IL PIUSS LUCCA DENTRO UNA VALUTAZIONE DI PROCESSO A cura di COREP Torino GIUNTA REGIONALE TOSCANA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL PIUSS LUCCA DENTRO UNA VALUTAZIONE DI PROCESSO A cura di COREP Torino GIUNTA REGIONALE TOSCANA"

Transcript

1 GIUNTA REGIONALE TOSCANA POR COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE FESR Rapporto di valutazione IL PIUSS LUCCA DENTRO UNA VALUTAZIONE DI PROCESSO A cura di COREP Torino Anno 2013

2 IL PIUSS LUCCA DENTRO UNA VALUTAZIONE DI PROCESSO Il Rapporto di valutazione è stato chiuso a febbraio

3 INDICE Premessa 3 Pag. 1. Dalla progettazione al finanziamento regionale. Lo spazio della partecipazione 1.1 Dalla candidatura agli interventi finanziati 1.2 Un sentiero stretto per la partecipazione 1.3 I casi critici Erp: una manifestazione di interesse senza seguito Nuovo anfiteatro: una vicenda conflittuale Ex Manifattura tabacchi: un grande contenitore da utilizzare 7 2. Verso la realizzazione degli interventi. I nodi attuativi Il ruolo del Provveditorato per le Opere Pubbliche 2.2 Il ricorso sulla gara d appalto per l ex Manifattura Tabacchi 2.3 La sostenibilità finanziaria del piano 3. Una storia in parallelo. L evoluzione della struttura comunale Dalle radici (1999) all avvio della progettazione del Piuss (2008) 3.2 Dalla progettazione preliminare ( ) agli appalti ( ) 3.3 Autonomia o isolamento? 4. Considerazioni Conclusive 29 Bibliografia 32 Appendice 34 2

4 PREMESSA Il contesto della valutazione sul Piuss Lucca Dentro Il lavoro di valutazione, i cui esiti vengono presentati in questo documento, nasce dalla collaborazione tra Regione Toscana, Comune di Lucca, Sistema Nazionale di Valutazione e Corep/Master in Analisi delle Politiche Pubbliche. Più in particolare: - La Regione Toscana Direzione Competitività del Sistema Regionale e Sviluppo delle Competenze, è l attore che ha promosso, all intero del POR FESR , la realizzazione di interventi di riqualificazione urbana attraverso lo strumento del Piuss, ed è interessata a diffondere, attraverso la sua società partecipata Toscana Sviluppo, capacità di valutazione ed autovalutazione nei territori coinvolti in progetti di sviluppo - Il Comune di Lucca, artefice del PIUSS Lucca dentro, interessato ad avviare un percorso di valutazione ed autovalutazione del processo di elaborazione e successiva attuazione del proprio PIUSS - Il Sistema Nazionale di Valutazione, interessato a promuovere e diffondere esperienze di valutazione locale, cioè attività valutative volute/sostenute da autorità locali per rafforzare l azione pubblica e il governo alla scala in cui esse operano 1 - Il Master Universitario in Analisi delle Politiche Pubbliche, gestito dal Corep di Torino, giunto al termine della decima edizione, ha impegnato due studenti in una attività di tirocinio finalizzata alla redazione delle rispettive tesi di master, con oggetto la valutazione del Piuss Lucca Dentro. Lo strumento Piuss e la programmazione regionale Il POR Fesr prevede di finanziare, con l asse V, attività finalizzate alla Valorizzazione delle risorse endogene per lo sviluppo territoriale sostenibile", riprendendo e dando continuità alla strategia di sviluppo regionale che era stata definita con il Piano regionale di sviluppo I Progetti Integrati di Sviluppo Urbano Sostenibile (Piuss), rappresentano lo strumento per dare attuazione all Asse V, ed in particolare alla linea di attività Interventi di recupero e riqualificazione dell ambiente urbano e delle aree per insediamenti produttivi finalizzati alla creazione e al miglioramento di aree da destinare a spazi e servizi a fruizione collettiva, al terziario avanzato, nonché alla realizzazione di infrastrutture di servizi alla persona e alla linea Interventi di tutela, valorizzazione e promozione del patrimonio naturale e culturale nei contesti urbani funzionali alla fruizione di un turismo sostenibile. 1 Cfr il progetto Valutazione Locale nel sito SNV alla pagina: 3

5 Citando dalle Modalità di attuazione dei Piuss 2 : Il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PIUSS), costituisce un insieme coordinato di interventi, pubblici e privati, per la realizzazione in un ottica di sostenibilità - di obiettivi di sviluppo socioeconomico, attraverso il miglioramento della qualità urbana ed ambientale e una razionale utilizzazione dello spazio urbano; [..] si basa su un approccio integrato ed intersettoriale di diversi tipi di operazioni; è identificato, secondo un approccio di pianificazione complessa urbana, come strumento di sviluppo economico locale e di rigenerazione urbana, che opera prevalentemente mediante interventi di recupero, riqualificazione, riconversione e valorizzazione del patrimonio urbano esistente. [..] La Regione prevede inoltre che un PIUSS possa essere presentato da Comuni del territorio regionale con popolazione residente superiore a , specifiche criticità sociali, ambientali, economiche, territoriali, e debba prevedere una spesa pubblica totale ammissibile al POR non inferiore a di Euro e non superiore a di Euro. La definizione del Piuss deve avvenire attraverso processi di concertazione e coinvolgimento degli attori locali, ed il progetto deve essere accompagnato da studi di fattibilità relativi ai diversi interventi. L interesse del caso Lucca All interno di questo quadro di riferimento, il Comune di Lucca elabora ed avvia l attuazione del PIUSS Lucca Dentro, che si configura come progetto integrato di rigenerazione urbana che, intervenendo su di una porzione consistente del nucleo cittadino ricompreso all interno della cinta muraria, intende realizzare una serie di interventi finalizzati a migliorare la attrattività complessiva dell intero nucleo storico cittadino, contrastando i processi in atto di progressivo calo dei residenti, impoverimento di attività artigianali e commerciali, trasferimento all esterno di uffici e studi professionali. L intervento è attualmente nella fase di passaggio dalla progettazione - esaurita con l approvazione del PIUSS da parte della Regione - e dalla predisposizione delle condizioni per l attuazione esaurita con l esperimento di tutte le gare di appalto - alla vera e propria realizzazione degli interventi. Il PIUSS Lucca Dentro presenta alcune caratteristiche che ne fanno un caso studio di sicuro interesse: - si realizza all interno di un area della città con un importante patrimonio pubblico, ed agisce su elementi rilevanti di tale patrimonio, in costanza degli strumenti urbanistici - ha attivato un significativo percorso di concertazione e confronto pubblico sulle finalità ed i contenuti del Progetto intergrato - ha suscitato numerose manifestazioni di interesse per la gestione da parte di privati di iniziative localizzate nell area target del Progetto 2 Vedi Delibera di giunta n. 205 del 17/03/2008 4

6 - ha comportato uno straordinario sforzo da parte della struttura comunale e di risorse ad hoc attivate per la gestione dell intero processo e per la produzione degli elaborati progettuali, nel rispetto dei tempi abbastanza stringenti e delle scadenze definite dall Ente Regione - necessita in ogni caso della attivazione di significative risorse di attori istituzionali e privati per attivare l offerta di servizi dall alta formazione alla offerta commerciale - prevista dal Progetto Obiettivi e fonti della valutazione Il Piuss si presenta come uno strumento di intervento di elevata complessità, potenzialmente in grado, se ben interpretato e gestito, di introdurre significativi elementi di discontinuità nei percorsi di sviluppo del sistema delle città toscane. L analisi dei processi di progettazione ed attuazione dei Piuss toscani, riveste un interesse ancor più rilevante nella misura in cui il tema delle Città è posto tra quelli prioritari nella agenda delle politiche di coesione e sviluppo del prossimo ciclo di programmazione Con riferimento al caso Lucca, e di intesa con la Regione ed il Comune, la attività di valutazione ha provato a porre l attenzione su alcuni nodi: - la capacità del percorso di concertazione e progettazione di confrontarsi con tutti i rilevanti stakeholder e di suscitare un livello adeguato di partecipazione e di consenso intorno al progetto di rigenerazione urbana - le caratteristiche del modello organizzativo attivato per la gestione delle fasi di progettazione e di successiva attuazione, e le condizioni di replicabilità future del modello, nella ipotesi non improbabile che il Comune possa affrontare in futuro interventi analoghi per dimensioni e/o complessità - al PIUSS - l impatto, in termini di cambiamenti prodotti, sulla struttura comunale conseguente alle scelte organizzative effettuate per la gestione del PIUSS - la individuazione delle precondizioni, relative alla dinamica che si è definita nel rapporto tra livello politico e livello tecnico-amministrativo, così come nella interazione con i principali portatori di interessi esterni alla amministrazione comunale che hanno garantito il successo, almeno fino allo stato attuale di realizzazione del percorso, e che possono costituire condizioni di successo per operazioni dello complessità del PIUSS - le caratteristiche della rete di attori pubblici e privati che si è andata strutturando intorno alla definizione dell intervento, e le potenzialità, ovvero i limiti, del sistema di relazioni rispetto al successo della fase di attuazione e al conseguimento degli obiettivi più generali del progetto di rigenerazione Il lavoro di analisi si è sviluppato attraverso interviste a testimoni privilegiati (si veda in Appendice l elenco delle interviste realizzate) e l analisi della documentazione di progetto. Tale attività di ricerca è stata sviluppata da due tesisti del Master in analisi delle Politiche 5

7 Pubbliche, ed il presente documento è frutto di una rivisitazione e integrazione delle Tesi di Master. 3 Il capitolo 1 riporta gli esiti della ricostruzione del processo di progettazione partecipata, il capitolo 2 ricostruisce il percorso attuativo del Piano, il capitolo 3 da conto delle modifiche organizzative avvenute in relazione all intero percorso, ed infine il capitolo 4 propone alcune chiavi di lettura del processo così come ricostruito. 3 Gli stagisti impegnati nel progetto sono Alessandro Ponti, che ha redatto la tesi dal titolo L impatto sulla struttura comunale: dinamiche e strategie di adeguamento, nella quale ha ricostruito in particolare il processo di attuazione del Piano e l evoluzione della struttura comunale; e Federica Mazzoni, che ha redatto la tesi dal titolo Soggetti della Città e istituzioni per la rigenerazione del centro storico, nella quale ha ricostruito in particolare il processo di progettazione degli interventi. Il lavoro di redazione del presente documento è stato curato da Gianfranco Pomatto, che ha anche supervisionato il lavoro di ricerca degli stagisti. Il coordinamento della ricerca è stato svolto da Augusto Vino, vice-direttore del Master 6

8 1. DALLA PROGETTAZIONE AL FINANZIAMENTO REGIONALE. LO SPAZIO DELLA PARTECIPAZIONE Questo capitolo focalizza l attenzione sulla progettazione preliminare del Piuss, che si colloca all interno di una prima macrofase del processo, intercorrente tra la decisione del Comune di Lucca di avanzare la propria candidatura in risposta al bando regionale e la decisione della Regione Toscana di ammettere al finanziamento 11 dei 14 progetti proposti da Lucca (si veda la Tab.1). Il primo paragrafo propone una sintetica cronistoria di questa macrofase, mentre il secondo affronta direttamente la questione del ruolo svolto dalla partecipazione degli stakeholder, mentre il terzo approfondisce quattro casi in cui la progettazione degli interventi sembra mostrare alcuni aspetti critici. Tab. 1 Cronistoria dicembre Emanazione da parte della Regione Toscana di un documento di orientamento per i PIUSS marzo Pubblicazione da parte della Regione Toscana dell elenco definitivo dei comuni ammissibili e dei criteri di valutazione per i PIUSS maggio Pubblicazione da parte della Regione Toscana dell avviso per la 2008 manifestazione di interesse al cofinanziamento dei PIUSS maggioluglio Elaborazione da parte del Comune di Lucca del Documento di Orientamento strategico luglio Prima conferenza di concertazione, Comune di Lucca settembre Seconda conferenza di concertazione, Comune di Lucca 2009 gennaio febbraio marzo ottobre Terza conferenza di concertazione, Comune di Lucca Quarta conferenza di concertazione, Comune di Lucca; sottoscrizione dell intesa di concertazione; approvazione unanime del Consiglio Comunale di Lucca Candidatura da parte del Comune di Lucca del PIUSS Lucca Dentro Ammissione al finanziamento dei progetti preliminari del PIUSS di Lucca da parte della Regione Toscana (11 progetti su 14 presentati) 1.1 Dalla candidatura agli interventi finanziati Come nasce l idea di proporre un PIUSS a Lucca? E come si è svolta la fase di progettazione preliminare che, secondo le indicazioni regionali, doveva prevedere una ampia attività di partecipazione dei principali stakeholder cittadini? Come molte città, italiane e non, Lucca soffre di un progressivo spopolamento del centro storico e di un urbanizzazione della periferia. Le cause di questo fenomeno sono da ricercarsi nella crescente carenza di opportunità e servizi in parte imputabile al decadimento delle strutture, il cui recupero risulta spesso troppo oneroso sia per i soggetti pubblici che per quelli 7

9 privati. Quando la Regione Toscana, tra la fine del 2007 e i primi mesi del 2008, dà formalmente impulso all avvio dei PIUSS, l amministrazione comunale, con alcuni funzionari e il Dirigente dell attuale Servizio di Staff Strategie di Sviluppo e Finanziamenti Europei (di seguito Servizio Piuss), recependo i documenti relativi ai fondi strutturali e del POR CreO, capiscono di avere l opportunità di poter riqualificare immobili in disuso e aree cittadine, migliorandone la qualità urbana, creando le condizioni per rilanciare lo sviluppo locale, l attività economica e turistica e rafforzando alcuni legami sociali impoveriti dal progressivo calo di residenti e di attività artigianali e commerciali. L idea prende forma concreta in quello che era l Ufficio Politiche e Finanziamenti Europei del Comune, nel quale un funzionario si occupava dello studio dei Fondi strutturali, in particolare del POR CreO, per la ricerca di bandi a cui partecipare. Il funzionario decide di condividere l informazione con l allora Dirigente del Settore Ambiente che sapeva essere interessato e con esperienza già maturata nel campo della progettazione europea. Il Dirigente ne parla con il Sindaco che avvalla l ipotesi di un impegno dell amministrazione nell ideazione di interventi di riqualificazione e rigenerazione urbana, XXX capì subito e iniziò a ragionarne con il Sindaco [Intervista 3] Le possibili aree destinatarie della riqualificazione sono due: una la zona che poi è stata scelta, l altra nella parte est della città dove c è il museo Guinigi, IMT, piazza San Francesco. [Intervista 3]. La scelta a favore di una porzione consistente e contigua al centro storico cittadino compreso all interno della cinta muraria, come è emerso da diverse interviste e da colloqui informali non registrati, riceve l impulso determinante da parte dell amministrazione allora in carica ed in particolare del Sindaco. La scelta di delimitare dal punto di vista della prossimità territoriale la zona del PIUSS se costituisce un primo vincolo imprescindibile anche per le fasi successive è, in ogni caso, assai coerente con i criteri previsti dalla Regione: Avevano assunto quell idea di concentrazione territoriale, anche intesa come prossimità e contiguità, cioè una vera porzione di città- non sempre gli altri Comuni lo hanno fatto- e noi si è voluto valorizzare la strategia, il raccordo [ ] Continuo a pensare che fosse tra i migliori. [Intervista 23]. La caratteristica principale dell area candidata al finanziamento è, infatti, quella di essere circoscritta territorialmente e di avere all interno edifici di proprietà comunale che costituiranno il centro del progetto di riqualificazione. Il fatto che il Comune sia il proprietario degli immobili permette, peraltro, di velocizzare il disbrigo di pratiche burocratiche quali permessi e autorizzazioni: Leggendo il programma dei Piuss siamo riusciti a identificare quella che poteva essere l area del progetto. Siamo partiti da un idea più grande che erano tutti i contenitori urbani non utilizzati [ ] Questa parte dell area cittadina aveva tutte le caratteristiche che erano previste dal bando. [intervista 2]. Tra la fine del 2007 e la metà del 2008 il Comune di Lucca, avvalendosi di diverse collaborazioni esterne, si impegna dunque nella traduzione di queste scelte di fondo in 8

10 documenti tecnici utilizzabili per proporre la propria manifestazione di interesse alla Regione: un documento di illustrazione di massima dei progetti previsti denominato Documento di Orientamento Strategico, il Masterplan degli stessi e gli studi di fattibilità complessiva del Piano. E dunque in questa fase che prende corpo in termini piuttosto definiti la fisionomia del Piuss e dei progetti che esso prevede e il Comune vi gioca il ruolo, in assoluto, più rilevante: Il Comune ha poi ritenuto di poter procedere con la progettazione [ ] Nel PIUSS il ruolo centrale è del Comune. [Intervista 8], Tutta la scelta, l individuazione, la motivazione, è una situazione nata all interno dell amministrazione comunale. [Intervista 16]. Il Documento di Orientamento Strategico del PIUSS Lucca Dentro nel quale vengono esplicitati la filosofia complessiva del progetto ed i 14 interventi che verranno proposti alla Regione Toscana, seppure con l apporto di alcune modifiche, è ultimato nel luglio Secondo il Disciplinare di Modalità di Attuazione Regionale del PIUSS (DAR), il Comune di Lucca, in raccordo con la Provincia, è tenuto a garantire e a predisporre una serie di attività dirette ad assicurare la partecipazione di potenziali soggetti economici e non, pubblici e privati e il coinvolgimento della cittadinanza. A tal fine, dunque, il Comune di Lucca, congiuntamente alla Provincia, organizza, convoca e presiede quattro Conferenze di concertazione alle quali vengono invitati enti pubblici con competenze istituzionali nell area di progetto, le circoscrizioni comunali interessate, gli altri soggetti pubblici operanti a livello comunale, le rappresentanze locali delle categorie imprenditoriali e dei lavoratori, i soggetti associativi espressione di interessi sociali diffusi. Più precisamente nel corso della prima conferenza (luglio 2008) viene presentato il Documento di Orientamento Strategico e gli interventi relativi, che costituiscono gli oggetti sui quali vengono richiesti pareri e sollecitati eventuali progetti integrativi o relativi ad altre specifiche realizzazioni. Nel corso della seconda conferenza (settembre 2008) vengono illustrati la scheda di comunicazione, attraverso la quale esprimere osservazioni e integrazioni, la modalità per esprimere manifestazioni di interesse, i criteri di valutazione e di eventuale recepimento delle osservazioni da parte della specifica Commissione istituita a tal fine dalla Giunta comunale. Nel corso della terza conferenza (gennaio 2009) vengono presentati gli esiti delle osservazioni raccolte attraverso le schede di comunicazione e le proposte pervenute attraverso le manifestazioni di interesse che non costituiscono vincolo di impegno né per l amministrazione comunale, né per i soggetti proponenti. La quarta conferenza (febbraio 2009) è invece dedicata alla illustrazione dell elenco definitivo degli interventi e alla sottoscrizione dell intesa di concertazione con i soggetti pubblici e privati del territorio, mentre pochi giorni dopo il Consiglio comunale approva il piano all unanimità ed esso è presentato alla Regione entro il termine previsto per il 20 marzo

11 La Tabella 2 offre un quadro sinottico dei 14 progetti contenuti nel PIUSS proposta dal Comune: 11 di essi sono considerati finanziabili dalla Regione, mentre gli altri 3 vengono valutati non ammissibili al finanziamento perché non coerenti con quanto previsto dal bando. Tabella 2. Il PIUSS Lucca Dentro Intervento Infrastrutture per lo sviluppo economico: centri servizi alle imprese, centri di competenza PMI, strutture per terziario avanzato (asse 5.1A) Interventi di recupero e riqualificazione dell'ambiente urbano e delle aree per insediamenti produttivi finalizzati a fruizione collettiva. Infrastrutture per il turismo e centri commerciali naturali (Asse 5.1B) Costruzione, recupero e riqualificazione di strutture per la tutela dei diritti di cittadinanza sociale (Asse 5.1C) Realizzazione strutture per asili nido e servizi integrativi prima infanzia (Asse 5.1D) Centro di competenza per lo sviluppo e l insediamento d impresa ad alta innovazione tecnologica Strutture per l alta formazione connesse al trasferimento tecnologico Centro di competenza di tecnologie, arti e spettacolo Terminal bus turistici Centro accoglienza turistica Centro congressi Piazze attrezzate ad uso mercatale Centro per attività di contrasto al disagio sociale Asilo nido Descrizione Su di una superficie di circa 2000 mq lordi si realizzano 14 moduli da 55 mq ciascuno da destinare ad incubatore di impresa, 11 moduli da 70 mq da destinare alle nuove imprese ad alto potenziale di crescita, una reception ed una sala tecnica. L intervento consiste nella ristrutturazione di circa 922 mq dell'ex Manifattura Tabacchi da adibire a strutture per l'alta formazione. Il restauro della parte storica di parte del complesso, che mantiene morfologicamente la struttura conventuale, cuore pulsante della reinvenzione creativa del luogo stesso, costituirà il Centro di competenza per le nuove professionalità. Posta al confine dell attuale Parcheggio di Piazza Palatucci e con vista panoramica delle Mura l'infrastruttura diviene punto di sbarco e imbarco per visitatori della città. Il nuovo centro accoglienza turistica sarà allestito all interno dell ex Cavallerizza, attualmente in disuso. Il progetto prevede il potenziamento degli spazi congressuali già presenti nel complesso del San Romano, all'interno degli edifici della ex-caserma Lorenzini. L operazione, volta allo svolgimento di mercati, eventi, fiere ed attività commerciali e promozionali, ed alla riqualificazione urbana ed ambientale mediante la creazione di spazi pubblici aperti alla fruizione dei cittadini e dei visitatori, prevede la creazione di un inedito sistema urbano, riaprendo, nel complesso della ex Manifattura Tabacchi. Operazione volta a promuovere recupero e riqualificazione di strutture edilizie da destinare allo sviluppo delle attività di consulenza e di supporto psicologico, organizzativo ed economico. Il progetto prevede la realizzazione di un asilo nido per 30 bambini nei locali della ex-caserma Lorenzini al piano terra con annesso giardino ad uso esclusivo. Importo complessivo dell opera , , , , , ,00 PROGETTO NON FINANZIATO , ,00 10

12 Interventi di tutela, valorizzazione e promozione del patrimonio naturale e culturale nei contesti urbani funzionali alla fruizione di un turismo sostenibile (Asse 5.2) Valorizzazione delle mura urbane Nuovo Anfiteatro Teatro del Giglio Palazzo Ducale Museo del Fumetto L intervento di valorizzazione delle mura urbane di Lucca comprende l ampio settore occidentale che va dal baluardo santa Croce al baluardo Santa Maria. L inserimento, entro il vuoto urbano di Piazza Verdi, di una grande cavea ellittica - con l asse maggiore parallelo al segmento di cinta difensiva ove si apre Porta Sant Anna e quello minore in asse con questa - si lega alla memoria storica del luogo, un tempo denominato Prato del Marchese. Gli interventi previsti sono volti a rendere la struttura più funzionale, tecnicamente adeguata agli standards operativi di un teatro moderno, in grado di accogliere da un punto di vista tecnico spettacoli tradizionali e non. Gli interventi previsti integrano, migliorando l offerta, le richieste di una domanda di fruizione in costante crescita. Il progetto prevede l'ampliamento del Museo del Fumetto attraverso una nuova struttura e la ristrutturazione di locali esistenti attualmente non utilizzati. PROGETTO NON FINANZIATO , ,37 PROGETTO NON FINANZIATO ,00 TOTALE , Un sentiero stretto per la partecipazione Dalle testimonianze raccolte nelle interviste, emerge una diffusa convinzione che nella fase di definizione dei progetti preliminari da inserire nel PIUSS lo spazio per la partecipazione degli stakeholder sia stato relativamente circoscritto. Detto in altri termini, è opinione diffusa che la consultazione sul documento strategico predisposto dal Comune non potesse che produrre alcune correzioni od integrazioni al margine di scelte già ampiamente strutturate, anche in relazione alla necessità di rispettare le scadenze ed i vincoli regionali per la presentazione della manifestazione di interesse al cofinanziamento del piano, che difficilmente avrebbero consentito riformulazioni di particolare intensità: Le idee sono state utilizzate per arricchire e poi in pratica le manifestazioni dovevano andare sulle linee guida che avevamo fatto. [Intervista 3], Quando il progetto è stato presentato (n.d.r. in sede di prima Conferenza di concertazione) era definito sia per quanto riguarda le competenze d uso, che dal punto di vista architettonico, totalmente definito [ ] è passato il concetto che in questa fase di concertazione non si potevano modificare; è stata fatta una concertazione anche a livello superiore con la Regione e modificare sostanzialmente il PIUSS poteva creare problemi al momento dell assegnazione ed erogazione dei contributi [ Intervista 17], Quando abbiamo partecipato, alla prima Conferenza, ci hanno detto quali erano le diverse idee progettuali [ ] Ci fu chiesto quali erano le nostre priorità ma erano riunioni di 11

13 spiegazione per le cose che volevano fare. [ ] Abbiamo fatto più delle integrazioni rispetto alle idee che avevano loro (n.d.r. l amministrazione comunale). [ Intervista 15]. Fanno la partecipazione solo se sono costretti, fanno il minimo per poterlo definire partecipazione. Arrivano lì, fanno la riunione, illustrano il progetto, fanno parlare il tecnico che riesce più a dare grinta e suggestione, ma le decisioni sono già tutte belle prese [ ] forse se fossi al governo dell amministrazione farei così anche io perché la partecipazione è un bel peso!. [Intervista 14]. Sono diverse le segnalazioni raccolte da interlocutori che riportano di avere avuto idee, più o meno strutturate, rispetto a luoghi da riqualificare alternativi e/o altre destinazioni d uso degli stessi. Tuttavia, tali proposte non sono state avanzate dal momento che le manifestazioni di interesse erano vincolate attorno alle proposte già formulate nel Documento di orientamento strategico: Abbiamo un contenitore come la Manifattura, invece che riassegnare alle solite X imprese con le dichiarazioni di interesse si potevano fare scelte diverse [ ] Allora fai una scelta di accorpare tutti gli uffici della pubblica amministrazione, ma non solo il Comune, faccio rientrare l Agenzia delle Entrate e altri uffici. [ Intervista 12], Sono comunque sempre dell idea che gli edifici finanziari dovrebbero rientrare all interno della città Equitalia, l Ufficio Tributi tanto la città si vive solo in un modo ben specifico per chi è di Lucca: io ci vado (n.d.r. nel centro storico) perché devo andare all ufficio pubblico è lì, allora faccio anche un giro in centro e comunque la vivo con un altra ottica. L ex Manifattura Tabacchi sarebbe stata la naturale localizzazione per una cittadella dei servizi, dove accogliere un insieme di uffici che i cittadini possono trovare centrali e tutti insieme. [Intervista 21], All inizio c è stato un poco di discussione relativa all inserimento o meno di qualche altro spazio, tipo il Mercato del Carmine che però poi non è stato inserito perché non c era contiguità territoriale. [ ] Da parte nostra ci fu questo tentativo perché il Carmine è una ferita aperta nel cuore della città, e ogni tentativo di recupero è economicamente difficile da sostenere. Ma ci dissero (il Comune n.d.r) che i colloqui con la Regione hanno fatto capire che era meglio procedere con un piano più compatto, più localizzato [Intervista 17], Avremmo voluto inserire il vecchio Mercato del Carmine, ma una ricetta vincente qui non si è trovata. Noi la pensammo a suo tempo, quando andammo a visitare quella struttura di Torino, Eataly, davanti al Lingotto, che è tutta alimentare, molto bella, proponemmo al dott. XXX di [ ] che era promotore del progetto [Intervista 20], 1.3 I casi critici Per sostanziare in termini più concreti alcune criticità che ha incontrato la progettazione preliminare degli interventi limiti che come argomenteremo nelle conclusioni non sono da imputare in termini semplicistici ed esclusivi al Comune di Lucca è utile considerare con maggiore dettaglio alcuni casi in tal senso di particolare interesse: una manifestazione di interesse avanzata nella fase di consultazione che non ha avuto seguito; una vicenda 12

14 conflittuale che ha le sue radici nella stessa progettazione dell intervento; un progetto di grande portata che tuttavia richiederà un impegno, anche progettuale, non indifferente per la sua concreta utilizzazione, al di là della mera esecuzione fisica delle opere Erp: una manifestazione di interesse senza seguito ERP è il soggetto gestore degli alloggi di edilizia popolare dei Comuni della Provincia di Lucca che, mediante manifestazione di interesse, ha presentato progetti di ristrutturazione di alcuni locali dell ex Manifattura Tabacchi per ricavarne alloggi a canone agevolato. Il Responsabile degli Affari Generali di ERP viene informato di questa possibilità da un Consigliere comunale della maggioranza che lo mette in contatto con un Dirigente comunale: Abbiamo avuto molti contatti prima di presentare il progetto [ ] diciamo che non l aveva proprio avvallato ma neanche scoraggiato. [Intervista 18]. Riservare parti dell ex Manifattura all edilizia popolare, però si scontra con la visione prevalente su come riqualificare l immobile: Poi c è stato il problema delle case, dell edilizia residenziale sovvenzionata e lì abbiamo espresso perplessità (n.d.r. al Comune) relative al fatto che se nella Manifattura si voleva fare un albergo a cinque stelle e poi accanto un edilizia di un certo tipo, con le finestre che si aprono sulla stessa piazza interna bè, ci sembrano incompatibili dal punto di vista del mercato, anche se da quello sociale avrebbe potuto essere un esperimento, ma questa prospettiva mi pare limiti fortemente l interesse privato ad investire, nonostante l ottima posizione non avrebbe qualificato tutto lo sforzo [Intervista 17]. Il tema del ripopolamento del centro storico da parte di giovani che difficilmente hanno la possibilità di acquistare o affittare in quel luogo le abitazioni, per i quali sarebbe stato utile dedicare parte delle strutture riqualificate ad alloggi a canone agevolato, è stata una delle richieste maggiormente indicate dai cittadini che hanno inviato le proprie osservazioni attraverso le schede di comunicazione (Allegato tecnico all Intesa di Concertazione). Nonostante questo la Commissione addetta alla valutazione non ha ammesso il progetto perché non coerente con gli interventi indicati dal bando regionale, seppure considerato d interesse rilevante per lo sviluppo del contesto urbano espresso nel Documento di orientamento strategico, Secondo me c è stato un problema nella maggioranza in Comune. [ ] Ci hanno detto che era incompatibile con le cose enormi che volevano fare [ ] hanno puntato sul turismo congressuale, invece per noi quell edificio era da rivitalizzare per la gente, insomma loro la scelta l hanno fatta. [ ] Io al progetto nell ex Manifattura ci credevo, a Lucca ci sono più negozi che abitazioni, bello per i turisti da matti, ma le case sono vuote [ ] perché il centro storico così prima o poi crolla, tanto è vero che c è un mucchio di cartelli Vendesi, Affittasi, e se questi un giorno riaprono non sarà lì, ma in luoghi con costi minori, fuori dal centro [Intervista 18]. La tesi di una diffidenza politica verso il progetto è riscontrabile anche in altre testimonianze: 13

15 Questa cosa è stata strana, non si è mai capita bene perché l edilizia popolare poteva esserci, per i giovani l idea è che ci siano state delle pressioni politiche della destra che diceva che lì le giovani coppie, tutti giovani marocchini che sono primi nelle graduatorie! [Intervista 2] Nuovo anfiteatro: una vicenda conflittuale Questo intervento PIUSS, approvato e finanziato da bando regionale, prevede la riqualificazione di Piazzale Verdi con la costruzione di una struttura a forma di ellissi che, andando a ricalcare l antico anfiteatro utilizzato per le corse dei cavalli in epoca ottocentesca, diventa sede di spettacoli e manifestazioni culturali all aperto (Relazione sullo stato di attuazione e andamento del progetto redatta dal Servizio PIUSS del Comune al Comitato tecnico di valutazione regionale, datata 22/11/2012). Il caso è rilevante perché offre l occasione di tornare a riflettere sulla natura e sulla conduzione del percorso di elaborazione dei progetti e del relativo coinvolgimento della città. Infatti il progetto del Nuovo Anfiteatro è stato oggetto di esposti presentati dalla sezione locale dell Associazione Italia Nostra che partecipa al percorso concertativo e che invia due osservazioni mediante schede di comunicazione: Dal primissimo incontro c erano delle cose che non ci tornavano rispetto ai nostri ragionamenti. Per esempio il fatto che il loro progetto (n.d.r dell amministrazione comunale) prevedeva la cancellazione del Parco della Rimembranza 4, perché il problema è che questo problema l abbiamo tirato fuori noi, loro avevano presentato il progetto senza neppure accorgersi che c era il Parco! Il progettista diceva che sono due alberi, non è un problema, l avevano sottovalutato. [Intervista 14]. Le contestazioni di Italia Nostra cominciano dalla prima presentazione di riqualificazione. Infatti nella bozza iniziale era prevista anche l ipotesi di costruzione di un parcheggio interrato come progetto non finanziabile dai fondi PIUSS ma avanzato come complementare. L Associazione mette all erta la Soprintendenza che blocca sul nascere il progetto, così come quello della riqualificazione di Piazzale Verdi: [ ] invece il Comune è voluto andare avanti con Piazzale Verdi, ma come ha fatto se la Soprintendente XXX aveva detto di no? Eh, perché è cambiato il Soprintendente! E quello nuovo ha detto agli altri funzionari che avevano seguito tutto: del PIUSS me ne occupo io. Lui è stato sei mesi e approva tutti i progetti PIUSS, anche quello che prevede la cancellazione del Parco della Rimembranza, la costruzione dell ellissi (n.d.r. l Anfiteatro) [ ] noi contestammo questa soluzione perché non era in accordo con le norme vigente sui beni culturali [ ]quindi presentiamo a maggio 2009 un esposto alla Sovrintendenza e al Ministero [ ] nel frattempo era subentrato un altro Soprintendente a Lucca [ ] che ravvede l incongruità urbanistica di questo progetto e dice che deve revocare la sua autorizzazione. Il 4 Il Parco della Rimembranza è il luogo creato per la commemorazione dei caduti della Prima Guerra Mondiale. È composto da tre aiuole, 120 alberi (ognuno dei quali corrisponde a una vittima di guerra), e un monumento composto da due distinte sculture 14

16 comune fa orecchie da mercante e lancia il bando di gare per l assegnazione dei lavori così per come era stato approvato. A quel punto io faccio vedere il bando al Soprintendente che va subito alla revoca dopo averla solo minacciata [ ]. [Intervista 14]. L estratto dell intervista riportato offre un quadro della complessità e degli intrecci che si susseguono in questa vicenda e che provocano stalli o accelerazioni. Si riscontra una sola costante, che è ciò che ci preme affrontare in questa analisi: sin dall inizio del percorso di concertazione Italia Nostra e l amministrazione si pongono in contrasto rispetto all approccio di rigenerazione prospettato per Piazzale Verdi: La consideravano una riqualificazione della piazza che non era una riqualificazione. [ ] Italia Nostra contestava alla radice la riqualificazione. [Intervista, 3], Noi l abbiamo detto cosa vogliamo, no a questo progetto, sì al restauro del Parco della Rimembranza [ ] questo qui ormai è vita o morte e anche l ultima soluzione compromissoria del Soprintendente non ci soddisfa (n.d.r. soluzione approvata dalla Soprintendenza con nota del 27/9/2012 in Relazione sullo stato di attuazione e andamento del progetto redatta dal Servizio PIUSS del Comune al Comitato tecnico di valutazione regionale, datata 22/11/2012). [Intervista 13] Ex Manifattura tabacchi: un grande contenitore da utilizzare Elaborando la strategia complessiva del PIUSS, l amministrazione comunale, proprietaria dell ex Manifattura Tabacchi, intende riqualificarla e ripensarne alcuni degli ampi spazi che sono in disuso. Da bando regionale sono valutati più positivamente quegli interventi capaci di puntare sull innovazione e sul trasferimento tecnologico per la creazione di strutture dedicate all alta formazione e a nuove imprese. È così che il Comune di Lucca si attiva per creare delle infrastrutture adatte allo sviluppo economico, individuando come interlocutrice privilegiata la Camera di Commercio che nel territorio della provincia lucchese ha da tempo una consolidata esperienza in questo campo: Questa è una cosa che nasce proprio dall amministrazione comunale con l intento di recuperare non solo uno spazio, ma proprio con l idea di metterci alcune funzioni strategiche [ ] nasce con lo scopo, che è un indicazione molto precisa sul discorso dell innovazione dei beni culturali, valorizzazione dell attività congressuale, la creazione di poli tecnologici per imprese va su tipologie abbastanza univoche come tema, come strategia e puntare su queste cose è una scelta forte, perché è una strategia di quello che dovrebbe essere un operatività nei prossimi anni [ ] abbiamo apprezzato questa scelta di focalizzarsi su temi specifici e dall altra che si riuscisse a smuovere l utilizzo di una così grande volumetria come la Manifattura. [Intervista 16]. Inizia tra i due soggetti una sinergia progettuale che sfocia nell approvazione della proposta di Innovazione trasferimento tecnologico presentata dalla Camera di Commercio, attraverso manifestazione di interesse e che vede l approvazione di finanziamento finale dalla Regione: La Manifattura Tabacchi si collega benissimo perché noi stiamo seguendo altri progetti analoghi nella provincia e in città [ ] e allora ci siamo offerti di prendere la gestione, 15

17 trovare chi li possa riempire questi spazi [ ] il problema è sempre l aspetto gestionale che dovrebbe essere affidato a un soggetto unico che sia all altezza [ ] noi da anni diamo la disponibilità a farla[ ].[Intervista 16]. Emerge così il nodo problematico di riuscire a tenere insieme, già nella fase di progettazione preliminare, gli interventi di ristrutturazione fisica del contenitore ex Manifattura Tabacchi con i differenti contenuti, vale a dire i servizi che si dovranno implementare ed erogare. La difficoltà non è banale perché per mantenere una stretta congruità tra i due processi di recupero fisico e attivazione dei servizi all interno dell ex Manifattura occorre sapere con precisione la destinazione d uso dei vari locali: Faccio un esempio: sul polo tecnologico che abbiamo fatto (n.d.r. si riferisce al Polo nell area dell ex fabbrica Bertolli) sapevamo già che lì ci andava questo centro particolare, e di là il laboratorio per il cartaio. Quando siamo andati a progettarlo, l abbiamo progettato insieme a loro che adesso ci stanno dentro, perché dove dovevano andare i laboratori dovevano dirlo loro [ ] [Intervista 16]. Un aspetto critico della situazione è relativo al cospicuo periodo di tempo intercorso tra la progettazione degli interventi -tra il 2008 e il e il momento del probabile concreto avvio dei cantieri fissato al giugno 2013 (Relazione sullo stato di attuazione e andamento del progetto redatta dal Servizio PIUSS del Comune al Comitato tecnico di valutazione regionale, datata 22/11/2012). Un arco di tempo che ha visto modificarsi in maniera consistente il contesto economico nel quale si erano prospettate le operazioni di rilancio dell ex Manifattura Tabacchi. Si rileva che in questo quadro mutato e certamente più complicato, il Servizio Piuss del Comune è tuttora occupato nel riuscire ad espletare tutte le procedure formali per avviare i cantieri [Interviste ai funzionari del Servizio PIUSS], mentre la Camera di Commercio si pone in un ruolo di attesa non privo, tuttavia, dell iniziale interesse per il progetto: Nel momento in cui si avvieranno i lavori per un paio di anni non succederà nulla. Cercare ora un partner potrebbe essere utile e lungimirante ma fra due anni è cambiata tutta la faccenda! [ ] Faccio l esempio dell incubatore che abbiamo fatto: noi siamo partiti a pubblicizzarlo quando c erano gli spazi realizzati, infrastrutturali e tutti collegati, non ci siamo messi a pubblicizzarlo un anno prima. Si creano delle attese, delle aspettative che poi dici bene, torna fra un anno- ma le imprese tra un anno e quindi io sono più per dire che staranno vuoti per sei mesi (n.d.r. gli spazi dell ex Manifattura Tabacchi), però non vendo qualcosa che non è ancora tangibile [ ]. [Intervista 16]. Il rischio che dopo la ristrutturazione fisica degli immobili non si riescano ad attivare i servizi previsti è esplicitamente richiamato anche in un altra intervista: Quando si fa un intervento pubblico, si ristruttura un immobile, un contenitore vuoto e non si va a definire qual è la categoria e gli operatori a cui è destinato, il rischio è di fare interventi non utili, un investimento di soldi pubblici che hanno il pregio sì di restaurare un edificio inutilizzato ma con il rischio di tenerlo ancora chiuso, o inventarsi attività e funzioni per cui, però, non c è bisogno. [ ] D altra parte la realtà è così cambiata da quando si è partiti che la propensione all investimento dei privati è ai minimi storici, e molte cose pensate nel 2008 ora sono meno attuali e riposizionare la cosa è difficile. [Intervista 17]. 16

18 2. VERSO LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI. I NODI ATTUATIVI Questo capitolo prosegue l analisi del processo relativo al Piuss di Lucca seguendone l evoluzione secondo un ordine cronologico. Più precisamente si occupa di tre nodi critici che sono emersi tra il 2010 ed il 2012, parallelamente alla progettazione definitiva degli interventi e alle successive procedure di appalto dei lavori (si veda la Tab. 2): il ruolo del Provveditorato alle Opere pubbliche; il ricorso sulla gara d appalto per l ex manifattura Tabacchi; la stessa sostenibilità del piano per il Comune. Tab. 2 Cronistoria Maggio Approvazione dei progetti definitivi degli interventi del PIUSS ammessi a 2010 agosto finanziamento da parte della Regione Agosto- Pubblicazione dei bandi di gara da parte del Comune di Lucca per la ottobre progettazione esecutiva e l esecuzione dei lavori degli 11 progetti PIUSS ammessi a finanziamento 2011 Gennaiodicembre Procedure di appalto 2012 Gennaio- Procedure di appalto dicembre 2.1 Il ruolo del Provveditorato per le Opere Pubbliche E opportuno riprendere il filo della narrazione dal febbraio/marzo 2009, quando, come visto nel precedente capitolo, il Consiglio Comunale di Lucca approva all unanimità il piano degli interventi PIUSS che viene a sua volta proposto alla Regione. Prima ancora che la Regione si esprima nell ottobre 2009 sulla finanziabilità degli interventi, infatti, il Comune di Lucca si interroga su come predisporre la progettazione definitiva, che andrà presentata entro 120 giorni dalla data di approvazione della graduatoria regionale ai responsabili per la linea di intervento (relativa alle singole parti del progetto), e le stesse gare d appalto, da aggiudicare entro 180 giorni dalla data di approvazione da parte dei responsabili di linea. Si tratta di due compiti che risultano particolarmente gravosi per le esigue risorse a disposizione della struttura comunale che sino a quel momento si è occupata del Piuss, Il Comune di Lucca si rende conto che il progetto Piuss con le sue forze non lo può realizzare. [intervista 1], per cui si valuta il ricorso a soluzioni esterne. 17

19 La prima ipotesi che viene considerata è affidare l intera gestione del progetto alla società di trasformazione urbana Polis (società partecipata del Comune), Non abbiamo strutture dentro. La prima ipotesi che viene fatta è: lo affidiamo alla STU (una società di trasformazione urbana che si chiama Polis). [intervista 1] Questa ipotesi, tuttavia, viene scartata perché Polis sarebbe stata assimilata ad un soggetto privato dalle altre istituzioni pubbliche che avrebbero dovuto rilasciare le varie necessarie autorizzazioni, con un significativo aggravamento dei procedimenti di carattere amministrativo da seguire. E in questo periodo che emerge una seconda soluzione che prevede il coinvolgimento del Provveditorato alle Opere Pubbliche. La Giunta Comunale approva con la delibera n. 365 del 07/07/2009 lo schema di Convenzione tra il Comune di Lucca e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Provveditorato interregionale per le opere pubbliche Toscana Umbria. Secondo questa convenzione i compiti vengono così definiti: - il Comune di Lucca affianca il Provveditorato nella scelta e nella gestione degli interventi tramite un proprio rappresentante; - il Provveditorato redige un rapporto periodico sullo stato di fatto e su eventuali problemi riscontrati; - il Provveditorato svolge le funzioni di Stazione appaltante e quindi prende in carico tutte le attività necessarie alla realizzazione delle opere (progettazione definitiva, esecutiva, collaudo, direzione dei lavori, procedure di gara, stipulazione dei contratti, consegna dell opera); - il finanziamento dell opera rimane a carico del Comune di Lucca; - la durata della Convenzione viene fissata in quattro anni. La presa in carico da parte del Provveditorato dell intera fase successiva alla progettazione preliminare del Piuss appare adeguata soprattutto rispetto al carico di lavoro che altrimenti graverebbe sul Comune, Questo intervento del Provveditorato sembrava adeguato perché era un esperienza abbastanza complessa per la struttura del Comune. [intervista 2], oltre che utile a superare i limiti che potevano far fallire l intera operazione e rispettare i tempi per la consegna della progettazione definitiva delle operazioni finanziate dalla Regione (Prima relazione sullo stato di attuazione del Piuss Lucca Dentro, Comune di Lucca). E tuttavia, nel corso del 2010, mano a mano che vengono approvati i progetti definitivi diventa sempre più chiaro che il Provveditorato già coinvolto in alcune vicende giudiziarie che porteranno all arresto, tra gli altri del Presidente del Consiglio dei Lavori Pubblici e del Provveditore alle Opere Pubbliche della Toscana è in forte ritardo nell emanazione dei bandi di gara e nell affidamento delle opere. Vista la sostanziale inadempienza della convenzione da parte del Provveditorato, le attività vengono riportate all interno della struttura comunale, nonostante lo straordinario carico di lavoro che si riversa sulla struttura nella gestione delle gare, per fare un esempio, vengono 18

20 effettuati più di 300 sopralluoghi 5. Il Comune di Lucca riesce, in ogni caso, a completare le procedure relative agli appalti, le cui gare saranno aggiudicate secondo criteri differenti: prezzo più basso per Terminal Bus, Centro di Accoglienza Turistica e Teatro del Giglio; offerta economicamente più vantaggiosa per l ex Caserma Lorenzini, l ex Manifattura Tabacchi e il Nuovo Anfiteatro. Intanto con una nota del 6 ottobre 2010 il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti aveva comunicato l automatica decadenza della convenzione (e quindi della collaborazione) tra i due enti per impossibilità ad adempiere agli impegni assunti (a seguito delle vicende giudiziarie sopracitate). 2.2 Il ricorso sulla gara d appalto per l ex Manifattura Tabacchi Un altro consistente imprevisto sul percorso del Piuss riguarda la gara di appalto per i lavori nell ex manifattura tabacchi. Un progettista dell ATI prima classificata, già in amministrazione straordinaria, ha infatti un contenzioso con l Inarcassa (Cassa di Previdenza degli ingegneri e degli architetti) venuto alla luce a seguito degli accertamenti compiuti dal Comune (svolti in parte dall ufficio Piuss e in parte dall ufficio contratti), Noi andiamo a fare i controlli, ci risulta che un socio della ditta del gruppo di progettisti che deve fare le progettazioni esecutive è in contenzioso con la cassa di previdenza degli ingegneri e degli architetti. [Intervista 1]. Su indicazione dei legali incaricati il Comune decide di andare avanti comunque con l assegnazione alla prima classificata per l inconsistenza del contenzioso in questione, A questo punto devi fare una valutazione. Io levo 15milioni di appalto perché è in contenzioso per circa 800 euro? I miei legali dicono che non è un dato rilevante e noi facciamo l affidamento. [Intervista 1]. A questo punto la vicenda si protrae per quasi un anno (dicembre novembre 2012). La ditta seconda in classifica fa ricorso e l assegnazione alla prima classificata viene annullata. In seguito alla conferma della prima sentenza da parte del Consiglio di stato, l appalto viene aggiudicato alla seconda classificata. Si scopre, tuttavia che anche la posizione fiscale di quest ultima non è regolare, per cui la commissione di gara si riunisce nuovamente e dichiara provvisoriamente aggiudicataria la terza classificata. Anche su questa ditta vengono tuttavia riscontrare delle irregolarità fiscali e quindi si avviano (dicembre 2012) le verifiche per l assegnazione alla quarta classificata. 5 Dalla Terza relazione sullo stato di attuazione del PIUSS Lucca Dentro, novembre 2010; 19

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.13 *

POR Campania 2000-2006 Complemento di programmazione Capitolo 3 Misura 4.13 * Interventi per favorire la diversificazione delle attività agricole e lo sviluppo di quelle affini allo scopo di implementare fonti alternative di reddito (art.33 comma 2 - trattino 7 del Reg. (CE) 1257/99)

Dettagli

Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009. Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009

Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009. Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009 Osservazioni sulla proposta di Piano Strategico dell Area Vasta Brindisina Marzo 2009 Atto NVVIP n. 214 del 16 marzo 2009 La costruzione del PS Il percorso che ha condotto alla stesura del PS è ampiamente

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA Viviamo in un territorio ricco di cultura, con elevata potenzialità produttiva materiale e immateriale dove molti giovani trovano modo di esprimere la loro creatività

Dettagli

Premessa. Il caso studio

Premessa. Il caso studio Inutili o inutilizzati? Come usare i fondi europei con risultati concreti e in tempi brevi? Il caso (virtuoso) dei progetti di sviluppo urbano finanziati dal POR FESR Lazio Abstract Il dibattito sulla

Dettagli

L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti.

L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti. L espulsione di una Scuola a Monteverde per consentire la demolizione dell edificio per costruire nuovi appartamenti. Premessa La scuola Arcobaleno (www.scuolaarcobaleno.org) si trova dal 1994 nel quartiere

Dettagli

L esperienza del Centro sperimentale di nuova imprenditorialità di Spoleto. Aosta 11 Marzo 2005 Corrado Diotallevi

L esperienza del Centro sperimentale di nuova imprenditorialità di Spoleto. Aosta 11 Marzo 2005 Corrado Diotallevi L esperienza del Centro sperimentale di nuova imprenditorialità di Spoleto Aosta 11 Marzo 2005 Corrado Diotallevi Indice Premessa chi siamo Gli incubatori d impresa modalità di accesso Il Centro sperimentale

Dettagli

INFRASTRUTTURE PER LO SVILUPPO ECONOMICO DETERMINAZIONE. Estensore CESARINI SFORZA DANIELA. Responsabile del procedimento CESARINI SFORZA DANIELA

INFRASTRUTTURE PER LO SVILUPPO ECONOMICO DETERMINAZIONE. Estensore CESARINI SFORZA DANIELA. Responsabile del procedimento CESARINI SFORZA DANIELA REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: SVILUPPO ECONOMICO E ATTIVITA PRODUTTIVE INFRASTRUTTURE PER LO SVILUPPO ECONOMICO DETERMINAZIONE N. del Proposta n. 18679 del 21/11/2013 Oggetto: Modifiche e integrazioni

Dettagli

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY

FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Comunicato Stampa FIRMATO L ACCORDO TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNE DI CORMANO PER IL PROGETTO PILOTA SOCIALCITY Ieri sera l incontro con i cittadini cormanesi per parlare di territorio e residenza Cormano,

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 31/21 DEL 5.8.2014

DELIBERAZIONE N. 31/21 DEL 5.8.2014 Oggetto: Piano straordinario di edilizia scolastica Iscol@: avvio dell asse di Interventi di messa in sicurezza e manutenzione programmata degli edifici scolastici. Il Presidente, nell illustrare la proposta

Dettagli

LEGGE-QUADRO SULLA QUALITÀ ARCHITETTONICA. Articolo 1 (Finalità)

LEGGE-QUADRO SULLA QUALITÀ ARCHITETTONICA. Articolo 1 (Finalità) CONSIGLIO DEI MINISTRI 19 NOVEMBRE 2008 LEGGE-QUADRO SULLA QUALITÀ ARCHITETTONICA Articolo 1 (Finalità) 1. In attuazione dell'articolo 9 della Costituzione, la Repubblica promuove e tutela la qualità dell

Dettagli

IL SISTEMA DELLA RICOSTRUZIONE

IL SISTEMA DELLA RICOSTRUZIONE Area del sisma: 58 comuni (di cui 4 capoluoghi) due comuni per i danni produttivi e comuni limitrofi con danni puntuali a edifici pubblici e privati 2% del Pil italiano 19.000 famiglie hanno lasciato le

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo

Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano. 80 Cinisello. Balsamo Contratti di Quartiere II - Provincia di Milano 80 Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo Cinisello Balsamo 81 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE ABITATIVE Divisione V Direzione Programmazione

Dettagli

SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER

SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER SERVIZIO FONDI EUROPEI, INNOVAZIONE E SVILUPPO ECONOMICO ENERGY CENTER Progetto di riqualificazione e riconversione dell edificio Ex-Westinghouse in centro di competenza nel campo dell innovazione energetico-ambientale

Dettagli

A relazione del Presidente Cota: Premesso che:

A relazione del Presidente Cota: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU11 13/03/2014 Deliberazione della Giunta Regionale 10 febbraio 2014, n. 4-7082 Programma operativo regionale 2007/2013 finanziato dal F.E.S.R. a titolo dell'obiettivo "Competitivita'

Dettagli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli

Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di soggetti deboli Piano d azione: Favorire l accesso ad abitazioni dignitose (housing sociale) SERVIZI ALLA PERSONA Bando senza scadenza: Diffondere e potenziare gli interventi di housing sociale temporaneo a favore di

Dettagli

INTERVENTO SUI DISAGI SOCIALI ATTRAVERSO IL LAVORO DI COMUNITÀ

INTERVENTO SUI DISAGI SOCIALI ATTRAVERSO IL LAVORO DI COMUNITÀ FONDAZIONE MANODORI Bando 2013 rivolto al Terzo Settore INTERVENTO SUI DISAGI SOCIALI ATTRAVERSO IL LAVORO DI COMUNITÀ 1. PREMESSA Stiamo vivendo un periodo storico connotato da una crisi economica che

Dettagli

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Attuazione dell Attività II.4 Valorizzazione delle strutture di fruizione delle aree protette.

Dettagli

GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA

GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA Delib. n. 692-25.7.2011 N. 58051 P.G. OGGETTO: Area Programmazione Integrata e Controllo. Unità di Staff Coordinamento Aziende Pubbliche. Protocollo d intesa tra Comune, Fondazione

Dettagli

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO

A V V I S O. Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO A V V I S O Idee progettuali e manifestazioni di interesse per il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile (PISUS) del Comune di SPILIMBERGO Invito a contribuire alla formulazione del PISUS del Comune

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

AREA PROGETTUALE N. 6. Riorganizzazione dei distretti industriali e dei sistemi produttivi locali

AREA PROGETTUALE N. 6. Riorganizzazione dei distretti industriali e dei sistemi produttivi locali Allegato 1 1. Premessa AREA PROGETTUALE N. 6. Riorganizzazione dei distretti industriali e dei sistemi produttivi locali AVVISO PER LA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE per il cofinanziamento di interventi a

Dettagli

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO:

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO: ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- RITORIALE DEL SISTEMA AMBIENTALE E CULTURALE DI [INSERIRE DENOMINAZIONE SAC] PREMESSO: che il Programma Operativo (PO)

Dettagli

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito

Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito Ottobre 1 Aree di delocalizzazione - Scheda d Ambito 1. Descrizione dell Ambito L area individuata nella presente scheda d ambito e negli allegati grafici (vedi fig.1) è stata oggetto negli ultimi quindici

Dettagli

BENI IN COMUNE BANDO PER PROGETTI DI RECUPERO DEI BENI MONUMENTALI E PAESAGGISTICI DI PROPRIETÀ COMUNALE

BENI IN COMUNE BANDO PER PROGETTI DI RECUPERO DEI BENI MONUMENTALI E PAESAGGISTICI DI PROPRIETÀ COMUNALE La Compagnia di San Paolo è una Fondazione italiana di diritto privato con sede a Torino. Essa persegue finalità di utilità sociale, allo scopo di favorire lo sviluppo civile, culturale ed economico. Nel

Dettagli

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca

Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Ministero dell'istruzione, dell'università e della Ricerca Dipartimento per la Programmazione Direzione Generale per gli Affari Internazionali Ufficio IV - Programmazione e gestione dei fondi strutturali

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

Bando per il finanziamento di imprese. Incubatore diffuso del Basso Piemonte

Bando per il finanziamento di imprese. Incubatore diffuso del Basso Piemonte Bando per il finanziamento di imprese Incubatore diffuso del Basso Piemonte 1. Promotori e finalità del Bando Langhe Monferrato Roero, Agenzia di Sviluppo del Territorio, opera sull area del Basso Piemonte

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi

NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi NEL MEZZO DEL CAMMIN : IL SOCIAL HOUSING, A CHE PUNTO SIAMO? Angela Airoldi Responsabile Area Economia Urbana e Immobiliare CERTeT Università L. Bocconi Ricercatore senior Gruppo CLAS 8 giugno 2011, fieramilano

Dettagli

Bando per la erogazione di contributi

Bando per la erogazione di contributi Fondazione Wanda Di Ferdinando Bando per la erogazione di contributi Anno 2015 La Fondazione Wanda Di Ferdinando è un Ente Privato che si propone l attuazione di iniziative del più alto interesse sociale

Dettagli

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE Termine ultimo di presentazione della domanda: 17 novembre 2014 1. Oggetto Obiettivo del bando è assicurare adeguato sostegno alle famiglie potenziando i servizi per l infanzia

Dettagli

Start Cup Bologna-Progettando 2008

Start Cup Bologna-Progettando 2008 Start Cup Bologna-Progettando 2008 dedicato ad aspiranti imprenditori della Provincia di Bologna per l assegnazione di 5.000,00 sottoforma di contributo a fondo perduto Bando 9 1. DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA

Dettagli

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE

PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE PROGETTO CULTURALMENTE REGOLAMENTO DI PARTECIPAZIONE 1. PREMESSA La cultura non è tanto un emergenza dimenticata, quanto una scelta di fondo trascurata per lunghissimo tempo Negli ultimi anni in tutta

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO:

DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: DISCIPLINARE PER LA VALORIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI SISTEMI AMBIENTALI E CULTURALI (SAC) DELLA REGIONE PUGLIA PREMESSO: che le strategie della Regione Puglia nel campo della cultura, dell ambiente e del

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Capo I disposizioni comuni. art. 1 contenuti e finalità. art. 2 struttura competente

Capo I disposizioni comuni. art. 1 contenuti e finalità. art. 2 struttura competente Regolamento per la concessione e l erogazione dei contributi per la realizzazione di alloggi o residenze per studenti universitari, ai sensi della legge regionale 23 gennaio 2007, n. 1, art. 7, comma 18

Dettagli

Project Management Office per centrare tempi e costi

Project Management Office per centrare tempi e costi Project Management Office per centrare tempi e costi Il Project Management Office (PMO) rappresenta l insieme di attività e strumenti per mantenere efficacemente gli obiettivi di tempi, costi e qualità

Dettagli

PIA Turismo - Aiuti alle grandi imprese e alle PMI per programmi integrati di investimento

PIA Turismo - Aiuti alle grandi imprese e alle PMI per programmi integrati di investimento PIA Turismo - Aiuti alle grandi imprese e alle PMI per programmi integrati di investimento FINALITÀ Destagionalizzazione dei flussi turistici RISORSE DISPONIBILI Euro 15 milioni BENEFICIARI Grande impresa

Dettagli

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Domenico Merlani COMITATO TECNICO SVILUPPO DEL TERRITORIO Linee di indirizzo Febbraio 2013 «Sviluppo del Territorio» significa lavorare per rendere il Lazio una regione attraente localmente e globalmente

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA

PROTOCOLLO DI INTESA Allegato A COMUNE DI TREVISO PROTOCOLLO DI INTESA tra Comune di Treviso e Ferrovie dello Stato Italiane S.p.A., Rete Ferroviaria Italiana S.p.A., Trenitalia S.p.A., FS Logistica S.p.A., FS Sistemi Urbani

Dettagli

Contratti di Quartiere II - Milano. Ponte Lambro

Contratti di Quartiere II - Milano. Ponte Lambro Contratti di Quartiere II - Milano 44 Ponte Lambro Quartiere Ponte Lambro Quartiere Ponte Lambro 45 Stato d avanzamento del Programma e sintesi della relazione sull andamento della Progettazione Partecipata

Dettagli

FORMAZIONE DEI P.I.U.S.S.

FORMAZIONE DEI P.I.U.S.S. FORMAZIONE DEI P.I.U.S.S. CHE COSA È IL P.I.U.S.S.? Il PIUSS è il Piano Integrato di Sviluppo Urbano Sostenibile e costituisce un insieme coordinato di interventi, pubblici e privati, per la realizzazione

Dettagli

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale

Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale Il Sistema Integrato di Fondi immobiliari per l edilizia privata sociale IL FONDO INVESTIMENTI PER L ABITARE NEL SISTEMA INTEGRATO DI FONDI Stefano Brancaccio febbraio 2011 Il contesto di riferimento Con

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA COMUNE DI BOLOGNA

PROTOCOLLO D INTESA TRA COMUNE DI BOLOGNA PROTOCOLLO D INTESA PER FAVORIRE E PROMUOVERE L'UTILIZZO DELLO STRUMENTO CONCORSUALE NELLA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO INNOVATIVO DI RIGENERAZIONE E AMMODERNAMENTO DEL PATRIMONIO DI EDILIZIA SCOLASTICA

Dettagli

Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI

Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI Comune di Scandicci Provincia di Firenze Comune di Firenze P.I.U.S.S. AREA METROPOLITANA FIORENTINA LA CITTA DEI SAPERI LINEE GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER

Dettagli

Fondo Housing Toscano

Fondo Housing Toscano Fondo Housing Toscano HOUSING SOCIALE_ Definizione Nuova offerta di alloggi e servizi con forte connotazione sociale per coloro che non riescono a soddisfare il proprio bisogno abitativo sul mercato per

Dettagli

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento

Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Ricerca scientifica e assistenza tecnica per affrontare con successo i processi di cambiamento Edizione 2015 40 anni di analisi e ricerca sulle trasformazioni economiche e sociali in Italia e in Europa:

Dettagli

Il Comune di Rosignano Marittimo

Il Comune di Rosignano Marittimo OGGETTO: AVVISO PUBBLICO PER MANIFESTAZIONE DI INTERESSE A LOCARE A CANONE SOSTENIBILE, PER ALMENO 15 ANNI, FABBRICATI RESIDENZIALI ESISTENTI, FABBRICATI DA REALIZZARE SU AREE EDIFICABILI O FABBRICATI

Dettagli

Qualità della proposta punti 10 Ricadute occupazionali e capacità operative punti 10 Fattibilità punti 6 Sostenibilità gestionale punti 7

Qualità della proposta punti 10 Ricadute occupazionali e capacità operative punti 10 Fattibilità punti 6 Sostenibilità gestionale punti 7 Bando per la selezione di manifestazioni di interesse ad interventi per la fruibilità turistica e ricreativa in aree interessate da attività estrattive Articolo 1. Contenuto del bando ed obiettivi 1. Il

Dettagli

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione

Verifica qualità dati contabili Elaborazione e strutturazione dell informazione COMUNE DI TRENTO Servizio Programmazione e Controllo via Belenzani 22 38100 Trento Telefono: 0461-884162; Fax: 0461-884168 e_mail: servizio_programmazione@comune.trento.it Sito internet dell amministrazione:

Dettagli

CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. 1 agosto 2014

CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. 1 agosto 2014 Direzione Politiche Sociali e Rapporti con le Aziende Sanitarie 2014 03604/104 Area Edilizia Residenziale Pubblica Servizio Convenzioni e Contratti MP 1/C CITTÀ DI TORINO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani

PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani PIANO STRATEGICO Città di AGRIGENTO Insieme Oggi per costruire il Domani Descrizione Progetto Il progetto, attraverso un processo partecipativo che coinvolge tutti i soggetti istituzionali, economici e

Dettagli

NOTA METODOLOGICA LA REVISIONE DELLA SERIE STORICA DELLE SPESE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI (CPT)

NOTA METODOLOGICA LA REVISIONE DELLA SERIE STORICA DELLE SPESE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI (CPT) NOTA METODOLOGICA LA REVISIONE DELLA SERIE STORICA DELLE SPESE NEI CONTI PUBBLICI TERRITORIALI (CPT) La Banca dati Conti Pubblici Territoriali (Ministero dell Economia e delle Finanze DPS) ricostruisce

Dettagli

Dieci anni di esperienza per lo sviluppo imprenditoriale nella Città di Torino. Legge 266/97 Art. 14. Torino, 7 marzo 2011

Dieci anni di esperienza per lo sviluppo imprenditoriale nella Città di Torino. Legge 266/97 Art. 14. Torino, 7 marzo 2011 Dieci anni di esperienza per lo sviluppo imprenditoriale nella Città di Torino Legge 266/97 Art. 14 Torino, 7 marzo 2011 LEGGE 266/97 art. 14 Negli ultimi 10 anni, all interno del FONDO UNICO COMPETITIVITA,

Dettagli

Struttura di Università e Città

Struttura di Università e Città Sine Putimu. Università e città_allegati In occasione del quarto laboratorio tematico Sine Putimu. Università e Città, si inviano tutti i cittadini a partecipare alla costruzione del PUG (Piano Urbanistico

Dettagli

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità

Art. 1 Principi. Art. 2 Finalità LEGGE REGIONALE 21 agosto 2007, n. 20 Disposizioni per la promozione ed il sostegno dei centri di antiviolenza e delle case di accoglienza per donne in difficoltà. (BUR n. 15 del 16 agosto, supplemento

Dettagli

Facoltà di Scienze della Formazione

Facoltà di Scienze della Formazione Facoltà di Scienze della Formazione Corso di laurea magistrale in Management delle Politiche e dei Servizi Sociali LINEE GUIDA PER LO SVOLGIMENTO DELLO STAGE Il percorso formativo del CdLM in Management

Dettagli

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA

NOTA ANCAb SUL PIANO CASA NOTA ANCAb SUL PIANO CASA Il Piano Casa del Governo, istituito dall art. 11 della legge n 133 del 2008, rivolto all incremento del patrimonio immobiliare ad uso abitativo attraverso l offerta di abitazioni

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO

REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO REGOLAMENTO SUGLI INTERVENTI DI VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 126 del 22.11.1999 www.comune.genova.it Regolamento sugli interventi di volontariato ART. 1 Finalità In

Dettagli

A relazione dell'assessore Parigi: Premesso che:

A relazione dell'assessore Parigi: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU13 02/04/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 2 marzo 2015, n. 27-1124 Protocollo d'intesa fra la Regione Piemonte e la Citta' di Collegno per lo sviluppo di un centro di residenza,

Dettagli

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni

Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni Relazione del Presidente di ESA Giovanni Frangioni La nostra aspettativa è creare le condizioni di una autonomia del nostro territorio riguardante il ciclo dei rifiuti, attraverso una azienda di chiaro

Dettagli

PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 OBIETTIVI E FINALITÀ.

PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO 1 OBIETTIVI E FINALITÀ. Regolamento degli incentivi per la progettazione e la gestione interna di lavori pubblici e strumenti urbanistici (Approvato con deliberazione n. 3/GM del 5.1.2012) PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI ARTICOLO

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA ***

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** ATTO DI MODIFICA DELL ACCORDO DI PROGRAMMA 6.10.2005 Il giorno del mese di dell anno 2014 nel Comune

Dettagli

FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento

FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento FONDO INVESTIMENTI PER LA VALORIZZAZIONE COMPARTO PLUS Scopo, oggetto d investimento e modalità d intervento 1. Premessa e scopo Il Comparto Plus del Fondo Investimenti per la Valorizzazione (FIV Plus

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Selezione di un progetto per la promozione turistica della DESTINAZIONE FIRENZE (Approvato con DD. 2015/4376)

AVVISO PUBBLICO Selezione di un progetto per la promozione turistica della DESTINAZIONE FIRENZE (Approvato con DD. 2015/4376) AVVISO PUBBLICO Selezione di un progetto per la promozione turistica della DESTINAZIONE FIRENZE (Approvato con DD. 2015/4376) Premessa Nell ambito del programma di mandato 2014-2019 La città delle opportunità,

Dettagli

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO

Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 1 di 7 CARTA DEL SERVIZIO CAD VIA PIO VII, 61 TORINO Pagina 2 di 7 Denominazione del presidio: CAD Laboratori via Pio Ubicazione/Indirizzo: via PIO VII, 61 (zona lingotto) Come si raggiunge: linee

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART.

BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART. BANDO DI GARA PER LA REALIZZAZIONE NELLA REGIONE SICILIANA DEI PROGRAMMI INNOVATIVI IN AMBITO URBANO DENOMINATI CONTRATTI DI QUARTIERE II ART. 1 Finanziamento 1. Al finanziamento degli interventi di edilizia

Dettagli

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.)

CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) CENTRI DIURNI INTEGRATI PER ANZIANI (C.D.I.) Criteri generali del Bando Stanziamento Lo stanziamento complessivo deliberato dalla Compagnia di San Paolo per la realizzazione nel territorio della regione

Dettagli

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE

SCHEDA DELLE DIRETTIVE DI ATTUAZIONE PARERE n.21 "Approvazione delle Direttive di attuazione per sostenere la creazione e/o il potenziamento delle reti e dei cluster di imprese attraverso lo strumento del Contratto di Investimento ai sensi

Dettagli

Verso il. Il bene torna a essere comune

Verso il. Il bene torna a essere comune Verso il Bando Storico Artistico e Culturale 2014 Il bene torna a essere comune giugno 2014 Verso il Bando Storico-Artistico e Culturale 2014 1 Spett.le Ente, la Fondazione CON IL SUD ( Fondazione ), giunta

Dettagli

PON FESR AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PRESENTAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI ESECUZIONE - ANNO 2011

PON FESR AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PRESENTAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI ESECUZIONE - ANNO 2011 PON FESR AMBIENTI PER L APPRENDIMENTO PRESENTAZIONE DEL RAPPORTO ANNUALE DI ESECUZIONE - ANNO 2011 L avanzamento del PON FESR nel 2011 in sintesi L attuazione del PON FESR mantiene e rafforza gli elementi

Dettagli

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli

Indici e parametri urbanistici

Indici e parametri urbanistici Collegamento con ciclopedonali esistenti Ambito 14.000 mq Collegamento con via Pertini e la rotonda Indici e parametri urbanistici sup. territoriale 14.158 mq sup. fondiaria totale 6240 mq sup. fondiaria

Dettagli

Stato di avanzamento dei Progetti integrati e di filiera

Stato di avanzamento dei Progetti integrati e di filiera REGIONE DELL UMBRIA GIUNTA REGIONALE Area programmazione strategica e socio-economica Servizio 2 - Programmazione strategica e comunitaria DOCUP Ob. 2 (2000-2006) Comitato di Sorveglianza del 12-13 dicembre

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI TESI ALLA VALORIZZAZIONE DEI CENTRI STORICI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI BENEFICI TESI ALLA VALORIZZAZIONE DEI CENTRI STORICI Comune di Pitigliano (Provincia di Grosseto) Comune di Pitigliano Provincia di Grosseto Allegato alla delibera del C.C. n. 40 del 28.09.2010 Il Segretario Comunale F.to Sommovigo M.P. REGOLAMENTO PER LA

Dettagli

Inutili o inutilizzati? Come usare i fondi europei con risultati concreti e in tempi brevi?

Inutili o inutilizzati? Come usare i fondi europei con risultati concreti e in tempi brevi? Inutili o inutilizzati? Come usare i fondi europei con risultati concreti e in tempi brevi? Il caso (virtuoso) dei progetti di sviluppo urbano finanziati dal POR FESR Lazio Torino, 24 aprile 2015 1 Abstract

Dettagli

Faq Aster. Possono prendere parte al partenariato anche aree particolarmente svantaggiate?

Faq Aster. Possono prendere parte al partenariato anche aree particolarmente svantaggiate? Faq Aster Possono prendere parte al partenariato anche aree particolarmente svantaggiate? Certamente sì, uno dei principali scopi di ASTER è quello di creare nuova imprenditorialità e nuova occupazione.

Dettagli

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati

Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Programma di riqualificazione degli immobili agricoli (P.R.I.A.) non utilizzati o sotto utilizzati Stato degli atti dopo il Febbraio 2010: Sono state presentate 90 proposte. L estensione complessiva delle

Dettagli

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLO SCHEMA PER LA REDAZIONE DEI PROGETTI

GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLO SCHEMA PER LA REDAZIONE DEI PROGETTI Legge regionale 7 febbraio 2010, n. 3 Norme per la definizione, riordino e promozione delle procedure di consultazione e partecipazione alla elaborazione delle politiche regionali locali GUIDA ALLA COMPILAZIONE

Dettagli

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011

BANDI 2011 26. ambientale a livello locale. Bando con scadenza 22 aprile 2011 Bando con scadenza 22 aprile 2011 BANDI 2011 26 Piano di azione Promuovere la sostenibilità ambientale a livello locale Tutelare e valorizzare la biodiversità Il problema Lo sviluppo umano è oggi causa

Dettagli

Lo studio di fattibilità

Lo studio di fattibilità Laboratorio integrato 3 Valutazione economica del progetto Clamarch a.a. 2015/16 Lo studio di fattibilità Docente Collaboratori prof. Stefano Stanghellini stefano.stanghellini@iuav.it arch. Valeria Ruaro

Dettagli

PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI. Con la presente si comunica, nell intento che ne diveniate parte attiva, l avvio di un

PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI. Con la presente si comunica, nell intento che ne diveniate parte attiva, l avvio di un Milano, 23 ottobre 2014 Avvio di un percorso di ascolto attivo e di partecipazione della cittadinanza PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELL AREA BOVISA-GASOMETRI Gentili, Con la presente si comunica, nell intento

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 40 DEL 10-04-1990 REGIONE LAZIO

LEGGE REGIONALE N. 40 DEL 10-04-1990 REGIONE LAZIO Legge 1990040 Pagina 1 di 6 LEGGE REGIONALE N. 40 DEL 10-04-1990 REGIONE LAZIO Istituzione dell' osservatorio del sistema abitativo laziale e provvidenze per il recupero del patrimonio edilizio esistente.

Dettagli

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it

Bandi 2015 ARTE E CULTURA. Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee. www.fondazionecariplo.it Bandi 2015 ARTE E CULTURA Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee BENESSERE GIOVANI COMUNITÀ www.fondazionecariplo.it BANDI 2015 1 Progetto ic-innovazioneculturale 2015 Bando di idee IL CONTESTO

Dettagli

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020

PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 Allegato parte integrante - 2 Allegato B) PROTOCOLLO D' INTESA PER L ATTUAZIONE DELL ASSE 6 CITTA AT- TRATTIVE E PARTECIPATE DEL POR FESR EMILIA ROMAGNA 2014-2020 TRA Regione Emilia Romagna, in persona

Dettagli

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi

Roma, 17 Giugno 2014. Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi FONDI COMUNITARI 2014-2020 I FONDI EUROPEI ED IL RUOLO DELLA COOPERAZIONE Roma, 17 Giugno 2014 Legacoop - Via G. A. Guattani, 9 - Salone Basevi Giorgio Gemelli Resp. Funzione Progetti interterritoriali

Dettagli

Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA

Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA Allegato A alla delibera C.C. n. 3 del 12.02.2016 LINEE DI INDIRIZZO PER IL PIANO COMUNALE DI EDILIZIA ABITATIVA SOMMARIO Premesse:... 2 I fattori di contesto... 2 Gli immobili facenti parte del patrimonio

Dettagli

FAQ. La risposta alla domanda richiede una serie di precisazioni:

FAQ. La risposta alla domanda richiede una serie di precisazioni: FAQ L.r. 8 novembre 2007, n. 27: Criteri generali per la determinazione dei canoni per l'edilizia residenziale pubblica e norme sulla valorizzazione e razionalizzazione del patrimonio di edilizia residenziale

Dettagli

Arch. Bernardino Stangherlin PROGETTO SIRENA NAPOLI (un intervento di recupero edilizio diffuso)

Arch. Bernardino Stangherlin PROGETTO SIRENA NAPOLI (un intervento di recupero edilizio diffuso) ISTITUTO NAZIONALE DI URBANISTICA INU GRUPPO DI LAVORO VULNERABILITA SISMICA URBANA E RISCHI TERRITORIALI CONVEGNO SICUREZZA SISMICA NEGLI EDIFICI STORICI AGGREGATI SALONE DEL RESTAURO DI FERRARA Sala

Dettagli

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it

Mercoledì 24 luglio 2013. www.europa.marche.it Mercoledì 24 luglio 2013 1 2 Data: 18 /07/2013 Diffusione: PROGRAMMA OPERATIVO FESR, VIA ALLE CONSULTAZIONI Spacca: Innovazione e Macroregione, le strade da seguire per recuperare le risorse - Ancona -

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE Finalità Gli obiettivi specifici

Dettagli

Oggetto: Quesito sulla gratuità ovvero onerosità degli interventi edilizi.

Oggetto: Quesito sulla gratuità ovvero onerosità degli interventi edilizi. Oggetto: Quesito sulla gratuità ovvero onerosità degli interventi edilizi. Al fine di poter compiutamente illustrare il quesito che si andrà a formulare, necessita introdurre una breve premessa. Per conoscere

Dettagli

Allegato n. 3 Capitolato Tecnico Strategico CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO

Allegato n. 3 Capitolato Tecnico Strategico CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO CAPITOLATO TECNICO STRATEGICO 1 1. Premessa Il presente capitolato ha lo scopo di supportare gli operatori incaricati dagli enti pubblici territoriali nella elaborazione e stesura di uno studio di fattibilità

Dettagli

SELEZIONE DI PROPOSTE DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PRIVATI NELL AREA URBANA DI L AQUILA

SELEZIONE DI PROPOSTE DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PRIVATI NELL AREA URBANA DI L AQUILA SELEZIONE DI PROPOSTE DI VENDITA DI BENI IMMOBILI PRIVATI NELL AREA URBANA DI L AQUILA CHIARIMENTI E RISPOSTE AI QUESITI Aggiornamento al 23.07.2013 Quesito N. 1 A pag. 19 del Disciplinare è scritto max.

Dettagli

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi

Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Intervento del Prof. Carlo Pace all incontro Il Sud Est d Italia: nuovo polo europeo di attrazione degli investimenti produttivi Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Il programma di Sviluppo Italia

Dettagli