Introduzione al corso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione al corso"

Transcript

1 Introduzione al corso Prof. Cesare Fantuzzi Ing. Cristian Secchi Ing. Alessio Levratti ARSControl - DISMI - Università di Modena e Reggio Emilia Controlli Automatici

2 Controlli Automatici: il corso Materiale didattico: Testi di riferimento: Lucidi delle lezioni P. Bolzern, R. Scattolini, N. Schiavoni, Fondamenti di Controlli Automatici, Mc Graw-Hill ed. Ricevimento e quesiti: via Inserire in oggetto stringa [CA-GEST] per filtro anti-spam Controlli Automatici Introduzione 2

3 Controlli Automatici: l esame Modalità di esame Prova scritta riguardante serie di quesiti a risposta multipla sulla teoria svolta durante il corso due/tre esercizi Prova orale con discussione del compito. Iscrizione OBBLIGATORIA su ESSE3 Controlli Automatici Introduzione 3

4 Programma del corso Introduzione al problema del controllo Automazione Industriale Sistemi fisici e modelli Strumenti matematici per l'analisi di sistemi dinamici lineari Equazioni differenziali trasformata di Laplace Funzione di risposta armonica Analisi della risposta temporale di sistemi dinamici elementari sistemi del 1 e 2 ordine Analisi della risposta frequenziale di sistemi dinamici elementari Diagrammi di Bode Introduzione al controllo automatico controllo in catena aperta controllo in retroazione Analisi dei sistemi in retroazione luogo delle radici Introduzione al progetto di sistemi di controllo definizione delle specifiche Progetto mediante luogo delle radici Regolatori standard reti correttrici, PI, PID Controlli Automatici Introduzione 4

5 Introduzione all Automazione Industriale Prof. Cesare Fantuzzi Ing. Cristian Secchi Ing. Alessio Levratti ARSControl - DISMI - Università di Modena e Reggio Emilia Tel Controlli Automatici

6 Macchine Automatiche Cosa è l automazione industriale? Controlli Automatici Introduzione 6

7 Macchine Automatiche Cosa è l automazione industriale? A3/Speed p/h 3.33 p/s Controlli Automatici Introduzione 7

8 Robotica Industriale Cosa è l automazione industriale? Controlli Automatici Introduzione 8

9 Linea di produzione automatizzata Cosa è l automazione industriale Controlli Automatici Introduzione 9

10 Cosa è l automazione industriale? Macchine a Controllo Numerico (CNC) Controlli Automatici Introduzione 10

11 Cosa è l automazione industriale? Movimentazione e immagazzinamento automatico Pallettizzatori e Depallettizzatori Linee di trasporto automatiche Autonomous Guided Veichles (AGV) Magazzino automatizzato Controlli Automatici Introduzione 11

12 Controllo di Processo Cosa è l automazione industriale? Controlli Automatici Introduzione 12

13 L automazione industriale è solo uno degli aspetti dell automazione Automazione Manipolazione Robotica umanoide Automotive Robotica Mobile Chirurgia robotica Aerospace Controlli Automatici Introduzione 13

14 Automazione industriale: storia Ogni lavoro dell uomo per ottenere un prodotto desiderato può essere considerato un processo produttivo Ingredienti Energia Controllo Informazione Energia Controllo Informazione Un tempo l uomo forniva tutti i tre elementi fondamentali per eseguire il processo produttivo: Energia = muscoli Controllo = cervello Informazione = vista, tatto, ecc. Controlli Automatici Introduzione 14

15 Automazione industriale: storia Lo sviluppo dei sistemi produttivi nel tempo è sempre stato volto all eliminazione totale o parziale dell intervento umano nei processi di erogazione e manipolazione dei tre ingredienti fondamentali Energia Faticoso Pericoloso A volte l uomo non è sufficiente Controllo e informazione Spesso l uomo non ha capacità sufficienti Spesso l uomo non garantisce la precisione desiderata Controlli Automatici Introduzione 15

16 Automazione industriale: storia Percorso evolutivo verso l automazione industriale Primo passo: Dispensare l uomo dal fornire energia Processo di industrializzazione Energia eolica Energia animale Controlli Automatici Introduzione 16

17 Automazione industriale: storia Il processo di industrializzazione culmina nella rivoluzione industriale Processi produttivi caratterizzati dall uso generalizzato di macchine azionate mediante potenza meccanica Fonti energetiche naturali Milestones Primo filatoio meccanico 1776 Prima motrice a vapore di Watt Controlli Automatici Introduzione 17

18 Automazione industriale: storia Percorso evolutivo verso l automazione industriale Secondo passo: Dispensare l uomo dalle operazioni di controllo Processi che richiedono particolare precisione ripetitiva e continuativa Milestones Orologio di Ctesibio ( a.c.) Il trascorrere del tempo è segnalato mediante un meccanismo azionato da acqua che scorre tra due cisterne Termostato di C.Drebbel ( ) Termometro e collegamenti meccanici per mantenere costante la temperatura in una incubatrice Controlli Automatici Introduzione 18

19 Automazione industriale: storia Regolatore di velocità di Watt (1787) Regolatore automatico per controllare la velocità di una a vapore Basata sull azione della forza centrifuga sulle due masse Aumento velocità di rotazione Masse si allontanano per forza centrifuga Valvola a farfalla collegata meccanicamente si chiude Diminuisce velocità di rotazione Controlli Automatici Introduzione 19

20 Automazione industriale: storia Percorso evolutivo verso l automazione industriale Secondo passo: Dispensare l uomo dalle operazioni di controllo L esperienza maturata nello studio di automatismi porta alla nascita di una teoria del controllo Nucleo dell automatica Definire sulla base di misure effettuate sulle grandezze fisiche accessibili l azione più efficace da compiere sul processo al fine di ottenere da questo il comportamento desiderato Teoria matematica per lo studio di sistemi di controllo Controlli Automatici Introduzione 20

21 Automazione industriale: storia Milestones Nascita e sviluppo della teoria del controllo (automatica) Primo contributo formulato rigorosamente On governors, J.C.Maxwell, Royal Society,1868 Controlli Automatici Introduzione 21

22 Automazione industriale: storia Amplificatori in retroazione negativa (H.S. Black, 1930) Analisi frequenziale (H.W. Bode , H. Nyquist ) Stabilità dei sistemi lineari (E.J.Routh , A.Hurwitz ) Controllori PID (J.G. Ziegler, N.B. Nichols 1942) Dal 1950 ad oggi Teoria dei sistemi dinamici Ottimizzazione dell azione di controllo Identificazione dei modelli Controllo dei sistemi non lineari Controlli Automatici Introduzione 22

23 Automazione industriale: storia Percorso evolutivo verso l automazione industriale Terzo passo: Dispensare l uomo dalle azioni di manipolazione delle informazioni Milestones Implementazione delle teorie del controllo nella conduzione di impianti industriali Prima generazione di controllori (1950) Controlli logico/sequenziali Sistemi combinatori automatici che al verificarsi di determinate condizioni attivano l avvio o la fine di operazioni di base svolte dalle macchine di produzione Interruzione di una movimentazione quando un organo meccanico raggiunge il proprio fine corsa Controlli Automatici Introduzione 23

24 Automazione industriale: storia Prima generazione di controllori (1950) Reti di componenti elettrici (relè, bobine e temporizzatori) Lenti nell acquisizione delle informazioni Lenti nell elaborazione Scarsa flessibilità Una modifica nella logica da implementare comporta una revisione del circuito elettrico che la implementa Controlli Automatici Introduzione 24

25 Automazione industriale: storia Seconda generazione di controllori (1960) Evoluzione dell elettronica a semiconduttore Transistori e circuiti stampati Controllori basati su (primitive) schede a semiconduttore Aumento delle prestazioni Aumento dei costi Flessibilità ancora scarsa Modifica della funzione logica equivale alla riprogettazione della scheda Controlli Automatici Introduzione 25

26 Automazione industriale: storia Terza generazione di controllori (1968) Evoluzione di elettronica e informatica Sistemi a microprocessore Controllori programmabili via software Nel 1968 Allen Bradley introdusse il Programmable Logic Controller (PLC) per l automazione della produzione automobilistica Programmabile quindi altamente flessibile Controlli Automatici Introduzione 26

27 Automazione industriale: storia Il termine automation fu introdotto nel 1947 presso la Ford Motor Company come contrazione dell espressione automatic production per indicare l insieme di apparati di movimentazione automatica che erano stati installati nelle loro linee di produzione. Controlli Automatici Introduzione 27

28 Automazione industriale: una definizione L automazione industriale è dunque l insieme di metodologie (teoria del controllo automatico) e tecnologie (meccaniche, elettriche, elettroniche, informatiche) che permettono l automatizzazione di processi produttivi al fine di far compiere lavori a macchine Senza intervento umano con Minori costi Maggiore affidabilità Continuità temporale Per operazioni che richiedono precisione, velocità e potenze impossibili all uomo Per operazioni pericolose Per soddisfare vincoli e normative riguardanti sicurezza e impatto ambientale Controlli Automatici Introduzione 28

29 Verso una moderna automazione industriale Negli ultimi anni il concetto di automazione industriale è stato esteso non solo alla produzione vera e propria ma anche ai suoi sistemi di supporto Progettazione Organizzazione Gestione della produzione Automazione industriale in senso più ampio Integrazione tra produzione automatizzata e sistemi informativi gestionali Si inizia a parlare di Computer Integrated Manufacturing Controlli Automatici Introduzione 29

30 Verso una moderna automazione industriale Negli ultimi anni il concetto di automazione industriale è stato esteso non solo alla produzione vera e propria ma anche ai suoi sistemi di supporto Progettazione Organizzazione Gestione della produzione Automazione industriale in senso più ampio Integrazione tra produzione automatizzata e sistemi informativi gestionali Si inizia a parlare di Computer Integrated Manufacturing Controlli Automatici Introduzione 30

31 Manufacturing Manufacturing: insieme dei processi produttivi da applicare ai materiali grezzi/semi-lavorati per ottenere un prodotto finale. La trasformazione richiede l uso di: Energia Macchine Utensili Intervento umano Macchine Operatore Energia Utensili Materie Prime Processo produttivo Manufacturing Prodotto Scarti Controlli Automatici Introduzione 31

32 Manufacturing Manufacturing: da un punto di vista economico il processo produttivo è l insieme delle operazioni necessarie per fornire valore aggiunto ai materiali grezzi Processo Produttivo Materie Prime + Valore aggiunto Prodotto Controlli Automatici Introduzione 32

33 Manufacturing Manufacturing: è un processo di tipo sequenziale Scomponibile in un insieme di passi produttivi sequenziali che avvicinano i materiali al loro stato finale desiderato Esempio: cementificio MacchineOperatori Energia Utensili MacchineOperatori Energia Utensili Macchine Operatori Energia Utensili Materie prime Processo produttivo 1/n Processo produttivo 2/n Processo produttivo n/n Prodotto Scarti Scarti SCarti Controlli Automatici Introduzione 33

34 Cementificio: materia prima Esempio di processo produttivo stabilimento Silos cemento componente Frantoio additivi Spedizione Mulino M. Prima Mulino Cemento Silos 3 Silos 2 Forno Silos 1 Miscelatore cella produttiva Courtesy of A. Tonielli Controlli Automatici Introduzione 34

35 Operazioni elementari dei processi produttivi Un processo produttivo è composto da una sequenza di operazioni elementari Operazioni di lavorazione: utilizzo dell energia per alterare le proprietà dei materiali (trasformazioni) Operazioni di assemblaggio: operazioni di unioni di più parti per formare un unica entità Operazioni di trasporto e stoccaggio: movimentazione e stoccaggio di parti e prodotti Operazioni di test: verifica del prodotto finale e delle sue funzionalità Operazioni di coordinamento e controllo: coordinamento e regolazione delle operazioni anche a livello di gestione della produzione Controlli Automatici Introduzione 35

36 Classificazione dei processi produttivi Varietà di prodotto Piccola Media Grande ,000 1,000,000 Quantità di prodotto annua Esiste una correlazione inversa tra l entità della produzione e la sua varietà!! Controlli Automatici Introduzione 36

37 Sistema di supporto alla produzione Il sistema di supporto alla produzione è I insieme di attività di gestione delle informazioni legate alla produzione Sistema di supporto Impianto di produzione Macchine Operatore Energia Utensili Materie prime Processo Produttivo Prodotto Scarti Controlli Automatici Introduzione 37

38 Sistema di supporto alla produzione Il sistema di supporto alla produzione è I insieme di attività di gestione delle informazioni legate alla produzione Attività di business: sono le principali attività di contatto con il cliente, punto di partenza e di arrivo del processo; includono gestione ordini, marketing, vendita, bilancio, budget ecc. Attività di progettazione: attività volte alla progettazione del prodotto sulla base delle esigenze del cliente Attività di planning: sulla base delle funzioni di business e di progettazione viene pianificata la produzione determinando le sequenze di lavorazione, le politiche di stoccaggio e di rifornimento Attività di controllo: sono le attività di gestione e supervisione del processo di produzione ed includono il controllo dei flussi produttivi, e della qualità dei processi e dei prodotti Controlli Automatici Introduzione 38

39 Sistema di supporto alla produzione E schematizzabile come un anello di attività che circondano le attività vere e proprie gestendo il flusso delle informazioni Attività di progettazione Attività di planning Cliente Materie prime Impianto di produzione Prodotto finale Attività di business Attività di controllo Controlli Automatici Introduzione 39

40 Computer Integrated Manufacturing Computer Integrated Manufactoring (CIM): modello teorico di un sistema di produzione che prevede l integrazione dei processi produttivi con i sistemi di automazione e con i sistemi informativi gestionali. Integrare l automazione dei processi produttivi con quella delle attività di supporto sfruttando un unica infrastruttura informatica Sistema di supporto Infrastruttura Informatica Impianto di produzione Controlli Automatici Introduzione 40

41 Automazione del sistema di produzione Automazione rigida: la sequenza delle operazioni di produzione è fissa Il processo di produzione è realizzato mediante una sequenza di operazioni elementari molto semplici Destinata a grandi produzioni con varietà di prodotto molto bassa Automazione programmabile: è possibile cambiare la sequenza di operazioni in modo da cambiare la configurazione finale del prodotto Si trova in industrie con entità di produzione medio-bassa caratterizzate da produzione a lotti Tra un lotto e l altro è necessario attendere la riconfigurazione dell impianto di produzione Automazione flessibile: è un estensione dell automazione programmabile in cui è possibile diversificare la produzione senza avere tempi morti di conversione dell impianto Possibile se le varietà di prodotto finale sono molto simili I macchinari sono caratterizzati da una grande riconfigurabilità (Flexible Manufacturing Systems - FMS) Controlli Automatici Introduzione 41

42 Automazione del sistema di produzione Varietà di prodotto Piccola Produzione Manuale Media Automazione Programmabile Grande Automazione Flessibile Automazione Rigida ,000 1,000,000 Quantità di prodotto annua Controlli Automatici Introduzione 42

43 Automazione delle attività di supporto Supporto alle attività di business Enterprise Resource Planning (ERP): insieme di applicazioni informatiche volte all automazione di attività di amministrazione, logistica, gestione della produzione, risorse umane, ecc. Microsoft Dynamics, 24SevenOffice, SAP Decision Support System (DSS): sistema software che mette a disposizione dell utente una serie di funzionalità di supporto ai processi decisionali: analisi dati, modelli di valutazione delle decisione per migliorare il processo decisionale SAP Controlli Automatici Introduzione 43

44 Automazione delle attività di supporto Supporto alle attività di progettazione Computer Aided Design (CAD): insieme di tool software che assistono i progettisti nelle attività di progettazione Computer Aided Engineering (CAE): tool software per la verifica delle funzionalità del progetto AutoCAD, SolidEdge, VariCAD Pro/Engineering Supporto alle attività di planning e controllo Computer Aided Manufacturing (CAM): tool software che permette di automatizzare le prove di fattibilità del processo di produzione e di organizzare la produzione stessa (spesso integrato nel CAD) Dal modello CAD si ottiene il programma macchina CNC Computer Aided Process Planning (CAPP): software che permette di automatizzare il planning della produzione Controlli Automatici Introduzione 44

45 Computer Integrated Manufacturing Nei moderni sistemi di automatizzati l automazione dell impianto di produzione e delle attività di supporto si fondono integrandosi grazie all infrastruttura informatica unificata così da acquisire vantaggio competitivo Automazione delle attività di business Automazione delle attività di progettazione Automazione delle attività di planning e controllo Cliente DSS/ERP CAD/CAE CAM/CAPP Program Part Flexible Manufacturing System (FMS) Automazione del processo produttivo Controlli Automatici Introduzione 45

46 Computer Integrated Manufacturing DSS/ERP CAD/CAE CAM/CAPP Cliente Operatore Program Part Sistema di controllo Energia Informazioni Azioni Materie prime Processo Produttivo Prodotto Finale Controlli Automatici Introduzione 46

47 Computer Integrated Manufacturing Vantaggi del CIM Miglioramento della qualità di produzione Riduzione di tempi e costi Aumento della flessibilità della produzione Diminuzione degli scarti Fondamentale per conformarsi a leggi e regolamenti su sicurezza del processo produttivo, qualità del prodotto finale e riduzione dell impatto energetico-ambientale Controlli Automatici Introduzione 47

48 Modello CIM Il modello CIM è fortemente gerarchico Attività di supporto a livello superiore rispetto a quelle di produzione Gerarchia anche all interno delle attività di supporto Attività di business influenza la progettazione e il planning della produzione Gerarchia anche all interno delle attività di produzione Una particolare lavorazione meccanica influenza i movimenti delle singole parti della macchina utensile L automazione di un passo produttivo (rotazione di un mandrino) è ad un livello inferiore rispetto all automazione di tutta la macchina (sequenze di azioni) e questa è inferiore rispetto al planning della produzione. Controlli Automatici Introduzione 48

49 Modello CIM Il modello CIM è piramidale Cinque livelli a tutti i livelli l'automazione coinvolge funzioni di acquisizione, manipolazione, trasferimento di informazioni elaborazione di strategie attuazione delle strategie elaborate comandi Azienda Stabilimento Cella Macchina Campo informazioni Controlli Automatici Introduzione 49

50 Modello CIM: livello di campo È il livello più basso della gerarchia e comprende i componenti hardware che eseguono le attività di produzione e il loro controllo Sensori, attuatori, componenti dell impianto Intelligenza ridotta, ma crescente la tendenza di dotare sensori ed attuatori di intelligenza dedicata al pre-processing dell informazione e alla gestione di un interfaccia di comunicazione È la sezione di ingresso/uscita sul processo per il livello superiore Per fare ciò i dispositivi sono raggruppati in semplici sistemi di controllo Esempio: asservimento di posizione del motore di un giunto di un robot Visto al livello superiore come un attuatore virtuale Hw di controllo: dedicato, real time, sistemi digitali a microprocessore (controllori embedded) Controlli Automatici Introduzione 50

51 Modello CIM: livello di macchina Gli elementi del livello di campo vengono raggruppati al livello superiore per formare gruppi di componenti atti a fornire una determinata funzionalità Es: macchina utensile o robot industriale Questi componenti sono organizzati in sistemi di controllo Regolazione di variabili analogiche Realizzazione sequenziale di operazioni Es: livello di campo si controllano le posizioni dei singoli giunti, a livello di macchina viene pianificato il movimento del robot nello spazio operativo e la sequenza delle azioni che deve effettuare Il controllo a livello di macchina viene visto come un attuatore virtuale dal livello superiore che lo utilizza per il coordinamento delle macchine Hw di controllo: dedicato, real time controllori logici programmabili e controllori embedded Controlli Automatici Introduzione 51

52 Modello CIM: livello di cella Gli elementi del livello di macchina vengono raggruppati al livello superiore per formare celle di produzione una cella di produzione è un insieme di macchine interconnesse fisicamente da un sistema di trasporto e stoccaggio materiali e controllate in maniera coordinata in modo da portare a termine un ben definito processo produttivo I sistemi di controllo costituenti questo livello regolano e supervisionano il funzionamento coordinato di tutte le macchine facenti parte della cella Le operazioni svolte a questo livello sono analoghe a quelle del livello di macchina risultando soltanto più complesse Hw di controllo: dedicato, real time controllori logici programmabili e controllori embedded Controlli Automatici Introduzione 52

53 Modello CIM: livello di stabilimento Racchiude tutte le celle o le linee produttive facenti parte di un impianto industriale; riceve le istruzioni dal livello gestionale (planning, gestione degli ordini ecc.) e le attua sotto forma di piani operativi per la produzione. Il sistema di controllo a questo livello è costituito dal sistema di supervisione, controllo e acquisizione dati (Supervisory Control And Data Acquisition - SCADA) Le apparecchiature su cui sono implementate le piattaforme software sono tipicamente workstation con struttura client/server. Da questo livello in su i requisiti di elaborazione real time sono fortemente ridotti se non inesistenti. Controlli Automatici Introduzione 53

54 Modello CIM: livello di azienda È il livello più alto della gerarchia dove avvengono i processi gestionali di supporto a tutti i livelli inferiori. Non si parla più di sistema di controllo ma di sistema decisionale L'infrastruttura software è implementata su workstation con struttura client/server connesse al mainframe aziendale Non esistono vincoli di tipo temporale. Controlli Automatici Introduzione 54

55 Livelli di Controllo nell architettura CIM Controlli Automatici Introduzione 55

56 Esempio di controllo automatico Comportamento Sistema desiderato di controllo Sistema di controllo Attuatori L automatica studia le azioni da effettuare in base alle misure Azioni Plant Il sistema di controllo è un sistema per la manipolazione delle informazioni!!! Il controllo è strettamente correlato con le informazioni misure Sensori SEGNALI ENERGIA Controlli Automatici Introduzione 56

57 Gerarchia dei sistemi di controllo I sistemi di controllo che realizzano l'automazione dei vari livelli costituiscono una struttura gerarchica Standard ANSI/ISA-S Tre livelli: Controllo di campo Controllo di procedure Controllo di coordinamento Controlli Automatici Introduzione 57

58 Standard ANSI/ISA-S Gerarchia dei sistemi di controllo Controllo di campo: si colloca al livello di campo e comprende i sistemi di controllo dei singoli componenti di campo. È esclusivamente di tipo continuo ed è implementato su dispositivi dedicati quali controllori embedded o schede dedicate al controllo di motori elettrici. Alta frequenza Informazioni semplici Vincoli real time Controlli Automatici Introduzione 58

59 Standard ANSI/ISA-S Gerarchia dei sistemi di controllo Controllo di procedure: si colloca ai livelli di macchina e di cella della piramide CIM e riguarda il controllo di gruppi strutturati di componenti di campo. Continuo: si trova soprattutto a livello di macchina e riguarda il controllo di gruppi di variabili continue o funzioni più avanzate (es: tuning adattativo dei parametri per i sistemi di controllo di base) Logico: riguarda il coordinamento dei sistemi di campo sulla base della lista di operazioni sequenziali che compongono il programma di lavorazione Svolge anche funzioni più avanzate quali il monitoraggio delle prestazioni e la diagnostica e la gestione automatica dei malfunzionamenti. Solitamente implementato su schede dedicate o PC industriali e, per quanto riguarda il controllo logico, su controllori programmabili (PLC). Algoritmi più complessi di quelli del controllo di campo Vincoli real time Controlli Automatici Introduzione 59

60 Standard ANSI/ISA-S Gerarchia dei sistemi di controllo Controllo di coordinamento: si pone a livello di stabilimento nella piramide CIM e riguarda principalmente il coordinamento e la gestione delle varie celle di produzione manda in esecuzione, dirige o ferma i vari sistemi di controllo di procedure sulla base di algoritmi complessi e più orientati all'intelligenza artificiale ed ai sistemi esperti che al controllo automatico in senso stretto Es: decidere il volume della produzione ottimale mediante algoritmi di ottimizzazione Bassa frequenza di intervento Dati strutturati Nessun vincolo temporale Controlli Automatici Introduzione 60

61 Gerarchia dei sistemi di controllo Livelli di controllo ANSI/ISA-S e livelli CIM Gestione Azienda Stabilimento Controllo di coordinamento Cella Macchina Campo Controllo di procedure Controllo di campo Controlli Automatici Introduzione 61

62 Controllo di variabili logiche e continue Gestione Controllare a sequenza di operazioni usando informazioni logiche Supervisione (SCADA) Controllo Campo Controllo di variabili logiche Controllo di variabili continue Controllare l andamento di variabili analogiche usando informazioni digitali Controlli Automatici Introduzione 62

63 Controllo logico Le variabili logiche assumono valori in un insieme numerabile solitamente di cardinalità finita Le variabili booleane sono variabili logiche {vero, falso}, {true, false}, {1, 0} Altri esempi: Interruttore {ON,OFF} Porta {Aperta, Chiusa} Motore {In moto, Fermo}.. Operazioni logiche: AND OR NOT Controlli Automatici Introduzione 63

64 Esempio di controllo logico Controllo logico Controllo del moto di un motore tramite il comando M usando le informazioni provenienti dal sensore di prossimità P (fine corsa) e dal sensore di consenso C M deve attivarsi quando il consenso C è attivo e deve disattivarsi non appena il fine corsa P è attivo Controllo logico: M=C and not(p) Realizzazione elettrica C P M M C Not(P) Controlli Automatici Introduzione 64

65 Controllo di variabili continue Variabili analogiche: variano con continuità nel tempo e nel valore (variabili fisiche: temperatura, posizione, ecc.) Il sistema di controllo è un sistema digitale, le informazioni sono rappresentati da numeri binari (n bit) Usando n bit si possono rappresentare 2 n -1 valori Es: Con 2 bit: 0 10 =00 2, 1 10 =01 2, 2 10 =10 2, 3 10 =11 2 Per rappresentare le variabili analogiche occorrerebbero infiniti bit Segnali quantizzati: possono assumere solo un numero limitato di valori separati dal cosiddetto zero-macchina Il range di valori e lo zero-macchina individuano il numero di bit I sistemi digitali sono sincroni: possono evolvere solo in corrispondenza di particolari istanti di tempo individuati da un clock Segnali campionati: segnali analogici valutati solo ad istanti di tempo precisi separati da un tempo di campionamento Segnali digitali: segnali quantizzati e campionati codificati come numeri binari Controlli Automatici Introduzione 65

66 Controllo di variabili continue x(t) Segnale analogico x q (t) t Segnale quantizzato x(kt s ) t Segnale digitale T s Controlli Automatici Introduzione 66 t

67 Controllo di variabili continue Controllore digitale 1001 D A Attuatori Impianto 1001 D A Sensori T T T Variabili digitali Informazione Variabili analogiche Potenza Controlli Automatici Introduzione 67

68 problema controllo della velocità di rotazione di un tappeto per allenamento velocità compresa tra 0.1 e 1 m/s specifiche statiche precisione statica > 95% errore a regime < 5% dinamiche tempo di assestamento T a5 < 20ms risposta al gradino aperiodica disturbi presenti Controllo di variabili continue disturbo di coppia impulsivo di 100Nm sistema di misura errore statico < 3% rumore sovrapposto alla misura spettro uniforme (rumore bianco) di intensità pari al ±1% del segnale Controlli Automatici Introduzione 68

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE MOD PROGRAMMAZIONEDISCIPLINARE REV.00del27.09.13 Pag1di5 PROGRAMMAZIONEDIDATTICADISCIPLINARE Disciplina:_SISTEMIELETTRONICIAUTOMATICIa.s.2013/2014 Classe:5 Sez.A INDIRIZZO:ELETTRONICAPERTELECOMUNICAZIONI

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni

IL SAMPLE AND HOLD UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO. Progetto di Fondamenti di Automatica. PROF.: M. Lazzaroni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI Corso di Laurea in Informatica IL SAMPLE AND HOLD Progetto di Fondamenti di Automatica PROF.: M. Lazzaroni Anno Accademico

Dettagli

Introduzione. Classificazione delle non linearità

Introduzione. Classificazione delle non linearità Introduzione Accade spesso di dover studiare un sistema di controllo in cui sono presenti sottosistemi non lineari. Alcuni di tali sottosistemi sono descritti da equazioni differenziali non lineari, ad

Dettagli

Sistem Elettrica Due Automazioni industriali

Sistem Elettrica Due Automazioni industriali Sistemi di collaudo Sistem Elettrica Due Automazioni industriali Un Gruppo che offre risposte mirate per tutti i vostri obiettivi di produzione automatizzata e di collaudo ESPERIENZA, RICERCA, INNOVAZIONE

Dettagli

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria

IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria IT Plant Solutions IT Plant Solutions Soluzioni MES e IT per l Industria s Industrial Solutions and Services Your Success is Our Goal Soluzioni MES e IT per integrare e sincronizzare i processi Prendi

Dettagli

Classificazioni dei sistemi di produzione

Classificazioni dei sistemi di produzione Classificazioni dei sistemi di produzione Sistemi di produzione 1 Premessa Sono possibili diverse modalità di classificazione dei sistemi di produzione. Esse dipendono dallo scopo per cui tale classificazione

Dettagli

MODELLISTICA DINAMICA DI SISTEMI FISICI

MODELLISTICA DINAMICA DI SISTEMI FISICI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Gestionale http://www.automazione.ingre.unimore.it/pages/corsi/controlliautomaticigestionale.htm MODELLISTICA DINAMICA DI SISTEMI FISICI Ing. Federica Grossi Tel. 059 2056333

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence.

t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. t.fabrica wanna be smarter? smart, simple, cost effectiveness solutions for manufactoring operational excellence. Per le aziende manifatturiere, oggi e sempre più nel futuro individuare ed eliminare gli

Dettagli

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO SCHEMA DELL AZIONAMENTO A CATENA APERTA AZIONAMENTO L azionamento a catena aperta comprende il motore asincrono e il relativo convertitore statico che riceve

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

Cos è l Ingegneria del Software?

Cos è l Ingegneria del Software? Cos è l Ingegneria del Software? Corpus di metodologie e tecniche per la produzione di sistemi software. L ingegneria del software è la disciplina tecnologica e gestionale che riguarda la produzione sistematica

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Cristian Secchi Pag. 1

Cristian Secchi Pag. 1 CONTROLLI DIGITALI Laurea Magistrale in Ingegneria Meccatronica SISTEMI A TEMPO DISCRETO Ing. Tel. 0522 522235 e-mail: cristian.secchi@unimore.it http://www.dismi.unimo.it/members/csecchi Richiami di Controlli

Dettagli

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE QUARTA E QUINTA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE - Matematica - Griglie di valutazione Materia: Matematica Obiettivi disciplinari Gli obiettivi indicati si riferiscono all intero percorso della classe quarta

Dettagli

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence?

www.bistrategy.it In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? In un momento di crisi perché scegliere di investire sulla Business Intelligence? Cos è? Per definizione, la Business Intelligence è: la trasformazione dei dati in INFORMAZIONI messe a supporto delle decisioni

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Sistemi e modelli matematici

Sistemi e modelli matematici 0.0.. Sistemi e modelli matematici L automazione è un complesso di tecniche volte a sostituire l intervento umano, o a migliorarne l efficienza, nell esercizio di dispositivi e impianti. Un importante

Dettagli

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1

CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 1.1 Che cos è un algoritmo CAPITOLO PRIMO IL CONCETTO DI ALGORITMO 1 Gli algoritmi sono metodi per la soluzione di problemi. Possiamo caratterizzare un problema mediante i dati di cui si dispone all inizio

Dettagli

Manufacturing Execution Systems

Manufacturing Execution Systems Manufacturing Execution Systems Soluzioni per la gestione della produzione FAST SpA, azienda leader nel settore dell automazione industriale dal 1982, è in grado di affiancare alla fornitura di sistemi

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia

ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia ISTITUTI TECNICI SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia L indirizzo Meccanica, meccatronica ed energia ha lo scopo di far acquisire allo studente, a conclusione del percorso quinquennale,

Dettagli

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici

Deviazione standard delle misure : dove è la varianza e sono gli scarti quadratici ELEMENTI DI PROBABILITA Media : migliore stima del valore vero in assenza di altre info. Aumentare il numero di misure permette di approssimare meglio il valor medio e quindi ridurre l influenza degli

Dettagli

A. Bicchi Centro I.R. E. Piaggio, Università di Pisa

A. Bicchi Centro I.R. E. Piaggio, Università di Pisa Controllo, Teoria del Teoria dell Enciclopedia Italiana di Scienze, Lettere ed Arti Istituto della Enciclopedia Italiana ``G. Treccani'' XXI Secolo -- Aggiornamento, A. Bicchi Centro I.R. E. Piaggio, Università

Dettagli

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center

Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Ottimizzazione della gestione del data center con Microsoft System Center Declinazione di responsabilità e informazioni sul copyright Le informazioni contenute nel presente documento rappresentano le conoscenze

Dettagli

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6.

CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI. Ambito Disciplinare 6. CLASSE 76/A -TRATTAMENTO TESTI, CALCOLO, CONTABILITÀ ELETTRONICA ED APPLICAZIONI GESTIONALI Ambito Disciplinare 6 Programma d'esame CLASSE 75/A - DATTILOGRAFIA, STENOGRAFIA, TRATTAMENTO TESTI E DATI Temi

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis

Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis Sempre attenti ad ogni dettaglio Bosch Intelligent Video Analysis 2 Intervento immediato con Bosch Intelligent Video Analysis Indipendentemente da quante telecamere il sistema utilizza, la sorveglianza

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

Corso di Informatica Industriale

Corso di Informatica Industriale Corso di Informatica Industriale Prof. Giorgio Buttazzo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Università di Pavia E-mail: buttazzo@unipv.it Informazioni varie Telefono: 0382-505.755 Email: Dispense:

Dettagli

Dinamica e Misura delle Vibrazioni

Dinamica e Misura delle Vibrazioni Dinamica e Misura delle Vibrazioni Prof. Giovanni Moschioni Politecnico di Milano, Dipartimento di Meccanica Sezione di Misure e Tecniche Sperimentali giovanni.moschioni@polimi.it VibrazionI 2 Il termine

Dettagli

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM

MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM MISURARE CON INTELLIGENZA BARRIERA OPTOELETTRONICA DI MISURAZIONE LGM Barriera optoelettronica di misurazione LGM Misurare con intelligenza - nuove dei materiali in tutti i mercati La nuova Serie LGM di

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

< EFFiciEnza senza limiti

< EFFiciEnza senza limiti FORM 200 FORM 400 < Efficienza senza limiti 2 Panoramica Efficienza senza limiti Costruzione meccanica Il dispositivo di comando 2 4 6 Il generatore Autonomia e flessibilità GF AgieCharmilles 10 12 14

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

Guida rapida all uso di ECM Titanium

Guida rapida all uso di ECM Titanium Guida rapida all uso di ECM Titanium Introduzione Questa guida contiene una spiegazione semplificata del funzionamento del software per Chiputilizzare al meglio il Tuning ECM Titanium ed include tutte

Dettagli

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo

CAPITOLO CAPIT Tecnologie dell ecnologie dell info inf rmazione e controllo CAPITOLO 8 Tecnologie dell informazione e controllo Agenda Evoluzione dell IT IT, processo decisionale e controllo Sistemi di supporto al processo decisionale Sistemi di controllo a feedback IT e coordinamento

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

UNIVERSITA DI PALERMO

UNIVERSITA DI PALERMO PILLAR OBIETTIVO SPECIFICO MASTER CALL CALL INDUSTRIAL LEADERSHIP LEADERSHIP IN ENABLING AND INDUSTRIAL TECHNOLOGIES (LEIT) H2020-SPIRE-2014-2015 - CALL FOR SPIRE - SUSTAINABLE PROCESS INDUSTRIES H2020-SPIRE-2014

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense

Linguaggio del calcolatore. Algebra di Boole AND, OR, NOT. Notazione. And e or. Circuiti e reti combinatorie. Appendice A + dispense Linguaggio del calcolatore Circuiti e reti combinatorie ppendice + dispense Solo assenza o presenza di tensione: o Tante componenti interconnesse che si basano su e nche per esprimere concetti complessi

Dettagli

Risposta temporale: esercizi

Risposta temporale: esercizi ...4 Risposta temporale: esercizi Esercizio. Calcolare la risposta al gradino del seguente sistema: G(s) X(s) = s (s+)(s+) Y(s) Per ottenere la risposta al gradino occorre antitrasformare la seguente funzione:

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice

Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI. Indice Pagine romane (I-XVIII) OK.qxd:romane.qxd 7-09-2009 16:23 Pagina VI Prefazione Autori XIII XVII Capitolo 1 Sistemi informativi aziendali 1 1.1 Introduzione 1 1.2 Modello organizzativo 3 1.2.1 Sistemi informativi

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Progettazione di sistemi Embedded

Progettazione di sistemi Embedded Progettazione di sistemi Embedded Corso introduttivo di progettazione di sistemi embedded A.S. 2013/2014 proff. Nicola Masarone e Stefano Salvatori Eccetto dove diversamente specificato, i contenuti di

Dettagli

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali

GUIDA ALLA RIFORMA. Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali GUIDA ALLA RIFORMA degli istituti tecnici e professionali Profili d uscita, competenze di base, risultati di apprendimento e quadri orari dei nuovi istituti tecnici e professionali Il futuro è la nostra

Dettagli

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale

La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale La Visione Artificiale: Controllo di Qualità, Fotogrammetria e Realtà Virtuale D. Prattichizzo G.L. Mariottini F. Moneti M. Orlandesi M. Fei M. de Pascale A. Formaglio F. Morbidi S. Mulatto SIRSLab Laboratorio

Dettagli

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT

LEAR ITALIA MES/LES PROJECT LEAR ITALIA MES/LES PROJECT La peculiarità del progetto realizzato in Lear Italia da Hermes Reply è quello di integrare in un unica soluzione l execution della produzione (con il supporto dell RFID), della

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti!

Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! L innovazione ad un prezzo interessante Altre novità della nostra ampia gamma di strumenti! Exacta+Optech Labcenter SpA Via Bosco n.21 41030 San Prospero (MO) Italia Tel: 059-808101 Fax: 059-908556 Mail:

Dettagli

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita;

Supporto alle decisioni e strategie commerciali/mercati/prodotti/forza vendita; .netbin. è un potentissimo strumento SVILUPPATO DA GIEMME INFORMATICA di analisi dei dati con esposizione dei dati in forma numerica e grafica con un interfaccia visuale di facile utilizzo, organizzata

Dettagli

Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria

Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria Politecnico di Bari Facoltà di Ingegneria Dispensa per il Corso di Controlli Automatici I Uso del software di calcolo Matlab 4. per lo studio delle risposte nel tempo dei sistemi lineari tempoinvarianti

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131

Controllori a Logica Programmabile. Cos è un PLC? Cenni storici. Cenni storici. Cenni storici. Definizione dallo Standard IEC 61131 Controllori a Logica mabile Nella presente lezione vedremo le caratteristiche principali del controllore a logica programmabile (in inglese, mable Logic Controller, o PLC). In particolare, ci soffermeremo

Dettagli

Maggiore produttività second e maggiore line efficienza energetica per le vostre lavorazioni. 01_1 st Headline_36 pt/14.4 mm

Maggiore produttività second e maggiore line efficienza energetica per le vostre lavorazioni. 01_1 st Headline_36 pt/14.4 mm Maggiore produttività second e maggiore line efficienza energetica per le vostre lavorazioni 01_1 st Headline_36 pt/14.4 mm 2 Migliorate l efficienza della vostra macchina utensile La pressione della concorrenza

Dettagli

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net

Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Lezione 1 Introduzione agli algoritmi e alla programmazione in VisualBasic.Net Definizione di utente e di programmatore L utente è qualsiasi persona che usa il computer anche se non è in grado di programmarlo

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4.

Il link da cui sarà visibile lo streaming live dell'evento e successivamente la versione registrata è: http://streaming.cineca.it/industria4. Industry 4.0 - La Fabbrica prossima ventura? Incontro e Dibattito per esplorazione di >> Cosa succederà per gli Imprenditori, i Manager, i Cittadini?

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

Caratteristiche principali

Caratteristiche principali Il regolatore semaforico Hydra nasce nel 1998 per iniziativa di CTS Engineering. Ottenute le necessarie certificazioni, già dalla prima installazione Hydra mostra sicurezza ed affidabilità, dando avvio

Dettagli

Business Process Management

Business Process Management Corso di Certificazione in Business Process Management Progetto Didattico 2015 con la supervisione scientifica del Dipartimento di Informatica Università degli Studi di Torino Responsabile scientifico

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Preprocessamento dei Dati

Preprocessamento dei Dati Preprocessamento dei Dati Raramente i dati sperimentali sono pronti per essere utilizzati immediatamente per le fasi successive del processo di identificazione, a causa di: Offset e disturbi a bassa frequenza

Dettagli

Previsione di impatto acustico relativa a:

Previsione di impatto acustico relativa a: PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI FIORANO M. Previsione di impatto acustico relativa a: nuovo capannone uso deposito ditta Atlas Concorde Spa ubicato in Via Viazza I Tronco - Fiorano M. (MO) Settembre 2012

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.

Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic. Astra Formedic S.r.l. - Via Piero Portaluppi, 15 20138 Milano Tel. 02.580011 Email: info.astraformedic@ademorigroup.it web : www.astraformedic.it è un sistema integrato completo di tutti i moduli per eseguire

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT

PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT P.M.S. S.r.l. Via Migliara 46 n 6 04010 B.go S.Donato Sabaudia (LT) Tel. 0773.56281 Fax 0773.50490 Email info@pmstecnoelectric.it PROGETTO: PCS7 PROCESS CONTROL FOR SITE EMISSION CONTAINMENT Dalla richiesta

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

Fondamenti di Automatica

Fondamenti di Automatica Fondamenti di Automatica Risposte canoniche e sistemi elementari Dott. Ing. Marcello Bonfè Dipartimento di Ingegneria - Università di Ferrara Tel. +39 0532 974839 E-mail: marcello.bonfe@unife.it pag. 1

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Logistica digitale delle Operazioni a premio

Logistica digitale delle Operazioni a premio Logistica digitale delle Operazioni a premio La piattaforma logistica delle operazioni a premio digitali BITGIFT è la nuova piattaforma dedicata alla logistica digitale delle vostre operazioni a premio.

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione

Processi (di sviluppo del) software. Fase di Analisi dei Requisiti. Esempi di Feature e Requisiti. Progettazione ed implementazione Processi (di sviluppo del) software Fase di Analisi dei Requisiti Un processo software descrive le attività (o task) necessarie allo sviluppo di un prodotto software e come queste attività sono collegate

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

Business Intelligence

Business Intelligence aggregazione dati Business Intelligence analytic applications query d a t a w a r e h o u s e aggregazione budget sales inquiry data mining Decision Support Systems MIS ERP data management Data Modeling

Dettagli

Integrazione. Ecad. Mcad. Ecad - MENTOR GRAPHICS

Integrazione. Ecad. Mcad. Ecad - MENTOR GRAPHICS Integrazione Ecad Mcad Ecad - MENTOR GRAPHICS MENTOR GRAPHICS - PADS La crescente complessità del mercato della progettazione elettronica impone l esigenza di realizzare prodotti di dimensioni sempre più

Dettagli

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA

COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA Pagina 1 di 5 COORDINAMENTO PER MATERIE SETTEMBRE 2013 MATERIA DI NUOVA INTRODUZIONE PER EFFETTO DELLA RIFORMA AREA DISCIPLINARE : Indirizzo Informatica e Telecomunicazioni, articolazione Informatica.

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale.

Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. Modal 2 Modulo Analisi modale Modulo per l Analisi della dinamica strutturale. L analisi modale è un approccio molto efficace al comportamento dinamico delle strutture, alla verifica di modelli di calcolo

Dettagli

Progetto Didattico di Informatica Multimediale

Progetto Didattico di Informatica Multimediale Progetto Didattico di Informatica Multimediale VRAI - Vision, Robotics and Artificial Intelligence 20 aprile 2015 Rev. 18+ Introduzione Le videocamere di riconoscimento sono strumenti sempre più utilizzati

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli