Tecniche di ricerca attiva del lavoro

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tecniche di ricerca attiva del lavoro"

Transcript

1 Contributi Tecniche di ricerca attiva del lavoro di Laura Spallanzani. Descrizione del progetto Proponiamo un progetto attuabile all interno dell area di specializzazione degli istituti professionali ad indirizzo commerciale. Come per il progetto precedente, anche questo è stato proposto e sperimentato con successo in una classe quinta dell Istituto Professionale Don Zefirino Jodi di Reggio Emilia, nella sede coordinata di Novellara. Il modulo Tecniche di ricerca attiva del lavoro risponde all esigenza di fornire agli studenti conoscenze e competenze per potere, una volta conseguito il diploma, mettersi efficacemente e attivamente alla ricerca di un occupazione. Si tratta di un progetto fortemente operativo, in cui gli studenti, dopo aver acquisito le conoscenze necessarie, si rendono protagonisti all interno di un virtuale mercato del lavoro, in cui devono reperire informazioni e cogliere opportunità di lavoro, attraverso la ricerca su quotidiani, riviste specializzate, internet e la visita presso Centri per l impiego e Agenzie per il lavoro. Il progetto è stato suddiviso in due parti. Nella prima, corrispondente all Unità didattica dal titolo Informazioni sulle regole per l accesso al lavoro e sui servizi all impiego, vengono fornite le informazioni, le conoscenze e gli strumenti principali inerenti la legislazione di base e le modalità di funzionamento del mercato del lavoro. Nello specifico, si tratteranno i temi riguardanti la differenza tra lavoro autonomo e lavoro dipendente e, all interno di quest ultimo, le modalità di assunzione, le liste di disoccupazione, i contratti collettivi, l apprendistato. La seconda Unità didattica, Tecniche e strumenti per la ricerca attiva di lavoro, ha, come anticipato, una strutturazione operativa, in cui gli studenti sono chiamati a rendersi protagonisti attivi della ricerca di un occupazione, alla redazione del loro curriculum vitae, alla simulazione di un colloquio di lavoro, solo per citare alcune attività. Preme sottolineare, per la buona riuscita del progetto, due elementi fondamentali. Il primo: compare all interno del titolo stesso e risiede nell importanza che assume la parola attiva. Il principale risultato atteso di questo modulo è proprio quello di rendere consapevoli gli studenti dell importanza di un loro ruolo attivo nella ricerca, che deve pertanto essere condotta con determinazione e perseveranza, certi che solo in tal modo si possa perseguire con successo l obiettivo prefissato. Il secondo: la scelta della tipologia del lavoro che s intende perseguire è tanto importante nella tipologia (cosa fare) quanto nella modalità (come fare). Scegliere di vendere vestiti è cosa ben diversa dal decidere di lavorare come contabile, ma scegliere di vendere vestiti come commesso è certamente diverso dal farlo come titolare del negozio. La scelta tra lavoro autonomo e lavoro dipendente implica la conoscenza di sé stesso e delle proprie inclinazioni e potenzialità, la capacità di discernere le proprie capacità dalle proprie difficoltà. Nel progetto di scelta che gli studenti dovranno redigere, sarà chiesto loro di analizzare le proprie caratteristiche e individuare la tipologia di lavoro più consona ad ognuno di loro. Presentiamo il progetto articolato nelle due Unità didattiche in cui, per ognuna, sono definite le finalità, gli obiettivi, i contenuti, le metodologie e le modalità di valutazione. 2. Destinatari Il progetto è nato, come si diceva, all interno di un percorso di terza fascia o terza area di un istituto professionale per il commercio ed è destinato agli studenti delle classi quinte. Tuttavia, come per altri progetti, anche questo può essere proposto e sperimentato in altri indirizzi di studio, sempre nelle classi terminali, con lo scopo di favorire il futuro percorso lavorativo degli studenti. L elencazione dettagliata dei prerequisiti vuole favorire l adattamento a diversi percorsi. 3. Prerequisiti Per quanto attiene alla prima Unità didattica, Informazioni sulle regole per l accesso al lavoro e sui servizi all impiego, è doverosa una precisazione. Benché i programmi ministeriali per la classe terza degli istituti professionali ad indirizzo commerciale prevedano lo studio di una parte della legislazione inerente il diritto del lavoro, in questa sede si è ritenuto opportuno non assumere tale parte come prerequisito, vuoi perché gli studenti (come spesso succede) tendono a dimenticare, soprattutto dopo due anni, nozioni apprese tempo prima, vuoi perché nel modulo in oggetto si cercherà di approfondire in modo significativo i diversi argomenti, dando un taglio molto tecnico ed operativo (l uso del manuale IPSOA, Lavoro, che qui è suggerito quale sussidio principale, utilizzato dai Consulenti del Lavoro e, in generale, dai professionisti del settore, ne è una riprova). Anche per la classe quinta, peraltro, i programmi ministeriali prevedono lo studio del diritto del lavoro: poiché tuttavia questo progetto può essere effettuato già all inizio dell anno scolastico (mentre invece, solitamente, la parte di diritto del lavoro e di legislazione sociale viene svolta nel secondo quadrimestre), basterà un accordo con l insegnante delle discipline giuridiche ed economiche per evitare inutili ripetizioni. Prerequisiti disciplinari. Conoscere, comprendere, saper classificare e consultare le fonti del diritto 2. Saper definire il contratto e individuarne gli elementi essenziali 3. Conoscere i principali contratti tipici e atipici 4. Conoscere il concetto di Pubblica Amministrazione e di Ente Pubblico 5. Conoscere e comprendere la definizione di imprenditore e le sue classificazioni 6. Conoscere il curriculum vitae e le sue parti essenziali.

2 Prerequisiti trasversali Impiegare Word per svolgere i lavori individuali e quelli di gruppo Utilizzare i principali motori di ricerca, navigare in Internet e scaricare i dati e le informazioni utili dai siti individuati nella ricerca Saper lavorare in gruppo, ascoltare i pareri, saper discutere, mediare. 4. Finalità del progetto Il modulo è finalizzato a fornire strumenti e capacità per favorire la transizione da un percorso di natura formativa al mercato del lavoro, rendendo il soggetto in grado di individuare e perseguire un occasione occupazionale. 5. Finalità, obiettivi, contenuti, modalità formative, modalità di valutazione (distinti per Unità didattica) Unità didattica INFORMAZIONI SULLE REGOLE PER L ACCESSO AL LAVORO E SUI SERVIZI ALL IMPIEGO Finalità Acquisire le conoscenze generali utili relative all accesso ad una nuova o diversa occupazione e la consapevolezza della centralità di assunzione di un ruolo attivo da parte del soggetto. Sono individuati, quali indicatori del risultato perseguito, la padronanza dei concetti relativi alle norme generali sul collocamento e sul contratto di lavoro, e la conoscenza dei principali servizi e supporti all impiego. Obiettivi conoscere le regole fondamentali di livello nazionale relative al collocamento nel settore privato reperire, selezionare e utilizzare informazioni relative alle caratteristiche e alle regole di accesso all impiego privato e pubblico conoscere e individuare le opportunità offerte dalla normativa per l assunzione delle cosiddette fasce deboli descrivere le organizzazioni che, sul piano nazionale e regionale, hanno il compito istituzionale di sostenere i lavoratori in transizione, individuando i servizi offerti conoscere le caratteristiche e la normativa principale sul contratto di lavoro subordinato saper descrivere, distinguere, confrontare i Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro (d ora in poi C.C.N.L.) e le organizzazioni firmatarie e i contratti di secondo livello conoscere, distinguere, confrontare i contratti di lavoro atipici, in particolar modo il contratto di apprendistato conoscere le regole di assunzione nella Pubblica Amministrazione conoscere e comprendere le caratteristiche del lavoro autonomo, distinguendolo da quello dipendente, saper cercare e individuare gli incentivi pubblici per l avvio di attività in proprio saper definire e classificare il lavoro parasubordinato come forma intermedia tra il lavoro dipendente e quello autonomo. Contenuti le regole fondamentali di livello nazionale relative al collocamento nel settore privato: le liste di disoccupazione (iscrizioni e procedure), tipologie di assunzione il contratto di lavoro: i C.C.N.L. e i contratti di secondo livello (regionali, provinciali, aziendali, individuali) gli strumenti di politica del lavoro: la legislazione nazionale e regionale sugli incentivi all assunzione per particolari fasce di lavoratori (soggetti beneficiari, requisiti di accesso, caratteristiche del sostegno), cenni sui principali contratti di ingresso e sui contratti atipici, gli interventi per l avvio di iniziative di lavoro non dipendente (incentivi e servizi reali esistenti, tipologie e requisiti di accesso) le tipologie di servizi utili alla ricerca di lavoro: l informazione occupazionale, la consulenza di orientamento, la formazione professionale mirata a precisi sbocchi lavorativi, il supporto volto a favorire l incontro fra domanda ed offerta, le caratteristiche e le funzioni delle strutture territoriali di aiuto al cittadino alla ricerca di nuova o diversa occupazione le regole di assunzione nella Pubblica Amministrazione il lavoro parasubordinato: le Collaborazioni Coordinate a Progetto (CO.CO.PRO.). Modalità formative input concettuali che favoriscano l acquisizione di conoscenze dichiarative, connessi ad autocasi ed esemplificazioni che privilegiano il metodo attivo esercitazioni esterne, con visite ad uffici e interviste a testimoni privilegiati nell ambito dell unità relativa alle strutture e funzioni di organizzazioni a supporto dei lavoratori; conseguenti momenti collettivi di report, discussione e confronto fra i partecipanti Modalità di valutazione Effettuazione di prove semistrutturate e lavori di gruppo. 2

3 Unità didattica 2 TECNICHE E STRUMENTI PER LA RICERCA DI LAVORO Finalità Sulla base di un obiettivo lavorativo, porre in essere tutti i passi opportuni per perseguire opportunità di contratto coerenti e con significativa probabilità di esito positivo. Obiettivi elaborare un progetto e una strategia per la ricerca attiva di lavoro coerente con i propri obiettivi e con la situazione e le tendenze occupazionali e professionali di proprio interesse individuare e selezionare le informazioni sul mercato del lavoro utili per impostare una ricerca attiva selezionare e utilizzare in modo mirato le diverse tecniche di ricerca attiva gestire il contatto con le potenziali opportunità di lavoro. Contenuti. La definizione degli obiettivi e la pianificazione della ricerca: lavoro dipendente e lavoro autonomo: caratteristiche e implicazioni della scelta impostazione di un progetto professionale individuale per la ricerca attiva di lavoro individuare conoscenze, requisiti formativi e attitudinali richiesti per una determinata professione 2. La ricerca delle opportunità: la costruzione di un archivio di contatti utili: contatti informativi e contatti di lavoro potenziali interpretare e/o gestire le opportunità veicolate tramite mass media e/o circuiti informativi aperti: annunci di lavoro sulla stampa e su siti Internet, le banche dati sulle borse di studio e sui concorsi interpretare i bandi di concorso: analisi delle tecniche di adesione e progettazione della fase preparatoria per affrontare gli stessi 3. La gestione della candidatura: stesura del curriculum vitae personale mirato alle diverse opportunità individuate strategie e metodi aziendali per la selezione del personale le prove di selezione del personale (test, questionari, prove di gruppo) i colloqui di selezione del personale: modalità generali di gestione di un colloquio ed analisi dei contenuti specifici di un colloquio di selezione di tipo conoscitivo. Modalità formative Da parte del formatore viene assunto un ruolo di animatore e vengono utilizzate prevalentemente: attività di tutoring individuale per la stesura del progetto di scelta e del curriculum vitae esercitazioni pratiche role playing, in modo particolare per la simulazione dei colloqui di selezione attività di gruppo finalizzate a focalizzare le problematiche connesse all interpretazione di bandi e annunci esercitazioni svolte con l ausilio di materiali strutturati. Modalità di valutazione Lavori di gruppo, lavori individuali (progetto di scelta, curriculum vitae), colloquio di lavoro. 6. Materiali Il modulo, come dichiarato, ha una strutturazione molto tecnica e operativa. Ecco perché si è scelto come testo guida dell intero progetto un manuale utilizzato dai professionisti del settore, vale a dire il Memento Pratico IPSOA-Francis Lefebvre, Lavoro (ogni anno viene pubblicata la versione aggiornata), da cui il docente potrà estrarre e fornire agli studenti le parti che, di volta in volta, saranno oggetto di studio. Il testo in oggetto è chiaramente fin troppo approfondito e dettagliato per degli studenti; tuttavia, la valenza che si vuole dare a questa decisione è che gli studenti possano in tal modo rendersi conto della complessità e della vastità della normativa che ruota intorno al mondo del diritto del lavoro. È ovviamente possibile utilizzare manuali diversi di diritto del lavoro (purché aggiornati), integrando eventualmente con materiale tratto da riviste specializzate. Saranno utilizzati inoltre come materiali di lavoro il manuale Diritto del lavoro di A. Martignago-A. Mistroni, Scuola&Azienda, il Codice Civile, i C.C.N.L. di alcuni settori, oltre agli stessi lavori individuali e di gruppo prodotti dagli studenti. 7. Tempi L attività è stata strutturata per essere svolta in 20 periodi da 50 minuti, visto che la terza area rientra nell attività curricolare mattutina, normalmente suddivisa in periodi appunto da 50 minuti. Il tempo previsto per la simulazione del colloquio, nella seconda unità didattica, è ipotizzato per una classe media di 5-8 studenti; classi più o meno numerose comporteranno una modifica del tempo previsto per tale attività. 3

4 8. Prospetto sintetico delle attività UNITÀ DIDATTICA INFORMAZIONI SULLE REGOLE PER L ACCESSO AL LAVORO E SUI SERVIZI ALL IMPIEGO Periodi. Illustrazione del progetto. Verifica dei prerequisiti. 2. Lezione sul lavoro dipendente nel settore privato. L assunzione ordinaria e le assunzioni obbligatorie. Le liste di disoccupazione. 3. Lezione e lavoro di gruppo sui C.C.N.L. e sui contratti di secondo livello. 4. Lezione sui principali contratti di lavoro atipici, in particolare sull apprendistato. Ricerca in internet sul contratto di apprendistato. 5. Ricerca in internet: i servizi di supporto nella ricerca attiva del lavoro (Centri per l impiego, Agenzie per il lavoro). 6. Visita ad un Centro per l impiego Lezione su assunzioni nella Pubblica Amministrazione, lavoro parasubordinato, lavoro autonomo. Lavoro di gruppo sulla ricerca delle agevolazioni e degli incentivi per l avvio di un attività in proprio. 8. Verifica. 2 Totale periodi 0 UNITÀ DIDATTICA 2 TECNICHE E STRUMENTI PER LA RICERCA DI LAVORO Periodi 9. Consegna e correzione della verifica. Attività di consolidamento degli obiettivi dell unità didattica precedente. 0. Lezione interattiva sulle implicazioni nella scelta tra lavoro autonomo e lavoro dipendente.. Lavoro individuale: impostazione di un progetto professionale individuale per la ricerca attiva di lavoro. 2. Ricerca in rete delle opportunità lavorative: bandi di concorso, inserzioni private. 3. Lavoro di gruppo: costruzione di un archivio di contatti utili Lavoro individuale: la stesura del curriculum vitae. 5. Lezione sulle strategie e sui metodi aziendali utilizzati per la selezione del personale. 6. Simulazione dei colloqui di lavoro. 2 Totale periodi 0 9. Piano delle attività U.D. INFORMAZIONI SULLE REGOLE PER L ACCESSO AL LAVORO E SUI SERVIZI ALL IMPIEGO Fase Sede Aula 2 Aula Soggetti Attività Materiali e strumenti Min. Docente Illustra il progetto, le sue finalità, gli obiettivi, le diverse fasi in cui è articolato Docente Propone un brainstorming per accertare la padronanza dei requisiti Studenti Intervengono a turno rispondendo alle singole domande Docente Scrive le risposte alla lavagna Studenti Sintetizzano gli interventi dei compagni nei loro appunti Docente Legge l art C.C. che definisce il lavoro subordinato Invita gli studenti a interpretare e chiarire i vari aspetti che caratterizzano il lavoro subordinato e che emergono dalla lettura e dall analisi dell articolo Lucido di sintesi del percorso 5 Appunti degli studenti 35 Codice Civile Appunti degli studenti 5 4

5 U.D. INFORMAZIONI SULLE REGOLE PER L ACCESSO AL LAVORO E SUI SERVIZI ALL IMPIEGO Fase Sede Soggetti Attività Materiali e strumenti Min. Studenti Rispondono a turno alle domande Docente Riassume le risposte alla lavagna Integra le risposte degli studenti con osservazioni e precisazioni Studenti Prendono nota nei loro appunti Docente Illustra la disciplina delle assunzioni ordinarie e di quelle obbligatorie nel settore privato, spiegando in particolar modo la ratio normativa delle assunzioni obbligatorie, la loro rilevanza a livello sociale e gli incentivi all assunzione per le cosiddette fasce deboli Fotocopie 25 Studenti Intervengono nella spiegazione del docente ponendo domande e formulando pareri e osservazioni Docente Spiega e motiva l esistenza e il funzionamento delle liste di disoccupazione Docente Introduce il concetto e il significato dei C.C.N.L. e delle associazioni firmatarie (sindacati e associazioni dei datori di lavoro) Illustra l importanza che assumono tali contratti nell ambito della disciplina del contratto individuale di lavoro Docente Consegna agli studenti alcuni tra i C.C.N.L. dei settori economici maggiormente significativi e con il maggior numero di addetti Fotocopie 0 Fotocopie 0 C.C.N.L. Appunti degli studenti 5 Chiede agli studenti di consultare i contratti e individuarne le parti principali (orario di lavoro, straordinari, ferie ), quindi di scriverle sui loro appunti 3 Aula Gruppi di studenti Svolgono il compito assegnato Al termine condividono i lavori svolti, predisponendo un prospetto riepilogativo in cui emergano le parti salienti comuni a tutti i contratti Docente Segna alla lavagna le risposte degli studenti, integrandole con osservazioni e puntualizzazioni 5 Studenti Prendono appunti Docente Spiega e illustra i contratti di secondo livello (regionali, provinciali, aziendali) e i rapporti tra questi ultimi e i C.C.N.L. Fotocopie 0 Docente Introduce infine il concetto di contratto individuale, ne sottolinea gli aspetti, la forma, l importanza 0 Docente Definisce le caratteristiche dei contratti di lavoro atipici Fotocopie Appunti degli studenti 30 4 Aula informatica Spiega in cosa si differenziano i contratti di lavoro atipici rispetto al contratto classico a tempo indeterminato per 40 ore la settimana Elenca e illustra i principali contratti atipici, in particolare il contratto di apprendistato Docente Propone la ricerca su internet di documenti che illustrino l importanza e il significato che assume, per i giovani, il contratto di apprendistato PC Documenti trovati dagli studenti 20 5

6 U.D. INFORMAZIONI SULLE REGOLE PER L ACCESSO AL LAVORO E SUI SERVIZI ALL IMPIEGO Fase Sede 5 Aula informatica 6 Centro per l impiego 7 Aula Soggetti Attività Materiali e strumenti Min. Studenti Svolgono la ricerca, salvando su file i documenti più significativi Condividono i lavori svolti Docente Individua i principali enti, pubblici e privati, Fotocopie 20 che svolgono servizi all impiego, definendone le caratteristiche e le differenze Spiega che i Centri per l impiego (ex Uffici di collocamento) e le Agenzie per il lavoro svolgono un importante funzione all interno del mercato del lavoro, fornendo servizi di varia natura, sia al lavoratore che alle imprese Docente Invita gli studenti a gruppi a cercare i siti di alcuni tra i Centri per l impiego territoriali, individuando i principali servizi offerti, e predisponendo un documento di word in cui questi servizi vengono riassunti e illustrati (LAVORO DI GRUPPO N. ) Gruppi di studenti Svolgono la ricerca Stampano e consegnano al docente i lavori svolti Docente Raccoglie i lavori prodotti dai gruppi PC Lavori prodotti dagli studenti Docente Visiona e misura i lavori svolti dagli studenti Lavori prodotti dagli studenti Griglia di misurazione dei lavori di gruppo Docente Consegna i lavori corretti ai gruppi, motivando le eventuali osservazioni del Lavori prodotti dagli studenti 0 caso Docente Propone la visita ad un Centro per l impiego Sarà ovviamente il relatore a fornire eventuali materiali di riferimento Funzionario o impiegato del Centro per l impiego Mostra agli studenti i locali del Centro Effettua il proprio intervento sulle diverse tipologie di attività svolte e servizi offerti dai Centri per l impiego, sia ai lavoratori che alle aziende Studenti Pongono domande di analisi, richieste di chiarimenti, precisazioni sull intervento del relatore Docente Spiega e illustra le modalità di assunzione nella Pubblica Amministrazione, evidenziando le peculiarità dell assunzione pubblica rispetto a quella privata Mostra agli studenti un esempio di bando di concorso, ne illustra le caratteristiche principali, spiega il concetto di criteri di ammissione Docente Introduce il concetto di lavoro autonomo e di imprenditore, leggendo gli articoli di riferimento del Codice Civile Fa notare agli studenti le caratteristiche di un lavoro in proprio rispetto al lavoro subordinato Docente Illustra caratteristiche, finalità, implicazioni sociali del lavoro parasubordinato, in particolare le CO.CO.PRO Bando di concorso 5 Artt e 2222 del Codice Civile 5 Fotocopie 0 6

7 U.D. INFORMAZIONI SULLE REGOLE PER L ACCESSO AL LAVORO E SUI SERVIZI ALL IMPIEGO Fase Sede 8 Aula Soggetti Attività Materiali e strumenti Min. Docente Spiega come e perché esistano agevolazioni e incentivi (statali, regionali, comunitari) per il sostegno e l avvio di un attività in proprio Gruppi di studenti Propone agli studenti divisi in gruppo, come lavoro per casa, una ricerca (in internet, su quotidiani, riviste specializzate, ) di siti e materiale riguardante le agevolazioni di cui sopra (LAVORO DI GRUPPO N. 2) Effettuano la ricerca Lavori prodotti dagli studenti Docente Ritira i lavori di gruppo prodotti dagli studenti Lavori prodotti dagli studenti 5 Docente Distribuisce la verifica Verifica dell unità didattica 95 Studenti Svolgono la verifica Docente Corregge e procede alla misurazione della verifica e dei lavori di gruppo Verifica dell unità didattica Schede per l insegnante Lavori prodotti dagli studenti Griglia di misurazione dei lavori di gruppo 0 U.D. 2 TECNICHE E STRUMENTI PER LA RICERCA DI LAVORO Fase Sede 9 Aula Soggetti Attività Materiali e strumenti Min. Docente Illustra e discute gli esiti della verifica e dei lavori di gruppo dell unità didattica precedente Stimola gli studenti a individuare le ragioni delle difficoltà, discute e sintetizza i punti maggiormente critici della verifica Studenti Intervengono chiedendo chiarimenti, rivelando le principali difficoltà emerse Docente Ripercorre e rianalizza gli argomenti principali, sintetizzandoli alla lavagna Studenti Prendono nota nei loro appunti Docente Riassume brevemente le caratteristiche principali del lavoro dipendente e del lavoro autonomo Invita gli studenti a individuare le caratteristiche personali necessarie per poter svolgere le due tipologie di attività, dipendente o in proprio, sintetizzandole in una mappa Studenti Svolgono il lavoro assegnato Verifica dell unità didattica precedente Lavori prodotti dagli studenti Appunti degli studenti Mappa prodotta dagli studenti Appunti degli studenti Aula Docente Sollecita gli studenti a condividere i lavori svolti Segna le risposte alla lavagna Studenti Prendono nota nei loro appunti Discutono sulle implicazioni della scelta tra lavoro autonomo e lavoro dipendente, individuando vantaggi e svantaggi 5 Docente Interviene nella discussione con osservazioni e precisazioni 7

8 U.D. 2 TECNICHE E STRUMENTI PER LA RICERCA DI LAVORO Fase Sede Aula informatica Soggetti Attività Materiali e strumenti Min. Docente Invita gli studenti, sulla base della discussione precedente, a predisporre un progetto 5 individuale, sottoforma di mappa, schema o documento, per la ricerca di un lavoro in cui emergano: le caratteristiche individuali (pregi, difetti, aspirazioni, ), la tipologia di lavoro che meglio si adatta alle proprie peculiarità, le motivazioni della scelta Studenti Eseguono il lavoro Progetto individuale degli studenti 55 Stampano il loro progetto Docente Raccoglie i progetti degli studenti Docente Visiona e procede alla misurazione dei progetti Progetti individuali degli studenti Griglia di misurazione del progetto di scelta 2 Aula informatica Docente Riconsegna agli studenti i loro lavori, motivando i singoli giudizi ed evidenziando eventuali errori, mancanze, imprecisioni Studenti Prendono atto delle correzioni, pongono domande di chiarimento Docente Sottolinea come, nella ricerca di un lavoro, il candidato debba essere attivo, cercare e cogliere opportunità Evidenzia inoltre come le opportunità vadano ricercate in luoghi e con modalità differenti (ricerca in rete, su quotidiani, riviste, ) Docente Propone agli studenti un lavoro a gruppi per la ricerca in rete di opportunità lavorative differenti prefissate dall insegnante, sia nel pubblico che nel privato (offerte di lavoro di aziende, bandi di concorso, ) (LAVORO DI GRUPPO N. 3) Progetti individuali degli studenti Aula informatica Gruppi di studenti Gruppi di studenti Iniziano la ricerca PC Proseguono a casa la ricerca, ampliandola attraverso l utilizzo di altri strumenti, materiali e modalità (ad esempio, visita a Centri per l impiego e/o Agenzie per il lavoro locali, ricerca su giornali, ) Predispongono una mappa di sintesi delle principali opportunità trovate, indicando per ognuna le caratteristiche richieste, la tipologia di lavoro, i dati inerenti il datore di lavoro, Docente Raccoglie le mappe di sintesi prodotte dai gruppi, con l eventuale materiale raccolto Docente Sottolinea come, nella ricerca di un lavoro, sia importante costruirsi un archivio di contatti utili (oltre ai Centri per l impiego e alle Agenzie per il lavoro già citati, si può fare riferimento ad altri esperti del campo, quali professionisti che effettuano ricerca e selezione del personale, Consulenti del Lavoro, oltre ad aziende pubbliche e private che operano nel settore d interesse del candidato) PC e altri strumenti e materiali utilizzati dagli studenti nella ricerca Mappa di sintesi e materiali prodotti dagli studenti Mappa di sintesi e materiali prodotti dagli studenti 5 5 In questo contesto l espressione offerta di lavoro è utilizzata in modo improprio, dato che da un punto di vista economico è il lavoratore che offre la propria attività lavorativa, mentre è il datore di lavoro che domanda la prestazione. Tuttavia, nel gergo comune, tali espressioni sono spesso invertite, e questo succede normalmente anche negli spazi sui quotidiani, siti e riviste specializzate dedicate al mercato del lavoro. Si è quindi optato per l utilizzo improprio, con l avvertenza di fornire agli studenti le corrette definizioni. 8

9 U.D. 2 TECNICHE E STRUMENTI PER LA RICERCA DI LAVORO Fase Sede 4 Aula informatica Soggetti Attività Materiali e strumenti Min. Docente Invita gli studenti, sempre a gruppi, ad effettuare una ricerca in web per predisporre un archivio di contatti utili cui fare riferimento, per ognuno dei quali risultino evidenziati i dati ritenuti utili (nominativo, indirizzo, recapito telefonico, indirizzo di posta elettronica, ) (LAVORO DI GRUPPO N. 4) Gruppi di studenti Iniziano a svolgere il lavoro PC Predispongono un prospetto riepilogativo Prospetti prodotti dagli studenti con i nominativi trovati, completi dei dati richiesti Docente Raccoglie i prospetti prodotti dagli studenti Docente Visiona e misura i prospetti prodotti dai gruppi e le mappe di sintesi col materiale raccolto a inizio lezione Docente Riconsegna ai gruppi i lavori corretti, fa osservazioni e puntualizzazioni, motiva i giudizi, risponde ai quesiti degli studenti Ripercorre con gli studenti i punti fondamentali che costituiscono il curriculum vitae Evidenzia come la stesura e la presentazione di un buon curriculum vitae (anche nella sua veste grafica) costituiscano un elemento importantissimo nella ricerca di un occupazione Spiega inoltre come il curriculum vitae vada redatto in modo mirato alle singole opportunità lavorative individuali Prospetti prodotti dagli studenti Mappe di sintesi e materiali prodotti dagli studenti Griglia di misurazione dei lavori di gruppo Prospetti prodotti dagli studenti Mappe di sintesi e materiali prodotti dagli studenti Invita i singoli studenti a predisporre il loro curriculum vitae Studenti Svolgono il lavoro Curriculum vitae 30 Docente Quando chiamato dagli studenti, aiuta, precisa, suggerisce soluzioni Invita gli studenti a proseguire il loro lavoro per casa, ultimando il curriculum vitae che andrà presentato poi al docente nel corso della simulazione del colloquio Studenti Proseguono e ultimano la stesura del curriculum vitae Docente Illustra alla classe modalità, metodi e strategie normalmente utilizzate dai selezionatori del personale, in particolare l utilizzo di test psicoattitudinali, questionari, simulazioni di gruppo, spiegando l importanza e la valenza che assumono tali metodi 5 Aula Studenti Intervengono ponendo domande, dubbi, sollevando quesiti Docente Spiega brevemente alla classe le usuali modalità di svolgimento di un colloquio di lavoro, sottolinea gli aspetti più significativi, indica l atteggiamento più consono, l abbigliamento adatto Curriculum vitae Test, questionari, prove di gruppo Tale materiale, se non è già a disposizione del docente (trattandosi di un attività di terza fascia il docente-esperto potrebbe essere un professionista che effettua ricerca e selezione del personale) può essere reperito presso aziende, banche, professionisti del settore. 9

10 U.D. 2 TECNICHE E STRUMENTI PER LA RICERCA DI LAVORO Fase Sede 6 Aula Soggetti Attività Materiali e strumenti Min. Docente Invita gli studenti, uno alla volta, ad effettuare il colloquio di lavoro (ogni studente, a inizio colloquio, indicherà al docente la tipologia di lavoro per cui effettua la simulazione del colloquio) Docente e singoli studenti Effettuano il colloquio di lavoro, presentando al docente il curriculum vitae Docente Procede, dopo ogni colloquio, alla sua misurazione, utilizzando l apposita griglia Al termine dei colloqui, raccoglie i curriculum vitae Docente Procede alla misurazione dei singoli curriculum vitae Compila, per ogni studente, la scheda finale di valutazione del modulo Curriculum vitae Griglia di misurazione del colloquio di lavoro Curriculum vitae Griglia di misurazione del curriculum vitae Scheda finale di valutazione 00 La costruzione e la misurazione delle prove Prove di verifica Questo progetto si caratterizza per la possibilità di monitorare continuamente il percorso formativo degli studenti, grazie alle diverse tipologie di prove previste nel corso delle attività. I lavori individuali, quelli di gruppo, la simulazione del colloquio di lavoro, oltre alla verifica finale della prima Unità didattica, costituiscono strumenti e modalità differenti che, nel loro insieme, forniranno all insegnante diverse misurazioni da cui ricavare la valutazione finale del modulo per ogni studente. Di seguito sono riportati, per ogni Unità didattica, i quadri corrispondenze prove/obiettivi, che consentono di testare con sicurezza tutti gli obiettivi fissati nella programmazione del modulo. Per la prima Unità didattica è suggerita una verifica semistrutturata e una griglia di misurazione utilizzabile per i diversi lavori di gruppo proposti; per la seconda, oltre alla griglia per i lavori di gruppo, sono proposte altre griglie di misurazione dei lavori individuali (curriculum vitae, progetto di scelta) e del colloquio di lavoro. Alla fine, un prospetto riepilogativo con le misurazioni delle diverse prove, consentirà di ottenere la valutazione finale per ogni studente. UNITÀ DIDATTICA Quadro corrispondenze prove/obiettivi Obiettivi Prove conoscere le regole fondamentali di livello nazionale relative al collocamento nel settore pri- Lavoro di gruppo s.m. 4 reperire, selezionare e utilizzare informazioni relative alle caratteristiche e alle regole di accesso Mappa 3 all impiego privato e pubblico conoscere e individuare le opportunità offerte dalla normativa per l assunzione delle cosiddette Definizione 2.2 fasce deboli descrivere le organizzazioni che, sul piano nazionale e regionale, hanno il compito istituzionale di sostenere i lavoratori in transizione, individuando i servizi offerti Lavoro di gruppo Definizione 2.3 conoscere le caratteristiche e la normativa principale sul contratto di lavoro subordinato s.m. 5 Dom.brevi. Dom.brevi.2 saper descrivere, distinguere, confrontare i Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro (C.C.N.L.) e le organizzazioni firmatarie e i contratti di secondo livello conoscere, distinguere, confrontare i contratti di lavoro atipici, in particolar modo il contratto di apprendistato Dom.brevi.3 Definizione 2. Definizione 2.5 s.m. 2 Dom.brevi.4 conoscere le regole di assunzione nella Pubblica Amministrazione s.m. Dom.brevi.5 conoscere e comprendere le caratteristiche del lavoro autonomo, distinguendolo da quello dipendente, saper cercare e individuare gli incentivi pubblici per l avvio di attività in proprio saper definire e classificare il lavoro parasubordinato come forma intermedia tra il lavoro dipendente e quello autonomo Lavoro di gruppo 2 s.m. 3 Caso 4 Definizione 2.4 0

11 MODULO: TECNICHE DI RICERCA ATTIVA DEL LAVORO U.D. - Informazioni sulle regole per l accesso al lavoro e sui servizi all impiego Classe Anno scolastico Cognome Nome Data. Test a scelta multipla Scegliere, SALVO DIVERSA INDICAZIONE, la risposta esatta Per poter essere assunto come impiegato presso l ufficio anagrafe del tuo comune occorre: a iscriversi nelle liste di disoccupazione del Centro per l impiego b superare un concorso pubblico c rivolgersi ad un Agenzia per il lavoro d essere iscritto nelle cosiddette fasce deboli 2 Fanno parte dei contratti definiti atipici (barra la risposta errata): a il lavoro a domicilio b il job-sharing c il contratto a tempo indeterminato d il contratto a termine 3 Le sovvenzioni pubbliche previste per l avvio di un attività in proprio hanno sovente lo scopo di incentivare le attività economiche: a nelle zone di pianura e negli interland delle grandi città b nelle regioni dell Italia nord-occidentale c da parte di donne o giovani d da parte di disoccupati 4 Un datore di lavoro privato, fatte salve le disposizioni speciali, procede all assunzione di un lavoratore tramite: a assunzione diretta b richiesta nominativa al Centro per l impiego c richiesta numerica al Centro per l impiego d stipula di convenzioni con strutture pubbliche competenti 5 In un contratto di lavoro subordinato, il periodo di prova: a deve avere una durata minima di 6 mesi b deve essere scritto e sottoscritto da entrambe le parti c può essere sottoscritto dopo l inizio del rapporto di lavoro d non dà diritto alla maturazione dei trattamenti economici relativi al T.F.R. e alle mensilità aggiuntive 4 p. per la risposta esatta, p. per la risposta mancante, 0 p. per la risposta errata Totale punti /20 2. Domande brevi Rispondi alle seguenti domande nel numero max di righe indicate. Nella disciplina del contratto di lavoro, qual è la parte più tutelata dall ordinamento giuridico e perché? (p. 4) La parte più tutelata è Perché Cita un esempio giuridico in cui è evidente la maggior tutela data ad una delle due parti del contratto di lavoro rispetto all altra (p. 4)

12 .3 Può un contratto di secondo livello derogare rispetto ad uno di primo livello? Perché? (p. 4).4 Perché il contratto di apprendistato è il contratto statisticamente più utilizzato nell assunzione dei giovani? (p. 4).5 Come e in che modo si accede ad un impiego nella Pubblica Amministrazione? (p. 4) Totale punti /20 3. Definizioni Definisci sinteticamente i seguenti termini 2. Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (C.C.N.L.) (p. 4) 2.2 Obbligo della riserva (p. 4) 2.3 Agenzie per il lavoro (p. 4) 2.4 Collaborazioni Coordinate a Progetto (CO.CO.PRO.) (p. 4) 2.5 Sindacati (p. 4) Totale punti /20 2

13 4. Costruzione di una mappa Sulla base delle attività svolte in classe, predisponi una mappa/schema che illustri un possibile percorso da intraprendere nella ricerca attiva di un lavoro. Definisci prioritariamente la tipologia di lavoro (settore), se trattasi di lavoro pubblico o privato, quindi indica dettagliatamente, seppur sinteticamente, le tappe principali (a quali enti mi rivolgo, che risorse uso, che strategie pongo in atto ) (p. 20) Totale punti /20 3

14 5. Il caso Dopo qualche anno di lavoro come dipendente presso un azienda in qualità di impiegato amministrativo, decidi di aprire un attività in proprio, e precisamente un centro dati (tenuta della contabilità, stampe registri contabili, redazione bilanci e dichiarazioni fiscali). Come ti muovi per iniziare la tua attività? Puoi avere incentivi economici, e dove li cerchi? A quali servizi esistenti fai riferimento? Predisponi un breve testo rispondendo ai quesiti sopra citati. Totale punti /20 4

15 MODULO: TECNICHE DI RICERCA ATTIVA DEL LAVORO U.D. - Informazioni sulle regole per l accesso al lavoro e sui servizi all impiego Classe Anno scolastico Cognome Nome Data Scheda per l insegnante. Risposte del test a scelta multipla Griglia per la trascrizione delle scelte Punteggio. (a) (b) (c) (d). 2. (a) (b) (c) (d) (a) (b) (c) (d) (a) (b) (c) (d) (a) (b) (c) (d) 5. Chiave del test a scelta multipla b c c a b Totale punti /20 2. Domande brevi Totale punti /20 3. Definizioni Totale punti /20 4. Costruzione di una mappa Totale punti /20 5. Il caso Totale punti /20 5

16 RIEPILOGO MISURAZIONE. Punteggio scelte multiple / Punteggio domande / Punteggio definizioni / Punteggio mappa / Punteggio caso / 20 Totale punteggio / 00 VOTO L insegnante Griglia di misurazione dei lavori di gruppo Classe Aderenza alla traccia proposta Contenuto Articolazione e organicità Forma e correttezza grammaticale e linguaggio utilizzato Elaborazione personale e originalità Ricerca delle informazioni attraverso l ausilio degli strumenti informatici Studente Aderenza nulla Aderenza scarsa Sufficientemente aderente Discretamente aderente Molto aderente Notevole povertà e/o frammentarietà delle idee Povertà e poca coerenza delle idee Contenuti essenziali e funzionali Ricchezza e funzionalità delle idee Notevole ricchezza e originalità delle idee Articolazione confusa e frammentaria Articolazione incerta e/o superficiale Articolazione essenziale, senza contraddizioni Articolazione equilibrata e coerente Articolazione organica e originale Linguaggio improprio, notevole presenza di errori Linguaggio poco appropriato, con alcuni errori Linguaggio appropriato, senza errori Linguaggio appropriato, varietà lessicale, fluidità sintattica Proprietà, efficacia e padronanza del lessico Mancanza di un elaborazione personale e di originalità Elaborazione personale e originalità scarse Elaborazione personale e originalità sufficienti Elaborazione personale e originalità buone Elaborazione personale e originalità ottime Ricerca informazioni inesistente Ricerca informazioni scarsa Ricerca informazioni sufficiente Ricerca informazioni buona Ricerca informazioni puntuale e accurata Punti 3 Punti 6 Punti 9 Punti 5 Punti 4 Punti 8 Punti 6 Punti 3 Punti 6 Punti 9 Punti 5 Punti 3 Punti 6 Punti 9 Punti 5 Punti 3 Punti 6 Punti 9 Punti 5 Punti 4 Punti 8 Punti 6 TOTALE PUNTI / 00 6

17 UNITÀ DIDATTICA 2 Quadro corrispondenze prove/obiettivi Obiettivi Prove elaborare un progetto e una strategia per la ricerca attiva di lavoro coerente con i propri obiettivi e con la situazione e le tendenze occupazionali e professionali di proprio interesse Progetto di scelta Curriculum vitae individuare e selezionare le informazioni sul mercato del lavoro utili per impostare una ricerca Lavoro di gruppo 4 attiva selezionare e utilizzare in modo mirato le diverse tecniche di ricerca attiva Lavoro di gruppo 3 gestire il contatto con le potenziali opportunità di lavoro Colloquio di lavoro Griglia di misurazione del progetto di scelta Classe COMPLETEZZA DEL PROGETTO Il progetto si presenta: ANALISI DELLE CARATTERISTI- CHE INDIVIDUALI Le caratteristiche individuali sono state analizzate in modo: INDIVIDUAZIONE DELLA TIPO- LOGIA DI LAVORO In base alle caratteristiche individuali, le motivazioni della tipologia di lavoro individuato risultano: FORMA E CORRETTEZZA GRAM- MATICALE E LINGUAGGIO TEC- NICO UTILIZZATO Il linguaggio utilizzato si presenta: ELABORAZIONE PERSONALE E ORIGINALITÀ L elaborato evidenzia: Studente incompleto, con varie parti mancanti non del tutto completo, alcune parti sono mancanti sostanzialmente completo, anche se non molto approfondito completo e abbastanza approfondito completo e approfondito in ogni sua parte superficiale a tratti discontinuo sufficientemente dettagliato abbastanza completo approfondito e completo mancanti poco convincenti sufficientemente convincenti abbastanza convincenti esaustive e convincenti improprio, con una notevole presenza di errori poco appropriato, con alcuni errori appropriato, senza grossi errori appropriato, con una buona varietà lessicale e fluidità sintattica ricco, efficace, fluido, con un ottima varietà lessicale e fluidità sintattica mancanza di un elaborazione personale e di originalità elaborazione personale e originalità scarse elaborazione personale e originalità sufficienti elaborazione personale e originalità buone elaborazione personale e originalità ottime Punti 4 Punti 8 Punti 6 Punti 5 Punti 0 Punti 5 Punti 25 Punti 5 Punti0 Punti 5 Punti 25 Punti 3 Punti 6 Punti 9 Punti 5 Punti 3 Punti 6 Punti 9 Punti 5 TOTALE PUNTI / 00 7

18 Griglia di misurazione del curriculum vitae Classe COMPLETEZZA Il curriculum vitae si presenta: CONTENUTO Le varie parti del curriculum vitae sono state elaborate: ELABORAZIONE PERSONALE E ORIGINALITÀ Il curriculum vitae evidenzia: FORMA E CORRETTEZZA GRAM- MATICALE E LINGUAGGIO TEC- NICO UTILIZZATO Il linguaggio utilizzato si presenta: ASPETTO GRAFICO L impatto grafico e visivo è: Studente incompleto, con varie parti mancanti non del tutto completo, alcune parti sono mancanti sostanzialmente completo, anche se non molto approfondito completo e abbastanza approfondito completo e approfondito in ogni sua parte in modo frettoloso e superficiale con spiegazioni minime, senza particolari approfondimenti e/o dettagli sinteticamente, ma con sufficiente dettaglio in modo chiaro e dettagliato in modo chiaro, immediato, comprensibile, con dovizia di particolari mancanza di un elaborazione personale e di originalità elaborazione personale e originalità scarse elaborazione personale e originalità sufficiente elaborazione personale e originalità buone elaborazione personale e originalità ottime improprio, con una notevole presenza di errori poco appropriato, con alcuni errori appropriato, senza grossi errori appropriato, con una buona varietà lessicale e fluidità sintattica ricco, efficace, fluido, con un ottima varietà lessicale e fluidità sintattica molto confuso e disordinato un po caotico, non sempre ordinato ordinato, ma senza spunti originali o creativi buono, personalizzato, a tratti originale creativo, originale, accattivante, variegato e personale Punti 4 Punti 8 Punti 6 Punti 4 Punti 8 Punti 6 Punti 4 Punti 8 Punti 6 Punti 4 Punti 8 Punti 6 Punti 4 Punti 8 Punti 6 TOTALE PUNTI / 00 8

19 Griglia di misurazione della simulazione del colloquio Classe Studente PADRONANZA DELLA LINGUA CONOSCENZE COMPETENZE CAPACITÀ DI ARGOMEN- TAZIONE CAPACITÀ RELAZIONALI Si esprime in modo: Articola il discorso in modo: Dimostra di possedere conoscenze: Rivela di possedere competenze: Sa argomentare nelle varie tematiche proposte: Si relaziona con la controparte: non corretto e preciso corretto e adeguato ricco e fluido non sempre coerente semplice e coerente ricco e organico minime sufficienti ampie ed approfondite minime adeguate ampie e approfondite in modo schematico ed essenziale in modo sufficientemente articolato ed esaustivo in modo originale, ricco e approfondito sgarbatamente o timidamente, limitandosi a rispondere con poche parole alle domande poste con rispetto, ma con risposte brevi e poco articolate correttamente, dimostrando rispetto e disinvoltura nelle risposte ABBIGLIAMENTO È vestito in modo: non consono ad un colloquio di lavoro sufficientemente adeguato rispettoso e adeguato ad un colloquio di lavoro Punti 3 Punti 7 Punti 0 Punti 3 Punti 7 Punti 0 Punti 5 Punti 0 Punti 5 Punti 5 Punti 0 Punti 5 Punti 6 Punti 4 Punti 6 Punti 4 Punti 3 Punti 7 Punti 0 TOTALE PUNTI / 00 9

20 TECNICHE DI RICERCA ATTIVA DEL LAVORO Scheda finale di valutazione Classe Studente Media dei lavori di gruppo 3 / 00 Punteggio verifica / 00 Punteggio progetto di scelta / 00 Punteggio curriculum vitae / 00 Punteggio colloquio di lavoro / 00 MEDIA MATEMATICA DEI PUNTEGGI 4 / 00 VALUTAZIONE FINALE L insegnante (firma) 3 Per i quattro lavori di gruppo proposti nel corso dell attività, ai fini della valutazione finale, si suggerisce di fare la media tra le quattro misurazioni riportate da ogni singolo studente; trattandosi di un lavoro collettivo, è obiettivamente difficoltoso valutare l effettivo apporto del singolo all interno del proprio gruppo di lavoro. 4 È ovviamente possibile effettuare il calcolo utilizzando una media diversa (ad esempio, una media ponderata che faccia incidere maggiormente sulla valutazione finale il risultato della verifica), sulla base di personali e specifiche considerazioni fatte dal singolo docente. 20

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA

Liceo delle Scienze Umane Sofonisba Anguissola PRIMA PROVA SCRITTA PRIMA PROVA SCRITTA CANDIDATO CLASSE DATA INDICATORI DESCRITTORI PUNTI Livello espressivo trascurato, con errori e improprietà lessicali Correttezza generale, sia pure con qualche lieve errore 2 CORRETTEZZA

Dettagli

TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA

TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA TABELLE DI VALUTAZIONE SCUOLA SECONDARIA o COMPORTAMENTO o LETTERE (ITALIANO, STORIA, GEOGRAFIA) o MATEMATICA E SCIENZE o PRIMA E SECONDA LINGUA COMUNITARIA o TECNOLOGIA o EDUCAZIONE MUSICALE o SCIENZE

Dettagli

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni

Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo. Criteri di valutazione. del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Collegio dei docenti dell Istituto Comprensivo E. Mattei Meolo Criteri di valutazione del comportamento e degli apprendimenti degli alunni Con questo documento il Collegio dei Docenti dell Istituto Comprensivo

Dettagli

Area B.E.S. PROGRAMMA DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI A. S. 2014/2015

Area B.E.S. PROGRAMMA DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI A. S. 2014/2015 Area B.E.S. PROGRAMMA DIDATTICO PERSONALIZZATO PER STUDENTI STRANIERI A. S. 2014/2015 Alunna/o Classe. Sezione. Data di nascita Nazionalità.. Data d arrivo in Italia. Numero degli anni di scolarità. di

Dettagli

Padova, 2 novembre 2011 Agli alunni di classe quinta Ai docenti di classe quinta e, p.c., Ai docenti dell Istituto

Padova, 2 novembre 2011 Agli alunni di classe quinta Ai docenti di classe quinta e, p.c., Ai docenti dell Istituto ISTITUTO MAGISTRALE STATALE AMEDEO DI SAVOIA DUCA D AOSTA LICEO SCIENZE UMANE LICEO SCIENZE UMANE(Ec/S o c ) LICEO SOCIO-PSICO-PEDAGOGICO LICEO DELLE SCIENZE SOCIALI Via del Santo, n. 57-35123 PADOVA tel.

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi.

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE "MARCO POLO - VIANI" LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Verifica dei risultati e valutazione dei processi cognitivi. LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI La valutazione è un elemento pedagogico

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: RELAZIONI INTERNAZIONALI CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina

Dettagli

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo

LINGUE E LETTERATURE STRANIERE. Inglese, francese, tedesco, spagnolo LINGUE E LETTERATURE STRANIERE Inglese, francese, tedesco, spagnolo Indirizzi Classico e Linguistico BIENNIO (Li, L2), (L3 l a e 2 a liceo) OBIETTIVI GENERALI (L1, L2, L3 e sezioni classiche) Obiettivo

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO Progetto di ristrutturazione di un appartamento

UNITÀ DI APPRENDIMENTO Progetto di ristrutturazione di un appartamento UNITÀ DI APPRENDIMENTO Progetto di ristrutturazione di un appartamento CLASSE 5 a A Serale Comprendente: 1. UDA 2. CONSEGNA AGLI STUDENTI 3. PIANO DI LAVORO 4. RELAZIONE INDIVIDUALE DELLO STUDENTE 5. GRIGLIA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINT... RELAZIONI INTERNAZIONALI 1 di 6 26/01/2015 11.38 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI 1. QUINTO ANNO PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE QUINTO ANNO TECNICO RELAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

UDA UNITA DI APPRENDIMENTO

UDA UNITA DI APPRENDIMENTO UDA UNITA DI APPRENDIMENTO Denominazione La compravendita in un impresa commerciale Prodotti Documentazione relativa alla vendita di beni. Lettera richiesta invio listino prezzi, listino prezzi, lettera

Dettagli

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti)

1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) 2. COMPETENZE (sapere i contenuti disciplinari proposti) 1 di 6 09/12/2013 12.23 PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA TECNICO MATERIA: TEDESCO (2^Lingua straniera) ANNO SCOLASTICO:2013/2014 1. CONOSCENZE (elenco dei contenuti disciplinari) Revisione e completamento

Dettagli

VALUTAZIONE DELL ALUNNO

VALUTAZIONE DELL ALUNNO LA VALUTAZIONE VALUTAZIONE DELL ALUNNO In seguito all introduzione del voto decimale nella scuola, ripristinato dal tanto discusso e contestato decreto Gelmini, si è sviluppato, nelle scuole, un ampio

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE

CRITERI DI VALUTAZIONE LICEO SCIENTIFICO CLASSICO STATALE ISAAC NEWTON www.liceonewton.gov.it Via Paleologi, 22-10034 CHIVASSO tel. 011/9109663 fax 011/9102732 - E-mail: TOPS190009@istruzione.it C.M. TOPS190009 - C.F. e P.IVA

Dettagli

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015]

ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] ITALIANO Primo Biennio [approvato nella riunione di Dipartimento 16 Settembre 2015] Il biennio della scuola secondaria di secondo grado costituisce una continuazione coerente dell educazione linguistica

Dettagli

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN

PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN PROVE D ESAME DI STATO PER L ALUNN :.. classe 3 sez. A.S... Come deciso dal Consiglio di classe l alunno eseguirà le prove scritte d esame di italiano, di matematica ed elementi di scienze e tecnologia

Dettagli

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO :

ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/14 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : ALLEGATO 1 ANNO SCOLASTICO 20013/1 F.S. AREA 1 GRIGLIE DI VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO : GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO GRIGLIA PER LA VALUTAZIONE DELLE PROVE ORALI

Dettagli

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò

Il testo narrativo autobiografico Io com ero, come sono, come sarò Istituto Comprensivo Taverna Montalto Uffugo Scuola Secondaria di Primo Grado Scuola Secondaria di 1 Grado Classe II Sez. C Progetto di un intervento didattico su Italiano Titolo dell attività Il testo

Dettagli

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO

DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO CLASSICO NICOLA SPEDALIERI PROGRAMMAZIONE DI ITALIANO ANNO SCOLASTICO 2010-2011 TRIENNIO Competenze d ingresso Gli alunni, al termine del percorso formativo del biennio,

Dettagli

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA

ANALISI DELLA SITUAZIONE DI PARTENZA ISTITUTO TECNICO STATALE AD INDIRIZZO COMMERCIALE IGEA - MARKETING GEOMETRI - PROGRAMMATORI TURISTICO G FILANGIERI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 INDIRIZZO DI STUDI

Dettagli

Griglie di Valutazione disciplinari

Griglie di Valutazione disciplinari Istituto Comprensivo 1 di Taormina via Dietro Cappuccini n. telefono 0942 628612 n. fax 0942 628641/0942-897077 Griglie di Valutazione disciplinari Anno Scolastico 2014/ 15 Approvazione definitiva: Collegio

Dettagli

VOTO In riferimento a: conoscenze, abilità, competenze disciplinari

VOTO In riferimento a: conoscenze, abilità, competenze disciplinari GRIGLIE DI VALUTAZIONE DELLE VERIFICHE E VALUTAZIONI QUADRIMESTRALI E DEL COMPORTAMENTO DEGLI ALUNNI DELLA SCUOLA PRIMARIA: ANNO SCOLASTICO 2012/2013. L introduzione della scala numerica ha fatto sì che

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE F E R M I-GALILEI Via S. G. Bosco, 17-10073 C I R I E (TO) - tel. 011.9214575 011.9210546 fax 011.9214267- e-mail: fermi@icip.com - sito internet: www.istitutofermicirie.it

Dettagli

Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE GRIGLIA DI VALUTAZIONE

Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE GRIGLIA DI VALUTAZIONE UNITÀ DI APPRENDIMENTO Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE GRIGLIA DI VALUTAZIONE Ente capofila progetto; AUTORI UDA Pagina 1 di 12 UDA cartografia 4a.doc

Dettagli

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A.

I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. I.P.S.A.R. - ARBUS SEDE COORDINATA I.P.S.I.A. - Guspini Programmazione annuale di MATEMATICA a.s. 2013-2014 Classi seconde Docente: Prof. Walter Concas A. OBIETTIVI 1. Obiettivi educativi generali. La

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BRAGAGLIA Via Casale Ricci, s.n.c. 03100 FROSINONE (FR) Tel. 0775-9100

Dettagli

ANNO SCOLASTICO: 2014/2015

ANNO SCOLASTICO: 2014/2015 Denominazione Scuola IISS Oreste Del Prete DIPARTIMENTO DI INFORMATICA E LETTERE GRUPPO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO: 201/2015 DOCENTE REFERENTE: Di Viggiano Vito DOCENTI: Costanza Egidia Di Viggiano Vito

Dettagli

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE

PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE PROGRAMMAZIONE SECONDO BIENNIO LINGUA e C IVILTA INGLESE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO LINGUA Lo studente dovrà acquisire competenze linguistico-comunicative corrispondenti al Livello B2 del Quadro Comune

Dettagli

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L ESAME DI STATO CONCLUSIVO DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO IC CS V D. MILANI - DE MATERA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I Grado ad Indirizzo Musicale Via De Rada - 87100 Cosenza tel. 0984 71856 fax 0984-71856 - cod.mecc. CSIC8AL008

Dettagli

Fascicolo Esami. Classe 3. Anno scolastico

Fascicolo Esami. Classe 3. Anno scolastico Relazione Finale Globale della Classe Terza sez. Situazione comportamentale e disciplinare della classe Situazione didattica La situazione di partenza Durante il corso del secondo anno Nel terzo anno Rispetto

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof.

FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO. PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. FONDAZIONE MALAVASI LICEO SCIENTIFICO SPORTIVO PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: MATEMATICA DOCENTE: Prof. ssa Laura Piazzi CLASSE I A.S.2014 /2015 2 OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1 OBIETTIVI

Dettagli

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014

LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO. Biennio triennio. Anno scolastico 2013-2014 LICEO CLASSICO G. GARIBALDI DIPARTIMENTO D ITALIANO Biennio triennio Anno scolastico 2013-2014 Il Dipartimento nel redigere il documento di programmazione didattica annuale, fa riferimento a : la revisione

Dettagli

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base

Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE. Dalla competenza chiave alla competenza base Istituto Comprensivo Garibaldi-Leone Trinitapoli CURRICOLO VERTICALE LINGUE STRANIERE Dalla competenza chiave alla competenza base Competenza chiave: comunicazione nelle lingue straniere. Competenza base:

Dettagli

TRIENNIO. SECONDA PROVA (tema o testo di comprensione/produzione) Griglia di valutazione della seconda prova: Tema in lingua straniera (quindicesimi)

TRIENNIO. SECONDA PROVA (tema o testo di comprensione/produzione) Griglia di valutazione della seconda prova: Tema in lingua straniera (quindicesimi) LINGUE STRANIERE TRIENNIO SECONDA PROVA (tema o testo di comprensione/produzione) Griglia di valutazione della seconda prova: Tema in lingua straniera (quindicesimi) Aderenza alla traccia completa parziale

Dettagli

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO

DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO FORMAT DELL UNITÀ DI APPRENDIMENTO Comprendente: UDA CONSEGNA AGLI STUDENTI PIANO DI LAVORO SCHEMA RELAZIONE INDIVIDUALE STRUMENTI DI DIDATTICA PER COMPETENZE: FORMAT UDA Pag 1 di 13 UDA UNITA DI APPRENDIMENTO

Dettagli

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LINGUA E CIVILTA FRANCESE CLASSE SECONDA

SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE LINGUA E CIVILTA FRANCESE CLASSE SECONDA ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE PARITARIO ANTONIO GRAMSCI Piazza A.Gramsci, 15 00041 Albano Laz. (RM) Tel./Fax 06.9307310 Distretto Scolastico 42 - Cod.Ist.: RMTD00500C SCHEDA PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014 Articolazione dell apprendimento Dati identificativi ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014 Titolo significativo: Esperienza di scrittura: dalle informazioni

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2012/2013 ITALIANO A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO Prof. David Baragiola 1 L AMBITO DISCIPLINARE DI ITALIANO STABILISCE

Dettagli

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI

DOCUMENTO DEL CONSIGLIO DI CLASSE (AI SENSI DELL ARTICOLO 5 Legge n. 425 10/12/1997) ALLEGATO B RELAZIONE SULLE ATTIVITA PLURIDISCIPLINARI ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LEON BATTISTA ALBERTI Via A. Pillon 4-35031 ABANO T. (PD) - Tel 049 812424 - Fax. 049 810554 Distretto n. 45 Padova ovest - C. F. 80016340285 Sito: www.lbalberti.it - E-Mail:

Dettagli

FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10

FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10 FORMAT DI INTEGRAZIONE DEL PROGETTO APPROVATO PER L ATTUAZIONE DI PERCORSI IN ALTERNANZA a.s. 2009-10 1 Il progetto è presentato da: Istituto di Istruzione Superiore G. TORNO P.le Don Milani 1 20022 Castano

Dettagli

VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA. Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde

VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA. Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde ALLEGATO2 VALUTAZIONE: OBIETTIVI e GRIGLIA DI CORRISPONDENZA Obiettivi trasversali formativi/comportamentali dei Consigli delle Classi prime e seconde Impegno a) Negativo Non rispetta le scadenze Non esegue

Dettagli

SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD

SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD SCHEDA DI PROGETTAZIONE SCUOLA ON THE ROAD TITOLO DELL ATTIVITA 1 Do you click clever? ANNO SCOLASTICO 2013-2014 INSEGNANTI SILVIA BENONI (arte) MICHELE BERTOLDO (matematica) ELISABETTA DANZI/ ILARIA SIMONCELLI

Dettagli

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N 1 ETTORE PAIS SSMM027002 - C.F. 91015270902 - tel. 0789/25420 Via A. Nanni - 07026 OLBIA A.S.

SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N 1 ETTORE PAIS SSMM027002 - C.F. 91015270902 - tel. 0789/25420 Via A. Nanni - 07026 OLBIA A.S. SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO N 1 ETTORE PAIS SSMM02002 - C.F. 91520902 - tel. 089/25420 Via A. Nanni - 002 OLBIA A.S. 2014/15 CRITERI ESSENZIALI PER LE PROVE SCRITTE E PER IL COLLOQUIO ORALE PER L

Dettagli

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

QUINTE. Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali) Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : AMMINISTRAZIONE FINANZA E MARKETING -SISTEMI INFORMATIVI AZIENDALI Nodi concettuali essenziali

Dettagli

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016

PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 PROGRAMMAZIONE PER MATERIE SCIENZE UMANE E PSICOLOGIA A. S. 2015-2016 OBIETTIVI GENERALI Educare al rispetto di sé e degli altri, delle cose, delle norme che regolano la comunità scolastica e la convivenza

Dettagli

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE

REPORT FINALE REFERENTE PER LA VALUTAZIONE Unione Europea Fondo Sociale Europeo Con l Europa investiamo nel vostro futuro Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Direzione Didattica Statale, 1 Circolo, Nocera Superiore (SA) -

Dettagli

Il Collegio dei Docenti delibera

Il Collegio dei Docenti delibera Il Collegio dei Docenti delibera MODALITÀ E CRITERI DI VALUTAZIONE ai sensi dell art. 1, comma 5, del DPR 122 /2009: Il collegio dei docenti definisce modalità e criteri per assicurare omogeneità, equità

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 1. PRIMO BIENNIO 1. PRIMO BIENNIO ANNO SCOLASTICO 2014-2015 DISCIPLINA : LINGUA

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO Pagina 1 di 9 ANNO SCOLASTICO 2013/2014 PIANO DI LAVORO ANNUALE - CONTRATTO FORMATIVO DOCENTE MATERIA CLASSE GAROFOLI M. GIUSEPPINA ECONOMIA AZIENDALE V B MERCURIO OBIETTIVI DISCIPLINARI (in conformità

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio ISTITUTO COMPRENSIVO ALBANO - RMICGB00T via Virgilio n. 2-0001 Albano Laziale (Roma) Centralino: 0/320.12 Fax: 0/321.2 @: RMICGB00T@istruzione.it, RMICGB00T@pec.istruzione.it C.F.: 000 GRIGLIE E TABELLE

Dettagli

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO

DISCIPLINA TECNICHE PROFESSIONALI DEI SERVIZI COMMERCIALI DOCENTI MARCO TEODORO http://suite.sogiscuola.com/documenti_web/vris017001/documenti/9.. 1 di 6 21/11/2013 10.58 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE PRIMO BIENNIO PROFESSIONALE SERVIZI COMMERCIALI ANNO SCOLASTICO 2013/2014

Dettagli

Istituto Comprensivo San Casciano V.P. LA VALUTAZIONE

Istituto Comprensivo San Casciano V.P. LA VALUTAZIONE LA VALUTAZIONE 106 La valutazione è parte integrante della programmazione, non solo come momento di verifica degli apprendimenti, ma come spunto per migliorare progetto educativo- formativo. Il momento

Dettagli

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez.

PROGETTAZIONE ANNUALE. A. S. 200_/0_ Classe sez. PROGETTAZIONE ANNUALE CORSO: A. S. 200_/0_ Classe sez. Disciplina: ANALISI DELLA CLASSE: Situazione di partenza Descrivere tipologia, (caratteristiche cognitive, comportamentali, atteggiamento verso la

Dettagli

AREA DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE

AREA DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE AREA DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE PREMESSA 1. Il ruolo dell area nell Istruzione e Formazione Tecnica Superiore Le Unità Capitalizzabili dell area delle competenze linguistiche hanno la finalità di sviluppare,

Dettagli

PROCESSI DELLA COMUNICAZIONE PER LA COMPRENSIONE DI UN TESTO ARGOMENTATIVO PROCEDURE PER LO SVILUPPO DELL ABILITA DI COMPRENSIONE DI UN TESTO SCRITTO

PROCESSI DELLA COMUNICAZIONE PER LA COMPRENSIONE DI UN TESTO ARGOMENTATIVO PROCEDURE PER LO SVILUPPO DELL ABILITA DI COMPRENSIONE DI UN TESTO SCRITTO Istituti Superiori di Padova in Rete Laboratorio di Ricerca Educativa e Didattica R.Rigo PROCESSI DELLA COMUNICAZIONE PER LA COMPRENSIONE DI UN TESTO ARGOMENTATIVO PROCEDURE PER LO SVILUPPO DELL ABILITA

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale

Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale Scheda di Progettazione di un Curricolo verticale ISTITUTO COMPRENSIVO Taverna di Montalto Uffugo (CS) Anno Scolastico 2013-2014 Docenti: Anna Maria Santoro e Silvia Mazzeo Nel nostro tempo, dove situazioni

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I

SCUOLA PRIMARIA CLASSE I SCUOLA PRIMARIA CLASSE I ITALIANO INDICATORI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO STANDARD PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE Ascoltare e comprendere Leggere e comprendere Comunicare oralmente Mantenere l attenzione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO CLASSE TERZA

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO CLASSE TERZA 1 di 5 04/12/2013 100 PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE PER COMPETENZE SECONDO BIENNIO TECNICO PER IL TURISMO ANNO SCOLASTICO 2013/2014 SECONDO BIENNIO DISCIPLINA DIRITTO E LEGISLAZIONE TURISTICA MODINA DOCENTI

Dettagli

Compito di prestazione e Valutazione delle competenze

Compito di prestazione e Valutazione delle competenze Allegato 2 - Borgosatollo ISTITUTO COMPRENSIVO DI BORGOSATOLLO VIA ROMA 42 25010 BORGOSATOLLO (BS) TEL. 030/2501557 fax 030/2508868 email : icborgosatollo@provincia.brescia.it Compito di prestazione e

Dettagli

GRIGLIE DI CORRISPONDENZA TRA VOTO E GIUDIZIO DI PROFITTO

GRIGLIE DI CORRISPONDENZA TRA VOTO E GIUDIZIO DI PROFITTO Al fine di conferire omogeneità ai processi di valutazione in tutte le aree/discipline e assegnare il voto finale si stabilisce quanto segue: La rilevazione degli apprendimenti rispetto alle conoscenze

Dettagli

Sommario. Principali riferimenti normativi pag. 2

Sommario. Principali riferimenti normativi pag. 2 Sommario Principali riferimenti normativi pag. 2 La prova di Italiano pag. 3 Tipologia della prova Criteri di valutazione Livelli formali Modello di giudizio Le prove di Inglese e Francese pag. 4 Tipologia

Dettagli

CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA

CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA CRITERI DI VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI NELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO CLASSI PRIME E SECONDE VOTI COMPETENZE -ha ottime capacità di ascolto; riconosce, scrive e legge correttamente parole\frasi in

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag. 1 di 8 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina Tecnologie informatiche a.s. 2015/2016 Classe: 1 a Sez. Q,R,S Docente : Prof. Emanuele Ghironi / Prof.Davide Colella Pag. 2 di 8 PERCORSI MULTIDISCIPLINARI/INTERDISCIPLINARI

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA

LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA LICEO SCIENTIFICO STATALE E.FERMI SEDE: VIA MAZZINI, 172/2-40139 BOLOGNA Telefono: 051/4298511 - Fax: 051/392318 - Codice fiscale: 80074870371 Sede Associata: Via Nazionale Toscana, 1-40068 San Lazzaro

Dettagli

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria

Griglie. di valutazione. disciplinari. Scuola Primaria Griglie di valutazione disciplinari Scuola Primaria 3 VALUTAZIONE SCUOLA PRIMARIA Il recente Regolamento per la valutazione scolastica Dpr n. 122 del 2009 intende coordinare le diverse norme in questo

Dettagli

Progetto Regionale Salvaprecari ABSTRACT

Progetto Regionale Salvaprecari ABSTRACT Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Liguria Direzione Generale Attuazione Protocollo di Intesa Regione Liguria - MIUR del 4/11/2010 per la realizzazione

Dettagli

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado

5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado 5.4. Il PIM nella scuola secondaria di II grado Percorso didattico: Accogliere e orientare Autore Corrado Marchi e Franca Regazzoni Scuola Scuola secondaria di secondo grado Classi Prima, terza, quarta

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 1A A.S 2014/2015

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 1A A.S 2014/2015 Disciplina: Informatica, applicazioni gestionali Classe: 1A A.S 2014/2015 Docente: Prof. Renata Ambrosi ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe è composta da 27alunni; 5 maschi e 22 femmine.

Dettagli

LICEO STATALE "DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016

LICEO STATALE DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO STATALE "DOMENICO BERTI Allegato A al verbale n. 45 OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CARATTERISTICH E GENERALI DELL

Dettagli

QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING

QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Mod. DIP/FUNZ 1 - TRIENNIO MATERIA: DIRITTO CLASSI: PRIME TERZE SECONDE QUARTE QUINTE INDIRIZZI : RELAZIONI INTERNAZIONALI PER IL MARKETING Nodi concettuali essenziali della disciplina (Saperi essenziali)

Dettagli

LA VALUTAZIONE SCOLASTICA

LA VALUTAZIONE SCOLASTICA LA VALUTAZIONE SCOLASTICA Si attua sistematicamente durante l anno scolastico e alla fine dei Quadrimestri, attraverso prove di verifica strutturate e/o semi-strutturate, elaborati, osservazioni sistematiche,

Dettagli

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2013/2014. Indirizzo: Maxisperimentazione ad indirizzo socio-biologico

ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G.V.GRAVINA. Anno scolastico 2013/2014. Indirizzo: Maxisperimentazione ad indirizzo socio-biologico ISTITUTO STATALE D ISTRUZIONE G.V.GRAVINA Anno scolastico 2013/2014 Classe Quinta B Indirizzo: Maxisperimentazione ad indirizzo socio-biologico Prof. Michele Rossitti SITUAZIONE DI PARTENZA DELLA CLASSE

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTO SCIENZE MOTORIE LICEO CICERONE POLLIONE ANNO SCOLASTICO 2015-16 I BIENNIO (CLASSI 1^ E 2^) Competenze disciplinari Specifiche 1) Conoscere e utilizzare il proprio corpo

Dettagli

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua

Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua DIPARTIMENTO DI LINGUE STRANIERE Inglese I Lingua - Francese II Lingua - Tedesco III Lingua Modalità di verifica e criteri di valutazione MODALITA DI VERIFICA BIENNIO Le verifiche, frequenti e diversificate,

Dettagli

Fondazione Cogeme Onlus

Fondazione Cogeme Onlus Fondazione Cogeme Onlus DI CASA NEL MONDO COMPETENZE CHIAVE PER UNA CITTADINANZA SOSTENIBILE - gruppo 3: servirsi delle nuove tecnologie in maniera interattiva SCUOLA SECONDARIA I GRADO ESEMPIO 1 RECUPERO

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DIPARTIMENTALE LICEO CICERONE CLASSI Indirizzo di studio materia I BIENNIO Liceo Linguistico, delle Scienze Umane e delle Scienze Umane opz Economico Soc Scienze motorie e sportive

Dettagli

FONDAZIONE COGEME ONLUS ROVATO PROGETTO DI CASA NEL MONDO COMPETENZE CHIAVE PER UNA CITTADINANZA SOSTENIBILE

FONDAZIONE COGEME ONLUS ROVATO PROGETTO DI CASA NEL MONDO COMPETENZE CHIAVE PER UNA CITTADINANZA SOSTENIBILE FONDAZIONE COGEME ONLUS ROVATO PROGETTO DI CASA NEL MONDO COMPETENZE CHIAVE PER UNA CITTADINANZA SOSTENIBILE PROGETTO IDEATO E REALIZZATO DALL ISTITUTO COMPRENSIVO DI PONTOGLIO - SCUOLA SECONDARIA DI I

Dettagli

Curricolo di LINGUA INGLESE

Curricolo di LINGUA INGLESE Curricolo di LINGUA INGLESE TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE FISSATI DALLE INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2012 I traguardi sono riconducibili ai livelli A1 e A2 del Quadro Comune Europeo

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO Disciplina: MATEMATICA Classe: 5A SIA A.S. 20015/16 Docente: POLONIO NADIA ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe risponde adeguatamente alle proposte formative, e lavora in modo disciplinato,

Dettagli

ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016

ISTITUTO TECNICO LEONARDO DA VINCI AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO. Anno Scolastico 2015 2016 ISTITUTO TECNICO "LEONARDO DA VINCI" AD INDIRIZZO TECNOLOGICO ED ECONOMICO BORGOMANERO (NO) PIANO DI LAVORO Anno Scolastico 2015 2016 Materia: DISCIPLINE TURISTICHE AZIENDALI Classe: V C - TURISMO Data

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI INFORMATICA. Anno Scolastico 2015/2016

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI INFORMATICA. Anno Scolastico 2015/2016 Istituto di Istruzione Superiore "Don Lorenzo Milani" - Gragnano (NA) Istituto Tecnico Commerciale e Turistico PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE DIPARTIMENTO DI INFORMATICA Anno Scolastico 2015/2016

Dettagli

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012

Programmazione di INGLESE Indicazioni Nazionali 2012 ISTITUTO COMPRENSIVO "Dante Alighieri" di COLOGNA VENETA (Vr) Via Rinascimento, 45-37044 Cologna Veneta - tel. 0442 85170 - fax 0442 419294 www.iccolognaveneta.it - e-mail: vric89300a@istruzione.it - vric89300a@pec.istruzione.it

Dettagli

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI

FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI FONDAZIONE MALAVASI PIANO DI LAVORO E PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINA: GEOSTORIA DOCENTE: ANNASTELLA MARABINI CLASSE I LICEO SCIENTIFICO SCIENZE APPLICATE A.S.2015/2016 1. OBIETTIVI E COMPETENZE 2.1

Dettagli

Piano Integrato 2008/09

Piano Integrato 2008/09 REPUBBLICA ITALIANA - REGIONE SICILIANA LICEO SCIENTIFICO STATALE M. CIPOLLA P.le Placido Rizzotto Tel. 9-913 Fax. 9-9333 C. F. 117311 E-mail: liceoscientificocv@libero.it 91 CASTELVETRANO (TP) Autorità

Dettagli

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti

LA VALUTAZIONE. Valutazione degli apprendimenti LA VALUTAZIONE Valutazione degli apprendimenti Le verifiche hanno da sempre la duplice funzione di controllare il grado di apprendimento degli allievi e la validità dell azione educativa e didattica. Infatti,mentre

Dettagli

Rapporto di autovalutazione

Rapporto di autovalutazione Rapportodiautovalutazione VALES Valutazioneesviluppodellascuola Sommario 1. Codicemeccanograficoistitutoprincipale...3 2. Grigliediautovalutazione...3 1.1 Esiti...3 1.2 Contestoerisorse...4 1.3 Processi...5

Dettagli

Istituto tecnico Luigi Sturzo

Istituto tecnico Luigi Sturzo Istituto tecnico Luigi Sturzo Settore Tecnologico Biotecnologie Ambientali e Biotecnologie Sanitarie Anno Scolastico 2012/ 2013 Programmazione dipartimentale Area scientifica (Matematica, Disegno, Informatica)

Dettagli

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO

PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Allegato 8 PIANO EDUCATIVO E DIDATTICO DI ISTITUTO Scuola Primaria PERCORSI FORMATIVI E CRITERI DI VALUTAZIONE Il Piano Educativo e Didattico d Istituto (P.E.D.) è la programmazione dei percorsi formativi

Dettagli

MASTER Esperto in Gestione delle Avvio Aprile 2015

MASTER Esperto in Gestione delle Avvio Aprile 2015 MASTER Esperto in Gestione delle Avvio Aprile 2015 Risorse Umane Docenti qualificati 2 borse di studio Laboratori interattivi Stage + job placement con oggilavoro.com Esperto in Gestione delle Risorse

Dettagli

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali

Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per la classe quinta Discipline turistiche e aziendali Grazia Batarra, Carla Sabatini Turismo: prodotti, imprese e professioni per il quinto anno Edizione mista Tramontana Istituti tecnici settore economico indirizzo turismo Programmazione per competenze per

Dettagli

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola?

PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Come viene associato un insegnate alla scuola? Cos è il Codice scuola? PIÙ IN DETTAGLIO Come si crea una scuola virtuale? Quando si compila il modulo di registrazione, selezionare l opzione scuola.una volta effettuata la registrazione, si può accedere a un ambiente molto

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE POLO COMMERCIALE ARTISTICO GRAFICO MUSICALE a.s.2014/2015 ECONOMIA AZIENDALE A CURA DEL RESPONSABILE DEL DIPARTIMENTO LIA BONELLI L AMBITO DISCIPLINARE DI ECONOMIA AZIENDALE

Dettagli

MASTER GESTIONE SVILUPPO E AMMINISTRAZIONE DELLE RISORSE UMANE

MASTER GESTIONE SVILUPPO E AMMINISTRAZIONE DELLE RISORSE UMANE MASTER GESTIONE SVILUPPO E AMMINISTRAZIONE DELLE RISORSE UMANE Obiettivi Il Master ha come obiettivo la creazione di una figura in grado di operare a 360 all interno dell area risorse umane di: aziende,

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: INFORMATICA

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: INFORMATICA ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE STATALE CARLO GEMMELLARO CATANIA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA MATERIA: PROFESSORE: Valerio Mandarino CLASSE: 4 A ISTITUTO TECNICO ECONOMICO A.S.: 2015/2016 AMMINISTRAZIONE FINANZA

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE. CONSIGLIO DI CLASSE DELLA 4 Cat ANNO SCOLASTICO 2013-2014

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE. CONSIGLIO DI CLASSE DELLA 4 Cat ANNO SCOLASTICO 2013-2014 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE ARCHIMEDE Via Cento n. 38/A 40017 San Giovanni in Persiceto (BO) C.F. 80073690374 Tel 051 821832/823651 Fax 051 825226 E-Mail: informazioni@isis-archimede.it Sito

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE*

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE* Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca L.G.S. C. Beccaria Via Linneo 5-20145 Milano C.M. MIPC040008 C.F. 80125550154 Tel: 02 344815 Fax: 02 3495034 email istituzionale: mipc040008@istruzione.it

Dettagli

Le griglie utilizzate per la correzione della terza prova sono due, una per inglese l altra per le prove delle altre discipline.

Le griglie utilizzate per la correzione della terza prova sono due, una per inglese l altra per le prove delle altre discipline. Le griglie utilizzate per la correzione della terza prova sono due, una per inglese l altra per le prove delle altre discipline. 1 Griglie di valutazione della I prova scritta ANALISI DEL TESTO più che

Dettagli