziali: analisi dell'orientamento della rappresentazione mentale e contributo delle abilità visuo-spaziali C. Meneghetti, R. De Beni, F. Pazzaglia MEMORIA ED EMOZIONI ( ) Moderatore: Nicola Mammarella (Università "G. d'annunzio", Chieti) Un crimine più testimoni: il ruolo del retelling sul ricordo E. Soleti, A. Bianco, A. Curci Ruolo della regolazione delle emozioni e del comportamento sull'accesso semantico: A. Mattiassi, J. Marino, uno studio correlazionale F. Campanella, C. Urgesi Falsi ricordi inferenziali: quando le emozioni negative ingannano di meno C. Mirandola, E. Toffalini, C. Cornoldi, A. Melinder Il ruolo della memoria di lavoro nella ruminazione mentale e intrusione di esperienze emozionali negative A. Curci, T. Lanciano La stimolazione rtms della DLPFC sinistra favorisce la memoria di riconoscimento per stimoli verbali a valenza positiva C. Ferrari, M. Balconi Possono le associazioni mentali automatiche individuare un ricordo flashbulb? T. Lanciano, A. Curci, S. Mastandrea STRUMENTI E TEST I ( ) Moderatore: Marco Perugini (Università di Milano-Bicocca) Contributo alla validazione italiana della Disgust Scale-R M. Giampietro, S. Ruggi, L. Colombo, M. Gatti, G. Gilli Standardizzazione e validazione del Teate Depression Inventory: ulteriori studi M. Balsamo, M. R. Sergi, A. Macchia, A. Saggino Contributo alla validazione italiana della Post-critical belief scale - forma breve L. Carlucci, L. Picconi Una nuova scala di misura dello stress lavorativo negli operatori bancari M. Tommasi, A. Saggino L analisi dell Implicit Association Test con il Discrimination-Association Model P. Anselmi, M. Vianello, E. Robusto, L. Stefanutti, Lo State-Trait Anxiety Inventory: misura di ansia o di depressione? G. Ciccarese, R. Romanelli, M. Balsamo, A. Macchia, M. R. Sergi, L. Picconi,A. Saggino PAUSA PRANZO ( ) SESSIONE POSTER ( ) Corridoi esterni COFFEE BREAK ( ) SIMPOSIO DI PSICOLOGIA DELLA PERCEZIONE ( ) Moderatore: Walter Gerbino (Università di Trieste) Introduzione W. Gerbino Ricordo di Manfredo Massironi U. Savardi Lo spazio di Massironi U. Savardi Manfredo Massironi da un punto di vista non-accidentale N. Bruno Quante gocce di percezione nel cocktail di un immagine mentale? F. Giusberti Immagini e dimostrazioni per assurdo W. Gerbino Il contributo di Manfredo Massironi alla neuropsicologia G. Antonucci, D. Spinelli, P. Zoccolotti Discussione

5 STRUMENTI E TEST II ( ) Moderatore: Massimiliano Pastore (Università di Padova) Gli stati di deprivazione modulano la validità dell'implicit Association Test C. Zogmaister, M. Perugini Pregiudizio e credenze eziologiche dei disturbi mentali: misurazione implicita ed esplicita M. Boffo, S. Mannarini Pur di vincere, va bene tutto: modelli di misura e aspetti causali del cheating nello L. Mallia, F. Lucidi, G. Nicolais, sport A. Baldacci Percezione del rischio d'impianto bio-tecnologico in soggetti esperti e non esperti E. Nicotra, P. Grassi Tre brevi scale per misurare restorativeness, livability, liveliness degli ambienti fisici: un confronto Italia-USA M. Pasini, A. Paolillo, J. L. Nasar MEMORIA II ( ) Moderatore: Tomaso Vecchi (Università di Pavia) Updating in memoria di lavoro: analisi delle strategie impiegate M. Botto, D. Basso, M. Ferrari, P. Palladino Memoria di lavoro e differenze individuali nella codifica di stimoli simmetrici C. Rossi-Arnaud Memoria di lavoro e abilità spaziali nell'apprendimento di percorsi E. Labate, F. Pazzaglia, M. Hegarty Ricordi flashbulb e ricordi dell'evento: quali processi e quale relazione? S. Schmidt, C. Tinti, S. Testa, L. Levine Tra memoria ed emozioni: il caso dell'effetto di spaziatura N. Mammarella, B. Fairfield, M. E. Frisullo APPRENDIMENTO ( ) Moderatore: Alice Mado Proverbio (Università di Milano-Bicocca) Uso dei movimenti oculari per esaminare l elaborazione cognitiva di testi scientifici illustrati Leggere le note o suonare le parole? Come un training musicale influenza e modifica i processi di codifica ortografica Rappresentare i concetti attraverso i gesti favorisce l apprendimento: una spiegazione in termini di modelli mentali Precoci deficit di sviluppo in un modello animale di ritardo mentale: prospettive per il futuro P. Pluchino, M. C. Tornatora, L. Mason M. Manfredi, R. Adorni, A. M. Proverbio I. Cutica, M. Bucciarelli E. Fiori, D. Oddi, F. D'Amato, T. Pascucci Sabato 22 settembre Auditorium del Rettorato e in videoconferenza EVENTO COMUNE: CELEBRAZIONE DEL VENTENNALE DELL'AIP E SALUTO DELLE AUTORITA Auditorium del Rettorato e in videoconferenza EVENTO COMUNE: LEZIONE MAGISTRALE - Lamberto Maffei (Presidente Accademia dei Lincei) Cervello e Ambiente COFFEE BREAK ( ) Auditorium del Rettorato e in videoconferenza EVENTO COMUNE: TAVOLA ROTONDA - C. Arcidiacono, C. Cacciari, F. Fraccaroli, E. Menesini La psicologia italiana in Europa: un ruolo da protagonista PAUSA PRANZO ( ) Auditorium del Rettorato LEZIONE MAGISTRALE AIP SPERIMENTALE Cesare Cornoldi (Università di Padova) :45 L organizzazione gerarchica dell Intelligenza e della Memoria di lavoro: un approccio basato sullo studio delle differenze fra gruppi Auditorium del Rettorato 14: ASSEGNAZIONE PREMI E ANNUNCIO LEZIONE MAGISTRALE 2013 COFFEE BREAK ( )

6 Auditorium del Rettorato MEMORIA III ( ) Moderatore: Rossana De Beni (Università di Padova) Valutazione di un ricordo o ricordo di una valutazione: cosa influenza le intenzioni M. Stragà, F. Marcatto, future? F. Del Missier, D. Ferrante C. Sestieri, P. Capotosto, A. Tosoni, Interferenza con il recupero dalla memoria episodica causato da stimolazione G. Committeri, G. L. Romani, magnetica transcranica del giro angolare sinistro M. Corbetta Uso delle differenti associazioni semantiche nell'età adulta D. Di Giacomo, L. S. De Federicis, M. Palmiero, D. Passafiume Disturbo dell'apprendimento non verbale e mental imagery D. Giofrè, C. Cornoldi La procedura di fabbricazione forzata di ricordi: l efficacia dell istruzione di V. Natali, S. Mastroberardino, chiudere gli occhi sulla memoria a lungo termine F. S. Marucci EMOZIONI II ( ) Moderatore: Francesca D'Olimpio (Seconda Università di Napoli) Un "holter" per il monitoraggio giornaliero del tono dell'umore: studio preliminare in soggetti con danno cerebellare Elaborazione di espressioni facciali emozionali in soggetti disforici: uno studio ERP Sintomi depressivi si associano a ridotta variabilità della frequenza cardiaca in soggetti sottoposti a cardiochirurgia Illuminazione solare e aggressività: un test ecologico della facial feedback hypothesis È più restorative un ambiente naturale o costruito? Uno studio sugli skyline urbani notturni Studio di connettività funzionale regionale durante l'osservazione di stimoli emozionali negativi in soggetti con disturbo post-traumatico da stress S. Clausi, F. Aloise, M. P. Contento, M. Molinari, L. Pizzamiglio, M. G. Leggio G. Buodo, G. Mento, M. Sarlo, D. Palomba S. Messerotti Benvenuti, E. Patron, G. Favretto, R. Gasparotto, D. Palomba D. Marzoli, M. Custodero, A. Pagliara, L. Tommasi A. Paolillo, M. Pasini, R. Burro, J. L. Nasar M. Mazza, M. C. Pino, A. Catalucci, D. Tempesta, M. Ferrara MOVIMENTO E AZIONE ( ) Moderatore: Giorgia Committeri (Università "G. d'annunzio", Chieti) Adattamento motorio e percezione di affordance oggettuali F. Tangari, L. Tommasi, M. Costantini Effetto Simon vs effetto affordance: il ruolo di risposte motorie complesse ed orientamento dello stimolo A. Pellicano, F. Binkofski Guardare per agire E. Ambrosini, M. Martino, M. Costantini Ti porgo un oggetto, prendo un oggetto: uno studio cinematico sull'intenzione sociale C. Scorolli, M. Miatton, L. A. Wheaton, A. M. Borghi Percezione e potenzialità d'azione: evidenze nello spazio extrapersonale C. Fini, G. Committeri Specializzazione funzionale e connettività intrinseca nella corteccia parieto-occipitale A. Tosoni, G. Committeri, S. Pitzalis, umana P. Fattori, C. Galletti, G. Galati LINGUAGGIO II ( ) Moderatore: Cristina Burani (ISTC-CNR, Roma) Disturbo del network semantico nell'afasia e nella demenza: informazioni complementari? Valutazione di un training per la riabilitazione delle abilità comunicativo-pragmatiche in individui con trauma cranio-encefalico Decorso temporale e correlati neurali dell'elaborazione di parole emozionali: effetti di valenza e attivazione Deficit dello stato di coscienza e processi semantici. Il ruolo del biomarcatore ERP N400 Rileggere quanto e rileggere come Il ruolo del timing nell'induzione di effetti di facilitazione linguistica: uno studio con stimolazione transcranica a corrente continua D. Passafiume, D. Di Giacomo, L. S. De Federicis I. Gabbatore, M. Zettin, A. Ruzzini, R. Angeleri, K. Sacco, F. M. Bosco F. M. M. Citron, B. S. Weekes, E. C. Ferstl M. Balconi, C. Guarnerio, D. Cattaneo, R. Arangio S. Mocci, S. Solinas, P. Deledda, C. Sechi, M. P. Penna A. Fertonani, M. Brambilla, M. Cotelli, C. Miniussi

7 PROGRAMMA SESSIONE POSTER Venerdì 21 settembre ( ) - CORRIDOI ESTERNI AULA MAGNA DI PSICOLOGIA APPRENDIMENTO 1 Strategie di memoria e di metamemoria: processi motivazionali e autoefficacia nell ambito dell educazione nella terza età A. Giallongo, L. Pezzuti 2 Effetti di un training di potenziamento delle abilità nell ambito della pre-matematica C. Meloni, S. Berretti, R. Fanari ATTENZIONE 3 Effetto della TMS ripetuta in compiti di attenzione sostenuta. Il contributo della corteccia dorsolaterale prefrontale sinistra A. Segurini, M. Balconi 4 Funzioni attentive ed acquisizione e padroneggiamento delle abilità di calcolo E. Commodori, M. Di Blasi 5 La ricerca visiva nell autismo: influenza della valenza emotiva degli stimoli L. Maccari, A. Pasini, E. Caroli, C. Rosa, A. Spagna, A. Marotta, M. Casagrande 6 Effetti di interferenza nel controllo attentivo M. Torrieri, M. Brunetti, R. Di Matteo 7 Gli effetti dell orientamento esogeno dell attenzione scompaiono in condizione di D. Martella, A. Marotta, deprivazione di sonno L. J. Fuentes, M. Casagrande 8 A. Marotta, J. Lupiáñez, D. Martella, Gli effetti attenzionali elicitati dallo sguardo e dalle frecce all interno di un display L. Maccari, A. Spagna, dinamico M. Casagrande 9 Come cambia il fluire dei pensieri all'avanzare dell'età? Il mind wandering nell'invecchiamento M. Zavagnin, E. Borella, R. De Beni 10 La compatibilità spaziale S-R e l effetto affordance sono regolati da meccanismi M. Ambrosecchia, B. F. M. Marino, comuni? L. G. Gawryszewski, L. Riggio 11 Come la valenza emotiva delle immagini interferisce con l abilità di ricerca visiva E. Caroli, L. Maccari, D. Martella, A. Marotta, A. Spagna, M. Casagrande COGNIZIONE SOCIALE 12 Contesti ingroup e outgrup: quanto ci fidiamo? 13 L'aggiornamento della direzione dello sguardo e dell'espressione del volto in memoria di lavoro 14 Migliorare la prestazione motoria attraverso la suggestione 15 L'inibizione di ritorno nel contesto d'interazione sociale 16 Correlati magnetoencefalografici dell'intenzione del gesto di indicare Collocazione Un nuovo strumento di analisi delle intenzioni private e sociali altrui. Studio preliminare La rotazione mentale di mani, corpi ed oggetti: studio su un campione di soggetti autistici ad alto funzionamento EMOZIONI Titolo L orientamento dell attenzione mediato dallo sguardo in soggetti con fobia specifica: il ruolo dell espressione facciale Modificazione dell attivita corticale alfa in risposta a stimoli emotivi positivi vs negativi in contesti reali o virtuali Voce ed empatia: differenze nell'espressione sovrasegmentale di empatia verso la tristezza e verso la collera 22 Priming tra espressioni facciali e oggetti? Modulazioni differenti in base all'età 23 Disconnessione emisferica ed elaborazione di emozioni subliminali 24 Alessitimia, riconoscimento emotivo e bias attentivi nelle condotte alimentari: uno studio su adolescenti 25 Ruolo delle emozioni di colpa e vergogna sulla percezione corporea Collocazione Titolo LINGUAGGIO 26 Abilità di Associazione semantica nella degenerazione corticale e sottocorticale R. Morese, D. Rabellino, A. Ciaramidaro, M. R. Elena, R. Rosato, F. M. Bosco C. Artuso, P. Palladino, P. Ricciardelli M. Fiorio, M. Emadi Andani, M. Tinazzi D. R. Mussi, B. F. M. Marino, P. Groppi, L. Riggio M. Brunetti, F. Zappasodi, L. Marzetti, M. G. Perrucci, G. L. Romani, V. Pizzella, T. Aureli S. Garofalo, L. De Lucia, G. Finotti, R. Nappo, L. Trojano M. Conson, N. Marino, E. Mazzarella, G. Gison, N. Aprea, D. Grossi C. Pletti, M. Sarlo, G. Galfano Y. Canavesio, M. Balconi, P. Cipresso, F. Giaimo, S. Triberti, S. Serino F. Biassoni, R. Ciceri P. Ricciardelli, L. Lugli, C. Iani, R. Nicoletti S. D'Ascenzo, G. Prete, E. Meraglia, M. Fabri, N. Foschi, B. Laeng, L. Tommasi M. Ciccarelli, F. Mancini, F. D'Olimpio F. Oropallo, S. Paradisi, R. Cerisoli, F. Mancini, F. D'Olimpio L. S. De Federicis, D. Di Giacomo, M. Pistelli, D. Fiorenzi, A. Lera, D. Passafiume

8 27 Violazioni di struttura sintagmatica che non elicitano una elan F. Zandomeneghi, C. Deguchi, R. Zamparelli, F. Vespignani 28 Polarità degli effetti nel paradigma di interferenza figura - parola F. De Simone, S. Collina, L. Donsi 29 Ampiezza del vocabolario e lettura ad alta voce in bilingui adulti P. Rinaldi, S. Primativo, L. S. Arduino, S. O.Brien, D. Paizi, C. Burani 30 Il ruolo della trasparenza del suffisso di genere grammaticale nell'elaborazione lessicale dei sostantivi italiani M. De Martino, A. Laudanna 31 La frequenza influenza l'elaborazione dei nomi ambigui? A. Mancuso, A. Laudanna 32 Regolarità e irregolarità dei verbi italiani: una banca dati lessicale V. Amore, G. Bracco, M. Carastro, M. De Martino, F. Postiglione, A. Laudanna 33 Stroop: la solitudine del target F. Biondi, C. Mulatti 34 Effetti ERP precoci dell'età di acquisizione e della frequenza d'uso nella lettura di R. Adorni, M. Manfredi, parole A. M. Proverbio 35 L'effetto di interferenza cumulativa semantica negli anziani con e senza MCI/AD C. Calia, C. Mulatti, M. Fara De Caro, S. Della Sala 36 L effetto di età di acquisizione in compiti di denominazione ritardata E. Navarrete, M. Scaltritti, C. Mulatti, F. Peressotti 37 L attivazione del genere stereotipico delle parole: una prospettiva life-span A. Siyanova-Chanturia, F. Pesciarelli, C. Cacciari MEMORIA 38 Effetti interattivi dell età di acquisizione e del priming nel test di decisione lessicale V. Rezende Silva Marques, P. Spataro, C. Rossi-Arnaud 39 Processi di integrazione di informazioni emotive e neutre in un compito di memoria M. E. Frisullo, N. ammarella, di lavoro: uno studio su un gruppo di anziani B. Fairfield, A. Di Domenico 40 Memoria pupillare e falsi ricordi per i verbi di manipolazione: l'occhio sa quel che la M. Montefinese, B. Fairfield, mano fa N. Mammarella 41 Gli effetti dell interferenza fonologica e visuo-spaziale nel calcolo mentale in età V. Melis, M. P. Penna, scolare M. C. Fastame, A. Furia MOTIVAZIONE 42 Pausa al lavoro, prestazione e sicurezza: la potenzialità rigenerativa dell ambiente M. Brondino, J. L. Nasar, A. Paolillo, fisico M. Pasini 43 Effetti a lungo termine di uno stress post-natale precoce in un modello animale R. Ventura, R. Coccurello, D. Andolina, E. C. Latagliata, C. Zanettini, V. Lampi, M. Battaglia, F. R. D'Amato, A. Moles 44 Motivazione accademica e drop-out C. Sechi, M. L. Mascia, S. Mocci, E. Pessa, M. P. Penna 45 Peer-attachment e autostima A. Gorrese, R. Ruggieri 46 Biofeedback competitivo: è possibile competere per ridurre l'attivazione vegetativa? M. Munafò, D. Palomba, L. Stegagno MOVIMENTO E AZIONE 47 Effetto della stimolazione corticale (TDCS) sull'eeg nella rappresentazione dell'azione S. Vitaloni, M. Balconi 48 Performance profiling nel biliardo sportivo: applicazione con un giocatore D. Di Corrado, L. Bortoli, C. Robazza 49 Inventario psicologico della prestazione sportiva (IPPS-48) nel calcio giovanile O. Capparuccini, C. Robazza 50 Agente o osservatore: differenti dinamiche spettrali V. Sebastiani, F. de Pasquale, M. Costantini, D. Mantini,V. Pizzella, G. L. Romani, S. Della Penna 51 Effetti dell'expertise nel riconoscimento dell'intenzione di gesti interpersonali M. Mancini, I. Cutica, A. Antonietti 52 Discriminazione tra un movimento possibile e impossibile della mano alla nascita: integrazione tra rappresentazione motoria e visiva I. Senna, E. Longhi, M. Addabbo, H. Bulf, N. Bolognini, V. Macchi Cassia, P. Tagliabue, C. Turati PENSIERO E DECISIONE 53 Effetto dell'ipossia sulla presa di decisione in condizione di rischio L. Savadori, S. Pighin, N. Bonini, C. K. Hadjichristidis, F. Schena 54 Differenze individuali e decisioni finanziarie di vita reale E. Gambetti, R. Nori, F. Giusberti 55 Emozioni e mind reading nell'ultimatum game L. Pancani, A. Greco, M. D'Addario, P. Steca 56 Il ruolo del sistema dopaminergico nella decisione: uno studio con pazienti Parkinson D. Mapelli, S. Schiff, M. Cavalletti, durante l'iowa Gambling Task E. Di Rosa, S. Tamburin 57 Il ruolo della corteccia prefrontale dorsolaterale in un compito di apprendimento probabilistico: uno studio pilota con la tdcs M. Forgione, S. Schiff, D. Mapelli 58 Omicidio doloso o colposo? R. Nori, E. Gambetti, F. Giusberti 59 Homo oeconomicus e agente narrativo. Un approccio narrativo sperimentale alla decisione in ambito finanziario G. Finotti, S. Garofalo, L. De Lucia, R. Nappo, R. Boero, M. Tirassa

9 60 Un approccio empirico per una tassonomia dei bias cognitivi A. Ceschi, R. Sartori, E. Rubaltelli, J. Weller PERCEZIONE 61 Ruolo dell extrastriate body area e della corteccia premotoria nell elaborazione del giudizio estetico di corpi: uno studio rtms V. Cazzato, S. Mele, C. Urgesi 62 Magro o grasso? L'importanza dell'adattamento del peso corporeo nella percezione estetica S. Mele, V. Cazzato, C. Urgesi 63 L asimmetria delle previsioni sullo specchio: dall oggetto al riflesso, dal riflesso all oggetto. I. Bianchi, M. Braga, U. Savardi 64 New drivers e strategie di monitoraggio del campo visivo in presenza di hazard M. R. Ciceri, F. Confalonieri 65 Effetto dell inversione del volto su ritratti fotografici e pittorici L. Giannandrea, S. D'Ascenzo, R. Palumbo, L. Tommasi 66 Consonanza e dissonanza nei due emisferi: uno studio su un paziente split-brain G. Prete, M. Fabri, N. Foschi, A. Brancucci, L. Tommasi 67 Illusione di Ponzo: la prospettiva del neglect A. Sedda, E. R. Ferrè, C. L. Striemer, R. Sterzi, G. Bottini 68 Adattamento e aftereffect nella percezione della valenza di scene complesse R. Palumbo, S. D'Ascenzo, A. Quercia, L. Tommasi 69 La personalità influenza la percezione del tempo? L effetto tau come possibile paradigma sperimentale R. Cermisoni, R. Actis-Grosso 70 The winner takes it all: la cecità al cambiamento indotta dalla detezione di elementi socialmente rilevanti F. Bracco, C. Chiorri, M. Manzone 71 Correlati elettrofisiologici della percezione del contrasto P. Mauri, M. Ruzzoli, C. Miniussi, D. Brignani 72 La stimolazione transcranica elettrica modula i processi neurali sottostanti la A. D'Anselmo, G. Prete, V. Lugli, percezione uditiva? L. Tommasi, A. Brancucci PERSONALITA' E DIFFERENZE INDIVIDUALI 73 L'influenza della desiderabilità sociale sulle misure autovalutative del benessere B. Leone, M. P. Penna, psicologico e della metacognizione M. C. Fastame 74 Rapporti tra cognitive reflection test e bias decisionali P. L. Baldi, P. Iannello, A. Antonietti 75 Il ruolo dell'intelligenza emotiva nell'ansia e nella depressione: uno studio preliminare M. Sergi, L. Picconi, M. Balsamo 76 Uno studio longitudinale sulle modifiche degli aspetti di personalità in bambini sottoposti alla Teatroterapia P. Puliga, S. Conte RAPPRESENTAZIONE SPAZIALE 77 La linea mentale dei numeri nei bambini: uno studio di bisezione di intervalli F. Rotondaro, S. Gazzellini, M. Peris, numerici e posizionamento numerico S. Merola, F. Doricchi 78 Predizione di collisioni tra oggetti nello spazio peripersonale ed extrapersonale M. Vinciguerra, T. Iachini, G. Ruggiero, T. Ruotolo, V. P. Senese, O. D'Errico 79 Linee e spazi vuoti: l effetto crossover nella negligenza spaziale unilaterale F. Scarpina, C. Danelli, A. Toraldo 80 M. Agus, M. P. Penna, L effetto di facilitazione delle rappresentazioni grafiche nella risoluzione dei problemi M. Peró-Cebollero, J. Guàrdia-Olmos, statistici E. Pessa STRUMENTI E METODI 81 Validazione di una forma breve dell'object-spatial Imagery and Verbal Questionnaire C. Scarfì, C. Chiorri, M. Vannucci, (OSIVQ) G. Barresi 82 Adattamento italiano di una misura multidimensionale per l'auto-valutazione dell'intelligenza emotiva C. Modafferi, C. Chiorri, A. Russo 83 Qualità della vita di adulti con disabilità intellettiva: accordo tra individuo e altri valutatori A. Coscarelli, G. Balboni 84 Artefatto EEG e potenziali evocati dalla TMS: esiste una relazione? E. P. Casula, V. Tarantino, D. Basso, P. S. Bisiacchi 85 Le funzioni di mental imagery nell anziano con e senza deterioramento: uno S. Castellano, M. Guarnera, strumento di valutazione psicometrica S. Di Nuovo 86 Sottocomponenti della ruminazione: analisi fattoriale confermativa della versione A. Macchia, M. Balsamo, italiana del Ruminative Response Scale R. Romanelli, A. Saggino 87 Mettersi nei panni dell altro: una questione anche relazionale M. Lanz, S. Tagliabue, F. G. Paleari 88 Misurare i Big Five in meno di un minuto si può! Adattamento italiano del Ten Item C. Chiorri, F. Bracco, T. Piccinno, Personality Inventory (TIPI) di Gosling et al. (2003) B. Fogli 89 L utilizzo della realtà virtuale immersiva nella valutazione degli effetti psicologici di V. P. Senese, F. Ruotolo, G. Ruggiero, una centrale eolica L. Maffei, M. Masullo, T. Iachini

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica

Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Attenzione e Funzioni Esecutive Definizione Psicologica, Basi Neurali, Valutazione neuropsicologica Cosimo Urgesi Università di Udine e IRCCS E. Medea L attenzione Sottende un ampia classe di processi

Dettagli

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia

Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Dati della ricerca. Quali i risultati? Jonathan Trobia Introduzione I percorsi di Arte Terapia e Pet Therapy, trattati ampiamente negli altri contributi, sono stati oggetto di monitoraggio clinico, allo

Dettagli

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione

La natura del linguaggio e il processo di acquisizione La natura del linguaggio e il processo di acquisizione Il bambino nasce con un patrimonio genetico e con una predisposizione innata per il linguaggio. Affinché ciò avvenga normalmente è necessario che

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

Cognition as an outcome measure in schizophrenia

Cognition as an outcome measure in schizophrenia Cognition as an outcome measure in schizophrenia Michael S. Kraus and Richard S. E. Keefe Sintesi di Anna Patrizia Guarino e Chiara Carrozzo La cognizione come risultato della misura in Schizofrenia Prima

Dettagli

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni.

Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Lo sviluppo delle funzioni neuropsicologiche nel bambino dai 3 ai 5 anni. Dott.ssa Irene Arcolini Provincia di Monza e Brianza LA SCUOLA DIFRONTE AI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO, LA DISLESSIA. LO

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico

Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico IRCCS Burlo Garofolo U.O. Neuropsichiatria Infantile Trieste Disgrafia-Disortografia, un inquadramento diagnostico Dott.ssa Isabella Lonciari Bolzano, 28 Febbraio 2008 Disortografia Aspetti linguistici

Dettagli

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R.

Napoli. Riconosciuto dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca M.I.U.R. Napoli Centro Psicopedagogico Formazione Studi e Ricerche OIDA Scuola di Formazione riconosciuta dal M.I.U.R. Decreto 3 agosto 2011 Scuola di Formazione riconosciuta dalla P.ED.I.AS. Comunicazione Efficace

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva

Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Procedure Diagnostiche della Dislessia Evolutiva Enrico Savelli U.O.NPI Ausl Rimini Roma, 5 Novembre 2011 Nonostante i formidabili progressi realizzati nell ultimo decennio nel campo delle Neuroscienze:

Dettagli

Metodologie di comunicazione con persone disabili

Metodologie di comunicazione con persone disabili Metodologie di comunicazione con persone disabili Eleonora Castagna Terapista della Neuropsicomotricità dell Età Evolutiva Antonia Castelnuovo Psicomotricista Villa Santa Maria, Tavernerio Polo Territoriale

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO

RITARDO PRIMARIO DI LINGUAGGIO LAVORO DELLA PERCEZIONE UDITIVA NEL LINGUAGGIO Identificazione e rafforzamento delle caratteristiche fonemiche della lingua e, contemporaneamente, inibizione delle caratteristiche che le sono estranee

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI

GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI GRIGLIA DI OSSERVAZIONE E DI RILEVAZIONE DELLE ABILITA IN INGRESSO PER I TRE ANNI INGRESSO Si mostra sereno Ricerca gli altri bambini Porta gli oggetti a scuola SERVIZI IGIENICI Ha il controllo sfinterico

Dettagli

Psicopatologia della DI, QdC, QdV

Psicopatologia della DI, QdC, QdV La psicopatologia nella disabilità intellettiva Dr. Luigi Croce psichiatra, docente all Università Cattolica di Brescia Ravenna 09/03/2012 Luigi Croce Università Cattolica Brescia croce.luigi@tin.it Disabilità,

Dettagli

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI

IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI IL BAMBINO TRA i 3 e i 6 ANNI Ottobre 2012. CONOSCERE lo SVILUPPO TIPICO Per effettuare una programmazione didattica che - stimoli l acquisizione delle competenze tipiche delle varie età - fornisca i prerequisiti

Dettagli

Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)?

Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)? Cos è il Disturbo Specifico di Apprendimento (DSA)? Si parla di disturbi specifici di apprendimento (dsa) nel caso in cui il soggetto indenne da problemi di ordine cognitivo, neurologico, sensoriale, presenti

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva.

prova, e che sembra provenire dal nostro interno, è una caratteristica fondamentale dell esperienza emotiva. M. Cristina Caratozzolo caratozzolo2@unisi.it Psicologia Cognitiva A.A. 2010/2011 Dipartimento di Scienze della Comunicazione Università di Siena } Il termine ha origine dal latino emovere, cioè muovere

Dettagli

L empowerment nei progetti di inclusione sociale

L empowerment nei progetti di inclusione sociale IV Convegno Nazionale di Psicologia di Comunità Psicologia per la politica e l empowerment individuale e sociale. Dalla teoria alla pratica L empowerment nei progetti di inclusione sociale di P. Andreani,

Dettagli

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale

AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI. Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale AUTISMO E SPORT: ASPETTI LUDICI ED EDUCATIVI Dott.ssa Sara Ambrosetto Psicologa e Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale Che cos è lo sport? Lo sport viene definito come l'insieme delle attività, individuali

Dettagli

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura

Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Laboratorio DiLCo Dipartimento di Linguistica Università degli studi di Firenze Facilitare l individuazione precoce dei disturbi di apprendimento della lettura e della scrittura Ricerca in collaborazione

Dettagli

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale

I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Sezione di Treviso I DISTURBI EVOLUTIVI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO: inquadramento generale Treviso, 27.2.2009 Dr.ssa Gabriella Trevisi SCHEMA DELLA RELAZIONE 1. Alcune caratteristiche generali dei DSA

Dettagli

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello)

Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Ricerca n 3 Pensiero logico, lettura, scrittura e abilità di calcolo in ragazzi con sindrome di Down di II e III media (Sestili, Moalli, Vianello) Giovanna Erba Cinzia Galletti Un po di definizioni: Pensiero

Dettagli

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale

Oggetto: reciproche interazioni tra organismo e ambiente. Metodo: scientifico-sperimentale Università degli Studi di Parma Facoltà di Psicologia Dipartimento di Psicologia Analisi del Comportamento (Behavior Analysis) Skinner (1904-1990) Approccio Comportamentale alla Psicologia dell Educazione

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO

STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO STILI DI APPRENDIMENTO NEI DSA PROPOSTE OPERATIVE PER UN BUON METODO DI STUDIO E DI INSEGNAMENTO FONTE: MARIANI L. 2000. PORTFOLIO. STRUMENTI PER DOCUMENTARE E VALUTARE COSA SI IMPARA E COME SI IMPARA.ZANICHELLI,

Dettagli

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma

Congresso. Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Congresso Roma, 14 Novembre 2014 Università Cattolica del Sacro Cuore Centro Congressi Europa-Sala Italia Largo F. Vito, 1-00168 Roma Nel corso degli ultimi anni lo studio degli aspetti nutrizionali, dei

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire

Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire 12 Notizie generali sul Resilience Process Questionnaire Il modello teorico di riferimento Oltre ai modelli descritti da Fergus e Zimmerman (2005) esiste un quarto approccio che, partendo dall approccio

Dettagli

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA

Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Percorso formativo laboratoriale DIDATTICA DELLA MATEMATICA Un approccio inclusivo per Disturbi Specifici e Difficoltà di Apprendimento Anna Maria Antonucci AIRIPA Puglia Lo sviluppo dell intelligenza

Dettagli

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE

LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE LA DISPRASSIA EVOLUTIVA VERBALE Rapporti tra DVE e CAS Valutazione e trattamento Irina Podda A.F.A. Centro REUL Genova UNIVERSITA DEGLI STUDI Genova Roma, 29-30 gennaio 2012 III Convegno Nazionale AIDEE

Dettagli

Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia

Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) Corso di Psicologia dello Sviluppo 2012-2013, prof.ssa Viola Macchi Cassia Lo Sviluppo del Linguaggio (e della Comunicazione) GLI AMBITI CLASSICI DELLO SVILUPPO SV. FISICO-CEREBRALE SV. SENSORIALE-PERCETTIVO SV. MOTORIO SVILUPPO COGNITIVO SVILUPPO COMUNICATIVO E LINGUISTICO SV.

Dettagli

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti

Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti Appunti lezione 1 anno Med 48 Educatori Professionale docente Cleta Sacchetti 1 L educatore professionale nasce negli anni successivi alla seconda guerra mondiale Risponde alle esigenze concrete lasciate

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE

LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA DELLA REGIONE PIEMONTE VIII Convegno IL CONTRIBUTO DELLE UNITA VALUTAZIONE ALZHEIMER NELL ASSISTENZA DEI PAZIENTI CON DEMENZA LA VALUTAZIONE NEUROPSICOLOGICA COME MISURA CHIAVE PER LA DIAGNOSI PRECOCE DEL DNC LIEVE: L ESPERIENZA

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione

Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione Disprassia verbale. DVE CAS Valutazione e trattamento Corso di alta formazione Responsabile del corso: Prof.ssa Letizia Sabbadini Razionale La disprassia verbale evolutiva. La disprassia verbale evolutiva

Dettagli

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già

L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione Continua in Medicina (ECM), Ente formativo non profit già MASTER BIENNALE ECM NEUROSCIENZE PER LA CLINICA ESPERTA DELLE DISABILITA' COGNITIVE ASSOCIAZIONE PSIONLUS ROMA ANNO 2012-2014 L'Associazione Psionlus di Roma, provider formativo Ministero Salute per l'educazione

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale?

Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Ludovica Scarpa Che cos è la competenza sociale? Come l intelligenza e l empatia, e un poco come tutte le caratteristiche che contraddistinguono gli esseri umani, anche la competenza sociale non è facile

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA

RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA RELAZIONE FINALE PROGETTO IDA VENUTI UN FORMATORE AID NELLA TUA SCUOLA A CURA DELLA DOTT.SSA MARIANGELA BRUNO (LOGOPEDISTA E FORMATRICE AID) ANNO SCOLASTICO 2011-2012 1 INDICE 1. ARTICOLAZIONE DEL PROGETTO...

Dettagli

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T

Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori. per la Primaria ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA GATTO SAIC83800T Rapporto dai Questionari Studenti Insegnanti - Genitori per la ISTITUTO COMPRENSIVO IST.COMPR. BATTIPAGLIA "GATTO" SAIC83800T Progetto VALES a.s. 2012/13 Rapporto Questionari Studenti Insegnanti Genitori

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO

VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Fondamenti teorici Vygotskji Zona di Sviluppo Prossimale Feuerstein VALUTAZIONE DINAMICA DEL POTENZIALE DI APPRENDIMENTO IN UN BAMBINO CON DISTURBO DELLO SPETTRO AUTISTICO Esperienza di Apprendimento Mediato

Dettagli

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO PROBLEMI PSICOLOGICI NEI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Enrico Ghidoni Arcispedale S.Maria Nuova, UOC Neurologia, Laboratorio di Neuropsicologia, Reggio Emilia La situazione psicologica dei bambini

Dettagli

Working Memory motore di ricerca dell apprendimento Un contributo dalle Neuroscienze Nevegal Luglio 2012

Working Memory motore di ricerca dell apprendimento Un contributo dalle Neuroscienze Nevegal Luglio 2012 Working Memory motore di ricerca dell apprendimento Un contributo dalle Neuroscienze Nevegal Luglio 2012 Dr. Mauro Felletti, Neurologia dello Sviluppo, mauro. felletti@libero. it La memoria Il termine

Dettagli

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE

PROGRAMMA DI STUDIO. SALUTE in AUTOGESTIONE PROGRAMMA DI STUDIO SALUTE in AUTOGESTIONE 2013 1 This project has been funded with support from the European Commission. Indice dei contenuti 1. DESTINATARI. 3 2. CARICO DI LAVORO.3 3. ento/insegnamento

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo

Process Counseling Master. Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Process Counseling Master Strumenti di consulenza e formazione per lo sviluppo organizzativo Il percorso Una delle applicazioni più diffuse del Process Counseling riguarda lo sviluppo delle potenzialità

Dettagli

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione

MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME. AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione MI PIACE LA MAGGIOR PARTE DI ME AUTOSTIMA E SCUOLA Strategie di gestione Percorsi didattico-educativi Sabato 7 febbraio 2009 Dr.ssa ANNA STROPPA psicologa e psicoterapeuta dell et età evolutiva GIUSE TIRABOSCHI

Dettagli

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM

CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM CRITERI PER L ASSEGNAZIONE DI CREDITI ALLE ATTIVITA ECM 1. Introduzione 2. Pianificazione dell attività formativa ECM 3. Criteri per l assegnazione dei crediti nelle diverse tipologie di formazione ECM

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.»

Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.» Conferenza stampa sulla campagna «La demenza può colpire chiunque.» Seite 1 Benvenute e benvenuti Seite 2 Due organizzazioni, un tema Seite 3 Seite 4 Ordine del giorno - Rilevanza a livello sociale - Campagna

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI PREMESSA L integrazione è un processo di conoscenza di sé e dell altro, di collaborazione all interno della classe finalizzato a creare le migliori condizioni

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT

Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT Quadro Comune Europeo di Riferimento per le Lingue Apprendimento-Insegnamento-Valutazione ABSTRACT A cura di Linda Rossi Holden Council of Europe 2001 1 IL PLURILINGUISMO Il plurilinguismo non va confuso

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico

La disponibilità di tecnologie informatiche per favorire l apprendimento scolastico Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Ricerche e proposte italiane Quando è opportuno proporre agli alunni con DSA l uso di tecnologie compensative? Flavio Fogarolo

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende

ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende ELIMINARE LO STRESS La prevenzione dello stress nelle aziende Formazione e informazione perla prevenzione nell hotellerie e nella Gastronomia 2 Traduzione e adattamento italiani a cura di: Gruppo di lavoro

Dettagli

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana

P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana P.L.I.D.A. Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza della lingua italiana CRITERI DI VALUTAZIONE PER LE PROVE SCRITTE L obiettivo del valutatore, nella correzione delle prove

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Capitolo 3. Sé e identità

Capitolo 3. Sé e identità Capitolo 3 Sé e identità Concetto di sé come Soggetto e oggetto di conoscenza Io / me, autoconsapevolezza Processo di conoscenza Struttura cognitiva Insieme di spinte motivazionali: autovalutazione, autoverifica

Dettagli

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo

Suggestopedia Moderna teoria e pratica capitolo capitolo Fattori Introduzione suggestopedici alla Suggestopedia La dessuggestione Moderna delle barriere di apprendimento pag. 7 Se vuoi costruire una nave, non raccogliere i tuoi uomini per preparare

Dettagli

DOMANDE SULL AUTISMO

DOMANDE SULL AUTISMO DOMANDE SULL AUTISMO Romeo Lucioni Tutte queste domande meriterebbero una ricerca ad hoc e, quindi, risulta impossibile rispondere ampiamente a tutte. Cercherò di essere conciso e preciso, lasciando ad

Dettagli

Linguistica Generale

Linguistica Generale Linguistica Generale Docente: Paola Monachesi Aprile-Maggio 2003 Contents 1 La linguistica e i suoi settori 2 2 La grammatica come mezzo per rappresentare la competenza linguistica 2 3 Le componenti della

Dettagli

Sensibilizzazione dei genitori

Sensibilizzazione dei genitori Sensibilizzazione dei genitori Precisione e chiarezza Quando si vogliono comunicare ai genitori le difficoltà del bambino, delle quali andrebbero valutate la natura, la gravità e le modalità di intervento,

Dettagli

LA RIABILITAZIONE COGNITIVA E COMPORTAMENTALE NELLA DEMENZA: UN APPROCCIO PRATICO PER LE R.S.A.

LA RIABILITAZIONE COGNITIVA E COMPORTAMENTALE NELLA DEMENZA: UN APPROCCIO PRATICO PER LE R.S.A. Laboratorio di Epidemiologia e Neuroimaging e UO Alzheimer IRCCS San Giovanni di Dio - FBF LA RIABILITAZIONE COGNITIVA E COMPORTAMENTALE NELLA DEMENZA: UN APPROCCIO PRATICO PER LE R.S.A. Marina Boccardi

Dettagli

Codice etico dell AIP

Codice etico dell AIP Codice etico dell AIP Premessa Questo Codice fa parte integrante del Regolamento dell'aip e si propone di regolamentare gli aspetti etici dell'attività di ricerca e di insegnamento della psicologia. Le

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento

Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Funzioni esecutive e difficoltà di apprendimento Cesare Cornoldi Università di Padova Funzioni esecutive Le cosiddette funzioni esecutive si riferiscono a processi in cui la mente controlla se stessa Non

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Uno per tutti, tutti per uno.

Uno per tutti, tutti per uno. Uno per tutti, tutti per uno. Bologna, 09/02/2015 Dainese Roberto Educare attraverso il Cooperative Learning: stile attributivo e competenze metacognitive Chiara Trubini Marina Pinelli Psicologia - Università

Dettagli

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA

UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA UNIVERSITA DI PISA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRONICA ANNO ACCADEMICO 2004-2005 TESI DI LAUREA SVILUPPO DI METODI DECONVOLUTIVI PER L INDIVIDUAZIONE DI SORGENTI INDIPENDENTI

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE

Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, LA DIDATTICA DEL FARE Istituto S.Vincenzo Erba Scuola primaria paritaria parificata LETTURA, SCRITTURA, TEATRO LA DIDATTICA DEL FARE 1 BISOGNI Sulla scorta delle numerose riflessioni che da parecchi anni aleggiano sulla realtà

Dettagli

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita

Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita Modificazioni dello spazio affettivo nel ciclo di vita di Francesca Battisti Come gestiamo le nostre emozioni? Assistiamo ad esse passivamente o le ignoriamo? Le incoraggiamo o le sopprimiamo? Ogni cultura

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO

LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO LA VALUTAZIONE COGNITIVA NELL AUTISMO Risultati di una ricerca su un campione di 135 bambini Massimiliano Petrillo Magda Di Renzo CAMPIONE DI RICERCA 135 bambini (106 M / 29 F) Età compresa tra 2,5-16,5

Dettagli

SICUREZZA NELL EMERGENZA

SICUREZZA NELL EMERGENZA SICUREZZA NELL EMERGENZA Come le emozioni intralciano la ragione e influenzano la capacità di mettere in atto quanto appreso Dott.ssa Elena Padovan Centro congressi alla Stanga Padova, 14 ottobre 2011

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Introduzione ai Libri su misura

Introduzione ai Libri su misura COSTRUIAMO UN LIBRO PER TE Introduzione ai Libri su misura Antonella Costantino, Veruscha Ubbiali, Marisa Adobati, Nora Bergamaschi*, Laura Bernasconi, Daniela Biffi, Debora Bonacina *, Caterina dall Olmo*,

Dettagli

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico

SCHIZOFRENIA. 3. Eloquio disorganizzato( per es. deragliamento o incoerenza) 4. Comportamento grossolanamente disorganizzato o catatonico DSM-V DISTURBO DELLO SPETTRO DELLA SCHIZOFRENIA E ALTRI DITURBI PSICOTICI SCHIZOFRENIA A. Due o più dei seguenti sintomi, presente per una parte di tempo significativa durante il periodo di un mese. Almeno

Dettagli

Presentazione di un caso

Presentazione di un caso Presentazione di un caso Corso Tutor per l autismo (Vr) Roberta Luteriani Direzione Didattica (BS) Caso: Giorgio 8 anni! Giorgio è un bambino autistico verbalizzato inserito in seconda elementare. Più

Dettagli