A.R.T.VA. E TECNICA DI RICERCA AUTOSOCCORSO IN VALANGA. INSA Enrico Volpe AISA Roberto De Marco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "A.R.T.VA. E TECNICA DI RICERCA AUTOSOCCORSO IN VALANGA. INSA Enrico Volpe AISA Roberto De Marco"

Transcript

1 A.R.T.VA. E TECNICA DI RICERCA AUTOSOCCORSO IN VALANGA INSA Enrico Volpe AISA Roberto De Marco

2 ALCUNE DOTAZIONI MINIME A.R.T.VA. CARTA, ALTIMETRO, BUSSOLA SONDA PALA CELLULARE RADIO

3 ALCUNE DOTAZIONI INTEGRATIVE Strumenti che riducono il grado di seppellimento. Attraverso un aumento del volume della persona si attiva un meccanismo di spinta ascensionale: si galleggia sulla massa nevosa. Zaino Airbag uno pallone di materiale sintetico fissato a uno zaino. sistema di innesco che, tirando una cordicella, in 2 3 secondi riempie il pallone con 150 litri di una miscela d aria e azoto Una bomboletta di Azoto Il peso complessivo dell apparecchiatura sta giungendo ad un livello tollerabile (1850g per un pallone da 150l) Zaino ABS due palloni di materiale sintetico fissati a uno zaino. Un sistema di innesco che, tirando una cordicella, in 2 3 secondi riempie i palloni con 150 litri di una miscela d aria e azoto Una bomboletta di Azoto Il peso complessivo dell apparecchiatura sta giungendo ad un livello tollerabile (1565g per due palloni da 75l)

4 ALCUNE DOTAZIONI INTEGRATIVE Strumenti che riducono il tempo di seppellimento (oltre ad A.R.T.VA., PALA E SONDA) Recco Il sistema RECCO è formato da due parti: il DETECTOR e il REFLECTOR. Il REFLECTOR è un piccolo circuito stampato ricoperto di plastica, non richiede batterie, non ha un sistema di accensione (non può essere, quindi, accidentalmente disinserito), è estremamente resistente e pesa pochi grammi. E integrato in tanti capi di abbigliamento invernale (scarponi, giacche, caschi, ecc). Con il Reflector si può essere solo localizzati. Il DETECTOR (Recco Rescue System Detector) viene usato solo dalle organizzazioni di soccorso, consiste in un trasmettitore ed un ricevitore, il tutto pesa 1,6 kg. A differenza dell'arva chi va in montagna con un Recco Reflector, può essere localizzato in caso di valanga, ma non può localizzare chi è travolto. Pallone da valanga È l evoluzione del cordino da valanga. Tramite uno strappo alla maniglia di azionamento l AVALANCHE BALL viene scaraventato fuori dal marsupio. Durante la discesa della valanga, rimane sopra la superficie nevosa e resta legato allo sciatore tramite un cordino. Il pallone indica il punto di sepoltura. Grazie al cordino di collegamento è teso sulla superficie nevosa e funge da sonda portando direttamente al sepolto. Grazie al cordino si può individuare la persona sepolta

5 ALCUNE DOTAZIONI INTEGRATIVE Strumenti che prolungano la sopravvivenza sotto la neve AVALUNG Permette alle persone sepolte sotto la neve di estrarre l aria direttamente dallo zaino. Una valvola all interno del sistema devia la CO2 espirata al di fuori dell area di aspirazione. Estrae aria dalla neve per dare la possibilità ad una persona sepolta di continuare a respirare. Separa l aria esalata contenente anidride carbonica in una diversa zona dello zaino. Minimizza l ice masking, (la maschera di ghiaccio). Minimizza l occlusione della trachea per mantenere libere le vie aere Quando si attraversa un terreno pericoloso posizionare il boccaglio nella posizione di ready o addirittura tra le labbra. posizione di ready

6 PRINCIPALI TIPOLOGIE A.R.T.VA. ANALOGICI DIGITALI DIGITALI A TRE ANTENNE BARRYVOX VS2000 (CH) ORTOVOX F1 FOCUS (D) MAMMUT BARRYVOX OPTO 3000 (CH) ORTOVOX M1 e M2 (D) MAMMUT BARRYVOX PULSE (CH) PIEPS OPTI FINDER (A) FITRE SNOW BIP I e II (I) TRACKER DTS (USA) ARVA 9000 (F) ORTOVOX S1 (D) PIEPS DSP (A)

7 COME E FATTO UN A.R.T.VA. (ES. FITRE ANALOGICO)

8 DISPOSIZIONE ANTENNE E FUNZIONAMENTO A.R.T.VA.

9 CAMPO MAGNETICO

10 VERIFICA FUNZIONAMENTO A.R.T.VA. La speranza di sopravvivenza, cioè di essere trovali in tempo utile mediante l'impiego degli ARTVA, dipende non solo dalle caratteristiche degli apparecchi e dalla rapidità e capacità dei compagni soccorritori, ma anche dal buon funzionamento degli apparecchi e dallo stato delle batterie che li alimentano. Prima di iniziare una escursione, o di mettersi in moto per una operazione di soccorso, si deve provare il funzionamento di tutti gli apparecchi. La procedura da adottare è la seguente. 1. Il capo comitiva fa disporre tutti i componenti in riga, ad intervallo di almeno un metro. 2. Fa quindi predisporre tutti gli ARTVA in ricezione, sul valore minimo. 3. Pone il proprio ARTVA in trasmissione e sfila lenlamenle davanti a tutti i compenenti, per verificare se tutti gli apparecchi ricevono il suo segnale. 4. Completata questa verifica, fa commutare in trasmissione tutti gli apparecchi, ad esclusione del proprio, che viene commutato in ricezione sul valore minimo. 5. Avvia il gruppo, che gli sfila dinnanzi, mentre lui verifica la corretta emissione di tutti gli ARTVA e la corretta ricezione del proprio. 6. Riporta il proprio ARTVA in trasmissione e raggiunge i compagni. Non sarà effettualo nessun altro intervento sugli ARTVA sino alla fine dell'escursione o dell'operazione di soccorso, salvo quelli necessari ad una eventuale ricerca.

11 PORTATA UTILE A.R.T.VA. Definizione di portata utile Portata utile dei nuovi A.R.T.VA. digitali Per convenzione è stata stabilita in 10 m (portata utile minore indicata fra i costruttori) gruppo di soccorritori un solo soccorritore

12 FASI RICERCA A.R.T.VA., PRIMA FASE Fasi della ricerca A.R.T.VA 1. Fase primaria: ricerca del primo segnale Metodo: linee parallele (con più soccorritori) con movimento a greca (con un soccorritore) 2. Fase secondaria: localizzazione Metodo: ricerca per linee di campo 3. Fase finale: ricerca di precisione Metodo: sistema a croce o a linee ortogonali

13 FASI RICERCA A.R.T.VA., SECONDA FASE DIFFICOLTA A PERCEPIRE LA MASSIMA INTENSITA DI SUONO? state cercando di orientare l A.R.T.VA. in modo da ottenere il massimo del segnale (con A.R.T.VA. analogico)? Non ci riuscite perché le differenze di suono sono troppo poco evidenti? Allora orientate, ruotandolo nel piano orizzontale, con calma, l A.R.T.VA. in modo da non sentire più il segnale (ricezione zero) e poi muovetevi in direzione perpendicolare a come è posto l apparecchio. La ricezione zero, per l orecchio umano, è più evidente ed intuibile rispetto alla sua contrapposta ricerca del massimo segnale acustico. Trovata la nuova direzione, si può quindi riallineare l A.R.T.VA. (ruotandolo nel piano di 90 ) e ripartire lungo la nuova direzione della linea di flusso. E importantissimo e molto facile VALE SOLO OVVIAMENTE PER GLI A.R.T.VA. ANALOGICI.

14 FASI RICERCA A.R.T.VA., TERZA FASE

15 RICERCA MULTIPLA A.R.T.VA. DISTANTI METODO DEI QUADRANTI ERRORI COMUNI 1. NON GUARDARE IL TERRENO. ALCUNI QUADRANTI POSSONO ESSERE SCARTATI IN PARTENZA (PERCHE FUORI CAMPO VALANGA, AD ESEMPIO) 2. RITORNARE A SCANDAGLIARE IL CAMPO DI PARTENZA. RICORDIAMOCI CHE, PROVENENDO DAL CAMPO DI PARTENZA, SE CI FOSSE UN ALTRO TRAVOLTO LO AVREMMO TROVATO PER PRIMO. QUINDI BISOGNA CONCENTRARCI SUI TRE (O MENO) CAMPI RIMANENTI. 3. USANDO A.R.T.VA. DIGITALI, NON SPAZIENTIAMOCI. QUANDO I POVERI PROCESSORI CI DICONO CHE DEVONO RAGIONARE. ACCONSENTIAMO. ALTRIMENTI SI ENTRA IN UN LOOP NEGATIVO IN CUI DOPO POCO CI VIENE DA SCARAVENTARLI GIU DAL PENDIO. 4. SEMPRE PER I DIGITALI. QUANDO LA FRECCIA (PER QUELLI CHE CE L HANNO) DI COLPO SI RIBALTA E CI INDICA LA DIREZIONE OPPOSTA, L A.R.T.VA. NON E IMPAZZITO. SEMPLICEMENTE STA SEGUENDO LA LINEA DI FLUSSO IN SENSO OPPOSTO E NON SE NE E RESO CONTO. QUASI SEMPRE DOPO POCO CAPISCE E RIPRENDE LA DIREZIONE ORIGINARIA. PUO CAPITARE DI AVERE SUPERATO IL BERSAGLIO, SOPRATTUTTO QUANDO SI E MOLTO VICINI (IO CONSIGLIO LA RICERCA FINE IN ANALOGICO ) 5. NEL CASO CHE LA FRECCIA SI RIBALTI CONTROLLARE ATTENTAMENTE L INDICATORE DI DISTANZA. SE AUMENTA CI STIAMO ALLONTANANDO. E LUI CHE FA FEDE. Abbiamo sentito più segnali nel nostro A.R.T.VA. analogico? Due? Allora possiamo: Ho agganciato due segnali, mi dirigo verso il più forte. Abbasserò il volume fino a che l altro sparirà. Se questo avviene a volumi alti (da 9 a 6-7 per apparecchio FITRE ad esempio) significa che i travolti sono distanti fra loro e partirò con questa tecnica, altrimenti userò le microgreche. Dispongo un segnale, per riferimento, nel punto in cui l altro bip è scomparso, trovo il travolto che ha il segnale più forte con le linee di induzione e ricerca fine a croce. Da qui pongo a terra una sonda o un bastoncino in posizione perpendicolare a quella con cui ho raggiunto il primo travolto, come riferimento. Alzo il volume fino a quando sento nuovamente il secondo segnale. Mi sposto a sinistra (per esempio), tenendo l apparecchio nella medesima posizione con cui ho concluso la precedente ricerca. Se il secondo segnale aumenta di volume è la direzione giusta, altrimenti ritorno sul posto del ritrovamento e mi sposto a destra. In caso ancora negativo ripeto e mi sposto in avanti. E il metodo dei quadranti. In una di queste aree sicuramente il segnale aumenterà e potrò concludere la ricerca, nuovamente con il metodo per linee di flusso e quindi la fase finale a croce o direttamente con il metodo a croce. Questo schema può essere fatto anche con l A.R.T.VA. digitale ovviamente, tenendo presente però di non farsi influenzare dal fatto che, soprattutto con quelli totalmente digitali (a meno non siano quelli di ultima generazione con la possibilità di oscurare i ritrovamenti) facilmente ci si indirizzerà di nuovo al primo ritrovamento, più vicino. Con A.R.T.VA. analogico-digitali conviene commutare su analogico, individuare il quadrante corretto e poi ricommutare su digitale, distanti dal primo ritrovamento.

16 RICERCA MULTIPLA A.R.T.VA. VICINI METODO DELLA MICROGRECA ATTENZIONE!!!! SE SENTIAMO DUE SEGNALI DI UGUALE INTENSITA SU VOLUME 4-5 NON PERDIAMO TEMPO! MICROGRECA SUBITO, ALTRIMENTI RISCHIAMO DI PERDERE ZONE DEL CAMPO DA SCANDAGLIARE! ASPETTI POSITIVI 1. NEL CASO DI TRAVOLGIMENTI MULTIPLI VICINI SI CONDENSA L AREA DI ESECUZIONE DELLA RICERCA, LIMITANDOLA AL SETTORE DELLA MICROGRECA. ASPETTI NEGATIVI 1. OCCORRE PRATICA E CONCENTRAZIONE, SOPRATTUTTO QUANDO SI DEVE ABBANDONARE LA MICROGRECA PER FARE LA RICERCA DI TERZA FASE. INDISPENSABILE AVERE CON SE QUALCOSA PER LASCIARE INDICAZIONI, SEGNI DEI VARI STEP DELLA RICERCA. (BANDIERINE, BASTONCINI, GUANTI, CAPPELLO, ETC. INSOMMA). 2. BISOGNA FARE ATTENZIONE A NON LASCIARE SCOPERTE ALCUNE ZONE, SOPRATTUTTO QUELLA DI INGRESSO SE NON PARTIAMO DA UN LATO COME NELLA ILLUSTRAZIONE. PARTENDO IN CENTRO SI LASCIA SCOPERTA LA PRIMA FASCIA, A SX O DX A SECONDA DI DOVE CI DIRIGIAMO. 3. RICORDIAMOCI DI SCANDAGLIARE ANCHE IL RESTO DEL TERRITORIO, A FINE MICROGRECA. Metodo della MICROGRECA Ho agganciato più segnali, mi dirigo per linee di induzione sul più forte ma abbassando non perdo gli altri, vuol dire che sono vicini. Marco il posto. Il volume sarà su 4 5 (rif. A.R.T.VA. FITRE). Scandaglio con microgreche l area, sul volume 3 FITRE p.e., lasciando i soliti 4-6 metri fra un braccio e l altro della greca. L A.R.T.VA. sarà vicino alla neve, sempre nella ultima posizione in cui eravamo quando abbiamo marcato il punto. Sentiamo aumentare il segnale, metteremo un segno ove abbandoniamo la greca, troviamo il travolto con il metodo a croce e abbassando il volume. Segnamo il punto per far intervenire i sondatori e spalatori, torniamo nel punto dove abbiamo abbandonato la microgreca e torrniamo a cercare rialzando il volume allo stesso livello di prima. Ove, durante la spazzata per lungo, ci accorgiamo che perdiamo i segnali, vorrà dire che è il punto ove fare il braccio corto della greca e tornare indietro. Si procederà così fino al ritrovamento dell ultimo e la perdita nella zona dei segnali.

17 TRAVOLGIMENTI PROFONDI GENSWEIN 1 UN SISTEMA EFFICACE ED AFFIDABILE PER LA PRECISA LOCALIZZAZIONE DI TRAVOLTI DA VALANGHE SEPOLTI IN PROFONDITÀ (Manuel Genswein*) INTRODUZIONE: Nella ricerca di vittime da valanga con gli A.R.T.VA. (apparecchi per la ricerca travolti in valanga), può accadere di incontrare dei massimi ingannevoli che non conducono il soccorritore direttamente alla vittima. La quantità di quei massimi ingannevoli dipende dall'orientamento dell'antenna del sepolto rispetto a quello del soccorritore. La distanza fra la posizione reale della vittima e del massimo ingannevole è approssimativamente uguale alla profondità di sepoltura, ma può essere anche maggiore. Questo effetto non influenza la strategia di ricerca per una profondità media di sepoltura, ma ha un effetto importante sulle sepolture profonde. Anche se il sondaggio può rappresentare un grande aiuto per localizzare la posizione esatta, richiede maggiore tempo quando la zona di sondaggio è maggiore o non chiaramente definita. In questo caso, un sistema di ricerca fine con l A.R.T.VA. è più veloce e più attendibile. Definizione dei termini: un massimo (volume massimo) è definito come un punto che soddisfa la seguente condizione: nell allontanarsi da quel punto il segnale diminuirà indipendentemente dalla direzione presa; un massimo ingannevole è un massimo che non conduce al punto di seppellimento; un massimo reale è un massimo che conduce direttamente alla persona sepolta; *Autore: Manuel Genswein, General Willestrasse 375, CH 8706 Meilen, Svizzera Tel: +41 (0) Fax: +41 (0)

18 UN PO DI NUMERI

19 UN PO DI NUMERI

20 UN PO DI STATISTICHE

21 CURVA DI SOPRAVVIVENZA PROBABILITA' DI SOPRAVVIVENZA IN RELAZIONE AL TEMPO DI SEPPELLIMENTO Entro i primi 15 minuti dai seppellimento le probabilità di trovare persone in vita sono del 93% Su 100 travolti comunque 7 persone non sopravvivono, a causa delle lesioni mortali subite. Tra i 15 e i 45 minuti dal seppellimento si osserva un forte calo delle probabilità di soprovvivenza che passano dal 93% al 25% circa. In tale periodo subentra la morte per asfissia acuta per tutti i sepolti che non dispongono di una cavità d'aria in cui respirare. Da 45 a 90 minuti, una piccola percentuale di persone (circa il 20%), può sopravvivere se dispone di una certa quantità d'aria ed ha una sufficiente libertà toracica per i movimenti respirotori. In seguito tra i 90 e i 130 minuti si muore per ipotermia. Resta perciò fondamentale trovare e disseppellire la persona sepolta entro i primi 15 minuti.

22 L AUTOSOCCORSO E FONDAMENTALE CHE I COMPONENTI INIZINO AD ORGANIZZARE I SOCCORSI DEI TRAVOLTI IN MODO AUTONOMO. UNA VOLTA CHE VIENE ALLERTATO IL SOCCORSO ALPINO E CHE QUESTO RIESCE AD INTERVENIRE TRASCORRONO MINIMO DA 20 MINUTI A MEZZ ORA E COME SI PUO VEDERE DALLA CURVA DI SOPRAVVIVENZA, QUESTO INTERVALLO DI TEMPO E FONDAMENTALE. STRATEGIE OPERATIVE FONDAMENTALI L incidente valanghivo giunge il più delle volte improvviso, inatteso, brusco. Regola di fondo sarà se non dovrò io coordinare, saprò mettermi a disposizione. Anche in questo caso il gruppo deve essere preventivamente consapevole di questa necessità di rendersi disponibili senza riserve, di accettare e svolgere compiti, di rispettare i ruoli assegnati, di relazionare in maniera rigida e pragmatica. Tale collettivo atteggiamento sarà finalizzato anche a facilitare l identificazione (ed i compiti) di un leader che possa guidare le scelte e le operazioni; un responsabile dell autosoccorso anche automaticamente individuato per particolari doti al momento dell incidente, di autocontrollo, razionalità, rapidità delle decisioni e che potrebbe anche non coincidere con la persona ritenuta più esperta o carismatica all inizio dell escursione. Il suo compito sarà senz altro favorito dall adesione piena da parte dei soccorritori alla rigida disciplina della sequenza operativa.

23 L AUTOSOCCORSO SE NON SIETE COINVOLTI DIRETTAMENTE DAL DISTACCO: RIMANETE PER QUANTO POSSIBILE CALMI, OSSERVATE IL PERCORSO DELLA VALANGA, INDIVIDUATE I PUNTI DI SCOMPARSA DELLE PERSONE COINVOLTE SUL FRONTE NEVOSO.. LA PERSONA PIU ESPERTA (LEADER, CAPOVALANGA COME VOLETE) SI PRENDERA CARICO DI DIRIGERE LE OPERAZIONI. 1. FARA SPOSTARE TUTTI IN TERRENO SICURO, SI DEPOSITERANNO I MATERIALI (ZAINI ETC.) E SI SPEGNERANNO GLI A.R.T.VA.. 2. DOVRA ALLERTARE (O FAR ALLERTARE) IL SOCCORSO ALPINO TRAMITE IL 118, DANDO ALL OPERATORE IL VOSTRO NOME E NUMERO, LA DESCRIZIONE DEL SITO E L ORA DELL INCIDENTE, QUANTE PERSONE PRESUMIBILMENTE SONO RIMASTE COINVOLTE. A MENO CHE L INCIDENTE NON SIA VERAMENTE BANALE, PER CUI I COINVOLTI SI POSSONO TRARRE D IMPACCIO FACILMENTE, E MEGLIO RIMANDARE INDIETRO I SOCCORRITORI PIUTTOSTO CHE AVERLI FATTI INTERVENIRE IN RITARDO. LASCIATE POI LIBERO IL CELLULARE PER EVENTUALI RICHIAMATE DA PARTE DEI SOCCORRITORI!!!! 3. SE NON C E CAMPO PER IL CELLULARE (CHE DURANTE LA GITA SARA SPENTO PER NON INTERFERIRE CON L A.R.T.VA.) E C E ESUBERANZA DI PERSONE PER L AUTOSOCCORSO SUL CAMPO, MANDARE A VALLE DUE PERSONE PER AVVISARE I SOCCORSI.

24 L AUTOSOCCORSO IL COORDINATORE NOMINATO INOLTRE: 1. VALUTERA MEDIANTE PROPRIE CONOSCENZE O INTERROGANDO GLI ALTRI PARTECIPANTI O SCAMPATI AL TRAVOLGIMENTO QUANTE PERSONE SONO RIMASTE COINVOLTE E SE SONO DOTATE DI A.R.T.VA.. 2. INDIVIDUERA ALCUNE PERSONE (IN PRIMA IPOTESI UNA PERSONA OGNI 20 METRI DI FRONTE VALANGA) CHE VERRANNO MANDATE VELOCEMENTE SUL TERRENO ALLA RICERCA DI SEGNALI VISIVI O DI SUONI O LAMENTI PROVENIENTI DAL LUOGO DELL INCIDENTE. QUESTA RICERCA VISTA UDITO E PRELIMINARE. QUESTI OSSERVATORI POTRANNO ANCHE AVERE L A.R.T.VA. IN RICEZIONE PER FORNIRE PRIME EVENTUALI INDICAZIONI A COLORO CHE SEGUIRANNO. LA RICERCA SI FA IN SILENZIO, PER PERCEPIRE QUALSIASI SEGNALE. IN CASO DI RITROVAMENTO IL LEADER DEVE ESSERE IMMEDIATAMENTE AVVISATO. 3. MANDERA SUBITO A SEGUIRE ALTRI SOCCORRITORI (SEMPRE 1 OGNI 20 METRI DI FRONTE CIRCA) CHE METTERANNO IL LORO A.R.T.VA. IN RICEZIONE ALLA RICERCA DEL PRIMO SEGNALE E QUINDI DEL TRAVOLTO/I CON LE PROCEDURE PRECEDENTEMENTE ILLUSTRATE. 4. METTERA UNA SENTINELLA CHE DA UN POSTO SICURO FARA UN MONITORAGGIO DEL FRONTE AVVISANDO IMMEDIATAMENTE DI EVENTUALI ULTERIORI POSSIBILITA DI DISTACCHI NEVOSI.

25 L AUTOSOCCORSO IL COORDINATORE NOMINATO INOLTRE: 5. VALUTERA ATTENTAMENTE LA MORFOLOGIA DELLA VALANGA, PER INDIRIZZARE I RICERCATORI O EVENTUALI SONDATORI NELLE ZONE PIU OPPORTUNE. 6. MANDERA DIETRO I RICERCATORI PERSONE DOTATE DI SONDA E PALA, PER LA RICERCA DI FINO E IL DISSEPPELLIMENTO. 7. AVENDO RISORSE SUFFICIENTI, ORGANIZZERA IL SONDAGGIO A MAGLIA LARGA (FILA DI SONDATORI SPALLA A SPALLA, UN SONDAGGIO IN AVANZAMENTO OGNI 60 CM CIRCA). APPENA ARRIVANO I SOCCORSI CI SI METTE A LORO DISPOSIZIONE, DESCRIVENDO L ACCADUTO E EVENTUALMENTE TOGLIENDOSI DAL CAMPO, SU LORO RICHIESTA.

26 L AUTOSOCCORSO I RICERCATORI: 1. NON DOVRANNO INTERFERIRE FRA LORO, MANTENENDO LA TRAIETTORIA DI RICERCA SUL FRONTE DELLA VALANGA. POTRANNO LAVORARE A PIEDI O CON GLI SCI A SECONDA DELLO STATO DEL TERRENO. METTERANNO DEI SEGNALI NEI PUNTI OVE E AVVENUTA LA SCOMPARSA DEI TRAVOLTI, O DOVE APPAIONO TRACCE (BASTONCINI, ETC). 2. UNA VOLTA INDIVIDUATO UN TRAVOLTO CHIAMERANNO SONDATORE E SPALATORE CHE SI DEDICHERANNO A QUEL TRAVOLTO, MENTRE IL RICERCATORE ANDRA ALLA RICERCA DEL SEGUENTE SENZA PERDERE TEMPO A SPEGNERE LO STRUMENTO DEL TRAVOLTO. QUESTO FINO AD AVERE RITROVATO TUTTI I TRAVOLTI MUNITI DI A.R.T.VA.. DOPODICHE, SE CI SONO ALTRI TRAVOLTI, SI PASSERA AL SONDAGGIO. I SONDATORI E SPALATORI: 1. INDIVIDUERANNO LA POSIZIONE DEL TRAVOLTO, SCAVANDO NON SOPRA MA DI FIANCO (DA VALLE). APPENA RAGGIUNTA LA TESTA SI LIBERERANNO LE VIE RESPIRATORIE E NEL CASO NON RESPIRI SI PROCEDERA ALLA RESPIRAZIONE ARTIFICIALE E MASSAGGIO CARDIACO. UNA RESPIRAZIONE OGNI QUNDICI MASSAGGI, MEDIAMENTE. (O SECONDA LE ULTIME DISPOSIZIONI DETTATE DAL BASIC LIFE SUPPORT).. 2. MAI, MAI MASSAGGIARE L INFORTUNATO PER RISCALDARLO. SE E IPOTERMICO, COSA MOLTO PROBABILE, RIMETTERESTE IN CIRCOLO IL SANGUE PERIFERICO, FREDDO, NELLE ZONE VITALI CON CONSEGUENZE CATASTROFICHE. UNA VOLTA INDIVIDUATO UN TRAVOLTO IL RICERCATORE CHIAMERA SONDATORE E SPALATORE CHE SI DEDICHERANNO A QUEL TRAVOLTO, MENTRE IL RICERCATORE ANDRA ALLA RICERCA DEL SEGUENTE SENZA PERDERE TEMPO A SPEGNERE LO STRUMENTO DEL TRAVOLTO. QUESTO FINO AD AVERE RITROVATO TUTTI I TRAVOLTI MUNITI DI A.R.T.VA.. DOPODICHE, SE CI SONO ALTRI TRAVOLTI, SI PASSERA AL SONDAGGIO (VEDI SLIDE PRECEDENTE).

27 L AUTOSOCCORSO NOTE PER LO SCAVO E IL DISSEPPELLIMENTO: La soluzione più adeguata consiste invece nello scavare lontano dalla sonda ma dirigendosi verso la sua punta, ed allargare poi lo scavo man mano che si espongono le parti corporee. Verrà così a crearsi una più vasta area all interno del manto nevoso che fungerà da nicchia per la medicalizzazione, ed altresì da corridoio per evacuare il ferito. Le figure a fianco, indicano le modalità di realizzazione dello scavo e, dopo aver individuato il sepolto con la sonda e iniziato lo scavo, la possibilità di usare una seconda sonda per facilitare l individuazione della giacitura del sepolto. Questa possibilità, valutata di volta in volta, può portare anche all opportunità di effettuare un secondo scavo, che già possa estendere quella che sarà l area di medicalizzazione. La figura a fianco illustra la cosiddetta Tecnica del tunnel. Se la densità della neve lo consente, realizzato un primo accesso ad una parte corporea, con la mano guantata si risale lungo la parte scavando con il palmo, cosi da creare una veloce canalizzazione d aria. Appena possibile si orienterà questo tunnel verso la testa del sepolto, per il quale l arrivo di ossigeno è impellente necessità. La figura illustra il sistema di scavo finalizzato a creare un area più ampia dove movimentare e medicalizzare l infortunato in maniera atraumatica.

28 L AUTOSOCCORSO 4 NUMERI SU CUI RIFLETTERE STRATEGIE: Considerazioni sulla priorità di disseppellimento. (Maurizio Lutzenberger G.A. e Istruttore Nazionale Tecnico Soccorso Alpino) Quando si è soli sulla valanga, sembra evidente che, in presenza di un seppellimento multiplo, sia imperativo occuparsi del primo sepolto individuato. In realtà, considerando che il disseppellimento di un travolto alla profondità di 1 metro richiede circa minuti di scavo, quando il primo individuato risulta molto profondo (oltre i 2m) vale certamente la pena spendere qualche minuto per andare a verificare se gli altri vicini non abbiano possibilità di sopravvivenza maggiori trovandosi forse a minore profondità. A tavolino, questa è una sfumatura strategica interessante, ma in realtà si sarà davvero in grado di ignorare le emozioni?

29 DUE NOTE SPESSO IL GRUPPO DI SOCCORSO E OBBLIGATORIAMENTE RISTRETTO. SARA NECESSARIO INDIVIDUARE STRATEGIE DIVERSE, LE PERSONE DOVRANNO FARE MOLTEPLICI COMPITI. AD ESEMPIO: CHI FA VISTA UDITO POTREBBE ESSERE ANCHE LO STESSO RICERCATORE A.R.T.VA.. SPALATORE/SONDATORE DIVENTANO LA STESSA FIGURA. NON SI MANDERANNO A VALLE LE DUE PERSONE PER LA RICHIESTA DI AIUTO FINO AD ALMENO MINUTI DAL TRAVOLGIMENTO. QUESTI OPERERANNO SULLA VALANGA. GLI EFFETTI DELL ASFISSIA SONO PIU IMPORTANTI. IL CAPOVALANGA (LEADER) DOVRA COLLABORARE DIRETTAMENTE SUL TERRENO. IL CAPOVALANGA POTREBBE ESSERE ANCHE LA SENTINELLA. E CHI PIU NE HA PIU NE METTA. AL LIMITE POTREBBE ESSERCI SOLO UNA PERSONA IN SUPERFICIE, CHE DEVE ADOPERARSI PER TUTTO. NON LASCIATE MAI SOLO UN TRAVOLTO, ANCHE SE VI VIENEVOGLIADIANDAREACHIAMAREISOCCORSI..

30 DUE NOTE SI E STACCATA LA VALANGA, SIETE SPETTATORI, NON TRAVOLTI. COSA NON FARE! SI CAPISCE CHE E DIFFICILE, MA LA COSA PEGGIORE E FARSI PRENDERE DAL PANICO. TENERE L A.R.T.VA. ACCESO IN TRASMISSIONE. EQUIVALE A TOGLIERE LA POSSIBILITA DI SOPRAVVIVENZA AI TRAVOLTI PERCHE I RICERCATORI TROVERANNO CHI HA L A.R.T.VA. IN TRASMISSIONE IN SUPERFICIE. TENERE A.R.T.VA. E TELEFONINO ACCESO VICINI, IN QUANTO IL CAMPO ELETTROMAGNETICO DEL TELEFONINO DISTURBA PESANTEMENTE L A.R.T.VA.. SPOSTARE DALLA POSIZIONE ESATTA EVENTUALI TRACCE LASCIATE DAI TRAVOLTI. AGGIUNGERE PARTI DI ATTREZZATURA O OGGETTI PERSONALI, A MENO DI QUELLI INDISPENSABILI PER INDIVIDUARE PARTICOLARI POSTI, DATO CHE QUESTO GENEREREBBE CONFUSIONE. SPORCARE IL TERRENO CON ESCREMENTI, URINA, CIBO, SALIVA, ETC. IN QUANTO I CANI DA VALANGA SAREBBERO DISTOLTI DA QUESTI SEGNALI OLFATTIVI INQUINANTI. MANDARE UNA SOLA PERSONA A CHIAMARE I SOCCORSI, PERCHE SE DOVESSE FARSI MALE NON CI SAREBBERO PIU POSSIBILITA DI RAGGIUNGERE CON LE DOVUTE NOTIZIE IL FONDO VALLE (OLTRE AD AVERE UN ULTERIORE DISPERSO). MASSAGGIARE IL TRAVOLTO, SOPRATTUTTO GAMBE E BRACCIA, PERCHE SI RIMANDA VERSO IL TORACE E IL CUORE SANGUE A BASSISSIMA TEMPERATURA, CON CONSEGUENZE CARDIACHE QUASI SEMPRE FATALI. IL TRAVOLTO IN ATTESA DEI SOCCORSI DEVE ESSERE PROTETTO DAL FREDDO E MANTENUTO POSSIBILMENTE TRANQUILLO.

31 DUE NOTE SI E STACCATA LA VALANGA, SIETE TRAVOLTI. COSA FARE? SI CAPISCE CHE E DIFFICILE, MA LA COSA PEGGIORE E FARSI PRENDERE DAL PANICO. SE RIUSCITE A RIMANERE IN PIEDI SUGLI SCI, CERCATE DI TOGLIERVI DALLA TRAIETTORIA DELLA VALANGA. NON CI RIUSCITE: TOGLIETEVI GLI SCI, I BASTONCINI LI AVRETE GIA ABBANDONATI VISTO CHE NON DEVONO ESSERE IMPUGNATI NEL LACCIOLO. PROVATE A GALLEGGIARE SULLA NEVE, SUI LASTRONI, COME SE NUOTASTE (NON E COSI FACILE, MA A VOLTE E POSSIBILE) SE SIETE COINVOLTI IN PIENO, CERCATE DI ASSUMERE UNA POSIZIONE RACCOLTA, LO ZAINO VI PROTEGGERA LA SCHIENA, METTETEVI LE MANI DAVANTI AL VOLTO PER CREARE UNA MINIMA RISERVA D ARIA E PROTEGGERVI. UNA VOLTA FERMI, CERCATE DI VALUTARE IN CHE POSIZIONE SIETE FINITI. POTETE FARVI SCIVOLARE SUL VOLTO DELLA SALIVA, LA DIREZIONE CHE PRENDERA VI DARA CON BUONA APPROSSIMAZIONE LA DIREZIONE DELLA VERTICALE. SE SENTITE RUMORI O MOVIMENTI, URLATE, POTREBBERO SENTIRVI. AVETE LA FORTUNA DI RIUSCIRE A RIEMERGERE? VALUTATE SENSATAMENTE SE SIETE IN GRADO DI AIUTARE NELLE RICERCHE, PARLATE CON IL CAPOVALANGA. NEL CASO NON CI SIA BISOGNO DI VOI TROVATEVI UN POSTO SICURO E SPEGNETE L A.R.T.VA., ALTRIMENTI SPEGNETELO COMUNQUE O METTETELO IN RICEZIONE SE SIETE UN RICERCATORE..

32 IL SOCCORSO ORGANIZZATO APPENA POSSIBILE SI DOVRA ALLERTARE (O FAR ALLERTARE) IL SOCCORSO ALPINO TRAMITE IL 118 (RE.GA IN SVIZZERA), DANDO ALL OPERATORE IL VOSTRO NOME E NUMERO, LA DESCRIZIONE DEL SITO E L ORA DELL INCIDENTE, QUANTE PERSONE PRESUMIBILMENTE SONO RIMASTE COINVOLTE. A MENO CHE L INCIDENTE NON SIA VERAMENTE BANALE, PER CUI I COINVOLTI SI POSSONO TRARRE D IMPACCIO FACILMENTE, E MEGLIO RIMANDARE INDIETRO I SOCCORRITORI PIUTTOSTO CHE AVERLI FATTI INTERVENIRE IN RITARDO. LASCIATE POI LIBERO IL CELLULARE PER EVENTUALI RICHIAMATE DA PARTE DEI SOCCORRITORI!!!!

33 COSA FARE QUANDO ARRIVA L ELICOTTERO YES & NO DUE BRACCIA ALZATE: SI ALLA RICHIESTA DI AIUTO UN BRACCIO SU ED UNO GIU : NO, NON ABBIAMO BISOGNO DI AIUTO. AREA DI ATTERRAGGIO VALUTARE BENE LA POSIZIONE DEGLI OSTACOLI, PORSI CON IL VENTO ALLE SPALLE, A MONTE DELL AREA DI ATTERRAGGIO. NON CAMBIATE POSIZIONE, AL PIU METTETEVI IN GINOCCHIO. IL PILOTA HA SOLTANTO VOI COME RIFERIMENTO.

34 COSA FARE QUANDO ARRIVA L ELICOTTERO FASCIA DI APPROCCIO ATTENZIONE! CI SI AVVICINA UNICAMENTE DA SINISTRA O DESTRA, ZONA FUSOLIERA. NON DA DAVANTI, MAI NEI PRESSI DEL ROTORE DI CODA. POSSIBILMENTE ASPETTARE CHE IL ROTORE SIA FERMO (IMPOSSIBILE SE ELICOTTERO IN OVERING). IL PILOTA NON PUO VEDERVI BENE SE NON NELLE FASCE INDICATE. DAVANTI IL ROTORE PUO ABBASSARSI SE L ELICOTTERO DOVESSE RIPRENDERE IL VOLO. CONSEGUENZE. LASCIO A VOI.

35 ENTRA IN AZIONE IL SOCCORSO ORGANIZZATO RIFERITE QUANTO PIU DETTAGLIATAMENTE AL CAPOVALANGA (DELLA SQUADRA DI SOCCORSO): INCIDENTE, NUMERO PRESUNTO TRAVOLTI, POSSIBILE POSIZIONE, ORARI, PRESENZA DI PERSONE SENZA A.R.T.VA. METTETEVI A DISPOSIZIONE, IN OGNI SENSO, ANCHE SE POTREBBE DIRVI DI METTERVI IN DISPARTE.

36 ENTRA IN AZIONE IL SOCCORSO ORGANIZZATO IL SOCCORSO ORGANIZZATO COMINCERA A LAVORARE COME DA PROTOCOLLO: VISTA UDITO RICERCA A.R.VA VALORE AGGIUNTO DELLE UNITA CINOFILE SQUADRE ORGANIZZATE DI SONDATORI L ELICOTTERO SONDERA IL CAMPO CON UN A.R.T.VA. A BORDO, CALANDO UN ANTENNA

37 E INDISPENSABILE ESSERE PRONTI CONOSCERE SE STESSI ED I MEZZI A DISPOSIZIONE FARE TUTTO QUELLO CHE POSSIAMO PER EVITARE UN INCIDENTE E LE SUE CONSEGUENZE MA NON DOBBIAMO PERO FARCI IMPRESSIONARE IN MODO ESAGERATO, AL PUNTO DA PENSARE CHE IL NOSTRO SPORT POSSA ESSERE UN ATTIVITA ECCESSIVAMENTE PERICOLOSA. IL NUMERO DI INCIDENTI, RISPETTO AL NUMERO DI GITE CHE VENGONO SVOLTE, E PER FORTUNA MOLTO LIMITATO. QUINDI.. BUONE GITE!

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg.

F S V F? Soluzione. Durante la spinta, F S =ma (I legge di Newton) con m=40 Kg. Spingete per 4 secondi una slitta dove si trova seduta la vostra sorellina. Il peso di slitta+sorella è di 40 kg. La spinta che applicate F S è in modulo pari a 60 Newton. La slitta inizialmente è ferma,

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag.

DEM8.5/10. Istruzioni per l uso...pag. 2. Use and maintenance manual...pag. 11. Mode d emploi et d entretien...pag. 20. Betriebsanleitung...pag. DEM8.5/10 Istruzioni per l uso............pag. 2 Use and maintenance manual....pag. 11 Mode d emploi et d entretien.....pag. 20 Betriebsanleitung.............pag. 29 Gebruiksaanwijzing..............pag.

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

PROGRESSIONE SU GHIACCIAIO DELLA CORDATA

PROGRESSIONE SU GHIACCIAIO DELLA CORDATA Dispensa informativa sulla PROGRESSIONE SU GHIACCIAIO DELLA CORDATA Nota: questa dispensa e stata realizzata a cura di M.Meroni e L.Castelli ed e frutto sia dell esperienza degli istruttori della Scuola

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

Club Alpino Italiano NODI E MANOVRE DI CORDA PER L ESCURSIONISMO. Ettore Castiglioni CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI TREGNAGO

Club Alpino Italiano NODI E MANOVRE DI CORDA PER L ESCURSIONISMO. Ettore Castiglioni CLUB ALPINO ITALIANO SEZIONE DI TREGNAGO CLU LPINO ITLINO C I CLU LPINO ITLINO E S C U RSIONISMO Club lpino Italiano SEZIONE DI TREGNGO Ettore Castiglioni CLU LPINO ITLINO CLU LPINO ITLINO SEZIONE DI TREGNGO Vicolo Cipolla, 20-37039 Tregnago

Dettagli

Trekking di più giorni

Trekking di più giorni SEZIONE DI MORTARA Trekking di più giorni Cosa portare nello zaino Escursioni di più giorni Per i trekking il discorso peso diventa ancora più importante delle escursioni di un giorno o due. Portare sulle

Dettagli

AIUT ALPIN DOLOMITES

AIUT ALPIN DOLOMITES AIUT ALPIN DOLOMITES Base Provinciale Elisoccorso Malga Sanon (mt. 1856 s.l.m.) Alpe di Siusi ( Bolzano ) Dr. Michele Nardin Responsabile sanitario AAD Raffael Kostner Responsabile tecnico AAD Premessa:

Dettagli

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia

Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar. Classe IV. Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia Scuola Primaria Istituto Casa San Giuseppe Suore Vocazioniste Meno male che c è Lucky!!! La missione del W.F.P. in Madagascar Classe IV Maestre: Cristina Iorio M. Emanuela Coscia È il 19 febbraio 2011

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile

Elegant ECM. La serie è composta da 12 modelli: la versione RE-ECM, Condizionatore Pensile Elegant ECM Condizionatore Pensile I condizionatori Elegant ECM Sabiana permettono, con costi molto contenuti, di riscaldare e raffrescare piccoli e medi ambienti, quali negozi, sale di esposizione, autorimesse,

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

GUIDA ALLE SOLUZIONI

GUIDA ALLE SOLUZIONI La caratteristica delle trasmissioni digitali è " tutto o niente ": o il segnale è sufficiente, e quindi si riceve l'immagine, oppure è insufficiente, e allora l'immagine non c'è affatto. Non c'è quel

Dettagli

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA

OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA OBIETTIVI DELL ATTIVITA FISICA DEI BAMBINI DAI 6 AGLI 11 ANNI SECONDA PARTE LA CORSA Dopo avere visto e valutato le capacità fisiche di base che occorrono alla prestazione sportiva e cioè Capacità Condizionali

Dettagli

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP Salve, questo circuito nasce dall'esigenza pratica di garantire continuità di funzionamento in caso di blackout (accidentale o provocato da malintenzionati)

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA

ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA ATTIVITA MOTORIA DAI 5 AI 7 ANNI PREMESSA DAI 5 AI 7 ANNI LO SCOPO FONDAMENTALE DELL ALLENAMENTO E CREARE SOLIDE BASI PER UN GIUSTO ORIENTAMENTO VERSO LE DISCIPLINE SPORTIVE DELLA GINNASTICA. LA PREPARAZIONE

Dettagli

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno)

Citofono senza fili. Installazione. ed uso. (fascicolo staccabile all interno) Citofono senza fili Installazione ed uso (fascicolo staccabile all interno) Sommario Presentazione... 3 Descrizione... 4 La postazione esterna... 4 La placca esterna... 4 Il quadro elettronico... 4 La

Dettagli

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione

Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione Esercizi su elettrostatica, magnetismo, circuiti elettrici, interferenza e diffrazione 1. L elettrone ha una massa di 9.1 10-31 kg ed una carica elettrica di -1.6 10-19 C. Ricordando che la forza gravitazionale

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303

Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive. Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici 2009-0303 Come ha detto? Pacchetto didattico sul rumore e sulle lesioni uditive Esercizi di approfondimento 60 minuti semplici Obiettivo Gli studenti sono in grado di approfondire in maniera corretta informazioni

Dettagli

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale

La distribuzione Normale. La distribuzione Normale La Distribuzione Normale o Gaussiana è la distribuzione più importante ed utilizzata in tutta la statistica La curva delle frequenze della distribuzione Normale ha una forma caratteristica, simile ad una

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

I Grafici. La creazione di un grafico

I Grafici. La creazione di un grafico I Grafici I grafici servono per illustrare meglio un concetto o per visualizzare una situazione di fatto e pertanto la scelta del tipo di grafico assume notevole importanza. Creare grafici con Excel è

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento

esame di stato 2012 seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento RTICL rchimede 4 esame di stato seconda prova scritta per il liceo scientifico di ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario PRBLEM Siano f e g le funzioni

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613

CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 CENTRALINA ELETTRONICA FAR Art. 9600-9612 - 9613 MANUALE D ISTRUZIONE SEMPLIFICATO La centralina elettronica FAR art. 9600-9612-9613 è adatta all utilizzo su impianti di riscaldamento dotati di valvola

Dettagli

(accuratezza) ovvero (esattezza)

(accuratezza) ovvero (esattezza) Capitolo n 2 2.1 - Misure ed errori In un analisi chimica si misurano dei valori chimico-fisici di svariate grandezze; tuttavia ogni misura comporta sempre una incertezza, dovuta alla presenza non eliminabile

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici.

DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! www.etichetta-pneumatici. DITE LA VOSTRA NELLA SCELTA DEI PNEUMATICI: CHIEDETE PNEUMATICI SICURI, A BASSO CONSUMO ENERGETICO E SILENZIOSI! PNEUMATICI MIGLIORI SULLE STRADE SVIZZERE Dire la propria nella scelta dei pneumatici? Dare

Dettagli

Bollettini valanghe e altri prodotti

Bollettini valanghe e altri prodotti WSL Istituto per lo studio della neve e delle valanghe SLF WSL-Institut für Schnee- und Lawinenforschung SLF WSL Institut pour l'étude de la neige et des avalanches SLF WSL Institute for Snow and Avalanche

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

X5 F15 PHEV. Legenda. BMW X5 F15 PHEV (C) 2015 BMW AG München, Deutschland Edizione 01/2015. (a partire da 03/2015)

X5 F15 PHEV. Legenda. BMW X5 F15 PHEV (C) 2015 BMW AG München, Deutschland Edizione 01/2015. (a partire da 03/2015) file://c:\users\qx54891\appdata\local\temp\10\dw_temp_qx54891\vul-rek-bm Page 1 of 7 BMW X5 F15 PHEV (C) 2015 BMW AG München, Deutschland Edizione 01/2015 X5 F15 PHEV (a partire da 03/2015) Legenda Airbag

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE

Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Co.ma. S.p.a. COILS MANUFACTURER BATTERIE RADIANTI MANUALE DI MONTAGGIO, AVVIAMENTO E MANUTENZIONE BATTERIE ALETTATE Sommario Premessa Movimentazione Installazione Manutenzione Avvertenze 2 Premessa 3

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette )

Regolamento Nazionale Specialità POOL 8-15 ( Buche Strette ) Regolamento Nazionale Specialità "POOL 8-15" ( Buche Strette ) SCOPO DEL GIOCO : Questa specialità viene giocata con 15 bilie numerate, dalla n 1 alla n 15 e una bilia bianca (battente). Un giocatore dovrà

Dettagli

Informazioni per i portatori di C Leg

Informazioni per i portatori di C Leg Informazioni per i portatori di C Leg C-Leg : il ginocchio elettronico Otto Bock comandato da microprocessore per una nuova dimensione del passo. Gentile Utente, nella Sua protesi è implementato un sofisticato

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Tratto dal corso Ifoa UN CASO CONCRETO DI VALUTAZIONE DELLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE Recentemente, si sono sviluppati numerosi modelli finalizzati a valutare e a controllare il livello di soddisfazione

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni

CADUTE. In sicurezza ad ogni passo. upi Ufficio prevenzione infortuni CADUTE In sicurezza ad ogni passo upi Ufficio prevenzione infortuni Andare a fare la spesa, montare una lampadina stando su una scala portatile, fare le scale: sono attività che svolgiamo comunemente ogni

Dettagli

Punti inaccessibili e artifici

Punti inaccessibili e artifici Appunti di Topografia Volume 1 Goso Massimiliano Punti inaccessibili e artifici Punti inaccessibili e Artifici. Revisione 1-06/11/2009 Autore : Massimiliano Goso Email: Copyright (c) 2009 Massimiliano

Dettagli

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO VALIDO PER MOD. DTCHARGE E 1000 CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO LEGGERE CON CURA IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI ALIMENTARE TOGLIAMO IL COPERCHIO, COSA FARE?? Il DTWind monta alternatori tri fase. Ne consegue

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE

La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti. 10 domande per gli operatori a terra OSDE La sicurezza durante la raccolta e il trasporto di rifiuti 10 domande per gli operatori a terra OSDE 1. Sono sempre visibile agli altri? Indosso sempre un indumento ad alta visibilità, anche quando fa

Dettagli

Guida Breve alle Regole del FootGolf

Guida Breve alle Regole del FootGolf Guida Breve alle Regole del FootGolf Lo Spirito del Gioco INTRODUZIONE Il Footgolf è giocato, per la maggior parte, senza la supervisione di un arbitro. Il gioco si affida all integrità dell individuo

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!!

Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! SEZIONE PROGETTI AVAB Amici del Volo Aeromodellistico di Bovolone Schiumino tutt ala chiamatelo come volete, l importante è divertirsi!!! Di Federico Fracasso In questo articolo spiegherò a grandi passi

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA.

PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI BMW/MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. PUNTATE ALLE STELLE. INFORMAZIONI SU RUOTE COMPLETE E PNEUMATICI ORIGINALI /MINI CON IL MARCHIO DELLA STELLA. Switzerland PNEUMATICI SU MISURA. Lo sviluppo di uno pneumatico originale /MINI ha inizio già

Dettagli

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI

IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI IMPARARE GIOCANDO A 9/10 ANNI appunti dalla lezione del 19 maggio 2002 al Clinic di Riccione relatore Maurizio Cremonini, Istruttore Federale Set. Scol. e Minibasket I BAMINI DEVONO SCOPRIRE CIO DI CUI

Dettagli

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA

SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA SVILUPPO SOSTENIBILE L ETICHETTA ENERGETICA 24 2 Sommario Perché questo opuscolo 3 Il benessere sostenibile e i consumi delle famiglie italiane 4 Le etichette energetiche 5 La scheda di prodotto 9 L etichetta

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9

Sommario. Introduzione. Pagina. Regole fondamentali 3. Prudenza con i pedoni 5. I mezzi di trasporto pubblici 7. La precedenza da destra 9 La precedenza ed io Sommario Pagina Regole fondamentali 3 Prudenza con i pedoni 5 I mezzi di trasporto pubblici 7 La precedenza da destra 9 Segnali stradali 10 Segnali luminosi 12 Il traffico in senso

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015

PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 PRONTI PER L INVERNO 2014-2015 Automobile Club Reggio Emilia Non rimanere bloccato... usa il trasporto pubblico con MI MUOVOCARD o tieni in tasca il tuo biglietto multicorsa MI MUOVO CARD Abbonamenti mensili

Dettagli

Manuale dell operatore

Manuale dell operatore Technical Publications 20 Z-30 20HD Z-30 Manuale dell operatore Modelli precedenti al numero di serie 2214 First Edition, Second Printing Part No. 19052IT Sommario Pagina Norme di sicurezza... 3 Controllo

Dettagli

una saldatura ad arco

una saldatura ad arco UTENSILERIA Realizzare una saldatura ad arco 0 1 Il tipo di saldatura Saldatrice ad arco La saldatura ad arco si realizza con un altissima temperatura (almeno 3000 c) e permette la saldatura con metallo

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Originali Bosch! La prima livella laser

Originali Bosch! La prima livella laser Originali Bosch! La prima livella laser per superfici al mondo NOVITÀ! La livella laser per superfici GSL 2 Professional Finalmente è possibile rilevare con grande facilità le irregolarità su fondi in

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

IL FENOMENO DELLA RISONANZA

IL FENOMENO DELLA RISONANZA IL FENOMENO DELLA RISONANZA Premessa Pur non essendo possibile effettuare una trattazione rigorosa alle scuole superiori ritengo possa essere didatticamente utile far scoprire agli studenti il fenomeno

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione

Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione WWW.FUHR.DE Modulo di ricezione radio NBFP490 con telecomando master Istruzioni di montaggio, uso e manutenzione Le presenti istruzioni dovranno essere trasmesse dall addetto al montaggio all utente MBW24-IT/11.14-8

Dettagli

THRUSTMASTER MANUALE D USO ENGLISH DEUTSCH CARATTERISTICHE TECNICHE HOTLINE

THRUSTMASTER MANUALE D USO ENGLISH DEUTSCH CARATTERISTICHE TECNICHE HOTLINE THRUSTMASTER MANUALE D USO DEUTSCH ENGLISH CARATTERISTICHE TECNICHE 1. Stick ad 8 direzioni 2. 8 pulsanti azione analogici: X, Y, A, B, Nero, Bianco, T1 = trigger destro, T2 = trigger sinistro 3. Pulsante

Dettagli

Document Name: RIF. MonoMotronic MA 3.0 512 15/54 30 15 A 10 A 10 M 1 234

Document Name: RIF. MonoMotronic MA 3.0 512 15/54 30 15 A 10 A 10 M 1 234 MonoMotronic MA.0 6 7 8 9 / 0 8 7 6 0 9 A B A L K 7 8 6 9 0 8 0 A 0 0 C E D 6 7 7 M - 6 0 9 7-9 LEGENDA Document Name: MonoMotronic MA.0 ) Centralina ( nel vano motore ) ) Sensore di giri e P.M.S. ) Attuatore

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli