Number of researchers per 1000 labour force 2003 Average annual growth rates (%)

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Number of researchers per 1000 labour force 2003 Average annual growth rates (%) 1997-2003"

Transcript

1 Il dottorato di ricerca italiano nel processo di Bologna Dino Pedreschi Università di Pisa Il futuro del dottorato di ricerca coincide con il futuro del nostro intero sistema dell università e della ricerca: l uno non potrà crescere e svilupparsi senza l altro. Non è un caso che il tema dello sviluppo degli studi dottorali abbia preso sempre più importanza nel cosiddetto Processo di Bologna, rivolto a costruire l area europea dell istruzione superiore, fino a diventare con il convegno dei ministri UE di Bergen 2005 ed quello di Londra 2007 un tema centrale, se non il tema centrale. Il motivo è evidente: come può l Europa centrare l ambizioso obiettivo di Lisbona diventare la più competitiva economia basata sulla conoscenza, capace di coniugare sviluppo ed equità sociale se mancano i ricercatori rispetto alla concorrenza? Il grafico (dati OCSE, 2003) fotografa impietosamente la realtà Japan US EU-25 Number of researchers per 1000 labour force 2003 Average annual growth rates (%) Come si inquadra in queste strategie europee il dottorato italiano? A che punto siamo? Per ragionare sulle prospettive propongo un esercizio. Nel febbraio 2005 si è tenuto a Salisburgo uno dei Bologna Seminar intitolato Doctoral Programmes for the European Knowledge Society, al termine dei quali sono stati enunciati dieci principi di base per lo sviluppo di programmi di dottorato: questi, oggi noti come i princípi di Salisburgo, sono divenuti punti di riferimento nel processo di Bologna. L esercizio è il seguente: elenchiamoli uno ad uno e proviamo a riflettere,

2 caso per caso, sulla realtà italiana del dottorato. Con l obiettivo di delineare le domande giuste, piuttosto che risposte preconfezionate. 1. La componente centrale del dottorato è l avanzamento della conoscenza attraverso ricerca originale. Al tempo stesso, il dottorato deve intercettare in misura crescente le necessità di un mercato del lavoro più ampio di quello strettamente accademico. (The core component of doctoral training is the advancement of knowledge through original research. At the same time it is recognised that doctoral training must increasingly meet the needs of an employment market that is wider than academia.) Sia a livello europeo, nel processo di Bologna, che a livello italiano, nella riforma dell autonomia didattica, la missione del dottorato si va modificando: dalla formazione dei soli ricercatori in senso stretto anche a quella degli innovatori, capaci di trasferire conoscenza nell industria e nella pubblica amministrazione. Siamo d accordo? Siamo convinti che un percorso di formazione alla ricerca sia in realtà l unico modo di formare anche competenze reali di trasferimento tecnologico verso il sistema produttivo? Io credo che questa sia un opzione strategica per l Italia, perché la conoscenza si trasferisce solo sulle gambe delle persone. Quanta strada c è da fare in questa direzione! Il dottorato è percepito oggi, in Italia, come un affare interno delle università. Si percepisce incertezza sulle finalità del dottorato: una gestione spesso personalistica e iper-specialistica da parte dei docenti, una diffusa diffidenza da parte delle imprese. I numeri sono bassi nei singoli dottorati, ma anche globalmente: 8000 dottori di ricerca all anno, pochi rispetto ai colleghi internazionali. Le stime OCSE (Fonte: Education at a glance 2005) ci dicono che i nostri dottori di ricerca, pur considerando gli specializzati delle scuole di medicina e simili, sono neppure lo 0,5% dei giovani della relativa fascia di età, a fronte di una media OCSE dell 1,3% e di punte come la Germania (2%), la Gran Bretagna (1,8%) o la Svezia (2,8%).

3 Occorre rafforzare il dottorato e insieme promuoverlo con forza verso il mercato del lavoro. I meccanismi possono essere gli incentivi fiscali alle imprese che assumono dottori di ricerca, la priorità di accesso ai fondi di ricerca industriale per le imprese che impiegano dottori di ricerca, il riconoscimento del titolo di dottore di ricerca per l accesso a ruoli dirigenziali nella PA, il riconoscimento e, in prospettiva, l obbligatorietà del titolo di dottore di ricerca per l accesso alla carriera accademica e negli enti pubblici di ricerca. Ma è anche necessario un grande sforzo di comunicazione verso la società, per aiutare a far passare l idea che il dottorato sta cambiando pelle, sta assumendo questa duplice finalità di creare ricercatori e innovatori. 2. Integrazione nelle strategie istituzionali: le università, come istituzioni, devono assumersi la responsabilità di garantire che i programmi di dottorato e di avviamento alla ricerca che esse offrono siano disegnati per rispondere alle nuove sfide e per aprire opportunità di adeguate carriere professionali. (Embedding in institutional strategies and policies: universities as institutions need to assume responsibility for ensuring that the doctoral programmes and research training they offer are designed to meet new challenges and include appropriate professional career development opportunities.) A livello europeo, insomma, si va consolidando l opinione che il dottorato sia un punto chiave della missione dell università, e che le università debbano sviluppare strategie di lungo termine per lo sviluppo di forti ambienti di ricerca e meccanismi per migliorare la qualità dei dottorati. La conseguenza dei primi due principi è che il dottorato, nel processo di Bologna, è il terzo livello della formazione universitaria, non il primo livello della carriera universitaria. Se riusciremo a condurre in porto la riforma dei cicli e le studentesse e gli studenti migliori saranno in grado di prendersi la laurea magistrale in 5 anni o giù di lì (come peraltro già accade in molti casi), il dottorato diventerà per questi studenti semplicemente il più alto livello della formazione universitaria. Le università sono tenute a garantirne finalità, organizzazione, qualità, risorse adeguate. L impegno dei docenti nel dottorato deve far parte del normale carico istituzionale, in un quadro di sostenibilità organizzativa e scientifico-culturale. Quanta di questa consapevolezza è presente nei nostri atenei? Quanto integrati sono i nostri dottorati nell offerta didattica delle singole università o di loro consorzi? Quanto accoglienti in ingresso sono i nostri dottorati? Quanto dibattito è in corso sulle migliori modalità per strutturare la formazione dottorale e garantirne la qualità? 3. L importanza della diversità: la ricca diversità di programmi dottorali in Europa incluso di dottorati congiunti è un punto di forza che deve essere valorizzato attraverso la qualità.

4 (The importance of diversity: the rich diversity of doctoral programmes in Europe - including joint doctorates - is a strength which has to be underpinned by quality and sound practice.) In ogni decalogo europeo la diversità è un comandamento: certo è importante, perché stiamo in un continente ricco e diverso, e la diversità è ricchezza in un contesto di qualità e di valutazione. Nel dottorato ad esempio, c è grande diversità di modelli: scuole di dottorato, consorzi di dottorato, graduate schools, dottorati internazionali congiunti, dottorati professionali, e altro ancora, come emerge ad esempio dalla discussione al recente Bologna Seminar sul dottorato tenutosi a Nizza nel Dicembre Il dibattito sui diversi modelli è in ritardo in Italia, eppure è importante porsi il problema se si intendono rivedere le finalità stesse del dottorato. 4. Dottorandi come ricercatori in erba, da riconoscere come professionisti con diritti commisurati che danno un contributo chiave alla creazione di nuova conoscenza. (Doctoral candidates as early stage researchers: should be recognized as professionals with commensurate rights - who make a key contribution to the creation of new knowledge.) Il dottorando è uno studente che paga una retta (o usufruisce di una borsa di studio) oppure è un ricercatore in erba che, per la durata del suo avviamento alla ricerca, partecipa a pieno titolo alle attività dell ambiente in cui si trova? La risposta che si è data a questa domanda, nel comunicato di Bergen 2007, è saggia: il dottorando è entrambe le cose. E proprio così un dottorando, al contempo uno studente con diritti e doveri da studente, ma anche una figura che impara a fare ricerca facendola, e nel farlo agisce come un professionista che contribuisce in modo originale all avanzamento delle conoscenze. La metafora che più si addice a questo status è quella dell adolescente, che non è più un bambino, ma non è ancora completamente adulto, ha bisogno di una transizione assistita verso l età adulta, ha bisogno che la famiglia provi a dargli le chiavi di casa per cominciare a misurarsi con il mondo che sta là fuori. Se accettiamo questo modo di ragionare, al duplice status di studente/ricercatore junior devono corrispondere doveri e diritti commisurati. Bene, allora in qualità di ricercatori in erba, queste persone nella fascia dei anni, che fanno progetti di vita, che mettono su famiglia, hanno bisogno di un welfare. Diritti elementari, come la copertura previdenziale e sanitaria, il sostegno alla maternità, l attenzione alle questioni di genere e alle pari opportunità, in riferimento alla Carta europea dei ricercatori, la possibilità di accedere a fonti di reddito per la loro attività di supporto alle ricerche e alla didattica. In qualità di studenti, i dottorandi hanno diritto che la Costituzione venga applicata per quanto riguarda il diritto allo studio, che deve essere esteso anche al dottorato, coerentemente alla logica del terzo livello della formazione universitaria. Si dia piena attuazione al principio che lo Stato sostiene gli studenti capaci e meritevoli, ma privi di mezzi. Si punti sul dottorato anche come strumento per far ripartire quella mobilità sociale che nel nostro paese sembra essersi interrotta: come collettività, dovremmo oggi sentire la responsabilità non solo di assicurare pari opportunità in partenza ai nostri giovani, ma anche di spingere i giovani di

5 miglior talento ai vertici più alti della formazione, nel loro interesse e di quello del paese. 5. Il ruolo della supervisione e della valutazione dei dottorandi: i relativi accordi dovrebbero essere formalizzati in un contratto fra dottorando, supervisore ed istituzione. (The crucial role of supervision and assessment: in respect of individual doctoral candidates, arrangements for supervision and assessment should be based on a transparent contractual framework of shared responsibilities between doctoral candidates, supervisors and the institution.) Per affrontare le nuove sfide, il dottorato dovrà avere una struttura più solida e definita come percorso di studi? A livello europeo c è un chiaro trend verso una migliore organizzazione ed una più precisa regolamentazione dei diritti e dei doveri dei dottorandi, dei supervisori e delle istituzioni, addirittura attraverso espliciti contratti individuali, anche per evitare casi di abbandono dei dottorandi da parte dei supervisori o sovraccarico del lavoro di supervisione (un fenomeno purtroppo sconosciuto in Italia!). Certo, l implementazione di scuole di dottorato con struttura più solida implica l estensione delle attività didattiche, la possibilità di programmare l attività del dottorato in riferimento a risorse adeguate e stabilite, sia in termini di docenti interni (con relativo riconoscimento dell attività didattica e di supervisione nel dottorato nell ambito del carico didattico complessivo del docente) che di docenti internazionali. Il comunicato di Bergen, saggiamente, raccomanda però di non esagerare con la regolamentazione del dottorato. In Italia, oggi, si registra una decisa carenza di struttura organizzativa e solidità del percorso di studio, insieme con un eccesso di regolamentazione sull esame di ammissione, che tende a sfavorire la mobilità studentesca fra le diverse sedi universitarie e, ancor più, fra le diverse discipline. In realtà, occorre fare proprio il contrario: da un lato rinsaldare la struttura, senza eccedere per non snaturare l esperienza del dottorato come formazione alla ricerca attraverso la ricerca, e, dall altro lato, deregolamentare le procedure di ammissione eliminando le prove scritte ed orali e allineandoci alla selezione su dossier, come avviene nella maggior parte dei paesi europei, per favorire la mobilità geografica, anche internazionale, e inter-disciplinare. 6. Massa critica: i dottorati dovrebbero tendere a raggiungere una massa critica da grandi scuole dottorali nelle università maggiori a collaborazioni internazionali, nazionali o regionali fra università. (Achieving critical mass: Doctoral programmes should seek to achieve critical mass and should draw on different types of innovative practice being introduced in universities across Europe, bearing in mind that different solutions may be appropriate to different contexts and in particular across larger and smaller European countries. These range from graduate schools in major universities to international, national and regional collaboration between universities.)

6 La formazione dottorale è efficace solo se inserita in ambienti di ricerca vigorosi, stimolanti, attivi e riconosciuti a livello internazionale. Un dottorato proficuo deve dare l opportunità ai dottorandi di operare in gruppi ed ambienti di ricerca diversi, scongiurando le monoculture e l omologazione. Perché? Perché si impara a fare ricerca solo in posti in cui la si fa davvero, a livelli di eccellenza. E l eccellenza è birichina: da noi come in ogni parte del mondo non si concentra tutta in poche università o centri di ricerca facilmente etichettabili, ma tende a distribuirsi un po qua e un po là, ed ogni approccio semplicistico per separare università di ricerca ed università di didattica, università di seria A e di serie B, è destinato a fallire. Non c è alternativa a valutare, quindi: valutare e capire quando e dove le eccellenze diffuse nelle università e negli enti di ricerca possono raggiungere la massa e la qualità critica che consente di fare buoni dottorati di ricerca. Oggi in Italia la frammentazione dei dottorati, invece, è terribile. Abbiamo troppi dottorati troppo piccoli, con pochi dottorandi, spesso anche con una limitata idoneità scientifica di sedi o di consorzi. Stiamo addirittura tornando indietro, con i consorzi di dottorato che vanno diminuendo. Una delle sfide per la nascente Agenzia Nazionale per la Valutazione dell Università e della Ricerca è proprio la valutazione del dottorato, bisogna premiare i dottorati che riescono a raggiungere qualità e massa critica e penalizzare invece la frammentazione. Occorre fare emergere le migliori occasioni esistenti e potenziali per la creazione di scuole di dottorato, valorizzando tutte le strutture della ricerca. La ricerca si fa bene al CNR, all INFN e presso gli altri enti pubblici di ricerca, ed in giro per l Europa tutte le istituzioni di ricerca più prestigiose, universitarie o meno, collaborano per creare scuole dottorali. Queste opportunità devono essere colte per produrre programmi dottorali forti. 7. Durata: i dottorati dovrebbero operare entro una durata prefissata (3-4 anni) (Duration: doctoral programmes should operate within an appropriate time duration three to four years full-time as a rule). Almeno su questo aspetto, non ovvio in alcuni paesi europei, in Italia siamo a posto! Mantenere l uniformità su tre anni (con la possibilità di estensione di un solo anno per completare la tesi) è però un importante aspetto da salvaguardare. 8. Innovazione: affrontare la sfida della multi-disciplinarietà e dello sviluppo di competenze trasferibili (The promotion of innovative structures: to meet the challenge of interdisciplinary training and the development of transferable skills.) Solo le grandi sfide attraggono, oggi come sempre, i giovani di maggior talento verso la ricerca scientifica. Oggi, le sfide più difficili ed affascinanti che ci troviamo a fronteggiare sono fortemente multi-disciplinari: La sostenibilità ambientale e sociale dello sviluppo Il dilemma energetico, le fonti di energia rinnovabili Le opportunità e i drammi della globalizzazione e l iniqua distribuzione delle risorse

7 Le trasformazioni sociali, economiche, culturali legate alle tecnologie dell informazione e della conoscenza, ad Internet Le biotecnologie, la bioinformatica, la bioetica La privacy, la libertà, la democrazia ai tempi di internet La mobilità sostenibile e la gestione del traffico, la pianificazione urbana nelle megalopoli del XXI secolo Per affrontare queste sfide occorre un approccio globale, che non si trova facilmente dentro gli steccati tradizionali delle nostre facoltà. Occorre una nuova generazione di ricercatori allenati al dialogo multi-disciplinare, in grado diventare agenti creativi del cambiamento. Dove creare le nuove figure di ricercatori per affrontare queste sfide se non attraverso dottorati a vocazione genuinamente multi-disciplinare? Come in altri paesi, occorre promuovere, mediante bandi fortemente competitivi, la nascita di reti di dottorato in grado di creare modelli di formazione alla ricerca che sperimentino nuove sintesi fra le discipline tradizionali. Uno stimolo dall esterno, dal Governo è necessario, per superare la naturale resistenza delle discipline al cambiamento, al porre in discussione equilibri consolidati. Si tratta, in fondo, di indirizzare a rispolverare un approccio naturale per l Italia che, nello spirito di Galileo e di Leonardo, ha nella sua storia una miscela unica di cultura scientifica, tecnologica ed umanistica. 9. Aumentare la mobilità: i dottorati dovrebbero offrire mobilità geografica ma anche interdisciplinare ed intersettoriale, entro un contesto di collaborazione fra università ed altri partner (Increasing mobility: Doctoral programmes should seek to offer geographical as well as interdisciplinary and intersectoral mobility and international collaboration within an integrated framework of cooperation between universities and other partners.) Della flessibilità inter-disciplinare si è detto: che dire sul livello di internazionalizzazione del dottorato italiano? Due cifre, sempre da Education at a glance 2005 dell OCSE. Chart C3.1. Percentage of foreign students in tertiary education (1998, 2003) % Australia Switzerland Austria New Zealand Belgium United Kingdom Germany France Denmark Sweden Ireland Norway Czech Republic Iceland Netherlands Portugal United States Hungary Spain Finland Greece Japan Italy Slovak Republic Turkey Poland Korea Note: Countries are ranked in descending order of the percentage of foreign students in tertiary education. Source: OECD. Table C3.1. See Annex 3 for notes (www.oecd.org/edu/eag2005).

8 L Italia è un fanalino di coda fra i paesi OCSE con un misero 2% di studenti stranieri nelle nostre università (qua si fa riferimento all intero segmento degli studi universitari, non al solo dottorato), a fronte di paesi come Francia, Germania, Australia che vanno ben oltre il 10% ed hanno saputo incrementare vistosamente questa quota negli ultimi anni. Ecco così che, a dispetto della sua storia e del suo patrimonio artistico e culturale, l Italia riesce a conquistare una quota molto piccola (ancora il 2%) del totale degli studenti che svolgono all estero il proprio percorso di studi universitari: Chart C3.2. Distribution of foreign students by country of destination (2003) Percentage of foreign tertiary students reported to the OECD who are enrolled in each country of destination. Netherlands, 1% Other OECD countries, 6% Other partner countries, 2% Sweden, 1% New Zealand, 1% Malaysia, 1% Austria, 1% Switzerland, 2% Italy, 2% Belgium, 2% Spain, 3% Russian Federation, 3% Japan, 4% United States, 28% Australia, 9% France, 10% United Kingdom, 12% Source: OECD. Table C3.7. See Annex 3 for notes (www.oecd.org/edu/eag2005). Germany, 11% Il dottorato è il vero punto di attacco del problema della insufficiente internazionalizzazione del sistema universitario italiano. Che cosa possiamo fare di meglio per far arrivare aspiranti dottori di ricerca dalle sponde del mediterraneo, dall India, dalla Cina? Dobbiamo, certo, affrontare il problema della lingua e adottare in modo esteso l inglese come lingua franca per corsi ed esami; dobbiamo superare le barriere della Bossi-Fini, dobbiamo rendere più flessibili le procedure di ammissione. Ma, oltre a tutto ciò, un rilancio in grande stile del dottorato italiano potrebbe aprire nuove possibilità di attrazione. 10. Risorse: lo sviluppo di dottorati di qualità ed il conseguimento del titolo da parte dei dottorandi richiede finanziamenti adeguati e sostenibili. (Ensuring appropriate funding: the development of quality doctoral programmes and the successful completion by doctoral candidates requires appropriate and sustainable funding.) L ultimo principio di Salisburgo parla di risorse, adeguate e sostenibili: è stato il tema centrale del recente Bologna Seminar di Nizza, sessioni intere a discutere sui meccanismi per finanziare il dottorato. Su questo tema mi concedo un endecasillabo un po sciolto:

9 la riforma del dottorato non si fa senza oneri per lo Stato. Credo che questa considerazione si attagli a tanti temi caldi relativi all università e alla ricerca italiana; mi sento di citare a proposito un argomento ricorrente del sottosegretario Modica: il sistema universitario e della ricerca del nostro paese non si può aspettare nuove risorse senza riforme, ma è altrettanto vero che non si possono sostenere altre riforme senza risorse adeguate. I limiti delle riforme senza oneri per lo Stato sono sotto gli occhi di tutti. Non si può pensare a cambiare e a rilanciare il dottorato senza un piano di risorse aggiuntive per il diritto allo studio ed il welfare dei dottorandi, per il sostegno all organizzazione di reti di dottorato, alla collaborazione nazionale ed internazionale, per l incentivazione della multi-disciplinarietà, per la promozione verso il mercato del lavoro. Nuove risorse quindi, anche se in un quadro nuovo di responsabilità aggiuntive e di valutazione dei risultati. 11. Per concludere Il dottorato è un tema caldo in Europa: nell ambito del processo di Bologna si discute intensamente su temi quali: La struttura e l organizzazione dell educazione dottorale: scuola dottorale, scuola di ricerca, graduate school Il ruolo del Master (laurea magistrale) in preparazione del dottorato di ricerca Le competenze per l occupabilità dei dottorandi e lo sviluppo di carriere dentro e fuori l accademia e la ricerca Supervisione, monitoraggio e valutazione dei dottorandi Collaborazione internazionale e mobilità: quanto e quando? Dottorati professionali: si o no? Prospettive di carriera: quale postdoc? Quanto a lungo? Con quali sbocchi: accademia, ricerca, sistema industriale? Il dottorato è una emergenza in Italia: in oltre vent anni (il dottorato è nato nell anno accademico ) è rimasto una esperienza, seppur di valore, tutta interna al sistema universitario, marginale rispetto alla società. Chi scrive è, orgogliosamente, un dottore di ricerca del primo ciclo: oggi, a vent anni ormai dal conseguimento del mio titolo, continuo ad essere contento della mia esperienza, se tornassi indietro la rifarei perché mi ha dato tanto. Però, in questi venti anni, è cambiato davvero troppo poco. Dobbiamo aprire questo dottorato alla società, cambiarlo profondamente, promuoverlo, farlo crescere ed integrarlo nel processo europeo. Se il Paese vuole crescere, se vuole davvero perseguire la prospettiva della società della conoscenza, allora sento di appellarmi al Governo perché ponga il dottorato al centro dell azione di riforma dell università e della ricerca.

Il dottorato di ricerca italiano nel processo di Bologna. Dino Pedreschi Università di Pisa. Roma, ISFOL, 7 luglio 2009

Il dottorato di ricerca italiano nel processo di Bologna. Dino Pedreschi Università di Pisa. Roma, ISFOL, 7 luglio 2009 Il dottorato di ricerca italiano nel processo di Bologna Dino Pedreschi Università di Pisa Roma, ISFOL, 7 luglio 2009 Il dottorato e la società della conoscenza Come può l Europa centrare gli obiettivi

Dettagli

Il terzo ciclo e le Scuole di Dottorato Il paese vuole crescere (?)

Il terzo ciclo e le Scuole di Dottorato Il paese vuole crescere (?) Giornata di lavoro Camerino 1 febbraio 2007 Università Italiana, Università Europea La convergenza dei percorsi formativi da Bologna 1999 a Londra 2007 Il terzo ciclo e le Scuole di Dottorato Il paese

Dettagli

DOSSIER PER LA STAMPA

DOSSIER PER LA STAMPA DOSSIER PER LA STAMPA INDICE ERASMUS GIOVANI IMPRENDITORI : UN NUOVO PROGRAMMA DI SCAMBIO...3 CHI PUO' PARTECIPARE?... 5 QUALI BENEFICI E PER CHI?...6 COME FUNZIONA? STRUTTURA E IMPLEMENTAZIONE...7 CHI

Dettagli

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013

Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro. Milano, 15 gennaio 2013 Seminario "La qualità della scuola: che cosa fa il mondo, che cosa può fare l'italia" Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e cultura Assessore all occupazione e politiche del lavoro Milano,

Dettagli

IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI

IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI IL LAVORO DELL OCSE SUI SISTEMI SANITARI - analisi, confronto e rafforzamento del sistema sanitario Stefano Scarpetta, Direttore della Direzione del Lavoro, Occupazione e Affari Sociali Il Lavoro dell

Dettagli

Un unico programma UE per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (2014-2020)

Un unico programma UE per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (2014-2020) Un unico programma UE per l istruzione, la formazione, la gioventù e lo sport (2014-2020) Pesaro, 11 febbraio 2014 Agenzia ERASMUS +/INDIRE ITALIA c.grano@indire.it L Architettura di E+ 7 esistenti programmi

Dettagli

La figura del Dottore di Ricerca al Politecnico di Milano 8 Workshop di R&S 16 aprile 2014

La figura del Dottore di Ricerca al Politecnico di Milano 8 Workshop di R&S 16 aprile 2014 La figura del Dottore di Ricerca al Politecnico di Milano 8 Workshop di R&S 16 aprile 2014 Gli studi dottorali 2 I dottorandi: studenti o ricercatori? Consenso: Ricerche originali devono essere la componente

Dettagli

Dal Brain Drain al Brain Circulation

Dal Brain Drain al Brain Circulation Dal Brain Drain al Brain Circulation Il caso Italiano nel contesto globale Simona Milio London School of Economics and Political Science Introduzione Il problema e La sfida Le cause Le politiche adottate

Dettagli

NOTA DI ACCOMPAGNAMENTO AL DECRETO MINISTERIALE

NOTA DI ACCOMPAGNAMENTO AL DECRETO MINISTERIALE NOTA DI ACCOMPAGNAMENTO AL DECRETO MINISTERIALE DI RIFORMA DEL DOTTORATO DI RICERCA 1. Il dottorato di ricerca costituisce il terzo livello della formazione universitaria, nel quale si fondono in maniera

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE ALL UNIVERSITA

INTERNAZIONALIZZAZIONE ALL UNIVERSITA COSA SI INTENDE PER INTERNAZIONALIZZAZIONE ALL UNIVERSITA LF Donà dalle Rose Università V FORUM DELLE RELAZIONI INTERNAZIONALI DELLE UNIVERSITA ITALIANE Venezia, Ca Foscari, 24-26 giugno 2009, Turku May

Dettagli

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO

CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO CreArt RETE DI CITTÀ PER LA CREATIVITÀ ARTISTICA DESCRIZIONE DEL PROGETTO MOTIVAZIONE... 3 OBIETTIVI DEL PROGETTO... 5 METODOLOGIA... 6 PIANO DI LAVORO... 8 GRUPPI DI RIFERIMENTO.IMPATTO... 9 2 MOTIVAZIONE

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

SEMINARIO QUANDO LA SCUOLA INCONTRA L AZIENDA. Seminario 3 ottobre IIS TASSARA-GHISLANDI BRENO

SEMINARIO QUANDO LA SCUOLA INCONTRA L AZIENDA. Seminario 3 ottobre IIS TASSARA-GHISLANDI BRENO SEMINARIO QUANDO LA SCUOLA INCONTRA L AZIENDA Seminario 3 ottobre IIS TASSARA-GHISLANDI BRENO Valentina Aprea Assessore all istruzione, formazione e lavoro NOTA di contesto: la scuola attiva da anni un

Dettagli

Formazione manageriale in Trentino

Formazione manageriale in Trentino Formazione manageriale in Trentino Linee strategiche Dal 2002 il sistema istituzionale trentino ha avviato una serie di esperienze di alta formazione nel settore turistico che, seppure in mutati assetti

Dettagli

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza

Promuovere la formazione di capitale umano d eccellenza Promuovere Il problema In società sempre più basate sulla conoscenza, una delle condizioni necessarie ad affrontare con successo il processo di riqualificazione del sistema economico è la disponibilità

Dettagli

IL LAVORO SULLA SALUTE ALL OCSE

IL LAVORO SULLA SALUTE ALL OCSE IL LAVORO SULLA SALUTE ALL OCSE Francesca Colombo, Divisione Salute OCSE 2 Aprile 2013 Il lavoro sulla sanità all OCSE è cresciuto nel tempo, come il budget sanità % GDP 12 France Germany Italy United

Dettagli

Fondi pensione ed economia Italiana

Fondi pensione ed economia Italiana Fondi pensione ed economia Italiana Mauro Marè Università della Tuscia e Mefop Previdenza privata e crescita economica: idee e prospettive LUISS, Roma 14 dicembre 2015 Outline 1. L industria dei fondi

Dettagli

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001

Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 Verso lo Spazio Europeo dell Istruzione Superiore Comunicato dei Ministri Europei dell istruzione superiore Praga, 19 maggio 2001 1. Due anni dopo la firma della Dichiarazione di Bologna e tre dopo quella

Dettagli

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA

IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA IL PERCHE DI UN CONGRESSO STRAORDINARIO DELL AEDE EUROPEA L AEDE E LA CRISI DELL UNIONE EUROPEA Silvano MARSEGLIA E per me un grande piacere ed un onore aprire i lavori di questo nostro Congresso Straordinario

Dettagli

Archiviazione elettronica e Gestione della conoscenza Dott. Timur Khoussainov Toffoletto De Luca Tamajo e Soci Studio Legale

Archiviazione elettronica e Gestione della conoscenza Dott. Timur Khoussainov Toffoletto De Luca Tamajo e Soci Studio Legale Archiviazione elettronica e Gestione della conoscenza Toffoletto De Luca Tamajo e Soci Studio Legale Bologna, 30 ottobre 2015 CHE COS È (PER NOI) LA CONOSCENZA? Toffoletto De Luca Tamajo e Soci 2015 2

Dettagli

studiare PER/ studiare COME: formazione universitaria e crescita del paese

studiare PER/ studiare COME: formazione universitaria e crescita del paese studiare PER/ studiare COME: formazione universitaria e crescita del paese commenti a Gianluca Fiorentini *futuro al presente* Il mulino, Bologna 17 ottobre 2014 Andrea Gavosto Fondazione Giovanni Agnelli

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale

I beni culturali come volano della crescita economica e sociale. del territorio. 4. I beni culturali come volano della crescita economica e sociale I beni culturali Il problema I beni culturali un elemento di estremo rilievo per la crescita della cultura e della qualità della vita dei cittadini - possono favorire lo sviluppo di alcune iniziative economiche

Dettagli

Bicocca Plus: International University. Agnese Cofler, Settore Affari Internazionali Varenna, 8 novembre 2014

Bicocca Plus: International University. Agnese Cofler, Settore Affari Internazionali Varenna, 8 novembre 2014 Bicocca Plus: International University Agnese Cofler, Settore Affari Internazionali Varenna, 8 novembre 2014 Oggi un ateneo gioca la sua battaglia per l eccellenza nella capacità di internazionalizzarsi.

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo. Dr. Alberto Meomartini

Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo. Dr. Alberto Meomartini Assolombarda - Politecnico di Milano - Fondazione Politecnico Milano, 24 gennaio 2008 Convegno Le imprese cercano, gli ingegneri ci sono? Domanda e offerta a confronto nel panorama europeo Dr. Alberto

Dettagli

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE

IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE IL PORTALE A SUPPORTO DELLA DIDATTICA E DELLA GESTIONE Di Antonella Della Rovere (luglio 2003) L ambiente accademico sta attraversando un momento di profonda trasformazione: la riforma dei corsi di studio

Dettagli

Programmazione triennale 2010/2012

Programmazione triennale 2010/2012 Area Ricerca e Relazioni Internazionali Ufficio Relazioni Internazionali PIANO DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI ATENEO Programmazione triennale 2010/2012 L Università degli Studi di Firenze tradizionalmente

Dettagli

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility

ERASMUS PLUS. KA1 School education staff mobility/ Adult education staff mobility ERASMUS PLUS Disposizioni nazionali allegate alla Guida al Programma 2015 Settore Istruzione Scolastica, Educazione degli Adulti e Istruzione Superiore KA1 School education staff mobility/ Adult education

Dettagli

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi)

Sostenere i disabili e le loro famiglie nella costruzione di prospettive di vita autonoma (dopo di noi) Sostenere i Il problema I temi che si definiscono dopo di noi legati alle potenzialità e autonoma dei disabili - hanno un impatto sociale estremamente rilevante. In primo luogo va sottolineato che, per

Dettagli

INNOVAZIONE E BUONE PRATICHE www.unibo.it

INNOVAZIONE E BUONE PRATICHE www.unibo.it ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Ufficio Programmazione Edilizia INNOVAZIONE E BUONE PRATICHE www.unibo.it BOLOGNA, FEBBRAIO 2008 L ALMA MATER IN CIFRE Oltre 100.000 studenti hanno scelto di

Dettagli

Misurazione e valutazione della performance dei pubblici dipendenti: l'esperienza dell'ateneo fiorentino

Misurazione e valutazione della performance dei pubblici dipendenti: l'esperienza dell'ateneo fiorentino Misurazione e valutazione della performance dei pubblici dipendenti: l'esperienza dell'ateneo fiorentino Prof. Carlo ODOARDI Firenze, 16 aprile 2010 VALUTARE PER VALORIZZARE GLI INDIVIDUI E PROMUOVERE

Dettagli

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione

formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione formazione e lavoro Sabrina Laura Nart scegliere il master in affari e finanza Guida alla formazione e all esercizio della professione Perché e come scegliere un master in Affari e Finanza, i master universitari

Dettagli

Alta formazione: motore trainante per Ricerca ed Innovazione

Alta formazione: motore trainante per Ricerca ed Innovazione Alta formazione: motore trainante per Ricerca ed Innovazione Il contesto europeo Il contesto Italiano Il Dottorato di Ricerca Lo spettro del post-dottorato Quali prospettive Il dottorato e l impresa Francesco

Dettagli

Scelte di istruzione e mercato del lavoro. Giorgia Casalone Università del Piemonte Orientale

Scelte di istruzione e mercato del lavoro. Giorgia Casalone Università del Piemonte Orientale Scelte di istruzione e mercato del lavoro Giorgia Casalone Università del Piemonte Orientale Perché istruirsi? 1. L istruzione come bene di consumo : mi piace studiare 2.L istruzione come bene di investimento

Dettagli

Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro

Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro Intervento Raffaella Crinelli Liberare la fantasia e dare accesso al futuro Grazie mille. sono io la violenza, scusatemi tanto, spero che sia una bella violenza in realtà. Mi piaceva molto il titolo della

Dettagli

Intervento del Sottosegretario Giuseppe Pizza CONVEGNO SULLA COOPERAZIONE UNIVERSITARIA TRA ITALIA E AMERICA LATINA

Intervento del Sottosegretario Giuseppe Pizza CONVEGNO SULLA COOPERAZIONE UNIVERSITARIA TRA ITALIA E AMERICA LATINA Intervento del Sottosegretario Giuseppe Pizza CONVEGNO SULLA COOPERAZIONE UNIVERSITARIA TRA ITALIA E AMERICA LATINA Ministero degli Affari Esteri, Roma Sala C. Nigra Martedì 4 ottobre 2011 Consentitemi

Dettagli

Èuna situazione complessa e per

Èuna situazione complessa e per LE RISORSE PER IL VOLONTARIATO NELLA CRISI: COME QUADRARE IL CERCHIO? Investire nella qualità della progettazione, ricerca di nuovi potenziali finanziatori, ricorso a campagne di sottoscrizione popolare.

Dettagli

Dai banchi alle banche? ll LES come «facilitatore» per operare scelte (più) consapevoli. Anna Marra Senior Advisor e Docente ISPI

Dai banchi alle banche? ll LES come «facilitatore» per operare scelte (più) consapevoli. Anna Marra Senior Advisor e Docente ISPI Dai banchi alle banche? ll LES come «facilitatore» per operare scelte (più) consapevoli Anna Marra Senior Advisor e Docente ISPI Cisternino, 15 novembre 2012 La scuola è il nostro principale investimento

Dettagli

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica

Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Sezione Elettronica ed Elettrotecnica Assemblea 17 giugno, ore 11.30 Date: 2011-06-17 1 (11) Ericsson Internal Premessa La Sezione Elettronica ed Elettrotecnica intende rappresentare un importante elemento

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations Economic and Social Council ECOSOC United Nations 2010 Coordination segment New York, 6 July Address by Antonio MARZANO, President of AICESIS International Association of Economic and Social Councils and

Dettagli

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE:

RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: RICERCA, ISTRUZIONE E FORMAZIONE: VALORI PER SOCIETÀ SICURE ED INTERCULTURALI di Giovanna Spagnuolo Ci manca la comunità perché ci manca la sicurezza Z. Bauman (Voglia di comunità, Laterza, Bari-Roma,

Dettagli

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA

STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA STUDIARE IN EUROPA: I PROGRAMMI PER LA MOBILITA Quali sono gli obiettivi dell Unione nel realizzare i programmi per la mobilità? Questi programmi rientrano all interno della politica di istruzione, formazione

Dettagli

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002

La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei dati Ocse 2002 HW Health World Ocse health data 2002 di Mario Coi e Federico Spandonaro Ceis Sanità, Facoltà di Economia, Università degli Studi di Roma Tor Vergata La spesa sanitaria e altri indicatori di salute nei

Dettagli

"SMS senza frontiere": la Commissione intende porre fine ai prezzi esorbitanti del roaming per gli SMS all'estero

SMS senza frontiere: la Commissione intende porre fine ai prezzi esorbitanti del roaming per gli SMS all'estero IP/08/1144 Bruxelles, 15 luglio 2008 "SMS senza frontiere": la Commissione intende porre fine ai prezzi esorbitanti del roaming per gli SMS all'estero Le cifre pubblicate oggi dalla Commissione europea

Dettagli

law firm of the year Chambers Europe Awards

law firm of the year Chambers Europe Awards Oltre 360 avvocati 4 volte Law Firm of the Year agli IFLR Awards nell ultimo decennio (2011, 2010, 2006, 2004) 9 sedi, 5 in Italia e 4 all estero law firm of the year Chambers Europe Awards for excellence

Dettagli

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010

(in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Intervento di Fabio Beltram, Direttore eletto Scuola Normale Superiore (in carica dal 1 Novembre 2010) Pisa, 18/10/2010 Signor Presidente della Repubblica mi permetta di unire la mia personale gratitudine

Dettagli

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad

II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI. Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad II SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI NAZIONALI Matteo ARPE: Desidero ringraziare il Sindaco dr. Veltroni per l invito rivoltomi ad intervenire a questo Convegno, al quale, come

Dettagli

Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata

Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata Filippo BUBBICO Cercherò di essere breve. Ringrazio per l invito e plaudo all iniziativa, anche perché, credo, sia la prima promossa da un azienda nata in Basilicata che non si limita presentare il suo

Dettagli

Politiche educative e iniziative di elearning in Europa

Politiche educative e iniziative di elearning in Europa 1 Politiche educative e iniziative di elearning in Europa Handimatica, 30 novembre 2006 2 Società della Informazione in Europa 1999 eeurope- An Information Society for all 2000 eeurope Action Plan 2002

Dettagli

INIZIATIVE NAZIONALI A SUPPORTO DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE UNIVERSITA

INIZIATIVE NAZIONALI A SUPPORTO DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE UNIVERSITA INIZIATIVE NAZIONALI A SUPPORTO DELL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE UNIVERSITA Marzia Foroni Direzione Generale per l Università, lo Studente e il Diritto allo Studio Universitario Ufficio IV Ministero dell

Dettagli

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile

Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale Progetto Master Comunicare il Turismo Sostenibile Perché comunicare il Turismo Sostenibile La Facoltà di Sociologia dell Università degli Studi di Milano-Bicocca attiverà nel biennio 2013-2014 la seconda edizione del master di primo livello Comunicare

Dettagli

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA

BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA BANDO DI RICERCA 2010-2011: PROMUOVERE LA RICERCA D ECCELLENZA Pavia, 9 luglio 2009 2 Finalità e principi In attuazione delle proprie finalità istituzionali, la Fondazione Alma Mater Ticinensis ha deciso

Dettagli

Il dottorato e la figura del dottore di ricerca in Italia: quale il ruolo dell impresa?

Il dottorato e la figura del dottore di ricerca in Italia: quale il ruolo dell impresa? Associazione Dottorandi e Dottori di Ricerca Italiani Il dottorato e la figura del dottore di ricerca in Italia: quale il ruolo dell impresa? Presentazione a cura di Alessandro Fraleoni Morgera - Presidente

Dettagli

MIUR-DAAD Joint Mobility Program

MIUR-DAAD Joint Mobility Program P33 Projektförderung deutsche Sprache, Alumniprojekte, Forschungsmobilität (PPP) MIUR-DAAD Joint Mobility Program Accordo Chi sono i finanziatori? Quali sono gli obiettivi del programma? Quali sono i gruppi

Dettagli

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica

2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica 2.5. Educazione alla Cittadinanza Democratica L educazione alla cittadinanza democratica (EDC) è il risultato di un dibattito che nasce da diverse problematiche: il basso livello di partecipazione alle

Dettagli

Servizi per il turismo e la cultura

Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Servizi per il turismo e la cultura Il meglio dell Italia cresce ogni giorno insieme a noi. Marketing del territorio Siamo un network di professionisti che integrano

Dettagli

Occupazione femminile e maternità. Alessandra Casarico Università Bocconi

Occupazione femminile e maternità. Alessandra Casarico Università Bocconi Occupazione femminile e maternità Alessandra Casarico Università Bocconi Donne: nuove regole, nuove opportunità Roma, 25 maggio 2015 Temi I differenziali di genere nel mercato del lavoro Le ragioni dei

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

"Pure Performance" per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune

Pure Performance per i Partner. Una direzione chiara per una crescita comune "Pure Performance" per i Partner Una direzione chiara per una crescita comune 2 "Pure Performance" per i Partner "Pure Performance" per i Partner 3 Alfa Laval + Partner Valore per il Cliente Partner per

Dettagli

Il dottorato, il DM 45/2013 e l accreditamento Una serie di interrogativi e problemi irrisolti

Il dottorato, il DM 45/2013 e l accreditamento Una serie di interrogativi e problemi irrisolti Il dottorato, il DM 45/2013 e l accreditamento Una serie di interrogativi e problemi irrisolti MODENA ASSEMBLEA CODAU 28 MARZO 2014 Sofia Baggini Servizio Ricerca Università di Pavia NORME E DOCUMENTI

Dettagli

Guido Guidi Head Pharma Region Europe Novartis Milano, 9 Dicembre 2013

Guido Guidi Head Pharma Region Europe Novartis Milano, 9 Dicembre 2013 La Ricerca in Italia La rilevanza della ricerca biomedica Guido Guidi Head Pharma Region Europe Novartis Milano, 9 Dicembre 2013 Ricerca e Sistema Paese Le innovazioni non seguono una sequenza lineare

Dettagli

IL FUTURO DELLA RETE LA DOMANDA DI INTERNET LE RETI E LE INIZIATIVE PUBBLICHE PER LA BANDA LARGA KEY FIGURES. Roma, 20 aprile 2010

IL FUTURO DELLA RETE LA DOMANDA DI INTERNET LE RETI E LE INIZIATIVE PUBBLICHE PER LA BANDA LARGA KEY FIGURES. Roma, 20 aprile 2010 OSSERVATORIO SULLA DIFFUSIONE DELLE RETI TELEMATICHE E DEI SERVIZI ON LINE IL FUTURO DELLA RETE LA DOMANDA DI INTERNET LE RETI E LE INIZIATIVE PUBBLICHE PER LA BANDA LARGA KEY FIGURES Roma, 20 aprile 2010

Dettagli

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni.

Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. DOSSIER RICERCA & INNOVAZIONE Come nella cultura, anche nel settore della ricerca l Unione Europea ha riversato non poche attenzioni. Nel 2007 è stato creato in Europa il Consiglio Europeo della Ricerca

Dettagli

illimitate. limitato Cerchiamo dimenti Master Smart Solutions Smart Communities

illimitate. limitato Cerchiamo dimenti Master Smart Solutions Smart Communities Cerchiamo un NUMERO limitato dimenti illimitate. Master Smart Solutions Smart Communities 20 borse di studio per un Master rivolto solo ai migliori. E tu, sei uno di loro? MASTER SMART SOLUTIONS SMART

Dettagli

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE

CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE CARTA DI INTENTI DELLA RETE ITALIANA DEI SISTEMI TERRITORIALI PER LO SVILUPPO UMANO ~ LA COOPERAZIONE Nell'ambito dei lavori del 3 Forum "Territori in rete per lo sviluppo umano", che si è svolto a Sassari

Dettagli

SVILUPPO CREATIVO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE II

SVILUPPO CREATIVO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE II SVILUPPO CREATIVO E GESTIONE DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO I - A.A. 2015-2016 EDIZIONE II Presentazione Un Master per i mestieri della cultura Un anno dopo la triennale, con una forte componente professionale,

Dettagli

A mio avviso, più che parlare di riforma degli incentivi per le agro-energie io parlerei di miglioramento. Vorrei ricordare a tutti che fino a due

A mio avviso, più che parlare di riforma degli incentivi per le agro-energie io parlerei di miglioramento. Vorrei ricordare a tutti che fino a due Donato ROTUNDO A mio avviso, più che parlare di riforma degli incentivi per le agro-energie io parlerei di miglioramento. Vorrei ricordare a tutti che fino a due anni fa se ci fossimo trovati in questa

Dettagli

Il gruppo di lavoro Laura Bovone - Cattolica, facoltà di Scienze Politiche Roberto Conti già dirigente Fiat Marco Carcano Università di Parma Enrico

Il gruppo di lavoro Laura Bovone - Cattolica, facoltà di Scienze Politiche Roberto Conti già dirigente Fiat Marco Carcano Università di Parma Enrico Il gruppo di lavoro Laura Bovone - Cattolica, facoltà di Scienze Politiche Roberto Conti già dirigente Fiat Marco Carcano Università di Parma Enrico Ioli Architetto e già Consigliere Comunale ad Arese

Dettagli

pubblica amministrazione

pubblica amministrazione scenario L Ente locale oggi è diventato promotore dello sviluppo di una società territoriale sempre più dinamica, complessa ed esigente. Comuni, Provincie e Regioni rispondono alla collettività e al territorio

Dettagli

PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA

PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA PRESSIONE FISCALE ED ECONOMIA SOMMERSA di Tommaso Di Nardo Sommario: 1. La pressione fiscale in Italia dal 1980 al 2014. 2. Pressione tributaria diretta e indiretta. 3. La pressione fiscale in Europa.

Dettagli

Realizzato da. Sponsor. Con il patrocinio di. Partner tecnici. Partner scientifici. Media partner. Si ringrazia BIC LAZIO per la collaborazione

Realizzato da. Sponsor. Con il patrocinio di. Partner tecnici. Partner scientifici. Media partner. Si ringrazia BIC LAZIO per la collaborazione Realizzato da Partner tecnici Partner scientifici Media partner Si ringrazia BIC LAZIO per la collaborazione Geologi Fondamentali per il settore geotermico. Ingegneri Essenziali per la progettazione di

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Corso di Aggiornamento Professionale Coordinatori dei Processi di AutoValutazione PREMESSA

Dettagli

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale

1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale 1 Questo convegno, che vede insieme rappresentanti del mondo pubblico e privato, prende spunto da un ciclo di formazione appena concluso di personale della RGS, del CNIPA e di ingegneri dell Ordine di

Dettagli

POLItiche ITALIA RACCOMANDAZIONI POLITICHE 2013 _ ITALIA

POLItiche ITALIA RACCOMANDAZIONI POLITICHE 2013 _ ITALIA 2013 RacCOMaNDAzIONi POLItiche ITALIA 1 KEEP ON TRACK! I progressi per il raggiungimento dei target al 2020 occorre siano accuratamente monitorati per assicurare che l'attuale sviluppo sia in linea con

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca CONSIGLIO UNIVERSITARIO NAZIONALE Prot. n. 1891 Spedito il 21.12.2009 Parere generale n. 9 All On.le Ministro S E D E OGGETTO: Parere su dottorato

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading

Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali. Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading Presentazione del Progetto Emissions Trading ed Enti Locali Il protocollo di Kyoto e l Emissions Trading I cambiamenti climatici. Alcuni dati Negli ultimi 100 anni le temperature media sono aumentate di

Dettagli

LA VISIONE INTERNAZIONALE DELLA TERAPIA OCCUPAZIONALE: UNA PROFESSIONE FORTE ED ESSENZIALE. Julie Cunningham 23 maggio 2009. juliecp@tiscali.

LA VISIONE INTERNAZIONALE DELLA TERAPIA OCCUPAZIONALE: UNA PROFESSIONE FORTE ED ESSENZIALE. Julie Cunningham 23 maggio 2009. juliecp@tiscali. LA VISIONE INTERNAZIONALE DELLA TERAPIA OCCUPAZIONALE: UNA PROFESSIONE FORTE ED ESSENZIALE Julie Cunningham 23 maggio 2009 juliecp@tiscali.it MARILYN PATTISON, WFOT Executive Director Voglio celebrare

Dettagli

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte

Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education. Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte Seoul Agenda: Goals for Development of Arts Education Agenda Seoul: obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte La Agenda Seoul, obiettivi per lo sviluppo dell educazione all arte è uno dei maggiori

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Corso di Laurea in Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche Anno Accademico 2015/16

Corso di Laurea in Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche Anno Accademico 2015/16 Università degli Studi di Catania - Dipartimento di Economia e impresa Corso di Laurea in Economia e Gestione delle Amministrazioni Pubbliche Anno Accademico 2015/16 Marketing (Anno II, semestre I, n 9

Dettagli

commenti a concorrenza fra scuole e qualità dell istruzione: una proposta di sperimentazione di Andrea Ichino

commenti a concorrenza fra scuole e qualità dell istruzione: una proposta di sperimentazione di Andrea Ichino commenti a concorrenza fra scuole e qualità dell istruzione: una proposta di sperimentazione di Andrea Ichino Andrea Gavosto Fondazione Giovanni Agnelli andrea.gavosto@fga.it la proposta La scuola Marilyn

Dettagli

Erasmus + ASPETTI FINANZIARI

Erasmus + ASPETTI FINANZIARI Erasmus + ASPETTI FINANZIARI KA1 per l Istruzione Superiore Mobilità per Studio (ex SMS) Mobilità per Traineeship (ex SMP) Staff Mobility (ex STA IN/OUT STT) Organisational Support (ex OM) KA1 - Mobilità

Dettagli

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA ISTITUTO PARITARIO D.M. 15.02.2014 Liceo Internazionale Quadriennale IL NUOVO MODO DI FARE SCUOLA. WWW.LICEOINTERNAZIONALE.ORG Liceo Internazionale Quadriennale In

Dettagli

LA SCELTA UNIVERSITARIA 20 FEBBRAIO 2014 LICEO G.GALILEI - TRENTO UNIVERSITA' LUISS- ROMA

LA SCELTA UNIVERSITARIA 20 FEBBRAIO 2014 LICEO G.GALILEI - TRENTO UNIVERSITA' LUISS- ROMA LA SCELTA UNIVERSITARIA 20 FEBBRAIO 2014 LICEO G.GALILEI - TRENTO UNIVERSITA' LUISS- ROMA PERCHE' IL PROGETTO DAL TALENTO AL LAVORO - L'Università italiana soffre di un tasso di abbandono elevato (18%

Dettagli

Presentazione del Programma Erasmus Mundus II (2009-2013)

Presentazione del Programma Erasmus Mundus II (2009-2013) Presentazione del Programma Erasmus Mundus II (2009-2013) Incontro formativo Il Programma Erasmus Mundus II: come funziona e quali opportunità offre AREA Science Park, Trieste 15 gennaio 2010 Giovanni

Dettagli

PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica

PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica PQM-PON Potenziamento degli apprendimenti nell area logico-matematica Scuola Secondaria di I grado Progetto realizzato con il contributo del Fondo Sociale Europeo - Programma Operativo Nazionale Competenze

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana

PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA. ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana PROTOCOLLO DI INTESA TRA IL MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA E ALMA- Scuola Internazionale di Cucina Italiana 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento

Dettagli

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA

L università che cambia. Una nuova università. Come funziona l università Accesso all università RIFORMA UNIVERSITARIA L università che cambia Il volto e l organizzazione degli atenei in Italia è in continua trasformazione. Nell anno accademico 2001/2002, infatti, è stata applicata in tutti gli atenei la riforma universitaria

Dettagli

BORSE DI STUDIO DELLA TURCHIA INFORMAZIONI IN SINTESI E DOMANDE FREQUENTI INFORMAZIONI GENERALI

BORSE DI STUDIO DELLA TURCHIA INFORMAZIONI IN SINTESI E DOMANDE FREQUENTI INFORMAZIONI GENERALI BORSE DI STUDIO DELLA TURCHIA INFORMAZIONI IN SINTESI E DOMANDE FREQUENTI INFORMAZIONI GENERALI 1- Che cosa sono le Borse di Studio Turchia? - Le Borse di Studio Turchia sono le borse di studio pubbliche

Dettagli

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA

INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA INCONTRO DI ROMA DEI MINISTRI DELL ENERGIA DEL G7 INIZIATIVA DELL ENERGIA DEL G7 DI ROMA PER LA SICUREZZA ENERGETICA DICHIARAZIONE CONGIUNTA Noi, i Ministri dell Energia di Canada, Francia, Germania, Italia,

Dettagli

Facoltà di Scienze della formazione

Facoltà di Scienze della formazione Percorsi Formativi Facoltà di Scienze della formazione Laurea magistrale Brescia a.a. 2011-2012 www.unicatt.it 1 2 INDICE Scienze della Formazione 4 Laurea magistrale in Progettazione 6 pedagogica e formazione

Dettagli

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico

Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico Liberalizzazione dei mercati dell energia: prime misure per tutelare e accompagnare gli utenti verso la totale apertura del mercato elettrico La Direttiva 2003/54/CE prevede che gli Stati membri mettano

Dettagli

MOBILITÀ INTERNAZIONALE PER STUDIO

MOBILITÀ INTERNAZIONALE PER STUDIO MOBILITÀ INTERNAZIONALE PER STUDIO MOBILITÀ INTERNAZIONALE PER STUDIO Fin dalla sua istituzione l Università Iuav di Venezia ha sviluppato le sue attività accademiche in ambito internazionale con l intento

Dettagli

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE

CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE Premessa CONFINDUSTRIA - CGIL, CISL, UIL TAVOLO SU FORMAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE RISORSE UMANE La formazione è una delle leve cardine per il rilancio di un'efficace politica di sviluppo, dei diritti

Dettagli

Copyright JADE Italia Confederazione Italiana delle Junior Enterprise. Anno 2015. Via Sarfatti 25, Milano, 20149, Italia

Copyright JADE Italia Confederazione Italiana delle Junior Enterprise. Anno 2015. Via Sarfatti 25, Milano, 20149, Italia Copyright JADE Italia Confederazione Italiana delle Junior Enterprise Anno 2015 Via Sarfatti 25, Milano, 20149, Italia info@jadeitalia.org / www.jadeitalia.org Il movimento delle Junior Enterprise è ormai

Dettagli

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita

Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Carta, Editoria, Stampa e Trasformazione: i trend e le proposte per la crescita Alessandro Nova Università L. Bocconi Roma, 18 febbraio 2014 Filiera della carta 2014 - Alessandro Nova 1 La Filiera della

Dettagli