REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI INCASSO E PAGAMENTO E PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI BANCARI Deliberazione n. 120 del

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI INCASSO E PAGAMENTO E PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI BANCARI Deliberazione n. 120 del 01.03.2007"

Transcript

1 REGOLAMENTO PER LE PROCEDURE DI INCASSO E PAGAMENTO E PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI BANCARI Deliberazione n. 120 del Articolo 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità e le procedure per l effettuazione degli incassi e dei pagamenti dell Azienda U.L.S.S. 21 (di seguito indicata come Azienda), nonché la disciplina di contabilizzazione dei medesimi. 2. La documentazione relativa agli ordinativi di incasso e di pagamento, nonché alla procedura di liquidazione delle fatture passive, può essere sostituita a tutti gli effetti da evidenze informatiche o da analoghi strumenti di rappresentazione e di trasmissione, compresi i supporti ottici. Si richiama a tale proposito la specifica normativa in materia di documenti informatici e più precisamente: il D.P.R. 28 dicembre 2000, n. 445, recante T.U. in materia di documentazione amministrativa e successive modificazioni ed integrazioni, il D.Lgs 23 gennaio 2002, n. 10 attuativa della direttiva 1999/93/CE relativa ad un quadro comunitario per le firme elettroniche, il D.P.C.M Regole tecniche per la formazione, la trasmissione, la conservazione, la duplicazione, la riproduzione e la validazione, anche temporale, dei documenti informatici. Capo I Incassi Articolo 2 - Individuazione dei cicli operativi relativi agli incassi 1. L Azienda procede all incasso delle somme da riscuotere attraverso i seguenti cicli operativi: a) contabilizzazione; b) incasso. Articolo 3 - Modalità di contabilizzazione e di incasso 1. La contabilizzazione dei proventi è effettuata dal Servizio Economico Finanziario e Fiscale secondo le modalità indicate negli articoli successivi. 2. Le somme dovute all Azienda sono riscosse attraverso le seguenti forme: a) presso i servizi di cassa appositamente istituiti all interno delle strutture ospedaliere o distrettuali, in contanti, P.O.S., assegni e altre forme generalmente riconosciute; b) a mezzo del conto corrente bancario intestato all Azienda; c) a mezzo dei conti correnti postali; d) con altre modalità generalmente riconosciute quali vaglia, contrassegni, ecc. Articolo 4 - Incassi a mezzo servizi cassa 1. L Azienda provvede, compatibilmente con i vincoli organizzativi e fermo restando il principio di garantire il minor disagio per l utente, ad incassare i proventi, di norma, prima dell effettuazione delle relative prestazioni, al fine di minimizzare le eventuali perdite sui crediti. 2. A tal fine l Azienda istituisce nelle principali articolazioni organizzative e nelle altre strutture, dove ciò sia conveniente ed opportuno in riferimento all entità e al numero delle operazioni che si svolgono, appositi servizi di cassa, tramite sportelli di cassa o sportelli misti di prenotazione e riscossione o riscuotitori automatici. 3. L individuazione dei servizi cassa di cui al comma precedente è disposta con deliberazione del Direttore Generale in applicazione dello specifico Regolamento di disciplina delle Casse Interne. 1

2 4. Le somme introitate dai servizi di cassa sono versate al Tesoriere, anche attraverso le Società di trasporto valori convenzionate. 5. A seguito dell importazione automatica delle proposte d incasso giornaliere dei proventi, distinte per singole voci di conto e sottoscritte in via informatica dagli incaricati individuali, si provvede alle registrazioni in contabilità generale distintamente per ciascun conto di ricavo. Articolo 5 - Incasso a mezzo banca 1. L Azienda delega l Istituto Tesoriere a riscuotere tutte le somme dovute alla medesima abilitandolo a rilasciare in suo luogo e vece quietanza liberatoria. 2. L Istituto Tesoriere deve ricevere, anche senza la preventiva autorizzazione dell Azienda, purché la stessa non l abbia espressamente diffidato di rifiutare, le somme e i valori che i terzi intendono versare a qualsiasi titolo a favore dell Azienda, rilasciandone ricevuta contenente l indicazione del versante, del codice fiscale e della causale del versamento, nonché la clausola salvo conferma di accettazione da parte dell Azienda. 3. Le somme affluite sul conto intestato all Azienda sono comunicate dall Istituto Tesoriere mediante apposito giornale cartaceo e/o informatico riportante per ciascun versamento i seguenti elementi: a) numero d ordine di bolletta di riscossione; b) nome e cognome o ragione sociale del versante; c) oggetto/causale del versamento; d) importo. 4. Le somme non di competenza dell Azienda sono restituite, anche parzialmente, dall Istituto Tesoriere al soggetto versante a seguito di specifica comunicazione trasmessa a tal fine dall Azienda a firma del Responsabile del Servizio Economico Finanziario e Fiscale entro i termini fissati nella Convenzione con l Istituto Tesoriere. 5. L Azienda emette i titoli di riscossione, anche cumulativi, ai fini della contabilizzazione degli incassi. I titoli di riscossione, numerati progressivamente e per esercizio, devono indicare il debitore, la causale del versamento e l importo. Tali titoli sono sottoscritti così come previsto dalla normativa vigente. 6. L Azienda può attivare l esecuzione delle riscossioni mediante ordinativi di incasso informatici con apposizione di firma digitale da parte di soggetti autorizzati dall Azienda. Le misure tecniche e operative necessarie per garantire la sicurezza e l operatività, sotto ogni profilo, degli ordini di riscossione informatici, sono previste dall Atto Aggiuntivo alla Convenzione tra Azienda ed Istituto Tesoriere per l'esecuzione dei pagamenti e delle riscossioni mediante ordinativi di pagamento e di incasso informatici con apposizione di firma digitale da parte dei soggetti autorizzati con deliberazione del Direttore Generale ed Allegato Tecnico su regole tecniche di colloquio fra ente e tesoriere per l adozione dell ordinativo informatico. 7. Dopo la chiusura di ogni esercizio e comunque non oltre il termine fissato nella Convenzione di Tesoreria, l Istituto Tesoriere presenta il rendiconto di cassa e restituisce all Azienda gli ordinativi di incasso regolarmente quietanziati e corredati dalla documentazione giustificativa. Con l attivazione dell ordinativo di incasso a firma digitale la resa della documentazione e l archiviazione seguirà le regole stabilite nell apposito Atto Aggiuntivo alla Convenzione con l Istituto Tesoriere. 2

3 Articolo 6 - Incassi su c/c postale 1. Le somme affluite su c/c postale sono contabilizzate dal Servizio Economico Finanziario e Fiscale sulla scorta dei certificati di accreditamento trasmessi dall Amministrazione Postale. 2. Con cadenza mensile il Servizio Economico Finanziario e Fiscale ordina il prelevamento, nei limiti delle disponibilità, dal conto corrente postale per l accredito sul conto di tesoreria. Articolo 7 - Altre forme di incasso 1. L Azienda, in collaborazione con l Istituto Tesoriere, al fine di ampliare le forme di pagamento da parte degli utenti dei propri servizi, adotta i programmi e le procedure che consentano l esecuzione dei versamenti, anche con mezzi di pagamento alternativi o diversificati quali carte di credito, bancomat o altri strumenti informatici od elettronici generalmente riconosciuti, ovvero attraverso altre operazioni bancarie. Capo II Delle liquidazioni Articolo 8 - Individuazione dei cicli operativi relativi alla liquidazione delle fatture passive per l acquisto di beni e di servizi 1. Il processo di liquidazione delle fatture passive si forma attraverso i seguenti cicli operativi: a) emissione dell Ordine o Autorizzazione di spesa; b) esecuzione dell Ordine o Autorizzazione di spesa; c) contabilizzazione delle Fatture o altri documenti di debito; d) controllo e Visto di Liquidazione; d) pagamento. Emissione dell Ordine o Autorizzazione di Spesa Articolo 9 - Soggetti abilitati ad emettere ordini di acquisto 1. Secondo quanto previsto dall Atto Aziendale, all art. 3 comma 1 dell Allegato 8, fermo restando quanto previsto in tema di attribuzioni e poteri del Direttore Generale e dei criteri e modalità di conferimento della Delega, i soggetti competenti a negoziare, concludere e gestire contratti a titolo oneroso, aventi ad oggetto la fornitura di beni e servizi all Azienda sono i Direttori del Servizio Provveditorato-Economato e del Servizio Tecnico. 2. I Direttori delle suddette UU.OO complesse possono delegare la gestione di specifiche forniture, sulla base di criteri condivisi, a Dirigenti di altre strutture organizzative amministrative o sanitarie che abbiano qualificata competenza in materia. 3. I soggetti di cui al comma 1 e comma 2 sono gli unici soggetti abilitati ad emettere ordini di acquisto o autorizzazioni di spesa. 4. L ordine di acquisto deve sempre seguire l atto amministrativo, fatta eccezione per i lavori, provviste e forniture che per l urgenza di provvedere o per le caratteristiche del bene da acquistare rendono la procedura in economia la sola idonea. Si rimanda a questo proposito all apposito Regolamento Aziendale sulle modalità e procedure per l acquisizione di beni e servizi in economia. 5. L ordine o autorizzazione di spesa deve inoltre sempre precedere l esecuzione della prestazione, tranne nei casi per i quali non sia obiettivamente possibile stabilire a priori quantità o prezzo (contratti di somministrazione, interventi manutentivi, ecc) e tranne casi di assoluta urgenza. 3

4 Articolo 10 - Esecuzione dell ordine di acquisto o autorizzazione di spesa 1. La prestazione deve essere accompagnata, a seconda della sua natura, da Documento di Trasporto o Rapporto di Intervento o Dichiarazione di Servizio effettuato a norma di legge. 2. I documenti di trasporto vanno registrati da chi riceve il bene (di regola il magazziniere), provvedendo in tale sede a controllare la congruità del bene consegnato con l ordine di acquisto. In caso di conformità della merce ricevuta, il magazziniere emette regolare bolla di carico interna. Copia di tale bolla di carico, controfirmata dal magazziniere, con allegato il corrispondente documento di trasporto, viene consegnata al Servizio Economico Finanziario e Fiscale per proseguire nell iter della liquidazione accentrata di cui all art In caso di non conformità, il magazziniere provvede alla restituzione della merce e trasmette idonea documentazione al Servizio che ha emesso l ordine di acquisto per contestazione totale o parziale al fornitore. 4. Il Rapporto di Intervento o Dichiarazione di Servizio effettuato a norma di legge va inoltrato al Servizio competente alla Liquidazione. Articolo 11 - Servizi Liquidatori 1. Sono Servizi Liquidatori tutti gli uffici che sono autorizzati ad impegnare l Azienda nei confronti di terze economie e ad elaborare il pagamento delle competenze spettanti al personale dipendente e/o convenzionato e/o con rapporti professionali in senso lato. Sono individuati i seguenti Servizi Liquidatori: - il Servizio Provveditorato-Economato; - il Servizio Tecnico; - il Servizio Farmacia Ospedaliera, su delega del Servizio Provveditorato- Economato; - l Ufficio Informatico, su delega del Servizio Provveditorato-Economato; - il Servizio Personale e Sviluppo Organizzativo; - il Servizio Affari Amministrativi e Generali; - il Servizio Economico-Finanziario e Fiscale; - il Servizio Dirigenza Medica Ospedaliera, su delega del Servizio Provveditorato- Economato; - la Direzione Dipartimento Distretto e, su specifica delega della stessa Direzione, dirigenti dell Unità Operativa Cure Primarie, Unità Operativa Prestazioni Specialistiche-Anziani ed Ospedalizzazione Domiciliare, Unità Operativa Età Adulta, Unità Operativa Materno-Infantile-Età evolutiva e Famiglia, Unità Operativa Tutela Minori, Servizio Tossicodipendenze; - il Servizio Amministrativo Distrettuale; - il Servizio Farmaceutica Territoriale; - la Direzione Dipartimento di Prevenzione e, su specifica delega della stessa Direzione, dirigenti del Servizio Veterinario-Sanità Animale ed Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche, del Servizio Veterinario-Igiene Alimenti di origine Animale, del Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di lavoro, del Servizio Igiene e Sanità Pubblica, del Servizio Igiene Alimenti e Nutrizione, delle Unità Operative Medicina Legale ed Educazione e Promozione della Salute. Articolo 12 - Assegnazione programmi di spesa 1. Annualmente nel rispetto dei programmi annuali degli acquisti per le forniture di beni e servizi, del programma annuale per gli investimenti in tecnologie, informatica, 4

5 attrezzature tecnico-sanitarie ed arredi, del piano o programma assunzioni e delle convenzioni in atto viene redatto il Bilancio Economico Preventivo dell Azienda. Le suddivisioni delle previsioni per area, conto patrimoniale o economico vengono denominate programmi di spesa. 2. L assegnazione provvisoria dei programmi di spesa avviene con determinazione del Direttore del Servizio Economico-Finanziario-Fiscale all inizio di ciascun esercizio sulla base delle previsioni di spesa conseguenti ai programmi annuali aziendali di acquisizione delle risorse. Successivamente all adozione del Bilancio Economico Preventivo Annuale a seguito del Visto di Congruità Regionale ex art. 39 della L.R. n 55/94 il Direttore Generale con propria deliberazione provvede all assegnazione definitiva dei programmi di spesa. Articolo 13 - Contabilizzazione 1. La contabilizzazione consiste nella registrazione da parte del Servizio Economico Finanziario e Fiscale di tutte le fatture e i documenti di addebito pervenuti all Azienda, nel rispetto delle vigenti norme. 2. Per consentire l immediata individuazione del programma di spesa, del conto di contabilità generale e dei centri di costo, elementi necessari per alimentare la contabilità generale ed analitica, il documento di addebito dovrà riportare, per quanto possibile, il numero dell ordine di acquisto o di autorizzazione di spesa emessi. Sarà cura del Servizio che emette l ordine di acquisto o autorizzazione di spesa informare i fornitori della necessità di citare tale riferimento nel documento di addebito. 3. Per quanto concerne gli stipendi al personale dipendente, i compensi al personale convenzionato, nonché le competenze alle farmacie convenzionate, la contabilizzazione viene effettuata cumulativamente per conto di competenza, essendo i dati analitici riferiti a ciascun beneficiario evidenziati e gestiti nelle specifiche procedure contabili. 4. Le acquisizioni effettuate attraverso i Fondi Spese Economali sono contabilizzate nella apposita procedura e successivamente importati in contabilità generale. 5. Le acquisizioni legate a finanziamenti vincolati dovranno riportare il numero della commessa abbinata al finanziamento, per consentire le necessarie registrazioni nell apposita contabilità di progetto. Articolo 14 - Trasmissione documenti contabilizzati per la Liquidazione 1. Le fatture riferite a beni sanitari e non sanitari, diversi da Beni ad Utilizzo Pluriennale, entrati a Magazzino (Economale o di Farmacia Ospedaliera) qualora vi sia corrispondenza fra fattura -ordine di acquisto-documento di trasporto e bolla di carico interna non vengono trasmessi al Servizio Liquidatore, ma seguono l iter della Liquidazione Accentrata di cui l art. 16 del presente Regolamento. 2. Le fatture e i documenti di addebito diversi da quelli di cui al comma 1 vengono trasmessi ai competenti Servizi per la Liquidazione Ordinaria. 3. La trasmissione dei documenti avviene con un elenco in duplice copia riportante la data e le firme degli operatori dei Servizi coinvolti. Articolo 15 - Liquidazione Ordinaria 1. La liquidazione consiste nell accertamento della regolarità della fornitura di beni, di opere, di servizi e di altre prestazioni sulla base dei titoli e documenti giustificativi comprovanti il diritto dei creditori nonché la presa in carico dei beni inventariabili. 2. L attestazione dell avvenuto riscontro e controllo e conseguente autorizzazione al pagamento viene effettuata, di norma, sul documento di addebito mediante la compilazione di un timbro predisposto dal Servizio Economico Finanziario Fiscale. 5

6 L attestazione prevede la firma leggibile dell addetto al controllo contabile e la firma leggibile del Dirigente Responsabile del Servizio Liquidatore. 3. E compito del Servizio Liquidatore, nella fase dell accertamento della regolarità della fornitura o prestazione, acquisire la documentazione relativa e le attestazioni di regolarità da parte dei Servizi o Unità Operative Aziendali fruitori finali della fornitura o servizio. Nel caso di appalto di servizi con impiego di manodopera il Servizio Liquidatore dovrà acquisire la documentazione da cui risulti che tutti gli adempimenti previsti dalla legge siano assolti. 4. Il documento liquidato, corredato della documentazione di rito, deve essere trasmesso entro 30 giorni dal ricevimento, come risultante dall elenco di trasmissione, al Servizio Economico Finanziario e Fiscale per i seguiti di competenza. 5. Nei casi in cui siano riscontrate irregolarità il Servizio Liquidatore formalizza per iscritto al Fornitore le contestazioni allegando copia al documento di riferimento. La contestazione può riguardare l intero importo o solo una parte dello stesso. E cura del Servizio Liquidatore seguire l evoluzione della contestazione e adoperarsi alla definizione della stessa nei tempi tecnici strettamente necessari. Articolo 16 - Liquidazione Accentrata 1. Il Servizio Economico-Finanziario e Fiscale, nel caso di fatture di cui all art. 14 comma 1, una volta riscontrata la corrispondenza tra ordine di acquisto, documento di trasporto e bolla di carico interna debitamente controfirmati dagli incaricati dei servizi interessati non trasmette i documenti per la liquidazione ordinaria ai Servizi Liquidatori, ma provvede ad agganciare informaticamente tali documenti nella procedura di contabilità integrata ed ammette al pagamento le fatture. 2. Il riscontro di tale attività è comprovato da un apposito timbro compilato e firmato in modo leggibile dall addetto al controllo contabile del Servizio Economico-Finanziario e Fiscale, a valere quale liquidazione. 3. Non sono ammesse a liquidazione accentrata le fatture passive che divergono dall ordine di acquisto per uno scostamento in più o in meno pari ad Euro tre/00. Tali fatture seguiranno l iter di liquidazione ordinaria di cui all art.15 del presente Regolamento. Del pari, tale iter sarà seguito quando ritenuto necessario dal Direttore del Servizio Economico Finanziario e Fiscale. 4. La procedura della Liquidazione Accentrata verrà estesa ad altre tipologie di acquisizioni (beni ad utilità pluriennale e servizi) non appena l evoluzione del sistema contabile prevederà la costruzione di un percorso di tracciabilità ordine/autorizzazione di spesa- bolla di carico interna (virtuale per i servizi) e fattura passiva/documento di addebito. Articolo 17 - Visto di Liquidazione Altre Spese 1. Il Visto di liquidazione degli emolumenti al personale dipendente e non dipendente nonché dei contributi obbligatori, è disposto dal Direttore del Personale e Sviluppo Organizzativo, in conformità alle risultanze determinate dalle rispettive procedure di contabilizzazione delle competenze economiche. 2. Il Visto di liquidazione degli emolumenti al personale medico convenzionato nonché dei contributi obbligatori, è disposto dal Direttore del Servizio Amministrativo Distrettuale, in conformità alle risultanze determinate dalle rispettive procedure di contabilizzazione delle competenze economiche. 3. Il Visto di liquidazione dei compensi mensili per l assistenza farmaceutica convenzionata esterna ed altri oneri connessi è disposto dal Direttore del Servizio Farmaceutico Territoriale sulle base dei riscontri effettuati nella procedura analitica di rendicontazione delle prestazioni farmaceutiche. 6

7 4. Il Visto di liquidazione delle spese non citate in precedenza è disposta dal Direttore/Dirigente, formalmente incaricato, competente in ordine alla gestione del contratto/convenzione di riferimento. Capo III Dei Pagamenti Articolo 18 - Mandato informatico 1. Con deliberazione del Direttore Generale n. 289 del 22 giugno 2006 l Azienda, al fine di semplificare ed accelerare le operazioni di pagamento, si avvale del mandato informatico, secondo quanto previsto dall articolo 12 del D.P.R. del 28 dicembre 2000 n.445 (Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa) e dall articolo 2 del D.P.R. del 20 aprile 1994 n.367 (Regolamento per la semplificazione e l accelerazione della procedura di spesa e contabili). 2. Il mandato informatico è il documento informatico che sostituisce i titoli di spesa cartacei e ne contiene gli stessi elementi, con l esclusione dell importo in lettere. Articolo 19 - Firma digitale 1. Il mandato informatico è sottoscritto con la firma digitale dal Direttore del Servizio Economico Finanziario e Fiscale ed in sua assenza dai soggetti individuati con deliberazione del Direttore Generale. 2. Con l apposizione di un unica firma digitale può essere sottoscritto un singolo mandato oppure un gruppo di mandati opportunamente selezionati. 3. A seguito della sottoscrizione con firma digitale, i mandati informatici sono automaticamente trasmessi e messi a disposizione del Tesoriere. 4. Le misure tecniche e operative necessarie per garantire la sicurezza e l operatività, sotto ogni profilo, dei mandati informatici sono previste dall Atto Aggiuntivo alla Convenzione tra Azienda ed Istituto Tesoriere per l'esecuzione dei pagamenti e delle riscossioni mediante ordinativi di pagamento e di incasso informatici con apposizione di firma digitale da parte dei soggetti autorizzati con deliberazione del Direttore Generale ed Allegato Tecnico su regole tecniche di colloquio fra ente e tesoriere per l adozione dell ordinativo informatico. Articolo 20 - Annullamento del mandato informatico 1. Il mandato successivamente alla sua emissione da parte del Servizio Economico Finanziario e Fiscale e prima della sua sottoscrizione con firma digitale non può essere modificato. Qualora sia necessario procedere alla modifica del mandato emesso, deve esserne disposto l annullamento. 2. Il mandato informatico già sottoscritto con firma digitale può essere annullato solo previo nullaosta del Tesoriere. 3. Il nullaosta relativo all annullamento del mandato è richiesto al Tesoriere per via telematica attraverso la prenotazione di blocco del mandato, contenente il numero, la data e l importo del mandato stesso. Il Tesoriere, qualora non abbia già provveduto al pagamento, con la restituzione di una evidenza informatica all Azienda, provvede a rilasciare il nullaosta all annullamento del mandato. Qualora il mandato sia già stato pagato, l evidenza informatica del Tesoriere riporta il diniego all annullamento del mandato. 4. L annullamento del mandato è un documento informatico, che contiene il numero e la data di emissione, l esercizio finanziario, il numero, la data e l importo del mandato da annullare. Il documento è sottoscritto con la firma digitale. 7

8 Articolo 21 - Rettifica del mandato informatico 1. Il mandato informatico già pagato non può essere annullato e può essere rettificato solo per la correzione di elementi non essenziali di specificazione del mandato. Tale rettifica può essere disposta solo prima dell archiviazione e comunque prima dell approvazione da parte dell Azienda del rendiconto generale relativo all esercizio finanziario nel quale il medesimo mandato è stato emesso. 2. La rettifica del mandato informatico è un documento informatico, sottoscritto con firma digitale, che contiene il numero e la data, l esercizio finanziario, il numero e la data del mandato da rettificare, il nuovo valore assunto dai dati rettificati. Articolo 22 - Modalità di archiviazione del mandato informatico 1. Il mandato informatico costituisce informazione primaria e originale da cui è possibile effettuare riproduzioni e copie. 2. Gli obblighi di conservazione e riproduzione dei mandati informatici si intendono soddisfatti con il ricorso a soluzioni tecnologiche e procedure conformi alle regole tecniche dettate dall Autorità per l informatica nella Pubblica Amministrazione, in base a quanto disposto dall articolo 6 e dall articolo 8 del D.P.R. del 28 dicembre 2000 n.445 (Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa). 3. Il Direttore Generale con apposita deliberazione provvede all affidamento del servizio di archiviazione e relative attività degli ordinativi informatici e quietanze. 4. I mandati informatici devono essere conservati dall Azienda con le modalità previste dalla normativa. Articolo 23 - Modalità di interscambio dati tra l Azienda ed il Tesoriere 1. L Azienda ed il Tesoriere definiscono in un apposito protocollo le modalità operative per l esecuzione dei pagamenti tramite i mandati informatici. In particolare, il protocollo definisce le specifiche tecniche e le modalità di interscambio dei dati per via telematica, le modalità ed i tempi per l effettivo pagamento dei medesimi mandati e per la comunicazione all Azienda dell avvenuto pagamento, l eventuale documentazione cartacea che deve essere comunque inoltrata al Tesoriere a supporto del mandato informatico, le disposizioni per il pagamento dei mandati urgenti, le modalità di aggiornamento delle coordinate bancarie nonché le modalità di conservazione delle quietanze. 2. Per quanto non espressamente disciplinato, si applicano le disposizioni del D.P.R. 28 dicembre 2000 n.445 (Testo Unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa) ed eventuali successive modificazioni. Capo IV Disposizioni generali Articolo 24 - Raccordo reciproco della contabilità 1. L Azienda e il Tesoriere procedono trimestralmente, e ogni qualvolta lo ritengano opportuno, al raccordo delle risultanze delle rispettive contabilità. 2. Il quadro di raccordo viene compilato dal Tesoriere e firmato dalle parti per reciproco benestare, in duplice esemplare. Articolo 25 - Forme particolari di pagamento 1. L Azienda può autorizzare l addebito diretto (domiciliazione) sul proprio conto corrente per pagamenti di particolari utenze quali quelle telefoniche, energia elettrica, metano ecc. 8

9 2. La domiciliazione dei pagamenti non fa venir meno l applicazione del procedimento di liquidazione delle spese. Articolo 26 - Entrata in vigore 1. Il presente regolamento entra in vigore il 1 gennaio

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI DIGNANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI DIGNANO Provincia di UDINE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO *** Testo coordinato Allegato alla deliberazione C.C. n 10 del 21-02-2011 SOMMARIO Art. 1 - Istituzione del servizio Art. 2

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014

Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Circolare n. 64 del 15 gennaio 2014 Ordinativo informatico locale - Revisione e normalizzazione del protocollo sulle regole tecniche ed obbligatorietà dell utilizzo nei servizi di tesoreria PREMESSA L

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA IL SERVIZIO DI TESORERIA DELLO STATO TITOLO I ORDINAMENTO E FUNZIONI

INDICE PARTE PRIMA IL SERVIZIO DI TESORERIA DELLO STATO TITOLO I ORDINAMENTO E FUNZIONI INDICE Glossario PARTE PRIMA IL SERVIZIO DI TESORERIA DELLO STATO TITOLO I ORDINAMENTO E FUNZIONI Art. 1 - Articolazione del servizio di tesoreria dello Stato 16 Art. 2 - Vigilanza sul servizio di tesoreria

Dettagli

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO

LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Istituto Nazionale Previdenza Sociale Aggiornato al 05 novembre 2012 LAVORO OCCASIONALE DI TIPO ACCESSORIO PROCEDURA CON VOUCHER TELEMATICO Registrazione committente Il committente si registra presso l

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA

REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA REGOLAMENTO INTERNO DELL UFFICIO SEGRETERIA PREMESSA Le attività dell Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Ravenna sono regolate dal DLCPS 233/1946, dal DPR 221/1950 e dalla legge 409/1985

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Albez edutainment production Il sistema informativo aziendale III classe ITC 1 Alla fine di questo modulo sarai in grado di: conoscere funzioni, obiettivi e struttura del sistema informativo aziendale;

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE

e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Direzione Regionale delle Marche Ufficio Gestione Tributi Ancona, 22 marzo 2013 Ai Comuni della Regione Marche LORO SEDI e, p.c. Ufficio Audit e Sicurezza SEDE Reg. Uff. n. 7446 - All. n. 1 OGGETTO: Codice

Dettagli

Il conto corrente in parole semplici

Il conto corrente in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il conto corrente in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il conto corrente dalla A alla Z conto corrente Il conto corrente bancario

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI

BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI GUIDA PRATICA PER IL FARMACISTA BUONI-ACQUISTO STUPEFACENTI La vendita o cessione, a qualsiasi titolo, anche gratuito, delle sostanze e dei medicinali compresi nelle tabelle I e II, sezioni A, B e C, è

Dettagli

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5

SEZIONE I - DISPOSIZIONI GENERALI. 1 di 5 CONTRATTO QUADRO PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI DI PAGAMENTO A VALERE SUL CONTO CORRENTE (Contratto per persone fisiche che agiscono per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale) Mod.

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI)

PROCEDURE DEL MODELLO ORGANIZZATIVO 231 PROCEDURE DI CONTROLLO INTERNO (PCI) Pag. 1 di 16 PROCEDURE DEL MODELLO Pag. 2 di 16 Indice PROCEDURE DEL MODELLO... 1 PCI 01 - VENDITA DI SERVIZI... 3 PCI 02 PROCEDIMENTI GIUDIZIALI ED ARBITRALI... 5 PCI 03 AUTORIZZAZIONI E RAPPORTI CON

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI

LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI LINEE GUIDA PER L'EFFETTUAZIONE DEI PAGAMENTI ELETTRONICI A FAVORE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E DEI GESTORI DI PUBBLICI SERVIZI ex articolo 5, comma 4 del decreto legislativo 7 marzo 2005. n. 82 e

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI

STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI STAMPA DEI REGISTRI CONTABILI E DEL LIBRO INVENTARI La stampa dei registri contabili tenuti con sistemi meccanografici deve essere effettuata entro 3 mesi dalla scadenza prevista per la presentazione della

Dettagli

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013

STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA. Aggiornamento dicembre 2013 STRANIERI TEMPORANEAMENTE PRESENTI STP PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE IN STRUTTURE PRIVATE ACCREDITATE PROCEDURA OPERATIVA Aggiornamento dicembre 2013 1 ASPETTI DI SISTEMA 2 PRESTAZIONI DI RICOVERO RESE

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC

Le vendite e il loro regolamento. Classe III ITC Le vendite e il loro regolamento Classe III ITC La vendita di merci La vendita di beni e servizi rappresenta un operazione di disinvestimento, per mezzo della quale l impresa recupera i mezzi finanziari

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70

REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 REGOLAMENTO PER L AMMINISTRAZIONE E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI DI CUI ALLA LEGGE 20 MARZO 1975, N. 70 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Definizioni e denominazioni 3 Art. 2 - Ambito

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO Allegato n. 2 alla delibera n. 11 del 12.12.05 SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO..., con sede in.., Codice

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE

RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE RETTIFICHE SU ACQUISTI E SU VENDITE Le rettifiche su acquisti (vendite) determinano componenti positivi (negativi) di reddito corrispondenti ad una riduzione dei costi di acquisto (ricavi di vendita) rilevati

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MIUR.AOODGPFB.REGISTRO UFFICIALE(U).0004509.09-06-2014 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per la programmazione Direzione Generale per la Politica Finanziaria e per

Dettagli

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review

Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Affrontare il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione (MePA), obbligatorio per gli acquisti pubblici con la Spending Review Ing. Francesco Porzio Padova, 5 Giugno 2013 f.porzio@porzioepartners.it

Dettagli

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE OSSERVATORIO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI LOCALI I PRINCIPI CONTABILI PER

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015

Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Circolare n. 1 del 6 febbraio 2015 Logo pagopa per il sistema dei pagamenti elettronici a favore delle pubbliche amministrazioni e dei gestori di pubblici servizi. Premessa L Agenzia per l Italia Digitale

Dettagli

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE

SERVIZIO DI OPERATIVITÀ TRAMITE FILIALI DI ALTRE BANCHE DEL GRUPPO UNIONE DI BANCHE ITALIANE DISCIPLINA DELLA TRASPARENZA DELLE CONDIZIONI CONTRATTUALI DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI - (Titolo VI Testo Unico Bancario - D. Lgs. 385/1993) FOGLIO INFORMATIVO Il presente Foglio

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI

GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI PIATTAFORMA PER LA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI GUIDA OPERATIVA ALLE OPERAZIONI DI SMOBILIZZO DEL CREDITO CERTIFICATO CON PARTICOLARE RIFERIMENTO ALLE AMMINISTRAZIONI DEBITRICI Versione 1.1 del 06/12/2013

Dettagli

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE

Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE IL DIRETTORE CENTRALE Visto l articolo 47 comma 1, del decreto legge 24 aprile 2014, n.

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA

OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA OGGETTO:BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN ALBO DI FORNITORI 2012 PRESSO L ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA ROMA 1.1. ) ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA Largo Arrigo VII, 5-00153 Roma (Italia) ; centralino 06/5717621;

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni

Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni Guida alla cancellazione dei protesti di cambiali ed assegni Rev. 2 del 05.11.2014 Sommario PARTE PRIMA Protesti e relativa cancellazione 4 1. Titoli di credito e protesti 5 1.1 Titoli di credito 5 1.2

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014

Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Delibera della Giunta Regionale n. 623 del 15/12/2014 Dipartimento 52 - Dipartimento della Salute e delle Risorse Naturali Direzione Generale 4 - Direzione Generale Tutela salute e coor.to del Sistema

Dettagli

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.

explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting. explora consulting s.r.l. Via Case Rosse, 35-84131 SALERNO - tel 089 848073 fax 089 384582 www.exploraconsulting.it info@exploraconsulting.it Procedura di gestione per Laboratori di Analisi Cliniche Pag.

Dettagli

Distinti saluti Il responsabile

Distinti saluti Il responsabile ENTI PUBBLICI Roma, 15/05/2013 Spett.le COMUNE DI MONTAGNAREALE Posizione 000000000000001686 Rif. 2166 del 30/04/2013 Oggetto: Anticipazione di liquidità, ai sensi dell'art. 1, comma 13 del D. L. 8 aprile

Dettagli

Codice Unico di Progetto degli Investimenti pubblici CUP

Codice Unico di Progetto degli Investimenti pubblici CUP Codice Unico di Progetto degli Investimenti pubblici CUP CHE COS E IL CUP Il CUP (CODICE UNICO DI PROGETTO) è un'etichetta stabile che identifica e accompagna un progetto d'investimento pubblico, sin dalla

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.

Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA. e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov. Città Metropolitana di Roma Capitale SEGRETERIA TECNICO OPERATIVA ATO 2 LAZIO CENTRALE - ROMA e-mail: atodue@cittametropolitanaroma.gov.it Proposta n. 3560 del 03/08/2015 RIFERIMENTI CONTABILI Anno bilancio

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A.

Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi. Servizio Fatt-PA. di Namirial S.p.A. Devi fare una fattura elettronica alla Pubblica Amministrazione? Tu fatturi, al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA di Namirial S.p.A. Entrata in vigore degli obblighi di legge 2 Dal 6 giugno 2014 le

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE

GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE GUIDA ALL ESTRATTO DI CONTO CORRENTE Tutto quello che c è da sapere per comprendere meglio l estratto di conto corrente. In collaborazione con la Banca MPS e le Associazioni dei Consumatori: Acu Adiconsum

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

Bando speciale BORSE LAVORO 2015

Bando speciale BORSE LAVORO 2015 Bando speciale BORSE LAVORO 2015 PREMESSA La Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia considera la mancanza di occasioni di lavoro per i giovani, in misura non più conosciuta da decenni, come

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione

OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione Luca Bilancini (Commercialista, Pubblicista, coordinatore scientifico MAP) OIC 23 - Lavori in corso su ordinazione 1 OIC 23 - Principali novità Non ci sono più i paragrafi relativi alle commesse in valuta

Dettagli

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE.

LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. LA TRASFORMAZIONE DEI SISTEMI AMMINISTRATIVI E CONTABILI: IL PASSAGGIO DALLA CONTABILITÀ FINANZIARIA AI NUOVI SISTEMI CONTABILI (CO.GE. E COAN) Prof.ssa Claudia SALVATORE Università degli Studi del Molise

Dettagli