Studio inerente la modellistica numerica del vento nelle aree portuali di Genova, Savona e Vado Ligure, La Spezia, Livorno e Bastia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio inerente la modellistica numerica del vento nelle aree portuali di Genova, Savona e Vado Ligure, La Spezia, Livorno e Bastia"

Transcript

1 Contratto tra Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni, dell Ambiente e del Territorio (DICAT) e Dipartimento di Fisica (DIFI) dell Università degli Studi di Genova Studio inerente la modellistica numerica del vento nelle aree portuali di Genova, Savona e Vado Ligure, La Spezia, Livorno e Bastia relativo al progetto VENTO E PORTI nel quadro del Programma di cooperazione Transfrontaliero Italia-Francia Marittimo RAPPORTO INTERMEDIO Genova, 11 ottobre 2009

2

3 Contratto tra Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni, dell Ambiente e del Territorio (DICAT) e Dipartimento di Fisica (DIFI) dell Università degli Studi di Genova Studio inerente la modellistica numerica del vento nelle aree portuali di Genova, Savona e Vado Ligure, La Spezia, Livorno e Bastia relativo al progetto VENTO E PORTI nel quadro del Programma di cooperazione Transfrontaliero Italia-Francia Marittimo RAPPORTO INTERMEDIO Supervisione scientifica e coordinamento di: Prof. Corrado Ratto Dipartimento di Fisica via Dodecaneso 33, Genova Tel. & Fax: (diretto) Tel. & Fax: (segreteria) Raccolta e preelaborazione del materiale, predisposizione del testo, grafica ed impaginazione di: Dott. Federico Cassola Dott. Marina Pizzo Genova, 11 ottobre 2009

4

5 Relazione redatta da: Dr. Federico Cassola Dr. Marina Pizzo Il responsabile del contratto (Prof. Corrado Ratto) Il Direttore del Dipartimento (Prof. Mauro Giannnini)

6

7 INDICE 1. Introduzione Definizione dei dati da acquisire in relazione alla modellazione numerica del territorio da simulare Dati di vento da stazioni di lungo periodo Dati di orografia Dati di copertura del suolo Verifica dei dati di orografia e di copertura del suolo Lunghezza di rugosità Displacement level Definizione dei domini da utilizzare per la simulazione del vento La macroarea Savona e Vado Ligure La macroarea Genova La macroarea La Spezia La macroarea Livorno La macroarea Bastia La macroarea Grosseto e Isola d Elba Il codice di simulazione dei campi di vento Il codice WINDS La procedura di simulazione La costruzione del campo di vento Gli output prodotti dalle simulazioni La calibrazione del modello WINDS L area di simulazione per la calibrazione del modello Il reticolo computazionale I database e le cartografie di riferimento L orografia del territorio La copertura del terreno La lunghezza di rugosità del terreno La scelta dei valori del displacement level La discretizzazione del volume di calcolo Gli input meteorologici e la costruzione dei campi di vento Gli output prodotti Conclusioni Bibliografia Appendice A: il profilo verticale della velocità del vento Relazione tra vento geostrofico e vento vicino al suolo Il profilo logaritmico vicino al suolo Lunghezza di rugosità del terreno La stabilità dei bassi strati atmosferici I profili verticali della velocità utilizzati in WINDS Appendice B: calcolo dei parametri necessari a stimare la turbolenza...89 Dipartimento di Fisica Pagina i di vi

8 8.1 I parametri di turbolenza Procedura per il calcolo di u eff * (z) Appendice C: il reticolo computazionale relativo all Aeroporto Cristoforo Colombo e alla Fiera di Genova Dipartimento di Fisica Pagina ii di vi

9 Indice delle Figure Figura 2.1. Esempio di orografia derivante dal database IGM....6 Figura 2.2. Esempio di orografia derivante dal database IGN...7 Figura 2.3. Esempio di orografia derivante dal database SRTM Figura 2.4. Copertura del terreno dell Italia e della Corsica...10 Figura 2.5. Legenda della copertura secondo il CLC Figura 2.6. Confronto tra la copertura del terreno CLC2000 (polilinee rosse) e la cartografia dell uso e copertura del suolo della Regione Liguria (polilinee nere)...12 Figura 2.7. Esempio di sovrapposizione di diverse cartografie al DTM dell orografia...14 Figura 2.8. Tipologie della copertura del terreno e del corrispondente valore della lunghezza di rugosità (Stull, 1988) Figura 2.9. Comportamento schematico di un profilo del vento sopra una zona boscosa: la componente U(z) della velocità del vento ha un comportamento logaritmico al di sopra della chioma degli alberi; la vegetazione fitta si comporta di fatto come una superficie posta ad una distanza d dalla terra Figura 3.1. Inquadramento geografico dell area di simulazione: macroarea Savona e Vado Ligure e relative microaree...20 Figura 3.2. Inquadramento geografico dell area di simulazione: macroarea Genova e relativa microarea...22 Figura 3.3. Inquadramento geografico dell area di simulazione: macroarea La Spezia e relative microaree...24 Figura 3.4. Inquadramento geografico dell area di simulazione: macroarea Livorno e relative microaree...26 Figura 3.5. Inquadramento geografico dell area di simulazione: macroarea Bastia e relative microaree...28 Figura 3.6. Inquadramento geografico dell area di simulazione: macroarea Grosseto e isola d Elba e relative microaree Figura 5.1. Inquadramento geografico dell area di simulazione Figura Inquadramento geografico della macroarea di simulazione relativa a Genova: macroarea (riquadro esterno verde) e microarea (riquadro interno giallo), proposte nel Capitolo 3; macroarea utilizzata per le simulazioni presentate in questo capitolo (riquadro interno rosso)...39 Figura 5.3. Carta topografica d Italia dell Istituto Geografico Militare (IGM) serie 100/V, Foglio 082-Genova...41 Figura 5.4. Carta Tecnica Regionale rappresentante la zona del Porto Antico di Genova: le stelline rappresentano i nodi del reticolo computazionale...42 Figura 5.5. Immagine satellitare tratta dal software Google Earth rappresentante la zona della Fiera di Genova: le stelline rappresentano i nodi del reticolo computazionale Figura 5.6. Sovrapposizione di diverse cartografie al DTM dell orografia di parte dell area di simulazione Figura 5.7. Matrice del DTM dell orografia relativa all area di simulazione...46 Dipartimento di Fisica Pagina iii di vi

10 Figura 5.8. Esempio di quote puntuali come appaiono sulla Carta Tecnica Regionale; le linee blu indicano i confini del pixel centrato su un nodo computazionale, evidenziato mediante una stellina Figura 5.9. Orografia nell area dell Aeroporto Cristoforo Colombo (sopra) e della Fiera di Genova (sotto) dopo le correzioni puntuali Figura Mappa della copertura del terreno (CLC2000) relativa all area di simulazione Figura Matrice della copertura del terreno (CLC2000) relativa all area di simulazione Figura Confronto tra la copertura del terreno CLC2000 (polilinee rosse) e la cartografia dell uso e copertura del suolo della Regione Liguria (polilinee nere) Figura Matrice della lunghezza di rugosità relativa all area di simulazione Figura Matrice di lunghezza di rugosità nell area dell Aeroporto Cristoforo Colombo (sopra) e della Fiera del Mare (sotto) dopo le correzioni puntuali Figura Matrice del displacement level relativa all area di simulazione Figura Le superfici sigma: h rappresenta la quota s.l.m dell orografia, mentre H è l altezza del volume di calcolo (in questo caso pari a 4000 m s.l.m.) Figura Quote (s.l.m.) delle superfici sigma scelte (tali valori si riferiscono ad un nodo della griglia situato sul mare), e distanze tra superfici adiacenti Figura Due esempi di campi di vento calcolati alla quota di 10 m s. l. t. nel caso delle simulazioni in atmosfera neutrale con vento geostrofico di intensità G = 65 m/s e direzione di provenienza Q = 180 (sopra) e Q = 100 (sotto) Figura Collocazione dei due anemometri dell Aeroporto Cristoforo Colombo (sopra); collocazione dei tre nodi in corrispondenza ai quali abbiamo estratto i valori di vento simulati (sotto) Tabella Coordinate dei nodi in cui abbiamo estratto i valori di velocità e direzione del vento in corrispondenza all Aeroporto Cristoforo Colombo Tabella Valori di intensità in m/s (a sinistra) e direzione in gradi (a destra), calcolati a 10 m s.l.t. (12 m s.l.m.), in corrispondenza dell Aeroporto Cristoforo Colombo, nelle simulazioni con velocità del vento geostrofico G= 55 m/s Figura Direzioni e intensità del vento calcolate in corrispondenza ai tre punti considerati nell area dell Aeroporto Cristoforo Colombo a 10 m s.l.t. (12 m s.l.m.). Lungo l ascissa e l ordinata dei grafici compaiono rispettivamente le coordinate (u,v) del vettore velocità. Ogni punto del grafico è contrassegnato con il valore della direzione Q del vento geostrofico. Il diverso colore delle curve indica la diversa intensità G del vento geostrofico Tabella Rapporto tra le velocità (a sinistra) e differenze tra le direzioni in gradi (a destra) tra Aeroporto Est e Aeroporto Ovest Figura Velocità di attrito efficace calcolate in corrispondenza ai tre punti considerati nell area dell Aeroporto Cristoforo Colombo a 10 m s.l.t. Dipartimento di Fisica Pagina iv di vi

11 (12 m s.l.m.). Ad ogni valore della velocità di attrito efficace è associata la direzione del vettore velocità del vento nella corrispondente simulazione. Ogni punto del grafico è contrassegnato con il valore della direzione Q del vento geostrofico. Il diverso colore delle curve indica la diversa intensità G del vento geostrofico Figura 8.1. Rappresentazione schematica dello strato di Ekman in cui si mostra la rotazione antioraria del vento al scendere della quota Figura 8.2. La crescita dello strato limite interno (IBL) sottovento ad una discontinuità nella lunghezza di rugosità superficiale Figura 8.3. A sinistra sono mostrati i profili verticali tipici del vento al variare dell ora indicata sulle curve all interno dell ABL. A destra è mostrato il particolare dei profili all interno dello SBL...86 Figura 8.4. Comportamento schematico di un flusso d aria che colpisce un ostacolo...87 Figura 9.1. Esempi di profili della velocità media del vento, U, e delle sue componenti, u e v, ottenuti dalle relazioni di Zilitinkevich (9.1) e (9.2). Sono, inoltre, riportati i contributi logaritmico (p.l.) e non logaritmico (p.n.l.) relativi alla componente u (Equazione (9.1)) Figura 9.2. Profili del modulo della velocità media del vento al variare del rapporto z0/h; la scala di z/h è lineare (sopra) e logaritmica (sotto) Figura 9.3. Esempi di valori del fattore correttivo, f, al variare della quota, per diversi valori del parametro z0/h. La scala di z/h è lineare (sopra) e logaritmica (sotto)...95 eff u * Figura 9.4. Confronto tra i valori di relativi ad un profilo della velocità media del vento ottenuto su orografia complessa, ed i valori corrispondenti nel caso di un profilo su terreno piatto...98 Figura Valori della lunghezza di rugosità, del displacement level, d, e della quota s.l.m., z, nella parte occidentale dell Aeroporto Cristoforo Colombo Figura Valori della lunghezza di rugosità, del displacement level, d, e della quota s.l.m., z, nella parte orientale dell Aeroporto Cristoforo Colombo.102 Figura Valori della lunghezza di rugosità, del displacement level, d, e della quota s.l.m., z, nell area della Fiera di Genova Dipartimento di Fisica Pagina v di vi

12 Indice delle Tabelle Tabella 2.1. Stazioni anemometriche considerate Tabella 2.2. Tipologie della copertura del terreno e del corrispondente valore della lunghezza di rugosità, secondo la classificazione proposta da Wieringa (1992) Tabella 5.1. Tipologie di copertura del terreno presenti nel database CLC2000 dell area di simulazione, secondo la classificazione cartografica coerente con le specifiche del progetto CEE - CORINE Land Cover Tabella 5.2. Accorpamento delle tipologie di copertura del terreno (colonna 2) in classi di rugosità del terreno (colonna 1), e corrispondenti valori della lunghezza di rugosità adottati nel presente studio (colonna 4). La colonna 5 riporta anche i valori del displacement level adottati nel presente studio Tabella 5.3. Valori della lunghezza di rugosità,, per diversi valori dell intensità del vento in quota, G Tabella 5.4. Quote (m s.l.m.) delle 27 superfici sigma scelte (tali valori si riferiscono ad un nodo della griglia situato sul mare) e differenze tra superfici adiacenti Tabella 5.5. Valori della velocità di riferimento in funzione della velocità del vento in quota G Tabella 9.1. Valori dei parametri α, β, γ, ε,η per la determinazione dei coefficienti a 1,a2,a3,b1,b2, b Tabella 9.2. Esempi di valori assunti dal fattore correttivo, f, alla sommità dello strato limite atmosferico al variare del parametro /h Dipartimento di Fisica Pagina vi di vi

13 1. Introduzione Il Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni, dell Ambiente e del Territorio (DICAT). ha affidato al Dipartimento di Fisica (DIFI) dell Università degli Studi di Genova la realizzazione di uno studio inerente la modellistica numerica del vento nelle aree portuali di Genova, Savona e Vado Ligure, La Spezia, Livorno e Bastia. Lo studio si inquadra nell ambito del progetto Vento e Porti nel quadro del Programma di cooperazione Transfrontaliero Italia-Francia Marittimo e consiste in: 1) definizione dei dati da acquisire (a carico del DICAT) in relazione alla modellazione numerica del territorio da simulare (in particolare della rugosità e dell orografia del terreno in forma digitale); 2) definizione dei domini da utilizzare per la simulazione del vento, nella prospettiva successiva di svolgere l analisi statistica e le previsione a breve e a medio termine del vento nelle aree portuali selezionate; 3) implementazione numerica dei domini e dei modelli da utilizzare per la simulazione del vento, relativamente alle analisi di cui al precedente punto 3); 4) calibrazione dei modelli numerici e determinazione preliminare di campi di vento tipo in ciascun dominio, in funzione della direzione del vento. La presente relazione descrive le procedure adottate per eseguire, mediante il codice diagnostico mass-consistent WINDS, delle simulazioni di prova relative all area portuale di Genova. Sono altresì descritti le modalità e i risultati dell estrazione dei valori della velocità media e della direzione del vento e di un parametro legato alla turbolenza del vento nei punti selezionati all interno del dominio di simulazione. Tutto lo studio è stato eseguito in stretto contatto con il prof. Solari del Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni, dell Ambiente e del Territorio (DICAT) dell Università degli Studi di Genova. Il presente documento si compone di cinque capitoli principali (compreso il presente Capitolo 1), suddivisi come spiegato nel seguito, da una sintetica bibliografia e da tre appendici. Il Capitolo 2 consiste nella definizione dei dati da acquisire, le loro fonti e i relativi costi, in relazione alla modellazione numerica del territorio da simulare. In particolare sono descritti i database di: dati di vento di lungo periodo (Paragrafo 2.1); orografia del terreno (Paragrafo 2.2); copertura del suolo (Paragrafo 2.3); confronto tra diverse fonti di dati (Paragrafo 2.4); lunghezza di rugosità (Paragrafo 2.5); displacement level (Paragrafo 2.6). Dipartimento di Fisica Pagina 1 di 103

14 Il Capitolo 3 consiste nella definizione dei domini di simulazione che proponiamo di considerare, precisandone i confini geografici. Il presente capitolo è suddiviso nel seguente modo: macroarea Savona e Vado Ligure (Paragrafo 3.1); macroarea Genova (Paragrafo 3.2); macroarea La Spezia (Paragrafo 3.3); macroarea Livorno (Paragrafo 3.4); macroarea Bastia (Paragrafo 3.5). macroarea Grosseto e Isola d Elba (Paragrafo 3.6). Il Capitolo 4 riguarda i modelli da utilizzare per la simulazione del vento, relativamente alle analisi di cui al precedente capitolo. In particolare nel presente capitolo presentiamo il codice WINDS, e le relative procedure, che ci proponiamo di utilizzare per la simulazione numerica del campo di vento tridimensionale sui domini descritti nel Capitolo 3. Tali simulazioni si compongono in una prima fase di inizializzazione del modello e in una seconda fase di imposizione della conservazione di massa. In particolare, in questo capitolo vengono trattati i seguenti punti: generalità sulle procedure di esecuzione delle simulazioni di campi di vento mediante un codice mass-consistent (Paragrafo 4.2); input necessari ad eseguire le simulazioni numeriche (Paragrafo 4.3); output finali delle simulazioni numeriche (Paragrafo 4.4). Il Capitolo 5 riguarda la calibrazione, su un area di prova, del modello numerico WINDS, che ci proponiamo di utilizzare per la simulazione numerica del campo di vento tridimensionale sui domini descritti nel Capitolo 3. In particolare, questo capitolo fornisce l inquadramento dell area utilizzata per tale test, definita sulla base della localizzazione geografica di Genova (Paragrafo 5.1) e dell orografia circostante (Paragrafo 5.4), e descrive in dettaglio la discretizzazione del dominio computazionale sul piano orizzontale (Paragrafo 5.2) e lungo la verticale (Paragrafo 5.8). In particolare, all interno del dominio computazionale, e con la stessa risoluzione spaziale orizzontale, sono definite le seguenti matrici mediante le quali si rappresenta, in forma digitalizzata, la geometria del territorio e le caratteristiche aerodinamiche della superficie terrestre: orografia del terreno (Paragrafo 5.4); copertura del terreno (Paragrafo 5.5); rugosità del terreno (Paragrafo 5.6); displacement level (Paragrafo 5.7). Tali matrici costituiscono parte degli input necessari alle simulazioni dei campi di vento. Il Paragrafo 5.8 descrive i parametri meteorologici necessari ad inizializzare il codice WINDS ed eseguire le simulazioni dei campi di vento. In particolare, abbiamo usato Dipartimento di Fisica Pagina 2 di 103

15 una tipologia di inizializzazione del codice numerico che consiste nell imposizione della direzione e intensità del vento in quota. Più precisamente, per simulare una certa situazione meteorologica i parametri che abbiamo qui utilizzato sono: l intensità del vento in quota, la direzione del vento in quota e la condizione di stabilità dei bassi strati dell atmosfera. Sono inoltre riportate le formule adottate per definire, sulla base dei suddetti parametri meteorologici, i profili verticali della velocità del vento e lo sviluppo dello internal boundary layer. Il Paragrafo 5.9 descrive gli output prodotti e le loro successive elaborazioni finalizzate a determinare il campo di vento nei punti selezionati. In particolare, le simulazioni dei campi di vento producono le matrici tridimensionali delle componenti orizzontali e verticali del vento. A partire da queste abbiamo calcolato i valori della velocità e della direzione medie del vento presso i punti selezionati all interno del dominio di simulazione. In particolare, si descrivono due campi di vento prodotti sull area di simulazione, e si illustrano in dettaglio i valori della velocità media del vento calcolati in corrispondenza ai punti di interesse, nella zona dell Aeroporto Cristoforo Colombo. Negli stessi punti, da cui abbiamo estratto velocità e direzioni medie del vento, abbiamo calcolato il valore del parametro u eff * legato all intensità della turbolenza. Il presente documento è concluso da una sintetica bibliografia e tre appendici. L Appendice A riporta alcuni cenni sulla teoria del atmospheric boundary layer (ABL) o strato limite atmosferico. L Appendice B riporta la metodologia utilizzata per il calcolo dei parametri necessari a stimare la turbolenza. L Appendice C riporta i dettagli del reticolo computazionale (rugosità, displacement level e quota sul livello del mare), in corrispondenza ad un area che contiene l Aeroporto Cristoforo Colombo e ad un area che contiene la Fiera di Genova. Dipartimento di Fisica Pagina 3 di 103

16 2. Definizione dei dati da acquisire in relazione alla modellazione numerica del territorio da simulare Il primo punto da affrontare per lo studio inerente la modellistica numerica del vento nelle aree portuali di Genova, Savona e Vado Ligure, La Spezia, Livorno e Bastia, (inquadrato nell ambito del progetto Vento e Porti nel quadro del Programma di cooperazione Transfrontaliero Italia-Francia Marittimo) consiste nella definizione dei dati da acquisire in relazione alla modellazione numerica del territorio da simulare. In particolare, per effettuare le simulazioni dei campi di vento sulle aree che considereremo, avremo bisogno dei database delle seguenti grandezze: dati di vento di lungo periodo; orografia del terreno; copertura del suolo; lunghezza di rugosità; displacement level; descritti in dettaglio nei paragrafi successivi. 2.1 Dati di vento da stazioni di lungo periodo Per ogni area portuale italiana sopra citata, DICAT ci ha indicato le stazioni meteorologiche dell Ente Nazionale per l Assistenza al Volo (ENAV) e di Météo France da prendere in considerazione. In particolare saranno utilizzati i dati delle undici stazioni di: Capo Mele e Alberga per l area portuale di Vado Ligure e Savona; Genova Sestri per l area portuale di Genova; Pisa S. Giusto e Volterra per l area portuale di Livorno; Sarzana Luni e Isola Palmaria per l area portuale di La Spezia; Cap Sagro e Bastia per l area portuale di Bastia; Grosseto e Isola d Elba. Gli anemometri, sopra citati, di Grosseto e dell Isola d Elba potranno essere utilizzati per calcolare i coefficienti di trasmissione, cioè quei parametri che trasformano l intensità e la direzione del vento misurate nelle stazioni anemometriche in corrispondenti valori di intensità e direzione del vento simulate nell area portuale in esame. Ci riserviamo di decidere in futuro l utilizzo dei dati anemometrici di questi due stazioni. Nella Tabella 2.1 sono indicate le stazioni meteorologiche per ciascuna area portuale e le relative coordinate (longitudine e latitudine, espresse in gradi decimali). Dipartimento di Fisica Pagina 4 di 103

17 Località Codice stazione Longitudine ( ) Latitudine ( ) Capo Mele ,17 43,95 Albenga ,12 44,05 Area portuale o di riferimento Savona Vado Ligure Sestri Ponente ,85 44,42 Genova Sarzana Luni ,98 44,08 Palmaria ,83 44,03 Pisa S. Giusto ,38 43,68 Volterra ,87 43,40 Cap Sagro ,49 42,80 Bastia aeroporto ,48 42,55 Grosseto ,07 42,75 Elba ,40 42, Dati di orografia Tabella 2.1. Stazioni anemometriche considerate. La Spezia Livorno Bastia Bastia Per effettuare una modellazione numerica di un territorio da simulare sono indispensabili file contenenti le informazioni circa le quote orografiche di ciascun punto relativo al dominio computazionale. I dati di orografia che solitamente si possono utilizzare, in formato digitale, provengono principalmente da tre fonti distinte: Istituto Geografico Militare (IGM); Institut Geographique National (IGN) Shuttle Radar Topography Mission (SRTM). La prima fonte di dati di orografia è relativa al solo territorio italiano, la seconda riguarda il solo territorio francese e la terza, invece, comprende tutto il mondo Dati IGM La prima fonte che consideriamo, per quanto riguarda i dati di orografia relativi al territorio italiano, consiste nel database dell IGM: dati vector: tavole digitalizzate serie 100/V in scala 1: : ciascuna tavola è comprensiva di un area pari a 1/2 grado in longitudine e 1/3 di grado in latitudine, ed è discretizzata mediante una griglia di nodi reticolari. Il passo di griglia del modello digitale del terreno (DTM) dell IGM è quindi pari a ~243 m in longitudine e ~230 m in latitudine a 44,45 N. dati matrix: dati organizzati in matrici quadrate (tile) che ricoprono un area di 10 km di lato. Ogni tile è composto di nodi; il passo del grigliato, in coordinate piane, è quindi di 20 m. Dipartimento di Fisica Pagina 5 di 103

18 Il sistema geografico di riferimento adottato dall IGM è centrato sul meridiano che passa per Monte Mario, presso Roma (41 55'25.51" N, 12 27'08.40" E), sede di una stazione geodetica. Le coordinate WGS84 di Monte Mario sono 41,92 N e 12,45 E. Sia i dati vector sia quelli matrix si possono acquistare on line sul sito oppure presso il punto vendita dell Istituto Geografico Militare. I tile individuati per l acquisto sono 49 e sono relativi a tutte le aree portuali e a tutte le aree intorno agli anemometri. Poiché ogni tile costa indicativamente 134,00 euro, il prezzo totale dell acquisto si aggira intorno a 6600 euro. Figura 2.1. Esempio di orografia derivante dal database IGM Dati IGV La terza fonte di dati è l IGN, relativa all orografia del territorio francese. In particolare il BD ALTI è un database, in coordinate Lambert II, che copre l intero territorio francese e corso. È possibile scaricare liberamente dal sito il database completo alla risoluzione di 250 m, contenuto in un unico file in formato ASCII. Sempre dallo stesso sito è possibile ordinare un DTM più dettagliato rispetto al precedente, con una risoluzione di 50 m. In questo caso i dati sono organizzati in tile, ciascuno dei quali ricopre un area di circa 10 km di lato, quindi ogni tile è composto di nodi. I tile individuati per l acquisto sono 16 e ricoprono ampiamente l area portuale di Bastia e i due anemometri. Il costo di ciascun tile è di circa 77 euro, quindi la spesa totale è intorno a 1235 euro. Dipartimento di Fisica Pagina 6 di 103

19 Figura 2.2. Esempio di orografia derivante dal database IGN Dati SRTM Un altra fonte di dati di orografia relativa al territorio mondiale è la Shuttle Radar Topography Mission (SRTM), in seguito ad un progetto internazionale guidato dal National Geospatial-Intelligence Agency (NGA) e dal National Aeronautics and Space Administration (NASA). Nell ambito di questo progetto è stato utilizzato un sistema radar appositamente modificato per volare a bordo dello Space Shuttle Endeavour durante 11 giorni di missione nel febbraio 2000 per ricavare i dati di elevazione del terreno. Questi dati, ottenuti su una scala quasi globale, forniscono il più completo database di orografia ad alta risoluzione. Nella seconda versione sono stati meglio definiti i contorni della linea di costa; rimangono tuttavia ancora molti pixel mancanti. La risoluzione a disposizione per questa fonte di dati nelle aree di nostro interesse è di 3 secondi d arco1 (SRTM3). Questi dati sono scaricabili gratuitamente dal seguente link: SRTM3 è organizzato in tile di 1201 righe 1201 colonne e ciascuno ricopre un area di 1 in longitudine e 1 in latitudine. I tile utili per le aree portuali e per le aree intorno agli anemometri in esame sono in totale una quindicina. 1 Si ricorda che 1 secondo d arco all equatore corrisponde a circa 30 m Dipartimento di Fisica Pagina 7 di 103

20 Figura 2.3. Esempio di orografia derivante dal database SRTM Dati di copertura del suolo I dati di copertura del suolo costituiscono un informazione importante per la simulazione dei campi di vento a qualsiasi scala CORINE Land Cover Nel 1985 il Consiglio delle Comunità Europee, con la Decisione 85/338/EEC, ha varato il programma CORINE (COoRdination of INformation on the Environment) affinché l Unione Europea, gli Stati associati e i paesi limitrofi dell area mediterranea e balcanica avessero informazioni territoriali omogenee sullo stato dell ambiente. All interno di questo programma rientra il progetto progetto CORINE Land Cover (CLC) con l obbiettivo di fornire informazioni sull uso e la copertura del suolo e sulle sue modifiche nel tempo. La prima realizzazione di CLC risale al 1990 (CLC90) e a dieci anni dalla conclusione del CLC90, nel 2001 è stato promosso il nuovo progetto Image & Corine Land Cover 2000 (I&CLC2000), con l obiettivo di aggiornare la base dati CLC e quindi di individuare le principali dinamiche di cambiamento di copertura e uso del territorio. Dipartimento di Fisica Pagina 8 di 103

21 I dati di copertura del terreno da noi solitamente utilizzati appartengono proprio a quest ultimo database. Tali informazioni derivano dall interpretazione assistita al calcolatore, secondo le specifiche del progetto, di stampe di riprese satellitari (LANDSAT TM) in scala 1: (relative agli anni ), disponibili in formato numerico vettoriale. Questo database ricopre la maggior parte dell Europa; sono esclusi: Norvegia, Svizzera, Kosovo, Moldavia, Ucraina e Bielorussia. Al link seguente: è possibile scaricare i dati relativi ad un area di interesse. La Figura 2.4 e la Figura 2.5 mostrano un esempio della copertura del suolo sull Italia e sulla Corsica e la corrispondente legenda, rispettivamente. Dipartimento di Fisica Pagina 9 di 103

22 Figura 2.4. Copertura del terreno dell Italia e della Corsica. Dipartimento di Fisica Pagina 10 di 103

23 Figura 2.5. Legenda della copertura secondo il CLC2000. Dipartimento di Fisica Pagina 11 di 103

24 Mediante l utilizzo del sistema informativo geografico (GIS) MapInfo è possibile convertire la cartografia sopra citata, originariamente in formato vettoriale, in un formato raster. Per fare ciò, è necessario sovrapporre la griglia computazionale già usata per costruire il DTM all immagine vettoriale della copertura del suolo, associando ad ogni pixel del reticolo il corrispondente valore di uso del suolo Copertura del suolo della Regione Liguria Per le aree portuali di Savona Vado Ligure e di Genova è possibile considerare la cartografia di uso e copertura del suolo della Regione Liguria a nostra disposizione. Quest ultima risulta avere un grado di dettaglio molto superiore alla cartografia CLC2000, e presenta una risoluzione spaziale maggiore, come possiamo vedere nella Figura 2.6, dove viene indicata la copertura del suolo proveniente dal database: della Regione Liguria in nero; del CLC2000 in rosso. Figura 2.6. Confronto tra la copertura del terreno CLC2000 (polilinee rosse) e la cartografia dell uso e copertura del suolo della Regione Liguria (polilinee nere). Si notino in particolare l elevato accordo tra le due fonti e, ovviamente, il più alto grado di dettaglio presente nella cartografia della Regione Liguria. Dipartimento di Fisica Pagina 12 di 103

25 2.4 Verifica dei dati di orografia e di copertura del suolo Per sottoporre a verifica la matrice di orografia e quella di copertura del suolo è possibile effettuare una comparazione con altre tipologie di dati. Il confronto incrociato tra due o più fonti tra loro indipendenti permette, infatti, di identificare e di isolare la presenza di errori casuali o sistematici nel DTM e nella copertura del suolo. Per questo scopo si possono utilizzare le immagini satellitari ottenute attraverso tre software distinti: Google Earth, disponibile presso il sito web World Wind della National Aeronautics and Space Administration (NASA), disponibile presso il sito web Live Search Maps, disponibile presso il sito web Tutti e tre i software sono scaricabili dalla rete gratuitamente e periodicamente aggiornati (tipicamente una volta l anno). Questi software permettono di effettuare un confronto visivo nell area considerata tra i valori di copertura o di orografia assunti dai database e le immagini satellitari. In particolare, sia Google Earth sia World Wind della NASA forniscono immagini satellitari da cui, attraverso le proprie interfacce web, è possibile ricavare le coordinate geografiche con una buona precisione. Solo Google Earth, però, consente di ottenere immagini ad alta risoluzione a differenza di quelle a più bassa risoluzione fornite dal software della NASA. Il software Live Search Maps, fornisce immagini ad altissima risoluzione (in alcune zone arriva fino a 20 m), ma non consente di avere una georeferenziazione del territorio per cui si può utilizzare solamente per un analisi qualitativa del territorio. Per quanto riguarda un controllo della linea di costa, in particolare, si può utilizzare, oltre ai tre software sopra citati, anche il database del CLC2000, che fornisce un confine terra-mare dettagliato (come si è potuto vedere anche in Figura 2.6). Un esempio di confronto tra diversi tipi di linea di costa si vede nella Figura 2.7, dove all orografia del modello digitale del terreno, ottenuto utilizzando il database dell IGM, sono sovrapposti: la polilinea delle aree urbane e portuali presenti nel database del CLC2000 (linea viola); l area del Porto Antico di Genova, desunta dal software World Wind della NASA (linea gialla); la diga foranea, desunta dal software Google Earth (linee blu). Dipartimento di Fisica Pagina 13 di 103

26 Figura 2.7. Esempio di sovrapposizione di diverse cartografie al DTM dell orografia. 2.5 Lunghezza di rugosità I dati di lunghezza di rugosità solitamente vengono solitamente ricavati dalle informazioni relative alle diverse tipologie di copertura del suolo descritte nel paragrafo precedente. In particolare, dai dati che descrivono la copertura del terreno su un determinato territorio si estrae, per ogni pixel, il corrispondente valore della rugosità del terreno. Per operare questa scelta solitamente ci basiamo principalmente sulla classificazione proposta da Wieringa (1992), su quanto riportato nel volume di Stull (1988), e su alcune più recenti pubblicazioni (Davenport et al. 2000; FUMAPEX D ), oltre che sulle precedenti esperienze sull argomento da noi acquisite nell ambito delle numerose applicazioni che abbiamo eseguito. Dipartimento di Fisica Pagina 14 di 103

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO Allegato A2.11 ANALISI DELLE POTENZIALITA DI SVILUPPO DI PRODUZIONE EOLICA Riferimento al capitolo 3.3 della Relazione di sintesi PEAP GR A cura

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

Analisi statistica dei dati storici di vento registrati dalle stazioni anemometriche

Analisi statistica dei dati storici di vento registrati dalle stazioni anemometriche Università di Genova Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni, dell Ambiente e del Territorio Analisi statistica dei dati storici di vento registrati dalle stazioni anemometriche Progetto dell Unione

Dettagli

Comitato di pilotaggio Genova, 04 03 2011

Comitato di pilotaggio Genova, 04 03 2011 Programma di cooperazione transfrontaliera Italia /Francia Marittimo Programma cofinanziato con il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2009-2013 Università degli Studi di Genova DICAT Comitato di pilotaggio

Dettagli

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI Eolo-CISMA è un sistema di previsioni meteorologiche messo a punto da CISMA srl che ci permette di disporre di previsioni del potenziale eolico di un sito

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. INTRODUZIONE... 2 3. DESCRIZIONE DEL SITO... 3 4. MISURA DEL VENTO... 4 5. CARATTERISTICA DELLA STATISTICA METEO...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. INTRODUZIONE... 2 3. DESCRIZIONE DEL SITO... 3 4. MISURA DEL VENTO... 4 5. CARATTERISTICA DELLA STATISTICA METEO... Regione Basilicata Provincia di Potenza Comune di Melfi PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI UN PARCO EOLICO NEL COMUNE DI MELFI PROGETTO DEFINITIVO 4 3 2 1 0 Settembre 2011 Em./Rev. Data Red./Dis. Verificato

Dettagli

Funzionalità e servizi integrativi: il software Ferens e il geoide regionale

Funzionalità e servizi integrativi: il software Ferens e il geoide regionale DIREZIONE AMBIENTE TERRITORIO E INFRASTRUTTURE Servizio Informatico/Informativo: geografico ambientale e territoriale Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria DICA - Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO AMBITO COSTIERO 08 Unità fisiografiche del Centa, Centa Sud e Maremola ART. 41 LEGGE REGIONALE N 20/2006 RELAZIONE SUL CLIMA ONDOSO AL LARGO (RO) 1 Indice

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Fisica dell Atmosfera e del Clima Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Dettagli

Genova 22/24 settembre 2015

Genova 22/24 settembre 2015 Genova 22/24 settembre 2015 ELABORAZIONI DELLA C.T.R.: DTM E CARTE DERIVATE Rappresentazione della morfologia del territorio in Regione Liguria QUALCHE DEFINIZIONE DTM (Digital Terrain Model) o DEM (Digital

Dettagli

GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS

GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS GPS GPS? SINTETICAMENTE STRUTTURA WGS 84 TECNICHE DI MISURAZIONE RILIEVO TOPOGRAFICO PRECISIONE E FONTI DI ERRORE RETE GPS GPS Global Positioning System è costituito da una costellazione di satelliti NAVSTAR

Dettagli

Modelli meteorologici

Modelli meteorologici Fondamenti di meteorologia e climatologia Cenni storici Vilhelm Bjerknes (1904): L evoluzione degli stati atmosferici é controllata da leggi fisiche, quindi condizioni necessarie e sufficienti per risolvere

Dettagli

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici ENERGY SOLUTIONS La forza del vento Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici L energia è diventata una priorità nella politica europea. Fino ad oggi

Dettagli

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Forestello Luca - Niccoli Tommaso - Sistema Informativo Ambientale AT01 http://webgis.arpa.piemonte.it e-mail:

Dettagli

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013

Istituto per l Energia Rinnovabile. Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Bolzano, Gennaio 2013 Istituto per l Energia Rinnovabile Catasto Solare Alta Val di Non Relazione Versione: 2.0 Autori: David Moser, PhD; Daniele Vettorato, PhD. Coordinamento e Revisione: dott. Daniele Vettorato, PhD (daniele.vettorato@eurac.edu)

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 B. MANUALE DI UTILIZZO DEL GRIGLIATORE Il pre processore Grigliatore è composto da tre macro

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento Contenuti della lezione 1. Definizioni generali 2. Le coordinate geografiche 3. Le carte e le proiezioni 4. Lettura di una carta

Dettagli

Formazione SIAR Marzo - Aprile 2007. Sistemi Informativi Territoriali. Introduzione ai. Rossi Doria Laura Direzione Ambiente Servizi ambientali

Formazione SIAR Marzo - Aprile 2007. Sistemi Informativi Territoriali. Introduzione ai. Rossi Doria Laura Direzione Ambiente Servizi ambientali Formazione SIAR Marzo - Aprile 2007 Introduzione ai Sistemi Informativi Territoriali Rossi Doria Laura Direzione Ambiente Servizi ambientali Sommario Cos è il SIT Gli strumenti del SIT L informatizzazione

Dettagli

ALLEGATO B al Disciplinare di Gara. Capitolato Tecnico

ALLEGATO B al Disciplinare di Gara. Capitolato Tecnico - 1/14 - Gara europea a procedura aperta ai sensi del D.Lgs. n. 163/2006 per la formazione di Database Topografico alla scala nominale 1:25000 (25K) e realizzazione della corrispondente cartografia alle

Dettagli

PARTE II. ANALISI DELLE POTENZIALITA DEI SISTEMI SOLARI FOTOVOLTAICI O SOLARI TERMICI INTEGRATI NELLE COPERTURE DEGLI EDIFICI

PARTE II. ANALISI DELLE POTENZIALITA DEI SISTEMI SOLARI FOTOVOLTAICI O SOLARI TERMICI INTEGRATI NELLE COPERTURE DEGLI EDIFICI PARTE II. ANALISI DELLE POTENZIALITA DEI SISTEMI SOLARI FOTOVOLTAICI O SOLARI TERMICI INTEGRATI NELLE COPERTURE DEGLI EDIFICI Per creare la mappa del soleggiamento è stato utilizzato il software GRASS

Dettagli

www.epsilon-italia.ititalia.it

www.epsilon-italia.ititalia.it Provincia di Cosenza Settore Programmazione e Gestione Territoriale SIPITEC2 - Sistema Informativo Territoriale per la Gestione del P.T.C.P. www.epsilon-italia.ititalia.it MACRO ARGOMENTI Che cos è un

Dettagli

ArRISK RILASCIO E DISPERSIONE DI GAS TOSSICI, INFIAMMABILI, ODORIGENI

ArRISK RILASCIO E DISPERSIONE DI GAS TOSSICI, INFIAMMABILI, ODORIGENI OBIETTIVI. ArRISK È UN SISTEMA MODELLISTICO SVILUPPATO PER SIMULARE LA DISPERSIONE IN ATMOSFERA DI AERIFORMI, E PER LA VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI IN TERMINI DI TOSSICITA, INFIAMMABILITA E IMPATTO ODORIGENO.

Dettagli

Figura 1. Approccio sistemico per l applicazione modellistica. Inquadramento Socio-economico. Caratterizzazione orografica

Figura 1. Approccio sistemico per l applicazione modellistica. Inquadramento Socio-economico. Caratterizzazione orografica APPLICAZIONE DI UN MODELLO GAUSSIANO IBRIDO AD UN SITO INDUSTRIALE CARATTERIZZATO DA OROGRAFIA COMPLESSA. Bruno Bove, Anna Maria Crisci, Lucia Mangiamele, Mario Scarciolla, Lucilla Ticconi Italia Agenzia

Dettagli

La carta del vento della Regione Abruzzo

La carta del vento della Regione Abruzzo Capitolo 1 La carta del vento della Regione Abruzzo Pagina 1.1 1. La carta del vento della Regione Abruzzo. 1.1 Introduzione. Per la stesura delle Linee Guida per l eolico si è ritenuto opportuno effettuare

Dettagli

Modellazione delle emissioni in atmosfera della centrale termoelettrica Tirreno Power S.p.A. di Vado Ligure: stato dell'attività.

Modellazione delle emissioni in atmosfera della centrale termoelettrica Tirreno Power S.p.A. di Vado Ligure: stato dell'attività. Modellazione delle emissioni in atmosfera della centrale termoelettrica Tirreno Power S.p.A. di Vado Ligure: stato dell'attività. La prima catena modellistica: SAFE_AIR II Nell'ambito di un progetto di

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Architettura e funzionalità di una piattaforma GIS. Parte seconda:

Dettagli

CALWin Gestione dei modelli CALMET CALPUFF

CALWin Gestione dei modelli CALMET CALPUFF CALWin Gestione dei modelli CALMET CALWin è un sistema di gestione modellistica, realizzato per ambiente MS Windows (da Windows 2000) e scritto interamente in italiano, che permette la gestione integrata

Dettagli

SOFTWARE TOPOGRAFICO MERIDIANA. Il software topografico da ufficio professionale

SOFTWARE TOPOGRAFICO MERIDIANA. Il software topografico da ufficio professionale MERIDIANA SOFTWARE TOPOGRAFICO Il software topografico da ufficio professionale Catasto Curve di livello Integrazione GPS e Stazione Totale Compensazione rigorosa Progettazione stradale CAD avanzato Post-processing

Dettagli

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource

Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Introduzione a Quantum GIS (QGIS) - passaggio dal software ArcView 3.x a software GIS OpenSource Esercitazioni Forestello Luca - Niccoli Tommaso - Sistema Informativo Ambientale AT01 http://webgis.arpa.piemonte.it

Dettagli

Manuale Utente per le aziende

Manuale Utente per le aziende Pilotaggio dell'irrigazione a Scala Aziendale e Consortile Assistito da Satellite-IRRISAT PSR Campania 2007/2013 MISURA 124 Manuale Utente per le aziende www.irrisat.it progetto realizzato con il co-finanziamento

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

GLOBCOVER: LA MAPPA PIU ESATTA DEL MONDO

GLOBCOVER: LA MAPPA PIU ESATTA DEL MONDO L USO DEL TERRITORIO Il mondo a 22 colori L uomo plasma la Terra questo fatto è ora dimostrato, con una precisione mai vista, dall atlante Globcover dell. La sua risoluzione è dieci volte maggiore rispetto

Dettagli

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini

LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini LM Quaternario, Preistoria e Archeologia Corso di Cartografia tematica Dott. Maria Chiara Turrini CARTA U.T.M. (Universale Trasversa di Mercatore) Coordinate chilometriche La superficie della Terra è stata

Dettagli

LA CARTA TECNICA REGIONALE IN SCALA 1:5000

LA CARTA TECNICA REGIONALE IN SCALA 1:5000 LA CARTA TECNICA REGIONALE IN SCALA 1:5000 Attualmente sono disponibili tre diverse edizioni di C.T.R. 1:5000: AL TRATTO realizzata dal 1977 al 1982 in base alle norme contenute nella L.R. n. 40 del 29/11/1974.

Dettagli

Cartografia della copertura ed uso del suolo Cartografia della vegetazione

Cartografia della copertura ed uso del suolo Cartografia della vegetazione Che cosa è una carta? Cartografia della copertura ed uso del suolo Cartografia della vegetazione E un elaborato grafico attraverso cui una determinata porzione della superficie terrestre viene rappresentata

Dettagli

Studio della qualità dell'aria locale nell'area di Carmagnola: stato attuale e scenari

Studio della qualità dell'aria locale nell'area di Carmagnola: stato attuale e scenari Studio della qualità dell'aria locale nell'area di Carmagnola: stato attuale e scenari Autori P.Radice, T.Pittini, G.Calori, G.Tinarelli Riferimento ARIANET R2006.07 Febbraio 2006 ARIANET s.r.l. via Gilino,

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

Committente: GRUPPO MASTROTTO SpA. Località: Sede: Via IV Strada n. 7 Arzignano Stabil.: Via III Strada n.15 Arzignano. Data: 20 giugno 2014

Committente: GRUPPO MASTROTTO SpA. Località: Sede: Via IV Strada n. 7 Arzignano Stabil.: Via III Strada n.15 Arzignano. Data: 20 giugno 2014 Progetto: MODELLAZIONE PROGNOSTICA DEL TRASPORTO AEREO E DISPERSIONE INQUINANTI DALLE EMISSIONI Committente: GRUPPO MASTROTTO SpA Località: Sede: Via IV Strada n. 7 Arzignano Stabil.: Via III Strada n.15

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

TOPOGRAFIA E CATASTO. Non meno importanti sono le altre funzioni offerte a chi lavora in ambito catastale. Eccone alcune:

TOPOGRAFIA E CATASTO. Non meno importanti sono le altre funzioni offerte a chi lavora in ambito catastale. Eccone alcune: pag. 1 Analist 2015 TOPOGRAFIA E CATASTO La Scelta Vincente per i Professionisti della Topografia Analist è il fantastico Software di Gestione e di Elaborazione dei Rilievi Topografici 2D e 3D e di Modellazione

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D

Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D 2 Confronto tra i codici di calcolo QUAD4-M e LSR2D Introduzione Questo documento riporta un confronto tra i risultati di un analisi di risposta sismica locale condotta con il codice di calcolo LSR2D (Stacec

Dettagli

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1 Club Alpino Italiano - Sezione di Bozzolo TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA TOPOGRAFIA E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA Cenni di geodesia e topografia Cartografia Lettura ed interpretazione delle carte

Dettagli

Meteonorm 7.0. ATH Italia Srl Divisione Software

Meteonorm 7.0. ATH Italia Srl Divisione Software Meteonorm 7.0 Meteonorm è un database di informazioni meteorologiche, che prevede dati sempre aggiornati e procedure di calcolo per le località prive di dati statistici. - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

Prima Lezione: Costruire una mappa

Prima Lezione: Costruire una mappa Prima Lezione: Costruire una mappa I tipi di informazione geografica disponibili Navigazione nella mappa Coordinate e scala Vista panoramica Introduzione ai GIS GIS significa Sistema Informativo Geografico

Dettagli

Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante dati acquisiti in situ

Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante dati acquisiti in situ Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante

Dettagli

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE ASSESSORATO ENTI LOCALI FINANZE ED URBANISTICA Direzione generale della pianificazione territoriale urbanistica e della vigilanza edilizia S E T T O R E SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

Dettagli

Algoritmo Nazionale per il GSM

Algoritmo Nazionale per il GSM Algoritmo Nazionale per il GSM Storia (1) Esistono numerosi metodi per la pianificazione e la copertura dei sistemi di telefonia cellulare. Ogni operatore sceglie quello che ritiene più opportuno anche

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Vari tipi di immagini Cod.303 - Vers.E41 1 Introduzione 2 Immagine fisica 3 Immagine classificata 4 Immagine cartografica 5 Immagine

Dettagli

Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT)

Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT) Conversione coordinate Sistema Informativo Territoriale Regionale e Infrastruttura di Dati Territoriale (SITR-IDT) Indice 1. Le trasformazioni di coordinate... 3 1.1 Coordinate massime e minime ammesse

Dettagli

COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE

COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE COMUNE DI BRUGNERA PROGRAMMAZIONE DELLA RETE DI TELEFONIA MOBILE Analisi radioelettrica relativa alla realizzazione del piano comunale di settore per la localizzazione delle stazioni radio base nel Comune

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

COMUNE DI CRUCOLI Provincia di Crotone *****

COMUNE DI CRUCOLI Provincia di Crotone ***** COMUNE DI CRUCOLI Provincia di Crotone ***** INTERVENTO DI DIFESA DELLA FASCIA LITORANEA DEL COMUNE DI CRUCOLI DAI FENOMENI EROSIVI MEDIANTE RIPASCIMENTO PROTETTO. ---------------------------- PROGETTO

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Introduzione ai GIS Le attività dell uomo...... hanno sempre un

Dettagli

Applicazione di modelli per l analisi di scenari di mitigazione

Applicazione di modelli per l analisi di scenari di mitigazione Applicazione di modelli per l analisi di scenari di mitigazione Stefano Zauli Sajani, Stefano Marchesi Centro Tematico Regionale Ambiente e Salute ARPA Emilia- Romagna Applicazione di modelli Nell ambito

Dettagli

Misura del vento: la velocità

Misura del vento: la velocità Il vento Il vento si origina in seguito a differenze di pressione, che ne rappresentano la forza motrice, a loro volta derivanti principalmente da differenze di temperatura tra masse di aria. Il vento

Dettagli

Soluzione. Calcolo la frequenza di Brunt-Väisälä: Γ Γ=0.0127. Calcolo il periodo: = 2 =494.7. Ricavo la velocità del vento: = =10000 494.7 =20.

Soluzione. Calcolo la frequenza di Brunt-Väisälä: Γ Γ=0.0127. Calcolo il periodo: = 2 =494.7. Ricavo la velocità del vento: = =10000 494.7 =20. Problema 1 Uno flusso di aria secca scorre al di sopra di un terreno montano nel quale sono presenti due catene montuose parallele distanti 1 km nella direzione del vento. Il gradiente termico verticale

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE

LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE UNIVERSITA DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA FACOLTA DI INGEGNERIA LAUREA MAGISTRALE INGEGNERIA CIVILE CORSO DI INFRASTRUTTURE AEROPORTUALI ED ELIPORTUALI LECTURE 08 METEOROLOGIA NELLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma 11, aprile 2003

Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma 11, aprile 2003 GRS Charter Dottorato di Ricerca in GEOINFORMAZIONE AES Charter in collaborazione con Associazione Laureati in Ingegneria Università Tor Vergata Roma Prima giornata di studio sulla GEOINFORMAZIONE Roma

Dettagli

Come creare scenari virtuali per simulatori di volo ludici

Come creare scenari virtuali per simulatori di volo ludici Come creare scenari virtuali per simulatori di volo ludici Presentazione di Volo Virtuale Torino Flight Simulator Il mondo di FS La catena di un scenario 1. Mesh terrain 2. Landclass o photoreal 3. La

Dettagli

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21

3 FASCE FLUVIALI... 20 3.1 CONFRONTO TRA FASCE ATTUALMENTE IN VIGORE E FASCE AGGIORNATE... 21 Sommario 1 ANALISI IDRAULICA PER LA DEFINIZIONE DELLE AREE INONDABILI... 2 1.1 IL MODELLO IDRAULICO DI PROPAGAZIONE... 2 1.2 LA PROPAGAZIONE MONODIMENSIONALE (1D)... 4 1.3 LE STRUTTURE INTERFERENTI CON

Dettagli

Introduzione CAPITOLO 1

Introduzione CAPITOLO 1 CAPITOLO 1 Introduzione Il termine Telerilevamento deriva dall unione della parola greca tele, ovvero da lontano e del termine rilevamento, che indica genericamente un processo di acquisizione di informazioni:

Dettagli

Unità didattica 3. Il moto. Competenze. 1 Il moto è relativo. 2 La velocità scalare e la velocità vettoriale

Unità didattica 3. Il moto. Competenze. 1 Il moto è relativo. 2 La velocità scalare e la velocità vettoriale Unità didattica 3 Il moto Competenze Riconoscere e descrivere i principali tipi di moto. Definire la velocità scalare e vettoriale e l accelerazione scalare e vettoriale. Descrivere il moto rettilineo

Dettagli

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO ALLEGATO I LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO 19 LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO PREMESSA Coerentemente con

Dettagli

UTILIZZO DELLA MODELLISTICA PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE ACUSTICHE AUTOSTRADALI

UTILIZZO DELLA MODELLISTICA PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE ACUSTICHE AUTOSTRADALI UTILIZZO DELLA MODELLISTICA PER L INSTALLAZIONE DI BARRIERE ACUSTICHE AUTOSTRADALI Simulare conviene! I modelli ambientali strumento di previsione e pianificazione SESSIONE RUMORE D.ssa Barbieri Cinzia,

Dettagli

Premessa. L esame di queste diverse fonti ha portato a conclusioni analoghe e sovrapponibili

Premessa. L esame di queste diverse fonti ha portato a conclusioni analoghe e sovrapponibili Premessa In Sardegna vastissime esposizioni di fetch (superfici di mare aperto su cui spira il vento con direzione e intensità costante) di centinaia di km espongono l'isola a forti venti tutto l anno.

Dettagli

Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010. U.N.U.C.I. sezione di Padova

Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010. U.N.U.C.I. sezione di Padova Caserma L. Pierobon 18 marzo 2010 U.N.U.C.I. sezione di Padova NOZIONI DI TOPOGRAFIA Reticolato geografico Designazione di un punto Sistemi di misura Nord Geografico, Rete e Magnetico Distanze Scale di

Dettagli

10 anni di modellistica operativa di qualità dell'aria in Emilia-Romagna

10 anni di modellistica operativa di qualità dell'aria in Emilia-Romagna 10 anni di modellistica operativa di qualità dell'aria in Emilia-Romagna Michele Stortini, Giovanni Bonafè, Marco Deserti, Simona Maccaferri, Enrico Minguzzi, Antonella Morgillo Centro Tematico Regionale

Dettagli

Sistema Informativo Geografico:

Sistema Informativo Geografico: Sistemi Informativi Geografici Sistema Informativo Geografico: È un sistema informativo che tratta informazioni spaziali georeferenziate, ne consente la gestione e l'analisi. Informazioni spaziali: dati

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 8. Cartografia digitale

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 8. Cartografia digitale Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 8. Cartografia digitale Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Aspetti generali Organizzazione

Dettagli

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura 01/06/2007 dei Campi Elettromagnetici 1 Normativa tecnica di riferimento Guida CEI 211-10: Guida

Dettagli

COORDINATE E DATUM. Nella geodesia moderna è molto spesso necessario saper eseguire TRASFORMAZIONI:

COORDINATE E DATUM. Nella geodesia moderna è molto spesso necessario saper eseguire TRASFORMAZIONI: COORDINATE E DATUM Viene detta GEOREFERENZIAZIONE la determinazione della posizione di un punto appartenente alla superficie terrestre (o situato in prossimità di essa) La posizione viene espressa mediante

Dettagli

SCALA ED ECOLOGIA: Scala: dal latino scala,, collegato con scandere (scandire, misurare i versi)

SCALA ED ECOLOGIA: Scala: dal latino scala,, collegato con scandere (scandire, misurare i versi) SCALA ED ECOLOGIA: Scala: dal latino scala,, collegato con scandere (scandire, misurare i versi) Lo studio della struttura spaziale (pattern) e del dominio spaziale (scala) dei fenomeni costituisce un

Dettagli

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus. Versione 1 Febbraio 2007

EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE. GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus. Versione 1 Febbraio 2007 EUROPEAN COMPUTER DRIVING LICENCE GEOGRAPHIC INFORMATION SYSTEM Syllabus Versione 1 Febbraio 2007 Versione 1 Febbraio 2007 ECDL GIS Programma di certificazione 1. A chi si rivolge La certificazione ECDL

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011 Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA CENTRO DI COMPETENZA DEL DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Report di approfondimento

Dettagli

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA UNITA N 10 I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA Quali sono i fattori che influenzano il clima? Si chiamano fattori climatici le condizioni che producono variazioni negli elementi del clima. Molto importante

Dettagli

Maind S.r.l Milano P.za L. Da Vinci, 7 20133 Milano C.F. e P.IVA 09596850157 Informazioni: info@maindsupport.it. MMS Calpuff.

Maind S.r.l Milano P.za L. Da Vinci, 7 20133 Milano C.F. e P.IVA 09596850157 Informazioni: info@maindsupport.it. MMS Calpuff. Maind S.r.l Milano P.za L. Da Vinci, 7 20133 Milano C.F. e P.IVA 09596850157 Informazioni: info@maindsupport.it MMS Calpuff Manuale utente Aggiornamento 26/03/2015 Sommario 1. Introduzione... 4 1.1. Novità

Dettagli

ArRISK RILASCIO E DISPERSIONE DI GAS TOSSICI O INFIAMMABILI

ArRISK RILASCIO E DISPERSIONE DI GAS TOSSICI O INFIAMMABILI OBIETTIVI. ArRISK È UN SISTEMA MODELLISTICO PER L ANALISI DELLE CONSEGUENZE IN ATMOSFERA DI RILASCI TOSSICI O INFIAMMABILI. È DOTATO DI UN INTERFACCIA GRAFICA CHE PERMETTE ALL UTENTE DI PREDISPORRE ED

Dettagli

Lettura delle carte, orientamento sul territorio

Lettura delle carte, orientamento sul territorio Corso di Primo Livello per Volontari di Protezione Civile Amm.ne Provinciale di Lecco Lettura delle carte, orientamento sul territorio Relatori: geologi Bonfanti Dr. Carlo, De Maron Dr. Egidio e Stanzione

Dettagli

Studio della qualità delle acque degli specchi d acqua tra pennelli adiacenti mediante simulazioni numeriche con modello matematico

Studio della qualità delle acque degli specchi d acqua tra pennelli adiacenti mediante simulazioni numeriche con modello matematico Regione Sardegna Comune di Capoterra (CA) Sistemazione e rinaturazione delle difese litoranee Bonifica e sistemazione della fascia costiera Progetto definitivo-esecutivo delle opere marittime Protezione

Dettagli

DESCRIZIONE E VERIFICA ABBAGLIAMENTO IMPIANTO FOTOVOLTAICO

DESCRIZIONE E VERIFICA ABBAGLIAMENTO IMPIANTO FOTOVOLTAICO DESCRIZIONE E VERIFICA ABBAGLIAMENTO IMPIANTO FOTOVOLTAICO 1.0 Tipologia dell impianto L impianto consiste in pannelli solari fotovoltaici da installare sulla copertura di immobili ad uso civile abitazione

Dettagli

9 - DTM - MODELLO DIGITALE DEL TERRENO

9 - DTM - MODELLO DIGITALE DEL TERRENO 9 - DTM - MODELLO DIGITALE DEL TERRENO Per poter utilizzare tutte le fasi del programma relative al calcolo dei volumi e al disegno delle curve di livello e delle sezioni, è fondamentale trasformare l

Dettagli

Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010. Mauro M. Grosa

Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010. Mauro M. Grosa Modellistica di Qualità dell'aria a supporto del D. lgs 155/2010 Mauro M. Grosa Responsabile del coordinamento delle attività di qualità dell aria di Arpa Piemonte Regione Piemonte nel 2000 ha avviato

Dettagli

4 Azioni sulle costruzioni

4 Azioni sulle costruzioni 4 Azioni sulle costruzioni Classificazione delle azioni 1/2 Si definisce azione ogni causa o insieme di cause capace di indurre stati limite in una struttura. Si definisce sollecitazione ogni effetto interno

Dettagli

Trasformazioni di sistemi di riferimento

Trasformazioni di sistemi di riferimento Trasformazioni di sistemi di riferimento Trasformazioni di sistemi di riferimento Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per:

S.C.S. - survey CAD system Tel. 045 / 7971883. Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: 1 - File Il menu file contiene tutti i comandi predisposti per: - l apertura e salvataggio di disegni nuovi e esistenti; - al collegamento con altri programmi, in particolare AutoCAD; - le opzioni di importazione

Dettagli

Facoltà di Pianificazione del Territorio. Laboratori Tematici area Nuove Tecnologie e Informazione Territorio & Ambiente

Facoltà di Pianificazione del Territorio. Laboratori Tematici area Nuove Tecnologie e Informazione Territorio & Ambiente Facoltà di Pianificazione del Territorio Laboratori Tematici area Nuove Tecnologie e Informazione Territorio & Ambiente 07 ottobre 2008 LABORATORIO ELABORAZIONE DI IMMAGINI della Facoltà di Pianificazione

Dettagli

IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE

IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE La Il paragrafo è intitolato La Carta di Gauss poiché, delle infinite formule che si possono adottare per mettere in corrispondenza i punti dell'ellissoide con quelli

Dettagli

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 7. Lettura delle carte topografiche

TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA. 7. Lettura delle carte topografiche Università degli studi di Firenze Facoltà di Lettere e Filosofia TOPOGRAFIA E CARTOGRAFIA a.a. 2010-2011 7. Lettura delle carte topografiche Camillo Berti camillo.berti@gmail.com Argomenti Dati identificativi

Dettagli

ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI. Pagina 1 di 15

ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI. Pagina 1 di 15 ALLEGATO TECNICO 2 ELENCO DEI PRODOTTI EROGABILI Pagina 1 di 15 Indice Matrice dei prodotti erogabili a supporto della pianificazione e monitoraggio delle discariche...3 Analisi e Monitoraggio delle aree

Dettagli

Filtraggio di dati LiDAR con GRASS: procedure, risultati e confronti

Filtraggio di dati LiDAR con GRASS: procedure, risultati e confronti Filtraggio di dati LiDAR con GRASS: procedure, risultati e confronti Maria Antonia Brovelli, Sara Lucca Politecnico di Milano, DIIAR maria.brovelli@polimi.it, sara.lucca@mail.polimi.it Il LiDAR Sistema

Dettagli

ILLUSTRAZIONE DEL PROGETTO GIS DESERTO OCCIDENTALE PER DIVULGAZIONE SUL WEB

ILLUSTRAZIONE DEL PROGETTO GIS DESERTO OCCIDENTALE PER DIVULGAZIONE SUL WEB ILLUSTRAZIONE DEL PROGETTO GIS DESERTO OCCIDENTALE PER DIVULGAZIONE SUL WEB Compilato: Andrea De Felici Rivisto: Daniele Moretto Approvato: Daniele Moretto Versione: 1.0 Distribuito: 06/05/2013 1 INDICE

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Radarmeteo srl a socio unico Via Mezzavia, 115/5 35020 Due Carrare (PD) Italia tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

Dettagli

Il Dipartimento può essere raggiunto in autobus (partendo dalla stazione Brignole) in circa 10 minuti attraverso due percorsi differenti:

Il Dipartimento può essere raggiunto in autobus (partendo dalla stazione Brignole) in circa 10 minuti attraverso due percorsi differenti: Come raggiungere il Dipartimento in autobus Genova ha due stazioni ferroviarie principali: Genova Piazza Principe (vicina al centro storico, sul suo lato ovest); Genova Brignole (vicino alla parte moderna

Dettagli

Aggiornamento speditivo dello stato di attuazione delle aree di espansione produttiva in provincia di Piacenza per mezzo di immagini Ikonos-PAN.

Aggiornamento speditivo dello stato di attuazione delle aree di espansione produttiva in provincia di Piacenza per mezzo di immagini Ikonos-PAN. Amministrazione Provinciale di Piacenza Area Programmazione territoriale Infrastrutture Ambiente Ufficio Staff Supporto alla Pianificazione e alla Progettazione Via Garibaldi 50, 29100 PIACENZA, tel. 0523/7951

Dettagli

LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO

LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE LAZIO PER IL RISCHIO IDROGEOLOGICO ED IDRAULICO REGIONE LAZIO Dipartimento Territorio Direzione Regionale Ambiente e Cooperazione tra i Popoli Ufficio Idrografico e Mareografico - Area 2S/09 CENTRO FUNZIONALE REGIONALE LE ZONE DI ALLERTA DELLA REGIONE

Dettagli

GUIDA ALLA LETTURA DEI METEO PLOTTER F.I.V.L.

GUIDA ALLA LETTURA DEI METEO PLOTTER F.I.V.L. GUIDA ALLA LETTURA DEI METEO PLOTTER F.I.V.L. (a cura di Deivi Gavriil e Damiano Zanocco) I modelli sono l'eta2006 e 2007 che si sono rivelati mediamente buoni sia in presenza di alta pressione e stabilità,

Dettagli

LA SOCIETA. Nasce nel 2005. Settori: Energie rinnovabili Efficienza energetica Sviluppo prodotti tecnologici

LA SOCIETA. Nasce nel 2005. Settori: Energie rinnovabili Efficienza energetica Sviluppo prodotti tecnologici ENERGIE DA FONTI RINNOVABILI ASPETTATIVE DALLE NUOVE TECNOLOGIE SERAPH s.r.l. Università ECAMPUS Novedrate- 1 Marzo 2012 Relatore: Ph.D. Ing. Francesco D Amico - Presidente C.d.A. SERAPH s.r.l. LA SOCIETA

Dettagli