Introduzione al corso

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Introduzione al corso"

Transcript

1 Introduzione al corso Prof. Cesare Fantuzzi Ing. Cristian Secchi Ing. Alessio Levratti ARSControl - DISMI - Università di Modena e Reggio Emilia Controlli Automatici

2 Controlli Automatici: il corso Materiale didattico: Testi di riferimento: Lucidi delle lezioni P. Bolzern, R. Scattolini, N. Schiavoni, Fondamenti di Controlli Automatici, Mc Graw-Hill ed. Ricevimento e quesiti: via Inserire in oggetto stringa [CA-GEST] per filtro anti-spam Controlli Automatici Introduzione 2

3 Controlli Automatici: l esame Modalità di esame Prova scritta riguardante serie di quesiti a risposta multipla sulla teoria svolta durante il corso due/tre esercizi Prova orale con discussione del compito. Iscrizione OBBLIGATORIA su ESSE3 Controlli Automatici Introduzione 3

4 Programma del corso Introduzione al problema del controllo Automazione Industriale Sistemi fisici e modelli Strumenti matematici per l'analisi di sistemi dinamici lineari Equazioni differenziali trasformata di Laplace Funzione di risposta armonica Analisi della risposta temporale di sistemi dinamici elementari sistemi del 1 e 2 ordine Analisi della risposta frequenziale di sistemi dinamici elementari Diagrammi di Bode Introduzione al controllo automatico controllo in catena aperta controllo in retroazione Analisi dei sistemi in retroazione luogo delle radici Introduzione al progetto di sistemi di controllo definizione delle specifiche Progetto mediante luogo delle radici Regolatori standard reti correttrici, PI, PID Controlli Automatici Introduzione 4

5 Introduzione all Automazione Industriale Prof. Cesare Fantuzzi Ing. Cristian Secchi Ing. Alessio Levratti ARSControl - DISMI - Università di Modena e Reggio Emilia Tel Controlli Automatici

6 Macchine Automatiche Cosa è l automazione industriale? Controlli Automatici Introduzione 6

7 Macchine Automatiche Cosa è l automazione industriale? A3/Speed p/h 3.33 p/s Controlli Automatici Introduzione 7

8 Robotica Industriale Cosa è l automazione industriale? Controlli Automatici Introduzione 8

9 Linea di produzione automatizzata Cosa è l automazione industriale Controlli Automatici Introduzione 9

10 Cosa è l automazione industriale? Macchine a Controllo Numerico (CNC) Controlli Automatici Introduzione 10

11 Cosa è l automazione industriale? Movimentazione e immagazzinamento automatico Pallettizzatori e Depallettizzatori Linee di trasporto automatiche Autonomous Guided Veichles (AGV) Magazzino automatizzato Controlli Automatici Introduzione 11

12 Controllo di Processo Cosa è l automazione industriale? Controlli Automatici Introduzione 12

13 L automazione industriale è solo uno degli aspetti dell automazione Automazione Manipolazione Robotica umanoide Automotive Robotica Mobile Chirurgia robotica Aerospace Controlli Automatici Introduzione 13

14 Automazione industriale: storia Ogni lavoro dell uomo per ottenere un prodotto desiderato può essere considerato un processo produttivo Ingredienti Energia Controllo Informazione Energia Controllo Informazione Un tempo l uomo forniva tutti i tre elementi fondamentali per eseguire il processo produttivo: Energia = muscoli Controllo = cervello Informazione = vista, tatto, ecc. Controlli Automatici Introduzione 14

15 Automazione industriale: storia Lo sviluppo dei sistemi produttivi nel tempo è sempre stato volto all eliminazione totale o parziale dell intervento umano nei processi di erogazione e manipolazione dei tre ingredienti fondamentali Energia Faticoso Pericoloso A volte l uomo non è sufficiente Controllo e informazione Spesso l uomo non ha capacità sufficienti Spesso l uomo non garantisce la precisione desiderata Controlli Automatici Introduzione 15

16 Automazione industriale: storia Percorso evolutivo verso l automazione industriale Primo passo: Dispensare l uomo dal fornire energia Processo di industrializzazione Energia eolica Energia animale Controlli Automatici Introduzione 16

17 Automazione industriale: storia Il processo di industrializzazione culmina nella rivoluzione industriale Processi produttivi caratterizzati dall uso generalizzato di macchine azionate mediante potenza meccanica Fonti energetiche naturali Milestones Primo filatoio meccanico 1776 Prima motrice a vapore di Watt Controlli Automatici Introduzione 17

18 Automazione industriale: storia Percorso evolutivo verso l automazione industriale Secondo passo: Dispensare l uomo dalle operazioni di controllo Processi che richiedono particolare precisione ripetitiva e continuativa Milestones Orologio di Ctesibio ( a.c.) Il trascorrere del tempo è segnalato mediante un meccanismo azionato da acqua che scorre tra due cisterne Termostato di C.Drebbel ( ) Termometro e collegamenti meccanici per mantenere costante la temperatura in una incubatrice Controlli Automatici Introduzione 18

19 Automazione industriale: storia Regolatore di velocità di Watt (1787) Regolatore automatico per controllare la velocità di una a vapore Basata sull azione della forza centrifuga sulle due masse Aumento velocità di rotazione Masse si allontanano per forza centrifuga Valvola a farfalla collegata meccanicamente si chiude Diminuisce velocità di rotazione Controlli Automatici Introduzione 19

20 Automazione industriale: storia Percorso evolutivo verso l automazione industriale Secondo passo: Dispensare l uomo dalle operazioni di controllo L esperienza maturata nello studio di automatismi porta alla nascita di una teoria del controllo Nucleo dell automatica Definire sulla base di misure effettuate sulle grandezze fisiche accessibili l azione più efficace da compiere sul processo al fine di ottenere da questo il comportamento desiderato Teoria matematica per lo studio di sistemi di controllo Controlli Automatici Introduzione 20

21 Automazione industriale: storia Milestones Nascita e sviluppo della teoria del controllo (automatica) Primo contributo formulato rigorosamente On governors, J.C.Maxwell, Royal Society,1868 Controlli Automatici Introduzione 21

22 Automazione industriale: storia Amplificatori in retroazione negativa (H.S. Black, 1930) Analisi frequenziale (H.W. Bode , H. Nyquist ) Stabilità dei sistemi lineari (E.J.Routh , A.Hurwitz ) Controllori PID (J.G. Ziegler, N.B. Nichols 1942) Dal 1950 ad oggi Teoria dei sistemi dinamici Ottimizzazione dell azione di controllo Identificazione dei modelli Controllo dei sistemi non lineari Controlli Automatici Introduzione 22

23 Automazione industriale: storia Percorso evolutivo verso l automazione industriale Terzo passo: Dispensare l uomo dalle azioni di manipolazione delle informazioni Milestones Implementazione delle teorie del controllo nella conduzione di impianti industriali Prima generazione di controllori (1950) Controlli logico/sequenziali Sistemi combinatori automatici che al verificarsi di determinate condizioni attivano l avvio o la fine di operazioni di base svolte dalle macchine di produzione Interruzione di una movimentazione quando un organo meccanico raggiunge il proprio fine corsa Controlli Automatici Introduzione 23

24 Automazione industriale: storia Prima generazione di controllori (1950) Reti di componenti elettrici (relè, bobine e temporizzatori) Lenti nell acquisizione delle informazioni Lenti nell elaborazione Scarsa flessibilità Una modifica nella logica da implementare comporta una revisione del circuito elettrico che la implementa Controlli Automatici Introduzione 24

25 Automazione industriale: storia Seconda generazione di controllori (1960) Evoluzione dell elettronica a semiconduttore Transistori e circuiti stampati Controllori basati su (primitive) schede a semiconduttore Aumento delle prestazioni Aumento dei costi Flessibilità ancora scarsa Modifica della funzione logica equivale alla riprogettazione della scheda Controlli Automatici Introduzione 25

26 Automazione industriale: storia Terza generazione di controllori (1968) Evoluzione di elettronica e informatica Sistemi a microprocessore Controllori programmabili via software Nel 1968 Allen Bradley introdusse il Programmable Logic Controller (PLC) per l automazione della produzione automobilistica Programmabile quindi altamente flessibile Controlli Automatici Introduzione 26

27 Automazione industriale: storia Il termine automation fu introdotto nel 1947 presso la Ford Motor Company come contrazione dell espressione automatic production per indicare l insieme di apparati di movimentazione automatica che erano stati installati nelle loro linee di produzione. Controlli Automatici Introduzione 27

28 Automazione industriale: una definizione L automazione industriale è dunque l insieme di metodologie (teoria del controllo automatico) e tecnologie (meccaniche, elettriche, elettroniche, informatiche) che permettono l automatizzazione di processi produttivi al fine di far compiere lavori a macchine Senza intervento umano con Minori costi Maggiore affidabilità Continuità temporale Per operazioni che richiedono precisione, velocità e potenze impossibili all uomo Per operazioni pericolose Per soddisfare vincoli e normative riguardanti sicurezza e impatto ambientale Controlli Automatici Introduzione 28

29 Verso una moderna automazione industriale Negli ultimi anni il concetto di automazione industriale è stato esteso non solo alla produzione vera e propria ma anche ai suoi sistemi di supporto Progettazione Organizzazione Gestione della produzione Automazione industriale in senso più ampio Integrazione tra produzione automatizzata e sistemi informativi gestionali Si inizia a parlare di Computer Integrated Manufacturing Controlli Automatici Introduzione 29

30 Verso una moderna automazione industriale Negli ultimi anni il concetto di automazione industriale è stato esteso non solo alla produzione vera e propria ma anche ai suoi sistemi di supporto Progettazione Organizzazione Gestione della produzione Automazione industriale in senso più ampio Integrazione tra produzione automatizzata e sistemi informativi gestionali Si inizia a parlare di Computer Integrated Manufacturing Controlli Automatici Introduzione 30

31 Manufacturing Manufacturing: insieme dei processi produttivi da applicare ai materiali grezzi/semi-lavorati per ottenere un prodotto finale. La trasformazione richiede l uso di: Energia Macchine Utensili Intervento umano Macchine Operatore Energia Utensili Materie Prime Processo produttivo Manufacturing Prodotto Scarti Controlli Automatici Introduzione 31

32 Manufacturing Manufacturing: da un punto di vista economico il processo produttivo è l insieme delle operazioni necessarie per fornire valore aggiunto ai materiali grezzi Processo Produttivo Materie Prime + Valore aggiunto Prodotto Controlli Automatici Introduzione 32

33 Manufacturing Manufacturing: è un processo di tipo sequenziale Scomponibile in un insieme di passi produttivi sequenziali che avvicinano i materiali al loro stato finale desiderato Esempio: cementificio MacchineOperatori Energia Utensili MacchineOperatori Energia Utensili Macchine Operatori Energia Utensili Materie prime Processo produttivo 1/n Processo produttivo 2/n Processo produttivo n/n Prodotto Scarti Scarti SCarti Controlli Automatici Introduzione 33

34 Cementificio: materia prima Esempio di processo produttivo stabilimento Silos cemento componente Frantoio additivi Spedizione Mulino M. Prima Mulino Cemento Silos 3 Silos 2 Forno Silos 1 Miscelatore cella produttiva Courtesy of A. Tonielli Controlli Automatici Introduzione 34

35 Operazioni elementari dei processi produttivi Un processo produttivo è composto da una sequenza di operazioni elementari Operazioni di lavorazione: utilizzo dell energia per alterare le proprietà dei materiali (trasformazioni) Operazioni di assemblaggio: operazioni di unioni di più parti per formare un unica entità Operazioni di trasporto e stoccaggio: movimentazione e stoccaggio di parti e prodotti Operazioni di test: verifica del prodotto finale e delle sue funzionalità Operazioni di coordinamento e controllo: coordinamento e regolazione delle operazioni anche a livello di gestione della produzione Controlli Automatici Introduzione 35

36 Classificazione dei processi produttivi Varietà di prodotto Piccola Media Grande ,000 1,000,000 Quantità di prodotto annua Esiste una correlazione inversa tra l entità della produzione e la sua varietà!! Controlli Automatici Introduzione 36

37 Sistema di supporto alla produzione Il sistema di supporto alla produzione è I insieme di attività di gestione delle informazioni legate alla produzione Sistema di supporto Impianto di produzione Macchine Operatore Energia Utensili Materie prime Processo Produttivo Prodotto Scarti Controlli Automatici Introduzione 37

38 Sistema di supporto alla produzione Il sistema di supporto alla produzione è I insieme di attività di gestione delle informazioni legate alla produzione Attività di business: sono le principali attività di contatto con il cliente, punto di partenza e di arrivo del processo; includono gestione ordini, marketing, vendita, bilancio, budget ecc. Attività di progettazione: attività volte alla progettazione del prodotto sulla base delle esigenze del cliente Attività di planning: sulla base delle funzioni di business e di progettazione viene pianificata la produzione determinando le sequenze di lavorazione, le politiche di stoccaggio e di rifornimento Attività di controllo: sono le attività di gestione e supervisione del processo di produzione ed includono il controllo dei flussi produttivi, e della qualità dei processi e dei prodotti Controlli Automatici Introduzione 38

39 Sistema di supporto alla produzione E schematizzabile come un anello di attività che circondano le attività vere e proprie gestendo il flusso delle informazioni Attività di progettazione Attività di planning Cliente Materie prime Impianto di produzione Prodotto finale Attività di business Attività di controllo Controlli Automatici Introduzione 39

40 Computer Integrated Manufacturing Computer Integrated Manufactoring (CIM): modello teorico di un sistema di produzione che prevede l integrazione dei processi produttivi con i sistemi di automazione e con i sistemi informativi gestionali. Integrare l automazione dei processi produttivi con quella delle attività di supporto sfruttando un unica infrastruttura informatica Sistema di supporto Infrastruttura Informatica Impianto di produzione Controlli Automatici Introduzione 40

41 Automazione del sistema di produzione Automazione rigida: la sequenza delle operazioni di produzione è fissa Il processo di produzione è realizzato mediante una sequenza di operazioni elementari molto semplici Destinata a grandi produzioni con varietà di prodotto molto bassa Automazione programmabile: è possibile cambiare la sequenza di operazioni in modo da cambiare la configurazione finale del prodotto Si trova in industrie con entità di produzione medio-bassa caratterizzate da produzione a lotti Tra un lotto e l altro è necessario attendere la riconfigurazione dell impianto di produzione Automazione flessibile: è un estensione dell automazione programmabile in cui è possibile diversificare la produzione senza avere tempi morti di conversione dell impianto Possibile se le varietà di prodotto finale sono molto simili I macchinari sono caratterizzati da una grande riconfigurabilità (Flexible Manufacturing Systems - FMS) Controlli Automatici Introduzione 41

42 Automazione del sistema di produzione Varietà di prodotto Piccola Produzione Manuale Media Automazione Programmabile Grande Automazione Flessibile Automazione Rigida ,000 1,000,000 Quantità di prodotto annua Controlli Automatici Introduzione 42

43 Automazione delle attività di supporto Supporto alle attività di business Enterprise Resource Planning (ERP): insieme di applicazioni informatiche volte all automazione di attività di amministrazione, logistica, gestione della produzione, risorse umane, ecc. Microsoft Dynamics, 24SevenOffice, SAP Decision Support System (DSS): sistema software che mette a disposizione dell utente una serie di funzionalità di supporto ai processi decisionali: analisi dati, modelli di valutazione delle decisione per migliorare il processo decisionale SAP Controlli Automatici Introduzione 43

44 Automazione delle attività di supporto Supporto alle attività di progettazione Computer Aided Design (CAD): insieme di tool software che assistono i progettisti nelle attività di progettazione Computer Aided Engineering (CAE): tool software per la verifica delle funzionalità del progetto AutoCAD, SolidEdge, VariCAD Pro/Engineering Supporto alle attività di planning e controllo Computer Aided Manufacturing (CAM): tool software che permette di automatizzare le prove di fattibilità del processo di produzione e di organizzare la produzione stessa (spesso integrato nel CAD) Dal modello CAD si ottiene il programma macchina CNC Computer Aided Process Planning (CAPP): software che permette di automatizzare il planning della produzione Controlli Automatici Introduzione 44

45 Computer Integrated Manufacturing Nei moderni sistemi di automatizzati l automazione dell impianto di produzione e delle attività di supporto si fondono integrandosi grazie all infrastruttura informatica unificata così da acquisire vantaggio competitivo Automazione delle attività di business Automazione delle attività di progettazione Automazione delle attività di planning e controllo Cliente DSS/ERP CAD/CAE CAM/CAPP Program Part Flexible Manufacturing System (FMS) Automazione del processo produttivo Controlli Automatici Introduzione 45

46 Computer Integrated Manufacturing DSS/ERP CAD/CAE CAM/CAPP Cliente Operatore Program Part Sistema di controllo Energia Informazioni Azioni Materie prime Processo Produttivo Prodotto Finale Controlli Automatici Introduzione 46

47 Computer Integrated Manufacturing Vantaggi del CIM Miglioramento della qualità di produzione Riduzione di tempi e costi Aumento della flessibilità della produzione Diminuzione degli scarti Fondamentale per conformarsi a leggi e regolamenti su sicurezza del processo produttivo, qualità del prodotto finale e riduzione dell impatto energetico-ambientale Controlli Automatici Introduzione 47

48 Modello CIM Il modello CIM è fortemente gerarchico Attività di supporto a livello superiore rispetto a quelle di produzione Gerarchia anche all interno delle attività di supporto Attività di business influenza la progettazione e il planning della produzione Gerarchia anche all interno delle attività di produzione Una particolare lavorazione meccanica influenza i movimenti delle singole parti della macchina utensile L automazione di un passo produttivo (rotazione di un mandrino) è ad un livello inferiore rispetto all automazione di tutta la macchina (sequenze di azioni) e questa è inferiore rispetto al planning della produzione. Controlli Automatici Introduzione 48

49 Modello CIM Il modello CIM è piramidale Cinque livelli a tutti i livelli l'automazione coinvolge funzioni di acquisizione, manipolazione, trasferimento di informazioni elaborazione di strategie attuazione delle strategie elaborate comandi Azienda Stabilimento Cella Macchina Campo informazioni Controlli Automatici Introduzione 49

50 Modello CIM: livello di campo È il livello più basso della gerarchia e comprende i componenti hardware che eseguono le attività di produzione e il loro controllo Sensori, attuatori, componenti dell impianto Intelligenza ridotta, ma crescente la tendenza di dotare sensori ed attuatori di intelligenza dedicata al pre-processing dell informazione e alla gestione di un interfaccia di comunicazione È la sezione di ingresso/uscita sul processo per il livello superiore Per fare ciò i dispositivi sono raggruppati in semplici sistemi di controllo Esempio: asservimento di posizione del motore di un giunto di un robot Visto al livello superiore come un attuatore virtuale Hw di controllo: dedicato, real time, sistemi digitali a microprocessore (controllori embedded) Controlli Automatici Introduzione 50

51 Modello CIM: livello di macchina Gli elementi del livello di campo vengono raggruppati al livello superiore per formare gruppi di componenti atti a fornire una determinata funzionalità Es: macchina utensile o robot industriale Questi componenti sono organizzati in sistemi di controllo Regolazione di variabili analogiche Realizzazione sequenziale di operazioni Es: livello di campo si controllano le posizioni dei singoli giunti, a livello di macchina viene pianificato il movimento del robot nello spazio operativo e la sequenza delle azioni che deve effettuare Il controllo a livello di macchina viene visto come un attuatore virtuale dal livello superiore che lo utilizza per il coordinamento delle macchine Hw di controllo: dedicato, real time controllori logici programmabili e controllori embedded Controlli Automatici Introduzione 51

52 Modello CIM: livello di cella Gli elementi del livello di macchina vengono raggruppati al livello superiore per formare celle di produzione una cella di produzione è un insieme di macchine interconnesse fisicamente da un sistema di trasporto e stoccaggio materiali e controllate in maniera coordinata in modo da portare a termine un ben definito processo produttivo I sistemi di controllo costituenti questo livello regolano e supervisionano il funzionamento coordinato di tutte le macchine facenti parte della cella Le operazioni svolte a questo livello sono analoghe a quelle del livello di macchina risultando soltanto più complesse Hw di controllo: dedicato, real time controllori logici programmabili e controllori embedded Controlli Automatici Introduzione 52

53 Modello CIM: livello di stabilimento Racchiude tutte le celle o le linee produttive facenti parte di un impianto industriale; riceve le istruzioni dal livello gestionale (planning, gestione degli ordini ecc.) e le attua sotto forma di piani operativi per la produzione. Il sistema di controllo a questo livello è costituito dal sistema di supervisione, controllo e acquisizione dati (Supervisory Control And Data Acquisition - SCADA) Le apparecchiature su cui sono implementate le piattaforme software sono tipicamente workstation con struttura client/server. Da questo livello in su i requisiti di elaborazione real time sono fortemente ridotti se non inesistenti. Controlli Automatici Introduzione 53

54 Modello CIM: livello di azienda È il livello più alto della gerarchia dove avvengono i processi gestionali di supporto a tutti i livelli inferiori. Non si parla più di sistema di controllo ma di sistema decisionale L'infrastruttura software è implementata su workstation con struttura client/server connesse al mainframe aziendale Non esistono vincoli di tipo temporale. Controlli Automatici Introduzione 54

55 Livelli di Controllo nell architettura CIM Controlli Automatici Introduzione 55

56 Esempio di controllo automatico Comportamento Sistema desiderato di controllo Sistema di controllo Attuatori L automatica studia le azioni da effettuare in base alle misure Azioni Plant Il sistema di controllo è un sistema per la manipolazione delle informazioni!!! Il controllo è strettamente correlato con le informazioni misure Sensori SEGNALI ENERGIA Controlli Automatici Introduzione 56

57 Gerarchia dei sistemi di controllo I sistemi di controllo che realizzano l'automazione dei vari livelli costituiscono una struttura gerarchica Standard ANSI/ISA-S Tre livelli: Controllo di campo Controllo di procedure Controllo di coordinamento Controlli Automatici Introduzione 57

58 Standard ANSI/ISA-S Gerarchia dei sistemi di controllo Controllo di campo: si colloca al livello di campo e comprende i sistemi di controllo dei singoli componenti di campo. È esclusivamente di tipo continuo ed è implementato su dispositivi dedicati quali controllori embedded o schede dedicate al controllo di motori elettrici. Alta frequenza Informazioni semplici Vincoli real time Controlli Automatici Introduzione 58

59 Standard ANSI/ISA-S Gerarchia dei sistemi di controllo Controllo di procedure: si colloca ai livelli di macchina e di cella della piramide CIM e riguarda il controllo di gruppi strutturati di componenti di campo. Continuo: si trova soprattutto a livello di macchina e riguarda il controllo di gruppi di variabili continue o funzioni più avanzate (es: tuning adattativo dei parametri per i sistemi di controllo di base) Logico: riguarda il coordinamento dei sistemi di campo sulla base della lista di operazioni sequenziali che compongono il programma di lavorazione Svolge anche funzioni più avanzate quali il monitoraggio delle prestazioni e la diagnostica e la gestione automatica dei malfunzionamenti. Solitamente implementato su schede dedicate o PC industriali e, per quanto riguarda il controllo logico, su controllori programmabili (PLC). Algoritmi più complessi di quelli del controllo di campo Vincoli real time Controlli Automatici Introduzione 59

60 Standard ANSI/ISA-S Gerarchia dei sistemi di controllo Controllo di coordinamento: si pone a livello di stabilimento nella piramide CIM e riguarda principalmente il coordinamento e la gestione delle varie celle di produzione manda in esecuzione, dirige o ferma i vari sistemi di controllo di procedure sulla base di algoritmi complessi e più orientati all'intelligenza artificiale ed ai sistemi esperti che al controllo automatico in senso stretto Es: decidere il volume della produzione ottimale mediante algoritmi di ottimizzazione Bassa frequenza di intervento Dati strutturati Nessun vincolo temporale Controlli Automatici Introduzione 60

61 Gerarchia dei sistemi di controllo Livelli di controllo ANSI/ISA-S e livelli CIM Gestione Azienda Stabilimento Controllo di coordinamento Cella Macchina Campo Controllo di procedure Controllo di campo Controlli Automatici Introduzione 61

62 Controllo di variabili logiche e continue Gestione Controllare a sequenza di operazioni usando informazioni logiche Supervisione (SCADA) Controllo Campo Controllo di variabili logiche Controllo di variabili continue Controllare l andamento di variabili analogiche usando informazioni digitali Controlli Automatici Introduzione 62

63 Controllo logico Le variabili logiche assumono valori in un insieme numerabile solitamente di cardinalità finita Le variabili booleane sono variabili logiche {vero, falso}, {true, false}, {1, 0} Altri esempi: Interruttore {ON,OFF} Porta {Aperta, Chiusa} Motore {In moto, Fermo}.. Operazioni logiche: AND OR NOT Controlli Automatici Introduzione 63

64 Esempio di controllo logico Controllo logico Controllo del moto di un motore tramite il comando M usando le informazioni provenienti dal sensore di prossimità P (fine corsa) e dal sensore di consenso C M deve attivarsi quando il consenso C è attivo e deve disattivarsi non appena il fine corsa P è attivo Controllo logico: M=C and not(p) Realizzazione elettrica C P M M C Not(P) Controlli Automatici Introduzione 64

65 Controllo di variabili continue Variabili analogiche: variano con continuità nel tempo e nel valore (variabili fisiche: temperatura, posizione, ecc.) Il sistema di controllo è un sistema digitale, le informazioni sono rappresentati da numeri binari (n bit) Usando n bit si possono rappresentare 2 n -1 valori Es: Con 2 bit: 0 10 =00 2, 1 10 =01 2, 2 10 =10 2, 3 10 =11 2 Per rappresentare le variabili analogiche occorrerebbero infiniti bit Segnali quantizzati: possono assumere solo un numero limitato di valori separati dal cosiddetto zero-macchina Il range di valori e lo zero-macchina individuano il numero di bit I sistemi digitali sono sincroni: possono evolvere solo in corrispondenza di particolari istanti di tempo individuati da un clock Segnali campionati: segnali analogici valutati solo ad istanti di tempo precisi separati da un tempo di campionamento Segnali digitali: segnali quantizzati e campionati codificati come numeri binari Controlli Automatici Introduzione 65

66 Controllo di variabili continue x(t) Segnale analogico x q (t) t Segnale quantizzato x(kt s ) t Segnale digitale T s Controlli Automatici Introduzione 66 t

67 Controllo di variabili continue Controllore digitale 1001 D A Attuatori Impianto 1001 D A Sensori T T T Variabili digitali Informazione Variabili analogiche Potenza Controlli Automatici Introduzione 67

68 problema controllo della velocità di rotazione di un tappeto per allenamento velocità compresa tra 0.1 e 1 m/s specifiche statiche precisione statica > 95% errore a regime < 5% dinamiche tempo di assestamento T a5 < 20ms risposta al gradino aperiodica disturbi presenti Controllo di variabili continue disturbo di coppia impulsivo di 100Nm sistema di misura errore statico < 3% rumore sovrapposto alla misura spettro uniforme (rumore bianco) di intensità pari al ±1% del segnale Controlli Automatici Introduzione 68

Introduzione al corso

Introduzione al corso Introduzione al corso Ing. Luca Gentili CASY - DEIS - Università di Bologna Tel. 051 2093875 E-mail: l.gentili@unibo.it http://www.automazione.ingre.unimore.it Controlli Automatici Controlli Automatici:

Dettagli

Introduzione all automazione industriale

Introduzione all automazione industriale Introduzione all automazione industriale 6/10/2015 Alessandro De Luca Cosa è l automazione industriale? Macchine automatiche: Tetra Pak (confezionamento latte) video 2 Cosa è l automazione industriale?

Dettagli

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it

Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Automazione industriale dispense del corso 2. Introduzione al controllo logico Luigi Piroddi piroddi@elet.polimi.it Modello CIM Un moderno sistema di produzione è conforme al modello CIM (Computer Integrated

Dettagli

Introduzione al corso

Introduzione al corso Controlli Automatici Introduzione al corso Prof. Cesare Fantuzzi Ing. Cristian Secchi Ing. Federica Ferraguti ARSControl - DISMI - Università di Modena e Reggio Emilia E-mail: {nome.cognome}@unimore.it

Dettagli

Computer Integrated Manufacturing

Computer Integrated Manufacturing Computer Integrated Manufacturing Sistemi per l automazione industriale Ing. Stefano MAGGI Dipartimento di Elettrotecnica Politecnico di Milano lunedì 10 novembre 2008 Contenuti Il processo e l impianto

Dettagli

I principali vantaggi di un sistema automatizzato rispetto ad un processo non automatizzato possono essere sintetizzati nei seguenti punti:

I principali vantaggi di un sistema automatizzato rispetto ad un processo non automatizzato possono essere sintetizzati nei seguenti punti: INTRODUZIONE Un processo produttivo, o processo fisico, può essere definito come una trasformazione fisica di materiali o energia effettuata al fine di ottenere un prodotto desiderato. Tutte le azioni

Dettagli

AMBIENTE INDUSTRIALE: INTRODUZIONE AL CIM

AMBIENTE INDUSTRIALE: INTRODUZIONE AL CIM AMBIENTE INDUSTRIALE: INTRODUZIONE AL CIM CIM = Computer Integrated Manufacturing Fabbrica completamente automatizzata fabbrica ottimizzata Obiettivi di una strategia CIM incremento della qualità del prodotto

Dettagli

1 Introduzione al corso 3 1.1 Architettura del sistema di controllo... 6

1 Introduzione al corso 3 1.1 Architettura del sistema di controllo... 6 Indice 1 Introduzione al corso 3 1.1 Architettura del sistema di controllo................ 6 2 Elementi di modellistica 8 2.1 Modelli nel dominio del tempo................... 8 2.2 La trasformata di Laplace......................

Dettagli

L'automazione nei processi industriali

L'automazione nei processi industriali L'automazione nei processi industriali Un processo industriale è l insieme delle operazioni che concorrono a trasformare le caratteristiche e le proprietà di materiali, tipi di energia e/o informazioni

Dettagli

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Curriculum Automazione e Produzione. II anno II semestre 9 crediti. Ing. Filippo Arrichiello

Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Curriculum Automazione e Produzione. II anno II semestre 9 crediti. Ing. Filippo Arrichiello Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria Meccanica Curriculum Automazione e Produzione II anno II semestre 9 crediti Ing. Filippo Arrichiello Email: f.arrichiello@unicas.it URL: http://webuser.unicas.it/arrichiello

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA CLASSE 5H Docenti: Raviola Giovanni Moreni Riccardo Disciplina: Sistemi elettronici automaticih PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE COMPETENZE FINALI Al termine

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA CLASSE 5H Docenti: Raviola Giovanni Moreni Riccardo Disciplina: Sistemi elettronici automatici PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE COMPETENZE FINALI Al termine

Dettagli

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016

ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE L. EINAUDI ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "L. EINAUDI" ALBA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE 5 I Disciplina: Sistemi automatici Docenti: Linguanti Vincenzo Gasco Giovanni PROGETTAZIONE DIDATTICA ANNUALE COMPETENZE

Dettagli

Corso di Fondamenti d Automatica

Corso di Fondamenti d Automatica Corso di Fondamenti d Automatica Prof. Giovanni Ulivi Ing. Stefano Panzieri Dipartimento di Informatica ed Automazione Via Vasca Navale 79, Roma e-mail: ulivi@dia.uniroma3.it e-mail: panzieri@dia.uniroma3.it

Dettagli

SCADA: struttura modulare

SCADA: struttura modulare Sistemi per il controllo di supervisione e l acquisizione dati o (Supervisory Control And Data Acquisition) Sistema informatico di misura e controllo distribuito per il monitoraggio di processi fisici

Dettagli

PLC Sistemi a Logica Programmabile

PLC Sistemi a Logica Programmabile PLC Sistemi a Logica Programmabile Prof. Nicola Ingrosso Guida di riferimento all applicazione applicazione dei Microcontrollori Programmabili IPSIA G.Ferraris Brindisi nicola.ingrosso @ ipsiaferraris.it

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

CIM Computer Integrated Manufacturing

CIM Computer Integrated Manufacturing INDICE CIM IN CONFIGURAZIONE BASE CIM IN CONFIGURAZIONE AVANZATA CIM IN CONFIGURAZIONE COMPLETA DL CIM A DL CIM B DL CIM C DL CIM C DL CIM B DL CIM A Il Computer Integrated Manufacturing (CIM) è un metodo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina a.s.2013/2014 Classe:4 Sez. 4AELT INDIRIZZO: Elettronica ed Elettrotecnica articolazione Elettrotecnica Docenti : Prof. Giovanni Antonio Fadda,

Dettagli

THEME Matrice di Competenza - Meccatronica

THEME Matrice di Competenza - Meccatronica AREE DI COMPETENZA FASI DELLO SVILUPPO DELLE COMPETENZE 1. Effettuare la manutenzione e garantire l'affidabilità dei sistemi. svolgere le operazioni di manutenzione programmata di base su macchine e sistemi

Dettagli

Sistemi di Automazione Industriale

Sistemi di Automazione Industriale Introduzione ai PLC Sistemi di Automazione Industriale Ridurre e/o eliminare il ruolo dell operatore umano Ogni sistema di automazione prevede: Sistema Controllato; è un generatore di eventi non prevedibili

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA FABBRICA

EVOLUZIONE DELLA FABBRICA EVOLUZIONE DELLA FABBRICA NUOVE TECNOLOGIE NELLA PRODUZIONE PER ASPORTAZIONE DI TRUCIOLO H.S.C. High Speed Cutting (Lavorazione ad altissima velocità di taglio) Viene utilizzata in quelle lavorazioni che

Dettagli

Differenziazione sistemi dinamici

Differenziazione sistemi dinamici Il controllo di sistemi ad avanzamento temporale si basa sulle tecniche di controllo in retroazione, ovvero, elabora le informazione sullo stato del processo (provenienti dai sensori) in modo sa inviare

Dettagli

Liceo Tecnologico. Indirizzo Elettrico Elettronico. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati

Liceo Tecnologico. Indirizzo Elettrico Elettronico. Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Indicazioni nazionali per Piani di Studi Personalizzati Obiettivi Specifici d Apprendimento Discipline con attività di laboratorio 3 4 5 Fisica 99 Gestione di progetto 132 99 *Tecnologie informatiche e

Dettagli

POLO FORMATIVO PER LA MECCANICA E LE NUOVE TECNOLOGIE CON L UTILIZZO DI MATERIALI AVANZATI PROGETTO IFTS TECNICO SUPERIORE DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

POLO FORMATIVO PER LA MECCANICA E LE NUOVE TECNOLOGIE CON L UTILIZZO DI MATERIALI AVANZATI PROGETTO IFTS TECNICO SUPERIORE DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE POLO FORMATIVO PER LA MECCANICA E LE NUOVE TECNOLOGIE CON L UTILIZZO DI MATERIALI AVANZATI PROGETTO IFTS TECNICO SUPERIORE DI AUTOMAZIONE INDUSTRIALE SINTESI DEI CONTENUTI DESCRIZIONE Profilo Professionale

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE

TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L INFORMATICA INDUSTRIALE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE DELLA FIGURA

Dettagli

Attività e insegnamenti dell indirizzo Elettronica ed elettrotecnica articolazione: Elettrotecnica. Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA

Attività e insegnamenti dell indirizzo Elettronica ed elettrotecnica articolazione: Elettrotecnica. Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA Attività e insegnamenti dell indirizzo Elettronica ed elettrotecnica articolazione: Elettrotecnica Disciplina: COMPLEMENTI DI MATEMATICA Il docente di Complementi di matematica concorre a far conseguire

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

Meccanica degli Azionamenti

Meccanica degli Azionamenti Università degli Studi di Brescia Laurea in Ingegneria dell Automazione Industriale Parte I Introduzione all automazione industriale I.1 Automazione e Flessibilità Automazione Automazione: Impiego di mezzi

Dettagli

CIM A CIM B. Computer-Integrated Manufacturing (CIM)

CIM A CIM B. Computer-Integrated Manufacturing (CIM) Computer-Integrated Manufacturing (CIM) Il Computer Integrated Manufacturing (CIM) è un metodo di produzione nel quale l'intero processo produttivo è controllato da un computer. Tipicamente, è composto

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica L indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica propone una formazione polivalente che unisce i principi, le tecnologie e le pratiche

Dettagli

STRUMENTAZIONE. Il Sistema di supervisione e acquisizione dati: S.C.A.D.A. APPARATI SINGOLI MASTER RETE LOCALE SUPERVISIONE

STRUMENTAZIONE. Il Sistema di supervisione e acquisizione dati: S.C.A.D.A. APPARATI SINGOLI MASTER RETE LOCALE SUPERVISIONE Il Sistema di supervisione e acquisizione dati: S.C.A.D.A. Ing.Francesco M. Raimondi www.unipa.it/fmraimondi Lezioni del corso di Automazione Industriale Dipartimento di Ingegneria dell Automazione e dei

Dettagli

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica

ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO. Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica ISTRUZIONE TECNICA SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica L indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica propone una formazione polivalente che unisce i principi, le tecnologie e le pratiche

Dettagli

e automazione industriale

e automazione industriale Corso di Laurea Magistrale di Ingegneria Elettrica Corso di Sistemi e componenti per l automazione AA 2014-15 Azionamenti elettrici e automazione industriale Ezio Bassi, Francesco Benzi Università di Pavia

Dettagli

2.1 La logistica integrata ed il sistema CIM 10

2.1 La logistica integrata ed il sistema CIM 10 Indice Prefazione alla 2 edizione Prefazione alla 1 edizione CAPITOLO 1 - GENERALITÀ 1.1 Definizione della funzione logistica 2 1.1.1 Integrazione ed automazione logistica 2 1.1.2 Flessibilità come risposta

Dettagli

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettrotecnica. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettrotecnica. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettrotecnica Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ 1- Reti elettriche in corrente continua Grandezze elettriche fondamentali e loro legami,

Dettagli

SECONDO BIENNIO ISTITUTO TECNICO

SECONDO BIENNIO ISTITUTO TECNICO SETTORE DOCUMENTI PER LA DISCUSSIONE ISTITUTO TECNICO INDIRIZZO ARTICOLAZIONE ELETTROTECNICA TECNOLOGICO ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA ESITI DI APPRENDIMENTO (competenze, abilità, conoscenze) Regolamento,

Dettagli

MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO

MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO PIANO DI LAVORO CLASSE 5 ES A.S. 2014-2015 MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO INS. TECNICO-PRATICO: PROF. BARONI MAURIZIO MODULO 1: ALGEBRA DEGLI SCHEMI A BLOCCHI

Dettagli

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA

Economia e gestione delle imprese 3/ed Franco Fontana, Matteo Caroli Copyright 2009 The McGraw-Hill Companies srl RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA RISPOSTE ALLE DOMANDE DI VERIFICA (CAP. 9) 1. Illustra le principali tipologie dei processi produttivi. Sulla base della diversa natura tecnologica del ciclo di produzione, i processi produttivi si distinguono

Dettagli

9. Strumenti CAD per l analisi e la sintesi di sistemi di controllo.

9. Strumenti CAD per l analisi e la sintesi di sistemi di controllo. CORSO DI PROGETTO DEI SISTEMI DI CONTROLLO 1. Introduzione. 2. Sistemi e modelli. 3. Analisi frequenziale dei sistemi lineari. 4. Criteri di stabilità dei sistemi in retroazione. 5. Luogo delle radici.

Dettagli

PLC - Linguaggi. I linguaggi di programmazione dei PLC sono orientati ai problemi di automazione e utilizzano soprattutto:

PLC - Linguaggi. I linguaggi di programmazione dei PLC sono orientati ai problemi di automazione e utilizzano soprattutto: PLC - Linguaggi Il software è l elemento determinante per dare all hardware del PLC quella flessibilità che i sistemi di controllo a logica cablata non possiedono. Il software che le aziende producono

Dettagli

ITIS OTHOCA ORISTANO

ITIS OTHOCA ORISTANO ITIS OTHOCA ORISTANO CARATTERISTICHE DEI PROCESSI PRODUTTIVI LAY-OUT IMPIANTI PARTE 1 Il ciclo di produzione La progettazione e il processo produttivo di un prodotto segue un ciclo di vita che qualunque

Dettagli

PLC Programmable Logic Controller

PLC Programmable Logic Controller PLC Programmable Logic Controller Sistema elettronico, a funzionamento digitale, destinato all uso in ambito industriale, che utilizza una memoria programmabile per l archiviazione di istruzioni orientate

Dettagli

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^

Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Automazione Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Elettrotecnica Tipologie di segnali Unità di misura delle grandezze elettriche Simbologia

Dettagli

Prodotto: Innovazione, Progettazione e Fabbricazione

Prodotto: Innovazione, Progettazione e Fabbricazione Prodotto: Innovazione, Progettazione e Fabbricazione Ciclo di vita di un sistema produttivo La forma delle cose che verranno Il ciclo di vita di un prodotto La progettazione di un prodotto, e di conseguenza

Dettagli

IL CONTROLLO DI UN PROCESSO

IL CONTROLLO DI UN PROCESSO IL CONTROLLO DI UN PROCESSO 1 IL CONTROLLO DI UN PROCESSO Schema a blocchi 2 Il controllore può essere: A LOGICA CABLATA A LOGICA PROGRAMMABILE 3 CONTROLLORE A LOGICA CABLATA (*) (Wired Logic Control)

Dettagli

Prof. Capuzzimati Mario - ITIS Magistri Cumacini - Como LOGICA DI CONTROLLO

Prof. Capuzzimati Mario - ITIS Magistri Cumacini - Como LOGICA DI CONTROLLO Logiche di controllo LOGICA DI CONTROLLO Una automazione può, oggi, essere realizzata secondo due diverse tecnologie. In passato la logica di controllo era implementata (realizzata) attraverso la tecnologia

Dettagli

Anno scolastico 2015 / 2016. Elettrotecnica ed elettronica Sistemi automatici. Docente/i

Anno scolastico 2015 / 2016. Elettrotecnica ed elettronica Sistemi automatici. Docente/i Alessandria, 17 ottobre 2015 Anno scolastico 2015 / 201 Classe 5AE Indirizzo Materia Elettrotecnica ed elettronica Sistemi automatici Docente/i Nome e cognome Franco GABRIELE Firma Nome e cognome Antonietta

Dettagli

CONTROLLORI LOGICI PROGRAMMABILI PLC

CONTROLLORI LOGICI PROGRAMMABILI PLC CONTROLLORI LOGICI PROGRAMMABILI Introduzione ai comandi elettronici e ai controllori logici programmabili L automazione di una qualsiasi operazione di un processo produttivo viene conseguita attraverso

Dettagli

Cap. VIII AZIONAMENTI PASSO-PASSO.

Cap. VIII AZIONAMENTI PASSO-PASSO. Cap. VIII AZIONAMENTI PASSO-PASSO. VIII-1. Introduzione. Il controllo del moto incrementale dei motori passo-passo si ottiene attraverso il software di un computer, programmando opportunamente gli impulsi

Dettagli

AUTOMAZIONE INDUSTRIALE

AUTOMAZIONE INDUSTRIALE AUTOMAZIONE INDUSTRIALE 1 Informazioni sul docente Alberto Leva Dipartimento di Elettronica e Informazione Politecnico di Milano Telefono 02 2399 3410 E-mail Sito web leva@elet.polimi.it www.elet.polimi.it/upload/leva

Dettagli

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C.

P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. P R O G E T T O L A R S A A P P U N T I S U L P. L. C. L automazione di un qualunque procedimento industriale si ottiene mediante un insieme d apparecchiature, opportunamente collegate tra loro, in modo

Dettagli

Introduzione. Ing. Gianmaria De Tommasi A.A. 2008/09. Controllo Digitale. Introduzione. Sommario. Informazioni sul corso.

Introduzione. Ing. Gianmaria De Tommasi A.A. 2008/09. Controllo Digitale. Introduzione. Sommario. Informazioni sul corso. Controllo Ing. Gianmaria De Tommasi A.A. 2008/09 1 2 di un sistema di controllo digitale Segnali tempo continuo e segnali tempo discreto Metodologie di progetto di sistemi di controllo digitali Alcune

Dettagli

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Specializzazioni: Elettronica e Telecomunicazioni Elettrotecnica - Informatica Modesto Panetti

ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Specializzazioni: Elettronica e Telecomunicazioni Elettrotecnica - Informatica Modesto Panetti ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Specializzazioni: Elettronica e Telecomunicazioni Elettrotecnica - Informatica Modesto Panetti BARI Via Re David 186 - Tel : 080/5425512 080/5560840 Anno Scolastico : 2009/2010

Dettagli

Articolazione Elettronica. Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettronica. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^

Articolazione Elettronica. Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettronica. Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Articolazione Elettronica Specializzazione Elettronica ed Elettrotecnica Articolazione Elettronica Elettronica ed Elettrotecnica - Classe 3^ Elettrotecnica Tipologie di Segnali Unità di misura delle grandezze

Dettagli

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Elettrico Elettronico

Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca. Liceo Tecnologico. Indirizzo Elettrico Elettronico Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Liceo Tecnologico Indicazioni nazionali per i Piani di Studio Personalizzati Obiettivi Specifici di Apprendimento Allegato_C8-LT-02-Elettrico

Dettagli

MESSA IN SCALA DI ALGORITMI DIGITALI

MESSA IN SCALA DI ALGORITMI DIGITALI Ingegneria e Tecnologie dei Sistemi di Controllo Laurea Specialistica in Ingegneria Meccatronica MESSA IN SCALA DI ALGORITMI DIGITALI Cristian Secchi Tel. 0522 522235 e-mail: secchi.cristian@unimore.it

Dettagli

PREMESSA AUTOMAZIONE E FLESSIBILITA'

PREMESSA AUTOMAZIONE E FLESSIBILITA' PREMESSA In questa lezione analizziamo i concetti generali dell automazione e confrontiamo le diverse tipologie di controllo utilizzabili nei sistemi automatici. Per ogni tipologia si cercherà di evidenziare

Dettagli

RIORDINO DEGLI ISTITUTI TECNICI. Figura Professionale Perito Elettronico ed Elettrotecnico

RIORDINO DEGLI ISTITUTI TECNICI. Figura Professionale Perito Elettronico ed Elettrotecnico Il Perito in Elettronica ed Elettrotecnica: RIORDINO DEGLI ISTITUTI TECNICI Figura Professionale Perito Elettronico ed Elettrotecnico ha competenze specifiche nel campo dei materiali e della tecnologia

Dettagli

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA 2.1 La meccatronica 2.2 Componenti di un azionamento elettromeccanico 2.3 Accoppiamento motore-carico 2.4 Regolazione di un azionamento Corso di Meccanica Applicata alle

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: 12 /09 /2015 Pag. 1 di 4. PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2015 / 16 MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: 12 /09 /2015 Pag. 1 di 4. PROGRAMMAZIONE ANNUALE A.S. 2015 / 16 MANUTENZIONE e ASSISTENZA TECNICA ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE J.C. MAXWELL Data: 12 /09 /2015 Pag. 1 di 4 INDIRIZZO SCOLASTICO DISCIPLINA DOCENTE / I CLASSE / I MECCANICA e MECCATRONICA ELETTRONICA LOGISTICA e TRASPORTI LICEO SCIENTIFICO

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI

SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Prof. Andrea Borghesan venus.unive.it/borg borg@unive.it Ricevimento: Alla fine di ogni lezione Modalità esame: scritto 1 Sistema informativo. Prima definizione Un sistema

Dettagli

MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO

MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO PIANO DI LAVORO CLASSE 4 ES A.S. 2014-2015 MATERIA : SISTEMI ELETTRICI AUTOMATICI INS. TEORICO: PROF. CIVITAREALE ALBERTO INS. TECNICO-PRATICO: PROF. BARONI MAURIZIO MODULO 1: SISTEMI E MODELLI (30 ore)

Dettagli

On the way to Industrie 4.0 Digitalization in Machine Tool Manufacturing

On the way to Industrie 4.0 Digitalization in Machine Tool Manufacturing On the way to Industrie 4.0 Digitalization in Machine Tool Manufacturing Joachim Zoll Head of Machine Tools Systems Siemens AG siemens.com/emo Principali sfide e driver nel panorama industriale Ridurre

Dettagli

Controllo Distribuito di Sistemi Produttivi

Controllo Distribuito di Sistemi Produttivi Politecnico di Bari DIPARTIMENTO DI ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Controllo Distribuito di Sistemi Produttivi David Naso Dipartimento di Elettrotecnica Politecnico di Bari, Italy Email: naso@poliba.it

Dettagli

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore

Dispensa di Fondamenti di Informatica. Architettura di un calcolatore Dispensa di Fondamenti di Informatica Architettura di un calcolatore Hardware e software La prima decomposizione di un calcolatore è relativa ai seguenti macro-componenti hardware la struttura fisica del

Dettagli

Introduzione alla programmazione dei PLC. ITI Alessandro Volta - Sassuolo Anno Scolastico 2009/2010

Introduzione alla programmazione dei PLC. ITI Alessandro Volta - Sassuolo Anno Scolastico 2009/2010 Introduzione alla programmazione dei PLC ITI Alessandro Volta - Sassuolo Anno Scolastico 2009/2010 Programmazione dei PLC 1 Concetti introduttivi La scrittura di un programma per PLC si basa sull'utilizzo

Dettagli

I tecnici di Automazione nel mondo del lavoro

I tecnici di Automazione nel mondo del lavoro I tecnici di Automazione nel mondo del lavoro Indagine sulla collocazione del tecnico/ingegnere di automazione nel mondo del lavoro pag. 1 Motivazioni Un osservatorio per l analisi dei bisogni di cultura

Dettagli

On the way to Industrie 4.0 Digitalization in Machine Tool Manufacturing

On the way to Industrie 4.0 Digitalization in Machine Tool Manufacturing On the way to Industrie 4.0 Digitalization in Machine Tool Manufacturing Dr. Wolfgang Heuring CEO Business Unit Motion Control, Siemens AG siemens.com/emo Digital Factory Il portfolio prodotti integrato

Dettagli

Tecnologie di Campo nell Automazione Industriale

Tecnologie di Campo nell Automazione Industriale Tecnologie di Campo nell Automazione Industriale Reti per l Automazione Stefano Panzieri Lan e Bus di Campo - 1 Stefano Panzieri Al livello più basso Misura e acquisizione delle grandezze di interesse

Dettagli

Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica

Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica !! !!!#! %&! (#%) Dopo il diploma in Elettrotecnica Elettronica Sbocchi lavorativi Progettista e installatore di impianti elettrici civili e industriali Progettista e installatore di impianti fotovoltaici

Dettagli

Corso di Elementi di Informatica. Salvatore Mattera. Il corso di Elementi di Informatica rivolto agli studenti del primo anno del Corso di laurea in

Corso di Elementi di Informatica. Salvatore Mattera. Il corso di Elementi di Informatica rivolto agli studenti del primo anno del Corso di laurea in Introduzione Corso di Elementi di Informatica Salvatore Mattera Introduzione 1 Obiettivo del Corso Il corso di Elementi di Informatica rivolto agli studenti del primo anno del Corso di laurea in ORGANIZZAZIONE

Dettagli

Corso di Automazione Industriale aa 2012/2013

Corso di Automazione Industriale aa 2012/2013 1 Corso di Automazione Industriale aa 2012/2013 elena.mainardi@unife.it 0532-974803 2 Materiale didattico Dispense Ing. Mainardi (web+fotocopisteria) + Materiale presente nella home page del precedente

Dettagli

Programmable Logic Controllers - PLC

Programmable Logic Controllers - PLC Programmable Logic Controllers - PLC Introduzione! Negli anni sessanta i sistemi di automazione e controllo potevano essere implementati solo tramite circuiti a relè oppure con dispositivi allo stato solido

Dettagli

PROCESSI PRODUTTIVI E LOGISTICA I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN

PROCESSI PRODUTTIVI E LOGISTICA I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN PROCESSI PRODUTTIVI E LOGISTICA I.T.S.T J.F. KENNEDY - PN A.S. 2014/15 Innovazione e ciclo di vita di un prodotto La progettazione di un prodotto e di conseguenza il suo processo produttivo dipende dalla

Dettagli

Automazione Industriale. Automazione Industriale. Università degli Studi di Siena Sede di Arezzo Corso di Laurea in Ingegneria dell Automazione

Automazione Industriale. Automazione Industriale. Università degli Studi di Siena Sede di Arezzo Corso di Laurea in Ingegneria dell Automazione Automazione Industriale Università degli Studi di Siena Sede di Arezzo Corso di Laurea in Ingegneria dell Automazione Automazione Industriale A.A. 2004-2005 Ing. Daniele Rapisarda 4 PARTE Marzo 2005 Corso

Dettagli

AMBIENTE INDUSTRIALE

AMBIENTE INDUSTRIALE AMBIENTE INDUSTRIALE Automazione di fabbrica (oggetto del corso) La fabbrica produce semilavorati o prodotti finiti Materiali grezzi (o riuso) -> semilavorato -> prodotto finito La fabbrica può comprendere

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE

PROFILO PROFESSIONALE TIEL - TECNICO DELLE INDUSTRIE ELETTRICHE --- Programmi MINISTERIALI di insegnamento delle discipline Area di indirizzo corso TIEL (approvati con DM 15 aprile 1994 e pubblicati sulla GU dell 1-7-1994 -

Dettagli

Elettronica per l'informatica 24/11/03

Elettronica per l'informatica 24/11/03 Contenuto dell unità D 1 Conversione dell energia metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari componentistica e tecnologie riferimenti di tensione, regolatori e filtri Alimentatori

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE. SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo: Elettrotecnica ed Elettronica

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE. SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo: Elettrotecnica ed Elettronica ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE Basilio Focaccia via Monticelli (loc. Fuorni) - Salerno PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE SETTORE TECNOLOGICO Indirizzo: Elettrotecnica ed Elettronica Anno scolastico:

Dettagli

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A)

CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) CONVERSIONE ANALOGICA DIGITALE (ADC)(A/D) CONVERSIONE DIGITALE ANALOGICA (DAC)(D/A) ELABORAZIONE ANALOGICA O DIGITALE DEI SEGNALI ELABORAZIONE ANALOGICA ELABORAZIONE DIGITALE Vantaggi dell elaborazione

Dettagli

DISCIPLINA: TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI ELETTRICI ED ELETTRONICI CLASSE DI CONCORSO: A035 - C270

DISCIPLINA: TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI ELETTRICI ED ELETTRONICI CLASSE DI CONCORSO: A035 - C270 A: Quadri elettrici OBIETTIVI DEL Conoscere i principali apparecchi di comando, segnalazione e protezione degli impianti elettrici. Conoscere il CAD elettrico. Saper descrivere le caratteristiche degli

Dettagli

ORIENTAMENTO ELETTRONICA. Progettazione di Sistemi Elettronici Elettronica per la Robotica Elettronica per l automazione industriale

ORIENTAMENTO ELETTRONICA. Progettazione di Sistemi Elettronici Elettronica per la Robotica Elettronica per l automazione industriale ORIENTAMENTO ELETTRONICA Progettazione di Sistemi Elettronici Elettronica per la Robotica Elettronica per l automazione industriale Progettazione di Sistemi Elettronici a.a. 20011-2012 Michele Corrà michele.corra@3tec.it

Dettagli

Componenti per l automazione industriale

Componenti per l automazione industriale Componenti per l automazione industriale Gest. Aziend. Pian. Prod. EDP PIMS Supervisione Controllo di base SCADA PLC / PID DCS Misura e comando Sensori e attuatori Architettura a singolo anello Realizzata

Dettagli

Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore

Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore Laboratorio di Disegno Assistito dal Calcolatore Luca Cortese c/o Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Ufficio n 20, via Eudossiana 18 tel. 06 44 585 236 e-mail: luca.cortese@uniroma1.it Laboratorio

Dettagli

COMANDI PER CICLI. Ciclo: un insieme di operazioni (movimentazioni, ecc.) che evolvono secondo una sequenza prestabilita.

COMANDI PER CICLI. Ciclo: un insieme di operazioni (movimentazioni, ecc.) che evolvono secondo una sequenza prestabilita. COMANDI PER CICLI Ciclo: un insieme di operazioni (movimentazioni, ecc.) che evolvono secondo una sequenza prestabilita. Tipologie di comandi per cicli: 1. MANUALI o ARBITRARI : ogni azione della sequenza

Dettagli

Strumentazione e Controllo dei Processi Chimici I : Introduzione ai Sistemi di Controllo

Strumentazione e Controllo dei Processi Chimici I : Introduzione ai Sistemi di Controllo Strumentazione e Controllo dei Processi Chimici I : Introduzione ai Sistemi di Controllo Claudio Scali Laboratorio di Controllo dei Processi Chimici (CPCLab) Dipartimento di Ingegneria Chimica (DICCISM)

Dettagli

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain

www.plannet.it La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain La soluzione software completa per la gestione integrata della Supply Chain - VANTAGGI L introduzione della soluzione software COMPASS e la contemporanea realizzazione di cambiamenti di carattere organizzativo

Dettagli

L automazione, sotto controllo.

L automazione, sotto controllo. L automazione, sotto controllo. STORIA EVOLUZIONE Automazione, controllo dei processi e informatica industriale: dal 1980 P.R.A.E. Senza errori, oltre ogni traguardo, da trent anni un Azienda sicura ed

Dettagli

SISTEMI DI PRODUZIONE

SISTEMI DI PRODUZIONE SISTEMI DI PRODUZIONE 1/49 Tipologia di sistemi produttivi Volume Sistema rigido Sistema flessibile Varietà parti 2/49 Modelli di Sistemi di produzione Sono basati sulla ripetitività delle operazioni di

Dettagli

CONTROLLO DIGITALE SISTEMI DI CONTROLLO DISTRIBUITO (DCS)

CONTROLLO DIGITALE SISTEMI DI CONTROLLO DISTRIBUITO (DCS) CONTROLLO DIGITALE SISTEMI DI CONTROLLO DISTRIBUITO (DCS) La tecnologia del controllo digitale è stata applicata al controllo dei processi sin dal 1959 (DDC: Direct Digital Control), ma la dipendenza totale

Dettagli

SISTEMI INTERESSATI ALL ACQUISIZIONE DATI

SISTEMI INTERESSATI ALL ACQUISIZIONE DATI SISTEMI INTERESSATI ALL ACQUISIZIONE DATI Strumenti dedicati a particolari fasi operative (esempio: analizzatori di bus di campo, sniffer, strumenti per il monitoraggio della distribuzione dell energia,..)

Dettagli

Corso di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Corso matricola 2011SI0890

Corso di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Corso matricola 2011SI0890 Corso di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) TECNICO SUPERIORE PER L AUTOMAZIONE INDUSTRIALE Corso matricola 2011SI0890 Unità Formativa Capitalizzabile UFC Gestione del servizio di manutenzione:organizzazione,

Dettagli

Storia del Controllo Automatico. Automatica ROMA TRE Stefano Panzieri- 1

Storia del Controllo Automatico. Automatica ROMA TRE Stefano Panzieri- 1 Storia del Controllo Automatico Automatica ROMA TRE Stefano Panzieri- 1 Storia del controllo a Controreazione Sviluppi fondamentali della storia umana che hanno condizionato lo studio e lo sviluppo dei

Dettagli

Modellistica e Controllo di Sistemi ad Eventi Discreti

Modellistica e Controllo di Sistemi ad Eventi Discreti Modellistica e Controllo di Sistemi ad Eventi Discreti Cos è l Automazione Industriale? Automazione Industriale: insieme di discipline (modelli, metodi e strumenti) che permettono di analizzare e progettare

Dettagli

DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI

DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI DISCIPLINA TECNOLOGIE E PROGETTAZIONE DI SISTEMI INFORMATICI E DI TELECOMUNICAZIONI INDIRIZZO DI INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI ARTICOLAZIONE TELECOMUNICAZIONI Utilizzare consapevolmente gli strumenti

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni

SISTEMI INFORMATIVI. Definizione, classificazioni SISTEMI INFORMATIVI Definizione, classificazioni IL SISTEMA INFORMATIVO AZIENDALE A cosa serve una definizione? a identificare i confini del SI a identificarne le componenti a chiarire le variabili progettuali

Dettagli

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica

ECCELLERE NELLA LOGISTICA. Generare opportunità con la logistica ECCELLERE NELLA LOGISTICA Generare opportunità con la logistica INTRODUZIONE Il settore della logistica rappresenta una risorsa strategica per la competitività delle imprese e del territorio ed è attualmente

Dettagli

L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo

L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo CONTROLLORI PID PID L idea alla base del PID èdi avere un architettura standard per il controllo di processo Può essere applicato ai più svariati ambiti, dal controllo di una portata di fluido alla regolazione

Dettagli