Il Consulente del Debitore Gruppo UNA SRL. Amadei Lombardi Fucili. [MANUALE ANATOCISMO USURA] Manuale tecnico di avviamento alla professione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Consulente del Debitore Gruppo UNA SRL. Amadei Lombardi Fucili. [MANUALE ANATOCISMO USURA] Manuale tecnico di avviamento alla professione"

Transcript

1 2013 Il Consulente del Debitore Gruppo UNA SRL Amadei Lombardi Fucili [MANUALE ANATOCISMO USURA] Manuale tecnico di avviamento alla professione

2 Indice Introduzione pag. 3 L anatocismo nel conto corrente bancario pag. 4 Cosa è l Anatocismo pag. 4 Differenza interesse semplice e composto pag. 5 La commissione di massimo scoperto pag. 5 Interessi Passivi Ultralegali pag. 7 Usura pag. 8 L Usura nei Mutui e Leasing pag. 8 OPERATIVITA pag. 11 COMMERCIALIZZAZIONE pag. 13 COME INDIVIDUARE IL CLIENTE pag. 16

3 3 Il consulente del debitore Introduzione Le anomalie rilevabili dalla realizzazione di perizie sui conti correnti bancari sono riconducibili a 4 fenomeni: - Anatocismo - Commissione di massimo scoperto ( CMS ) - Interessi Ultralegali - Usura L anatocismo nel conto corrente bancario COS'È L'ANATOCISMO? Per anatocismo, si intende la prassi bancaria per cui gli interessi maturati sul saldo debitore, generalmente a cadenza trimestrale, vengono capitalizzati, ossia riportati a capitale. Così facendo, gli interessi capitalizzati nel trimestre precedente producono, allo scadere del trimestre successivo, a loro volta interessi che vanno a capitalizzarsi sul saldo finale, e così via, in una spirale senza fine. In pratica, è il calcolo degli interessi sugli interessi, attraverso l applicazione dell interesse composto, invece dell interesse semplice. La capitalizzazione trimestrale delle competenze comporta l aumento del debito sul c/c accentuando il saldo negativo per il trimestre successivo. L effetto di tale procedura è quello di trasformare le competenze maturate nel periodo in nuovo capitale a debito. E evidente che così facendo il debito capitale del cliente aumenta costantemente nel corso dell anno mentre l eventuale credito, fino a giugno 2000, di regola, si incrementava solamente al termine dell anno.

4 Differenza tra interesse semplice e interesse composto. Tale prassi è stata dichiarata illegittima dalla Corte di Cassazione. La capitalizzazione trimestrale delle competenze comporta l aumento del debito sul c/c accentuando il saldo negativo per il trimestre successivo. Le clausole contenute nei contratti bancari alludenti a tale prassi (c.d. clausole anatocistiche) sono infatti nulle ed improduttive di ogni effetto per violazione del disposto di cui agli artt. 1283, 2697 e 1418 del c.c.. L art in particolare, espressamente dispone che in mancanza di usi contrari, gli interessi scaduti possono produrre interessi solo dal giorno della domanda giudiziale o per effetto di convenzione posteriore alla loro scadenza, e sempre che si tratti di interessi dovuti da almeno sei mesi. Quanto affermato, ha trovato suggello in una prima storica sentenza in cui la Corte di Cassazione, Sezione I, 16 marzo 1999 n. 2374, ha limpidamente statuito: E nulla la previsione contenuta nei contratti di conto corrente bancario, avente a oggetto la capitalizzazione trimestrale degli interessi dovuti dal cliente, giacché essa si basa su di un mero uso negoziale e non su di una vera e propria norma consuetudinaria e interviene anteriormente alla scadenza degli interessi. Suggello che è stato confermato e ribadito con l altrettanto storica sentenza della Sezioni Unite della Suprema Corte del 4 novembre 2004 N In conclusione, in un obbligazione pecuniaria l applicabilità dell anatocismo implicherebbe che il debitore è tenuto al pagamento non solo del capitale e degli interessi pattuiti, ma anche degli ulteriori interessi calcolati sugli interessi già scaduti. Si comprende dunque la necessità da un lato di tutelare il debitore dall applicazione di prassi illegittime e dall altro quella di fornire la possibilità di effettuare la richiesta di rimborso degli interessi anatocistici illegittimamente percepiti dalle banche. Conseguenze dell illiceità dell anatocismo sono che: - Vanno stornati, a favore del cliente, gli interessi anatocistici, riconoscendo la sola capitalizzazione annuale (fino al 2 trimestre 2000)

5 O alternativamente 5 Il consulente del debitore - Vanno stornati a favore del cliente gli interessi anatocistici escludendo ogni forma di capitalizzazione. Dal 2 trimestre 2000 le banche attuano la capitalizzazione sempre con cadenza trimestrale sia per gli interessi attivi che passivi seguendo quanto disposto con il Dlgs 342 del 1999 art. 25. Se espressa per iscritto l accettazione della capitalizzazione con pari cadenza, l anatocismo è lecito. Commissioni di Massimo Scoperto (CMS) Si tratta di una commissione che veniva applicata, con cadenza trimestrale, ed era solitamente calcolata sull importo di massimo scoperto del conto. L applicazione della Commissione per la Massima Scopertura non ha alcuna ragione d essere perché al cliente vengono già addebitati gli interessi quale corrispettivo della prestazione costituita dal finanziamento e, più in generale, risulta debellata dalla Suprema Corte di Cassazione, Sez. I, con Sentenza n. 870 del 18 gennaio 2006, che ha finalmente dato una corretta definizione della commissione di massimo scoperto, definendola come la remunerazione accordata alla banca per la messa a disposizione dei fondi a favore del correntista indipendentemente dall effettivo prelevamento della somma. Conseguentemente, la CMS medesima così come calcolata dalla banca (sulla punta di massimo utilizzo anziché sul residuo fido non utilizzato) va stornata. I motivi della illiceità sono : - Mancaza di espressa pattuizione - Mancata determinazione o determinabilità del criterio di calcolo (in quanto ci sono diversi modi per poterla calcolare); non basta quindi la semplice indicazione dell aliquota - Mancanza di causa Conseguenze dell illiceità: - Viene stornata a favore del cliente la CMS addebitata - Vengono stornati a favore del cliente gli interessi passivi derivanti dall addebito della CMS Interessi Passivi Ultralegali Gli interessi ultralegali sono quelli applicati sopra al tasso legale di interesse. Per i conti accesi prima del 7 luglio 1992 si ritiene che debba essere applicato l art cc il quale, titolato Saggio degli interessi, al comma 3 testualmente dispone: Gli interessi superiori alla misura legale devono essere determinati per iscritto; altrimenti sono dovuti nella misura legale (c. c. 1825) ; occorrerà quindi ricalcolare gli importi realmente dovuti al solo tasso legale. Il ristorno potrà comportare la restituzione di una alta percentuale di quanto pagato durante tutta la durata del rapporto bancario a titolo di interessi, commissioni e spese; All articolo 7, comma terzo dei contratti di conto corrente bancario fatti firmare dalle banche in data antecedente l entrata in vigore della sotto riportata legge 154/1992 si trova: gli interessi dovuti dal correntista alla banca, salvo patto diverso, si intendono determinati alle condizioni praticate usualmente dalle aziende di credito su piazza e producono a loro volta interessi nella stessa misura Per i conti accesi dopo il 7 luglio 1992, entrata in vigore della legge 154/1992, soccorre la disciplina suppletiva predisposta dall art. 117 TUB (Testo Unico Bancario approvato con D. LGs. 1/9/1993 N 385). Tale articolo, nel prevedere la invalidità delle clausole di rinvio agli usi, indica i

6 criteri da seguire per l esatta determinazione del corretto tasso di interesse in assenza di valida pattuizione tra le parti (esempio rimando agli usi piazza): Il tasso nominale minimo e quello massimo dei buoni ordinari del tesoro annuali o di altri titoli similari eventualmente indicati dal Ministro del tesoro, emessi nei dodici mesi precedenti la conclusione del contratto, rispettivamente per le operazioni attive e per quelle passive; Tale tasso sarà quindi adottato per i riconteggi dei conti correnti conclusi dopo l entrata in vigore del T.U.B. N 385/93 e dunque il ristorno anatocistico potrà comportare la restituzione di una buona percentuale di tutti gli oneri trimestralmente addebitati; In poche parole per essere validi gli interessi ultralegali devono essere: - Pattuiti per iscritto, a pena di nullità - L indicazione della misura dell interesse ultralegale deve essere univoca e precisa Quindi deve esistere per iscritto ed essere esibito un contratto di conto corrente. Inoltre non è sufficiente l espressione gli interessi dovuti dal correntista all azienda di credito salvo patto contrario si intendono determinati alle condizioni praticate usualmente dalle aziende di credito sulla piazze e producono a loro volta interessi nella stesa misura. In caso di mancata lecita indicazione del tasso di interesse si applica (ex art cc): - Il tasso legale di interesse fino al 1993; - Il tasso minimo del BOT a 12 mesi dell anno precedente dal Usura QUANDO GLI INTERESSI SI DEFINISCONO USURARI Con la legge del 07/03/1996 n. 108, il legislatore emana la norma specifica per la rilevazione oggettiva dell eventuale usura applicata dagli operatori finanziari, modificando sia l art. 644 del Codice Penale che l art del Codice Civile, definendo CHIARAMENTE che la legge stabilisce il limite oltre il quale gli interessi sono sempre usurari. LA LEGGE, NON LA BANCA! Detto limite veniva stabilito, fino al secondo trimestre 2011, nel tasso medio, risultante dall ultima rivelazione pubblica nella Gazzetta Ufficiale ai sensi del comma 1, relativamente alla categoria di operazioni in cui il credito è compreso, aumentato della metà (dall art. 2 comma quarto Legge 108/96). Dal terzo trimestre 2011 il limite viene stabilito nel tasso medio, risultante dall ultima rivelazione pubblica nella Gazzetta Ufficiale ai sensi del comma 1, relativamente alla categoria di operazioni in cui il credito è compreso, aumentato di un quarto più quattro punti percentuali (art. 2 comma quarto Legge 108/96 modificato da D. Leg. 70/2011 convertito con modifiche nella Legge 106/2011). Questo tasso limite viene chiamato tasso soglia. Il corrispettivo è usuraio quando il tasso effettivo applicato dalla banca risulta superiore al tasso soglia (vedi andamento storico). Il tasso soglia viene pubblicato su Gazzetta Ufficiale trimestralmente del Ministero del Tesoro per categoria di finanziamento (art. 2 della L. 108/96).

7 7 Il consulente del debitore COME VIENE MISURATO IL TASSO USURARIO? Art. 1 comma 1, L. 108/96 per la determinazione del tasso di interesse usurario si tiene conto delle commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese, escluse quelle per imposte e tasse, collegate alla erogazione del reddito. Quindi nel calcolo dell interesse passivo, ai fini della valutazione di tassi usurari, devono essere considerati tutti i costi applicati dalla banca ad esclusione delle imposte. Riepilogando, in sintesi: Art. 2 comma 1 della legge 108/ 96: Il ministro del tesoro. sentito la Banca d Italia e l Ufficio Italiano Cambi, rileva trimestralmente il tasso effettivo globale medio (TEGM), comprensivo di commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e spese, escluse quelle per imposte e tasse, riferito ad anno, degli interessi praticati dalle banche e dagli intermediari finanziari, Quindi per calcolare il tasso (TEGM) bisogna considerare: INTERESSI + SPESE +CMS (non si considerano le imposte e le tasse) Dunque anche la Cms va inclusa nel computo finalizzato alla misurazione del tasso effettivo globale (TEG); senza alcun dubbio viste anche le recenti sentenze della Cassazione Penale (Sentenza n /10 - Sentenza n /10). A decorrere dal anno dell entrata in vigore della legge antiusura - il Sistema Bancario ha interpretato in suo favore il dettato della norma 108/96 facendo sua la tesi (avvallata da una circolare della Banca d Italia) che la CMS non vada computata nella misurazione del tasso effettivo globale medio (TEGM). Il risultato, quale conseguenza di questa interpretazione è stato che le Banche hanno costantemente aumentato l importo della CMS a carico della clientela raggiungendo per qualche banca l oltre l 8% annuo (2% trimestrale), così come si evince dalla rilevazione della Banca d Italia anno 2007.

8 Prescrizione Il termine di prescrizione per l'azione di restituzione delle somme che il correntista sostiene essere state indebitamente conteggiate dalla banca, per illegittimo addebito di interessi in misura ultralegale o per altre ragioni, decorrere dalla data di chiusura del conto e non già da quello dei singoli asseriti pagamenti PER IL TERMINE DI DIECI ANNI. Il contratto di conto corrente di corrispondenza ha natura unitaria e dà luogo ad un unico rapporto giuridico articolato in una pluralità di atti esecutivi, di modo che i singoli pagamenti danno luogo solo a variazioni quantitative dell'unico originario rapporto, fino alla quantificazione del saldo finale (Cass /05). Con la sentenza n /10 del 23 Novembre 2010 depositata il 2 dicembre 2010, le Sezioni Unite della Suprema Corte di Cassazione hanno stabilito che la prescrizione per la ripetizione degli Indebiti bancari anatocistici decorre dalla data di chiusura del conto. Il correntista, quindi, ha diritto a riavere il quantum indebitamente versato alla banca nel termine di DIECI ANNI decorrenti non dal singolo pagamento ma dalla chiusura del rapporto. Fatta eccezione per il caso in cui quel conto corrente continui ad esistere nelle vesti di un nuovo numero di C/C. Questo è rilevabile attraverso l individuazione di un giroconto, cioè il saldo del vecchio numero di Conto lo si ritrova nel nuovo. Spese Ingiustificate Ulteriore spese sull extra fido Spese liquidazione interessi dare Spese liquidazione interessi debitori Spese liquidazione interessi debitori o penalità Spese di chiusura comprese spese di pratiche o eventuali penalità per sconfinamenti autorizzati Spese concessione fido Spese liquidazione conto, penalizzazioni per recupero spese Diritti di liquidazione su conti affidati Spese amministrazione conto e/o scoperti TERMINI PER LA PRESCRIZIONE DEL DIRITTO ALLA RIPETIZIONE DELL INDEBITO se il conto corrente è ancora acceso: il termine a partire dal quale inizia il diritto alla ripetizione dell indebito, coincide con la data di apertura del conto corrente, a partire dalla prima operazione effettuata sul conto, fino alla data odierna; se il conto corrente è stato chiuso, ma non sono ancora trascorsi dieci anni dalla data di chiusura : il termine a partire dal quale inizia il diritto alla ripetizione dell indebito, coincide con la data di apertura del conto corrente, a partire dalla prima operazione effettuata sul conto, fino alla data di chiusura del conto; se il conto corrente è stato chiuso da dieci anni o oltre, il diritto alla ripetizione dell indebito si é prescritto, dunque nulla potrà essere richiesto alla Banca a titolo di rimborso per gli interessi anatocistici;

9 9 Il consulente del debitore L Usura nei MUTUI e LEASING Da oggi è ancora più facile ottenere la restituzione degli interessi pagati per il mutuo. La rivoluzionaria sentenza della Corte di Cassazione n. 350/2013 permette il recupero integrale degli interessi pagati su mutui, leasing e finanziamenti, quando i tassi o le penali superano la soglia di usura. Con la sentenza n. 350/2013 del 9 gennaio 2013, la Corte di Cassazione ha stabilito che per verificare se il tasso praticato dalla banca sul mutuo ipotecario è usurario, si devono conteggiare anche gli interessi di mora. Il confronto del tasso praticato dalla banca con il tasso soglia per mutuo ipotecario, deve avvenire, dunque, tenendo conto anche degli interessi moratori contrattualmente previsti in caso di ritardato pagamento delle rate. In pratica, il tasso del mutuo è comunque da considerare usurario se la somma tra gli interessi convenzionali (richiesti dalla banca come corrispettivo per il prestito) e quelli moratori fissati nel contratto di mutuo (dovuti dal mutuatario in caso di ritardato pagamento) supera il tasso soglia di usura. Un contratto di mutuo che applica interessi di usura può essere annullato dal giudice su ricorso del mutuatario usufruendo di tutte le possibilità previste dalla Legge 108/96, tra cui la restituzione di tutti gli interessi versati. Inoltre se il mutuo è ancora in essere, da quel momento in poi il mutuatario dovrà versare soltanto la quota capitale. COME VERIFICARE SE IL TASSO DEL MUTUO È USURARIO Per determinare il tasso d usura bisogna inserire tutte le somme addebitate dalla banca tra cui spese, interessi penali, interessi di mora ecc. L ammontare complessivo rappresenta il TEG tasso effettivo globale". Se questo è superiore al Tasso Soglia (il tasso oltre il quale si è in regime di usura) il mutuo è in USURARIO e si ha diritto alla restituzione di tutti gli interessi pagati. In caso di insolvenza o di ritardati pagamenti, le penali applicate quasi sempre sono superiori ai limiti del tasso usura e oggi - con la nuova sentenza - diventa molto più facile far valere questo principio e ottenere dalla banca il rimborso integrale degli interessi pagati negli anni. Se il cliente ha firmato un contratto di mutuo ipotecario - o finanziamento o leasing - e la banca o la finanziaria ha messo in contratto tra tasso di interesse, spese collegate all erogazione del mutuo/finanziamento/leasing un TEG superiore alla soglia consentita in quel periodo per quelle specifiche operazioni, il contratto risulta USURARIO. È importante sapere che: i mutui hanno un tasso Soglia i Leasing ne hanno altri i Finanziamenti Chirografari ne hanno altri i crediti al consumo ne hanno altri ancora i Conti Correnti ne hanno ancora altri suddivisi per aperture di credito minori a Euro quelle maggiori di Euro Stipulare un mutuo significa, in parole semplici, prendere in prestito una somma di denaro, con o senza garanzia ipotecaria, ed impegnarsi a restituirla in un determinato tempo (normalmente lungo) ed a pagare interessi. I mutui possono essere a tasso variabile, fisso o misto.

10 Il contratto di mutuo può presentare varie problematiche legate a numerosi aspetti, ma le questioni più frequenti sono legate: al computo degli interessi anatocistici sempre presenti nel sistema di ammortamento c.d. alla francese: rata costante comprendente una quota crescente di capitale e decrescente di interessi; all indeterminatezza ed all indeterminabilità del tasso di interesse applicato; al cumulo degli interessi di mora con gli interessi dovuti sulle somme concesse in mutuo; ai tassi di interesse usurari; alla continuazione della contabilizzazione delle rate a scadere dopo la decadenza del beneficio del termine; TASSO DI INTERESSE APPLICATO In merito al tasso di interesse applicato, questo può essere indicato: in cifre; attraverso un piano di ammortamento; per relationem, criterio soddisfatto solo dove esistano vincolanti discipline sul saggio, fissate su scala nazionale; Nei mutui spesso: il tasso indicato nel contratto non corrisponde a quello effettivamente applicato (Tasso Annuo Effettivo); il tasso di interesse indicato risulta difforme da quello sul quale è stato costruito il piano di ammortamento; il tasso di interesse risulta ancorato ad indici non oggettivamente ed obiettivamente individuabili (PRIME RATE ABI, RIBOR, LIBOR, EURIBOR, ecc ); il tasso di interesse risulta parametrato all andamento dell ECU o di altra valuta; In luogo di tali tassi, previo accertamento giudiziale della ragione, si applica il TASSO LEGALE se si tratta di rapporti antecedenti all entrata in vigore del D. Lgs. N 385/93 (TUB), altrimenti si applicano i tassi sostitutivi di cui al settimo comma dell ART. 117 TUB. INTERESSI DI MORA Gli interessi di mora non possono essere calcolati sulle quote interessi delle singole rate non pagate giusta sentenza della Corte di Cassazione N 2593 del 20 febbraio 2003; DECADENZA BENEFICIO DEL TERMINE Se è stata richiesta al mutuatario, al momento della decadenza dal beneficio del termine, l integrale restituzione del capitale residuo (oltre alle rate scadute) e se è stata avviata un azione esecutiva nei confronti del mutuatario stesso, la Banca mutuante non può continuare a pretendere la restituzione, attraverso la continuazione della contabilizzazione delle rate a scadere, né delle quote di capitale incorporate nelle rate di ammortamento, perché ne ha già richiesto la restituzione con il capitale al momento della decadenza dal beneficio del termine, né della parte interessi delle rate di ammortamento, perché gli stessi sono calcolati sulla base dell intera durata del mutuo inizialmente prevista, che è venuta meno, appunto, con la decadenza del beneficio del termine. PERCHÈ SCEGLIERE UN'ANALISI MUTUI/LEASING? Per una VERIFICA CONTABILE E RILIEVI INDETERMINATEZZE - I nostri professionisti sono in grado di tirare fuori da ogni contratto di mutuo le indeterminatezze e le incongruenze che possano ricondurre le rielaborazioni alla rivendicabilità del tasso legale o di quello sostitutivo ex settimo comma dell art. 117 TUB.

11 11 Il consulente del debitore OPERATIVITA Documenti necessari PER CONTI CORRENTI: - Tutti gli estratti conto trimestrali - Contratto di apertura del conto corrente e successive variazioni - Contratto di apertura di credito (fido di conto, anticipo sbf, ecc) e variazioni PER MUTUI O LEASING: - Contratto di mutuo o leasing completo di piano di ammortamento e documento di sintesi; - Quietanza di tutti i pagamenti Questa documentazione, se non presente, può essere richiesta alla banca dal cliente con raccomandata A/R (gliela prepariamo noi). Per determinare in via preliminare la convenienza per il nostro cliente ad effettuare una proiezione e poi una perizia mettiamo a disposizione 2 strumenti: - Uno schema nel quale in base alla nostra esperienza indichiamo gli importi degli affidamenti e gli anni minimi per poter rilevare importi convenienti di anomalie bancarie; - Una scheda che deve compilare il cliente in cui riporta trimestre per trimestre il totale degli interessi e commissioni pagate; in questo modo ci rendiamo conto di quanto il cliente ha pagato e se vale la pena fare una perizia.

12 Schema SCHEDA N interno Conto n Cliente Banca Totali===>>> Anno Trim. Interessi CMS Comm./Spese Questa scheda deve essere compilata per ciascun conto. I dati per la compilazione vengono desunti dallo scalare. Abbiamo verificato che per esserci un interesse alla richiesta di perizia il totale degli addebiti da parte della banca deve essere superiore ai euro (salvo i casi in cui la perizia non serva per bloccare l esecuzione di atti da parte della banca).

13 13 Il consulente del debitore COMMERCIALIZZAZIONE Potenzialmente tutti i clienti delle banche che hanno fidi, mutui o leasing potrebbero essere interessati alla realizzazione di una perizia per verificare quanto la banca gli ha fatto pagare indebitamente. (vedi COME INDIVIDUARE IL CLIENTE pag.16) PERCHÈ RICHIEDERE IL SERVIZIO DI RECUPERO INTERESSI DA ANATOCISMO? Nel corso degli ultimi anni, si è verificata una spirale che ha letteralmente strozzato molte imprese, mettendo in crisi - a volte addirittura fino alla cessazione dell attività Aziende che davano lavoro a molte persone. In questi anni di scarsa liquidità e di difficile accesso al credito, conoscere i propri diritti e - nel caso - farli valere, può fare la differenza tra continuare un attività di successo o vedere in pericolo il frutto di tanti anni di lavoro. I VANTAGGI: L analisi specifica dei conti correnti può aiutare a trattare preventivamente con la Banca in situazioni critiche o facilitare una transazione o accedere a servizi bancari a condizioni migliori, garantendo una forza contrattuale nei confronti della Banca. Si tratta di un valido strumento utile per: comprendere le ragioni e i numeri per negoziare eventuali piani di rientro; comprendere le ragioni e i numeri per rinegoziare le condizioni contrattuali; avere un quadro di quanto potrebbe rientrare nelle risorse finanziarie dell'azienda; comprendere le ragioni per richiedere nell'imminenza quanto spetta all'azienda. comprendere le ragioni e i numeri per affrontare procedure concorsuali; comprendere le ragioni e i numeri per le curatele fallimentari; comprendere le ragioni e i numeri per ottenere revoche di istanze fallimentari, avanzate da Banche; comprendere le ragioni e i numeri per ottenere la sospensione della provvisoria esecutività dei decreti ingiuntivi, avanzati da Banche; Ogni cliente ha un suo vantaggio dall effettuazione di una perizia sulle anomalie bancarie. Il nostro target di clienti ha principalmente la necessità di contrastare delle azioni esecutive da parte delle Banche, ma anche avere maggior potere contrattuale per ottenere saldi e stralci vantaggiosi. Ciò non ci impedisce di cercare clienti che come unica necessità hanno quella di verificare quanto le banche gli hanno fatto pagare indebitamente nel corso degli anni e quindi quanto possono richiedergli. Indicazioni pratiche: Fidi di conto: tutte le aziende che hanno almeno euro di fido di conto corrente da più di 7 anni. (se aumenta l ammontare del fido possono andare bene anche 5 anni, non meno). Fidi commerciali per anticipo riba al sbf o fatture: almeno per 7 anni.

14 Mutui: sopra i euro; se ci sono rate in mora e insolute si può provare anche per mutui sopra i euro. È importante evidenziare che se un mutuo è stato concesso consolidare dei fidi di conto stagnanti o sconfinati o degli anticipi fatture o riba insolute, da un punto di vista giuridico il mutuo è da considerarsi nullo. Il mutuo infatti è un istituto giuridico che serve per dare liquidità al richiedente; nel caso in oggetto la banca non dà nuova liquidità ma copre delle proprie esposizioni tutelandosi con una garanzia ipotecaria. Questi tipi di mutuo hanno quindi una finalità diversa da quella prevista dalla legge. In pratica la banca deve restituire (come avviene per i mutui usurari) gli interessi pagati fino a quel momento dal cliente e il cliente da quel momento in poi pagherà soltanto la quota capitale delle rate ancora da scadere. GESTIONE DELLA VENDITA Nella vendita del servizio è utile seguire il seguente schema: 1) Cos è l anatocismo 2) Come funziona 3) Illustrare i vantaggi 4) Garanzia di successo (ns professionalità) 5) Risultati (articoli di giornale e sentenze) 6) Costi GESTIONE DELLE OBIEZIONI DEL CLIENTE Ogni cliente fa delle obiezioni. Seguendo lo schema illustrato in precedenza si limitano notevolmente le obiezioni in quanto alla maggior parte di esse abbiamo già dato una risposta. Le principali obiezioni sono: a) Le banche mi creano problemi? Mi possono togliere i fidi? b) Perché ti devo pagare subito? c) Perché farla con noi? d) Perche non se ne parla in giro? e) Ma è vero quello che dite o è una truffa? f) L anatocismo non è più perseguibile? g) Io ho già il mio commercialista e il mio ragioniere che controllano i conti h) Non ho questi problemi i) Chi controllerà i miei conti correnti? (privacy) j) Quanto e quando prenderò i soldi che derivano dalle vostre perizie? Risposte: a) Premesso che i nostri clienti hanno già dei problemi con le banche, la perizia per anatocismo e usura è uno strumento molto importante per avere maggior potere nelle trattative con le banche per accordi transattivi a saldo e stralcio o per bloccare decreti ingiuntivi e pignoramenti che le banche fanno. Infatti allegando al ricorso contro tale procedura della banca una perizia in cui viene evidenziata usura, il giudice non potrà dare esecuzione alla procedura fino alla verifica di quanto risultante dalla nostra perizia. Per quanto riguarda i clienti che ancora non hanno problemi con le banca bisogna evidenziargli che è intrinseco nel contratto di conto corrente e in quelli di apertura di credito che le banche possono in qualsiasi momento chiudere il conto o l affidamento e chiedere il

15 15 Il consulente del debitore rientro immediato. Sappiamo che è così ma è difficilissimo ed estremamente raro che le banche lo facciano a seguito di un procedimento contro la banca per riavere quanto indebitamente percepito. Infatti tale comportamento della banca è assimilabile ad una ritorsione e per noi e il nostro cliente è solo un vantaggio in quanto può chiedere anche i danni. Anche in questo caso, come per l usura, si tratta di reato penale, con responsabilità riconducibili all amministrazione della banca. COME RISOLVERE UNA SITUAZIONE DI STALLO CON IL CLIENTE: dobbiamo fare consulenza. Dobbiamo consigliare al cliente di fare la perizia su conti che il cliente ha chiuso o che attualmente usa in modo minore. Vedendo i risultati sarà lui a chiedere di fare le perizie anche sugli altri conti. b) Ci deve pagare subito in quanto questa somma è quello che ci chiede il perito per verificare e analizzare la sua situazione. Il perito ci mette almeno 10 giorni per analizzare il suo conto corrente. Il fatto che ci paga subito per lei è una garanzia di serietà in quanto quale professionista serio non vuole essere pagato per il suo lavoro? Chi non fa pagare l analisi spesso la fa evidenziando importi molto alti per indurre i clienti a fare la perizia che si fa pagare molto cara. c) Non ci siamo solo noi a fare questo servizio, siamo in pochi in Italia ma in aumento in quanto tanti si stanno improvvisando in questo lavoro. Noi ci siamo da oltre 10 anni quanto nessuno parlava di queste cose. La nostra esperienza è la sua garanzia. d) Ultimamente il fenomeno si sta diffondendo e si sta iniziando a parlarne. Se ne è parlato a Striscia la notizia e a Report su RaiTre hanno fatto alcune puntate. Fare vedere articoli di giornale. e) È tutto vero, è da molti anni che lo facciamo. Fare vedere le sentenze! f) Noi non facciamo solo anatocismo, ma verifichiamo tutto lo sporco che le banche mettono sul suo conto corrente, sul mutuo, sui leasing, sui derivati; verifichiamo anche la presenza di usura. g) Per fare una perizia i nostri tecnici, che fanno solo quello, impiegano circa 40 giorni. Il suo commercialista o il suo ragionieri non possono verificare l operato della banca perché, anche avendo i programmi e le conoscenze specifiche per poterlo fare, non ne avrebbero materialmente il tempo. Il commercialista o il ragioniere in ogni caso fanno altre cose. Il nostro lavoro inizia quando finisce il loro. Noi abbiamo molti commercialisti con cui collaboriamo e che ci segnalano situazioni di loro clienti. h) E veramente sicuro che non ha di questi problemi? E se avessimo ragione noi? Pensa che non valga la pena spendere 290 euro per verificarlo? i) La sua privacy è estremamente garantita in quanto i suoi conti correnti sono visti soltanto dai nostri periti, professionisti che da anni fanno questo lavoro in modo serio e che intervengono anche in tribunale come CTP. Non siamo la Finanza; leggiamo i movimenti per controllare se c è dello sporco. j) Dalla nostra esperienza emergono tre casistiche: - Un accordo transattivo in circa la metà dei casi; - Nel 25% dei casi si va in processo e si arriva fino alla fine: 5-6 anni; - Nel restante 25% dei casi si inizia un processo e poi la banca durante l iter lo interrompe chiedendo un accordo. C è sicuramente una tendenza all aumento degli accordi con le banche in quanto si stanno sempre più rendendo conto che andando per vie legali perdono tutte le cause ed hanno anche un forte impatto negativo dalle pubblicità sui giornali.

16 Come individuare il cliente e/o segnalatori Al fine di individuare il potenziale cliente e/o segnalatori sarà necessario attivare una serie di canali. La rubrica telefonica Consigliamo come prima azione quella di prendere la rubrica telefonica. Infatti molto spesso i nostri primi migliori clienti stanno tra i nostri conoscenti. Incontri conviviali Molti di voi fanno parte di associazioni e gruppi. Informarli del vostro lavoro, vi porterà sicuramente dei clienti. (Amici, Associazioni, Sport, Circoli, Aperitivi, Chiesa etc. ) Visite a freddo Presso aziende di aree o settori produttivi in difficoltà. (ad esempio,costruzioni, mobile, nautica, tessile, etc) Visite su appuntamento Tramite telefonate dirette o call center su aziende di settori disagiati. O su aziende appena chiuse o in liquidazione. Visite su segnalazione Di: Commercialisti Avvocati Associazioni di categoria Convenzioni Mailing Fax Lettere Volantini Sms Social Network Attività di sviuppo su social network Linkedin Facebook Google plus Referenze Attive Totali

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG)

Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG) INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO BANCA DI CREDITO COOPERATIVO DI LOCOROTONDO Cassa Rurale ed Artigiana - Società Cooperativa Piazza Marconi, 28-70010 Locorotondo (BA) Tel.: 0804351311 - Fax:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA

La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA La compensazione impropria nei rapporti di dare avere quale rimedio al maggior danno nei contratti di mutuo. ANALISI TECNICA Per un proficuo approccio alla problematica presa in esame si propone, qui di

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) PICARDI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) QUADRI (NA) CARRIERO (NA) MAIMERI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) PICARDI Membro designato da Associazione

Dettagli

Aggiornato al 19/12/2014 1

Aggiornato al 19/12/2014 1 SERVIZI Estero Foglio Informativo n. 041108 Finanziamenti Import TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI Titolo VI (artt. 115-128) Testo Unico Bancario FOGLI INFORMATIVI INFORMAZIONI SULLA BANCA

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT

FINANZIAMENTI IMPORT Aggiornato al 01/01/2015 N release 0004 Pagina 1 di 8 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica: BANCA INTERPROVINCIALE S.p.A. Forma giuridica: Società per Azioni Sede legale e amministrativa:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA CREMASCA Credito Cooperativo Società Cooperativa Piazza Garibaldi 29 26013 Crema (CR) Tel.: 0373/8771 Fax: 0373/259562

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO

FOGLIO INFORMATIVO. Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO FOGLIO INFORMATIVO Redatto ai sensi del Testo Unico Bancario - Decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385 MUTUO CHIROGRAFARIO VOLT MUTUO INFORMAZIONI SULLA BANCA CREDITO TREVIGIANO Banca di Credito Cooperativo

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI

SCHEDA INFORMATIVA PRODOTTO: DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI : DELEGAZIONE DI PAGAMENTO RETRIBUZIONE NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI INFORMAZIONE SULL INTERMEDIARIO INFORMAZIONI SUL FINANZIATORE ISTITUTO BANCARIO DEL

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA

FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTO IMPORT IN EURO O DIVISA NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI Redatto ai sensi del decreto legislativo 1 settembre 1993, titolo VI del Testo Unico ed ai sensi delle Istruzioni di Vigilanza

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z

Il Credito. in parole semplici. La SCELTA e i COSTI. I DIRITTI del cliente. I CONTATTI utili. Il credito ai consumatori dalla A alla Z LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il Credito ai consumatori in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il credito ai consumatori dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI

AFFIDAMENTI PER ANTICIPI SU FATTURE E CONTRATTI DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI WEB INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. Identità e contatti del finanziatore/ intermediario del credito Finanziatore Indirizzo Telefono Email Fax Sito web Creditis Servizi Finanziari

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO

FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO INFORMAZIONI SULLA BANCA FOGLIO INFORMATIVO relativo a SCONTO DI PORTAFOGLIO BANCA DEGLI ERNICI di Credito Cooperativo SCpA VIA ROMANA SELVA, SNC - 03039 - SORA (FR) Tel. : 07768520 - Fax: 0776852030 Email:info@bancadegliernici.it

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT

MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT MUTUO CHIROGRAFARIO IMPRESA BPER FINANZIAMENTO TURISMO MT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Emilia Romagna società cooperativa Sede legale e amministrativa in Via San Carlo 8/20 41121 Modena

Dettagli

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia

5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia Normativa sulla Trasparenza Bancaria Foglio informativo sulle operazioni e servizi offerti alla clientela 5b Fido per anticipazione di documenti sull Italia INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Valconca

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI PESCIA-CREDITO COOPERATIVO SOC.COOP. Via Alberghi n. 26-51012 - PESCIA (PT) Tel. : 0572-45941 - Fax: 0572-451621 Email:

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria)

FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) FOGLIO INFORMATIVO Finanziamenti import, anticipi export, finanziamenti liberi (con e senza garanzia ipotecaria) INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare dell Alto Adige Società cooperativa per azioni Via

Dettagli

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili

La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni contabili S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE La centrale rischi interbancaria e le centrali rischi private: istruzioni per l uso La CR come strumento per la previsione dell insolvenza e la diagnosi delle manipolazioni

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni

IFRS 2 Pagamenti basati su azioni Pagamenti basati su azioni International Financial Reporting Standard 2 Pagamenti basati su azioni FINALITÀ 1 Il presente IRFS ha lo scopo di definire la rappresentazione in bilancio di una entità che

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002)

del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) Legge federale sul credito al consumo (LCC) 221.214.1 del 23 marzo 2001 (Stato 10 dicembre 2002) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visti gli articoli 97 e 122 della Costituzione federale

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express.

Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit, Carta Gold Credit, Carta Explora e Blu American Express. Regolamento Generale delle Carte di Credito ad Opzione Carta Platinum Credit,

Dettagli

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA

Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA Mod. B-109/MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM aggiornamento n. 29 del 01/01/2014 Foglio informativo MUTUO MEDIOLANUM FREEDOM Sez. I - INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA MEDIOLANUM S.p.A. Sede legale e Direzione Generale:

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Tassi a pronti ed a termine (bozza)

Tassi a pronti ed a termine (bozza) Tassi a pronti ed a termine (bozza) Mario A. Maggi a.a. 2006/2007 Indice 1 Introduzione 1 2 Valutazione dei titoli a reddito fisso 2 2.1 Titoli di puro sconto (zero coupon)................ 3 2.2 Obbligazioni

Dettagli

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE

ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE Pag. 1 / 5 Anticipi import export ANTICIPI IMPORT EXPORT IN EURO E/O VALUTA ESTERA FINANZIAMENTI IN VALUTA ESTERA SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Monte dei Paschi di Siena

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT

FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT FOGLIO INFORMATIVO relativo al FINANZIAMENTO IMPORT INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo Agrobresciano Soc. Coop. Piazza Roma, 17-25016 - GHEDI (BS) Tel. : 03090441 - Fax: 0309058501 Email:

Dettagli

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio di Cento S.p.A. Sede Legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/B - 44042 CENTO (FE) Tel. 051 6833111 - Fax 051 6833237 CODICE FISCALE, PARTITA IVA e Numero

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO

FONDAZIONE FORENSE DI PESARO FONDAZIONE FORENSE DI PESARO Palazzo di Giustizia, Piazzale Carducci n. 12 GUIDA PRATICA ALL ACQUISTO DI IMMOBILI ALL ASTA Perché acquistare un immobile all asta? Acquistare all asta è spesso più conveniente.

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ).

Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). Regolamento del Club IoSi creato da CartaSi SpA con Sede Legale in Milano, Corso Sempione 55 (qui di seguito CartaSi ). 1 ADESIONE A IOSI 1.1 Possono aderire al Club IoSi (qui di seguito IoSi ) tutti i

Dettagli

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili

Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili Aviva Top Valor Contratto di Assicurazione a Vita Intera a Premio Unico a Prestazioni Rivalutabili IL PRESENTE FASCICOLO INFORMATIVO CONTENENTE: Scheda Sintetica; Nota Informativa; Condizioni di Assicurazione

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO

LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO DEBT RESTRUCTURING AND BANKRUPTCY ALERT Febbraio 2012 LA NUOVA PROCEDURA DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI DA SOVRAINDEBITAMENTO Negli ultimi mesi i giornali hanno parlato molto di due interventi legislativi

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import)

FOGLIO INFORMATIVO. 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) Pagina 1/7 FOGLIO INFORMATIVO 4va - Pagamento di documenti all importazione (documenti import) INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO A IMPRESE CON FONDI C.D.P. FIN. SABATINI INFORMAZIONI SULLA BANCA

MUTUO CHIROGRAFARIO A IMPRESE CON FONDI C.D.P. FIN. SABATINI INFORMAZIONI SULLA BANCA MUTUO CHIROGRAFARIO A IMPRESE CON FONDI C.D.P. FIN. SABATINI INFORMAZIONI SULLA BANCA BANCA DI SASSARI S.p.A. (codice ABI 5676.2) Società per azioni con sede legale ed amministrativa in viale Mancini,

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile

Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile Pag. 1/13 INFORMAZIONI SULLA BANCA Mutui Altre Esigenze a Tasso Fisso o Variabile Banca di Credito Popolare Società Cooperativa per Azioni Gruppo Bancario Banca di Credito Popolare Corso Vittorio Emanuele

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA

STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE Tutto quello che c è da sapere per comprendere meglio l estratto di conto corrente. In collaborazione con la Banca MPS e le Associazioni dei Consumatori: Acu Adiconsum

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094

INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 INPS - Messaggio 12 febbraio 2015, n. 1094 Decreto n. 85708 del 24 ottobre 2014 del Ministro del lavoro e delle politiche sociali di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze per il prolungamento

Dettagli

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto

QUANTO PUÒ COSTARE IL FIDO. Servizio non commercializzato unitamente al conto corrente, si rinvia al foglio informativo del relativo contratto INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca di Credito Cooperativo di Barlassina Società Cooperativa Via C. Colombo, 1/3 20825 BARLASSINA (MB) Tel.: 036257711 - Fax: 0362564276 Email: info@bccbarlassina.it - Sito internet:

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

POPOLARE VITA S.p.A.

POPOLARE VITA S.p.A. CONTRATTO DI ASSICURAZIONE SULLA VITA IN FORMA MISTA, A PREMIO UNICO CON RIVALUTAZIONE ANNUALE DEL CAPITALE (TARIFFA N. 560) Orizzonte Sicuro Il presente Fascicolo Informativo, contenente: la Scheda Sintetica;

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

E ALTRI FINANZIAMENTI

E ALTRI FINANZIAMENTI Normativa sulla Trasparenza Bancaria (T. U. Leggi Bancarie D. Lvo 385/93 e norme di attuazione) E ALTRI FINANZIAMENTI FOGLIO INFORMATIVO SULLE OPERAZIONI E SERVIZI OFFERTI ALLA CLIENTELA Foglio Informativo

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

La capitalizzazione semplice trimestrale nel conto corrente bancario Problematiche sulle capitalizzazioni degli interessi e sull anatocismo

La capitalizzazione semplice trimestrale nel conto corrente bancario Problematiche sulle capitalizzazioni degli interessi e sull anatocismo Dott. Adalciso Bruzzone La capitalizzazione semplice trimestrale nel conto corrente bancario Problematiche sulle capitalizzazioni degli interessi e sull anatocismo Dr. Adalciso Bruzzone Quadro Direttivo

Dettagli

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche

Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Modulo di richiesta chiusura conto corrente BancoPosta Persone Fisiche Il presente modulo, sottoscritto e corredato della documentazione necessaria, può essere: consegnato in un qualunque Ufficio Postale

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A.

L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. L ESECUZIONE FORZATA NEI CONFRONTI DELLA P.A. 1. La responsabilità patrimoniale della P.A. ed i suoi limiti Anche lo Stato e gli Enti Pubblici sono soggetti al principio della responsabilità patrimoniale

Dettagli

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott.

COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI. Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca. Giovanardi Dott. COMMISSIONE PRECEDURE CONCORSUALI Gruppo di studio formato da: Malagoli Rag. Claudio (responsabile) Altomonte Dott. Luca Giovanardi Dott.ssa Enrica Luppi Dott.ssa Stefania Menetti Dott. Pietro Marco Pignatti

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli