TRAVAGLIO E PARTO. Sempre con te, passo dopo passo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRAVAGLIO E PARTO. Sempre con te, passo dopo passo"

Transcript

1 TRAVAGLIO E PARTO

2 Travaglio e parto 1) Travaglio e parto 6) Il bacino materno 2) L inizio del travaglio è vicino se 3) Andare in ospedale quando 4) L induzione del travaglio di parto 7) Posizioni del travaglio e del parto 8) Utilizzo dell acqua 9) Il perineo in gravidanza 5) Fasi del travaglio di parto

3 Travaglio e parto La data presunta del parto, in genere, è soltanto indicativa. Ogni parto e ogni travaglio seguono un loro corso e non esiste una tabella di marcia valida per tutte le donne. Il travaglio può insorgere anche prima della data presunta del parto. La scadenza, infatti, è soltanto indicativa e il piccolo può dare segnali di voler venire al mondo anche quindici giorni prima o farsi aspettare per un periodo altrettanto lungo dopo il termine. Per questo, si considerano a termine le gravidanze che si concludono in un periodo compreso tra le 37 e le 42 settimane gestazionali.

4 Travaglio e parto È consigliabile preparare la valigia circa un mese prima della data presunta del parto per non trovarsi poi a dimenticare le cose necessarie. È utile stilare un elenco di ciò che non dovrà mancare (a volte è fornito dall'ospedale) e stendere un promemoria con le istruzioni da seguire prima del ricovero (cose da mettere in valigia all'ultimo momento come lo spazzolino da denti, il dentifricio, il deodorante, ecc.). È bene inoltre, lasciare eventuali disposizioni a parenti o amici per l affidamento di altri figli o per la cura di animali domestici che resteranno a casa.

5 Travaglio e parto FETO A FINE GRAVIDANZA

6

7

8

9

10 Andare in ospedale quando ANDARE IN OSPEDALE QUANDO: 1) Le contrazioni si susseguono a intervalli regolari di tempo, con frequenza sempre più ravvicinata e intensità e durata crescenti. Le contrazioni, infatti, diventano progressivamente sempre più dolorose. Il passaggio dalle contrazioni preparatorie a quelle da travaglio non è sempre netto, ma queste ultime possono essere facilmente riconosciute per le loro particolari caratteristiche: le contrazioni da travaglio di parto, una volta iniziate, non si interrompono e le pause tra una contrazione e l altra sono regolari e via via sempre più brevi.

11 Andare in ospedale quando È consigliabile andare in ospedale quando le contrazioni si succedono a una distanza di circa 5 minuti e hanno una durata di secondi circa.

12 Andare in ospedale quando UN CONSIGLIO Una mamma tranquilla può rimanere a casa anche a lungo e dedicarsi a ciò che più la rilassa. Non ci sono restrizioni particolari e non esiste un percorso uguale per tutte le donne. Prima di andare in ospedale puoi, ad esempio, sistemare le ultime cose, leggere un libro, ascoltare della musica o fare un bagno tiepido o una doccia. L importante in questi momenti è ascoltare te stessa e il tuo corpo, pensare al tuo bambino che tra poco incontrerai: anche lui, come te, si sta preparando al grande evento. Infine, è bene mettersi un assorbente e portarsi un asciugamano da appoggiare sul sedile dell'auto nel caso si dovessero rompere le acque durante il tragitto.

13 Andare in ospedale quando 2) Si rompono le acque e senti scolare liquido amniotico, anche se non sono ancora cominciate le contrazioni. A questo punto, il bebè non è più difeso dall'ambiente esterno ed è esposto a possibili infezioni. In ospedale il medico provvederà a prescriverti una terapia antibiotica per ridurre il rischio di infezioni. Se il liquido amniotico che scola è chiaro non c è urgenza, potete andare con calma in pronto soccorso. Se il liquido è giallo o verdastro, è meglio accelerare i tempi e presentarsi entro breve in ospedale.

14 Andare in ospedale quando Infatti, questa colorazione rivela la presenza di meconio nel liquido amniotico. Il meconio è il materiale di rifiuto contenuto nell'intestino del neonato (le sue prime feci) e, di solito, viene emesso nelle prime ore dopo la nascita. In alcuni casi però l emissione avviene già in utero.

15 Andare in ospedale quando 3) Compaiono perdite di sangue rosso vivo Possono essere dovute a un problema della placenta che va affrontato subito. 4) Non senti più muovere il tuo bambino come al solito Ogni mamma durante la gravidanza impara a conoscere le abitudini del suo bimbo. Quindi, le risulta molto semplice accorgersi se qualcosa si discosta dalla normalità.

16 Andare in ospedale quando In condizioni di sofferenza fetale, che può essere causata, ad esempio, da insufficienza placentare, liquido amniotico ridotto o liquido amniotico tinto, il bambino presenterà una riduzione dei suoi movimenti, come meccanismo di compenso all'ipossia (carenza di ossigeno) indotta. Ogni bambino ha il proprio pattern di attività, quindi può essere poco utile confrontarlo con i movimenti dei bimbi di altre mamme in attesa o di altre gravidanze precedenti. Da quando inizi a percepire i movimenti del tuo bambino con una certa regolarità, ti consigliamo di prestarvi attenzione.

17 Andare in ospedale quando 5) Sei colta da un senso di agitazione Finché le contrazioni non sono troppo forti è consigliabile stare a casa perché l'ambiente è più confortevole e meno stressante. Alcune donne, però, si sentono più tranquille se vivono questo momento all'interno di un ospedale. È una questione personale, l'importante è scegliere la situazione che dà più tranquillità.

18 L induzione del travaglio di parto L INDUZIONE DEL TRAVAGLIO DI PARTO Durante la gravidanza potrebbero insorgere alcune condizioni che rappresentano un indicazione per l induzione del travaglio di parto: riduzione della quantità di liquido amniotico o assenza di liquido amniotico (oligoidramnios - anidramnios) liquido amniotico tinto di meconio gravidanza oltre il termine (in genere dopo le 41 settimane gestazionali) rottura delle acque prima dell insorgenza del travaglio (dopo 24 ore) patologie materne (ipertensione, diabete gestazionale ) patologie fetali (ritardo di crescita, peso previsto fetale superiore ai 4 Kg )

19 L induzione del travaglio di parto Per l induzione del travaglio possono essere utilizzate diverse metodiche. Le più utilizzate sono: 1) APPLICAZIONE LOCALE DI PROSTAGLANDINE: a seconda delle condizioni cliniche e dell epoca gestazionale si applicheranno candelette o gel a base di questo ormone per via vaginale a somministrazioni ripetute. La procedura non è dolorosa. 2) AMNIORESSI: la rottura delle membrane che viene applicata con un apposito strumento inserito attraverso il collo dell utero già dilatato. La procedura non è dolorosa. 3) SOMMINISTRAZIONE DI OSSITOCINA: inizia in genere a qualche ora di distanza (in genere 2 ore) dall esecuzione dell amnioressi se nel frattempo non sono comparse contrazioni uterine da travaglio e avviene per via endovenosa.

20 L induzione del travaglio di parto La scelta della metodica di induzione del travaglio di parto dipende dalle condizioni del collo uterino e dal livello raggiunto dalla testa fetale in relazione al bacino materno, parametri che sono valutati dall ostetrica e dal ginecologo che assistono la donna. L induzione del travaglio richiede l attento monitoraggio delle condizioni di benessere del tuo bambino. Per questo motivo il battito cardiaco fetale sarà frequentemente controllato con il tracciato cardiotocografico (procedura identica al tracciato di controllo che si esegue in gravidanza). Anche il travaglio indotto, una volta insorto, sarà monitorato continuamente con tale strumento.

21 Fasi del travaglio di parto FASI DEL TRAVAGLIO DI PARTO 1) PERIODO PRODROMICO Le contrazioni prodromiche compaiono a intervalli irregolari, in genere non sono ravvicinate tra loro, sono di intensità diversa l una dall altra e non tendono ad aumentare progressivamente. È consigliabile aspettare e non allarmarsi. Non sentirti delusa, anche tali contrazioni hanno una loro funzione: sono indispensabili per il raccorciamento e l appianamento del collo dell utero.

22 Fasi del travaglio di parto 2) PERIODO DILATANTE Dopo essersi ammorbidito ed assottigliato, il collo dell utero comincia a dilatarsi. La durata del travaglio varia molto a seconda dei casi: se è il tuo primo bambino la dilatazione procede in media 1 cm all ora. Se hai già partorito la dilatazione procede in media 2 cm all ora. L ostetrica eseguirà ad intervalli regolari (in genere ogni 2 ore) l esplorazione vaginale, al fine di valutare dilatazione cervicale e posizione fetale, controllando cosi l andamento del travaglio.

23 Fasi del travaglio di parto SEQUENZA DI APPIANAMENTO DEL COLLO UTERINO NELLA NULLIPARA Nella nullipara (donna al primo parto) il collo dell utero prima si appiana (periodo prodromico), poi si dilata (periodo dilatante): Collo di nullipara fuori dal travaglio: conservato, posteriore, chiuso Collo di nullipara inizio travaglio: raccorciato, in via di centralizzazione, chiuso Collo di nullipara in travaglio: raccorciato e centralizzato ulteriormente, pervio al dito Collo di nullipara travaglio avanzato: appianato, centralizzato con dilatazione cm 1

24 Fasi del travaglio di parto SEQUENZA DI APPIANAMENTO E INIZIALE DILATAZIONE DEL COLLO UTERINO NELLA PLURIPARA Nella pluripara (donna che ha già partorito) appianamento e inizio della dilatazione avvengono contemporaneamente: Collo di pluripara fuori dal travaglio: conservato, posteriore, pervio al dito Collo di pluripara inizio travaglio: raccorciato, in via di centralizzazione, dilatazione passiva cm 1,5 Collo di pluripara in travaglio: quasi appianato, centralizzato, dilatazione passiva cm 2,5 Collo di pluripara travaglio: appianato, centralizzato, dilatazione cm 6-7

25 Fasi del travaglio di parto Il battito cardiaco del tuo bambino sarà monitorato a intermittenza (in genere ogni 15 minuti); se vi sono particolari indicazioni, sarà monitorato in continuo attraverso il tracciato cardiotocografico (procedura identica al tracciato di controllo che si esegue in gravidanza), il quale registrerà contemporaneamente anche le tue contrazioni uterine. Se non vi sono controindicazioni, durante questa fase del travaglio potrebbe essere utile bere acqua, un succo di frutta o un tè zuccherato, o un piccolo snack (cracker, frutta, biscotti, fette biscottate...) per recuperare energie.

26 Fasi del travaglio di parto 3) PERIODO ESPULSIVO La fase espulsiva inizia quando la dilatazione del collo dell utero è completa. SEGMENTO ATTIVO SEGMENTO PASSIVO CERVICE VAGINA RISULTATO FINALE DELLA TRASFORMAZIONE DEL COLLO: FORMAZIONE DEL CANALE DA PARTO

27 Fasi del travaglio di parto Quando la testa del bambino inizia a progredire nel canale del parto, adattandosi al tuo bacino e ai tuoi tessuti, comprimendo il sacro, causerà la sensazione di premito, cioè la voglia irrefrenabile di spingere, simile al bisogno di defecare. Le spinte fanno progredire ulteriormente il tuo bambino, fino al disimpegno prima della testa fetale e poi, alla contrazione successiva, di tutto il corpo.

28 Fasi del travaglio di parto L ostetrica potrebbe comunicarti la necessità di ricorrere all episiotomia, una piccola incisione che viene eseguita a livello perineale (previa anestesia locale) per facilitare la nascita del tuo bambino. Non esiste una durata limite a priori se tu e il tuo bambino state bene. La durata media del periodo espulsivo al primo bambino è di 1 ora, ai figli successivi di 30 minuti.

29 Fasi del travaglio di parto 3) PERIODO DEL SECONDAMENTO Con il termine secondamento si intende l espulsione della placenta e degli annessi fetali (membrane e cordone ombelicale), evento assolutamente indolore e naturale. SUPERFICIE FETALE AMNIOS CORDONE OMBELICALE CORION SUPERFICIE MATERNA PLACENTA IN SEZIONE TRASVERSALE E CORDONE OMBELICALE

30 Fasi del travaglio di parto Di solito avviene immediatamente dopo il parto, ma si può attendere fino ad 1 ora. L ostetrica potrà chiederti di eseguire una piccola spinta per facilitare la fuoriuscita della placenta. Successivamente, l ostetrica eseguirà il taglio del cordone ombelicale, procedura assolutamente indolore per il tuo bambino.

31 Il bacino materno IL BACINO MATERNO ll bacino è l anello osseo che il bambino deve attraversare per venire alla luce. Nella grandissima maggioranza dei casi il bacino femminile ha un canale del parto sufficientemente largo da poter essere attraversato dal feto; non ingannino le misure esterne, nel senso che anche donne esili e con un bacino esternamente stretto possono avere un ottimale canale del parto, e viceversa per le donne con un bacino esternamente largo. OSSO ILIACO COCCIGE OSSO SACRO ISCHIO

32 Il bacino materno Il bacino femminile somiglia, dal punto di vista del feto, ad una sorta di imbuto. Sono tre i passaggi ossei, che il bambino deve attraversare per guadagnare l uscita: 1) ingresso pelvico o stretto superiore (il punto in cui il bambino inizia ad impegnarsi quando capisce che è giunta l ora); 2) stretto medio; 3) egresso pelvico o stretto inferiore Il bambino, durante il periodo espulsivo, aiutato dalle spinte materne, compie una rotazione nella sua discesa lungo il canale del parto, affinché il diametro più lungo del suo cranio affronti sempre il diametro più lungo del bacino materno.

33 Il bacino materno Il bacino femminile non è rigido. Le ossa sono connesse da cartilagini particolarmente cedevoli, in modo che il diametro possa leggermente allargarsi al passaggio del bambino. Inoltre, il cranio fetale, per la presenza di zone ancora non ossificate (fontanelle e suture) è caratterizzato da una straordinaria elasticità e plasticità: l'elasticità serve per assorbire la inevitabile deformazione che la testa fetale subisce durante il passaggio nel canale da parto alla nascita, la plasticità serve affinché la crescita del cervello non trovi ostacoli alla sua espansione.

34 Il bacino materno È importante sapere che la posizione materna al parto può contribuire a determinare l ampiezza dei diametri del bacino. Si riconoscono due movimenti di base del bacino. Movimento di contronutazione: aumenta le dimensioni dello stretto superiore del bacino, facilitando così l impegno della parte presentata fetale all inizio del periodo espulsivo. Il movimento di contronutazione si attua ad esempio nelle posizioni asimmetriche e genupettorale. Movimento di nutazione: aumenta le dimensioni dello stretto inferiore, facilitando cosi il disimpegno della parte presentata fetale. Il movimento di nutazione si attua ad esempio nella posizione accovacciata o ponendo le cosce in flessione.

35 Il bacino materno In ogni caso madre natura ha previsto che la mamma, seguendo il proprio istinto alla ricerca di una posizione meno dolorosa, riesca ad assecondare le necessità del bambino nel parto.

36 Posizioni del travaglio e del parto POSIZIONI DEL TRAVAGLIO E DEL PARTO Il travaglio e il parto sono un fenomeno dinamico, un succedersi di eventi in cui il movimento è adattamento e risposta al dolore. La libertà di movimento durante il travaglio di parto ti permette di assumere istintivamente le posizioni più comode e più antalgiche. Premesso che l assunzione di una posizione libera e la possibilità di movimento sono sicuramente fattori positivi durante il travaglio e il parto, ecco di seguito alcune posture che possono esservi d aiuto in alcuni casi.

37 Posizioni del travaglio e del parto 1) Semiseduta o distesa sul fianco Favoriscono il riposo e neutralizzano la forza di gravità, quindi possono aiutare a recuperare energie in caso di stanchezza. SEMISEDUTA LATERALE

38 Posizioni del travaglio e del parto 2) Erette (seduta o in piedi) Aumentano la forza di gravità, migliorano l efficienza delle contrazioni e favoriscono la discesa del feto; possono essere d aiuto anche in caso di dolore lombare. SEDUTA SEDUTA piegata in avanti con supporto INGINOCCHIATA ERETTA

39 Posizioni del travaglio e del parto 3) Asimmetriche (seduta, in piedi o inginocchiata con una gamba sollevata rispetto all altra) Oltre ad aumentare la forza di gravità, ampliano i diametri d ingresso del bacino; possono essere d aiuto in caso di dolore lombare. IN PIEDI SEDUTA INGINOCCHIATA

40 Posizioni del travaglio e del parto 4) Carponi e genupettorale Riducono il dolore lombare e la pressione esercitata sul sacro dalla testa del bambino. CARPONI GENUPETTORALE

41 Posizioni del travaglio e del parto 5) Dorsali (supina o litotomica) Sono sconsigliabili in assenza di precisa indicazione in quanto tendono a causare ipotensione supina, aumentano il dolore lombare e provocano contrazioni più frequenti e dolorose, ma non più efficaci. LITOTOMICA LITOTOMICA ESAGERATA Potrà esserti utile chiedere a chi ti accompagnerà durante il travaglio e il parto (l ostetrica o direttamente il tuo compagno) alcuni massaggi nella zona lombare, al fine di alleviare la percezione dolorosa.

42 Utilizzo dell acqua UTILIZZO DELL ACQUA Una modalità di assistenza alternativa al travaglio e parto tradizionali è offerta dall'uso dell'acqua. L'uso dell'acqua può offrire numerosi vantaggi fisici ed emotivi e si è rivelato particolarmente gradito alle donne. È stato dimostrato che non comporta effetti collaterali dannosi. Naturalmente il suo utilizzo dipende dalla disponibilità della vasca e dall'assenza di situazioni di rischio.

43 Utilizzo dell acqua Tra i vantaggi dell utilizzo dell acqua: favorire il rilassamento; favorire la libertà di movimento; favorire il rilasciarsi dei muscoli del pavimento pelvico; diminuzione del livello degli ormoni dello stress e aumento del livello di endorfine, sostanze naturali che hanno un effetto antidolorifico. Il bimbo viene alla luce in un elemento che gli è familiare (simile al liquido amniotico) e la temperatura dell'acqua, sovrapponibile a quella corporea, rende il passaggio dall'utero all'ambiente esterno meno traumatico.

44 Utilizzo dell acqua Questa metodica è particolarmente indicata per tutte quelle donne che hanno un travaglio molto lungo, per favorire il recupero di energia e riposo, nei travagli molto intensi con pause brevi, per le donne molto ansiose e quelle che presentano forti dolori lombari. In vasca il battito cardiaco fetale viene monitorizzato ad intermittenza, in genere ogni minuti. Se decidi di travagliare in acqua, per l espletamento del parto puoi comunque cambiare idea e uscire dalla vasca. Nel caso insorgano complicazioni durante il travaglio o il parto, sarai comunque invitata ad uscire dalla vasca.

45 Il perineo in gravidanza IL PERINEO IN GRAVIDANZA Il perineo o piano perineale, è l ultimo ostacolo da superare al momento del parto poiché è la parte esterna del pavimento pelvico compresa tra la vagina e l ano. Il pavimento pelvico è un insieme di strutture, soprattutto muscolari, che chiudono inferiormente la cavità addominale e pelvica. È essenzialmente composto dal muscolo elevatore dell ano, che ha un azione di sostegno e una sfinterica: la prima assicura il sostegno degli organi pelvici (utero, vescica e retto), la seconda garantisce il funzionamento degli sfinteri anale e vescicale e la qualità della vita sessuale.

46 Il perineo in gravidanza Il parto determina sempre una distensione del perineo, che interessa la cute, la mucosa vaginale e la muscolatura perineale. In particolare, il passaggio della testa del bambino attraverso il canale del parto, circondato da queste strutture, provoca lo stiramento dei muscoli, un aumento della distanza dell ano dalla vulva e una distorsione e dilatazione degli sfinteri, uretrale ed anale. È importante sottolineare che la presenza e il grado di lesioni al perineo durante il periodo espulsivo sono soggettivi, cioè dipendono molto dai tessuti di ciascuna donna, dalla predisposizione, dall età e dalla preparazione del perineo durante la gravidanza.

47 Preparazione del perineo in gravidanza PREPARAZIONE DEL PERINEO IN GRAVIDANZA Massaggiare il perineo in gravidanza può aiutare a rendere i tessuti più flessibili ed elastici. Non è necessario massaggiare fin dall inizio della gravidanza l'area perineale, anche se non vi sono controindicazioni. È sufficiente iniziare circa sei settimane prima della data prevista del parto (34 settimane gestazionali), eseguendo un delicato massaggio per 5-10 minuti al giorno nella zona perineale.

48 Preparazione del perineo in gravidanza TECNICA: 1) Appoggia una gamba sul bordo della vasca o sulla sedia. 2) Il massaggio va eseguito umidificando la parte, con olio naturale (di oliva o di germe di grano) o un olio apposito per il perineo eseguendo col pollice sulle grandi e piccole labbra movimenti circolari per aumentare la circolazione e la sensibilità della parte. 3) Appena l olio è stato assorbito dalla cute si passa all esecuzione del massaggio interno, introducendo la prima falange del pollice in vagina e pinzando il perineo (zona cutanea tra vagina e ano) tra pollice e indice, descrivendo una mezzaluna verso i lati della vagina.

49 Preparazione del perineo in gravidanza In tale modo si riproduce la sensazione della testa fetale che durante il parto preme sul perineo, allenando cosi la zona cutanea allo stiramento che subirà durante il parto. 4) Mentre si esegue questo esercizio ci si deve concentrare sui muscoli del perineo stesso, cercando di rilassarli il più possibile. Tale massaggio vale anche per quei perinei in cui c è tessuto cicatriziale per precedenti episiotomie o lacerazioni: il tessuto cicatriziale non si modifica di molto, però i tessuti vicini possono diventare più cedevoli ed elastici.

50 Rieducazione del perineo dopo il parto RIEDUCAZIONE DEL PERINEO DOPO IL PARTO: È essenziale la rieducazione del perineo dopo il parto, ovvero praticare con costanza e impegno un insieme di tecniche riabilitative con lo scopo di migliorare il tono e la contrattilità della muscolatura perineale. Gli obiettivi della rieducazione del perineo sono: Recuperare una qualità di vita sessuale soddisfacente dopo il parto Garantire una continenza urinaria e fecale perfetta anche a lungo termine Prevenire l incontinenza urinaria e il prolasso utero/vescicale

51 Rieducazione del perineo dopo il parto L ideale sarebbe cominciare la riabilitazione del perineo dopo circa un mese dal parto, quando gli eventuali punti dell episiotomia o della sutura della lacerazione si saranno sicuramente assorbiti e il fastidio scomparso. Inoltre è bene aspettare quest epoca per lasciare il tempo agli organi addominali e pelvici di riprendere la propria posizione all interno della cavità addominale e alla muscolatura addominale di riprendere tonicità ed elasticità.

52 Rieducazione del perineo dopo il parto Gli esercizi vanno eseguiti con costanza. All inizio potrebbero risultare difficili, soprattutto l individuazione e la presa di coscienza della zona muscolare da esercitare, poiché non sono muscoli che utilizziamo coscientemente nella vita di tutti i giorni e tale zona viene sempre considerata come una sorta di tabù. In questo caso, potete chiedere consigli alle ostetriche che vi presteranno assistenza nel reparto di Maternità oppure alle ostetriche del consultorio familiare del vostro territorio.

53 Rieducazione del perineo dopo il parto TECNICA: FASE 1: individuazione e presa di conoscenza dei muscoli da esercitare. Sedetevi o sdraiatevi in una posizione comoda, rilassate i muscoli delle cosce, della natiche e dell addome; Toccate la zona del perineo con le dita o guardatela con uno specchio, in modo da osservarne la risalita durante la fase di contrazione; Contraete l anello muscolare attorno all ano come se doveste controllare uno stimolo di diarrea. Poi rilassatelo. Eseguite l esercizio diverse volte finché non siete sicure di esercitare il muscolo giusto. Ricordatevi di non stringere le natiche;

54 Rieducazione del perineo dopo il parto Contraete il muscolo che circonda l uretra come se doveste interrompere o trattenere la pipì. Poi rilassatelo. Eseguite l esercizio diverse volte finché non siete sicure di esercitare il muscolo giusto, cercando di non stringere le natiche; Quando fate pipì, cercate di arrestare il flusso a metà, poi avviatelo di nuovo. Eseguite l esercizio finché non avete imparato a riconoscere i muscoli che entrano in gioco e poi non fatelo più di una-due volte al giorno, solo per controllare i vostri progressi, poiché potrebbe interferire col corretto svuotamento della vescica. Quando vi sentite pronte e credete di aver preso coscienza della muscolatura perineale che dovrete esercitare, allora potrete passare agli esercizi di rinforzo e tonificazione (fase 2).

55 Rieducazione del perineo dopo il parto FASE 2: esercizi di rinforzo e tonificazione. Vuotate la vescica. Assumete una posizione comoda, in cui riuscite facilmente a rilassare i muscoli di cosce, natiche e addome. Fate in modo di non essere disturbata durante gli esercizi. Contraete e tirate in dentro i muscoli attorno all ano, la vagina e l uretra contemporaneamente, sollevandoli verso l alto all interno (può esservi d aiuto immaginare di avere un ascensore dentro di voi che deve salire fino all ultimo piano e voi dovete tirarlo in su). Cercate di trattenere saldamente la contrazione per cinque secondi e poi rilasciate e abbandonate i muscoli. Ripetete l esercizio di contrazione e sollevamento e rilassatevi. Tra una contrazione e l altra devono passare circa 10 secondi. Ripetete l esercizio il massimo di volte possibile fino a un massimo di 8-10 volte;

56 Rieducazione del perineo dopo il parto Ora eseguite da 5 a 10 contrazioni brevi, veloci e decise, poi rilassatevi. Eseguite la serie di esercizi, per intero, almeno 4-5 volte al giorno, ricordando di: - non trattenere il respiro durante la fase di contrazione; - non spingere verso il basso, ma contrarre e tirare verso l alto; - non contrarre le natiche, le cosce e i muscoli addominali.

57 Rieducazione del perineo dopo il parto FASE 3: integrazione dell attività muscolare perineale nella vita quotidiana. Una volta che avete preso coscienza della vostra muscolatura perineale e che la state esercitando con costanza e regolarità, gli esercizi vi torneranno utili nella vita quotidiana come meccanismo accessorio della continenza per esempio durante un colpo di tosse, uno starnuto, un salto, una risata

58 Multicentrum Materna è formulato per riflettere i risultati delle più recenti ricerche riguardanti le richieste nutrizionali in gravidanza e allattamento. I livelli di vitamine e minerali sono sicuri, nel rispetto della posologia.

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Continenza urinaria e incontinenza urinaria La continenza urinaria è la capacità di posporre l atto minzionale

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

«Top 10» per l inverno

«Top 10» per l inverno «Top 10» per l inverno Suva Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Tel. 041 419 51 11 Ordinazioni www.suva.ch/waswo-i Fax 041 419 59 17 Tel. 041 419 58 51 Autori dott. Hans

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute

Ergonomia in uffi cio. Per il bene della vostra salute Ergonomia in uffi cio Per il bene della vostra salute Ogni persona è unica, anche per quanto riguarda la struttura corporea. Una postazione di lavoro organizzata in modo ergonomico si adatta a questa individualità.

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr

Manuale d uso. Rilevamento del parto. www.medria.fr Manuale d uso Rilevamento del parto www.medria.fr Grazie per la preferenza accordataci nell acquistare Vel Phone. Vi chiediamo di leggere attentamente il presente manuale di istruzioni per l uso, prima

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI RISONANZA MAGNETICA Gentili Pazienti, desideriamo fornirvi alcune informazioni utili per affrontare in modo

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi

pasquale natuzzi Presidente e stilista Gruppo Natuzzi DOLCE FAR NIENTE IN NATUZZI SOGNIAMO UN MONDO PIÙ CONFORTEVOLE. CHIAMATELA PASSIONE, MA È IL NOSTRO IMPEGNO PER DONARVI BENESSERE. PER NOI, UNA POLTRONA NON È UN SEMPLICE OGGETTO, ESSA HA UNA PRESENZA

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO AD OGNI DONNA IL SUO PARTO Nascere a Verona e Provincia dati 2014 Via del Bersagliere 16, 37123 Verona - tel. 349 6418745 - info@melogranovr.org www.melogranovr.org Via Tito Speri 7, 37121 Verona - tel.

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA)

MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) MEZZI E METODI PER LO SVILUPPO DELLA FORZA (link PAGINA La Forza e PAGINA AREA SPORTIVA) L allenamento della Forza come capacità condizionale, è oggi di rigore anche nelle discipline sportive in cui era

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C.

Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI. T.A.C o meglio T.C. Prof. Giuseppe Scotti OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI CHE DEVONO SOTTOPORSI A UN ESAME DI T.A.C o meglio T.C. Gentili Pazienti in modo molto semplice vogliamo fornirvi alcune informazioni utili per

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI

LAVORO AI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI LA SICUREZZA NELL UTILIZZO DEI VIDEOTERMINALI DEFINIZIONI LAVORO AI VIDEOTERMINALI VIDEOTERMINALE (VDT): uno schermo alfanumerico o grafico a prescindere dal tipo di procedimento di visualizzazione utilizzato.

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

L emorragia del post partum

L emorragia del post partum L emorragia del post partum Sommario Introduzione...2 Definizione di emorragia del post partum...2 Incidenza...3 Cause dell emorragia del post partum...4 Fattori di rischio...4 Terzo e quarto stadio del

Dettagli

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO

ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO ALLENARSI CON LA FASCIA CARDIO Come effettuare il monitoraggio dei nostri allenamenti? Spesso è difficile misurare il livello di sforzo di una particolare gara o sessione di allenamento. Come vi sentite?

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

In forma con la FASCIA ELASTICA

In forma con la FASCIA ELASTICA RICHIEDETE In forma con la FASCIA ELASTICA L O R I G L E I N A www.thera-band.de Istruzioni professionali per il Vostro allenamento quotidiano Astrid Buscher Charlotta Cumming Gesine Ratajczyk Indice

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

MISURA PERFETTA DEL TUO ANELLO

MISURA PERFETTA DEL TUO ANELLO TROVA LA MISURA PERFETTA DEL TUO ANELLO ANELLI misure PANDORA Diametro Ø Controlla le tue impostazioni di stampa per essere sicuro che la misura in scala corrisponda esattamente a 50 millimetri. 48 50

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G.

Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. PROTOCOLLI E PROCEDURE IN CHIRURGIA GESTIONE DELLA RITENZIONE URINARIA Pag. 1 di Pag. 9 ELABORAZIONE Cassano R, Yuvanon A, Bonavero M, Lostracco D, Monni A, Siniscalchi G. Data: 10/03/04 INDICE Premessa

Dettagli

AIUTA TE STESSO CON DYNAMIND di Serge Kahili King

AIUTA TE STESSO CON DYNAMIND di Serge Kahili King AIUTA TE STESSO CON DYNAMIND di Serge Kahili King Traduzione di Paola Dianetti La Tecnica Dynamind Forma base 1. Scegliete un problema fisico, emotivo o mentale su cui lavorare. 2. Avvicinate le mani unendo

Dettagli

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08)

INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) INFORMAZIONE AGLI ALUNNI SULLA SALUTE E SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (art.36 del DLgs 81/08) 1. DEFINIZIONI PRINCIPALI Datore di lavoro Il soggetto titolare del rapporto di lavoro con il lavoratore o,

Dettagli

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio

Ambientamento Galleggiamento Scivolamento Propulsioni Partenze e tuffi. Br = braccio/a R.R. = Ritmo Respiratorio Brevetto N. 1 Seduti sul bordo con gambe in acqua (valutare emotività) Discesa dalla scaletta (valutare emotività) Studio equilibrio verticale Andature con Remate, movimenti braccia SL e Do (M.I.) Valutazione

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity

a state of complete physical, men al , an social well ll-bei ng an not merely the absence of disease or infirmity SALUTE: definizione Nel 1948, la World Health Assembly ha definito la salute come a state of complete physical, mental, and social well-being and not merely the absence of disease or infirmity. Nel1986

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Che cos è l ergonomia

Che cos è l ergonomia norme ergonomiche per le attrezzature di lavoro, il posto di lavoro e l ambiente di lavoro. Che cos è l ergonomia La parola ergonomia deriva dal greco ergo, che significa lavoro, e nomos che significa

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career

Il successo sin dai primi passi. Consigli per il vostro colloquio di presentazione. Adecco Career Il successo sin dai primi passi Consigli per il vostro colloquio di presentazione Adecco Career Adecco: al vostro fianco per la vostra carriera. Da oltre 50 anni Adecco opera nei servizi del personale

Dettagli

Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba

Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba - 1 - Metodiche di allenamento delle tecniche di gamba Mentore Siesto Le tecniche di gamba costituiscono un bagaglio molto importante nella preparazione di un karateka. In campo agonistico, le tecniche

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA

FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO Benvenuti in maternità DIPARTIMENTO PER LA SALUTE DELLA DONNA, DEL BAMBINO E DEL NEONATO U.O. DI NEONATOLOGIA E TERAPIA INTENSIVA NEONATALE 1 Con

Dettagli

INJEX - Iniezione senza ago

INJEX - Iniezione senza ago il sistema per le iniezioni senz ago INJEX - Iniezione senza ago Riempire le ampolle di INJEX dalla penna o dalla cartuccia dalle fiale con la penna Passo dopo Passo Per un iniezione senza ago il sistema

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20.

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20. Lo Studio Lo StudioFisiocenter del Dottor Marco Giudice è un team di professionisti che offre supporto e assistenza per la risoluzione di un ampia gamma di problemi fisici. Operano in ambito preventivo,

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. La radioterapia. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo

Dettagli

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni.

Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Come moltiplicare l intelligenza del tuo bimbo da 0 a 3 anni. Ebook gratuito A cura della D.ssa Liliana Jaramillo, Psicologa ed esperta in stimolazione infantile http://www.bimbifelicionline.it Copyright

Dettagli

Opuscolo per i lavoratori. Il lavoro al videoterminale

Opuscolo per i lavoratori. Il lavoro al videoterminale Opuscolo per i lavoratori Il lavoro al videoterminale Edizione 2002 Collana per la Prevenzione sicurezza sul lavoro Questa pubblicazione è stata realizzata dall INAIL attraverso la rielaborazione, autorizzata,

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

qualità uniche, ma è anche molto di più.

qualità uniche, ma è anche molto di più. 1 Care mamme, cari papà, è a voi pr ima di tutto c he è r ivolta questa piccola guida, che accompagnerà la campagna per l allattamento al s e n o promossa dal Ministero della Salute. Lo slogan scelto è:

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

Ogni giorno dopo i pasti

Ogni giorno dopo i pasti Ogni giorno dopo i pasti Se si facesse un sondaggio su che cosa la gente porti, abitualmente, nella borsa, uno degli oggetti più quotati sarebbe: medicinali. Non dico gli anziani, ma sapete quanti adolescenti

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale Edizione 2010 Realizzato dall INAIL. Rielaborazione editoriale autorizzata di una pubblicazione di SUVA, l Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni

Dettagli

Il lavoro al videoterminale

Il lavoro al videoterminale Il lavoro al videoterminale RISCHI E PREVENZIONE Edizione 2010 Il lavoro al videoterminale Edizione 2010 Realizzato dall INAIL. Rielaborazione editoriale autorizzata di una pubblicazione di SUVA, l Istituto

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli