A.R.T.VA. E TECNICA DI RICERCA AUTOSOCCORSO IN VALANGA. INSA Enrico Volpe AISA Roberto De Marco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A.R.T.VA. E TECNICA DI RICERCA AUTOSOCCORSO IN VALANGA. INSA Enrico Volpe AISA Roberto De Marco"

Transcript

1 A.R.T.VA. E TECNICA DI RICERCA AUTOSOCCORSO IN VALANGA INSA Enrico Volpe AISA Roberto De Marco

2 ALCUNE DOTAZIONI MINIME A.R.T.VA. CARTA, ALTIMETRO, BUSSOLA SONDA PALA CELLULARE RADIO

3 ALCUNE DOTAZIONI INTEGRATIVE Strumenti che riducono il grado di seppellimento. Attraverso un aumento del volume della persona si attiva un meccanismo di spinta ascensionale: si galleggia sulla massa nevosa. Zaino Airbag uno pallone di materiale sintetico fissato a uno zaino. sistema di innesco che, tirando una cordicella, in 2 3 secondi riempie il pallone con 150 litri di una miscela d aria e azoto Una bomboletta di Azoto Il peso complessivo dell apparecchiatura sta giungendo ad un livello tollerabile (1850g per un pallone da 150l) Zaino ABS due palloni di materiale sintetico fissati a uno zaino. Un sistema di innesco che, tirando una cordicella, in 2 3 secondi riempie i palloni con 150 litri di una miscela d aria e azoto Una bomboletta di Azoto Il peso complessivo dell apparecchiatura sta giungendo ad un livello tollerabile (1565g per due palloni da 75l)

4 ALCUNE DOTAZIONI INTEGRATIVE Strumenti che riducono il tempo di seppellimento (oltre ad A.R.T.VA., PALA E SONDA) Recco Il sistema RECCO è formato da due parti: il DETECTOR e il REFLECTOR. Il REFLECTOR è un piccolo circuito stampato ricoperto di plastica, non richiede batterie, non ha un sistema di accensione (non può essere, quindi, accidentalmente disinserito), è estremamente resistente e pesa pochi grammi. E integrato in tanti capi di abbigliamento invernale (scarponi, giacche, caschi, ecc). Con il Reflector si può essere solo localizzati. Il DETECTOR (Recco Rescue System Detector) viene usato solo dalle organizzazioni di soccorso, consiste in un trasmettitore ed un ricevitore, il tutto pesa 1,6 kg. A differenza dell'arva chi va in montagna con un Recco Reflector, può essere localizzato in caso di valanga, ma non può localizzare chi è travolto. Pallone da valanga È l evoluzione del cordino da valanga. Tramite uno strappo alla maniglia di azionamento l AVALANCHE BALL viene scaraventato fuori dal marsupio. Durante la discesa della valanga, rimane sopra la superficie nevosa e resta legato allo sciatore tramite un cordino. Il pallone indica il punto di sepoltura. Grazie al cordino di collegamento è teso sulla superficie nevosa e funge da sonda portando direttamente al sepolto. Grazie al cordino si può individuare la persona sepolta

5 ALCUNE DOTAZIONI INTEGRATIVE Strumenti che prolungano la sopravvivenza sotto la neve AVALUNG Permette alle persone sepolte sotto la neve di estrarre l aria direttamente dallo zaino. Una valvola all interno del sistema devia la CO2 espirata al di fuori dell area di aspirazione. Estrae aria dalla neve per dare la possibilità ad una persona sepolta di continuare a respirare. Separa l aria esalata contenente anidride carbonica in una diversa zona dello zaino. Minimizza l ice masking, (la maschera di ghiaccio). Minimizza l occlusione della trachea per mantenere libere le vie aere Quando si attraversa un terreno pericoloso posizionare il boccaglio nella posizione di ready o addirittura tra le labbra. posizione di ready

6 PRINCIPALI TIPOLOGIE A.R.T.VA. ANALOGICI DIGITALI DIGITALI A TRE ANTENNE BARRYVOX VS2000 (CH) ORTOVOX F1 FOCUS (D) MAMMUT BARRYVOX OPTO 3000 (CH) ORTOVOX M1 e M2 (D) MAMMUT BARRYVOX PULSE (CH) PIEPS OPTI FINDER (A) FITRE SNOW BIP I e II (I) TRACKER DTS (USA) ARVA 9000 (F) ORTOVOX S1 (D) PIEPS DSP (A)

7 COME E FATTO UN A.R.T.VA. (ES. FITRE ANALOGICO)

8 DISPOSIZIONE ANTENNE E FUNZIONAMENTO A.R.T.VA.

9 CAMPO MAGNETICO

10 VERIFICA FUNZIONAMENTO A.R.T.VA. La speranza di sopravvivenza, cioè di essere trovali in tempo utile mediante l'impiego degli ARTVA, dipende non solo dalle caratteristiche degli apparecchi e dalla rapidità e capacità dei compagni soccorritori, ma anche dal buon funzionamento degli apparecchi e dallo stato delle batterie che li alimentano. Prima di iniziare una escursione, o di mettersi in moto per una operazione di soccorso, si deve provare il funzionamento di tutti gli apparecchi. La procedura da adottare è la seguente. 1. Il capo comitiva fa disporre tutti i componenti in riga, ad intervallo di almeno un metro. 2. Fa quindi predisporre tutti gli ARTVA in ricezione, sul valore minimo. 3. Pone il proprio ARTVA in trasmissione e sfila lenlamenle davanti a tutti i compenenti, per verificare se tutti gli apparecchi ricevono il suo segnale. 4. Completata questa verifica, fa commutare in trasmissione tutti gli apparecchi, ad esclusione del proprio, che viene commutato in ricezione sul valore minimo. 5. Avvia il gruppo, che gli sfila dinnanzi, mentre lui verifica la corretta emissione di tutti gli ARTVA e la corretta ricezione del proprio. 6. Riporta il proprio ARTVA in trasmissione e raggiunge i compagni. Non sarà effettualo nessun altro intervento sugli ARTVA sino alla fine dell'escursione o dell'operazione di soccorso, salvo quelli necessari ad una eventuale ricerca.

11 PORTATA UTILE A.R.T.VA. Definizione di portata utile Portata utile dei nuovi A.R.T.VA. digitali Per convenzione è stata stabilita in 10 m (portata utile minore indicata fra i costruttori) gruppo di soccorritori un solo soccorritore

12 FASI RICERCA A.R.T.VA., PRIMA FASE Fasi della ricerca A.R.T.VA 1. Fase primaria: ricerca del primo segnale Metodo: linee parallele (con più soccorritori) con movimento a greca (con un soccorritore) 2. Fase secondaria: localizzazione Metodo: ricerca per linee di campo 3. Fase finale: ricerca di precisione Metodo: sistema a croce o a linee ortogonali

13 FASI RICERCA A.R.T.VA., SECONDA FASE DIFFICOLTA A PERCEPIRE LA MASSIMA INTENSITA DI SUONO? state cercando di orientare l A.R.T.VA. in modo da ottenere il massimo del segnale (con A.R.T.VA. analogico)? Non ci riuscite perché le differenze di suono sono troppo poco evidenti? Allora orientate, ruotandolo nel piano orizzontale, con calma, l A.R.T.VA. in modo da non sentire più il segnale (ricezione zero) e poi muovetevi in direzione perpendicolare a come è posto l apparecchio. La ricezione zero, per l orecchio umano, è più evidente ed intuibile rispetto alla sua contrapposta ricerca del massimo segnale acustico. Trovata la nuova direzione, si può quindi riallineare l A.R.T.VA. (ruotandolo nel piano di 90 ) e ripartire lungo la nuova direzione della linea di flusso. E importantissimo e molto facile VALE SOLO OVVIAMENTE PER GLI A.R.T.VA. ANALOGICI.

14 FASI RICERCA A.R.T.VA., TERZA FASE

15 RICERCA MULTIPLA A.R.T.VA. DISTANTI METODO DEI QUADRANTI ERRORI COMUNI 1. NON GUARDARE IL TERRENO. ALCUNI QUADRANTI POSSONO ESSERE SCARTATI IN PARTENZA (PERCHE FUORI CAMPO VALANGA, AD ESEMPIO) 2. RITORNARE A SCANDAGLIARE IL CAMPO DI PARTENZA. RICORDIAMOCI CHE, PROVENENDO DAL CAMPO DI PARTENZA, SE CI FOSSE UN ALTRO TRAVOLTO LO AVREMMO TROVATO PER PRIMO. QUINDI BISOGNA CONCENTRARCI SUI TRE (O MENO) CAMPI RIMANENTI. 3. USANDO A.R.T.VA. DIGITALI, NON SPAZIENTIAMOCI. QUANDO I POVERI PROCESSORI CI DICONO CHE DEVONO RAGIONARE. ACCONSENTIAMO. ALTRIMENTI SI ENTRA IN UN LOOP NEGATIVO IN CUI DOPO POCO CI VIENE DA SCARAVENTARLI GIU DAL PENDIO. 4. SEMPRE PER I DIGITALI. QUANDO LA FRECCIA (PER QUELLI CHE CE L HANNO) DI COLPO SI RIBALTA E CI INDICA LA DIREZIONE OPPOSTA, L A.R.T.VA. NON E IMPAZZITO. SEMPLICEMENTE STA SEGUENDO LA LINEA DI FLUSSO IN SENSO OPPOSTO E NON SE NE E RESO CONTO. QUASI SEMPRE DOPO POCO CAPISCE E RIPRENDE LA DIREZIONE ORIGINARIA. PUO CAPITARE DI AVERE SUPERATO IL BERSAGLIO, SOPRATTUTTO QUANDO SI E MOLTO VICINI (IO CONSIGLIO LA RICERCA FINE IN ANALOGICO ) 5. NEL CASO CHE LA FRECCIA SI RIBALTI CONTROLLARE ATTENTAMENTE L INDICATORE DI DISTANZA. SE AUMENTA CI STIAMO ALLONTANANDO. E LUI CHE FA FEDE. Abbiamo sentito più segnali nel nostro A.R.T.VA. analogico? Due? Allora possiamo: Ho agganciato due segnali, mi dirigo verso il più forte. Abbasserò il volume fino a che l altro sparirà. Se questo avviene a volumi alti (da 9 a 6-7 per apparecchio FITRE ad esempio) significa che i travolti sono distanti fra loro e partirò con questa tecnica, altrimenti userò le microgreche. Dispongo un segnale, per riferimento, nel punto in cui l altro bip è scomparso, trovo il travolto che ha il segnale più forte con le linee di induzione e ricerca fine a croce. Da qui pongo a terra una sonda o un bastoncino in posizione perpendicolare a quella con cui ho raggiunto il primo travolto, come riferimento. Alzo il volume fino a quando sento nuovamente il secondo segnale. Mi sposto a sinistra (per esempio), tenendo l apparecchio nella medesima posizione con cui ho concluso la precedente ricerca. Se il secondo segnale aumenta di volume è la direzione giusta, altrimenti ritorno sul posto del ritrovamento e mi sposto a destra. In caso ancora negativo ripeto e mi sposto in avanti. E il metodo dei quadranti. In una di queste aree sicuramente il segnale aumenterà e potrò concludere la ricerca, nuovamente con il metodo per linee di flusso e quindi la fase finale a croce o direttamente con il metodo a croce. Questo schema può essere fatto anche con l A.R.T.VA. digitale ovviamente, tenendo presente però di non farsi influenzare dal fatto che, soprattutto con quelli totalmente digitali (a meno non siano quelli di ultima generazione con la possibilità di oscurare i ritrovamenti) facilmente ci si indirizzerà di nuovo al primo ritrovamento, più vicino. Con A.R.T.VA. analogico-digitali conviene commutare su analogico, individuare il quadrante corretto e poi ricommutare su digitale, distanti dal primo ritrovamento.

16 RICERCA MULTIPLA A.R.T.VA. VICINI METODO DELLA MICROGRECA ATTENZIONE!!!! SE SENTIAMO DUE SEGNALI DI UGUALE INTENSITA SU VOLUME 4-5 NON PERDIAMO TEMPO! MICROGRECA SUBITO, ALTRIMENTI RISCHIAMO DI PERDERE ZONE DEL CAMPO DA SCANDAGLIARE! ASPETTI POSITIVI 1. NEL CASO DI TRAVOLGIMENTI MULTIPLI VICINI SI CONDENSA L AREA DI ESECUZIONE DELLA RICERCA, LIMITANDOLA AL SETTORE DELLA MICROGRECA. ASPETTI NEGATIVI 1. OCCORRE PRATICA E CONCENTRAZIONE, SOPRATTUTTO QUANDO SI DEVE ABBANDONARE LA MICROGRECA PER FARE LA RICERCA DI TERZA FASE. INDISPENSABILE AVERE CON SE QUALCOSA PER LASCIARE INDICAZIONI, SEGNI DEI VARI STEP DELLA RICERCA. (BANDIERINE, BASTONCINI, GUANTI, CAPPELLO, ETC. INSOMMA). 2. BISOGNA FARE ATTENZIONE A NON LASCIARE SCOPERTE ALCUNE ZONE, SOPRATTUTTO QUELLA DI INGRESSO SE NON PARTIAMO DA UN LATO COME NELLA ILLUSTRAZIONE. PARTENDO IN CENTRO SI LASCIA SCOPERTA LA PRIMA FASCIA, A SX O DX A SECONDA DI DOVE CI DIRIGIAMO. 3. RICORDIAMOCI DI SCANDAGLIARE ANCHE IL RESTO DEL TERRITORIO, A FINE MICROGRECA. Metodo della MICROGRECA Ho agganciato più segnali, mi dirigo per linee di induzione sul più forte ma abbassando non perdo gli altri, vuol dire che sono vicini. Marco il posto. Il volume sarà su 4 5 (rif. A.R.T.VA. FITRE). Scandaglio con microgreche l area, sul volume 3 FITRE p.e., lasciando i soliti 4-6 metri fra un braccio e l altro della greca. L A.R.T.VA. sarà vicino alla neve, sempre nella ultima posizione in cui eravamo quando abbiamo marcato il punto. Sentiamo aumentare il segnale, metteremo un segno ove abbandoniamo la greca, troviamo il travolto con il metodo a croce e abbassando il volume. Segnamo il punto per far intervenire i sondatori e spalatori, torniamo nel punto dove abbiamo abbandonato la microgreca e torrniamo a cercare rialzando il volume allo stesso livello di prima. Ove, durante la spazzata per lungo, ci accorgiamo che perdiamo i segnali, vorrà dire che è il punto ove fare il braccio corto della greca e tornare indietro. Si procederà così fino al ritrovamento dell ultimo e la perdita nella zona dei segnali.

17 TRAVOLGIMENTI PROFONDI GENSWEIN 1 UN SISTEMA EFFICACE ED AFFIDABILE PER LA PRECISA LOCALIZZAZIONE DI TRAVOLTI DA VALANGHE SEPOLTI IN PROFONDITÀ (Manuel Genswein*) INTRODUZIONE: Nella ricerca di vittime da valanga con gli A.R.T.VA. (apparecchi per la ricerca travolti in valanga), può accadere di incontrare dei massimi ingannevoli che non conducono il soccorritore direttamente alla vittima. La quantità di quei massimi ingannevoli dipende dall'orientamento dell'antenna del sepolto rispetto a quello del soccorritore. La distanza fra la posizione reale della vittima e del massimo ingannevole è approssimativamente uguale alla profondità di sepoltura, ma può essere anche maggiore. Questo effetto non influenza la strategia di ricerca per una profondità media di sepoltura, ma ha un effetto importante sulle sepolture profonde. Anche se il sondaggio può rappresentare un grande aiuto per localizzare la posizione esatta, richiede maggiore tempo quando la zona di sondaggio è maggiore o non chiaramente definita. In questo caso, un sistema di ricerca fine con l A.R.T.VA. è più veloce e più attendibile. Definizione dei termini: un massimo (volume massimo) è definito come un punto che soddisfa la seguente condizione: nell allontanarsi da quel punto il segnale diminuirà indipendentemente dalla direzione presa; un massimo ingannevole è un massimo che non conduce al punto di seppellimento; un massimo reale è un massimo che conduce direttamente alla persona sepolta; *Autore: Manuel Genswein, General Willestrasse 375, CH 8706 Meilen, Svizzera Tel: +41 (0) Fax: +41 (0)

18 UN PO DI NUMERI

19 UN PO DI NUMERI

20 UN PO DI STATISTICHE

21 CURVA DI SOPRAVVIVENZA PROBABILITA' DI SOPRAVVIVENZA IN RELAZIONE AL TEMPO DI SEPPELLIMENTO Entro i primi 15 minuti dai seppellimento le probabilità di trovare persone in vita sono del 93% Su 100 travolti comunque 7 persone non sopravvivono, a causa delle lesioni mortali subite. Tra i 15 e i 45 minuti dal seppellimento si osserva un forte calo delle probabilità di soprovvivenza che passano dal 93% al 25% circa. In tale periodo subentra la morte per asfissia acuta per tutti i sepolti che non dispongono di una cavità d'aria in cui respirare. Da 45 a 90 minuti, una piccola percentuale di persone (circa il 20%), può sopravvivere se dispone di una certa quantità d'aria ed ha una sufficiente libertà toracica per i movimenti respirotori. In seguito tra i 90 e i 130 minuti si muore per ipotermia. Resta perciò fondamentale trovare e disseppellire la persona sepolta entro i primi 15 minuti.

22 L AUTOSOCCORSO E FONDAMENTALE CHE I COMPONENTI INIZINO AD ORGANIZZARE I SOCCORSI DEI TRAVOLTI IN MODO AUTONOMO. UNA VOLTA CHE VIENE ALLERTATO IL SOCCORSO ALPINO E CHE QUESTO RIESCE AD INTERVENIRE TRASCORRONO MINIMO DA 20 MINUTI A MEZZ ORA E COME SI PUO VEDERE DALLA CURVA DI SOPRAVVIVENZA, QUESTO INTERVALLO DI TEMPO E FONDAMENTALE. STRATEGIE OPERATIVE FONDAMENTALI L incidente valanghivo giunge il più delle volte improvviso, inatteso, brusco. Regola di fondo sarà se non dovrò io coordinare, saprò mettermi a disposizione. Anche in questo caso il gruppo deve essere preventivamente consapevole di questa necessità di rendersi disponibili senza riserve, di accettare e svolgere compiti, di rispettare i ruoli assegnati, di relazionare in maniera rigida e pragmatica. Tale collettivo atteggiamento sarà finalizzato anche a facilitare l identificazione (ed i compiti) di un leader che possa guidare le scelte e le operazioni; un responsabile dell autosoccorso anche automaticamente individuato per particolari doti al momento dell incidente, di autocontrollo, razionalità, rapidità delle decisioni e che potrebbe anche non coincidere con la persona ritenuta più esperta o carismatica all inizio dell escursione. Il suo compito sarà senz altro favorito dall adesione piena da parte dei soccorritori alla rigida disciplina della sequenza operativa.

23 L AUTOSOCCORSO SE NON SIETE COINVOLTI DIRETTAMENTE DAL DISTACCO: RIMANETE PER QUANTO POSSIBILE CALMI, OSSERVATE IL PERCORSO DELLA VALANGA, INDIVIDUATE I PUNTI DI SCOMPARSA DELLE PERSONE COINVOLTE SUL FRONTE NEVOSO.. LA PERSONA PIU ESPERTA (LEADER, CAPOVALANGA COME VOLETE) SI PRENDERA CARICO DI DIRIGERE LE OPERAZIONI. 1. FARA SPOSTARE TUTTI IN TERRENO SICURO, SI DEPOSITERANNO I MATERIALI (ZAINI ETC.) E SI SPEGNERANNO GLI A.R.T.VA.. 2. DOVRA ALLERTARE (O FAR ALLERTARE) IL SOCCORSO ALPINO TRAMITE IL 118, DANDO ALL OPERATORE IL VOSTRO NOME E NUMERO, LA DESCRIZIONE DEL SITO E L ORA DELL INCIDENTE, QUANTE PERSONE PRESUMIBILMENTE SONO RIMASTE COINVOLTE. A MENO CHE L INCIDENTE NON SIA VERAMENTE BANALE, PER CUI I COINVOLTI SI POSSONO TRARRE D IMPACCIO FACILMENTE, E MEGLIO RIMANDARE INDIETRO I SOCCORRITORI PIUTTOSTO CHE AVERLI FATTI INTERVENIRE IN RITARDO. LASCIATE POI LIBERO IL CELLULARE PER EVENTUALI RICHIAMATE DA PARTE DEI SOCCORRITORI!!!! 3. SE NON C E CAMPO PER IL CELLULARE (CHE DURANTE LA GITA SARA SPENTO PER NON INTERFERIRE CON L A.R.T.VA.) E C E ESUBERANZA DI PERSONE PER L AUTOSOCCORSO SUL CAMPO, MANDARE A VALLE DUE PERSONE PER AVVISARE I SOCCORSI.

24 L AUTOSOCCORSO IL COORDINATORE NOMINATO INOLTRE: 1. VALUTERA MEDIANTE PROPRIE CONOSCENZE O INTERROGANDO GLI ALTRI PARTECIPANTI O SCAMPATI AL TRAVOLGIMENTO QUANTE PERSONE SONO RIMASTE COINVOLTE E SE SONO DOTATE DI A.R.T.VA.. 2. INDIVIDUERA ALCUNE PERSONE (IN PRIMA IPOTESI UNA PERSONA OGNI 20 METRI DI FRONTE VALANGA) CHE VERRANNO MANDATE VELOCEMENTE SUL TERRENO ALLA RICERCA DI SEGNALI VISIVI O DI SUONI O LAMENTI PROVENIENTI DAL LUOGO DELL INCIDENTE. QUESTA RICERCA VISTA UDITO E PRELIMINARE. QUESTI OSSERVATORI POTRANNO ANCHE AVERE L A.R.T.VA. IN RICEZIONE PER FORNIRE PRIME EVENTUALI INDICAZIONI A COLORO CHE SEGUIRANNO. LA RICERCA SI FA IN SILENZIO, PER PERCEPIRE QUALSIASI SEGNALE. IN CASO DI RITROVAMENTO IL LEADER DEVE ESSERE IMMEDIATAMENTE AVVISATO. 3. MANDERA SUBITO A SEGUIRE ALTRI SOCCORRITORI (SEMPRE 1 OGNI 20 METRI DI FRONTE CIRCA) CHE METTERANNO IL LORO A.R.T.VA. IN RICEZIONE ALLA RICERCA DEL PRIMO SEGNALE E QUINDI DEL TRAVOLTO/I CON LE PROCEDURE PRECEDENTEMENTE ILLUSTRATE. 4. METTERA UNA SENTINELLA CHE DA UN POSTO SICURO FARA UN MONITORAGGIO DEL FRONTE AVVISANDO IMMEDIATAMENTE DI EVENTUALI ULTERIORI POSSIBILITA DI DISTACCHI NEVOSI.

25 L AUTOSOCCORSO IL COORDINATORE NOMINATO INOLTRE: 5. VALUTERA ATTENTAMENTE LA MORFOLOGIA DELLA VALANGA, PER INDIRIZZARE I RICERCATORI O EVENTUALI SONDATORI NELLE ZONE PIU OPPORTUNE. 6. MANDERA DIETRO I RICERCATORI PERSONE DOTATE DI SONDA E PALA, PER LA RICERCA DI FINO E IL DISSEPPELLIMENTO. 7. AVENDO RISORSE SUFFICIENTI, ORGANIZZERA IL SONDAGGIO A MAGLIA LARGA (FILA DI SONDATORI SPALLA A SPALLA, UN SONDAGGIO IN AVANZAMENTO OGNI 60 CM CIRCA). APPENA ARRIVANO I SOCCORSI CI SI METTE A LORO DISPOSIZIONE, DESCRIVENDO L ACCADUTO E EVENTUALMENTE TOGLIENDOSI DAL CAMPO, SU LORO RICHIESTA.

26 L AUTOSOCCORSO I RICERCATORI: 1. NON DOVRANNO INTERFERIRE FRA LORO, MANTENENDO LA TRAIETTORIA DI RICERCA SUL FRONTE DELLA VALANGA. POTRANNO LAVORARE A PIEDI O CON GLI SCI A SECONDA DELLO STATO DEL TERRENO. METTERANNO DEI SEGNALI NEI PUNTI OVE E AVVENUTA LA SCOMPARSA DEI TRAVOLTI, O DOVE APPAIONO TRACCE (BASTONCINI, ETC). 2. UNA VOLTA INDIVIDUATO UN TRAVOLTO CHIAMERANNO SONDATORE E SPALATORE CHE SI DEDICHERANNO A QUEL TRAVOLTO, MENTRE IL RICERCATORE ANDRA ALLA RICERCA DEL SEGUENTE SENZA PERDERE TEMPO A SPEGNERE LO STRUMENTO DEL TRAVOLTO. QUESTO FINO AD AVERE RITROVATO TUTTI I TRAVOLTI MUNITI DI A.R.T.VA.. DOPODICHE, SE CI SONO ALTRI TRAVOLTI, SI PASSERA AL SONDAGGIO. I SONDATORI E SPALATORI: 1. INDIVIDUERANNO LA POSIZIONE DEL TRAVOLTO, SCAVANDO NON SOPRA MA DI FIANCO (DA VALLE). APPENA RAGGIUNTA LA TESTA SI LIBERERANNO LE VIE RESPIRATORIE E NEL CASO NON RESPIRI SI PROCEDERA ALLA RESPIRAZIONE ARTIFICIALE E MASSAGGIO CARDIACO. UNA RESPIRAZIONE OGNI QUNDICI MASSAGGI, MEDIAMENTE. (O SECONDA LE ULTIME DISPOSIZIONI DETTATE DAL BASIC LIFE SUPPORT).. 2. MAI, MAI MASSAGGIARE L INFORTUNATO PER RISCALDARLO. SE E IPOTERMICO, COSA MOLTO PROBABILE, RIMETTERESTE IN CIRCOLO IL SANGUE PERIFERICO, FREDDO, NELLE ZONE VITALI CON CONSEGUENZE CATASTROFICHE. UNA VOLTA INDIVIDUATO UN TRAVOLTO IL RICERCATORE CHIAMERA SONDATORE E SPALATORE CHE SI DEDICHERANNO A QUEL TRAVOLTO, MENTRE IL RICERCATORE ANDRA ALLA RICERCA DEL SEGUENTE SENZA PERDERE TEMPO A SPEGNERE LO STRUMENTO DEL TRAVOLTO. QUESTO FINO AD AVERE RITROVATO TUTTI I TRAVOLTI MUNITI DI A.R.T.VA.. DOPODICHE, SE CI SONO ALTRI TRAVOLTI, SI PASSERA AL SONDAGGIO (VEDI SLIDE PRECEDENTE).

27 L AUTOSOCCORSO NOTE PER LO SCAVO E IL DISSEPPELLIMENTO: La soluzione più adeguata consiste invece nello scavare lontano dalla sonda ma dirigendosi verso la sua punta, ed allargare poi lo scavo man mano che si espongono le parti corporee. Verrà così a crearsi una più vasta area all interno del manto nevoso che fungerà da nicchia per la medicalizzazione, ed altresì da corridoio per evacuare il ferito. Le figure a fianco, indicano le modalità di realizzazione dello scavo e, dopo aver individuato il sepolto con la sonda e iniziato lo scavo, la possibilità di usare una seconda sonda per facilitare l individuazione della giacitura del sepolto. Questa possibilità, valutata di volta in volta, può portare anche all opportunità di effettuare un secondo scavo, che già possa estendere quella che sarà l area di medicalizzazione. La figura a fianco illustra la cosiddetta Tecnica del tunnel. Se la densità della neve lo consente, realizzato un primo accesso ad una parte corporea, con la mano guantata si risale lungo la parte scavando con il palmo, cosi da creare una veloce canalizzazione d aria. Appena possibile si orienterà questo tunnel verso la testa del sepolto, per il quale l arrivo di ossigeno è impellente necessità. La figura illustra il sistema di scavo finalizzato a creare un area più ampia dove movimentare e medicalizzare l infortunato in maniera atraumatica.

28 L AUTOSOCCORSO 4 NUMERI SU CUI RIFLETTERE STRATEGIE: Considerazioni sulla priorità di disseppellimento. (Maurizio Lutzenberger G.A. e Istruttore Nazionale Tecnico Soccorso Alpino) Quando si è soli sulla valanga, sembra evidente che, in presenza di un seppellimento multiplo, sia imperativo occuparsi del primo sepolto individuato. In realtà, considerando che il disseppellimento di un travolto alla profondità di 1 metro richiede circa minuti di scavo, quando il primo individuato risulta molto profondo (oltre i 2m) vale certamente la pena spendere qualche minuto per andare a verificare se gli altri vicini non abbiano possibilità di sopravvivenza maggiori trovandosi forse a minore profondità. A tavolino, questa è una sfumatura strategica interessante, ma in realtà si sarà davvero in grado di ignorare le emozioni?

29 DUE NOTE SPESSO IL GRUPPO DI SOCCORSO E OBBLIGATORIAMENTE RISTRETTO. SARA NECESSARIO INDIVIDUARE STRATEGIE DIVERSE, LE PERSONE DOVRANNO FARE MOLTEPLICI COMPITI. AD ESEMPIO: CHI FA VISTA UDITO POTREBBE ESSERE ANCHE LO STESSO RICERCATORE A.R.T.VA.. SPALATORE/SONDATORE DIVENTANO LA STESSA FIGURA. NON SI MANDERANNO A VALLE LE DUE PERSONE PER LA RICHIESTA DI AIUTO FINO AD ALMENO MINUTI DAL TRAVOLGIMENTO. QUESTI OPERERANNO SULLA VALANGA. GLI EFFETTI DELL ASFISSIA SONO PIU IMPORTANTI. IL CAPOVALANGA (LEADER) DOVRA COLLABORARE DIRETTAMENTE SUL TERRENO. IL CAPOVALANGA POTREBBE ESSERE ANCHE LA SENTINELLA. E CHI PIU NE HA PIU NE METTA. AL LIMITE POTREBBE ESSERCI SOLO UNA PERSONA IN SUPERFICIE, CHE DEVE ADOPERARSI PER TUTTO. NON LASCIATE MAI SOLO UN TRAVOLTO, ANCHE SE VI VIENEVOGLIADIANDAREACHIAMAREISOCCORSI..

30 DUE NOTE SI E STACCATA LA VALANGA, SIETE SPETTATORI, NON TRAVOLTI. COSA NON FARE! SI CAPISCE CHE E DIFFICILE, MA LA COSA PEGGIORE E FARSI PRENDERE DAL PANICO. TENERE L A.R.T.VA. ACCESO IN TRASMISSIONE. EQUIVALE A TOGLIERE LA POSSIBILITA DI SOPRAVVIVENZA AI TRAVOLTI PERCHE I RICERCATORI TROVERANNO CHI HA L A.R.T.VA. IN TRASMISSIONE IN SUPERFICIE. TENERE A.R.T.VA. E TELEFONINO ACCESO VICINI, IN QUANTO IL CAMPO ELETTROMAGNETICO DEL TELEFONINO DISTURBA PESANTEMENTE L A.R.T.VA.. SPOSTARE DALLA POSIZIONE ESATTA EVENTUALI TRACCE LASCIATE DAI TRAVOLTI. AGGIUNGERE PARTI DI ATTREZZATURA O OGGETTI PERSONALI, A MENO DI QUELLI INDISPENSABILI PER INDIVIDUARE PARTICOLARI POSTI, DATO CHE QUESTO GENEREREBBE CONFUSIONE. SPORCARE IL TERRENO CON ESCREMENTI, URINA, CIBO, SALIVA, ETC. IN QUANTO I CANI DA VALANGA SAREBBERO DISTOLTI DA QUESTI SEGNALI OLFATTIVI INQUINANTI. MANDARE UNA SOLA PERSONA A CHIAMARE I SOCCORSI, PERCHE SE DOVESSE FARSI MALE NON CI SAREBBERO PIU POSSIBILITA DI RAGGIUNGERE CON LE DOVUTE NOTIZIE IL FONDO VALLE (OLTRE AD AVERE UN ULTERIORE DISPERSO). MASSAGGIARE IL TRAVOLTO, SOPRATTUTTO GAMBE E BRACCIA, PERCHE SI RIMANDA VERSO IL TORACE E IL CUORE SANGUE A BASSISSIMA TEMPERATURA, CON CONSEGUENZE CARDIACHE QUASI SEMPRE FATALI. IL TRAVOLTO IN ATTESA DEI SOCCORSI DEVE ESSERE PROTETTO DAL FREDDO E MANTENUTO POSSIBILMENTE TRANQUILLO.

31 DUE NOTE SI E STACCATA LA VALANGA, SIETE TRAVOLTI. COSA FARE? SI CAPISCE CHE E DIFFICILE, MA LA COSA PEGGIORE E FARSI PRENDERE DAL PANICO. SE RIUSCITE A RIMANERE IN PIEDI SUGLI SCI, CERCATE DI TOGLIERVI DALLA TRAIETTORIA DELLA VALANGA. NON CI RIUSCITE: TOGLIETEVI GLI SCI, I BASTONCINI LI AVRETE GIA ABBANDONATI VISTO CHE NON DEVONO ESSERE IMPUGNATI NEL LACCIOLO. PROVATE A GALLEGGIARE SULLA NEVE, SUI LASTRONI, COME SE NUOTASTE (NON E COSI FACILE, MA A VOLTE E POSSIBILE) SE SIETE COINVOLTI IN PIENO, CERCATE DI ASSUMERE UNA POSIZIONE RACCOLTA, LO ZAINO VI PROTEGGERA LA SCHIENA, METTETEVI LE MANI DAVANTI AL VOLTO PER CREARE UNA MINIMA RISERVA D ARIA E PROTEGGERVI. UNA VOLTA FERMI, CERCATE DI VALUTARE IN CHE POSIZIONE SIETE FINITI. POTETE FARVI SCIVOLARE SUL VOLTO DELLA SALIVA, LA DIREZIONE CHE PRENDERA VI DARA CON BUONA APPROSSIMAZIONE LA DIREZIONE DELLA VERTICALE. SE SENTITE RUMORI O MOVIMENTI, URLATE, POTREBBERO SENTIRVI. AVETE LA FORTUNA DI RIUSCIRE A RIEMERGERE? VALUTATE SENSATAMENTE SE SIETE IN GRADO DI AIUTARE NELLE RICERCHE, PARLATE CON IL CAPOVALANGA. NEL CASO NON CI SIA BISOGNO DI VOI TROVATEVI UN POSTO SICURO E SPEGNETE L A.R.T.VA., ALTRIMENTI SPEGNETELO COMUNQUE O METTETELO IN RICEZIONE SE SIETE UN RICERCATORE..

32 IL SOCCORSO ORGANIZZATO APPENA POSSIBILE SI DOVRA ALLERTARE (O FAR ALLERTARE) IL SOCCORSO ALPINO TRAMITE IL 118 (RE.GA IN SVIZZERA), DANDO ALL OPERATORE IL VOSTRO NOME E NUMERO, LA DESCRIZIONE DEL SITO E L ORA DELL INCIDENTE, QUANTE PERSONE PRESUMIBILMENTE SONO RIMASTE COINVOLTE. A MENO CHE L INCIDENTE NON SIA VERAMENTE BANALE, PER CUI I COINVOLTI SI POSSONO TRARRE D IMPACCIO FACILMENTE, E MEGLIO RIMANDARE INDIETRO I SOCCORRITORI PIUTTOSTO CHE AVERLI FATTI INTERVENIRE IN RITARDO. LASCIATE POI LIBERO IL CELLULARE PER EVENTUALI RICHIAMATE DA PARTE DEI SOCCORRITORI!!!!

33 COSA FARE QUANDO ARRIVA L ELICOTTERO YES & NO DUE BRACCIA ALZATE: SI ALLA RICHIESTA DI AIUTO UN BRACCIO SU ED UNO GIU : NO, NON ABBIAMO BISOGNO DI AIUTO. AREA DI ATTERRAGGIO VALUTARE BENE LA POSIZIONE DEGLI OSTACOLI, PORSI CON IL VENTO ALLE SPALLE, A MONTE DELL AREA DI ATTERRAGGIO. NON CAMBIATE POSIZIONE, AL PIU METTETEVI IN GINOCCHIO. IL PILOTA HA SOLTANTO VOI COME RIFERIMENTO.

34 COSA FARE QUANDO ARRIVA L ELICOTTERO FASCIA DI APPROCCIO ATTENZIONE! CI SI AVVICINA UNICAMENTE DA SINISTRA O DESTRA, ZONA FUSOLIERA. NON DA DAVANTI, MAI NEI PRESSI DEL ROTORE DI CODA. POSSIBILMENTE ASPETTARE CHE IL ROTORE SIA FERMO (IMPOSSIBILE SE ELICOTTERO IN OVERING). IL PILOTA NON PUO VEDERVI BENE SE NON NELLE FASCE INDICATE. DAVANTI IL ROTORE PUO ABBASSARSI SE L ELICOTTERO DOVESSE RIPRENDERE IL VOLO. CONSEGUENZE. LASCIO A VOI.

35 ENTRA IN AZIONE IL SOCCORSO ORGANIZZATO RIFERITE QUANTO PIU DETTAGLIATAMENTE AL CAPOVALANGA (DELLA SQUADRA DI SOCCORSO): INCIDENTE, NUMERO PRESUNTO TRAVOLTI, POSSIBILE POSIZIONE, ORARI, PRESENZA DI PERSONE SENZA A.R.T.VA. METTETEVI A DISPOSIZIONE, IN OGNI SENSO, ANCHE SE POTREBBE DIRVI DI METTERVI IN DISPARTE.

36 ENTRA IN AZIONE IL SOCCORSO ORGANIZZATO IL SOCCORSO ORGANIZZATO COMINCERA A LAVORARE COME DA PROTOCOLLO: VISTA UDITO RICERCA A.R.VA VALORE AGGIUNTO DELLE UNITA CINOFILE SQUADRE ORGANIZZATE DI SONDATORI L ELICOTTERO SONDERA IL CAMPO CON UN A.R.T.VA. A BORDO, CALANDO UN ANTENNA

37 E INDISPENSABILE ESSERE PRONTI CONOSCERE SE STESSI ED I MEZZI A DISPOSIZIONE FARE TUTTO QUELLO CHE POSSIAMO PER EVITARE UN INCIDENTE E LE SUE CONSEGUENZE MA NON DOBBIAMO PERO FARCI IMPRESSIONARE IN MODO ESAGERATO, AL PUNTO DA PENSARE CHE IL NOSTRO SPORT POSSA ESSERE UN ATTIVITA ECCESSIVAMENTE PERICOLOSA. IL NUMERO DI INCIDENTI, RISPETTO AL NUMERO DI GITE CHE VENGONO SVOLTE, E PER FORTUNA MOLTO LIMITATO. QUINDI.. BUONE GITE!

AUTOSOCCORSO REGOLE DI COMPORTAMENTO

AUTOSOCCORSO REGOLE DI COMPORTAMENTO AUTOSOCCORSO REGOLE DI COMPORTAMENTO 2013 AUTOSOCCORSO & Soccorso Organizzato E l azione di soccorso attuata immediatamente dalle persone superstiti all evento 2 Fase di sopravvivenza Fase di asfissia

Dettagli

Club Alpino Italiano. Commissione Nazionale Scuole di Alpinismo Sci Alpinismo a Arrampicata libera Scuola Centrale di Sci Alpinismo

Club Alpino Italiano. Commissione Nazionale Scuole di Alpinismo Sci Alpinismo a Arrampicata libera Scuola Centrale di Sci Alpinismo Club Alpino Italiano Commissione Nazionale Scuole di Alpinismo Sci Alpinismo a Arrampicata libera Scuola Centrale di Sci Alpinismo Risultati dei Test Arva Digitali 3 antenne Bazena 10 maggio 2008 Premessa

Dettagli

La domanda del perché quindi andrebbe insegnato didatticamente un metodo per questo tipo di ricerca si lascia facilmente motivare:

La domanda del perché quindi andrebbe insegnato didatticamente un metodo per questo tipo di ricerca si lascia facilmente motivare: Il metodo, ricerca fine a cerchio per la ricerca di travolti in valanga sepolti in profondità riportato in questo articolo, è stato ufficialmente presentato alla commissione valanghe della CISA - IKAR

Dettagli

Nivologia e Valanghe

Nivologia e Valanghe Nivologia e Valanghe C.A.I. Nembro - Scuola di Scialpinismo Perché una lezione sulle valanghe? Il 90% delle Valanghe che coinvolgono Alpinisti e Scialpinisti non sono imputabili a distacchi naturali! Gli

Dettagli

Sulla tecnica di scavo in valanga Per una didattica comune in tutte le scuole del Club Alpino Italiano

Sulla tecnica di scavo in valanga Per una didattica comune in tutte le scuole del Club Alpino Italiano Sulla tecnica di scavo in valanga Per una didattica comune in tutte le scuole del Club Alpino Italiano Angelo Panza 1, Gianni Perelli Ercolini 1, Davide Rogora 2,3 1 Commissione Nazionale Scuole di Alpinismo

Dettagli

COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE

COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE COME COMPORTARSI IN CASO DI INCIDENTE STRADALE Se si è coinvolti in un incidente stradale, oppure in presenza di persone che accusano traumi o malori a seguito di incidente, ci si può ritrovare in situazioni

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo

CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo Allegato n 9 PIANO DIDATTICO CORSI DI FORMAZIONE E VERIFICA PER ACCOMPAGNATORI DI ESCURSIONISMO AE 1 LIVELLO STRUTTURA DEI CORSI (Art. 22) I corsi

Dettagli

ATC Avalanche Training Center

ATC Avalanche Training Center ATC Avalanche Training Center Istr uzioni per l uso Contenuti Istruzioni per l uso 1. Componenti del sistema 2. Elementi di controllo e di comando 3. Modalità esercizio 4. Modalità esperti 5. Modalità

Dettagli

Manuale d utente del PIEPS DSP (ad uso Scuola Righini e non solo) 2011 Rev 2

Manuale d utente del PIEPS DSP (ad uso Scuola Righini e non solo) 2011 Rev 2 SCUOLA DI SCIALPINISMO MARIO RIGHINI Club Alpino Italiano - Sezione di Milano Via Silvio Pellico 6, 20121 Milano Manuale d utente del PIEPS DSP (ad uso Scuola Righini e non solo) 2011 Rev 2 A cura di Guido

Dettagli

SISTEMA VANZO. descrizione sequenza operativa

SISTEMA VANZO. descrizione sequenza operativa PARANCO MEZZO POLDO Il "mezzo Poldo" è un paranco utilizzato nella pratica alpinistica e scialpinistica, non è molto veloce ma garantisce il successo del recupero anche se ad agire si è da soli. Il "mezzo

Dettagli

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna

Croce Rossa Italiana - Emilia Romagna Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare le manovre

Dettagli

ARRESTO CARDIACO B.L.S.

ARRESTO CARDIACO B.L.S. Corso Base per Aspiranti Volontari del Soccorso della CROCE ROSSA ITALIANA ARRESTO CARDIACO B.L.S. OBIETTIVO DELLA LEZIONE conoscere il protocollo di intervento in caso di arresto cardiaco Saper effettuare

Dettagli

PERCORSO ALPINISTICO

PERCORSO ALPINISTICO PERCORSO ALPINISTICO CORPO NAZIONALE SOCCORSO ALPINO SPELEOLOGICO SERVIZIO PROVINCIALE TRENTINO PERCORSO FORMATIVO Richiesta di Ammissione Controllo Dati Iscrizione Selezione Tecnico-Attitudinale per tutte

Dettagli

BLS - Basic Life Support

BLS - Basic Life Support BLS - Basic Life Support Giommaria Bazzoni giommy Croce Rossa Italiana Monitore di Primo Soccorso Istru

Dettagli

CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo

CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Centrale Escursionismo PIANO DIDATTICO Allegato n 9 CORSI DI FORMAZIONE E VERIFICA PER ACCOMPAGNATORI DI ESCURSIONISMO 1 LIVELLO AE/AC STRUTTURA DEI CORSI (Art. 22) I corsi

Dettagli

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta)

STERZATA SENZA SPOSTAMENTO MANI MANI IN POSIZIONE BASE. POSIZIONE SUL SEDILE: TROPPO LONTANA (prospetto) POSIZIONE DI GUIDA: LONTANA (pianta) MANI IN POSIZIONE BASE Posizione base, fondamentale per guidare con qualità e sicurezza: mani sul volante come sul quadrante di un orologio, per indicare le ore 9:15, con i pollici bene ancorati alle razze.

Dettagli

Manuale di Istruzioni

Manuale di Istruzioni Manuale di Istruzioni Introduzione Il modello GA-92XT della famiglia dei magnetometri, localizza il campo magnetico di oggetti ferromagnetici. Rispondono alla differenza di campo magnetico tra i due sensori

Dettagli

Mobile +39 349 4320563 info@guidemonterosa.info www.guidemonterosa.info. Gressoney, la valle del Lys e il Monte Rosa

Mobile +39 349 4320563 info@guidemonterosa.info www.guidemonterosa.info. Gressoney, la valle del Lys e il Monte Rosa SOCIETA DELLE GUIDE DI GRESSONEY Sede legale: Località Tache 11020 Gressoney-La-Trinité (Ao) Sede ufficio: Località Lago Gover 11025 Gressoney-Saint-Jean (Ao) Mobile +39 349 4320563 info@guidemonterosa.info

Dettagli

CORSO HEMS 2014 PIEMONTE Corso teorico-pratico di soccorso in ambiente impervio per Medici ed Infermieri dei Servizi di Elisoccorso Sanitario

CORSO HEMS 2014 PIEMONTE Corso teorico-pratico di soccorso in ambiente impervio per Medici ed Infermieri dei Servizi di Elisoccorso Sanitario in collaborazione con CORSO HEMS 2014 PIEMONTE Corso teorico-pratico di soccorso in ambiente impervio per Medici ed Infermieri dei Servizi di Elisoccorso Sanitario BARDONECCHIA (TO), 31 marzo 04 aprile

Dettagli

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Per arrivare sani e salvi a valle e non finire al pronto soccorso: consigli per fare sci e snowboard in sicurezza.

Per arrivare sani e salvi a valle e non finire al pronto soccorso: consigli per fare sci e snowboard in sicurezza. Per arrivare sani e salvi a valle e non finire al pronto soccorso: consigli per fare sci e snowboard in sicurezza. Check the risk Check the risk. Prudenza sulle piste. Con la campagna «Check the risk»

Dettagli

TECNICHE DI RECUPERO DA CREPACCIO

TECNICHE DI RECUPERO DA CREPACCIO CLUB ALPINO ITALIANO Commissione Nazionale Scuole di Alpinismo e Sci Alpinismo Scuola Centrale di Alpinismo Scuola Centrale di Sci Alpinismo TECNICHE DI RECUPERO DA CREPACCIO Approvato dalla CNSASA il

Dettagli

ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE ED USO DEL SISTEMA DI PROTEZIONE MICROSCAN EASY 201

ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE ED USO DEL SISTEMA DI PROTEZIONE MICROSCAN EASY 201 ISTRUZIONI DI INSTALLAZIONE ED USO DEL SISTEMA DI PROTEZIONE MICROSCAN EASY 201 CARATTERISTICHE DI FUNZIONAMENTO. Il sistema di protezione Microscan Easy 201 è stato realizzato per consentire la protezione

Dettagli

Consigli pratici per l installazione del vostro posto di lavoro

Consigli pratici per l installazione del vostro posto di lavoro Schweizerische Eidgenossenschaft Confédération suisse Confederazione Svizzera Confederaziun svizra Commissione federale di coordinamento per la sicurezza sul lavoro CFSL Consigli pratici per l installazione

Dettagli

OBSOLESCENZA E ARVA ANALOGICI ACCERTARE LE COMPATIBILITA Bruce Edgerly John Hereford

OBSOLESCENZA E ARVA ANALOGICI ACCERTARE LE COMPATIBILITA Bruce Edgerly John Hereford OBSOLESCENZA E ARVA ANALOGICI ACCERTARE LE COMPATIBILITA Bruce Edgerly John Hereford Nel 2001 l istituto di ricerca sulle valanghe ANENA ha pubblicato un rapporto dettagliato sui risultati dei test di

Dettagli

MISURE DI EMERGENZA SPECIFICHE

MISURE DI EMERGENZA SPECIFICHE MISURE DI EMERGENZA SPECIFICHE A)PROCEDURA PER ASSISTERE LE PERSONE DISABILI B)PROCEDURA PER EDUCATORI/EDUCATRICI COMUNALI C)PROCEDURA SICUREZZA PER VISITATORI DELL' ISTITUTO A)PROCEDURA PER ASSISTERE

Dettagli

CX-20 Auto-Pathfinder

CX-20 Auto-Pathfinder Traduzione by maxmjp G.P. 08/10/2014 CX-20 Auto-Pathfinder 6 AXIS SYSTEM MANUALE ISTRUZIONe 1 Istruzioni di montaggio 1 L'installazione Eliche (1) Per preparare il Drone ed eliche (2) L'elica con senso-contrassegno

Dettagli

Neve Valanghe 2 -comportamento e riduzione del rischio

Neve Valanghe 2 -comportamento e riduzione del rischio Neve Valanghe 2 -comportamento e riduzione del rischio ARVA Apparecchio di ricerca in valanga È il dispositivo di sicurezza più importante dello scialpinista? Avere o non avere l ARVA durante la gita modifica

Dettagli

di Andrea Monteverdi

di Andrea Monteverdi di Andrea Monteverdi PULCINI Stagione sportiva 2005/2006 Saranno effettuati due allenamenti al campo dove si cureranno gli obiettivi tecnico-tattici, e un allenamento in palestra dove sarà curato in particolar

Dettagli

del Liceo G. Zanella

del Liceo G. Zanella del Liceo G. Zanella Ti è mai capitato di parlare dei comportamenti da adottare in caso di incendio nella tua scuola? Cosa faresti e come ti comporteresti se nella tua scuola scoppiasse un incendio? Prima

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation

BLS-D Basic Life Support Defibrillation Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation Catena della sopravvivenza Supporto vitale di base-defibrillazione Manovre di rianimazione BLS-D Basic Life Support Defibrillation La cosa

Dettagli

BLS (Basic Life Support)

BLS (Basic Life Support) BLS (Basic Life Support) EVENTO MANTENERE LA CALMA AUTOPROTEZIONE: Guardarsi intorno e verificare l esistenza di pericoli; gestire il rischio mettendo l ambiente in sicurezza; mantenere sotto controllo

Dettagli

Definire le tecniche di movimento del corpo; Sollevamento di sicurezza di lettini e barelle; Spostamento dei pazienti, usando la tecnica più idonea.

Definire le tecniche di movimento del corpo; Sollevamento di sicurezza di lettini e barelle; Spostamento dei pazienti, usando la tecnica più idonea. LA MOBILITAZIONE E TRASPORTO PAZIENTI Formatore Istruttore V.d.S. Infermiere Guastella G. Obiettivi Cosa significa muoversi, mobilizzarsi; Definire le tecniche di movimento del corpo; Sollevamento di sicurezza

Dettagli

Consigli e accorgimenti per la vita quotidiana

Consigli e accorgimenti per la vita quotidiana Consigli e accorgimenti per la vita quotidiana In questa sezione vi indichiamo ciò che potete fare per rendere più semplice la vita quotidiana del vostro congiunto. L elenco non ha alcuna pretesa di essere

Dettagli

OBIETTIVO DELL INFORMAZIONE

OBIETTIVO DELL INFORMAZIONE 1 OBIETTIVO DELL INFORMAZIONE E quello di sviluppare i temi legati all evacuazione ed ai criteri generali che la governano ponendo tutti gli interessati nelle condizioni di apprendere la terminologia ed

Dettagli

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO

Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO IL PIANO DI EMERGENZA Alunni Dott.Ing. Domenico PANARELLO Il Piano di Emergenza E una procedura di mobilitazione di mezzi e persone in grado di fronteggiare una determinata condizione di emergenza. Le

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale. in caso di emergenza

Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale. in caso di emergenza Cosa fare? Chi chiamare? Come essere pronti? Guida comunale in caso di emergenza Informazioni comunali I Comuni ticinesi, in collaborazione con la Sezione del Militare e della Protezione della Popolazione

Dettagli

PRESENTA. Cronometro da gara per prove di regolarità. Versione 4.19

PRESENTA. Cronometro da gara per prove di regolarità. Versione 4.19 PRESENTA Cronometro da gara per prove di regolarità Versione 4.19 Funzionamento Alla accensione lo strumento presenta la schermata di benvenuto quindi emette un bip. Alla pressione di un tasto oppure dopo

Dettagli

GUIDA TASCABILE SUL SALVATAGGIO

GUIDA TASCABILE SUL SALVATAGGIO GUIDA TASCABILE SUL SALVATAGGIO INTRODUZIONE I dispositivi di salvataggio Miller by Sperian offrono una totale sicurezza per le vostre operazioni in altezza. Questa guida è stata studiata come complemento

Dettagli

GSCL Gruppo Sportivo Ciechi Lariani. Tecnica di guida sugli sci con i ciechi CONTROLLO DEL MATERIALE IMPIANTI DI RISALITA PREPARAZIONE PRIMA DISCESA

GSCL Gruppo Sportivo Ciechi Lariani. Tecnica di guida sugli sci con i ciechi CONTROLLO DEL MATERIALE IMPIANTI DI RISALITA PREPARAZIONE PRIMA DISCESA Tecnica di guida sugli sci con i ciechi CONTROLLO DEL MATERIALE Prima della partenza controlla tutto l'equipaggiamento, in particolare il buon funzionamento della radio. Mentre sali, descrivi il paesaggio

Dettagli

CPR Rianimazione cardiopolmonare

CPR Rianimazione cardiopolmonare Tema 04 CPR Rianimazione cardiopolmonare Articolo n. 1402 Csocc Tema 04 Sequenza 01 Pagina 01 Versione 200610i Schema ABCD Respirazione artificiale Situazione di partenza/posizione del paziente Se al punto

Dettagli

MANUAL PIEPS DSP Pro PREMIUM ALPINE. www.pieps.com

MANUAL PIEPS DSP Pro PREMIUM ALPINE. www.pieps.com MANUAL PIEPS DSP Pro DSP SPORT PREMIUM ALPINE Performance www.pieps.com PER GLI AMANTI DELLO SCIALPINISMO E DEGLI SPORT INVERNALI! Complimenti per aver scelto l apparecchio per la ricerca in valanga PIEPS

Dettagli

Il muro nel settore giovanile

Il muro nel settore giovanile 1 Il muro nel settore giovanile Il muro nel settore giovanile Parliamo del fondamentale più trascurato dagli allenatori delle squadre giovanili (e che nessuno si offenda per questa affermazione! Basta

Dettagli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli

PRIMO SOCCORSO. Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Dott.ssa Elvezia Fumagalli PRIMO SOCCORSO Il primo soccorso è l aiuto che si presta alla persona o alle persone che sono state vittime di un incidente o di un malore, in attesa che intervengano

Dettagli

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE

CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE CAPSULITE ADESIVA ESERCIZI PER LA RIABILITAZIONE Esercizio nr. 1) Piegate il busto in avanti in modo che sia parallelo al pavimento ed appoggiatevi con il braccio sano ad uno sgabello o ad un tavolino.

Dettagli

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato

Arresto Cardio Circolatorio = evento letale se non trattato ARRESTO CARDIACO - MORTE IMPROVVISA CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA DEFIBRILLATORE. Ogni anno in Italia circa 50.000 persone muoiono improvvisamente. La Morte improvvisa (intesa come morte non preceduta da

Dettagli

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8

sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 sommario Conoscere il corpo umano il mio registro 4 Chi sono 4 Come sono 5 Prove di valutazione 8 SCHEDE di valutazione 22 Classe prima 22 Classe seconda 25 Classe terza 28 Prove di abilità motorie e sportive

Dettagli

Comune di Lodrino. Cosa fare? Chi Chiamare? Come essere pronti? Guida Comunale. in Caso di emergenza

Comune di Lodrino. Cosa fare? Chi Chiamare? Come essere pronti? Guida Comunale. in Caso di emergenza Comune di Lodrino Cosa fare? Chi Chiamare? Come essere pronti? Guida Comunale in Caso di emergenza informa zioni Comunali Il Comune di Lodrino, in collaborazione con la Sezione del Militare e della Protezione

Dettagli

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici.

Tutte le misure ed i consigli di comportamento servono per tutelare la salute e prevenire danni fisici. Riassunto delle misure di prevenzione dell opuscolo sulla movimentazione manuale dei carichi della AUVA ( Heben und tragen ) Le immagini di questo documento provengono dall opuscolo in lingua tedesca Tutte

Dettagli

PTX-TX114R (cod. PTX114R)

PTX-TX114R (cod. PTX114R) PTX-TX114R (cod. PTX114R) RIVELATORE PASSIVO DI INFRAROSSI MANUALE DI INSTALLAZIE Vi ringraziamo per aver scelto di acquistare questo rivelatore passivo di infrarossi PULTEX. Questo prodotto è in grado

Dettagli

RECUPERO da CREPACCIO

RECUPERO da CREPACCIO recupero da crepaccio 1 RECUPERO da CREPACCIO G. Galli - maggio 2010 recupero da crepaccio 2 premessa 1 condizioni dell incidente la caduta in un crepaccio può verificarsi per un alpinista: legato e preventivamente

Dettagli

Le Fasi della manovra sono:

Le Fasi della manovra sono: È indispensabile per una questione di sicurezza imparare a svolgere la manovra seguendo una sequenza di operazioni predeterminate. Le Fasi della manovra sono: 1. Auto-assicurazione 2. Predisposizione dell'ancoraggio

Dettagli

Chiamata di soccorso

Chiamata di soccorso Club Alpino Italiano Sezione Pontedera Scuola Cosimo Zappelli Scuola Lucca Scuola Alpi Apuane Corso monotematico su vie ferrate 2013 (M-F1) Chiamata di soccorso Giovedì 30 maggio 2013 a cura di Sergio

Dettagli

TEST per ragazzi/e di Scuola Elementare (6-10 anni)

TEST per ragazzi/e di Scuola Elementare (6-10 anni) I test motori: come si effettuano e come utilizzare i dati Belluno, 18 Settembre 2012 Relatore: Prof. Modesto BONAN TEST per ragazzi/e di Scuola Elementare (6-10 anni) Il rapporto tra i test e le capacità

Dettagli

Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! COME COMUNICARE

Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! COME COMUNICARE Il mio nuovo cucciolo: cosa fare ma soprattutto cosa non fare! Dott. Simone Agostini, Medico Veterinario Ambulatorio Veterinario San Giorgio in Bosco tel. 0499450520-3478941059 Come sicuramente moltissimi

Dettagli

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente

La morte cardiaca improvvisa. Ogni anno colpisce 1 persona su 1000. Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente La morte cardiaca

Dettagli

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA

EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA EFFETTI DELLA DOPPIA SPINTA DESCRIZIONE DEL MOVIMENTO, CORRELAZIONE TRA I DUE ARTI I fotogrammi utilizzati sono stati digitalizzati su computer, da immagini filmate con video camera 8 mm e con sincronia

Dettagli

Ai collaboratori scolastici

Ai collaboratori scolastici Ai collaboratori scolastici Comportamenti da seguire in caso di incendio Il piano di emergenza è uno strumento operativo attraverso il quale si adottano le operazioni da compiere in caso di evacuazione,

Dettagli

PRESENTAZIONE A.S.D. SCI CLUB CORMANO. Sommario La società Informazioni generali Corsi di Sci

PRESENTAZIONE A.S.D. SCI CLUB CORMANO. Sommario La società Informazioni generali Corsi di Sci PRESENTAZIONE A.S.D. SCI CLUB CORMANO Sommario La società Informazioni generali Corsi di Sci LA SOCIETA : CHI SIAMO? Siamo, in primo luogo degli appassionati dello sci che praticano questo sport da più

Dettagli

Definizione. La terra. Folgorazione. Rischi elettrico. Effetti. Tipi di corrente elettrica. Cavi. Adempimenti Primo Soccorso

Definizione. La terra. Folgorazione. Rischi elettrico. Effetti. Tipi di corrente elettrica. Cavi. Adempimenti Primo Soccorso 1 Tipi di corrente elettrica Rischi elettrico Definizione Cavi La terra Folgorazione Effetti Adempimenti Primo Soccorso 2 Possiamo paragonare la corrente elettrica ad una cascata e l energia trasferita

Dettagli

GESTIONE DI UN INCIDENTE E ATTIVAZIONE DEL SOCCORSO ALPINO

GESTIONE DI UN INCIDENTE E ATTIVAZIONE DEL SOCCORSO ALPINO Marcello Meroni 09/05/2006 GESTIONE DI UN INCIDENTE E ATTIVAZIONE DEL SOCCORSO ALPINO L obbiettivo principale a seguito di un incidente è quello di garantire all infortunato la sopravvivenza e la massima

Dettagli

La formazione dell alzatore

La formazione dell alzatore La formazione dell alzatore Si avvicina la stagione in palestra. In agosto e in settembre l allenatore ha ancora il tempo di far progredire i suoi alzatori individualmente, prima che il sistema di gioco

Dettagli

Attività 1. Conta i punti I numeri binari

Attività 1. Conta i punti I numeri binari Attività 1 Conta i punti I numeri binari Sommario I computer rappresentano e trasferiscono i dati come sequenze di zero e uno. Come possiamo rappresentare parole e numeri usando solamente questi due simboli?

Dettagli

CARTOGRAFIA. Analizziamo ora le diverse tipologie di supporto che si trovano sul mercato:

CARTOGRAFIA. Analizziamo ora le diverse tipologie di supporto che si trovano sul mercato: CARTOGRAFIA Con questa piccola guida vorrei illustrare in maniera semplice come si legge una carta topografica e come soprattutto si possa, in mancanza di un GPS tracciare una rotta o comunque decidere

Dettagli

BLS-D Basic Life Support Defibrillation:

BLS-D Basic Life Support Defibrillation: BLS-D Basic Life Support Defibrillation: La corsa contro il tempo La morte cardiaca improvvisa Ogni anno colpisce 1 persona su 1000 Le malattie cardiovascolari sono la causa più frequente e nei 2/3 dei

Dettagli

2. PRECAUZIONI DI SICUREZZA

2. PRECAUZIONI DI SICUREZZA INDICE 1. Prefazione 2 2. Precauzioni di sicurezza 3 3. Struttura.. 4 4. Modo d uso. 5 a) Controllo ausiliario e display LED... 5 b) Telecomando.. 6 c) Modo d uso 7 5. Manuale operativo.. 11 6. Manutenzione.

Dettagli

La premiscelazione e la modulazione

La premiscelazione e la modulazione La premiscelazione e la modulazione Continua la crescita della famiglia Genio tecnic. Dalla presentazione ad oggi il cuore del sistema Genio tecnic (bruciatore e camera di combustione brevettati) ha trovato

Dettagli

BEGHELLI TELEALLARMEVITA ISTRUZIONI PER L USO L E L INSTALLAZIONE AVVERTENZE ORE A SINTESI VOCALE, PER L'INVIO TELEFONICO DI UN MESSAGGIO DI SOCCORSO

BEGHELLI TELEALLARMEVITA ISTRUZIONI PER L USO L E L INSTALLAZIONE AVVERTENZE ORE A SINTESI VOCALE, PER L'INVIO TELEFONICO DI UN MESSAGGIO DI SOCCORSO AVVERTENZE - Questo apparecchio dovrà essere destinato solo all uso per il quale è stato costruito. Ogni altro uso è da considerarsi improprio e quindi pericoloso. Il costruttore non può essere considerato

Dettagli

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella

Istituto Istruzione Superiore Q. Sella COMUNICATO N. 028 DOCENTI Oggetto: Informazione sui rischi e sulla sicurezza. Le informazioni previste dalle vigenti normative sui rischi e sulla sicurezza sono trasmesse, ai fini di una idonea formazione

Dettagli

MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002

MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 MINISTERO DELL INTERNO Dipartimento dei Vigili del Fuoco del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CIRCOLARE N 4 del 1 MARZO 2002 OGGETTO: Linee guida per la valutazione della sicurezza antincendio nei

Dettagli

Descrizione del funzionamento

Descrizione del funzionamento Descrizione del funzionamento Laddomat 21 ha la funzione di......all accensione, fare raggiungere velocemente alla caldaia una temperatura di funzionamento elevata....durante il riempimento, preriscaldare

Dettagli

Corso Base per Aspiranti Volontari della CROCE ROSSA ITALIANA EMORRAGIE - FERITE OBIETTIVO DELLA LEZIONE Conoscere le emorragie e saperle trattare Conoscere le ferite e saperle trattare Il meccanismo della

Dettagli

un nuovo modo di fare calcio

un nuovo modo di fare calcio un nuovo modo di fare calcio I Piccoli Amici Si parte da qui! E l inizio del percorso calcistico, un inizio che di anno in anno viene sempre più anticipato. Un momento in cui è essenziale gettare le basi

Dettagli

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico

Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo anni 18 affetto da cardiopatia congenita complessa operato alla nascita Entra in UTIC per un episodio lipotimico Angelo ha 22 anni Frequenta la Facolta di Ingegneria con ottimo profitto Suona la

Dettagli

LASER: pro e contro nel loro impiego tattico

LASER: pro e contro nel loro impiego tattico LASER: pro e contro nel loro impiego tattico Si sa! E da ormai molti anni che questo simpatico accessorio la fa da padrone nei più diffusi e costosi film d azione o action movie per dirla all americana.

Dettagli

10 Lezioni di Minibasket

10 Lezioni di Minibasket 10 Lezioni di Minibasket LEZIONE N. 1 FASE INIZIALE 001. Esercizi e giochi di trattamento della palla sul posto e in movimento ad elevata intensità di esecuzione. 002. SPRINT: i bambini palleggiano per

Dettagli

PROGRAMMA TECNICO IL CONTROLLO DELLA PALLA PROGRESSIONE

PROGRAMMA TECNICO IL CONTROLLO DELLA PALLA PROGRESSIONE PROGRAMMA TECNICO Il Programma Tecnico vuole essere uno strumento di lavoro e di supporto, agli istruttori e ai tecnici della nostra Scuola Calcio, alla formazione dei bambini e delle bambine che muovono

Dettagli

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO

ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO I primi Giochi Easy : Il Palleggio ALCUNE PROPOSTE PER INSEGNARLO Insalata Mista. (stimolare l abitudine all utilizzo del palleggio) Dal palleggio in libertà tuttocampo dei bambini, dividere il campo in

Dettagli

Preparare una maratona

Preparare una maratona Marcelloni Paolo Sezione Amatori Preparare una maratona Programma di allenamento per arrivare preparati all impegno, concluderlo - riuscendo a fornire la massima prestazione personale - e alla sera arrivare

Dettagli

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela

La combustione. Docente: prof.ssa Lobello Carmela La combustione Percorso didattico realizzato dalla classe II D Istituto d Istruzione secondaria di I grado S Francesco d Assisi Francavilla Fontana (Br) Docente: prof.ssa Lobello Carmela Perché la combustione?

Dettagli

Sistema respiratorio Anatomia Fisiologia Patofisiologia

Sistema respiratorio Anatomia Fisiologia Patofisiologia Tema 01 Sistema respiratorio Anatomia Fisiologia Patofisiologia Articolo n. 1402 Csocc Tema 01 Sequenza 01 Pagina 01 Versione 200610i Schema ABCD Proteggere le vertebre cervicali Non muovere inutilmente

Dettagli

CORRERE IN SICUREZZA

CORRERE IN SICUREZZA CORRERE IN SICUREZZA PROGETTO CORRERE IN SICUREZZA Codice della Strada Le figure in corsa Vetture in corsa Comportamento dei corridori La Federazione Ciclistica Italiana CODICE DELLA STRADA Il Codice della

Dettagli

2. I mobili e gli arredi devono essere disposti in modo da consentire agevoli spostamenti, lasciando libero l accesso ai locali.

2. I mobili e gli arredi devono essere disposti in modo da consentire agevoli spostamenti, lasciando libero l accesso ai locali. DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA PERSONALE DOCENTE E ATA: istruzioni sull uso di mobili ed arredi, attrezzature e macchine, apparecchiature elettriche. Si evidenziano di seguito le istruzioni sull

Dettagli

PROTOCOLLI OPERATVI COEU 118 MILANO

PROTOCOLLI OPERATVI COEU 118 MILANO CENTRALE OPERATIVA EMERGENZA URGENZA 118 - Milano PROTOCOLLI OPERATVI COEU 118 MILANO DISPONIBILITA L Associazione/Organizzazione di Volontariato Cooperativa Sociale (di seguito denominata A/O-C) comunica

Dettagli

Assicurazione sulla vita per Piloti Trainatori. (ovvero: come evitare che l incapace all altro capo del cavo possa rovinarvi la giornata.

Assicurazione sulla vita per Piloti Trainatori. (ovvero: come evitare che l incapace all altro capo del cavo possa rovinarvi la giornata. Assicurazione sulla vita per Piloti Trainatori (ovvero: come evitare che l incapace all altro capo del cavo possa rovinarvi la giornata.) CONSIDERAZIONI PRELIMINARI 1. Le prestazioni del vostro aeroplano

Dettagli

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza

caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 6 La caldaia a gas modelli a condensazione e modelli ad alta efficienza 47 Consigli generali Lo sapete che In media una famiglia italiana spende ogni anno circa 500 per il riscaldamento, che rappresenta

Dettagli

RIFERIMENTI: POS-04 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE UTILIZZO MEZZI DI TRASPORTO. Timbro della ditta IL CARRELLO ELEVATORE NORME DI SICUREZZA

RIFERIMENTI: POS-04 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE UTILIZZO MEZZI DI TRASPORTO. Timbro della ditta IL CARRELLO ELEVATORE NORME DI SICUREZZA ALLEGATO 3 Timbro della ditta IL CARRELLO ELEVATORE NORME DI SICUREZZA 13 di 19 1. LE NORME GENERALI PER LA CONDUZIONE L uso del carrello elevatore è consentito esclusivamente al personale autorizzato,

Dettagli

VENERABILE ARCICONFRATERNITA MISERICORDIA DI FIRENZE GRUPPO FORMAZIONE AUTISTI VOLONTARI

VENERABILE ARCICONFRATERNITA MISERICORDIA DI FIRENZE GRUPPO FORMAZIONE AUTISTI VOLONTARI VENERABILE ARCICONFRATERNITA MISERICORDIA DI FIRENZE PERCHÉ SONO QUA: sono l istruttore che si occupa del vostro addestramento alla sicurezza nella conduzione di mezzi speciali in emergenza, il mio compito

Dettagli

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano

IL TIRO IN PORTA. Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011. Rubiu Stefano Rubiu Stefano Corso CONI FIGC stagione 2011 Melegnano 02 Dicembre 2011 IL TIRO IN PORTA Il tiro in porta rappresenta l azione conclusiva delle varie strategie di gioco, al fine di raggiungere l obiettivo

Dettagli

Dispense tratte dal manuale Inail

Dispense tratte dal manuale Inail Dispense tratte dal manuale Inail Relazionare tenendo conto dei seguenti punti: Quali sono i possibili disturbi dovuti al lavoro al videoterminale? Cosa si può fare per evitarli? (posizione del monitor

Dettagli

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA

ESTRATTO PIANO DI EMERGENZA Ministero Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Statale Tarra Via Correggio, 80-20020 Busto Garolfo (MI) Tel. 0331 569087 - Fax 0331 564462 Cod. Mec.: MIIC8DL00N

Dettagli

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA

PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURE GENERALI IN CASO DI EMERGENZA PROCEDURA IN CASO DI INCENDIO Chiunque noti un principio di incendio o una situazione anomala che presenta pericolo di incendio deve: Mantenere la calma ed evitare

Dettagli

GIOCHI MINIBASKET. 1) Il gioco dei nomi. 2) Il gambero

GIOCHI MINIBASKET. 1) Il gioco dei nomi. 2) Il gambero GIOCHI MINIBASKET Questi giochi sono stati tratti da alcuni libri e talvolta modificati per adattarli al nostro gioco. Adatti per diverse età. Buon lavoro. 1) Il gioco dei nomi Obiettivi: conoscere i compagni,

Dettagli

Espresso 3000 - Cod. M0S04159 - Edizione 1H10

Espresso 3000 - Cod. M0S04159 - Edizione 1H10 10 2 3 6 4 5 15 8 7 9 14 16 11 12 1 13 18 17 19 20 Espresso 3000 - Cod. M0S04159 - Edizione 1H10 ITALIANO Espresso 3000 1) Interruttore generale 2) Spia ON: macchina accesa 3) Spia mancanza acqua 4) Interruttore

Dettagli

DS1 SL MANUALE DI INSTALLAZIONE HOME SECURITY SYSTEM HOME SECURITY SYSTEM

DS1 SL MANUALE DI INSTALLAZIONE HOME SECURITY SYSTEM HOME SECURITY SYSTEM DS1 SL MANUALE DI INSTALLAZIONE HOME SECURITY SYSTEM HOME SECURITY SYSTEM Introduzione Grazie per aver preferito il nostro prodotto. La centrale wireless DS1 SL è uno dei migliori antifurti disponibili

Dettagli

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate

2 Risalire a letto Appoggiare il sedere al bordo del letto, con le mani appoggiate APPENDICE ESERCIZI POST-OPERATORI CONSIGLIATI 1 Scendere dal letto Da supino a letto sollevare il tronco sostenendosi sui gomiti, portare il dorso del piede sano sotto la caviglia dell arto operato, per

Dettagli

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile.

Le principali cause del mal di schiena: 1. Postura scorretta quando si è seduti, al lavoro, in casa o in automobile. ESERCIZI PER LA SCHIENA La maggior parte delle persone che viene nel nostro centro soffre di dolori alla schiena. Vi consigliamo di leggere attentamente questo opuscolo e di attenervi il più possibile

Dettagli

Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014

Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014 Federazione Ginnastica d Italia Comitato Regionale Friuli Venezia Giulia Sezione Ginnastica per Tutti PERCORSI MOTORI 2014 GYMGIOCANDO TROFEO GIOVANI TROFEO RAGAZZI (1^ e 2^ fascia) FASE REGIONALE L AREA

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli