Studio inerente la modellistica numerica del vento nelle aree portuali di Genova, Savona e Vado Ligure, La Spezia, Livorno e Bastia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Studio inerente la modellistica numerica del vento nelle aree portuali di Genova, Savona e Vado Ligure, La Spezia, Livorno e Bastia"

Transcript

1 Contratto tra Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni, dell Ambiente e del Territorio (DICAT) e Dipartimento di Fisica (DIFI) dell Università degli Studi di Genova Studio inerente la modellistica numerica del vento nelle aree portuali di Genova, Savona e Vado Ligure, La Spezia, Livorno e Bastia relativo al progetto VENTO E PORTI nel quadro del Programma di cooperazione Transfrontaliero Italia-Francia Marittimo RAPPORTO INTERMEDIO Genova, 11 ottobre 2009

2

3 Contratto tra Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni, dell Ambiente e del Territorio (DICAT) e Dipartimento di Fisica (DIFI) dell Università degli Studi di Genova Studio inerente la modellistica numerica del vento nelle aree portuali di Genova, Savona e Vado Ligure, La Spezia, Livorno e Bastia relativo al progetto VENTO E PORTI nel quadro del Programma di cooperazione Transfrontaliero Italia-Francia Marittimo RAPPORTO INTERMEDIO Supervisione scientifica e coordinamento di: Prof. Corrado Ratto Dipartimento di Fisica via Dodecaneso 33, Genova Tel. & Fax: (diretto) Tel. & Fax: (segreteria) Raccolta e preelaborazione del materiale, predisposizione del testo, grafica ed impaginazione di: Dott. Federico Cassola Dott. Marina Pizzo Genova, 11 ottobre 2009

4

5 Relazione redatta da: Dr. Federico Cassola Dr. Marina Pizzo Il responsabile del contratto (Prof. Corrado Ratto) Il Direttore del Dipartimento (Prof. Mauro Giannnini)

6

7 INDICE 1. Introduzione Definizione dei dati da acquisire in relazione alla modellazione numerica del territorio da simulare Dati di vento da stazioni di lungo periodo Dati di orografia Dati di copertura del suolo Verifica dei dati di orografia e di copertura del suolo Lunghezza di rugosità Displacement level Definizione dei domini da utilizzare per la simulazione del vento La macroarea Savona e Vado Ligure La macroarea Genova La macroarea La Spezia La macroarea Livorno La macroarea Bastia La macroarea Grosseto e Isola d Elba Il codice di simulazione dei campi di vento Il codice WINDS La procedura di simulazione La costruzione del campo di vento Gli output prodotti dalle simulazioni La calibrazione del modello WINDS L area di simulazione per la calibrazione del modello Il reticolo computazionale I database e le cartografie di riferimento L orografia del territorio La copertura del terreno La lunghezza di rugosità del terreno La scelta dei valori del displacement level La discretizzazione del volume di calcolo Gli input meteorologici e la costruzione dei campi di vento Gli output prodotti Conclusioni Bibliografia Appendice A: il profilo verticale della velocità del vento Relazione tra vento geostrofico e vento vicino al suolo Il profilo logaritmico vicino al suolo Lunghezza di rugosità del terreno La stabilità dei bassi strati atmosferici I profili verticali della velocità utilizzati in WINDS Appendice B: calcolo dei parametri necessari a stimare la turbolenza...89 Dipartimento di Fisica Pagina i di vi

8 8.1 I parametri di turbolenza Procedura per il calcolo di u eff * (z) Appendice C: il reticolo computazionale relativo all Aeroporto Cristoforo Colombo e alla Fiera di Genova Dipartimento di Fisica Pagina ii di vi

9 Indice delle Figure Figura 2.1. Esempio di orografia derivante dal database IGM....6 Figura 2.2. Esempio di orografia derivante dal database IGN...7 Figura 2.3. Esempio di orografia derivante dal database SRTM Figura 2.4. Copertura del terreno dell Italia e della Corsica...10 Figura 2.5. Legenda della copertura secondo il CLC Figura 2.6. Confronto tra la copertura del terreno CLC2000 (polilinee rosse) e la cartografia dell uso e copertura del suolo della Regione Liguria (polilinee nere)...12 Figura 2.7. Esempio di sovrapposizione di diverse cartografie al DTM dell orografia...14 Figura 2.8. Tipologie della copertura del terreno e del corrispondente valore della lunghezza di rugosità (Stull, 1988) Figura 2.9. Comportamento schematico di un profilo del vento sopra una zona boscosa: la componente U(z) della velocità del vento ha un comportamento logaritmico al di sopra della chioma degli alberi; la vegetazione fitta si comporta di fatto come una superficie posta ad una distanza d dalla terra Figura 3.1. Inquadramento geografico dell area di simulazione: macroarea Savona e Vado Ligure e relative microaree...20 Figura 3.2. Inquadramento geografico dell area di simulazione: macroarea Genova e relativa microarea...22 Figura 3.3. Inquadramento geografico dell area di simulazione: macroarea La Spezia e relative microaree...24 Figura 3.4. Inquadramento geografico dell area di simulazione: macroarea Livorno e relative microaree...26 Figura 3.5. Inquadramento geografico dell area di simulazione: macroarea Bastia e relative microaree...28 Figura 3.6. Inquadramento geografico dell area di simulazione: macroarea Grosseto e isola d Elba e relative microaree Figura 5.1. Inquadramento geografico dell area di simulazione Figura Inquadramento geografico della macroarea di simulazione relativa a Genova: macroarea (riquadro esterno verde) e microarea (riquadro interno giallo), proposte nel Capitolo 3; macroarea utilizzata per le simulazioni presentate in questo capitolo (riquadro interno rosso)...39 Figura 5.3. Carta topografica d Italia dell Istituto Geografico Militare (IGM) serie 100/V, Foglio 082-Genova...41 Figura 5.4. Carta Tecnica Regionale rappresentante la zona del Porto Antico di Genova: le stelline rappresentano i nodi del reticolo computazionale...42 Figura 5.5. Immagine satellitare tratta dal software Google Earth rappresentante la zona della Fiera di Genova: le stelline rappresentano i nodi del reticolo computazionale Figura 5.6. Sovrapposizione di diverse cartografie al DTM dell orografia di parte dell area di simulazione Figura 5.7. Matrice del DTM dell orografia relativa all area di simulazione...46 Dipartimento di Fisica Pagina iii di vi

10 Figura 5.8. Esempio di quote puntuali come appaiono sulla Carta Tecnica Regionale; le linee blu indicano i confini del pixel centrato su un nodo computazionale, evidenziato mediante una stellina Figura 5.9. Orografia nell area dell Aeroporto Cristoforo Colombo (sopra) e della Fiera di Genova (sotto) dopo le correzioni puntuali Figura Mappa della copertura del terreno (CLC2000) relativa all area di simulazione Figura Matrice della copertura del terreno (CLC2000) relativa all area di simulazione Figura Confronto tra la copertura del terreno CLC2000 (polilinee rosse) e la cartografia dell uso e copertura del suolo della Regione Liguria (polilinee nere) Figura Matrice della lunghezza di rugosità relativa all area di simulazione Figura Matrice di lunghezza di rugosità nell area dell Aeroporto Cristoforo Colombo (sopra) e della Fiera del Mare (sotto) dopo le correzioni puntuali Figura Matrice del displacement level relativa all area di simulazione Figura Le superfici sigma: h rappresenta la quota s.l.m dell orografia, mentre H è l altezza del volume di calcolo (in questo caso pari a 4000 m s.l.m.) Figura Quote (s.l.m.) delle superfici sigma scelte (tali valori si riferiscono ad un nodo della griglia situato sul mare), e distanze tra superfici adiacenti Figura Due esempi di campi di vento calcolati alla quota di 10 m s. l. t. nel caso delle simulazioni in atmosfera neutrale con vento geostrofico di intensità G = 65 m/s e direzione di provenienza Q = 180 (sopra) e Q = 100 (sotto) Figura Collocazione dei due anemometri dell Aeroporto Cristoforo Colombo (sopra); collocazione dei tre nodi in corrispondenza ai quali abbiamo estratto i valori di vento simulati (sotto) Tabella Coordinate dei nodi in cui abbiamo estratto i valori di velocità e direzione del vento in corrispondenza all Aeroporto Cristoforo Colombo Tabella Valori di intensità in m/s (a sinistra) e direzione in gradi (a destra), calcolati a 10 m s.l.t. (12 m s.l.m.), in corrispondenza dell Aeroporto Cristoforo Colombo, nelle simulazioni con velocità del vento geostrofico G= 55 m/s Figura Direzioni e intensità del vento calcolate in corrispondenza ai tre punti considerati nell area dell Aeroporto Cristoforo Colombo a 10 m s.l.t. (12 m s.l.m.). Lungo l ascissa e l ordinata dei grafici compaiono rispettivamente le coordinate (u,v) del vettore velocità. Ogni punto del grafico è contrassegnato con il valore della direzione Q del vento geostrofico. Il diverso colore delle curve indica la diversa intensità G del vento geostrofico Tabella Rapporto tra le velocità (a sinistra) e differenze tra le direzioni in gradi (a destra) tra Aeroporto Est e Aeroporto Ovest Figura Velocità di attrito efficace calcolate in corrispondenza ai tre punti considerati nell area dell Aeroporto Cristoforo Colombo a 10 m s.l.t. Dipartimento di Fisica Pagina iv di vi

11 (12 m s.l.m.). Ad ogni valore della velocità di attrito efficace è associata la direzione del vettore velocità del vento nella corrispondente simulazione. Ogni punto del grafico è contrassegnato con il valore della direzione Q del vento geostrofico. Il diverso colore delle curve indica la diversa intensità G del vento geostrofico Figura 8.1. Rappresentazione schematica dello strato di Ekman in cui si mostra la rotazione antioraria del vento al scendere della quota Figura 8.2. La crescita dello strato limite interno (IBL) sottovento ad una discontinuità nella lunghezza di rugosità superficiale Figura 8.3. A sinistra sono mostrati i profili verticali tipici del vento al variare dell ora indicata sulle curve all interno dell ABL. A destra è mostrato il particolare dei profili all interno dello SBL...86 Figura 8.4. Comportamento schematico di un flusso d aria che colpisce un ostacolo...87 Figura 9.1. Esempi di profili della velocità media del vento, U, e delle sue componenti, u e v, ottenuti dalle relazioni di Zilitinkevich (9.1) e (9.2). Sono, inoltre, riportati i contributi logaritmico (p.l.) e non logaritmico (p.n.l.) relativi alla componente u (Equazione (9.1)) Figura 9.2. Profili del modulo della velocità media del vento al variare del rapporto z0/h; la scala di z/h è lineare (sopra) e logaritmica (sotto) Figura 9.3. Esempi di valori del fattore correttivo, f, al variare della quota, per diversi valori del parametro z0/h. La scala di z/h è lineare (sopra) e logaritmica (sotto)...95 eff u * Figura 9.4. Confronto tra i valori di relativi ad un profilo della velocità media del vento ottenuto su orografia complessa, ed i valori corrispondenti nel caso di un profilo su terreno piatto...98 Figura Valori della lunghezza di rugosità, del displacement level, d, e della quota s.l.m., z, nella parte occidentale dell Aeroporto Cristoforo Colombo Figura Valori della lunghezza di rugosità, del displacement level, d, e della quota s.l.m., z, nella parte orientale dell Aeroporto Cristoforo Colombo.102 Figura Valori della lunghezza di rugosità, del displacement level, d, e della quota s.l.m., z, nell area della Fiera di Genova Dipartimento di Fisica Pagina v di vi

12 Indice delle Tabelle Tabella 2.1. Stazioni anemometriche considerate Tabella 2.2. Tipologie della copertura del terreno e del corrispondente valore della lunghezza di rugosità, secondo la classificazione proposta da Wieringa (1992) Tabella 5.1. Tipologie di copertura del terreno presenti nel database CLC2000 dell area di simulazione, secondo la classificazione cartografica coerente con le specifiche del progetto CEE - CORINE Land Cover Tabella 5.2. Accorpamento delle tipologie di copertura del terreno (colonna 2) in classi di rugosità del terreno (colonna 1), e corrispondenti valori della lunghezza di rugosità adottati nel presente studio (colonna 4). La colonna 5 riporta anche i valori del displacement level adottati nel presente studio Tabella 5.3. Valori della lunghezza di rugosità,, per diversi valori dell intensità del vento in quota, G Tabella 5.4. Quote (m s.l.m.) delle 27 superfici sigma scelte (tali valori si riferiscono ad un nodo della griglia situato sul mare) e differenze tra superfici adiacenti Tabella 5.5. Valori della velocità di riferimento in funzione della velocità del vento in quota G Tabella 9.1. Valori dei parametri α, β, γ, ε,η per la determinazione dei coefficienti a 1,a2,a3,b1,b2, b Tabella 9.2. Esempi di valori assunti dal fattore correttivo, f, alla sommità dello strato limite atmosferico al variare del parametro /h Dipartimento di Fisica Pagina vi di vi

13 1. Introduzione Il Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni, dell Ambiente e del Territorio (DICAT). ha affidato al Dipartimento di Fisica (DIFI) dell Università degli Studi di Genova la realizzazione di uno studio inerente la modellistica numerica del vento nelle aree portuali di Genova, Savona e Vado Ligure, La Spezia, Livorno e Bastia. Lo studio si inquadra nell ambito del progetto Vento e Porti nel quadro del Programma di cooperazione Transfrontaliero Italia-Francia Marittimo e consiste in: 1) definizione dei dati da acquisire (a carico del DICAT) in relazione alla modellazione numerica del territorio da simulare (in particolare della rugosità e dell orografia del terreno in forma digitale); 2) definizione dei domini da utilizzare per la simulazione del vento, nella prospettiva successiva di svolgere l analisi statistica e le previsione a breve e a medio termine del vento nelle aree portuali selezionate; 3) implementazione numerica dei domini e dei modelli da utilizzare per la simulazione del vento, relativamente alle analisi di cui al precedente punto 3); 4) calibrazione dei modelli numerici e determinazione preliminare di campi di vento tipo in ciascun dominio, in funzione della direzione del vento. La presente relazione descrive le procedure adottate per eseguire, mediante il codice diagnostico mass-consistent WINDS, delle simulazioni di prova relative all area portuale di Genova. Sono altresì descritti le modalità e i risultati dell estrazione dei valori della velocità media e della direzione del vento e di un parametro legato alla turbolenza del vento nei punti selezionati all interno del dominio di simulazione. Tutto lo studio è stato eseguito in stretto contatto con il prof. Solari del Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni, dell Ambiente e del Territorio (DICAT) dell Università degli Studi di Genova. Il presente documento si compone di cinque capitoli principali (compreso il presente Capitolo 1), suddivisi come spiegato nel seguito, da una sintetica bibliografia e da tre appendici. Il Capitolo 2 consiste nella definizione dei dati da acquisire, le loro fonti e i relativi costi, in relazione alla modellazione numerica del territorio da simulare. In particolare sono descritti i database di: dati di vento di lungo periodo (Paragrafo 2.1); orografia del terreno (Paragrafo 2.2); copertura del suolo (Paragrafo 2.3); confronto tra diverse fonti di dati (Paragrafo 2.4); lunghezza di rugosità (Paragrafo 2.5); displacement level (Paragrafo 2.6). Dipartimento di Fisica Pagina 1 di 103

14 Il Capitolo 3 consiste nella definizione dei domini di simulazione che proponiamo di considerare, precisandone i confini geografici. Il presente capitolo è suddiviso nel seguente modo: macroarea Savona e Vado Ligure (Paragrafo 3.1); macroarea Genova (Paragrafo 3.2); macroarea La Spezia (Paragrafo 3.3); macroarea Livorno (Paragrafo 3.4); macroarea Bastia (Paragrafo 3.5). macroarea Grosseto e Isola d Elba (Paragrafo 3.6). Il Capitolo 4 riguarda i modelli da utilizzare per la simulazione del vento, relativamente alle analisi di cui al precedente capitolo. In particolare nel presente capitolo presentiamo il codice WINDS, e le relative procedure, che ci proponiamo di utilizzare per la simulazione numerica del campo di vento tridimensionale sui domini descritti nel Capitolo 3. Tali simulazioni si compongono in una prima fase di inizializzazione del modello e in una seconda fase di imposizione della conservazione di massa. In particolare, in questo capitolo vengono trattati i seguenti punti: generalità sulle procedure di esecuzione delle simulazioni di campi di vento mediante un codice mass-consistent (Paragrafo 4.2); input necessari ad eseguire le simulazioni numeriche (Paragrafo 4.3); output finali delle simulazioni numeriche (Paragrafo 4.4). Il Capitolo 5 riguarda la calibrazione, su un area di prova, del modello numerico WINDS, che ci proponiamo di utilizzare per la simulazione numerica del campo di vento tridimensionale sui domini descritti nel Capitolo 3. In particolare, questo capitolo fornisce l inquadramento dell area utilizzata per tale test, definita sulla base della localizzazione geografica di Genova (Paragrafo 5.1) e dell orografia circostante (Paragrafo 5.4), e descrive in dettaglio la discretizzazione del dominio computazionale sul piano orizzontale (Paragrafo 5.2) e lungo la verticale (Paragrafo 5.8). In particolare, all interno del dominio computazionale, e con la stessa risoluzione spaziale orizzontale, sono definite le seguenti matrici mediante le quali si rappresenta, in forma digitalizzata, la geometria del territorio e le caratteristiche aerodinamiche della superficie terrestre: orografia del terreno (Paragrafo 5.4); copertura del terreno (Paragrafo 5.5); rugosità del terreno (Paragrafo 5.6); displacement level (Paragrafo 5.7). Tali matrici costituiscono parte degli input necessari alle simulazioni dei campi di vento. Il Paragrafo 5.8 descrive i parametri meteorologici necessari ad inizializzare il codice WINDS ed eseguire le simulazioni dei campi di vento. In particolare, abbiamo usato Dipartimento di Fisica Pagina 2 di 103

15 una tipologia di inizializzazione del codice numerico che consiste nell imposizione della direzione e intensità del vento in quota. Più precisamente, per simulare una certa situazione meteorologica i parametri che abbiamo qui utilizzato sono: l intensità del vento in quota, la direzione del vento in quota e la condizione di stabilità dei bassi strati dell atmosfera. Sono inoltre riportate le formule adottate per definire, sulla base dei suddetti parametri meteorologici, i profili verticali della velocità del vento e lo sviluppo dello internal boundary layer. Il Paragrafo 5.9 descrive gli output prodotti e le loro successive elaborazioni finalizzate a determinare il campo di vento nei punti selezionati. In particolare, le simulazioni dei campi di vento producono le matrici tridimensionali delle componenti orizzontali e verticali del vento. A partire da queste abbiamo calcolato i valori della velocità e della direzione medie del vento presso i punti selezionati all interno del dominio di simulazione. In particolare, si descrivono due campi di vento prodotti sull area di simulazione, e si illustrano in dettaglio i valori della velocità media del vento calcolati in corrispondenza ai punti di interesse, nella zona dell Aeroporto Cristoforo Colombo. Negli stessi punti, da cui abbiamo estratto velocità e direzioni medie del vento, abbiamo calcolato il valore del parametro u eff * legato all intensità della turbolenza. Il presente documento è concluso da una sintetica bibliografia e tre appendici. L Appendice A riporta alcuni cenni sulla teoria del atmospheric boundary layer (ABL) o strato limite atmosferico. L Appendice B riporta la metodologia utilizzata per il calcolo dei parametri necessari a stimare la turbolenza. L Appendice C riporta i dettagli del reticolo computazionale (rugosità, displacement level e quota sul livello del mare), in corrispondenza ad un area che contiene l Aeroporto Cristoforo Colombo e ad un area che contiene la Fiera di Genova. Dipartimento di Fisica Pagina 3 di 103

16 2. Definizione dei dati da acquisire in relazione alla modellazione numerica del territorio da simulare Il primo punto da affrontare per lo studio inerente la modellistica numerica del vento nelle aree portuali di Genova, Savona e Vado Ligure, La Spezia, Livorno e Bastia, (inquadrato nell ambito del progetto Vento e Porti nel quadro del Programma di cooperazione Transfrontaliero Italia-Francia Marittimo) consiste nella definizione dei dati da acquisire in relazione alla modellazione numerica del territorio da simulare. In particolare, per effettuare le simulazioni dei campi di vento sulle aree che considereremo, avremo bisogno dei database delle seguenti grandezze: dati di vento di lungo periodo; orografia del terreno; copertura del suolo; lunghezza di rugosità; displacement level; descritti in dettaglio nei paragrafi successivi. 2.1 Dati di vento da stazioni di lungo periodo Per ogni area portuale italiana sopra citata, DICAT ci ha indicato le stazioni meteorologiche dell Ente Nazionale per l Assistenza al Volo (ENAV) e di Météo France da prendere in considerazione. In particolare saranno utilizzati i dati delle undici stazioni di: Capo Mele e Alberga per l area portuale di Vado Ligure e Savona; Genova Sestri per l area portuale di Genova; Pisa S. Giusto e Volterra per l area portuale di Livorno; Sarzana Luni e Isola Palmaria per l area portuale di La Spezia; Cap Sagro e Bastia per l area portuale di Bastia; Grosseto e Isola d Elba. Gli anemometri, sopra citati, di Grosseto e dell Isola d Elba potranno essere utilizzati per calcolare i coefficienti di trasmissione, cioè quei parametri che trasformano l intensità e la direzione del vento misurate nelle stazioni anemometriche in corrispondenti valori di intensità e direzione del vento simulate nell area portuale in esame. Ci riserviamo di decidere in futuro l utilizzo dei dati anemometrici di questi due stazioni. Nella Tabella 2.1 sono indicate le stazioni meteorologiche per ciascuna area portuale e le relative coordinate (longitudine e latitudine, espresse in gradi decimali). Dipartimento di Fisica Pagina 4 di 103

17 Località Codice stazione Longitudine ( ) Latitudine ( ) Capo Mele ,17 43,95 Albenga ,12 44,05 Area portuale o di riferimento Savona Vado Ligure Sestri Ponente ,85 44,42 Genova Sarzana Luni ,98 44,08 Palmaria ,83 44,03 Pisa S. Giusto ,38 43,68 Volterra ,87 43,40 Cap Sagro ,49 42,80 Bastia aeroporto ,48 42,55 Grosseto ,07 42,75 Elba ,40 42, Dati di orografia Tabella 2.1. Stazioni anemometriche considerate. La Spezia Livorno Bastia Bastia Per effettuare una modellazione numerica di un territorio da simulare sono indispensabili file contenenti le informazioni circa le quote orografiche di ciascun punto relativo al dominio computazionale. I dati di orografia che solitamente si possono utilizzare, in formato digitale, provengono principalmente da tre fonti distinte: Istituto Geografico Militare (IGM); Institut Geographique National (IGN) Shuttle Radar Topography Mission (SRTM). La prima fonte di dati di orografia è relativa al solo territorio italiano, la seconda riguarda il solo territorio francese e la terza, invece, comprende tutto il mondo Dati IGM La prima fonte che consideriamo, per quanto riguarda i dati di orografia relativi al territorio italiano, consiste nel database dell IGM: dati vector: tavole digitalizzate serie 100/V in scala 1: : ciascuna tavola è comprensiva di un area pari a 1/2 grado in longitudine e 1/3 di grado in latitudine, ed è discretizzata mediante una griglia di nodi reticolari. Il passo di griglia del modello digitale del terreno (DTM) dell IGM è quindi pari a ~243 m in longitudine e ~230 m in latitudine a 44,45 N. dati matrix: dati organizzati in matrici quadrate (tile) che ricoprono un area di 10 km di lato. Ogni tile è composto di nodi; il passo del grigliato, in coordinate piane, è quindi di 20 m. Dipartimento di Fisica Pagina 5 di 103

18 Il sistema geografico di riferimento adottato dall IGM è centrato sul meridiano che passa per Monte Mario, presso Roma (41 55'25.51" N, 12 27'08.40" E), sede di una stazione geodetica. Le coordinate WGS84 di Monte Mario sono 41,92 N e 12,45 E. Sia i dati vector sia quelli matrix si possono acquistare on line sul sito oppure presso il punto vendita dell Istituto Geografico Militare. I tile individuati per l acquisto sono 49 e sono relativi a tutte le aree portuali e a tutte le aree intorno agli anemometri. Poiché ogni tile costa indicativamente 134,00 euro, il prezzo totale dell acquisto si aggira intorno a 6600 euro. Figura 2.1. Esempio di orografia derivante dal database IGM Dati IGV La terza fonte di dati è l IGN, relativa all orografia del territorio francese. In particolare il BD ALTI è un database, in coordinate Lambert II, che copre l intero territorio francese e corso. È possibile scaricare liberamente dal sito il database completo alla risoluzione di 250 m, contenuto in un unico file in formato ASCII. Sempre dallo stesso sito è possibile ordinare un DTM più dettagliato rispetto al precedente, con una risoluzione di 50 m. In questo caso i dati sono organizzati in tile, ciascuno dei quali ricopre un area di circa 10 km di lato, quindi ogni tile è composto di nodi. I tile individuati per l acquisto sono 16 e ricoprono ampiamente l area portuale di Bastia e i due anemometri. Il costo di ciascun tile è di circa 77 euro, quindi la spesa totale è intorno a 1235 euro. Dipartimento di Fisica Pagina 6 di 103

19 Figura 2.2. Esempio di orografia derivante dal database IGN Dati SRTM Un altra fonte di dati di orografia relativa al territorio mondiale è la Shuttle Radar Topography Mission (SRTM), in seguito ad un progetto internazionale guidato dal National Geospatial-Intelligence Agency (NGA) e dal National Aeronautics and Space Administration (NASA). Nell ambito di questo progetto è stato utilizzato un sistema radar appositamente modificato per volare a bordo dello Space Shuttle Endeavour durante 11 giorni di missione nel febbraio 2000 per ricavare i dati di elevazione del terreno. Questi dati, ottenuti su una scala quasi globale, forniscono il più completo database di orografia ad alta risoluzione. Nella seconda versione sono stati meglio definiti i contorni della linea di costa; rimangono tuttavia ancora molti pixel mancanti. La risoluzione a disposizione per questa fonte di dati nelle aree di nostro interesse è di 3 secondi d arco1 (SRTM3). Questi dati sono scaricabili gratuitamente dal seguente link: SRTM3 è organizzato in tile di 1201 righe 1201 colonne e ciascuno ricopre un area di 1 in longitudine e 1 in latitudine. I tile utili per le aree portuali e per le aree intorno agli anemometri in esame sono in totale una quindicina. 1 Si ricorda che 1 secondo d arco all equatore corrisponde a circa 30 m Dipartimento di Fisica Pagina 7 di 103

20 Figura 2.3. Esempio di orografia derivante dal database SRTM Dati di copertura del suolo I dati di copertura del suolo costituiscono un informazione importante per la simulazione dei campi di vento a qualsiasi scala CORINE Land Cover Nel 1985 il Consiglio delle Comunità Europee, con la Decisione 85/338/EEC, ha varato il programma CORINE (COoRdination of INformation on the Environment) affinché l Unione Europea, gli Stati associati e i paesi limitrofi dell area mediterranea e balcanica avessero informazioni territoriali omogenee sullo stato dell ambiente. All interno di questo programma rientra il progetto progetto CORINE Land Cover (CLC) con l obbiettivo di fornire informazioni sull uso e la copertura del suolo e sulle sue modifiche nel tempo. La prima realizzazione di CLC risale al 1990 (CLC90) e a dieci anni dalla conclusione del CLC90, nel 2001 è stato promosso il nuovo progetto Image & Corine Land Cover 2000 (I&CLC2000), con l obiettivo di aggiornare la base dati CLC e quindi di individuare le principali dinamiche di cambiamento di copertura e uso del territorio. Dipartimento di Fisica Pagina 8 di 103

21 I dati di copertura del terreno da noi solitamente utilizzati appartengono proprio a quest ultimo database. Tali informazioni derivano dall interpretazione assistita al calcolatore, secondo le specifiche del progetto, di stampe di riprese satellitari (LANDSAT TM) in scala 1: (relative agli anni ), disponibili in formato numerico vettoriale. Questo database ricopre la maggior parte dell Europa; sono esclusi: Norvegia, Svizzera, Kosovo, Moldavia, Ucraina e Bielorussia. Al link seguente: è possibile scaricare i dati relativi ad un area di interesse. La Figura 2.4 e la Figura 2.5 mostrano un esempio della copertura del suolo sull Italia e sulla Corsica e la corrispondente legenda, rispettivamente. Dipartimento di Fisica Pagina 9 di 103

22 Figura 2.4. Copertura del terreno dell Italia e della Corsica. Dipartimento di Fisica Pagina 10 di 103

23 Figura 2.5. Legenda della copertura secondo il CLC2000. Dipartimento di Fisica Pagina 11 di 103

24 Mediante l utilizzo del sistema informativo geografico (GIS) MapInfo è possibile convertire la cartografia sopra citata, originariamente in formato vettoriale, in un formato raster. Per fare ciò, è necessario sovrapporre la griglia computazionale già usata per costruire il DTM all immagine vettoriale della copertura del suolo, associando ad ogni pixel del reticolo il corrispondente valore di uso del suolo Copertura del suolo della Regione Liguria Per le aree portuali di Savona Vado Ligure e di Genova è possibile considerare la cartografia di uso e copertura del suolo della Regione Liguria a nostra disposizione. Quest ultima risulta avere un grado di dettaglio molto superiore alla cartografia CLC2000, e presenta una risoluzione spaziale maggiore, come possiamo vedere nella Figura 2.6, dove viene indicata la copertura del suolo proveniente dal database: della Regione Liguria in nero; del CLC2000 in rosso. Figura 2.6. Confronto tra la copertura del terreno CLC2000 (polilinee rosse) e la cartografia dell uso e copertura del suolo della Regione Liguria (polilinee nere). Si notino in particolare l elevato accordo tra le due fonti e, ovviamente, il più alto grado di dettaglio presente nella cartografia della Regione Liguria. Dipartimento di Fisica Pagina 12 di 103

25 2.4 Verifica dei dati di orografia e di copertura del suolo Per sottoporre a verifica la matrice di orografia e quella di copertura del suolo è possibile effettuare una comparazione con altre tipologie di dati. Il confronto incrociato tra due o più fonti tra loro indipendenti permette, infatti, di identificare e di isolare la presenza di errori casuali o sistematici nel DTM e nella copertura del suolo. Per questo scopo si possono utilizzare le immagini satellitari ottenute attraverso tre software distinti: Google Earth, disponibile presso il sito web World Wind della National Aeronautics and Space Administration (NASA), disponibile presso il sito web Live Search Maps, disponibile presso il sito web Tutti e tre i software sono scaricabili dalla rete gratuitamente e periodicamente aggiornati (tipicamente una volta l anno). Questi software permettono di effettuare un confronto visivo nell area considerata tra i valori di copertura o di orografia assunti dai database e le immagini satellitari. In particolare, sia Google Earth sia World Wind della NASA forniscono immagini satellitari da cui, attraverso le proprie interfacce web, è possibile ricavare le coordinate geografiche con una buona precisione. Solo Google Earth, però, consente di ottenere immagini ad alta risoluzione a differenza di quelle a più bassa risoluzione fornite dal software della NASA. Il software Live Search Maps, fornisce immagini ad altissima risoluzione (in alcune zone arriva fino a 20 m), ma non consente di avere una georeferenziazione del territorio per cui si può utilizzare solamente per un analisi qualitativa del territorio. Per quanto riguarda un controllo della linea di costa, in particolare, si può utilizzare, oltre ai tre software sopra citati, anche il database del CLC2000, che fornisce un confine terra-mare dettagliato (come si è potuto vedere anche in Figura 2.6). Un esempio di confronto tra diversi tipi di linea di costa si vede nella Figura 2.7, dove all orografia del modello digitale del terreno, ottenuto utilizzando il database dell IGM, sono sovrapposti: la polilinea delle aree urbane e portuali presenti nel database del CLC2000 (linea viola); l area del Porto Antico di Genova, desunta dal software World Wind della NASA (linea gialla); la diga foranea, desunta dal software Google Earth (linee blu). Dipartimento di Fisica Pagina 13 di 103

26 Figura 2.7. Esempio di sovrapposizione di diverse cartografie al DTM dell orografia. 2.5 Lunghezza di rugosità I dati di lunghezza di rugosità solitamente vengono solitamente ricavati dalle informazioni relative alle diverse tipologie di copertura del suolo descritte nel paragrafo precedente. In particolare, dai dati che descrivono la copertura del terreno su un determinato territorio si estrae, per ogni pixel, il corrispondente valore della rugosità del terreno. Per operare questa scelta solitamente ci basiamo principalmente sulla classificazione proposta da Wieringa (1992), su quanto riportato nel volume di Stull (1988), e su alcune più recenti pubblicazioni (Davenport et al. 2000; FUMAPEX D ), oltre che sulle precedenti esperienze sull argomento da noi acquisite nell ambito delle numerose applicazioni che abbiamo eseguito. Dipartimento di Fisica Pagina 14 di 103

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO

IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO IL PIANO ENERGETICO-AMBIENTALE PER LA PROVINCIA DI GROSSETO Allegato A2.11 ANALISI DELLE POTENZIALITA DI SVILUPPO DI PRODUZIONE EOLICA Riferimento al capitolo 3.3 della Relazione di sintesi PEAP GR A cura

Dettagli

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA

STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI. Eolo-CISMA STRUMENTO PER LA LOCALIZZAZIONE DI CAMPI EOLICI Eolo-CISMA è un sistema di previsioni meteorologiche messo a punto da CISMA srl che ci permette di disporre di previsioni del potenziale eolico di un sito

Dettagli

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica Dipartimento di Ingegneria Civile, Ambientale e Meccanica Corso di laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Fisica dell Atmosfera e del Clima Corretto posizionamento di strumentazione meteorologica

Dettagli

Comitato di pilotaggio Genova, 04 03 2011

Comitato di pilotaggio Genova, 04 03 2011 Programma di cooperazione transfrontaliera Italia /Francia Marittimo Programma cofinanziato con il Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2009-2013 Università degli Studi di Genova DICAT Comitato di pilotaggio

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

L IMMAGINE DELLA TERRA

L IMMAGINE DELLA TERRA L IMMAGINE DELLA TERRA 1 Capitolo 1 L orientamento e la misura del tempo Paralleli e meridiani La Terra ha, grossomodo, la forma di una sfera e dunque ha un centro dove si incontrano gli infiniti diametri.

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Il caso del rischio di incendio

Sistemi Informativi Territoriali. Il caso del rischio di incendio Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Il caso del rischio di incendio Cod.731 - Vers.CC9 1 Introduzione 2 Definizione del problema 3 Omogeneizzazione dei dati 4 Calcolo

Dettagli

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici

Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici ENERGY SOLUTIONS La forza del vento Le tecnologie geospaziali a supporto della pianificazione e della operatività dei sistemi eolici L energia è diventata una priorità nella politica europea. Fino ad oggi

Dettagli

Basi di Dati Spaziali

Basi di Dati Spaziali degli Studi Basi di Dati Spaziali Introduzione ai Geographical Information Systems (GIS) Alessandra Chiarandini - Lezione 4 Cartografia Italiana Introduzione ai GIS A. Chiarandini 22 La Cartografia IGM

Dettagli

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento

Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento Corso Operatore C.R.I. nel Settore Emergenza Cartografia ed orientamento Contenuti della lezione 1. Definizioni generali 2. Le coordinate geografiche 3. Le carte e le proiezioni 4. Lettura di una carta

Dettagli

Il radar meteorologico

Il radar meteorologico Il radar meteorologico Il radar meteorologico è uno strumento che sfrutta impulsi di onde elettromagnetiche per rilevare la presenza in atmosfera di idrometeore (goccioline d acqua, cristalli di neve o

Dettagli

Simulazioni acustiche in esterno Andrea Cerniglia hilbert@venus.it

Simulazioni acustiche in esterno Andrea Cerniglia hilbert@venus.it Simulazioni acustiche in esterno Andrea Cerniglia hilbert@venus.it (Estratto da RCI, anno XXV N. 10, ottobre 1998, Tecniche Nuove) Una panoramica sulle opportunità offerte dai programmi di simulazione

Dettagli

www.epsilon-italia.ititalia.it

www.epsilon-italia.ititalia.it Provincia di Cosenza Settore Programmazione e Gestione Territoriale SIPITEC2 - Sistema Informativo Territoriale per la Gestione del P.T.C.P. www.epsilon-italia.ititalia.it MACRO ARGOMENTI Che cos è un

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Map Algebra

Sistemi Informativi Territoriali. Map Algebra Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Map Algebra Cod.735 - Vers.E57 1 Definizione di Map Algebra 2 Operatori locali 3 Operatori zonali 4 Operatori focali 5 Operatori

Dettagli

Reperimento e visualizzazione di dati Raster

Reperimento e visualizzazione di dati Raster Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali Genova, 26 marzo 2013 Dati raster Un dato fondamentale per le analisi GIS sono i cosiddetti Digital Terrain Model (DTM),

Dettagli

Meteonorm 7.0. ATH Italia Srl Divisione Software

Meteonorm 7.0. ATH Italia Srl Divisione Software Meteonorm 7.0 Meteonorm è un database di informazioni meteorologiche, che prevede dati sempre aggiornati e procedure di calcolo per le località prive di dati statistici. - - - - - - - - - - - - - - - -

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI

TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE EDILIZIA TECNICO SUPERIORE PER I RILEVAMENTI TERRITORIALI INFORMATIZZATI STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI TECNICO SUPERIORE PER I

Dettagli

Premessa. L esame di queste diverse fonti ha portato a conclusioni analoghe e sovrapponibili

Premessa. L esame di queste diverse fonti ha portato a conclusioni analoghe e sovrapponibili Premessa In Sardegna vastissime esposizioni di fetch (superfici di mare aperto su cui spira il vento con direzione e intensità costante) di centinaia di km espongono l'isola a forti venti tutto l anno.

Dettagli

Cartografia di base per i territori

Cartografia di base per i territori Cartografia di base per i territori L INFORMAZIONE GEOGRAFICA I dati dell informazione geografica L Amministrazione Regionale, nell ambito delle attività di competenza del Servizio sistema informativo

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO AMBITO COSTIERO 08 Unità fisiografiche del Centa, Centa Sud e Maremola ART. 41 LEGGE REGIONALE N 20/2006 RELAZIONE SUL CLIMA ONDOSO AL LARGO (RO) 1 Indice

Dettagli

Prima Lezione: Costruire una mappa

Prima Lezione: Costruire una mappa Prima Lezione: Costruire una mappa I tipi di informazione geografica disponibili Navigazione nella mappa Coordinate e scala Vista panoramica Introduzione ai GIS GIS significa Sistema Informativo Geografico

Dettagli

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI

SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI Filippo Licenziati SISTEMI INFORMATIVI TERRITORIALI qualità dei dati QUALITA' DEI DATI NEI SIT 2 INDICE concetti generali controllo di qualità acquisizione, elaborazione, restituzione test di qualità esigenze

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

INDICE. Premesse. La REANALISI. I servizi a supporto dello sviluppo di progetti Eolici. Analisi dei vantaggi offerti da servizi Meteocenter

INDICE. Premesse. La REANALISI. I servizi a supporto dello sviluppo di progetti Eolici. Analisi dei vantaggi offerti da servizi Meteocenter powered by INDICE Premesse La REANALISI I servizi a supporto dello sviluppo di progetti Eolici Analisi dei vantaggi offerti da servizi Meteocenter 2 PREMESSE MERCATO EOLICO Ricerca tramite modellistica

Dettagli

Sistema di riferimento

Sistema di riferimento Sistema di riferimento Storicamente divisione fra altimetria e planimetria (riferimento fisico riferimento matematico) Oggi dati sempre più integrati Domani? Dato di fatto - L acqua segue leggi fisiche

Dettagli

Analisi statistica dei dati storici di vento registrati dalle stazioni anemometriche

Analisi statistica dei dati storici di vento registrati dalle stazioni anemometriche Università di Genova Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni, dell Ambiente e del Territorio Analisi statistica dei dati storici di vento registrati dalle stazioni anemometriche Progetto dell Unione

Dettagli

IL PRE-PROCESSORE METEOROLOGICO CALMET-SMR. Una breve descrizione: caratteristiche, input, output, limiti

IL PRE-PROCESSORE METEOROLOGICO CALMET-SMR. Una breve descrizione: caratteristiche, input, output, limiti IL PRE-PROCESSORE METEOROLOGICO CALMET-SMR Una breve descrizione: caratteristiche, input, output, limiti Meteorologia per la qualità dell aria la valutazione della qualità dell aria e in particolare l

Dettagli

Modelli meteorologici

Modelli meteorologici Fondamenti di meteorologia e climatologia Cenni storici Vilhelm Bjerknes (1904): L evoluzione degli stati atmosferici é controllata da leggi fisiche, quindi condizioni necessarie e sufficienti per risolvere

Dettagli

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini

Sistemi Informativi Territoriali. Vari tipi di immagini Paolo Mogorovich Sistemi Informativi Territoriali Appunti dalle lezioni Vari tipi di immagini Cod.303 - Vers.E41 1 Introduzione 2 Immagine fisica 3 Immagine classificata 4 Immagine cartografica 5 Immagine

Dettagli

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia

Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia Direzione Centrale Risorse Agricole, Naturali, Forestali e Montagna Servizio Territorio Montano e Manutenzioni Manuale dell Utente Luca Bincoletto Ottobre 2006 INDICE

Dettagli

Studio della qualità delle acque degli specchi d acqua tra pennelli adiacenti mediante simulazioni numeriche con modello matematico

Studio della qualità delle acque degli specchi d acqua tra pennelli adiacenti mediante simulazioni numeriche con modello matematico Regione Sardegna Comune di Capoterra (CA) Sistemazione e rinaturazione delle difese litoranee Bonifica e sistemazione della fascia costiera Progetto definitivo-esecutivo delle opere marittime Protezione

Dettagli

Land Cover Piemonte progettazione di un database geografico sulla copertura delle terre della Regione Piemonte

Land Cover Piemonte progettazione di un database geografico sulla copertura delle terre della Regione Piemonte Land Cover Piemonte progettazione di un database geografico sulla copertura e l uso l delle terre della Regione Piemonte Relatore: : Stefania Crotta - Regione Piemonte Sommario obiettivi progetto prototipo

Dettagli

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO Cosa si intende per giorno con neve al suolo? Se può essere relativamente semplice definirlo per un territorio pianeggiante ampio e distante da

Dettagli

Prof. Ing. Andrea Giuseppe CAPODAGLIO. Prof. Ing. Arianna CALLEGARI

Prof. Ing. Andrea Giuseppe CAPODAGLIO. Prof. Ing. Arianna CALLEGARI RIDUZIONE IMPATTO AMBIENTALE CERTIFICATI DI VALIDAZIONE DIFFUSIONE DELLE EMISSIONI ODORIGENE DAL CANALE DI INGRESSO DELL IMPIANTO DI NOSEDO: STUDIO DIFFUSIONALE DI CONFRONTO TRA RISULTATI DEL SISTEMA ODOWATCH

Dettagli

Territoriali. prof. ing. Nicola Crocetto

Territoriali. prof. ing. Nicola Crocetto Seconda Università degli Studi di Napoli Facoltà di Ingegneria Corso di Telerilevamento e Sistemi Informativi Territoriali prof. ing. Nicola Crocetto dott. ing. Giuseppe Domenico Santagata GIS Un GIS (Geographic

Dettagli

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1

TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA. 04-09-2014 XXIV Corso di Alpinismo A1 Club Alpino Italiano - Sezione di Bozzolo TOPOGRAFI A E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA TOPOGRAFIA E ORIENTAMENTO IN MONTAGNA Cenni di geodesia e topografia Cartografia Lettura ed interpretazione delle carte

Dettagli

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 514 CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE 515 Conclusioni Le Considerazioni conclusive sulla Fase 2 della VIS possono essere sintetizzate in tre punti: 1. La seconda fase dopo lo screening ha approfondito in primo

Dettagli

Rapporto dell evento meteorologico del 19-20 febbraio 2014

Rapporto dell evento meteorologico del 19-20 febbraio 2014 Rapporto dell evento meteorologico del 19-20 febbraio 2014 A cura di Unità Radarmeteorologia, Radarpluviometria, Nowcasting e Reti non convenzionali Unità Sala Operativa Previsioni Meteorologiche Area

Dettagli

Trasformazioni di sistemi di riferimento

Trasformazioni di sistemi di riferimento Trasformazioni di sistemi di riferimento Trasformazioni di sistemi di riferimento Paolo Zatelli Dipartimento di Ingegneria Civile ed Ambientale Università di Trento Paolo Zatelli Università di Trento 1

Dettagli

Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante dati acquisiti in situ

Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante dati acquisiti in situ Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Validazione del modello di circolazione Marina dello Stretto di Messina mediante

Dettagli

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE ASSESSORATO ENTI LOCALI FINANZE ED URBANISTICA Direzione generale della pianificazione territoriale urbanistica e della vigilanza edilizia S E T T O R E SERVIZIO SISTEMA INFORMATIVO TERRITORIALE REGIONALE

Dettagli

Funzionalità e servizi integrativi: il software Ferens e il geoide regionale

Funzionalità e servizi integrativi: il software Ferens e il geoide regionale DIREZIONE AMBIENTE TERRITORIO E INFRASTRUTTURE Servizio Informatico/Informativo: geografico ambientale e territoriale Università degli Studi di Perugia Facoltà di Ingegneria DICA - Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

ArRISK RILASCIO E DISPERSIONE DI GAS TOSSICI O INFIAMMABILI

ArRISK RILASCIO E DISPERSIONE DI GAS TOSSICI O INFIAMMABILI OBIETTIVI. ArRISK È UN SISTEMA MODELLISTICO PER L ANALISI DELLE CONSEGUENZE IN ATMOSFERA DI RILASCI TOSSICI O INFIAMMABILI. È DOTATO DI UN INTERFACCIA GRAFICA CHE PERMETTE ALL UTENTE DI PREDISPORRE ED

Dettagli

Filtraggio di dati LiDAR con GRASS: procedure, risultati e confronti

Filtraggio di dati LiDAR con GRASS: procedure, risultati e confronti Filtraggio di dati LiDAR con GRASS: procedure, risultati e confronti Maria Antonia Brovelli, Sara Lucca Politecnico di Milano, DIIAR maria.brovelli@polimi.it, sara.lucca@mail.polimi.it Il LiDAR Sistema

Dettagli

L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna

L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna L aggiornamento della Carta dell Uso del Suolo della Regione Sardegna Assessorato degli Enti Locali Finanze ed Urbanistica Direzione Generale della Pianificazione Urbanistica Territoriale e della Vigilanza

Dettagli

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2012-2013 Telerilevamento e SIT Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Introduzione ai GIS Le attività dell uomo...... hanno sempre un

Dettagli

RAPPORTO TECNICO SUGLI STATI D'AVANZAMENTO INTERMEDI PROGETTO DI RICERCA TESSA (TECHNOLOGY FOR THE SITUATIONAL SEA AWARENESS )

RAPPORTO TECNICO SUGLI STATI D'AVANZAMENTO INTERMEDI PROGETTO DI RICERCA TESSA (TECHNOLOGY FOR THE SITUATIONAL SEA AWARENESS ) RAPPORTO TECNICO SUGLI STATI D'AVANZAMENTO INTERMEDI PROGETTO DI RICERCA TESSA (TECHNOLOGY FOR THE SITUATIONAL SEA AWARENESS ) PON 01_02823: IV STATO AVANZAMENTO LAVORI (01/07/2013 31/12/2013) SOGGETTI

Dettagli

Come creare scenari virtuali per simulatori di volo ludici

Come creare scenari virtuali per simulatori di volo ludici Come creare scenari virtuali per simulatori di volo ludici Presentazione di Volo Virtuale Torino Flight Simulator Il mondo di FS La catena di un scenario 1. Mesh terrain 2. Landclass o photoreal 3. La

Dettagli

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura

Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura Metodi di realizzazione di una stazione radio base compatibile con i limiti di esposizione Vallone Laura 01/06/2007 dei Campi Elettromagnetici 1 Normativa tecnica di riferimento Guida CEI 211-10: Guida

Dettagli

RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 15-17/02/2010

RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 15-17/02/2010 RAPPORTO DI EVENTO METEOIDROLOGICO DEL 15-17/02/2010 (redatto da B. Turato, L. Napolitano) Abstract...1 1 Analisi meteorologica...1 2 Dati Osservati...4 2.1 Analisi anemometrica...4 2.2 Analisi nivologica...4

Dettagli

Aero Circolo Centrale di Volo a Vela Ettore Muzi

Aero Circolo Centrale di Volo a Vela Ettore Muzi Sondaggi aggiornati ogni 6-12 ore. Sondaggi Termodinamici Atmosfera Si ringrazia il Il DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELL'ATMOSFERA DELLA FACOLTA' DI INGEGNERIA DELL' UNIVERSITÀ DEL WYOMING USA per consentirci

Dettagli

SoftWare DMGraphics. Indice. Manuale d uso. 1) Introduzione. 2) Pagine grafiche. 3) Grafici. 4) Menù

SoftWare DMGraphics. Indice. Manuale d uso. 1) Introduzione. 2) Pagine grafiche. 3) Grafici. 4) Menù SoftWare DMGraphics Manuale d uso Indice 1) Introduzione 2) Pagine grafiche. 2.1) Pagina grafica 2.2) Concetti generali 2.3) Scale dei valori 2.4) Posizionamento elementi nel grafico 3) Grafici 3.1) Grafici

Dettagli

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011

Consiglio Nazionale delle Ricerche. Report di approfondimento relativo all attuale stato di attività del fenomeno franoso di Montaguto febbraio 2011 Consiglio Nazionale delle Ricerche ISTITUTO DI RICERCA PER LA PROTEZIONE IDROGEOLOGICA CENTRO DI COMPETENZA DEL DIPARTIMENTO DI PROTEZIONE CIVILE PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Report di approfondimento

Dettagli

Classificazione delle carte

Classificazione delle carte Classificazione delle carte In base alla scala -carte geografiche 1:1.000.000 e inferiore -carte corografiche 1:1.000.000 1:200.000 -carte topografiche 1:100.000 a piccola scala 1:50.000 a media scala

Dettagli

Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI"

Workshop VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI Workshop "VALUTAZIONE DEL RISCHIO IDRAULICO IN AMBITO MONTANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA ALLUVIONI" Ing. Giorgio Cesari Autorità di bacino del Fiume Tevere Distretto Idrografico dell Appennino Centrale

Dettagli

PLUDIX Pluviometro - disdrometro

PLUDIX Pluviometro - disdrometro PLUDIX Pluviometro - disdrometro PLUDIX è realizzato da: PLUDIX PLUDIX è un apparecchiatura multifunzione per il rilievo e la caratterizzazione di precipitazioni atmosferiche al livello del suolo con elevata

Dettagli

Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms. adacher@dia.uniroma3.it

Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms. adacher@dia.uniroma3.it Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms adacher@dia.uniroma3.it Introduzione Sistemi e Modelli Lo studio e l analisi di sistemi tramite una rappresentazione astratta o una sua formalizzazione

Dettagli

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA

ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA ALLEGATO 2 METODOLOGIA VASA La metodologia VASA (Valutazione Storico Ambientale) è stata messa a punto per sopperire alla carenza di criteri di valutazione dell influenza antropica e delle dinamiche temporali,

Dettagli

IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE

IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE IL SISTEMA CARTOGRAFICO NAZIONALE La Il paragrafo è intitolato La Carta di Gauss poiché, delle infinite formule che si possono adottare per mettere in corrispondenza i punti dell'ellissoide con quelli

Dettagli

1. PREMESSA 3. 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4

1. PREMESSA 3. 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4 SOMMARIO 1. PREMESSA 3 2. DOTAZIONE TECNICA 4. Strumenti satellitare GPS TRIMBLE 5700-5800 a doppia frequenza 4. Stazione totale elettronica TRIMBLE 5600 4 3. INTRODUZIONE METODOLOGICA 5 4. ANALISI METODOLOGICA

Dettagli

La pressione atmosferica e i venti

La pressione atmosferica e i venti La pressione atmosferica e i venti Come ogni materia sottoposta all attrazione terrestre anche l atmosfera ha un peso Pressione = rapporto fra il peso dell aria e la superficie su cui agisce A livello

Dettagli

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ. tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com HELP DESK SERVIZIO METEO INVERNALE PER I GESTORI DELLA VIABILITÀ Radarmeteo srl a socio unico Via Mezzavia, 115/5 35020 Due Carrare (PD) Italia tel. +39.049.9125902 info@radarmeteo.com www.radarmeteo.com

Dettagli

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO.

ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. ALLEGATO 1 NOTE SULL USO DEL METODO DI RILIEVO LASER SCANNER PER LE CAVE DEL COMUNE DI NUVOLENTO. A)Generalità Una prima importante precisazione: il metodo non ricorre a tecniche aerofotogrammetriche,

Dettagli

Genova 22/24 settembre 2015

Genova 22/24 settembre 2015 Genova 22/24 settembre 2015 ELABORAZIONI DELLA C.T.R.: DTM E CARTE DERIVATE Rappresentazione della morfologia del territorio in Regione Liguria QUALCHE DEFINIZIONE DTM (Digital Terrain Model) o DEM (Digital

Dettagli

Altri metodi di indicizzazione

Altri metodi di indicizzazione Organizzazione a indici su più livelli Altri metodi di indicizzazione Al crescere della dimensione del file l organizzazione sequenziale a indice diventa inefficiente: in lettura a causa del crescere del

Dettagli

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici

Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ufficio Cartografico Servizio Cartografia e Gis della Provincia di Brescia Produzione e collaudo di cartografia tecnica numerica verso i DB topografici Ing. Antonio Trebeschi L attività dell Ufficio Cartografico

Dettagli

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE

ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE REGIONE CALABRIA ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI COMUNE DI BRANCALEONE PROGETTO DEI LAVORI DI DIFESA COSTIERA, EROSIONE E RIQUALIFICAZIONE ARENILE DI BRANCALEONE (Legge 208/98, periodo 2005/2008, delibera

Dettagli

14. Tecniche di rilievo cinematiche

14. Tecniche di rilievo cinematiche . Tecniche di rilievo cinematiche UNITÀ Come si è visto, nelle procedure statiche i ricevitori rimangono fermi sugli estremi della baseline per tutta la sessione di misura e sono spenti durante le fasi

Dettagli

Mappe elettroniche. La visione di TomTom

Mappe elettroniche. La visione di TomTom Mappe elettroniche La visione di TomTom Introduzione 24 / 08 / 2007 Amsterdam La qualità di un sistema di navigazione si misura dalle sue mappe. In questo documento sono illustrati lo sviluppo e il funzionamento

Dettagli

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia

Elementi di cartografia: La lettura del territorio. Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Elementi di cartografia: La lettura del territorio Robbio, 9 Febbraio 2013 Tiziano Cattaneo Legambiente Lombardia Cenni storici Tavoletta di Nippur, 1500 A.C. Cenni storici Carta di Anassimandro, 550 A.C.

Dettagli

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara

Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema Urbano, Servizio Sistemi Ambientali ARPA sez.provinciale di Ferrara La Qualità dell Aria stimata: applicazioni modellistiche ADMS per uno studio della diffusione degli inquinanti atmosferici nel comune di Ferrara e aree limitrofe Sabina Bellodi,, Enrica Canossa Ecosistema

Dettagli

CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA

CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA CAPITOLO VII USO DELLA CARTA TOPOGRAFICA LA CARTA TOPOGRAFICA 88. La carta topografica è una rappresentazione grafica di una parte più o meno ampia della superficie terrestre in una determinata scala.

Dettagli

ENERGY HUNTERS. dettagli sulla procedura di lavoro per il mini eolico

ENERGY HUNTERS. dettagli sulla procedura di lavoro per il mini eolico ENERGY HUNTERS dettagli sulla procedura di lavoro per il mini eolico ENERGY HUNTERS E IL VENTO Il core business di Energy Hunters, nonchè la risorsa e l idea che ci ha motivato è il vento, e in particolare

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO GEOGRAFIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Paesaggio Capire che cos è la geografia e di che cosa si occupa. Saper distinguere tra geografia fisica e umana. Capire il mondo in cui viviamo attraverso le

Dettagli

Relazione introduttiva Febbraio 2006

Relazione introduttiva Febbraio 2006 Amministrazione Provincia di Rieti Febbraio 2006 1 Progetto Sistema Informativo Territoriale Amministrazione Provincia di Rieti Premessa L aumento della qualità e quantità dei servizi che ha caratterizzato

Dettagli

Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali. Genova, 26 marzo 2013

Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali. Genova, 26 marzo 2013 Cartografia Cartografiaufficiale ufficialeitaliana italiana Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali Genova, 26 marzo 2013 Cartografia ufficiale italiana Organi

Dettagli

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi

Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Versione 1.0 Strumenti e metodi per la redazione della carta del pericolo da fenomeni torrentizi Corso anno 2011 B. MANUALE DI UTILIZZO DEL GRIGLIATORE Il pre processore Grigliatore è composto da tre macro

Dettagli

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10

Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2. 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi topografici e studio di inserimento urbanistico Pag 1 Sommario PREMESSA... 2 1 RILIEVO LASER SCANNING... 2 1.1 La tecnica... 2 1.2 La campagna... 6 1.3 Elaborazione dei dati... 10 REL D Rilievi

Dettagli

PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO

PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO PROGETTO di PRODUZIONE del DATA BASE TOPOGRAFICO PROPONENTE UNICO: PROVINCIA DI BERGAMO ANNO 2009 Indice: Introduzione: scopo e contenuto del progetto... 2 Progetto Tecnico... 2 1. Modalità di realizzazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE E MEDIA DI BISUSCHIO CURRICULUM VERTICALE DI GEOGRAFIA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE E MEDIA DI BISUSCHIO CURRICULUM VERTICALE DI GEOGRAFIA ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE E MEDIA DI BISUSCHIO Anno scolastico 2010/2011 CURRICULUM VERTICALE DI GEOGRAFIA SCUOLA DELL INFANZIA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO Collocare nello spazio

Dettagli

L UTILIZZO DEI GIS PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE Bacino idrografico del fiume Basento (Basilicata)

L UTILIZZO DEI GIS PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE Bacino idrografico del fiume Basento (Basilicata) L UTILIZZO DEI GIS PER IL MONITORAGGIO AMBIENTALE Bacino idrografico del fiume Basento (Basilicata) PREMESSA Il SIstema di MOnitoraggio Ambientale (SIMOA) del bacino idrografico del fiume Basento (attività

Dettagli

S.C.S. - survey CAD system 4 - PARTICELLE

S.C.S. - survey CAD system 4 - PARTICELLE 4 - PARTICELLE Il menu PARTICELLE gestisce la creazione di nuove particelle mediante diversi problemi relativi alla divisione di aree. È possibile impostare l orientamento della dividente, generarla parallela

Dettagli

Presentazione del Progetto Vento, Porti e Mare

Presentazione del Progetto Vento, Porti e Mare Presentazione del Progetto Vento, Porti e Mare Il Monitoraggio e la Previsione delle condizioni meteo marine per l accesso in sicurezza nelle aree portuali www.ventoeporti.net Conferenza finale Genova,

Dettagli

METODOLOGIA DI PREVISIONE DELLA DOMANDA ELETTRICA E DELLA

METODOLOGIA DI PREVISIONE DELLA DOMANDA ELETTRICA E DELLA 1 di 5 METODOLOGIA DI PREVISIONE DELLA DOMANDA ELETTRICA E DELLA PREVISIONE DA FONTI RINNOVABILI AI FINI DELLA FASE DI PROGRAMMAZIONE DI MSD Storia delle revisioni Rev.00 25/02/2016 Versione iniziale 2

Dettagli

ISTRUZIONI DI BASE PER L USO DEL SERVIZIO PILOTAGGIO DELL'IRRIGAZIONE A SCALA AZIENDALE E CONSORTILE ASSISTITO DA SATELLITE-IRRISAT

ISTRUZIONI DI BASE PER L USO DEL SERVIZIO PILOTAGGIO DELL'IRRIGAZIONE A SCALA AZIENDALE E CONSORTILE ASSISTITO DA SATELLITE-IRRISAT PILOTAGGIO DELL'IRRIGAZIONE A SCALA AZIENDALE E CONSORTILE ASSISTITO DA SATELLITE-IRRISAT PSR CAMPANIA 2007/2013 MISURA 124 ISTRUZIONI DI BASE PER L USO DEL SERVIZIO www.consulenzairrigua.it PROGETTO REALIZZATO

Dettagli

Esercizi per l esame di patente nautica Tutte le prove per esercitarsi in vista dell esame. 130 esercizi autocorrettivi e autovalutativi a tempo.

Esercizi per l esame di patente nautica Tutte le prove per esercitarsi in vista dell esame. 130 esercizi autocorrettivi e autovalutativi a tempo. Varrone Terenzio Esercizi per l esame di patente nautica Tutte le prove per esercitarsi in vista dell esame. 130 esercizi autocorrettivi e autovalutativi a tempo. 360 quiz a risposta aperta e multipla

Dettagli

10 - CURVE DI LIVELLO

10 - CURVE DI LIVELLO 10 - CURVE DI LIVELLO La rappresentazione del territorio mediante CURVE DI LIVELLO è stata da sempre la soluzione ideale adottata dai topografi al fine di visualizzare in maniera efficace l andamento orografico

Dettagli

Analisi morfologiche con QGIS

Analisi morfologiche con QGIS Introduzione a QGIS, software free & Open Source per la gestione di dati territoriali Genova, 27 marzo 2013 Interpolazioni Il plugin Interpolazioni implementa all interno di QGIS alcuni dei più comuni

Dettagli

3DCARTO: GESTIONE DEL MONDO VIRTUALE IN 3D

3DCARTO: GESTIONE DEL MONDO VIRTUALE IN 3D 3DCARTO: GESTIONE DEL MONDO VIRTUALE IN 3D La base di partenza per la creazione del mondo virtuale è l aerofotogrammetria e/o I rilievi fotografici con scansioni laser. Il prodotto così ottenuto, è lo

Dettagli

ArRISK RILASCIO E DISPERSIONE DI GAS TOSSICI, INFIAMMABILI, ODORIGENI

ArRISK RILASCIO E DISPERSIONE DI GAS TOSSICI, INFIAMMABILI, ODORIGENI OBIETTIVI. ArRISK È UN SISTEMA MODELLISTICO SVILUPPATO PER SIMULARE LA DISPERSIONE IN ATMOSFERA DI AERIFORMI, E PER LA VALUTAZIONE DEGLI EFFETTI IN TERMINI DI TOSSICITA, INFIAMMABILITA E IMPATTO ODORIGENO.

Dettagli

Sistemi Informativi Geografici

Sistemi Informativi Geografici Sistemi Informativi Geografici Introduzione ai dati geografici Alberto Belussi Anno accademico 2007-08 08 Sistemi Informativi Territoriali (SIT) o Geografici I Sistemi Informativi Territoriali (SIT) gestiscono

Dettagli

PROGETTO RESMAR SOTTOPROGETTO B Centro transfrontaliero per lo studio della dinamica dei litorali. Webgis Costa Toscana Costa Sarda

PROGETTO RESMAR SOTTOPROGETTO B Centro transfrontaliero per lo studio della dinamica dei litorali. Webgis Costa Toscana Costa Sarda PROGETTO RESMAR SOTTOPROGETTO B Centro transfrontaliero per lo studio della dinamica dei litorali Convegno conclusivo Livorno 28 maggio 2013 Webgis Costa Costa Sarda Giovanni Vitale* Claudio Kalb** * Università

Dettagli

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci

Relazione di fine tirocinio. Andrea Santucci Relazione di fine tirocinio Andrea Santucci 10/04/2015 Indice Introduzione ii 1 Analisi numerica con COMSOL R 1 1.1 Il Software.................................... 1 1.1.1 Geometria................................

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione generale per i porti S.I.D. SISTEMA INFORMATIVO DEMANIO MARITTIMO Guida alla compilazione del Modello Domanda D3 (Parte Tecnica: cartelloni, insegne

Dettagli

Riassunto L intervento mira a descrivere la rete agrometeorologica nazionale del Ministero delle Politiche Agrarie e Forestali.

Riassunto L intervento mira a descrivere la rete agrometeorologica nazionale del Ministero delle Politiche Agrarie e Forestali. 74 LA RETE AGROMETEOROLOGICA NAZIONALE DEL MINISTERO PER LE POLITICHE AGRICOLE E FORESTALI Maria Carmen Beltrano Ufficio Centrale di Ecologia Agraria - Roma Riassunto L intervento mira a descrivere la

Dettagli

Antonio De Blasiis Il rilievo del degrado ambientale. Metodi ingegneristici

Antonio De Blasiis Il rilievo del degrado ambientale. Metodi ingegneristici A09 162 Antonio De Blasiis Il rilievo del degrado ambientale Metodi ingegneristici Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173

Dettagli

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA UNITA N 10 I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA Quali sono i fattori che influenzano il clima? Si chiamano fattori climatici le condizioni che producono variazioni negli elementi del clima. Molto importante

Dettagli

Master 2009 Georeferenziazione di Raster

Master 2009 Georeferenziazione di Raster Master 2009 Georeferenziazione di Raster Claudio Rocchini Istituto Geografico Militare Introduzione I formati raster memorizzano i valori delle celle, il numero di righe e colonne della griglia (a volte

Dettagli

Tridentino di Scienze. Fisiche di Trento 23/05/2008. Marina Galetto. Scienze Fisiche, Università degli Studi

Tridentino di Scienze. Fisiche di Trento 23/05/2008. Marina Galetto. Scienze Fisiche, Università degli Studi 2008 Esperimento Esperimento Albedo Albedo Massimo Massimo Bosetti Bosetti Referente Museo scientifico Tridentino di Scienze Museo Tridentino di Scienze Naturali, Naturali Laboratorio di Laboratorio di

Dettagli