NS RICERCA n. 1, settembre 2012

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "NS RICERCA n. 1, settembre 2012"

Transcript

1 La Scuola come Centro di Ricerca: una didattica essenzialista Elio Damiano, università di Parma In questo saggio provo ad argomentare che la didattica dell SCR era essenzialista, ovvero fondata sul presupposto che le discipline di studio come le rispettive scienze dalle quali venivano fatte discendere direttamente fossero corpi di conoscenze reali, dotate di una loro natura. Saranno illustrati i tratti distintivi, i principi didattici ed i limiti di quell esperienza, insieme ad un breve bilancio dei punti fermi e della distanza dalla ricerca didattica attuale. In this essay I try to argue that the <School as Research Centre> pedagogy was "essentialist", that was based on the assumption that the disciplines of study as the sciences from which they were made directly descent- were considered as reality s realmes, the knowledge bodies with an effective 'nature'. I will describe distinctive characters of Alfredo Giunti proposal, the teaching principles and also its limits, along with a short summary of the still present key points and the gap from the current educational research. Alfredo Giunti ( ) era una persona brillante, dalla conversazione contagiosa. Per quanto fosse occupato, all occasione di una visita era sempre disponibile a discutere di qualcosa, con accanimento. Era soprattutto una persona schietta, e con qualche vena polemica nei riguardi dell accademia pedagogica: esprimeva insofferenza con alcuni dei suoi bersagli preferiti Cesare Scurati, a volte; spesso, invece, Mario Mencarelli ai quali rimproverava di girare intorno alle questioni, senza affrontarle di petto, come si doveva. Era un uomo che poneva domande molte domande e in modo esigente chiedeva delle risposte. Non sempre le trovava dove da parte dei teorici se le aspettava. Il motivo che guidava le sue attese era quello che possiamo chiamare l istanza procedurale: a lui che chiedeva come si fa gli accademici offrivano il cos è. Antica questione di reciproca incomunicabilità. Con l orgoglio del pratico, né si intimoriva e né rinunciava. Invece si incaponiva, cercando soddisfazione dove poteva, per conto suo ed alla sua maniera. Ho preparato questo intervento sulla base della memoria remota delle sue idee, quindi sono andato a rivedere alcune sue pubblicazioni, quelle che si possono considerare le più rilevanti, quali La scuola come centro di ricerca, La ricerca in geografia, Ricerca e lavoro interdisciplinare, Un ipotesi per la scuola di comunità 1. Infine, sono ritornato su due lavori del suo mèntore, Marco Agosti: La lezione, Maturità magistrale, in particolare per i riferimenti al metodo naturale Per le citazioni che seguiranno, farò riferimento generico a queste opere, considerate nel loro insieme, come il thesaurus di questo contributo, senza specificare le pagine. A. Giunti, La scuola come centro di ricerca, La Scuola, Brescia 1973; (a cura di), La ricerca in geografia, ibid., 1976; et Alii, Un ipotesi per la scuola della comunità,

2 La rilettura, a distanza di oltre quarant anni, ha mostrato quanta acqua sia passata sotto i ponti i 60 erano anni magnifici per le speranze di cambiamenti e la nostalgìa è giustificata ma anche quanto le tesi di Giunti ponevano problemi di struttura ancora aperti in fatto di educazione scolastica. Già presenti anche allora, e che Giunti sollevava lealmente perché interni alle stesse soluzioni che egli proponeva (e che il successo popolare poteva indurre a trascurare). Problemi comuni a tutto il movimento dell Attivismo, nella cornice del quale anche Giunti avrebbe potuto riconoscersi. Così ho scelto di considerare l Attivismo come lo sfondo in grado di denotare la specificità de La Scuola come Centro di Ricerca (SCR), nel suo contesto e nella peculiarità della sua idea di insegnamento. Anticipo l interpretazione che intendo argomentare: la didattica dell SCR è essenzialista, ovvero fondata sul presupposto che le discipline di studio come le rispettive scienze dalle quali discendevano direttamente siano dei corpi di conoscenze reali, dotate di una loro natura (o essenza ) distintamente connotata. Còmpito dell insegnamento è puntualmente quello di far fare agli alunni una esperienza qualificata di tali forme di conoscenza. Non è questa l occasione per approfondire le matrici filosofiche dell essenzialismo. Basterà richiamarne le origini nel platonismo e in quel che di continuo, in Aristotele, si può ritrovare del suo Maestro. 3 Così come possiamo fare solo cenno alle critiche dell essenzialismo, a cominciare da Galilei 4 fino a Popper 5, ed alla sua ripresa, nel campo delle scienze sociali, da parte di Dario Antiseri 6, che collaborò in vario modo alle iniziative di Giunti e della SCR, occupandosi di ricerca in didattica 7. D altronde, l opzione essenzialista va considerata nei legami anche personali del Nostro con Marco Agosti e la cultura neo-scolastica dell ambiente dell Editrice La Scuola e dell Università Cattolica di Milano. 2 La ricerca ed il metodo tra scienza e insegnamento ibid., 1982; Ricerca e lavoro interdisciplinare, ibid Le opere del 1973, 1982 e 1983 sono ora in A. Giunti, La scuola come centro di ricerca, La Scuola, Brescia 2012, con introduzione di Giuseppe Bertagna. 2 M. Agosti e V. Chizzolini, Maturità magistrale, La Scuola, Brescia 1961; M. Agosti (a cura di), La lezione, ibid., Non poco, a giudicare da quanto afferma Giovanni Reale, Il concetto di "filosofia prima" e l'unità della "Metafisica" di Aristotele, Bompiani, Milano G. Galilei, Terza lettera a Markus Welser, in Opere, Ricciardi, Milano-Napoli 1953, pp K. Popper, La società aperta e i suoi nemici,armando, Roma D. Antiseri, Didattica della storia: epistemologia contemporanea, Armando Editore, 1999 (v. p. 117). 7 Cfr, tra l altro, D. Antiseri, Teoria e pratica della ricerca nella scuola di base, La Scuola, Brescia 1985

3 La SCR va riconosciuta come uno degli approcci didattici centrati sui rapporti fra scienza e insegnamento, quello che più di altri accredita la scienza come paradigma culturale, per gli aspetti produttivi e creativi l invenzione, la novità, la sorpresa che la denotano come forma di conoscenza: non solo come oggetto di interesse, ma anche, se non soprattutto, come opzione metodologica e finanche quale atteggiamento psicologico, connotato da rigore ed oggettività. La ricerca è la parola d ordine dei movimenti, quei fenomeni che provocano, quando meno li si aspetta, repentine accelerazioni della storia. Condotte collettive in fermento che a volte investono la scuola, denunciata come il pesante fardello il rimorchio che rallenta fino a bloccare la società avviata verso radiose prospettive di cambiamento. E la sollecitano a farsi camion, superare i tradizionalismi che l affliggono e aprirsi all innovazione: non un traguardo pre-definito, bensì un orizzonte nel quale identificarsi come diversa e discontinua rispetto all oscurantismo precedente. Tra le diverse tipologie tentate per inquadrare l Attivismo, ricordiamo, con Cremin 8, che a fianco dei romantici, cantori dell infanzia, custodi e promotori della fioritura naturale e della spontaneità creativa, e dei radicali, ad orientamento politico, che propugnarono, per il tramite dell innovazione nei metodi, nell autogoverno degli alunni e nella accessibilità del sapere, la trasformazione della società in senso democratico, se non addirittura rivoluzionario si potevano certamente annoverare gli scientisti, preoccupati di adottare nel lavoro scolastico le pratiche, appunto, della ricerca scientifica. Una componente, peraltro non maggioritaria, che affermò lo sperimentalismo educativo. A vario titolo, quante sono le differenze tra Montessori, Claparède, Decroly e Dewey, per citarne i più noti, senza dimenticare p.es. che il pedagogista americano è diventato solo da un certo periodo in poi il maestro ispiratore dell Attivismo con gli americani che, nonostante fossero ben orgogliosi ed efficaci propugnatori delle loro scuole progressiste, non aderirono mai alla Lega Internazionale dell Educazione Nuova e che la nostra Montessori non nascose le sue renitenze a includersi nel movimento. Neppure i movimenti pedagogici che sono venuti dopo, e che pur potevano trarne ispirazione dalla Pedagogia istituzionale, alla Nondirettività, al Libertarismo, alla Psicosociologia dei gruppi ispirata dai lavori di K. Lewin hanno mai ammesso di considerarsene, in alcun modo, gli eredi. Così non è mancato chi si è chiesto, provocatoriamente, se l Attivismo sia mai davvero esistito L. A. Cremin, The Transformation of the School, Progressivism in American Education, Vintage Books, New York, L. Raillon, L Education nouvelle a-t-elle existé?, in A. Ohayon, D. Ottavi, A. Savoye (Eds), L Education nouvelle, histoire, présence et devenir, Peter Lang, Bern, 2004, pp

4 Non è questa la sede per richiamare un episodio pedagogico polimorfo come l Attivismo 10, del quale è stata segnalata, a ripetizione e autorevolmente, la pre-teoreticità o addirittura la nonteoreticità 11. Ci limitiamo, invece, a richiamarne, quando nel secondo dopoguerra del Novecento si ripresenta alla ribalta nella ricostruzione dell Europa distrutta da una guerra irragionevole quanto suicida, i tratti distintivi: (a) l enfasi posta sul soggetto e sulla sua capacità di assimilare gli stimoli esterni ai suoi schemi di elaborazione e di organizzazione, trasformandoli in esperienza. (b) l attenzione portata sul processo di conoscenza, più che sul prodotto conclusivo, sulla base di orientamenti teorici come il funzionalismo, l evoluzionismo, il migliorismo, e di atteggiamenti pratici quali il dialogo, il pluralismo, l apprezzamento del diverso e del relativo. (c) l istanza metodologica, per la quale si definisce una rigorosa disciplina dei processi di conoscenza e l organizzazione del conflitto con gli ostacoli posti dall ambiente e la differenziazione dei punti di vista della comunità dei ricercatori. (d) l attesa del cambiamento considerato come carattere definiente della realtà e quindi come compito esplicito dell uomo, artefice responsabile di sé e del suo destino. Com è evidente, le quattro connotazioni si richiamano e confermano tra loro, riassumendosi nell orientamento alla ricerca. Il pensatore che più di tutti ha interpretato e portato a consapevolezza filosofica e pedagogica questa via alla cultura è stato John Dewey (non a caso il riferimento negativo di chi gli si è opposto, Jerome S. Bruner, l epigono dello strutturalismo didattico che sulla critica alla ricerca ed il recupero dei contenuti ha fondato i suoi successi 12 ). Il contributo di Dewey 13 consiste nell aver messo a punto una filosofia come metodo, che si manifesta come continua riprecisazione del suo pensiero. Chiave di volta del suo approccio è la nozione di esperienza, che vale come definizione unificante di tutta la realtà, vista come divenire, risultante progressiva e contingente dell interazione tra soggetto e ambiente, con il problem posing che ne consegue e la riflessività mediante la quale l esperienza si compie. Con la riflessività che non è un approdo, bensì un evento fra gli altri, con una 4 10 Per una lettura attualizzante, cfr A. Ohayon, D. Ottavi, A. Savoye (Eds), L Education nouvelle, histoire, présence et devenir, Peter Lang, Bern, Cfr la pedagogista che, a tutt oggi, può essere considerata la maggiore studiosa dell Attivismo storico: C. Metelli Di Lallo, Analisi del discorso pedagogico, Marsilio, Padova J. S. Bruner, Dopo Dewey. Il processo di apprendimento nelle due culture, Armando, Roma Fra tutte le opere, rimandiamo in particolare a: J. Dewey, Democrazia d educazione, La Nuova Italia, Firenze 1972 (orig. 1916); Esperienza ed educazione, ibid., 1968 (orig. 1938).

5 specifica proprietà: la consapevolezza di potersi dirigere, appunto, in quanto metodo. L attitudine riflessiva si esprime così come strategia di problem solving, che consiste nel lavoro di riduzione di un problema da una situazione di indeterminatezza e confusione in una di chiarezza e di efficacia. Un processo di investigazione coincidente con l indagine sperimentale sulla realtà che John P. Wynne, uno dei più consentanei studiosi del Dewey, riassume come segue: I suggerimenti elaborati mentalmente per affrontare la situazione in base all esperienza precedente II definizione delle difficoltà e differenze rispetto ai precedenti III messa a punto dell ipotesi come frutto della riflessione analitica IV prova in prima istanza della soluzione delineata V controllo, attraverso i risultati, della validità dell ipotesi. 14 Siamo dinanzi ad una procedura generalissima, che rilancia il dibattito seicentesco sul methodus, da Bacone a Galileo e a Cartesio, volta all identificazione di una via unica e certa al perseguimento della conoscenza. 15 Al di là delle differenze, di tempi e di argomenti, anche per Dewey il metodo ovvero il modello del pensiero riflessivo è trasferibile in ogni ambito di studio, non solo presso le scienze fisiche, ma pure con particolari adattamenti alle scienze umane. L esperienza umana si colloca nel quadro universale della natura, comprensiva di tutti gli elementi del reale, della quale individui e società fanno parte. Qui la filosofia del metodo si congiunge con la filosofia dell educazione: questa è promozione dell uomo e incremento degli aspetti migliori della vita individuale e sociale. Più l educazione è costante riorganizzazione e ricostruirsi dell esperienza, più è prossima dello sviluppo, più e meglio è educazione. Perché, secondo Dewey, anche l educazione è metodo e pertanto l insegnante deve darsi obiettivi metodologici oggi diremmo trasversali ovvero unificanti, come l attitudine fondamentale ad incrementare l esperienza e le capacità d indagine proprie del pensiero riflessivo: fiducia in se stessi, apertura mentale, onestà intellettuale, responsabilità, capacità di anticipare le conseguenze e di riconoscerle nei fatti. Nonostante le pressioni dei suoi seguaci regolarmente mirate a chiedere di definire i contenuti di conoscenza dei curricoli Dewey non risponde che in termini 5 14 J. P. Wynne, Le teorie moderne dell educazione, Armando, Roma 1982 (VI), pp F. Bacone, Nuovo Organo, a cura di M. Marchetto, Rusconi, Milano 1998; per Galilei, in assenza di un opera specifica sul metodo, v. per alcuni aspetti essenziali del suo sperimentalismo: G. Galilei, Lettera a Pierre de Carcavy (1637), in Opere di Galileo Galilei, volume XVII, Carteggio , Giunti & Barbera, Firenze 1966, pp.68-71; R. Cartesio, Discorso sul metodo, Armando, Roma 1999 (orig. 1637).

6 generali: perché quello che conta è il metodo il contenuto è il metodo l esperienza è un idealtipo, la qualità metodologica dell esperienza è la ricerca. Principi didattici della SCR Fin qui Dewey. Non sono in grado di affermare se e fino a che punto Alfredo Giunti avesse studiato l opera del pedagogista statunitense, che da noi fu reso noto nel secondo dopoguerra; bisognerebbe indagare sulla sua storia personale e professionale e sulla sua biblioteca di formazione. Sono propenso a credere che, invece, queste assonanze, come in genere quelle per il movimento attivista, fossero lo spirito dei tempi della ricostruzione, culturale e morale, quindi pedagogica e scolastica, del nostro Paese. Condivisione pratica di ispirazioni che Alfredo visse come impegno educativo, nei modi dell <artigiano morale> 16 o dell <artista> di scuola 17. Resta l evidenza che i rimandi deweyani tra esperienza, ricerca e metodo, trasferiti in nome della scienza nell insegnamento, si possono considerare come i principi ispiratori della SCR ovvero dell idea di insegnamento di Alfredo Giunti. Proviamo ad esplicitarle in termini didattici: (1) in relazione ai soggetti: (a) la centralità della motivazione (b) il ridimensionamento dell autorità dell insegnante (c) l apertura alla società (2) in relazione ai contenuti: (a) l oggetto di studio è la realtà (b) l unità d indagine è la disciplina di studio, identificata dal metodo (c) la procedura d indagine privilegiata è la ricerca (3) in relazione ai risultati attesi: (a) sviluppo di competenze procedurali (b) sviluppo di competenze formali (c) sviluppo di competenze riflessive La formulazione, a proposito di insegnanti orientati alla ricerca, è di A. R. Tom: Teaching as a moral craft: a metaphor for teaching and teacher education, in Curriculum inquiry, n.3, l980. pp ; Teaching as a moral craft, Longman, New York l984; Inquiry into inquiry-oriented teacher education, in Journal of teacher education, n.5, 1985, pp Cfr L. J. Rubin, Artistry in teaching, Random House, New York l985.

7 Se questo schema può valere a compendio accettabile della SCR, ne discende distintamente l appartenenza al movimento attivista. Con qualche aggiornamento che tocca in particolare il riferimento insistito alle discipline di studio ed alla loro struttura sintattica e concettuale che induce a trovare riferimenti nello strutturalismo didattico proposto dal Bruner. 18 Ma si tratta più di una concessione terminologica i termini disciplina di studio, struttura perché invece la centratura sul metodo e il primato assegnato alla ricerca sono marcature tipicamente attiviste. Ed anche quando la preoccupazione per i contenuti vedremo più avanti si porrà come integrazioni culturali per compensare i risultati acquisiti mediante la ricerca, il problema resterà tutto interno all orientamento attivista. Infatti, possiamo riconoscere questa stretta appartenenza anche a rovescio, ovvero individuando i limiti di un impianto curricolare centrato sulla ricerca (o, meglio, al plurale, sulle ricerche): la a-sistematicità; un insegnamento mediante ricerche si attua mediante monografie, che mettono a fuoco in dettaglio ed in profondità aspetti particolari della realtà indagata. Per quanto numerose e coordinate tra loro, le ricerche sono comunque episodi didattici distinti, che generano un curricolo a tendenza puntiforme, lontano da attese di organicità dell apprendimento e unitarietà della formazione. E tanto più le indagini sono svolte con rigore riguardo all oggetto ed al metodo, di tanto la delimitazione del campo è tenuta ad essere circoscritta, con la conseguenza di risultati che rischiano di restare disarticolati. l equivoco scienza-insegnamento; all origine c è una semplificazione: l identificazione della scienza con il metodo (quello sperimentale ); ne segue un altra: la corrispondenza tra una disciplina con un suo metodo (in genere ad orientamento empirico). In queste due opzioni si cela il problema dell equivoco tra contesto scientifico e contesto didattico: le esigenze, soprattutto nella scuola primaria, per un insegnamento attivo non possono coincidere con una opzione epistemologica a carattere empirico, tagliando insieme al pluralismo metodologico della ricerca scientifica la fondamentale componente della deduzione. Scienza e scuola non possono essere assimilate se non indebitamente, l azione didattica mira a scopi diversi e autonomi rispetto alla ricerca scientifica. 19 La questione si pone a riguardo della stessa parola <ricerca>: quel che vale in termini euristici per l indagine scientifica non può essere esteso, se non per analogia, al campo didattico: dove, 7 18 Cfr in particolare J. S. Bruner, Verso una teoria dell istruzione, Armando, Roma Cfr, tra gli altri, J.-L. Martinand, Connaitre et transformer la matière, Peter Lang, Berne 1986.

8 invece che di <ricerca>, in senso proprio, sarebbe corretto parlare di <riscoperta> o di simulazione guidata. La fattibilità; l adozione della ricerca come regola dell insegnamento ha implicazioni sui tempi del curricolo. Infatti, l impegno della problematizzazione, connesso al rigore metodologico, richiede necessariamente tempi lunghi, a quali vanno aggiunti quelli dovuti alla costituzione della scolaresca come comunità di ricerca. Non si tratta, però, solo di estensione temporale, ma anche se non soprattutto di prevedibilità: la sorpresa del problem posing, così come l insight della scoperta (o riscoperta), non sempre si conciliano con le scansioni dell orario scolastico. Ne consegue una impegnativa gestione dei tempi, che difficilmente riesce a superare la virtuosità del criterio <poco ma bene!>. La questione dei tempi si complica ulteriormente se si pensa all obbiettivo di sviluppare le competenze formali presso gli alunni. Si aggiungano che la ricerca è molto esigente con gli insegnanti, da parte dei quali presuppone competenze relative ai processi: di apprendimento, di conduzione metodologica, in senso epistemologico e procedurale, ma anche in chiave didattica, in termini di stimoli indiretti e dal basso per promuovere l iniziativa degli alunni, al di là di ogni tentazione direttiva. Ancora più insidioso un altro tema: un insegnamento centrato come quello della SCR sulla metacognizione, ovvero sulla capacità di verbalizzare le azioni ed i pensieri che riflessivamente le guidano, quali alunni favorisce? Non certo gli svantaggiati dall ambiente di origine Questa è un obiezione rilevante, ancora di più per insegnanti animati da motivazioni democratiche come quanti aderiscono ad una didattica attiva. Il riduzionismo epistemologico; riguarda l opposizione tra metodi e contenuti detta come antinozionismo che separa indebitamente due polarità che nella ricerca scientifica sono intrinsecamente connessi fra loro, se è vero che il metodo non può non corrispondere per essere adeguato ed incisivo agli oggetti in funzione dei quali si sceglie o, addirittura, si costruisce. L opposizione dipende dalla scelta del <metodo unificato> per fare ricerca, una semplificazione implausibile, se non in termini di generalissima analogia: una sorta di filosofia del metodo, che richiama, come sappiamo, la discussione seicentesca sul metodo universale, giustificata all epoca dalla volontà di emancipare il sapere scientifico da quello teologico. Presso l Attivismo, invece, il rifiuto delle nozioni significava la polemica contro la scuola tradizionale, accusata di offrire prodotti cognitivi dall alto, senza attivare processi cognitivi che non fossero la memoria e la riproduzione 8

9 verbale. Ancora una volta, ritorna l equivoco tra ambito scientifico e contesto scolastico: altro è privilegiare processi di apprendimento pregiati come il problem solving altro è svolgere una effettiva ricerca empirica. Alfredo Giunti era tutt altro che ignaro di questi limiti, che percepiva lucidamente e per il superamento dei quali sì è battuto instancabilmente: non solo sul piano delle realizzazioni ovvero degli aggiustamenti concreti ma anche su quello dell argomentazione e della legittimazione teorica. Ed era a questo riguardo che si rivolgeva, in cerca di risposte, agli accademici di professione. Non sempre trovandole pertinenti. E che tentava di reperire direttamente, attingendo fin nel neo-positivismo 20, con risultati non sempre apprezzabili, nemmeno dal suo punto di vista. Oggi, a distanza di tempo, riusciamo a cogliere con maggiore consapevolezza la dissonanza tra scienza e scuola, come anche i limiti intrinseci ad ogni modello sia epistemologico che didattico che comporta per la sua stessa caratterizzazione- una distorsione della realtà che intende rappresentare o, come in didattica, promuovere. Anche se non sempre teniamo ben presente nella ricerca come nell insegnamento che un modello resta comunque un approssimazione, se non una caricatura, della realtà Unità vo cercando ch è sì cara Alfredo dedicò molta attenzione al tema dell unitarietà dell educazione, il limite principale di un curricolo centrato sulla ricerca. Le sue risposte principali furono le tre che seguono: A. Il riferimento alla realtà. Si tratta di una sorta di garanzia esterna: la realtà, infatti, viene riconosciuta, nelle sue argomentazioni, come una unità radicalmente organica, oppure una totalità funzionale e uno stimolo unificante per il pensiero. Sono espressioni riprese direttamente dai suoi testi, citati ripetutamente nei suoi volumi. L unitarietà dell insegnamento viene assicurata da questo aggancio oggettivo all ambiente, considerato come un sistema nel quale tutti gli elementi pur attinti singolarmente rimandano all insieme. 20 Il riferimento ripetuto di Alfredo era C. G. Hempel, La formazione dei concetti e delle teorie nella scienza empirica, Feltrinelli, Milano l970. Manon mancavano Nagel, Popper, Kuhn 21 Cfr M. B. Hesse, Modelli e analogie nella scienza, Feltrinelli, Milano 1980.

10 È una posizione ben nota, che nella storia del pensiero occidentale è stata variamente elaborata, di volta in volta come adeguamento del soggetto al mondo esterno, come corrispondenza tra soggetto conoscente e oggetto di conoscenza, oppure come monismo o olismo. La soluzione di Giunti sembra essere quest ultima: l idea di una realtà che esiste in sé e per sé, anche a prescindere delle apparenti contraddizioni, che la ricerca consente di superare per coglierne l intima coerenza e consistenza. Una risposta che si colloca nel quadro del realismo diremmo platonismo e che fa della ricerca una sorta di itinerario che attraversa il buio della caverna e, dalla confusione iniziale, mediante la problematizzazione e la buona soluzione, consegue l illuminazione finale: la scoperta dell unità del reale. Ovvero una riscoperta, guidata dall insegnante-mentore. B. Le discipline di studio. Nel discorso di Alfredo, lo sappiamo bene, coincidono con le scienze tout court. Il sapere scientifico è connotato dall unitarietà in vari modi: (a) come acquisizione della piena maturità attraverso la sua evoluzione storica; (b) come sistema formale di leggi strutturate organicamente come un sistema ipotetico-deduttivo (v. il riferimento al neo-positivismo logico); (c) per il metodo che adottano, unitario al di là delle specifiche particolarità, da vedere, invece, come varianti di una fondamentale continuità. Il soggetto in apprendimento, se impegnato dall insegnante in un processo autentico e controllato di ricerca, si plasma sulle forme di conoscenza pregiate che sono le scienze: e attraverso questa interazione si costituisce egli stesso in termini unificati. Non è difficile riconoscere, in questa corrispondenza tra ontogenesi lo sviluppo individuale e sociogenesi lo sviluppo della conoscenza collettiva il parallelismo noto come legge biogenetica fondamentale formulata da Ernst Haeckel 22. Al di là dei riferimenti storico-filosofici, Giunti si serviva regolarmente del termine natura per indicare le proprietà intrinseche di ciascuna disciplina di studio. Una categoria, ripresa dal suo Maestro, Alberto Agosti, che trovava il suo corrispettivo generale nel metodo naturale e che conferma il realismo come orizzonte gnoseologico della sua didattica. E tuttavia, la numerosità delle scienze, come la loro riottosità a coordinarsi tra loro, non potevano rassicurare circa la necessità di ordinarle in un quadro unificato. Di qui la perspicua attenzione di Alfredo per la interdisciplinarità, che egli considerava prudentemente come <lavoro interdisciplinare>: ovvero non come un esito spontaneo, E. Haeckel, Storia della creazione naturale, UTET, Torino 1892.

11 bensì come un risultato da conquistare. Una composizione doverosa e indubbiamente faticosa, ma possibile e, in fin dei conti, certamente accessibile. C. La sistematicità della cultura. Qui siamo dinanzi ad una finalità, non ad un dato, bensì ad una attesa irrinunciabile. Nella prospettiva di Giunti, la cultura è, doverosamente, una tensione unitaria. Una connotazione fondamentale, senza la quale non si dà cultura e la formazione scolastica ha fallito il suo scopo. Ma c è di più: la cultura è qualcosa di reale, e la sua unitarietà è il corrispettivo di quella che caratterizza la realtà: un traguardo che qualifica l educazione per renderla adeguata, ovvero conforme alla realtà. È qui che si colloca il dispositivo che corregge la episodicità come rischio di una didattica fondata sulla ricerca: le integrazioni culturali non sono soltanto un recupero di tipo quantitativo, di conoscenze dovute che non riescono ad essere acquisite dagli alunni. Piuttosto, sono concepite come una sorta di riequilibrazione perché consistono in un intervento dedicato ad articolare fra loro, armonicamente, gli apprendimenti segmentari prodotti dalle ricerche. Per fare sintesi ed unità. Queste tre risposte stanno evidentemente ad indicare come Alfredo fosse ben consapevole dei limiti del modello didattico che proponeva, e cercasse di offrire suggerimenti persuasivi alle preoccupazioni che emergevano tra gli insegnanti più avvertiti che facevano parte della numerosa comunità dei gruppi SCR. Ma sono anche affermazioni che disegnavano il quadro della sua rappresentazione del mondo: dove l homo artifex è intento a costruire una cultura in grado di render conto della realtà nelle sue connotazioni peculiari, comprendendola a fondo e provvedendo ad incrementarla. Un realismo che serviva a fondare l opzione per una didattica dedicata allo studio della realtà, attraverso le metodiche dedotte dalla natura delle discipline, in vista della costituzione di una cultura formativa perché conforme al reale. Appunto, una didattica essenzialista, solida e concreta, non ingenua ma ragionata. 11 L acqua passata, e non, sotto i ponti Non sono pochi i punti fermi che l SCR ha contribuito a fissare per l educazione scolastica. Tra i più pregnanti ne sottolineiamo due: la didattica dal basso, che è venuta arricchendo tutto l ampio arsenale del cognitivismo;

12 il maestro come uomo di cultura, un profilo nobile di operatore riflessivo che s aspetta (ancora!) di essere preso in carico dai nuovi corsi di laurea per la scuola primaria, e che da qualche tempo la nuova ricerca didattica ha cominciato a rivalutare come fonte della conoscenza del vero insegnamento. 23 Ancora due possono essere le annotazioni riguardanti la distanza attuale della ricerca didattica rispetto all SCR: la presa di coscienza dell autonomia del sapere scolastico rispetto al sapere scientifico. Per dirla con Develay, non solo a scuola ritroviamo un insieme di credenze che sono riferite alle tensioni etiche della società (v. le cosiddette educazioni ), ma il lavoro proprio della scuola consiste anche, se non principalmente, nella assiologizzazione delle stesse conoscenze scientifiche 24 : il realismo nonostante difese appassionate 25 risulta sempre meno convincente a fronte del ritorno del soggetto, rappresentato dall emergente costruzionismo, che promette di render conto più esaurientemente della conoscenza e della vita in generale come processo di interazione autopoietica. Con quel che ne può conseguire per la ricerca e la pratica didattica. 12 Sono certo che, giunti a questo punto, Alfredo, impazientemente, intavolerebbe una accalorata quanto puntigliosa discussione 23 Cfr E. Damiano, La Nuova Alleanza. Temi problemi e prospettive della Nuova Ricerca Didattica, La Scuola, Brescia Cfr M. Develay, dir., Savoirs scolaires et didactique des disciplines, ESF, Paris Vedi W. P. Alston, A Realistic Conception of Truth, Cornell University Press, Ithaca In Italia, D. Marconi, Per la verità. Relativismo e filosofia, Einaudi, Torino 2007.

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015

Programmazione didattica per Matematica. Primo Biennio. a.s. 2014-2015 Programmazione didattica per Matematica Primo Biennio a.s. 2014-2015 Obiettivi educativi e didattici. Lo studio della matematica, secondo le indicazioni nazionali, concorre con le altre discipline, alla

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO DI SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE MODELLO DI MATRICE ADOTTATA PER LA COSTRUZIONE DEL CURRICOLO CITTADINANZA E COSTITUZIONE Periodo di riferimento Traguardi

Dettagli

Sul primato della relazione in Adriano Fabris

Sul primato della relazione in Adriano Fabris Etica & Politica / Ethics & Politics, XIII, 2011, 1, pp. 325-329 Sul primato della relazione in Adriano Fabris Graziano Lingua Università di Torino Dipartimento di Filosofia graziano.lingua@unito.it KEYWORDS

Dettagli

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo

Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche. Natascia Bobbo Pedagogia generale Origini e svolte epistemologiche Natascia Bobbo Pedagogia: definizione Si può definire la pedagogia come il sapere de e sull educazione. Essa è in pratica la disciplina che analizza

Dettagli

L EDUCAZIONE AMBIENTALE E IL RINNOVAMENTO DEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO. Carlo Fiorentini

L EDUCAZIONE AMBIENTALE E IL RINNOVAMENTO DEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO. Carlo Fiorentini L EDUCAZIONE AMBIENTALE E IL RINNOVAMENTO DEL PROCESSO DI INSEGNAMENTO-APPRENDIMENTO Carlo Fiorentini La collaborazione ci ha portato ad individuare 5 aspetti caratterizzanti l educazione ambientale 1.

Dettagli

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali

METODOLOGIA Scuola dell infanzia La progettazione, l organizzazione e la valorizzazione degli spazi e dei materiali METODOLOGIA Scuola dell infanzia La scuola dell infanzia è un luogo ricco di esperienze, scoperte, rapporti, che segnano profondamente la vita di tutti coloro che ogni giorno vi sono coinvolti, infatti

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3

Indice. 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 LEZIONE PEDAGOGIA GENERALE E PEDAGOGIA INTERCULTURALE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 La pedagogia interculturale ----------------------------------------------------------------------------- 3 2 Intercultura:

Dettagli

Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo. Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione

Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo. Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione S.I.S.S.I.S. - Indirizzo 2 Laboratorio di Didattica dell Analisi Prof. F. Spagnolo Il problema dell inversione: dal grafico all espressione analitica di una funzione Erasmo Modica erasmo@galois.it Giovanna

Dettagli

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA I.C.S. MAREDOLCE FINALITA DELLA SCUOLA DELL INFANZIA La nostra scuola dell Infanzia con la sua identità specifica sotto il profilo pedagogico e metodologico-organizzativo persegue: l acquisizione di capacità

Dettagli

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti *

UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * UN CURRICOLO CENTRATO SUL SIGNIFICATO di Lucio Guasti * PREMESSA La breve riflessione che segue si colloca nell ambito degli attuali orientamenti di riforma, di conseguenza considera suo principale punto

Dettagli

FATTORIA DELLA PACE IPPOASI. Breve presentazione

FATTORIA DELLA PACE IPPOASI. Breve presentazione FATTORIA DELLA PACE IPPOASI Breve presentazione La Fattoria della Pace Ippoasi Onlus è un'associazione di volontariato che gestisce un Rifugio per animali ex da reddito presso S. Piero a Grado (PI), al

Dettagli

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI

PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI CISCo Ufficio delle scuole comunali PROFILO PROFESSIONALE DI RIFERIMENTO PER I DOCENTI DELLE SCUOLE COMUNALI Per profilo professionale è intesa la descrizione accurata delle competenze e dei comportamenti

Dettagli

Responsabilità educativa a cura di Sabrina De Clemente e Iole Mattei

Responsabilità educativa a cura di Sabrina De Clemente e Iole Mattei Responsabilità educativa a cura di Sabrina De Clemente e Iole Mattei Se si riesce ad aiutare gli alunni a sviluppare il proprio senso di controllo personale, essi saranno portati ad assumersi autonomamente

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA. PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli apprendimenti

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA. PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli apprendimenti LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI NON DI MADRELINGUA ITALIANA PRIMO QUADRIMESTRE L inserimento La relazione e la partecipazione Gli Alunni che manifestano difficoltà di inserimento L alunno ha iniziato a frequentare

Dettagli

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI

DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI DIMENSIONI DELLA PROFESSIONALITA DEGLI INSEGNANTI Nel corso del 2002-2003 un gruppo di insegnanti ricercatori si è riunito nella elaborazione di una indagine promossa dall Ufficio Scolastico Regionale

Dettagli

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana

Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Un progetto di formazione, nell ambito matematico-scientifico, promosso dalla Regione Toscana Il Progetto di Educazione Scientifica promosso dalla Regione Toscana ha coinvolto i docenti in un attività

Dettagli

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia

Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia Bambine e bambini costruttori di scenari di democrazia a cura di Cristian Fabbi La riflessione sul tema dei diritti ha portato alcune consapevolezze che, per altro, già erano diffuse tra noi, ma che ora

Dettagli

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X

Progetto Educativo. Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Progetto Educativo Istituto infanzia parrocchiale BEATA VERGINE DEL ROSARIO Via Don Bosco 1 Azzano X Parrocchia San Pietro Apostolo Via Don Bosco 12 Azzano X La scuola dell infanzia Beata Vergine del Rosario,

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO

4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4.0 IL PROGETTO EDUCATIVO 4. 1 LA MISSION La Direzione Didattica San Giovanni conferma le scelte educative delineate nel corso degli ultimi anni, coerenti con le finalità e gli obiettivi del sistema nazionale

Dettagli

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte

PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi educativi e didattici PIANO DI LAVORO: Disegno e storia dell arte Obiettivi formativi generali: Formazione di un metodo di studio flessibile. Inquadramento e schematizzazione degli argomenti.

Dettagli

Scienze umane 89 89 89 89 89

Scienze umane 89 89 89 89 89 Scienze umane 1 biennio 2 biennio 5 anno 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Scienze umane 89 89 89 89 89 Premessa generale Il ruolo delle Scienze Umane nella formazione liceale Le scienze umane si sono costituite a partire

Dettagli

FORMAZIONE DELL UOMO E EDUCAZIONE COSMICA (Dalle conferenze tenute da M.M. al congresso di San Remo del 1949 e da alcuni saggi pubblicati dal 1949 al 1951 e riportati nel quaderno del Consiglio Regionale

Dettagli

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo

APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo APPRENDIMENTO COOPERATIVO E METODO DELLA RICERCA DI GRUPPO. 5.1. La ricerca di gruppo La ricerca di gruppo è un metodo attraverso il quale gli studenti collaborano tra di loro a piccoli gruppi per esaminare

Dettagli

Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza

Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza www.lecito.org info@lecito.org Piano pluriennale di ricerca-azione della Rete S:O.S. sul Curricolo delle competenze di cittadinanza Il Convegno A scuola di Competenze del 29 ottobre 2013 ha avuto una partecipazione

Dettagli

Istituto Comprensivo Pescara 3. Progetto Bambino oggi, cittadino domani

Istituto Comprensivo Pescara 3. Progetto Bambino oggi, cittadino domani Istituto Comprensivo Pescara 3 Progetto Bambino oggi, cittadino domani Progetto per l'insegnamento di Cittadinanza e Costituzione in un percorso curricolare verticale anno scolastico 2015/2016 1 Presentazione

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BIOETICA

INTRODUZIONE ALLA BIOETICA INTRODUZIONE ALLA BIOETICA Nel presentare il tema introduzione alla bioetica che ho tenuto il 18 maggio scorso presso la Comunità dei Padri Camilliani di Macchia-Monte Sant Angelo, ho iniziato parlando

Dettagli

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE

CURRICOLO il sapere, il saper fare, il saper essere. SAPERE, SAPER ESSERE SAPER FARE COMPETENZA VALORIZZAZIONE CURRICOLO Il Curricolo è il complesso organizzato delle esperienze di apprendimento che una scuola intenzionalmente progetta e realizza per gli alunni al fine di conseguire le mete formative desiderate.

Dettagli

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009

Servizio Sociale e Ricerca 20 e 27 novembre 2009 Università degli Studi di Firenze Facoltà di Scienze Politiche Corso di Laurea Magistrale in Disegno e Gestione degli Interventi i Sociali Corso di Biografia, Cultura e Servizio Sociale Servizio Sociale

Dettagli

Criteri di costruzione del curriculum verticale

Criteri di costruzione del curriculum verticale Criteri di costruzione del curriculum verticale 1. Integrazione degli obiettivi cognitivi con gli obiettivi motivazionali e relazionali 2. individuazione di aree disciplinari 3. sviluppo della trasversalità

Dettagli

«Persona e formazione. Riflessioni per la pratica educativa e psicoterapeutica» a cura di A. Manenti, S. Guarinelli e H. Zollner *

«Persona e formazione. Riflessioni per la pratica educativa e psicoterapeutica» a cura di A. Manenti, S. Guarinelli e H. Zollner * Tredimensioni 5(2008) 105-110 «Persona e formazione. Riflessioni per la pratica educativa e psicoterapeutica» a cura di A. Manenti, S. Guarinelli e H. Zollner * Carlo Bresciani E ssendo un libro scritto

Dettagli

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento

PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA. Motivazioni e criteri di riferimento 1 PROGETTO DI TIROCINIO PER GLI STUDENTI DEI TFA Motivazioni e criteri di riferimento La formazione completa degli insegnanti sul piano universitario rimanda alla necessità di tenere presente che nel definire

Dettagli

P o r f o. f s. sa Lic i i c a i Za Z zz z a z ri r n i i I se s gnare Re R ligione Catt t o t lica nel Primo Cicl c o

P o r f o. f s. sa Lic i i c a i Za Z zz z a z ri r n i i I se s gnare Re R ligione Catt t o t lica nel Primo Cicl c o UNIVERSITA DEGLI STUDI DI URBINO CORSO BIENNALE DI ALTA SPECIALIZZAZIONE IN SCIENZE RELIGIOSE CON INDIRIZZO PEDAGOGICO-DIDATTICODIDATTICO CORSO DIDATTICA DELLA RELIGIONE IN PROSPETTIVA INTERCULTURALE Prof.ssa

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE

PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Scuole dell infanzia di Baraggiole e Calderara PROGETTO EDUCATIVO TRIENNALE Anni scolastici 2012-13/2014-15 Le scuole dell infanzia dell Istituto Comprensivo T. Croci si pongono come obiettivo, nel corso

Dettagli

Liceo Classico E. Cairoli Varese

Liceo Classico E. Cairoli Varese ESA BAC Esame di Stato = Baccalauréat Liceo Classico E. Cairoli Varese Accordo fra il Governo della Repubblica italiana e il Governo della Repubblica francese relativo al doppio rilascio del diploma d

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA

FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA FONDAMENTI E DIDATTICA DELLE SCIENZE NELLA SCUOLA DELL INFANZIA giuseppina.rinaudo@unito..rinaudo@unito.itit SFP 2006 - "Introduzione al corso" V. Montel, M. Perosino, G. Rinaudo 1 Impostazione del corso

Dettagli

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE

DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE DIREZIONE DIDATTICA SAN DANIELE DEL FRIULI CURRICOLO EDUCAZIONE CITTADINANZA E COSTITUZIONE Modello di matrice adottata per la costruzione del curricolo Campo d esperienza/area EUCAZIONE CITTADINANZA COSTITUZIONE

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

PROGETTARE PER COMPETENZE NEGLI ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI

PROGETTARE PER COMPETENZE NEGLI ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI CORSO DI FORMAZIONE PROGETTARE PER COMPETENZE NEGLI ISTITUTI TECNICI E PROFESSIONALI Progettare Nella scuola, il termine competenza è ambiguo, perché è mutuato dall ambito della formazione professionale

Dettagli

Curricolo verticale italiano

Curricolo verticale italiano 2 Circolo Didattico Sassari Curricolo verticale italiano Scuola Infanzia e anno ponte Scuola Primaria F.S.: Loriga Anna Maria Sanna Maria Luisa Anno scolastico 2014/15 Introduzione La capacità di comunicare

Dettagli

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI

COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA: declinazione negli ASSI CULTURALI Mantenendo il curricolo sulle sole competenze disciplinari si rischia di rimanere alle discipline senza perseguire realmente competenze,

Dettagli

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO

FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO FILOSOFIA SCIENZA E SOCIETÀ: UN DIALOGO APERTO Numero Terzo Novembre 2007 Editoriale http://www.humana-mente.it Biblioteca Filosofica 2007 - Humana.Mente, Periodico trimestrale di Filosofia, edito dalla

Dettagli

STORIA (secondo biennio e quinto anno) Finalità disciplinari generali

STORIA (secondo biennio e quinto anno) Finalità disciplinari generali STORIA E FILOSOFIA I programmi delle nostre discipline si ispirano alla scansione individuata dalle indicazioni provinciali per la definizione dei curricoli della scuola secondaria di secondo grado in

Dettagli

116] Basilicata Regione Notizie

116] Basilicata Regione Notizie 112 116] Basilicata Regione Notizie Basilicata Regione Notizie[116 LA CARTA DI MATERA UN IMPEGNO COMUNE PER CONSOLIDARE LE ATTIVITÀ DI CONTROLLO E VALUTAZIONE NELLE ASSEMBLEE LEGISLATIVE DOCUMENTO APPROVATO

Dettagli

Didattica laboratoriale e multidisciplinarietà: dalla realizzazione di un libro pop up alla Robotica Educativa applicata ad un caso di ADHD.

Didattica laboratoriale e multidisciplinarietà: dalla realizzazione di un libro pop up alla Robotica Educativa applicata ad un caso di ADHD. Didattica laboratoriale e multidisciplinarietà: dalla realizzazione di un libro pop up alla Robotica Educativa applicata ad un caso di ADHD. Una delle dicotomie pedagogiche che hanno avuto non facile risoluzione,

Dettagli

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale

I.I.S.S. Francesco Ferrara. Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale I.I.S.S. Francesco Ferrara Liceo delle scienze umane OP. Economico-sociale Disciplina : Filosofia Docente: Daniela Averna Classe V sez. Q Modulo 1. Kant. Unità 1. La vita e il periodo Precritico. Unità

Dettagli

Dalle indicazioni nazionali alla costruzione del curricolo

Dalle indicazioni nazionali alla costruzione del curricolo Ufficio XVI - Ambito territoriale per la provincia di Reggio Emilia Ufficio Educazione Fisica e Sportiva Dalle indicazioni nazionali alla costruzione del curricolo Prof. DALLE INDICAZIONI AL CURRICOLO

Dettagli

PROCESSI DELLA COMUNICAZIONE PER LA COMPRENSIONE DI UN TESTO ARGOMENTATIVO PROCEDURE PER LO SVILUPPO DELL ABILITA DI COMPRENSIONE DI UN TESTO SCRITTO

PROCESSI DELLA COMUNICAZIONE PER LA COMPRENSIONE DI UN TESTO ARGOMENTATIVO PROCEDURE PER LO SVILUPPO DELL ABILITA DI COMPRENSIONE DI UN TESTO SCRITTO Istituti Superiori di Padova in Rete Laboratorio di Ricerca Educativa e Didattica R.Rigo PROCESSI DELLA COMUNICAZIONE PER LA COMPRENSIONE DI UN TESTO ARGOMENTATIVO PROCEDURE PER LO SVILUPPO DELL ABILITA

Dettagli

PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA

PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA PER UNA DIDATTICA DEL PLURILINGUISMO DAL CAPITOLO 5 DEL QUADRO COMUNE EUROPEO DI RIFERIMENTO: LE COMPETENZE DI CHI APPRENDE E USA LA LINGUA Lingua e visione del mondo. Universali linguistici Nei brani

Dettagli

Profilo dello studente della formazione professionale in esito al biennio dell obbligo di istruzione ed al terzo anno

Profilo dello studente della formazione professionale in esito al biennio dell obbligo di istruzione ed al terzo anno Profilo dello studente della formazione professionale in esito al biennio dell obbligo di istruzione ed al terzo anno Competenze storiche economiche e sociali 1 Le competenze storico-economiche e sociali:

Dettagli

PALESTRA DI BOTTA E RISPOSTA : ORGANIZZAZIONE E FINALITÀ. di De Conti Manuele

PALESTRA DI BOTTA E RISPOSTA : ORGANIZZAZIONE E FINALITÀ. di De Conti Manuele PALESTRA DI BOTTA E RISPOSTA : ORGANIZZAZIONE E FINALITÀ. di De Conti Manuele IL PROGETTO Nel 2006 nasce il progetto dell Università di Padova Palestra di botta e risposta 1. Promosso attraverso l A.C.P.D.

Dettagli

MATRIARCATO. La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno.

MATRIARCATO. La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno. MATRIARCATO La ricerca dei confini entro i quali delimitare lo studio del fenomeno. Matriarcato: non passa giorno senza che qualcosa venga proposto su questo argomento, sia esso un articolo su una rivista

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE EDUCATIVA PER GLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 La programmazione educativa, redatta dal Presidente del Gruppo H e stilata dalla Docente F/S per le attività a sostegno

Dettagli

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA

CURRICOLI SCUOLE INFANZIA ISTITUTO COMPRENSIVO di PORTO MANTOVANO (MN) Via Monteverdi 46047 PORTO MANTOVANO (MN) tel. 0376 398 781 e-mail: mnic813002@istruzione.it e-mail certificata: mnic813002@pec.istruzione.it sito internet:

Dettagli

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015

Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 Scuola dell infanzia paritaria Rosa Gattorno P.O.F. Piano dell offerta formativa A.S. 2014/2015 MANEGGIARE CON CURA PREMESSA: In questo nuovo anno scolastico è nostra intenzione lavorare con i bambini

Dettagli

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO

CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO CURRICOLO FORMATIVO CONTINUO E' un percorso educativo e didattico perseguito nei tre ordini di scuola che rende più organico il lavoro compiuto dai docenti; sono state condivise le mete comuni ed è in

Dettagli

M. Pezzin Seminario CIDI - novembre 2012: Programmare per competenze nella scuola dell infanzia

M. Pezzin Seminario CIDI - novembre 2012: Programmare per competenze nella scuola dell infanzia DALLE INDICAZIONI NAZIONALI : Da cultura scuola e persona La scuola è investita di una domanda che comprende, l'apprendimento e il saper stare al mondo...sono chiamate in causa l'organizzazione della memoria,

Dettagli

Obiettivo Specifico Le azioni previste per il raggiungimento della creazione dello spazioattiva idee sono:

Obiettivo Specifico Le azioni previste per il raggiungimento della creazione dello spazioattiva idee sono: :.. la res publica è cosa del popolo; e il popolo non è un qualsiasi aggregato di gente, ma un insieme di persone associatosi intorno alla condivisione del diritto e per la tutela del proprio interesse

Dettagli

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE

Anno scolastico 2012-2013 INTRODUZIONE ISTITUTO COMPRENSIVO BOZZAOTRA SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA, SECONDARIA DI 1 GRADO Via Roma, 27-80061 MASSA LUBRENSE(NA) Cod. Mecc. NAIC8D8002 C. F. n 90078340636 Tel e/o fax. 081/8789205-8089695 Sito

Dettagli

Insegnare ad argomentare nella scuola di base: esperienze e riflessioni sulla formazione degli insegnan7

Insegnare ad argomentare nella scuola di base: esperienze e riflessioni sulla formazione degli insegnan7 Insegnare ad argomentare nella scuola di base: esperienze e riflessioni sulla formazione degli insegnan7 Paolo Boero Scuola di Scienze Sociali e Dipartimento di Matematica Università di Genova Contenuto

Dettagli

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE

ELEMENTO CENTRALE È IL RICERCATORE Significa riconoscere che la società e il sociale possono diventare oggetto di ricerca empirica. Si può realizzare essenzialmente attraverso due operazioni: quella concettuale e quella osservativa. È importante

Dettagli

BIOMECCANICA Prof. Alessandro Stranieri. Lezione n. 3

BIOMECCANICA Prof. Alessandro Stranieri. Lezione n. 3 LA BIOMECCANICA Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 3 La MECCANICA teorica include tutte le leggi fondamentali del movimento meccanico di corpi solidi inanimati Verso la fine del XVII secolo la teoria

Dettagli

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche

I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI. 2.1 Novità e caratteristiche I NUOVI LICEI 2 2. I NUOVI LICEI 2.1 Novità e caratteristiche Il segno distintivo dei licei? Una formazione culturale di base per così dire a banda larga, propedeutica alla continuazione degli studi e

Dettagli

IL CURRICOLO PER COMPETENZE SECONDO LE NUOVE INDICAZIONI 2012

IL CURRICOLO PER COMPETENZE SECONDO LE NUOVE INDICAZIONI 2012 MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA DIREZIONE GENERALE IL CURRICOLO PER COMPETENZE SECONDO LE NUOVE INDICAZIONI 2012 Franca Da Re CONFERENZA DI SERVIZIO PADOVA 03.10.2012 1 Competenze

Dettagli

L Educazione Ambientale e alla Sostenibilità nella scuola primaria italiana. Introduzione

L Educazione Ambientale e alla Sostenibilità nella scuola primaria italiana. Introduzione L Educazione Ambientale e alla Sostenibilità nella scuola primaria italiana. Introduzione La presenza dei valori in tutti i campi di vita del bambino implica il dovere da parte dell insegnante e degli

Dettagli

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale

Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Domande in materia di gestione per l Amministrazione federale Le Domande in materia di gestione sostituiscono le Direttive sulla gestione nell amministrazione federale (DGA) del 1974. Si fondano sulla

Dettagli

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO

UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO UNIVERSITA CATTOLICA DEL SACRO CUORE MILANO Dottorato di ricerca in Pedagogia (Education) Ciclo XXIV S.S.D. M-PED/01 CRESCITA UMANA E BENESSERE ORGANIZZATIVO NUOVE PROSPETTIVE DI PEDAGOGIA DEL LAVORO Coordinatore:

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

1. Una trasposizione didattica del sapere epistemologicamente e pedagogicamente fondata

1. Una trasposizione didattica del sapere epistemologicamente e pedagogicamente fondata La programmazione didattica delle discipline Berta Martini 1. Una trasposizione didattica del sapere epistemologicamente e pedagogicamente fondata Formulare un ipotesi metodologica di programmazione didattica

Dettagli

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PIANO PROGETTUALE DELLA SCUOLA DELL INFANZIA PREMESSA La Scuola dell Infanzia offre a ciascun bambino un ambiente di vita e di cultura, un luogo di apprendimento e di crescita dalle forti connotazioni

Dettagli

IL CURRICOLO VERTICALE

IL CURRICOLO VERTICALE IL CURRICOLO VERTICALE Fiorin: LAVORARE SUL CURRICOLO Imperfezione delle «Indicazioni nazionali» dimensione della ricerca Lavorare su ciò che già c è PUNTI DI RIFERIMENTO Tutto il quadro normativo recupera

Dettagli

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg

qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg qwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdf ghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmq wertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfg CURRICOLO DI RELIGIONE hjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghjklzxcvbnmqw CATTOLICA ertyuiopasdfghjklzxcvbnmqwertyuiopasdfghj

Dettagli

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare

Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare UNITÀ DI APPRENDIMENTO INTERDISCIPLINARE Classe IV Scuola primaria Titolo LO SPAZIO INTORNO A NOI Il territorio: un testo da leggere, interpretare, apprezzare, valorizzare Senso formativo del percorso

Dettagli

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria

10 Maggio 2013. Dott.ssa Lucia Candria 10 Maggio 2013 Dott.ssa Lucia Candria Mamma e papà devono: Offrire sostegno Dare fiducia Essere complice per superare gli ostacoli Alimentare l autostima AUTOSTIMA Rappresenta una valutazione globale su

Dettagli

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE

I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE Scuola materna comunale G.CARDUCCI - Alessandria Ermanno Morello I BAMBINI DISEGNANO PER RACCONTARSI E RACCONTARE PER COMPRENDERLI OCCORRE SAPER ASCOLTARE E DIALOGARE CON LORO E CON I LORO DISEGNI Alessandria

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS

UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL AQUILA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE DELLA FORMAZIONE PRIMARIA LM / 85 BIS PROGETTO DI TIROCINIO L istituzione del nuovo Corso di Laurea in Scienze

Dettagli

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO

2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO AIMC PIEMONTE S. DAMIANO ( convegno UCIIM) 2 OTTOBRE LA CRISI DELL ETICA PROFESSIONALE E IL MERITO Sentiamo ormai da qualche anno parlare di emergenza educativa ma io amo di più l espressione Sfida educativa

Dettagli

SICUREZZA E : CITTADINANZA LEGALITA

SICUREZZA E : CITTADINANZA LEGALITA ISTITUTO COMPRENSIVO G.GALILEI Scuola dell infanzia, primaria, secondaria di primo grado VIA CAPPELLA ARIENZO TEL. 0823/755441 FAX 0823-805491 e-mail ceee08200n@istruzione.it C.M. CEIC848004 Sito web www.scuolarienzo.it

Dettagli

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado.

SCUOLA DEL PRIMO CICLO Il primo ciclo di istruzione comprende la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado. c) Compilazione del quadro sintetico riassuntivo d) Analisi dei dati a cura dei docenti e Funzione Strumentale e individuazione degli alunni a rischio e) Valutazione approfondita alunni a rischio entro

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

Rivista di psicologia, pedagogia ed epistemologia delle scienze umane

Rivista di psicologia, pedagogia ed epistemologia delle scienze umane SPC Scienze del pensiero e del comportamento Rivista di psicologia, pedagogia ed epistemologia delle scienze umane Presentazione del Convegno su Jean Piaget all Istituto Svizzero di Roma* Merete Amann

Dettagli

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE

IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE PROGETTO EDUCATIVO IL RISPETTO DEI DIRITTI PROPRI DI OGNI PERSONA E DI OGNI BAMBINO, E IL SEGRETO PIU PROFONDO DELLA VERA PACE IDENTITA DELLA SCUOLA La Scuola dell Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole

Dettagli

Progetto Bambino oggi, cittadino domani

Progetto Bambino oggi, cittadino domani Istituto Comprensivo Pescara 3 Progetto Bambino oggi, cittadino domani Progetto per l'insegnamento di Cittadinanza e Costituzione in un percorso curricolare verticale anno scolastico 2014/2015 Presentazione

Dettagli

PROGETTO PLURIENNALE MATEMATICA & COMPUTER: dalla scuola Primaria alla scuola secondaria di II grado

PROGETTO PLURIENNALE MATEMATICA & COMPUTER: dalla scuola Primaria alla scuola secondaria di II grado Università della Calabria - Via Ponte P. Bucci, Cubo 30/A CAMPUS DI ARCAVACATA - 87036 Rende (CS) ITALY Tel. e Fax +39 0984 496492 496493 WEB SITE URL: http://cird.unical.it. mail: cird@unical.it PROGETTO

Dettagli

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità

Progetto 5. Formazione, discipline e continuità Istituto Comprensivo Statale Lorenzo Bartolini di Vaiano Piano dell Offerta Formativa Scheda di progetto Progetto 5 Formazione, discipline e continuità I momenti dedicati all aggiornamento e all autoaggiornamento

Dettagli

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto

P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto P.E.I. Progetto Educativo dell Istituto 1.Premessa La Scuola cattolica privilegia la promozione integrale della persona, adempie ad una funzione educativa e didattica ed è chiamata ad assolvere un compito

Dettagli

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione

Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Verso l autosviluppo continuo: l esigenza di nuovi approcci e di nuova strumentazione Riflessioni di Luciano Perego (prima parte) CARATTERISTICHE DELLA MODALITÀ TRADIZIONALE PER LA GESTIONE DELLO SVILUPPO

Dettagli

Progetto Conoscere le indicazioni per il curricolo

Progetto Conoscere le indicazioni per il curricolo DIREZIONE DIDATTICA DI BRA 1 CIRCOLO Progetto Conoscere le indicazioni per il curricolo Sintesi dei lavori di gruppo L AMBIENTE DI APPRENDIMENTO: DAR SENSO ALLO STARE A SCUOLA Nelle Indicazioni per il

Dettagli

4. INDIRIZZI E PIANI DI STUDIO

4. INDIRIZZI E PIANI DI STUDIO Liceo G.F. Porporato anno scolastico 2013-2014 4. INDIRIZZI E PIANI DI STUDIO 4.1 Profilo Indirizzo Classico Corso di studi quinquennale Titolo di studio: Diploma di Liceo Classico L indirizzo classico

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto

SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTA MARIA DELLE GRAZIE P.E.I. Progetto Educativo d Istituto ANNO SCOLASTICO 2011/2012 IL PROGETTO EDUCATIVO (P.E.I.) è il documento fondamentale che espone l orientamento

Dettagli

VI. Il settore educazione fisica e sportiva

VI. Il settore educazione fisica e sportiva VI. Il settore educazione fisica e sportiva VI. Il settore educazione fisica e sportiva 263 1. Obiettivi del settore Le ricerche effettuate in questi ultimi decenni hanno permesso all educazione fisica

Dettagli

Indicazioni Nazionali 2012 per il curricolo della scuola dell Infanzia e del 1 ciclo d istruz ione. 26 marzo e 12 aprile 2013 LE DISCIPLINE

Indicazioni Nazionali 2012 per il curricolo della scuola dell Infanzia e del 1 ciclo d istruz ione. 26 marzo e 12 aprile 2013 LE DISCIPLINE SEMINARIO Per i docenti e dirigenti scolastici delle scuole statali della provincia di Torino Indicazioni Nazionali 2012 per il curricolo della scuola dell Infanzia e del 1 ciclo d istruz ione Una bussola

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

IMPARARE AD IMPARARE

IMPARARE AD IMPARARE Istituto Comprensivo "E. Q. Visconti" Roma via della Palombella 4, tel 066833114, fax 0668803438 mail: rmic818005@istruzione.it IMPARARE AD IMPARARE Il laboratorio come metodo di studio: competenze, strategie,

Dettagli

2. Il problema del metodo

2. Il problema del metodo 2. Il problema del metodo 2.1 Lo sviluppo del pensiero filosofico-scientifico tra Cinque e Seicento porta in primo piano il problema del metodo, vero e proprio filo continuo tra vari pensatori che pure

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA SCUOLA DELL INFANZIA PARITARIA SANTO SPIRITO Corso Mazzini, 199 57126 LIVORNO - Tel. 0586.260938 Fax 0586.268117 Email: santospirito@fmalivorno.it PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA Anno Scolastico 2012-2013

Dettagli

PEDAGOGIA E EDUCAZIONE

PEDAGOGIA E EDUCAZIONE LEZIONE INTERCULTURA E SAPERI SULL EDUCAZIONE PROF.SSA ANGELA PERUCCA Indice 1 PEDAGOGIA E EDUCAZIONE ------------------------------------------------------------------------------------------- 3 2 MONDI

Dettagli