San Lazzaro. Italiani. Italjet: un pezzo della nostra storia. Le scelte del Pd > pagine 3, in Piazza. Congressi e Primarie.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "San Lazzaro. Italiani. Italjet: un pezzo della nostra storia. Le scelte del Pd > pagine 3, 12-17. in Piazza. Congressi e Primarie."

Transcript

1 Congressi e Primarie Le scelte del Pd > pagine 3, Italiani Italjet: un pezzo della nostra storia > pagina 6 Giornale della comunità sanlazzarese anno XXXVI numero 4 ottobre-novembre duemilatredici Nuova serie: Bimestrale a distribuzione gratuita. Autorizzazione tribunale di Bologna n 4697 del 29/01/1978 Tariffa associazioni senza fine di lucro: Poste italiane spa - Sped. in abb. postale - D.l. 353/2003 (conv. in l.2/02/2004 n 46) Art.1 comma2 DCB - Fil. di Bologna

2 Sommario Partito democratico 3 Congressi e primarie Primarie: proposte a confronto 16 Il documento: quelli del Pd La notizia 4 Prosciolti Sindaco ed ex amministratori 9 Ponticella e le ex cave Prete Santo Bilancio comunale 5 L intervento di Isabella Conti Passato e presente 6 Italjet: un po di storia In primo piano 8 Riassetto urbano: si comincia da Idice 20 Villa Cicogna: lavori in stand bay Festa de l Unità 10 I conti della Cicogna 11 I 100 passi al Parco Nord Le iniziative Pd 18 Secondo corso sulla comunicazione 19 Servizi per l infanzia e non solo Viabilità 22 Complanare, un opera da completare Il libro 23 Mauro Maggiorani e il suo primo romanzo Eventi 25 Itc teatro e Università Primo Levi Amarcord 26 Dazi e gabelle a Appuntamenti 24 Le iniziative del circolo Arci 29 Ci troviamo in Mediateca Messaggi sul muro 30 Lettere al giornale In copertina: Foto Italjet dall archivio del collezionista Pasquale Mesto. Editore: Pd Coordinamento di Bologna - via Rivani, 35 (Bologna) - tel Stampa: F.D. via San Felice, 18/a - Bologna Impaginazione e pubblicità: AGAVENERA - tel Direttore responsabile: Giancarlo Perciaccante Vice direttore: Dario Mastrogiacomo Direttore editoriale: Tito Saracino Coordinatore di redazione: Gianni Grillini Hanno collaborato: Renato Ballotta, Anna Boselli, Isabella Conti, Wanda Cubeddu, Giorgio Di Primio, Giancarlo Fabbri, Gruppo 0-18, Morena Gubellini, Marco Macciantelli, Pier Luigi Perazzini. Foto: Giancarlo Fabbri. Redazione: presso sede Pd, via Emilia, 2 (ponte Savena) - tel Chiuso in tipografia il 29 ottobre Tiratura: copie (Questo giornale viene distribuito gratuitamente e si avvale del lavoro volontario di professionisti dell informazione e non. Nessuno viene retribuito per l attività svolta) Scrivi al giornale: Scrivi anche a: Clicca su: Facebook: PD di Savena DEA È OPERATIVA SU BOLOGNA E PROVINCIA e per sostituzione ferie Legalmente riconosciuta - Associata ASCOM - I nostri servizi sono coperti da Assicurazione R.C. e Detrazione fiscale Agenzia Dea Srl - Sede Legale: via Emilia, di Savena (Bologna)

3 partito democratico Congressi e primarie una grande prova di democrazia a cura della redazione L 8 dicembre urne aperte a tutti, iscritti e non, per scegliere il segretario nazionale del Partito democratico. Raffaelle Donini confermato segretario della Federazione di Bologna con oltre l 80% dei consensi. Eletti i segretari e i direttivi dei Circoli di. Ci siamo. La campagna congressuale del Pd è entrata nel vivo con i congressi di Circolo che si sono conclusi, nel bolognese, tra il 25 e il 28 ottobre. Un primo dato balza agli occhi: Raffaele Donini succederà a se stesso nell incarico di segretario del Partito democratico di Bologna. I risultati, mentre scriviamo, non sono definitivi, ma ormai il divario tra lui, attestato sopra l 80% dei consensi e Luigi Tosiani, che ha prevalso solo in alcuni comuni dell Appennino e della pianura, sono tali che non è possibile alcun ribaltamento. Infatti, dopo il voto, in 112 Circoli (ne mancano ancora, mentre scriviamo, una quindicina) Donini ha ottenuto 5114 preferenze, pari all 81,4%, contro i 1166 (18,6%) di Tosiani. Altro dato importante: con 6453 votanti l affluenza è già al momento superiore a quella finale del congresso del In calo inoltre le schede bianche e nulle. Donini, 44 anni, è nato a Bazzano e nel 1995 fu eletto, il più giovane in Italia, sindaco di Monteveglio, il paese di don Dossetti, proprio all indomani di uno storico incontro, nella millenaria Abbazia, fra il monaco costituente e la presidente della Camera Nilde Jotti. Luigi Tosiani ha 27 anni ed è responsabile dell Unione Pd di San Vitale e capogruppo del centrosinistra nel Consiglio di quartiere. Ancor più netta l affermazione di Donini a (vedi tabella), dove ha superato la percentuale provinciale in quattro circoli su cinque, con punte del 96 e 97% al Circolo Strazzari e al Circolo est. IL VOTO A SAN LAZZARO Circolo DONINI TOSIANI S. LAZZARO Est 44 (97,8%) 1 (2,2%) S. LAZZARO Nord-Strazzari 50 (96,2%) 2 (3,8%) S. LAZZARO 2 giugno (ex Sud) 42 (82,4%) 9 (17,6%) S. LAZZARO Ponticella 53 (73,6%) 19 (26,4) S. LAZZARO Idice Berlinguer 45 (84,9%) 8 (15,1%) I SEGRETARI DI CIRCOLO ELETTI S. LAZZARO Est Giovanni Quartana (46 voti, 1 scheda bianca) S. LAZZARO Nord-Strazzari Dario Mastrogiacomo (50 voti, 3 contrari, 1 nulla) S. LAZZARO 2 giugno (ex Sud) Renato Ballotta (51 voti, 2 contrari) S. LAZZARO Ponticella Archimede Romagnoli (67 voti, 2 contrari, 3 schede bianche) S. LAZZARO Idice Berlinguer Marco Camorani (55 voti) senza di donne, ed i delegati alle assemblee comunale e provinciale. Comincia ora la seconda fase congressuale che si concluderà l 8 dicembre quando si svolgeranno le primarie aperte per scegliere il nuovo segretario nazionale del Partito democratico. Ne parleremo più diffusamente nel prossimo numero del nostro giornale che uscirà a fine novembre con Solo alla Ponticella si attesta al di sotto con il 73,6%. I congressi si sono svolti tra sabato 26 e domenica 27 ottobre e hanno visto anche nella nostra città un elevata partecipazione ed un serrato dibattito sulla situazione politica sia nazionale che locale. Sono stati eletti anche i segretari di Circolo con quattro riconferme: Giovanni Quartana al Circolo est, Dario Mastrogiacomo al Circolo Strazzari (unificatosi con il Nord), Renato Ballotta al Circolo 2 giugno, Archimede Romagnoli alla Ponticella. Nuovo invece il segretario del Circolo di Idice intitolato ad Enrico Berlinguer, dove è stato eletto Marco Camorani, 24 anni, segretario dei Giovani democratici di. Eletti anche i direttivi dei circoli, con un forte rinnovamento anche generazionale ed una forte prel indicazione delle regole e degli orari e dei seggi in cui votare. Tra il 7 e il 17 novembre, i quattro candidati, Gianni Cuperlo, Matteo Renzi, Gianni Pittella e Giuseppe Civati, passeranno al vaglio degli iscritti del Pd. A San Lazzaro presumibilmente il 9 o il 16. Come per i congressi gli iscritti riceveranno per posta ed la comunicazione di date e orari. La macchina è quindi in moto e quando giungerà al traguardo avrà coinvolto in tutta Italia milioni di persone, iscritte e non al Partito democratico. Una prova di democrazia vera, di partecipazione, l esatto contrario di ciò che avviene in altre formazioni politiche (vedi Pdl e M5S), in cui una sola persona decide per tutti. * 3

4 Tourist Information Office, tourist guides, transport) and all necessary details to create a customized stay in Bologna. Such a stay may also include some less conventional, but highly inspiring stops along itineraries based on food and hospitality to enjoy the city s past and present. BOE USBEJUJPOT XIJDI IBWF DIBSBD UFSJ[FE UIFTF TUSFFUT PWFS UIF DFOUVSJFT,OGJOF UJ WPHMJP PGGSJSF BMUSF JOGPSNB [JPOJ JOEJTQFOTBCJMJ QFS TDPQSJSF BODIF TFO[B EJ NF UVUUJ HMJ BTQFUUJ EFMMB BDDPHMJFO[B CPMPHOFTF EBJ SJTUPSBOUJ BJ OFHP[J EFMMP TIPQQJOH BJ CBS GJOP BHMJ $MCFSHIJ )JOBMMZ,hMM HJWF ZPV PUIFS LFZ JOGPSNBUJPO UP BMMPX ZPV UP EJTDPWFS CZ ZPVSTFMG %PMPHOBhT WBSJFE IPTQJUBMJUZ TFDUPS SFTUBVSBOUT TIPQT CBST BOE IPUFMT la notizia Agripolis, la Corte dei Conti assolve il Comune di PUB-BIRRERIA / CELTIC DRUID Via Caduti di Cefaloni THE CLURICAUNE IR Via Zamboni 18/b - te THE AULD DUBLINE Via Cairoli 2/c - tel. 05 6FO[B EJNFOUJDBSF I magistrati hanno dichiarato inammissibile l appello del procuratore regionale sulla vicenda della RVBMDIF TVHHFSJNFOUP QFS LAilTECNOLOGIA AL SERVIZIO DEL TURISTA di consiglieri. MUSIC BAR società di compostaggio rifiuti, prosciogliendo sindaco Macciantelli e una quindicina HPEFSF MB OPUUF GSB MPDBMJ F PTUFSJF JO TECHNOLOGY AT THE SERVICE OF THE TOURIST SODA POPS DISCO B DVJ TBQPSJ PEPSJ BUNPTGFSF TJ NFTDPMBOP DPO MB NVTJDBkBOJNB F QSFTFO[B DPTUBOUF EFMMB DJUU$h OPUUVSOB /FUhT OPU GPSHFU TPNF UJQT UP TQFOE B QMFBTBOU FWFOJOH JO OJHIU UJNF WFOVFT BOE JOOT XIFSF GMBWPVST BSPNBT BOE VOJRVF BUNPTQIFSFT CMFOE XJUI NVTJD UIF TPVM PG UIF DJUZ BT XFMM BT BO PNOJQSFTFOU FMFNFOU BU OJHIU &,$2 NJ DIJBNP *8,'2 +(//2 0< 1$0(,6 *8,'2 Via Castel Tialto 6/abc Per il turista che ama la scoperta individuale di una nuova citriore assoluzione. «C è motivo di aver violato la legge». creata nel 1983 tra la Provincia e a definitivamente in archità, ecco link e coperture WI-FI che permettono l accesso a tutto THE LORD LISTER PU soddisfazione, in relazione anche il sindaco alcuni Comuni e poi fallita. il materiale disoddisfatto vio la vicenda Agripolis. La informazione turistica prodotto dalla Provincia di anche Via Zamboni 56 - tel. 33 al polverone sollevato da genmacciantelli: «Ho sempre «Desidero nuovamente Bologna, espri- aimarco prima Sezione giurisdiziodati raccolti dall Ufficio di Informazione ed AccoglienCORTO MALTESE - ro te che in questi anniviahadelsparso come non(iat) si eposmere la mia più viva soddisfanale centrale d appello della Corza Turisticasottolineato del Comune di Bologna molto altro ancora. Borgo di San P For touristssawho love the individual discovery of afango new city, here controwww.cortomaltesedis e veleni il Comune che esprimere piena fiducia zione e non solo personale. L aste dei Conti ha dichiarato inam) D?B;CH is the link nell opera and WI-FI that allow access all the tourist ;FH e i suoiinformaamministratori - afferma Corte dei to Conti, soluzione, essere missibile l appello del procuratolab 16 - rock, pop, in COME USARE LAdella MAPPA ÿvdc :?Iche; <dovrebbe ) tion material produced byinthetotale Province of Bologna,Macciantelli data collected- che non C v Via Zamboni dimen- 16/d - te affidandosi, serenità, definitiva, rende giustizia anche re regionale dell Emilia-Romagna I 8 Questa mappa vuole essere uno strumento per un turista by the Office of Information and Tourist Reception Municipality of BRAVO CAFFE - jazz curioso e interessato a costruirsiche autonomamente la vacantica strane interrogazioni alle sue valutazioni, devono di tante illazioni a buon mercasulla questione Agripolis,TPOP VOP GSB J UBOUJ probologna ha inuna se Bologna(IAT) and much more. Via Mascarella 1 - tel. 0 za attraverso un proprio e personale percorso di scoperta Consiglio su chi fossero i legali maturare non in un clima di dito di cui siamo stati oggetto in sciogliendo gli accusati,tuvefouj EFMMh8OJWFSTJU$h EJ ovvero tradizione nell accogl %PMPHOB DIF DPNF VO UVSJTUB IB della cittàdel di Bologna. Scoperta che passa anchedella attraverso LUOGHI CENTRO STORICO CON COPERTURA WI-FI: nella partecipazione ai difesa, o prematuri giudizi sputa politica, ma nel merito dei questi anni», commenta il preil sindaco Marco Macciantelli ed HJPSOP EPQP HJPSOP TDPQFSUP l utilizzo delcoverage fumettoof come linguaggio della cultura contemad un può essere molto utile, città del da scoprire, Places with the historic center WI-FI: BOHPMJ F TBQPSJ EJ RVFTUB TQMFOEJEB biamenti della società, DRINK AND FOO emessi senza rispetto dei giudirilievi formulati e delle spiegaziosidente Consiglio comunale unaturista quindicina didjuu$h DIF PGGSF MB QSPQSJB PTQJUBMJU$h OPO consiglieri co- in una poranea. Piazza Maggiore disporre di segnalazione su servizi di qualità che possono renvoglia di PARIS vivere, di sta CAFE TPMP EJ HJPSOP NB BODIF OFMMF TVF OPUUJ ci della Corte dei Conti, ne del - cockta ni che ildevono di, Corrado E Fusai. A conferma della corretinfatti Guido, fumettoessere guida, conferite che offre sollecitazioni, Piazza Nettuno deremunali. più piacevole il soggiorno. sieme in ogni momento, BN POF PG UIF NBOZ TUVEFOUT PG UIF Via G.Petroni 23/c - te suggerimenti, annotazioni sulla storia e sulla quotidianità buonsenso. Ora c è un punto nelledisedi appropriate». «Sono sempre stato convinto di interni comportamento tenu I cortili Palazzo d Accursio / The«Ricorinside 8OJWFSTJUZ PG %PMPHOB XIP BT B UPVSJTU giornata e in ulparticolare If youtezza are adel tourist wishing to explore Bologna, here are the contact EBZ BGUFS EBZ IBT EJTDPWFSFE WJFXT IL RISTORO DELLE FA della vita cittadina: l approfondimento degli argomenti è courtyards of Building of Accursio teriore e definitivo di chiarezza e do prosegue il primo cittadino aver agito, con tutti i colleghi, seto, nel dispositivo della sentenza sera e della notte. Secon details of quality services that can make your stay more enjoyable. BOE GMBWPVST PG UIJT XPOEFSGVM DJUZ Via Zamboni 24/f - tel lasciato, attraverso l indicazione dei numerosi strumenti e Via dell Archiginnasio definizione dell Unesco di verità a cui tutti sono chiamati - Sala che,borsa in ordine al pagamento di condo la legge e, comunque, in si precisa che le spese UIBU XFMDPNFT ZPV OPU POMZ legali non Biblioteca EVSJOH UIF EBZ CVU BMTP BU dell ampia documentazione a disposizione del turista, alla BARLUME b Città creativa- cocktail della mu Se vuoi accompagnato alla scoperta della città dafede. Gui- L onorabilità a riferirsi». «Un conto aggiunge una parcella deliberata dal Consiperfetta buona sonoessere a carico degli amministratoojhiu La sala consultazione della biblioteca dell Archiginnasio / The room scelta e all interesse individuale. Via Caduti di della Cefaloni Questo legame cit de Turistiche qualificate: consultation of the library of the Archiginnasio Macciantelli afferma ilmusicali glio comunale nel 2006 e su cui - che è un valore etico, e non unlo scaffale ri, ma del Comune di, Come di una fornita biblioteca, i collegamenti on - è ciòleche espressioni CICILEO CAFE - wine If you are looking for a qualified tour guide to discover the city: BDDPNQBHOBNJ -Molti locali pub, ristoranti) che turistici espongono il magistrato marchio / Many line suggeriti, gli indirizzi dei servizi (Ufficio IAT, Guiinquirente, unparigi conto è -i tel. si è(bar, verificato l approfondimento aspetto di semplice moralità del sino adofmmhbdrvjtup EJ QSPEPUUJ un massimo di euro. Via 11/c può cogliere fra suoi32t Associazione Le Guide d Arte places (bar, pub, restaurants) that expose the mark USBEJ[JPOBMJ EFMMhFOPHBTUSPOPNJB de Turistiche, trasporti) potranno mettere a disposizione del ciò che appura quello giudicante, della Corte dei Conti, l amminiconsiglio dipende anche dallo vicenda le delibere diversi locali, dove -lebar pe ViaLa Del Monte 5 - riguarda Bologna CPMPHOFTF DIF BOESFNP B HVTUBSDJ JO IL CAFFETTINO turista tutti gli approfondimenti e le informazioni per la pervob UJQJDB PTUFSJB EFM 4VBESJMBUFSP si incontrano e3/a si conosc Cell Tel/Fax specchiato 54 al quale ci siamo sempre rimessi strazione comunale ha trasmesso comportamento di con cui il Consiglio liquidò, a calink PER SCARICARE MAPPE E GUIDE E AUDIO GUIDE DELLA CITTÀ: Via Petroni tel. 34 EFMMB DJUU$h sonalizzazione della vacanza a Bologna. prioèquello che stavi cerc - Linkdai to download maps, city guides and audio con tappe, un rispetto che il rispetto puntuale e formale riscontro allaguides: coloro che sono stati eletti rico dell ente, le parcelle dei legali )PMMPX NF JO POF PG NZ TIPQQJOH PVUJOHT LIME BAR - american Vacanza che potrà anche essere arricchita dalle Per Via saperne di più: www XFhMM CVZ UIF GPPE BOE XJOF QSPEVDUT PG Zamboni di percorso chi davvero è disposto a sot- 3/b - tel. stessa Corte dei Conti, secondo di un cittadini: perché la cosa più im-convenzionali avevano con veloce successo, meno ma ricche di stimolazioni, UIF %PMPHOFTF USBEJUJPO BOE XFhMM FOKPZ Se tiche necessità undifeso trasporto e sicuro: UIFN JO BO iptufsjbj B UZQJDBM JOO JO utilizza il cibo previsto e l ospitalità come chiaveturistica di lettura della ATENEO - coc tomettersi non ahas seconquanto norma». portante è poter guardareche a viso sede civile, gli ex service, am- contact: Bologna acaffe long traditi UFFICIO INFORMAZIONI EDdalla ACCOGLIENZA (IAT) sempre, If youinneed a penale fast andesafe transport UIF TP DBMMFE i4vbesjmbufspj Via 32/a the città e della sua storiadapprima passata presente. %PMPHOBhT PME NBSLFU changes of the society, da delle convenienze, a Petroni maggior E così, c è stata l ase a testa alta gli elettori ministratori TOURIST INFORMATION OFFICEe(IAT) VIVARA Viaggi -incaricati Il noleggiodidirappreauto e bus, aperto amico dell ambiente EJTUSJDU of the day and in particula L ACCENTO / environmentally-friendly carconsiglio and bus rental service ragione nel ruolo di pubblico di due anni fa poi il che ci hanno dato fiducia epiazza potermaggiore sentare il Comune nel HOW TOsoluzione USE THE MAP tel Via Bertiera 05 UNESCO it s the City of cre Viad amministrazione dell Artigiano 38 - Granarolo Emilia (Bologna) amministratore, al controllo di le-10 - tel. ricorso della Procura regionale essere da questi giudicati nel medi Agripolis, This map has been conceived as a useful tool for curious tourists tween the city and the mu tel galità e al primatoamong della legge». della Corte Conti, ora l ulterito del nostro operato e non perto create società di compostaggio rifiuti willing their owndei holiday, following an original and tailorits many*and differ VINER GENUS BONONIAE: UNBologna. PERCORSO made itinerary to discover Such CULTURALE, a discovery willartistico be made E knowosterie each other.ethe nigh Per informazioni ed aggiornamenti sulle MUSEALE NEL CENTRO STORICO DI BOLOGNA. easier by using the contemporary language of comics. CONTAVALLI ing for.read more: proposte turistiche della città GENUS BONONIAE: cultural,artistic and museum running Via delle Belle Arti 2 Guido, the protagonist of this comic-strip, will offeritinerary you insights, Promotion and sales turistic information through buildings in the historical Bologna. suggestions, and flashes about thecentre city s of history and everyday MARSALINO life. Visitors will be able to get a deeper look at the different topics Via Marsala 13/d - tel. 2DDBTJPOF DIF NJ thanks to a wide range of tools and the extensive documentation QFSNFUUFS$h BODIF EJ OSTERIA LA MATTA GUIDA URBANA BOLOGNA PER IPHONE, ANDROID, J2ME E WEB made available to DI them. TFHOBMBSF BOHPMJ OVNFSJ DJWJDJ F Via Zucchini 9/a - tel. 0 Urban Bologna Guide for iphone, Android, J2ME and Web BODIF NVSJ DIF SBDDPOUBOP TUPSJB Like the shelves of a well-furnished DVMUVSB F USBEJ[JPOJ DIF TJ TPOP OFFICINE DEGLI APU library, this map will offer tourtvttfhvjuf OFJ TFDPMJ JO RVFTUF TUSBEF Via San Lorenzo 4 - te ists listpoter of scaricare suggested online,hmm UBLF UIJT PQQPSUVOJUZ UP TIPX ZPV PuntiaAGAVENERA dove la guida / Points where map: - Via Palazzetti 5/ato-download the San Lazzaro di Savena (Bo) M TPNF WFOVFT CVJMEJOHT BOE XBMMT BOTTEGA IATtel/fax - Piazza Maggiore links, tourist services contacts (IAT DEL VINOB CSJNNJOH XJUI UIF IJTUPSZ DVMUVSF Via Altabella 15/b - teli SALAInformation BORSA - Piazza Nettuno Tourist Office, tourist BOE USBEJUJPOT XIJDI IBWF DIBSBD UFSJ[FE UIFTF TUSFFUT PWFS guides, transport) and all necesp UIF DFOUVSJFT BOLOGNA portale turistico della Regione Emilia Romagna sary details EtoALTRO...il create a customized w,ogjof UJ WPHMJP BOLOGNA AND OTHER...the tourist portal of the Region Emilia Romagna stay in Bologna. PGGSJSF BMUSF JOGPSNB [JPOJ JOEJTQFOTBCJMJ QFS Such a stay may also include some TDPQSJSF BODIF TFO[B EJ NF UVUUJ less conventional, but highly inhmj BTQFUUJ EFMMB BDDPHMJFO[B PUB-BIRRERIA / PUB CPMPHOFTF EBJ SJTUPSBOUJ BJ OFHP[J spiring stops along itineraries EFMMP TIPQQJOH BJ CBS GJOP BHMJ CELTIC DRUID based on food and hospitality to $MCFSHIJ Via Caduti di Cefalonia 5/c enjoy the city s past and present. )JOBMMZ,hMM HJWF ZPV PUIFS LFZ V > LOCALI E P Studio grafico AGA EN E R A THE CLURICAUNE IRISH P Via Zamboni 18/b - tel. 051 THE AULD DUBLINER Via Cairoli 2/c - tel JOGPSNBUJPO UP BMMPX ZPV UP EJTDPWFS CZ ZPVSTFMG %PMPHOBhT WBSJFE IPTQJUBMJUZ TFDUPS SFTUBVSBOUT TIPQT CBST BOE IPUFMT 6FO[B EJNFOUJDBSF fumetti personalizzati RVBMDIF TVHHFSJNFOUP QFS HPEFSF MB OPUUF GSB MPDBMJ F PTUFSJF JO DVJ TBQPSJ PEPSJ BUNPTGFSF TJ NFTDPMBOP DPO MB NVTJDBkBOJNB F QSFTFO[B DPTUBOUF EFMMB DJUU$h OPUUVSOB /FUhT OPU GPSHFU TPNF UJQT UP TQFOE B QMFBTBOU FWFOJOH JO OJHIU UJNF WFOVFT BOE JOOT XIFSF GMBWPVST BSPNBT BOE VOJRVF BUNPTQIFSFT CMFOE XJUI NVTJD UIF TPVM PG UIF DJUZ BT XFMM BT BO PNOJQSFTFOU FMFNFOU BU OJHIU rendering e simulazionial 3D SERVIZIO DEL TURISTA illustrazioni LA TECNOLOGIA MUSIC BAR TECHNOLOGY AT THE SERVICE OF THE TOURIST POPS DISCO BAR disegno a mano libera - fotografie professionali - siti web statici/dinamici ed e-commerce SODA Via Castel Tialto 6/abc - tel. Per il turista che ama la scoperta individuale di una nuova citcalendari con foto o personalizzati fumetti o caricature tà, ecco con link e illustrazioni, coperture WI-FI che permettono l accesso a tutto THE LORD LISTER PUB - D il materiale di informazione turistica prodotto dalla Provincia di Via Zamboni 56 - tel personalizzazione biglietti augurali, inviti e partecipazioni nozze poster Bologna, ai dati raccolti dall Ufficio di Informazione ed AccoglienCORTO MALTESE - rock, r grafica pubblicitaria (manifesti, spazi su za giornali, ecc) - loghi e immagine coordinata Turistica del Comune di Bologna (IAT) e molto altro ancora.aziendale Via del Borgo di San Pietro For tourists who love the individualmenù discovery of a new city, here riviste progettazione grafica di volantini, manuali, cataloghi, locandine, impaginazione ) D H C ;?B 4 ;FH ÿvdc :?I ; <vc) I 8 is the link and WI-FI that allow access to all the tourist information material produced by the Province of Bologna, data collected by the Office of Information and Tourist Reception Municipality of Bologna(IAT) and much more. LUOGHI DEL CENTRO STORICO CON COPERTURA WI-FI: LAB 16 - rock, pop, indie e Via Zamboni 16/d - tel. 051 BRAVO CAFFE - jazz, nuja Via Mascarella 1 - tel

5 bilancio Ancora più servizi per la città di ISABELLA CONTI - assessore alla qualità delle risorse Il Bilancio di un Comune non è semplicemente un prospetto numerico, non è un susseguirsi di cifre astratte, posizionate in un certo modo per eseguire il dettato della legge. Il Bilancio di un Comune rappresenta la sua anima, la sua missione, la sua ambizione e i suoi valori. È pure la più dettagliata fotografia di quello che si è fatto e che si vuole fare ed ha un pregio di una forza ineguagliabile: non può mentire. Quei numeri non ci dicono solo quante risorse sono state spese: ci dicono esattamente dove e come l Amministrazione ha deciso di utilizzarle. Ecco che davanti alla franchezza disarmante di un Bilancio, delle sue voci e dei suoi numeri, qualsiasi chiacchiera viene messa a tacere, non ci sono margini per congetture, né per confusioni, né per incomprensioni, nel bene e nel male. Perché un bilancio ti dice in faccia cosa hai fatto, senza tanti giri di parole. Funziona, semplificando un pò, in questo modo: all inizio dell anno si progetta per il futuro e si mettono in preventivo le spese che si ritengono necessarie. Durante il corso dell anno, si può aggiustare il tiro, verificando con più precisione quanto in effetti si è speso, e se ci sono ancora risorse a disposizione, si possono realizzare ulteriori progetti che verranno inseriti con una cosiddetta variazione di bilancio. Alla fine dell anno (quando possibile: con la modifica costante di normative da parte del Governo i Comuni hanno dovuto attendere qualche mese prima di approvare il consuntivo) si approva un cosiddetto consuntivo di bilancio, nel quale si dichiara la regolarità di quello che si è fatto, e si approva il preventivo per l anno successivo. Il 30 settembre 2013, il Consiglio comunale ha approvato la variazione di bilancio, perché abbiamo potuto realizzare, in corso d anno, ulteriori importantissimi interventi - di cui tra poco vi dirò - inserendoli nelle previsioni di spesa per il Dall inizio di quest anno abbiamo avviato e portato a termine rilevanti progetti che riguardano una molteplicità di settori e di ambiti. Genericamente potremmo suddividere gli interventi sulla base di queste grandi aree: Servizi alla Persona. Nello specifico: i servizi all infanzia, all edilizia scolastica, alla qualità della salute, servizi agli anziani e disabili; misure di sostegno anticrisi rivolte alle famiglie; politiche giovanili; integrazione degli stranieri. Gli interventi in questo settore sono davvero importanti: dall azzeramento delle liste d attesa per la scuola materna nell anno scolastico 2013/14 all apertura di una nuova sezione di scuola dell infanzia Di Vittorio che ha consentito di non lasciare indietro nemmeno un bambino. È stato attuato un consolidamento dello sportello per la consulenza genitoriale a cui hanno accesso docenti e genitori degli alunni che frequentano la scuola dell infanzia e la scuola primaria. Approvato anche un progetto per la promozione del metodo ABA, destinato ai bambini con sindrome autistica e ai loro genitori. A Ponticella prosegue l intervento sul Progetto delle scuole Don Milani (secondo stralcio) ed é stato effettuato l intervento di manutenzione straordinaria per l asilo nido. Avviato pure il progetto Badando per la riqualificazione delle assistenti familiari finalizzato anche a facilitare l incontro tra domanda e offerta del servizio. Progetto Home care per potenziare i servizi di assistenza domici- L INTERVENTO liare ad anziani, minori e disabili, finanziato dall Inps: per le oltre cento adesioni sono avviate le istruttorie finalizzate all erogazione dei contributi. Progetto Fragilità: gruppi di lavoro di anziani, che socializzano e vengono valorizzati per ciò che sono: una preziosa risorsa per il futuro delle nuove generazioni. Rilevanti misure di sostegno anticrisi rivolte alle famiglie: si declinano tra progetti finalizzati all assunzione di 10 persone disoccupate residenti a da impegnare in attività assegnate a ditte appaltatrici del Comune, passando per concrete erogazioni di contributi per il sostegno delle famiglie colpite dalla crisi, consentendo di evitare oltre 30 procedure di sfratto. Per le politiche giovanili è stato inaugurato un nuovo spazio giovani presso la Mediateca: una magnifica area riservata ai giovani (14-18 anni) in cui, oltre a visione di film e ascolto musica, è possibile svolgere attività quali laboratori per il montaggio di video che potranno essere inseriti nella TV di comunità (quest ultimo progetto in collaborazione con il Circolo Ca de Mandorli). Programmazione del territorio e mobilità: mobilità (realizzazione del piano sosta; nuovo progetto di riqualificazione per la mobilità ciclopedonale a Idice); valorizzazione delle attività commerciali (Farmer Market - mercato contadino a km 0; partecipazione a bando regionale a sostegno delle imprese commerciali e turistiche: euro a disposizione dell Ente per incentivare turismo e commercio); programmazione del territorio (riqualificazione urbana a canone sostenibile delle Case Canova; realizzazione della nuova Stazione ecologica; realizzazione del nuovo centro sociale a Idice; nuova scuola a Idice - via Palazzetti; gattile comunale). Gestione del territorio e politiche ambientali: promozione delle politiche volte alla tutela ambientale e al decoro: incentivi per trasformazione di veicoli a Gpl o a metano; nuovo servizio di Bike-Sharing; rimozione amianto da manufatti pubblici; prevenzione dissesti ambientali; potenziamento della rete fognaria; nuove aree di sgambatura cani; manutenzioni Rio Pollo; riduzione dei costi energetici del Comune; realizzazione di piattaforme fotovoltaiche sugli immobili comunali; migliorie e manutenzioni dei fossi stradali per minimizzare rischio di allagamenti; copertura dello Stadio Kennedy. Servizi alla collettività: attuazione del nuovo piano generale del traffico urbano; conclusione del progetto Sicurezza partecipata attuato con il coinvolgimento della Stazione dei Carabinieri; progetto legalità e integrazione minori; completamento dell infrastruttura di cablaggio in fibra ottica delle sedi previste dal progetto Man. Progetti interni: dematerializzazione delle procedure amministrative nonché altri ulteriori interventi per ottimizzare risorse ed efficacia dell Ente. Questi sono solo alcuni dei progetti compiuti per il 2013, molti altri sono in fase di realizzazione. Con la variazione di bilancio del 30 settembre, tra le altre, vorrei segnalare questo importantissimo successo: il Comune di entro la fine del 2013 riuscirà ad assegnare 9 alloggi comunali alle famiglie che ne hanno diritto. Buone notizie e valorizzazione del potenziale umano e delle speranze per una città più equa e più giusta. 5

6 passato e presente Italjet: una piccola fra le grandi ultima grande fra le piccole pagine a cura di GIANNI GRILLINI L azienda aveva sede in via Palazzetti dove venivano assemblate moto, ciclomotori e scooter. Facciamo un po di storia avvalendoci anche della collaborazione del collezionista Pasquale Mesto. Intervista al presidente Massimo Tartarini. Gli anni Sessanta, quelli del boom economico, a San Lazzaro hanno segnato uno spartiacque: lo sviluppo industriale e artigianale ha pensionato l economia agricola. Il comparto del motociclo, insediatosi in quegli anni, ha registrato la fase di boom all inizio degli anni 70 e contava aziende del calibro di Campagnolo, Grimeca, Malaguti, Italjet e altre, oggi purtroppo chiuse a causa della crisi che ha investito lo stesso comparto negli anni Ottanta. Alcune cancellate, altre trasferite. Tra queste, l Italjet. Di questa azienda vogliamo parlarvi. È utile una premessa. Chi ha una certa età non può non ricordare che negli anni Cinquanta si disputavano corse di auto e moto su strada, famose la Mille Miglia per le auto, il Motogiro e la Milano-Taranto per le moto, quest ultima svolta fino al Nella notte (le piccole cilindrate) e alle prime luci dell alba la classe regina (le 500cc), sfrecciavano sulla via Emilia, per chiudere dopo 1300 km a Taranto nella città del golfo. Tra i concorrenti un pilota bolognese: Leopoldo Tartarini, fondatore nel 1959 dell Italemmezeta, che prenderà poi il nome, nel 1967, di Italjet, un azienda che contava L azienda in via Palazzetti Riccardo e Massimo Tartarini alla mostra per il 50 dell Italjet al Museo del Patrimonio Industriale di Bologna una trentina di dipendenti. Dalle origini all oggi. L azienda che aveva sede a in via Palazzetti produceva moto, ciclomotori e scooter (da ricordare alcuni modelli: Mustang, Grifon, Go -Go, Buccaneer, Vampire, Pack, Torpedo, Tiffany, Velocifero, Dragster), moto che hanno anche partecipato al motomondiale con i piloti Perugini e Scalvini. Trasferitasi dopo la chiusura a Ozzano Emilia è stata rilevata da Massimo Tartarini, figlio di Leopoldo, che ha continuato nella produzione diversificandola: oggi biciclette e bici con pedalata assistita (elettrica). Massimo Tartarini, l attuale presidente, ci parla di ieri, dell Italjet, e dell oggi. Leopoldo Tartarini, ex pilota, il fondatore. Partiamo da lui, dalla sua prima gara «La passione per le moto gli fu trasmessa dal padre Egisto che gli costruì un mini sidecar col quale, all età di cinque anni, scorrazzava con le sorelle. Finiti gli studi, a vent anni - siamo nel si iscrive alla sua prima gara, la mitica Milano-Taranto, e vi partecipa con un sidecar da lui assemblato intorno a un motore BSA. Alla partenza é un po deriso per quel mezzo ma Leopoldo e Sergio Calza, il passeggero, stupiscono tutti vincendo la categoria. Inizia così l avventura». Una prima vittoria. E in seguito «Moto Giro d Italia e Milano-Taranto, ma non solo, sono occasioni, in sella a Benelli e Ducati, per dare sfogo al sacro fuoco della competizione che l hanno contagiato. Occasioni che lo vedono più volte vittorioso. Soppresse nel 1957 le competizioni su strade aperte al traffico, Leopoldo rimane - per così dire - disoccupato. Ciò non gli preclude ogni altra attività in moto. Decide così, assieme all amico Giorgio Monetti, un avventura mai provata fino ad allora da un italiano: il giro del mondo in moto. Da Bologna, in sella a due Ducati 175, i due partono il 30 settembre di quell anno per farvi ritorno, dopo un viaggio avventuroso, il 5 settembre 1958, un anno dopo». Da pilota a costruttore: i primi passi dell Italjet «È utile una premessa. Sul fronte commerciale, anche durante la sua attività agonistica, mio padre gestisce a Porta Mazzini la concessionaria Benelli per Bologna passata poi sotto l insegna del marchio Ducati. Dopo il successo del giro del mondo gode di una popolarità straordinaria in Italia e pensa giunto il momento di capitalizzare la sua notorietà. A quel punto, siamo nel 1959, sviluppa l idea di diventare costruttore e il 4 febbraio 1960 fonda la Italemmezeta che prenderà il nome di Italjet solo nel 1967: produzione e importazione di motocicli e ciclomotori. Prima sede operativa in un semi scantinato di Bologna, in via del Piombo. La società si dedica alla costruzione di propri modelli con motori di 125 cm 3 MZ (Motorradwerke Zschopau) allacciando contatti commerciali con la Germania dell Est, allora assolutamente impenetrabile nella sua cortina di ferro». Poi apre a, in via Palazzetti «Sì, i successi sono immediati grazie all audacia, alla temerarietà e all abilità di Leopoldo, persona dalla mente instancabile e sempre in movimento in grado di sfidare i famosi marchi inglesi allora dominanti. In quegli anni é un continuo susseguirsi di innovazione nello stile e nella capacità,

7 passato e presente grande salto : le corse agonistiche, enduro in particolare. Vanta la partecipazione ad innumerevoli gare dove, spesso, i circuiti eraanche con pochi piccoli dettagli, di andare oltre il generalizzato gusto del mercato motociclistico. Serie e modelli lì prodotti, dai ciclomotori alle maxi-moto, spesso rivoluzionando il mercato, non sono solo destinati al mercato interno, ma esportati nel mondo intero. Ci ricorda Davide contro Golia, l Italjet contro l industria motociclistica mondiale, dai famosi marchi italiani alle case giapponesi, inglesi e tedesche. L originalità dell Italjet sta proprio nel proporsi, al contrario delle grandi case, come costruttore molto flessibile. Nel tempo, infatti, sono nate diverse collaborazioni con case straniere, dall inglese Triumph alla Jawa-CZ alla spagnola Bultaco, per finire anche unica azienda in Italia importatrice di tutta la gamma della casa giapponese Yamaha. Nel 2001 il canto del cigno: i tempi non sono più adatti per avventurarsi in modelli che aprano nuove vie nel grande mondo motociclistico. Bisogna confrontarsi con realtà troppo grandi e la globalizzazione fa il resto. Italjet è costretta a soccombere, ultima piccola fra le grandi, ultima grande fra le piccole. Rimane comunque nella storia un risultato che nessun altra piccola industria motociclistica italiana di quegli anni ha realizzato». Da a Ozzano, come è cambiata l azienda? Per i soci e per chi frequenta il Circolo Arci di San Lazzaro è amichevolmente conosciuto come Franchino, ma all anagrafe è registrato come Franco Ruggeri. Alle spalle ha un passato agonistico ventennale in campo motociclistico e oggi é uomo tuttofare all Arci di via Bellaria. Pur conoscendolo da tempo, scoprire la passione che ha coltivato fin dalla giovane età (le moto) è stata una piacevole sorpresa. Chi l avrebbe mai detto che dietro quegli occhialini e quegli occhi azzurri nascondessero un personaggio dotato di una umiltà straordinaria con un passato sportivo singolare. In sella alle moto c è salito in età giovanissima. A metà degli anni Sessanta, a 19 anni, poi il «L azienda è radicalmente cambiata come è radicalmente cambiato il mondo e soprattutto il mercato. A fine millennio il mercato di riferimento di Italjet e di tante altre aziende era il mercato nazionale che rappresentava il 60% del fatturato. Oggi l Italia rappresenta il 15% del nostro fatturato, il resto d Europa il 55% e Asia e Stati Uniti il 35%. La concorrenza è dunque aumentata a livello esponenziale e la domanda globale, basata su rapporto qualità prezzo ha indotto Italjet a scelte strategiche e geografiche che hanno portato a creare una unità produttiva in Cina. Nella nuova fabbrica si produce scooter, moto e biciclette elettriche per i paesi orientali e per gli Stati Uniti, mentre per i mercati Europei, l assemblaggio finale viene eseguito in Italia». Oggi c è una crisi che non ha precedenti. Qual è lo stato di salute dell azienda? «La crisi in Italia condiziona molto il mercato generale, ma quando ci si rapporta con un mercato in crescita esponenziale come quello che da qualche anno Italjet ha sviluppato, ovvero veicoli a due ruote (biciclette e moto a pedalata assistita) che rispettano l ambiente e fanno risparmiare l utente, allora non si può più parlare di crisi, ma di crescita. Italjet ogni anno aumenta il proprio fatturato ed assume nuova Franchino (Franco Ruggeri) e l Italjet Circuito cittadino di Frosinone, 1975, Franchino con la sua Italjet Leopoldo Tartarini alla partenza della Milano-Taranto no sedi stradali e ha conseguito discreti risultati. Il suo palmares conta un 3 posto nel campionato italiano del 1970 (60cc cilindrata). forza lavoro tanto che nel 2014, grazie ai nuovi modelli presentati alla recente fiera internazionale di Friedrichshafen in Germania, prevede una crescita del 30% del proprio fatturato». Progetti futuri dell Italjet? «Nel 2014 Italjet entrerà in produzione con sei nuovi modelli di biciclette a pedalata assistita e moto elettriche e due nuovi scooter che verranno presentati all imminente Fiera del Ciclo e Motociclo di Milano nel mese di Novembre. Il DNA di Italjet sebbene in mano alla seconda generazione non è cambiato affatto e Italjet infatti continua a produrre veicoli di alto design e contenuti tecnici di alta qualità. Ogni modello che debutta sui mercati internazionali è frutto di una attenta ricerca di design e amore per i dettagli tanto che ha permesso di ottenere svariati riconoscimenti internazionali quali esposizione nei musei di arte moderna più famosi al mondo come il Moma di New York ed il Guggenheim. Il 2014 sarà anche l anno dove vedrà la nostra azienda debuttare sul mercato cinese, molto appetibile in termini di quantità, ma altrettanto difficile e complesso. La sfida dunque continua e l azienda è pronta a cogliere con entusiasmo nuovi traguardi con l orgoglio e la creatività che ha fatto di Italjet il proprio fiore all occhiello». * Non è stato un professionista, ma da amatore ogni domenica partecipava alle diverse competizioni sparse in Italia, molte gare di enduro, di regolarità, corse in salita. Si può dire che a tempo perso faceva il collaudatore alla Italjet. Lì, oltre che collaudare le moto prodotte, preparava il suo mezzo con cui si faceva trovare sulla linea di partenza delle gare. Dalla moto è sceso definitivamente a metà degli anni Settanta quando ha chiuso la sua carriera a 37 anni. A quel tempo, lo testimoniano le foto in bianco e nero, a differenza di oggi, le tute dei piloti erano rigorosamente nere, non portavano casco integrale e si riparavano il viso con grandi occhiali e, spesso, la bocca con un fazzoletto. 7

8 in primo piano Negli ultimi anni, a, ci siamo limitati a fare della riqualificazione. Siamo tra i pochi Comuni che abbattono e ricostruiscono, senza consumo di suolo, come nel caso delle Case Andreatta e di quelle di via Canova, a favore del patrimonio residenziale pubblico. Su una dotazione Erp di 450 alloggi (con 500 domande in attesa in graduatoria) abbiamo abbattuto e stiamo ricostruendo, senza consumo del suolo, almeno un terzo, 150 alloggi. Questa è coesione sociale, praticata, non predicata. Una settantina sono nuovi alloggi Erp realizzati per consentire l ordinato trasloco di chi è interessato agli abbattimenti e alle ricostruzioni. E per dare una casa a chi non può stare, come si dice, sul libero mercato. Ciò di cui si sta discutendo è il Piano per i prossimi decenni, qualcosa che ha comportato 10 anni di lavoro e che, in un controllo incrociato tra più istituzioni, assemblee pubbliche, forum e laboratori urbani, ha affrontato tutti i passaggi, tante occasioni di verifica e di coinvolgimento dei cittadini. è stato tra i primi Comuni dell area metropolitana bolognese a completare l iter della pianificazione, ad adottare e approvare il Psc il 24 aprile 2009, ad adottare e approvare il Poc il 20 dicembre Un Piano è fatto di scelte, le nostre sono: invarianza insediativa nel 8 Per una nuova centralità di Idice cosiddetto parco delle ville, un parco, appunto, forse il più pregiato cuneo agricolo periurbano dell area metropolitana bolognese, che tale merita di rimanere, senza ingenerare l equivoco di altre case; poi nuova edilizia sociale nella misura di almeno il 20% complessivo, di almeno il 25% sul nuovo. Quindi: un teatro (siccome da trent anni c è un contenuto, l Itc, e non un adeguato contenitore), una casa delle associazioni, un impianto sportivo, una nuova scuola, la rinaturalizzazione dell Idice, la riqualificazione del Savena. Diamo adesso un occhiata a Idice. Non siamo né in zona di Parco né in zona di pre-parco. Nessuna new town. Idice esiste dal XIII secolo. Purtroppo siamo in presenza di una storica trascuratezza: e chiara è stata, in questi anni, la richiesta dei cittadini per un intervento di sistemazione. Nessuna dispersione insediativa. Piuttosto: consolidamento dell assetto urbano con effetti di rigenerazione del tessuto urbano. Per una nuova centralità di Idice e un miglioramento delle sue dotazioni territoriali. Su una popolazione sanlazzarese di residenti, a Idice sono previsti 582 alloggi con edifici in classe A, di cui il 27% in edilizia sociale, di cui la metà circa per l affitto (fatto particolarmente significativo), insieme ad una cittadella dello sport, suggerita da Romano Romagnoli, compianto presidente del calcio con un vivaio di 400 ragazzi, un nuovo polo scolastico, di cui c è bisogno per garantire il fabbisogno di edilizia scolastica, un pacchetto di ulteriori interventi a favore della frazione per una cifra di circa 12 milioni di euro. È stato impostato un vero e proprio progetto speciale per Idice, inserito a bilancio e nel piano triennale delle opere pubbliche. Abbiamo sempre chiarito che prima viene la riqualificazione, poi la nuova scuola, solo a seguire l insediamento residenziale, a partire dall edilizia sociale. Siamo cioè in presenza di un affermazione fortissima dell interesse pubblico. Ripeto: intervento su Idice, nuova scuola, azzonamento in classe A con priorità sull edilizia sociale, con questo ordine, rappresentano una sequenza logica, cronologica, programmatica e politica. La famiglia uni-personale è oggi comparativamente maggioritaria nell area urbana bolognese nella misura di oltre il 35%, ergo tendenzialmente stiamo parlando, in relazione a 582 alloggi, dell ipotesi di un migliaio circa di nuovi residenti nell arco dei prossimi decenni. Vale a dire il fabbisogno edilizio nella conferma dell attuale dimensionamento demografico e urbanistico, senza stravolgimenti. Concretamente, si andrà avanti per stralci. Per stralci significa sulla base del controllo sulle assegnazioni degli alloggi. Le altezze saranno quelle conformi agli standard di. Non è vero che ci saranno grattacieli, né edifici di nove piani, perché il Comune ha già previsto altezze inferiori. Ancora due precisazioni. C è un I progetti dedicati agli anziani quadro normativo e la prima forma di legalità è quella di rispettarlo. Non ho mai mancato di assumermi le responsabilità che mi competono, come si dice, con espressione subalterna alla cultura televisiva, mettendoci la faccia ; basta sapere che il Piano è frutto dell indirizzo e del controllo del Consiglio comunale, con atti deliberativi discussi, nella massima trasparenza, nell arco di 10 anni. A abbiamo dato attuazione alla riforma urbanistica della legge regionale 20 del 2000, in relazione a ciò che occorreva all evoluzione civile della comunità, dopodiché la proposta di Piano, che è stata validata dal Consiglio, non si realizzerà in un giorno, ma nell arco, non breve, del tempo necessario. Una buona amministrazione non fa e poi disfa sulla base delle sollecitazioni dell ultimo istante. Tutti ammiriamo il Mast di Bologna (cittadella polifunzionale, che ospita un Accademia per la formazione, un auditorium, un centro espositivo, un centro wellness, un asilo nido, un ristorante e una caffetteria), pensato da Isabella Seragnoli, la quale, ricordo, generosamente offre le sue competenze come membro del CdA dell Asp Rodriguez di. Bene: bisogna sapere che se avessero prevalso i comitati che ne contestavano la realizzazione oggi quell opera non ci sarebbe. Marco Macciantelli Sabato 19 ottobre si è svolto in Mediateca un convegno dal titolo Incontrarsi per essere meno fragili. Introduzione di Roberta Ballotta, conduzione di Archimede Romagnoli. Molti interventi, a metà mattina, buffet di cose sfiziose fatte in casa: ciambelle, torte di riso, strudel, the, succhi di frutta. Tanti protagonisti dei progetti sociali di territorio, con le loro testimonianze vissute. Sono intervenuti anche il Dr. Maurizio Camanzi, medico di medicina generale, referente clinico del distretto di e la dottoressa Maria Luisa Marcaccio, direttrice del distretto socio-sanitario di. Conclusioni del sindaco Marco Macciantelli, il quale ha sottolineato come il nostro tempo sia molto attento al tema del rimanere giovani, affrontato, però, per lo più, in termini superficiali, esteriori, estetici. E invece la questione è tutta di sostanza. Vale a dire: come mantenere la salute, la qualità della vita. Non dipende solo da noi, ma un po dipende anche da noi. Occorre prevenzione, occorrono stili di vita orientati alla salute, occorre una rete di sostegno, sociale, prima ancora che sanitaria, fatta di reti di relazioni, di vita attiva, di incontri, scambi, cooperazione rafforzata con gli altri. Si parla tanto di riqualificazione della spesa, ma se non contrastiamo i rischi della fragilità - ha osservato - i tagli non basteranno. La vulnerabilità oggi non riguarda più solo alcuni, ma può coinvolgere tutti, basta un niente, una malatina, un incidente, per renderci bisognosi degli altri. Quindi non si tratta di un problema degli anziani, ma di tutti, anche dei giovani, che devono comprendere precocemente che la vita è un dono e che va custodito come un bene prezioso, sin d ora, anche se la terza età arriverà più tardi. Mi è piaciuta - ha poi aggiunto - la definizione data da Archimede Romagnoli: socializzazione a costo zero, proprio perché stiamo attraversando, a causa della crisi, una fase in cui tutti abbiamo la responsabilità sociale di spendere meglio, di fare di più con meno. Ho apprezzato quello che alcuni, nei loro interventi, hanno detto, parlando di una esperienza, quella fatta con gli altri, che ha consentito loro di rivelarsi a se stessi, di scoprire cose nuove anche in tarda età. Mi sembra davvero importante l attività svolta, seguita, incoraggiata da Gianni Cascone con i suoi laboratori di scrittura. Mi unisco con affetto al ricordo di Enrico Giusti.

9 la notizia Ponticella, ex cave Prete Santo verso la completa messa in sicurezza di GIANCARLO FABBRI Terminati i primi lavori per ridurre il rischio idrogeologico, ora i residenti, a monte e a valle, respirano più tranquilli. Spesi 750 mila euro, 600 mila del Comune e 150 del Parco dei Gessi. Pronto il progetto per il secondo stralcio. Lo scorso luglio sono terminati i primi lavori per ridurre il rischio idrogeologico dato dalle ex cave Prete Santo della Ponticella. Lavori di consolidamento di pilastri con cappotti in cemento armato e chiusure con reti e funi in acciaio di fessure nelle volte delle gallerie, che hanno comportato una spesa di 750 mila euro di cui 600 mila da parte del Comune di e 150 mila del Parco dei Gessi. Con tali opere è stato scongiurato il rischio di cedimento dei pilastri gessosi che sostengono le gallerie superiori e la collina dove ci sono edifici in via del Colle. Quest anno è stata anche completata, da parte dello Studio Geologico Spada di Ranica (Bergamo), la progettazione preliminare di un secondo stralcio di lavori per la complessiva messa in sicurezza del comparto anche dal punto di vista idraulico. «L intervento prevede una spesa di 900 mila euro: 450 mila dal Comune e 450 mila dalla Regione. La scelta progettuale - spiegano i tecnici - è di completare il consolidamento delle criticità, avviate col primo lotto di lavori e realizzare opere idrauliche che tutelino l abitato a valle, in caso di crollo e di esondazione delle acque. L intervento strutturale prevede il consolidamento della galleria che interferisce con l abitato a monte con tecniche di miglioramento dello stato attuale di pilastri e volte. La scelta di progetto è sostenuta dalle analisi del Dipartimento di Ingegneria del Politecnico di Milano. Per gli aspetti idraulici - prosegue la relazione dei geologi dello studio Spada - si è deciso di operare sui due elementi più critici da subito: rinforzo del setto (parete divisoria, ndr) debole, al livello intermedio, e risagomatura esterna del terreno per convogliare eventuali acque di esondazione verso il torrente Savena, salvaguardando le abitazioni». Già ora i residenti di Ponticella possono dormire più tranquilli anche se non cesseranno i monitoraggi e interventi ulteriori in futuro. Da rilevare che troppo spesso vengono impegnati finanziamenti pubblici per rimediare problemi nati da iniziative private. Un altro esempio al Farneto dove i dissesti indotti dalla cava adiacente avevano provocato, nel 1991, il crollo dello storico accesso all omonima Grotta. Dopo oltre dieci anni la caverna fu poi messa in sicurezza e aperto un nuovo ingresso con fondi Gli interventi nell ex cava pubblici e contributi della Fondazione Carisbo. Sulla chiusura delle cave di gesso e sulla successiva costituzione del Parco regionale dei Gessi bolognesi è uscito di recente il libro di Paola Furlan Da industria a parco naturale. La difficile chiusura delle cave di gesso a di Savena (Clueb, 2013). Volume presentato in Mediateca il 2 ottobre dall autrice con il sindaco Marco Macciantelli, il presidente dell ente parchi Sandro Ceccoli, Mauro Ottavi segretario del Psi sanlazzarese e l onorevole Ugo Intini. Quella dell ex cava del Prete Santo, formata da tre livelli di gallerie di cui l inferiore totalmente allagato e in parte anche l intermedio, è una storia che parte da molto lontano con un intensa attività estrattiva interrotta nel Nella cava, detta Ghelli dal nome dell impresa, l iniziale attività estrattiva pressoché manuale, in quello che era un borgo di gessaroli, divenne intensiva di tipo industriale fin dal Uno dei problemi più rilevanti, negativo dal punto di vista geologico, fu l aver intercettato il corso sotterraneo del rio Acquafredda con il conseguente scorrere di acque pluviali raccolte più a monte dalla Valle chiusa dell Acquafredda e dalla Dolina della Spipola. Infatti, come riferiscono i geologi, il degrado della roccia gessosa (selenite, ndr), per l azione dell aria umida e dell acqua, è progressivo nel tempo e, quindi, le situazioni sono in continua evoluzione. Perciò la zona in esame è perimetrata come area a rischio idrogeologico molto elevato R4 nel Piano per l assetto idrogeologico dell Autorità di Bacino. Circa un decennio fa, a cura del Cavet, fu attivato un sistema di monitoraggio a distanza di eventuali cedimenti nelle gallerie. Sistema potenziato con un finanziamento di 192 mila euro, ottenuto dallo Stato nel 2010, con i fondi dell otto per mille. Il sistema è stato realizzato nella prima metà del 2012 ed è attualmente attivo e funzionante. Infine i lavori del secondo stralcio consentiranno di avviare le pratiche per togliere dall area il vincolo R4 di zona a rischio idrogeologico. E di garantire a tutti i residenti della Ponticella sonni più tranquilli. * 9

10 Segui la cicogna! La Festa della Cicogna un successo non scontato a cura della redazione Bilancio di 25 giorni di festa: poco più del 7% in meno negli incassi ma è aumentato l utile finale rispetto al Pier Luigi Bersani accolto da un mare di folla. Cinquemila euro donati in solidarietà ai Comuni di e Ozzano e al quartiere San Vitale. Non era scontato. In verità, dopo l esito elettorale di febbraio e le scelte politiche - quasi obbligate - attuate dal Pd nazionale, nessuno forse si aspettava risultati migliori dalla Festa della Cicogna. Vuoi per la crisi economica che continua a mordere sempre più e non pare arrestarsi in un Paese che continua ad impoverirsi, vuoi anche per una possibile freddezza di parte di un elettorato che, deluso, disorientato e sfiduciato, ha mal digerito la politica delle larghe intese. Sta di fatto che la Cicogna, pur con un incasso inferiore di 54 mila euro rispetto al 2012 (693 mila contro i 747 mila euro del 2012), porta a casa un utile finale che si stima possa attestarsi attorno al 18,5%, che tra l altro contribuirà per un altro anno ancora a tediarvi con la nostra rivista. E che restano sempre soldi puliti. Come sempre i ricavi delle feste de l Unità, dalle prime alle attuali del Pd, siano esse legate a l Unità come qui da noi, o definite democratiche come in altre parti del Paese, sono parte fondamentale del finanziamento del partito. Cosa che ci distingue da molti altri partiti e movimenti, motivo di cui andare orgogliosi e a testa alta. LE ENTRATE TRADIZIONALE ,67 PESCE ,47 TOSCANO ,03 CRESCENTINE ,08 PIZZERIA ,63 BAR-GELATERIA ,13 TOMBOLA-RUOTA ,00 LIBRERIA 5.352,08 COMMERCIALE ,00 VARIE 8.066,32 TOTALE EURO ,41 E la Cicogna, altra distinzione importante, non solo finanzia, anche se in gran parte, il Pd. A partire dal Duemila, ogni anno, senza interruzioni, con le entrate della serata della solidarietà sono stati finanziati progetti diversi: dall Associazione dei bambini di Chernobyl all apparecchio della risonanza magnetica dell Usl di via della Repubblica; dalla Casa dei risvegli all ospedale Bellaria ai terremotati dell Abruzzo e dell Emilia Romagna e diverse piccole associazioni locali. In questo 2013, con i proventi di quella serata, i diversi Comuni beneficeranno della cifra complessiva di cinquemila euro (3 mila per San Lazzaro destinati all acquisto di arredi per i parchi pubblici). Tutto sommato, nonostante le difficoltà che non ci si nascondeva, la Festa è andata in porto e il risultato lo si può definire soddisfacente: dall incontro molto affollato con Pier Luigi Bersani ai ristoranti ( i coperti complessivi serviti) alla libreria che ha confermato il trend positivo inaugurato lo scorso anno e per finire ai giochi e divertimenti che, nonostante l assenza della pesca gigante, hanno contribuito a rendere piacevole la permanenza dei visitatori nell area della Festa. Un sentito grazie a tutti, e in particolar modo a quanti hanno generosamente prestato la loro opera. * Ai volontari della Festa Quest anno, purtroppo, non ci sarà la festa della festa, il consueto pranzo di ringraziamento a tutti i volontari che hanno prestato la loro opera alla Cicogna e al Parco Nord, e loro familiari, che solitamente si teneva in ottobre. Non ci è stato possibile trovare un luogo capiente in grado di accogliere le 400 persone che vi hanno sempre partecipato. A tutti vanno comunque i ringraziamenti e speriamo nel prossimo anno. Bersani saluta i volontari alla festa della Cicogna 10

11 L impegno dei democratici contro le mafie dopo la campagna della Cicogna, l impegno e E l opera generosa prestata dai numerosi volontari, senza i quali non ci sarebbe festa, sono continuati a Bologna, al Parco Nord, alla festa provinciale. Come Unione Pd di San Lazzaro si è trattato di gestire un ristorante in collaborazione con la Cgil e l Associazione di Libera, nomi e numeri contro le mafie, un coordinamento di oltre associazioni, gruppi, scuole, realtà di base, territorialmente impegnate per costruire sinergie politico-culturali e organizzative capaci di diffondere la cultura della legalità. Il ristorante, dal nome Taverna cento passi, rimandava alla memoria del giornalista Giuseppe Impastato, meglio I volontari di servizio al ristorante Ingresso del ristorante di Libera al Parco Nord noto come Peppino, noto per le sue denunce contro le attività mafiose a seguito delle quali, vittima di un attentato, il 9 maggio 1978 fu assassinato. Aveva solo trent anni. Peppino, a Terrasini in provincia di Palermo, dalle frequenze di Radio Aut, una radio libera gestita in regime di autofinanziamento, con coraggio e determinazione denunciava i potenti mafiosi del paese in cui viveva. La sua storia è stata raccontata nel film di Marco Tullio Giordana I cento passi che ha vinto un premio al Festival di Venezia nel 2000, premiato anche nell aprile 2001, con cinque David di Donatello. All entrata della Taverna cento passi si poteva ammirare l originale del vecchio cartello segnaletico della via dedicato dalla città di Palermo a Giusep- pe Impastato, oggi sostituito con una targa in marmo, e al suo interno si potevano assaggiare i piatti tipicamente siciliani, ma non solo, in un equilibrato rapporto qualità/prezzo, che hanno incontrato il gradimento di quanti si sono seduti a tavola. Lì, ogni sera, una ventina di volontari dell Associazione e del sindacato Cgil si affiancavano ai compagni e amici di nella gestione dei servizi. Per inciso, nei 26 giorni di festa, sono stati superati i 165 mila euro d incasso, avvicinando il numero di 9 mila coperti. E il 22 settembre, insieme ai volontari di Radio Aut, il bar a fianco della Taverna cento passi dove erano in vendita gadget e prodotti di Libera Terra, in un clima caloroso ed esaltante, sono stati festeggiati i risultati e ai dirigenti dell Associazione é stato consegnato un assegno di 16 mila euro che costituiscono il massimo contributo che la Festa provinciale abbia mai corrisposto, dall inizio della collaborazione all Associazione, con nostra grande soddisfazione per avere contribuito a questo suc- parco nord cesso, a testimonianza anche dell impegno dei democratici a fianco di chi si batte contro tutte le mafie. Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie è nata il 25 marzo 1995 con l intento di sollecitare la società civile nella lotta alle mafie e promuovere legalità e giustizia. È riconosciuta come associazione di promozione sociale dal Ministero della Solidarietà Sociale. Nel 2008 è stata inserita dall Eurispes tra le eccellenze italiane. Nel 2012 è stata inserita dalla rivista The Global Journal nella classifica delle cento migliori Ong del mondo: è l unica organizzazione italiana di community empowerment che figuri in questa lista, la prima dedicata all universo del no-profit. La legge sull uso sociale dei beni confiscati alle mafie, l educazione alla legalità democratica, l impegno contro la corruzione, i campi di formazione antimafia, i progetti sul lavoro e lo sviluppo, le attività antiusura, sono alcuni dei concreti impegni dell Associazione. il pulcino pio Articoli per bambini da 0 a 12 anni trio a partire da 250, fasciatoi 100, culle 150 seggiolini auto, materassi nuovi 50, abbigliamento 0-12 anni nuovo e usato a partire da Scarpe e tanto altro... Via Nardi, 5 - Ozzano dell Emilia (Bo) - Centro Commerciale Ozzano dell Emilia (a fianco alla calzolaia e le macchinette delle foto) 11

12 il congresso Le primarie del Pd. Gianni Cuperlo, 52 anni, deputato; Matteo Renzi, 38 anni, sindaco di Firenze, Gianni Pittella, 55 anni, vice la carica di segretario del Partito democratico. Dopo le elezioni dei gruppi dirigenti dei circoli e dei segret circoli le mozioni congressuali e infine l 8 dicembre, giorno in cui si terranno le primarie naziona GIANNI CUPERLO MATTEO RENZI La missione del Pd: scommettere sul Paese avendo una chiara visione del futuro. Una forza progressista non deve solo avere un programma di Governo, ma deve immaginare come sarà l Italia nei prossimi decenni. Un Paese più competitivo, che difenda il lavoro e i lavoratori, che rappresenti chi il lavoro non ce l ha, che scommetta sulle sue energie, sulla sua vitalità, sulla sua bellezza. Un Paese più giusto, libero da rendite, opacità e chiusure, che per troppo tempo hanno impedito all Italia di avere il posto che merita in Europa e nel mondo. Costruiamo insieme un Paese bello e democratico, a partire da questi valori. Dignità. Non può esserci un Italia di tutti se prima non affermiamo la promozione della dignità di ognuno, a partire dalle donne il cui protagonismo è stimolo e sinonimo di libertà e progresso. Diritti. Devono tornare a essere una leva della crescita economica e del progresso sociale e civile. Esistono cose che il denaro non può e non deve dominare. La differenza tra destra e sinistra passa 12 Il Paese di tutti Molti di noi hanno sostenuto Matteo Renzi fin dalla campagna delle primarie Molti altri tra noi, che fecero scelte diverse, ne hanno apprezzato la lealtà al partito e la coerenza dimostrata fin dal discorso in cui ha riconosciuto la vittoria di Bersani il 2 dicembre Oggi in tanti iscritti del Partito democratico sosteniamo la candidatura di Matteo Renzi a segretario. I percorsi alle nostre spalle sono i più vari, ma l obiettivo è uno: innovare il Pd per innovare l Italia. «Sono nato il a Monterenzio. Abitavo a Pizzocalvo ed ero contadino. Ho cominciato già a 16 anni a fare militanza politica attiva con precise responsabilità: a quell età davo via i giornali Lotta e Vie Nuove, ed ero responsabile per la loro distribuzione. Ho sempre continuato a fare attività politica, e ho seguito tutta l evoluzione del Pci, a cui allora ero iscritto, fino al Pd di adesso. Non ho mai smesso di lavorare alla Festa dell Unità in tutti questi anni in cui tante cose per tutti noi sono cambiate, e ancora adesso, nonostante la mia età, per il mio Partito faccio ancora Per un Pd più forte anche da qui. Uguaglianza. Senza uguaglianza il merito diventa privilegio: il conflitto per una società più giusta non è il virus ma il vaccino che fa più forte la democrazia. Merito. Dobbiamo combattere i vantaggi ingiusti, l immobilità sociale e l umiliazione del talento: il destino di ogni persona non deve essere segnato dal caso della nascita. Innovazione. La produzione di idee deve camminare di pari passo alla creazione di beni: dobbiamo ridare valore alla cultura, a cominciare dalla scuola pubblica, dalle università, dagli investimenti sulla ricerca, perché solo l eccellenza può fare la differenza. Coraggio. L Italia ha bisogno di un coraggio riformatore, di radicalità: rompere rendite e corporazioni come mai è stato fatto prima d ora. Riscatto. Serve una nuova stagione dell emancipazione collettiva, a cominciare dalle forme più diffuse dell impegno volontario e dello spirito solidale, dalla passione delle donne ai giovani, fino al contributo di milioni di immigraquello che posso. Ho deciso di votare Renzi, e come è sempre stata mia abitudine lo dichiaro per convinzione e trasparenza. Ho deciso di votare Renzi perché spero davvero in un cambiamento nel mio Partito. Abbiamo necessità di cambiare per inserirci nel nuovo, nel cambiamento che sta avvenendo nella società, uscire dal vecchio, rapportarci alle nuove generazioni. Questo io sento nel mio voto che dò a Renzi, con la stessa fiducia con cui votavo quando ero giovane». Luciano Lucchi pensionato «Sono nato e cresciuto in una famiglia borghese ma di sinistra già dagli anni 40. Ho vissuto con grande soddisfazione la rinascita di Bologna con il sindaco Giuseppe Dozza. Ne gestì la crescita con il contributo di tutti, dall operaio all imprenditore, dall agricoltore al professionista, dall impiegato all artigiano al commerciante. Sono stato Pioniere, ho aderito alla Fgci durante il periodo scolastico poi iscritto al Pci, Pds, Ds e da ultimo con grande speranza al Pd. Ho subito delusioni: non siamo >> segue a pag. 14 >> segue a pag. 14

13 il congresso Candidati a confronto presidente del Parlamento europeo, Giuseppe Civati, 38 anni, deputato: sono loro che si contenderanno ari provinciali i prossimi appuntamenti saranno a metà novembre, quando tutti gli iscritti voteranno nei li aperte a tutti. Qui di seguito i messaggi agli elettori dei comitati locali dei quattro candidati. GIANNI PITTELLA GIUSEPPE CIVATI IL MONDO CHE VORREI 1 - Perché l Europa torni ad essere un sogno ed una speranza. Oggi viviamo in un Europa matrigna che impone misure drastiche di austerità e riduce alla povertà interi Stati e popoli. Ultimamente l azione politica continentale si è affievolita per fare spazio solo ad esigenze di bilancio e monetarie i cui riferimenti dogmatici (l obbligo di rientro nel 3%) sono stati fissati circa 20 anni fa, quando le nostre popolazioni non conoscevano la crisi economica e sociale attuale. Dobbiamo quindi batterci perché il Parlamento europeo, l unico eletto direttamente dai popoli continentali, recuperi in termini di centralità il proprio ruolo e che il Consiglio europeo, che è composto in maggioranza dai Capi di governo espressione delle stesse forze che ci hanno portato alla crisi, venga depotenziato a favore dell organo assembleare. 2 - Contro diseguaglianze ed iniquità. La crisi economica ha acuito a dismisura le differenze sociali. Contrastare le diseguaglianze significa anche sviluppare adeguatamente le politiche Il futuro che vale a favore dei diritti civili con riferimento a tutte le diversità, da quella di genere a quella degli LGBT perché è ora di riconoscere loro una piena cittadinanza sociale ed il diritto a formarsi una famiglia socialmente significativa. Anche lo stesso divario esistente tra Nord e Sud d Italia è faccia e testimonianza ulteriore dell aumento delle diseguaglianze e non deve essere rimosso dalla coscienza collettiva. 3 - Per un lavoro dignitoso ed un salario equo e paritario. Il lavoro, valore fondativo della nostra Carta Costituzionale, deve recuperare centralità nella nostra società e nella nostra economia: il lavoro produttivo di uomini e di donne, dei lavoratori e dei datori di lavoro, di chi è impiegato e di chi è pensionato, del volontariato e dell associazionismo. Il lavoro deve tornare ad essere l asse privilegiato degli interventi del Governo nazionale ed europeo anche attraverso un rilancio delle Organizzazioni comunitarie ed internazionali che lo difendono e lo promuovono. Ci batteremo >> segue a pag. 15 Le cose cambiano cambiandole Il congresso deve essere un occasione per il rinnovamento della classe dirigente e per discutere del futuro del nostro partito, per questa ragione Giuseppe Civati è stato il primo a candidarsi alla Segreteria. Noi sosteniamo la candidatura di Giuseppe Civati, perché non ha nessuno dietro, ma tanti davanti: tante persone normali che ha incontrato in questi anni girando per l Italia, parlando dei problemi e delle speranze riposte nei programmi elettorali, che poi sono svaniti. RISPETTO PER GLI ELETTORI Il Partito democratico, secondo Civati, deve ripartire proprio da questo: deve rispettare la parola data agli iscritti e ai propri elettori e utilizzare gli strumenti previsti dallo statuto interno per consultare i simpatizzanti sulle scelte da compiere. Per esempio, la scorsa primavera, il Pd doveva chiedere ai propri sostenitori se erano d accordo nel fare un altro governo con il Pdl, come invece ha fatto la Spd in Germania. Un maggior dialogo con la base può essere possibile grazie agli iscritti e al popolo delle primarie, che da quel giorno non sono mai stati interpellati. Perchè? In modo democratico, ma noi ci vendicheremo, e vendicheremo la credibilità, l autorevolezza delle figure di Stefano Rodotà e Romano Prodi. #101 FREE Questo ha detto Civati nel suo discorso quando ha presentato la sua candidatura a segretario a Reggio Emilia. I 101 traditori che hanno affossato la candidatura di Romano Prodi, non hanno ancora avuto il coraggio di dichiarare il loro voto e sopratutto i motivi della loro scelta. Scegliendo Pippo, come segretario, avrete la certezza di non avere come dirigente o come candidato nessuno dei 101. #101 FREE!! UN PARTITO UNICO DI CENTRO- SINISTRA DA PRODI A RODOTÀ Alle elezioni ci siamo presentati nella coalizione Italia Bene Comune con Sel e Centro Democratico e grazie anche a loro siamo riusciti a raggiungere il premio di maggioranza. Dopo le elezioni non sono stati coinvolti e la nascita del Governo Letta ha sancito definitivamente la fine di questa coalizione. >> segue a pag

14 il congresso >> segue da pag GIANNI CUPERLO ti. Senza dimenticare i sindaci e governatori di regione che reggono l impatto peggiore della crisi. Laicità. Crediamo in una fede laica, nella persona, nel bisogno di rifondare il patto democratico per la promozione dei diritti umani, universali e indivisibili, nel dovere di proteggere chi non ha il potere della maggioranza. IL PD PER IL PAESE Vogliamo un Pd che sia il frutto della confluenza di tradizioni, culture, percorsi diversi: della sinistra più diffusa, del pensiero critico e delle donne, di una coraggiosa radicalità cattolica. Vogliamo un segretario che dedichi a tempo pieno la propria passione ed esperienza a ricostruire il Pd, distinguendo la figura del candidato premier da quella del segretario. Noi vogliamo un Pd che sia: Comunità, che non si annulli in esse e torni ad essere vicino alla nostra gente; Radicato, non burocratico, con organismi più snelli, in grado di discutere e decidere, con un ampia rappresentanza eletta dai territori; Partecipato, che rilanci il ruolo dei Circoli con un maggiore investimento di risorse sui territori, con consultazioni periodiche, anche referendarie; Dinamico, al passo coi tempi, sempre connesso e all avanguardia: un partito rete, che sappia decidere presto e bene; Molteplice, aperto alla collaborazione di associazioni, movimenti, comitati civici, e che sia espressione di un Italia interculturale; Trasparente, che dia conto dell uso delle risorse, dell entità dei compensi, della coerenza con cui si perseguono gli obiettivi; Europeo, che scelga l Europa come dimensione del nostro futuro, anche per costruire il partito unico dei progressisti, dei democratici e dei socialisti europei che è, insieme, premessa e conseguenza della strada verso gli Stati Uniti d Europa. Tra gli altri hanno sinora aderito: Aldo Bacchiocchi, Francesca Badini, Renato Ballotta, Roberta Ballotta, Daniele Barilli, Alessandro Battilana, Gianluca Benetti, Denis Barbieri, Cesare Bianchi, Anna Boselli, Guido Calzolari, Marco Camorani, Moreno Castaldini, Vincenzo Cesari, Marco Chili, Nadia Colombi, Vanes Dallolio, Raymon Dassi, Maurizio Degli Esposti, Claudia D Eramo, Rosanna Facchini, Francesco Falciatore, Paola Ferretti, Daniela Fiorini, Corrado Fusai, Claudio Giovannini, Aldina Golinelli, Gianni Grillini, Morena Gubellini, Giacomo Landi, Gianni Luccarini, Mauro Maggiorani, Clara Magnanini, Jole Marsigli, Graziella Masi, Dario Mastrogiacomo, Patrizia Melotti, Romano Montalbani, Marusca Montalbani, Angelo Paltrinieri, Annalisa Paltrinieri, Benito Preti, Giorgio Querzè, Miria Rosato, Franco Scarponi, Claudio Schiavina, Andrea Stuppini, Pina Venturi, Giancarlo Zanardi, Maria Letizia Zanardi. Adesioni e/o informazioni: oppure telefona ai numeri: o >> segue da pag MATTEO RENZI stati capaci di dare nuove prospettive al nostro paese. Matteo Renzi sta cercando di partire dal nostro partito per dare al paese contenuti e prospettive: il primo passo è un Pd snello, leggero, fortemente radicato sul territorio e non più succube di un apparato privo di iniziativa propulsiva ed innovativa. Un nuovo modo di fare politica dal basso. Con l impegno degli iscritti e dei simpatizzanti il Pd con Matteo Renzi può essere la realtà atta a realizzare questo ed è con queste motivazioni che lo sostengo nel suo impegno». 14 Cesare Ghelfi pensionato «Ho scoperto la politica quando, casualmente, ho visto un comizio dell allora ancor più giovane sindaco di Firenze, Matteo Renzi. Era il 2011 e ho provato una grande emozione: le sue parole erano esattamente quelle che avrei voluto sentire da un politico. Grazie al suo entusiasmo e alla sua determinazione a cambiare l Italia, ho capito che era importante dare il mio piccolo contributo: mi sono iscritta al Pd, ho partecipato alla mia prima riunione di Circolo e ho fatto anche un paio di sere la volontaria alla Festa dell Unità: ora il mio primo congresso!». Antonella Moretto consulente del lavoro «Sono per Matteo Renzi perché dopo 20 anni di contro è il primo che promuove la politica del per : innanzitutto per il lavoro, per i giovani, per un Italia vincente, per un Pd coeso, nuovo ma radicato, forte della propria storia. Sono per Matteo perché non è contro, consapevole che solo uniti si riparte!». Michele Cavallaro imprenditore e consigliere comunale Pd Siamo all inizio di un lungo percorso che ha bisogno del contributo per quanto piccolo di ciascuno di noi. Prima dell 8 dicembre, giorno delle primarie nazionali aperte a tutti, vi ricordiamo che a metà novembre in tutti i circoli del Pd verranno votate le mozioni congressuali. Avranno diritto di voto tutti coloro che sono iscritti o che si iscriveranno il giorno della riunione congressuale del Circolo del loro territorio: Vi invitiamo pertanto a iscrivervi e a partecipare al dibattito per dare forza alla mozione di Matteo Renzi anche tra gli iscritti e a sostenere fin da subito e nei mesi a venire un nuovo Pd anche qui a. Per info: Consultate anche

15 il congresso Il partito che vorremmo CONFERENZA DELLE DONNE PD DI SAN LAZZARO di ANNA BOSELLI E MORENA GUBELLINI Congressi che stiamo per sempre più valorizzati e il partito I celebrare ci costringono a deve essere capillarmente presente riflettere sul partito che vorremmo e sono un opportunità per elaborare e condividere strategie e contenuti che corrispondano ovunque con le sue strut- ture. Per questo crediamo che il partito debba fondarsi sui Circoli che alle aspettative devono essere aperti alla parteture. degli elettori. La forza del Pd sta proprio nel rapporto con le persone, le comunità e i territori. La comunità locale organizzata, luogo politico importante in Italia, è l espressione più significativa del rapporto cipazione e, come una casa di vetro, essere luogo trasparente in cui ogni persona e ogni gruppo può fare capire le esigenze di quel territorio e di contro, capire le scelte che per queste vengono fatte. In una società che è sempre strutturato politica-società; più individualista vorremmo un per questo i territori vanno partito che ponesse al centro del suo impegno la persona con la sua ricchezza interiore, con la sua dignità, con i suoi diritti e i suoi doveri, con la sua capacità di solidarietà e di rapporto costruttivo con la famiglia e la comunità, in un insieme di azioni che si qualifichino come vero cambiamento. Per questo vorremmo un partito che ponesse come prioritarie le conquiste sociali nella scuola, nella sanità, nella convivenza civile, nell ambiente e oggi più che mai nel lavoro e nelle pari opportunità. Vorremmo un partito che riconoscesse e facesse proprio lo spazio politico delle donne soprattutto oggi, tempo nel quale paradossalmente si susseguono azioni di grande valorizzazione e contemporaneamente di umiliazione se non di violenza. Crediamo che il partito debba essere libero da condizionamenti esterni e quindi crediamo che, oltre al doveroso contributo degli iscritti, sia necessario, come peraltro in quasi tutte le nazioni europee, un contributo pubblico controllato e in misura ridotta rispetto a quello attuale. >> segue da pag GIANNI PITTELLA perché il lavoro torni ad essere luogo di realizzazione personale, venga svolto in termini dignitosi sia per le condizioni di lavoro, che di salute e di sicurezza, che di salario. 4 - Per la qualificazione dello sviluppo territoriale. La crisi, come fenomeno di transizione costringe a ripensare il nostro modello di sviluppo sia in termini globali che locali. Abbiamo assistito, finora, ad un uso scellerato del territorio. Né l Italia e neppure l Europa possono permettersi uno sviluppo basato sulla concorrenza e sullo sfruttamento sociale o ambientale. Altrettanto, qualificazione dello sviluppo territoriale significa regolarità nella gestione degli appalti, argine all illegalità economica, promozione di una formazione qualificata e strategica, semplificazione dei procedimenti amministrativi, promozione della presenza di genere nei ruoli di direzione. IL PARTITO CHE SOGNO 1 - Per leader di livello europeo. I confini nazionali non sono più sufficienti a definire le politiche di un Paese europeo e quindi i leader, uomini e donne che dovranno dirigere il Partito democratico, dovranno essere politici di livello europeo sapendo gestire le relazioni bilaterali e multilaterali con gli altri Paesi UE o extra UE. Questa non è una capacità innata ma la si acquisisce innanzitutto se si è consapevoli del ruolo che si deve sostenere. 2 - Per l ancoraggio al Socialismo europeo. La mancata adesione al socialismo europeo che ha accompagnato questi primi anni di vita del Partito democratico trae origine dalle famiglie storiche politiche in cui hanno militato molti dei fondatori e delle fondatrici del Partito democratico. Oggi molte cose sono cambiate e ai motivi di ieri, che hanno impedito una scelta netta, si sono sostituite chiare necessità di riaffermare un idea progressista che non può prescindere dall adesione al socialismo europeo. Io penso che Gianni Pittella sia la persona che più di ogni altro candidato sappia interpretare questa dimensione europea, solidale ed inclusiva. Io so che Gianni Pittella sa essere un uomo attivo, positivo, attento, un leader europeo che non vive con subalternità quello che Bruxelles decide, che ha saputo dimostrare competenza, edizione, umanità, solidarietà, coraggio, franchezza. Votatelo! Anna Salsi Coordinamento regionale mozione Gianni Pittella Per informazioni: >> segue da pag GIUSEPPE CIVATI questa coalizione. Noi pensiamo che dentro al Pd possa esserci spazio per gli amici di Sel e non solo. Il nostro partito deve essere il primo ad ascoltare e a collaborare con tutti i movimenti di cittadini che hanno a cuore il nostro paese, come per esempio quelli sull acqua pubblica dello scorso referendum, quelli che hanno raccolto le firme contro il porcellum e l attuale movimento per la difesa della Costituzione di Zagrebelsky, Rodotà e Landini. E non dobbiamo dimenticarci dei milioni di voti persi, molte persone di sinistra si sono rivolte al M5S e altre si sono astenute. Dobbiamo ascoltarli e riconquistarli! UN PD CON POSIZIONI CHIARE E CERTE, ANCHE SE DISTURBA- NO QUALCUNO. Troppe volte il Pd ha elaborato proposte e programmi senza avere il coraggio, la capacità e la volontà di perseguirle in Parlamento. Si ha sempre la sensazione di un partito immobile, che ha paura di sé stesso e che non prende una posizione chiara perché può esserci la possibilità che non aggrada qualche corrente interna. Il Partito democratico deve avere posizioni chiare, per questo pensiamo che debba essere in prima linea per approvare provvedimenti che proiettino l Italia nel futuro, come la nuova legge elettorale, il reddito minimo garantito, una legge sul conflitto di interessi, parità di diritti per tutti e quando parliamo di parità intendiamo anche matrimoni gay e ius soli. Questi sono alcuni dei tanti motivi per cui sosteniamo Giuseppe Civati e vi invitiamo a votarlo! Ora sta a voi la scelta perché le cose cambiano, cambiandole! Scriveteci a: 15

16 il congresso Il Pd deve essere un proge Il congresso come ripartenza: nel settembre scorso, in vista delle assise d a cura di Marco Macciantelli, la cui stesura integrale appare sul sito del Pd d Ne abbiamo tratto una sintes COME UN MISSILE SULLA RAMPA DI LANCIO Il congresso non può essere solo un fronteggiarsi di tifoserie. Un mettersi o un togliersi magliette. Una pura e semplice conta. Sarebbe il contrario di ciò che in genere ci raccontiamo, a proposito dell esigenza di irrobustire il profilo etico e ideale del nostro stare insieme. Certo, gli errori compiuti comportano una riflessione. Che deve coinvolgere non solo, come si ama ripetere con sin troppa insistenza, un gruppo dirigente, ma anche tantissima altra gente: iscritti, elettori, volontari delle feste, popolo delle primarie. Forse non sempre ci rendiamo conto che la comunità politica del Pd è larga, composita, va al di là di quello che comunemente pensiamo. Ciò che è accaduto nell arco dell ultimo anno - dal dibattito sulle primarie per il candidato alla presidenza del Consiglio dei ministri, poi per i parlamentari, alla proposta per il paese, alla campagna elettorale, al voto, al suo esito, con tutto ciò che ne è venuto, in termini di difficoltà, percezione di una inadeguatezza, se non di un vero e proprio affanno, politico e istituzionale - merita un analisi lucida, una discussione franca, senza pregiudizi, senza reticenze, per verificare, davvero, se questo progetto ha qualcosa da dare e qualcosa da dire. Il voto ha consegnato un paese che rischia di assomigliare sempre di più a Wile Coyote sospeso nel vuoto, con una spiccata attitudine a sfuggire al confronto con la realtà. Dallo scioglimento delle Camere al voto del febbraio il Pd è apparso come quel missile posto sulla rampa di lancio, programmato per la vittoria, che, invece di decollare, rimane fermo, si piega su se stesso, rischiando di implodere. LINEE DIVERGENTI Berlusconi ha vinto perdendo; noi abbiamo perso, almeno sul piano politico, anche se abbiamo ottenuto la maggioranza alla Camera; il M5s ha avuto una sorprendente affermazione. Risultato uscito dal voto: lo stallo perfetto. A ciò si sono aggiunti gli errori, compresi quelli compiuti per l elezione del presidente della Repubblica, sino all imboscata a cui è stata sottoposta una personalità come Romano Prodi, dotata di prestigio internazionale, ispiratore dell Ulivo, già presidente dell Unione Europea, vincitore di due elezioni politiche e, per due volte, presidente del Consiglio dei ministri, da parte di un gruppo parlamentare nel quale 101 persone sono risultate più dedite alla pratica dei messaggi trasversali piuttosto che alla limpida interpretazione dei propri compiti. Non sappiamo neppure quanti siano realmente coloro che nel Pd non hanno votato per Prodi. Non si può escludere che a suo favore si siano espressi almeno alcuni parlamentari del M5s e di Scelta civica: sicché il numero di coloro che nel Pd non ha mantenuto fede all indirizzo condiviso potrebbero essere più di 101. L espressione traditori non ci piace, rimanda a contesti non appropriati al ruolo che la Costituzione affida ad un parlamentare in relazione al voto segreto. Però non ci piace neppure il comportamento tenuto da una parte non irrilevante di rappresentanti del popolo eletti nelle liste del Pd, per una ragione semplicissima: prima ancora che questioni di lealtà evoca il dubbio di un travisamento, grave, di carattere squisitamente politico, in ordine a ciò che significa un profilo di governo per il paese. Senza atteggiamenti inquisitori (non ci interessa il chi, che peraltro non sapremo mai, ci interessa il perché ), ciò che soprattutto meriterebbe un approfondimento è la comprensione di contrasti che ci sono, che ritornano, che costituiscono un limite che, in questo caso, il Pd pone a sé stesso, ostacolando il proprio cammino. Un limite che si è rivelato più pernicioso dell abilità degli avversari politici e che ci porta a ritenere che, se non risolveremo questo problema, nonostante le buone intenzioni, continueremo ad essere a rischio. Su questo occorre essere chiari. Il tema i limiti del Pd non è alle nostre spalle, ma davanti a noi. L ESITO DEL VOTO Molti commentatori hanno lamentato l assenza di un esame, serio e approfondito, sul voto. A Bologna l Istituto Cattaneo ha offerto spunti e una documentazione preziosa. Un momento interessante è stato quello promosso dall Istituto De Gasperi, lo scorso 18 marzo, animato da una riflessione di Filippo Andreatta (I risultati del voto, i flussi da partito a partito, le caratteristiche del voto ai diversi partiti). Qui non abbiamo alcuna pretesa di proporre un analisi esaustiva. Piuttosto ci limitiamo ad indicare alcuni dati essenziali. Tra gli altri, i valori assoluti del Pd. Dal confronto dei quali appare che quello del febbraio, dal punto di vista della sequenza storica, risulta il peggior risultato conseguito dal Pd dal 2008; dal centrosinistra nel corso degli ultimi due decenni. Guardando alle forze costituenti del Pd, si passa dai 12,6 milioni del 1994 ai 15,7 milioni del 1996, e, in particolare, dai 18 milioni del 2001 ai 19 del 2006, dai 13,8 del 2008 ai 10 del Impressionante quello che è accaduto in 7 anni, dai 19 milioni del 2006 ai 10 attuali: un dimezzamento. In particolare, il Pd, nel 2013, ha perso voti nel confronto con le precedenti elezioni politiche, pari ad una contrazione di poco superiore al 28% (-28,4%). Il Pdl ha subito una riduzione dei consensi tra il 2008 e il 2013 pari a quasi il 50% (46%, voti). L EXPLOIT DEL M5S Un dato rilevante, quello del M5s. I cui consensi sono stati , distribuiti in modo omogeneo sul territorio italiano, così da conferire al M5s il carattere di una forza nazionale. Insomma: il partito di Berlusconi, dopo un disastroso triennio al 16

17 il congresso tto plurale, aperto, unito el Partito democratico, è uscito un documento dal titolo Quelli del Pd, i Bologna (www.pdbologna.org) e di (www.pdsanlazzaro.it). i per. governo ( ), dimezza i suoi voti (altro che rimonta!), ma il Pd non solo non conquista quei voti in libera uscita, ne perde, a sua volta, tre milioni e mezzo rispetto al 2008, mentre Grillo, al primo colpo, ne conquista oltre 8 milioni e mezzo. Se si pensa poi alle proporzioni dell astensione, ci si rende conto di quanto debole sia stata l attrazione esercitata dalla proposta del Pd. Tra la coalizione Italia bene comune e centrodestra, voti di scarto, lo 0,4%. La questione grillina ci riguarda da vicino. Partito da piazza Maggiore nel 2007, approdato presto in Comune a Bologna e in Regione, il M5s, oltre che la prima forza alla Camera, risulta quella più spalmata su tutto il territorio nazionale, con punte sino al 30%. Non misura più solo la nostra febbre, ma quella del paese. Finisce una fase dell antipolitica. Si fanno più chiari i contorni di un vero e proprio progetto politico. Al contempo sul territorio il M5s cannibalizza una sensibilità civica che rischia di rimanere orfana. C è un area, anche nel centrosinistra, non da oggi, insofferente verso i partiti. Ci sono persone che han voglia di impegnarsi, fuori e oltre il perimetro della politica organizzata, che devono trovare, in noi, ascolto e porte aperte. Non si tratta di andar dietro a chi si limita ad agitare i problemi, ma di farsi dare una mano da chi ha voglia di risolverli. LE OCCASIONI MANCATE Nonostante i suoi limiti, il Pd continua ad essere l unica vera organizzazione politica territoriale del paese. Come ha osservato Michele Salvati: non il partito unico, l unico partito. Se immaginiamo il futuro dopo Berlusconi e Grillo facciamo oggettivamente fatica a vedere qualcosa. Se guardiamo al Pd, sappiamo che vi sono tanti limiti, ma insieme a diverse opzioni possibili. Il congresso deve servire anche a questo: a fare dei bilanci, spietati se necessario, ma anche a lanciare nuove sfide. Una ricerca svolta dall Atlante Politico di Ilvo Diamanti, condotta nei giorni 7-9 maggio, vale a dire all indomani di tutto ciò che è accaduto ha evidenziato come alla domanda: Lei preferirebbe che il Pd : 5,7 non sa, non risponde ; 4,9 si dividesse in due partiti: uno moderato e uno di sinistra come erano Ds e Margherita ; 89,4 rimanesse unito. Il sentimento della nostra gente continua ad invocare unità e noi ci sentiamo in buona compagnia, con quel quasi novanta per cento, nel ribadire che l unità non è un appello retorico, ma è nella natura del progetto che è alla base del soggetto politico che tuttora chiamiamo Partito democratico. Il Pd deve essere un progetto plurale, aperto, unito. SENZA LA BASE SCORDATEVI LE ALTEZZE Si parla molto, forse troppo, di gruppi dirigenti. Una cosa importante, ma forse prima ci sono altre priorità. Come i volontari hanno scritto sulla parete di un ristorante durante l ultima festa alla Cicogna di : Senza la base scordatevi le altezze. Il progetto del Pd deve assumere una dimensione più orizzontale. Per esempio: quale futuro per i Circoli? Che ne sarà dei forum? Come renderne più incisiva l azione? Insomma: come suscitare slanci, energie, a partire non dal vertice, ma dal movimento di base, nel punto in cui la società s incontra con la politica e la politica deve aprirsi alla società? E poi: come unire il web al senso di una partecipazione politica e di un elaborazione programmatica? Come intrecciare la democrazia elettivo-rappresentativa ad istanze, nuove, di democrazia diretta e autogoverno della comunità? L AGGETTIVO PIÙ IMPORTANTE DEL SOSTANTIVO Tra il 2007 ed oggi c è stata una fase costituente, quella dell incontro tra le storie politiche che hanno dato vita al Pd. Ora occorre aprire un altra fase. La capacità di coinvolgere anche chi partecipa ai movimenti civici che animano la società italiana. Senza chiusure, senza conformismi, sapendo che lo spirito critico è parte costitutiva di una politica consapevole dei propri limiti, cercando di arrivarci col coinvolgimento dal basso. È stato Anthony Giddens, ormai vent anni fa, a sostenere che, nelle società contemporanee, le persone che partecipano a gruppi associativi sono più numerose di quelle che si iscrivono ai partiti. L aggettivo democratico, oggi, conta tanto quanto il sostantivo partito, se non di più: dobbiamo essere garanti, a tutti i livelli, di una stagione in cui la gente senta in noi non qualcosa di prestabilito da decenni, ma un istanza vera, disinteressata, di promozione dal basso alla politica. Compiendo le scelte necessarie, cercando di trasmettere le nostre convinzioni, ma anche la nostra unità nel perseguirle. AL CENTRO IL TERRITORIO Questa volta vorremmo prendere sul serio il fatto che occorra ripartire dai territori. Qualcuno teme che lavorare sull autonomia, o impostare una piattaforma per il governo della comunità, sia un arretramento della politica: in questa fase, secondo noi, al contrario, può costituire un rilancio della buona politica. Sia chiaro: nessuna rivendicazione di ruolo della periferia verso il centro. Più semplicemente: fare davvero il partito a rete, rompere la logica gerarchica e piramidale. È una fase ulteriore per l evoluzione dello stesso Partito democratico. Per questo, a Bologna, abbiamo condiviso l idea di tentare una sintesi non contro, ma oltre e, se possibile, insieme alle mozioni nazionali. Non siamo così sprovveduti da non renderci conto che vi sono differenze, anche radicali, di posizioni, ma questo non significa non porre l accento su un esperienza politica che qui ha sue ragioni e peculiarità. * 17

18 iniziative Pd L efficacia della comunicazione in politica e nella vita di tutti i giorni di WANDA CUBEDDU Partite le prime affollate lezioni del nuovo corso organizzato dal Pd e rivolto non solo a chi è interessato alla politica, ma anche a chi vuole essere un elettore più consapevole, oppure utilizzare questi strumenti in famiglia o al lavoro. di una comunicazione efficace, L importanza in politica come nella vita di tutti i giorni. Questo lo spunto di base. Il fulcro da cui siamo partiti, per elaborare il progetto. Quali sono i meccanismi che permettono di attuare una comunicazione efficace? Quali gli errori da evitare e quelli in cui più comunemente si incorre? Come si può superare la paura di parlare in pubblico? E la politica si può davvero paragonare alla pubblicità, applicando gli stessi metodi alla vendita di un candidato come a quella di un prodotto per la casa? Dopo un primo esperimento, condotto un po in sordina, nei mesi di maggio/giugno scorsi, si è deciso di ripetere l esperienza del corso sulla comunicazione in politica, con un respiro più ampio, arricchendola con nuove lezioni e approfondimenti. Questo anche e soprattutto per venire incontro alle esigenze e alle richieste di chi vorrebbe comprendere meglio la politica, acquisire una maggiore consapevolezza dei meccanismi di una campagna elettorale, avere le armi e gli strumenti per distinguere un buon contenuto da uno mediocre, ma presentato sotto una forma accattivante. Non solo per chi è interessato alla politica o con essa vive, ma anche per essere elettori più consapevoli, per poter operare delle scelte con maggior discernimento, oppure, più semplicemente, per utilizzare questi strumenti nella vita di tutti i giorni, in famiglia o al lavoro. La prima lezione, dal titolo L importanza della comunicazione in politica, che si è svolta lunedì 14 ottobre, dopo una presentazione da parte del sindaco che ha fatto da introduzione all argomento, ha presentato alcuni spunti di partenza e anticipato gli argomenti che verranno trattati successivamente. La relatrice, Daniela Cevenini, è una trainer in comunicazione efficace che opera nel settore tenendo corsi a vari livelli e per diverse esigenze. Ha quindi spaziato dalle basi stesse della comunicazione e dalle sue regole generali, alla definizione di retorica; dalla schematizzazione del processo tramite cui avviene un qualunque passaggio di informazioni, a quelli che sono i fattori che possono impedirne la riuscita gono impostate e quali strumenti sfruttano, a partire dalla fine degli anni 40 fino ai giorni nostri, e di come l avvento della televisione prima e dell era digitale poi ha cambiato le regole o migliorarla. Anche rivelando alcune trappole mentali di cui forse pochi sospettano l esistenza. Il lunedì successivo, il 21 ottobre, è stata quindi la volta di Marina Palmieri, Art Director di un agenzia pubblicitaria, che ha tracciato una breve storia delle campagne elettorali, di come si svolgono, come vendel gioco. Giovedì 24 ottobre, la formatrice Alessandara Negroni ha invece spiegato in che modo la crescita personale o il rendimento di un individuo possano essere influenzati dal tipo di aspettativa che si ripone in lui e dal sentirsi più o meno incoraggiato o sminuito, illustrando il cosiddetto effetto Pigmalione. Le successive lezioni toccheranno poi altri temi: la comunicazione politico-istituzionale, con Raffaella Pezzi, responsabile dei rapporti con la stampa della giunta regionale che ci parlerà della comunicazione politico-istituzionale e del rapporto con giornali e tv; l attrice Anna Amadori ci spiegherà come gestire le emozioni quando si deve parlare in pubblico; il sociologo Fausto Anderlini cercherà di rispondere al quesito se per fare della buona politica la comunicazione debba andare a discapito della cultura; ci sarà poi una lezione dedicata alla campagna elettorale di Barack Obama e di come ha saputo sfruttare i social network. L ultima data del corso, lunedì 18 novembre, vedrà infine l assessore comunale Raymon Dassi affrontare il tema della comunicazione come azione politica. Al momento, quindi, il corso è ancora in pieno svolgimento, ma ha fin da subito suscitato molto interesse e richiamato un pubblico estremamente variegato. Le lezioni tenute finora sono state seguite con molta partecipazione, fornendo spesso spunti di riflessione e confronto: il bilancio sembra quindi essere estremamente positivo e ci auguriamo che coloro che hanno scelto di partecipare, ne possano uscire arricchiti e con qualche strumento utile in più. * 18

19 Assodato che a i servizi per l infanzia ci sono e che c è un altissimo livello di efficienza e di buona amministrazione, cosa manca? Di cosa si avverte la necessità? Lo abbiamo chiesto ai genitori e alle amiche con cui giornalmente condividiamo l esperienza genitoriale. Emergono sostanzialmente poche categorie di bisogni. Sull esistente, una migliore manutenzione e un incremento del numero dei giochi nei parchi pubblici. Poi, sicuramente un offerta migliore e maggiormente diversificata per i più piccoli, ovvero scendendo nel dettaglio dei desiderata, l istituzione di un albo di baby sitter certificate e la possibile realizzazione di un baby parking pubblico dove lasciare con sicurezza i bimbi anche per poche ore. Ma è forte anche la necessità di uno spazio polivalente, una sorta di spazio giochi, prenotabile dalle famiglie, dove organizzare feste, giochi, magari con anche una piccola cucina annessa. Ovvio che non tutto si può fare subito e ovvio che bisogna stare dentro un budget di spesa. La situazione del paese e delle casse pubbliche è chiara a tutti, tuttavia sarebbe meraviglioso se in prospettiva riuscissimo a lavorare tutti assieme su questi temi. Magari riuscendo a mettere in relazione soggetti pubblici e soggetti privati e mettendoci in gioco e in discussione in prima persona assieme alla comunità. Noi pensiamo sarebbe bellissimo. Voi cosa ne dite? Perché il gruppo nasce da un idea di gruppo di giovani mamme, alcune iscritte al Pd e altre no. Assieme abbiamo deciso di dare vita ad una iniziativa di comunità, che torni a parlare di futuro e di speranza, di progettualità e di innovazione, di bambini, di infanzia ma anche della difficile età adolescenziale. Lo faremo partendo proprio da un luogo storico per, l ex dazio, il Circolo del Pd sul Ponte Savena. Un luogo forse da Le necessità dei genitori reinventare, restituendolo ai rumori e ai colori della comunità. La nostra speranza è di farlo tornare a vivere come punto di incontro e di discussione sui nostri bisogni e delle nostre esigenze si propone quindi di raccogliere le idee e le proposte delle famiglie, dei genitori, dei ragazzi, per poi assieme elaborarle e consegnarle al Partito democratico, all amministrazione cittadina. Le eccellenze di Azzeramento delle liste d attesa per il nido e la scuola dell infanzia per l anno 2013/2014 (per il nido azzerate addirittura dal 2008/2009). Un albero per ogni neonato, organizzata in collaborazione con WWF e Associazione Macigno di San Lazzaro: da 20 anni il Comune festeggia i nuovi cittadini mettendo a dimora un giovane albero come auspicio di una crescita libera e forte. Nel 2012 sono nati a 240 bimbi. Mamma come te è il gruppo di auto-aiuto a sostegno della maternità, nato in collaborazione tra il Comune e l Azienda USL, che si incontra presso il centro Habilandia. Un gruppo di madri è disponibile a condividere con neomamme o future madri la propria esperienza, sostenendole con consigli e supporti pratici in materia di allattamento materno ma non solo. Spazio Mamma: ogni giovedì mattina presso Habilandia, una ostetrica o assistente sanitaria aiutano le mamme nel ritorno a casa, favorendo la condivisione delle esperienze di maternità e di allattamento. Il Centro polivalente Habilandia si rivolge anche alle famiglie e a persone in difficoltà anche transitoria, con servizi come il counselling per genitori. Ospita inoltre Corsi di massaggio Infantile e Corsi preparto tenuti da ostetriche dell Ausl del Comune. Iniziative culturali. Nell ambito del progetto Nati per leggere, la Mediateca organizza ogni anno la rassegna Rebebè con letture sceniche per bambini iniziative Pd Siamo già molto contente di quanto il Comune di fa in questo ambito e qui sotto abbiamo sottolineato alcune delle eccellenze raggiunte negli ultimi anni. La nostra idea è quella di arricchire il dibattito e la proposta, guardando anche cosa accade nel resto del paese e fuori dai confini nazionali. Cominciamo da questo numero pubblicando alcuni pensieri raccolti in giro ascoltando le esigenze degli altri genitori. Se vuoi collaborare, se vuoi conoscerci, ti aspettiamo. La nostra mail è: libero.it, oppure passa dal Circolo al sabato mattina, troverai sempre qualcuno a cui chiedere informazioni. Per il gruppo 0-18: Alessandra, Alice, Carlotta, Emanuela, Veronica a partire da 1 anno e spettacoli e laboratori (creativa, musicali, natalizi). É inoltre attivo il bookcrossing baby nell ambito di Bibliobrummm, letture in movimento con libri a disposizione presso gli ambulatori di pediatria di base (in via Emilia 239) e presso il Distretto socio sanitario/pediatria di comunità (in via Repubblica 11). Manutenzione straordinaria per l edilizia scolastica 2012/2013: al plesso Don Milani alla Ponticella, sono state effettuate opere di ristrutturazione edilizia con adeguamento alle norme di prevenzione incendi, nonché ampliamento e adeguamento funzionale. Sono stati effettuati interventi di adeguamento normativo per il nido di infanzia dei Gelsi per il trasferimento della Tana dei Cuccioli (marzo 2013). Creata una nuova sezione presso la materna Di Vittorio statale. I numeri attuali I bambini iscritti negli asili nido del territorio (Di Vittorio, Tana dei Cuccioli, Maria Trebbi, la Cicogna) sono 229. I bimbi iscritti invece nei nidi privati in convenzione (Al girotondo, Primi Passi, Spazio Margheritini) sono 59. Per quanto riguarda le scuole dell infanzia abbiamo 725 bambini (Di Vittorio comunale, Di Vittorio statale, Canova, Jussi 100, Fantini, Idice, Cicogna, Ponticella). Per finire con le scuole dell infanzia private in convenzione (Cavani e Don Bosco) dove abbiamo 60 bambini iscritti. 19

20 in primo piano La crisi frena le novità nel parco di Villa Cicogna di GIORGIO DI PRIMIO In questi mesi il settore immobiliare dell Unipol (Ambra Property srl) è impegnato nel completamento del complesso di via Larga e nella riqualificazione dell Unaway Hotel della Fiera. Per l apertura di nuovi cantieri a «si aspettano tempi migliori». Al momento ci si deve accontentare di qualche panchina lungo la pista ciclabile. Non c è dubbio che un colosso finanziario come l Unipol, per quanto riguarda gli interventi sulle proprie proprietà immobiliari, non si muove con la velocità e l agilità delle gazzelle bensì con la poderosa ma lenta marcia degli elefanti. Le cose da fare sono molte e ci sono delle precedenze da rispettare. Pertanto è da considerarsi normale che nel complesso turistico-alberghiero-congressuale di Villa Cicogna (dato in gestione alla società Una Hotels & Resorts spa) apparentemente tutto sia rimasto come prima a un anno e mezzo dall acquisto dalla Dimatour di Pomezia, come noto clamorosamente fallita per bancarotta fraudolenta del suo rampante boss, Raffaele Di Mario. Il motivo principale è che al momento l attività dell Ambra Property srl (la società immobiliare dell Unipol, appunto) è concentrata sulla radicale riqualificazione dell albergo in piazza della Costituzione, cioè accanto alla Fiera e quindi al proprio quartier generale, e soprattutto sul completamento del grandioso complesso polifunzionale di via Larga che si trova alla base dell ormai famoso grattacielo di 33 piani alto 125 metri con la caratteristica vetta sghemba. In particolare di un terzo albergo nuovo di zecca che, secondo gli annunci, dovrebbe essere inaugurato entro l anno ma molto probabilmente slitterà al D altronde negli uffici immobiliari di via Stalingrado non si fa mistero dello stallo riscontrabile alla Cicogna. «Non è il momento di fare lavori impegnativi non indispensabili», mi è stato detto per telefono dal dirigente Giuseppe Lobalsamo. Vale a dire che la quindicina di ex costruzioni rurali (in parte allo stato di rudere Il pergolato della vigna costruito cinquant anni fa con le rotaie della linea tranviaria appena dismessa. Le piante sono state ripulite e in parte rigenerate un anno fa ma con poca fortuna perché più d una non ha attecchito. Non c è dubbio che la conservazione del vecchio frutteto (in quella zona del parco ci sono anche filari di meli che appaiono soffocati dall edera) richiederebbe maggior cura. da demolire), dal cui parziale recupero dovrebbe risultare anche un centro socio-culturale del comune, continueranno a rimanere tali e quasi seminascoste dal telo di plastica verde. E il cantiere già avviato dalla Dimatour a ridosso della villa che era finito sotto sequestro? «Anche quello per ora resta fermo perché si deve ancora decidere che destinazione darne». Di conseguenza, non ci sono novità nemmeno per il parco pubblico, se si eccettua qualche panchina apparsa negli ultimi mesi lungo l a p i s t a c i c l a b i l e. L ingresso di Ugf (Unipol gruppo finanziario) nel settore alberghiero è avvenuto nel 2008 con l acquisizione della società Ambra Property srl (proprietaria dell hotel fieristico Holiday Inn Bologna City) dalla holding olandese Cooperatie Westbridge Europe I. Contestualmente, per la gestione, c è stato il passaggio dalla catena degli Holiday Inn a quella degli Una con un contratto di management decennale. Tutti e tre questi alberghi (Fiera, Cicogna, via Larga) sono battezzati Unaway, cioè appartengono al ramo destinato prevalentemente alla categoria affari con strutture ben collegate agli svincoli autostradali (mentre gli Una si trovano nei centri storici e gli Una Resorts nei luoghi di vacanza). Per chi si interessa dei retroscena delle grandi società per azioni (con tutte le loro scatole cinesi ) rilevo anche che l Una Hotel & Resorts spa finanziariamente non se la passa proprio bene. Anzi, la sua esposizione debitoria nei confronti di numerose banche (fra le quali c è anche l Unipol) la costringe a sottostare dall estate del 2011 al regime del concordato preventivo. Colpa della crisi economica generale, ovviamente, ma anche delle operazioni a dir poco spericolate, con conseguenti guai giudiziari, del suo fondatore. Si tratta del pratese Riccardo Fusi (sodale del ben noto Denis Verdini, pezzo da novanta di Berlusconi), titolare dell impresa di costruzioni Baldassini-Tognozzi- Pontello (Btp) di Calenzano, che fu uno dei protagonisti dell inchiesta sulla cricca del G8 dell Aquila ed è stato già condannato in primo grado dal tri- 20

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Progetto Rubiera Centro

Progetto Rubiera Centro LE POLITICHE DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA PER LA QUALIFICAZIONE DEI CENTRI COMMERCIALI NATURALI Progetti anno 2013 (D.G.R. n. 1822/2013) Bologna, 1 luglio 2014 Progetto Rubiera Centro Il progetto del comune

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente)

Per San Lazzaro. Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA. MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) TU Per San Lazzaro Insieme per i prossimi 5 anni PROGRAMMA MODALITA DI ATTUAZIONE (in ottemperanza alla normativa vigente) Territorio: Urbanistica: Cosa: Agevolazioni per la riqualificazione dell esistente:

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

La cooperativa Fai compie 30 anni

La cooperativa Fai compie 30 anni Anziani e assistenza La cooperativa Fai compie 30 anni TRENTO Fai, la prima cooperativa sociale che si occupa di assistenza domiciliare in Trentino, si prepara a festeggiare ben 30 anni di attività. Sabato

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO

MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO MOSSE PER COSTRUIRE UN INDUSTRIA EUROPEA PER IL TERZO MILLENNIO Premessa: RITORNARE ALL ECONOMIA REALE L economia virtuale e speculativa è al cuore della crisi economica e sociale che colpisce l Europa.

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri

PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Scuola Primaria 1 Circolo di Cuneo PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CORTILE SCOLASTICO Plesso di C.so Soleri Responsabile del Progetto: Ins. Rosanna BLANDI 2 INDICE PRESENTAZIONE DEL PROGETTO pag. 5 L

Dettagli

GUIDA ALLE CONVENZIONI 2014

GUIDA ALLE CONVENZIONI 2014 Da staccare e conservare 2014 GUIDA ALLE CONVENZIONI 2014 Presentazione della Card La Card di Unica è un vantaggio aggiuntivo per il socio. E una tessera nominativa intestata al socio stesso e può essere

Dettagli

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO

IL DIRIGENTE DI SERVIZIO Pag. 1 / 6 comune di trieste piazza Unità d Italia 4 34121 Trieste www.comune.trieste.it partita iva 00210240321 AREA CULTURA E SPORT SERVIZIO MUSEO ARTE MODERNA REVOLTELLA REG. DET. DIR. N. 5164 / 2011

Dettagli

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio

Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Lazio Croce Rossa Italiana Campagna Soci Ordinari CAMPAGNA SOCI ORDINARI Pagina 1 di 12 SOMMARIO 1. Premessa... 3 2. Quali sono gli obiettivi della Campagna Soci Ordinari... 4 3. Cosa vuol dire essere Soci Ordinari

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit.

Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. Tra reale e ideale: come gestire e far crescere un organizzazione non profit. NID Non profit Innovation Day Università Bocconi Milano, 12 novembre 2014 18/11/2014 1 Mi presento, da dove vengo? E perché

Dettagli

Il Mobile Significante 2015 XII edizione

Il Mobile Significante 2015 XII edizione Internazionale Fondazione Aldo Morelato sull arte applicata nel mobile. Il Mobile Significante XII edizione I Luoghi del relax 2.0 oggetti d arredo per il relax domestico Art. 1 Tema del concorso Lo spazio

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A.

Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010. Soci Fondatori. - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. 01 Siamo una Fondazione di partecipazione dal settembre 2010 Soci Fondatori - Azienda di Servizi Ambientali Quadrifoglio S.p.A. - Associazione Partners di Palazzo Strozzi Promossa da 02 MISSION Volontariato

Dettagli

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati

ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati VISTO DAI BAMBINI E DAI RAGAZZI ILaboratori di Progettazione Partecipata presentati in questa sezione riguardano progetti e proposte in aree di verde pubblico. Se il primo lavoro è finalizzato all arredo

Dettagli

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo

J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO. Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo J. Delors NELL EDUCAZIONE UN TESORO Rapporto all UNESCO della Commissione Internazionale sull Educazione per il XXI secolo L utopia dell educazione L educazione è un mezzo prezioso e indispensabile che

Dettagli

Il Sindaco presenta la sua Giunta

Il Sindaco presenta la sua Giunta Comunicato stampa Il Sindaco presenta la sua Giunta Il primo cittadino ha svelato i nomi e le deleghe degli assessori che comporranno la Giunta. «Scelte condivise ha commentato Checchi, adottate sulla

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni

Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Progetto: Dai colore ai tuoi sogni Un po di storia Il seme dell affido è germogliato in casa Tagliapietra nel lontano 1984 su un esigenza di affido consensuale in ambito parrocchiale. Questo seme ha cominciato

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande

FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande FARE COOPERATIVA La cooperativa in 10 domande 1. Quali sono le caratteristiche distintive dell impresa cooperativa? L impresa cooperativa è un impresa costituita da almeno 3 soci e può avere la forma della

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO

Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO Taviano Città dei Fiori (Lecce Italy) Decreto sindacale 02 lì 22 gennaio 2014 Decreto di attribuzione di posizioni organizzative ai responsabili di settore IL SINDACO VISTA la legge 191/98, recante modifiche

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione

Destinazione: IRLANDA. art. 1 SOGGETTO PROPONENTE E OGGETTO. indice una selezione AVVISO DI SELEZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI Progetto M.E.D. Progetto nr. LLP-LdV-PLM-11-IT-254 Titolo M.E.D. (N. LLPLink 2011-1-IT1-LEO02-01757) Destinazione: IRLANDA art. 1 SOGGETTO

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo

Progetto Educazione al Benessere. Per star bene con sé e con gli altri. Progetto di Circolo DIREZIONE DIDATTICA 3 Circolo di Carpi Progetto Educazione al Benessere Per star bene con sé e con gli altri Progetto di Circolo Anno scolastico 2004/2005 Per star bene con sé e con gli altri Premessa

Dettagli

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla

Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Prime ipotesi per una fattibilità dei Programmi Integrati per la salute in Marmilla Cagliari 4 dicembre 2012 Centro di ricerca FO.CU.S. Progetto di ricerca a supporto dei territori per l individuazione

Dettagli

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune

Comune di Fusignano ATTIVITA' ORDINARIE 2013 - 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa. Sottoreport Comune CdC CDR009 RESP. SEGRETERIA GENERALE PROGETTO RPP: AREA AMMINISTRATIVA RESPONSABILE: GIANGRANDI TIZIANA 100 Miglioramento e razionalizzazione delle attività ordinarie Area Amministrativa 1 UFFICIO SEGRETERIA

Dettagli

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Dr. Maurizio Apicella

Dr. Maurizio Apicella Dr. Maurizio Apicella Nato a Campagna (SA) il 2.2.1962 Residente in Roma Coniugato con 2 figli FORMAZIONE 1985 Laurea in Giurisprudenza, Università di Salerno 1987 Master Formez per Consulenti di Direzione

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene

AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A. delle Vie Francigene AS S O C I A Z I O N E EU R O P E A delle Vie Francigene Pacchetto Soci 2015 1 MOSTRA DA CANTERBURY A ROMA: 1.800 KM ATTRAVERSO L EUROPA La mostra approfondisce, attraverso immagini supportate da testi

Dettagli

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale

Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale 1 Maria Giovanna Piva * * Presidente del Magistrato alle Acque di Venezia Il Magistrato alle Acque di Venezia per la riqualificazione dell Arsenale Da moltissimi anni il Magistrato alle Acque opera per

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

ORGANIZZA Corsa podistica non competitiva su strada di km. 6.

ORGANIZZA Corsa podistica non competitiva su strada di km. 6. ASSOCIAZIONE MEZZAMARATONA DEL GIUDICATO DI ORISTANO REGOLAMENTO CORSA PODISTICA NON COMPETITIVA SU STRADA L Associazione MEZZAMARATONA DEL GIUDICATO DI ORISTANO, con il patrocinio del Comune e della Provincia

Dettagli

*è stato invitato a partecipare; da confermare

*è stato invitato a partecipare; da confermare 1 *è stato invitato a partecipare; da confermare 8.30 Registrazione Partecipanti GIOVEDÌ 30 OTTOBRE - Mattina SESSIONE PLENARIA DI APERTURA (9.30-11.00) RILANCIARE IL MERCATO DELLA PA: STRATEGIE ED AZIONI

Dettagli

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020

Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 Roma 2020: valori e opinioni I valori economici dei Giochi Olimpici e Paralimpici di Roma 2020 La spesa complessiva

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Porta uno SMILE nella tua città

Porta uno SMILE nella tua città Co-Finanziato dal Programma di Cooperazione Territoriale MED SMart green Innovative urban Logistics for Energy efficient Newsletter 3 Siamo lieti di presentare la terza newsletter del progetto SMILE SMILE

Dettagli

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009

RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 2009 RIEPILOGO GENERALE DELLE SPESE 009 Funzion 9 0 3 Servizio. Funzion 0 Funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo 0 Organi istituzionali, partecipazione e decentramento 0 Segreteria

Dettagli

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper

LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper LA NAZIONE LIVORNO mer, 8 apr 2015 ROSIGNANO LE DOMANDE DOVRANNO ESSER PRESENTATE ENTRO IL 14 APRILE Bollette dell'acqua: un contributo dal Comuneper le famiglie in condizioni economiche precarie ROSIGNANO

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

RESPONS.In.City - Methodology

RESPONS.In.City - Methodology RESPONS.In.City - Methodology THE METHODOLOGY OF A RESPONSIBLE CITIZENSHIP PROMOTION Metodologia di Promozione della Cittadinanza come Responsabilità Condivisa 1 Premessa La possibilità di partecipare

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ)

CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) CORSO AD INDIRIZZO MUSICALE DELL I.C. S.G. BOSCO PALAZZO SAN GERVASIO (PZ) La musica è l'armonia dell'anima Alessandro Baricco, Castelli di rabbia Premessa L insegnamento di uno strumento musicale nella

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

Foglio1. PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi)

Foglio1. PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi) PROVVEDIMENTI AMMINISTRATIVI Art. 23, comma 1, lettera a) del D.Lgs. 14 Marzo 2013, n. 33 (Ufficio Tributi) Autorizzazione/Atto Contenuto Destinatario Documentazione ANNA MARCHI MAZZINI Autorizzazione

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE?

QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? TERRITORIO BENE COMUNE IN MOVIMENTO Camerano, 30 GENNAIO 2015 QUALI RISCHI PER IL NOSTRO PAESE? Maurizio Sebastiani Italia Nostra Marche 1 I RISCHI DELLO «SBLOCCA ITALIA» Sblocca Italia, allarme di Bankitalia:

Dettagli

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA!

PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! PENSA CHE MENSA SCOLASTICA! Buona, pulita e giusta Linee guida per una mensa scolastica di qualità 1 A cura di: Valeria Cometti, Annalisa D Onorio, Livia Ferrara, Paolo Gramigni In collaborazione con:

Dettagli

CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI

CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI CITTÀ di ORTONA Medaglia d oro al valor civile PROVINCIA DI CHIETI Repertorio generale n. 1638 Settore Servizi sociali, culturali e tempo libero Servizi Culturali, Educativi e Tempo Libero DETERMINAZIONE

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE

Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE 7 TH QUALITY CONFERENCE Towards Responsible Public Administration BEST PRACTICE CASE INFORMAZIONI DI BASE 1. Stato: Italia 2. Nome del progetto: La diffusione di Best Practice presso gli Uffici Giudiziari

Dettagli

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it)

MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE. (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) MODELLO DI ADESIONE ALLA CONSULTA COMUNALE (inviare a: consultaorganizzazionisociali@comune.messina.it) Oggetto:Richiesta di ammissione alla Consulta delle Organizzazioni che operano nel settore delle

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida

Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche se non è ancora stato definito nei dettagli il testo della nuova legge, il lungo lavorìo di preparazione ha fatto condensare alcune idee-guida Anche la legge sulla riqualificazione urbana è un tassello

Dettagli

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività:

La filosofia di Idecom è idee e comunicazione con contenuti, che sviluppa nei seguenti diversi ambiti di attività: Idecom è una società nata dal gruppo Ladurner che da anni è specializzato nella progettazione, costruzione e gestione di impianti nel campo dell ecologia e dell ambiente, in particolare in impianti di

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Spiegami e dimenticherò, mostrami e

Spiegami e dimenticherò, mostrami e PROGETTO Siracusa e Noto anche in lingua dei segni Spiegami e dimenticherò, mostrami e ricorderò, coinvolgimi e comprenderò. (Proverbio cinese) Relatrice: Prof.ssa Bernadette LO BIANCO Project Manager

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

I Militari possono far politica?

I Militari possono far politica? I Militari possono far politica? Il personale in servizio attivo delle Forze Armate (Esercito, Marina, Aeronautica, Arma dei Carabinieri e Guardia di Finanza) può fare politica? Siccome ci sono tanti mestatori,

Dettagli

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof.

Laboratorio di Urbanistica. Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni. Prof. Laboratorio di Urbanistica Corso di Fondamenti di Urbanistica Il piano regolatore nella legislazione italiana recente: ruolo, critica, innovazioni Prof. Corinna Morandi 20 maggio 2008 1 Dalla iper-regolazione

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it

Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Istituto Comprensivo di Via Nazario Sauro Brugherio Via Nazario Sauro 135 Tel. 039. 2873466 e mail istituto : icsauro@yahoo.it Anno Scolastico 2010-2011 Email: icsauro@yahoo.it Fratelli Grimm La Scuola

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma

84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Franco Leccese 84, via Angelica Balabanoff,00155, Roma Telefono 3461722196 Fax Email Nazionalità

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA

SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA SECRETARY-GENERAL UNITED NATIONS NEW YORK NY 10017 USA Dear Mr. Secretary General, I m pleased to confirm that ALKEDO ngo supports the ten principles of the UN Global Compact, with the respect to the human

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840

Premessa. 11100 Aosta (Ao) 2/A, via Promis telefono +39 0165272866 telefax +39 0165272840 Assessorat des Ouvrages Publics de la protection des sols et du logement public Assessorato Opere Pubbliche, Difesa del Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica Premessa Le fondamentali indicazioni riportate

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli