TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO S E N T E N Z A

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO S E N T E N Z A"

Transcript

1 Successioni Rinuncia all eredità - Petizione di eredità Accertamento della qualità di erede Atti incompatibili con la rinuncia - Possesso dei beni ereditari Mancata redazione dell inventario ex art.485 cc Inefficacia della rinuncia Usucapione Applicazione del termine ventennale Animus domini per l intero cespite Esclusione - Rif.Leg.artt.470,480, 485, 519, 533 cc; Sentenza n. 1809/05 Pronunziata il 01/10/2005 Depositata il 13/10/2005 TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL GIUDICE UNICO, DOTT.SSA CAROLINA GENTILI HA PRONUNCIATO LA SEGUENTE S E N T E N Z A NELLA CAUSA N. 376/1996 PROMOSSA DA XX, rapp.ta e difesa dall'avv.to E.Mango CONTRO YY, rapp.ta e difesa dagli Avv.ti L.Toscano e N.Cornia Oggetto: petizione eredità (art.533c.c.) CONCLUSIONI Per parte attrice: Voglia l'ill.mo Tribunale di Modena, in composizione monocratica, riconoscere a XX la qualità di erede della metà del patrimonio relitto da ZZ, contro YY; ordinare al Conservatore dei Registri Immobiliari di Modena di trascrivere l'emananda sentenza sulle unità immobiliari intestate a YY, site in Modena, Via Emilia Est 15 e censite presso il Catasto Urbano di Modena al foglio 144, n.94, sub 8 ed al foglio 144, n.95, sub 7; condannare YY a corrispondere all'attrice la metà del valore degli ulteriori beni relitti ed, in particolare, la metà del valore dell'azienda di ZZ alla data del suo decesso, con la rivalutazione e gli interessi legali dalla data della domanda al saldo; respingere ogni domanda proposta dalla convenuta; condannare YY a rifondere le spese di lite all'attrice. Per parte convenuta: Contrariis rejectis, nel merito, respingersi la domanda proposta dall'attrice in quanto infondata; in via subordinata, dichiararsi che per l'immobile sito in Modena, Via Emilia Est n.1, per i beni già appartenenti al patrimonio aziendale della "*** Prefabbricati" e per tutti i restanti beni facenti parte del patrimonio del de cuius, è intervenuta usucapione a favore di YY; in ulteriore subordine, nella denegata ipotesi di accoglimento della domanda avversaria, dichiararsi che nel compendio ereditario da sottoporre a divisione deve essere ricompressa per collazione la villa di proprietà della signora XX, sita in Modena, Via Vaciglio, in quanto ricevuta in donazione dal marito;

2 in ogni caso, nella denegata ipotesi di accoglimento della domanda, quantificarsi il valore della quota ereditaria eventualmente spettante a XX al netto di tutte le spese ed imposte sostenute da YY per la successione e per la gestione del patrimonio ereditario, nella misura che verrà quantificata in corso di causa, ed inoltre dichiarare non dovuti i frutti maturati nel frattempo dalla convenuta, che ha posseduto in buona fede; in via riconvenzionale: condannarsi XX al pagamento a favore di YY della somma di L , oltre a rivalutazione ed interessi, corrispondente alle spese di manutenzione e ristrutturazione sostenute dalla convenuta per la villa di proprietà della madre condotta in locazione, o della diversa somma che risulterà di giustizia. in via istruttoria: si chiede che il giudice decida sulle istanze di parte convenuta già presentate in udienza, sulle quali non è mai stata effettuata alcuna pronuncia. Con vittoria di spese, competenze ed onorari. SVOLGIMENTO DEL PROCESSO E MOTIVI DELLA DECISIONE Con citazione notificata il XX esponeva che: - in data era deceduto il marito ZZ senza lasciare testamento e che eredi legittime erano la stessa XX e la figlia YY nella misura di metà ciascuna; - le eredi avevano omesso di redigere l'inventario e, trovandosi nel possesso dei beni ereditari, erano divenute eredi pure e semplici; inoltre il avevano venduto un bene del de cuius (automobile Maserati); - in data l'attrice aveva formalmente rinunciato all'eredità allo scopo di beneficiare la figlia, ma la rinuncia doveva considerasi inesistente per intervenuta decadenza; - in seguito a contrasti con la figlia, l'attrice aveva deciso di riacquisire i suoi diritti ereditari, anche se medio tempore il patrimonio ereditario si era ridotto ad un appartamento con garage in Modena, Via Emilia Est 15 e ai depositi presso istituti di credito, e di chiedere la propria quota del corrispettivo ricevuto dalla figlia a seguito dell'alienazione degli altri beni (autorimessa di Via Trento Trieste e Villetta in Prignano; conferimento dell'azienda del de cuius in altra società costituita dalla figlia e dal marito). Concludeva chiedendo il riconoscimento della qualità di erede, la trascrizione dell'emananda sentenza e la condanna della convenuta alla restituzione della metà dei beni ereditari. Si costituiva la convenuta, chiedendo il rigetto della domanda di controparte, evidenziando come la rinuncia all'eredità dovesse considerarsi valida ed efficace, sia perché le chiamate all'eredità non erano nel possesso dei beni ereditari (ma convivevano in una villa di proprietà della madre), sia perché l'alienazione della vettura Maserati era stata alienata soltanto dalla convenuta medesima, costituendo patrimonio dell'azienda paterna; del resto, nella dichiarazione di rinuncia all'eredità, l'attrice aveva affermato di non essere mai stata in possesso dei beni ereditari, gestiti unicamente dalla figlia. Eccepiva comunque di avere acquisito per usucapione la proprietà di tutti i beni ereditari per possesso titolato ultradecennale; affermava di avere sostenuto le spese di successione e quelle relative alla manutenzione e ristrutturazione della villa di Vaciglio (di esclusiva proprietà della madre) dal 1987, per complessive L ; chiedeva che in caso di accoglimento della domanda di controparte, venisse ricompresa per collazione nell'asse

3 ereditario anche la villa suddetta, donata dal de cuius alla moglie. Concludeva come in epigrafe. Depositate le memorie ex art.180 c.p.c., all'udienza ex art.183 c.p.c. il processo veniva interrotto per il decesso del procuratore di parte convenuta; riassunta la causa ad opera dell'attrice, si costituiva nuovo procuratore per la sig. YY, non veniva svolto il tentativo di conciliazione per la mancata comparizione delle parti; dopo numerosi rinvii richiesti dalle stesse per la pendenza di trattative, il giudice concedeva i termini per il deposito delle memorie istruttorie; ammetteva le prove dedotte dalle parti, ad eccezione di quelle vertenti sulle circostanze oggetto della domanda riconvenzionale, ritenuta non ammissibile ai sensi dell'art.37 c.p.c.; veniva inoltre disposta consulenza tecnica sul valore dell'azienda. L'ordinanza che decideva sulle istanze istruttorie veniva reclamata al collegio, ma il reclamo veniva dichiarato inammissibile; escussi i testimoni, con ordinanza il giudice revocava la precedente decisione sulle prove ed ammetteva anche quelle formulate dalla convenuta in relazione alla domanda riconvenzionale. Esperita l'ulteriore istruttoria orale e depositata la consulenza, le parti rassegnavano le conclusioni in epigrafe indicate ed il giudice tratteneva la causa in decisione previa concessione dei termini ex art.190 c.p.c. La domanda principale proposta da parte attrice è diretta all'accertamento della qualità di erede rispetto alla successione apertasi a seguito della morte del marito ZZ in data , sostenendo che la rinuncia all'eredità compiuta il debba considerarsi tamquam non esset sia per la mancata redazione dell'inventario nel termine di tre mesi ex art.485 c.c., sia per essere stata nel possesso dei beni ereditari ed anzi avendo compiuto un atto incompatibile con la rinuncia, quale la vendita di un bene mobile (vettura Maserati). La convenuta contesta tale qualità, assumendo che la madre ha rinunciato espressamente all'eredità mediante dichiarazione resa in data alla Pretura di Modena e si è poi completamente disinteressata dei beni ereditari, gestiti unicamente dalla figlia. Al fine di verificare la qualità di erede in capo all'attrice è necessario stabilire se sia efficace ad escludere la qualità di erede la rinuncia all'eredità compiuta con dichiarazione del La rinuncia all'eredità deve essere fatta nelle forme di legge (art.519 c.c.) e in tali forme, come si è già detto, è stata resa dalla signora XX in data ; essa ha effetto retroattivo, cioè consente a chi rinuncia di essere considerato come se non fosse mai stato chiamato a far tempo dalla data di apertura della successione; può solo trattenere le donazioni o domandare i legati lasciati in suo favore nei limiti della porzione disponibile. Viceversa, a norma degli artt.470 e ss c.c., l'eredità può essere accettata in maniera espressa, mediante atto pubblico o scrittura privata, oppure tacita, cioè "quando il chiamato all'eredità compia un atto che presuppone necessariamente la sua volontà di accettare e che non avrebbe il diritto di fare se non nella qualità di erede"; se i chiamati all'eredità, che sono nel possesso dei beni, non fanno l'inventario entro tre mesi dal giorno dell'apertura della successione, si considerano eredi puri e semplici e rispondono dei debiti ereditari anche ultra vires hereditatis. Secondo costante giurisprudenza l'onere imposto dall'art.485 c.c. al chiamato all'eredità, che si trovi nel possesso dei beni ereditari, di fare l'inventario entro tre mesi, condiziona non solo la facoltà del chiamato di accettare l'eredità avvalendosi del beneficio, ma anche

4 quella di rinunciare all'eredità in maniera efficace nei confronti dei creditori del de cuius, dovendosi il chiamato, allo scadere del termine stabilito per l'inventario, essere considerato erede puro e semplice (Cass n.7076). In una decisione non recente, il chiamato che abbia accettato l'eredità non può più rinunciarvi; tale effetto si verifica anche se l'accettazione sia stata fatta col beneficio d'inventario, perché tale modalità implica solo la riserva in virtù della quale la responsabilità per i debiti ereditari viene limitata inter vires hereditatis (Cass n.801; Cass n.862). Calando detti principi al caso di specie, si deve esaminare se sussistano sia il possesso dei beni in capo ai chiamati, sia se siano stati compiuti atti comportanti un'accettazione tacita. Premesso che a norma dell'art.485 c.c. basta anche il possesso di un solo bene, il concetto di possesso a tali fini dell'acquisto della qualità di erede deve essere inteso non come manifestazione di attività corrispondente all'esercizio della proprietà dei beni ereditari, potendosi esaurire più semplicemente un una mera relazione materiale tre i beni ed il chiamato all'eredità, sia pure per mezzo di terzi detentori, con la consapevolezza della loro appartenenza al compendio ereditario. La previsione legale si estende, infatti, ad ogni specie di possesso quale ne sia il titolo giustificativo ed include anche la detenzione a titolo di custodia o di affidamento temporaneo (Cass n.1301; n.4835; n.4707). Benché sia pacifico che l'immobile dove vivevano entrambe le chiamate all'eredità fosse di proprietà esclusiva della Signora XX, non vi è dubbio che in esso erano custoditi beni mobili di ingente valore di proprietà del de cuius; inoltre l'istruttoria orale ha dimostrato l'utilizzo della vettura del de cuius (Alfetta) da parte della moglie dopo l'apertura della successione (testi Curti Mirella e Merini Michele). Il possesso dei beni predetti sarebbe sufficiente a qualificare erede puro e semplice la signora XX. Ad abundantiam può essere interessante valutare se possa ravvisarsi l'accettazione tacita dell'eredità derivante da atti concludenti. A prescindere dalla qualificazione giuridica dell'accettazione tacita come atto giuridico in senso stresso, ossia comportamento consapevole e volontario i cui effetti giuridici sono preordinati dalla legge e non dipendono dalla volontà di chi li compie, o come negozio giuridico nel quale la volontà viene esteriorizzata tramite un contegno da quale è consentito trarre sicura ed univoca conclusione circa la volontà di chi lo ha adottato, secondo l'orientamento giurisprudenziale più recente l'accettazione tacita può desumersi soltanto dall'esplicazione di attività personale del chiamato tale da integrare gli estremi dell'atto gestorio incompatibile con la volontà di rinunciare e non altrimenti giustificabile se non in relazione alla qualità di erede (Cass n.12753). La casistica esclude la configurabilità dell'accettazione per il caso di denuncia di successione ed altri atti di natura fiscale; inoltre l'art.460 c.c. consente al chiamato di esercitare azioni possessorie, nonché compiere atti aventi carattere conservativo, di vigilanza ed amministrazione temporanea; comprende invece sicuramente l'ipotesi di vendita di bene ereditario. La vendita dell'autovettura Maserati di proprietà del de cuius avvenuta in data , ovvero un mese prima della rinuncia, recante la firma di XX e YY (doc.5 attore),

5 rappresenta senz'altro un atto idoneo a manifestare, sia pur implicitamente, la volontà di accettare e per il compimento del quale era necessaria la qualità di erede. Va quindi affermata la inefficacia della rinuncia all'eredità compiuta dall'attrice in data più volte indicata e conseguentemente deve riconoscersi in capo ad essa la qualità di erede, dovendosi respingere l'eccezione di prescrizione mossa dalla convenuta, essendosi verificata accettazione prima del compimento del decennio dall'apertura della successione (art.480 c.c.). Quanto alla eccezione di usucapione dei beni ereditari, deve escludersi l'applicazione del termine decennale per l'acquisto della proprietà dei beni del de cuius in mancanza di titolo astrattamente idoneo, tale dovendosi ritenere solo un atto traslativo a titolo particolare, e non a titolo universale come la devoluzione mortis causa. Il coerede, per acquistare la proprietà di un bene ereditario, può giovarsi unicamente dell'usucapione ventennale, ove dimostri di avere posseduto il cespite ereditario animo domini non per la quota ideale o concreta di cui è titolare, ma per l'intero (Cass n.3342; n.6890). Poiché nel caso di specie non erano decorsi vent'anni dalla morte del de cuius al momento della notifica della citazione, deve rigettarsi la domanda di usucapione proposta dalla convenuta. L asse ereditario di ZZ va quindi devoluto alle sue eredi legittime, rispettivamente moglie e figlia, nella misura di metà ciascuno (art.581 c.c.). Occorre quindi preliminarmente individuare i beni del de cuius, al fine di decidere sulla seconda domanda proposta dall'attrice, consequenziale rispetto alla precedente, essendo diretta alla condanna della convenuta, quale erede insieme alla madre, a restituire a quest'ultima la metà dei beni ereditari, attribuiti soltanto alla figlia in forza della rinuncia dell'eredità ritenuta inefficace nel presente giudizio. Per quanto riguarda la vettura Maserati, la stessa è stata venduta da entrambe le eredi prima della rinuncia e, quindi, in assenza di allegazioni e deduzioni di parte, si presume che il ricavato sia stato incassato pro quota (soltanto nella memoria di replica la convenuta dichiara di avere incassato l'intero ricavato, ma l'affermazione deve ritenersi tardiva). Pacifico che l'asse ereditario comprendesse, al momento dell'apertura della successione, l appartamento di Via Emilia Est n.15, l'autorimessa di Via Trento Trieste e la villetta di Prignano nonché l'azienda paterna, le cui quote sono state conferite nella nuova società costituita dalla figlia e dal marito (*** System srl) con atto notarile al prezzo i L Quanto alla villa di Vaciglio, formalmente di proprietà esclusiva dell'attrice; secondo la tesi di parte convenuta sarebbe stata indirettamente donata dal de cuius alla moglie, ma edificata con denaro del predetto e, conseguentemente, sarebbe soggetta a collazione. In realtà la villa predetta risulta venduta con atto dalla XX a terzi e dal rogito notarile si evince che, la venditrice era proprietaria del suolo su cui sorgeva l'edificio in questione, in virtù di atto ricevuto dal Notaio Aggazzotti in data ; conseguentemente in virtù del principio di accessione, la proprietaria del terreno acquista anche la proprietà della costruzione edificata sul suo suolo, salvo il diritto di credito spettante a chi ha sostenuto parte delle spese necessarie per l'edificazione. Non essendo stata formalmente e tempestivamente proposta domanda di simulazione relativa dell'atto di compravendita del terreno, è precluso l'esame della intestazione fittizia di detto immobile.

6 La convenuta, in via riconvenzionale, chiede la restituzione alla madre delle spese di strutturazione e manutenzione della villa, da ella condotta in locazione, secondo quanto pacificamente risultante dai documenti prodotti, assumendo che la madre, quale proprietaria, avrebbe dato il consenso all'esecuzione di dette opere. Non è stata tuttavia fornita alcuna prova che la proprietaria abbia prestato un consenso espresso o tacito all'esecuzione delle migliorie, poiché l'istruttoria orale ha riguardato unicamente l'entità delle spese sostenute. Secondo il disposto dell'art.1592 c.c. il conduttore non ha diritto a indennità per i miglioramenti apportati alla cosa locata se non prova che vi è stato il consenso del locatore. La domanda di pagamento dell'indennità ex art.1592 c.c. va quindi rigettata. [Non risulta? n.d.r.] invece essere stata proposta domanda di collazione per l'appartamento acquistato dalla convenuta in Forte dei Marmi nell'anno 1978, ma soltanto la richiesta di determinarne il...[valore? n.d.r.] contenuta nella memoria ex art.180 c.p.c. depositata da parte attrice il e. non vi sono elementi dai quali desumere che si tratti di donazione indiretta. La causa va rimessa in istruttoria per la determinazione del valore del patrimonio ereditario non accertato nella presente sentenza. Spese al definitivo. P.Q.M. Il Giudice Istruttore, in qualità di Giudice Unico, parzialmente pronunciando nella causa in epigrafe indicata; Ogni contraria istanza, eccezione e deduzione, Dichiara XX erede legittima di ZZ; Rigetta la domanda di usucapione proposta da YY; Rigetta la domanda di collazione della villa di Vaciglio proposta da YY; Rigetta la domanda di restituzione delle spese di ristrutturazione proposta da YY. Rimette la causa in istruttoria come da separata ordinanza IL GIUDICE Dott.ssa Carolina Gentili Depositato in Cancelleria il 13 OTT 2005

parte convenuta avente ad oggetto: pagamento somma

parte convenuta avente ad oggetto: pagamento somma Sentenza n.1941/05 Pronunziata il 11.11.2005 Depositata il 17.11.2005 Successioni Legittime Immobile ad uso abitativo Comunione ereditaria Uso esclusivo da parte di un coerede Diritto del coerede comproprietario

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA In nome del popolo italiano. Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati

REPUBBLICA ITALIANA In nome del popolo italiano. Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati REPUBBLICA ITALIANA In nome del popolo italiano Il Tribunale di Udine, sezione civile, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati dott. Marina IOB Presidente; dott. Andrea ZULIANI Giudice

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALI IL TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE 1^ CIVILE S E N T E N Z A

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALI IL TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE 1^ CIVILE S E N T E N Z A Marchi Contraffazione ed usurpazione del marchio - Società di consulenza di proprietà industriale ed intellettuale Nome registrato come ditta e come marchio - Attività di produzione di sistemi multimediali

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

Acquisti mortis causa e trascrizione > Acquisti mortis causa e trascrizione: la trascrizione

Acquisti mortis causa e trascrizione > Acquisti mortis causa e trascrizione: la trascrizione Acquisti mortis causa e trascrizione: la trascrizione dell?accettazione ta... Acquisti mortis causa e trascrizione > Acquisti mortis causa e trascrizione: la trascrizione dell accettazione tacita di eredità

Dettagli

Sostituzione fedecommissaria e costituzione testamentaria di usufrutto, differenze e simultaneità delle disposizioni

Sostituzione fedecommissaria e costituzione testamentaria di usufrutto, differenze e simultaneità delle disposizioni Sostituzione fedecommissaria e costituzione testamentaria di usufrutto, differenze e simultaneità delle disposizioni Tribunale di Lecce, 7 marzo 2014. Presidente Piera Portaluri. Estensore Rossana Giannaccari.

Dettagli

Repubblica Italiana. In Nome del Popolo Italiano. sentenza

Repubblica Italiana. In Nome del Popolo Italiano. sentenza Fallimento Revocatoria fallimentare: pagamenti Compensi per prestazioni professionali al difensore Sistemazione concordataria dei debiti Fase prefallimentare Scientia decoctionis - Tutela della posizione

Dettagli

2. Formule di atti giudiziari

2. Formule di atti giudiziari 2. Formule di atti giudiziari Giuliano Scarselli, Giuseppe Camardi 2.1 Formule utilizzabili per promuovere l azione revocatoria ordinaria ex art. 2901 c.c. Revocatoria di donazione successiva al sorgere

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A

R E P U B B L I C A I T A L I A N A N. 435/012 R.A.C.C. R E P U B B L I C A I T A L I A N A TRIBUNALE DI UDINE- SEZIONE II CIVILE IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il dott. Gianfranco PELLIZZONI, in funzione di GIUDICE UNICO, ha pronunciato la

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI BARI TERZA SEZIONE CIVILE Il Tribunale di Bari, Terza Sezione Civile, in composizione

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI BARI TERZA SEZIONE CIVILE Il Tribunale di Bari, Terza Sezione Civile, in composizione REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI BARI TERZA SEZIONE CIVILE Il Tribunale di Bari, Terza Sezione Civile, in composizione monocratica nella persona del giudice istruttore dott.ssa

Dettagli

A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri

A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri Corso di formazione Le successioni mortis causa! "#$%&$' A tutela dei creditori del de cuius A tutela dei creditori del debitore chiamato A tutela degli uni e/o degli altri 1) actio interrogatoria 2) impugnazione

Dettagli

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A

Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice. dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha SENTENZA T R A TRIBUNALE DI PALERMO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale in composizione monocratica, nella persona del giudice dott. Michele Ruvolo, della Sezione Distaccata di Bagheria, ha pronunciato

Dettagli

PICCOLO VADEMECUM DEGLI ATTI IN MATERIA DI SUCCESSIONE TRIBUNALE DI TARANTO ANNO 2011. Volontaria giurisdizione

PICCOLO VADEMECUM DEGLI ATTI IN MATERIA DI SUCCESSIONE TRIBUNALE DI TARANTO ANNO 2011. Volontaria giurisdizione PICCOLO VADEMECUM DEGLI ATTI IN MATERIA DI SUCCESSIONE Volontaria giurisdizione TRIBUNALE DI TARANTO ANNO 2011 Antonella Manicone Direttore amministrativo RINUNCIA ALL EREDITÀ 1 Se il chiamato all'eredità

Dettagli

Codice del consumo - Vizio strutturale di autovettura nuova - Eccezione di decadenza - Responsabilità del produttore e del venditore

Codice del consumo - Vizio strutturale di autovettura nuova - Eccezione di decadenza - Responsabilità del produttore e del venditore Codice del consumo - Vizio strutturale di autovettura nuova - Eccezione di decadenza - Responsabilità de Codice del consumo - Vizio strutturale di autovettura nuova - Eccezione di decadenza - Responsabilità

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Filiazione naturale Riconoscimento del figlio naturale: impugnazione Convivenza more uxorio Impotentia generandi al tempo del concepimento Qualificazione dell azione: a) disconoscimento di paternità esclusione

Dettagli

TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE

TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE N. R.G. 4925/2012 TRIBUNALE ORDINARIO di RIMINI sezione CIVILE Oggi 20 novembre 2014, alle ore 10.30, innanzi al Giudice dott. DARIO BERNARDI, sono comparsi: L avv. PRESTIA CRISTIAN per parte attrice il

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA Sezione lavoro IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI MODENA Sezione lavoro IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Famiglia regime patrimoniale - Utili spettanti al compartecipe dell impresa familiare Decreto ingiuntivo - Prelievi in addebito dal conto corrente della ditta da parte del compartecipe - Somme non attinenti

Dettagli

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007)

TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007) TRIBUNALE DI SANTA MARIA CAPUA VETERE - SEZIONE DISTACCATA DI CASERTA - GIUDICE DOTT. M. SANTISE (22 ottobre 2007) (omissis) tra F.C. (omissis) e G.G. (omissis) ATTORE e Curatela del Fallimento M.C.G.

Dettagli

tra XX (avv. D. Bianchini)

tra XX (avv. D. Bianchini) Sentenza n./05 Deciso il 16/12/05 Depositato il 16/12/05 1 Contratti in generale Simulazione - Vendita di immobile Simulazione relativa parziale (proquota) Interposizione fittizia di persona nel contratto

Dettagli

nella causa civile iscritta al n. 1305/99 R.G. avente ad oggetto "risarcimento danni "

nella causa civile iscritta al n. 1305/99 R.G. avente ad oggetto risarcimento danni 45. TRIBUNALE DI LECCE SENTENZA NR 1692/2004 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice Onorario dott.ssa Maria Carmela Tinelli, in funzione di Giudice Unico del Tribunale di Lecce, seconda

Dettagli

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera)

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) GIUDICE DI PACE PRONUNCIA SECONDO EQUITÀ CAUSE DI VALORE NON SUPERIORE AD EURO

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della seconda sezione civile del Tribunale di Udine, dott. Francesco Venier, ha pronunciato, ai sensi dell art. 429 comma 1 c.p.c., la seguente

Dettagli

S E N T E N Z A. CONCLUSIONI (omissis)

S E N T E N Z A. CONCLUSIONI (omissis) Competenza e giurisdizione civile Giurisdizione italiana verso lo straniero Clausola di deroga della giurisdizione italiana a favore della giurisdizione della Repubblica di San. Marino Deroga convenzionale

Dettagli

******* REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ILTRIBUNALE DI PERUGIA SECONDA SEZIONE CIVILE IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE

******* REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO ILTRIBUNALE DI PERUGIA SECONDA SEZIONE CIVILE IN COMPOSIZIONE COLLEGIALE Abstract. Il Tribunale ha rilevato la nullità dell ordine di acquisto di strumenti finanziari ad alto rischio (bonds argentini) in quanto sottoscritto prima del perfezionamento del contratto di intermediazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. Allineandosi all attuale orientamento giurisprudenziale in materia di responsabilità del Ministero della Salute per omessa vigilanza sulla produzione e sulla distribuzione dei vaccini e del sangue

Dettagli

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004

Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice Designato Dott. Mauro Bernardi Provvedimento del giorno 10 dicembre 2004 22. Negoziazione fuori sede di obbligazioni argentine - Mancata menzione della facoltà di recesso - Nullità del contratto - Sussistenza. Art. 30 d. lgs. 24-2-1998 n. 58 Tribunale di Mantova, Sez. II Giudice

Dettagli

TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

TRIBUNALE DI MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Interessi Anatocismo Clausola di capitalizzazione trimestrale degli interessi Contratto mediante moduli - Uso normativo Esclusione Uso negoziale - Nullità della pattuizione Retroattività - Prescrizione

Dettagli

Commento di Emanuela Dona

Commento di Emanuela Dona Preparazione universitaria ed inadempimento del fornitore Sentenza Tribunale Civile di Roma, Sez. VIII, 12 dicembre 2005, pubblicata il 14 dicembre 2005 Commento di Emanuela Dona Sono a tutti noti i messaggi

Dettagli

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 32. Tribunale di Modena, 11 febbraio 2005, n. 582 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA SEZIONE CIVILE Composto dai magistrati: Dott. Emilia Salvatore Presidente Est. Dott.

Dettagli

Commissione Protocolli Regola n. 8 La trascrizione dell'accettazione tacita dell eredità e la trascrizione degli acquisti mortis causa in genere

Commissione Protocolli Regola n. 8 La trascrizione dell'accettazione tacita dell eredità e la trascrizione degli acquisti mortis causa in genere Commissione Protocolli Regola n. 8 La trascrizione dell'accettazione tacita dell eredità e la trascrizione degli acquisti mortis causa in genere 1. Il Notaio richiesto di stipulare un atto, avente per

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Abstract. Il Tribunale adito, relativamente all eccezione sollevata, ritiene la propria competenza a giudicare della controversia ex art. 33, lett. u, c. cons. secondo il quale si presume la vessatorietà

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI MODENA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI MODENA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Locazione Obblighi del locatore - Sala giochi Irregolarità edilizie imputabili al locatore Mancato rilascio dell autorizzazione amministrativa (concessione in sanatoria) Inidoneità dei locali all uso previsto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA Sezione Civile SENTENZA. promossa da

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MODENA Sezione Civile SENTENZA. promossa da Fallimento Ammissione al passivo: opposizione Domanda riconvenzionale Azione revocatoria in sede di giudizio di opposizione allo stato passivo Medesimo titolo e rapporto giuridico dedotto in giudizio -

Dettagli

Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati

Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati Tribunale di Torino Sezione Terza Civile Sentenza 8 11 dicembre 2007, n. 7797 Giudice Di Capua Ricorrente Dagati Svolgimento del processo ed esposizione dei fatti Con atto di citazione in opposizione datato

Dettagli

OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO

OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO OSSERVATORIO SULLA GIUSTIZIA CIVILE DI FIRENZE GRUPPO LOCAZIONI PROPOSTA DI REGOLE DI PROTOCOLLO SUL PROCESSO IL GIUDIZIO DI COGNIZIONE: 1) L AVVIO DEL PROCEDIMENTO PER CONVALIDA DI SFRATTO LA FASE SOMMARIA

Dettagli

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA Riunito in camera di consiglio e composto dai signori:

* * * * * REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI PERUGIA Riunito in camera di consiglio e composto dai signori: Abstract. Il Collegio, provato all esito dell istruttoria che il modulo d ordine delle obbligazioni in oggetto è stato firmato fuori dai locali della convenuta, osserva che, con carattere assorbente su

Dettagli

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI CARPI REPUBBLICA ITALIANA In Nome del Popolo Italiano

UFFICIO DEL GIUDICE DI PACE DI CARPI REPUBBLICA ITALIANA In Nome del Popolo Italiano Assicurazione contratto Premio mancato pagamento - Mancato pagamento di polizza assicurativa contro infortuni estesa ai componenti della famiglia Riduzione del premio per diminuzione del rischio Difetto

Dettagli

"Società"), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F. e P. IVA ---, in persona dell'amministratore Unico, signor Mario Rossi, rappresentata

Società), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F. e P. IVA ---, in persona dell'amministratore Unico, signor Mario Rossi, rappresentata TRIBUNALE CIVILE DI MILANO RICORSO EX ART. 702-BIS COD. PROC. CIV. Nell'interesse della società ALFA S.R.L. (nel seguito, "Alfa", ovvero la "Società"), con sede legale in Milano, via Orefici n. 3, C.F.

Dettagli

IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE. in composizione monocratica, in persona del dott. Giuseppe Di Salvo ha pronunciato la seguente SENTENZA

IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE. in composizione monocratica, in persona del dott. Giuseppe Di Salvo ha pronunciato la seguente SENTENZA Tribunale di Roma, Sez. Fall., 7 marzo 2012 IL TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE FALLIMENTARE in composizione monocratica, in persona del dott. Giuseppe Di Salvo ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa

Dettagli

MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989)" Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo

MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989) Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo MEDIAZIONE ATIPICA E ALBO DEI MEDIATORI (L. 39/1989)" Trib. Reggio Emilia, 17.4.2012 commento e testo P&D.IT La previsione di cui all oggi abrogato art. 6 L. n. 39/1989 in ordine alla necessità di iscrizione

Dettagli

RAGIONI IN FATTO E IN DIRITTO DELLA DECISIONE

RAGIONI IN FATTO E IN DIRITTO DELLA DECISIONE RAGIONI IN FATTO E IN DIRITTO DELLA DECISIONE Con ricorso, depositato in data 3.2.2012, C chiedeva a questo Tribunale di dichiarare la cessazione degli effetti civili del matrimonio concordatario contratto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice della prima sezione civile del Tribunale di Udine, dott.ssa Ilaria Chiarelli, ha pronunciato, ai sensi dell art. 281 sexies c.p.c., la seguente

Dettagli

IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO

IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO IL CONTRATTO DI APERTURA DI credito IN CONTO CORRENTE CON GARANZIA IPOTECARIA NON E VALIDO TITOLO ESECUTIVO DATA 2005-5-12 ESTREMI Tribunale dl Udine sezione civile SINTESI La certezza del credito deve

Dettagli

TRIBUNALE DI BRESCIA ATTO DI CITAZIONE. La società BETA SRL, con sede in Brescia, in via Rende n.4, P.

TRIBUNALE DI BRESCIA ATTO DI CITAZIONE. La società BETA SRL, con sede in Brescia, in via Rende n.4, P. TRIBUNALE DI BRESCIA ATTO DI CITAZIONE La società BETA SRL, con sede in Brescia, in via Rende n.4, P. IVA/C.F..., in persona dell'amministratore unico, nonché legale rappresentante in carica pro tempore

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI TREVISO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il giudice dott.ssa Susanna Menegazzi ha pronunciato la seguente nella causa promossa SENTENZA da MARTIGNAGO ADRIANO (C.F. MRTDRN64C02F443X)

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA Sentenza 17 GENNAIO 2014, n. 841

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA Sentenza 17 GENNAIO 2014, n. 841 SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA Sentenza 17 GENNAIO 2014, n. 841 Svolgimento del processo In data 26 marzo 1992 decedeva, A.B.. L eredità era devoluta alla nipote E.L., all epoca minorenne ed

Dettagli

Repubblica Italiana In nome del popolo italiano Il Tribunale di Modena, Sezione Prima Civile, riunito nelle persone dei signori:

Repubblica Italiana In nome del popolo italiano Il Tribunale di Modena, Sezione Prima Civile, riunito nelle persone dei signori: Società Amministratori: azione di responsabilità Azione ex art.2395 del terzo cc verso l amministratore di società per danni Nozione - Esecuzione di pignoramento ai danni del terzo in assenza di valido

Dettagli

Separazione cointestazione del conto corrente Sentenza n. 19115/2012 commento e testo

Separazione cointestazione del conto corrente Sentenza n. 19115/2012 commento e testo Separazione cointestazione del conto corrente Sentenza n. 19115/2012 commento e testo Studio legale law.it La documentazione in possesso della banca può dimostrare il contrario Nel corso di un giudizio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI TORINO Sezione Terza Civile SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI TORINO Sezione Terza Civile SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI TORINO Sezione Terza Civile in composizione monocratica in persona del Giudice dott. Edoardo DI CAPUA ha pronunciato la seguente: SENTENZA

Dettagli

LA PRELAZIONE IN AMBITO LOCATIVO IMMOBILI USO DIVERSO E USO ABITATIVO

LA PRELAZIONE IN AMBITO LOCATIVO IMMOBILI USO DIVERSO E USO ABITATIVO LA PRELAZIONE IN AMBITO LOCATIVO IMMOBILI USO DIVERSO E USO ABITATIVO Per prelazione si intende il diritto che taluno acquisisce, vuoi in virtù della legge, vuoi in un atto di autonomia privata, ad essere

Dettagli

PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA

PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA PROTOCOLLO SUL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE ELABORATO DALL OSSERVATORIO DI REGGIO EMILIA Il presente protocollo recepisce le indicazioni emerse all interno del gruppo di lavoro istituito all interno

Dettagli

Tribunale di Torino 22 dicembre 2014, n. 8312

Tribunale di Torino 22 dicembre 2014, n. 8312 Tribunale di Torino 22 dicembre 2014, n. 8312 in persona del Giudice dott. Edoardo DI CAPUA ha pronunciato la seguente: nella causa civile iscritta al n. 34917/2013 R.G.; promossa da: REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

TRIBUNALE DI VENEZIA Sentenza del 26 ottobre 2006

TRIBUNALE DI VENEZIA Sentenza del 26 ottobre 2006 TRIBUNALE DI VENEZIA Sentenza del 26 ottobre 2006 Vendita a mezzo sito internet a prezzo inferiore a quello imposto Concorrenza sleale ex art. 2598 c.c. Posizione dominante Inammissibilità. REPUBBLICA

Dettagli

Contratto di sub trasporto, perdita delle cose trasportate e

Contratto di sub trasporto, perdita delle cose trasportate e Contratto di sub trasporto, perdita delle cose trasportate e possibilità per il submittente di far valere in via diretta verso il sub trasportatore la responsabilità risarcitoria del vettore Tribunale

Dettagli

Tribunale di Udine. - sezione civile -

Tribunale di Udine. - sezione civile - Tribunale di Udine - sezione civile - Verbale d udienza Successivamente oggi, 13.1.2014, alle ore 12.00, davanti al giudice istruttore dott. Andrea Zuliani, nella causa iscritta al n 2998/12 R.A.C.C.,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano. Tribunale di Udine. sezione civile

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano. Tribunale di Udine. sezione civile REPUBBLICA ITALIANA In nome del popolo italiano Tribunale di Udine la seguente sezione civile Il Tribunale in composizione monocratica, in persona del dott. Andrea ZULIANI, ha pronunciato SENTENZA nella

Dettagli

******* REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano IL TRIBUNALE DI PERUGIA

******* REPUBBLICA ITALIANA. In nome del popolo italiano IL TRIBUNALE DI PERUGIA Abstract. Il Tribunale, affiancandosi alla prevalente dottrina, ha ritenuto vessatoria e quindi nulla, a tutela del consumatore, la clausola contrattuale che, nei contratti di assicurazione privata, affidi

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 16604/2007 proposto da: D.C. - ricorrente - BANCA -

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE TERZA CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE TERZA CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE TERZA CIVILE in persona del giudice unico dott. Stefano cardinali, ha pronunciato la seguente S E N T E N Z A nella causa civile

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Sentenza n. 72/03 Pronunziata il 24.06.2003 Depositata il 24.06.2003 Responsabilità civile Nesso causale Appartamento sovrastante e contiguo a forno Scoppio del forno Asseriti danni Propagazione orizzontale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in

REPUBBLICA ITALIANA. Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Lecce, I sezione civile, in composizione monocratica in persona del Giudice Unico, dott.ssa Consiglia Invitto ha pronunciato la seguente

Dettagli

Validità degli acquisti con "provenienza usucapione" non accertata giudizialmente

Validità degli acquisti con provenienza usucapione non accertata giudizialmente Validità degli acquisti con "provenienza usucapione" non accertata giudizialmente Con la sentenza n. 2485 del 2007, inedita, la Suprema Corte - che cassa con rinvio ai giudici di merito per la prosecuzione

Dettagli

per gli attori-intimanti: "come da memorie integrative autorizzate" per il convenuto-intimato: "come da memoria integrative autorizzate"

per gli attori-intimanti: come da memorie integrative autorizzate per il convenuto-intimato: come da memoria integrative autorizzate Locazione - Procedimento Concessione di termine per pagamento somme non contestate Ottemperanza - Convalida di sfratto Insuscettibilità Cognizione ordinaria ai fini della risoluzione del contratto per

Dettagli

CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO

CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO CORSO TEORICO E PRATICO PER AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO Le successioni Successioni, iter di gestione Disposizione dei beni acquisiti in via successoria I rapporti con un Beneficiario psichiatrico Il supporto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE DI MODENA Sezione Civile SENTENZA. promossa da

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE DI MODENA Sezione Civile SENTENZA. promossa da Fallimento Crediti da lavoro - Ammissione al passivo Dirigente Licenziamento in tronco da parte della società in bonis Illegittimità Disciplina del rapporto di lavoro dirigenziale - Ristrutturazione e

Dettagli

Giudice di Pace di Napoli, sezione seconda sentenza del 23.3.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice di Pace di Napoli Avv.

Giudice di Pace di Napoli, sezione seconda sentenza del 23.3.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice di Pace di Napoli Avv. Giudice di Pace di Napoli, sezione seconda sentenza del 23.3.2012 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice di Pace di Napoli Avv. Felice Alberto D'Onofrio, II Sezione, ha pronunziato

Dettagli

Cassazione Civile, sez. VI, sent. n. 14887 01-07-2014 (Ordinanza emessa in applicazione dell'art. 380 bis c.p.c.)

Cassazione Civile, sez. VI, sent. n. 14887 01-07-2014 (Ordinanza emessa in applicazione dell'art. 380 bis c.p.c.) La banca, al fine di ottenere la condanna al pagamento di un saldo di rapporto di conto corrente, è onerata della produzione non solo di tutti gli estratti conto dall'inizio del rapporto ma anche della

Dettagli

DELIBERA DL/114/14/CRL/UD del 4 novembre 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. P. / H3G S.P.A. IL CORECOM LAZIO NELLA Riunione del Comitato

DELIBERA DL/114/14/CRL/UD del 4 novembre 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. P. / H3G S.P.A. IL CORECOM LAZIO NELLA Riunione del Comitato DELIBERA DL/114/14/CRL/UD del 4 novembre 2014 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA F. P. / H3G S.P.A. IL CORECOM LAZIO NELLA Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità,

Dettagli

TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA. Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e

TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA. Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e TRIBUNALE DI CATANIA COMPARSA DI COSTITUZIONE E RISPOSTA Per: ***********************, rappresentato e difeso congiuntamente e disgiuntamente dall Avv. ********* e dall Avv. ************** ed elettivamente

Dettagli

ARCHIVIO INFORMATICO DELLE DOMANDE AI FINI DELLA PROVA DI PRESELEZIONE AL CONCORSO, PER ESAME, A 200 POSTI DI NOTAIO (DDG

ARCHIVIO INFORMATICO DELLE DOMANDE AI FINI DELLA PROVA DI PRESELEZIONE AL CONCORSO, PER ESAME, A 200 POSTI DI NOTAIO (DDG ARCHIVIO INFORMATICO DELLE DOMANDE AI FINI DELLA PROVA DI PRESELEZIONE AL CONCORSO, PER ESAME, A 200 POSTI DI NOTAIO (DDG 20.12.2002) (Pubblicato nel supplemento straordinario alla G.U. - 4^ s.s. del 28.03.2003)

Dettagli

Parere n. 8 Mantenimento della disponibilità dell immobile da parte del conduttore a seguito della scadenza del contratto di locazione

Parere n. 8 Mantenimento della disponibilità dell immobile da parte del conduttore a seguito della scadenza del contratto di locazione 45 Parere n. 8 Mantenimento della disponibilità dell immobile da parte del conduttore a seguito della scadenza del contratto di locazione di Anna Liconti Traccia Tizio conduce l immobile sito nel Comune

Dettagli

PRELIMINARE FIRMATO, MA LA CASA È IPOTECATA. IL MEDIATORE È RESPONSABILE?Cassazione, sez. II, 6 novembre 2012, n. 19075 commento e teasto

PRELIMINARE FIRMATO, MA LA CASA È IPOTECATA. IL MEDIATORE È RESPONSABILE?Cassazione, sez. II, 6 novembre 2012, n. 19075 commento e teasto PRELIMINARE FIRMATO, MA LA CASA È IPOTECATA. IL MEDIATORE È RESPONSABILE?Cassazione, sez. II, 6 novembre 2012, n. 19075 commento e teasto Diritto e processo.com In tema di responsabilità del mediatore,

Dettagli

dott.carlo gaudenzi notaio

dott.carlo gaudenzi notaio LE DOMANDE PIU FREQUENTI CIRCA L ATTIVITA DEL NOTAIO Qual è la differenza tra l'atto pubblico e la scrittura privata autenticata? Gli atti notarili devono essere stipulati nella forma dell'atto pubblico,

Dettagli

Configura un'ipotesi di vendita di "aliud pro alio" quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità

Configura un'ipotesi di vendita di aliud pro alio quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità Pagina 1 di 5 Configura un'ipotesi di vendita di "aliud pro alio" quando l immobile, destinato ad abitazione, è privo del certificato di abitabilità La massima La vendita di immobile destinato ad abitazione,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE N. R.G. 2288/2011 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di CUNEO SEZIONE CIVILE Il Tribunale, nella persona del Giudice dott. Marcello Pisanu ha pronunciato la seguente SENTENZA

Dettagli

Tribunale di Torino, 1 aprile 2014. Estensore Edoardo Di Capua.

Tribunale di Torino, 1 aprile 2014. Estensore Edoardo Di Capua. Nullità e annullabilità delle delibere condominiali e sostituzione della delibera impugnata con altra legittima. Cessazione della materia del contendere, liquidazione delle spese e soccombenza virtuale

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

Sentenza n. 11452/2014 pubbl. il 30/09/2014 RG n. 72603/2011 Repert. n. 9681/2014 del 30/09/2014

Sentenza n. 11452/2014 pubbl. il 30/09/2014 RG n. 72603/2011 Repert. n. 9681/2014 del 30/09/2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO Sezione specializzata in materia di impresa Sezione A Il Tribunale in composizione collegiale, nella persona dei seguenti magistrati:

Dettagli

Annarita Zingaropoli NOTAIO

Annarita Zingaropoli NOTAIO ATTI IMMOBILIARI - Contratti preliminari (compromessi) - Compravendite - Permute - Donazioni - Divisioni - Costituzioni, cessioni, rinunce, affrancazione di diritti reali immobiliari (usufrutto, uso, abitazione,

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO S E N T E N Z A

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO S E N T E N Z A Sent. 585/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO composta dai seguenti magistrati: Ivan DE MUSSO Andrea LUPI Pina Maria Adriana

Dettagli

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro

STUDIO LEGALE Avv. Antonella Nigro L irregolarità della notifica dell atto di precetto e l opposizione agli atti esecutivi ex art. 617 c.p.c. di Antonella Nigro L opposizione agli atti esecutivi è disciplinata dall'art. 617 del Codice di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA. Il Giudice dott. cons. Massimo Moriconi nella causa tra

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA. Il Giudice dott. cons. Massimo Moriconi nella causa tra REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA Il Giudice dott. cons. Massimo Moriconi nella causa tra (Omissis) (avv.to (Omissis)) intimante E (Omissis)

Dettagli

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO La Riforma Fornero (L. n. 92/2012) introduce importanti novità in tema di licenziamenti e del processo del lavoro, delineando all art. 1 commi

Dettagli

TRIBUNALE di MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO S E N T E N Z A

TRIBUNALE di MODENA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO S E N T E N Z A Esecuzione forzata - Precetto Opposizione agli atti esecutivi (riqualificazione della domanda) - Nullità del precetto Mancata indicazione degli estremi del decreto ingiuntivo - Carenza di requisiti necessari

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 5

INDICE SOMMARIO. Prefazione... pag. 5 INDICE SOMMARIO Prefazione........................................................ pag. 5 Costituzione in mora del debitore 1. Lettera di convocazione per tentativo di definizione bonaria...» 21 2. Lettera

Dettagli

Tribunale di Pavia - 09.02.2009 n. 492 - Dott. Tarantola - P.A. srl (Avv.ti Di Giorgi, Maggi, Tozzoli) - INPS (Avv. De Maestri)

Tribunale di Pavia - 09.02.2009 n. 492 - Dott. Tarantola - P.A. srl (Avv.ti Di Giorgi, Maggi, Tozzoli) - INPS (Avv. De Maestri) Danno (Risarcimento del) - Assenza per malattia del lavoratore - Richieste reiterate del datore di lavoro all'inps di visita medico-legale di controllo - Omesso riscontro di talune richieste - Danno per

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Bergamo Terza sezione civile

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Bergamo Terza sezione civile Il giudice del Tribunale di Bergamo ha dichiarato vessatoria la penale per il recesso anticipato dal contratto di mutuo in quanto formulata in modo incomprensibile e comunque in modo tale da rendere impossibile

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Giudice Unico del Tribunale di Bari, Quarta sezione civile, GOT Dott. Savino Gambatesa, ha pronunciato la seguente SENTENZA Nella causa civile iscritta

Dettagli

DINIEGO DI RINNOVO DELLA LOCAZIONE: PREVALE L USO EFFETTIVO.

DINIEGO DI RINNOVO DELLA LOCAZIONE: PREVALE L USO EFFETTIVO. GUIDO BELLI DINIEGO DI RINNOVO DELLA LOCAZIONE: PREVALE L USO EFFETTIVO. Tribunale Roma, sez. VI civ., 17 novembre 2010 Con ricorso depositato il 9 aprile 2008 C.M. ha agito nei confronti di B.R. ed ha

Dettagli

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia

IL COLLEGIO DI MILANO. - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia IL COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: - Prof. Avv. Antonio Gambaro Presidente - Prof.ssa Antonella Sciarrone Alibrandi Membro designato dalla Banca d'italia - Prof. Avv. Emanuele Lucchini Guastalla

Dettagli

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione III Civile. Il Giudice Dott. Massimo Vaccari ORDINANZA

TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA. Sezione III Civile. Il Giudice Dott. Massimo Vaccari ORDINANZA TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI VERONA Sezione III Civile Il Giudice Dott. Massimo Vaccari Ha emesso la seguente ORDINANZA Nella causa di opposizione a decreto ingiuntivo promossa da Gruppo G. S. U. in liquidazione

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore]

IL COLLEGIO DI ROMA. Finanziario. [Estensore] IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: Dott. Giuseppe Marziale Presidente Avv. Bruno De Carolis Prof. Avv. Pietro Sirena Avv. Michele Maccarone Prof.ssa Avv. Maddalena Rabitti Membro designato dalla

Dettagli

Sezione II - Articoli estratti dal Codice Civile

Sezione II - Articoli estratti dal Codice Civile 71 Effetti dell accettazione L accettazione beneficiata costituisce ordinariamente una facoltà per il chiamato: a quest ultimo è lasciata, a sua discrezione, la scelta se accettare puramente e semplicemente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI BARI IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI BARI IN NOME DEL POPOLO ITALIANO REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI BARI IN NOME DEL POPOLO ITALIANO II Tribunale, in funzione di Giudice del Lavoro, in composizione monocratica nella persona deua dott.ssa Isabella Calia, au'udienza pubblica

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Ord. Sez. 6 Num. 18573 Anno 2014 Presidente: PETITTI STEFANO Relatore: D'ASCOLA PASQUALE Data pubblicazione: 03/09/2014 ORDINANZA sul ricorso 14690-2012 proposto da: NAPOLITANO PAOLO NPLPLA78L04L259I,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI ROMA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI ROMA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE DI ROMA NONA SEZIONE CIVILE in persona del Giudice unico dr. Nicoletta Orlandi ha pronunciato la seguente SENTENZA nella causa di primo grado

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Sentenza 16 luglio 5 novembre 2015, n. 22627 Svolgimento del processo 1. La Corte d Appello di Milano, con la sentenza n. 1018/14, depositata il 6 novembre 2014,

Dettagli

Il contratto definitivo doveva essere stipulato il 30/04/2003 e, rimaste inevase le diffide per la sua stipula inviate nel frattempo dai promittenti

Il contratto definitivo doveva essere stipulato il 30/04/2003 e, rimaste inevase le diffide per la sua stipula inviate nel frattempo dai promittenti REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI TARANTO SECONDA SEZIONE CIVILE In composizione monocratica, dott. Claudio Casarano Ha pronunziato la seguente SENTENZA nella causa civile iscritta

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di MARSALA SEZIONE CIVILE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di MARSALA SEZIONE CIVILE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di MARSALA SEZIONE CIVILE Il Tribunale, nella persona del Giudice dott.ssa MANUELA PALVARINI, ha pronunciato la seguente SENTENZA nella

Dettagli

Fotocopia di almeno un documento d identità (carta d identità, patente di guida) e del codice fiscale/tessera sanitaria;

Fotocopia di almeno un documento d identità (carta d identità, patente di guida) e del codice fiscale/tessera sanitaria; ATTI IMMOBILIARI - Contratti preliminari (compromessi) - Compravendite - Permute - Donazioni - Divisioni - Costituzioni, cessioni, rinunce, affrancazione di diritti reali immobiliari (usufrutto, uso, abitazione,

Dettagli