Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo"

Transcript

1 ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi comune della Repubblica che abbiano compiuto il diciottesimo anno di età, nel primo giorno fissato per la votazione. Articolo 58 - D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Cause ostative alla candidatura 1. Non possono essere candidati alle elezioni provinciali, comunali e circoscrizionali e non possono comunque ricoprire le cariche di presidente della provincia, sindaco, assessore e consigliere provinciale e comunale, presidente e componente del consiglio circoscrizionale, presidente e componente del consiglio di amministrazione dei consorzi, presidente e componente dei consigli e delle giunte delle unioni di comuni, consigliere di amministrazione e presidente delle aziende speciali e delle istituzioni di cui all art. 114, presidente e componente degli organi delle comunità montane: a) coloro che hanno riportato condanna definitiva per il delitto previsto dall art. 416-bis del codice penale o per il delitto di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope di cui all art. 74 del testo unico approvato con D.P.R. 9 ottobre 1990, n. 309, o per un delitto di cui all art. 73 del citato testo unico concernente la produzione o il traffico di dette sostanze, o per un delitto concernente la fabbricazione, l importazione, l esportazione, la vendita o cessione, nonché, nei casi in cui sia inflitta la pena della reclusione non inferiore ad un anno, il porto, il trasporto e la detenzione di armi, munizioni o materie esplodenti, o per il delitto di favoreggiamento personale o reale commesso in relazione a taluno dei predetti reati; b) coloro che hanno riportato condanna definitiva per i delitti previsti dagli articoli 314, primo comma (peculato), 316 (peculato mediante profitto dell errore altrui), 316-bis (malversazione a danno dello Stato), 317 (concussione), 318 (corruzione per un atto d ufficio), 319 (corruzione per un atto contrario ai doveri d ufficio), 319-ter (corruzione in atti giudiziari), 320 (corruzione di persona incaricata di un pubblico servizio) del codice penale; c) coloro che sono stati condannati con sentenza definitiva alla pena della reclusione complessivamente superiore a sei mesi per uno o più delitti commessi con abuso dei poteri o con violazione dei doveri inerenti ad una pubblica funzione o a un pubblico servizio diversi da quelli indicati nella lettera b); d) coloro che sono stati condannati con sentenza definitiva ad una pena non inferiore a due anni di reclusione per delitto non colposo; e) coloro nei cui confronti il tribunale ha applicato, con provvedimento definitivo, una misura di prevenzione, in quanto indiziati di appartenere ad una delle associazioni di cui all art. 1 della legge 31 maggio 1965, n. 575, come sostituito dall art. 13 della legge 13 settembre 1982, n Per tutti gli effetti disciplinati dal presente articolo e dall art. 59 la sentenza prevista dall art. 444 del codice di procedura penale è equiparata a condanna. 3. Le disposizioni previste dal comma 1 si applicano a qualsiasi altro incarico con riferimento al quale l elezione o la nomina è di competenza: a) del consiglio provinciale, comunale o circoscrizionale; Pag. 1/5

2 b) della giunta provinciale o del presidente, della giunta comunale o del sindaco, di assessori provinciali o comunali. 4. L eventuale elezione o nomina di coloro che si trovano nelle condizioni di cui al comma 1 è nulla. L organo che ha provveduto alla nomina o alla convalida dell elezione è tenuto a revocare il relativo provvedimento non appena venuto a conoscenza dell esistenza delle condizioni stesse. 5. Le disposizioni previste dai commi precedenti non si applicano nei confronti di chi è stato condannato con sentenza passata in giudicato o di chi è stato sottoposto a misura di prevenzione con provvedimento definitivo, se è concessa la riabilitazione ai sensi dell art. 178 del codice penale o dell art. 15 della legge 3 agosto 1988, n Articolo 59 - D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Sospensione e decadenza di diritto 1. Sono sospesi di diritto dalle cariche indicate al comma 1 dell art. 58: a) coloro che hanno riportato una condanna non definitiva per uno dei delitti indicati all art. 58, comma 1, lettera a), o per uno dei delitti previsti dagli articoli 314, primo comma 316, 316-bis, 317, 318, 319, 319-ter e 320 del codice penale; b) coloro che, con sentenza di primo grado, confermata in appello per la stessa imputazione, hanno riportato, dopo l elezione o la nomina, una condanna ad una pena non inferiore a due anni di reclusione per un delitto non colposo; c) coloro nei cui confronti l autorità giudiziaria ha applicato, con provvedimento non definitivo, una misura di prevenzione in quanto indiziati di appartenere ad una delle associazioni di cui all art. 1 della legge 31 maggio 1965, n. 575, come sostituito dall art. 13 della legge 13 settembre 1982, n La sospensione di diritto consegue, altresì, quando è disposta l applicazione di una delle misure coercitive di cui agli articoli 284, 285 e 286 del codice di procedura penale. 2. Nel periodo di sospensione i soggetti sospesi, ove non sia possibile la sostituzione ovvero fino a quando non sia convalidata la supplenza, non sono computati al fine della verifica del numero legale, né per la determinazione di qualsivoglia quorum o maggioranza qualificata. 3. La sospensione cessa di diritto di produrre effetti decorsi diciotto mesi. Nel caso in cui l appello proposto dall interessato avverso la sentenza di condanna sia rigettato anche con sentenza non definitiva, decorre un ulteriore periodo di sospensione che cessa di produrre effetti trascorso il termine di dodici mesi dalla sentenza di rigetto. 4. A cura della cancelleria del tribunale o della segreteria del pubblico ministero i provvedimenti giudiziari che comportano la sospensione sono comunicati al prefetto, il quale, accertata la sussistenza di una causa di sospensione, provvede a notificare il relativo provvedimento agli organi che hanno convalidato l elezione o deliberato la nomina 5. La sospensione cessa nel caso in cui nei confronti dell interessato venga meno l efficacia della misura coercitiva di cui al comma 1, ovvero venga emessa sentenza, anche se non passata in giudicato, di non luogo a procedere, di proscioglimento o di assoluzione o provvedimento di revoca della misura di prevenzione o sentenza di annullamento ancorché con rinvio. In tal caso la sentenza o il provvedimento di revoca devono essere pubblicati nell albo pretorio e comunicati alla prima adunanza dell organo che ha proceduto all elezione, alla convalida dell elezione o alla nomina Pag. 2/5

3 6. Chi ricopre una delle cariche indicate al comma 1 dell art. 58 decade da essa di diritto dalla data del passaggio in giudicato della sentenza di condanna o dalla data in cui diviene definitivo il provvedimento che applica la misura di prevenzione. 7. Quando, in relazione a fatti o attività comunque riguardanti gli enti di cui all art. 58, l autorità giudiziaria ha emesso provvedimenti che comportano la sospensione o la decadenza dei pubblici ufficiali degli enti medesimi e vi è la necessità di verificare che non ricorrano pericoli di infiltrazione di tipo mafioso nei servizi degli stessi enti, il prefetto può accedere presso gli enti interessati per acquisire dati e documenti ed accertare notizie concernenti i servizi stessi. 8. Copie dei provvedimenti di cui al comma 7 sono trasmesse al Ministro dell interno, ai sensi dell art. 2, comma 2-quater, del decreto-legge 29 ottobre 1991, n. 345, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 dicembre 1991, n. 110 e successive modifiche ed integrazioni. Art Codice Civile Cause d ineleggibilità e di decadenza 1. Non possono essere eletti alla carica di sindaco e, se eletti, decadono dall'ufficio: a) coloro che si trovano nelle condizioni previste dall'articolo 2382; b) il coniuge, i parenti e gli affini entro il quarto grado degli amministratori della società, gli amministratori, il coniuge, i parenti e gli affini entro il quarto grado degli amministratori delle società da questa controllate, delle società che la controllano e di quelle sottoposte a comune controllo; c) coloro che sono legati alla società o alle società da questa controllate o alle società che la controllano o a quelle sottoposte a comune controllo da un rapporto di lavoro o da un rapporto continuativo di consulenza o di prestazione d'opera retribuita, ovvero da altri rapporti di natura patrimoniale che ne compromettano l'indipendenza. 2. La cancellazione o la sospensione dal registro dei revisori legali e delle società di revisione legale e la perdita dei requisiti previsti dall'ultimo comma dell'articolo 2397 sono causa di decadenza dall'ufficio di sindaco. 3. Lo statuto può prevedere altre cause di ineleggibilità o decadenza, nonché cause di incompatibilità e limiti e criteri per il cumulo degli incarichi. Art. 248, comma 5, d.lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Fermo restando quanto previsto dall'articolo 1 della legge 14 gennaio 1994, n. 20, gli amministratori che la Corte dei conti ha riconosciuto responsabili, anche in primo grado, di danni cagionati con dolo o colpa grave, nei cinque anni precedenti il verificarsi del dissesto finanziario, non possono ricoprire, per un periodo di dieci anni, incarichi di assessore, di revisore dei conti di enti locali e di rappresentante di enti locali presso altri enti, istituzioni ed organismi pubblici e privati, ove la Corte, valutate le circostanze e le cause che hanno determinato il dissesto, accerti che questo è diretta conseguenza delle azioni od omissioni per le quali l'amministratore è stato riconosciuto responsabile. I sindaci e i presidenti di provincia ritenuti responsabili ai sensi del periodo precedente, inoltre, non sono candidabili, per un periodo di dieci anni, alle cariche di sindaco, di presidente di provincia, di presidente di Giunta regionale, nonché di membro dei consigli comunali, dei consigli provinciali, delle assemblee e dei consigli regionali, del Parlamento e del Parlamento europeo. Non possono altresì ricoprire per un periodo di tempo di dieci anni la carica di assessore comunale, provinciale o regionale né alcuna carica in enti vigilati o partecipati da enti pubblici. Qualora, a seguito della dichiarazione di dissesto, la Corte dei conti accerti gravi Pag. 3/5

4 responsabilità nello svolgimento dell'attività del collegio dei revisori, o ritardata o mancata comunicazione, secondo le normative vigenti, delle informazioni, i componenti del collegio riconosciuti responsabili in sede di giudizio della predetta Corte non possono essere nominati nel collegio dei revisori degli enti locali e degli enti ed organismi agli stessi riconducibili fino a dieci anni, in funzione della gravità accertata. La Corte dei conti trasmette l'esito dell'accertamento anche all'ordine professionale di appartenenza dei revisori per valutazioni inerenti all'eventuale avvio di procedimenti disciplinari. ART. 4, comma 21, D.L. 13 agosto 2011 n. 138 convertito con modifiche in legge 16 settembre 2011 n. 148, e successive modifiche ed integrazioni Non possono essere nominati amministratori di società partecipate da enti locali coloro che nei tre anni precedenti alla nomina hanno ricoperto la carica di amministratore, di cui all articolo 77 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, e successive modificazioni, negli enti locali che detengono quote di partecipazione al capitale della stessa società. Art. 77, d.lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Definizione di amministratore locale 1. La Repubblica tutela il diritto di ogni cittadino chiamato a ricoprire cariche pubbliche nelle amministrazioni degli enti locali ad espletare il mandato, disponendo del tempo, dei servizi e delle risorse necessari ed usufruendo di indennità e di rimborsi spese nei modi e nei limiti previsti dalla legge. 2. Il presente capo disciplina il regime delle aspettative, dei permessi e delle indennità degli amministratori degli enti locali. Per amministratori si intendono, ai soli fini del presente capo, i sindaci, anche metropolitani, i presidenti delle province, i consiglieri dei comuni anche metropolitani e delle province, i componenti delle giunte comunali, metropolitane e provinciali, i presidenti dei consigli comunali, metropolitani e provinciali, i presidenti, i consiglieri e gli assessori delle comunità montane, i componenti degli organi delle unioni di comuni e dei consorzi fra enti locali, nonché i componenti degli organi di decentramento. Art. 1, comma 734, Legge 27 dicembre 2006, n. 296 Non può essere nominato amministratore di ente, istituzione, azienda pubblica, società a totale o parziale capitale pubblico chi, avendo ricoperto nei cinque anni precedenti incarichi analoghi, abbia chiuso in perdita tre esercizi consecutivi. Art. 3, comma 32-bis, Legge 24 dicembre 2007, n. 244 Il comma 734 dell articolo 1 della Legge 27 dicembre 2006, n. 296, si interpreta nel senso che non può essere nominato amministratore di ente, istituzione, azienda pubblica, società a totale o parziale capitale pubblico chi, avendo ricoperto nei cinque anni precedenti incarichi analoghi, abbia registrato, per tre esercizi consecutivi, un progressivo peggioramento dei conti per ragioni riferibili a non necessitate scelte aziendali. Pag. 4/5

5 Art. 1, comma 735, Legge 27 dicembre 2006, n. 296 Gli incarichi di amministratore delle società conferiti da soci pubblici e i relativi compensi sono pubblicati nell albo e nel sito informatico dei soci pubblici a cura del responsabile individuato da ciascun ente. La pubblicità è soggetta ad aggiornamento semestrale. La violazione dell obbligo di pubblicazione è punita con la sanzione amministrativa pecuniaria fino a ,00 euro, irrogata dal prefetto nella cui circoscrizione ha sede la società. La stessa sanzione si applica agli amministratori societari che non comunicano ai soci pubblici il proprio incarico ed il relativo compenso entro 30 giorni dal conferimento ovvero, per le indennità di risultato di cui al comma 725 (indennità di risultato solo nel caso di produzione di utili ed in misura ragionevole e proporzionata), entro 30 giorni dal percepimento. Pag. 5/5

AVVISO PUBBLICO PER LA NOMINA DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI DEL COMUNE DI VELLETRI (RM)

AVVISO PUBBLICO PER LA NOMINA DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI DEL COMUNE DI VELLETRI (RM) AVVISO PUBBLICO PER LA NOMINA DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI DEL COMUNE DI VELLETRI (RM) IL DIRIGENTE DEL II SETTORE PREMESSO CHE l Organo di Revisione dell Ente cessa dal proprio incarico il 14 novembre

Dettagli

Incandidabilita'? Per le condanne fino a due anni (quasi) tutto regolare Ipsoa.it

Incandidabilita'? Per le condanne fino a due anni (quasi) tutto regolare Ipsoa.it Incandidabilita'? Per le condanne fino a due anni (quasi) tutto regolare Ipsoa.it Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Testo unico delle disposizioni in materia di incandidabilita' e di divieto di ricoprire

Dettagli

D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 (1). (commento di giurisprudenza) Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali.

D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 (1). (commento di giurisprudenza) Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali. Page 1 of 9 Leggi d'italia D.Lgs. 18-8-2000 n. 267 Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali. Pubblicato nella Gazz. Uff. 28 settembre 2000, n. 227, S.O. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

Dettagli

E M A N A il seguente decreto legislativo:

E M A N A il seguente decreto legislativo: 6. La sentenza è depositata nella segreteria della Commissione tributaria provinciale entro quindici giorni dalla lettura del dispositivo. Il segretario fa risultare l avvenuto deposito apponendo sulla

Dettagli

CITTA DI ERACLEA. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale DELIBERAZIONE N. 24 DEL03/06/2011

CITTA DI ERACLEA. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale DELIBERAZIONE N. 24 DEL03/06/2011 CITTA DI ERACLEA Provincia di Venezia ORIGINALE Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale DELIBERAZIONE N. 24 DEL03/06/2011 OGGETTO: CONVALIDA DEGLI ELETTI ALLA CARICA DI SINDACO E DI CONSIGLIERE

Dettagli

PROV. DI NUORO UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE. Via Roma 125 tel. 0784/870833 829-820 - Telefax 0784/878300. Info: www.comune.siniscola.nu.

PROV. DI NUORO UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE. Via Roma 125 tel. 0784/870833 829-820 - Telefax 0784/878300. Info: www.comune.siniscola.nu. COMUNE DI SINISCOLA PROV. DI NUORO UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Via Roma 125 tel. 0784/870833 829-820 - Telefax 0784/878300 Info: www.comune.siniscola.nu.it PROT. N. 6191 DEL 25/03/2014 AVVISO PUBBLICO

Dettagli

Scadenza di presentazione delle candidature: 23 febbraio 2015

Scadenza di presentazione delle candidature: 23 febbraio 2015 REGIONE PIEMONTE BU3S1 22/01/2015 Comunicato della Commissione consultiva per le Nomine Integrazione dell elenco delle nomine, designazioni, proposte di nomina e conferme da effettuarsi nel primo semestre

Dettagli

Comunicato del Presidente del Consiglio regionale Commissione di garanzia: elezione di 1 membro in sostituzione del signor Mario Santoro.

Comunicato del Presidente del Consiglio regionale Commissione di garanzia: elezione di 1 membro in sostituzione del signor Mario Santoro. REGIONE PIEMONTE BU48 03/12/2015 Comunicato del Presidente del Consiglio regionale Commissione di garanzia: elezione di 1 membro in sostituzione del signor Mario Santoro. Con deliberazione del Consiglio

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 24 DEL 27 LUGLIO 2012 CAMPANIA ZERO - NORME PER UNA CAMPANIA EQUA, SOLIDALE E TRASPARENTE ED IN MATERIA DI INCOMPATIBILITÀ

LEGGE REGIONALE N. 24 DEL 27 LUGLIO 2012 CAMPANIA ZERO - NORME PER UNA CAMPANIA EQUA, SOLIDALE E TRASPARENTE ED IN MATERIA DI INCOMPATIBILITÀ LEGGE REGIONALE N. 24 DEL 27 LUGLIO 2012 CAMPANIA ZERO - NORME PER UNA CAMPANIA EQUA, SOLIDALE E TRASPARENTE ED IN MATERIA DI INCOMPATIBILITÀ IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE CANDIDATURE ALL ELEZIONE DEL GARANTE PER I DIRITTI DELLE PERSONE PRIVATE DELLA LIBERTA PERSONALE

AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE CANDIDATURE ALL ELEZIONE DEL GARANTE PER I DIRITTI DELLE PERSONE PRIVATE DELLA LIBERTA PERSONALE COMUNE DI VICENZA P.G.N. 80168 AVVISO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE CANDIDATURE ALL ELEZIONE DEL GARANTE PER I DIRITTI DELLE PERSONE PRIVATE DELLA LIBERTA PERSONALE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI BAGOLINO Provincia di Brescia UFFICIO COMMERCIO

COMUNE DI BAGOLINO Provincia di Brescia UFFICIO COMMERCIO COMUNE DI BAGOLINO Provincia di Brescia UFFICIO COMMERCIO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI PER L ASSEGNAZIONE DI N. 3 AUTORIZZAZIONI PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE MEDIANTE

Dettagli

Articolo 1 - Modifiche alla disciplina sanzionatoria in materia di delitti contro la pubblica amministrazione

Articolo 1 - Modifiche alla disciplina sanzionatoria in materia di delitti contro la pubblica amministrazione Legge 27/5/2015 n. 69 (G.U. 30/5/2015 n. 124) Disposizioni in materia di delitti contro la pubblica amministrazione, di associazioni di tipo mafioso e di falso in bilancio Articolo 1 - Modifiche alla disciplina

Dettagli

CITTÀ DI LAMEZIA TERME

CITTÀ DI LAMEZIA TERME DIRETTIVE ISTITUZIONE ELENCO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI CULTURALI, RICREATIVE E DEL TEMPO LIBERO, DELLE FONDAZIONI E DELLE COOPERATIVE CULTURALI TITOLO I - NORME GENERALI 1) Elenco comunale delle associazioni

Dettagli

7) Responsabilità del dipendente

7) Responsabilità del dipendente 7) Responsabilità del dipendente Quesito 1 (n. 89/2012) 1 quesito In data 05/07/2011 veniva notificato, ad un dipendente del Comune, una richiesta di proroga, da parte del P.M., delle indagini preliminari

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Modifiche al codice penale ex legge 190/2012

Modifiche al codice penale ex legge 190/2012 Modifiche al codice penale ex legge 190/2012 Art. 32 quaterc.p. Casi nei quali alla condanna consegue la incapacità di contrattare con la pubblica amministrazione. Testo previgente Ogni condanna per i

Dettagli

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Errata applicazione dell articolo 126 bis al titolare di patente rilasciata da uno Stato estero All atto di rilascio della patente viene attribuito un

Dettagli

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLEGATO 2 REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1) CORRUZIONE La corruzione consiste in un accordo tra un privato ed un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio mediante il

Dettagli

O Presidente Collegio Sindacale O Sindaco Effettivo O Sindaco supplente

O Presidente Collegio Sindacale O Sindaco Effettivo O Sindaco supplente RICHIESTA DI CANDIDATURA Spett.le foto del BCC SangroTeatina richiedente AL COLLEGIO SINDACALE Commissione Elettorale presso: Segreteria di Direzione O Presidente Collegio Sindacale O Sindaco Effettivo

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA DESIGNAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE DELLA SOCIETA CAPITALE LAVORO S.P.A. LA CITTA METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE

AVVISO PUBBLICO PER LA DESIGNAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE DELLA SOCIETA CAPITALE LAVORO S.P.A. LA CITTA METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE AVVISO PUBBLICO PER LA DESIGNAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE DELLA SOCIETA CAPITALE LAVORO S.P.A. LA CITTA METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE VISTI - l art. 50, comma 8, del D.Lgs. 267/2000 Testo Unico delle

Dettagli

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge:

La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Promulga la seguente legge: LEGGE 27 maggio 2015, n. 69 (in Gazz. Uff., 30 maggio 2015, n. 124). - Disposizioni in materia di delitti contro la pubblica amministrazione, di associazioni di tipo mafioso e di falso in bilancio. La

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DECRETO 11 novembre 2011, n. 220 Regolamento recante determinazione dei requisiti di professionalità, onorabilità e indipendenza degli esponenti aziendali, nonché dei

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

PROVINCIA DI VERONA AVVISO

PROVINCIA DI VERONA AVVISO PROVINCIA DI VERONA AVVISO per la presentazione delle candidature per la nomina, di competenza del Presidente, del Consiglio di amministrazione della Fondazione Barbieri Onlus. Il Presidente rende noto

Dettagli

COMUNE DI CANZO (CO). BANDO DI PUBBLICO CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 1 AUTORIZZAZIONE DI AUTONOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE.

COMUNE DI CANZO (CO). BANDO DI PUBBLICO CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 1 AUTORIZZAZIONE DI AUTONOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE. COMUNE DI CANZO (CO). BANDO DI PUBBLICO CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 1 AUTORIZZAZIONE DI AUTONOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE. IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Vista la Legge n. 21/1992 Legge quadro

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

NORME E PROCEDIMENTI DISCIPLINARI. Articolo 1 Codice di comportamento

NORME E PROCEDIMENTI DISCIPLINARI. Articolo 1 Codice di comportamento CONTRATTO COLLETTIVO REGIONALE IN MATERIA DI PROCEDIMENTI DISCIPLINARI E CONTROVERSIE DI LAVORO DEI DIPENDENTI APPARTENENTI ALLE CATEGORIE DEL COMPARTO UNICO DI CUI ALL'ART. 1 DELLA L.R. N. 45/95 *** ***

Dettagli

Spett.le Alba Private Equity S.p.A. Att. Segreteria Societaria Via Mellerio 3 20123 Milano

Spett.le Alba Private Equity S.p.A. Att. Segreteria Societaria Via Mellerio 3 20123 Milano Spett.le Alba Private Equity S.p.A. Att. Segreteria Societaria Via Mellerio 3 20123 Milano Oggetto: Dichiarazione dei candidati alla carica di Amministratore Omnibus Egregi Signori, con riferimento al

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER LA DESIGNAZIONE DI UNA TERNA DI CANDIDATI PER LA NOMINA DEL PRESIDENTE DELL AUTORITA PORTUALE DI CIVITAVECCHIA

AVVISO PUBBLICO PER LA DESIGNAZIONE DI UNA TERNA DI CANDIDATI PER LA NOMINA DEL PRESIDENTE DELL AUTORITA PORTUALE DI CIVITAVECCHIA AVVISO PUBBLICO PER LA DESIGNAZIONE DI UNA TERNA DI CANDIDATI PER LA NOMINA DEL PRESIDENTE DELL AUTORITA PORTUALE DI CIVITAVECCHIA RIAPERTURA DEI TERMINI LA CITTA METROPOLITANA DI ROMA CAPITALE VISTI -

Dettagli

SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE.

SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE. SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE. Art. 1 - (Contenuto della delega) prevedere un unica figura

Dettagli

QUESTIONARIO PER MEMBRI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO SINDACALE

QUESTIONARIO PER MEMBRI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO SINDACALE QUESTIONARIO PER MEMBRI DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO SINDACALE Il presente questionario è stato redatto nell ambito della predisposizione del documento di ammissione alle negoziazioni

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE.

DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE. DISEGNO DI LEGGE RECANTE DELEGA AL GOVERNO PER LA RIFORMA ORGANICA DELLA MAGISTRATURA ONORARIA E ALTRE DISPOSIZIONI SUI GIUDICI DI PACE. Art. 1 - (Contenuto della delega) prevedere un unica figura di giudice

Dettagli

Il comma 7 7) I commi 9, 10 e 11 I commi 13, 14 e 15, Il comma 18

Il comma 7 7) I commi 9, 10 e 11 I commi 13, 14 e 15, Il comma 18 ALLEGATO 2 Innovazioni introdotte in materia di contrasto alla criminalità organizzata dall articolo 2 della legge 15 luglio 2009, n. 94, recante Disposizioni in materia di sicurezza pubblica, 1) Il comma

Dettagli

CAPO IX NORME DISCIPLINARI SEZIONE I - Personale docente

CAPO IX NORME DISCIPLINARI SEZIONE I - Personale docente (dal CCNL comparto scuola personale docente - CCNL del 29.11.2007) CAPO IX NORME DISCIPLINARI SEZIONE I - Personale docente ART.91 - RINVIO DELLE NORME DISCIPLINARI 1. Per il personale docente ed educativo

Dettagli

Modificazioni concernenti la validità della documentazione antimafia e l'ambito delle relative verifiche

Modificazioni concernenti la validità della documentazione antimafia e l'ambito delle relative verifiche DECRETO LEGISLATIVO 6 SETTEMBRE 2011, N. 159 CODICE DELLE LEGGI ANTIMAFIA E DELLE MISURE DI PREVENZIONE, NONCHÉ NUOVE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI DOCUMENTAZIONE ANTIMAFIA, A NORMA DEGLI ARTICOLI 1 E 2 DELLA

Dettagli

REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015

REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015 REGIONE PIEMONTE BU8S1 26/02/2015 Deliberazione della Giunta Regionale 23 febbraio 2015, n. 24-1090 Legge regionale 6 ottobre 2014, n. 13. Indizione avviso pubblico di selezione per la costituzione dell'elenco

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218

DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218 DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 2012, n. 218 Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 6 settembre 2011, n. 159, recante codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione, nonché

Dettagli

IL CONSIGLIO DI PRESIDENZA DELLA GIUSTIZIA TRIBUTARIA

IL CONSIGLIO DI PRESIDENZA DELLA GIUSTIZIA TRIBUTARIA CONSIGLIO DI PRESIDENZA DELLA GIUSTIZIA TRIBUTARIA DELIBERA 24 novembre 2015 Regolamento per il procedimento disciplinare nei confronti dei componenti delle commissioni tributarie regionali e provinciali.

Dettagli

COMUNE DI CITTA S. ANGELO Provincia di Pescara ( Regione Abruzzo )

COMUNE DI CITTA S. ANGELO Provincia di Pescara ( Regione Abruzzo ) COMUNE DI CITTA S. ANGELO Provincia di Pescara ( Regione Abruzzo ) NUOVO CODICE DISCIPLINARE AGGIORNATO AL CCNL 11. 04. 2008 ed al D.Lgs n. 150/09 Parte I Art. 23 CCNL 6.7.1995 - Obblighi del dipendente

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 8 aprile 2013, n. 39. Capo I. Principi generali

DECRETO LEGISLATIVO 8 aprile 2013, n. 39. Capo I. Principi generali DECRETO LEGISLATIVO 8 aprile 2013, n. 39 Disposizioni in materia di inconferibilita' e incompatibilita' di incarichi presso le pubbliche amministrazioni e presso gli enti privati in controllo pubblico,

Dettagli

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Art. 600 Riduzione in schiavitù Chiunque riduce una persona in schiavitù, o in una condizione analoga alla schiavitù, è punito con

Dettagli

NORME REGOLANTI L ATTIVIA' DEL CTU Il CTU Consulente Tecnico d Ufficio è la figura professionale, di particolare competenza tecnica, al quale si

NORME REGOLANTI L ATTIVIA' DEL CTU Il CTU Consulente Tecnico d Ufficio è la figura professionale, di particolare competenza tecnica, al quale si NORME REGOLANTI L ATTIVIA' DEL CTU Il CTU Consulente Tecnico d Ufficio è la figura professionale, di particolare competenza tecnica, al quale si affida il Giudice durante il processo civile. Nel processo

Dettagli

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE MODIFICHE ALLA NORMATIVA PENALE, SOSTANZIALE E PROCESSUALE, E ORDINAMENTALE PER IL RAFFORZAMENTO DELLE GARANZIE DIFENSIVE E LA DURATA RAGIONEVOLE DEI PROCESSI E PER UN MAGGIORE

Dettagli

D.Lgs. 5-4-2002 n. 77. Disciplina del Servizio civile nazionale a norma dell'art. 2 della L. 6 marzo 2001, n. 64

D.Lgs. 5-4-2002 n. 77. Disciplina del Servizio civile nazionale a norma dell'art. 2 della L. 6 marzo 2001, n. 64 D.Lgs. 5-4-2002 n. 77 Disciplina del Servizio civile nazionale a norma dell'art. 2 della L. 6 marzo 2001, n. 64 Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale - serie generale- n. 99 del 29 aprile 2002. Visti gli

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

BANDO DI PUBBLICO CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 3 AUTORIZZAZIONI DI AUTONOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE MEDIANTE AUTOVETTURA.

BANDO DI PUBBLICO CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 3 AUTORIZZAZIONI DI AUTONOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE MEDIANTE AUTOVETTURA. POLITICHE STRATEGICHE U.O. SUAP BANDO DI PUBBLICO CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI N. AUTORIZZAZIONI DI AUTONOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE MEDIANTE AUTOVETTURA. IL DIRIGENTE Vista la Legge n. 21/1992

Dettagli

Cognome e nome nato a in data carica ricoperta. qualificata come: - offerente; - ausiliaria - consorziata

Cognome e nome nato a in data carica ricoperta. qualificata come: - offerente; - ausiliaria - consorziata ALLEGATO B.1 Dichiarazione di assenza di misure di prevenzione e condanne penali per SOGGETTI IN CARICA (solo qualora il sottoscrittore delle dichiarazioni cumulative non si sia assunto la responsabilità

Dettagli

A Z I E N D A O S P E D A L I E R A M e l l i n o M e l l i n i C h i a r i (BS)

A Z I E N D A O S P E D A L I E R A M e l l i n o M e l l i n i C h i a r i (BS) A Z I E N D A O S P E D A L I E R A M e l l i n o M e l l i n i C h i a r i (BS) TESTO DEGLI ARTT. 13, 14, 15 DEL CCNL 19 APRILE 2004 MODIFICATO DALL ART. 6 CCNL 10.4.2008. Codice disciplinare Art. 13

Dettagli

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita

Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita Parte Speciale G : I reati transnazionali e di ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o utilità di provenienza illecita MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO ADOTTATO DA COMAG s.r.l.

Dettagli

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S

S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S S T U D I O L E G A L E A S S O C I A T O T O S E L L O & P A R T N E R S 35131 PADOVA - Piazzale Stazione n. 6 - tel. 049.8759866-049.654879 - fax 049.8753348 C.F./P.IVA 04351050283 avvocati@studiolegaletosello.it

Dettagli

ISTITUTO DEI CIECHI DI CAGLIARI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Via Nicolodi, 1 09123 CAGLIARI Telefoni: 070/651839 673157 STATUTO

ISTITUTO DEI CIECHI DI CAGLIARI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Via Nicolodi, 1 09123 CAGLIARI Telefoni: 070/651839 673157 STATUTO ISTITUTO DEI CIECHI DI CAGLIARI Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Via Nicolodi, 1 09123 CAGLIARI Telefoni: 070/651839 673157 STATUTO Art. 1 COSTITUZIONE DENOMINAZIONE SEDE 1. L Azienda Pubblica

Dettagli

I sottoscritt. Cognome e nome nato a in data carica ricoperta. 1) 2) 3) 4) 5) della ditta / impresa:

I sottoscritt. Cognome e nome nato a in data carica ricoperta. 1) 2) 3) 4) 5) della ditta / impresa: ALLEGATO B.1 Dichiarazione di assenza di misure di prevenzione e condanne penali per SOGGETTI IN CARICA (solo qualora il sottoscrittore delle dichiarazioni cumulative non si sia assunto la responsabilità

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE, PERSONALE DOCENTE. omissis CAPO IX - NORME DISCIPLINARI. SEZIONE I - Personale docente

CODICE DISCIPLINARE, PERSONALE DOCENTE. omissis CAPO IX - NORME DISCIPLINARI. SEZIONE I - Personale docente Liceo Scientifico Statale Pitagora Con annessa sezione Liceo Ginnasio Laconi e C.T.P. Via E. Lussu, 08033 ISILI (Ca) Tel. 0782/802093 Fax 0782/804034 E-mail: liceo.isili@tiscali.it CODICE DISCIPLINARE,

Dettagli

SINTESI DEL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INCONFERIBILITÀ E

SINTESI DEL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INCONFERIBILITÀ E SINTESI DEL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INCONFERIBILITÀ E INCOMPATIBILITÀ DI INCARICHI PRESSO LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E PRESSO GLI ENTI PRIVATI IN CONTROLLO PUBBLICO, A

Dettagli

UFFICIO DEL TUTORE CIVICO PER LA TUTELA DEI DIRITTI DELL INFANZIA REGOLAMENTO

UFFICIO DEL TUTORE CIVICO PER LA TUTELA DEI DIRITTI DELL INFANZIA REGOLAMENTO Comune di Bari UFFICIO DEL TUTORE CIVICO PER LA TUTELA DEI DIRITTI DELL INFANZIA REGOLAMENTO Indice Art. 1 Istituzione dell Ufficio Art. 2 Funzioni Art. 3 Struttura dell Ufficio Art. 4 Elezione Art. 5

Dettagli

ELEMENTI DI SINTESI SU PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E CONFLITTO DI INTERESSI Aggiornamento gennaio 2015

ELEMENTI DI SINTESI SU PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE E CONFLITTO DI INTERESSI Aggiornamento gennaio 2015 NORMA QUESITO OBBLIGO L. 190/2012 Qual è il ruolo dei dirigenti nell applicazione della normativa per la prevenzione della corruzione? I Dirigenti responsabili delle strutture aziendali concorrono con

Dettagli

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ).

D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). D.P.R. 12 dicembre 1948, n. 1462( 1 ) - Norme per la prima elezione del Consiglio regionale della Sardegna( 2 ). Art. 1 Il Consiglio regionale per la Sardegna è eletto a suffragio universale con voto diretto,

Dettagli

proposta di legge n. 286

proposta di legge n. 286 REGIONE MARCHE 1 CONSIGLIO REGIONALE proposta di legge n. 286 a iniziativa dei Consiglieri Luchetti, Castelli presentata in data 12 gennaio 2005 ISTITUZIONE DEL RUOLO DEGLI AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO

Dettagli

Comune di Montecatini Terme (Provincia di Pistoia)

Comune di Montecatini Terme (Provincia di Pistoia) Comune di Montecatini Terme (Provincia di Pistoia) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA SANZIONATORIA IN CASO DI VIOLAZIONE DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE DEI COMPONENTI DEGLI ORGANI DI INDIRIZZO POLITICO E

Dettagli

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 Codice di Procedura Penale articoli: 723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 723. Poteri del ministro di grazia e giustizia. 1. Il ministro di grazia e giustizia

Dettagli

F.to Il Presidente dell Azienda Speciale Centro Sicilia Sviluppo

F.to Il Presidente dell Azienda Speciale Centro Sicilia Sviluppo AVVISO PER AFFIDAMENTO INCARICO PER L ACCREDITAMENTO DELL AZIENDA SPECIALE CENTRO SICILIA SVILUPPO QUALE ENTE DI FORMAZIONE E PROGETTAZIONE CORSI PER LA FORMAZIONE DI FIGURE PROFESSIONALI. L Azienda Speciale

Dettagli

Quesiti SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI SI NO

Quesiti SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI SI NO All. Del. Gar. N 21 del 24/5/2007 La seguente lista di controllo è tratta dall allegato alla Delibera del Garante per la protezione dei dati personali n 21, del 24/5/2007, recante misure per la semplificazione

Dettagli

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3).

IITALIAN PENAL CODE. Per il solo fatto di partecipare all'associazione [c.p. 115], la pena è della reclusione da uno a cinque anni [c.p. 29, 32] (3). IITALIAN PENAL CODE Art. 416 Codice Penale. Associazione per delinquere. 416. Associazione per delinquere (1). Quando tre o più persone si associano allo scopo di commettere più delitti [c.p. 576, n. 4],

Dettagli

L. 5 febbraio 1992, n. 91 (1). Nuove norme sulla cittadinanza (1/a) (1/circ).

L. 5 febbraio 1992, n. 91 (1). Nuove norme sulla cittadinanza (1/a) (1/circ). L. 5 febbraio 1992, n. 91 (1). Nuove norme sulla cittadinanza (1/a) (1/circ). 1. 1. È cittadino per nascita: a) il figlio di padre o di madre cittadini; b) chi è nato nel territorio della Repubblica se

Dettagli

ALBO DEI PROMOTORI FINANZIARI DOMANDA DI ISCRIZIONE a seguito di superamento della prova valutativa

ALBO DEI PROMOTORI FINANZIARI DOMANDA DI ISCRIZIONE a seguito di superamento della prova valutativa MARCA DA BOLLO 14,62 ALBO DEI PROMOTORI FINANZIARI DOMANDA DI ISCRIZIONE a seguito di superamento della prova valutativa Alla Sezione territoriale c/o Camera di Commercio, Industria, Artigianato e Agricoltura

Dettagli

Domanda di partecipazione e dichiarazioni per l ammissione alla gara d appalto Stazione appaltante: COMUNE DI VALENTANO

Domanda di partecipazione e dichiarazioni per l ammissione alla gara d appalto Stazione appaltante: COMUNE DI VALENTANO Dichiarazione cumulativa - Assenza cause di esclusione e requisiti di partecipazione QUALIFICAZIONE (in caso di raggruppamento temporaneo: un modello per ciascun componente) Domanda di partecipazione e

Dettagli

C. 5123 e abbinate Proposta di testo unificato dei relatori

C. 5123 e abbinate Proposta di testo unificato dei relatori C. 5123 e abbinate Proposta di testo unificato dei relatori Norme in materia di riduzione dei contributi pubblici in favore dei partiti e movimenti politici, nonché misure per garantire la trasparenza

Dettagli

Domanda di partecipazione e dichiarazioni per l ammissione alla gara

Domanda di partecipazione e dichiarazioni per l ammissione alla gara ALLEGATO A (da inserire nel plico A Documentazione ) Domanda di partecipazione e dichiarazioni per l ammissione alla gara Dichiarazione cumulativa Assenza cause di esclusione e requisiti di partecipazione

Dettagli

Legge 5 dicembre 2005, n. 251

Legge 5 dicembre 2005, n. 251 Legge 5 dicembre 2005, n. 251 " Modifiche al codice penale e alla legge 26 luglio 1975, n. 354, in materia di attenuanti generiche, di recidiva, di giudizio di comparazione delle circostanze di reato per

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE PERSONALE DOCENTE E ATA. Parte prima: personale docente. Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n. 297

CODICE DISCIPLINARE PERSONALE DOCENTE E ATA. Parte prima: personale docente. Decreto Legislativo 16 aprile 1994, n. 297 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE F. Ciusa Via Roma 64, 09070 - RIOLA SARDO (OR) Tel. 0783 410331 - Fax. 0783 412226 - Codice Fiscale n. 90027740951 e-mail: oric80400x@istruzione.it CODICE DISCIPLINARE PERSONALE

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Regolamento di disciplina dei requisiti di professionalità, onorabilità, indipendenza e patrimoniali per l iscrizione all albo delle persone fisiche consulenti finanziari. IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE

Dettagli

COMUNE DI SAN CIPIRELLO AVVISO PUBBLICO FORMAZIONE ALBO IMPRESE DI FIDUCIA

COMUNE DI SAN CIPIRELLO AVVISO PUBBLICO FORMAZIONE ALBO IMPRESE DI FIDUCIA COMUNE DI SAN CIPIRELLO Se r vizio Te c nic o AVVISO PUBBLICO FORMAZIONE ALBO IMPRESE DI FIDUCIA Con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 3 del 08/01/2010, è istituito il nuovo Albo delle Imprese di

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B Legislatura 14º - Disegno di legge N. 404-B SENATO DELLA REPUBBLICA XIV 404 B Attesto che la 12ª Commissione permanente (Igiene e sanità), il 15 giugno 2005, ha approvato, con modificazioni, il seguente

Dettagli

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK

REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK REGOLAMENTO ASSOCIAZIONE NON PROFIT NETWORK Articolo 1: FINALITA E ATTIVITA Relativamente alla sua attività di ente gestore del Centro Servizi Volontariato della provincia di Trento, ex art. 15 legge 266/91

Dettagli

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo per il Coordinamento delle Iniziative Antiracket e Antiusura Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo

Dettagli

Il revisore legale dei conti nelle società a partecipazione pubblica e privata

Il revisore legale dei conti nelle società a partecipazione pubblica e privata «LE SOCIETA DI GESTIONE DEI SERVIZI PUBBLICI LOCALI: lo stato dell arte, gli affidamenti, le responsabilità per gli organi di amministrazione e controllo» Il revisore legale dei conti nelle società a partecipazione

Dettagli

5 SETTORE Servizio Risorse umane DETERMINAZIONE. N. 1616/A.G. del 14/10/2014

5 SETTORE Servizio Risorse umane DETERMINAZIONE. N. 1616/A.G. del 14/10/2014 Reg. di Settore n. 142 5 SETTORE Servizio Risorse umane Copia DETERMINAZIONE N. 1616/A.G. del 14/10/2014 OGGETTO: DETERMINAZIONE DELLA INDENNITÀ DI FUNZIONE SPETTANTE AGLI ASSESSORI COMUNALI A SEGUITO

Dettagli

Circolare N.138 del 20 ottobre 2011. Codice antimafia e appalti. Le nuove regole del D.Lgs. n. 159/2011

Circolare N.138 del 20 ottobre 2011. Codice antimafia e appalti. Le nuove regole del D.Lgs. n. 159/2011 Circolare N.138 del 20 ottobre 2011 Codice antimafia e appalti. Le nuove regole del D.Lgs. n. 159/2011 Codice antimafia e appalti: le nuove regole del D.Lgs. n. 159/2011 Gentile cliente, con la presente,

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SOCI 11 MAGGIO 2013

ASSEMBLEA DEI SOCI 11 MAGGIO 2013 ASSEMBLEA DEI SOCI 11 MAGGIO 2013 INFORMAZIONI IN MERITO ALLA PROCEDURA DI NOMINA DEI SINDACI DI UNICREDIT S.P.A. UniCredit S.p.A. - Sede Sociale: Via Alessandro Specchi 16-00186 Roma - Direzione Generale:

Dettagli

Il sottoscritto.. codice fiscale n. nato a provincia di...stato. il.autorizzato, nella qualità di. a rappresentare legalmente l'impresa:...

Il sottoscritto.. codice fiscale n. nato a provincia di...stato. il.autorizzato, nella qualità di. a rappresentare legalmente l'impresa:... allegato A. Alla Fondazione Montagna sicura - Montagne sûre Villa Cameron Località Villard de La Palud, 1 11013 Courmayeur (Ao) Oggetto: AVVISO DI INTERPELLO PER L AFFIDAMENTO IN COTTIMO FIDUCIARIO, MEDIANTE

Dettagli

Titolo II RAPPORTO DI LAVORO. Art. 3 Codice disciplinare

Titolo II RAPPORTO DI LAVORO. Art. 3 Codice disciplinare Articolo estratto dal Contratto collettivo nazionale di lavoro del personale non dirigente del comparto regioni e autonomie locali quadriennio normativo 2006-2009 biennio economico 2006-2007 Titolo II

Dettagli

GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PER IL PERIODO 1-1-2014 31-12-2018. DICHIARAZIONE UNICA DI POSSESSO DEI REQUISITI DI GARA

GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PER IL PERIODO 1-1-2014 31-12-2018. DICHIARAZIONE UNICA DI POSSESSO DEI REQUISITI DI GARA MODULO B AL COMUNE DI BIOGLIO VIA VITTORIO EMANUELE II, 5 13841 BIOGLIO GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE PER IL PERIODO 1-1-2014 31-12-2018. DICHIARAZIONE UNICA DI POSSESSO DEI

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI 2005

ELEZIONI REGIONALI 2005 QUADERNI DEL CONSIGLIO REGIONALE DELLE MARCHE Area Processi normativi - Consulenza per la normazione - ELEZIONI REGIONALI 2005 A cura di: Sabrina Strazzi Maria Rosa Zampa INDICE Pag. 1. CALENDARIO DELLE

Dettagli

(redatta ai sensi dell art. 72 del Regolamento Consob n. 11971/99 e successive modifiche ed integrazioni)

(redatta ai sensi dell art. 72 del Regolamento Consob n. 11971/99 e successive modifiche ed integrazioni) Relazione del Consiglio di Amministrazione sulla proposta di modifica degli artt. 12, 18 e 28 dello statuto sociale e deliberazioni inerenti e conseguenti. (redatta ai sensi dell art. 72 del Regolamento

Dettagli

10/02/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 12. Regione Lazio

10/02/2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 12. Regione Lazio Regione Lazio DIREZIONE RISORSE UMANE E SISTEMI INFORMATIVI Atti dirigenziali di Gestione Atto di Organizzazione 9 febbraio 2015, n. G01030 Ricerca di professionalità per l'affidamento dell'incarico di

Dettagli

Città di Arese. Il/La sottoscritto/a.. nato/a a.. il.. e residente in... - provincia di Via/Piazza... c.a.p... Telefono.. Fax.. E-mail.

Città di Arese. Il/La sottoscritto/a.. nato/a a.. il.. e residente in... - provincia di Via/Piazza... c.a.p... Telefono.. Fax.. E-mail. Al Sig. Sindaco Oggetto: presentazione di candidatura per la carica di membro del C.d.A. dell'azienda Speciale Casa di Riposo Gallazzi-Vismara di Arese (avviso del Sindaco in data 18/07/2013) Il/La sottoscritto/a..

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE LEGALE, CONTROLLI, ISTITUZIONALE, PREVENZIONE CORRUZIONE

DIREZIONE CENTRALE LEGALE, CONTROLLI, ISTITUZIONALE, PREVENZIONE CORRUZIONE DIREZIONE CENTRALE LEGALE, CONTROLLI, ISTITUZIONALE, PREVENZIONE CORRUZIONE COMUNICATO REGIONALE del 11/02/2015 - N 26 OGGETTO: COMUNICATO DEL DIRETTORE CENTRALE DELLA DIREZIONE CENTRALE LEGALE, CONTROLLI,

Dettagli

Regolamento di attuazione dell articolo 15 della Legge n. 108 del 7 marzo 1996, concernente il Fondo per la prevenzione del fenomeno dell usura.

Regolamento di attuazione dell articolo 15 della Legge n. 108 del 7 marzo 1996, concernente il Fondo per la prevenzione del fenomeno dell usura. Decreto del Presidente della Repubblica n. 315 del 11giugno 1997 Regolamento di attuazione dell articolo 15 della Legge n. 108 del 7 marzo 1996, concernente il Fondo per la prevenzione del fenomeno dell

Dettagli

Allegato D Dichiarazione cumulativa - Assenza cause di esclusione e requisiti di partecipazione AVVALIMENTO (solo per ditta/impresa ausiliaria)

Allegato D Dichiarazione cumulativa - Assenza cause di esclusione e requisiti di partecipazione AVVALIMENTO (solo per ditta/impresa ausiliaria) Allegato D Dichiarazione cumulativa - Assenza cause di esclusione e requisiti di partecipazione AVVALIMENTO (solo per ditta/impresa ausiliaria) Autocertificazioni e dichiarazioni dell impresa ausiliaria

Dettagli

Comune di San Vito Romano

Comune di San Vito Romano ALLEGATO 1 BANDO PER LA SELEZIONE DI 2 VOLONTARI DA IMPIEGARE NEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE ANIMAZIONE NEL TERRITORIO TRA BIBLIOTECA E MATERIALE ARCHIVISTICO 2016 DATA DI SCADENZA: 30/06/2016 Art. 1

Dettagli

STATUTO Art. 1 Costituzione E costituita l Associazione Sportiva Dilettantistica denominata... L Associazione ha sede in..., non ha fini di lucro,

STATUTO Art. 1 Costituzione E costituita l Associazione Sportiva Dilettantistica denominata... L Associazione ha sede in..., non ha fini di lucro, STATUTO Art. 1 Costituzione E costituita l Associazione Sportiva Dilettantistica denominata... L Associazione ha sede in..., non ha fini di lucro, indirizzi di carattere politico, ed è un ente non commerciale

Dettagli

CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (Art. 3 del C.C.N.L. 11 aprile 2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.

CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (Art. 3 del C.C.N.L. 11 aprile 2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n. Pagina 1 di 7 CODICE DISCIPLINARE PERSONALE NON DIRIGENTE (Art. 3 del C.C.N.L. 11 aprile 2008 integrato con le disposizioni di cui al D.Lgs.27 ottobre 2009, n.150) 1. Nel rispetto del principio di gradualità

Dettagli

NUOVO TESTO PROPOSTO DALLE COMMISSIONI PERMANENTI 2ª E 3ª RIUNITE

NUOVO TESTO PROPOSTO DALLE COMMISSIONI PERMANENTI 2ª E 3ª RIUNITE Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 1908-A/R Relazione orale Relatori Mazzatorta e Bettamio NUOVO TESTO PROPOSTO DALLE COMMISSIONI PERMANENTI 2ª E 3ª RIUNITE (2ª GIUSTIZIA) (3ª AFFARI ESTERI, EMIGRAZIONE)

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA

STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA STATUTO ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA Art. 1 Costituzione E costituita l Associazione Sportiva Dilettantistica denominata Carp Club Martellago A.S.D. con sede in via Ca Nove n. 99 a Martellago

Dettagli

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013.

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. Il D.l. 14 agosto 2013, n. 93, entrato il vigore lo

Dettagli

C O M U N E DI IGLESIAS

C O M U N E DI IGLESIAS C O M U N E DI IGLESIAS (PROVINCIA DI CARBONIA - IGLESIAS) BOZZA REGOLAMENTO PER LA PUBBLICITA E TRASPARENZA DELLA SITUAZIONE REDDITUALE E PATRIMONIALE DEI TITOLARI DI CARICHE ELETTIVE E DI GOVERNO Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO Elenco elettronico degli operatori economici. Albo Fornitori

REGOLAMENTO Elenco elettronico degli operatori economici. Albo Fornitori REGOLAMENTO Elenco elettronico degli operatori economici Albo Fornitori INDICE ART. 1 PREMESSA 3 ART. 2 OGGETTO 3 ART. 3 STRUTTURA DELL ALBO 3 ART.4 REQUISITI PER L ISCRIZIONE 3 ART. 5 MODALITA DI ISCRIZIONE

Dettagli