Celiachia. News. I limiti della dieta priva di glutine nella malattia celiaca

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Celiachia. News. I limiti della dieta priva di glutine nella malattia celiaca"

Transcript

1 Celiachia News 12 I limiti della dieta priva di glutine nella malattia celiaca Autoanticorpi nella celiachia: marcatori di malattia e di patologia autoimmune associata Carenze vitaminiche nella riproduzione maschile e malattia celiaca

2 Questo inserto può essere utile al tuo medico A cura del dr. Carlo Catassi Consulente Scientifico di Celiachia Notizie

3 Claes Hallert Professore Associato, Centro della Celiachia, Linköping, Svezia I limiti della dieta priva di glutine nella malattia celiaca S e venisse chiesto che cosa è la malattia celiaca, la maggior parte delle persone probabilmente la definirebbe quale una delle poche condizioni mediche per cui è disponibile una terapia dietetica. Infatti, l'avvio della dieta priva di glutine determina la normalizzazione della architettura mucosale del piccolo intestino, della densità 1 minerale ossea, del metabolismo delle mo- 2 noamine a livello cerebrale e della fertilità. L'eliminazione del glutine dalla dieta ha anche come rapido effetto quello di un ritrovato benessere psico-fisico e di una riduzio- 3 ne della sintomatologia gastrointestinale, il che consentirebbe di definire più precisamente la celiachia come una affezione trattabile con strumenti dietetici. Lo svantaggio della alimentazione priva di glutine che, come è noto, deve essere condotta per tutta la vita, è quello di influenzare negativamente la qualità della vita. L'uso di questionari specifici, ad esempio l'sf-36, ha consentito di dimostrare che, nei celiaci in età adulta a dieta priva di glutine per un periodo medio di 10 anni, la qualità della vita è inferiore rispetto a quella 4 della popolazione generale. È interessante altresì segnalare che tale fenomeno riguardava soprattutto le donne celiache, mentre gli uomini presentavano un punteggio addirittura superiore a quello di coetanei non celiaci. Pertanto, se si osserva il problema dal punto di vista dei pazienti, la celiachia può non essere completamente trattabile attraverso una rigorosa aderenza alla dieta aglutinata. Le possibili restrizioni conseguenti al trattamento con dieta priva di glutine, dunque, sollevano una serie di quesiti che verranno di seguito affrontati. Celiachia news 12 3

4 I pazienti celiaci che seguono una alimentazione rigorosamente priva di glutine sono asintomatici? 5 Midhagen ed Hallert hanno esaminato i disturbi intestinali di una serie di pazienti celiaci adulti in trattamento. I risultati di questa indagine hanno evidenziato che, a differenza degli uomini, le donne con malattia celiaca riferivano una sintomatologia gastrointestinale, in particolare difficoltà digestive, stipsi e dolore addominale in maniera significativamente maggiore rispetto ai controlli dello stesso sesso. Inoltre, nelle donne celiache, la frequenza dei disturbi gastrointestinali era superiore del doppio rispetto agli uomini, suggerendo dunque che i celiaci in remissione istologica non sono necessariamente asintomatici. Tale fenomeno può di per sé rappresentare un elemento importante ai fini del raggiungimento di un completo benessere psico - fisico. La dieta priva di glutine è solo una dieta senza glutine? Uno studio condotto recentemente da 6 Grehn e coll. ha valutato l'assunzione di alcuni nutrienti in un gruppo di celiaci adulti svedesi in trattamento dietetico aglutinato per un periodo medio di circa 10 anni. I risultati di questa indagine hanno evidenziato un apporto normale in termini di calorie, lipidi, proteine and carboidrati, ma una ridotta assunzione di fibre alimentari, folati, vitamina B6, calcio e zinco rispetto ad un campione di popolazione generale sovrapponibile per età. Gli stessi Autori hanno altresì rilevato che il celiaco, rispetto al soggetto di controllo, opera una scelta diversa per quanto riguarda i gruppi alimentari. Tali dati potrebbero dunque indicare che il celiaco adulto in trattamento segue uno schema alimentare differente, che va oltre la semplice ed unica esclusione del glutine dalla dieta. La alimentazione priva di glutine comporta dei rischi? In letteratura, gli studi che abbiano affrontato il tema della sicurezza del trattamento dietetico privo di glutine a lungo termine non sono molti. Sulla base di alcune osservazioni relative alla esperienza svedese, secondo le quali i celiaci adulti seguono una alimentazione scarsamente equilibrata 7 sul piano nutrizionale, Hallert e coll. hanno determinato i livelli plasmatici di folati, di vitamina B6 e di vitamina B12 in un gruppo di soggetti celiaci in remissione ed a dieta priva di glutine per un periodo di 8-12 anni. I risultati di questo studio hanno mostrato che il 50 % dei casi presentava un livello plasmatico di folati o di vitamina B6 o di entrambi inferiore alla norma. Tale alterazione bioumorale è responsabile, a sua volta, di un incremento della omocisteinemia, fenomeno attualmente posto in correlazione con un aumentato rischio di complicanze cardiovascolari. I risultati emersi da questa indagine necessitano pertanto di ulteriori approfondimenti, al fine di indagare meglio la sicurezza e l'outcome clinico dei celiaci adulti in trattamento dietetico a lungo termine. È importante altresì ricordare che la vitamina B6 è coinvolta nella sintesi delle monoamine cerebrali, motivo per cui è stato suggerito che una sua carenza possa in qualche modo essere responsabile dello stato depressivo frequentemente osservato nei pazienti celiaci in età adulta. Sono tuttavia necessari ulteriori studi che valutino in maniera più precisa la prevalenza delle eventuali carenze vitaminiche nei celiaci trattati. La aderenza alla dieta priva di glutine ha un prezzo? L'impatto di essere celiaci e di dover mantenere una dieta rigorosa non è del tutto 8 chiaro. Hallert e coll. hanno tentato di confrontare l'impatto di malattia riportato da un gruppo di celiaci trattati di entrambi i sessi con quello di uomini e donne in trattamento dietetico da circa 10 anni per diabete. A seguito dei risultati ottenuti mediante l'adozione di un nuovo questionario, mentre non è stata osservata alcuna differenza nell'impatto di malattia tra i diabetici, le 4 Celiachia news 12

5 donne con celiachia hanno mostrato un punteggio significativamente peggiore rispetto agli uomini celiaci. Tale dato suggerirebbe pertanto che il peso di condurre una vita seguendo precise restrizioni dietetiche sia maggiore per le donne celiache. Ulteriori studi futuri potranno consentire di verificare se tale fenomeno possa essere valido anche per i celiaci di altri Paesi. Conclusioni Vivere con la celiachia non è facile e va oltre la semplice esclusione del glutine dalla dieta. Inoltre, potrebbe essere probabile che la sicurezza di una alimentazione priva di glutine sia correlata più alla sua composizione che alla eventuale presenza di tracce di prolamine tossiche. Infatti, il rigore nell'evitare anche quantità innocue di glutine può, in casi particolari, favorire lo sviluppo di un comportamento ossessivo. Le evidenze attualmente disponibili suggeriscono di raccomandare ai celiaci di utilizzare prodotti a base di amido di frumen- 9 to. Inoltre, dovrebbero essere altresì consigliati un aumento nel consumo di frutta fresca e di verdure e, cosa probabilmente più importante, l'inclusione nella dieta dei pro- 10 dotti a base di avena. of life of adult coeliac patients treated for 10 years. Scand J Gastroenterol 1998; 33: Midhagen G, Hallert C. High rate of gastrointestinal symptoms in celiac patients living on a gluten-free diet: controlled study. Am J Gastroenterol 2003;98: Grehn S, Fridell K, Lilliecreutz M, Hallert C. Dietary habits of Swedish adult coeliac patients treated by a gluten-free diet for 10 years. Scand J Nutr 2001;45: Hallert C, Grant C, Grehn S, et al. Evidence of poor vitamin status in coeliac patients on a gluten-free diet for 10 years. Aliment Pharmacol Ther 2002;16: Hallert C, Grännö C, Hultén S, et al. Living with coeliac disease: controlled study of the burden of illness. Scand J Gastroenterol 2002;37: Peräaho M, Kaukinen K, Paasikivi K, et al. Wheat-starch-based gluten-free products in the treatment of newly detected coeliac disease. Prospective and randomized study. Aliment Pharmacol Ther 2003;17: Størsrud S, Hulthén LR, Lenner RA. Beneficial effects of oats in the gluten-free diet of adults with special reference to nutrient status, symptoms and subjective experiences. Br J Nutr 2003;90: Ringraziamenti Gli studi effettuati dagli Autori sono stati finanziati dal Medical Research Council della Svezia Meridionale FORSS. Bibliografia 1.Valdimarsson T, Löfman O, Toss G, Ström M. Reversal of osteopenia with diet in adult coeliac disease. Gut 1996;38: Hallert C, Sedvall G. Improvement in central monoamine metabolism in adult coeliac patients starting a gluten-free diet. Psychol Med 1983;13: Mustalathi K, Lohiniemi S, Collin P, et al. Gluten-free diet and quality of life in patients with screen-detected celiac disease. Effect Clin Pract 2002;5: Hallert C, Grännö C, Grant C, et al. Quality Celiachia news 12 5

6

7 Umberto Volta - Dipartimento di Medicina Interna, Cardioangiologia, Epatologia Policlinico S. Orsola-Malpighi - Bologna Autoanticorpi nella celiachia: marcatori di malattia e di patologia autoimmune associata L a celiachia rappresenta un modello particolare di malattia autoimmune per la quale, a differenza di molte altre patologie del sistema immunitario, sono noti i più rilevanti elementi patogenetici fra cui il fattore estrinseco scatenante (gliadina), la stretta associazione genetica con gli antigeni del sistema di istocompatibilità (HLA- DQ2 o DQ8) ed il principale autoantigene verso cui è diretta la risposta autoanticorpa- 1 le (transglutaminasi tissutale ttg). Sebbene l'organo bersaglio della malattia celiaca sia l'intestino tenue, l'intolleranza al glutine può essere considerata a tutti gli effetti una malattia sistemica con interessamento di molti altri organi ed apparati quali, per citarne solo alcuni, la cute, la tiroide, il pancreas, il cuore, il fegato, le articolazioni, i muscoli ed il sistema nervoso centrale e pe riferico. L'evidenza di questa affermazione non deriva solo dalle molteplici associazioni ormai chiaramente documentate fra celiachia e patologie di altri distretti, ma soprattutto dal fatto che la transglutaminasi tissutale, il principale autoantigene della celiachia, ha una distribuzione praticamente ubiquitaria nell'organismo umano ed, una volta innescato, il meccanismo autoimmune può portare ad interessamento di organi e sedi fino a qualche anno fa francamente insospettabili, di cui un esempio sono le recenti identificazioni di associazione con quadri di cardiopatia dilatativa idiopatica e patologia neurologica. La ttg svolge un ruolo di primo piano nell'innescare il disordine immunologico della malattia attraverso la deamidazione dei peptidi di gliadina, i quali si legano a loro volta più avidamente alle molecole HLA-DQ2, DQ8 sulle antigen presenting cells con conseguente potenziamento del- Celiachia news 12 7

8 la risposta T cellulare specifica per la glia dina. I linfociti T attivati producono sia citochine di tipo Th1 in grado di determinare atrofia dei villi intestinali ed iperplasia delle cripte che citochine di tipo Th2 con conseguente produzione di autoanticorpi specifici (EmA di classe IgA) ed autoanticorpi secondari diretti contro il citoscheletro (anticorpi antiactina). Un meccanismo cruciale nel determinismo delle manifestazioni autoimmuni secondarie osservate nella malattia celiaca è rappresentato dalla formazione di neo-epitopi attraverso meccanismi di cross-linking o deamidazione di proteine funzionali/strutturali endogene o esogene (virali, batteriche, nutrizionali), neoepitopi che si vengono a formare a causa di una disregolazione della ttg nei processi infiammatori. La diffusione secondaria di questi neoepitopi aumenta il rischio di patologia autoimmune associata a celiachia fino al 35% dopo 20 anni di esposizione al gluti- 17 ne. Il riscontro di manifestazioni di autoimmunità secondaria nella malattia celiaca deve essere messo anche in relazione alla linfocitopenia periferica ed all'aumentata attivazione delle cellule T, causa di aumenta- 18 ta apoptosi periferica. La risposta autoanticorpale sierica presente nella celiachia può essere divisa in due grandi capitoli: da un lato, la produzione di autoanticorpi, marcatori di celiachia ed in parte coinvolti nella patogenesi della malattia, dall'altro la produzione di autoanticorpi espressione di autoimmunità associata e correlati con le manifestazioni autoimmuni secondarie riscontrate in corso di malattia celiaca. Marker autoanticorpali di celiachia Al di là delle loro implicazioni patogenetiche, gli autoanticorpi, marcatori di celiachia, hanno avuto un'importanza fondamentale per l'inquadramento nosologico di questa patologia consentendo l'identificazione dei gruppi a rischio per la malattia ed avendone praticamente ridisegnato la clas- sificazione clinica con la divisione in forme classiche, atipiche, silenti e potenziali/latenti. Fanno parte di questo gruppo gli anticorpi antireticolina R1 (R1-ARA), gli anticorpi antigliadina (AGA), gli anticorpi antiendomisio (EmA), ricercati su esofago di scimmia o su cordone ombelicale umano (HUC-EmA), gli anticorpi antidigiuno (JAB), gli anticorpi antitransglutaminasi tissutale (anti-ttg), di più recente identificazione, diretti sia verso l'antigene da guineapig liver che verso la ttg ricombinante umana (tabella 1). Dal punto di vista diagnostico, il significato di questi autoanticorpi non è quello di sostituirsi alla biopsia duodenale, che rimane il gold standard per la conferma della diagnosi di celiachia, ma è quello di consentire l'esecuzione di biopsie mirate, riducendone il numero e po- 31 nendone la precisa indicazione. Nonostante l'elevato numero di sigle, la caratterizzazione degli antigeni verso cui questi anticorpi sono diretti ha permesso di stabilire che in pratica esistono solo 2 identità anticorpali: quella diretta verso alcune proteine non collageniche della matrice, identificate mediante esperimenti di cromatografia per affinità, presenti sia nei tessuti di primate che di roditore, la cui espressione antigenica predominante è rappresentata dalla transglutaminasi tissutale, comprendente R1-ARA, EmA, JAB ed antittg, ed una seconda reattività anticorpale diretta verso differenti frazioni della gliadina. Gli anticorpi sierici correlati alla malattia celiaca appartengono alla classe IgA ed IgG, ma soltanto gli anticorpi di classe IgA possono essere considerati nella maggior parte dei casi marcatori altamente sensibili 11, 32 e specifici di celiachia. Anticorpi anti reticolina R1 (R1-ARA) di classe IgA A metà degli anni 70 gli R1-ARA hanno aperto un primo spiraglio sul polimorfismo di questa malattia, permettendo di individuare alcune forme paucisintomatiche o silenti di malattia, ma questo test, che presen- 8 Celiachia news 12

9 ta una specificità assoluta per la celiachia, ha altresì due grossi handicap: bassa sensibilità, come emerge dalla maggior parte dei dati della letteratura, ed una scarsissima diffusione, verosimilmente legata alla difficoltà di lettura del pattern in IFL, caratterizzato da una positività grossolana delle fibre reticoliniche a livello degli spazi portali, pattern che entra in diagnostica differenziale con quello degli altri anticorpi antireticolina (R2 positività fine del connettivo perivascolare ed RS positività delle cellule di Kupffer su fegato di ratto). Il loro significato attuale è quello di consentire delle diagnosi casuali di malattia celiaca attraverso il loro riscontro occasionale nel corso di ricerca per anticorpi non orga , 31 no specifici. Anticorpi antigliadina (AGA) di classe IgA Il primo passo da gigante per la diagnostica dell'enteropatia da glutine si è verificato con la messa a punto all'inizio degli anni 80 del test per la ricerca degli AGA, ricercati sia in IFL indiretta che in ELISA. Per la ricerca degli AGA in IFL vengono utilizzati substrati di ratto (fegato,rene, stomaco), pretrattati con una soluzione di gliadina cruda disciolta in acqua o etanolo o acido acetico, il pattern di positività su fegato di ratto è molto simile a quello degli R1 con una più pronunciata positività a livello dei sinusoidi epatici, su rene di ratto è presente colorazione del peritubulo e del periglomerulo e su stomaco il classico pattern ad alveare con positività delle fibre interghiandolari e della muscularis mucosae. Gli AGA in ELISA vengono ricercati utilizzando gliadina cruda o alfa-gliadina come antigene. Nel primo caso vengono utilizzati metodi ELISA home-made che presentano una maggiore sensibilità, ma un maggior numero di falsi positivi; l'uso dell'alfa gliadina in vari kit commerciali consente di ottenere una maggior specificità a scapito peraltro della sensibilità. La tecnica in ELISA ha avuto il netto sopravvento su quella in IFL non solo perché dotata di sensibilità mag- giore, ma soprattutto per la sua disponibilità in tutti i laboratori grazie all'assenza di difficoltà tecniche di lettura dell'anticorpo. La prevalenza degli AGA varia dall'80% all'85% a seconda delle varie casistiche, ma con la presenza di un certo numero di falsi positivi con mucosa normale (specificità 26, %). La risposta anticorpale di classe IgA verso la gliadina è stata ben caratterizzata, oltre che a livello sierico, anche nel succo intestinale, ove questi anticorpi sono presenti nei celiaci non trattati in percentuale nettamente superiore a quelli di classe IgM. Sono emerse alcune differenze fra la risposta anticorpale verso la gliadina di classe IgA a livello sierico ed intestinale: a livello del succo intestinale gli AGA IgA sono prevalentemente dimerici con uguale appartenenza alle due sottoclassi IgA1 ed IgA2 con sintesi da parte delle plasmacellule della mucosa intestinale ugualmente divise in plasmacellule IgA1 ed IgA2 positive, mentre nel siero sono prevalentemente monomerici ed appartenenti alla sottoclasse IgA1 (88%) con sintesi da parte del tessuto linfatico, della milza, del midollo osseo ove vi è una netta predominanza di plasmacellule IgA1 secernenti rispetto alle IgA2. Nel succo intestinale gli AGA oltre ad essere dimerici presentano nella totalità dei casi la componente secretoria. Una quota di AGA dimerici con componente secretoria è presente anche a livello sierico ed è pari al 20-30% degli AGA circolanti. Questa quota di AGA diretta contro la componente secretoria è di sicura provenienza intestinale. È stato ipotizzato che nella celiachia non trattata tanto più è severa la lesione della mucosa intestinale, tanto maggiore sia la produzione di AGA IgA dimerici legati alla componente secretoria da parte della mucosa intestinale stessa cronicamente esposta al glutine. La produzione di AGA contro la componente secretoria eccede quelle che sono le possibilità di trasporto epiteliale, determinando uno spillover di tali anticorpi, non escreti dalla mucosa, in circolo per via linfatica. Celiachia news 12 9

10 Pertanto, il riscontro di AGA IgA dimerici con componente secretoria può essere con- non contiene IgA e pertanto non presenta il problema della crossreattività immunologica. Gli HUC-EmA mostrano lo stesso valore altamente predittivo del tradizionale EmA test per la malattia celiaca, vi è anche un'ottima correlazione fra i titoli anticorpali degli EmA ricercati su esofago di scimmia e su cordone ombelicale umano, ma l'uso di questo substrato in luogo del 3 inferiore di esofago di scimmia presenta una serie di indiscutibili vantaggi, quali il superamento dei problemi etici connessi con la soppressione di specie animali protette, la disponibilità illimitata e la facilità di approvvigionamento e, come logica conseguenza di ciò, l'aspettativa di una significativa riduzione dei costi. In realtà, l'abbattimento dei costi vi è stato solo per quei laboratori in grado di processare il cordone ombelicale, in quanto i kit commerciali di cordone consentono di ridurre i costi solo del 20% rispetto all'esofago di scimmia. Il pattern di positività si caratterizza per la fluorescenza delle fibrille endomisiali che circondano le fibre muscolari lisce nell'arteria e nella vena ombelicale. La positività dell'endotelio è aspecifica, mentre la fluorescenza specifica è più intensa procedendo dal centro del vaso verso gli strati periferici. Si associa anche positività dei fibroblasti e della gelatina di Warthon, questi ultimi aspetti peraltro di più difficile interpretazione se coesiste SMA. Analoghi risultati sono stati ottenuti con la ricerca di anticorpi diretti verso le cellule endoteliali isolate di vena ombelicale (i cosidetti anti-huvec) ricercati anch'essi 36 in IFL indiretta. Affinché gli HUC-EmA conservino appieno il loro potere altamente predittivo per la celiachia, è indispensabile il rispetto di alcune regole stabilite in corso di standardizzazione del test, quali quella del taglio trasversale del cordone ombelicale, in modo da avere l'intera sezione sagittale di uno o più vasi in ogni substrato; questo punto è di fondamentale importanza, in quanto è praticamente impossibile riconoscere l'anticorpo se il vaso è tagliato longitudinalmente; se il cordone è tagliato cor- 10 Celiachia news 12

11 rettamente, il pattern di positività anticorpale è di semplice lettura e non riveste sicu- di inflammatory bowel disease (IBD), pazienti con LES, cirrosi biliare primitiva, patologia varia dell'intestino tenue. Naturalmente la specificità del test per la celiachia cala quanto più è selezionata la popolazione dei controlli studiati, ad esempio si è visto che nella patologia epatica cronica il numero di falsi positivi è sicuramente più elevato fino a raggiungere in alcuni studi percentuali del 20-30% per gli anti-ttg da guinea- 25 pig. Gli anti-ttg ricombinante umana sembrano essere anche particolarmente utili, una volta posta la diagnosi di celiachia, per il monitoraggio della risposta alla dieta aglutinata; la loro mancata negativizzazione dopo un congruo periodo di dieta senza glutine deve indurre a rivalutare la compliance del paziente alla dieta e a ripetere una biopsia intestinale a differenza di quanto avviene invece per gli EmA, la cui persistenza o scomparsa dal siero dopo dieta spesso non è predittiva dello stato della mucosa intestinale. Marker di celiachia di classe IgG Per quanto riguarda gli anticorpi di classe IgG, la loro utilità nella diagnostica della malattia celiaca è fortemente limitata dai bassi livelli di specificità con elevate percentuali di falsi positivi (fino al 20%) non solo in pazienti con IBD, o in soggetti con patologia autoimmune, ma anche in sogget- 20 ti sani. Pertanto, la loro utilità è limitata all'identificazione dei pazienti con malattia 39 celiaca associata a deficit di IgA. Per questo disordine immunologico congenito è nota la stretta associazione con la celiachia, presente nel 2% dei pazienti con deficit di IgA ed in tali casi ovviamente vi è negatività per gli anticorpi di classe IgA. A tal proposito gli anti-ttg ricombinante umana e gli AGA nella pratica clinica si sono rivelati più utili degli EmA per l'identificazione di questi pazienti, consentendo di identificare in pratica la totalità dei casi di malattia ce- 40 liaca in soggetti con deficit di IgA. Celiachia news 12 11

12 Marker autoanticorpali di patologia autoimmune associata cellule dello strato basale della corteccia cerebellare, mentre gli autoanticorpi diretti verso il SNE presentano intensa colorazione del citoplasma delle cellule dei plessi mioenterici di Auerbach. Una correlazione statisticamente significativa è stata osservata fra la positività degli anticorpi antineurone diretti verso il SNC e la presenza di patologia neurologia idiopatica associata alla celiachia. Il riscontro di positività per anticorpi antineurone verso il SNE è più raro e la loro prevalenza non presenta alcuna differenza fra celiaci con e senza complicanze neurologiche. La positività per questi autoanticorpi viene in genere ritrovata in celiaci con stipsi ostinata che in alcuni casi raggiunge le caratteristiche cliniche di una pse- 14 udo-ostruzione intestinale. 12 Celiachia news 12 Autoanticorpi non organo specifici La ricerca degli autoanticorpi non organo specifici (NOS) in IFL indiretta su substrati di ratto (fegato, stomaco, rene) consente di identificare con un unico test varie specificità anticorpali, in particolare la presenza di anticorpi antinucleari (ANA), anti muscolo liscio (SMA), anti mitocondrio (AMA), antireticolina (ARA) (di cui abbiamo già trattato) ed anti microsomi di fegato e rene (LKM). Questo test andrebbe eseguito di routine alla diluizione standard di 1:40 sul siero di tutti i pazienti con malattia celiaca in quanto consente di identificare un vasto gruppo di patologie autoimmuni note per la loro associazione con la celiachia ed al tempo stesso di identificare una tendenza del soggetto a sviluppare complicanze autoimmuni non ancora emerse sul piano clinico ed ancora allo stato di patologia potenziale/latente. La positività per ANA pattern diffuso e/o SMA pattern tubulare (positività di strutture filamentose peritubulari contenenti actina a livello dei tubuli renali) o glomerulare (positività antiactina a livello dei glomeruli renali), in genere con appartenenza alla classe IgG, è indicativa di associazione con epatite autoimmune di tipo 1, mentre il riscontro di anticorpi LKM è

13 espressione della coesistenza di un'epatite autoimmune di tipo 2, identificata anche dal riscontro della positività a livello del cytosol epatico (anti-lc1) e confermata dalla positività in controimmunoelettrofore si. Una positività per ANA ad alto titolo può indirizzare anche verso una diagnosi di connettivite, di riscontro non occasionale nei pazienti con celiachia, e richiede una migliore caratterizzazione delle reattività antinucleari mediante ricerca degli ANA su cellule Hep2 e determinazione degli anticorpi 48,49, 55- anti-ena (antigeni nucleari estraibili) 57. Il riscontro di AMA orienta immediatamente verso una condizione di associata cirrosi biliare primitiva (CBP), anche se è sempre più frequente il ritrovamento di questo anticorpo in celiaci che non presentano alcun segno clinico né bioumorale di colestasi ed in cui la biopsia epatica evidenzia la presenza di un quadro normale o solo iniziali segni di colangite distruttiva non sup purativa. In tali casi, è utile per confermare il rischio di patologia colestatica autoimmune associata eseguire il test di conferma per l'ama in immunoblotting. La caratterizzazione delle reattività degli anticorpi non organo specifici su cellule Hep2 (linee cellulari di carcinoma laringeo ad alto indice mitotico) consente di chiarire molti punti controversi. Innanzitutto questo test si è dimostrato utilissimo per caratterizzare la reattività antiactina. Infatti, nella malattia celiaca è stata documentata su questo substrato una elevata prevalenza di anticorpi antimicrofilamenti di classe IgA (antiactina), espressione di autoimmunità secondaria diretta verso il citoscheletro indotta dalla produzione di citochine con pattern 49, 50, 54 Th2 da parte di linfociti attivati. La presenza di anticorpi antiactina di classe IgA si associa in maniera significativa ad un severo danno della mucosa duodenale nella ma- 54 lattia celiaca (grado 3b-3c). Lo stesso pattern anticorpale con appartenenza alla classe IgG indica invece la presenza di epatite 49 autoimmune di tipo 1. La conferma di ANA con pattern diffuso su cellule HEp2 conferma ulteriormente il sospetto di epatite autoimmune o di LES, con diagnosi differenziale basata, oltre che sul quadro clinico, sull'elevata percentuale di positività per anti-dna nativo, presente soprattutto nel LES. Una positività ANA con pattern anticentromero, associata al riscontro di AMA, identifica casi di CBP con associata sindrome CREST. La celiachia con segni bioumorali di colestasi può associarsi a casi di colangite autoimmune, una forma di CBP AMA-negativa, caratterizzata da positività per ANA con pattern multiple nuclear dots 51, 53 (MND). La ricerca degli anticorpi diretti contro il citoplasma dei granulociti neutrofili (ANCA), eseguita sia in IFL che in ELISA, può essere utile per identificare un'altra condizione di colestasi idiopatica associata a celiachia, cioè la colangite sclerosante, che si può caratterizzare per una positività del pattern p-anca (positività perinucleare in 51 IFL). La determinazione degli anticorpi diretti contro antigeni nucleari estraibili (complessi RNA-proteina e proteine nucleari non istoniche) è effettuabile con varie metodiche e consente di evidenziare alcune reattività anticorpali espressione di patologie del connettivo associate a celiachia, fra cui la positività per il sistema SS-A/SS-B indicativa di associazione con sindrome di Sjögren, per il sistema Jo1, espressione di possibile associazione con dermatomiosite, per il sistema Sm, possibile spia di LES, per l' anti RNP, indice di connettivite mista, e per Scl70, possi bile spia di sclerodermia. Com'è noto tutte queste condizioni cliniche possono essere associate a celiachia ed, ancorchè le specificità anticorpali non siano di pertinenza esclusiva di queste patologie, possono comunque fornire una prima guida per indagare ulteriormente sulla loro esistenza. Considerazioni conclusive Alla luce di quanto esposto è possibile affermare con certezza che la malattia celiaca Celiachia news 12 13

14 costituisce un modello ideale per lo studio dell'immunità umorale. Nell'ambito delle innumerevoli manifestazioni autoimmuni che caratterizzano la storia clinica dei pazienti celiaci bisogna distinguere una sintesi anticorpale strettamente correlata con l'intolleranza al glutine, il cui riscontro è sempre espressione di un danno più o meno severo a livello della mucosa intestinale, da una sintesi anticorpale, che è espressione di autoimmunità secondaria, il cui primum movens è comunque da ricercarsi nelle alterazioni del sistema immune del paziente celiaco e va pertanto interpretato come conseguenza della malattia celiaca stessa. Nel primo caso la determinazione degli anticorpi marcatori di celiachia acquista un importante significato per lo screening e per il monitoraggio dell'intolleranza al glutine. Il secondo movimento anticorpale non deve essere assolutamente trascurato e la consapevolezza che questi anticorpi, espressione di patologia associata, possono comparire anche negli stadi precoci, quando ancora la patologia autoimmune si sta sviluppando e pertanto è più suscettibile di cure e trattamenti idonei (un esempio su tutti lo sviluppo di CBP e colangite autoimmune in corso di celiachia) ci deve indurre ad eseguire periodicamente nei nostri pazienti affetti da celiachia la ricerca degli autoanticorpi organo e non organo specifici. Indirizzo per la corrispondenza: Umberto Volta Dipartimento di Medicina Interna, Cardioangiologia, Epatologia Policlinico S. Orsola-Malpighi Via Massarenti, Bologna tel.: 051/ fax : 051/ Celiachia news 12

15 Celiachia news 12 15

16 Tabella 1. Sensibilità, specificità, valore predittivo positivo e negativo dei marker sierici di malattia celiaca Sensibilità Specificità VPP VPN (%) (%) (%) (%) IgA R1-ARA IgA AGA IgA EmA IgA JAB IgA anti-ttg ricomb. umana IgA anti-ttg da guinea pig liver VPP: valore predittivo positivo; VPN: valore predittivo negativo, R1-ARA anticorpi anti reticolina R1; AGA: anticorpi antigliadina; EmA: anticorpi antiendomisio Tabella 2 Malattie autoimmuni/idiopatiche associate a celiachia Autoimmuni Idiopatiche Diabete mellito tipo 1 Cardiomiopatia dilatativa Tiroidite di Hashimoto Epilessia con calcificazioni cerebrali Morbo di Graves Epilessia senza calcificazioni cerebrali Epatite autoimmune tipo 1 e 2 Atassia cerebellare Cirrosi biliare primitiva Neuropatia periferica Colangite sclerosante Mioclono Alopecia Sclerosi multipla Vitiligine Atrofia cerebrale Morbo di Addison Malattie infiammatorie croniche intestinali Dermatite erpetiforme Sarcoidosi Deficit di IgA Atopia Gastrite atrofica autoimmune Anemia emolitica autoimmune Artrite reumatoide Lupus erythematoso sistemico Polimiosite Sindrome di Sjögren Myasthenia gravis 16 Celiachia news 12

17 Tab. 3 - Prevalenza degli autoanticorpi organo e non organo specifici nelle celiachia e loro significato clinico Positività anticorpale Anti tiroide (AMT) 41,42, % Anti cellule parietali gastriche 43,56 (ACPG) 4-11% Patologia autoimmune associata Ipotiroidismo 5-10% Ipertiroidismo 1-2% Anemia perniciosa con gastrite atrofica 0-0.5% Anti surrene (ACS) 43,44, % Morbo di Addison - 0.5% Anti insula pancreatica (ICA)/Anti 43,46 glutamico decarbossilasi(gad) 3-20% Diabete mellito tipo I % Antineurone SNC 14,47 5% Atassia cerebellare,epilessia - 3% Antineurone SNE % Pseudo-ostruzione intestinale - 1% Anti nucleo (ANA) 41,43, A. reumatoide, LES, Epatite autoimmune tipo % Anti muscolo liscio (SMA) 41, % Epatite autoimmune tipo 1-1.5% Antimicrosomiali (LKM) e/o Anti 49 liver cytosol (Lc1) 0-3% Epatite autoimm. tipo 2-3% Antimitocondriali (AMA) 51,52 1-3% Cirrosi biliare primitiva - 1-3% ANA su Hep2: 49, 55 diffuso multiple nuclear dots (MND) 51 centromero 50,54 antiactina IgA 49 antiactina IgG Anticitoplasma neutrofili 51 (p-anca) 51,53 Anti antigeni nucleari estraibili(ena): 55 SSA/SSB 55 Sm 56 Jo1 50 Xr % 1% 0.5% 33-71% 5% 3 0.3% 1.5% 6% LES, Ep. autoimm. tipo % Cirrosi biliare primitiva 1% Cirrosi bil. prim.con CREST 0.5% transaminasi, atrofia severa villi 60% Epatite autoimmune tipo 1 1.5% 0.5% Colangite sclerosante 0.5% Sindrome Sjögren 3% LES 0.3% Polimiosite Epatite autoimmune tipo 1-1.5%. Anti cardiolipina 57 14% Sind. da anticorpi antifosfolipidi 0% Bibliografia 1.Schuppan D. Current concepts of celiac disease pathogenesis. Gastroenterology 2000; 119: Reunala T, Collin P. Diseases associated with dermatitis herpetiformis. Br J Dermatol 1997; 136: Counsell CE, Taha A, Ruddell WSJ. Coeliac disease and autoimmune thyroid disease. Gut 1994; 35: Cronin CC, Shanahan F. Insulin-dependent diabetes mellitus and coeliac disease. Lancet 1997; 349: Curione M, Barbato M, De Biase, et al. Prevalence of coeliac disease in idiopathic dilated cardiomiopathy. Lancet 1999; 354: Volta U, De Franceschi L, Lari F, et al. Coeliac disease hidden by cryptogenic hypertransaminasemia. Lancet 1998; 352: O'Farrelly C, Marten M, Melcher D, et al.. Association between villous atrophy in rheumatoid arthritis and a rheumatoid factor and gliadin-specific IgG. Lancet 1988; 2: Celiachia news 12 17

18 8.Henriksson KG, Hallert C, Walan A. Glutensensitive polymyositis and enteropathy. Lancet 1976; 2: Gobbi G, Bouquet F, Greco L, et al. Coeliac disease, epilepsy, and cerebral calcifications. Lancet 1992; 340: Luorostainen L, Pirttila T, Collin P. Coeliac disease presenting with neurological disorders. Eur Neurol 1999; 42: Dieterich W, Ehnis T, Bauer M, et al. Identification of tissue transglutaminase as the autoantigen of coeliac disease. Nat Med 1997; 3: Volta U, Ballardini G, Molinaro N, et al. Specific reactivity of fluorescein isothiocyanate-conjugated separated IgG and IgA from celiac disease sera on human tissues. Int J Clin Lab Res 1995; 25: Prati D, Bardella MT, Peracchi M, et al. High frequency of anti-endomysial rectivity in candidates to heart transplant. Digest Liver Dis 2002;34: Volta U, De Giorgio R, Petrolini N, et al. Clinical findings and anti-neuronal antibodies in coeliac disease with neurological disorders. Scand J Gastroenterol 2002; 37: Schuppan D, Ciccocioppo R. Coeliac disease and secondary autoimmunity. Digest Liver Dis 2002; 34: Martucci S, Corazza GR. Spreading and focusing of gluten epitopes in celiac disease. Gastroenterology 2002; 122: Ventura A, Magazzu G, Greco L, et al. Duration of exposure to gluten and risk for autoimmune disorders in patients with celiac disease. Gastroenterology 1999; 117: Di Sabatino A, D'Alò S, Millimaggi D, et al. Apoptosis and pheripheral blood lymphocyte depletion in coeliac disease. Immunology 2001; 103: Ferreira M, Lloyd Davies S, Butler M, et al. Endomysial antibody: is it the best test for coeliac disease? Gut 1992; 33: Volta U, Molinaro N, De Franceschi L, et al. IgA anti-endomysial antibodies on human umbilical cord tissue for celiac disease screening: save both money and monkeys. Dig Dis Sci 1995; 40: Karpati S, Burgn-Wolff A, Krieg T, et al. Binding to human jejunum of serum IgA antibody from children with coeliac disease. Lancet 1990; 336: Dieterich W, Laag E, Schopper H, et al. Autoantibodies to tissue transglutaminase as predictors of celiac disease. Gastroenterology 1998; 115: Sblattero D, Berti I, Trevisiol C, et al. Human recombinant tissue transglutaminase ELISA: an innovative diagnostic assay for celiac disease. Am J Gastroenterol 2000; 95: Martini S, Mengozzi G, Aimo G, et al. Diagnostic accuracies for coeliac disease of four tissue transglutaminase autoantibody tests using human antigen. Clin Chem 2001; 47: Carroccio A, Giannitrapani L, Soresi M, et al. Guinea pig transglutaminase imunolinked assay does not predict coeliac disease in patients with chronic liver disease. Gut 2001; 49: Volta U, Lenzi M, Lazzari R, et al. Antibodies to gliadin detected by immunofluorescence and a micro-elisa method: markers of active childhood and adult coeliac disease. Gut 1985; 26: Rizzetto M, Doniach D. Types of reticulin antibodies detected in human sera by immunofluorescence. J Clin Pathol 1973;26: Volta U, Corazza GR, Frisoni M, et al. IgA antigliadin antibodies and persistence of jejunal lesions in adult coeliac disease. Digestion 1990; 47: Sulkanen S, Halttunen T, Laurila K, et al. Tissue transglutaminase autoantibody enzyme -linked immunosorbent assay in detecting celiac disease. Gastroenterology 1998; 115: Valentini RA, Andreani ML, Corazza GR, Gasbarrini G. IgA endomysium antibody: a valuable tool in the screening of coeliac disease, but not its follow-up. Ital J Gastroenterol 1994; 26: Volta U. Coeliac disease: recent advances in pathogenesis, diagnosis and clinical signs. Rec Progr Med 1999; 1: Marttinen A, Maki M. Purification of fibroblast derived celiac diseaseautoantigen molecules. Pediatr Res 1993; 34: Volta U, Molinaro N, Fratangelo D, Bianchi FB. IgA subclass antibodies to gliadin in serum and intestinal juice of patients with coeliac disease. Clin xp Immunol 1990;80: 18 Celiachia news 12

19 Marsh MN. Gluten, major histocompatibility complex and the small intestine. Gastroenterology 1992; 102: Oberhuber G, Granditsch G, Vogelsang H. The histopathology of coeliac disease: time for a standardized report scheme for pathologists. Eur J Gastroenterol Hepatol 1999; 11: Castellino F, Scaglione N, Grosso SB, Sategna-Guidetti C. A novel method for detecting IgA endomysial antibodies by using human umbilical vein endothelial cells. Eur J Gastroenterol Hepatol 2000; 12: Corazza Gr, Biagi F, Volta U, et al. Autoimmune enteropathy and villous atrophy in adults. Lancet1997; 350: Volta U, Granito A, de Franceschi L, et al. Antibodies to cross-linked gliadin-ttg increase the serological sensitivity for coeliac disease. Abstracts VIII International symposium on coeliac disease, Napoli 1999: Cataldo F, Marino V, Ventura A, et the Italian Society of Paediatric Gastroenterology and Hepatology (SIGEP) and Club del Tenue Working Groups on Coeliac Disease. Prevalence and clinical features of selective immunoglobulin A deficiency in coeliac disease: an Italian multicentre study. Gut 1998; 42: Cataldo F, Lio D, Marino V, et the Working Groups on Coeliac Disease of SIGEP and Club del Tenue. IgG antiendomysium and IgG anti tissue transglutaminase (anti-tg) antibodies in coeliac patients with selective IgA deficiency. Gut 2000; 47: Da Rosa Utiyama SR, Da Silva Kotze LM, Mitsunori NisiharaR, et al. Spectrum of autoantibodies in celiac patients and relatives. Dig Dis Sci 2001; 46: Sategna-Guidetti C, Volta U, Ciacci C, et al. Prevalence of thyroid disorders in untreated adult celiac disease patients and effect of gluten withdrawal: an Italian multicenter study. Am J Gastroenterol 2001;96: Volta U, De Franceschi L, Molinaro N, et al. Organ-specific autoantibodies in coeliac disease: do they represent an epiphenomenon or the expression of associated autoimmune disorders? Ital J Gastroenterol Hepatol 1997; 29: O'Leary C, Walsh CH, Wieneke P, et al. Coeliac disease and autoimmune Addison's disease: a clinical pitfall. QJM 2002; 95: Frustaci A, Cuoco L, Chimenti C, et al. Celiac disease associated with autoimmune myocarditis. Circulation 2002; 105: Galli-Tsinopoulou A, Nousia-Arvanitakis S, Dracoulacos D, et al. Autoantibodies predicting diabetes mellitus type I in celiac disease. Horm Res 1999; 52: Hadjivassiliou M, Grunewald RA, Chattopadhyay AK, et al. Clinical, radiological, neurophysiological and neuropathological characteristics if gluten ataxia. Lancet 1998; 352: Francis J, Carty JE, Scott BB. The prevalence of coeliac disease in rheumatoid arthritis.. Eur J Gastroenterol Hepatol 2002; 14: Volta U, De Franceschi L, Molinaro N, et al. Frequency and significance of anti-gliadin and anti-endomysium antibodies in autoimmune hepatitis. Dig Dis Sci 1998; 43: Volta U, Cassani F, De Franceschi L, et al. Anti-microfilament antibodies in patients with coeliac disease. Ital J Gastroenterol Hepatol 1998; 30(suppl 2):A Volta U, Rodrigo L, Granito A, et al. Celiac disease in autoimmune cholestatic liver disorders. Am J Gastroenterol 2002; 97: Kingham JGC, Parker DR. The association between primary biliary cirrhosis and coeliac disease: a study of relative prevalences. Gut 1998; 42: Gogos GA, Nikolopoulou V, Zolota Vassiliki, et al. Autoimmune cholangitis in a patient with celiac disease: a case report and review of the literature. J Hepatol 1999; 30: Clemente MG, Musu MP, Frau F, et al. Immune reaction against the cytoskeleton in coeliac disease. Gut 2000; 47: Collin P, Reunala T, Pukkala E, et al. Coeliac disease - associated disorders and survival. Gut 1994; 35: Volta U, Molinaro N, Baldoni AM, Bianchi FB. Malattie del sistema immunitario associate a celiachia. Abstract del 9 Congresso Nazionale AIGO, Firenze 1989: Lerner A, Blank M, Lahat N, Shoenfeld Y. Celiachia news 12 19

20 Increased prevalence of autoantibodies in celiac disease. Dig Dis Sci 1998; 43: Sollid L, Thorsby E. HLA susceptibility genes in celiac disease: genetic mapping and role in pathogenesis. Gastroenterology 1993; 105:

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

IL CELIACO: UNA PERSONA, UN PAZIENTE, UN TARGET. Una vita senza glutine

IL CELIACO: UNA PERSONA, UN PAZIENTE, UN TARGET. Una vita senza glutine IL CELIACO: UNA PERSONA, UN PAZIENTE, UN TARGET Una vita senza glutine Programma Scienziati in Azienda - XI Edizione Stresa, 27 settembre 2010 12 luglio 2011 A cura di: Andrea Finco, Antonella Galeotafiore,

Dettagli

ANEMIE DEL II GRUPPO

ANEMIE DEL II GRUPPO ANEMIE DEL II GRUPPO Per incapacità dell eritrone midollare di produrre normalmente eritrociti a causa di difetti della: Proliferazione cellulare ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE (ERITROBLASTOLISI MIDOLLARE)

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

LA MALATTIA CELIACA IN MEDICINA GENERALE

LA MALATTIA CELIACA IN MEDICINA GENERALE LA MALATTIA CELIACA IN MEDICINA GENERALE Coordinamento Scientifi co Umberto Volta Enzo Ubaldi PACINI EDITORE MEDICINA Copyright 2009 by Pacini Editore S.p.A. Pisa ISBN 978-88-6315-168-8 Realizzazione editoriale

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine

DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine DA PORTO A., NANINO E., DEL TORRE M., SECHI L.A., CAVARAPE A. CLINICA MEDICA - Azienda Ospedaliero-Universitaria S.Maria Misericordia di Udine VITAMINA D: SINTESI, METABOLISMO E CARENZA Il 40-50% della

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Relazione annuale al Parlamento sulla celiachia

Relazione annuale al Parlamento sulla celiachia Direzione Generale per l Igiene e la Sicurezza degli Alimenti e la Nutrizione Relazione annuale al Parlamento sulla celiachia Anno 2013 MINISTERO DELLA SALUTE* REGISTRO NAZIONALE* ALIMENTO SENZA GLUTINE

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO

ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO ANEMIE MEGALOBLASTICHE II GRUPPO SONO DOVUTE A ESALTATA ERITROPOIESI INEFFICACE CON ERITROBLASTOLISI INTRAMIDOLLARE IL MIDOLLO E RICCHISSIMO DI ERITROBLASTI CHE NON RIESCONO A MATURARE E MUOIONO NEL MIDOLLO

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M TI R OIDIT E P O S T PA RT U M La tiroidite po st partum è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale. Si manifesta, infatti, nelle donne

Dettagli

Citochine dell immunità specifica

Citochine dell immunità specifica Citochine dell immunità specifica Proprietà biologiche delle citochine Sono proteine prodotte e secrete dalle cellule in risposta agli antigeni Attivano le risposte difensive: - infiammazione (immunità

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI

LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI LA DEPRESSIONE NEGLI ANZIANI Che cos è la depressione? Tutti noi ci possiamo sentire tristi a volte, tuttavia la depressione è una cosa seria. La malattia della depressione a volte denominata Depressione

Dettagli

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione

Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione 3 Maggio 2012 Relazione tra Vitamina D, Obesità infantile e Sindrome Metabolica: un puzzle in via di risoluzione Emanuele Miraglia del Giudice Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Pediatria

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie

Bilancia emostatica. Ipercoagulabilità. Ipocoagulabilità. Normale. Trombosi. Emorragie Coagulazione 1 Bilancia emostatica Ipercoagulabilità Ipocoagulabilità Normale Trombosi Emorragie 2 emostasi primaria emostasi secondaria Fattori coinvolti nell emostasi Vasi + endotelio Proteine della

Dettagli

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5

Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 Un aiuto per prendere decisioni più informate 1-5 L'unico test che fornisce una valutazione accurata dell aggressività del cancro alla prostata Un prodotto di medicina prognostica per il cancro della prostata.

Dettagli

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015

I Convegno di Neuroautoimmunità. Prato, Polo Universitario. 20-21 Febbraio 2015 I Convegno di Neuroautoimmunità Prato, Polo Universitario 20-21 Febbraio 2015 PATROCINI RICHIESTI Patrocini richiesti Carissimi, Lettera dei Presidenti è con grande piacere che Vi invitiamo il 21 e 22

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

TERZA LEZIONE: anemie carenziali ferro vit B12 ac folico

TERZA LEZIONE: anemie carenziali ferro vit B12 ac folico TERZA LEZIONE: anemie carenziali ferro vit B12 ac folico sanguinamento (acuto/cronico) iporigenerativa progenitori eritroidi (anemia aplastica, CDA, PRCA) sintesi Hb (carenza Fe, talassemia) sintesi di

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D

IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D IL RUOLO DEL LABORATORIO NELL IPOVITAMINOSI D Manuela Caizzi (1); Giorgio Paladini (2) 1. S.C. Ematologia Clinica; Azienda Ospedaliero-Universitaria, Ospedali Riuniti di Trieste 2. S.C. Ematologia Clinica

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO GELATO SENZA GLUTINE: RISCHIO O SICUREZZA?

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO GELATO SENZA GLUTINE: RISCHIO O SICUREZZA? UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Agrarie e Alimentari Corso di Laurea Triennale in Scienze e Tecnologie Alimentari GELATO SENZA GLUTINE: RISCHIO O SICUREZZA? Relatore: Prof. Salvatore

Dettagli

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale)

Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) Conduzione di uno studio epidemiologico (osservazionale) 1. Definisco l obiettivo e la relazione epidemiologica che voglio studiare 2. Definisco la base dello studio in modo che vi sia massimo contrasto

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009

RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 RENATO TOZZOLI, GRAZIANO KODERMAZ SERVIZIO DI MEDICINA DI LABORATORIO OSPEDALE CIVILE, LATISANA (UD) SPOLETO, 08 MAGGIO 2009 Cisteina di 3 gruppo (176) Unità ripetute ricche di leucina Cisteine di 2 gruppo

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE

VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE VALUTAZIONE DEL LIVELLO DELLA FUNZIONE RENALE La stima del Filtrato Glomerulare (FG) èil miglior indicatore complessivo della funzione renale. La sola creatininemia non deve essere usata come indice di

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica

AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica AGREE nella valutazione della qualità delle LG per la diagnosi e terapia delle cefalee in età pediatrica Pasquale Parisi, MD PhD et. al. Outpatience Service of Paediatric Neurology Child Neurology, Chair

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin

banca dati stringa di ricerca risultati trovati risultati utili referenze Cochrane vitamin K 21 1 Prophylactic vitamin EVIDENCE REPORT: PROFILASSI CON VITAMINA K NEI NEONATI PER LA PREVENZIONE DELLA MALATTIA EMORRAGICA (a cura di Baiesi Pillastrini Francesca, Battistini Silvia, Parma Dila ) banca dati stringa di ricerca

Dettagli

Clinica e diagnosi delle anemie macrocitiche

Clinica e diagnosi delle anemie macrocitiche Clinica e diagnosi delle anemie macrocitiche Distribuzione codifiche anemia macrocitica PREVALENZA ANEMIA MACROCITICA Rete UNIRE 2.6 1.6 0.7 0.3 codificata folati

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale.

Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Nuove acquisizioni patogenetiche nell osteodistrofia renale. Sequenza di eventi patogenetici (seconda metà anni 70 seconda metà anni 90) IRC deficit di attivazione ridotta escrezione della vitamina D di

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico

Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Vitamina D: la vitamina della luce solare Nuove conoscenze e implicazioni in campo medico Giuseppe Realdi, Sandro Giannini Prof. Giusppe Realdi Dipartimento di Scienze Mediche e Chirurgiche Clinica medica

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die);

VITAMINE. Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); VITAMINE Composti organici eterogenei; indispensabili all organismo; non hanno valore energetico; agiscono in dosi minime (LARN: 1-200 mg/die); hanno funzioni specifiche e funzioni comuni, tra cui: - agiscono

Dettagli

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE

DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE DIAGNOSTICA DI LABORATORIO NELL ARTRITE REUMATOIDE Dr.ssa ANNALISA BIANO ASL 2 SAVONESE S.S.D. LABORATORIO DI PATOLOGIA CLINICA P.O. CAIRO MONTENOTTE GRUPPO LIGURE di AUTOIMMUNITA ARTRITE REUMATOIDE: PROBLEMATICHE

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile

n Tumore n Infiammazione n Decadimento senile n Danno congenito n Infortunio n Colpo apoplettico n Idiopatico/criptogeno = senza una causa accertabile Le cause più frequenti nelle diverse fasce d età Le indicazioni sulle singole cause citate nel capitolo precedente si riferivano a tutte le persone affette da epilessia, senza tener conto dell età delle

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Catene Leggere Libere nel Siero

Catene Leggere Libere nel Siero Conoscere e capire il dosaggio delle Catene Leggere Libere nel Siero International Myeloma Foundation 12650 Riverside Drive, Suite 206 North Hollywood, CA 91607 USA Telephone: 800-452-CURE (2873) (USA

Dettagli

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno

La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno Metodo epidemiologici per la clinica _efficacia / 1 La programmazione di uno studio clinico: dalla domanda al disegno La buona ricerca clinica Non è etico ciò che non è rilevante scientificamente Non è

Dettagli

-Composti organici essenziali per la vita

-Composti organici essenziali per la vita -Composti organici essenziali per la vita -La maggior parte dei vertebrati (tra cui l uomo) non sono in grado di sintetizzarle (come gli amminoacidi essenziali) -Sono assunte con la dieta -Alcune malattie

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol?

Quali danni può provocare il consumo eccessivo di alcol? alcol Qual è la dimensione del problema? L alcol è una sostanza tossica per la quale non è possibile identificare livelli di consumo sicuri, anche a causa delle differenze individuali legate al metabolismo

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF

SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF SINDROME DA RESISTENZA AGLI ORMONI TIROIDEI (THR) o SINDROME DI REFETOFF Dr. Vincenzo Piazza La Sindrome da resistenza agli ormoni tiroidei,descritta per la prima volta da Refetoff, è una patologia molto

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale

ORGAN ON A CHIP. Un promettente sostituto alla sperimentazione animale ORGAN ON A CHIP Un promettente sostituto alla sperimentazione animale 1 1.Fasi di sviluppo di un farmaco La ricerca e lo sviluppo di un farmaco sono indirizzate al processo dell identificazione di molecole

Dettagli

Il sistema immunitario

Il sistema immunitario QUADERNI SULLE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE N. 2 Il sistema immunitario ASSOCIAZIONE IMMUNODEFICIENZE PRIMITIVE ONLUS Quaderni pubblicati da AIP ONLUS N.1 La sindrome di Wiskott Aldrich (WAS) N.2 Il sistema

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA

LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA LINEE GUIDA PER LA REVISIONE SISTEMATICA DI LETTERATURA report tecnico nr. 03/08 v. 1 indice dei contenuti 1. Utilità delle RSL Pag. 1 2. Principali metodi Pag. 2 3. Esempi di RSL Pag. 3 4. Protocollo

Dettagli

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage

da Norda una Novità nel Mondo del Beverage da Norda una Novità nel Mondo del Beverage Benessere da Bere una Carica di Energia Prima in Italia, Norda lancia sul mercato, una Linea INNOVATIVA di Bevande Funzionali che è già un Grande Successo negli

Dettagli

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale

Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Informazioni dal Servizio Farmaceutico Territoriale Periodico di informazione per Medici & Farmacisti Anno XIII, N 2 Aprile 2013 A cura del DIP IP.. INTERAZIENDALEI ASSISTENZA FARMACEUTICA Via Berchet,

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN

IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN IMAGING BIO_MOLECOLARE con DaTSCAN Stelvio Sestini, MD, PhD Unità di Medicina Nucleare - USL4 Prato Università degli Studi di Firenze Concetto 1. Le M. Neurodegenerative sono in aumento Concetto 2. Le

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA SENZA GLUTINE

ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA SENZA GLUTINE COELIAC FORUM EDIZIONE NR 02_2010 IN PRIMO PIANO AGGIORNAMENTO RICERCA ASPETTI NUTRIZIONALI DELLA DIETA SENZA GLUTINE La terapia nutrizionale è l unico trattamento universalmente accettato per la celiachia,

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it

La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma. Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it La biopsia del linfonodo sentinella nel carcinoma duttale in situ: : si,no, forse Dott. S.Folli S.C. Senologia AUSL Forlì s.folli@ausl.fo.it Definizione Il carcinoma duttale in situ della mammella è una

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO

STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA, DIAGNOSI, TRATTAMENTO DIETOTERAPICO E NUTRACEUTICO Università degli Studi della Repubblica dii San Marino Università degli Studi di Parma Master in Sicurezza e Qualità dell Alimentazione in Età Evolutiva STEATOSI EPATICA. EPIDEMIOLOGIA, FISIOPATOLOGIA,

Dettagli

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia

Studio del manuale. Applicazioni internazionali del case management integrato: principi e pratica Conoscenza di base ed evoluzione futura Bibliografia Indice Presentazione dell edizione originale Presentazione dell edizione italiana Prefazione Ringraziamenti Panoramica sulla diffusione del Metodo INTERMED La griglia INTERMED pediatrica per la valutazione

Dettagli

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza

Impiego clinico della vitamina D e dei suoi metaboliti ABSTRACT. 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Impiego clinico della vitamina D ABSTRACT 26 Gennaio 2013, Roma Università di Roma Sapienza CORSO DI AGGIORNAMENTO E.C.M. Roma 26/01/2013 Confronto tra 25(OH) -calcifediolo

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015

Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Ble Consulting srl id. 363 BISFOSFONATI E VITAMINA D: RAZIONALI D'USO - 119072 Hotel Cascina Scova Cityspa, Via Vallone, 18-27100 Pavia - 9 maggio 2015 Dr. Gandolini Giorgio Medici chirurghi 8,8 crediti

Dettagli