Le partecipate di Sesto Fiorentino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le partecipate di Sesto Fiorentino"

Transcript

1 Le partecipate di Sesto Fiorentino Edizione 2013 Comune di Sesto Fiorentino 1 Le partecipate di Sesto Fiorentino EDIZIONE 2013

2 Comune di Sesto Fiorentino piazza Vittorio Veneto tel Si ringraziano per la preziosa collaborazione: Agenzia Fiorentina per l Energia Ataf s.p.a. Azienda Farmacie e Servizi s.p.a. Casa s.p.a. Consiag s.p.a. Consiag Servizi s.r.l. Doccia Service s.r.l. Fidi Toscana s.p.a. L Isola dei Renai s.p.a. Linea Comune s.p.a. Publiacqua s.p.a. Publies s.r.l. Quadrifoglio s.p.a. Qualità & Servizi s.p.a. SestoIdee - Istituzione per i servizi educativi, culturali e sportivi Ufficio di Staff del Sindaco tel fax Progetto grafico: Alfio Tondelli La prima edizione di questa pubblicazione è del I dati riportati in questo lavoro sono aggiornati al 15 novembre 2013, mentre i dati contabili di bilancio si riferiscono all esercizio Le partecipate di Sesto Fiorentino EDIZIONE Comune di Sesto Fiorentino

3 Indice Premessa 5 Il «Gruppo» del Comune di Sesto Fiorentino 7 Le partecipazioni nel contesto normativo attuale 9 Le partecipazioni a rilevanza economica 15 Azienda Farmacie e Servizi s.p.a. 17 Casa s.p.a. 25 Consiag s.p.a. 33 Consiag Servizi s.r.l. 41 Doccia Service s.r.l. 47 Linea Comune s.p.a. 53 Publiacqua s.p.a. 59 Publies s.r.l. 67 Quadrifoglio s.p.a. 73 Qualità & Servizi s.p.a. 81 Le partecipazioni in fase di vendita 87 Agenzia Fiorentina per l Energia s.r.l. 89 Ataf s.p.a. 95 Fidi Toscana s.p.a. 103 L Isola dei Renai s.p.a. 111 Altri enti 117 A.T.O. Toscana Centro 119 Autorità Idrica Toscana 121 Consorzio di Bonifica Area Fiorentina 123 Società della Salute 127 SestoIdee - Istituzione per i Servizi Educativi, Culturali e Sportivi 129 Comune di Sesto Fiorentino 3 Le partecipate di Sesto Fiorentino EDIZIONE 2013

4 Le partecipate di Sesto Fiorentino EDIZIONE Comune di Sesto Fiorentino

5 Premessa L ormai consueto appuntamento con il nostro lavoro sul sistema della partecipate del Comune di Sesto Fiorentino giunge, con l edizione relativa al 2012, al suo ottavo anno. Si tratta di un sistema di monitoraggio che ha preso il suo avvio con gli esercizi di bilancio relativi all anno Questa edizione, come già le precedenti, riporta le risultanze economico-patrimoniali dell ultimo esercizio chiuso, nonché i fatti salienti della gestione di ciascuna società, riferiti agli ultimi dati disponibili (usualmente, relativi ai mesi di aprile-maggio dell anno in corso). L impianto descrittivo originario (classificazione della partecipazione, presentazione della società, descrizione dell oggetto sociale, governo societario, dati sintetici di bilancio) rimane sostanzialmente immutato. I costanti ed importanti interventi normativi nel campo delle aziende partecipate ci hanno spinto, peraltro, ad introdurre un apposito capitolo introduttivo che inquadra la situazione della galassia del Comune di Sesto Fiorentino nel panorama del contesto legislativo vigente, soffermandoci anche sui percorsi di dismissione. Anche per questa ottava edizione, che esce in concomitanza con la terza edizione del Bilancio consolidato del Comune di Sesto Fiorentino, abbiamo ritenuto opportuno fornire, su di un unico supporto digitale, tanto i risultati del consolidato quanto i dati salienti relativi al sistema delle partecipazioni, raggruppando così questi due importanti lavori di rendicontazione del nostro Comune, in modo fa consentire al lettore, con maggior agilità ed immediatezza di lettura, comparazioni, raffronti e approfondimenti su tematiche profondamente integrate. Tali lavori saranno poi, come ogni anno, scaricabili dal sito web del Comune di Sesto Fiorentino, su cui sono reperibili anche le edizioni degli anni precedenti. Saremo come sempre grati, ovviamente, a quanti vorranno suggerirci ulteriori miglioramenti per un lavoro che siamo costantemente impegnati ad aggiornare e modificare e che di necessità, per sua stessa missione originaria, nasce anche per seguire e misurarsi con il variare dell assetto del mondo, sempre più complesso, delle società di servizi e dei loro rapporti con l ente locale. Ringrazio come di consueto quanti hanno collaborato alla realizzazione di questo lavoro, i dirigenti delle aziende partecipate e quanti, dall interno delle loro strutture, ci hanno aiutato, con spirito di collaborazione e con cortesia, a reperire le informazioni richieste e, ne siamo certi, a rendere ogni anno più puntuale nei risultati di questo lavoro. Sesto Fiorentino, novembre 2013 Gianni Gianassi Sindaco di Sesto Fiorentino Comune di Sesto Fiorentino 5 Le partecipate di Sesto Fiorentino EDIZIONE 2013

6 Le partecipate di Sesto Fiorentino EDIZIONE Comune di Sesto Fiorentino

7 Il Gruppo del Comune di Sesto Fiorentino Nello schema sottostante vengono presentate le società attraverso le quali il Comune di Sesto Fiorentino provvede alla gestione ed erogazione dei servizi pubblici di sua competenza. COMUNE DI SESTO FIORENTINO Società di capitali Società partecipata Quota Capitale sociale Agenzia Fiorentina per l Energia s.r.l. 0,728% Ataf s.p.a. 4,33% Azienda Farmacie e Servizi s.p.a. 100% Casa s.p.a. 5% Consiag s.p.a. 9,55% Consiag Servizi s.r.l. 1% Doccia Service s.r.l. 100% Fidi Toscana s.p.a. 0,00134% L Isola dei Renai s.p.a. 1% Linea Comune s.p.a. 2% Publiacqua s.p.a. 0,061% Publies s.r.l. 1,00% Quadrifoglio s.p.a. 2,772% Qualità & Servizi s.p.a. 48% Comune di Sesto Fiorentino 7 Le partecipate di Sesto Fiorentino EDIZIONE 2013

8 COMUNE DI SESTO FIORENTINO PARTECIPAZIONI DIRETTE ED INDIRETTE 1,00% COMUNE DI SESTO FIORENTINO CONSIAG S.P.A. 9,55% 97,00% CONSIAG SERVIZI S.R.L. 0,061% COMUNE DI SESTO FIORENTINO CONSIAG S.P.A. 9,55% 24,92% PUBLIACQUA S.P.A. 1,00% COMUNE DI SESTO FIORENTINO 9,55% CONSIAG S.P.A. 67,00% PUBLIES S.R.L. 2,772% COMUNE DI SESTO FIORENTINO CONSIAG S.P.A. 9,55% 4,5% QUADRIFOGLIO S.P.A. Le partecipate di Sesto Fiorentino EDIZIONE Comune di Sesto Fiorentino

9 Le partecipazioni nel contesto normativo attuale Il quadro normativo di riferimento Il Comune di Sesto Fiorentino ha una popolazione di abitanti al e possiede, alla data del 15 novembre 2013, partecipazioni in 14 società che svolgono attività in varie settori. Pertanto, in materia di società partecipate, è soggetto alla normativa che riguarda i comuni tra 30 e 50 mila abitanti. In questo settore gli interventi normativi sono stati molteplici e non sempre lineari, tali da rendere necessaria una complessa interpretazione, specie in relazione alle eterogeneità dei servizi coperti dalle aziende partecipate. Quella che segue è una elencazione sintetica. La legge n. 244/2007 ( Finanziaria 2008 ), all art. 3 comma 27 e seguenti, stabilisce che, al fine di tutelare la concorrenza ed il mercato, le amministrazioni pubbliche (e fra queste i Comuni), non possono costituire d iniziativa o assumere e mantenere direttamente partecipazioni, anche di minoranza, in società, a meno che le stesse: a) abbiano ad oggetto attività di produzione di beni o servizi strettamente necessari al perseguimento delle proprie finalità istituzionali; b) producano servizi di interesse generale nell ambito dei rispettivi livelli di competenza. La normativa prevedeva che le amministrazioni pubbliche procedessero ad autorizzare il mantenimento delle partecipazioni azionarie possedute con atto motivato, in ordine alla sussistenza dei suddetti presupposti (art. 3 comma 28) entro il Tali partecipazioni sono state oggetto della prevista ricognizione di legge, ed il loro numero, oltreché il loro rilievo per la gestione dei servizi dell Amministrazione Comunale di Sesto Fiorentino, è stato confermato con la delibera del Consiglio Comunale n. 88/2010. L intervento normativo più rilevante è certamente costituto dal D.L. n. 78/2010, il quale ha sostanzialmente avviato una stagione del tutto nuova per il settore delle società partecipate, prevedendo un percorso di progressiva dismissione delle partecipazioni in essere e un generale divieto di costituzione di nuove società. In particolare l art. 14, comma 32, ha stabilito i tempi e le modalità di dismissione delle partecipazioni per i Comuni compresi tra e abitanti, con specifico riferimento alla previsione che i medesimi possano detenere la partecipazione di una sola società. Dopo numerosi interventi legislativi, ed a seguito anche del rilevante parere espresso dalla Corte dei Conti, Sezione Regionale di Controllo della Lombardia, il 15 novembre 2011, con atto n. 602/2011/PAR., il termine per le dismissioni è stato individuato nel Va ricordato, infine, che la giurisprudenza costante della Corte dei Conti ha affermato con chiarezza che il processo di dismissione prevede l onere, per gli Enti di avviare la procedura e non quella di Comune di Sesto Fiorentino 9 Le partecipate di Sesto Fiorentino EDIZIONE 2013

10 completarla nei tempi previsti. Pertanto, nel caso del Comune di Sesto Fiorentino, l obbligo è quello di avviare, per le società che non sono soggette ad una normativa di settore che le escluda dal regime di dismissione, la procedura di messa in vendita delle quote di partecipazione detenute nelle società; resta inoltre sempre la possibilità di mantenere una partecipazione. Più di recente, sempre in merito alla questione del termine ultimo per le dismissioni, va segnalato l intervento ancora della Corte dei Conti della Lombardia, che con il Parere n. 66/2013, emesso il 27 febbraio 2013, ha ritenuto precisare che la prorogatio introdotta dal D.L. 29 dicembre 2011, n. 216 (convertito nella legge 24 febbraio 2012, n. 14), di ulteriori 9 mesi, si applica anche al regime di dismissione per i Comuni tra 30 e 50 mila abitanti. A giudizio della Corte lombarda, quindi, i termini così ricalcolati corrispondo al 30 settembre 2013 per i Comuni sotto i 30 mila abitanti, e al 30 settembre 2014 per i Comuni tra 30 mila e 50 mila abitanti. Rilevante poi l intervento del D.L. n. 95/2012, all articolo 4, in merito alla liquidazione e privatizzazione società pubbliche (poi modificato con il D.L. n. 69/2013). Nei confronti delle società controllate il cui fatturato sia costituito per oltre il 90% dalla prestazione di servizi alla P.A., si dovrà procedere, alternativamente: a) allo scioglimento della società entro il ; b) all alienazione, con procedure ad evidenza pubblica, delle partecipazioni detenute entro il In questo caso il servizio è assegnato alla società privatizzata per 5 anni a decorrere dall Nel caso in cui l amministrazione non proceda allo scioglimento o alla alienazione, le società suddette non potranno ricevere ulteriori affidamenti diretti di servizi, né rinnovi di quelli in corso. Il comma 3 aggiunge che le suddette disposizioni non si applicano alle società che erogano servizi di interesse generale anche aventi rilevanza economica. Occorre anche ricordare la sentenza della Corte Costituzionale n. 199 del 20 luglio 2012, che, accogliendo i ricorsi di alcune Regioni, ha sancito l illegittimità dell articolo 4 del D.L. 13 agosto 2011, n. 138, convertito con modificazioni dalla legge 14 settembre 2011, n sia nel testo originario che in quello risultante dalle successive modificazioni - in materia di servizi pubblici locali di rilevanza economica. In sostanza la Consulta ha ritenuto che la succitata norma viola il divieto di ripristino della normativa abrogata dalla volontà popolare, riproponendo le disposizioni già previste nell ex art. 23 bis, in taluni casi accentuandone la portata restrittiva. Con tale sentenza, tra le altre cose, si sancisce la piena legittimità del sistema di gestione dei servizi in house e la vigenza della normativa comunitaria in materia. Resta invece vigente la dispozione del D.L. n. 138/2011 relativa all esclusione dal regime di dismissione delle partecipazioni di alcuni settori, quali in particolare la distribuzione del gas, dell energia elettrica ed alla gestione delle farmacie comunali (comma 18). La Corte Costituzionale con la sentenza n. 229/2013 ha inoltre dichiarato l illegittimità costituzionale dell articolo 4 del D.L. n. 95/2013 nella parte in cui si applica alle Regioni a statuto ordinario, ma ne ha confermato la validità per i Comuni e le Province. Secondo la Consulta, i commi 1, 2, 3, secondo periodo, 3-sexies e 8 incidono sulla materia dell organizzazione e funzionamento delle Regioni, affidata dall articolo 117, quarto comma della Costituzione alla competenza legislativa residuale delle Regioni ad autonomia ordinaria, e alla competenza legislativa regionale primaria nei territori ad autonomia speciale per i rispettivi statuti. Le norme contenute nel l articolo 4 della spending review inibiscono quindi in radice una delle possibili declinazioni dell autonomia organizzativa regionale. Le partecipate di Sesto Fiorentino EDIZIONE Comune di Sesto Fiorentino

11 Le disposizioni sullo scioglimento delle società strumentali ledono la competenza legislativa delle Regioni in materia di assetto amministrativo, mentre si configurano come norme che regolano i profili organizzativi degli enti locali e, pertanto, devono essere da essi rispettate. Le procedure attivate nel Comune di Sesto Fiorentino Sulla base di questo complessa ed articolata normativa ed in maniera, per quanto possibile, coerente con quanto già statuito nella Delibera n. 88 del 2010, il Comune di Sesto Fiorentino ha proceduto ad avviare i percorsi di dismissione previsti e consentiti per i Comuni compresi tra i 30 ed i 50 mila abitanti. Occorre anche precisare che delle 14 partecipazioni del Comune di Sesto Fiorentino, soltanto 2 hanno un capitale sociale interamente detenute da questa Amministrazione (Doccia Service s.r.l. e Azienda Farmacie e Servizi S.p.A), mentre le restanti 12 sono rappresentate da partecipazioni in aziende il cui capitale sociale è suddiviso in più Comuni e per lo più la quota del Comune di Sesto Fiorentino è minoritaria (con l eccezione di Qualità e Servizi S.p.A.). Con la Deliberazione n. 103 dell , si è proceduto alla dismissione della partecipazione detenuta in Agenzia Fiorentina per l Energia s.r.l. (pari allo 0,728% del capitale), offrendo le quote in prelazione agli altri soci pubblici, i quali non hanno esercitato nei termini tale diritto. Con la Deliberazione n. 104, sempre dell , si è avvitata la procedura di dismissione della partecipazione detenuta in Fidi Toscana S.p.A. (0,00134%), anche in questo caso offrendo agli altri soci pubblici la quota di capitale, senza che nessuno di questi abbia esercitato la prelazione prevista da Statuto. Con la Deliberazione n. 105 dell si è poi proceduto alla dismissione della quota detenuta in Isola dei Renai S.p.A. (1%) e successivamente si è scritto al Sindaco del Comune di Signa per sondare la sua intenzione in merito all acquisto delle quote del Comune di Sesto Fiorentino e più in generale circa il destino della società stessa. Per quanto riguarda invece la partecipazione in Produrre Pulito S.p.A., con la Deliberazione n. 109 dell si è stabilito di cedere l intero pacchetto azionario (pari al 22,32%, per un totale di azioni), mediante una procedura ad evidenza pubblica, che si è conclusa il 24 gennaio 2013, con l aggiudicazione, prima provvisoria e poi definitiva, a Consiag S.p.A. con un offerta di acquisto pari a ,00. Nella stessa seduta consiliare del dicembre 2012, con la Deliberazione n. 111, si è proceduto a cedere una parte delle quote detenute in Qualità & Servizi S.p.A. agli altri soci pubblici, vale a dire al Comune di Signa ed al Comune di Campi Bisenzio, in modo da rendere proporzionale le quote detenute da tutti i soci in rapporto alla popolazione residente, rendendo in tal modo legittimo, ai sensi dell art. 14 comma 32 del D.L. n. 78/2010, la non dismissione di tale società; peraltro con la stessa delibera si è definita l attività resa dall azienda come servizio pubblico privo di rilevanza economica. Con tale delibera il Comune di Sesto Fiorentino ha ceduto quote per un numero pari a azioni, ad un valore unitario di 1,33 al Comune di Signa per un valore complessivo di ,48 e per un numero di quote pari a ad un valore unitario di 1,33 al Comune di Campi Bisenzio per un valore complessivo di ,58, tenendo di conto altresì delle prerogative in capo ai soci di cui dall art. 7 dello Statuto. Nel corso della seduta consiliare dell 11 giugno 2013, con la Deliberazione n. 45 si è proceduto ad escludere la società Doccia Service s.r.l., il cui capitale sociale interamente dal Comune di Sesto Fiorentino e costituita per la valorizzazione e la pubblica fruizione della Comune di Sesto Fiorentino 11 Le partecipate di Sesto Fiorentino EDIZIONE 2013

12 Biblioteca pubblica Ernesto Ragionieri, dal regime dismissorio previsto dall art. 4 comma 1 del D.L. n. 95/2012. In tale delibera infatti la struttura del servizio svolto e le modalità dello stesso sono stati definiti come di interesse generale e pertanto rientranti sotto la disciplina dell art. 4 comma 3 dell art. 4, ovvero come servizio pubblico locale privo di rilevanza economica. Con la Delibera n. 69 del 17 settembre 2013, infine, si proceduto a manifestare la volontà del Comune di Sesto Fiorentino a cedere le proprie quote detenute in Ataf S.p.A.; si è preso atto che successivamente alla cessione del ramo d azienda denominato Ataf Gestioni s.r.l. a partire dal mese di agosto 2012 l Ati Busitalia, Cap e Autoguidovie Nord ha acquisito il 100% del capitale sociale di Ataf Gestioni s.r.l., attualmente titolare della gestione del servizio. Da quel momento in poi Ataf S.p.A. si limita ad occuparsi in via esclusiva della gestione della struttura della rete e del patrimonio pubblico e pertanto la partecipazione in Ataf S.p.A., attivata nell ottica di gestire l esercizio del servizio di trasporto pubblico locale su scala metropolitana, nel contesto normativo vigente, non appare più strategica. Con riferimento alle società Casa S.p.A. e Linea Comune S.p.A. il socio di maggioranza Comune di Firenze ha richiesto specifici pareri legali finalizzati a definire la legittimità del mantenimento di tali partecipazioni che, come è noto, riguardano servizi particolarmente rilevanti quali quello dell Edilizia residenziale pubblica e i servizi di e-government ai cittadini. Per Consiag Servizi s.r.l. e Publies s.r.l. il Gruppo Consiag si è attivato nello stesso modo. Le successive tabelle danno una rappresentazione grafica attuale della situazione. PARTECIPAZIONI AZIONARIE già VENDUTE O IN FASE DI VENDITA Partecipazioni già vendute L Isola dei Renai S.p.A. PARTECIPAZIONI IN FASE DI VENDITA Le partecipate di Sesto Fiorentino EDIZIONE Comune di Sesto Fiorentino

13 PARTECIPAZIONI AZIONARIE CHE RIMARRANNO DEL COMUNE FARMACIE COMUNALI Qualità SpA Servizi Società escluse ex lege Società soggette all art.4 comma 3 del D.L. 95/2012 (SIEG - Società di interesse economico generale) 1 società ammessa dalla legge publies Società strumentali IN VIA DI DEFINIZIONE Comune di Sesto Fiorentino 13 Le partecipate di Sesto Fiorentino EDIZIONE 2013

14 Le partecipate di Sesto Fiorentino EDIZIONE Comune di Sesto Fiorentino

15 Le partecipazioni a rilevanza economica Comune di Sesto Fiorentino 15 Le partecipate di Sesto Fiorentino EDIZIONE 2013

16 Le partecipate di Sesto Fiorentino EDIZIONE Comune di Sesto Fiorentino

17 FARMACIE COMUNALI Azienda Farmacie e Servizi s.p.a. Azienda di gestione delle farmacie A) FOCUS Servizio erogato Farmacia, vendita di medicinali, di prodotti parafarmaceutici, sanitari, profumeria, dietetici, gestione studi medici comunali Capitale sociale ,00 Gli azionisti: Quota di capitale % Comune di Sesto Fiorentino 100,00 Classificazione della partecipazione Criterio della rilevanza socio-politica Strategico Operativo Finanziario Il Comune quale unico azionista determina le linee strategiche per l organizzazione e la gestione delle farmacie di proprietà, nonché dei servizi relativi. Criterio del Controllo Maggioranza Minoranza Cessione Il Comune detiene il 100 % delle azioni, con la prospettiva di dismettere una parte dei titoli a favori di privati assicurandosi tuttavia una partecipazione di maggioranza. Ruolo della società Gestione Reti Erogazione del Servizio Misto La società si occupa della gestione dei servizi inerenti l organizzazione e la distribuzione dei farmaci nonché dei servizi ambulatoriali. Ambito territoriale Locale Regionale Nazionale La società opera nell ambito del territorio comunale. Modello Organizzativo Monosettoriale Multisettoriale Holding Settore farmaceutico e ambulatoriale. Comune di Sesto Fiorentino 17 Le partecipate di Sesto Fiorentino EDIZIONE 2013

18 Risorse finanziarie impiegate nella gestione del servizio Le risorse finanziarie erogate dal Comune per l ultimo triennio non sono significative. Nella tabella sottostante sono riportati gli importi degli utili distribuiti al Comune. Per l esercizio 2012 Per esercizio 2011 Per esercizio , , ,00 Servizi e Unità Organizzative Autonome del Comune coinvolti nella gestione - Responsabile del Servizio Sviluppo Locale e Marketing Territoriale. Contatto con il cittadino Azienda Farmacie e Servizi s.p.a. tel Centralino studi medici e farmacie tel B) PRESENTAZIONE DELLA SOCIETÀ L istituzione della prima Farmacia Comunale di Sesto Fiorentino risale al 1 gennaio Nel marzo 1993 la gestione in economia, viste le ragguardevoli dimensioni che aveva raggiunto il servizio farmaceutico e quello degli studi medici comunali fu sostituita dalla gestione tramite Azienda Farmaceutica Speciale. Dal 1 gennaio 2003 opera l Azienda Farmacie e Servizi s.p.a. il cui capitale sociale è interamente posseduto dall Amministrazione Comunale. La società si occupa della gestione delle farmacie comunali, del dispensario farmaceutico di Cercina e degli studi medici comunali. La farmacia comunale n 1 di Via Cavallotti 26 ha un apertura di 24 ore assicurando il servizio notturno per tutto l anno. Le altre farmacie sono aperte dal lunedì al sabato. Negli studi medici comunali operano circa 60 medici tra medici di famiglia e specialisti. È in funzione un centralino con orario continuato per prendere le prenotazioni per visite domiciliari, ambulatoriali e dare tutte le informazioni relative al servizio. Le farmacie e gli studi medici sono dislocati in tutto il territorio comunale e la società si propone di mantenere l eccellenza nel servizio alla popolazione tramite la massima apertura al pubblico dei servizi e il continuo aggiornamento professionale degli operatori. Un ulteriore servizio sarà quello della prenotazione visite ed esami (CUP) quando verrà messo a regime dalla ASL. C) OGGETTO SOCIALE La società ha per oggetto la gestione dei seguenti servizi: l organizzazione e la gestione in proprio delle farmacie e dei servizi relativi, dei quali sono titolari il Comune di Sesto Fiorentino o eventuali altri comuni soci; l organizzazione e la gestione in proprio di esercizi commerciali attinenti il mondo della salute e del benessere, la distribuzione finale ed intermedia di prodotti Le partecipate di Sesto Fiorentino EDIZIONE Comune di Sesto Fiorentino

19 farmaceutici, parafarmaceutici, sanitari e simili, l informazione ed educazione sanitaria, nonché l aggiornamento professionale nel quadro del servizio sanitario nazionale. L organizzazione e la gestione di altri servizi aventi riferimento ai servizi socio sanitari e ai servizi rivolti alla persona, sia direttamente sia mediante partecipazioni in società, consorzi od associazioni già esistenti o da costituire, purché le modalità di tali partecipazioni garantiscano comunque la tutela dell interesse perseguito dalla società. Nell ambito della sua attività la società può assumere ulteriori iniziative atte a conseguire scopi di pubblico interesse nel settore sanitario. La società può essere titolare di autorizzazioni amministrative per la produzione e commercializzazione di prodotti che hanno attinenza al settore sanitario o ad esso assimilato. la società può provvedere all esercizio delle attività di cui sopra in ambito territoriale nazionale e internazionale, partecipando a procedure concorsuali e/o negoziali. Lo svolgimento di servizi per conto di altri soggetti sarà regolato da appositi disciplinari e contratti di servizio che prevedano la definizione dei rapporti tecnici, economici e finanziari. Al fine del raggiungimento dello scopo sociale la società può assumere e cedere partecipazioni e interessenze in altre società, imprese, consorzi ed associazioni sia italiane che estere, aventi oggetti eguali, simili, complementari, accessori, ausiliari o affini ai propri, tra i quali la gestione di servizi a rete, sia direttamente che indirettamente, sotto qualsiasi forma, e costituire e liquidare i soggetti sopra indicati nonché esercitarne il coordinamento tecnico e finanziario. La società può espletare ogni altra attività finanziaria, immobiliare, commerciale o industriale e di investimento, inclusa la prestazione di garanzie, comunque connessa, affine e necessaria per il conseguimento dello scopo sociale, con eccezione della raccolta del risparmio tra il pubblico e dell esercizio delle attività riservate agli intermediari finanziari e mobiliari. Può promuovere la collaborazione con altre aziende di servizi, con particolare riguardo a quelle europee e mediterranee, nell ambito dei processi di integrazione europea e di indipendenza internazionale. la società può inoltre assumere finanziamenti dai propri soci nel rispetto delle disposizioni normative di cui all art. 11 e del D.Lgs. 385/1993 e della delibera del D) LE PARTECIPATE DI AZIENDA FARMACIE E SERVIZI S.P.A. Il Comune di Sesto Fiorentino detiene il 100% di Azienda Farmacie e Servizi s.p.a., che a sua volta detiene quote di capitale delle seguenti società: Società Attività svolta Quota % Cispel Toscana Formazione soc. consortile a r.l. Formazione del personale. 0,42 E) GLI OBIETTIVI STRATEGICI DELLA PARTECIPAZIONE Assicurare un efficiente ed equa distribuzione dei farmaci e una dislocazione dei servizi socio-sanitari che incontrino i bisogni dei cittadini. Comune di Sesto Fiorentino 19 Le partecipate di Sesto Fiorentino EDIZIONE 2013

20 F) IL GOVERNO SOCIETARIO Modello di Amministrazione e Controllo: tradizionale. Previsioni statutarie e soggetti incaricati Organi societari Statuto Incaricati Scadenza mandato Indennità Amministratore Unico È investito dei più ampi poteri per l amministrazione ordinaria e straordinaria della Società; ha la facoltà di compiere tutti gli atti che ritenga opportuni per l attuazione ed il raggiungimento degli scopi sociali. Sandro Tarli 31/12/2015 a.b lordi mensili C o l l e g i o sindacale Il Collegio sindacale è composto da tre membri effettivi e due supplenti. Il Sindaco ha il diritto di procedere alla nomina diretta del Presidente del Collegio sindacale, di un sindaco effettivo e di un supplente. Il secondo sindaco effettivo e supplente, saranno eletti dall Assemblea sulla base delle designazioni dei soci diversi dal Comune di Sesto F.noI Sindaci restano in carica per tre esercizi e sono rieleggibili. Quelli nominati dal Sindaco possono essere revocati, per giusta causa, oppure sostituiti solo da quest ultimo. Al Collegio sindacale spettano le facoltà ed incombono i doveri previsti dalla legge. Presidente: Rag. Gianfranco Venezia Sindaci effettivi: Dott. Francesco Sacchetti Dott. Massimo Berni Sindaci supplenti: Dott. Francesco Ceccherini Dott.ssa Stefania Mariotti 31/12/2015 a.b ,95 + Iva annui lordi 8.037,12 +Iva annui lordi 8.357,44 + iva annui lordi Le partecipate di Sesto Fiorentino EDIZIONE Comune di Sesto Fiorentino

21 G) INFORMATIVA SOCIETARIA Bilancio d esercizio chiude al 31/12. Redigono budget annuali e report mensili, o con altre periodicità, ad uso interno senza che questi siano trasmessi al Comune. H) DATI SINTETICI DI BILANCIO Di seguito sono riportati gli schemi sintetici di Stato Patrimoniale, Conto Economico dell ultimo bilancio d esercizio e del biennio precedente (i dati nella tabella sono in euro). ATTIVO STATO PATRIMONIALE 31/12/ /12/ /12/2010 Immobilizzazioni immateriali Immobilizzazioni materiali Immobilizzazioni finanziarie Capitale immobilizzato Rimanenze di magazzino Crediti verso clienti Altri crediti Attività finanziarie non immobilizzate Disponibilità liquide Ratei e risconti attivi Attivo circolante TOTALE ATTIVO PASSIVO + NETTO Debiti verso fornitori Acconti Debiti tributari e previdenziali Altri debiti Ratei e risconti passivi Passivo circolante Capitale d esercizio netto Comune di Sesto Fiorentino 21 Le partecipate di Sesto Fiorentino EDIZIONE 2013

22 Capitale investito lordo T.F.R. di lavoro subordinato Altre passività a medio-lungo termine Fondo rischi e oneri Capitale investito netto Patrimonio netto TOTALE PASSIVO E NETTO CONTI D ORDINE Beni strumentali ramo d azienda in affitto Fideiussioni ricevute da terzi TOTALE CONTI D ORDINE CONTO ECONOMICO 31/12/ /12/ /12/2010 Ricavi delle vendite e delle prestazioni Variazione delle rimanenze Altri ricavi e proventi Incrementi di immobilizzaz. per lavori interni Contributi in conto esercizio A. Valore della produzione Costi per materie prime Costi per prestazioni di servizi Variazione delle rimanenze Costi per godimento beni di terzi Oneri diversi di gestione B. Costi della produzione C. Valore aggiunto (A+B) D. Costo del lavoro E. Margine operativo lordo (C+D) F. Ammortamenti ed accantonamenti Ammortamenti Svalutazioni di crediti Altri accantonamenti G. Risultato Operativo (EBIT) (E+F) Le partecipate di Sesto Fiorentino EDIZIONE Comune di Sesto Fiorentino

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Degl Innocenti Alessandro Data di nascita 4/10/1951 Qualifica Dirigente Amministrazione Comune di Pontassieve Incarico attuale Dirigente Area Governo del Territorio

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo

Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo Area tematica: Educazione, cultura, ricerca, formazione per uno sviluppo locale qualificato, competitivo e attrattivo o Mobilitare la società locale per garantire la qualità dell istruzione Obiettivi Linee

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLA GESTIONE DELL ESERCIZIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2012 STUDIARE SVILUPPO SRL Sede legale: Via Vitorchiano, 123-00189 - Roma Capitale sociale 750.000 interamente versato Registro delle Imprese di Roma e Codice fiscale 07444831007 Partita IVA 07444831007 - R.E.A.

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI PROGRAMMAZIONE 2015 2017

DOCUMENTO UNICO DI PROGRAMMAZIONE 2015 2017 DOCUMENTO UNICO DI PROGRAMMAZIONE 2015 2017 ALLEGATO A COME PREVISTO DAL D. LGS. 118/2011 INTEGRATO E MODIFICATO DAL DECRETO LEGISLATIVON. 126 DEL 10 AGOSTO 2014 PREMESSA La programmazione è il processo

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC

Il bilancio con dati a scelta. Classe V ITC Il bilancio con dati a scelta Classe V ITC Il metodo da seguire Premesso che per la costruzione di un bilancio con dati a scelta si possono seguire diversi metodi, tutti ugualmente validi, negli esempi

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013

LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 LEGGE REGIONALE N. 15 DEL 30 OTTOBRE 2013 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RAZIONALIZZAZIONE DELLE SOCIETA PARTECIPATE DALLA REGIONE CAMPANIA DEL POLO SVILUPPO, RICERCA E I.C.T. IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato

Dettagli

Rendiconto finanziario

Rendiconto finanziario OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Rendiconto finanziario Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica

Dettagli

Fondazione Luca Pacioli

Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli LE NOVITÀ DELLA RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO SUL BILANCIO D ESERCIZIO BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA Documento n. 15 del 28 aprile 2005 CIRCOLARE Via G. Paisiello, 24 00198 Roma

Dettagli

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido

IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido IL PRINCIPIO CONTABILE N. 10 RENDICONTO FINANZIARIO di Nicola Lucido Sommario: 1. Il rendiconto finanziario 2. L OIC 10 ed il suo contenuto 3. La costruzione del rendiconto finanziario: il metodo diretto

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

Relazione di valutazione

Relazione di valutazione Tribunale Civile e Penale di Milano Esecuzioni Immobiliari N. 10967/2009 RG Giudice: dott. Boroni Valentina * * * * Con provvedimento del Giudice dott. Boroni Valentina del 24 giugno 2010 il sottoscritto

Dettagli

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione

Autorizzato frazionamento azioni ordinarie Amplifon S.p.A. nel rapporto di 1:10; il valore nominale passa da Euro 0,20 a Euro 0,02 per azione COMUNICATO STAMPA AMPLIFON S.p.A.: L Assemblea degli azionisti approva il Bilancio al 31.12.2005 e delibera la distribuzione di un dividendo pari a Euro 0,30 per azione (+25% rispetto al 2004) con pagamento

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO

OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO I NUOVI PRINCIPI CONTABILI. LA DISCIPLINA GENERALE DEL BILANCIO DI ESERCIZIO E CONSOLIDATO. OIC 10 RENDICONTO FINANZIARIO GABRIELE SANDRETTI MILANO, SALA

Dettagli

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano

COLLEGIO dei SINDACI dell A.GE.S. S.p.A. di Paderno Dugnano A.GE.S. S.p.A. Sede in Paderno Dugnano (Mi) Via Oslavia 21 Capitale sociale euro 850.000,00 interamente versato Codice fiscale e Partita Iva : 02286490962 Iscritta al Registro delle Imprese di Milano Società

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO:

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO: STATO PATRIMONIALE ATTIVO: + ATTIVO IMMOBILIZZATO: Investimenti che si trasformeranno in denaro in un periodo superiore ad un anno + ATTIVO CIRCOLANTE: Investimenti che

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI

6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35. L originale. Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Associazione dei contabilicontroller diplomati federali 6963 Lugano-Cureggia Telefono/Fax 091 966 03 35 L originale Sterchi I Mattle I Helbling Piano dei conti svizzero per PMI Piano dei conti svizzero

Dettagli

carta servizi dei CASA SPA edizione 2011

carta servizi dei CASA SPA edizione 2011 edizione 2011 carta dei servizi CASA SPA cos é la carta dei servizi La Carta dei Servizi è un documento che serve ad informare e guidare gli utenti nella conoscenza delle prestazioni dei servizi offerti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Composizione e schemi del bilancio d esercizio

Composizione e schemi del bilancio d esercizio OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Composizione e schemi del bilancio d esercizio Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni

6.3.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 10. 2014, n. 1 Abrogazioni 9 Lastri, De Robertis, Rossetti, Ruggeri, Remaschi, Boretti, Venturi, Bambagioni, Saccardi Proposta di legge della Giunta regionale 20 ottobre Art. 20 2014, n. 1 Abrogazioni divenuta Proposta di legge

Dettagli

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO

PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO PRINCIPI DI REDAZIONE DEL BILANCIO D ESERCIZIO IL BILANCIO D ESERCIZIO E UN DOCUMENTO AZIENDALE DI SINTESI, DI DERIVAZIONE CONTABILE, RIVOLTO A VARI DESTINATARI, CHE RAPPRESENTA IN TERMINI CONSUNTIVI E

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

BILANCIO AL 31/12/2012

BILANCIO AL 31/12/2012 BILANCIO AL 31/12/2012 S T A T O P A T R I M O N I A L E - A T T I V O - B IMMOBILIZZAZIONI I IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI 1 COSTI DI IMPIANTO E DI AMPLIAMENTO 12201 Spese pluriennali da amm.re 480,00

Dettagli

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE

Nome e cognome.. I beni strumentali. Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE Nome e cognome.. Classe Data I beni strumentali Esercitazione di economia aziendale per la classe IV ITE di Marcella Givone 1. Costituzione di azienda con apporto di beni strumentali, sia in natura disgiunti

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze.

CURRICULUM VITAE. Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. CURRICULUM VITAE Dr. BRUNO DEI nato a Scandicci il 16 novembre 1946 e residente in Via Pietro Dazzi n. 9 Firenze. Titolo di Studio: Laurea Economia e Commercio conseguita il 17.04.1973 presso l Università

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE

IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE IL MARCHIO E LE ALTRE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI LE IMMOBILIZZAZIONI IMMATERIALI NELLA LEGISLAZIONE CIVILISTICA E FISCALE Le immobilizzazioni immateriali sono caratterizzate dalla mancanza di tangibilità

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT

ATTO DI INDIRIZZO LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO AGENZIA PER LE ONLUS DEGLI ENTI NON PROFIT AGENZIA PER LE ONLUS ATTO DI INDIRIZZO ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001 n. 329 LINEE GUIDA E SCHEMI PER LA REDAZIONE DEI BILANCI DI ESERCIZIO DEGLI ENTI NON PROFIT Approvato

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Opere di urbanizzazione

Opere di urbanizzazione Opere di urbanizzazione di Catia Carosi Con il termine opere di urbanizzazione si indica l insieme delle attrezzature necessarie a rendere una porzione di territorio idonea all uso insediativo previsto

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio.

Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell esercizio. IL BILANCIO DELLE IMPRESE Le imprese sono aziende che hanno come fine il profitto. Il bilancio delle imprese è un documento contabile che descrive la situazione patrimoniale, finanziaria ed economica dell

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP)

Capo 1. Art.1 - (Definizione dell istituto dell indennità di posizione della categoria EP) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L APPLICAZIONE DEGLI ARTT.75 CONFERIMENTO E REVOCA DI INCARICHI AL PERSONALE DELLA CATEGORIA EP E 76 RETRIBUZIONE DI POSIZIONE E RETRIBUZIONE DI RISULTATO DEL CCNL 16.10.2008

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Il consolidamento negli anni successivi al primo

Il consolidamento negli anni successivi al primo Il consolidamento negli anni successivi al primo Il rispetto del principio della continuità dei valori richiede necessariamente che il bilancio consolidato degli esercizi successivi sia strettamente dipendente

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI

1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI 1.4 LA PROVINCIA: IL RUOLO E LE COMPETENZE ISTITUZIONALI La Provincia è un istituzione pubblica territoriale; gli organi di governo sono eletti dalla popolazione residente nel territorio e hanno il compito

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM

LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM LA RICLASSIFICAZIONE DEL CONTO ECONOMICO: IL REPORT FORM Il conto economico che abbiamo esaminato fino ad ora si presenta a sezioni contrapposte: nella sezione del DARE vengono rilevati i costi, e nella

Dettagli