Archivio questiti per OSTETRICHE Pag. 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Archivio questiti per OSTETRICHE Pag. 1"

Transcript

1 Archivio questiti per OSTETRICHE Pag. 1 1 IN QUALI DEI SEGUENTI AMBITI VIENE SUDDIVISA LA RESPONSABILITÀ PROFESSIONALE? A) Penale - civile - disciplinare Penale amministrativo tecnico Amministrativo tecnico- civile 2 CHE COSA E UN PIANO DI ASSISTENZA? A) E un elemento dell assistenza E uno strumento fondamentale del processo assistenziale che contiene: la raccolta dati, l'analisi dei problemi, gli interventi da mettere in atto e la valutazione dell'assistenza per ogni paziente/cliente E una modalità operativa finalizzata alla buona assistenza 3 QUAL'È LA STRUTTURA DEPUTATA ALL'ORGANIZZAZIONE DELL'ASSISTENZA INFERMIERISTICA DEL PAZIENTE? A) Il Dipartimento di Prevenzione Il Controllo di gestione Il Servizio delle Professioni Sanitarie 4 CHE NOME POSSIAMO ATTRIBUIRE AD UNA UNITÀ ORGANIZZATIVA PER AREE OMOGENEE IL CUI FINE È LA GESTIONE DELLA COMPLESSITÀ CLINICA E ASSISTENZIALE? A) Distretto Ospedale di comunità Dipartimento 5 QUAL'È L'ARTICOLAZIONE ORGANIZZATIVA UTILIZZATA DALL'AZIENDA SANITARIA LOCALE PER GARANTIRE L'ADI, L ASSISTENZA NELLE RSA, L ASSISTENZA SPECIALISTICA ECC. NEL TERRITORIO? A) Il dipartimento di area critica Il distretto Il consiglio delle professioni sanitarie 6 QUALI SONO TUTTE LE FASI DEL PROCESSO ASSISTENZIALE? A) La fase informativa e organizzativa La fase informativa, organizzativa ed esecutiva La fase informativa, organizzativa, esecutiva, valutativa 7 IN AMBITO SANITARIO IL CODICE DEONTOLOGICO È: A) Un documento che riguarda le regole di condotta professionale esclusivamente dei medici Un documento che riguarda le regole di condotta professionale di tutti gli operatori sanitari Un documento che riguarda le regole di condotta professionale esclusivamente degli infermieri 8 IL DIRIGENTE MEDICO NON DIRETTORE DELLA STRUTTURA: A) Può esercitare il potere disciplinare Non può esercitare il potere disciplinare se è presente il Direttore della Struttura Può esercitare il potere disciplinare solo in presenza del Capo Sala 9 NELL AMBITO DI UN PROCEDIMENTO DISCIPLINARE, IN CASO DI TRASFERIMENTO DEL DIPENDENTE, A QUALUNQUE TITOLO, IN UN'ALTRA AMMINISTRAZIONE PUBBLICA, LA SANZIONE: A) E'applicata presso quest'ultima Non si può più applicare È trasformata in una ammenda 10 NELL AMBITO DI UN PROCEDIMENTO DISCIPLINARE, IN CASO DI DIMISSIONI DEL DIPENDENTE, SE PER L'INFRAZIONE COMMESSA È PREVISTA LA SANZIONE DEL LICENZIAMENTO IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE: A) Non ha più corso Ha egualmente corso Si prescrive 11 NELL AMBITO DEL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COLUI CHE RENDE DICHIARAZIONI FALSE O RETICENTI: A) È soggetto a sanzioni È soggetto a sanzioni esclusivamente se si tratta di diffamazione Non è soggetto a sanzioni se è in pericolo di licenziamento 12 AI SENSI DELLA COSTITUZIONE ITALIANA LA TUTELA DELLA SALUTE: A) È diritto dell'individuo e interesse della collettività È diritto assoluto dell individuo e della collettività È interesse dell individuo e diritto della collettività 13 IL DIRETTORE GENERALE DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE È: A) Componente di diritto del collegio sindacale della ASL Dipendente a tempo indeterminato della ASL stessa Organo della ASL

2 Archivio questiti per OSTETRICHE Pag IL DIRETTORE GENERALE DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE È RESPONSABILE: A) Della gestione complessiva dell azienda Per le omissioni penalmente rilevanti dei suoi più stretti collaboratori Dell esito dei ricoveri ospedalieri 15 IL DIRETTORE GENERALE DELL AZIENDA SANITARIA LOCALE NON PUÒ: A) Essere dipendente a tempo indeterminato di qualsiasi ASL Essere dipendente a tempo indeterminato della ASL stessa Essere un libero professionista 16 LE ASL SONO DOTATE DI: A) Personalità giuridica pubblica e autonomia imprenditoriale Personalità fisica e giuridica allo stesso tempo Personalità giuridica privata e autonomia imprenditoriale 17 IL DIRETTORE SANITARIO: A) Nomina i direttori dei servizi sanitari Dirige i servizi sanitari ai fini organizzativi ed igienico-sanitari Non può partecipare alle riunioni del consiglio dei sanitari 18 IL DISTRETTO: A) Assicura i servizi di assistenza primaria Eroga, a carico del servizio sanitario regionale, le prestazioni non ricomprese nei LEA Non garantisce servizi di assistenza primaria ai cittadini esenti dal ticket sanitario 19 NELL'AMBITO DELLE RISORSE ASSEGNATE, IL DISTRETTO: A) Non è dotato di autonomia economico-finanziaria È dotato di autonomia tecnico-gestionale ed economico-finanziaria Non è dotato di autonomia tecnico-gestionale 20 L'ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO DEVE GARANTIRE: A) L'assistenza primaria, ivi compresa la continuità assistenziale L assistenza sociale L assistenza ospedaliera 21 IL DIRETTORE DEL DISTRETTO: A) Realizza le indicazioni della direzione aziendale È autonomo nella realizzazione degli obiettivi definiti delle norme nazionali e regionali Realizza le indicazioni della Giunta regionale a cui risponde direttamente 22 IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE: A) È struttura operativa dell'azienda sanitaria locale È una struttura dotata di personalità giuridica privata ed autonomia imprenditoriale È una struttura dotata di personalità fisica pubblica ed autonomia imprenditoriale 23 LA LEGGE REGIONALE N. 10/2006 E SMI STABILISCE CHE IL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE DELLA SARDEGNA: A) Assicura, nell'ambito del servizio sanitario nazionale, la tutela della salute come diritto fondamentale della persona e interesse della collettività Promuove tutte le iniziative di tutela della salute a garanzia dei cittadini della Sardegna Garantisce la salute e la sicurezza sociale nel territorio della Sardegna 24 LA LEGGE REGIONALE N. 10/2006 E SMI STABILISCE CHE LA REGIONE SARDEGNA ASSICURA I LIVELLI ESSENZIALI E UNIFORMI DI ASSISTENZA: A) Garantiti sull'intero territorio regionale e finanziati con risorse pubbliche Garantiti sull'intero territorio nazionale e con finanziamenti pubblici e privati Garantiti sull'intero territorio della ASL di competenza e finanziati con risorse pubbliche e ticket a carico dei pazienti 25 LA LEGGE REGIONALE SARDA N. 10/2006 E SMI STABILISCE CHE IL PIANO REGIONALE DEI SERVIZI SANITARI: A) Ha durata triennale Individua le risorse finanziarie annuali volte a garantire l assistenza sanitaria su tutto il territorio regionale Indica gli obiettivi annuali per le aziende sanitarie della regione 26 L ACQUISIZIONE DELLA CAPACITÀ FECONDANTE DELLO SPERMATOZOO È DETTA: A) Captazione Capacitazione Fertilizzazione

3 Archivio questiti per OSTETRICHE Pag DOPO QUANTI GIORNI DALLA FECONDAZIONE AVVIENE L ANNIDAMENTO DELL EMBRIONE? A) 3-4 giorni 7-8 giorni LA FUNZIONE NUTRITIVA DELLA PLACENTA CONSISTE: A) Nella produzione di proteine, peptidi ed ormoni steroidi Nell assunzione da parte del sangue fetale di tutti i principi nutritivi e dell O2 presenti in quello materno Nella capacità di trattenere germi patogeni 29 LA FUNZIONE PROTETTIVA DELLA PLACENTA CONSISTE: A) nella produzione di proteine, peptidi ed ormoni steroidi nella capacità di trattenere germi patogeni nell assunzione da parte del sangue fetale di tutti i principi nutritivi e dell O2 presenti in quello materno 30 LA FUNZIONE ENDOCRINA DELLA PLACENTA CONSISTE: A) Nell assunzione da parte del sangue fetale di tutti i principi nutritivi e dell O2 presenti in quello materno Nella capacità di trattenere germi patogeni Nella produzione di proteine, peptidi ed ormoni steroidi 31 IL CORDONE OMBELICALE, HA UNA LUNGHEZZA DI CIRCA: A) 30 cm 50 cm 70 cm 32 A FINE GRAVIDANZA, IL LIQUIDO AMNIOTICO SI AGGIRA INTORNO A: A) Oltre 2000 ml ml ml 33 IL PERIODO PREEMBRIONALE: A) Dura 2 settimane Dura 4 settimane Dura 9 settimane 34 IL PERIODO EMBRIONALE VA: A) Dalla nona alla trentottesima settimana di sviluppo Dalla terza all ottava settimana di sviluppo Dalla prima alla seconda settimana di sviluppo 35 IL PERIODO FETALE VA: A) Dalla prima alla seconda settimana di sviluppo Dalla terza all ottava settimana di sviluppo Dalla nona alla trentottesima settimana di sviluppo 36 IN GRAVIDANZA, I FENOMENI SIMPATICI E LA COMPARSA DI ZONE DI IPERCROMIA CUTANEA SONO: A) Segni di certezza Segni di probabilità Segni di presunzione 37 IN GRAVIDANZA, LA SOSPENSIONE DEL FLUSSO MESTRUALE E L AUMENTO DEL VOLUME DELL UTERO SONO: A) Segni di presunzione Segni di probabilità Segni di certezza 38 IN GRAVIDANZA, LA PERCEZIONE DEI MOVIMENTI ATTIVI DEL FETO E LA RILEVAZIONE DEL BATTITO CARDIACO FETALE SONO: A) Segni di presunzione Segni di probabilità Segni di certezza 39 LA PRIMA MANOVRA DI LEOPOLD HA LO SCOPO DI: A) Determinare il rapporto tra la parte presentata ed il bacino Determinare la posizione del dorso e delle piccole parti fetali Delimitare l altezza del fondo uterino 40 LA SECONDA MANOVRA DI LEOPOLD HA LO SCOPO DI: A) Determinare il rapporto tra la parte presentata ed il bacino Determinare la posizione del dorso e delle piccole parti fetali Delimitare l altezza del fondo uterino

4 Archivio questiti per OSTETRICHE Pag LA TERZA MANOVRA DI LEOPOLD HA LO SCOPO DI: A) Identificare la grossa parte fetale che si trova al di sopra dell ingresso pelvico Determinare il rapporto tra la parte presentata ed il bacino Determinare la posizione del dorso e delle piccole parti fetali 42 LA QUARTA MANOVRA DI LEOPOLD HA LO SCOPO DI: A) Identificare la grossa parte fetale che si trova al di sopra dell ingresso pelvico Determinare il rapporto tra la parte presentata ed il bacino Determinare la posizione del dorso e delle piccole parti fetali 43 LO STETOSCOPIO OSTETRICO DI PINARD, PERMETTE L ASCOLTAZIONE DEL BATTITO CARDIACO FETALE (BCF) A PARTIRE DALLA: A) settimana di gestazione settimana di gestazione settimana di gestazione 44 IL RILEVATORE AD ULTRASUONI (EFFETTO DOPPLER), PERMETTE L ASCOLTAZIONE DEL BATTITO CARDIACO FETALE (BCF) A PARTIRE DALLA: A) settimana di gestazione settimana di gestazione settimana di gestazione 45 IL CARDIOTOCOGRAFO VIENE UTILIZZATO PER: A) La registrazione contemporanea della frequenza cardiaca materna e delle contrazioni uterine La registrazione contemporanea della frequenza cardiaca materna e della frequenza cardiaca fetale La registrazione contemporanea della frequenza cardiaca fetale e delle contrazioni uterine 46 LE MODIFICAZIONI DEL COLLO UTERINO, DELLA VAGINA, DEL PERINEO E DELLA VULVA, SONO DETTE: A) Fenomeni materni o dinamici Fenomeni materno fetali o meccanici Fenomeni fetali o plastici 47 LE MODIFICAZIONI DEI RAPPORTI TRA IL CORPO MOBILE ED IL CANALE DEL PARTO, SONO DETTE: A) Fenomeni materni o dinamici Fenomeni materno fetali o meccanici Fenomeni fetali o plastici 48 LE MODIFICAZIONI DI FORMA E DI VOLUME A CUI VA INCONTRO LA PARTE PRESENTATA NEL SUO PASSAGGIO NEL CANALE DEL PARTO, SONO DETTE: A) Fenomeni materni o dinamici Fenomeni materno fetali o meccanici Fenomeni fetali o plastici 49 L ESPANSIONE DEL SEGMENTO UTERINO INFERIORE, IL RACCORCIAMENTO E LA SCOMPARSA DEL COLLO DELL UTERO, LA FORMAZIONE DELLA BORSA AMNIO CORIALE SONO: A) Fenomeni dinamici o materni Fenomeni meccanici o materno - fetali Fenomeni plastici o fetali 50 RIDUZIONE, PROGRESSIONE, ROTAZIONE INTERNA SONO: A) Fenomeni dinamici o materni Fenomeni meccanici o materno fetali Fenomeni plastici o fetali 51 LE MODIFICAZIONI PLASTICHE DELLA PARTE PRESENTATA ED I TUMORI DA PARTO SONO: A) Fenomeni dinamici o materni Fenomeni meccanici o materno fetali Fenomeni plastici o fetali 52 PER RIDUZIONE DELLA PARTE PRESENTATA SI INTENDE: A) Il tempo nel quale la parte presentata avanza lungo il canale del parto sotto l azione della forza Il fenomeno per il quale la parte presentata adatta i suoi diametri a quelli dell ingresso pelvico Il tempo durante il quale avviene il passaggio della maggiore conferenza della parte presentata al di là del piano dello stretto superiore 53 PER IMPEGNO DELLA PARTE PRESENTATA SI INTENDE: A) Il tempo nel quale la parte presentata avanza lungo il canale del parto sotto l azione della forza Il tempo nel quale la parte presentata adatta i suoi diametri a quelli dell ingresso pelvico Il meccanismo attraverso il quale avviene il passaggio della maggiore conferenza della parte presentata al di là del piano dello stretto superiore

5 Archivio questiti per OSTETRICHE Pag PER PROGRESSIONE DELLA PARTE PRESENTATA SI INTENDE: A) Il tempo nel quale la parte presentata adatta i suoi diametri a quelli dell ingresso pelvico Il tempo nel quale la parte presentata avanza lungo il canale del parto sotto l azione della forza Il tempo nel quale avviene il passaggio della maggiore conferenza della parte presentata al di là del piano dello stretto superiore 55 PER ROTAZIONE INTERNA DELLA PARTE PRESENTATA SI INTENDE: A) Il tempo nel quale la parte presentata dispone il suo diametro più lungo (sottoccipito - bregmatico), nella stessa direzione del diametro antero posteriore del canale del parto Il tempo nel quale la parte presentata supera il piano perineale e l anello vulvare ed esce al di fuori del canale del parto Il tempo nel quale la parte presentata, già espulsa, compie una rotazione contraria a quella compiuta durante la rotazione interna 56 PER DISIMPEGNO DELLA PARTE PRESENTATA SI INTENDE: A) Il tempo nel quale la parte presentata supera il piano perineale e l anello vulvare ed esce al di fuori del canale del parto Il tempo nel quale la parte presentata dispone il suo diametro più lungo (sottoccipito - bregmatico), nella stessa direzione del diametro antero posteriore del canale del parto Il tempo nel quale la parte presentata, già espulsa, compie una rotazione contraria a quella compiuta durante la rotazione interna 57 PER ROTAZIONE ESTERNA O RESTITUZIONE DELLA PARTE PRESENTATA SI INTENDE: A) Il tempo nel quale la parte presentata dispone il suo diametro più lungo (sottoccipito - bregmatico), nella stessa direzione del diametro antero posteriore del canale del parto Il tempo nel quale la parte presentata supera il piano perineale e l anello vulvare ed esce al di fuori del canale del parto Il tempo nel quale la parte presentata, già espulsa, compie una rotazione contraria a quella compiuta durante la rotazione interna 58 I FENOMENI MECCANICI DEL PARTO SI COMPIONO: A) In 4 tempi: Riduzione, Rotazione interna, Rotazione esterna o restituzione, Espulsione totale del feto In 6 tempi: Riduzione, Progressione, Rotazione interna, Disimpegno della parte presentata, Rotazione esterna o restituzione, Espulsione totale del feto In 8 tempi: Preparazione, Riduzione, Impegno, Progressione, Rotazione interna, Disimpegno della parte presentata, Rotazione esterna o restituzione, Espulsione totale del feto 59 QUAL È L INDICE FETALE NELLA PRESENTAZIONE DI VERTICE? A) La piccola fontanella La radice del naso La grande fontanella 60 QUAL È L INDICE FETALE NELLA PRESENTAZIONE DI BREGMA? A) La piccola fontanella La grande fontanella La radice del naso 61 QUAL È L INDICE FETALE NELLA PRESENTAZIONE DI FRONTE? A) La piccola fontanella La grande fontanella La radice del naso 62 QUAL È L INDICE FETALE NELLA PRESENTAZIONE DI FACCIA? A) La radice del naso La grande fontanella Il mento 63 QUAL È L INDICE FETALE NELLA PRESENTAZIONE DI SPALLA? A) La piccola fontanella L acromion La grande fontanella 64 QUAL È L INDICE FETALE NELLA PRESENTAZIONE PODALICA? A) L osso sacro La grande fontanella L acromion

6 Archivio questiti per OSTETRICHE Pag PER SITUAZIONE SI INTENDE: A) Il rapporto tra la prima grossa parte fetale (parte presentata) e lo stretto superiore del bacino Il rapporto tra il maggiore asse del corpo fetale ed il maggiore asse della cavità uterina Il rapporto dell indice della parte presentata e la sua maggiore conferenza con i vari piani del canale del parto 66 PER PRESENTAZIONE SI INTENDE: A) Il rapporto tra la prima grossa parte fetale (parte presentata) e lo stretto superiore del bacino Il rapporto tra il maggiore asse del corpo fetale ed il maggiore asse della cavità uterina Il rapporto che l indice della parte presentata fetale assume con gli indici materni 67 PER POSIZIONE SI INTENDE: A) Il rapporto tra la prima grossa parte fetale (parte presentata) e lo stretto superiore del bacino Il rapporto tra il maggiore asse del corpo fetale ed il maggiore asse della cavità uterina Il rapporto che l indice della parte presentata fetale assume con gli indici materni 68 PER LIVELLO DELLA PARTE PRESENTATA SI INTENDE: A) Il rapporto tra la prima grossa parte fetale (parte presentata) e lo stretto superiore del bacino Il rapporto tra il maggiore asse del corpo fetale ed il maggiore asse della cavità uterina Il rapporto dell indice della parte presentata e la sua maggiore conferenza con i vari piani del canale del parto 69 L ATTEGGIAMENTO È DATO: A) Dai rapporti che le parti fetali assumono tra loro Dal rapporto tra la prima grossa parte fetale e l ingresso pelvico Dal rapporto tra l indice della parte presentata fetale e gli indici materni 70 QUAL È IL MAGGIOR DIAMETRO DELLA TESTA FETALE? A) Diametro occipito - frontale Diametro occipito mentoniero Diametro sottoccipito - bregmatico 71 QUAL È IL MINOR DIAMETRO DELLA TESTA FETALE? A) Diametro occipito - mentoniero Diametro occipito - frontale Diametro sottoccipito - bregmatico 72 IN UNA GRAVIDANZA FISIOLOGICA, MEDIAMENTE, L AUMENTO DEL PESO CORPOREO MATERNO È COMPRESO TRA: A) 8-10 Kg Kg Kg 73 TRA LE SEGUENTI METODICHE DI DIAGNOSI PRENATALE QUELLA CHE VIENE ESEGUITA AD EPOCA GESTAZIONALE PIÙ PRECOCE È: A) L Amniocentesi La Funicolocentesi Il Prelievo dei villi coriali 74 PER POLIDRAMNIOS SI INTENDE: A) L assenza di liquido amniotico L aumento del volume del liquido amniotico La diminuzione del volume di liquido amniotico 75 PER OLIGOIDRAMNIOS SI INTENDE: A) L assenza di liquido amniotico L aumento del volume del liquido amniotico La diminuzione del volume di liquido amniotico 76 PER ANIDRAMNIOS SI INTENDE: A) L assenza di liquido amniotico La diminuzione del volume di liquido amniotico L aumento del volume del liquido amniotico 77 IL PUERPERIO HA UNA DURATA DI CIRCA: A) 6-8 settimane 4-6 settimane 8-10 settimane 78 LA SORVEGLIANZA DURANTE IL POST PARTUM È DI A) 4 ore 2 ore 6 ore

7 Archivio questiti per OSTETRICHE Pag DURANTE IL TRAVAGLIO, SI HA LA DILATAZIONE COMPLETA DEL COLLO DELL UTERO QUANDO SI RAGGIUNGONO: A) 8 cm 10 cm 12 cm 80 LA ROTTURA SPONTANEA DELLE MEMBRANE SI DICE TEMPESTIVA SE AVVIENE QUANDO: A) L attività contrattile tipica del travaglio ha già avuto inizio La dilatazione è incompleta La dilatazione è completa 81 LA ROTTURA SPONTANEA DELLE MEMBRANE SI DICE INTEMPESTIVA SE AVVIENE QUANDO: A) La dilatazione è completa La dilatazione è incompleta L attività contrattile tipica del travaglio ha già avuto inizio 82 LA ROTTURA SPONTANEA DELLE MEMBRANE SI DICE PREMATURA SE AVVIENE: A) Prima dell inizio delle contrazioni Durante la fase espulsiva o alla nascita Quando l attività contrattile tipica del travaglio ha già avuto inizio 83 LA ROTTURA SPONTANEA DELLE MEMBRANE SI DICE PRECOCE SE AVVIENE: A) Quando l attività contrattile tipica del travaglio ha già avuto inizio Durante la fase espulsiva o alla nascita Prima dell inizio delle contrazioni 84 LA ROTTURA SPONTANEA DELLE MEMBRANE SI DICE RITARDATA SE AVVIENE: A) Quando l attività contrattile tipica del travaglio ha già avuto inizio Durante la fase espulsiva o alla nascita Prima dell inizio delle contrazioni 85 LA ROTTURA ARTIFICIALE DELLE MEMBRANE È DETTA: A) Amnioressi Amniocentesi Amnioscopia 86 IL PRELIEVO TRANS ADDOMINALE DEL LIQUIDO AMNIOTICO È DETTO: A) Amnioscopia Amniocentesi Amnioressi 87 L ESAME DIAGNOSTICO DEL LIQUIDO AMNIOTICO, CHE VIENE VISUALIZZATO A LIVELLO DEL COLLO DELL'UTERO, È DETTO: A) Amniocentesi Amnioressi Amnioscopia 88 LA SEQUENZA CRONOLOGICA DEGLI STADI (PERIODI) DEL PARTO È: A) Periodo dilatante, periodo del secondamento, periodo prodromico, periodo espulsivo Periodo prodromico, periodo dilatante, periodo espulsivo, periodo del secondamento Periodo del secondamento, periodo prodromico, periodo dilatante, periodo espulsivo 89 IL SECONDAMENTO È: A) Periodo di tempo che intercorre dalla fine del parto al ritorno alle condizioni preesistenti alla gestazione Periodo in cui si verificano il distacco e l espulsione della placenta Periodo di emostasi funzionale uterina 90 IL POST PARTUM È: A) Periodo di tempo che intercorre dalla fine del parto al ritorno alle condizioni preesistenti alla gestazione Periodo in cui si verificano il distacco e l espulsione della placenta La fase più precoce del puerperio, ovvero le prime due ore successive al secondamento 91 LE PERDITE VAGINALI PRESENTI NEL PUERPERIO, VENGONO DENOMINATE: A) Perdite emorragiche Perdite metrorragiche Lochiazioni 92 LA EIEZIONE DEL LATTE: A) È caratterizzata da un insieme di fenomeni che corrispondono alla sintesi del latte È generata dalla stimolazione fisiologica della lattopoiesi È caratterizzata dalla espulsione lattea

8 Archivio questiti per OSTETRICHE Pag UNA DONNA CHE HA PARTORITO UNA SOLA VOLTA UNO O PIÙ FETI IN GRADO DI SOPRAVVIVERE È DETTA: A) Multipara Primipara Partoriente 94 UNA DONNA CHE HA AVUTO DUE O PIÙ GRAVIDANZE PORTATE AL LIMITE DELLA SOPRAVVIVENZA DEL FETO È DETTA: A) Multipara Primipara Partoriente 95 UNA DONNA CHE È IN TRAVAGLIO DI PARTO È DETTA: A) Primipara Multipara Partoriente 96 UNA DONNA CHE NON È MAI RIMASTA GRAVIDA È DETTA: A) Nullipara Nulligravida Puerpera 97 UNA DONNA CHE NON HA MAI PARTORITO È DETTA: A) Nulligravida Nullipara Puerpera 98 UNA DONNA CHE HA PARTORITO DA POCO TEMPO È DETTA: A) Puerpera Nulligravida Nullipara 99 L ESAME DEL BACINO CON CUI SI DETERMINANO LE DIMENSIONI DELLA PELVI È DENOMINATO: A) Partogramma Pelvimetria Cardiotocografia 100 DURANTE IL TRAVAGLIO, IL GRAFICO SUL QUALE VENGONO PERIODICAMENTE E REGOLARMENTE REGISTRATI I PARAMETRI RELATIVI AI FENOMENI DINAMICI E MECCANICI È DETTO: A) Cardiotocografia Pelvimetria Partogramma 101 NELLA PRESENTAZIONE CEFALICA, IL BATTITO CARDIACO FETALE SI RILEVA AL LIVELLO: A) Della metà inferiore dell utero Della metà superiore dell utero Del piano equatoriale dell utero 102 NELLA PRESENTAZIONE PODALICA, IL BATTITO CARDIACO FETALE SI RILEVA AL LIVELLO: A) Del piano equatoriale dell utero Della metà superiore dell utero Della metà inferiore dell utero 103 NELLA SITUAZIONE TRASVERSA, IL BATTITO CARDIACO FETALE SI RILEVA AL LIVELLO: A) Della metà inferiore dell utero Della metà superiore dell utero Del piano equatoriale dell utero 104 LE CONTRAZIONI DI BRAXTON HICKS SI MANIFESTANO: A) Durante il secondamento Durante il periodo espulsivo Nelle ultime settimane di gravidanza 105 PER TONO DELLA CONTRAZIONE UTERINA SI INTENDE: A) La pressione intrauterina più bassa esistente nell intervallo tra le contrazioni La differenza tra la pressione massima all acme della contrazione ed il tono basale Il numero delle contrazioni nell unità di tempo 106 PER INTENSITÀ DELLA CONTRAZIONE UTERINA SI INTENDE: A) La pressione intrauterina più bassa esistente nell intervallo tra le contrazioni La differenza tra la pressione massima all acme della contrazione ed il tono basale Il numero delle contrazioni nell unità di tempo

9 Archivio questiti per OSTETRICHE Pag PER FREQUENZA DELLA CONTRAZIONE UTERINA SI INTENDE: A) La pressione intrauterina più bassa esistente nell intervallo tra le contrazioni La differenza tra la pressione massima all acme della contrazione ed il tono basale Il numero delle contrazioni nell unità di tempo 108 LA MANOVRA DI CREDÈ, VIENE UTILIZZATA: A) Durante il parto Durante il secondamento Durante il puerperio 109 IL LATTE PRODOTTO I PRIMI GIORNI DOPO IL PARTO È DETTO: A) Colostro Primo latte o latte iniziale Ultimo latte o latte terminale 110 IL LATTE PRODOTTO ALL INIZIO DELLA POPPATA È DETTO: A) Primo latte o latte iniziale Colostro Ultimo latte o latte terminale 111 IL LATTE PRODOTTO ALLA FINE DELLA POPPATA È DETTO: A) Primo latte o latte iniziale Colostro Ultimo latte o latte terminale 112 IL PARTO VIENE DEFINITO EUTOCICO QUANDO: A) Si hanno ostacoli al suo andamento o complicanze che mettono in pericolo la vita della madre e del feto Si verifica con le sole forze naturali e con l assenza di anomalie o rischi per la partoriente e per il feto Viene espletato per via vaginale mediante l ausilio di strumenti quali ventosa, forcipe o mediante taglio cesareo 113 IL PARTO VIENE DEFINITO DISTOCICO QUANDO: A) Si hanno ostacoli al suo andamento o complicanze che mettono in pericolo la vita della madre e del feto Si verifica con le sole forze naturali e con l assenza di anomalie o rischi per la partoriente e per il feto Viene espletato per via vaginale mediante l ausilio di strumenti quali ventosa, forcipe o mediante taglio cesareo 114 IL PARTO VIENE DEFINITO STRUMENTALE OPERATIVO QUANDO: A) Si hanno ostacoli al suo andamento o complicanze che mettono in pericolo la vita della madre e del feto Si verifica con le sole forze naturali e con l assenza di anomalie o rischi per la partoriente e per il feto Viene espletato per via vaginale mediante l ausilio di strumenti quali ventosa, forcipe o mediante taglio cesareo 115 IL PARTO VIENE DEFINITO PROVOCATO (INDOTTO) QUANDO: A) Per cause materne e/o fetali si ricorre ad aiuto esterno (PG, amnioressi, ossitocina), con lo scopo di stimolare l'inizio del travaglio Se inizia, decorre e si espleta in modo naturale e autonomo senza alcun intervento Viene espletato per via vaginale mediante l ausilio di strumenti quali ventosa, forcipe o mediante taglio cesareo 116 IL PARTO VIENE DEFINITO SEMPLICE QUANDO: A) Si verifica con le sole forze naturali e con l assenza di anomalie o rischi per la partoriente e per il feto Viene partorito un unico feto È talmente rapido da impedire che la madre possa essere assistita 117 IL PARTO VIENE DEFINITO MULTIPLO QUANDO: A) Viene espletato per via vaginale mediante l ausilio di strumenti quali ventosa, forcipe o mediante taglio cesareo Vengono partorito più feti Il travaglio viene provocato artificialmente con farmaci o mediante amnioressi 118 IL PARTO VIENE DETTO A TERMINE SE SI VERIFICA: A) Dalla 37esima settimana compiuta alla 42esima settimana compiuta Oltre la 42esima settimana compiuta Prima della 37esima settimana compiuta 119 IL PARTO VIENE DETTO POST TERMINE SE SI VERIFICA: A) Dalla 37esima settimana alla 42esima settimana compiuta Oltre la 42esima settimana compiuta Prima della 37esima settimana compiuta 120 IL PARTO VIENE DETTO PRETERMINE SE SI VERIFICA: A) Dalla 37esima settimana alla 42esima settimana compiuta Oltre la 42esima settimana compiuta Prima della 37esima settimana completa

10 Archivio questiti per OSTETRICHE Pag A CHE ETÀ IL CICLO MESTRUALE TENDE AD AVERE CARATTERISTICHE IRREGOLARI? A) Primi due anni dopo il menarca e nei tre anni che precedono la menopausa Prima della menopausa Primi tre anni dopo il menarca 122 LA DURATA MEDIA DI UN CICLO MESTRUALE È DI CIRCA: A) 28 giorni +/ - 7 giorni 30 giorni + / - 2 giorni 25 giorni + / - 5 giorni 123 L'ESTROGENO È UNO DEGLI ORMONI CHE CARATTERIZZANO IL CICLO MESTRUALE, IN QUALE FASE È PREVALENTE? A) Fase mestruale Fase luteinica Fase follicolare 124 IL PROGESTERONE È UNO DEGLI ORMONI CHE CARATTERIZZANO IL CICLO MESTRUALE, IN QUALE FASE È PREVALENTE? A) In fase luteinica In fase follicolare In fase mestruale 125 QUALI SONO GLI ORMONI CHE CARATTERIZZANO IL CICLO MESTRUALE? A) Progesterone e prolattina Estrogeno e ossitocina Progesterone e estrogeno 126 SI PARLA DI POLIMENORREA QUANDO? A) L'intervallo di tempo tra una mestruazione e quella successiva è inferiore a 20 giorni L'intervallo di tempo tra una mestruazione e quella successiva è inferiore a 25 giorni L'intervallo di tempo tra una mestruazione e quella successiva è inferiore a 15 giorni 127 SI PARLA DI OLIGOMENORREA QUANDO: A) L'intervallo di tempo tra una mestruazione e quella successiva è superiore a 32 giorni L'intervallo di tempo tra una mestruazione e quella successiva è superiore a 36 giorni L'intervallo di tempo tra una mestruazione e quella successiva è superiore a 40 giorni 128 SI PARLA DI AMENORREA PRIMARIA QUANDO: A) Il menarca non è ancora comparso all età di 18 anni Il menarca non è ancora comparso all età di 16 anni il menarca non è ancora comparso all età di 20 anni 129 SI PARLA DI AMENORREA SECONDARIA QUANDO: A) Dopo un periodo di flussi più o meno regolari vi è la scomparsa delle mestruazioni per almeno 3 mesi Dopo un periodo di flussi più o meno regolari vi è la scomparsa delle mestruazioni per almeno 6 mesi Dopo un periodo di flussi più o meno regolari vi è la scomparsa delle mestruazioni per almeno 12 mesi 130 SI PARLA DI IPOMENORREA QUANDO: A) La perdita ematica mestruale è inferiore a 20 ml La perdita ematica mestruale è inferiore a 50 ml La perdita ematica mestruale è inferiore a 80 ml 131 SI PARLA DI IPERMENORREA QUANDO: A) La perdita ematica supera i 100 ml La perdita ematica supera gli 80 ml La perdita ematica supera i 120 ml 132 SI PARLA DI MENORRAGIA QUANDO: A) La mestruazione è molto abbondante e/o di durata superiore alla norma La mestruazione è scarsa La mestruazione è irregolare 133 SI PARLA DI METRORAGGIA QUANDO: A) La perdita ematica abbondante compare nel periodo intermestruale La perdita ematica supera i 200 ml La perdita ematica abbondante compare durante le mestruazioni 134 SI PARLA DI MENOMETRORRAGIA QUANDO: A) Vi è una mestruazione molto abbondante che si prolunga anche nel periodo intermestruale Vi è una mestruazione dolorosa Vi una mestruazione scarsa

11 Archivio questiti per OSTETRICHE Pag SI PARLA DI SPOOTING QUANDO: A) La perdita ematica intermestruale è di scarsa entità Si ha la luecorrea Si ha una vaginite 136 LE AMENORREE DA PRESENZA DI ADENOMI PROLATTINO SECERNENTI SONO CARATTERIZZATI DA: A) Alti livelli di progesterone Alti livelli di prolattina Alti livelli di estrogeno e progesterone 137 LE ALTERAZIONI MESTRUALI DA IPERPROLATTINEMIA POSSONO CAUSARE: A) Mestruazioni molto scarse Ipermenorrea Anovulazione 138 L ACNE E L IRSUTISMO POSSONO ESSERE DOVUTI ALL AUMENTATA PRODUZIONE DI QUALE ORMONE? A) Androgeno Progesterone Estrogeno 139 L IRSUTISMO IDIOPATICO DA QUALE ORMONE È DIPENDENTE? A) Tiroideo Androgeno Progesterone 140 L IRSUTISMO IATROGENICO A SEGUITO DELL ASSUNZIONE DI QUALI FARMACI VIENE ASSOCIATO? A) Ormoni androgeni, anabolizzanti, progestinici Estrogeni Cortisonici 141 COSA SI INTENDE CON IL TERMINE CLIMATERIO? A) Periodo di vita della donna in cui si perde progressivamente la capacità riproduttiva Periodo di vita della donna in cui scompaiono le mestruazioni Periodo di vita della donna in cui comincia l invecchiamento 142 QUALI SONO LE STRUTTURE NERVOSE ED ENDOCRINE CHE COMPONGONO L ASSE RIPRODUTTIVO? A) Corteccia celebrale ipotalamo ipofisi gonadi Ipotalamo ipofisi gonadi Ipotalamo ipofisi tiroide 143 QUALE PORZIONE DELL IPOFISI CONTROLLA LA FUNZIONE OVARICA? A) La porzione anteriore (adenoipofisi) La porzione midollare La porzione posteriore 144 QUALE GONADOTROPINA SVOLGE UN RUOLO PREDOMINANTE NELLA FASE FOLLICOLARE DEL CICLO MESTRUALE? A) FSH Estradiolo LH 145 QUALE GONADOTROPINA SVOLGE UN RUOLO PREDOMINANTE NELLA FASE LUTEALE DEL CICLO MESTRUALE? A) FSH LH Progesterone 146 LE INTERAZIONI ORMONALI DEL PERIODO PREPUBERALE DELLA RAGAZZA COMPORTANO DELLE MODIFICAZIONI DELL ASPETTO CORPOREO, QUALI SONO? A) Crescita staturale, telarca, pubarca, adrenarca Telarca, pubarca Pubarca, tenarca, menarca 147 SI PARLA DI PUBERTÀ PRECOCE QUANDO: A) Lo sviluppo dei caratteri secondari si verifica prima degli 8 anni e/o il menarca compare prima dei 10 anni Lo sviluppo dei caratteri secondari si verifica prima dei 10 anni Il menarca compare prima degli 8 anni 148 SI PARLA DI PUBERTÀ RITARDATA QUANDO: A) All età di anni non è comparso il menarca e i caratteri sessuali secondari All età di 18 anni non è ancora comparso il menarca All età di anni non è comparso il menarca e i caratteri sessuali secondari

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST?

E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? E SE MI CHIAMANO... DOPO IL PAP TEST? Informazioni sui percorsi di approfondimento diagnostico e di cura PROGRAMMA REGIONALE PER LA PREVENZIONE DEI TUMORI FEMMINILI Coordinamento editoriale e di redazione:

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

IPOTALAMO-FUNZIONI. Termoregolazione. Scaricato da www.sunhope.it

IPOTALAMO-FUNZIONI. Termoregolazione. Scaricato da www.sunhope.it IPOTALAMO-FUNZIONI Termoregolazione Nel corpo, il calore viene prodotto dalla contrazione muscolare, dall assimilazione degli alimenti e da tutti i processi vitali che contribuiscono al metabolismo basale.

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche Dott. PAOLO CRISTOFORONI Medico Chirurgo Nato a Genova il 06/02/1965. Laurea con lode in Medicina e Chirurgia presso l

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa

Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa Scheda informativa Terapia ormonale in menopausa: quando è utile, quando è dannosa I preparati ormonali vengono impiegati da anni nelle donne durante e dopo la menopausa per alleviare i disturbi del climaterio.

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO

Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Metodologia diagnostica dell incontinenza urinaria da sforzo nella donna DR. CORVASCE TOMMASO Continenza urinaria e incontinenza urinaria La continenza urinaria è la capacità di posporre l atto minzionale

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

L emorragia del post partum

L emorragia del post partum L emorragia del post partum Sommario Introduzione...2 Definizione di emorragia del post partum...2 Incidenza...3 Cause dell emorragia del post partum...4 Fattori di rischio...4 Terzo e quarto stadio del

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO AD OGNI DONNA IL SUO PARTO Nascere a Verona e Provincia dati 2014 Via del Bersagliere 16, 37123 Verona - tel. 349 6418745 - info@melogranovr.org www.melogranovr.org Via Tito Speri 7, 37121 Verona - tel.

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI Michele Grandolfo, Serena Donati e Angela Giusti Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Ipertiroidismo. Serie n. 15a

Ipertiroidismo. Serie n. 15a Ipertiroidismo Serie n. 15a Guida per il paziente Livello: medio Ipertiroidismo - Series n. 15a (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera, dal Prof. Gary Butler

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

solo per lei ogni mese son dolori!

solo per lei ogni mese son dolori! solo per lei ogni mese son dolori! 64 Prima o durante il flusso mestruale molte donne soffrono di mal di schiena, cefalea, crampi all utero o umore altalenante. Colpa degli ormoni Lo specialista La dottoressa

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA

FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO Benvenuti in maternità DIPARTIMENTO PER LA SALUTE DELLA DONNA, DEL BAMBINO E DEL NEONATO U.O. DI NEONATOLOGIA E TERAPIA INTENSIVA NEONATALE 1 Con

Dettagli

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port

Cattedra e Divisione di Oncologia Medica. Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia. Il Port Cattedra e Divisione di Oncologia Medica Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Il Port Dott. Roberto Sabbatini Dipartimento Misto di Oncologia ed Ematologia Università degli Studi di Modena

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona

CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani. Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona CIN 2 3: CHE FARE? P Cattani Centro Ginecologia Oncologica Preventiva ULSS 20 - Verona Istologia: diagnosi e gradi della CIN biopsia cervicale o escissione maturazione cell stratificazione cell anormalità

Dettagli

Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori

Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori Papilloma virus umano (HPV): informazioni per gli operatori Documento complementare al foglio per utenti Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Commenti alla sezione 1: PAP TEST E TEST HPV 1.1 Cos

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC

LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC LE DOMANDE POSSIBILI PER LO SCREENING MAMMOGRAFICO VADEMECUM PER GLI OPERATORI DI SCREENING DELLA ASL RMC (*risponde l infermiera / l ostetrica/ il medico) AGGIORNATO A Maggio 2009 1 CHE COSA E UN PROGRAMMA

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA)

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) Lo sviluppo embrionale è il processo che, per successive mitosi porta dallo zigote all'individuo completo. Lo sviluppo embrionale comprende in realtà vari aspetti, che

Dettagli

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011

VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 VARIABILI E DISTRIBUZIONI DI FREQUENZA A.A. 2010/2011 1 RAPPRESENTARE I DATI: TABELLE E GRAFICI Un insieme di misure è detto serie statistica o serie dei dati 1) Una sua prima elementare elaborazione può

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA

ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA IL COLESTEROLO BENVENUTI NEL PROGRAMMA DI RIDUZIONE DEL COLESTEROLO The Low Down Cholesterol DELL American Heart Association ADOTTATO DALLA DIVISIONE DI CARDIOLOGIA DELL UNIVERSITA MAGNA GRAECIA www.unicz.it/cardio

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M

TI R OIDIT E P O S T PA RT U M TI R OIDIT E P O S T PA RT U M La tiroidite po st partum è una particolare forma di tiroidite autoimmune che si caratterizza per avere una precisa collocazione temporale. Si manifesta, infatti, nelle donne

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA Per prenotare ed eseguire un esame è necessario: 1. Il paziente deve avere una richiesta medica completa che comprenda cognome e nome, data di nascita, numero

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE

SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE SINOSSI PROTOCOLLO STUDIO OSSERVAZIONALE Studio prospettico, non interventistico, di coorte, sul rischio di tromboembolismo venoso (TEV) in pazienti sottoposti a un nuovo trattamento chemioterapico per

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

dell ALLATTAMENTO al SENO

dell ALLATTAMENTO al SENO ABC dell ALLATTAMENTO al SENO Ogni Ospedale del Trentino dovrebbe avere come punti di riferimento i 10 passi proposti dall UNICEF per essere un Ospedale Amico del bambino : 1 avere un protocollo scritto

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Informazioni ai pazienti per colonoscopia

Informazioni ai pazienti per colonoscopia - 1 - Informazioni ai pazienti per colonoscopia Protocollo informativo consegnato da: Data: Cara paziente, Caro paziente, La preghiamo di leggere attentamente il foglio informativo subito dopo averlo ricevuto.

Dettagli

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A.

Riabilitazione totale mediante protesi fissa mediante impianti inclinati a 35 evitando la zona atrofica postpost foraminale. (Acocella A. Alessandro Acocella comunque ci sono solo studi con un follow-up follow up non ancora elevato e comunque i casi vanno accuratamente selezionati evitando parafunzioni e ricordando che gli impianti corti

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Test di Teoria/pratica pertinente alla professione sanitaria

Test di Teoria/pratica pertinente alla professione sanitaria Università degli Studi di Bari Prova di ammissione al corso di laurea Specialistica/Magistrale in Scienze Infermieristiche e Ostetriche Anno Accademico 2009/2010 Test di Teoria/pratica pertinente alla

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Le nascite nel Lazio. Anno 2011

LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA. Le nascite nel Lazio. Anno 2011 LAZIOSANITÀ AGENZIA DI SANITÀ PUBBLICA Le nascite nel Lazio Anno 2011 Gennaio 2013 Le nascite nel Lazio Anno 2011 a cura di: Domenico Di Lallo Sara Farchi Arianna Polo Francesco Franco Valeria De Pascali

Dettagli

Fonti alimentari di Inositolo

Fonti alimentari di Inositolo Fonti alimentari di Inositolo Agrumi Cereali integrali Frutta secca(arachidi) Semi(germe di grano) Legumi(fagioli) Lievito di birra Gli alimenti freschi contengono molto più Inositolo rispetto ai prodotti

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica

-Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica ANESTETICI GENERALI ENDOVENOSI Proprietà: -Rapidità di azione :quindi deve essere liposolubile per poter facilmente attraversare la barriera ematoencefalica -Risveglio rapido :questo è possibile quando

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza

L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza L' ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza Kypros H. Nicolaides Laura Bedocchi L ecografia delle 11 13 +6 settimane di gravidanza Fetal Medicine Foundation, Londra 2004 Dedicato a Erodoto e Despina

Dettagli

Che cosa occorre sapere sull alopecia.

Che cosa occorre sapere sull alopecia. 01/ 2014 Sandoz Pharmaceuticals S.A. Suurstoffi 14 Casella postale 6343 Rotkreuz Tel. 0800 858 885 Fax 0800 858 888 www.generici.ch Che cosa occorre sapere sull alopecia. Struttura dei capelli 4 Ciclo

Dettagli

qualità uniche, ma è anche molto di più.

qualità uniche, ma è anche molto di più. 1 Care mamme, cari papà, è a voi pr ima di tutto c he è r ivolta questa piccola guida, che accompagnerà la campagna per l allattamento al s e n o promossa dal Ministero della Salute. Lo slogan scelto è:

Dettagli

Occhio alle giunture La migliore prevenzione

Occhio alle giunture La migliore prevenzione Occhio alle giunture La migliore prevenzione 1 Suva Istituto nazionale svizzero di assicurazione contro gli infortuni Sicurezza nel tempo libero Casella postale, 6002 Lucerna Informazioni Telefono 041

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli