La validità. La validità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La validità. La validità"

Transcript

1 1. Validità interna 2. Validità di costrutto 3. Validità esterna 4. Validità statistica La validità La validità La validità di una ricerca ci permette di valutare se quello che è stato trovato nella ricerca rispecchia effettivamente il fenomeno studiato, oppure dipende da variabili di disturbo; la validità di una ricerca ci dice se i risultati aggiungono qualcosa alla teoria di riferimento e consentono un utile modello interpretativo; la validità di una ricerca ci dice se le deduzioni tratte dai dati sono estensibili ad altri contesti; infine ci dice se la relazione trovata tra le variabili dipende dalla loro reciproca influenza, oppure se dipende dal caso. Abbiamo quattro aspetti di «validità» di una ricerca: 1.Validità interna 2.Validità di costrutto 3.Validità esterna 4.Validità statistica 1

2 La validità interna Questo tipo di validità di una ricerca si riferisce alla relazione tra la variabile indipendente e quella dipendente: vi è validità interna quando la relazione tra queste due variabili è di tipo causale, cioè quando si può provare che le modifiche apportate alla variabile indipendente causino quelle rilevate nella variabile dipendente. La validità interna di una ricerca risponde al quesito: i risultati trovati rispecchiano effettivamente il fenomeno studiato o dipendono da altre variabili non considerate. Abbiamo vari fattori che possono minacciare la validità interna che possono dipendere da errori dovuti allo sperimentatore o al soggetto preso in esame o da variabili di confusione. 1. Variabili di confusione Le variabili di confusione sono variabili che possono alterare la relazione tra le variabili sperimentali. Queste variabili di confusione o di disturbo, per esempio sono: eventi esterni, la storia, la «maturazione», l effetto delle prove, la strumentazione, la regressione verso la media, la selezione e la mortalità. Gli eventi esterni sono fatti non previsti nella situazione di ricerca, come per esempio un black-out durante l esecuzione di una prova, oppure un rumore forte all esterno della stanza; in generale sono stimoli disturbanti che alterano la prestazione di alcuni soggetti rispetto ad altri. Ovviamente è impossibile evitare del tutto la presenza di questi eventi disturbanti durante la ricerca. E preferibile eliminare dalla ricerca il soggetto con la cui prestazione ha interferito un evento esterno e, qualora sia possibile, sostituirlo con un altro. 2

3 Con il concetto di storia ci si riferisce a qualsiasi evento che interferisce durante un esperimento che prevede un andamento longitudinale, sovrapponendosi all effetto della variabile indipendente. Per scongiurare questa minaccia, quando si prevede l impossibilità di mantenere costanti le condizioni per tutta la durata della ricerca occorrerebbe condurre la ricerca in tempi brevi, oppure accorciare gli intervalli di tempo tra le prove in modo da ridurre la possibilità che si verifichi un evento improvviso. I processi di «maturazione», definiti anche evolutivi, si riferisco ai cambiamenti sistematici, biologici o psicologici che avvengono con il passare del tempo. Gli effetti dei processi di maturazione si verificano soprattutto nei disegni longitudinali. Per tenere sotto controllo tale minaccia occorre, ove sia possibile ed eticamente lecito, avere un gruppo di controllo sul quale si effettuano misurazioni ripetute delle variabili oggetto di ricerca parallelamente al gruppo sperimentale. L effetto delle prove si riferisce al fatto che la partecipazione stessa all esperimento può influenzare le successive prestazioni, a causa dell apprendimento. Questa minaccia si presenta soprattutto nei disegni che hanno un pre-test. Dal momento che i soggetti svolgono il pre-test, un eventuale miglioramento potrebbe non dipendere solo dal trattamento, ma dal fatto che compilando il pre-test i soggetti abbiano acquisito più praticità nello svolgere l esercizio. Per eliminare tale minaccia, se si è assicurata in altro modo l equivalenza dei gruppi è possibile eliminare il pre-test, oppure far effettuare un pre-test con prove di tipo diverso (ma equivalenti) rispetto a quelle che saranno utilizzate al post-test. 3

4 Gli errori dovuti alla strumentazione fanno riferimento al fatto che lo strumento prescelto può non essere adatto a rilevare le variabili che si stanno studiando, oppure non è tarato bene, oppure subisce delle fluttuazioni momentanee. Gli errori dovuti alla strumentazione possono anche derivare dall inserimento dei dati nella banca dati. Per evitare di usare uno strumento sbagliato è bene fare un attenta analisi della letteratura esistente, mentre per ridurre le fluttuazioni momentanee, è necessario mantenere il più possibile costante la situazione sperimentale. L effetto della regressione verso la media si riferisce al fatto che, nelle prove ripetute sugli stessi soggetti e sulla stessa variabile, i punteggi estremi tendono a convergere verso la media. Questa minaccia può essere scongiurata se tutti i soggetti hanno analoga possibilità di incremento nella ripetizione delle prova; oppure potrà essere controllata rapportando, mediante appropriate statistiche, la differenza pre-post al livello iniziale di ciascun soggetto. Gli effetti della selezione riguardano sia il modo in cui si effettua il campionamento, sia l assegnazione dei soggetti alle condizioni sperimentali. Per scongiurare tale minaccia, bisogna tenere presenti le regole del campionamento e dell assegnazione dei soggetti ai gruppi. L effetto della mortalità (nel senso di perdita/abbandono durante la ricerca) si riferisce al fatto che alcuni soggetti dopo essere stati sottoposti alla prima prova possono ritirarsi o comunque venir meno al campione della ricerca. Non esiste alcuna strategia efficace per evitare che i soggetti abbandonino la ricerca, tranne che cercare di effettuare le varie prove nell arco di tempo più breve possibile. 4

5 2. Gli errori dovuti al soggetto I soggetti delle nostre ricerche sono degli esseri umani, sono per loro stessa natura variabili e subiscono l influenza di molti fattori. Non abbiamo quasi mai dei soggetti «obiettivi», cioè capaci di lasciare fuori dalla situazione di ricerca le loro tendenze, predisposizioni, ecc. Gli errori dovuti al soggetto sono: l effetto Hawthorne, l acquiescenza, la desiderabilità sociale, le caratteristiche di richiesta e le conoscenze del soggetto. L effetto Hawthorne si riferisce ai risultati di una ricerca condotta dalla Harvard Business School di Chicago negli stabilimenti di un azienda ad Hawthorne nell Illinois. L effetto Hawthorne si riferisce al fatto che il soggetto della ricerca si rende conto (più o meno coscientemente) di essere oggetto di osservazione e questo modifica il suo comportamento. Per eliminare questo tipo di effetto è possibile fare in modo che il soggetto non sappia che sta partecipando alla ricerca. Metodo del singolo cieco, che consiste nel nascondere ai soggetti non solo lo scopo generale della ricerca ma anche la condizione sperimentale a cui sono stati assegnati. 5

6 L acquiescenza è la tendenza a dare una risposta piuttosto che un altra non in base al contenuto dell item presentato, ma in base a contingenze e a predisposizioni particolari. Essa dipende dal fatto che i soggetti, in particolar modo quelle meno istruite, tendono a dichiararsi con più frequenza d accordo con gli item posti dal ricercatore, questo perché o non capiscono bene il contenuto delle affermazioni o perché non se la sentono di contraddire le affermazioni proposte dello sperimentatore, uno che su quell argomento ne sa più di loro. La desiderabilità sociale è strettamente legata all acquiescenza e si riferisce alla più generale tendenza di alcuni soggetti a rispondere nel senso socialmente approvato, a prescindere del fatto che la risposta sia congruente con quanto effettivamente pensano. Per ridurre questa minaccia è necessario garantire l anonimato delle risposte, reale o percepito come tale dai soggetti. Le caratteristiche della richiesta sono una serie di indizi, presenti nella situazione di ricerca, che spingono il soggetto a dare una risposta piuttosto che un altra. Per limitare questo effetto è necessario condurre la ricerca in un ambiente neutro, uguale per tutti i soggetti e in cui tutti i possibili stimoli interferenti siano eliminati. Le conoscenze del soggetto influenzano i risultati della ricerca perché possono produrre risposte che vanno in direzione dell obbiettivo della ricerca, o, al contrario, possono spingere il soggetto a non collaborare o a essere ostile. Si può trattare di conoscenze o competenze relative alle procedure o al contenuto della particolare ricerca che si sta svolgendo. Per emarginare questo effetto si può: dare delle istruzioni al soggetto che lo spingano ad evitare di fare inferenze e rassicurarlo che alla fine della ricerca sarà informato di tutto; somministrare un questionario per indagare le competenze pregresse che potrebbero influire sulla prestazione. E utile invitare i soggetti alla riservatezza sulla ricerca. 6

7 3. Gli errori dovuti allo sperimentatore Gli errori dovuti allo sperimentatore minacciano la validità interna di una ricerca. Questi si possono dividere in: caratteristiche fisiche e di personalità dello sperimentatore, aspettative ed errori sistematici che egli può compiere nell interazione con i soggetti. Le caratteristiche fisiche dello sperimentatore, come l età, il sesso o l appartenenza etnica, possono influenzare, anche se solo minimamente, i risultati della ricerca. Nei casi in cui si prevede un effetto di interferenza di queste variabili, è necessario casualizzare l intervento di più ricercatori rispetto alla loro condizione di razza o di genere. Per quanto riguarda le caratteristiche di personalità del ricercatore, quella che maggiormente può influenzare i risultati di una ricerca è l esperienza. Anche in questo caso è necessario casualizzare l intervento di più ricercatori con diversi livelli di esperienza Le aspettative dello sperimentatore influenzano, senza volerlo, il comportamento dei soggetti, per cui se egli si aspetta un certo risultato, finisce per ottenerlo realmente. L effetto, che prende il nome da Rosenthal che lo ha studiato a lungo, non riguarda solo i soggetti umani ma si estende anche agli studi con animali. Per ridurre l effetto delle aspettative del ricercatore è possibile utilizzare la procedura del doppio cieco, che consiste nel nascondere sia al soggetto sperimentale sia allo sperimentatore le ipotesi della ricerca e la condizione sperimentale a cui il soggetto sta partecipando. Gli errori sistematici compiuti dallo sperimentatore quando interagisce con i soggetti riguardano il fatto che il ricercatore può involontariamente comunicare ai soggetti come rispondere, con il sorriso, con lo sguardo, con la postura, ecc. Per limitare questi errori, bisogna ridurre al minimo le interazioni tra lo sperimentatore e i soggetti, automatizzando le istruzioni e la raccolta dei dati. 7

8 La validità di costrutto La validità di costrutto si riferisce alla corrispondenza tra il piano della ricerca e la teoria di riferimento. Una ricerca è valida se si possono ragionevolmente escludere spiegazioni alternative dei dati rispetto alla teoria di riferimento. Perché ciò sia possibile è necessario che il riferimento teorico sia chiaro ed univoco. Tra le minacce alla validità di costrutto, la più importante è la mancanza di una dettagliata analisi a livello concettuale dei costrutti, consistente nel non identificare chiaramente il fenomeno che si vuole studiare e i suoi aspetti più importanti. Un altra minaccia alla validità di costrutto riguarda l inadeguata definizione operazionale dei costrutti teorici. I costrutti teorici, per essere analizzati, devono essere operazionalizzati, ovvero devono essere tradotti in operazioni concrete. Nel fare questo è possibile commettere degli errori. Sbagliando nell operazionalizzare una variabile si rischia di non essere certi di quale sia la variabile che stiamo rilevando. Minacce alla validità di costrutto Un ulteriore minaccia alla validità di costrutto è costituita dall ambiguità delle variabili indipendenti, che si riferisce al fatto che la variabile indipendente può non essere quella ipotizzata dal ricercatore. Ogni soggetto della ricerca può avere delle proprie idee su quanto ci si aspetta da lui e questo può interferire con le variabili indipendenti. Ci sono vari metodi per ridurre tali minacce: il primo consiste nel definire chiaramente il costrutto astratto che si vuole analizzare; il secondo consiste nella verifica delle correlazioni tra i dati delle variabili che stiamo studiando e le variabili concettualmente simili; un terzo metodo è rappresentato dal controllo della manipolazione (manipulation check) che consiste nel verificare se la manipolazione sperimentale è effettivamente rappresentativa del costrutto ipotizzato. 8

9 La validità esterna La validità esterna di una ricerca fa riferimento alla possibilità di generalizzare, cioè di estendere le conclusioni tratte dalla ricerca empirica ad ambiti più ampi rispetto a quello in cui la ricerca è stata compiuta. Un primo criterio di generalizzazione considerato a proposito di validità esterna riguarda la possibilità di estendere i risultati dal campione alla popolazione. Un secondo criterio di generalizzazione riguarda la possibilità di estendere i risultati, ottenuti all interno di un unica ricerca, a condizioni che non sono sovrapponibili a quelle in cui la ricerca è stata condotta. Un terzo criterio di generalizzazione riguarda la stabilità temporale dei risultati, ovvero il fatto che i risultati tratti da una ricerca rimangono immutati anche in momenti diversi da quello della ricerca. Minacce alla validità esterna I problemi di generalizzazione riguardano anche gli strumenti utilizzati. Anche le statistiche usate influenzano la possibilità di trarre conclusioni di ordine generale: se si usa come criterio quello probabilistico, la numerosità del campione aumenta la possibilità di ottenere risultati significativi (ciò che è definito potenza dell esperimento), mentre un numero ridotto di osservazioni la abbassa. Una delle principali minacce alla validità esterna riguarda la inadeguatezza del campione utilizzato nella ricerca e del modo di reperirlo. Un altra fonte di minaccia deriva dalle variazioni stagionali (sono cambiamenti che si verificano nella popolazione a intervalli regolari) e dalle variazioni cicliche (riguardano l organismo dei soggetti, come il ritmo cardiaco, la temperatura corporea, ecc.) 9

10 Minacce alla validità esterna Possono minacciare la validità esterna anche le variazioni personologiche, cioè il cambiamento di alcune caratteristiche individuali (maturazione ed effetto della storia) Per ridurre le minacce alla validità esterna, oltre ad avere un buon campione, esistono altri accorgimenti. E preferibile condurre la ricerca in situazioni non artefatte; è meglio usare misure non troppo «esplicite» nella rilevazione dei dati, oppure raccogliere i dati senza che i soggetti si rendano conto che stanno partecipando ad un esperimento. La validità esterna - validità ecologica - La validità ecologica è un particolare tipo di validità esterna che si riferisce alla corrispondenza tra le condizioni dell esperimento, o della verifica empirica, elarealtàcui si fa riferimento e alla quale i risultati ottenuti dovrebbero essere estesi. La validità ecologica rappresenta lo studio di un fenomeno nel contesto reale, senza la scomposizione artificiale delle variabili. La validità ecologica e la validità interna sono inversamente correlate: la situazione della ricerca diventa tanto più artificiale e lontana dalla realtà quanto più la sperimentazione prevede un rigoroso controllo delle variabili. 10

11 La validità statistica La validità statistica ha lo scopo di verificare se la relazione trovata tra le variabili sperimentali è o meno di tipo casuale, ovvero se l effetto è significativamente da quello che si sarebbe ottenuto per caso. La validità statistica si occupa di controllare la variabilità dovuta al caso, tramite il calcolo delle probabilità e dell inferenza statistica. Un primo tipo di minaccia alla validità statistica deriva dal «fishing», letteralmente «andare a pesca», che si verifica quando si effettuano correlazioni tra le variabili senza avere precise ipotesi circa le relazioni tra esse. Un secondo tipo di minaccia alla validità statistica deriva dal fatto di avere un campione troppo piccolo, per cui il test statistico applicato non rileva una relazione significativa La validità statistica Altri fattori che diminuiscono la validità statistica possono dipendere dagli strumenti, poco affidabili nel rilevare le variabili; dalla manipolazione della variabile indipendente, che può non essere standardizzata; dalla presenza di variabili di confusione che aumentano la variabilità di errore la quale a sua volta influisce sul test statistico usato. Per aumentare la validità statistica possiamo: ridurre il rischio di commettere l errore di 1 tipo (da p<0.05 a p<0.01); aumentare l intervallo tra i valori della variabile indipendente; ridurre l errore casuale utilizzando appropriate tecniche di campionamento e assegnazione dei soggetti alle condizioni sperimentali, e raccogliendo i dati con strumenti attendibili e a loro volta poco soggetti ad errore di misurazione. 11

Strategie alternative ai metodi sperimentali

Strategie alternative ai metodi sperimentali Strategie alternative ai metodi sperimentali 1. 2. I quasi-esperimenti (non sperimentali) prevedono la descrizione del fenomeno in esame. Il metodo descrive le variabili in esame, non prevede alcuna manipolazione

Dettagli

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica

Strumenti di indagine per la valutazione psicologica Strumenti di indagine per la valutazione psicologica 3 Disegni sperimentali Davide Massidda davide.massidda@gmail.com Perché misurare 1. Per valutare le caratteristiche di uno specifico individuo (comune

Dettagli

come nasce una ricerca

come nasce una ricerca PSICOLOGIA SOCIALE lez. 2 RICERCA SCIENTIFICA O SENSO COMUNE? Paola Magnano paola.magnano@unikore.it ricevimento: martedì ore 10-11 c/o Studio 16, piano -1 PSICOLOGIA SOCIALE COME SCIENZA EMPIRICA le sue

Dettagli

LA METODOLOGIA IN PSICOLOGIA SOCIALE: Trasformare le idee in azioni di A. Manstead e G. Semin

LA METODOLOGIA IN PSICOLOGIA SOCIALE: Trasformare le idee in azioni di A. Manstead e G. Semin Riassunto schematico a cura di Paolo Falconer Università degli Studi di Trieste Facoltà di Psicologia Corso tenuto dalla p.ssa Chiara Volpato anno 2000/2001 LA METODOLOGIA IN PSICOLOGIA SOCIALE: Trasformare

Dettagli

1. Il metodo scientifico

1. Il metodo scientifico Psicologia generale Marialuisa Martelli Metodi di Ricerca 1. Il metodo scientifico! Il metodo scientifico: processo fondato sulla raccolta attenta delle prove attraverso descrizioni e misurazioni precise,

Dettagli

Metodi e tecniche di analisi dei dati nella ricerca psico-educativa Parte II

Metodi e tecniche di analisi dei dati nella ricerca psico-educativa Parte II Laboratorio Metodi e tecniche di analisi dei dati nella ricerca psico-educativa Parte II Laura Palmerio Università Tor Vergata A.A. 2005/2006 Ipotesi sperimentale o alternativa e Ipotesi zero o nulla Ipotesi

Dettagli

Psicologia dello sviluppo Dott.ssa Germana Castoro germanacastoro@gmail.com

Psicologia dello sviluppo Dott.ssa Germana Castoro germanacastoro@gmail.com Psicologia dello sviluppo Dott.ssa Germana Castoro germanacastoro@gmail.com 1 Programma Finalità Il corso si propone di introdurre lo studente alla conoscenza dei principali temi affrontati dalla psicologia

Dettagli

Pedagogia Sperimentale

Pedagogia Sperimentale Pedagogia Sperimentale Caterina Cangià Anno Accademico 2012-2013 LUMSA Formazione Primaria Problemi irrisol@. Non si è in grado di prendere decisioni educa@ve. Precisazione del problema. Definizione di

Dettagli

Ricerca scientifica Processo di ricerca

Ricerca scientifica Processo di ricerca Ricerca scientifica Processo di ricerca Testi di riferimento: Coon, Mitterer (2011) Psicologia generale. UTET Cap. 1 Pedon, Gnisci (2004) Metodologia della ricerca psicologica. Mulino Cap. 2 La ricerca

Dettagli

Ricerca Scientifica. Caratteristiche: Oggettività Sistematicità Verificabilità

Ricerca Scientifica. Caratteristiche: Oggettività Sistematicità Verificabilità Lezione 6 1 Ricerca Scientifica Caratteristiche: Oggettività Sistematicità Verificabilità 2 Ricerca Scientifica Quali sono i presupposti della ricerca scientifica: Determinismo Empirismo Integrazione teorica

Dettagli

Metodi e tecniche di analisi dei dati nella ricerca psico-educativa Parte I

Metodi e tecniche di analisi dei dati nella ricerca psico-educativa Parte I Laboratorio Metodi e tecniche di analisi dei dati nella ricerca psico-educativa Parte I Laura Palmerio Università Tor Vergata A.A. 2005/2006 Testi di riferimento F. Celi, D. Fontana, Fare ricerca sperimentale

Dettagli

GUIDA ALLA STESURA DEL PROGETTO DI RICERCA

GUIDA ALLA STESURA DEL PROGETTO DI RICERCA GUIDA ALLA STESURA DEL PROGETTO DI RICERCA Lo studio può affrontare qualsiasi tema di ricerca rilevante per l infermiere con laurea triennale; verranno però valutati con punteggio maggiore, in generale,

Dettagli

RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD. Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da:

RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD. Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da: RICERCA QUANTITATIVA O STANDARD Tradizione di ricerca che include al proprio interno una varietà di strategie di indagine accomunate da: uso di tecniche standardizzate di rilevazione tecniche statistiche

Dettagli

Psicologia dello Sviluppo

Psicologia dello Sviluppo Psicologia dello Sviluppo DESCRIVE i cambiamenti dell essere umano nei comportamenti e nelle competenze (motorie, percettive, sociali, emotive, comunicativo-linguistiche, cognitive) in funzione del trascorrere

Dettagli

Laboratorio di Pedagogia Sperimentale. Indice

Laboratorio di Pedagogia Sperimentale. Indice INSEGNAMENTO DI LABORATORIO DI PEDAGOGIA SPERIMENTALE LEZIONE III INTRODUZIONE ALLA RICERCA SPERIMENTALE (PARTE III) PROF. VINCENZO BONAZZA Indice 1 L ipotesi -----------------------------------------------------------

Dettagli

VII. Veri esperimenti - disegni a un solo fattore -

VII. Veri esperimenti - disegni a un solo fattore - VII. Veri esperimenti - disegni a un solo fattore - Veri e quasi-esperimenti Fattori, livelli, condizioni e trattamenti Disegni sperimentali da evitare Elementi fondamentali di un disegno sperimentale

Dettagli

ROBOT COME PSICOLOGIA

ROBOT COME PSICOLOGIA FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 301 ROBOT COME PSICOLOGIA DOMENICO PARISI Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione, Consiglio Nazionale delle

Dettagli

METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno

METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno METODOLOGIA DELLA RICERCA 4 Scelta del disegno Prof. Paolo Chiari Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Università di Bologna STUDIO CLINICO STUDIO CLINICO: esperimento rigorosamente controllato

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO DUE MODI PER OTTENERE RISPOSTE a tre ordini di domande: QUANDO? Identificazione sequenze di sviluppo COME? Descrizione PERCHÉ? Spiegazione delle differenze 1. MODO SOGGETTIVO

Dettagli

Tecniche di rilevazione statistica

Tecniche di rilevazione statistica Tecniche di rilevazione statistica Il disegno di ricerca Indagini censuarie e campionarie Indagini campionarie basate su questionario Introduzione al campionamento Il disegno di ricerca Con il termine

Dettagli

Scelta del soggetto. Sviluppo del protocollo. Pretest e revisione del protocollo. Effettuazione dello studio. Analisi dei risultati

Scelta del soggetto. Sviluppo del protocollo. Pretest e revisione del protocollo. Effettuazione dello studio. Analisi dei risultati Ciclo della ricerca Scelta del soggetto Sviluppo del protocollo Pretest e revisione del protocollo Effettuazione dello studio Analisi dei risultati Conclusioni e loro pubblicazione ANATOMIA DELLA RICERCA:

Dettagli

Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms. adacher@dia.uniroma3.it

Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms. adacher@dia.uniroma3.it Automazione Industriale (scheduling+mms) scheduling+mms adacher@dia.uniroma3.it Introduzione Sistemi e Modelli Lo studio e l analisi di sistemi tramite una rappresentazione astratta o una sua formalizzazione

Dettagli

La ricerca non sperimentale

La ricerca non sperimentale La ricerca non sperimentale Definizione Ricerca osservazionale: : 1. naturalistica Ricerca osservazionale: : 2. osservatori partecipanti Ricerca d archiviod Casi singoli Sviluppo di teorie e verifica empirica

Dettagli

Che cosa è la Validità?

Che cosa è la Validità? Validità Che cosa è la Validità? Un test è valido quando misura ciò che intende misurare. Si tratta di un giudizio complessivo della misura in cui prove empiriche e principi teorici supportano l adeguatezza

Dettagli

METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica

METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica METODOLOGIA CLINICA Necessita di: Quantificazione Formalizzazione matematica EPIDEMIOLOGIA Ha come oggetto lo studio della distribuzione delle malattie in un popolazione e dei fattori che la influenzano

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATISTICA MEDICA. Prof.ssa Donatella Siepi donatella.siepi@unipg.it tel: 075 5853525

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATISTICA MEDICA. Prof.ssa Donatella Siepi donatella.siepi@unipg.it tel: 075 5853525 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA STATISTICA MEDICA Prof.ssa Donatella Siepi donatella.siepi@unipg.it tel: 075 5853525 2 LEZIONE Statistica descrittiva STATISTICA DESCRITTIVA Rilevazione dei dati Rappresentazione

Dettagli

METODOLOGIA DELLA RICERCA PSICOLOGICA. Corso di laurea in Scienze della formazione nelle organizzazioni a.a. 2010/11 Lezione 13

METODOLOGIA DELLA RICERCA PSICOLOGICA. Corso di laurea in Scienze della formazione nelle organizzazioni a.a. 2010/11 Lezione 13 METODOLOGIA DELLA RICERCA PSICOLOGICA Corso di laurea in Scienze della formazione nelle organizzazioni a.a. 2010/11 Lezione 13 Strategie alternative ai metodi sperimentali 1. Metodi descrittivi Non si

Dettagli

PRINCìPI DI SPERIMENTAZIONE CLINICA

PRINCìPI DI SPERIMENTAZIONE CLINICA università degli studi di padova CICLO DI LEZIONI SCIENZE DI BASE PER I DOTTORATI DI RICERCA DELL AREA MEDICA anno accademico 2005/2006 PRINCìPI DI SPERIMENTAZIONE CLINICA Francesco Grigoletto Lo sviluppo

Dettagli

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute)

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) PROGETTARE MATERIALE COMUNICATIVO EFFICACE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PRE-TEST SPERIMENTALE DI UNA BROCHURE BASATA SU TEORIE SPECIFICHE PER AUMENTARE LE CONOSCENZE J.R.D. Whittingham 1, R.A.C. Ruiter 1,

Dettagli

LO SVILUPPO PSICOLOGICO

LO SVILUPPO PSICOLOGICO LO SVILUPPO PSICOLOGICO Riguarda i cambiamenti che si verificano nel comportamento e nelle capacità dell individuo col procedere dell età, nell intero ciclo di vita (dalla nascita alla senescenza) TUTTAVIA

Dettagli

FASE I identificazione e definizione del problema. Formulazione del quesito o ipotesi di ricerca

FASE I identificazione e definizione del problema. Formulazione del quesito o ipotesi di ricerca FASE I identificazione e definizione del problema Identificazione del problema e dello scopo FASE V Utilizzazione dei risultati DIFFUSIONE RISULTATI Revisione della letteratura Identificazione delle variabili

Dettagli

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva

PSICOLOGIA COGNITIVA. Gaia Vicenzi - Psicologia Cognitiva PSICOLOGIA COGNITIVA Psicologia come scienza: storia e metodi Psicologia scientifica e psicologia ingenua Scienza e senso comune Teoria ingenua: teoria fondata non su controlli scientifici ma sull'esperienza

Dettagli

Linee guida per collaborazioni scientifiche nel quadro dei progetti di sviluppo test di Giunti O.S. Organizzazioni Speciali v. 1.

Linee guida per collaborazioni scientifiche nel quadro dei progetti di sviluppo test di Giunti O.S. Organizzazioni Speciali v. 1. Linee guida per collaborazioni scientifiche nel quadro dei progetti di sviluppo test di Giunti O.S. Organizzazioni Speciali v. 1.0 (luglio 2011) Premessa Giunti O.S. Organizzazioni Speciali (qui di seguito

Dettagli

LA PSICOLOGIA SOCIALE Introduzione

LA PSICOLOGIA SOCIALE Introduzione Universita per gli stranieri DANTE ALIGHIERI LA PSICOLOGIA SOCIALE Introduzione Prof. Vincenzo Maria ROMEO La psicologia sociale si è formata, occupandosi delle folle e dei comportamenti collettivi 4 Si

Dettagli

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili:

Abbiamo visto due definizioni del valore medio e della deviazione standard di una grandezza casuale, in funzione dalle informazioni disponibili: Incertezze di misura Argomenti: classificazione delle incertezze; definizione di incertezza tipo e schemi di calcolo; schemi per il calcolo dell incertezza di grandezze combinate; confronto di misure affette

Dettagli

Obiettivo del corso: evidenziare le idee riguardanti l apprendimento che stanno dietro alla valutazione.

Obiettivo del corso: evidenziare le idee riguardanti l apprendimento che stanno dietro alla valutazione. Sorzio 29/05/2015 Pedagogia sperimentale e valutazione Obiettivo del corso: evidenziare le idee riguardanti l apprendimento che stanno dietro alla valutazione. Struttura del corso: 1. Valutazione degli

Dettagli

Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi

Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi SOMMINISTRAZIONE DEL TEST E ATTRIBUZIONE DEI PUNTEGGI 19 2 Somministrazione del test e attribuzione dei punteggi Criteri di idoneità Il TAD misura una gamma di sintomatologie associate a depressione e

Dettagli

La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi

La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi La logica statistica della verifica (test) delle ipotesi Come posso confrontare diverse ipotesi? Nella statistica inferenziale classica vengono sempre confrontate due ipotesi: l ipotesi nulla e l ipotesi

Dettagli

MODULO D INSEGNAMENTO: ANALISI DEL COMPORTAMENTO APPLICATA LINEE DI INTERVENTO NEI DISTRUBI DELLO SPETTRO AUTISTICO

MODULO D INSEGNAMENTO: ANALISI DEL COMPORTAMENTO APPLICATA LINEE DI INTERVENTO NEI DISTRUBI DELLO SPETTRO AUTISTICO MODULO D INSEGNAMENTO: ANALISI DEL COMPORTAMENTO APPLICATA LINEE DI INTERVENTO NEI DISTRUBI DELLO SPETTRO AUTISTICO Corso di formazione per insegnanti PREMESSA: Analisi comportamentale applicata (Applied

Dettagli

PREMESSA: RICERCA EMPIRICA SULLO STATO D ANSIA DEI GENITORI DI NEONATI FINO A 12

PREMESSA: RICERCA EMPIRICA SULLO STATO D ANSIA DEI GENITORI DI NEONATI FINO A 12 PREMESSA: L ACQUATICITÀ NEONATALE ATTIVITÀ OGGI MOLTO DIFFUSA ALL INTERNO DELLE PISCINE PRENDE SPUNTO DA RICHIESTE DI GENITORI SEMPRE PIÙ ATTENTI AL BENESSERE DELLA FAMIGLIA IN GENERALE E NON SOLO DEL

Dettagli

Istituto comprensivo Arbe Zara

Istituto comprensivo Arbe Zara Istituto comprensivo Arbe Zara Viale Zara,96 Milano Tel. 02/6080097 Scuola Secondaria di primo grado Falcone Borsellino Viale Sarca, 24 Milano Tel- 02/88448270 A.s 2015 /2016 Progettazione didattica della

Dettagli

LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO

LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO 1 LE BASI BIOLOGICHE DEL LINGUAGGIO Il linguaggio è un sistema che mette in relazione significati con suoni. Sistema inteso nel suo significato proprio di dispositivo costituito da più componenti, ciascuna

Dettagli

LE BASI DELLA STATISTICA E LA RACCOLTA DEI DATI

LE BASI DELLA STATISTICA E LA RACCOLTA DEI DATI LE BASI DELLA STATISTICA E LA RACCOLTA DEI DATI Tre punti importanti o Dati e ipotesi In tutte le discipline scientifiche che studiano gli organismi viventi, molto raramente i dati ottenuti attraverso

Dettagli

5. Metodi quasi sperimentali

5. Metodi quasi sperimentali 5. Metodi quasi sperimentali 5.1. Generalità sui metodi quasi sperimentali La distinzione fra esperimenti veri e propri e quasi esperimenti si deve a Campbel e Stanley (1963). Un disegno quasi sperimentale

Dettagli

Conoscenza. Metodo scientifico

Conoscenza. Metodo scientifico Conoscenza La conoscenza è la consapevolezza e la comprensione di fatti, verità o informazioni ottenuti attraverso l'esperienza o l'apprendimento (a posteriori), ovvero tramite l'introspezione (a priori).

Dettagli

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD)

L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) L alunno disattento e iperattivo a scuola Mario Di Pietro (ASL di Monselice PD) In una classe di circa 20 alunni, si può ipotizzare che ci sia un bambino con DDAI ma aver più di due casi per classe è davvero

Dettagli

Prof.ssa Ilaria Castelli

Prof.ssa Ilaria Castelli Dipartimento di Scienze Umane e Sociali Università degli Studi di Bergamo Laurea Triennale in Scienze dell educazione Psicologia delle età della vita A.A. 2015/2016 - Primo semestre Prof.ssa Ilaria Castelli

Dettagli

Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011

Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011 Facoltà di Psicologia Università di Padova Anno Accademico 2010-2011 L4, Corso Integrato di Psicometria - Modulo B Dr. Marco Vicentini marco.vicentini@unipd.it Rev. 18/04/2011 Inferenza statistica Formulazione

Dettagli

FONDAMENTI DI PSICOMETRIA - 8 CFU

FONDAMENTI DI PSICOMETRIA - 8 CFU Ψ FONDAMENTI DI PSICOMETRIA - 8 CFU STIMA DELL ATTENDIBILITA STIMA DELL ATTENDIBILITA DEFINIZIONE DI ATTENDIBILITA (affidabilità, fedeltà) Grado di accordo tra diversi tentativi di misurare uno stesso

Dettagli

Variabili in base al ruolo nella ricerca

Variabili in base al ruolo nella ricerca Variabili e ipotesi Variabili in base al ruolo nella ricerca! La differenza principale da ricordare è quella fra variabili dipendenti e indipendenti. La differenza fra le due è di tipo logico.! La variabile

Dettagli

LO SVILUPPO, IL BAMBINO, L AMBIENTE

LO SVILUPPO, IL BAMBINO, L AMBIENTE URIE BRONFENBRENNER E L APPROCCIO ECOLOGICO - PRIMA PARTE PROF. BARBARA DE CANALE Indice 1 LO SVILUPPO, IL BAMBINO, L AMBIENTE -------------------------------------------------------------------------

Dettagli

Esercitazione n. 1 di Metodologia della Ricerca Psicologica

Esercitazione n. 1 di Metodologia della Ricerca Psicologica Esercitazione n. 1 di Metodologia della Ricerca Psicologica Quesito 1: Un ricercatore intende studiare la comunicazione delle emozioni nell interazione madrebambino in bambini di età inferiore a un anno.

Dettagli

La condizione della famiglia nella provincia di Verona

La condizione della famiglia nella provincia di Verona La condizione della famiglia nella provincia di Verona E uno studio sulle famiglie della provincia di Verona, condotto a livello territoriale, che entra nel dettaglio della loro composizione, della loro

Dettagli

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI LEZIONE 6/10/05 STATISTICA Antigone Marino LE FASI DI REALIZZAZIONE DI UNA RICERCA 1. Definizione del tipo di informazioni attese

Dettagli

LA RICERCA DEL GIOCO

LA RICERCA DEL GIOCO Torna alla Ricerca completa LA RICERCA DEL GIOCO (Sintesi) Ricerca sul fenomeno del gioco d azzardo problematico tra la popolazione giovanile di Reggio Emilia La storia del gioco d azzardo è strettamente

Dettagli

OSSERVAZIONI TEORICHE Lezione n. 4

OSSERVAZIONI TEORICHE Lezione n. 4 OSSERVAZIONI TEORICHE Lezione n. 4 Finalità: Sistematizzare concetti e definizioni. Verificare l apprendimento. Metodo: Lettura delle OSSERVAZIONI e risoluzione della scheda di verifica delle conoscenze

Dettagli

1. L analisi statistica

1. L analisi statistica 1. L analisi statistica Di cosa parleremo La statistica è una scienza, strumentale ad altre, concernente la determinazione dei metodi scientifici da seguire per raccogliere, elaborare e valutare i dati

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 24 Il mercato dei beni UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 24 Il mercato dei beni Prof. Gianmaria Martini Domanda ed offerta Uno degli schemi logici fondamentali dell analisi economica

Dettagli

8 Elementi di Statistica

8 Elementi di Statistica 8 Elementi di Statistica La conoscenza di alcuni elementi di statistica e di analisi degli errori è importante quando si vogliano realizzare delle osservazioni sperimentali significative, ed anche per

Dettagli

Studio sulla soddisfazione per le condizioni ambientali della propria zona di residenza e atteggiamenti pro-ambientali attuati

Studio sulla soddisfazione per le condizioni ambientali della propria zona di residenza e atteggiamenti pro-ambientali attuati Studio sulla soddisfazione per le condizioni ambientali della propria zona di residenza e atteggiamenti pro-ambientali attuati Obiettivi La seguente ricerca si inserisce nell ambito di uno studio più ampio

Dettagli

A. TERRENI, M.L. TRETTI, P.R. CORCELLA, C. CORNOLDI, P.E. TRESSOLDI IPDA IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO (2002) Descrizione

A. TERRENI, M.L. TRETTI, P.R. CORCELLA, C. CORNOLDI, P.E. TRESSOLDI IPDA IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO (2002) Descrizione IPDA IDENTIFICAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTA DI APPRENDIMENTO A. TERRENI, M.L. TRETTI, P.R. CORCELLA, C. CORNOLDI, P.E. TRESSOLDI (2002) DEVELOPMENTAL assessment individuale; valutazione disturbi di apprendimento;

Dettagli

Gabriella Serio. Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari

Gabriella Serio. Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari Gabriella Serio Cattedra di Statistica Medica Facoltà di Medicina e Chirurgia - Università degli Studi di Bari GOOD CLINICAL PRACTICE GCP LE GCP SONO UNO STANDARD IN BASE AL QUALE GLI STUDI CLINICI SONO

Dettagli

CANTIERI: UNA GUIDA ALLA COMPILAZIONE dei questionari di customer satisfaction

CANTIERI: UNA GUIDA ALLA COMPILAZIONE dei questionari di customer satisfaction CANTIERI: UNA GUIDA ALLA COMPILAZIONE dei questionari di customer satisfaction Per realizzare in modo adeguato una qualunque indagine di customer satisfaction occorre, anzitutto, preparare la rilevazione:

Dettagli

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO

IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO IL COLLOQUIO DI ORIENTAMENTO Definizione Le finalità del colloquio Il contesto del colloquio Il ruolo dell orientatore La struttura del colloquio La fase di accoglienza Cenni sugli strumenti 1 Che cos

Dettagli

Obiettivi del training

Obiettivi del training Supports Intensity Scale James R.Thompson Brian R. Bryant Edward M. Camphell EIIis M. (Pat) Craig Carolyn M. Hughes David A. Rotholz Robert L. Schalock Wayne R Silverman Marc J.Tassé Michael L.Wehmeyer

Dettagli

PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA (E)

PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA (E) PARTE VI LA VALUTAZIONE INTERNA (E) a cura di Domenico Cerasuolo, Manuela Furlan, Stefania Pizzini, Maria Giulia Sinigaglia INTRODUZIONE La valutazione interna riguarda la verifica della soddisfazione

Dettagli

Metodi statistici per le ricerche di mercato

Metodi statistici per le ricerche di mercato Metodi statistici per le ricerche di mercato Prof.ssa Isabella Mingo A.A. 2013-2014 Facoltà di Scienze Politiche, Sociologia, Comunicazione Corso di laurea Magistrale in «Organizzazione e marketing per

Dettagli

Che cosa significano «semantico» e «pragmatico»?

Che cosa significano «semantico» e «pragmatico»? Che cosa significano «semantico» e «pragmatico»? «Semantico» e «pragmatico» sono termini della linguistica. La semantica è lo studio delle parole e del loro significato. I bambini cambiano e scelgono il

Dettagli

Scienze e Tecniche Psicologiche dello Sviluppo della Salute in Età Evolutiva

Scienze e Tecniche Psicologiche dello Sviluppo della Salute in Età Evolutiva Scienze e Tecniche Psicologiche dello Sviluppo della Salute in Età Evolutiva ANNO ACCADEMICO 2007-2008 ROBERTO BAIOCCO Università degli Studi di Roma Sapienza Il corso offre una panoramica delle principali

Dettagli

Norme di attuazione sull applicazione delle tecnologie di e-learning alle attività formative

Norme di attuazione sull applicazione delle tecnologie di e-learning alle attività formative Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili Norme di attuazione sull applicazione delle tecnologie di e-learning alle attività formative ai sensi dell art. 6, co. 2, lett.

Dettagli

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1

Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 Elementi di Psicometria con Laboratorio di SPSS 1 12-Il t-test per campioni appaiati vers. 1.2 (7 novembre 2014) Germano Rossi 1 germano.rossi@unimib.it 1 Dipartimento di Psicologia, Università di Milano-Bicocca

Dettagli

Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi)

Criteri di valutazione (domande guida per autovalutarsi) Guida allo studio e all autovalutazione Valutate la vostra proposta di la vostra preparazione sulla base dei criteri proposti e assegnatevi un : se la somma dei punteggi ottenuti è inferiore alla metà

Dettagli

LA MAPPA CONCETTUALE Lezione n. 16

LA MAPPA CONCETTUALE Lezione n. 16 LA MAPPA CONCETTUALE Lezione n. 16 Finalità: Sistemattizzare i concetti probabilistici studiati. Realizzare la mappa concettuale. Metodo: Organizzati in gruppi costruzione della mappa concettuale. Discussione

Dettagli

Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni

Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni Già negli nella prima metà del 900 la ricerca mostrò che copiare forme geometriche correlava in modo significativo con determinate funzioni psicologiche. L autore del V.M.I. Test rilevò,negli anni 60,

Dettagli

ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici

ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici Sistemi di gestione di Qualità: certificazione (UNI EN ISO 9001:2008) ed accreditamento (UNI CEI EN ISO/IEC 17025:2005) ISO/IEC 17025 :2005 Requisiti Tecnici Ferrara, 11 Maggio 2011 Rita Settimo Arpa Ferrara

Dettagli

MISURAZIONI E MISURE

MISURAZIONI E MISURE MISURAZIONI E MISURE Nel momento in cui studiamo una proprietà di un corpo materiale, vediamo se questa risponde in modo positivo o negativo alla nostra considerazione. Possiamo includerlo o escluderlo

Dettagli

CORSO DI IMPIANTI ELETTRICI

CORSO DI IMPIANTI ELETTRICI CORSO DI IMPIANTI ELETTRICI Fondamenti di sicurezza elettrica PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA STUDIO DI INGEGENERIA MAGRINI POLLONI MARCO VIA SAN CARLO 5 27100 PAVIA TEL. 0382-21902 Impianti elettrici

Dettagli

Fase 3: Mettere a fuoco il disegno della Valutazione

Fase 3: Mettere a fuoco il disegno della Valutazione Fase 3: Mettere a fuoco il disegno della Valutazione Per usare il tempo e le risorse nel modo più efficiente possibile, la valutazione deve essere concentrata sui problemi di grande interesse per i committenti

Dettagli

Un gioco con tre dadi

Un gioco con tre dadi Un gioco con tre dadi Livello scolare: biennio Abilità interessate Costruire lo spazio degli eventi in casi semplici e determinarne la cardinalità. Valutare la probabilità in diversi contesti problematici.

Dettagli

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI

GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI SISTEMA NAZIONALE PER L'ACCREDITAMENTO DI LABORATORI DT-000 GUIDA PER LA VALUTAZIONE E LA ESPRESSIONE DELL INCERTEZZA NELLE MISURAZIONI INDICE parte sezione pagina 1. INTRODUZIONE. FONDAMENTI.1. Misurando,

Dettagli

Tecniche di Simulazione: Introduzione. N. Del Buono:

Tecniche di Simulazione: Introduzione. N. Del Buono: Tecniche di Simulazione: Introduzione N. Del Buono: 2 Che cosa è la simulazione La SIMULAZIONE dovrebbe essere considerata una forma di COGNIZIONE (COGNIZIONE qualunque azione o processo per acquisire

Dettagli

CAPITOLO 10. Controllo di qualità. Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione

CAPITOLO 10. Controllo di qualità. Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione CAPITOLO 10 Controllo di qualità Strumenti per il controllo della qualità e la sua gestione STRUMENTI PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE DELLA QUALITÀ - DIAGRAMMI CAUSA/EFFETTO - DIAGRAMMI A BARRE - ISTOGRAMMI

Dettagli

Indagini e analisi per il gradimento dei servizi comunali di Firenze. Metodi e organizzazione

Indagini e analisi per il gradimento dei servizi comunali di Firenze. Metodi e organizzazione Indagini e analisi per il gradimento dei servizi comunali di Firenze. Metodi e organizzazione La visione della qualità come concetto legato alla capacità di generare valore e soddisfazione per il cliente

Dettagli

CORSO DI STATISTICA La Misurazione, Scale di Misura, Errori di Misura

CORSO DI STATISTICA La Misurazione, Scale di Misura, Errori di Misura CORSO DI STATISTICA La Misurazione, Scale di Misura, Errori di Misura Bruno Mario Cesana Bruno M. Cesana 1 MISURAZIONE La figura 1.1 è tratta da: Bossi A. et al.: Introduzione alla Statistica Medica A

Dettagli

Le competenze in scienze degli studenti del Friuli Venezia Giulia

Le competenze in scienze degli studenti del Friuli Venezia Giulia Le competenze in scienze degli studenti del Friuli Venezia Giulia Servizio statistica luglio 2008 Servizio statistica REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Piazza Unità d Italia, 1 34100 Trieste telefono:

Dettagli

Introduzione alle relazioni multivariate. Introduzione alle relazioni multivariate

Introduzione alle relazioni multivariate. Introduzione alle relazioni multivariate Introduzione alle relazioni multivariate Associazione e causalità Associazione e causalità Nell analisi dei dati notevole importanza è rivestita dalle relazioni causali tra variabili Date due variabili

Dettagli

Benessere del personale e stress lavoro correlato Sondaggio PREVIMIL 2013

Benessere del personale e stress lavoro correlato Sondaggio PREVIMIL 2013 Questionario sul benessere del personale Resoconto PREVIMIL 2013 Benessere del personale e stress lavoro correlato Sondaggio PREVIMIL 2013 Questionario sul benessere del personale Resoconto PREVIMIL 2013

Dettagli

LE FUNZIONI DELLA PENA E IL RISPETTO DELLE NORME SECONDO STUDENTI DI PSICOLOGIA E DI GIURISPRUDENZA. Elisabetta Mandrioli, Università di Bologna

LE FUNZIONI DELLA PENA E IL RISPETTO DELLE NORME SECONDO STUDENTI DI PSICOLOGIA E DI GIURISPRUDENZA. Elisabetta Mandrioli, Università di Bologna LE FUNZIONI DELLA PENA E IL RISPETTO DELLE NORME SECONDO STUDENTI DI PSICOLOGIA E DI GIURISPRUDENZA Obiettivi e metodo Elisabetta Mandrioli, Università di Bologna Il presente lavoro illustra i risultati

Dettagli

LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ

LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ LA STATISTICA E IL CALCOLO DELLE PROBABILITÀ Prof. Francesco Tottoli Versione 3 del 20 febbraio 2012 DEFINIZIONE È una scienza giovane e rappresenta uno strumento essenziale per la scoperta di leggi e

Dettagli

Laboratorio di robotica: proposte per alcune attività didattiche di Cristana Bianchi Descrizione dell unità di lavoro e apprendimento L unità di lavoro viene programmata e realizzata con l intento di introdurre

Dettagli

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori

CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA. OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori CORSI DI 1 e 2 LIVELLO PER FSN/DSA OTTIMIZZARE L ORGANIZZAZIONE DI UNA SOCIETÀ SPORTIVA Stili di Leadership e Sviluppo dei Collaboratori Relatore: Luigi Maggi Nello sport Presidente del Comitato Regionale

Dettagli

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2)

I n d i c e. 163 Appendice B Questionari su utilità e uso delle Strategie di Studio (QS1 e QS2) I n d i c e 9 Introduzione 11 CAP. 1 I test di intelligenza potenziale 17 CAP. 2 La misura dell intelligenza potenziale nella scuola dell infanzia 31 CAP. 3 La misura dell intelligenza potenziale nella

Dettagli

Il ciclo del sonno è molto più di una procedura acceso/spento, poiché questo ritmo è legato al flusso di molti processi fisiologici e psicologici

Il ciclo del sonno è molto più di una procedura acceso/spento, poiché questo ritmo è legato al flusso di molti processi fisiologici e psicologici Box. 3.1-3.2-3.3 Il ciclo del sonno è molto più di una procedura acceso/spento, poiché questo ritmo è legato al flusso di molti processi fisiologici e psicologici Le onde della veglia Quando l individuo

Dettagli

Analizza/Confronta medie. ELEMENTI DI PSICOMETRIA Esercitazione n. 7-8-9-107. Test t. Test t. t-test test e confronto tra medie chi quadrato

Analizza/Confronta medie. ELEMENTI DI PSICOMETRIA Esercitazione n. 7-8-9-107. Test t. Test t. t-test test e confronto tra medie chi quadrato Analizza/Confronta medie ELEMENTI DI PSICOMETRIA Esercitazione n. 7-8-9-107 t-test test e confronto tra medie chi quadrato C.d.L. Comunicazione e Psicologia a.a. 2008/09 Medie Calcola medie e altre statistiche

Dettagli

Prima applicazione della metodologia relazionale

Prima applicazione della metodologia relazionale Prima applicazione della metodologia relazionale Ricerca Associazione per la Ricerca e l Intervento Sociale Nel 1984 è stata realizzata la prima ricerca che utilizzava la metodologia relazionale. L obiettivo

Dettagli

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI

TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI TECNICO DELLA PIANIFICAZIONE ECONOMICA E AMBIENTALE DELLE AREE PORTUALI LEZIONE 10/10/05 STATISTICA Antigone Marino La costruzione del questionario Il questionario di indagine è lo strumento di misura

Dettagli

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI

DI APPRENDIMENTO: GLI STILI E LE MODALITA DI La progettazione formativa e didattica GLI STILI E LE MODALITA DI DI APPRENDIMENTO: dalle dalle conoscenze alla alla interiorizzazione dei dei comportamenti organizzativi 1 IL IL PERCORSO DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

LA RILEVAZIONE DEI DATI STATISTICI

LA RILEVAZIONE DEI DATI STATISTICI LA RILEVAZIONE DEI DATI STATISTICI 0. Introduzione La statistica è la disciplina che studia i fenomeni collettivi allo scopo di metterne in evidenza le regolarità. Il vocabolo Statistica deriva dal latino

Dettagli

1. CHE COSA È LA PSICOLOGIA COGNITIVA? COSA SONO I PROCESSI COGNITIVI?

1. CHE COSA È LA PSICOLOGIA COGNITIVA? COSA SONO I PROCESSI COGNITIVI? introduzione 5 1. CHE COSA È LA PSICOLOGIA COGNITIVA? COSA SONO I PROCESSI COGNITIVI? Con il termine psicologia si può intendere, genericamente, la scienza del pensiero e del comportamento umano; proprio

Dettagli

LA GESTIONE DELL ATTIVITÀ FIERISTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FIERE A MEDIDA A CURA DELLA CCI - BARCELLONA

LA GESTIONE DELL ATTIVITÀ FIERISTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FIERE A MEDIDA A CURA DELLA CCI - BARCELLONA LA GESTIONE DELL ATTIVITÀ FIERISTICA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FIERE A MEDIDA A CURA DELLA CCI - BARCELLONA L evento fieristico si presenta come momento imprescindibile in modo particolare per le piccole

Dettagli