RENDICONTO DI MANDATO Maggio 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RENDICONTO DI MANDATO 2009-2014 Maggio 2014"

Transcript

1 RENDICONTO DI MANDATO Maggio ANNI DI SCELTE PER IL BENE COMUNE Carissimi, per me si conclude un esperienza amministrativa durata dieci anni e con questo rendiconto, previsto dalla legge, considero un dovere, ma anche una piacevole responsabilità, esporvi gli interventi e le scelte principali che abbiamo compiuto. Gli anni più recenti sono stati caratterizzati dalla peggiore crisi economica dal dopoguerra. Una crisi che ha colpito tantissime persone creando nuove condizioni di disagio e, a fronte di questo, anche le risorse disponibili per il nostro Comune sono diminuite sensibilmente in questi anni. Concludo la mia esperienza di Sindaco potendo sostenere che, nonostante la drammatica diminuzione delle risorse finanziarie, abbiamo dimezzato il debito del nostro Comune mantenendo e difendendo in quantità e qualità i servizi fondamentali per la vita della nostra comunità. Siamo riusciti a reperire fondi esterni (bandi regionali, europei) e abbiamo inserito nell organico comunale competenze giovani e dinamiche: in questo abbiamo valorizzato risorse esistenti e creato nuove e importantissime sinergie con realtà locali di volontariato, associazionismo, pubblica assistenza. Compito dei futuri amministratori sarà quello di proseguire su questa strada, valorizzare il ricco tessuto locale di associazioni, comitati, per realizzare quegli interventi di lungo respiro che abbiamo messo a fuoco e che rappresentano la sfida dei prossimi anni che potrà essere vinta solo con il sostegno più ampio della cittadinanza. Per questo, nell ultimo anno, abbiamo attivato il laboratorio civico PontAssieme, un esperimento di successo che ha visto la partecipazione di centinaia di persone e la discussione delle principali scelte da compiere per difendere e ampliare le nostre conquiste. Grazie a tutti! Marco Mairaghi

2 PONTASSIEVE OGGI Pontassieve, caratteristiche e territorio Le tabelle sottostanti riassumono sinteticamente gli aspetti salienti relativi all economia, alla demografia e alle caratteriste del nostro territorio. Popolazione divisa per età Età Maschi Femmine Totale Totale Patrimonio comunale 258 Alloggi pubblici 13 scuole 10 impianti sportivi 11 altro (mensa, uffici, magazzino..) ASSOCIAZIONISMO IN NUMERI 42 settore sportivo 33 ricreativo e culturale 18 socio-assistenziali 9 ambiente e promozione del territorio 7 tradizioni e storia locale Cittadini stranieri 1769 Albania 578 Romania 284 Marocco 114 Francia 83 Polonia 77 Perù 62 Cina 44 Ucraina 35 Sri Lanka 33 Altre nazionalità 459 Superficie comunale 115 kmq Frazioni 9 Aree verdi mq Attività economiche e imprese 1556 Agricoltura, caccia e silvicoltura 168 Attività manifatturiere 173 Costruzioni 369 Esercenti ingrosso e dettaglio 396 Attività ricettive e ristorazione 125 Trasporti, magazzinaggio, comunicazione 51 Attività immobiliari, noleggio, informatica 141 Istruzione, sanità e servizi sociali 100 Altro 23 Territorio Giardini pubblici mq Area Naturale S. Brigida 800 ha Punti illuminazione pubblica ,7 km strade dei centri abitati 24 km strade consortili 110 km strade di collegamento 288 km strade vicinali Strade statali e provinciali - 17,4 km IL NOSTRO ASSOCIAZIONISMO Oltre 100 realtà per la nostra Comunità Da oltre cinquanta anni la storia di Pontassieve si intreccia con la storia dell associazionismo, il cui ruolo di aggregazione sociale è di fondamentale importanza soprattutto nelle piccole e medie realtà del nostro territorio. Le associazioni di Pontassieve sono il segno di una comunità unita, forte, composta da persone che dedicano in modo altruistico una parte consistente del proprio tempo. Oggi più che mai bisogna attivare queste risorse mettendo in relazione le Associazioni con le istituzioni per garantire le qualità del nostro vivere, per i servizi di assistenza, di sussidiarietà, mutualismo e inclusione.

3 UNA CITTÀ DI QUALITÀ Interventi su Pontassieve capoluogo In queste schede riportiamo i maggiori interventi realizzati in questi anni: principalmente opere pubbliche, lavori di miglioramento del territorio, riqualificazione di edifici e spazi pubblici, ed in alcuni casi opere che hanno rivoluzionati alcune parti del nostro Comune. Per realizzare questi interventi sono state fondamentali la programmazione e la capacità di intercettare fondi, dando risposte ai bisogni. Estensione della rete gas e idrica a San Martino a Quona Primi mesi del Intervento da finanziato da Comune, Toscana Energia, Publiacqua, e dagli stessi residenti Riqualificazione Borgo e Piazza Boetani: lavori in due fasi conclusi nel Ripavimentazione, nuova illuminazione, nuovo arredo urbano, più spazio per i pedoni, 16 posti auto in piazza Boetani. Nuova illuminazione Torre dell Orologio. Progetto di Riqualificazione Via Lisbona Con la chiusura del sottopasso al Colombaiotto, via Lisbona è diventata oltre che il nostro polo produttivo la vera e propria porta della città. L amministrazione ha effettuato una vasta opera di riqualificazione sia estetica che funzionale, dal costo totale di , finanziata all 80% dalla Regione. Sono stati installati marciapiedi adesso adatti alle persone con disabilità, una nuova illuminazione a led e un nuovo arredo urbano corredato di piante. La vecchia discarica AER è stata trasformata in uno skate-park, molto apprezzato dai più giovani. Sempre in via Lisbona l amministrazione ha proceduto alla riqualificazione dei locali dell ex mensa, rendendoli sede dei corsi d arte organizzati dal Comune. I lavori sul secondo lotto, conclusi ad aprile, sono costati e finanziati al 60% dalla Regione.

4 UNA CITTÀ DI QUALITÀ Interventi su Pontassieve capoluogo Fontanello ai Villini: inaugurato nell estate 2012, nel 2013 ha erogato quasi un milione di litri d acqua: l equivalente di bottigliette di plastica Asilo Cecco Bilecco: lavori di manutenzione straordinaria. Nuova copertura, nuovi infissi termici, messa a norma dei locali. Costo: Scuola Media M. Maltoni: realizzazione impianto fotovoltaico sul tetto, dalla potenza di 12,96kWp Impianto di potabilizzazione comunale: lavori terminati nel Capacità di produzione oraria raddoppiata, oggi di 600 metri cubi l ora. Intervento finanziato da Publiacqua. Case ad affitto calmierato a Mezzana Nel nuovo quartiere, inaugurato nel 2010, 19 alloggi di proprietà pubblica pensati per le famiglie in difficoltà ed un appartamento destinato a progetti di autonomia per disabili (Casina Rossa) Lavori alla Piscina Comunale ( in corso) Ristrutturazione e ampliamento della piscina con nuovi e più ampi spogliatoi, moderni locali interni, nuovi servizi igienici e impianti all'avanguardia, abbattimento barriere architettoniche, interventi di ampliamento del locale bar e la sistemazione delle aree esterne.

5 UNA CITTÀ DI QUALITÀ Interventi su Pontassieve capoluogo Ascensori stazione FS Lavori conclusi nel Intervento da interamente finanziato da RFI. Piste ciclopedonali via Aretina e viale Diaz Due tratti stradali una volta pericolosi per pedoni e ciclisti sono oggi percorribili senza alcun rischio. Il percorso di viale Diaz è il collegamento fra la città ed i Parco Fluviale. Sentiero pedonale Mezzana - via San Martino a Quona con questo intervento si è risolto un annoso problema dei cittadini di Mezzana. Nuovi parcheggi in piazza Washington Aumentati di 30 i posti auto tramite una riorganizzazione della segnaletica EcoBox presso la Polisportiva Curiel Inaugurato nel giugno 2013, permette di conferire tutti quei rifiuti particolari altrimenti non differenziabili. Nuova illuminazione in via Znojmo Installati 11 nuovi lampioni lungo la via nel tratto compreso tra l'incrocio con Via Labriola fino alla rotatoria di Via di Vittorio. I nuovi lampioni a led sono alti 7 metri ed hanno una potenza di 90w.

6 UN FUTURO PER L AREA FERROVIARIA Durante la legislatura il Consiglio Comunale è stato più volte chiamato ad esprimersi sugli sviluppi possibili per l area ferroviaria di Pontassieve fino all approvazione del piano attuativo che indica le opportunità di sviluppo per quell area collegate ad importanti progetti che già sono stati pianificati. Un primo passo che ha permesso di cogliere alcune opportunità concrete è stata la divisione in 3 lotti dell Area Ferroviaria di Pontassieve. Infatti nel 2012 l asta di vendita dell intera area era andata deserta e, quell esito, rischiava di ripetersi se si fosse riproposta la vendita con l area completa. Si è scelto quindi - pur mantenendo il progetto generale - di dividerla in tre parti: una di proprietà del Comune - denominata Borgo Verde e che va dalla Stazione fino alla Ruffino - e le due restanti delle Ferrovie. Una prima possibilità che si è presentata è quella offerta da Cassa Depositi e Prestiti che ha deliberato il via libera a nuovi investimenti in Toscana da realizzare attraverso il fondo toscano di housing sociale. A Pontassieve, Cassa Depositi e Prestiti investirà per la realizzazione di alloggi da affittare a prezzi calmierati e soprattutto alloggi ad affitto con diritto di riscatto. Quest ultima formula aprirebbe interessanti prospettive soprattutto per le giovani coppie che avranno la possibilità di fissare da subito il prezzo d acquisto evitando di accendere un mutuo. Un esempio concreto di edilizia eco-compatibile e al passo con i tempi che renderà più vitale, più bella e più giovane Pontassieve. L investimento per l housing sociale sarà di circa 14 milioni di Euro. Gli altri due interventi qualificanti Borgo Verde contenuti nel piano attuativo sono il nuovo parcheggio pubblico da 500 posti e la Casa della Salute. Quest ultima sarà realizzata dalla ASL, grazie anche ad un finanziamento del Ministero della Salute e riunirà tutte le attività socio-sanitarie della Valdisieve preservando e valorizzando tutti i servizi sanitari. Questo intervento è stimato sui 6 milioni di euro. Con il piano attuativo l Amministrazione lascia in eredità una possibilità concreta di sviluppo per l area ferroviaria, con l opportunità di avvalersi di un progetto con degli obiettivi che avrebbero ripercussioni positive sull intera comunità e che vedono importanti investimenti a Pontassieve da parte di soggetti esterni.

7 UNA CITTÀ DI QUALITÀ Interventi su Sieci, Le Falle, Monteloro Gli interventi su Sieci, Le Falle e Monteloro sono stati in primo luogo destinati alla messa in sicurezza di tratti stradali o zone prima pericolose. Importanti investimenti sono stati destinati proprio all abitato di Sieci, con la realizzazione della nuova piazza Albizi e la messa in sicurezza del percorso pedonale presso il ponte della ferrovia (zona I Giani). Sieci - Riqualificazione della rotonda in P.zza Aldo Moro Sieci - Riqualificazione Piazza Albizi con miglioramento della viabilità a favore dei pedoni (2012). Sieci - Riqualificazione e ampliamento del parcheggio esistente alla stazione ferroviaria. Intervento complessivo da , di cui finanziati dal Comune (2011). Sieci - Terminal bus. Realizzazione di una sosta bus per il trasporto pubblico locale sulle direttrici Pontassieve-Firenze, Firenze- Pontassieve, S.Brigida-Molino del Piano- Pontassieve, Monteloro-Pontassieve.

8 UNA CITTÀ DI QUALITÀ Interventi su Sieci, Le Falle, Monteloro Sieci - I Giani: percorso ciclopedonale Il progetto realizzato dalla Direzione Viabilità della Provincia di Firenze, propone una passerella pedonale sul torrente Le Sieci, parallela alla Strada Provinciale e lungo il sottopasso ferroviario. Spesa complessiva: Sieci - Realizzazione del marciapiede a I GIANI. Allargamento stradale di via di molino del piano e la realizzazione del nuovo marciapiede che ha contribuito a mettere in parte in sicurezza la località I GIANI. Spesa complessiva: Sieci - Messa a norma fognature presso l impianto sportivo Polisportiva Sieci Sieci - Polisportiva Riabilitazione sportiva della superficie di gioco, rifacimento delle recinzioni e degli spogliatoi. Sieci - interventi sui fiumi Lavori sul fosso dello stracchino. Spesa complessiva: Monteloro Asfaltatura della strada vicinale di Pagnolle e asfaltatura di tratti di Via di Gricigliano

9 UNA CITTÀ DI QUALITÀ Interventi su Molino del Piano, Doccia, S.Brigida, Fornello Gli interventi sulle frazioni di Molino del Piano, Doccia, Santa Brigida e Fornello sono stati perlopiù di riqualificazione. Ingenti investimenti su Molino del Piano, che nell ultima legislatura ha visto il rifacimento di piazza Vittorio Emanuele II e la costruzione del nuovo campo della Molinense. A Santa Brigida nel 2014 è stata inaugurata la nuova scuola, che ospita asilo nido e scuola materna. Molino del Piano - Un nuovo campo per la Molinense. Inaugurato a Marzo 2012, il nuovo fondo in erba sintetica è stato realizzato anche grazie a lavori di livellamento, di nuove fognature e sistemi di drenaggio dell acqua piovana. Il costo di è stato finanziato dal Comune e dalla Regione. Molino del Piano - Ecobox. Già predisposta la raccolta dell olio esausto e a breve sarà pronto anche per gli altri materiali. Doccia - Riqualificazione e asfaltatura delle strade del centro abitato, con manutenzione straordinaria all illuminazione pubblica e la realizzazione di un parcheggio. Doccia - Messa in sicurezza di via di Tigliano (progetto del valore di Doccia - PAAS: Punto per l Accesso Assistito ai Servizi online. Inaugurato nel 2006 presso l Associazione Il paese sulla collina Sara Cerrini favorisce l uso e la conoscenza di Internet.

10 UNA CITTÀ DI QUALITÀ Interventi su Molino del Piano, Doccia, S.Brigida, Fornello Doccia - Messa in sicurezza igienico ambientale di un tratto di 80 metri di fognature nel centro abitato nell Agosto del Fornello - Interventi di sostituzione e ampliamento dell illuminazione pubblica stradale, con installazione di nuovi lampioni e rinnovamento di quelli già esistenti. I nuovi lampioni sono dotati di lampade ai vapori di sodio ad alta pressione che garantiscono alti livelli di efficienza luminosa e limitati consumi energetici. Santa Brigida - Giardino pubblico Magolena. Manutenzione straordinaria dei giochi con installazione di nuovi arredi e pavimento antiscivolo. Sostituzione dell impianto di illuminazione in seguito ad atti vandalici. Santa Brigida - Scuola. Progetto redatto nel Nello stesso anno si effettuano lavori ai locali della parrocchia che in comodato d uso ospitano i bambini nel periodo dell intervento, garantendo l inizio regolare dell anno scolastico. Nel 2013 iniziano i lavori alla scuola, e già a novembre riapre l asilo nido: locali e aule rinnovati, un nuovo laboratorio, nuovi servizi igienici e la mensa ora inserita nel nuovo volume. Adeguamento dell edificio dal punto di vista sismico e impiantistico con: centrale termica a regolazione ambiente per ambiente, tetto dotato di pannelli fotovoltaici, un ascensore e una scala di sicurezza esterna, infissi e avvolgibili che consentono una maggiore efficienza energica. L intera struttura, nido e materna, riapre nel gennaio 2014.

11 UNA CITTÀ DI QUALITÀ Interventi su Montebonello, Acone, Colognole Montebonello. Rifacimento di marciapiedi e asfalti in alcune strade del paese: via Battisti, via Balducci, via Colognolese, via Trento, via Gagarin, via Catalano. Intervento complessivo: Montebonello - impianti sportivi Ristrutturazione della pista di pattinaggio (2010), ed inaugurazione dell EcoBox presso il campino per lo smaltimento dei rifiuti pericolosi. Montebonello. Realizzazione nuovo asfalto e miglioramento idraulico del ponte verso Rufina (2012). Montebonello. Abbattimento delle barriere architettoniche sui marciapiedi. Scuola di Montebonello: copertura al plesso scolastico, realizzazione sezioni primavera nella scuola materna e aula informatica alla scuola primaria. Montebonello. Installazione nuovi guard-rail sul ponte dell Argomenna; riqualificazione Giardino di via Trieste; nuove strutture e allargamento del cimitero. Intervento: Acone: asfaltature delle strade vicinali presso Il Lastro e di Setriano. Ridistribuzione servizio raccolta rifiuti lungo l anello di Acone. Colognole: lavori di asfaltatura in via Palagio in Colognole (in più lotti); riqualificazione della strada consortile di Vicoferaldi.

12 La gestione delle risorse BILANCIO Bilancio 2014 Il Consiglio comunale ha approvato nell ultima seduta del 2013 il bilancio preventivo per questo anno. Un bilancio di transizione, approvato per permettere agli amministratori che arriveranno di essere operativi fin dal primo giorno della loro elezione. I punti salienti del bilancio 2014 Nuovo piano di opere pubbliche dove insieme agli interventi maggiori sono stati stanziati fondi anche per tanti interventi minori di manutenzione e decoro urbano Non spendere più di quanto entra 3 2 Nessun aumento delle tariffe chieste dal Comune ai cittadini 1 Continua l attività di riduzione del debito pubblico locale e di recupero dell evasione fiscale L Amministrazione ha cercato, fin dall inizio del suo mandato, di mantenere e migliorare la qualità dei servizi erogati, seguendo la logica del buon senso, ossia non spendere mai più di ciò che entra. Guidata da questo principio di sana e prudente gestione l Amministrazione, anno dopo anno, si è impegnata a spendere meglio ed in modo più efficace ed efficiente i soldi dei cittadini. Il punto focale è che i trasferimenti dallo Stato alle municipalità sono scesi in maniera sensibile e, soprattutto negli ultimi anni, le manovre finanziarie hanno decisamente attuato una stretta sui Comuni ENTRATE SPESE OGGI OGGI

13 La gestione delle risorse BILANCIO , , , , , ,00 Riduzione del debito Dieci anni fa il debito del Comune di Pontassieve era intorno ai 30 milioni di euro. In questi anni è stato dimezzato e ciò significa aver liberato risorse sulla spesa corrente consentendo più margini di manovra per ampliare e migliorare i servizi ai cittadini. Le azioni che hanno portato alla riduzione del passivo sono state principalmente il rimborso dei mutui e la non accensione di nuovi. Si è scelto di lottare contro il debito per non passarlo alle future generazioni e così si è cercato di ottimizzare le risorse che entravano. Un operazione apparentemente semplice, ma che ogni anno metteva di fronte a scelte difficili. I soldi per fare tutto non c erano, ma è stata attuata una strategia pluriennale per finanziare il flusso di investimenti con alienazioni patrimoniali, finanziamenti e- sterni e riduzioni di spese meno urgenti. Tutto questo nell obiettivo di fare meglio con meno. Il debito dal 2004 al 2014 è sceso di circa 15 milioni di Euro Serie1 Lotta all evasione La lotta e il recupero dell'evasione fiscale, insieme all impegno per l equità fiscale, sono stati doveri perseguiti con costanza ed efficacia. Il macronumero parla di di Euro richiesti in questi anni relativamente ai soli tributi locali e di un ritorno nella casse del Comune, a favore dei cittadini, di circa il 60% ovvero circa di euro. L altro 40% ancora non è rientrato ed è in corso di riscossione. Importare sottolineare il fatto che se dopo 10 anni tutti avessero fatto il loro dovere avremmo avuto circa di euro in più di risorse da investire sul territorio e quindi più soldi per la comunità. Questo per dire una cosa ovvia, ma che spesso ci dimentichiamo: l evasione è un danno alla comunità. I numeri dell evasione oltre 5 milioni di euro di evasione accertata sui tributi locali Circa 2 milioni di euro di mancate risorse euro: tributi sulla casa euro: tributi sui rifiuti 39% 61% euro recuperati euro: altre tasse ,00 0,

14 La gestione delle risorse BILANCIO Lavoro intersettoriale In questi anni è stato riorganizzato l Ufficio Tributi, leva fondamentale per l entrate dell Ente. Da circa un anno è anche partita l attività del gruppo di lavoro intersettoriale creato nel Comune di Pontassieve formato dalla collaborazione tra ufficio tributi, polizia municipale, anagrafe, Ced e ufficio tecnico, il cui compito vedrà l amministrazione impegnata nel recupero non solo dei tributi locali ma anche di tutte le sacche d evasione di competenza anche dell Agenzie dell Entrate. Questo primo anno ha portato segnalazioni qualificate all Agenzia dell Entrate per accertate evasioni anche nei settori degli affitti in nero, evasione irpef e iva, denunce dei redditi non coerenti con i tenori di vita e anche mancate dichiarazioni. L ufficio parte dalle informazioni di base relative alla popolazione, agli immobili e alle aziende, correlate tra loro in modo tale da poter avere una visione completa dei soggetti d'imposta con tutte le relazioni che li legano. A queste informazioni si vanno poi ad aggiungere - tramite un incrocio di dati - altre informazioni relative al reddito denunciato, ai contratti stipulati, alle macchine possedute. Riduzione del costo del personale In questi 10 anni il costo del personale è sceso di circa euro (da agli attuali ). A ciò è seguita anche una riduzione del numero dei dipendenti, che ha portato ad una riorganizzazione della macchina comunale per renderla più efficiente, promuovendo anche gestioni associate di alcuni servizi con altri Comuni per ottimizzare il personale e ridurre i costi di gestione. Tariffe personalizzate in base all ISEE Negli ultimi anni è stato deciso di far pagare il principale servizio a domanda, ovvero la mensa scolastica, in modo da essere più equo e personalizzato possibile. Così dal 2010 è entrato in vigore un nuovo sistema per la determinazione della tariffa che è calcolata partendo dall ISEE del nucleo familiare. Per i meno abbienti (redditi ISEE inferiori a euro) si applica la tariffa minima di 1,03 euro, per le attestazioni comprese tra e euro la tariffa è personalizzata in proporzione alla ricchezza della famiglia ed infine, per i redditi ISEE superiori a è applicata la tariffa di 5,66, a fronte di un costo pieno di un singolo pasto che all Amministrazione costa circa 6,00. Questa è una scelta innovativa basata sul principio che, chi ha di più paga di più e chi ha meno trova una amministrazione che lo mette in condizione di accedere alla mensa. Finanza pubblica: BOC e derivati Le operazioni fatte sui BOC (buoni ordinari del Comune) e sui Derivati (SWAP) si sono rivelate lungimiranti e convenienti per le Casse Comunali. In questi anni tramite i BOC abbiamo rinegoziato il debito risparmiando centinaia di migliaia di euro di interessi da destinare ai servizi e abbiamo eliminato a costo zero i derivati di natura finanziaria accesi nel 2002 (SWAP). Dopo questa cura finanziaria gli interessi sono pari all inflazione, ovvero hanno un tasso molto basso. In 10 anni queste operazioni hanno portato ad un risparmio di quasi di euro, puntualmente re-investiti in servizi.

15 L ambiente crea valore POLITICHE AMBIENTALI Nel 2013 è stato raggiunto il 68,35% di raccolta differenziata, superando l obiettivo del 65% fissato dalla Regione Toscana come obiettivo annuale minimo per evitare di pagare la maggiorazione dell ecotassa. L amministrazione negli anni si è impegnata in iniziative di sensibilizzazione ed educazione, nonché nello sperimentare nuovi metodi di raccolta dei rifiuti come le calotte e-gate. Il sistema a calotta ha incoraggiato i cittadini a differenziare i rifiuti prodotti e creato maggiore sensibilità sul tema degli sprechi quotidiani. Il sistema è attivo a Sieci e Pontassieve (Villini), ma verrà esteso gradualmente a tutto il territorio comunale nel biennio : un sistema che unisce economicità e risultati. In questi 5 anni sono state potenziate le postazioni di cassonetti, in particolare ad Acone e Colognole, ed è stata introdotta la raccolta differenziata per i commercianti dei mercati; sono state aperte 5 postazioni per il conferimento degli oli alimentari esausti e 4 eco-box, dove i cittadini possono conferire rifiuti particolari come piccoli elettrodomestici, toner, pile scariche, telecomandi, cellulari. L installazione del fontanello ai Villini ha evitato lo smaltimento di circa bottiglie d acqua di plastica da 1,5 litri, erogando gratuitamente quasi un milione di litri d acqua nel Gli ottimi risultati raggiunti in questi 5 anni non possono che essere un ulteriore stimolo. L area naturale protetta di Poggio Ripaghera - Santa Brigida - Valle dell Inferno, istituita nel 1997, è stata oggetto di un attenta valorizzazione. Tanti i progetti e le iniziative di promozione: la realizzazione del Sentiero escursionistico delle Burraie, la riqualificazione del castagneto alla Madonna del Sasso, la realizzazione di tre aree di sosta con pannelli educativi e in seguito lo svolgi- mento di iniziative molto partecipate; il Centro Visite presso il Santuario del Sasso è rimasto a- perto ogni anno da maggio a ottobre ed è stato teatro di iniziative culturali ed educative; e ancora, AREAPROTETTAINFESTA, CISTO LAURINO IN FIORE, osservazioni astronomiche, la Festa della castagna in ottobre. L amministrazione comunale ha organizzato giornate di didattica ambientale per i bambini della scuola primaria, stipulato una nuova convenzione quadriennale con CAI e GEO per la manutenzione della sentieristica, e presentato due studi sul Cisto Laurino (varietà floreale rara, presente in Italia solo nell Area protetta), osservabile durante il periodo della fioritura. Il tutto senza dimenticare una manutenzione dei sentieri attenta alle esigenze delle persone con disabilità. L ANPIL dal 2010 dispone anche di un sito in rete, Dal 2007 ad oggi più di 60 cani del canile comprensoriale di Cavriglia hanno trovato casa nel nostro Comune tramite adozione. La giunta precedente aveva istituito incentivi finanziari biennali per chi adottava un cane (dai 35 ai 50 mensili). Dal 2009 il Comune ha attivato un nuovo incentivo, ovvero la sterilizzazione gratuita dei cani femmina su richiesta. Da dicembre 2009, inoltre, il Comune ha voluto venire incontro a quei cittadini che avrebbero voluto aiutare un cane senza però disporre degli spazi o del tempo necessario: è stato così messo in moto un progetto di adozioni a distanza. Il Comune ha mantenuto alta l attenzione sul tema organizzando mostre fotografiche, giornate a tema (i doggy day) e costruendo, nell estate dello scorso anno, un area cani attrezzata all interno del Parco Fluviale de André.

16 IL PATRIMONIO SOCIALE In questa legislatura il Comune di Pontassieve ha incrementato gli investimenti per le politiche socioeducative; molti di questi finanziamenti sono stati destinati all assistenza sociale per minori, famiglie, persone con disabilità, anziani, giovani e immigrati. Le risorse sono state utilizzate per sostenere interventi e progetti con l obiettivo di contrastare e contemporaneamente prevenire le forme di disagio sociale. La collaborazione dell associazionismo, del volontariato, del privato sociale e dell auto-aiuto hanno permesso di sviluppare nuove ed importanti linee di intervento sul fronte sociale. Il principio ispiratore di questa legislatura è stato il miglioramento degli standard di vita di ogni cittadino e complessivamente di tutta la Comunità, favorendo le politiche di inclusione dei soggetti più svantaggiati. Nonostante le crescenti difficoltà di bilancio, l Amministrazione ha scelto di continuare ad investire risorse per realizzare le attività di socializzazione dedicate agli anziani, come i soggiorni estivi, permettendo giorni di vacanza anche a coloro che hanno difficoltà a muoversi, e le Salette, locali messi a disposizione dalle associazioni dove gli anziani possono gratuitamente trascorrere in compagnia piacevoli pomeriggi. Stare insieme agli altri, oltre a migliorare la qualità della vita, rappresenta un importante forma di prevenzione di molte delle patologie che colpiscono la popolazione anziana. Progetti come questo dimostrano quanto sia importante la collaborazione tra le istituzioni locali e le preziose esperienze della società civile quali il mondo del volontariato e dell impresa sociale. Parallelamente ai progetti finalizzati alla prevenzione, sono stati incrementati i programmi e le iniziative per la cura e l assistenza delle persone non autosufficienti e di quelle con disabilità. Se per gli anziani prevenzione significa evitare i processi di isolamento e depressione, in ambito giovanile prevenzione vuol dire favorire un inserimento nella comunità. Non solo dare sostegno, ma anche e soprattutto, prevenire il disagio, integrare i minori e i diversamente abili, diffondere una cultura di collaborazione e di responsabilità civica. Abbiamo ritenuto fondamentale incrementare i sostegni sia sociali che economici rivolti ai minori e alle loro famiglie, sviluppare progetti per migliorare l integrazione, prevenire fenomeni di disagio e bullismo nei ragazzi, con un percorso di approfondimento e supporto per i genitori, per gli operatori dell associazionismo, dello sport e per gli insegnanti. Sportello anti-violenza A Pontassieve nel 2013 è stato aperto un centro di ascolto cui rivolgersi per chiedere aiuto in caso di violenza. Violenza di ogni genere, da quella fisica a quella psicologica, economica e sessuale subita dalle vittime in ambito familiare e non. Vittime di violenza sono soprattutto donne. Il centro a- scolto gestito in collaborazione con l associazione Artemisia - è un luogo dove operatori e operatrici qualificate sono a disposizione e prendono in carico le situazioni di difficoltà che vivono le persone vittime di violenza. Il luogo di ricevimento rimane anonimo per preservare la riservatezza e la sicurezza delle persone che vi si rivolgono telefonando a Associazione Artemisia tel Progetto help - leva civile Nasce dall istituzione della leva civile nazionale grazie alla quale ragazzi e ragazze di età compresa tra i 18 ed i 28 anni possono partecipare ai progetti elaborati dal S.A.A.S. rivolti all aiuto dei minori in difficoltà. I progetti sono rivolti al miglioramento del rendimento scolastico e dell inserimento nel contesto socio educativo.

17 IL PATRIMONIO SOCIALE Assistenza scolastica Il servizio fornisce all alunno con disabilità un ulteriore supporto socio educativo che, affiancando l insegnante di sostegno, consente di disporre di un maggior numero di ore di assistenza per potenziare le sue possibilità di apprendimento, comunicazione, relazione e socializzazione all interno della scuola. Il servizio viene attivato per tutte le situazioni gravi individuate dai servizi sociali insieme alla neuropsichiatria infantile ed alla riabilitazione dell Asl. Casina Rossa Il progetto è finalizzato ad accompagnare e sostenere la vita autonoma e indipendente di soggetti diversamente abili. Con il sostegno di operatori, i ragazzi diversamente abili hanno la possibilità di sperimentare gesti quotidiani imparando a viverli in autonomia. Progetto Mongolfiera Il centro di socializzazione La mongolfiera opera in ambito extra-scolastico. All interno del centro vengono svolte attività manuali e socio-ricreative finalizzate alla riabilitazione ed al mantenimento delle capacità del soggetto. DISABILITA Inserimenti socio-lavorativi Sono uno strumento flessibile e funzionale che permette un percorso abilitativo/riabilitativo effettuato in ambienti lavorativi e occupazionali. Offre l opportunità alle persone in età adulta di sviluppare le proprie abilità, crescere personalmente e acquisire un ruolo socio-lavorativo. Fondo non autosufficienza Fondo regionale dedicato alla non autosufficienza degli anziani. Il progetto mira a dare una risposta certa e tempestiva alle necessità assistenziali degli anziani e delle loro famiglie. Progetto affido anziani Con questo progetto innovativo si è provato a dare soluzioni a due categorie deboli di cittadini, gli anziani soli ma ancora autosufficienti e le persone che, ormai alla mezza età, hanno perso il lavoro. Il progetto prevede l inserimento di queste ultime in assistenza agli anziani, con il doppio risultato di diminuire il disagio della solitudine e garantire una piccola mensilità a chi ha perso il proprio reddito. Rappresentano un aiuto economico, distribuito in relazione al reddito degli assistiti, nei confronti di tutti quegli anziani la cui situazione non è più sostenibile in ambito domestico e pertanto necessita il ricovero in struttura. ANZIANI Rette di ricovero Assistenza domiciliare integrata L assistenza domiciliare, che in questi ultimi anni è stata notevolmente incrementata, impiega operatori qualificati che intervengono ad aiutare e sostenere le famiglie nell assistenza e nella cura dell anziano all interno della propria abitazione.

18 IL PATRIMONIO SOCIALE Politiche per la casa Il nostro comune gode di un alta percentuale di case di proprietà, ma negli ultimi anni è cresciuto il numero delle famiglie che faticano ad acquistare una casa o a pagare l affitto, a causa della crisi economica e della precarietà del lavoro, soprattutto tra i giovani. Proprio questi ultimi sono i nuovi soggetti a rischio povertà, un fenomeno sociale in espansione al quale il Comune si è dimostrato da subito sensibile. In questi anni infatti, oltre a gestire un patrimonio di circa 250 alloggi, il Comune ha anche realizzato 19 alloggi destinati ad affitti calmierati, ovvero a cifre inferiori di quelle di mercato. Questo per andare incontro a quella fascia grigia rappresentata da quelle persone con un reddito insufficiente per accedere alle graduatorie delle case popolari, ma che non riescono a pagare gli affitti di libero mercato. Per rispondere alle nuove esigenze, e soprattutto per aiutare le giovani coppie, si è data anche l opportunità di ricevere il contributo affitti, il cui fondo si è visto aumentare gli stanziamenti di oltre il 600% dal In questo ultimo anno sono state 99 le famiglie che hanno usufruito di questo fondo di e u r o, m e s s o a d i s p o s i z i o n e dall Amministrazione Comunale e integrato da Fondi Regionali. Co-housing nuovi alloggi Co-housing a Casa Rossa, un lavoro che porterà alla realizzazione di alloggi per l emergenza sfratti ( finanziati interamente dalla Regione Toscana), possibile grazie alla vittoria di un bando regionale. Una scelta che servirà per dare risposte rapide ad un problema che ha toccato anche il nostro territorio: anche a Pontassieve infatti i casi di sfratti esecutivi sono aumentati, con tutto quello che ne consegue per la famiglie che si trovano a vivere situazioni drammatiche. Rispondere tempestivamente a queste esigenze non è sempre facile per la pubblica amministrazione. Gli strumenti fino ad oggi in possesso sono ad esempio il bando per gli alloggi pubblici o il contributo affitti, ma hanno tempi di assegnazione chiaramente più lunghi rispetto alle esigenze che precipitano sulla testa di coloro che nel giro di poco tempo si ritrovano ad avere uno sfratto esecutivo e quindi a non avere più un tetto. Altro intervento, già in fase di realizzazione, è la costruzione di 15 nuovi alloggi ERP a Sieci entro il prossimo anno. CASA in numeri 257 Alloggi ERP edilizia residenziale 19 Alloggi a canone calmierato 1 Alloggio per il progetto vita autonoma - Casina Rossa Progetto Buon Fine E un progetto per il recupero di prodotti buoni ma non più vendibili donati ad associazioni di volontariato onlus per assistere gli indigenti. Al progetto hanno aderito Sezione soci Coop, Croce Azzurra e Misericordia di Pontassieve.

19 I maggiori progetti attivati in questi anni Asili nido In dieci anni sono aumentati gli iscritti al nido e sono aumentate le strutture per accogliere i piccoli. 7 sono le strutture che coprono gran parte dell intero territorio comunale e che negli ultimi anni hanno permesso di dare risposte alle famiglie che facevano richiesta del nido. Per venire incontro alle richieste per l Asilo nido, infatti, negli ultimi anni Pontassieve ha siglato diverse convenzioni con asili nido privati del territorio (come l Oplà di Molino del Piano, il Ghirotondo e il Saltapicchio di Pontassieve) e con altri 9 Family Card Un paese con pochi bambini è un paese che ha poco futuro. Si apriva così la lettera che nel 2009 il Sindaco Marco Mairaghi e Mario ed Egle Sberna presidente dell Associazione Nazionale Famiglie Numerose - inviarono agli operatori economici per chiedere la loro collaborazione 13 FAMILY CARD 235 famiglie l hanno ricevuta Hanno aderito: 61 negozi professionisti e artigiani farmacie associazioni 5 sportive per attivare a Pontassieve la Family Card. Da lì nacque il progetto Family, una speciale card, una forma di sostegno attraverso le facilitazioni e gli sconti che esercenti, artigiani professionisti hanno messo a disposizione per tutte le famiglie che contano, in casa, tre o più figli. Un iniziativa utile, un idea dell Amministrazione che ha creato una rete di sostegno reciproco tra famiglie e mondo economico, una testimonianza di vera collaborazione. Sostegno alla famiglia situati non solo nel territorio comunale, ma anche nei Comuni di Rufina e Fiesole (a Compiobbi). In particolare questi ultimi accordi permettono alle famiglie di Pontassieve di poter portare i figli negli asili nido dei Comuni limitrofi mantenendo inalterate le tariffe per l utenza. Dieci anni fa nell anno educativo 2003/2004 il nido era frequentato da 76 bambini e ben 55 erano in lista d attesa, ovvero a queste famiglie era precluso un opportunità che poteva essere importante soprattutto per le mamme che dovevano rientrare al lavoro. Adesso i 124 iscritti hanno tutti un posto Dal 60% di accoglienza della domande si è di fatto passati al 100%. dal Cicogne Verdi Cicogna verde Dal 2010 è partito i l progetto Cicogna Ver- de con il quale assegniamo a i nuovi nati una fornitura di ecopannolini ed un contributo economico per l acquisto di prodotti per la prima infanzia. L iniziativa oltre che essere il benvenuto al nuovo nato da parte di tutta la comunità è anche un sostegno concreto al portafoglio e all ambiente, considerati i tanti rifiuti indifferenziati risparmiati. Infatti può sembrare impossibile ma soltanto in pannolini, che per un bambino possono arrivare più o meno nei tre anni, si arriva ad una tonnellata di rifiuti da smaltire. Ma non solo, Cicogna Verde ha anche un altro e importante valore simbolico, vuole porre l attenzione sui diritti civili di cittadino e in particolare dei bambini, con l omaggio della Convenzione Internazionale sui Diritti dell Infanzia e dell Adolescenza. Buoni spesi euro alla Farmacia comunale

20 LA CULTURA COME VALORE Nel corso di questa legislatura abbiamo sostenuto un programma di attività culturali che ha dato l opportunità a tanti cittadini di avvicinarsi al mondo dell arte, con eventi rivolti al grande pubblico e iniziative alla scoperta di artisti locali, oltre ai corsi d arte che abbiamo realizzato grazie al coinvolgimento di associazioni del territorio. Creare e adeguare gli spazi e le collaborazioni prime tra tutte quelle con l Auser, l Associazione Colori del Levante Fiorentino, La Soprintendenza Speciale per il Polo Museale Fiorentino e L Accademia di Belle Arti - ha rappresentato il primo passo per poi poter programmare un offerta completa. Nella Sala delle Colonne Pontassieve ha avuto l opportunità di ospitare mostre d arte di notevole importanza come quelle di Renato Guttuso, Antonio Ligabue, Pietro Annigoni, Beato Angelico e dei Sangallo che hanno portato a Pontassieve migliaia di persone, coinvolto molte realtà economiche del territorio. Insieme alle Sala delle Colonne anche la Biblioteca e la Sala delle Eroine si sono dimostrati nuovi incubatori di cultura o- spitando, oltre a mostre d arte, presentazioni di libri e eventi culturali che hanno visto spesso protagonisti i talenti locali. Novità importante di questi anni anche il recupero di Casa Rossa, il locale all ingresso di Pontassieve che dal 2010 è diventato un nuovo luogo destinato ad ospitare artisti contemporanei, strizzando l occhio all arte concettuale e dando voce a quelle avanguardie artistiche che spesso non riescono a trovare i luoghi adatti per la propria valorizzazione. La volontà di riflettere insieme sulla contemporaneità ha portato anche alla costituzione della Rete per la Cultura Contemporanea nel Levante Fiorentino, che ha offerto l opportunità a giovani talenti di partecipare a cantieri d arte e di cimen- tarsi in produzioni artistiche di diverse discipline: pittura, scultura, video, musica, danza, teatro. Si è giunti alla creazione del Museo Geo Bruschi, che mette a disposizione dei cittadini un importante collezione di reperti archeologici, ricordi di viaggio e fotografie raccolti nel corso di una vita intera da un eccellente fotografo e grande viaggiatore qual è Eugenio Bruschi. Durante il periodo estivo abbiamo trasferito le iniziative presso il Parco Fluviale Fabrizio De Andre, che è diventato un luogo d incontro e condivisione d incontri culturali e artistici; fra le manifestazioni di maggior successo citiamo Estate al Parco, Onda Mediterranea e la Rassegna musicale Giovani in pista. In tema di promozione dell arte e della cultura oltre ai corsi di disegno, pittura, scultura e fotografia - che hanno visto nel corso di questi anni una numerosa partecipazione si sono aggiunti quelli organizzati dal Centro di Documentazione Audiovisiva per imparare e conoscere i mezzi di diffusione cinetelevisivi. Sempre grazie al CDA è stato possibile proporre la rassegna di cinema d autore Cinelandia in programmazione in inverno e primavera al Cinema Accademia di Pontassieve.

21 LA CULTURA COME VALORE La Biblioteca ha confermato e potenziato il suo ruolo di presidio culturale di base, raddoppiando negli ultimi anni il numero delle presenze e dei prestiti. Le numerose attività di animazione per bambini e ragazzi, i venerdì letterari, i corsi di lettura ad alta voce e di scrittura coinvolgono sempre più persone. Per ampliare l azione di promozione della lettura, la Biblioteca ha istituito, grazie a una collaborazione con la Regione Toscana e Unicoop, un punto prestito presso il Centro Commerciale Valdisieve che permette di raggiungere nuovi utenti. Il patrimonio documentario della Biblioteca si è inoltre arricchito di un prestigioso fondo antico, accogliendo la donazione della biblioteca di Eugenio Sansoni, antenato della famiglia Sansoni che ha abitato nel palazzo comunale.

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo o Mobilitare la società locale per garantire la qualità dell istruzione Obiettivi Linee

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1

PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 TITOLO DEL PROGETTO: DALL EMARGINAZIONE ALL INTEGRAZIONE 1 Settore e Area di Intervento: Settore: ASSISTENZA

Dettagli

PRESENTAZIONE PROGETTO

PRESENTAZIONE PROGETTO PRESENTAZIONE PROGETTO Serie di attività svolte per sollecitare : Un maggior impegno sociale, Coinvolgimento attivo nella vita cittadina, Crescita della cultura della solidarietà, Dedicazione di parte

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2013

CONTO DEL BILANCIO 2013 CONTO DEL BILANCIO 03 IMPEGNI PER SPESE CORRENTI I N T E R V E N T I C O R R E N T I Personale Acquisto di beni di Consumo e/o di Materie Prime Prestazioni di servizi Utilizzo di Beni di terzi Trasferimenti

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2012 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 38.83,47.000,00 75.86,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2014 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 04 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0,00 980,00 9.007,00

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 6.40,57.44,00 38.640,43

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO

in collaborazione con BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO in collaborazione con Il contesto di riferimento BANDO 2015 UN NIDO PER OGNI BAMBINO L obiettivo fissato dall Unione Europea che si prefiggeva di raggiungere una ricettività del 33% dei nidi e in generale

Dettagli

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO

CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO CARTA DEI VALORI DEL VOLONTARIATO PRINCIPI FONDANTI 1. Volontario è la persona che, adempiuti i doveri di ogni cittadino, mette a disposizione il proprio tempo e le proprie capacità per gli altri, per

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2013 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 203 Funzion Servizi. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizi 0. 02 Segreteria generale,personale e organizzazione Servizi 0. 03

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2007 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 007 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di con-trollo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 9 0 3 5.00 7.00.00 Servizio

Dettagli

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia

COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus. Carta. dei Servizi. Famiglie Anziani Infanzia COOPERATIVA LOMBARDA F.A.I. Societa Cooperativa Sociale - Onlus Carta dei Servizi Famiglie Anziani Infanzia Indice di revisione n. 1 del 1/3/2014 3 INDICE CHI SIAMO IDENTITA E VALORI 4 5 COSA FACCIAMO

Dettagli

CONTO DEL BILANCIO 2012

CONTO DEL BILANCIO 2012 CONTO DEL BILANCIO 0 9 0 3 Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo Servizio 0. 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 7.640,44 750,00 8.66,48 5.343,90

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE SECONDARIA SUPERIORE CARLO LIVI Via Pietro Maroncelli 33 59013 Montemurlo (Prato) tel. +39 0574 683312 fax +39 0574 689194 email pois00300c@istruzione.it pec pois00300c@pec.istruzione.it

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia Di Olbia-Tempio REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL CENTRO DI AGGREGAZIONE SOCIALE Art. 1 - ISTITUZIONE E istituito presso il Comune di Golfo Aranci, un Centro di Aggregazione

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * *

COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova. progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci * * * COMUNE DI RONCO SCRIVIA Provincia di Genova progetto preliminare relazione di progetto elaborati grafi ci ina 1 L Amministrazione comunale di Ronco Scrivia (provincia di Genova) intende integrare la dotazione

Dettagli

GUIDA ALLE CONVENZIONI 2014

GUIDA ALLE CONVENZIONI 2014 Da staccare e conservare 2014 GUIDA ALLE CONVENZIONI 2014 Presentazione della Card La Card di Unica è un vantaggio aggiuntivo per il socio. E una tessera nominativa intestata al socio stesso e può essere

Dettagli

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche

Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Censimento Programma di intervento per l abbattimento delle barriere architettoniche e urbanistiche Schede rilievo SCHEDA RILIEVO BARRIERE ARCHITETTONICHE SPAZI - strade Vinci Toiano CENTRO ABITATO Sant

Dettagli

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con:

La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: La scuola dell infanzia, anello fondamentale del sistema formativo del paese, deve essere in continuità con: V E NIDO DIPARTIMENTO MATERNO INFANTILE R ENTI LOCALI T QUARTIERE I C SCUOLA DELL INFANZIA FAMIGLIA

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE

Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE Settore Inclusione Sociale e Nuove Povertà SERVIZIO NUOVE POVERTA AREA PROGETTI INNOVATIVI PROGETTO SPERIMENTALE FAMIGLIA IN COMPAGNIA (allegato n. 2) PREMESSA Il Progetto FAMIGLIA IN COMPAGNIA mette al

Dettagli

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6

Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 Comune di OZIERI BILANCIO PREVISIONE PLURIENNALE USCITE ANNO 2013 Pag. 1/6 1010203 240/21 SPESE MANUTENZIONE IMMOBILI ED 17.424,61 17.424,61 17.424,61 IMPIANTI UFFICI COMUNALI 1010203 400/10 SPESE PER

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria

Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Istituto Comprensivo Statale Viale Liguria Ufficio di Segreteria: Viale Liguria Rozzano (MI) Tel. 02 57501074 Fax. 028255740 e-mail: segreteria@medialuinifalcone.it sito: www.icsliguriarozzano.gov.it Recapiti

Dettagli

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE

INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE INFORMAZIONI SUL CONTRAENTE PER LA VALUTAZIONE DEL RISCHIO RCT/RCO Parma, ottobre 2013 2 INFORMAZIONI DI CARATTERE GENERALE Ragione sociale Pedemontana Sociale - Azienda Territoriale per i Servizi alla

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI

Comune di San Giustino. STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Comune di San Giustino STUDIO DELLA VIABILITÀ nella frazione di Selci IPOTESI PROGETTUALI Presentazione pubblica del 19.02.2015 IPOTESI PROGETTUALI CONSIDERAZIONI PRELIMINARI TUTELARE L ACCESSIBILITÀ AI

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI

REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI COMUNE DI ALA REGOLAMENTO GRUPPO ALLIEVI VIGILI DEL FUOCO VOLONTARI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd. 19.06.2003 Modificato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 dd.

Dettagli

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di:

Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014. Sede di Torino. Elaborazione e Cura di: Mobilità sostenibile Piano Spostamenti Casa - Lavoro 2014 Sede di Torino RUGGIERI Nicoletta Maria Mobility Manager Elaborazione e Cura di: CAGGIANIELLO Giorgio SAPIO Michele VENTURA Lorella Amministrazione

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

dall introduzione dell Assessore Luppi

dall introduzione dell Assessore Luppi Presenti: Giulia Luppi Assessore alla scuola Alessandra Caprari pedagogista Maurizia Cocconi insegnante Scuola Primaria De Amicis Giuliana Bizzarri insegnante Scuola d infanzia A.D Este Tondelli Rita insegnante

Dettagli

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013

CTI della provincia di Verona. Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 CTI della provincia di Verona Seminario conclusivo - Bardolino ottobre 2013 Per non perdere nessuno La crisi economica e valoriale che stiamo vivendo entra dapprima nelle famiglie e poi nella scuola. Gli

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

DELLA REGIONE DELL UMBRIA

DELLA REGIONE DELL UMBRIA Supplemento ordinario n. 1 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 27 dicembre 2006 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Potenza REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale.

Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione - CNR progetto internazionale "La città dei bambini" Una città per giocare: linee guida per il convegno internazionale. Non mi mancava la memoria o l intelligenza,

Dettagli

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE

SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE SCHEDA DI VALUTAZIONE SOCIALE DATI ASSISTITO Cognome Nome Data di nascita Cod. fiscale INDICATORE ADEGUATEZZA CONDIZIONE AMBIENTALE (Valutazione rete assistenziale + valutazione economica di base + valutazione

Dettagli

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale

Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Centro diurno socio-assistenziale regionale Ai Gelsi Riva San Vitale Che cos è il Centro diurno regionale Ai Gelsi? Il nuovo Centro diurno socio-assistenziale con sede a Riva San Vitale si inserisce nel

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI

CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI CLASSIFICAZIONE DEI SERVIZI PUBBLICI Il presente documento contiene la classificazione dei servizi pubblici adottata per l iniziativa Mettiamoci la faccia. Si tratta di una classificazione e non di una

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT

DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT DAL PROGETTO PER LO SVILUPPO DI UNA COMUNITA LOCALE ACCOGLIENTE ALLA NASCITA DEL PAESE ALBERGO SAINT SAINT-MARCEL MARCEL Storia di un idea CONVEGNO INTERNAZIONALE Esperienze di turismo in ambiente alpino:

Dettagli

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno

Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Conferenza di servizio presso il Ministero della Pubblica Istruzione Roma 21 giugno Dialoghi tra scuole d Europa: esperienze e curricola a confronto Scuola media Manzoni Lucarelli di Bari - Carbonara 21

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 TITOLO DEL PROGETTO: ANNO RICCO MI CI FICCO SETTORE e Area di Intervento: Settore A: Assistenza Aree: A02 Minori voce 5 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO OBIETTIVI DEL PROGETTO OBIETTIVI GENERALI

Dettagli

Comune di Massa Lombarda

Comune di Massa Lombarda CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AFFARI GENERALI RESPONSABILE: CANTAGALLI PAOLO 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Affari Generali 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e

2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e 2.3.3. Percorso assistenziale rivolto alle donne vittime di violenza, abuso, maltrattamento e ai loro figli/e Gruppo percorsi assistenziali Partecipanti al gruppo - Unità Funzionale Salute Mentale Infanzia

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012

PAVANELLOMAGAZINE. l intervista. Pavanello Serramenti e il mondo Web. Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre 2012 anno 2 - numero 3 - marzo/aprile 2012 MADE IN ITALY PAVANELLOMAGAZINE l intervista Certificazione energetica obbligatoria Finestra Qualità CasaClima Proroga detrazioni fiscali del 55% fino al 31 dicembre

Dettagli

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno..

non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Comune di Modena ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI SANITARIE E ABITATIVE non posso permettermi la casa che vorrei... se solo quell appartamento costasse un pò meno.. Cerchi casa e stai vivendo un momento

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi

Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi La Regione Puglia nel percorso del POAT DAGL Laboratori e sperimentazioni per il miglioramento della qualità della

Dettagli

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna

L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna A cura dell ABC Sardegna, ediz. rivista in ottobre 2005 L attuazione della Legge 162/98 in Sardegna La Legge Nazionale 162/98 ha apportato modifiche alla legge quadro sull handicap L.104/1992, concernenti

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA?

QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? QUANTI ANNI DURA LA SCUOLA? La scuola è obbligatoria dai 6 ai 16 anni e comprende: 5 anni di scuola primaria (chiamata anche elementare), che accoglie i bambini da 6 a 10 anni 3 anni di scuola secondaria

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore

RFI:Informativa e invio documentazione. Verbale di accordo e comunicato unitario. Convocazione comitato di settore ATTIVITA FERROVIARIE RFI:Informativa e invio documentazione ACI GLOBALE Verbale di accordo e comunicato unitario AUTONOLEGGIO Comunicato unitario di proclamazione sciopero TRASPORTO MERCI LOGISTICA AUTOSTRADE

Dettagli

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo:

5.1 Complesso delle attività realizzate dall Ente e identificazione dei destinatari dal punto di vista sia qualitativo che quantitativo: SCHEDA 1/B SCHEDA PROGETTO PER L IMPEGNO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN EMILIA-ROMAGNA ENTE 1)Ente proponente il progetto: CARITAS DIOCESANA DI REGGIO EMILIA GUASTALLA (legata da vincoli associativi

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari

Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Cooperativa COS Cooperativa Operatori Sanitari Società Cooperativa sociale onlus corso Torino 4/3 16129 Genova tel. 010 5956962 fax 010 5950871 info@cosgenova.com; coscooperativa@fastwebnet.it 1 Sede legale

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Moro Lamanna Mesoraca - Kr AUTOVALUTAZIONE D ISTITUTO Report Progetto ERGO VALUTO SUM PON Valutazione e miglioramento (Codice 1-3-FSE-2009-3) Anno Scolastico 2012-2013 Relatore

Dettagli

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO

OPERAZIONE TAVINA. gli 8 motivi per cui pensiamo sia senza senso CEMENTO E SOLO CEMENTO CEMENTO E SOLO CEMENTO Il futuro di Salò non può essere ancora di mattoni, di seconde case, di case vuote e di case invendute. La volumetria approvata (oltre 250 appartamenti) corrisponde a circa il 10%

Dettagli

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO

IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO IL PROGETTO PEDAGOGICO DEL SERVIZIO Premessa L estate per i bambini è il tempo delle vacanze, il momento in cui è possibile esprimersi liberamente, lontano dalle scadenze, dagli impegni, dai compiti, dalle

Dettagli

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano

Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Enti locali per Kyoto Struttura di un PEC: dal piano energetico di riferimento alle azioni di piano Rodolfo Pasinetti Ambiente Italia srl Milano, 15 dicembre 2006 Contesto Politiche energetiche Nel passato

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese

CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese CO.PA.VIT. Consorzio Pataticolo dell Alto Viterbese l unione fa la forza per restituire valore aggiunto alla produzione 1 Il Consorzio Il Consorzio CO.PA.VIT. è nato nel 2008 a partire da un iniziativa

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI

PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PROGETTO ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI PIANO DISTRETTUALE DEGLI INTERVENTI del Distretto socio-sanitario di Corigliano Calabro Rif. Decreto Regione Calabria n. 15749 del 29/10/2008 ANALISI DELBISOGNO

Dettagli