Ricerca scientifica Processo di ricerca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ricerca scientifica Processo di ricerca"

Transcript

1 Ricerca scientifica Processo di ricerca Testi di riferimento: Coon, Mitterer (2011) Psicologia generale. UTET Cap. 1 Pedon, Gnisci (2004) Metodologia della ricerca psicologica. Mulino Cap. 2

2 La ricerca scientifica Il metodo scientifico: processo fondato sulla raccolta attenta delle prove attraverso descrizioni e misurazioni precise, sulla ricerca di leggi di carattere generale attraverso osservazioni controllate e risultati ripetibili.

3 Il metodo scientifico ideale è costituito da sei tappe: 1) Effettuare delle osservazioni 2) Definire un problema 3) Proporre un ipotesi 4) Raccogliere le prove per verificare l ipotesi 5) Pubblicare i risultati 6) Costruire una teoria Enunciazione di domande Risposte provvisorie Formulazione di ipotesi di relazioni Scelta di strumenti e metodi di verifica Attuazione della ricerca Verifica delle ipotesi Interpretazione dei risultati Generalizzazione dei risultati Produzione di nuovi quesiti

4 Logica scientifica Le ipotesi specifiche possono essere testate in modi diversi. Gli psicologi rivedono continuamente le loro teorie in modo da includere anche nuove prove empiriche. 1) Identificazione del problema 2) Pianificazione del disegno sperimentale 3) Fase delle osservazioni 4) Fase dell analisi dei dati 5) Fase dell interpretazione dei dati 6) Comunicazione dei risultati

5 CONOSCENZE / TEORIA PROBLEMA PROCESSO DI RICERCA IPOTESI GENERALI Identificazione problema e formulazione ipotesi di ricerca Pianificazione esperimenti Raccolta dei dati Analisi dei dati Interpretazione dei dati Pubblicazione dei risultati

6 Identificazione del problema di ricerca Interessi personali del ricercatore: studio intensivo dei casi singoli (es. Freud o Ebbinghaus) Fatti paradossali e fortuna (serendipità) Tentativi di risolvere problemi pratici: ricerca applicata Teorie e risultati di precedenti ricerche fanno sorgere nuovi problemi in 2 modi: Influenza euristica: quando suscita un enorme interesse (es. teoria evoluzionistica e teoria freudiana) Influenza sistematica: quando fanno affermazioni esplicite e direttamente verificabili (es. condizionamento operante) Confronto con i collegi Competizione

7 Scelta dell argomento e analisi della letteratura Ogni lavoro di ricerca comincia con la ricerca bibliografica: Riviste scientifiche cartacee SBA PsychInfo ERIC MedLine PsychArticles

8 L esperimento in psicologia. Esperimento: prova formale svolta per confermare o negare un ipotesi relativa alle cause di un comportamento. Soggetti sperimentali Partecipanti Variabile: qualsiasi condizione che può cambiare valore o essere modificata durante un esperimento. Variabili indipendenti Variabili dipendenti Variabili estranee o intervenienti

9 Formulazione di ipotesi Come deve essere un ipotesi? Non ripetitiva Non generica Falsificabile (Ipotesi Ho e ipotesi H1) Operazionale (deve consentire misurazioni)

10 Formulazione di ipotesi = verificare relazioni fra due o più aspetti (variabili) IPOTESI DESCRITTIVA IPOTESI SPERIMENTALE IPOTESI DIFFERENZIALE IPOTESI CORRELAZIONALE

11 Ipotesi descrittiva Viene formulata quando la letteratura o l esperienza empirica non consente di effettuare ipotesi accurate. Quando cioè non è possibile effettuare alcuna ipotesi sui risultati attesi. Es. sondaggi, screening, atteggiamenti ecc.

12 Ipotesi sperimentale Presuppone che almeno una variabile indipendente influenzi almeno una variabile dipendente.. Y=f(X) è come dire VD=f(VI) Valuta, quindi, i rapporti di causa/effetto Si formula sempre in termini Se... Allora

13 Ipotesi differenziale Implica almeno una variabile di disegno Presuppone che vi siano differenze in almeno una variabile dipendente Si formula sempre in termini differenziali

14 Nella ricerca sperimentale le condizioni sono provocate dal ricercatore Nella ricerca differenziale Nella ricerca differenziale il ricercatore prende atto di condizioni già esistenti - ne valuta solo il grado di relazione

15 Ipotesi correlazionale Presuppone che almeno una variabile osservata si correli con un altra variabile osservata.. NON valuta i rapporti di causa/effetto Si formula sempre in termini correlazionali

16 Si vogliono descrivere le capacità dei genitori di gestire i comportamenti inadeguati dei loro figli. Se i genitori partecipano ad un corso di formazione allora si osserverà una riduzione dei comportamenti inadeguati dei loro figli. Osservativa Sperimentale Padri e madri hanno diverse capacità di gestire i comportamenti inadeguati dei loro figli? Differenziale Le capacità dei genitori di gestire i comportamenti inadeguati dei figli sono correlate (+ o - ) con la frequenza di emissione dei comportamenti inadeguati? Correlazionale

17 Le variabili Precisione nella misurazione (continua discreta) Ruolo all interno dell esperimento Variabili indipendenti (manipolate non manipolate) Variabili dipendenti osservate Ruolo di disturbo Variabili confuse o confondenti Errori di misurazione Grado di osservazione

18 Caratteristiche delle variabili QUALITATIVE QUANTIVATIVE DISCRETE DISCRETE CONTINUE Non può assumere qualsiasi valore all interno di un intervallo dato. Rappresenta uno o più oggetti, ma non frazioni di essi Es. n di libri in una biblioteca Può assumere qualsiasi valore numerico. Rappresenta anche frazioni di uno o più oggetti E influenzata dallo strumento di misurazione Es. altezza di un individuo

19 Relazioni tra variabili Ipotesi sperimentale V. indipendente V. interveniente o di disturbo f V. dipendente Ipotesi differenziale V. di disegno V. osservata Ipotesi correlazionale Ipotesi osservativa V. osservata V. osservata 1 o più variabili osservate

20 Indipendenti (VI) che producono (causa) influenza (condizioni provocate dal ricercatore) Dipendenti (VD) che subiscono (effetto) influenza Invocate (di disegno) classificazioni differenziali (condizioni di cui il ricercatore può solo prendere atto: non sono manipolabili) Osservate (VO) (sulle quali si verificano le eventuali differenze) Intervenienti (di disturbo) possono influenzare i risultati, anche se non sono previste nell ipotesi (devono devono essere controllate,, cioè neutralizzate)

21 Modi di trattare le variabili Per la verifica delle ipotesi Y = ( f ) X Modo X (Variabili indipendenti o invocate) Modo Y (variabili dipendenti o osservate) Nella ricerca correlazionale (co-variazione)) entrambe le variabili sono trattate con il modo Y

22 Variabili di distrubo Variabile confondente non controllata che covaria con la variabile indipendente (se Ip. Sperimentale) ma è estranea a essa. Incide sulla validità interna (nesso causale) Variabile confusa non controllata che covaria con la variabile indipendente (se Ip. Sperimentale) ed è associata ad essa. Incide sulla validità di costrutto Entrambi devono essere controllate.

23 Per controllare le variabili di disturbo Modo K (costante) Modo M (matching) Modo R (random)

24 Errori o fonti di variazione SISTEMATICI DISTORSIONI COSTANTI ERRORI CASUALI (O ACCIDENTALI) DISTORSIONI CASUALI

25 Grado di osservazione In base alla possibilità di osservare direttamente le variabili, si distinguono in variabili latenti e variabili manifeste. La variabile latente non può essere osservata ma si ipotizza l esistenza per spiegare altre variabili che possono essere osservate direttamente (variabili manifeste).

26 Metodo sperimentale: con l assegnazione casuale o randomizzazione, un partecipante ha la stessa possibilità di far parte del gruppo sperimentale o del gruppo di controllo; consente di distribuire in maniera equilibrata le differenze personali nei due gruppi e, quindi, di effettuare un controllo sulle variabili estranee.

27 Elementi di un esperimento ideato per stabilire gli effetti dell ascolto della musica durante lo studio attraverso i punteggi ai test.

28 Il controllo sperimentale viene realizzato bilanciando le variabili estranee nel gruppo sperimentale e nel gruppo di controllo. Per esempio, l età media (A), la formazione (B) e l intelligenza (C) dei membri potrebbero essere le stesse in entrambi i gruppi. Quindi si potrebbe manipolare la variabile indipendente nel gruppo sperimentale. Se il comportamento dei membri (la variabile dipendente) cambia (rispetto al gruppo di controllo), tali effetti possono essere attribuiti alla variabile indipendente che, pertanto, dovrebbe aver causato il fenomeno.

29 I placebo e le profezie autoavverantesi. Effetto placebo: cambiamento nel comportamento causato dalla convinzione di aver assunto un farmaco. Profezia autoavverantesi: previsione che induce ad agire in modo che la previsione si realizzi.

30 Metodi di ricerca non sperimentali. Metodo descrittivo Metodo correlazionale Metodo clinico Metodo dell inchiesta.

31 Metodo descrittivo (osservazione naturalistica) indagine empirica in cui non c è alcun intervento sui fenomeni studiati che consiste nell osservazione e nella raccolta sistematica di dati sul comportamento in un ambiente naturale. Influenza dell osservatore Distorsione dell osservatore Errore di antropomorfizzazione Registrazione delle osservazioni

32 Metodo correlazionale: consiste nella misurazione e confronto fra variabili per scoprire se esiste fra loro una relazione. Coefficiente di correlazione: indice statistico che può variare da -1,00 a +1,00 e che indica la direzione e il grado di correlazione. Correlazione positiva: al crescere di una variabile corrisponde l aumento dei valori dell altra variabile. Correlazione negativa: l aumento di una variabile è associato alla diminuzione dell altra variabile.

33 Una correlazione tra due variabili può significare che X causa Y, che Y causa X o che una terza variabile, Z, causa sia X sia Y.

34 Metodo clinico: conosciuto anche come metodo del caso singolo, in cui si cerca di aiutare la persona a risolvere i propri problemi attraverso la raccolta di informazioni tramite il colloquio clinico e la somministrazione di test e questionari.

35 Metodo dell inchiesta: metodo non sperimentale in cui vengono sperimentate tecniche specifiche per creare domande e codificare le risposte. Campione rappresentativo Campione non rappresentativo.

36 Pianificazione di una ricerca Processi inferenziali (procedure di campionamento) Piani della ricerca Processi di misurazione (scale di misura)

37 Popolazione e campione

38 Indagine totale A POPOLAZIONI B IPOTESI A = B A < B A > B A = B

39 A Indagine campionaria POPOLAZIONI e CAMPIONI B a b a = b a < b a > b a = b IPOTESI Generalizzazione A = B A < B A > B A = B

40 Pianificazione Confronto fra i soggetti Confronto entro i soggetti Confronto fra/entro i soggetti Piani combinati Piani a misure ripetute Piani a gruppi indipendenti

41 Raccolta dei dati: Misurazione delle variabili Per Stevens (1946) la misurazione è l associazione tra una categoria e oggetti, eventi. in base a regole di corrispondenza. La misurazione di un sistema empirico è la costituzione di un sistema numerico (formale) in modo tale che ci sia una relazione di omomorfismo (stessa forma) con il sistema empirico (Pedon, 1999). Variabile è qualsiasi caratteristica (fisica o psichica) del soggetto che può assumere valori diversi in un dato intervallo e che varia da individuo a individuo. Ogni variabile è formata da un insieme di categorie che esprimono l ambito di variazione della variabile stessa (Livelli)

42 Raccolta dei dati Strumenti Per Stevens (1946) individua 4 categorie di variabili sulla base della scala utilizzata per la misurazione.. in base alle relazioni intercorrenti tra i livelli di variazione di una variabile: 1) categoriale o nominale 2) ordinale 3) a intervalli equivalenti 4) a rapporti equivalenti nominale qualitative ordinale Scale di misura intervalli rapporti quantitative

43 Scala nominale: aspetti qualitativi (attributi) di una variabile Quali sono le modalità attraverso le quali la variabile x si potrebbe presentare? Proprietà: classificare significa suddividere gli elementi di una classe in sottoclassi che si escludono a vicenda. L unica relazione implicata è l equivalenza dei membri di ciascuna sottoclasse rispetto ad un attributo. Caratteristiche di: Riflessività (X1 = Xi) Simmetria (se X = Y, Y = X) Transitività (se X = Y, e Y = Z, allora X = Z) Calcoli: frequenze (quanti elementi) e delle frequenze relative (percentuale di elementi entro ogni sottoclasse). I livelli sono categorie discrete e non possono essere ordinate in alcun modo.

44 Scala ordinale: stabilisce una relazione di ordinalità tra i livelli I valori si collocano entro un continuum, in cui l ampiezza della distanza tra un livello e l altro è variabile e non prevedibile Proprietà: equivalenza dei membri all interno di una stessa sottoclasse (riflessività, simmetria, transitività). Tra le diverse sottoclassi solo transitività (se X > Y e Y > Z, allora X > Z). Operazioni possibili: qualunque operazione che non alteri la relazione di ordinazione. I livelli di queste variabili sono categorie discrete che possono essere ordinate.

45 Scala ad intervalli come una scala ordinale, solo che, all interno di ogni sottoclasse, gli elementi sono ordinati in modo che l intervallo (la differenza) possibile tra un elemento e l altro sia costante e noto. Proprietà: si stabilisce un valore x da attribuire alla distanza possibile tra un punto e quello successivo. Operazioni possibili: ciascun dato può essere moltiplicato o diviso per un valore costante e a questo si può aggiungere o sottrarre un altro valore costante. Si possono fare tutte le operazioni aritmetiche.

46 Scale a rapporti Il rapporto tra 2 punti della scala deve essere indipendente dall unità di misura prescelta. Es. il rapporto tra 1 euro e due euro deve essere lo stesso che c è tra 2000 lire e 4000 lire. Proprietà: è analoga alla scala a intervalli, solo che prevede la possibilità di calcolare anche lo zero (assenza dell attributo che si vuole misurare) Es.: n di errori. Operazioni possibili: in genere i dati esprimono frequenze relative (x/ ), devono perciò essere trasformati (generalmente in arcoseno) per consentire operazioni più complesse.

47 Qual è la scala di misura della V.D.? Due elementi diversi della variabile possono essere messi in ordine? si Fra due elementi diversi è possibile calcolare una differenza che si riconduca ad una unità di misura? no no Scala nominale Scala ordinale si Esiste uno zero assoluto? no si Può assumere solo valori interi? si Può assumere solo valori interi? no si no Scala a intervallo discreta Scala a intervallo continua Scala a rapporto discreta Scala a rapporto continua

48 Possibili trasformazioni Riduzione di scala Ordinale Intervalli Rapporti Moltiplicazione per una costante positiva Somma e moltiplicazione per una costante positiva Nominale Operazioni che mantengono l ordinamento tra gli oggetti Sostituzione del sistema di codifica

49 Confronto tra tipi di variabili e scale di misura: discreta continua qualitativa Scala nominale Scala ordinale quantitativa Intervalli/rapporto discreta Intervalli/rapporto continua Statistiche non parametriche Statistiche parametriche MA SOLO SE la distribuzione dei dati è normale Il campione è sufficientemente numeroso I dati sono indipendenti Varianze omoscedastiche

50 Analisi dei dati - Statistica IPOTESI PIANI SCALE DISTRIBUZIONE Non Parametrica DESCRITTIVA CORRELAZIONALE misure ripetute gruppi indipendenti TUTTE distribution free Parametrica SPERIMENTALE DIFFERENZIALE TUTTI Intervalli Rapporti NORMALE Indipendenza delle osservazioni derivazione da un modello lineare con effetti additivi (X i = µ + τ + ε) Omoscedasticità delle varianze

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica Strumenti di indagine per la valutazione psicologica 3 Disegni sperimentali Davide Massidda davide.massidda@gmail.com Perché misurare 1. Per valutare le caratteristiche di uno specifico individuo (comune

Dettagli

Corso di. Dott.ssa Donatella Cocca

Corso di. Dott.ssa Donatella Cocca Corso di Statistica medica e applicata Dott.ssa Donatella Cocca 1 a Lezione Cos'è la statistica? Come in tutta la ricerca scientifica sperimentale, anche nelle scienze mediche e biologiche è indispensabile

Dettagli

Strategie alternative ai metodi sperimentali

Strategie alternative ai metodi sperimentali Strategie alternative ai metodi sperimentali 1. 2. I quasi-esperimenti (non sperimentali) prevedono la descrizione del fenomeno in esame. Il metodo descrive le variabili in esame, non prevede alcuna manipolazione

Dettagli

Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva. Brugnaro Luca

Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva. Brugnaro Luca Come descrivere un fenomeno in ambito sanitario fondamenti di statistica descrittiva Brugnaro Luca Progetto formativo complessivo Obiettivo: incrementare le competenze degli operatori sanitari nelle metodiche

Dettagli

La validità. La validità

La validità. La validità 1. Validità interna 2. Validità di costrutto 3. Validità esterna 4. Validità statistica La validità La validità La validità di una ricerca ci permette di valutare se quello che è stato trovato nella ricerca

Dettagli

LA PSICOLOGIA SOCIALE Introduzione

LA PSICOLOGIA SOCIALE Introduzione Universita per gli stranieri DANTE ALIGHIERI LA PSICOLOGIA SOCIALE Introduzione Prof. Vincenzo Maria ROMEO La psicologia sociale si è formata, occupandosi delle folle e dei comportamenti collettivi 4 Si

Dettagli

Corso di Psicometria Progredito

Corso di Psicometria Progredito Corso di Psicometria Progredito 1. La quantificazione in psicologia Gianmarco Altoè Dipartimento di Pedagogia, Psicologia e Filosofia Università di Cagliari, Anno Accademico 2013-2014 Sommario 1 Introduzione

Dettagli

Ricerca Scientifica. Caratteristiche: Oggettività Sistematicità Verificabilità

Ricerca Scientifica. Caratteristiche: Oggettività Sistematicità Verificabilità Lezione 6 1 Ricerca Scientifica Caratteristiche: Oggettività Sistematicità Verificabilità 2 Ricerca Scientifica Quali sono i presupposti della ricerca scientifica: Determinismo Empirismo Integrazione teorica

Dettagli

Metodi e tecniche di analisi dei dati nella ricerca psico-educativa Parte I

Metodi e tecniche di analisi dei dati nella ricerca psico-educativa Parte I Laboratorio Metodi e tecniche di analisi dei dati nella ricerca psico-educativa Parte I Laura Palmerio Università Tor Vergata A.A. 2005/2006 Testi di riferimento F. Celi, D. Fontana, Fare ricerca sperimentale

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

Corso di: Psicologia Generale e dello Sport

Corso di: Psicologia Generale e dello Sport Docente: Prof. Luca Mallia luca.mallia@uniroma1.it http://www.psicologia-uniroma4.it Università degli Studi di Roma Foro Italico A. A. 2010-11 Corso di: Psicologia Generale e dello Sport Corso del 2 anno,

Dettagli

Elementi di Statistica

Elementi di Statistica Elementi di Statistica Contenuti Contenuti di Statistica nel corso di Data Base Elementi di statistica descrittiva: media, moda, mediana, indici di dispersione Introduzione alle variabili casuali e alle

Dettagli

METODOLOGIA STATISTICA E CLASSIFICAZIONE DEI DATI

METODOLOGIA STATISTICA E CLASSIFICAZIONE DEI DATI METODOLOGIA STATISTICA E CLASSIFICAZIONE DEI DATI 1.1 La Statistica La Statistica è la scienza che raccoglie, elabora ed interpreta i dati (informazioni) relativi ad un dato fenomeno oggetto di osservazione.

Dettagli

Analisi statistica degli errori

Analisi statistica degli errori Analisi statistica degli errori I valori numerici di misure ripetute risultano ogni volta diversi l operazione di misura può essere considerata un evento casuale a cui è associata una variabile casuale

Dettagli

Conoscenza. Metodo scientifico

Conoscenza. Metodo scientifico Conoscenza La conoscenza è la consapevolezza e la comprensione di fatti, verità o informazioni ottenuti attraverso l'esperienza o l'apprendimento (a posteriori), ovvero tramite l'introspezione (a priori).

Dettagli

Statistica inferenziale

Statistica inferenziale Statistica inferenziale Popolazione e campione Molto spesso siamo interessati a trarre delle conclusioni su persone che hanno determinate caratteristiche (pazienti, atleti, bambini, gestanti, ) Osserveremo

Dettagli

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali

Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali SECONDO APPUNTAMENTO CON LA SPERIMENTAZIONE IN AGRICOLTURA Statistica descrittiva: prime informazioni dai dati sperimentali La statistica descrittiva rappresenta la base di partenza per le applicazioni

Dettagli

Scelta del soggetto. Sviluppo del protocollo. Pretest e revisione del protocollo. Effettuazione dello studio. Analisi dei risultati

Scelta del soggetto. Sviluppo del protocollo. Pretest e revisione del protocollo. Effettuazione dello studio. Analisi dei risultati Ciclo della ricerca Scelta del soggetto Sviluppo del protocollo Pretest e revisione del protocollo Effettuazione dello studio Analisi dei risultati Conclusioni e loro pubblicazione ANATOMIA DELLA RICERCA:

Dettagli

SMID a.a. 2005/2006 Corso di Statistica per la Ricerca Sperimentale I sondaggi 23/1/2006

SMID a.a. 2005/2006 Corso di Statistica per la Ricerca Sperimentale I sondaggi 23/1/2006 SMID a.a. 2005/2006 Corso di Statistica per la Ricerca Sperimentale I sondaggi 23/1/2006 Scopo della ricerca Riuscire a determinare le caratteristiche di un fenomeno attraverso un campionamento di alcuni

Dettagli

LEZIONI DI STATISTICA E CALCOLO DELLE PROBABILITA STATISTICA

LEZIONI DI STATISTICA E CALCOLO DELLE PROBABILITA STATISTICA LEZIONI DI STATISTICA E CALCOLO DELLE PROBABILITA UMBERTO MAGAGNOLI Materiale per il Corso di lezioni di STATISTICA Laurea magistrale in Matematica Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Università

Dettagli

1. L analisi statistica

1. L analisi statistica 1. L analisi statistica Di cosa parleremo La statistica è una scienza, strumentale ad altre, concernente la determinazione dei metodi scientifici da seguire per raccogliere, elaborare e valutare i dati

Dettagli

Quali sono gli effetti del percorso di formazione PON M@tabel?

Quali sono gli effetti del percorso di formazione PON M@tabel? Quali sono gli effetti del percorso di formazione PON M@tabel? Valutazione di una innovazione didattica mediante esperimento controllato Ottobre 2009 UNIONE EUROPEA MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA

Dettagli

Elementi di statistica descrittiva I 31 Marzo 2009

Elementi di statistica descrittiva I 31 Marzo 2009 Il Concetti generali di Statistica) Corso Esperto in Logistica e Trasporti Elementi di Statistica applicata Elementi di statistica descrittiva I Marzo 009 Concetti Generali di Statistica F. Caliò franca.calio@polimi.it

Dettagli

INTRODUZIONE AL DESIGN OF EXPERIMENTS (Parte 1)

INTRODUZIONE AL DESIGN OF EXPERIMENTS (Parte 1) INTRODUZIONE AL DESIGN OF EXPERIMENTS (Parte 1) 151 Introduzione Un esperimento è una prova o una serie di prove. Gli esperimenti sono largamente utilizzati nel campo dell ingegneria. Tra le varie applicazioni;

Dettagli

A.A. 2014-2015. Obiettivi formativi del CI di Metodologia epidemiologica OBIETTIVO GENERALE

A.A. 2014-2015. Obiettivi formativi del CI di Metodologia epidemiologica OBIETTIVO GENERALE A.A. 2014-2015 Obiettivi formativi del CI di Metodologia epidemiologica OBIETTIVO GENERALE Utilizzare gli strumenti epidemiologici e statistici appropriati per ridurre l'area dell'incertezza nella rilevazione

Dettagli

Facoltà di Psicologia - Corso FSE gennaio febbraio 2010. Marco Vicentini info@marcovicentini.it

Facoltà di Psicologia - Corso FSE gennaio febbraio 2010. Marco Vicentini info@marcovicentini.it Facoltà di Psicologia - Corso FSE gennaio febbraio 2010 Marco Vicentini info@marcovicentini.it Statistica e Psicologia Quali statistiche per la psicologia? Quali programmi per la statistica? Codifica e

Dettagli

Misure della dispersione o della variabilità

Misure della dispersione o della variabilità QUARTA UNITA Misure della dispersione o della variabilità Abbiamo visto che un punteggio di per sé non ha alcun significato e lo acquista solo quando è posto a confronto con altri punteggi o con una statistica.

Dettagli

Prova di autovalutazione Prof. Roberta Siciliano

Prova di autovalutazione Prof. Roberta Siciliano Prova di autovalutazione Prof. Roberta Siciliano Esercizio 1 Nella seguente tabella è riportata la distribuzione di frequenza dei prezzi per camera di alcuni agriturismi, situati nella regione Basilicata.

Dettagli

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili:

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili: Incertezze di misura Argomenti: classificazione delle incertezze; definizione di incertezza tipo e schemi di calcolo; schemi per il calcolo dell incertezza di grandezze combinate; confronto di misure affette

Dettagli

LA CORRELAZIONE LINEARE

LA CORRELAZIONE LINEARE LA CORRELAZIONE LINEARE La correlazione indica la tendenza che hanno due variabili (X e Y) a variare insieme, ovvero, a covariare. Ad esempio, si può supporre che vi sia una relazione tra l insoddisfazione

Dettagli

Tecniche di Simulazione: Introduzione. N. Del Buono:

Tecniche di Simulazione: Introduzione. N. Del Buono: Tecniche di Simulazione: Introduzione N. Del Buono: 2 Che cosa è la simulazione La SIMULAZIONE dovrebbe essere considerata una forma di COGNIZIONE (COGNIZIONE qualunque azione o processo per acquisire

Dettagli

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI

PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIANZA DELLE QUANTITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIONE CON I DATI OSSERVATI statistica, Università Cattaneo-Liuc, AA 006-007, lezione del 08.05.07 IDICE (lezione 08.05.07 PROBABILITA, VALORE ATTESO E VARIAZA DELLE QUATITÁ ALEATORIE E LORO RELAZIOE CO I DATI OSSERVATI 3.1 Valore

Dettagli

Statistica. Lezione 6

Statistica. Lezione 6 Università degli Studi del Piemonte Orientale Corso di Laurea in Infermieristica Corso integrato in Scienze della Prevenzione e dei Servizi sanitari Statistica Lezione 6 a.a 011-01 Dott.ssa Daniela Ferrante

Dettagli

La statistica nella ricerca scientifica

La statistica nella ricerca scientifica La statistica nella ricerca scientifica Pubblicazione dei risultati Presentazione dei dati e la loro elaborazione devono seguire criteri universalmente validi Impossibile verifica dei risultati da parte

Dettagli

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI LEZIONE 10/10/05 STATISTICA Antigone Marino La costruzione del questionario Il questionario di indagine è lo strumento di misura

Dettagli

INCERTEZZA DI MISURA

INCERTEZZA DI MISURA L ERRORE DI MISURA Errore di misura = risultato valore vero Definizione inesatta o incompleta Errori casuali Errori sistematici L ERRORE DI MISURA Errori casuali on ne si conosce l origine poiche, appunto,

Dettagli

Il questionario. Laboratorio del corso Tecniche quantitative di ricerca sociale. IV lezione. Modulo: Rilevazione dei dati

Il questionario. Laboratorio del corso Tecniche quantitative di ricerca sociale. IV lezione. Modulo: Rilevazione dei dati Il questionario Laboratorio del corso Tecniche quantitative di ricerca sociale Modulo: Rilevazione dei dati IV lezione Simona Ballabio Federico Denti Le prime fasi del processo di ricerca 1 2 Teoria Ipotesi

Dettagli

9. La distribuzione 2 e i test per dati su scala nominale

9. La distribuzione 2 e i test per dati su scala nominale 9. La distribuzione e i test per dati su scala nominale 9.1. La distribuzione 9. 1. 1. La statistica e la sua distribuzione In una popolazione distribuita normalmente con parametri e estraiamo un campione

Dettagli

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI

STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 CLASSIFICAZIONE DELLE VARIABILI CASUALI STATISTICA 1 ESERCITAZIONE 1 Dott. Giuseppe Pandolfo 30 Settembre 2013 Popolazione statistica: insieme degli elementi oggetto dell indagine statistica. Unità statistica: ogni elemento della popolazione

Dettagli

Un po di statistica. Christian Ferrari. Laboratorio di Matematica

Un po di statistica. Christian Ferrari. Laboratorio di Matematica Un po di statistica Christian Ferrari Laboratorio di Matematica 1 Introduzione La statistica è una parte della matematica applicata che si occupa della raccolta, dell analisi e dell interpretazione di

Dettagli

Il confronto fra proporzioni

Il confronto fra proporzioni L. Boni Il rapporto Un rapporto (ratio), attribuendo un ampio significato al termine, è il risultato della divisione di una certa quantità a per un altra quantità b Il rapporto Spesso, in maniera più specifica,

Dettagli

Pedagogia Sperimentale

Pedagogia Sperimentale Pedagogia Sperimentale Caterina Cangià Anno Accademico 2012-2013 LUMSA Formazione Primaria Problemi irrisol@. Non si è in grado di prendere decisioni educa@ve. Precisazione del problema. Definizione di

Dettagli

CONTROLLI STATISTICI

CONTROLLI STATISTICI CONTROLLI STATISTICI Si definisce Statistica la disciplina che si occupa della raccolta, effettuata in modo scientifico, dei dati e delle informazioni, della loro classificazione, elaborazione e rappresentazione

Dettagli

R - Esercitazione 5. Lorenzo Di Biagio dibiagio@mat.uniroma3.it. Lunedì 2 Dicembre 2013. Università Roma Tre

R - Esercitazione 5. Lorenzo Di Biagio dibiagio@mat.uniroma3.it. Lunedì 2 Dicembre 2013. Università Roma Tre R - Esercitazione 5 Lorenzo Di Biagio dibiagio@mat.uniroma3.it Università Roma Tre Lunedì 2 Dicembre 2013 Intervalli di confidenza (1) Sia X 1,..., X n un campione casuale estratto da un densità f (x,

Dettagli

Titolo. Background. Obiettivi. Metodi Tipo di studio (disegno) Centro/i partecipante/i Popolazione

Titolo. Background. Obiettivi. Metodi Tipo di studio (disegno) Centro/i partecipante/i Popolazione La SIFC promuove la ricerca clini ca nel campo della Fibrosi Cistica in Italia mediante la valutazione di progetti scientifici multicentrici e m ultidisciplinari. La Commissione Permanente Ricerca e Sviluppo

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate 1. Profilo generale DIPARTIMENTO DI MATEMATICA Liceo scientifico e liceo scientifico delle scienze applicate PRIMO BIENNIO L insegnamento di matematica nel primo biennio ha come finalità l acquisizione

Dettagli

MATERIALE INTEGRATIVO corso di ANALISI DI MERCATO

MATERIALE INTEGRATIVO corso di ANALISI DI MERCATO ANALISI DI MERCATO per la CLEA - CLEMI Docente: Michele Lalla Versione 1.0. A.A. 2009/2010 MATERIALE INTEGRATIVO corso di ANALISI DI MERCATO Integrazione al capitolo 2 NB: stampare almeno 3 pagine per

Dettagli

Statistica multivariata. Statistica multivariata. Analisi multivariata. Dati multivariati. x 11 x 21. x 12 x 22. x 1m x 2m. x nm. x n2.

Statistica multivariata. Statistica multivariata. Analisi multivariata. Dati multivariati. x 11 x 21. x 12 x 22. x 1m x 2m. x nm. x n2. Analisi multivariata Statistica multivariata Quando il numero delle variabili rilevate sullo stesso soggetto aumentano, il problema diventa gestirle tutte e capirne le relazioni. Cercare di capire le relazioni

Dettagli

FASE I identificazione e definizione del problema. Formulazione del quesito o ipotesi di ricerca

FASE I identificazione e definizione del problema. Formulazione del quesito o ipotesi di ricerca FASE I identificazione e definizione del problema Identificazione del problema e dello scopo FASE V Utilizzazione dei risultati DIFFUSIONE RISULTATI Revisione della letteratura Identificazione delle variabili

Dettagli

Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011

Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011 Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 010-011 Corso di Psicometria - Modulo B Dott. Marco Vicentini marco.vicentini@unipd.it Rev. 10/01/011 La distribuzione F di Fisher - Snedecor

Dettagli

RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD. Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da:

RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD. Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da: RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da: uso di tecniche standardizzate di rilevazione tecniche statistiche

Dettagli

Il questionario. Claudio Pizzi Dipartimento di Economia Università Ca Foscari Venezia

Il questionario. Claudio Pizzi Dipartimento di Economia Università Ca Foscari Venezia Il questionario Claudio Pizzi Dipartimento di Economia Università Ca Foscari Venezia 1 Il questionario Il questionario è uno strumento per la rilevazione delle informazioni attraverso un piano strutturato

Dettagli

GUIDA ALLA STESURA DEL PROGETTO DI RICERCA

GUIDA ALLA STESURA DEL PROGETTO DI RICERCA GUIDA ALLA STESURA DEL PROGETTO DI RICERCA Lo studio può affrontare qualsiasi tema di ricerca rilevante per l infermiere con laurea triennale; verranno però valutati con punteggio maggiore, in generale,

Dettagli

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute)

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) PROGETTARE MATERIALE COMUNICATIVO EFFICACE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PRE-TEST SPERIMENTALE DI UNA BROCHURE BASATA SU TEORIE SPECIFICHE PER AUMENTARE LE CONOSCENZE J.R.D. Whittingham 1, R.A.C. Ruiter 1,

Dettagli

1. Richiami di Statistica. Stefano Di Colli

1. Richiami di Statistica. Stefano Di Colli 1. Richiami di Statistica Metodi Statistici per il Credito e la Finanza Stefano Di Colli Dati: Fonti e Tipi I dati sperimentali sono provenienti da un contesto delimitato, definito per rispettare le caratteristiche

Dettagli

Statistica descrittiva

Statistica descrittiva Corso di Laurea in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio Corso di Costruzioni Idrauliche A.A. 2004-05 www.dica.unict.it/users/costruzioni Statistica descrittiva Ing. Antonino Cancelliere Dipartimento

Dettagli

Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011

Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011 Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011 L4, Corso Integrato di Psicometria - Modulo B Dr. Marco Vicentini marco.vicentini@unipd.it Rev. 18/04/2011 Inferenza statistica Formulazione

Dettagli

Test non parametrici. Test non parametrici. Test non parametrici. Test non parametrici

Test non parametrici. Test non parametrici. Test non parametrici. Test non parametrici Test non parametrici Test non parametrici Il test T di Student per uno o per due campioni, il test F di Fisher per l'analisi della varianza, la correlazione, la regressione, insieme ad altri test di statistica

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Università del Piemonte Orientale. Corso di dottorato in medicina molecolare. a.a. 2002 2003. Corso di Statistica Medica. Inferenza sulle medie

Università del Piemonte Orientale. Corso di dottorato in medicina molecolare. a.a. 2002 2003. Corso di Statistica Medica. Inferenza sulle medie Università del Piemonte Orientale Corso di dottorato in medicina molecolare aa 2002 2003 Corso di Statistica Medica Inferenza sulle medie Statistica U Test z Test t campioni indipendenti con uguale varianza

Dettagli

Facciamo qualche precisazione

Facciamo qualche precisazione Abbiamo introdotto alcuni indici statistici (di posizione, di variabilità e di forma) ottenibili da Excel con la funzione Riepilogo Statistiche Facciamo qualche precisazione Al fine della partecipazione

Dettagli

TRACCIA DI STUDIO. Concetto di misura. Variabilità biologica

TRACCIA DI STUDIO. Concetto di misura. Variabilità biologica TRACCIA DI STUDIO Variabilità biologica In natura si osservano differenze non solo tra soggetti, ma anche in uno stesso individuo per svariati fattori endocrini, metabolici, emozionali, patologici, da

Dettagli

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive

La Ricerca Infermieristica: Stato dell arte e prospettive UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BARI Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Coordinatore Didattico: Prof. Giancarlo Di Vella aa 2011/2012 Tesi Sperimentale

Dettagli

Questionario N.A.V.I. a.s. 2013/2014

Questionario N.A.V.I. a.s. 2013/2014 ISTITUTO MAGISTRALE STATALE MARIA IMMACOLATA San Giovanni Rotondo Questionario N.A.V.I. L indagine NAVI per il corrente anno scolastico, come negli anni precedenti, è stata svolta su quattro aree (docenti,

Dettagli

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della

RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE. Lezione 7 a. Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della RELAZIONE TRA VARIABILI QUANTITATIVE Lezione 7 a Accade spesso nella ricerca in campo biomedico, così come in altri campi della scienza, di voler studiare come il variare di una o più variabili (variabili

Dettagli

INDICE GENERALE CAPITOLO 1 I MODELLI TEORICI IN PSICOLOGIA...

INDICE GENERALE CAPITOLO 1 I MODELLI TEORICI IN PSICOLOGIA... INDICE GENERALE CAPITOLO 1 I MODELLI TEORICI IN PSICOLOGIA............................................1 1.1 Nascita della Psicologia attuale................................................1 1.2 Correnti

Dettagli

LEZIONI DI STATISTCA APPLICATA. Parte 2. Statistica inferenziale. Variabili continue per continue. Alessandro Valbonesi. SARRF di Scienze ambientali

LEZIONI DI STATISTCA APPLICATA. Parte 2. Statistica inferenziale. Variabili continue per continue. Alessandro Valbonesi. SARRF di Scienze ambientali LEZIONI DI STATISTCA APPLICATA Parte 2 Statistica inferenziale Variabili continue per continue Alessandro Valbonesi SARRF di Scienze ambientali Anno accademico 2010-11 CAPITOLO 7 - RELAZIONI TRA DUE O

Dettagli

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE

M i n i s t e r o d e l l a P u b b l i c a I s t r u z i o n e ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA-INFORMATICA CLASSI QUINTE TECNICO DEI SERVIZI SOCIO SANITARI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1 FINALITÀ OBIETTIVI E COMPETENZE DELLA DISCIPLINA Il docente di Matematica concorre

Dettagli

LE BASI DELLA STATISTICA E LA RACCOLTA DEI DATI

LE BASI DELLA STATISTICA E LA RACCOLTA DEI DATI LE BASI DELLA STATISTICA E LA RACCOLTA DEI DATI Tre punti importanti o Dati e ipotesi In tutte le discipline scientifiche che studiano gli organismi viventi, molto raramente i dati ottenuti attraverso

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende

Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione. Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende Facoltà di Scienze Politiche e di Scienze della Comunicazione Marketing MARKETING DEL Corso di laurea in Economia e Metodi Quantitativi per le Aziende TURISMO II MODULO STATISTICA ECONOMICA E MARKETING

Dettagli

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO

INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO INDAGINI E STATISTICHE PER IL TURISMO Stefano Campostrini Ca Foscari FEBBRAIO 2011 Approcci d indagine qualitativi Strumenti qualitativi Raccolta dati / informazioni Interpretare Gruppo (interazione) singoli

Dettagli

CORSO DI STATISTICA (parte 1) - ESERCITAZIONE 1

CORSO DI STATISTICA (parte 1) - ESERCITAZIONE 1 CORSO DI STATISTICA (parte 1) - ESERCITAZIONE 1 Dott.ssa Antonella Costanzo a.costanzo@unicas.it Un breve riepilogo: caratteri, unità statistiche e collettivo UNITA STATISTICA: oggetto dell osservazione

Dettagli

Analisi fattoriale. esplorativa vers. 1.0. Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it. 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Analisi fattoriale. esplorativa vers. 1.0. Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it. 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca Analisi fattoriale esplorativa vers. 1.0 Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca 2009 Rossi (Dip. Psicologia) Analisi fattoriale 2009 1 / 47 Prima

Dettagli

Stima per intervalli Nei metodi di stima puntuale è sempre presente un ^ errore θ θ dovuto al fatto che la stima di θ in genere non coincide con il parametro θ. Sorge quindi l esigenza di determinare una

Dettagli

Pedagogia sperimentale Le tecniche di ricerca qualitativa

Pedagogia sperimentale Le tecniche di ricerca qualitativa Pedagogia sperimentale Le tecniche di ricerca qualitativa Pierpaolo Limone Università degli Studi di Foggia La ricerca qualitativa E un attività situata, che colloca l osservazione nella realtà: si compone

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

PROBABILITÀ E DECISIONI IN MEDICINA: I TEST DIAGNOSTICI

PROBABILITÀ E DECISIONI IN MEDICINA: I TEST DIAGNOSTICI Università degli Studi di Padova CICLO DI LEZIONI SCIENZE DI BASE PER I DOTTORATI DI RICERCA DELL AREA MEDICA Anno accademico 2005-06 Temi di Statistica ed Epidemiologia PROBABILITÀ E DECISIONI IN MEDICINA:

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Analisi dei Dati e Statistica a.a. 2011/2012. Prof. Giuseppe Espa. giuseppe.espa@economia.unitn.it 0461/282157. Statistica descrittiva (prima parte)

Analisi dei Dati e Statistica a.a. 2011/2012. Prof. Giuseppe Espa. giuseppe.espa@economia.unitn.it 0461/282157. Statistica descrittiva (prima parte) a.a. 2011/2012 giuseppe.espa@economia.unitn.it 0461/282157 Statistica descrittiva (prima parte) D.J. Sweeney, T.A. Williams, D.R. Anderson (2009) Fundamentals of Business Statistics (5th edition International

Dettagli

Principali tipi di studi. Principali studi quantitativi

Principali tipi di studi. Principali studi quantitativi Principali tipi di studi Principali studi quantitativi Tipologia degli studi Sulla base del trattamento delle variabili: - Studi descrittivi: nessuna manipolazione - Studi osservazionali: manipolazione

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE AUGUSTO RIGHI BOLOGNA

LICEO SCIENTIFICO STATALE AUGUSTO RIGHI BOLOGNA MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER L'EMILIA ROMAGNA LICEO SCIENTIFICO STATALE AUGUSTO RIGHI BOLOGNA SOSPENSIONE del giudizio anno scolastico 2012/13: INDICAZIONI LAVORO

Dettagli

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 1 RAPPRESENTARE I DATI: TABELLE E GRAFICI Un insieme di misure è detto serie statistica o serie dei dati 1) Una sua prima elementare elaborazione può

Dettagli

Migliora intelligenza - LUG 2011:Layout 1 30-06-2011 11:10 Pagina 3 INDICE PREFAZIONE 9

Migliora intelligenza - LUG 2011:Layout 1 30-06-2011 11:10 Pagina 3 INDICE PREFAZIONE 9 Migliora intelligenza - LUG 2011:Layout 1 30-06-2011 11:10 Pagina 3 INDICE PREFAZIONE 9 CAPITOLO 1 PERCHÉ NASCIAMO STUPIDI 11 Che futuro ha Tarzan?.....................................11 I limiti della

Dettagli

Statistica Medica. Verranno presi in esame:

Statistica Medica. Verranno presi in esame: Statistica Medica Premessa: il seguente testo cerca di riassumere e rendere in forma comprensibile ai non esperti in matematica e statistica le nozioni e le procedure necessarie a svolgere gli esercizi

Dettagli

IL CAMPIONAMENTO STATISTICO

IL CAMPIONAMENTO STATISTICO IL CAMPIONAMENTO STATISTICO Il campionamento è uno degli argomenti fondamentali di tutta la ricerca statistico-epidemiologica. Per campione statistico si intende quel gruppo di unità elementari (non necessariamente

Dettagli

3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati

3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati BIOSTATISTICA 3. Confronto tra medie di due campioni indipendenti o appaiati Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk MARTA BLANGIARDO

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA CORSO DI INFORMATICA E STATISTICA DANIELE.MONTANINO@UNISALENTO.IT

CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA CORSO DI INFORMATICA E STATISTICA DANIELE.MONTANINO@UNISALENTO.IT CORSO DI LAUREA IN OTTICA E OPTOMETRIA CORSO DI INFORMATICA E STATISTICA DANIELE.MONTANINO@UNISALENTO.IT CONVENZIONE SULLE CIFRE SIGNIFICATIVE La convenzione usata sul troncamento delle cifre è troncare

Dettagli

la scienza della rappresentazione e della elaborazione dell informazione

la scienza della rappresentazione e della elaborazione dell informazione Sistema binario Sommario informatica rappresentare informazioni la differenza Analogico/Digitale i sistemi di numerazione posizionali il sistema binario Informatica Definizione la scienza della rappresentazione

Dettagli

Trials clinici. Disegni di studio

Trials clinici. Disegni di studio Trials Clinici Dott.ssa Pamela Di Giovanni Studi descrittivi Disegni di studio Popolazioni Individui Studi analitici Osservazionali Sperimentali Studi di correlazione o ecologici Case report - Case series

Dettagli

4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti

4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti BIOSTATISTICA 4. Confronto tra medie di tre o più campioni indipendenti Marta Blangiardo, Imperial College, London Department of Epidemiology and Public Health m.blangiardo@imperial.ac.uk MARTA BLANGIARDO

Dettagli

Il controllo delle prestazioni del provider. IL CONTROLLO DELLE PRESTAZIONI DEL PROVIDER (riferimenti)

Il controllo delle prestazioni del provider. IL CONTROLLO DELLE PRESTAZIONI DEL PROVIDER (riferimenti) del provider IL CONTROLLO DELLE PRESTAZIONI DEL PROVIDER (riferimenti) 1 del provider - premessa (1) in merito alla fase di gestione ordinaria dell outsourcing sono state richiamate le prassi di miglioramento

Dettagli

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI

Capitolo 9: PROPAGAZIONE DEGLI ERRORI Capitolo 9: PROPAGAZIOE DEGLI ERRORI 9.1 Propagazione degli errori massimi ella maggior parte dei casi le grandezze fisiche vengono misurate per via indiretta. Il valore della grandezza viene cioè dedotto

Dettagli

In una tabella 2 x 2 il valore del chiquadrato, che quantifica la differenza fra i numero osservati e quelli attesi, è la somma delle quattro celle

In una tabella 2 x 2 il valore del chiquadrato, che quantifica la differenza fra i numero osservati e quelli attesi, è la somma delle quattro celle Test statistici il chi quadrato Valutare la differenza tra due percentuali o proporzioni L'ipotesi zero (o ipotesi nulla) afferma che la differenza osservata - di qualsiasi entità essa sia - è dovuta al

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al secondo anno, primo semestre.

Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al secondo anno, primo semestre. Corso di Statistica Medica 2004-2005 Il corso si colloca nell ambito del corso integrato di scienze quantitative, al secondo anno, primo semestre. Sono previste 30 ore di lezione di statistica e 12 di

Dettagli

Analisi discriminante

Analisi discriminante Capitolo 6 Analisi discriminante L analisi statistica multivariata comprende un corpo di metodologie statistiche che permettono di analizzare simultaneamente misurazioni riguardanti diverse caratteristiche

Dettagli

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA

AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA AREA MATEMATICO-SCIENTIFICO-TECNOLOGICA MATEMATICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO. L alunno ha rafforzato un atteggiamento positivo rispetto

Dettagli

Aprire WEKA Explorer Caricare il file circletrain.arff Selezionare random split al 66% come modalità di test Selezionare J48 come classificatore e

Aprire WEKA Explorer Caricare il file circletrain.arff Selezionare random split al 66% come modalità di test Selezionare J48 come classificatore e Alberi di decisione Aprire WEKA Explorer Caricare il file circletrain.arff Selezionare random split al 66% come modalità di test Selezionare J48 come classificatore e lanciarlo con i parametri di default.

Dettagli