Le novità del D. Lgs. 81/2008 in materia di rappresentanza dei lavoratori

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le novità del D. Lgs. 81/2008 in materia di rappresentanza dei lavoratori"

Transcript

1 Le novità del D. Lgs. 81/2008 in materia di rappresentanza dei lavoratori Gianluca Ostini Federchimica Convegno 26 Giugno 2008

2 Premessa Molteplici importanti innovazioni in materia di consultazione e partecipazione dei rappresentanti dei lavoratori che: hanno un impatto sul nostro settore limitato nell immediato ma significativo in prospettiva, puntualizzano, talvolta ampliando, le agibilità dei rappresentanti dei lavoratori (confermando l opportunità delle scelte settoriali di agevolare una loro crescita culturale e un approccio non conflittuale) contengono molteplici rinvii alla contrattazione collettiva e a decreti attuativi 2

3 La attuale situazione di fatto nel settore Presenza del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza, Salute, Ambiente (RLSSA) in un ampia maggioranza delle imprese. Eletto o nominato sulla base di: Disciplina legislativa (626/94) Accordo interconfederale (22/6/1995) Norme contrattuali (articolo 43 del CCNL che in particolare ne disciplina ruolo e attribuzioni, numero, permessi retribuiti, formazione) 3

4 Le nuove norme Definizione di lavoratore e computo Definizione pressoché omnicomprensiva dei lavoratori destinatari delle tutele della nuova disciplina legislativa Modalità di computo dei lavoratori ai fini per esempio della elezione/designazione di loro Rappresentanti che prevedono tra l altro: l esclusione dei lavoratori autonomi, Co.Co.Co. e Co.Co.Pro impegnati non in forma esclusiva, dei lavoratori a termine in sostituzione di altri con diritto alla conservazione del posto, dei tirocinanti, Il computo dei lavoratori somministrati e part-time sulla base delle ore prestate 4

5 Le nuove norme Le possibili forme di rappresentanza dei lavoratori In tutte le imprese o unità produttive è eletto o designato il rappresentante dei lavoratori che può essere: Aziendale (RLS in generale - RLSSA per il nostro settore) Territoriale/di comparto (RLST già esplicitamente previsto nella precedente normativa per imprese/up con meno di 15 dipendenti ma non operativo nell industria) Di sito (RLSS Nuova figura prevista in diversi contesti produttivi quali, per esempio, quelli caratterizzati da più imprese con complesse problematiche di interferenza e con più di 500 lavoratori impegnati mediamente) 5

6 I rapporti tra le forme di rappresentanza Le nuove norme RLSSA e RLST sono alternativi tra loro e in generale la presenza dell RLSSA esclude la possibilità di elezione/designazione dell RLST RLSS ha la duplice funzione di: Coordinamento degli RLS/RLSSA presenti nel sito RLS/RLSSA per tutte quelle imprese o cantieri presenti nel sito che non abbiano un proprio rappresentante 6

7 Le nuove norme Elezione/designazione e individuazione del Rappresentante RLSSA e RLST sono eletti o designati dai lavoratori (normalmente all interno della Rappresentanza Sindacale Unitaria RSU) RLSS è individuato tra gli RLS/RLSSA presenti nel sito produttivo 7

8 Novità in materia di RLSSA Le nuove norme Relativamente alle prerogative e agibilità previste per l RLS aziendale da segnalare Conferma consegna Documento Valutazione dei Rischi (DUV) e novità consegna Documento Unico Valutazione dei Rischi (DUVRI) Richiamo a obbligo di riservatezza (già presente nel nostro CCNL) Incompatibilità con funzione di Responsabile o Addetto al Servizio di Prevenzione e Protezione 8

9 Le più rilevanti deleghe alla contrattazione collettiva Le nuove norme Election Day Modalità di esercizio delle funzioni, attribuzioni, numero, modalità di designazione, permessi e strumenti per l espletamento delle funzioni di Rappresentante dei lavoratori Alternative in caso di mancata elezione RLSSA Formazione: Modalità durata, contenuti specifici e modalità di aggiornamento periodico degli RLSSA 9

10 La più rilevante novità in materia di formazione Le nuove norme Disciplinato l obbligo di aggiornamento periodico mediante corsi annuali (già previsti dalla nostra contrattazione collettiva) Operativo dal prossimo 14 luglio il modulo annuale di aggiornamento di 8 ore realizzato con le OOSS che: verte sui sistemi di gestione e Responsible Care si articola su temi tecnici e comportamentali approfondendo il tema della comunicazione utilizza modalità interattive ha l obiettivo di migliorare la capacità dell RLSSA di svolgere il proprio ruolo 10

LA FIGURA DEL RAPPRESENTANTE DELLA SICUREZZA E LA COMUNICAZIONE ALL INAIL

LA FIGURA DEL RAPPRESENTANTE DELLA SICUREZZA E LA COMUNICAZIONE ALL INAIL LA FIGURA DEL RAPPRESENTANTE DELLA SICUREZZA E LA COMUNICAZIONE ALL INAIL Sede di Treviso Dott. Antonio Salvati Gli attori della prevenzione Il modello di sicurezza in forma partecipativa del D Lgs n.

Dettagli

- R.L.S. RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (D.Lgs. 81/2008 e ss.mm.ii.) -RUOLO - ATTRIBUZIONI COMPITI - NEL SISTEMA SICUREZZA

- R.L.S. RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (D.Lgs. 81/2008 e ss.mm.ii.) -RUOLO - ATTRIBUZIONI COMPITI - NEL SISTEMA SICUREZZA C P R P - R.L.S. RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA (D.Lgs. 81/2008 e ss.mm.ii.) -RUOLO - ATTRIBUZIONI COMPITI - NEL SISTEMA SICUREZZA Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.)

Dettagli

Faq RLS. Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza e' istituito a livello territoriale o di comparto, aziendale e di sito produttivo.

Faq RLS. Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza e' istituito a livello territoriale o di comparto, aziendale e di sito produttivo. Faq RLS Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza e' istituito a livello territoriale o di comparto, aziendale e di sito produttivo. Nella stragrande maggioranza dei casi is tratta di un lavoratore

Dettagli

COMPARTO DEL PERSONALE DELLE REGIONI E DELLE AUTONOMIE LOCALI

COMPARTO DEL PERSONALE DELLE REGIONI E DELLE AUTONOMIE LOCALI COMPARTO DEL PERSONALE DELLE REGIONI E DELLE AUTONOMIE LOCALI ACCORDO SU INTEGRAZIONI E MODIFICAZIONI AL CCNL QUADRO DEL 7.8.1998 PER LA COSTITUZIONE DELLE RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE PER IL PERSONALE

Dettagli

La rappresentanza dei lavoratori: il Rlst

La rappresentanza dei lavoratori: il Rlst La rappresentanza dei lavoratori: il Rlst Bolzano 24 novembre 2011 Gabriella Galli Resp. Ufficio salute e sicurezza Uil nazionale Il rischio nelle microimprese Casi mortali per dimensione aziendale valori%

Dettagli

Compiti e ruolo del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

Compiti e ruolo del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Corso di In-formazione per lavoratori All interno dell I.N.G.V. Osservatorio Vesuviano 15-Giuno-2016 Riferimenti Normativi Articolo 2 - Definizioni Compiti e ruolo del Rappresentante dei Lavoratori per

Dettagli

RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA

RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA DURATA: 08 10 1/09 Qualora il lavoratore risulti INIDONEO ad una mansione specifica il datore di lavoro adibisce il lavoraotre, ove possibile ad altra mansione

Dettagli

Fatto salvo quanto stabilito in sede di contrattazione collettiva, il RLS:

Fatto salvo quanto stabilito in sede di contrattazione collettiva, il RLS: Quali sono i compiti del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza? Fatto salvo quanto stabilito in sede di contrattazione collettiva, il RLS: a) accede ai luoghi di lavoro in cui si svolgono le lavorazioni;

Dettagli

L art. 8 D.L. 138/2011: Ambiti, materie, criticità della contrattazione di prossimità

L art. 8 D.L. 138/2011: Ambiti, materie, criticità della contrattazione di prossimità L art. 8 D.L. 138/2011: Ambiti, materie, criticità della contrattazione di prossimità L art. 8, comma 1 D.L. 138/2011: il testo I contratti collettivi di lavoro sottoscritti a livello aziendale o territoriale

Dettagli

First Cisl. Roberto Spoletini

First Cisl. Roberto Spoletini First Cisl Roberto Spoletini Sicurezza dei lavoratori La sicurezza è una componente necessaria ed importante nell ambito del mondo del lavoro. La sicurezza deve far parte del DNA della persona e delle

Dettagli

Pesaro, 7 dicembre Regolamento di funzionamento della R.S.U. del Comune di Pesaro

Pesaro, 7 dicembre Regolamento di funzionamento della R.S.U. del Comune di Pesaro Pesaro, 7 dicembre 2004 Regolamento di funzionamento della R.S.U. del Comune di Pesaro REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA R.S.U. DEL COMUNE DI PESARO I giorni 16, 17 e 18 novembre 2004 i dipendenti del

Dettagli

PROCEDURE E ISTRUZIONI OPERATIVE PER AVVALERSI DEL RAPPRESENTATE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA TERRITORIALE (RLST)

PROCEDURE E ISTRUZIONI OPERATIVE PER AVVALERSI DEL RAPPRESENTATE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA TERRITORIALE (RLST) PROCEDURE E ISTRUZIONI OPERATIVE PER AVVALERSI DEL RAPPRESENTATE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA TERRITORIALE (RLST) 1 PREMESSO CHE: - Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza è la persona eletta

Dettagli

FORMAZIONE DIRIGENTI Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011

FORMAZIONE DIRIGENTI Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 FORMAZIONE DIRIGENTI Accordo Stato Regioni del 21 dicembre 2011 Modulo 4.4 Modalità di nomina o di elezione dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza - Organismi Paritetici - Consultazione partecipazione

Dettagli

OGGETTO: Nota di chiarimenti in materia di relazioni sindacali.

OGGETTO: Nota di chiarimenti in materia di relazioni sindacali. Roma, 15 febbraio 2002 A tutte le Amministrazioni Loro sedi Prot. 1702 OGGETTO: Nota di chiarimenti in materia di relazioni sindacali. In risposta ai numerosi quesiti, sia telefonici che scritti, pervenuti

Dettagli

N A Z I O N A L E P A R I T E T I C O. E. N. B i. F o r m. O R G A N I S M O RLST. Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriale

N A Z I O N A L E P A R I T E T I C O. E. N. B i. F o r m. O R G A N I S M O RLST. Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriale O R G A N I S M O P A R I T E T I C O N A Z I O N A L E E. N. B i. F o r m. O.P.N. E.N.Bi.Form. RLST Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Territoriale L O.P.N. E.N.Bi.Form. (Organismo Paritetico

Dettagli

Guida Pratica per le RSU e i TAS FGU - GILDA

Guida Pratica per le RSU e i TAS FGU - GILDA Guida Pratica per le RSU e i TAS FGU - GILDA 1. I DIRITTI DELLA RSU 2. LE RELAZIONI SINDACALI 1. I DIRITTI DELLA RSU La RSU: è un organismo unitario di rappresentanza dei lavoratori; assume le proprie

Dettagli

FAQ. Qui di seguito troverete l elenco di domande e risposte divise in 5 argomenti principali:

FAQ. Qui di seguito troverete l elenco di domande e risposte divise in 5 argomenti principali: FAQ Per approfondire argomenti legati all attività dei RLST, condividere esperienze, porre domande e contribuire alle risposte relative al lavoro e alle problematiche del settore, scrivi a info@zeroinfortuni.it

Dettagli

La Formazione nel CCNL Chimico Farmaceutico

La Formazione nel CCNL Chimico Farmaceutico La Formazione nel CCNL Chimico Farmaceutico Luciano Tramannoni Segretario Comparto Chimico Femca Cisl Centro Studi Cisl 15 giugno 2016 Cos è la FEMCA CISL Federazione Energia Moda Chimici e Affini Aderenti

Dettagli

IL RLS Prof. Luca Salvini

IL RLS Prof. Luca Salvini CORSO di FORMAZIONE su SICUREZZA e SALUTE dei lavoratori (626/94) IL RLS Prof. Luca Salvini IL RLS INTRODUZIONE OBIETTIVI DI QUESTO INCONTRO IL CONTESTO LA CONSULTAZIONE E LA PARTECIPAZIONE DEI LAVORATORI

Dettagli

b) alle attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di prevenzione e protezione conseguenti;

b) alle attività di valutazione dei rischi e di predisposizione delle misure di prevenzione e protezione conseguenti; Articolo 30 - Modelli di organizzazione e di gestione Il modello di organizzazione e di gestione idoneo ad avere efficacia esimente dalla responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società

Dettagli

INTRODUZIONE CAPITOLO I RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE E RAPPRESENTANZE SINDACALI AZIENDALI: UNA DIFFICILE TRANSIZIONE

INTRODUZIONE CAPITOLO I RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE E RAPPRESENTANZE SINDACALI AZIENDALI: UNA DIFFICILE TRANSIZIONE INTRODUZIONE CAPITOLO I RAPPRESENTANZE SINDACALI UNITARIE E RAPPRESENTANZE SINDACALI AZIENDALI: UNA DIFFICILE TRANSIZIONE 1. L articolo 19 dello Statuto dei Lavoratori e le Rappresentanze Sindacali aziendali

Dettagli

Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza. dr. Augusto Piazza ECO 86 Lecco

Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza. dr. Augusto Piazza ECO 86 Lecco Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza dr. Augusto Piazza ECO 86 Lecco 1 OBIETTIVO DEL D.Lgs. 81 MIGLIORAMENTO DELLA SICUREZZA E DELLA SALUTE DEI LAVORATORI creazione sistema di gestione permanente

Dettagli

Computo dei lavoratori

Computo dei lavoratori Computo dei lavoratori Il numero di dipendenti aventi diritto alla partecipazione alla elezione del RLS deve essere calcolato tenendo conto anche dei dirigenti e dei preposti. Nelle realtà aziendali con

Dettagli

PROTOCOLLO RLST (Rappresentante dei Lavoratori alla Sicurezza Territoriale)

PROTOCOLLO RLST (Rappresentante dei Lavoratori alla Sicurezza Territoriale) PROTOCOLLO RLST (Rappresentante dei Lavoratori alla Sicurezza Territoriale) Competenze Finanziamento Funzioni Modalità operative Art. 1 - Ambito di attività Per tutte le imprese iscritte alla Cassa Edile

Dettagli

Elezioni RLS e lavoratori in somministrazione lavoro.

Elezioni RLS e lavoratori in somministrazione lavoro. Elezioni RLS e lavoratori in somministrazione lavoro. CENTRO STUDI Circolare n.10 del 2016 Pagina 1 Carissimi amici e amiche, Innanzi tutto auguri di un meraviglioso Natale ed uno splendido 2017 a tutti

Dettagli

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO. per i dipendenti da aziende di confezione in serie di prodotti di abbigliamento

CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO. per i dipendenti da aziende di confezione in serie di prodotti di abbigliamento CONTRATTO COLLETTIVO NAZIONALE DI LAVORO per i dipendenti da aziende di confezione in serie di prodotti di abbigliamento 27 LUGLIO 1995 Art. 7 (Ambiente di lavoro - Rappresentanti per la sicurezza) 1 -

Dettagli

Figura e mandato generale del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza

Figura e mandato generale del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza Figura e mandato generale del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza D.Lgs. 81/2008 Titolo I - Capo III - Sezione VII Consultazione e partecipazione dei Rappresentanti dei lavoratori Numero dei

Dettagli

La rappresentanza sindacale all interno dell impresa

La rappresentanza sindacale all interno dell impresa La rappresentanza sindacale all interno dell impresa 29 maggio 2007 1 L evoluzione storica La commissione interna ed il delegato d impresa Il delegato di reparto Il consiglio dei delegati La R.s.a. La

Dettagli

EGQ CONSULENZA D AZIENDA S.R.L.

EGQ CONSULENZA D AZIENDA S.R.L. PREMESSA La EGQ Consulenza d azienda in collaborazione con lo Studio Ianni ing. Vincenzo, a seguito dell approvazione del D.lg. 81/08 organizza il Corso Formazione per RLS rivolgendosi ai rappresentanti

Dettagli

VERBALE DI ACCORDO. Tra. si è convenuto quanto segue in ordine ai Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza:

VERBALE DI ACCORDO. Tra. si è convenuto quanto segue in ordine ai Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza: Autogrill, Accordo D.Lgs 626/94, 29/07/1999 Decorrenza: 29/07/1999 Scadenza: VERBALE DI ACCORDO Addì, 29 Luglio 1999 in sede Fipe Roma - l Autogrill SpA Tra e - la Filcams-Cgil - la Fisascat-Cisl - la

Dettagli

TESI IN DIRITTO DEL LAVORO

TESI IN DIRITTO DEL LAVORO TESI IN DIRITTO DEL LAVORO IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA INTRODUZIONE CAPITOLO 1: L evoluzione storica della normativa sulla sicurezza sui luoghi di lavoro 1.1 La disciplina della sicurezza

Dettagli

FONDO FORMAZIONE FILCA AREA NORDEST Via Piave, 7 30172 MESTRE (VE) tel. 041/5330895 fax. 041/5330887

FONDO FORMAZIONE FILCA AREA NORDEST Via Piave, 7 30172 MESTRE (VE) tel. 041/5330895 fax. 041/5330887 FONDO FORMAZIONE FILCA AREA NORDEST Via Piave, 7 30172 MESTRE (VE) tel. 041/5330895 fax. 041/5330887 I RINVII ALLA COLLETTIVA AI VARI LIVELLI circa le varie tipologie di rapporto di lavoro Previsti da:

Dettagli

Misurazione della rappresentatività.

Misurazione della rappresentatività. PROTOCOLLO D INTESA Con la presente intesa le parti intendono dare applicazione all accordo del 28 giugno 2011 in materia di rappresentanza e rappresentatività per la stipula dei Contratti Collettivi Nazionali

Dettagli

TEST 626. 1. All interno dell attività lavorativa è stato designato il RSPP previa consultazione dell RLS?

TEST 626. 1. All interno dell attività lavorativa è stato designato il RSPP previa consultazione dell RLS? TEST 626 1. All interno dell attività lavorativa è stato designato il RSPP previa consultazione dell RLS?! identificare responsabile interno o estero all azienda (art. 10, D. Lgs. 626/94) - Il datore di

Dettagli

Riepilogo sull Accordo Stato- Regioni del 7 luglio 2016

Riepilogo sull Accordo Stato- Regioni del 7 luglio 2016 Riepilogo sull Accordo Stato- Regioni del 7 luglio 2016 Inquadramento generale; Nuova formazione RSPP/ASPP Aggiornamenti RSPP/ASPP Prospettive e opportunità E-learning www.farag.it 1 Il nuovo accordo prevede

Dettagli

Sicurezza sul lavoro: guida operativa e prassi aziendale

Sicurezza sul lavoro: guida operativa e prassi aziendale Sicurezza sul lavoro: guida operativa e prassi aziendale Sicurezza sul Lavoro le principali norme da osservare per una corretta gestione del rischio in azienda. Fonte: www.job.fanpage.it Il D. Lgs. n.

Dettagli

TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA E PARTECIPAZIONE DEI LAVORATORI NEL SETTORE DI IGIENE AMBIENTALE

TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA E PARTECIPAZIONE DEI LAVORATORI NEL SETTORE DI IGIENE AMBIENTALE Le. TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA E PARTECIPAZIONE DEI LAVORATORI NEL SETTORE DI IGIENE AMBIENTALE Potenzialità e criticità del quadro normativo e ruolo dei RLS nella prevenzione dei rischi sul lavoro

Dettagli

Manuale corso di formazione RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA [RLS]

Manuale corso di formazione RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA [RLS] Organismo accreditato dalla REGIONE PIEMONTE per il riconoscimento dei corsi di formazione [Cert. nr. 1193/001] Manuale corso di formazione RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA [RLS] Rev. 0 del

Dettagli

REGOLAMENTO RAPPRESENTANZA SINDACALE UNITARIA

REGOLAMENTO RAPPRESENTANZA SINDACALE UNITARIA REGOLAMENTO RAPPRESENTANZA SINDACALE UNITARIA Università di Pisa PREAMBOLO La RSU rappresenta e difende i diritti e gli interessi generali delle lavoratrici e dei lavoratori dell Ateneo pisano, combatte

Dettagli

DEMOCRAZIA E RAPPRESENTANZA

DEMOCRAZIA E RAPPRESENTANZA DEMOCRAZIA E RAPPRESENTANZA (testo approvato dal Comitato Direttivo della CGIL del 15 gennaio 2011) A. IL PERCORSO 1. definire una griglia di principi e proposte che portano a sintesi una lunga elaborazione

Dettagli

10. Modalità di consultazione 11. Informazioni e documentazione aziendale 12. Riunione periodica 13. Formazione del RLSSA NORME TRANSITORIE 1.

10. Modalità di consultazione 11. Informazioni e documentazione aziendale 12. Riunione periodica 13. Formazione del RLSSA NORME TRANSITORIE 1. Il Rappresentante per la sicurezza segnala preventivamente al datore di lavoro le visite che intende effettuare ai luoghi di lavoro. Tali visite si svolgono, di norma, congiuntamente al responsabile del

Dettagli

FORMAZIONE RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA

FORMAZIONE RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA FORMAZIONE RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA CORSO DI FORMAZIONE BASE PER RLS Corso rivolto ai lavoratori eletti o designati RLS Date Orari Durata del corso Sede CFA Obiettivi e Finalità del

Dettagli

INFORMATIVA NOMINA RLS

INFORMATIVA NOMINA RLS INFORMATIVA NOMINA RLS La nomina del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza è un adempimento previsto dalla normativa vigente in materia di sicurezza sul lavoro. Il D.Lgs 81/08 stabilisce che:

Dettagli

Evento di Formazione Gruppo ODCEC Area Lavoro

Evento di Formazione Gruppo ODCEC Area Lavoro Le intese aziendali sul lavoro e gli interventi possibili per le parti delegate: i contratti aziendali di secondo livello e la contrattazione di prossimità Evento di Formazione Gruppo ODCEC Area Lavoro

Dettagli

Provincia di Forlì-Cesena

Provincia di Forlì-Cesena Provincia di Forlì-Cesena Servizio Progettazione e Manutenzione Fabbricati Ufficio Servizio Prevenzione e Protezione PROGRAMMA DELLA FORMAZIONE ANNUALE Provincia di Forlì-Cesena 2012 sito web: www.provincia.fc.it

Dettagli

SLC - CGIL Sindacato Lavoratori Comunicazione FISTel - CISL Federazione Informazione Spettacolo e Telecomunicazioni UILCOM - UIL

SLC - CGIL Sindacato Lavoratori Comunicazione FISTel - CISL Federazione Informazione Spettacolo e Telecomunicazioni UILCOM - UIL SLC - CGIL Sindacato Lavoratori Comunicazione FISTel - CISL Federazione Informazione Spettacolo e Telecomunicazioni UILCOM - UIL Unione Italiana Lavoratori della Comunicazione Roma, 22 febbraio 2013 Alle

Dettagli

Ambienti di lavoro sani e sicuri ad ogni età. Il ruolo dei. dei RLS. Milano - 21 giugno 2016

Ambienti di lavoro sani e sicuri ad ogni età. Il ruolo dei. dei RLS. Milano - 21 giugno 2016 Ambienti di lavoro sani e sicuri ad ogni età Il ruolo dei dei RLS Milano - 21 giugno 2016 Obiettivo Dare a RLS in azienda la consapevolezza del problema e del proprio ruolo Obiettivo 1. perché valutare

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE DEI LAVORATORI - GENERALE E SPECIFICA

CORSO DI FORMAZIONE DEI LAVORATORI - GENERALE E SPECIFICA CORSO DI FORMAZIONE DEI LAVORATORI - GENERALE E SPECIFICA L art. 37 del D. Lgs. 81/08 prevede che il Datore di lavoro provveda alla formazione di tutti i lavoratori, secondo i contenuti e la durata previsti

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO

CORSI DI FORMAZIONE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO CATALOGO CORSI DI FORMAZIONE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO Ente Scuola Lavoro Impresa Agenzia Accreditata dalla Regione Piemonte per l erogazione

Dettagli

Come garantire il coinvolgimento dei lavoratori

Come garantire il coinvolgimento dei lavoratori Come garantire il coinvolgimento dei lavoratori Una delle linee strategiche adottate dal legislatore per definire la riforma della disciplina in materia di salute e sicurezza sul lavoro, operata attraverso

Dettagli

Accordo interconfederale 22 giugno 1995 in materia di igiene e sicurezza sul lavoro

Accordo interconfederale 22 giugno 1995 in materia di igiene e sicurezza sul lavoro Tipologia: Accordo interconfederale Data firma: 22 giugno 1995 Parti: Confindustria e Cgil, Cisl, Uil Settori: Industria Fonte: CNEL Sommario: Parte I 1. Il rappresentante per la sicurezza (RLS) 1.1. Aziende

Dettagli

Ambiente di lavoro - doveri delle aziende e dei lavoratori - rappresentanti per la sicurezza

Ambiente di lavoro - doveri delle aziende e dei lavoratori - rappresentanti per la sicurezza Settore tessili Ambiente di lavoro - doveri delle aziende e dei lavoratori - rappresentanti per la sicurezza 1 - Premessa - doveri delle aziende e dei lavoratori La prevenzione degli infortuni e delle

Dettagli

La Cgil del Trentino, rappresentata dal Segretario Generale Paolo Burli e da Franco Ischia

La Cgil del Trentino, rappresentata dal Segretario Generale Paolo Burli e da Franco Ischia In data 10 settembre 2009 presso la sede dell Ente Bilaterale dell Artigianato Trentino tra L Associazione Artigiani e Piccole Imprese della Provincia di Trento, rappresentata dal Presidente Provinciale

Dettagli

L'ORGANIZZAZIONE SINDACALE

L'ORGANIZZAZIONE SINDACALE L'ORGANIZZAZIONE SINDACALE Elaborazione a cura del progetto EQuIPE 2020 Il percorso formativo è organizzato dal progetto EQuIPE 2020, finanziato nell ambito del PON SPAO con il contributo del Fondo Sociale

Dettagli

IL RUOLO DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA

IL RUOLO DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA Attribuzioni del Rappresentate dei Lavoratori per la Sicurezza tutte le informazioni su salute e sicurezza sul sito www.rlsfilcams-lombardia.org IL RUOLO DEL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA

Dettagli

La riunione dei lavoratori deve essere esclusivamente dedicata a tale funzione elettiva.

La riunione dei lavoratori deve essere esclusivamente dedicata a tale funzione elettiva. Accordo Interconfederale 22 giugno 1995 di attuazione del decreto legislativo n. 626/94, in tema di rappresentanza dei lavoratori per la sicurezza, le sue modalità di esercizio, la formazione di detta

Dettagli

CHIMICI FARMACEUTICI INDUSTRIA

CHIMICI FARMACEUTICI INDUSTRIA CHIMICI FARMACEUTICI INDUSTRIA 21 a Edizione Fotocopie per uso personale del lettore possono essere effettuate nei limiti del 15% di ciascun volume/fascicolo di periodico dietro pagamento alla SIAE del

Dettagli

Sicurezza sul lavoro. Fondamenti di Diritto SICUREZZA SUL LAVORO

Sicurezza sul lavoro. Fondamenti di Diritto SICUREZZA SUL LAVORO Fondamenti di Diritto SICUREZZA SUL LAVORO 1 Le principali fonti normative Costituzione (articoli 32, 35, 38, 41) Art. 2087 Codice Civile Legge n.300/70 (Statuto Lavoratori) Testo Unico (D. Lgs. n.81/08)

Dettagli

Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. Aggiornato al: 21-6-2012 DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.

Dettagli

Le principali novità introdotte dal CORRETTIVO al Testo Unico sulla Sicurezza nei luoghi di lavoro

Le principali novità introdotte dal CORRETTIVO al Testo Unico sulla Sicurezza nei luoghi di lavoro Sezione II VALUTAZIONE DEI RISCHI Art. 28. Oggetto della valutazione dei rischi Le principali novità introdotte dal CORRETTIVO al Testo Unico sulla Sicurezza nei luoghi di lavoro 1. La valutazione di cui

Dettagli

CCNL Dipendenti delle piccole e medie aziende della comunicazione, dell informatica, e dei servizi innovativi.

CCNL Dipendenti delle piccole e medie aziende della comunicazione, dell informatica, e dei servizi innovativi. CCNL 17.07.2001. Dipendenti delle piccole e medie aziende della comunicazione, dell informatica, e dei servizi innovativi. Epigrafe Scadenze contrattuali Verbale di stipula PARTE PRIMA NORME GENERALI Art.

Dettagli

INTERPELLI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO

INTERPELLI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Modena, 14 ottobre 2015 INTERPELLI IN MATERIA DI SICUREZZA SUL LAVORO Ministero del Lavoro, Commissione per gli interpelli in materia di salute e sicurezza del lavoro, Interpelli n. 17, 18, 19 e 20 del

Dettagli

ADEMPIMENTI D.LGS. 626/94 e s.m.i. OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO

ADEMPIMENTI D.LGS. 626/94 e s.m.i. OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO ADEMPIMENTI D.LGS. 626/94 e s.m.i. OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO 1 Nomina del Responsabile servizio prevenzione e protezione In tutte le imprese deve essere nominato il RSPP che può essere: Datore di lavoro

Dettagli

Deliberazione del Direttore Generale. n. 303 del registro

Deliberazione del Direttore Generale. n. 303 del registro ISTITUTO TUMORI GIOVANNI PAOLO II ISTITUTO DI RICOVERO E CURA A CARATTERE SCIENTIFICO Viale Orazio Flacco, 65-70124 BARI Deliberazione del Direttore Generale n. 303 del registro OGGETTO: D. Lgs. N.81/2008.

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO. Dipartimento della d. Servizio Istruzione. Insegnante Smaniotto Emilia

PROVINCIA AUTONOMA TRENTO. Dipartimento della d. Servizio Istruzione. Insegnante Smaniotto Emilia PROVINCIA AUTONOMA TRENTO Dipartimento della d conoscenza Servizio Istruzione Insegnante Smaniotto Emilia Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 art. 36 e 37 Informazione formazione addestramento

Dettagli

Figure aziendali. www.si-web.it 1

Figure aziendali. www.si-web.it 1 Figure aziendali Il TEAM di Si-Web ha lavorato con impegno e professionalità utilizzando informazioni provenienti da autorevoli fonti sia nazionali che internazionali, ciò nonostante quanto predisposto

Dettagli

PROTOCOLLO PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEL PORTO DELLA SPEZIA. Il giorno 28 del mese di settembre 2009 presso la sede della Prefettura, Premesso:

PROTOCOLLO PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEL PORTO DELLA SPEZIA. Il giorno 28 del mese di settembre 2009 presso la sede della Prefettura, Premesso: PROTOCOLLO PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEL PORTO DELLA SPEZIA Il giorno 28 del mese di settembre 2009 presso la sede della Prefettura, Premesso: che la particolarità e le peculiarità delle attività portuali

Dettagli

SOGGETTI FORMATORI E SISTEMI DI ACCREDITAMENTO (Allegato A - Punto 2) ACCORDO STATO REGIONI 07/07/2016

SOGGETTI FORMATORI E SISTEMI DI ACCREDITAMENTO (Allegato A - Punto 2) ACCORDO STATO REGIONI 07/07/2016 C P R P SOGGETTI FORMATORI E SISTEMI DI ACCREDITAMENTO (Allegato A - Punto 2) ACCORDO STATO REGIONI 07/07/2016 (Pubblicato G.U. N 193 DEL 19/08/2016, IN VIGORE DAL 03 SETTEMBRE 2016) SOGGETTI FORMATORI

Dettagli

INFORMAZIONE DOCENTI E PERSONALE ATA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E. FERMI SIRACUSA

INFORMAZIONE DOCENTI E PERSONALE ATA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E. FERMI SIRACUSA INFORMAZIONE DOCENTI E PERSONALE ATA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE E. FERMI SIRACUSA a.s. 2013/2014 RSPP Prof. Carmelo Sutera Via Torino, 137 96100 Dirigente Scolastico:Alfonso Randazzo e-mail srtf01000q@istruzione.it

Dettagli

L attività di controllo dei SPSAL in provincia di Modena: risultati e principali criticità riscontrate

L attività di controllo dei SPSAL in provincia di Modena: risultati e principali criticità riscontrate Azienda Unità Sanitaria Locale di Modena Dipartimento di Sanità Pubblica SERVIZI PREVENZIONE SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO L attività di controllo dei SPSAL in provincia di Modena: risultati e principali

Dettagli

Corso di formazione per RSPP Datore di lavoro

Corso di formazione per RSPP Datore di lavoro Studio di Consulenza e Formazione Consulting Professional Napoli - Corso Arnaldo Lucci 102 Cell. 393.943.81.57 Centro di formazione Riferimenti legislativi D.Lgs. 09 Aprile 2008 n. 81 art. 34 comma 1 Salvo

Dettagli

Sicurezza sul lavoro. Dipartimento Regionale della Funzione Pubblica e del Personale. Opuscolo informativo Sicurezza negli uffici

Sicurezza sul lavoro. Dipartimento Regionale della Funzione Pubblica e del Personale. Opuscolo informativo Sicurezza negli uffici Sicurezza sul lavoro Dipartimento Regionale della Funzione Pubblica e del Personale Opuscolo informativo Sicurezza negli uffici PREFAZIONE La normativa che regola l igiene e la sicurezza sul lavoro è oggettivamente

Dettagli

SISTEMA BILATERALE NAZIONALE SICUREZZA ARTIGIANATO

SISTEMA BILATERALE NAZIONALE SICUREZZA ARTIGIANATO 1 SISTEMA BILATERALE NAZIONALE SICUREZZA ARTIGIANATO L artigianato, tramite l Accordo Interconfederale nazionale del 3/9/96 (attuativo del D.Lgs 626/94) ha scelto di dar vita ad un sistema bilaterale nazionale

Dettagli

Verbale della riunione RSU N.1 del 31/01/2008

Verbale della riunione RSU N.1 del 31/01/2008 Verbale della riunione RSU N.1 del 31/01/2008 ORDINE DEL GIORNO: 1) Approvazione del Regolamento RSU 2) Funzioni di coordinamento; 3) Nomina delle Commissioni 4) varie ed eventuali La riunione ha inizio

Dettagli

6 Gli adempimenti della sicurezza sul lavoro negli studi professionali SOMMARIO

6 Gli adempimenti della sicurezza sul lavoro negli studi professionali SOMMARIO SOMMARIO CAPITOLO 1 - L OBBLIGAZIONE PER GLI STUDI PROFESSIONALI 1. Evoluzione normativa... pag. 10 2. Il ruolo del professionista... pag. 12 3. Individuazione dei professionisti soggetti alla normativa

Dettagli

Circ. 82/2008/C - CI/ci - 6/2008/UCH Roma, 14 marzo 2008

Circ. 82/2008/C - CI/ci - 6/2008/UCH Roma, 14 marzo 2008 unione nazionale piccola e media industria chimica, conciaria materie plastiche, gomma, vetro, ceramica e prodotti affini della confederazione italiana della piccola e media industria privata CONFAPI 00186

Dettagli

METODI E STRATEGIE PER IL MIGLIORAMENTO CONTINUO CATALOGO FORMAZIONE 2013

METODI E STRATEGIE PER IL MIGLIORAMENTO CONTINUO CATALOGO FORMAZIONE 2013 METODI E STRATEGIE PER IL MIGLIORAMENTO CONTINUO CATALOGO FORMAZIONE 2013 PRESENTAZIONE Metodi e strategie per il miglioramento continuo racchiude una serie di corsi e seminari, in continua evoluzione

Dettagli

LANZILLOTTA, SUSTA, GIANNINI, DALLA ZUANNA, DELLA VEDOVA, OLIVERO, ALBERTINI, DI BIAGIO, DI MAGGIO, D ONGHIA, MARAN, MERLONI, ROMANO

LANZILLOTTA, SUSTA, GIANNINI, DALLA ZUANNA, DELLA VEDOVA, OLIVERO, ALBERTINI, DI BIAGIO, DI MAGGIO, D ONGHIA, MARAN, MERLONI, ROMANO Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 993 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori ICHINO, LANZILLOTTA, SUSTA, GIANNINI, DALLA ZUANNA, DELLA VEDOVA, OLIVERO, ALBERTINI, DI BIAGIO, DI MAGGIO, D

Dettagli

UNITÀ SINDACALE Falcri Silcea Viale Liegi 48/B 00198 ROMA Tel. 068416336 - Fax 068416343 www.unisin.it

UNITÀ SINDACALE Falcri Silcea Viale Liegi 48/B 00198 ROMA Tel. 068416336 - Fax 068416343 www.unisin.it UNITÀ SINDACALE Falcri Silcea Viale Liegi 48/B 00198 ROMA Tel. 068416336 - Fax 068416343 www.unisin.it DISDETTA ABI ACCORDO RLS Prime norme comportamentali Informiamo le nostre strutture che alla disdetta

Dettagli

CORSO PER GLI RLS (32 ore)

CORSO PER GLI RLS (32 ore) SANZIONI 1 SANZIONI 2 3 CORSO PER GLI RLS (32 ore) Corso RLS in aziende con meno di 50 dipendenti e aziende con più di 50 dipendenti Ogni attività lavorativa, nella quale sono presenti dei lavoratori,

Dettagli

ALL. 1 - Elenco delle partecipazioni a Commissioni e Comitati

ALL. 1 - Elenco delle partecipazioni a Commissioni e Comitati ALL. 1 - Elenco delle partecipazioni a Commissioni e Comitati Nomina da parte della Segreteria Generale della Giunta (nota prot. n.80155 del 06/02/2009), quale componente del gruppo di lavoro per la redazione

Dettagli

LA SICUREZZA SUL LAVORO: SISTEMA AZIENDALE TRASVERSALE

LA SICUREZZA SUL LAVORO: SISTEMA AZIENDALE TRASVERSALE 1 Dott. Ermanno Pievani LA SICUREZZA SUL LAVORO: SISTEMA AZIENDALE TRASVERSALE 29/01/2009 Milano Convegno ASPESI 2 AGENDA 1. IL QUADRO NORMATIVO 2. SICUREZZA: SISTEMA AZIENDALE TRASVERSALE 3. PIANIFICAZIONE

Dettagli

APITOLO 4 SICUREZZA PROCEDURE DI INFORMAZIONE E CONSULTAZIONE

APITOLO 4 SICUREZZA PROCEDURE DI INFORMAZIONE E CONSULTAZIONE APITOLO 4 SICUREZZA PROCEDURE DI INFORMAZIONE E CONSULTAZIONE Con il D.Lgs 81/2008 il legislatore nazionale ha riordinato e razionalizzato l'intera disciplina prevenzionistica, recependo le direttive comunitarie

Dettagli

LA SICUREZZA E LA PREVENZIONE NEL CCNL COMPARTO SCUOLA: DISPOSIZIONI CONTRATTUALI DI RIFERIMENTO

LA SICUREZZA E LA PREVENZIONE NEL CCNL COMPARTO SCUOLA: DISPOSIZIONI CONTRATTUALI DI RIFERIMENTO LA SICUREZZA E LA PREVENZIONE NEL CCNL COMPARTO SCUOLA: DISPOSIZIONI CONTRATTUALI DI RIFERIMENTO CCNI DEL 31.8.1999 TUTELA DELLA SALUTE NELL AMBIENTE DI LAVORO Art. 57 - Finalità 1. Al fine di assicurare

Dettagli

D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81

D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 D.lgs. 9 aprile 2008, n. 81 AGGIORNATO CON LE MODIFICHE DI CUI AL DLGS.106/2009 PARTE I TESTO UNICO SULLA SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in

Dettagli

Allegato 3 PIANO DELLA FORMAZIONE TRASVERSALE ANNI

Allegato 3 PIANO DELLA FORMAZIONE TRASVERSALE ANNI Allegato 3 PIANO DELLA FORMAZIONE TRASVERSALE ANNI 2013-1014 comunicazione La comunicazione organizzativa: la gestione delle relazioni con utenza esterna personale di categoria C che svolge attività di

Dettagli

La Contrattazione Collettiva di secondo livello

La Contrattazione Collettiva di secondo livello La Contrattazione Collettiva di secondo livello I CONTRATTI COLLETTIVI DI LAVORO Definizione: accordo tra le organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori per stabilire il trattamento

Dettagli

S T U D I O T E C N I C O C M

S T U D I O T E C N I C O C M RICHIESTA DOCUMENTAZIONE ALLE IMPRESE AGGIUDICATRICI Impresa Appalto Ai fini della tutela della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, con la presente si richiedono i documenti necessari per l inizio

Dettagli

Compiti e funzioni degli Organismi Paritetici individuati in: livello di base, livello medio, livello elevato

Compiti e funzioni degli Organismi Paritetici individuati in: livello di base, livello medio, livello elevato Servizio Sviluppo Sostenibile Agricoltura Cooperazione Compiti e funzioni degli Organismi Paritetici individuati in: livello di base, livello medio, livello elevato Compiti e funzioni - Area D. Lgs. 81/08

Dettagli

INTRODUZIONE AL CORSO PER ADDETTI ANTINCENDIO IN ATTIVITA A RISCHIO D INCIDENTE RILEVANTE

INTRODUZIONE AL CORSO PER ADDETTI ANTINCENDIO IN ATTIVITA A RISCHIO D INCIDENTE RILEVANTE INTRODUZIONE AL CORSO PER ADDETTI ANTINCENDIO IN ATTIVITA A RISCHIO D INCIDENTE RILEVANTE Il Decreto Legislativo 81/2008 prescrive le misure finalizzate alla tutela della salute e alla sicurezza dei lavoratori

Dettagli

PENTA CONSULT s. a. s.

PENTA CONSULT s. a. s. PENTA CONSULT s. a. s. Consulenze Formazione Gestione Organizzazione Servizi Sicurezza sul lavoro Formazione e Consulenze Gestione ed Organizzazione Servizi alle Aziende www.pentaconsult.it info@pentaconsult.it

Dettagli

convengono quanto segue: Le premesse formano parte integrante del presente Accordo.

convengono quanto segue: Le premesse formano parte integrante del presente Accordo. Il testo dell accordo raggiunto con Alitalia e Alitalia Team per l applicazione del Dlgs 626/94 al settore dei naviganti aerei. L accordo ha coinvolto tutte le OO/SS interessate ed è rivolto ai piloti,

Dettagli

CORSO di AGGIORNAMENTO per RAPPRESENTANTI dei LAVORATORI per la SICUREZZA. ex D.Lgs. 81/2008 art.37

CORSO di AGGIORNAMENTO per RAPPRESENTANTI dei LAVORATORI per la SICUREZZA. ex D.Lgs. 81/2008 art.37 CORSO di AGGIORNAMENTO per RAPPRESENTANTI dei LAVORATORI per la SICUREZZA ex D.Lgs. 81/2008 art.37 1 L organizzazione della prevenzione aziendale 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 I modelli

Dettagli

COMUNE DI GRAGNANO Provincia di Napoli

COMUNE DI GRAGNANO Provincia di Napoli - COMUNE DI GRAGNANO Provincia di Napoli Determinazione n. 14 del 25-01-2016 Registro Generale delle Determinazioni Repertorio Ragioneria n. 3 del 14-01-2016 Determinazione n. 1 del 13-01-2016 Settore

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO COMPETENTE PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI INDICE

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO COMPETENTE PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI INDICE REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO COMPETENTE PER I PROCEDIMENTI DISCIPLINARI INDICE Art. 1 Art. 2 Contenuto del Regolamento Individuazione dell'ufficio competente per i procedimenti Art. 3

Dettagli

PROVINCIA DI VICENZA

PROVINCIA DI VICENZA PROVINCIA DI VICENZA Contrà Gazzolle n. 1 36100 VICENZA C. Fisc. P. IVA 00496080243 DETERMINAZIONE N 269 DEL 18/04/2014 Servizio PERSONALE OGGETTO: RIPARTIZIONE MONTE ORE PERMESSI SINDACALI ANNO 2014.

Dettagli

CHIARIMENTI SULLE RELAZIONI SINDACALI. NOTA ARAN 27 MAGGIO 2004, prot. 4260:

CHIARIMENTI SULLE RELAZIONI SINDACALI. NOTA ARAN 27 MAGGIO 2004, prot. 4260: CHIARIMENTI SULLE RELAZIONI SINDACALI NOTA ARAN 27 MAGGIO 2004, prot. 4260: Delegazione trattante e titolarità delle prerogative nei luoghi di lavoro Scheda a cura di Antonietta Toraldo, 16/7/2004 Con

Dettagli

Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81

Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. (Gazzetta Ufficiale n. 101

Dettagli

Guida Pratica per le RSU e i TAS FGU - GILDA

Guida Pratica per le RSU e i TAS FGU - GILDA Guida Pratica per le RSU e i TAS FGU - GILDA 1. INTRODUZIONE 1. INTRODUZIONE PERCHÉ LE RSU CHI PARTECIPA CHI SI PUÒ CANDIDARE COME SI ELEGGONO IL RUOLO DELLA SCUOLA SONO DIRIGENTI SINDACALI LE NOVITÀ?

Dettagli

Statuto CSA Regioni e Autonomie Locali. Finalità e costituzione

Statuto CSA Regioni e Autonomie Locali. Finalità e costituzione 1 Statuto CSA Regioni e Autonomie Locali Finalità e costituzione Art. 1 Il CSA Regioni e Autonomie Locali con sede in Roma, di seguito indicato nel presente statuto come CSA è una organizzazione sindacale,

Dettagli