TRAVAGLIO E PARTO. Sempre con te, passo dopo passo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRAVAGLIO E PARTO. Sempre con te, passo dopo passo"

Transcript

1 TRAVAGLIO E PARTO

2 Travaglio e parto 1) Travaglio e parto 6) Il bacino materno 2) L inizio del travaglio è vicino se 3) Andare in ospedale quando 4) L induzione del travaglio di parto 7) Posizioni del travaglio e del parto 8) Utilizzo dell acqua 9) Il perineo in gravidanza 5) Fasi del travaglio di parto

3 Travaglio e parto La data presunta del parto, in genere, è soltanto indicativa. Ogni parto e ogni travaglio seguono un loro corso e non esiste una tabella di marcia valida per tutte le donne. Il travaglio può insorgere anche prima della data presunta del parto. La scadenza, infatti, è soltanto indicativa e il piccolo può dare segnali di voler venire al mondo anche quindici giorni prima o farsi aspettare per un periodo altrettanto lungo dopo il termine. Per questo, si considerano a termine le gravidanze che si concludono in un periodo compreso tra le 37 e le 42 settimane gestazionali.

4 Travaglio e parto È consigliabile preparare la valigia circa un mese prima della data presunta del parto per non trovarsi poi a dimenticare le cose necessarie. È utile stilare un elenco di ciò che non dovrà mancare (a volte è fornito dall'ospedale) e stendere un promemoria con le istruzioni da seguire prima del ricovero (cose da mettere in valigia all'ultimo momento come lo spazzolino da denti, il dentifricio, il deodorante, ecc.). È bene inoltre, lasciare eventuali disposizioni a parenti o amici per l affidamento di altri figli o per la cura di animali domestici che resteranno a casa.

5 Travaglio e parto FETO A FINE GRAVIDANZA

6

7

8

9

10 Andare in ospedale quando ANDARE IN OSPEDALE QUANDO: 1) Le contrazioni si susseguono a intervalli regolari di tempo, con frequenza sempre più ravvicinata e intensità e durata crescenti. Le contrazioni, infatti, diventano progressivamente sempre più dolorose. Il passaggio dalle contrazioni preparatorie a quelle da travaglio non è sempre netto, ma queste ultime possono essere facilmente riconosciute per le loro particolari caratteristiche: le contrazioni da travaglio di parto, una volta iniziate, non si interrompono e le pause tra una contrazione e l altra sono regolari e via via sempre più brevi.

11 Andare in ospedale quando È consigliabile andare in ospedale quando le contrazioni si succedono a una distanza di circa 5 minuti e hanno una durata di secondi circa.

12 Andare in ospedale quando UN CONSIGLIO Una mamma tranquilla può rimanere a casa anche a lungo e dedicarsi a ciò che più la rilassa. Non ci sono restrizioni particolari e non esiste un percorso uguale per tutte le donne. Prima di andare in ospedale puoi, ad esempio, sistemare le ultime cose, leggere un libro, ascoltare della musica o fare un bagno tiepido o una doccia. L importante in questi momenti è ascoltare te stessa e il tuo corpo, pensare al tuo bambino che tra poco incontrerai: anche lui, come te, si sta preparando al grande evento. Infine, è bene mettersi un assorbente e portarsi un asciugamano da appoggiare sul sedile dell'auto nel caso si dovessero rompere le acque durante il tragitto.

13 Andare in ospedale quando 2) Si rompono le acque e senti scolare liquido amniotico, anche se non sono ancora cominciate le contrazioni. A questo punto, il bebè non è più difeso dall'ambiente esterno ed è esposto a possibili infezioni. In ospedale il medico provvederà a prescriverti una terapia antibiotica per ridurre il rischio di infezioni. Se il liquido amniotico che scola è chiaro non c è urgenza, potete andare con calma in pronto soccorso. Se il liquido è giallo o verdastro, è meglio accelerare i tempi e presentarsi entro breve in ospedale.

14 Andare in ospedale quando Infatti, questa colorazione rivela la presenza di meconio nel liquido amniotico. Il meconio è il materiale di rifiuto contenuto nell'intestino del neonato (le sue prime feci) e, di solito, viene emesso nelle prime ore dopo la nascita. In alcuni casi però l emissione avviene già in utero.

15 Andare in ospedale quando 3) Compaiono perdite di sangue rosso vivo Possono essere dovute a un problema della placenta che va affrontato subito. 4) Non senti più muovere il tuo bambino come al solito Ogni mamma durante la gravidanza impara a conoscere le abitudini del suo bimbo. Quindi, le risulta molto semplice accorgersi se qualcosa si discosta dalla normalità.

16 Andare in ospedale quando In condizioni di sofferenza fetale, che può essere causata, ad esempio, da insufficienza placentare, liquido amniotico ridotto o liquido amniotico tinto, il bambino presenterà una riduzione dei suoi movimenti, come meccanismo di compenso all'ipossia (carenza di ossigeno) indotta. Ogni bambino ha il proprio pattern di attività, quindi può essere poco utile confrontarlo con i movimenti dei bimbi di altre mamme in attesa o di altre gravidanze precedenti. Da quando inizi a percepire i movimenti del tuo bambino con una certa regolarità, ti consigliamo di prestarvi attenzione.

17 Andare in ospedale quando 5) Sei colta da un senso di agitazione Finché le contrazioni non sono troppo forti è consigliabile stare a casa perché l'ambiente è più confortevole e meno stressante. Alcune donne, però, si sentono più tranquille se vivono questo momento all'interno di un ospedale. È una questione personale, l'importante è scegliere la situazione che dà più tranquillità.

18 L induzione del travaglio di parto L INDUZIONE DEL TRAVAGLIO DI PARTO Durante la gravidanza potrebbero insorgere alcune condizioni che rappresentano un indicazione per l induzione del travaglio di parto: riduzione della quantità di liquido amniotico o assenza di liquido amniotico (oligoidramnios - anidramnios) liquido amniotico tinto di meconio gravidanza oltre il termine (in genere dopo le 41 settimane gestazionali) rottura delle acque prima dell insorgenza del travaglio (dopo 24 ore) patologie materne (ipertensione, diabete gestazionale ) patologie fetali (ritardo di crescita, peso previsto fetale superiore ai 4 Kg )

19 L induzione del travaglio di parto Per l induzione del travaglio possono essere utilizzate diverse metodiche. Le più utilizzate sono: 1) APPLICAZIONE LOCALE DI PROSTAGLANDINE: a seconda delle condizioni cliniche e dell epoca gestazionale si applicheranno candelette o gel a base di questo ormone per via vaginale a somministrazioni ripetute. La procedura non è dolorosa. 2) AMNIORESSI: la rottura delle membrane che viene applicata con un apposito strumento inserito attraverso il collo dell utero già dilatato. La procedura non è dolorosa. 3) SOMMINISTRAZIONE DI OSSITOCINA: inizia in genere a qualche ora di distanza (in genere 2 ore) dall esecuzione dell amnioressi se nel frattempo non sono comparse contrazioni uterine da travaglio e avviene per via endovenosa.

20 L induzione del travaglio di parto La scelta della metodica di induzione del travaglio di parto dipende dalle condizioni del collo uterino e dal livello raggiunto dalla testa fetale in relazione al bacino materno, parametri che sono valutati dall ostetrica e dal ginecologo che assistono la donna. L induzione del travaglio richiede l attento monitoraggio delle condizioni di benessere del tuo bambino. Per questo motivo il battito cardiaco fetale sarà frequentemente controllato con il tracciato cardiotocografico (procedura identica al tracciato di controllo che si esegue in gravidanza). Anche il travaglio indotto, una volta insorto, sarà monitorato continuamente con tale strumento.

21 Fasi del travaglio di parto FASI DEL TRAVAGLIO DI PARTO 1) PERIODO PRODROMICO Le contrazioni prodromiche compaiono a intervalli irregolari, in genere non sono ravvicinate tra loro, sono di intensità diversa l una dall altra e non tendono ad aumentare progressivamente. È consigliabile aspettare e non allarmarsi. Non sentirti delusa, anche tali contrazioni hanno una loro funzione: sono indispensabili per il raccorciamento e l appianamento del collo dell utero.

22 Fasi del travaglio di parto 2) PERIODO DILATANTE Dopo essersi ammorbidito ed assottigliato, il collo dell utero comincia a dilatarsi. La durata del travaglio varia molto a seconda dei casi: se è il tuo primo bambino la dilatazione procede in media 1 cm all ora. Se hai già partorito la dilatazione procede in media 2 cm all ora. L ostetrica eseguirà ad intervalli regolari (in genere ogni 2 ore) l esplorazione vaginale, al fine di valutare dilatazione cervicale e posizione fetale, controllando cosi l andamento del travaglio.

23 Fasi del travaglio di parto SEQUENZA DI APPIANAMENTO DEL COLLO UTERINO NELLA NULLIPARA Nella nullipara (donna al primo parto) il collo dell utero prima si appiana (periodo prodromico), poi si dilata (periodo dilatante): Collo di nullipara fuori dal travaglio: conservato, posteriore, chiuso Collo di nullipara inizio travaglio: raccorciato, in via di centralizzazione, chiuso Collo di nullipara in travaglio: raccorciato e centralizzato ulteriormente, pervio al dito Collo di nullipara travaglio avanzato: appianato, centralizzato con dilatazione cm 1

24 Fasi del travaglio di parto SEQUENZA DI APPIANAMENTO E INIZIALE DILATAZIONE DEL COLLO UTERINO NELLA PLURIPARA Nella pluripara (donna che ha già partorito) appianamento e inizio della dilatazione avvengono contemporaneamente: Collo di pluripara fuori dal travaglio: conservato, posteriore, pervio al dito Collo di pluripara inizio travaglio: raccorciato, in via di centralizzazione, dilatazione passiva cm 1,5 Collo di pluripara in travaglio: quasi appianato, centralizzato, dilatazione passiva cm 2,5 Collo di pluripara travaglio: appianato, centralizzato, dilatazione cm 6-7

25 Fasi del travaglio di parto Il battito cardiaco del tuo bambino sarà monitorato a intermittenza (in genere ogni 15 minuti); se vi sono particolari indicazioni, sarà monitorato in continuo attraverso il tracciato cardiotocografico (procedura identica al tracciato di controllo che si esegue in gravidanza), il quale registrerà contemporaneamente anche le tue contrazioni uterine. Se non vi sono controindicazioni, durante questa fase del travaglio potrebbe essere utile bere acqua, un succo di frutta o un tè zuccherato, o un piccolo snack (cracker, frutta, biscotti, fette biscottate...) per recuperare energie.

26 Fasi del travaglio di parto 3) PERIODO ESPULSIVO La fase espulsiva inizia quando la dilatazione del collo dell utero è completa. SEGMENTO ATTIVO SEGMENTO PASSIVO CERVICE VAGINA RISULTATO FINALE DELLA TRASFORMAZIONE DEL COLLO: FORMAZIONE DEL CANALE DA PARTO

27 Fasi del travaglio di parto Quando la testa del bambino inizia a progredire nel canale del parto, adattandosi al tuo bacino e ai tuoi tessuti, comprimendo il sacro, causerà la sensazione di premito, cioè la voglia irrefrenabile di spingere, simile al bisogno di defecare. Le spinte fanno progredire ulteriormente il tuo bambino, fino al disimpegno prima della testa fetale e poi, alla contrazione successiva, di tutto il corpo.

28 Fasi del travaglio di parto L ostetrica potrebbe comunicarti la necessità di ricorrere all episiotomia, una piccola incisione che viene eseguita a livello perineale (previa anestesia locale) per facilitare la nascita del tuo bambino. Non esiste una durata limite a priori se tu e il tuo bambino state bene. La durata media del periodo espulsivo al primo bambino è di 1 ora, ai figli successivi di 30 minuti.

29 Fasi del travaglio di parto 3) PERIODO DEL SECONDAMENTO Con il termine secondamento si intende l espulsione della placenta e degli annessi fetali (membrane e cordone ombelicale), evento assolutamente indolore e naturale. SUPERFICIE FETALE AMNIOS CORDONE OMBELICALE CORION SUPERFICIE MATERNA PLACENTA IN SEZIONE TRASVERSALE E CORDONE OMBELICALE

30 Fasi del travaglio di parto Di solito avviene immediatamente dopo il parto, ma si può attendere fino ad 1 ora. L ostetrica potrà chiederti di eseguire una piccola spinta per facilitare la fuoriuscita della placenta. Successivamente, l ostetrica eseguirà il taglio del cordone ombelicale, procedura assolutamente indolore per il tuo bambino.

31 Il bacino materno IL BACINO MATERNO ll bacino è l anello osseo che il bambino deve attraversare per venire alla luce. Nella grandissima maggioranza dei casi il bacino femminile ha un canale del parto sufficientemente largo da poter essere attraversato dal feto; non ingannino le misure esterne, nel senso che anche donne esili e con un bacino esternamente stretto possono avere un ottimale canale del parto, e viceversa per le donne con un bacino esternamente largo. OSSO ILIACO COCCIGE OSSO SACRO ISCHIO

32 Il bacino materno Il bacino femminile somiglia, dal punto di vista del feto, ad una sorta di imbuto. Sono tre i passaggi ossei, che il bambino deve attraversare per guadagnare l uscita: 1) ingresso pelvico o stretto superiore (il punto in cui il bambino inizia ad impegnarsi quando capisce che è giunta l ora); 2) stretto medio; 3) egresso pelvico o stretto inferiore Il bambino, durante il periodo espulsivo, aiutato dalle spinte materne, compie una rotazione nella sua discesa lungo il canale del parto, affinché il diametro più lungo del suo cranio affronti sempre il diametro più lungo del bacino materno.

33 Il bacino materno Il bacino femminile non è rigido. Le ossa sono connesse da cartilagini particolarmente cedevoli, in modo che il diametro possa leggermente allargarsi al passaggio del bambino. Inoltre, il cranio fetale, per la presenza di zone ancora non ossificate (fontanelle e suture) è caratterizzato da una straordinaria elasticità e plasticità: l'elasticità serve per assorbire la inevitabile deformazione che la testa fetale subisce durante il passaggio nel canale da parto alla nascita, la plasticità serve affinché la crescita del cervello non trovi ostacoli alla sua espansione.

34 Il bacino materno È importante sapere che la posizione materna al parto può contribuire a determinare l ampiezza dei diametri del bacino. Si riconoscono due movimenti di base del bacino. Movimento di contronutazione: aumenta le dimensioni dello stretto superiore del bacino, facilitando così l impegno della parte presentata fetale all inizio del periodo espulsivo. Il movimento di contronutazione si attua ad esempio nelle posizioni asimmetriche e genupettorale. Movimento di nutazione: aumenta le dimensioni dello stretto inferiore, facilitando cosi il disimpegno della parte presentata fetale. Il movimento di nutazione si attua ad esempio nella posizione accovacciata o ponendo le cosce in flessione.

35 Il bacino materno In ogni caso madre natura ha previsto che la mamma, seguendo il proprio istinto alla ricerca di una posizione meno dolorosa, riesca ad assecondare le necessità del bambino nel parto.

36 Posizioni del travaglio e del parto POSIZIONI DEL TRAVAGLIO E DEL PARTO Il travaglio e il parto sono un fenomeno dinamico, un succedersi di eventi in cui il movimento è adattamento e risposta al dolore. La libertà di movimento durante il travaglio di parto ti permette di assumere istintivamente le posizioni più comode e più antalgiche. Premesso che l assunzione di una posizione libera e la possibilità di movimento sono sicuramente fattori positivi durante il travaglio e il parto, ecco di seguito alcune posture che possono esservi d aiuto in alcuni casi.

37 Posizioni del travaglio e del parto 1) Semiseduta o distesa sul fianco Favoriscono il riposo e neutralizzano la forza di gravità, quindi possono aiutare a recuperare energie in caso di stanchezza. SEMISEDUTA LATERALE

38 Posizioni del travaglio e del parto 2) Erette (seduta o in piedi) Aumentano la forza di gravità, migliorano l efficienza delle contrazioni e favoriscono la discesa del feto; possono essere d aiuto anche in caso di dolore lombare. SEDUTA SEDUTA piegata in avanti con supporto INGINOCCHIATA ERETTA

39 Posizioni del travaglio e del parto 3) Asimmetriche (seduta, in piedi o inginocchiata con una gamba sollevata rispetto all altra) Oltre ad aumentare la forza di gravità, ampliano i diametri d ingresso del bacino; possono essere d aiuto in caso di dolore lombare. IN PIEDI SEDUTA INGINOCCHIATA

40 Posizioni del travaglio e del parto 4) Carponi e genupettorale Riducono il dolore lombare e la pressione esercitata sul sacro dalla testa del bambino. CARPONI GENUPETTORALE

41 Posizioni del travaglio e del parto 5) Dorsali (supina o litotomica) Sono sconsigliabili in assenza di precisa indicazione in quanto tendono a causare ipotensione supina, aumentano il dolore lombare e provocano contrazioni più frequenti e dolorose, ma non più efficaci. LITOTOMICA LITOTOMICA ESAGERATA Potrà esserti utile chiedere a chi ti accompagnerà durante il travaglio e il parto (l ostetrica o direttamente il tuo compagno) alcuni massaggi nella zona lombare, al fine di alleviare la percezione dolorosa.

42 Utilizzo dell acqua UTILIZZO DELL ACQUA Una modalità di assistenza alternativa al travaglio e parto tradizionali è offerta dall'uso dell'acqua. L'uso dell'acqua può offrire numerosi vantaggi fisici ed emotivi e si è rivelato particolarmente gradito alle donne. È stato dimostrato che non comporta effetti collaterali dannosi. Naturalmente il suo utilizzo dipende dalla disponibilità della vasca e dall'assenza di situazioni di rischio.

43 Utilizzo dell acqua Tra i vantaggi dell utilizzo dell acqua: favorire il rilassamento; favorire la libertà di movimento; favorire il rilasciarsi dei muscoli del pavimento pelvico; diminuzione del livello degli ormoni dello stress e aumento del livello di endorfine, sostanze naturali che hanno un effetto antidolorifico. Il bimbo viene alla luce in un elemento che gli è familiare (simile al liquido amniotico) e la temperatura dell'acqua, sovrapponibile a quella corporea, rende il passaggio dall'utero all'ambiente esterno meno traumatico.

44 Utilizzo dell acqua Questa metodica è particolarmente indicata per tutte quelle donne che hanno un travaglio molto lungo, per favorire il recupero di energia e riposo, nei travagli molto intensi con pause brevi, per le donne molto ansiose e quelle che presentano forti dolori lombari. In vasca il battito cardiaco fetale viene monitorizzato ad intermittenza, in genere ogni minuti. Se decidi di travagliare in acqua, per l espletamento del parto puoi comunque cambiare idea e uscire dalla vasca. Nel caso insorgano complicazioni durante il travaglio o il parto, sarai comunque invitata ad uscire dalla vasca.

45 Il perineo in gravidanza IL PERINEO IN GRAVIDANZA Il perineo o piano perineale, è l ultimo ostacolo da superare al momento del parto poiché è la parte esterna del pavimento pelvico compresa tra la vagina e l ano. Il pavimento pelvico è un insieme di strutture, soprattutto muscolari, che chiudono inferiormente la cavità addominale e pelvica. È essenzialmente composto dal muscolo elevatore dell ano, che ha un azione di sostegno e una sfinterica: la prima assicura il sostegno degli organi pelvici (utero, vescica e retto), la seconda garantisce il funzionamento degli sfinteri anale e vescicale e la qualità della vita sessuale.

46 Il perineo in gravidanza Il parto determina sempre una distensione del perineo, che interessa la cute, la mucosa vaginale e la muscolatura perineale. In particolare, il passaggio della testa del bambino attraverso il canale del parto, circondato da queste strutture, provoca lo stiramento dei muscoli, un aumento della distanza dell ano dalla vulva e una distorsione e dilatazione degli sfinteri, uretrale ed anale. È importante sottolineare che la presenza e il grado di lesioni al perineo durante il periodo espulsivo sono soggettivi, cioè dipendono molto dai tessuti di ciascuna donna, dalla predisposizione, dall età e dalla preparazione del perineo durante la gravidanza.

47 Preparazione del perineo in gravidanza PREPARAZIONE DEL PERINEO IN GRAVIDANZA Massaggiare il perineo in gravidanza può aiutare a rendere i tessuti più flessibili ed elastici. Non è necessario massaggiare fin dall inizio della gravidanza l'area perineale, anche se non vi sono controindicazioni. È sufficiente iniziare circa sei settimane prima della data prevista del parto (34 settimane gestazionali), eseguendo un delicato massaggio per 5-10 minuti al giorno nella zona perineale.

48 Preparazione del perineo in gravidanza TECNICA: 1) Appoggia una gamba sul bordo della vasca o sulla sedia. 2) Il massaggio va eseguito umidificando la parte, con olio naturale (di oliva o di germe di grano) o un olio apposito per il perineo eseguendo col pollice sulle grandi e piccole labbra movimenti circolari per aumentare la circolazione e la sensibilità della parte. 3) Appena l olio è stato assorbito dalla cute si passa all esecuzione del massaggio interno, introducendo la prima falange del pollice in vagina e pinzando il perineo (zona cutanea tra vagina e ano) tra pollice e indice, descrivendo una mezzaluna verso i lati della vagina.

49 Preparazione del perineo in gravidanza In tale modo si riproduce la sensazione della testa fetale che durante il parto preme sul perineo, allenando cosi la zona cutanea allo stiramento che subirà durante il parto. 4) Mentre si esegue questo esercizio ci si deve concentrare sui muscoli del perineo stesso, cercando di rilassarli il più possibile. Tale massaggio vale anche per quei perinei in cui c è tessuto cicatriziale per precedenti episiotomie o lacerazioni: il tessuto cicatriziale non si modifica di molto, però i tessuti vicini possono diventare più cedevoli ed elastici.

50 Rieducazione del perineo dopo il parto RIEDUCAZIONE DEL PERINEO DOPO IL PARTO: È essenziale la rieducazione del perineo dopo il parto, ovvero praticare con costanza e impegno un insieme di tecniche riabilitative con lo scopo di migliorare il tono e la contrattilità della muscolatura perineale. Gli obiettivi della rieducazione del perineo sono: Recuperare una qualità di vita sessuale soddisfacente dopo il parto Garantire una continenza urinaria e fecale perfetta anche a lungo termine Prevenire l incontinenza urinaria e il prolasso utero/vescicale

51 Rieducazione del perineo dopo il parto L ideale sarebbe cominciare la riabilitazione del perineo dopo circa un mese dal parto, quando gli eventuali punti dell episiotomia o della sutura della lacerazione si saranno sicuramente assorbiti e il fastidio scomparso. Inoltre è bene aspettare quest epoca per lasciare il tempo agli organi addominali e pelvici di riprendere la propria posizione all interno della cavità addominale e alla muscolatura addominale di riprendere tonicità ed elasticità.

52 Rieducazione del perineo dopo il parto Gli esercizi vanno eseguiti con costanza. All inizio potrebbero risultare difficili, soprattutto l individuazione e la presa di coscienza della zona muscolare da esercitare, poiché non sono muscoli che utilizziamo coscientemente nella vita di tutti i giorni e tale zona viene sempre considerata come una sorta di tabù. In questo caso, potete chiedere consigli alle ostetriche che vi presteranno assistenza nel reparto di Maternità oppure alle ostetriche del consultorio familiare del vostro territorio.

53 Rieducazione del perineo dopo il parto TECNICA: FASE 1: individuazione e presa di conoscenza dei muscoli da esercitare. Sedetevi o sdraiatevi in una posizione comoda, rilassate i muscoli delle cosce, della natiche e dell addome; Toccate la zona del perineo con le dita o guardatela con uno specchio, in modo da osservarne la risalita durante la fase di contrazione; Contraete l anello muscolare attorno all ano come se doveste controllare uno stimolo di diarrea. Poi rilassatelo. Eseguite l esercizio diverse volte finché non siete sicure di esercitare il muscolo giusto. Ricordatevi di non stringere le natiche;

54 Rieducazione del perineo dopo il parto Contraete il muscolo che circonda l uretra come se doveste interrompere o trattenere la pipì. Poi rilassatelo. Eseguite l esercizio diverse volte finché non siete sicure di esercitare il muscolo giusto, cercando di non stringere le natiche; Quando fate pipì, cercate di arrestare il flusso a metà, poi avviatelo di nuovo. Eseguite l esercizio finché non avete imparato a riconoscere i muscoli che entrano in gioco e poi non fatelo più di una-due volte al giorno, solo per controllare i vostri progressi, poiché potrebbe interferire col corretto svuotamento della vescica. Quando vi sentite pronte e credete di aver preso coscienza della muscolatura perineale che dovrete esercitare, allora potrete passare agli esercizi di rinforzo e tonificazione (fase 2).

55 Rieducazione del perineo dopo il parto FASE 2: esercizi di rinforzo e tonificazione. Vuotate la vescica. Assumete una posizione comoda, in cui riuscite facilmente a rilassare i muscoli di cosce, natiche e addome. Fate in modo di non essere disturbata durante gli esercizi. Contraete e tirate in dentro i muscoli attorno all ano, la vagina e l uretra contemporaneamente, sollevandoli verso l alto all interno (può esservi d aiuto immaginare di avere un ascensore dentro di voi che deve salire fino all ultimo piano e voi dovete tirarlo in su). Cercate di trattenere saldamente la contrazione per cinque secondi e poi rilasciate e abbandonate i muscoli. Ripetete l esercizio di contrazione e sollevamento e rilassatevi. Tra una contrazione e l altra devono passare circa 10 secondi. Ripetete l esercizio il massimo di volte possibile fino a un massimo di 8-10 volte;

56 Rieducazione del perineo dopo il parto Ora eseguite da 5 a 10 contrazioni brevi, veloci e decise, poi rilassatevi. Eseguite la serie di esercizi, per intero, almeno 4-5 volte al giorno, ricordando di: - non trattenere il respiro durante la fase di contrazione; - non spingere verso il basso, ma contrarre e tirare verso l alto; - non contrarre le natiche, le cosce e i muscoli addominali.

57 Rieducazione del perineo dopo il parto FASE 3: integrazione dell attività muscolare perineale nella vita quotidiana. Una volta che avete preso coscienza della vostra muscolatura perineale e che la state esercitando con costanza e regolarità, gli esercizi vi torneranno utili nella vita quotidiana come meccanismo accessorio della continenza per esempio durante un colpo di tosse, uno starnuto, un salto, una risata

58 Multicentrum Materna è formulato per riflettere i risultati delle più recenti ricerche riguardanti le richieste nutrizionali in gravidanza e allattamento. I livelli di vitamine e minerali sono sicuri, nel rispetto della posologia.

LA PERLA. Difficoltà: livello 1 FIG. 1

LA PERLA. Difficoltà: livello 1 FIG. 1 Difficoltà: livello 1 LA PERLA FIG. 1 Descrizione Scopo e benefici La perla è uno degli esercizi invisibili più facili, perché non richiede una percezione delle diverse parti della muscolatura pelvica.

Dettagli

In forma insieme : il protocollo di esercizi per la coppia.

In forma insieme : il protocollo di esercizi per la coppia. In forma insieme : il protocollo di esercizi per la coppia. A cura della Dott.ssa Mag. Arianna Bortolami, Fisioterapista e Responsabile G.I.S. A.I.Fi. riabilitazione del pavimento pelvico In forma insieme

Dettagli

Atmosfera in sala travaglio. Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia

Atmosfera in sala travaglio. Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia Atmosfera in sala travaglio Presenza del marito o persona di fiducia durante il travaglio Clistere e tricotomia Libertà di movimento in travaglio Assunzione cibi e liquidi Monitoraggio continuo o intermittente?

Dettagli

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE

IL PARTO D URGENZA IL PARTO UN PROCESSO NATURALE D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze OBIETTIVO DEL SOCCORRITORE Valutazione dell imminenza del parto Assistenza

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Croce Bianca Milano sez. di Legnano ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO E ALLE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Davide Dell Acqua dellacquadavide@alice.it Il parto generalmente si verifica dopo 30-40

Dettagli

Che cosa sono i coni vaginali? A che cosa servono i coni vaginali?

Che cosa sono i coni vaginali? A che cosa servono i coni vaginali? 9. I coni vaginali I coni vaginali sono stati ideati nel 1985 da Stanislov Plevnik come strumento di ausilio per valutare e rinforzare i muscoli del pavimento pelvico (perineo). Il pavimento pelvico forma,

Dettagli

NEOVESCICA ORTOTOPICA Una guida per i pazienti

NEOVESCICA ORTOTOPICA Una guida per i pazienti NEOVESCICA ORTOTOPICA Una guida per i pazienti Gentile paziente, l operazione a cui andrai incontro porterà dei cambiamenti nella tua vita. Anche se ciò all inizio può spaventare, col tempo e con la giusta

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze

La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene senza complicanze Corso per Operatori Servizio Emergenza Sanitaria della CROCE ROSSA ITALIANA IL PARTO D URGENZA UN PROCESSO NATURALE La nascita di un bambino, il parto, è un processo fisiologico che normalmente avviene

Dettagli

Anatomia e fisiologia del parto

Anatomia e fisiologia del parto PARTO Anatomia e fisiologia del parto Il bambino durante il proprio sviluppo all interno all utero materno viene denominato feto. L utero materno è un organo dotato di una spessa parete muscolare la quale,

Dettagli

PATOLOGIE UROGINECOLOGICHE

PATOLOGIE UROGINECOLOGICHE PATOLOGIE UROGINECOLOGICHE Gli organi pelvici sono quelli contenuti all interno del bacino e comprendono la vescica e l uretra, la vagina,l utero con annessi e ovaie, e il retto. Essi interagiscono tra

Dettagli

IL PARTO. Alessio Riitano Istruttore PSTI, Croce Rossa Italiana. Recapiti: Mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty.

IL PARTO. Alessio Riitano Istruttore PSTI, Croce Rossa Italiana. Recapiti: Mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty. IL PARTO Alessio Riitano Istruttore PSTI, Croce Rossa Italiana Recapiti: Mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty.net Creative Commons BY-NC-SA Obiettivi della lezione Conoscere i meccanismi

Dettagli

Il parto. Prematuro o fisiologico.

Il parto. Prematuro o fisiologico. Il parto. Prematuro o fisiologico. Alessio Riitano Istruttore PSTI, Croce Rossa Italiana Recapiti: Mail: alessio.riitano@gmail.com Web: http://www.aleritty.net Creative Commons BY-NC-SA Obiettivi della

Dettagli

EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE

EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Provinciale di Bergamo - EMERGENZE OSTETRICHE - ASSISTENZA AL PARTO EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE Dr.ssa Ost. Monica Vitali San Pellegrino Terme, 31 Marzo 2012

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO. V.d.S. Marcello CESINARO

CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO. V.d.S. Marcello CESINARO CROCE ROSSA ITALIANA VOLONTARI DEL SOCCORSO GRAVIDANZA E PARTO V.d.S. Marcello CESINARO OBIETTIVO COMPORTAMENTO E AZIONI DA ADOTTARE NEL CASO IN CUI LA PAZIENTE SIA IN GRAVIDANZA OPPURE SI PROSPETTI UN

Dettagli

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico

Obiettivi. Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche. Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico CAPITOLO 6 Obiettivi Identificare le emergenze ostetrico/ ginecologiche Assistere la donna durante la fase di travaglio e parto fisiologico Assistere il neonato Assistere la donna con complicanze da parto

Dettagli

Anatomia e fisiologia. Identificare le emergenze ostetrico ginecologiche

Anatomia e fisiologia. Identificare le emergenze ostetrico ginecologiche CROCE ROSSA ITALIANA Comitato Provinciale di Bergamo - EMERGENZE OSTETRICHE - ASSISTENZA AL PARTO EXTRAOSPEDALIERO - EMERGENZE GINECOLOGICHE Ostetrica Monica Vitali Lallio, 14 Aprile 2009 1 Obiettivi Identificare

Dettagli

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo

Azienda USL Valle d Aosta. Informazioni ostetriche sul. Parto Cesareo Azienda USL Valle d Aosta Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo Informazioni ostetriche sul Parto Cesareo In Italia e in Valle d Aosta, il parto cesareo (PC) riguarda ormai un caso di parto su tre.

Dettagli

E. O. Ospedali Galliera - Genova (L.833/1978, art. 41; D.lgs n.517/1993 art. 4 c. 12)

E. O. Ospedali Galliera - Genova (L.833/1978, art. 41; D.lgs n.517/1993 art. 4 c. 12) E. O. Ospedali Galliera - Genova (L.833/1978, art. 41; D.lgs n.517/1993 art. 4 c. 12) Ospedale di rilievo nazionale e di alta specializzazione (D.P.C.M. 14 luglio 1995) S.C. GINECOLOGIA E OSTETRICIA Linee

Dettagli

Proprio il prolasso della vescica, il cistocele, provoca un fastidioso sintomo, l'incontinenza urinaria ossia la perdita involontaria di urina.

Proprio il prolasso della vescica, il cistocele, provoca un fastidioso sintomo, l'incontinenza urinaria ossia la perdita involontaria di urina. Incontinenza urinaria, discesa del pavimento pelvico. L indebolimento del pavimento pelvico femminile consente agli organi che da esso dovrebbero essere sostenuti, di perdere la loro posizione originaria

Dettagli

I FENOMENI DEL PARTO

I FENOMENI DEL PARTO GINECOLOGIA 7/11/07 Prof. Messalli I FENOMENI DEL PARTO INTRODUZIONE...2 FENOMENI DINAMICI....2 1. DELIMITAZIONE ED ESPANSIONE DEL SEGMENTO INFERIORE....3 2. RACCORCIAMENTO E SCOMPARSA DEL COLLO DELL UTERO...4

Dettagli

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale.

CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015. Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. CORSO AGGIORNAMENTO M.G.A. TERZO LIVELLO 2015 L AUTOMASSAGGIO PER LA GESTIONE DELLO STRESS Susanna Loriga Psicologa-Criminologa esperto in psicologia applicata alla difesa personale. L'automassaggio potrebbe

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO EMERGENZE OSTETRICO GINECOLOGICHE IL PARTO DEFINIZIONE espulsione del prodotto del concepimento generalmente si verifica attorno alla 40 settimana di gestazione DEFINIZIONE

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA DIPARTIMENTO DI RIABILITAZIONE Struttura Semplice Dipartimentale Rieducazione Funzionale Ospedale Albenga/Territorio Albenganese Responsabile Dssa. Anna Maria Amato 2

Dettagli

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE

APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE APPARATO SESSUALE MASCHILE E FEMMINILE ANATOMIA 2 Il corpo umano è costituito da organi ed apparati uguali tra maschi e femmine ad esclusione dell apparato riproduttivo. L apparato riproduttivo è composto

Dettagli

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE

L analgesia nel travaglio di parto. Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia SAVONESE AZIENDA SANITARIA LOCALE N. 2 SAVONESE Ospedale San Paolo Savona U.O. Anestesia Rianimazione e Terapia Antalgica U.O. Ostetricia e Ginecologia L analgesia nel travaglio di parto AZIENDA SANITARIA LOCALE

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE

PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Casa di Cura Città di Roma via Maidalchini, 20 00152 Roma Servizio di Anestesia e Rianimazione dipartimento.anestesia@gruppogarofalo.com tel: 06.58471/204 PARTORIRE SENZA DOLORE IN MODO NATURALE Il Punto

Dettagli

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO

ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO ASSISTENZA EXTRAOSPEDALIERA AL PARTO EMERGENZE OSTETRICO GINECOLOGICHE IL PARTO DEFINIZIONE espulsione del prodotto del concepimento generalmente si verifica attorno alla 40 settimana di gestazione DEFINIZIONE

Dettagli

1fase: riempimento graduale della vescica, con aumento della tensione di parete, fino all'attivazione del riflesso della minzione

1fase: riempimento graduale della vescica, con aumento della tensione di parete, fino all'attivazione del riflesso della minzione La Minzione 1fase: riempimento graduale della vescica, con aumento della tensione di parete, fino all'attivazione del riflesso della minzione 2 fase: attivazione del riflesso della minzione che permette

Dettagli

PROGRAMMA DI RIABILITAZIONE PERINEALE PER PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROSTATECTOMIA RADICALE

PROGRAMMA DI RIABILITAZIONE PERINEALE PER PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROSTATECTOMIA RADICALE PROGRAMMA DI RIABILITAZIONE PERINEALE PER PAZIENTI SOTTOPOSTI A PROSTATECTOMIA RADICALE o CISTECTOMIA RADICALE CON CONFEZIONAMENTO DI NEOVESCICA ORTOTOPICA La vescica consente l accumulo di urina e il

Dettagli

L APPARATO RIPRODUTTIVO E LA GRAVIDANZA. Modulo 2 Lezione A Croce Rossa Italiana Emilia Romagna

L APPARATO RIPRODUTTIVO E LA GRAVIDANZA. Modulo 2 Lezione A Croce Rossa Italiana Emilia Romagna L APPARATO RIPRODUTTIVO E LA GRAVIDANZA Modulo 2 Lezione A Croce Rossa Italiana Emilia Romagna OBIETTIVI Conoscere l anatomia e la fisiologia della gravidanza e del parto Riconoscere e assistere la donna

Dettagli

U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA

U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA U.O. OSTETRICIA-GINECOLOGIA Nascere 1 COSA NON SI DEVE DIMENTICARE Tessera sanitaria; Codice Fiscale; Cartella della gravidanza con tutti gli esami e le ecografie eseguite. NELLA VALIGIA DELLA MAMMA Camicia

Dettagli

Asana per la Gravidanza

Asana per la Gravidanza Yoga in Gravidanza Yoga in Gravidanza La cosa più pura al mondo è il cuore della madre, il chakra del cuore, il centro della madre. E la cosa più pura al mondo. Può muovere Dio. Può muovere l Universo.

Dettagli

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA

COME COMBATTERE IL MAL DI SCHIENA La RACHIALGIA, nome scientifico del mal di schiena, si colloca tra le patologie più diffuse, colpendo in modo democratico persone di tutte le età, di tutte le categorie professionali e di tutte le tipologie.

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

AZIENDA REGIONALE EMERGENZA URGENZA CAPITOLO 6

AZIENDA REGIONALE EMERGENZA URGENZA CAPITOLO 6 CAPITOLO 6 24 Agosto 2012 1 INTRODUZIONE Le caratteristiche delle emergenze ostetriche e ginecologiche rendono necessario un approfondimento delle situazioni che possono verificarsi durante un soccorso.

Dettagli

Dott. Silvestre Crinò Resp. U.O.S. Anestesia, T.I., Terapia del dolore P.O. Villa delle Ginestre A.S.P. Palermo. Catania, 11 12 giugno 2013

Dott. Silvestre Crinò Resp. U.O.S. Anestesia, T.I., Terapia del dolore P.O. Villa delle Ginestre A.S.P. Palermo. Catania, 11 12 giugno 2013 Dott. Silvestre Crinò Resp. U.O.S. Anestesia, T.I., Terapia del dolore P.O. Villa delle Ginestre A.S.P. Palermo LE DISFUNZIONI DELL AREA SACRALE NELLA PATOLOGIA NEUROLOGICA Catania, 11 12 giugno 2013 Neuromodulazione

Dettagli

vivere serenamente la preparazione ad accogliere il nostro bambino cercando di coccolarci e di coccolare la creatura che cresce dentro di noi.

vivere serenamente la preparazione ad accogliere il nostro bambino cercando di coccolarci e di coccolare la creatura che cresce dentro di noi. Gravidanza: maneggiare con cura Molte amiche e colleghe abituate a fare attività fisica e con un idea piuttosto abituale della loro forma fisica, mi chiedono come io abbia affrontato le mie gravidanze

Dettagli

Fisiologia del parto 26/09/2014. Il parto si realizza in seguito ad una complessa cascata di eventi fisiologici; Le tre fasi del parto sono:

Fisiologia del parto 26/09/2014. Il parto si realizza in seguito ad una complessa cascata di eventi fisiologici; Le tre fasi del parto sono: Fisiologia del parto Il parto è: il complesso dei fenomeni che consente di fare fuoriuscire il feto ed i suoi annessi dal corpo della madre. Il feto, che normalmente si trova in cavità uterina, dovrà percorrere,

Dettagli

IL PARTO, EMERGENZE PEDIATRICHE E NEONATALI

IL PARTO, EMERGENZE PEDIATRICHE E NEONATALI IL PARTO, EMERGENZE PEDIATRICHE E NEONATALI 16.1. Il parto Anatomia Il bimbo in fase di sviluppo, detto feto, cresce in un organo contenuto nell addome materno chiamato utero. Al termine del periodo di

Dettagli

10. Fare prevenzione: esercizi di rilassamento e altre raccomandazioni

10. Fare prevenzione: esercizi di rilassamento e altre raccomandazioni 28 10. Fare prevenzione: esercizi di rilassamento e altre raccomandazioni Muoversi di più Chi lavora abitualmente al videoterminale deve approfittare di qualsiasi occasione per muoversi e cambiare la posizione

Dettagli

Il parto nella gatta

Il parto nella gatta Il parto nella gatta Al termine del periodo di gestazione la gatta si appresta al parto. Il periodo di gravidanza nella gatta ha durata variabile da 63 a 65 giorni in media (anche se si possono considerare

Dettagli

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA

CONOSCERE LA PROPRIA SCHIENA Servizio di Recupero e Rieducazione Funzionale Tel. 030 3709750-Fax 030 3709403 COSCERE LA PROPRIA SCHIENA Come è fatta? È costituita da 24 ossa chiamate vertebre. La colonna vertebrale è suddivisa in

Dettagli

Sezione Ticino. Gravidanza

Sezione Ticino. Gravidanza Sezione Ticino Gravidanza Una gravidanza normale dura circa 40 settimane ovvero 280 giorni dal primo giorno dell ultima mestruazione. Si considera a termine un bambino nato tra 37+0 e 41+6 e viene considerato

Dettagli

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi

Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi 2012 Lo Stretching per il ciclista 17 semplici esercizi Una raccolta di esercizi specifici per chi pratica ciclismo a tutti i livelli dall'agonista al semplice cicloturista De Servi Giuseppe STUDIO BIOMEC

Dettagli

Come metterete al mondo vostro figlio? Opuscolo informativo sul parto

Come metterete al mondo vostro figlio? Opuscolo informativo sul parto Come metterete al mondo vostro figlio? Opuscolo informativo sul parto Cari futuri genitori, Siamo lieti di partecipare alla vostra gioia per lo straordinario evento che state vivendo: la gravidanza. Affinché

Dettagli

LE BASI DELL EDUCAZIONE E RIEDUCAZIONE DEL PAVIMENTO PELVICO IN GRAVIDANZA E PUERPERIO

LE BASI DELL EDUCAZIONE E RIEDUCAZIONE DEL PAVIMENTO PELVICO IN GRAVIDANZA E PUERPERIO LE BASI DELL EDUCAZIONE E RIEDUCAZIONE DEL PAVIMENTO PELVICO IN GRAVIDANZA E PUERPERIO Ost. Giulia Amighetti 1/84 E AMPIAMENTE DIMOSTRATO CHE GRAVIDANZA e PARTO COSTITUISCONO IMPORTANTI FATTORI DI RISCHIO

Dettagli

CROCE ROSSA ITALIANA IL PARTO E LE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE

CROCE ROSSA ITALIANA IL PARTO E LE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE CROCE ROSSA ITALIANA IL PARTO E LE EMERGENZE OSTETRICO-GINECOLOGICHE Dare la luce può essere per la donna, liberata dalla paura, un'esperienza esaltante, non paragonabile a nulla; la nascita può essere

Dettagli

MASSAGGIO MIOFASCIALE

MASSAGGIO MIOFASCIALE MASSAGGIO MIOFASCIALE Tale massaggio viene utilizzato sia a scopo preventivo, che per il trattamento delle rigidità e delle contratture della muscolatura. Questa tecnica agisce sulla fascia (tessuto connettivale

Dettagli

QUADERNI della. manuale. per la riabilitazione del pavimento pelvico nella donna

QUADERNI della. manuale. per la riabilitazione del pavimento pelvico nella donna QUADERNI della iriabilitazione manuale per la riabilitazione del pavimento pelvico nella donna Struttura Complessa di Cure Palliative (Terapia del Dolore - Riabilitazione) Fondazione IRCCS - Istituto Nazionale

Dettagli

MIGLIORA LA TUA IMMAGINE CON LA POSTURA in 6 settimane!!

MIGLIORA LA TUA IMMAGINE CON LA POSTURA in 6 settimane!! MIGLIORA LA TUA IMMAGINE CON LA POSTURA in 6 settimane!! Ciao, in questa guida voglio insegnarti le basi essenziali per un corretto ALLUNGAMENTO MUSCOLARE, fornirti gl esercizi basilari per migliorare

Dettagli

Riscaldamento/Rilassamento

Riscaldamento/Rilassamento Riscaldamento/Rilassamento Eseguite ciascuno dei movimenti almeno quattro volte da ogni lato in maniera lenta e controllata. Non trattenete il respiro. 1) Testa Sollevate e abbassate la testa. Fissate

Dettagli

Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO

Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO Introduzione IL MAL DI SCHIENA COME SINTOMO Il mal di schiena non è una malattia ma un sintomo, il segnale che qualcosa non va, anche se non è sempre facile capire con esattezza cosa. Quasi a tutti capita

Dettagli

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è la colonscopia

Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10. Che cosa è la colonscopia Istituto Scientifico di Pavia Sede di Via Salvatore Maugeri 10 Che cosa è la colonscopia INFORMATIVA PER PAZIENTI IS PV ALL 23-0 09/09/2012 INDICE Che cos è la "colonscopia? 4 Chi fa la colonscopia e a

Dettagli

Esercizi per collo, spalle e braccia.

Esercizi per collo, spalle e braccia. DA FARE IN CASA - Esercizi pratici per mantenersi in forma. Esercizi per collo, spalle e braccia. 1 - Muscoli spalle e braccia Sdraiati sulla schiena, sollevare un leggero peso sulla testa e flettendo

Dettagli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli

RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli RIABILITAZIONE POST-CHIRURGICA DELLA SPALLA a cura di Piero Faccini, Sabrina Zanolli 1 a Fase - Istruzioni generali Tutti gli esercizi devono essere effettuati lentamente e sotto controllo del movimento.

Dettagli

brevi appunti di viaggio. ..anatomia, fisiologia femminile, visita ginecologica ed igiene intima.

brevi appunti di viaggio. ..anatomia, fisiologia femminile, visita ginecologica ed igiene intima. brevi appunti di viaggio...anatomia, fisiologia femminile, visita ginecologica ed igiene intima. A cura di: U.O. Screening citologico Via Monza, 2 Tel. 0651006618/6631 fax 0651006630 e.mail: screening.citologico@aslrmc.it

Dettagli

Esercizi per la fatigue

Esercizi per la fatigue Esercizi per la fatigue È stato dimostrato che, praticando una costante e adeguata attività fisica, la sensazione di fatigue provata dal paziente si riduce notevolmente e che di conseguenza si ottiene

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER IL PAZIENTE CON NEOSERBATOIO URINARIO

CONSIGLI UTILI PER IL PAZIENTE CON NEOSERBATOIO URINARIO CONSIGLI UTILI PER IL PAZIENTE CON NEOSERBATOIO URINARIO Elaborato da Dott.ssa Giulia Sbrollini Dott. Rami Raquban Con la supervisione del Prof. Giovanni Muzzonigro Questa guida, pensata e preparata dalle

Dettagli

Apparato Riproduttore

Apparato Riproduttore Apparato Riproduttore LA RIPRODUZIONE. Ogni essere vivente può creare un altro essere vivente, ed è possibile grazie alla RIPRODUZIONE. La riproduzione è possibile grazie all APPARATO RIPRODUTTORE. A differenza

Dettagli

DISTOCIA DI SPALLA: PREVENZIONE E TRATTAMENTO

DISTOCIA DI SPALLA: PREVENZIONE E TRATTAMENTO DISTOCIA DI SPALLA: PREVENZIONE E TRATTAMENTO INQUADRAMENTO E DEFINIZIONE Le spalle non escono spontaneamente dopo la fuoriuscita della testa del feto e sono necessarie ulteriori manovre ostetriche dopo

Dettagli

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce

La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce 4. Esercizi raccomandati La semplice serie di esercizi di seguito suggerita costituisce una indicazione ed un invito ad adottare un vero e proprio stile di vita sano, per tutelare l integrità e conservare

Dettagli

> Gravidanza > Parto > Puerperio

> Gravidanza > Parto > Puerperio 1 > Gravidanza > Parto > Puerperio accompagnamento ad una assistenza appropriata 2 1 3 > La gravidanza 4 2 GRAVIDANZA E UN EVENTO BIO - PSICO - SOCIALE 5 BISOGNI BIOLOGICI: RIGUARDANO IL CORPO, QUINDI

Dettagli

www.italyontheroad.it

www.italyontheroad.it www.italyontheroad.it Woman s health Salute della Donna e pianificazione familiare. Informazioni generali e consigli. E importante che ogni Donna dopo i 21 anni vada, ogni 3 anni, presso un CONSULTORIO

Dettagli

Ginnastica preparatoria

Ginnastica preparatoria Ginnastica preparatoria Le attività di una ginnastica per attività sportiva sono essenzialmente 4: Riscaldamento muscolare allungamento dei muscoli tonificazione (potenziamento ) muscolare minimo allenamento

Dettagli

gravidanza nascita maternità paternità allattamento al seno

gravidanza nascita maternità paternità allattamento al seno gravidanza nascita maternità paternità allattamento al seno Quando il primo bambino al mondo rise per la prima volta, il suo riso si ruppe in mille frammenti che se ne andarono saltando tutto intorno.

Dettagli

Bimbi in acqua MANUALE DEL BAGNETTO PERFETTO! copyright. E vietata la copia e la diffusione anche a titolo gratuito.

Bimbi in acqua MANUALE DEL BAGNETTO PERFETTO! copyright. E vietata la copia e la diffusione anche a titolo gratuito. Bimbi in acqua MANUALE DEL BAGNETTO PERFETTO! LE COSE CHE DEVI SAPERE PER IL BAGNETTO A CASA! Il bagnetto non deve essere visto solamente come momento per pulire il proprio bambino ma come un'occasione

Dettagli

Ricerca dei segni dello stress

Ricerca dei segni dello stress 5 Ricerca dei segni dello stress Prima di iniziare il massaggio vero e proprio, specialmente quando massaggiate una persona per la prima volta, accertate il livello dello stress attraverso la ricerca dei

Dettagli

Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...):

Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...): COS'E' IL TRAUMA: Lesione di una parte dell'organismo prodotta da una causa esterna in modo rapido e violento Può riguardare (tra l'altro...): l'apparato scheletrico (fratture) le articolazioni (distorsioni,

Dettagli

Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7.

Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7. Myrtaven ti propone un programma completo di esercizi e automassaggi, per aiutarti a mantenere le tue gambe attive e in forma 7 giorni su 7. lunedì datti lo sprint martedì RINVIGORISCITI mercoledì tonificati

Dettagli

www.fisiokinesiterapia.biz

www.fisiokinesiterapia.biz www.fisiokinesiterapia.biz legamenti e fasce Organi pelvici Elevatore dell ano Sinergia di azione di sostegno tra muscoli/nervi e tessuto connettivo RIABILITAZIONE PERINEALE La fkt costituisce

Dettagli

IN REGIME DI DAY SURGERY ERNIA INGUINALE ERNIA OMBELICALE ERNIA EPIGASTRICA LAPAROCELE

IN REGIME DI DAY SURGERY ERNIA INGUINALE ERNIA OMBELICALE ERNIA EPIGASTRICA LAPAROCELE Dipartimento Chirurgia Generale e Specialistiche Dott. V. Barbieri - Direttore PATOLOGIE CHIRURGICHE DELLA PARETE ADDOMINALE IN REGIME DI DAY SURGERY ERNIA INGUINALE ERNIA OMBELICALE ERNIA EPIGASTRICA

Dettagli

Testi Andrea Frosini Foto Antonio Pavone. Introduzione

Testi Andrea Frosini Foto Antonio Pavone. Introduzione Testi Andrea Frosini Foto Antonio Pavone Introduzione Spessissimo si parla o si leggono articoli su metodologie di allenamento e, in generale, si tratta di argomenti relativi al miglioramento delle prestazioni

Dettagli

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro

In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro In forma tutto l anno! Semplice programma di ginnastica sul luogo di lavoro Introduzione Che si lavori seduti o in piedi, la mancanza di movimento legata a una postura statica prolungata può a lungo andare

Dettagli

PREVENZIONE E CURA DEL MAL DI SCHIENA

PREVENZIONE E CURA DEL MAL DI SCHIENA PREVENZIONE E CURA DEL MAL DI SCHIENA Indicazioni Generali Gli esercizi Consigli utili Indicazioni generali Questo capitolo vuole essere un mezzo attraverso il quale si posso avere le giuste informazioni

Dettagli

A cura di Marcello Ghizzo

A cura di Marcello Ghizzo IL PRIMO SOCCORSO A NOI E AGLI ALTRI A cura di Marcello Ghizzo Per cominciare Il rischio che tu o i tuoi compagni possiate restare vittime di incidenti durante la pratica sportiva, il gioco, a scuola o

Dettagli

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching

Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching Consigli generali Procedi lentamente ed evita movimenti improvvisi. Presta attenzione allo stretching muscolare. Quando l hai eseguito quanto più comodamente possibile, rimani così per 5-10 secondi e poi

Dettagli

massamagra.com Programmi per la pedana vibrante alternata Galileo Basic

massamagra.com Programmi per la pedana vibrante alternata Galileo Basic Programmi per la pedana vibrante alternata Galileo Basic Scheda Rapida Galileo Basic Base per tonificazione, rassodamento, rafforzamento, reattività, mantenimento della forma, potenziamento. N.Esercizi

Dettagli

Urgenza nella donna gravida

Urgenza nella donna gravida Capitolo 11 Urgenza nella donna gravida A cura di Stefano Stipa 1 1 Medico 1 1. Urgenza nella donna gravida Obiettivi Formativi: 1) Assistenza al parto; 2) Primo Soccorso alla donna gravida e al neonato.

Dettagli

DOLORE ALLA PIANTA DEL PIEDE: FASCITE PLANTARE

DOLORE ALLA PIANTA DEL PIEDE: FASCITE PLANTARE DOLORE ALLA PIANTA DEL PIEDE: FASCITE PLANTARE Con il termine fascite s intende l infiammazione di una fascia anatomica, nel caso specifico della fascite plantare si fa riferimento ad un processo infiammatorio

Dettagli

I TRAUMI MUSCOLARI LE CONTUSIONI Contusioni più o meno gravi, almeno una volta nella vita, le abbiamo subite più o meno tutti. Esse, in parole povere, rappresentano il risultato di un evento traumatico

Dettagli

Fibromi uterini, le soluzioni possibili

Fibromi uterini, le soluzioni possibili Università Cattolica del Sacro Cuore Policlinico Universitario A. Gemelli ROMA Dipartimento per la Tutela della Salute della Donna e della Vita Nascente Dipartimento di Bioimmagini e Scienze Radiologiche

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Mediamente, la postmenopausa comprende almeno un terzo della vita

Mediamente, la postmenopausa comprende almeno un terzo della vita MENOPAUSA E PROLASSO Mediamente, la postmenopausa comprende almeno un terzo della vita Menarca 11 anni Menopausa 51 anni 75 anni Terminologia Menopausa: cessazione dei cicli mestruali (per almeno 12 mesi),

Dettagli

Vincenzo Ferarra MD. Patologie della Vescica / 3 INCONTINENZA URINARIA. www.dottorvincenzoferrara.it

Vincenzo Ferarra MD. Patologie della Vescica / 3 INCONTINENZA URINARIA. www.dottorvincenzoferrara.it Patologie della Vescica / 3 INCONTINENZA URINARIA www.dottorvincenzoferrara.it INCONTINENZA URINARIA Qualsiasi perdita involontaria di urina è un problema sociale ed igienico, che rende necessario contattare

Dettagli

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta)

Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto una risposta) A.T.S. ERFAP LAZIO - ASSOCIAZIONE COLUMBUS (Università Cattolica del Sacro Cuore) Codice Progetto COLUM/1 Valutazione finale 30 Luglio 2014 Puericultura e pediatria Dr.ssa Francesca Mazza (Crociare soltanto

Dettagli

RADIOTERAPIA ESTERNA PER LA CURA DEI TUMORI GINECOLOGICI

RADIOTERAPIA ESTERNA PER LA CURA DEI TUMORI GINECOLOGICI RADIOTERAPIA ESTERNA PER LA CURA DEI TUMORI GINECOLOGICI Informazioni generali Gentile Signora, questo opuscolo è stato realizzato per fornire alcune utili informazioni a chi, come lei, deve seguire un

Dettagli

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate

CISTITE. A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate CISTITE A cura della Dott.ssa Anna Maria Marcellini Direttore Tecnico del Laboratorio Gruppo Ippocrate Cos è la CISTITE? La cistite è la più comune e frequente malattia delle vie urinarie e può colpire

Dettagli

La spremitura del latte è utile in numerose situazioni perché permette ad una madre di avviare o continuare l allattamento al seno.

La spremitura del latte è utile in numerose situazioni perché permette ad una madre di avviare o continuare l allattamento al seno. 20. Spremere il latte 92 Sessione 20 SPREMERE IL LATTE Introduzione La spremitura del latte è utile in numerose situazioni perché permette ad una madre di avviare o continuare l allattamento al seno. Spremere

Dettagli

Curare il mal di schiena. Nicola Magnavita

Curare il mal di schiena. Nicola Magnavita Curare il mal di schiena Nicola Magnavita Lombalgia acuta Vivo dolore alla schiena, che insorge all improvviso dopo un movimento particolare o uno sforzo ( colpo della strega ) Colpisce il 10-15% della

Dettagli

La Febbre: Info per i genitori. Calvani Mauro e Laura Reali

La Febbre: Info per i genitori. Calvani Mauro e Laura Reali La Febbre: Info per i genitori Calvani Mauro e Laura Reali 1. A cosa serve la febbre? La febbre èun importante e benefico meccanismo di difesa con cui il tuo bambino si difende dai germi che entrano nel

Dettagli

PARTORIRE SENZA DOLORE

PARTORIRE SENZA DOLORE PARTORIRE SENZA DOLORE Piccola guida ad uso della partoriente OSPEDALE SAN PIETRO FATEBENEFRATELLI Via Cassia, 600 - Roma 06.33581 Per ogni donna, la felicità che accompagna la nascita di un bambino è

Dettagli

Le modalità del parto (in acquea, con analgesia perdurale, in posizione alternativa a quella tradizionale)

Le modalità del parto (in acquea, con analgesia perdurale, in posizione alternativa a quella tradizionale) COSA SI INTENDE PER PARTO A SCELTA? La possibilità per la donna di scegliere la sede, le modalità, le condizioni ambientali e le principali procedure assistenziali e di supporto dal momento del ricovero

Dettagli

Il metodo Tellington TTouch è stato ideato da Linda Tellington-Jones,

Il metodo Tellington TTouch è stato ideato da Linda Tellington-Jones, Capitolo 8 Preparare il corpo e la mente al parto Il metodo Tellington TTouch Il metodo Tellington TTouch è stato ideato da Linda Tellington-Jones, addestratrice di cavalli, per essere usato sugli animali

Dettagli

Parto dopo taglio cesareo

Parto dopo taglio cesareo Dipartimento Maternità, Infanzia, Età Evolutiva UU.OO. Ostetricia e Ginecologia U.O. Aziendale di Pediatria e Neonatologia Dipartimento Cure Primarie U.O. Consultori Familiari Parto dopo taglio cesareo

Dettagli

Istruzioni per l uso

Istruzioni per l uso Istruzioni per l uso ProCup OmniCup OmniCup TFI Omni-C Cup Codice prodotto Descrizione prodotto Condizioni di fornitura VAC-6000S Kiwi ProCup Sterilizzato raggi VAC-6000M Kiwi OmniCup gamma, monouso, VAC-6000C

Dettagli

ESERCIZI PER LA VISTA UTILI A CHI LAVORA AL COMPUTER

ESERCIZI PER LA VISTA UTILI A CHI LAVORA AL COMPUTER Servizio di ESERCIZI PER LA VISTA UTILI A CHI LAVORA AL COMPUTER PAG.2 DI PAG.6 Ecco alcuni esercizi che puoi fare quotidianamente e che aiutano a prevenire quei fastidiosi disturbi della vista dovuti

Dettagli

LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE

LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE MEDICI PER SAN CIRO LE INFEZIONI DELLE VIE URINARIE Dr Ciro Lenti U.O. Nefrologia e Dialisi AUSL 11 Empoli P.O. San Miniato (PI) Le infezioni delle vie urinarie sono infezioni che possono riguardare i

Dettagli