Da Il Sole 24 Ore del 20 aprile 2014

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Da Il Sole 24 Ore del 20 aprile 2014"

Transcript

1 Da Il Sole 24 Ore del 20 aprile 2014 Tutti i prelievi nascosti per imprese e famiglie Il bonus Irap «bilanciato» dalla rata unica sulla plusvalenza degli asset aziendali - Più tasse anche sul risparmio Carmine Fotina Marco Mobili Il borsino tra chi guadagna e perde con il decreto «Per un'italia coraggiosa e semplice» varato dal governo Renzi venerdì scorso va su per le famiglie e giù per le imprese. Almeno per il Nelle pieghe del provvedimento spuntano una serie di prelievi "nascosti", finora rimasti lontani dai riflettori. Per le imprese che hanno già rivalutato gli asset emergono 600 milioni da versare in unica soluzione a metà giugno. Per le famiglie l'aumento della tassazione sulle rendite finanziarie al 26% non risparmierà depositi e conti correnti bancari e postali. I «mitici 80 euro» di bonus che sarà erogato dai datori di lavoro con le buste paga di maggio premierà almeno 6 milioni di contribuenti che oggi guadagnano tra 16mila e 24mila euro. Gli altri 4 milioni di lavoratori che stanno tra e euro potranno contare su aumenti mensili che vanno dai 40 ai 78 euro al mese. Le famiglie e i risparmiatori pagheranno comunque pegno con l'aumento della tassazione delle rendite finanziarie dal 20 al 26% che oltre a colpire i contribuenti più propensi al risparmio non esenterà i correntisti che si vedranno tassare al 26% gli interessi su depositi e conti correnti. A pagare una buona parte del conto per l'erogazione del bonus da 80 euro ai lavoratori dipendenti saranno le banche chiamate a versare entro metà giugno prossimo in unica soluzione più del doppio di quanto inizialmente disposto dalla legge di stabilità per la rivalutazione delle quote della Banca d'italia. L'aliquota dell'imposta sostitutiva dell'ires e dell'irap, stando a quanto reso noto dallo stesso premier Matteo Renzi nella conferenza stampa di presentazione del decreto, passa dal 12 al 26 per cento e dovrà assicurare all'erario, come detto, per metà giugno 1,8 miliardi di euro. I primi benefici per gli istituti di credito, così come per le imprese, arriveranno nel 2015 con la riduzione del 10% delle aliquote Irap. Che secondo le stime dell'economia dovrebbe ridurre il carico fiscale su imprese e autonomi di 2,6 miliardi di euro. Un anticipo con effetti di cassa per 700 milioni arriverà a fine novembre, quando banche, assicurazioni, imprese, autonomi, agricoltori e concessionari, potranno ridurre dello 0,4% il peso degli acconti Irap. Ammonta per ora a 8-9 miliardi, invece, il beneficio diretto che le imprese potranno vedere concretizzarsi con il nuovo piano per i pagamenti della Pa. Non un regalo, ovviamente, ma la corresponsione di quanto dovuto e non incassato nei termini previsti dalla legge. La nuova tranche dovrebbe essere integrata da quanto potrà essere anticipato da banche e Cassa depositi e prestiti, probabilmente nell'ordine di 3-4 miliardi per il A far crollare il borsino delle imprese contribuisce invece il taglio degli incentivi con la sforbiciata per le agevolazioni fiscali soprattutto nel settore agricolo e la rivalutazione anticipata, che nel complesso potrebbero valere circa 1 miliardo. La vera beffa per le imprese, infatti, è il comma spuntato nelle ultime bozze del decreto che, se confermato,

2 obbligherà tutte le aziende che hanno rivalutato beni non ammortizzabili al 12% ovvero al 16% se ammortizzabili, a versare in unica soluzione l'imposta dovuta entro metà giugno anziché pagare nelle tre rate annuali di pari importo previste inizialmente sempre dalla "stabilità". Il tutto con buona pace della certezza del diritto e della pianificazione fiscale aziendale. Sconto Irap, ma pesa la rivalutazione sui beni È un bilancio in chiaroscuro quello che possono tirare le imprese analizzando il testo del decreto esaminato dal consiglio dei ministri. I due provvedimenti più attesi, quello su una nuova tranche per pagare i debiti della Pa e quello sulla riduzione dell'irap, vanno conteggiati in "attivo" sebbene si siano rivelati in entrambi i casi inferiori alle attese. Sull'altro piatto della bilancia, le imprese devono considerare gli effetti della rata unica sulla rivalutazione dei beni d'impresa stimati in oltre 600 milioni di euro, il taglio delle agevolazioni e dei regimi fiscali agevolati in agricoltura che porta il conto a 1 miliardo e i contraccolpi che l'aumento della tassazione sulle rendite finanziarie potrà avere sulle emissioni di bond da parte delle aziende. La stangata da oltre 600 milioni per le imprese è comparsa tra le pieghe dell'articolo sull'aumento delle rendite finanziarie. L'imposta sostituiva del 12% per chi ha rivalutato beni d'impresa non ammortizzabili e del 16% per gli asset ammortizzabili, secondo il nuovo decreto dovrà essere versata entro metà giugno in unica soluzione e non più in tre rate annuali di pari importo come disposto dalla legge di stabilità per il Il tutto con buona pace della certezza del diritto e dello Statuto del contribuente soprattutto per quelle imprese che hanno già operato la rivalutazione nel bilancio chiuso al 31 dicembre 2013, confidando in un esborso da ripartire in tre anni, che invece ora viene trasformato ex tunc in unica soluzione. E visto però che i benefici fiscali della rivalutazione per l'impresa avranno effetto solo dal 2016 (salvo ripensamenti dell'ultima ora) o dal 2017 per le plusvalenze, il prelievo di metà giugno potrebbe apparire quasi un prestito forzoso a tasso zero a totale beneficio delle casse dell'erario. Per arrivare al miliardo di riduzione delle agevolazioni fiscali per le imprese 400 milioni arriveranno dal settore agricolo. La limitazione dell'esenzione Imu per le zone svantaggiate dovrà garantire non meno di 350 milioni annui. Dai piccoli produttori agricoli dovranno poi arrivare 21 milioni per il 2014 con l'eliminazione del regime di esonero per le cosiddette imprese "marginali". I restanti 33 milioni arriveranno dalla revisione al ribasso del regime fiscale agevolato per le imprese agricole che producono energia da fonti rinnovabili. Molto atteso dalle imprese l'intervento sui debiti della Pa, tra gli 8 e i 9 miliardi. Di certo lontano dai 13 miliardi indicati dal Def, cifra raggiungibile solo se si inserisce nel computo anche l'effetto (solo stimato) del piano di cessione dei crediti con banche e Cdp. Per altro il plafond che la Cassa dovesse mettere sul piatto nel 2014, tra i 3 e i 4 miliardi, stando alla classificazione Eurostat che vede Cdp fuori dal perimetro del bilancio dello Stato, non andrebbe rilevato come stanziamento statale. Tutte le somme indicate nel decreto interverranno sulla spesa corrente e, per non impattare sul deficit, potranno coprire spese in conto capitale solo nei limiti (strettissimi) consentiti del patto di stabilità interno.

3 Sull'Irap le imprese si aspettavano di più. Il taglio delle aliquote oltre a produrre una riduzione del 10% pari a 2,6 miliardi solo dal 2015, con un anticipo a fine novembre con gli acconti per 700 milioni, non incide nella riduzione del costo del lavoro e inverte il ciclo di interventi degli ultimi anni sulla deducibilità del tributo regionale dall'ires e dall'irpef. Stangata sulle quote Bankitalia e meno riscossione Non c'è solo la stangata da 1,8 miliardi di euro per le banche che hanno rivalutato le quote della Banca d'italia. Tra gli effetti negativi della manovra per l'intero sistema bancario va inserito anche il taglio dei costi della riscossione fiscale. Per intenderci sono destinate a ridursi sensibilmente nel tempo anche tutte le commissioni bancarie riconosciute dallo Stato per l'incasso delle deleghe uniche di pagamento (i modelli F24). Tra i vantaggi dell'intero sistema creditizio si possono includere il taglio dell'aliquota Irap con un effetto di cassa, seppur limitato, già con gli acconti di novembre, nonché la commissione (ipotizzata al 2%) che le banche possono incassare con i crediti della Pa ceduti dalle imprese. In attesa che la norma sia definita nel dettaglio dai tecnici di Palazzo Chigi, ad annunciare l'arrivo della stangata sulle banche è stato lo stesso premier, Matteo Renzi. Che con uno dei suoi dieci tweet con cui ha presentato alla stampa il decreto approvato venerdì, ha spiegato che con l'innalzamento al 26% dell'aliquota sulla rivalutazione delle quote della Banca d'italia arriverà un gettito di 1,8 miliardi di euro. Un importo anche superiore a quanto stava emergendo negli ultimi giorni di messa a punto del decreto. Nelle ultime bozze che hanno preceduto il Consiglio dei ministri di venerdì l'aumento dell'imposta sostitutiva dovuta dalle banche era indicato dal 12 al 20%. In sostanza le banche e le quattro imprese assicuratrici che detengono partecipazioni nel capitale della Banca d'italia che hanno per altro già contabilizzato sul 2013 le quote del capitale rivalutate avevano fatto i conti su 900 milioni da versare all'erario. Non solo. All'aumento del prelievo fino al 26% si è aggiunto anche il cambio delle regole in corso. Il miliardo e 800 milioni dovuto dalle banche che hanno rivalutato quote di Bankitalia, dovrà essere versato nelle casse dello Stato in unica soluzione entro metà giugno. E non più dunque in tre rate annuali di pari importo come prevedeva espressamente la legge di stabilità per il Ancora tutta da cifrare è invece l'altra misura di contenimento della spesa statale che avrà impatto diretto sul mondo bancario. L'articolo 11 della bozza del decreto tagliacuneo prevede il taglio progressivo delle commissioni che oggi lo Stato versa agli istituti di credito e agli operatori autorizzati per la loro attività di riscossione dei versamenti tributari. L'Agenzia delle entrate dovrà, già nel 2014, provvedere alla revisione delle condizioni, incluse quelle di remunerazione delle riscossioni dei versamenti unitari effettuati dai contribuenti con il modello F24. Ua revisione che secondo le indicazioni del Governo dovrà garantire una riduzione di spesa del 30% nel 2014 e, «per ciascun anno successivo, al 40% di quella sostenuta nel 2013». Tra le poste "avere" le banche potranno includere nel 2015 la riduzione del 10%

4 dell'aliquota Irap. Con un effetto di cassa anticipato già da quest'anno, seppur limitato, con gli acconti di fine novembre. Salvo ulteriori ripensamenti dell'ultima ora, dall'anno d'imposta 2014 (dunque dal prossimo anno) le banche applicheranno al valore della produzione un'aliquota del 4,2% anziché quella attuale del 4,65 per cento. In acconto a fine novembre, invece, l'aliquota è del 4,4 per cento. Bonus per i lavoratori, stretta per i risparmiatori Il sostegno alle famiglie e il rilancio dei consumi sono la grande scommessa del governo con l'arrivo, nelle buste paga di maggio, del «mitico bonus da 80 euro», per dirla alla Renzi. Come spiega la nota diramata da Palazzo Chigi al termine del Consiglio dei ministri che ha approvato il taglio al cuneo fiscale per i lavoratori dipendenti, il Governo conferma che con il decreto «Per un'italia coraggiosa e semplice» sono stanziati 6,7 miliardi a copertura da maggio a dicembre 2014 di un "credito". Che, come detto, a partire dai cedolini di maggio aumenterà di 80 euro la retribuzione netta dei lavoratori dipendenti e assimilati che guadagnano tra e euro lordi. Va subito ricordato che il bonus Irpef si muove sulla curva delle detrazioni Irpef e dunque sarà progressivo in funzione del reddito annuale del lavoratore dipendente, tanto che per chi guadagna euro sarà pari a 320 euro da maggio a dicembre. Che al mese si traducono in 40 euro. Quota 80 euro al mese sarà dunque riservata a quei 6 milioni di lavoratori dipendenti e assimilati che oggi guadagna tra 16mila e 24mila euro. Gli effetti del nuovo "credito" si ridurranno via via fino ad azzerarsi a quota 26mila euro. I benefici che avranno le famiglie con il "bonus Renzi" andrà ad aggiungersi da maggio agli aumenti disposti a inizio anno dal governo Letta con la legge di stabilità. Dalle buste paga di gennaio scorso, infatti, i lavoratori dipendenti si sono ritrovati in media in busta paga tra i 16 e i 17 euro in più. La curva delle detrazioni Irpef ridisegnata da Letta interrompeva i suoi effetti a 55mila euro. Allo stato, in attesa della versione definitiva del decreto varato venerdì, l'effetto cumulato dei due bonus Irpef produce un guadagno netto che arriva a sfiorare i 100 euro al mese per chi guadagna tra 15 e 18mila euro all'anno. La beffa dell'ultima ora per le famiglie riguarda i lavoratori dipendenti che guadagnano fino a euro, i cosiddetti incapienti. Nonostante le promesse del premier Renzi con l'approvazione a inizio aprile del Def e i tentativi dei tecnici di far quadrare i conti ed includere tra i beneficiari del bonus da 80 euro anche i 4 milioni di incapienti, alla fine ha prevalso l'obbligo di mantenere l'impegno preso a metà marzo con i 10 milioni di lavoratori dipendenti. Così sia per gli incapienti che per i lavoratori autonomi con partita Iva l'appuntamento con il "bonus Renzi" è rinviato a data da destinarsi. E con tutta probabilità con la prossima legge di stabilità e dunque a partire dal 2015, risorse permettendo. Un impatto negativo del decreto varato venerdì sulle famiglie può arrivare dall'aumento della tassazione delle rendite finanziarie dal 20 al 26 per cento. Occorre ricordare, infatti, che la misura pur escludendo i titoli di Stato, avrà effetti negativi ad esempio sui conti correnti bancari e postali dove gli interessi sui depositi dal prossimo 1 luglio saranno

5 tassati al 26 per cento, tornando di fatto a sfiorare quel 27% da cui erano scesi al 20% con il governo Berlusconi. Tra gli effetti positivi del decreto per le famiglie rientra anche l'intervento del Governo sulla messa in sicurezza delle scuole, consentendo ai comuni di escludere dal patto di stabilità le spese per l'edilizia scolastica.

BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE

BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 664 BONUS IRPEF: CHI CI GUADAGNA E CHI CI PERDE 28 aprile 2014 INDICE 2 10 milioni

Dettagli

Sanità e regioni, arriva la stangata

Sanità e regioni, arriva la stangata Braccio di ferro nel governo sui quattro miliardi di riduzione delle spese. Più tasse sulrisparmio,l'aliquota sullerenditeaumenta dal 20 al 22% Sanità e regioni, arriva la stangata Oggi la legge di stabilità:

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5 - MAGGIO 2014

CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5 - MAGGIO 2014 CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5 - MAGGIO 2014 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI Di seguito evidenziamo i principali adempimenti del mese di maggio. Versamenti Iva mensili Scade il 16 maggio il termine di versamento

Dettagli

Legge di stabilità 2015. Dipartimento Formazione Cisl ER Versione 1.0

Legge di stabilità 2015. Dipartimento Formazione Cisl ER Versione 1.0 Legge di stabilità 2015 Dipartimento Formazione Cisl ER Versione 1.0 1 Indice L Europa e la legge di stabilità Il DEF La direzione complessiva della manovra Cosa non c è I principali provvedimenti Primo

Dettagli

Chiarimenti Agenzia delle Entrate

Chiarimenti Agenzia delle Entrate Chiarimenti Agenzia delle Entrate 1. Nuova misura dell'imposta sostitutiva sui risultati di gestione. La legge di stabilità del 2015 ha aumentando l'aliquota dell'imposta sostitutiva delle imposte sui

Dettagli

BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA

BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO NUOVI ADEMPIMENTI FISCALI DOPO LA LEGGE DI STABILITÀ BONUS 80 EURO, BONUS BEBÈ E TFR IN BUSTA PAGA Francesca Gerosa Commissione Diritto Tributario Nazionale

Dettagli

tascabilihalley Bonus Irpef Art. 1 del D.L. 24 aprile 2014, n. 66 Daniele Conforti con la collaborazione di Giancarlo Mosciatti

tascabilihalley Bonus Irpef Art. 1 del D.L. 24 aprile 2014, n. 66 Daniele Conforti con la collaborazione di Giancarlo Mosciatti tascabilihalley Bonus Irpef Art. 1 del D.L. 24 aprile 2014, n. 66 Daniele Conforti con la collaborazione di Giancarlo Mosciatti Diritti Riservati HALLEY INFORMATICA L editore declina ogni responsabilità

Dettagli

STUDIO PALMERI Commercialisti Associati Associazione professionale

STUDIO PALMERI Commercialisti Associati Associazione professionale STUDIO PALMERI Commercialisti Associati Associazione professionale Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Filippo Foresti Dott. Mariangela Frascari

Dettagli

LA MANOVRA ECONOMICA VARATA IL 4 DICEMBRE 2011 DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI

LA MANOVRA ECONOMICA VARATA IL 4 DICEMBRE 2011 DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI LA MANOVRA ECONOMICA VARATA IL 4 DICEMBRE 2011 DAL CONSIGLIO DEI MINISTRI LE MISURE FISCALI 1. LE MISURE PER LE IMPRESE E PER IL LAVORO AUTONOMO IRAP Il decreto prevede un importante intervento in materia

Dettagli

= circolare n. 7 03.12.2008

= circolare n. 7 03.12.2008 = circolare n. 7 03.12.2008 = scadenziario + 16 dicembre + pagamento ritenute, contributi INPS, imposte e l IVA relativo al mese di novembre; versamento del saldo ICI anno 2008 + 29 dicembre + versamento

Dettagli

SCADENZIARIO DAL 16 GIUGNO 2014 AL 15 LUGLIO 2014

SCADENZIARIO DAL 16 GIUGNO 2014 AL 15 LUGLIO 2014 Modena, 12 2014 SCADENZIARIO DAL 16 GIUGNO 2014 AL 15 LUGLIO 2014 Si segnala ai Signori clienti che tutti gli adempimenti sono stati inseriti, prudenzialmente, con le loro scadenze naturali, nonostante

Dettagli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli

IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli IRPEF, conguaglio 2014 Le procedure da seguire per effettuare correttamente i calcoli Ecco qui di seguito, una sintesi della normativa generale che regola le operazioni relative al conguaglio di fine anno.

Dettagli

Piacenza, 7 gennaio 2015 Alle Cooperative in indirizzo

Piacenza, 7 gennaio 2015 Alle Cooperative in indirizzo SERVIZIO SINDACALE Piacenza, 7 gennaio 2015 Alle Cooperative in indirizzo Prot. n. 1 Oggetto: Legge di stabilità 2015 - Legge 23 dicembre 2014, n. 190 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale

Dettagli

Il risultato della dichiarazione dei redditi

Il risultato della dichiarazione dei redditi Il risultato della dichiarazione dei redditi Capitolo 12 12.1 CONCETTI GENERALI 12.2 IRPEF : CALCOLO IMPOSTA LORDA 12.3 IRPEF : DALL IMPOSTA LORDA ALL IMPOSTA NETTA : LE DETRAZIONI 12.4 IRPEF : DALL IMPOSTA

Dettagli

ULTIME NOTIZIE TASI. Di seguito, la situazione di alcune province:

ULTIME NOTIZIE TASI. Di seguito, la situazione di alcune province: 1 ULTIME NOTIZIE TASI Il Consiglio comunale di Lecce il 10 settembre ha dato via libera alle aliquote Tasi: il 16 ottobre pertanto è fissata la scadenza per il pagamento della prima rata Tasi. Aliquota

Dettagli

Documento redatto a cura di Vincenzo Scumaci CGIL PIEMONTE

Documento redatto a cura di Vincenzo Scumaci CGIL PIEMONTE DECRETO-LEGGE 24 aprile 2014, n. 66 Art. 1, Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati Chiarimenti sull applicazione del Bonus di 80 euro Documento redatto a cura di Vincenzo Scumaci

Dettagli

NOVEMBRE 2010. Versamento imposta di registro sui contratti di locazione nuovi o rinnovati tacitamente con decorrenza 1/11/2010

NOVEMBRE 2010. Versamento imposta di registro sui contratti di locazione nuovi o rinnovati tacitamente con decorrenza 1/11/2010 30 Martedì Titolari di contratti di locazione Versamento imposta di registro sui contratti di locazione nuovi o rinnovati tacitamente con decorrenza 1/11/2010 115T - Imposta di registro per contratti di

Dettagli

Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia fiscale.

Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali novità in materia fiscale. 1 di 10 14/01/2010 10.58 ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI CIRCOLARE PER LA CLIENTELA - 08/01/2010 N. 4 Legge Finanziaria 2010 (L. 23.12.2009 n. 191) - Principali

Dettagli

La denuncia è sollevata dal segretario della CGIA, Giuseppe Bortolussi:

La denuncia è sollevata dal segretario della CGIA, Giuseppe Bortolussi: IN ARRIVO L INGORGO FISCALE DI FINE ANNO Tra novembre e dicembre le imprese dovranno onorare ben 28 scadenze fiscali e contributive che costeranno almeno 76 miliardi di euro. =====================================================================

Dettagli

FISCO Gli sconti per la casa

FISCO Gli sconti per la casa Con le novità introdotte in Parlamento FISCO Gli sconti per la casa Per i proprietari: Ici, interessi sui mutui, ristrutturazioni ed efficienza energetica. Per gli inquilini: sconti Irpef Redistribuzione

Dettagli

Oggetto: La cedolare secca sugli affitti, chiarimenti sull uso del denaro contante, la

Oggetto: La cedolare secca sugli affitti, chiarimenti sull uso del denaro contante, la CIRCOLARE N. 7/T Olbia, 30 Agosto 2010 Alla Spett.le Clientela Oggetto: La cedolare secca sugli affitti, chiarimenti sull uso del denaro contante, la rivalutazione dei terreni e delle partecipazioni. LA

Dettagli

Legge di Stabilità 2015 Le novità in materia di Lavoro

Legge di Stabilità 2015 Le novità in materia di Lavoro Legge di Stabilità 2015 Le novità in materia di Lavoro Direzione Sindacale Welfare Sicurezza sul lavoro Area Lavoro Sul Supplemento ordinario n. 99 alla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 29 dicembre è stata

Dettagli

TASSE: IL GOVERNO RENZI HA TAGLIATO 7 MILIARDI ALLE FAMIGLIE E POCO PIU DI 8 ALLE IMPRESE

TASSE: IL GOVERNO RENZI HA TAGLIATO 7 MILIARDI ALLE FAMIGLIE E POCO PIU DI 8 ALLE IMPRESE TASSE: IL GOVERNO RENZI HA TAGLIATO 7 MILIARDI ALLE FAMIGLIE E POCO PIU DI 8 ALLE IMPRESE Con il Governo Renzi, la tassazione sulle famiglie e sulle imprese è aumentata o diminuita? Per dare una risposta

Dettagli

federalismo regionale provinciale - costi dei fabbisogni standard sanitari A cura dell Ufficio fisco e politiche di bilancio Spi Cgil nazionale

federalismo regionale provinciale - costi dei fabbisogni standard sanitari A cura dell Ufficio fisco e politiche di bilancio Spi Cgil nazionale federalismo regionale provinciale - costi dei fabbisogni standard sanitari A cura dell Ufficio fisco e politiche di bilancio Spi Cgil nazionale Art. 1 Oggetto del Provvedimento Oggetto del Dlgs approvato

Dettagli

Oggetto LEGGE DI STABILITA 2015. Sommario. Contenuto. Circolare numero 12/2015. C i r c o l a r e d e l 2 f e b b r a i o 2 0 1 5 P a g.

Oggetto LEGGE DI STABILITA 2015. Sommario. Contenuto. Circolare numero 12/2015. C i r c o l a r e d e l 2 f e b b r a i o 2 0 1 5 P a g. C i r c o l a r e d e l 2 f e b b r a i o 2 0 1 5 P a g. 1 di 5 Circolare numero 12/2015 Oggetto LEGGE DI STABILITA 2015 Sommario Novità fiscali inerenti bonus, detrazioni, incentivi, fondi pensione, tassazione

Dettagli

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti

ALESSIO BERTAGNIN & ASSOCIATI s.a.s. Società tra Professionisti Padova, 3 gennaio 2015 Circolare n 1/2015 Alla Spett.le Clientela Oggetto: Legge di Stabilità 2015. Gentili Clienti, è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 300 del 29 dicembre 2014 la Legge n.

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 14 del 25 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Ddl stabilità per il 2014: le prime anticipazioni della stampa Premessa Recentemente il Consiglio dei Ministri ha

Dettagli

ALIQUOTE IRPEF 2009. Tavola:Detrazione per redditi di lavoro dipendente in vigore per l'anno 2008

ALIQUOTE IRPEF 2009. Tavola:Detrazione per redditi di lavoro dipendente in vigore per l'anno 2008 Scaglioni reddito 2009 Aliquota Irpef lordo da 0 a 15.000 23% 23% del reddito da 15.000,01 a 28.000 da 28.000,01 a 55.000 da 55.000,01 a 75.000 27% 38% 41% oltre 75.000 43% 3.450 + 27% sulla parte eccedente

Dettagli

IN SCADENZA AL PRIMO DICEMBRE 2014 SECONDO ACCONTO IN MATERIA DI IMPOSTE E DI CONTRIBUTI IVS /GESTIONE SEPARATA

IN SCADENZA AL PRIMO DICEMBRE 2014 SECONDO ACCONTO IN MATERIA DI IMPOSTE E DI CONTRIBUTI IVS /GESTIONE SEPARATA a cura di Celeste Vivenzi IN SCADENZA AL PRIMO DICEMBRE 2014 SECONDO ACCONTO IN MATERIA DI IMPOSTE E DI CONTRIBUTI IVS /GESTIONE SEPARATA IL Premessa generale Entro il prossimo 01 Dicembre 2014 ( il 30

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

Servizio di documentazione tributaria

Servizio di documentazione tributaria Testo Unico del 22/12/1986 n. 917 - art. 2 Testo unico delle imposte sui redditi. Soggetti passivi. Testo: in vigore dal 01/01/1999 modificato da: L del 23/12/1998 n. 448 art. 10 1. Soggetti passivi dell'imposta

Dettagli

Buco sanità, è ufficiale: i molisani pagano di tasca loro

Buco sanità, è ufficiale: i molisani pagano di tasca loro Primonumero.it - Primo Piano: Buco sanità, è ufficiale: i molisani pagano di tasca loro http://www.primonumero.it/attualita/primopiano/stampabile.php?id=6981 Page 1 of 1 02/07/2010 Buco sanità, è ufficiale:

Dettagli

Circolare N.5/E. OGGETTO: Rapporti tra l IMU e le imposte sui redditi - Chiarimenti

Circolare N.5/E. OGGETTO: Rapporti tra l IMU e le imposte sui redditi - Chiarimenti Circolare N.5/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 marzo 2013 OGGETTO: Rapporti tra l IMU e le imposte sui redditi - Chiarimenti.it 2 INDICE PREMESSA...3 1. RAPPORTO TRA IMU E IMPOSTE SUI REDDITI...3

Dettagli

6 modulo. Aspetti di fiscalità dei fondi pensione. Riferimento bibliografico: 4 capitolo

6 modulo. Aspetti di fiscalità dei fondi pensione. Riferimento bibliografico: 4 capitolo 6 modulo Aspetti di fiscalità dei fondi pensione Riferimento bibliografico: 4 capitolo Art. 53 della costituzione Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva.

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE. Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano

LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE. Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano LA NUOVA DISCIPLINA FISCALE DEI DIVIDENDI E DELLE PLUSVALENZE Di Simone De Giovanni Dottore commercialista in Milano 1. Premessa La legge delega 7 aprile 2003, n. 80, ha modificato radicalmente l ordinamento

Dettagli

TASSE. Il saldo fiscale 2014 è positivo: il taglio delle tasse è stato superiore agli aumenti

TASSE. Il saldo fiscale 2014 è positivo: il taglio delle tasse è stato superiore agli aumenti TASSE. Il saldo fiscale 2014 è positivo: il taglio delle tasse è stato superiore agli aumenti Sebbene la pressione fiscale rimanga ancora molto elevata (43,3 per cento), nel 2014 i contribuenti italiani

Dettagli

A.S. 1465: "Conversione in legge del decreto legge 24 aprile 2014, n. 66, recante misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale"

A.S. 1465: Conversione in legge del decreto legge 24 aprile 2014, n. 66, recante misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale XVII legislatura A.S. 1465: "Conversione in legge del decreto legge 24 aprile 2014, n. 66, recante misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale" Aprile 2014 n. 45 Servizio del Bilancio Direttore...

Dettagli

Il bonus fiscale in busta paga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Il bonus fiscale in busta paga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Il bonus fiscale in busta paga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Fonte normativa Incongruenze della norma Disposizione in dettaglio Nell ambito delle misure previste dall Esecutivo

Dettagli

Versamenti Iva mensili Scade oggi il termine di versamento dell'iva a debito eventualmente dovuta per il mese di giugno (codice tributo 6006).

Versamenti Iva mensili Scade oggi il termine di versamento dell'iva a debito eventualmente dovuta per il mese di giugno (codice tributo 6006). PRINCIPALI SCADENZE DAL 15 LUGLIO 2013 AL 15 AGOSTO 2013 Di seguito evidenziamo i principali adempimenti dal 15 2013 al 15 agosto 2013, con il commento dei termini di prossima scadenza. Si segnala che

Dettagli

NOVITA LEGISLATIVE. Settembre 2014. 9. Pubblica amministrazione (PA) e fattura in formato digitale

NOVITA LEGISLATIVE. Settembre 2014. 9. Pubblica amministrazione (PA) e fattura in formato digitale NOVITA LEGISLATIVE Settembre 2014 1. Tremonti quater bonus macchinari 2. F24 online dal 01.10.2014 3. Tasi: scadenza del 16.10.2014 4. Modello 770: proroga pag. 2 pag. 3 pag. 4 pag. 4 sommario 5. Riduzione

Dettagli

Sindacato Unitario Specialità Ortognatodonzia Largo Re Umberto, 104 - Tel. 011 50.28.20 - Fax 011 50.31.53-10128 TORINO. CIRCOLARE n.

Sindacato Unitario Specialità Ortognatodonzia Largo Re Umberto, 104 - Tel. 011 50.28.20 - Fax 011 50.31.53-10128 TORINO. CIRCOLARE n. S.U.S.O. Sindacato Unitario Specialità Ortognatodonzia Largo Re Umberto, 104 - Tel. 011 50.28.20 - Fax 011 50.31.53-10128 TORINO CIRCOLARE n. 1/2014 La presente per informare i signori Associati sulle

Dettagli

Circolare n. 7 del 19 maggio 2014

Circolare n. 7 del 19 maggio 2014 Circolare n. 7 del 19 maggio 2014 Bonus IRPEF: chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Indice 1. Premessa 2. Soggetti beneficiari 2.1 Possesso di redditi di lavoro dipendente o di alcuni redditi assimilati

Dettagli

ASSOCIAZIONE UN VOLO PER ANNA ONLUS

ASSOCIAZIONE UN VOLO PER ANNA ONLUS OGGETTO : AIUTI E AGEVOLAZIONI FISCALI EROGAZIONI LIBERALI A FAVORE DI ONLUS Il sistema tributario italiano prevede, per i contribuenti che hanno effettuato erogazioni liberali a favore di determinate

Dettagli

Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga.

Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga. Lavorofisco.it Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga. La legge di Stabilità 2015 prevede, infatti, in via sperimentale

Dettagli

Dal 1 luglio 2014 nuova tassazione per le rendite finanziarie

Dal 1 luglio 2014 nuova tassazione per le rendite finanziarie Circolare Monografica 16 giugno 2014 n. 1992 TASSE E IMPOSTE Dal 1 luglio 2014 nuova tassazione per le rendite finanziarie La guida alla nuova disciplina di Angelo Luca Ottaviano Il D.L. n. 66/2014 (Decreto

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 68 13.04.2015 TFR in busta paga: il focus dei CdL Dal 3 aprile 2015 i lavoratori dipendenti possono chiedere la Qu.I.R. Categoria:

Dettagli

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI

CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI CIRCOLARE DI AGGIORNAMENTO AI CLIENTI Anno IV, n. 4 APRILE 2014 I N D I C E IVA... 3 Compensazione Iva trimestrale... 3 Minori controlli per i rimborsi Iva alle imprese in regola con il fisco... 3 REDDITI...

Dettagli

Decreto sulle semplificazioni fiscali.

Decreto sulle semplificazioni fiscali. Decreto sulle semplificazioni fiscali. Il Governo, il 20 giugno scorso, ha dato il via ad uno schema di decreto legislativo contenente disposizioni in materia di semplificazioni fiscali, in attuazione

Dettagli

Pensioni? Prof. Alberto Brambilla Presidente Comitato Tecnico Scientifico Itinerari Previdenziali Aldai Milano Dicembre 2014

Pensioni? Prof. Alberto Brambilla Presidente Comitato Tecnico Scientifico Itinerari Previdenziali Aldai Milano Dicembre 2014 Pensioni? Prof. Alberto Brambilla Presidente Comitato Tecnico Scientifico Itinerari Previdenziali Aldai Milano Dicembre 2014 Pensioni? Il bollettino di guerra dopo la legge di stabilità 2014 Le nuove indicizzazioni

Dettagli

Tabella BS. 1. BILANCIO DELLO STATO: Risultati degli anni 2003-2005 (al lordo delle regolazioni contabili) (milioni di euro)

Tabella BS. 1. BILANCIO DELLO STATO: Risultati degli anni 2003-2005 (al lordo delle regolazioni contabili) (milioni di euro) Si segnala infine che nel comparto a breve termine si sono avuti rimborsi netti di bot per milioni 944 e una riduzione della raccolta postale comprensiva della quota riferibile ai depositi dei privati

Dettagli

LA LEGGE DI STABILITA 2014

LA LEGGE DI STABILITA 2014 - # #$*.' /! 0.1 '*" 0 - '* - %)1"2!* 354687:9;=6@??A>B B,4 CD>E F>GD>G>G8H A@IJK6 L:M@? NG>ODPQ>E@RO>Q 7K6>S5G>ODPQ@R>RG>T U>VW 6X4? NM@9= 4??6@Y[ZKB,\]@4A=:4??6^KA@W_W MX` ^:46@? 4ZKB,4 9 4B "!!$#

Dettagli

Studio Rosina e Associati DOTTORI COMMERCIALISTI

Studio Rosina e Associati DOTTORI COMMERCIALISTI FULVIO ROSINA (1931 2014) DANIELA ROSINA ANT ANTONIO ROSINA GIOVANNI TRAVERSO MAURIZIO CIVARDI FRANCESCO PITTIGLIO SIMONETTA MANFREDINI STEFANO LUPINI MASSIMO SCOTTON MARCO SANGUINETI SIMONE PAZZAGLIA

Dettagli

Studio Lamberti. Consulenza societaria, finanziaria, fiscale e legale

Studio Lamberti. Consulenza societaria, finanziaria, fiscale e legale Vincenzo Lamberti Ragioniere Commercialista Revisore Legale vincenzo.lamberti@studio-lamberti.it Carlo Lamberti Dottore Commercialista Revisore Legale carlo.lamberti@studio-lamberti.it David Alexander

Dettagli

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento

SONO ORMAI PASSATE parecchie settimane dall insediamento LE NUOVE MISURE FISCALI Taglio del cuneo fiscale, riduzione dell Irap e maggiore tassazione delle rendite finanziarie. Questi i tre maggiori interventi del nuovo premier, ma quale effettivo impatto avranno

Dettagli

TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SUL CUNEO FISCALE E NESSUNO VI HA MAI SPIEGATO

TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SUL CUNEO FISCALE E NESSUNO VI HA MAI SPIEGATO 760 TUTTO QUELLO CHE AVRESTE VOLUTO SAPERE SUL CUNEO FISCALE E NESSUNO VI HA MAI SPIEGATO 10 Settembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà

Dettagli

Legge di Stabilità 2015 Misure in materia di credito e finanza

Legge di Stabilità 2015 Misure in materia di credito e finanza Legge di Stabilità 2015 Misure in materia di credito e finanza Febbraio 2015 INDICE 1. Premessa 2. Fondo di Garanzia per le PMI 3. Liquidazione TFR in busta paga 4. Moratoria dei mutui 5. Pagamento debiti

Dettagli

La tassazione delle attività finanziarie

La tassazione delle attività finanziarie La tassazione delle attività finanziarie Integrazione al libro di testo Le attività finanziarie sono le diverse forme di impiego del capitale, come ad esempio: acquisto di azioni o quote di capitale di

Dettagli

Ministero dell Economia e delle Finanze

Ministero dell Economia e delle Finanze Ministero dell Economia e delle Finanze Quale titolo di Stato per quale profilo di investitore? Forum della PA - 25 maggio 2007 Dott.ssa Maria Cannata Direttore Generale del Debito Pubblico -1- Introduzione

Dettagli

CIRCOLARE PER IL CLIENTE

CIRCOLARE PER IL CLIENTE CIRCOLARE PER IL CLIENTE n. 8 DEL 05 MAGGIO 2014 IN BREVE Comunicazione dei beni ai soci e dei finanziamenti rinviata al 30 ottobre 2014 «Sonore»: il nuovo strumento per la lotta all evasione fiscale Pubblicato

Dettagli

LEGGE DI STABILITÀ PER IL 2015 IL FONDO PENSIONE SI CONFERMA LA FORMA DI RISPARMIO PIÙ CONVENIENTE

LEGGE DI STABILITÀ PER IL 2015 IL FONDO PENSIONE SI CONFERMA LA FORMA DI RISPARMIO PIÙ CONVENIENTE LEGGE DI STABILITÀ PER IL 2015 IL FONDO PENSIONE SI CONFERMA LA FORMA DI RISPARMIO PIÙ CONVENIENTE RIFERIMENTI NORMATIVI: Legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge di Stabilità per il 2015) ASPETTI GENERALI:

Dettagli

CESSIONE DELL AZIENDA ADEMPIMENTI FISCALI E DICHIARAZIONE DEI REDDITI di Dott. G. Fiore - RE.FI.

CESSIONE DELL AZIENDA ADEMPIMENTI FISCALI E DICHIARAZIONE DEI REDDITI di Dott. G. Fiore - RE.FI. CESSIONE DELL AZIENDA ADEMPIMENTI FISCALI E DICHIARAZIONE DEI REDDITI di Dott. G. Fiore - RE.FI. L operazione risulta soggetta all'imposta di registro. Imposta di registro è differenziata a seconda della

Dettagli

ASSOFONDIPENSIONE CONSIDERAZIONI IN MERITO AI SEGUENTI ARTICOLI DELLA LEGGE DI STABILITA 2015

ASSOFONDIPENSIONE CONSIDERAZIONI IN MERITO AI SEGUENTI ARTICOLI DELLA LEGGE DI STABILITA 2015 ASSOFONDIPENSIONE CONSIDERAZIONI IN MERITO AI SEGUENTI ARTICOLI DELLA LEGGE DI STABILITA 2015 Art. 6 - T.F.R. in busta paga. Prevede, per i periodi di paga tra il 1 marzo 2015 e il 30 giugno 2018, che

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRAP ANNO D IMPOSTA 2012

DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRAP ANNO D IMPOSTA 2012 DEFINIZIONE DELLE VARIABILI IRAP ANNO D IMPOSTA 2012 IRAP Di seguito è riportata la definizione e la modalità di calcolo delle singole variabili contenute nelle tabelle disponibili attraverso la navigazione

Dettagli

1) DEDUCIBILITA AI FINI IRAP DEL COSTO PER LAVORATORI A TEMPO INDETERMINATO

1) DEDUCIBILITA AI FINI IRAP DEL COSTO PER LAVORATORI A TEMPO INDETERMINATO LE PRINCIPALI NOVITA FISCALI DELLA LEGGE DI STABILITA PER IL 2015 Di seguito riportiamo una panoramica delle principali novità fiscali di interesse per Imprese e Cittadini, introdotte dalla Legge di Stabilità

Dettagli

SCADENZE FISCALI di Giugno

SCADENZE FISCALI di Giugno SCADENZE FISCALI di Giugno Martedì 16 Giugno IVA MENSILE Ultimo giorno utile per versare l eventuale imposta a debito relativa al mese di maggio (contribuenti mensili). Il codice tributo da utilizzare

Dettagli

Circolare n. 7. Del 21 maggio 2014. Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE

Circolare n. 7. Del 21 maggio 2014. Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE Circolare n. 7 Del 21 maggio 2014 Bonus 80,00 Euro in busta paga INDICE 1 Premessa...3 2 Soggetti beneficiari...3 2.1 Possesso di redditi di lavoro dipendente o di alcuni redditi assimilati...3 2.1.1 Beneficiari

Dettagli

OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78

OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 CIRCOLARE n. 40/E Direzione Centrale Normativa Alle Direzioni regionali e provincial Roma, 28 luglio 2010 OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge

Dettagli

Fiscal News N. 359. La circolare di aggiornamento professionale

Fiscal News N. 359. La circolare di aggiornamento professionale Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 359 17.10.2012 Legge di Stabilità: stretta su deduzioni e detrazioni Spese veterinarie, mutuo sulla prima casa e spese di istruzione nel mirino

Dettagli

Studio Professionale di DIRITTO TRIBUTARIO E SOCIETARIO CORPORATE TAX AND ACCOUNTING ADVISORS

Studio Professionale di DIRITTO TRIBUTARIO E SOCIETARIO CORPORATE TAX AND ACCOUNTING ADVISORS 1 website: www.quickmanager.it - e-mail: info@quickmanager.it (Marchio registrato Registered Trade Mark) Il sistema di gestione qualità adottato dallo Studio è certificato IMQ/CSQ a norma UNI EN ISO 9001:2008

Dettagli

FONDO TESORERIA DI GESTIONE DEI TFR: LE ISTRUZIONI INPS

FONDO TESORERIA DI GESTIONE DEI TFR: LE ISTRUZIONI INPS FONDO TESORERIA DI GESTIONE DEI TFR: LE ISTRUZIONI INPS L INPS ha diramato, con la circolare n. 70 del 3 aprile 2007, le istruzioni operative, ai datori di lavoro con almeno 50 addetti, per il versamento

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila).

COMUNICATO STAMPA. 1 Nel 2009 si era registrato un forte calo dei contribuenti che dichiaravano un reddito da lavoro dipendente (-273 mila). COMUNICATO STAMPA Il Dipartimento delle Finanze pubblica le statistiche sulle dichiarazioni delle persone fisiche (IRPEF) relative all'anno d'imposta 2010, a sei mesi dal termine di presentazione (settembre

Dettagli

Rassegna Stampa. Lunedì 22 Dicembre 2014

Rassegna Stampa. Lunedì 22 Dicembre 2014 Rassegna Stampa 22 Dicembre 2014 Sommario Testata Data Pag. Titolo p. 1. Fondi pensione Sole 24 Ore (Il) 5 Rota Porta - Uno strappo con la riforma della previdenza complementare (Rota Porta Alessandro)

Dettagli

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI

MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: LA MANOVRA CHE NON VEDRETE MAI 1057 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com MENO TASSE, SUD E INVESTIMENTI: Editoriale de Il Giornale, 1 novembre 2015 1 novembre 2015 a cura di Renato Brunetta 2 Era fine agosto e la confusione

Dettagli

LEGGE DI STABILITÀ 2015 IN SINTESI

LEGGE DI STABILITÀ 2015 IN SINTESI LEGGE DI STABILITÀ 2015 IN SINTESI È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 29 dicembre 2014, la Legge di Stabilità 2015, L. n. 190 del 23 dicembre 2014. Di seguito si riepilogano le principali

Dettagli

Legge di Stabilità 2014: le principali novità in materia di Fisco e di Lavoro

Legge di Stabilità 2014: le principali novità in materia di Fisco e di Lavoro Legge di Stabilità 2014: le principali novità in materia di Fisco e di Lavoro Come noto è stata approvata in via definitiva la legge di Stabilità n. 147 del 27 dicembre 2013,pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale

Dettagli

LE PRINCIPALI NOVITA DELLA LEGGE DI STABILITA 2015

LE PRINCIPALI NOVITA DELLA LEGGE DI STABILITA 2015 OGGETTO: Circolare 3.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 LE PRINCIPALI NOVITA DELLA LEGGE DI STABILITA 2015 È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 29.12.2014, n. 300, S.O. n. 99, la Legge 23.12.2014,

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati

CIRCOLARE N. 8/E. OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori dipendenti e assimilati CIRCOLARE N. 8/E Direzione Centrale Normativa Direzione Centrale Servizi ai contribuenti Roma, 28 aprile 2014 OGGETTO: Art. 1 del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66 - Riduzione del cuneo fiscale per lavoratori

Dettagli

Circolare per il cliente 7 gennaio 2015

Circolare per il cliente 7 gennaio 2015 Circolare per il cliente 7 gennaio 2015 Versione Completa IN BREVE Pubblicata la legge di Stabilità 2015 Interessi legali allo 0,5% dal 1 gennaio 2015 Le nuove tabelle Aci per la determinazione dei fringe

Dettagli

CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE

CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE La trasparenza nelle Istituzioni: FACCIAMO IL PUNTO SULL ATTIVITÀ DI GOVERNO Aggiornato al 28 agosto 2013 IL GOVERNO LETTA E LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO: CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE Nelle pagine

Dettagli

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà NO TAX DAY 29-30 novembre 2014

a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà NO TAX DAY 29-30 novembre 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 838 NO TAX DAY 29-30 novembre 2014 GETTITO DA TASSAZIONE IMMOBILI 2011 (governo Berlusconi:

Dettagli

LA GESTIONE AMMINISTRATIVA DELLO STUDIO ODONTOIATRICO DOPO LA LEGGE 248/06

LA GESTIONE AMMINISTRATIVA DELLO STUDIO ODONTOIATRICO DOPO LA LEGGE 248/06 LA GESTIONE AMMINISTRATIVA DELLO STUDIO ODONTOIATRICO DOPO LA LEGGE 248/06 Via Sicilia, 43 00187 Roma Tel. 06/420.11.536 sindacale@andinazionale.it PREMESSA La Legge 248 del 2006, di conversione del Decreto

Dettagli

INDICE. ai versamenti; alle compensazioni effettuate.

INDICE. ai versamenti; alle compensazioni effettuate. INDICE 1 Premessa 2 Decorrenza 3 Finalità 4 Ambito soggettivo 5 Ambito oggettivo 6 Presentazione dei modelli F24 a saldo zero per effetto delle compensazioni 6.1 Sistemi telematici utilizzabili 6.2 Compensazioni

Dettagli

Editoriale de Il Giornale a cura di Renato Brunetta

Editoriale de Il Giornale a cura di Renato Brunetta 704 ARRIVANO GLI EFFETTI (NEGATIVI) DELLA MANCETTA ELETTORALE Editoriale de Il Giornale a cura di Renato Brunetta 16 giugno 2014 a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia -

Dettagli

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO

IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO IL NUOVO REGIME DEI MINIMI A CONFRONTO Dal prossimo anno il nuovo regime dei minimi sarà scontato, con l'imposta sostitutiva che si ridurrà al 5%, ma saranno poche le persone fisiche che lo potranno applicare.

Dettagli

Ministero delle Finanze Circolare del 7 febbraio 1997, n. 29/E

Ministero delle Finanze Circolare del 7 febbraio 1997, n. 29/E Ministero delle Finanze Circolare del 7 febbraio 1997, n. 29/E T.U. DIRETTE - REDDITO DA LAVORO DIPENDENTE - COMPENSI IN NATURA - DETERMINAZIONE - FRINGE BENEFITS L'articolo 3, sesto comma, della Legge

Dettagli

Circolare 1 del 31 gennaio 2015

Circolare 1 del 31 gennaio 2015 Circolare 1 del 31 gennaio 2015 IN BREVE Pubblicata la legge di Stabilità 2015 Interessi legali allo 0,5% dal 1 gennaio 2015 Le nuove tabelle Aci per la determinazione dei fringe benefit 2015 Niente modello

Dettagli

Come varia la manovra dopo le modifiche parlamentari al Disegno di Legge di Stabilità

Come varia la manovra dopo le modifiche parlamentari al Disegno di Legge di Stabilità Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori Dipartimento Democrazia Economica, Economia Sociale, Fisco, Previdenza, Formazione Sindacale Come varia la manovra dopo le modifiche parlamentari al Disegno

Dettagli

MODELLO 730-3 redditi 2014

MODELLO 730-3 redditi 2014 07-07-0 MODELLO 70- redditi RE-00-00000077 prospetto di liquidazione relativo all'assistenza fiscale prestata DICHIARAZIONE Ufficio: UFFICIO VIA BISMANTOVA Pr. Archiv.: 77 PRECOMPILATA 70 rettificativo

Dettagli

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014

Modello 730 Istruzioni per la compilazione 2014 CASI DI ESONERO È esonerato dalla presentazione della dichiarazione il contribuente che possiede esclusivamente i redditi indicati nella prima colonna, se si sono verificate le condizioni descritte nella

Dettagli

c. 47 c. 47 c. 657 c. 137, 138 c. 12, 13 c. 125-129 c. 658-659 c. 65-89

c. 47 c. 47 c. 657 c. 137, 138 c. 12, 13 c. 125-129 c. 658-659 c. 65-89 Argomento art. 1 L. 190/2014 IRPEF:regole generali Bonus ristrutturazioni e acquisto mobili La detrazione del 50% prevista nel 2014 per i predetti interventi, con i rispettivi limiti massimi, è prorogata

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

GUIDA ALL'ACCONTO DELLE IMPOSTE DI NOVEMBRE 2013 : ANALISI ED APPROFONDIMENTI

GUIDA ALL'ACCONTO DELLE IMPOSTE DI NOVEMBRE 2013 : ANALISI ED APPROFONDIMENTI GUIDA ALL'ACCONTO DELLE IMPOSTE DI NOVEMBRE 2013 : ANALISI ED APPROFONDIMENTI a cura di Celeste Vivenzi Entro il prossimo 02/12/2013 (il 30/11 cade di sabato) va versata la 2 o unica rata degli acconti

Dettagli

LE DETRAZIONI. Gli sconti Le detrazioni al 19% attualmente più utilizzate dai contribuenti (dati 2011). Valori in euro

LE DETRAZIONI. Gli sconti Le detrazioni al 19% attualmente più utilizzate dai contribuenti (dati 2011). Valori in euro LE DETRAZIONI Detrazione Le detrazioni d'imposta sono il meccanismo che consente sconti fiscali per una serie di spese che lo Stato ritiene meritevoli di incentivo o di tutela. La detrazione è uno sconto

Dettagli

Studio Tributario e Societario

Studio Tributario e Societario Studio Tributario e Societario Studio Tributario e Societario Convegno Novità Tributarie 2011/2012 Genova, 19 Gennaio 2012 La tassazione delle persone fisiche come stumento di redistribuzione della ricchezza:

Dettagli

Oggetto: Aspetti fiscali legge di stabilità 2014

Oggetto: Aspetti fiscali legge di stabilità 2014 Ufficio Tributario Oggetto: Aspetti fiscali legge di stabilità 2014 In data 27/12/2013 è stata pubblicata con G.U. n. 302 la l. n. 147/12 ( Legge di stabilità ) recante Disposizioni per la formazione del

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Fondo Pensione Complementare per i Geometri Liberi Professionisti FONDO PENSIONE FUTURA Iscritto al n. 166 all Albo COVIP DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il presente documento integra il contenuto della Nota

Dettagli

Gestione Assicurativa

Gestione Assicurativa Fondo Pensione Findomestic Banca Fondo Pensione Complementare per i Dipendenti della Findomestic Banca S.p.A. e Società Controllate NOTA INTEGRATIVA AL BILANCIO DI ESERCIZIO 2014 Gestione Assicurativa

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

TUTTE LE DATE DI RIFERIMENTO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DICHIARAZIONI 2005 E PER I VERSAMENTI DELLE RELATIVE IMPOSTE

TUTTE LE DATE DI RIFERIMENTO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DICHIARAZIONI 2005 E PER I VERSAMENTI DELLE RELATIVE IMPOSTE Dott. Stefano Sarubbi Dottore Commercialista Revisore Contabile TUTTE LE DATE DI RIFERIMENTO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DICHIARAZIONI 2005 E PER I VERSAMENTI DELLE RELATIVE IMPOSTE E' oramai tempo di dichiarazioni

Dettagli

RASSEGNA STAMPA A cura dell ufficio studi e ricerche di Studio Corno aziendalisti, commercialisti e avvocati. 18 giugno 2014 RASSEGNA STAMPA

RASSEGNA STAMPA A cura dell ufficio studi e ricerche di Studio Corno aziendalisti, commercialisti e avvocati. 18 giugno 2014 RASSEGNA STAMPA RASSEGNA STAMPA A cura dell ufficio studi e ricerche di Studio Corno aziendalisti, commercialisti e avvocati. 18 giugno 2014 RASSEGNA STAMPA Diritto e fisco: AGEVOLAZIONI; DICHIARAZIONI; IRPEF; RENDITE;

Dettagli