Parete addominale. Antero-laterale. Postero-laterale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Parete addominale. Antero-laterale. Postero-laterale"

Transcript

1

2 Parete addominale Antero-laterale Arcata costale e apofisi ensiforme Creste iliache, ligamenti inguinali, sinfisi pubica Linea verticale dalla cresta iliaca con il margine dell arcata costale Postero-laterale Ultime due coste Cresta iliaca Rachide lombare Linea verticale dalla spina iliaca anteriore superiore al margine costale

3 Zone di debolezza della parete postero-laterale

4

5 Ernie della parete addominale

6 Ernie Fuoriuscita di un viscere o di una sua parte, rivestito dai suoi tegumenti, dalla cavità in cui è contenuto attraverso un area di debolezza della parete, un orifizio o un canale naturale Ernia deriva da έρνος = bocciolo, germoglio Ne èaffetto il 5% della popolazione Si manifestano in tutte le età con incidenza massima nel neonato e nell anziano Ernie congenite: derivano dall arresto dello sviluppo di una parte di parete addominale ma si possono manifestare ad ogni età Ernie acquisite: si sviluppano da aree di debolezza circoscritte in conseguenza di un aumento della pressione endoaddominale Zone erniarie ed incidenza delle ernie Regione inguinale (75%) Regione crurale (15%) Regione ombelicale e linea alba (8%) Linea semilunare di Spigelio Regione lombare (2%) Regione otturatoria Regione ischiatica Regione perineale

7 Patogenesi Cause predisponenti Malformazioni congenite (pervietà del dotto peritoneo-vaginale) Gravidanza (ernie ombelicali) Fattori ereditari (debolezza della parete) Sesso (maschile 90% ernie inguinali; donna 85% ernie crurali) Età (neonato = malformazione; adulto = sforzo; anziano = debolezza) Dimagramento rapido Cause determinanti Sforzi che aumentano la pressione endoaddominale (pianto, tosse, defecazione, sollevamento di pesi) Ascite voluminosa Insufficienza respiratoria cronica Traumi della parete

8 Porta: orifizio da cui fuoriesce il viscere, anello muscoloaponeurotico i cui margini sono detti pilastri. Tragitto: se il viscere si impegna in un canale si distingue la punta d ernia se si impegna solo l anello interno, l ernia interstiziale se si arresta nel canale, l ernia completa se è oltrepassato l anello esterno Sacco: rivestimento del viscere, estroflessione del peritoneo parietale con aderenti gli involucri accessori (tessuto muscolare, aponeurotico, connettivale, adiposo) spinti dal sacco. Si possono avere sacchi unici o pluriloculari. Se il sacco riveste parzialmente il viscere erniato perché una parte di esso è extraperitoneale, l ernia è da scivolamento Contenuto: quasi tutti i visceri addominali possono erniarsi eccetto quelli fissi nel retroperitoneo. L ernia è: Riducibile se il contenuto si può riposizionare in addome (taxis); Irriducibile per enorme volume (ernia permagna, perdita di diritto di domicilio), per incarceramento dovuto a formazione di aderenze tra i visceri, il sacco e i tegumenti, per strozzamento; Incontenibile se i visceri ridotti fuoriescono di nuovo in ortostotismo o con minimo sforzo (ispessimenti flogistici del colletto)

9 Complicanze Incarceramento: irriducibilità in seguito alla formazione di aderenze tra contenuto, sacco e porta erniaria. Sensazione di peso localizzato Infiammazione: acuta (rara) determinata da trauma violento cronica (più frequente) determinata da piccoli traumi (cinto erniario) o da infezione batterica. Dolori localizzati a livello del sacco (epiploite, appendicite, diverticolite) Intasamento: accumulo del contenuto intestinale nelle anse erniate che non può progredire nel lume occlusione meccanica. Se non si riduce con taxis èindicato l intervento chirurgico in urgenza Strozzamento: può verificarsi dopo sforzo o senza causa apparente. Si manifesta più facilmente nelle ernie con porta erniaria rigida (crurali, ombelicali, epigastriche). Èdeterminato dalla costrizione del peduncolo vascolare del viscere erniato nella porta: ostacolo alla circolazione sanguigna e linfatica gangrena del contenuto, flemmone piostercoraceo, peritonite. Ernia irriducibile, dolore vivo e spontaneo, ileo meccanico e con l inizio della peritonite ileo paralitico riflesso Rottura: rara complicanza determinata da un grave trauma in grado di causare lo scoppio di un ansa. Dolore acuto conseguente al trauma

10 Strozzamento erniario Evento acuto che innalza sensibilmente l incidenza della morbilità e della mortalità pre e postoperatoria, tanto più grave quanto più è prolungato nel tempo A. Strozzamento di un ansa libera B. Strozzamento della parete antimesenterica del viscere o ernia di Richter C. Strozzamento retrogrado o a W che coinvolge più anse anche non erniate ma dipendenti dallo stesso peduncolo vascolare D. Strozzamento di ernia da scivolamento

11

12 Regione Inguinale e Crurale

13 Regione Inguinale

14 Regione inguinale Limiti: ligamento inguinale, margine laterale del muscolo retto, linea orizzontale tra spina iliaca anteriore superiore e margine laterale del muscolo retto Linea di Malgaigne: congiunge la spina iliaca anteriore superiore con il tubercolo pubico, corrisponde al ligamento inguinale di Poupart e delimita la regione inguinale dalla crurale Canale inguinale: attraversa a tutto spessore la parete addominale con decorso obliquo diretto in senso postero-anteriore verso il basso e medialmente. Nell adulto è di ~ 5 cm; è appiattito con pareti Anteriore: fascia del m. obliquo esterno Posteriore: fascia trasversalis Superiore: m. obliquo interno e trasverso (tendine congiunto) Inferiore: legamento inguinale Anello inguinale interno: protetto in alto e lateralmente dall aponeurosi del muscolo trasverso e dal muscolo obliquo interno Anello inguinale esterno: fibre dell aponeurosi del muscolo obliquo esterno si aprono e ne formano i pilastri

15

16 In trasparenza, tolta l aponeurosi dell obliquo esterno, si visualizza l orifizio inguinale interno (A) attraverso cui il cordone spermatico da una sede profonda, sottomuscolare e properitoneale si immette nel canale inguinale e fuoriesce attraverso l anello esterno (B)

17 Nell uomo nel canale inguinale decorre il funicolo spermatico (avvolto dalla fascia spermatica esterna e dal cremastere; ècostituito da: dotto deferente, arteria deferenziale, arterie spermatica interna e spermatica esterna, plesso venoso pampiniforme, vasi linfatici, nervi genito-femorale e ileo-inguinale), che passa da una posizione endoaddominale ad una sottocutanea nella borsa scrotale. Nella sua migrazione il testicolo è accompagnato da una estroflessione del peritoneo che forma il dotto peritoneo vaginale, la cui incompleta obliterazione è all origine delle ernie inguinali congenite e dell idrocele Nella donna decorre il legamento rotondo ed una estroflessione del peritoneo (canale di Nuck), la cui incompleta obliterazione è all origine delle ernie congenite oblique esterne e delle cisti del canale di Nuck Dall interno dell addome la regione inguinale presenta tre pliche (residuo dell uraco, residuo dell arteria ombelicale, vasi epigastrici inferiori) convergenti dalla pelvi verso l ombelico che delimitano tre fossette: a. Inguinale esterna: corrisponde all anello inguinale interno, ernie inguinali oblique esterne b. Inguinale media: ernie inguinali dirette c. Inguinale interna: ernie inguinali oblique interne In base all estensione dell ernia inguinale si distingue la punta d ernia, l ernia interstiziale, il bubbonocele se il sacco sporge nel tessuto sottocutaneo, l oschiocele o ernia inguino-scrotale se discende nello scroto

18

19

20 Ernia inguinale obliqua esterna È la varietà che si osserva più di frequente; può essere bilaterale; può essere congenita o acquisita È dovuta allo sfiancamento dell anello inguinale interno per abnorme rilasciamento delle strutture connettivali della fascia trasversalis e dell arco del muscolo trasverso Il sacco entra attraverso l anello inguinale interno, il viscere erniato protrude occupando in parte o tutto il canale inguinale e può giungere nello scroto Nell ernia acquisita il sacco aderisce lassamente agli elementi del funicolo da cui è facilmente separabile

21

22 Ernia inguinale diretta Ernia inguinale acquisita legata alla debolezza della parete posteriore del canale inguinale nel triangolo di Hesselbach dove l unico supporto è la fascia trasversalis La porta erniaria è la fossetta inguinale media Aumenta lentamente di volume e non raggiunge gradi dimensioni Talora è bilaterale. Si può associare con un ernia obliqua esterna omolaterale formando l ernia a pantalone Poiché la porta erniaria è ampia raro è lo strozzamento; tuttavia bisogna porre particolare attenzione nella sezione dell anello strozzante per la presenza dei vasi epigastrici

23 Ernia inguinale obliqua interna Ernia poco frequente Impegna la fossetta inguinale mediale e si dirige all orifizio inguinale esterno Porta d ingresso ampia, l ernia si strozza raramente. I visceri sono spesso il tessuto adiposo prevescicale, la vescica o un suo diverticolo Ernie congenite Si formano in seguito alla mancata obliterazione del dotto peritoneo vaginale Non sempre presenti alla nascita: si possono manifestare dopo mesi o anni perché si associa alla pervietà del dotto peritoneo vaginale la stazione eretta Nella donna sono molto rare e sono dovute alla pervietà del dotto di Nuck che può contenere un ovaio o una tuba. Diagnosi differenziale con la cisti del canale di Nuck

24 Sintomatologia Tumefazione che protrude attraverso la parete addominale rivestita dai tegumenti Non è dolente né spontaneamente né alla palpazione Senso di peso o di stiramento e fastidio nella sede della tumefazione Talora asintomatica e ridotta in cavità da cui fuoriesce solo in seguito a sforzi

25

26 Diagnosi Diagnosi su anamnesi ed esame obiettivo in posizione ortostatica e poi decubito supino. Ecografia per diagnosi differenziale Invitare il paziente ad eseguire la manovra del torchio addominale o a tossire per facilitare la fuoriuscita dell ernia dal colletto al fondo (varicocele e idrocele comunicante riempimento retrogrado) Transilluminazione: nell adulto ernia opaca a differenza dell idrocele Alla palpazione, se non vi sono complicanze, l ernia è molle ed elastica se contiene intestino, parenchimatosa se contiene epiploon. Si apprezza anche la continuità della tumefazione ernioaria con la parete intestinale. Quando l ernia è ridotta palpare la porta erniaria e cercare l impulso del viscere erniato anche per differenziare i tre tipi di ernia: nell obliqua esterna l impulso è apprezzato dalla punta del dito, nella diretta è apprezzato dalla prima e seconda falange del dito; nell obliqua interna l impulso è mediale Percussione: timpanismo se intestino disteso da gas, altrimenti ottusità L ernia lasciata a sé aumenta progressivamente di volume e può andare incontro a gravi complicanze

27 Terapia Cinto erniario: sconsigliato determina un trauma cronico da compressione che determina flogosi dell ernia e strozzamento. Terapia palliativa da consigliare solo a pazienti in condizioni generali gravemente compromesse Terapia chirurgica che prevede: Apertura del canale inguinale Isolamento del funicolo Isolamento del sacco erniario, sua apertura, verifica e riduzione in addome del contenuto, legatura del sacco al colletto e exeresi del sacco. Se l ernia è di piccole dimensioni e non complicata riduzione dell ernia in toto senza apertura del sacco. Se l ernia è strozzata o intasata incisione e sbrigliamento del cercine strozzante: chelotomia Chiusura della porta erniaria: ricostruzione della parete posteriore del canale inguinale e confezione di un anello inguinale interno continente L intervento deve essere fatto in urgenza se vi è intasamento, strozzamento o rottura dell ernia. Se i visceri presentano lesioni irreversibili si deve procedere alla loro resezione

28

29 Tecniche chirurgiche Bassini: sutura del triplice strato a punti staccati al canale inguinale Mac Vay Marcy: chiusura del solo anello inguinale interno Postempski: dislocazione del funicolo nei piani superficiali Shouldice: duplice sutura comprendente la fascia trasversalis dal tubercolo pubico all anello inguinale interno, duplice sutura del margine inferiore dei muscoli obliquo interno e trasverso con il ligamento inguinale Ernioalloplastica: riparazione della porta erniaria con protesi (rete di polipropilene, marlex, ecc.) che rafforza sia la parete posteriore del canale inguinale che l anello inguinale interno. Via inguinale: la rete fissata in basso al tubercolo pubico è posta sotto il triplice strato (Trabucco, Lichtenstein, Gilbert, Rutkow) Via preperitoneale: per via laparotomica (Stoppa) o per via laparoscopica Recidive da 1 a 15% Plastica erniaria videolaparoscopica sia per l inguinale che per la crurale Transaddominale preperitoneale (TEP) Totalmente extraperitoneale (TAPP) Intraperitoneale con protesi superficiale (IPPS)

30

31 interventi / anno Ernia inguinale

32 La terapia dell ernia inguinale in day hospital con tecnica di Lichtenstein Riduce le recidive Viene eseguita in regime ambulatoriale Elimina i rischi dell anestesia generale Elimina le complicanze legate alla degenza a letto Può essere attuata in pazienti con patologie concomitanti Reinserisce rapidamente il paziente nel suo ambiente sociale e lavorativo Riduce notevolmente i costi

33 Ernioplastica videolaparoscopica indicata nell'ernia bilaterale e recidiva necessaria l'anestesia generale ed un giorno di ricovero (one daysurgery) vantaggi: ridotta sintomatologia dolorosa post-operatoria, più rapida ripresa del lavoro

34

35 Ernia crurale Canale crurale tramite di 1-2 cm costituto da uno spazio virtuale diretto dall alto in basso medialmente ed anteriormente, delimitato: Superiormente dal legamento inguinale Inferiormente dal muscolo pettineo e dal ligamento di Cooper Medialmente dal ligamento lacunare di Gimbernat Lateralmente dalla vena femorale È sempre un ernia acquisita che occupa la regione supero interna del triangolo di Scarpa, dovuta a debolezza della porzione della fascia trasversalis che occlude il canale crurale Più frequente nella donna per la maggiore larghezza del bacino e una più ampia lacuna dei vasi femorali Si manifesta nell età adulta con dolori insorgenti durante la stazione eretta o dopo sforzi, che si attenuano in decubito supino e flettendo la coscia Tumefazione rotondeggiante di 2-4 cm al di sotto della linea di Malgaigne più evidente facendo aumentare la pressione endoaddominale Il sacco erniario sospinge il grasso preperitoneale ed emerge nella fossa ovale sotto il ligamento inguinale e lateralmente al tubercolo pubico. Lateralmente si trova sempre il linfonodo di Cloquet Il contenuto è costituito da omento, vescica, intestino o anche solo da una porzione di parete intestinale costituendo un ernia laterale che se strozzata prende il nome di ernia di Littré Spesso è irriducibile. La inestensibilità delle strutture del canale crurale favorisce l incarceramento e lo strozzamento dell ernia crurale intervento in urgenza

36 Ernia crurale Varietà rare di ernie crurali Ernie femorali vascolari Ernie della lacuna muscolare Ernia di Laugier (attraverso il ligamento di Gimbernat) Ernia pettinea (attraverso il muscolo pettineo) Diagnosi differenziale con ernia inguinale, linfonodo crurale, varice vena safena, aneurisma arteria femorale Trattamento chirurgico Via crurale: incisione sulla tumefazione; apertura del sacco, riduzione dei visceri, legatura ed escissione del sacco; chiusura della porta erniaria avvicinando il ligamento inguinale al ligamento di Cooper Via inguinale: incisione inguinale, si apre il canale inguinale, incisione della fascia trasversalis; riduzione dell ernia chiusura della porta erniaria suturando il ligamento inguinale al ligamento di Cooper

37

38

39 Ernie ombelicali Si possono presentare in età neonatale o adulta Ernia embrionale o onfalocele: dovuta ad aplasia della parete addominale per arresto di sviluppo. L ernia èpresente alla nascita, fuoriescono i visceri rivestiti dall amnios, è assente il peritoneo parietale (non ha sacco); è una malformazione molto grave se l aplasia della parete è estesa e non è possibile ridurre i visceri in addome Ernia fetale: presente alla nascita compare come un difetto imbutiforme della parte centrale della parete; origina da incompleta chiusura della parete pertanto i visceri sono rivestiti dal solo peritoneo. Ricostruzione in due tempi: prima ricopertura con la cute, dopo alcuni mesi plastica della parete Ernia ombelicale neonatale: è ricoperta da cute e si manifesta entro poche settimane dalla caduta del cordone ombelicale, dovuta a difettosa adesione tra i residui cicatriziali del cordone e dell anello ombelicale. Di dimensioni modeste compare al margine superiore dell ombelico, è facilmente riducibile, non si strozza, asintomatica, tende a guarire spontaneamente applicando un tampone compressivo (truss)

40 Ernia ombelicale dell adulto: si estrinseca più spesso nella porzione superiore dell anello ombelicale; di dimensioni piccole e asintomatica, ma tende progressivamente ad aumentare di volume, la cute sovrastante è sottile, lucente, può ulcerarsi e infettarsi. Generalmente è un ernia diretta cioè che si impegna direttamente nell anello ombelicale; esistono ernie ombelicali indirette che percorrono un breve canale (di Richet). Spesso irriducibile parzialmente o totalmente, l ernia ombelicale ha tendenza ad incarcerarsi e a strozzarsi anche se piccola; complicanze più rare: la peritonite erniaria, la rottura spontanea degli involucri, il flemmone dei tessuti di rivestimento. La terapia è chirurgica in elezione e, se complicata, in urgenza

41 Ernia ombelicale nel cirrotico: la vera causa è l ascite che, a lungo andare, determina la fuoriuscita del peritoneo a livello dell anello ombelicale. La cute dell ernia nel cirrotico tende a distendersi fino ad ulcerarsi e infettarsi nelle zone di maggiore tensione; la complicanza più temibile infatti non è lo strozzamento dell ernia ma la perforazione di un ansa intestinale. Se la terapia medica non è in grado di ridurre l ascite, l intervento chirurgico deve essere preceduto da una paracentesi di necessità. L ispezione del sacco erniario deve essere accurata così come l emostasi nei casi di resezione omentale. La plastica della parete (sutura trasversale) avviene senza l uso di protesi

42 Diagnosi differenziale delle più frequenti ernie della parete addominale

43 Ernie epigastriche Prediligono l età adulta e il sesso maschile Si manifestano lungo la linea alba tra l apofisi ensiforme e l ombelico, iniziano come una protrusione di tessuto adiposo tra smagliature della linea alba nell orifizio di passaggio di un vaso sfiancato per l età e l aumento della pressione endoaddominale; oltre al grasso può fuoriuscire un ernia contenete omento e talora anse intestinali; presentano un sacco peritoneale completo. Sono spesso asintomatiche e quindi misconosciute Possono facilmente andare incontro a incarceramento e a strozzamento Tumefazione di piccole dimensioni molto dolente e spesso non riducibile; lo strozzamento si accompagna ad addome acuto e occlusione intestinale Trattamento chirurgico: incisione longitudinale, isolamento del sacco, sua apertura, riduzione del contenuto, legatura ed escissione del sacco, sutura dei muscoli retti lungo la linea mediana; raramente è necessario posizionare una protesi

44 Ernia di Spigelio Ernia poco frequente, è sempre acquisita, si fa strada nel punto in cui si incontrano i vasi epigastrici e la linea semilunare di Spigelio; l ernia protrude nell area in cui i muscoli larghi dell addome si congiungono, a livello del margine laterale del retto, tra terzo medio e terzo inferiore di esso, all altezza dell angolo esterno dell arcata del Douglas Il sacco rimane di solito sotto l aponeurosi del muscolo obliquo esterno; il contenuto è analogo a quello delle ernie inguinali; l ernia è di piccole proporzioni, e confinata nello spessore della parete addominale ma facilmente si complica strozzandosi Terapia chirurgica: riduzione del contenuto, resezione del sacco, sutura della fascia del muscolo retto con quella dei muscoli larghi

45 Ernie lombari Più colpito il sesso maschile e il lato destro Ernie molto rare, di volume variabile, che si sviluppano in corrispondenza del Triangolo di Petit (ernia lombare inferiore) è delimitato dal m. gran dorsale, m. obliquo esterno e dalla cresta iliaca Quadrilatero di Grynfelt (ernia costo-lombare o superiore) è delimitato dal margine laterale dei m. spinali e del m. quadrato dei lombi, dal margine posteriore del m. obliquo esterno, dalla XII costa, dal margine inferiore del m. dentato postero-inferiore Possono essere congenite o acquisite. L ernia si fa strada in una area di debolezza nel punto di passaggio di vasi o nervi. Il contenuto è rappresentato da omento o intestino preceduto dal lipoma Sintomatologia: tumefazione e dolore lombare Diagnosi differenziale con i lipomi, l ernia muscolare, l ascesso freddo

46

47 Ernia otturatoria Il canale otturatorio (condotto osteofibroso posto al di sotto della branca ileopubica) ha una lunghezza di 2 cm e diamentro di 1 cm, è delimitato Superiormente dall osso pubico Inferiormente dalla membrana otturatoria e dai m. otturatori Ernia rara che si osserva nelle donne anziane (ampiezza del bacino e del canale otturatorio; gravidanze; riduzione dello strato adiposo pelvico, ipotonia della muscolatura del bacino); nel sacco peritoneale è contenuto un viscere pelvico (vescica, tuba, ovaio, intestino, grande omento); l ernia protrude nella regione supero-mediale della coscia Ernia interstiziale (sacco compreso nel solco otturatorio); Ernia retropettinea (sacco giunge all anello femorale); Ernia prepettinea (sacco raggiunge lo spazio tra il muscolo pettineo e l adduttore lungo) In genere è di piccole dimensioni. La sintomatologia è spesso improvvisa con occlusione intestinale accompagnato da dolore alla faccia mediale della radice della coscia, che viene mantenuta flessa in atteggiamento antalgico. La diagnosi è difficile nelle forme non complicate per la mancanza di sintomatologia locale patognomonica; se si strozza compare il quadro clinico dell occlusione con dolore spontaneo e alla palpazione nel triangolo di Scarpa Terapia chirurgica con via d accesso crurale che consente l isolamento del sacco erniario nel canale otturatorio, la riduzione del viscere e la chiusura della porta

48 Ernie rare Ernia ischiatica: la più rara delle ernie pelviche. Il sacco fuoriesce dalla cavità pelvica attraverso il forame ischiatico e si proietta nella regione glutea rimanendo coperto dal muscolo grande gluteo Il contenuto è costituito da grande omento ed intestino e può andare incontro a strozzamento Via di accesso glutea Ernia perineale: fuoriuscita di un viscere addominale attraverso il pavimento pelvico. Si fa strada attraverso punti di debolezza congeniti (posteriore, fra muscolo ischiococcigeo e parte ischiatica dell elevatore dell ano; anteriore al davanti del muscolo trasverso perineale profondo) Tipica della donna in relazione alla lassità del pavimento pelvico per la gravidanza e il parto Può essere primitiva o post-operatoria (dopo interventi sull apparato uro-genitale o sul retto) Poco frequente lo strozzamento per la lassità delle strutture che circondano la porta erniaria

49 Ernie interne Dislocazione anomala di uno o più visceri in recessi naturali neoformati del cavo peritoneale. Patologia rara. Congenite (si fanno strada attraverso orifizi anomali dei ligamenti o dei mesi addominali e sono sprovviste di sacco) Ernia della borsa omentale o del forame di Winslow Ernia del recesso duodenodigiunale Ernia del recesso retrocecale Ernia dei recessi intersigmoidei Ernia diverticolare, tra ombelico e diverticolo di Meckel Ernia attraverso un orifizio malformativo dell omento Acquisite (complicanza precoce o tardiva di interventi laparotomici) Dopo chiusura incompleta di brecce aperte nel meso In seguito a formazione di aderenze viscerali dopo interventi chirurgici o peritoniti Asintomatiche o con vaghi dolori addominali, dispepsia, irregolarità dell alvo. Complicanza più frequente è lo strozzamento con comparsa improvvisa di occlusione meccanica intestinale (1% di tutte le occlusioni intestinali) Il trattamento dell ernia sintomatica è chirurgico: liberazione dalle aderenze, riposizionamento in sede del viscere erniato, riparazione della breccia. Se vi è strozzamento e il tratto interessato non è vitale, si deve effettuare la resezione intestinale

50

51 Laparocele (ernia incisionale) Fuoriuscita di visceri addominali attraverso una breccia muscolo-aponeurotica della parete, in corrispondenza di una precedente incisione chirurgica Complicanza postoperatoria che si manifesta nel 2% delle laparotomie Frequente dopo infezione della ferita chirurgica (50%) che provoca il cedimento di parte della sutura muscoloaponeurotica, dopo guarigione a livello cutaneo e sottocutaneo il contenuto addominale rivestito dal peritoneo si fa strada attraverso la breccia, così il sacco peritoneale protrude nel sottocutaneo Difetto di tecnica chirurgica La broncopatia cronica ostruttiva con tosse violenta Malattie dismetaboliche L evoluzione è lenta e progressiva ma può raggiungere dimensioni notevoli; il sacco può essere pluriconcamerato e tende ad espandersi in corrispondenza di zone di minor resistenza del sottocutaneo Localizzazione più frequente nelle incisioni longitudinali, meno frequenti nelle incisioni sottocostali e delle incisioni postero-laterali. Frequente in sede di colostomia o ileostomia La parete addominale ha funzione di contenimento che si esplica mediante linee di forza orizzontali e oblique determinate dai muscoli larghi ancorati posteriormente alla fascia dorsale e anteriormente ai muscoli retti e alla linea alba. La perdita di solidità della linea di ancoraggio porta alterazione della dinamica respiratoria. Nei laparoceli mediani i muscoli retti ruotano sul loro asse accentuando progressivamente la diastasi mediana e compromettendo anche i movimenti del diaframma determinando quindi anche turbe respiratorie

52 Conseguenze dei voluminosi laparoceli sono: Insufficienza respiratoria cronica Insufficienza vascolare venosa Distensione dei visceri cavi e alterazione della peristalsi Ipotrofia della muscolatura addominale Si costituiscono aderenze connettivali viscero-viscerali e visceroperitoneali nel sacco e nel colletto che possono portare a incarceramento del laparocele con sua irriducibilità o a strozzamento Laparoceli mobili o riducibili: i visceri fuoriescono nel sacco in conseguenza dei movimenti respiratori e degli aumenti di pressione addominale senza aderire al sacco Laparoceli fissi o incarcerati: i visceri sono aderenti al sacco e non più riducibili in addome Disturbi di canalizzazione per l insorgenza di aderenze stenosanti i visceri e dolore di tipo gravativo legato alla fuoriuscita di essi dalla porta erniaria La diagnosi si basa sull anamnesi di un precedente intervento chirurgico e sull esame obiettivo che mette in evidenza una tumefazione a livello della cicatrice laparotomica talora dolente, che protrude con l aumento della pressione endoaddominale, che può essere ridotta con manovre di taxis potendosi così palpare la superficie profonda della porta per stabilire se sono presenti aderenze fra visceri addominali e peritoneo parietale. Valutazione preoperatoria della funzionalità respiratoria mediante spirometria ed emogasanalisi Terapia chirurgica: riduzione del contenuto, escissione del sacco, plastica della parete e talvolta escissione della cicatrice cutanea e della cute esuberante. La chiusura della parete avviene per affrontamento corretto dei lembi muscolo-aponeurotici (plastica a panciotto) ed eventualmente con apposizione di materiale protesico (rete di polipropilene e reti di Goretex) Sventramento spontaneo: diastasi dei m. retti da causa malformativa o conseguente a lassità della linea alba e aumento della pressione endoaddominale (tipica la diastasi dei retti nelle multipare)

53 Le protesi sintetiche nella chirurgia dei Laparoceli Resistenza alle infezioni Biocompatibilità Precoce reazione fibroblastica

54

55

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche Dott. PAOLO CRISTOFORONI Medico Chirurgo Nato a Genova il 06/02/1965. Laurea con lode in Medicina e Chirurgia presso l

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn Regione del Veneto Azienda Ospedaliera di Padova Chirurgia Generale Direttore : Prof. R. Bardini GUIDA INFORMATIVA SULLE MALATTIE INFIAMMATORIE CRONICHE INTESTINALI Rettocolite Ulcerosa Morbo di Crohn

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE

ESERCIZI PER COSCE E ANCHE ESERCIZI PER COSCE E ANCHE Testo e disegni di Stelvio Beraldo ANDATURA DA SEMIACCOSCIATA Varianti: andatura frontale (a) e andatura laterale (b) (a carico naturale, con manubri o cintura zavorrata) - Con

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Continenza urinaria e incontinenza urinaria La continenza urinaria è la capacità di posporre l atto minzionale

Dettagli

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia.

La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. QUIZ TEM: Ulcere da decubito Quiz estratti dalla banca dati del sito e La banca dati contiene oltre 10000 quiz dei concorsi svolti sino ad ora in tutta Italia. 1) I germi responsabili di ulcere da pressione

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI

SISTEMA ROBOTICO DA VINCI SISTEMA ROBOTICO DA VINCI Dalla Laparoscopia urologica alla Chirurgia robotica. S I S T E M A R O B O T I C O D A V I N C I CHE COSA BISOGNA SAPERE SUL SISTEMA ROBOTICO DA VINCI: 1 IL VANTAGGIO PRINCIPALE

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica:

Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: Ernia discale cervicale. Trattamento mini-invasivo in Radiologia Interventistica: la Nucleoplastica. Presso l U.O. di Radiologia Interventistica di Casa Sollievo della Sofferenza è stata avviata la Nucleoplastica

Dettagli

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA

CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA CENTRO DI TRAUMATOLOGIA DELLO SPORT CHIRURGIA ARTROSCOPICA UNITA OPERATIVA DI RIABILITAZIONE SPORTIVA ISTITUTO ORTOPEDICO GALEAZZI - MILANO Responsabili: M. DENTI - H. SCHÖNHUBER - P. VOLPI Responsabile:

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa

Adipo metria. Le stratigrafie. Oltre la stima della percentuale di massa grassa Plico-metria, bioimpedenzio-metria, assorbimetria (a doppio raggio X) sono misure di altro dal grasso, ricondotte tramite formule alla stima della percentuale di massa grassa. Ora è finalmente disponibile

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

L'ADDOME ACUTO. www.mattiolifp.it (Lrctures L Addome Acuto) 1

L'ADDOME ACUTO. www.mattiolifp.it (Lrctures L Addome Acuto) 1 L'ADDOME ACUTO Il cosiddetto "addome acuto" è termine semeiologico, anzi sindromico, che indica un insieme di segni e sintomi derivanti da una grave malattia addominale, che coinvolge comunque il cavo

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

DIFETTO INTERVENTRICOLARE

DIFETTO INTERVENTRICOLARE DIFETTO INTERVENTRICOLARE Divisione di Cardiologia Pediatrica Cattedra di Cardiologia Seconda Università di Napoli A.O. Monaldi Epidemiologia 20% di tutte le CC Perimembranoso: 80% Muscolare: 5-20% Inlet:

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

ANESTESIA. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia ANESTESIA Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa fa l Anestesista Pag. 2 Visita Anestesiologica Pag. 2 Che cosa significa Consenso Informato Pag. 3 Esami preoperatori Pag. 4 Prescrizioni

Dettagli

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli.

Tecnica chirurgica. Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Tecnica chirurgica Cappello di chiusura per TEN. Per la stabilizzazione assiale e la protezione contemporanea dei tessuti molli. Sommario Indicazioni e controindicazioni 3 Impianti 4 Strumenti 4 Piano

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto.

Questa guida è stata realizzata per fornire ai pazienti e ai loro famigliari alcune informazioni, nella speranza che ciò possa essere d aiuto. Il port. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione) lo IEO pubblica

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Insufficienza mitralica

Insufficienza mitralica Insufficienza mitralica Cause di insufficienza mitralica Acute Trauma Disfunzione o rottura di muscolo papillare Malfunzionamento della protesi valvolare Endocardite infettiva Febbre reumatica acuta Degenerazione

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Trattamento chirurgico delle emorroidi

Trattamento chirurgico delle emorroidi Decision making Trattamento chirurgico delle emorroidi Riccardo Annibali Proctologo, Milano Legare, tagliare, dilatare, magari congelare : questo il titolo di un articolo apparso su Lancet alcuni anni

Dettagli

APPROCCIO LAPAROSCOPICO ALL ADDOME ACUTO Consensus Development Conference

APPROCCIO LAPAROSCOPICO ALL ADDOME ACUTO Consensus Development Conference APPROCCIO LAPAROSCOPICO ALL ADDOME ACUTO Consensus Development Conference della Società Italiana Chirurgia Endoscopica e nuove tecnologie (SICE); Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani (ACOI); Società

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

ciascun individuo. In media, occorre una settimana di tentativi e di controlli radiologici (una Rx diretta al giorno) per individuare il giusto tipo

ciascun individuo. In media, occorre una settimana di tentativi e di controlli radiologici (una Rx diretta al giorno) per individuare il giusto tipo incontinenza fecale è una delle condizioni più debilitanti e gravi che causano isolamento dell individuo, provocano seri problemi psicologici e ne compromettono l integrazione nella società. L incontinenza

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA Per prenotare ed eseguire un esame è necessario: 1. Il paziente deve avere una richiesta medica completa che comprenda cognome e nome, data di nascita, numero

Dettagli

Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT

Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT Pinza da coagulazione e da taglio Duo CLICKLINE sec. SHAWKI GYN 50-3 07/2014/EW-IT Introduzione Per eseguire un attenta dissezione nella maggior parte delle fasi operative in laparoscopia, si utilizza

Dettagli

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005

Manuale Applicativo. Vers. database tratt.: 221 REV 01. Copyright. Copyright 01/09/2005 Manuale Applicativo Vers. database tratt.: 221 REV 01 Copyright Copyright 01/09/2005 Lorenz Biotech S.p.A. Via Statale, 151/A 41036 MEDOLLA (MO) Tel.+39-0535-51714 Fax +39-0535-51398 e-mail: customer.service@lorenzbiotech.it

Dettagli

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche

Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche Le cardiopatie congenite La sindrome di Eisenmenger Cardiopatie congenite non cianotiche difetti del setto interatriale difetti del setto interventricolare pervietà del dotto arterioso stenosi aortica

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA. Approccio razionale dal territorio al PS INSUFFICIENZA RESPIRATORIA ACUTA Approccio razionale dal territorio al PS Dr. Giorgio Bonari 118 LIVORNO LA RESPIRAZIONE CO2 O2 LA RESPIRAZIONE 1) Pervietà delle vie aeree 2) Ventilazione 3) Scambio Alveolare

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971. Numero telefonico dell ufficio. Fax dell ufficio 079217088 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Pintus Francesco Data di nascita 01/11/1971 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio Dirigente Medico AZIENDA OSPEDALIERO UNIVERSITARIA DI SASSARI

Dettagli

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura

Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Lo spessore medio-intimale come marker di rischio cardiovascolare. Qual è il suo significato clinico e come si misura Michele Liscio Riassunto L ecocolordoppler dei vasi sovraortici (TSA) rappresenta un

Dettagli

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato

Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Modificazioni morfologiche della colonna vertebrale in calciatori professionisti in preparazione precampionato Dott.ssa Elisa Parri*, Prof. Mario Marella*, Dott.ssa Elena Castellini*, Dott. Matteo Levi

Dettagli

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port

Sommario IL PORT SOTTOCUTANEO. Che cos è? Come viene impiantato? DOVE VIENE POSIZIONATO IL PORT? L intervento L uso del Port Che cos è il Port? Le informazioni fornite in questo opuscolo vi aiuteranno a capire meglio che cosa sono i port e a trovare risposta ad alcuni quesiti riguardanti i port sottocutanei Bard Access. Sommario

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi.

L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA. Ci muoviamo insieme a voi. L A CLINICA SPECIALIZZ ATA IN CHIRURGIA ORTOPEDICA E MEDICINA SPORTIVA Ci muoviamo insieme a voi. PREMESSA LA ORTHOPÄDISCHE CHIRURGIE MÜNCHEN (OCM) È UN ISTITUTO MEDICO PRIVATO DEDICATO ESCLUSIVAMENTE

Dettagli

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20.

Giorni e orari A Torino: Lunedì e Venerdì dalle 9,20 alle 13,20 e dalle 16,00 alle 20,00 Mercoledì dalle 9,20 alle 13,20. Lo Studio Lo StudioFisiocenter del Dottor Marco Giudice è un team di professionisti che offre supporto e assistenza per la risoluzione di un ampia gamma di problemi fisici. Operano in ambito preventivo,

Dettagli

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1.

La scheda deve essere compilata dal medico Riabilitatore Respons abile del caso (e/o Borsista) Denominazione Struttura. Ospedale. UO 1. Allegato 4: scheda di rilevazione dat i della persona con lesione midollare La scheda deve essere compilata nei casi in cui la persona venga ricoverata in Unità Spinale o Centro di Riabilitazione in occasione

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale:

I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIFETTI SETTALI Classificazione dei difetti settali: I DIA si classificano in base alla sede che occupa il difetto formativo nel setto interatriale: DIA tipo Ostium Secundum, il più comune, con deficit

Dettagli

GESTIONE PORT VENOSO

GESTIONE PORT VENOSO GESTIONE PORT VENOSO Il port è un catetere venoso centrale appartenente alla famiglia dei dispositivi totalmente impiantabili composto da una capsula impiantata sottocute e da un catetere introdotto in

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE

1. LA RISPOSTA DELL'ORGANISMO ALLA MOVIMENTAZIONE REGIONE SICILIANA AZIENDA OSPEDALIERA CANNIZZARO DI RIFERIMENTO REGIONALE DI 3 LIVELLO PER L EMERGENZA Via Messina 829 95126 Catania SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE LINEE GUIDA PER LA PREVENZIONE

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE MOTORIE Educazione motoria preventiva ed adattata DISPENSA PER IL CORSO: GINNASTICA DI BASE COORDINAZIONE ESERCIZI A CORPO LIBERO STRETCHING A

Dettagli

In forma con la FASCIA ELASTICA

In forma con la FASCIA ELASTICA RICHIEDETE In forma con la FASCIA ELASTICA L O R I G L E I N A www.thera-band.de Istruzioni professionali per il Vostro allenamento quotidiano Astrid Buscher Charlotta Cumming Gesine Ratajczyk Indice

Dettagli

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è

Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000 L alta incidenza relativa di Emofilia A è Emofilia Malattia ereditaria X cromosomica recessiva A deficit del fatt VIII B deficit del fatt IX Il deficit del fatt VIII prevale (5 volte in più rispetto al IX) Prevalenza nel mondo è di 1:10000-1:50000

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3

1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 Piano di manutenzione della parte strutturale dell opera Pag. 1 SOMMARIO 1 MANUALE D USO...3 1.1 Descrizione e collocazione dell intervento...3 1.2 Modalità di uso corretto...3 2 MANUALE DI MANUTENZIONE...3

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione

E.O Ospedali Galliera Genova. PICC e MIDLINE Indicazioni per una corretta gestione E.O Ospedali Galliera Genova DIREZIONE SANITARIA Direttore Sanitario: Dott. Roberto Tramalloni S.S.D. CURE DOMICILIARI Dirigente Medico Responsabile Dott. Alberto Cella PICC e MIDLINE Indicazioni per una

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Microchirurgia apicale Parte I: Preparazione del paziente. Incisione e sollevamento atraumatico del lembo

Microchirurgia apicale Parte I: Preparazione del paziente. Incisione e sollevamento atraumatico del lembo L INFORMATORE ENDODONTICO Estratto dal Vol. 2 n 4, 1998 Microchirurgia apicale Parte I: Preparazione del paziente. Incisione e sollevamento atraumatico del lembo JOHN J. STROPKO, DDS IL TRIDENTE EDIZIONI

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore.

Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore. Tecnica chirurgica Axon. Sistema d impianto con caricamento dall alto per la stabilizzazione posteriore della colonna cervicale e toracica superiore. Sommario Principi AO ASIF 4 Indicazioni e controindicazioni

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione:

SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2. Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: IT SISTEMA DI CHIODI PER ARTRODESI DELLA CAVIGLIA VALOR 141906-2 Le seguenti lingue sono incluse in questa confezione: English (en) Deutsch (de) Nederlands (nl) Français (fr) Español (es) Italiano (it)

Dettagli