COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale"

Transcript

1

2 COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO ZAPPALORTO Partecipa il SEGRETARIO GENERALE: RITA CARCÒ

3 14 maggio 2015 N. 87 = Contratto di Quartiere II di Mestre-Altobello. Atto integrativo della convenzione stipulata tra Comune ed A.T.E.R. per l attuazione degli interventi previsti nelle UMI della scheda norma B1 SN2 della Variante al P. R. G. per la riqualificazione urbanistica dell'area di Altobello e via Turati, rep. n del 11/12/2009 notaio Stefano Bandieramonte. IL COMMISSARIO STRAORDINARIO con i poteri del Consiglio Comunale Richiamato il Decreto del Presidente della Repubblica del 22 luglio 2014 con il quale il Dott. Vittorio Zappalorto è stato nominato Commissario Straordinario per la gestione provvisoria dell'ente, con attribuzione dei poteri spettanti al Sindaco, al Consiglio ed alla Giunta; PREMESSO: che Comune e l "AZIENDA TERRITORIALE PER L'EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA A.T.E.R. VENEZIA, nell ambito del Contratto di Quartiere II di Mestre-Altobello, hanno stipulato in data 11 dicembre 2009, a Rep del notaio Bandieramonte, la Convenzione per l attuazione degli interventi previsti nelle UMI della scheda norma B1 SN2 della Variante al P.R.G. per la riqualificazione urbanistica dell area di Altobello e via Turati, riguardante, nello specifico, gli interventi A (Intervento Sovvenzionato: ristrutturazione edilizia dell'edificio n. 1 detto Campo dei Sassi - UMI 2), B (Intervento Sovvenzionato: ristrutturazione edilizia dell'edificio n. 2 - UMI 1), e C (Intervento Sovvenzionato: ristrutturazione edilizia dell'edificio n. 3 UMI 4) del Contratto di Quartiere, con le relative opere di urbanizzazione. che per tali interventi sono stati conseguiti i seguenti titoli edilizi: Permesso di costruire PG 2009/ relativo ai 3 fabbricati denominati Campo dei Sassi e relative opere di urbanizzazione, rilasciato in data 28/12/2009 PG 2009/ i cui termini di fine lavori sono scaduti; D.I.A. PG 2010/ del 24/06/2010 per modifiche all edificio n. 3; S.C.I.A. PG 2011/ del 09/11/2011 per modifica sistemazioni esterne per adeguamento alla normativa in materia di abbattimento barriere architettoniche; S.C.I.A. PG 2014/ del 28/10/2014 per costruzione di recinzione dell'edificio "Campo dei Sassi", realizzazione di canalizzazioni fognarie di allaccio al collettore pubblico per lo scarico di acque meteoriche e reflue, realizzazione di canalizzazioni per sottoservizi (enel-tel-teleriscaldamento) per allacciamento degli edifici; - che sono state, altresì, presentate le seguenti istanze di permesso di costruire, in corso di istruttoria: Deliberazione del Commissario straordinario con i poteri del Consiglio comunale n. 87 del 14 maggio 2015 Pagina 1 di 8

4 PG 2014/ del 20/11/2014 in sanatoria per realizzazione manufatto costituito da cabina Enel di trasformazione -impianti tecnologici su area pubblica ad uso verde urbano; PG 2015/98296 del 05/03/2015 per le sistemazioni esterne delle pertinenze degli edifici ristrutturati e delle opere di urbanizzazione, a modifica del succitato permesso di costruire PG 2009/ e del permesso di costruire 2008/ del 27/10/2008 per la ristrutturazione edilizia di n. 3 edifici denominati tettorie da Re (ed 4-5-6) ed annesse opere di urbanizzazione, facente parte della stessa scheda norma B1 SN2; che in data 10 marzo 2010 rep notaio Bandieramonte è stato sottoscritto l'atto di cessione gratuita delle aree in favore del Comune di Venezia e che contrariamente a quanto indicato nella convenzione citata non si è reso necessario procedere ad alcuna cessione a titolo gratuito da parte del Comune di Venezia ad A.T.E.R., in quanto i mappali previsti in cessione risultavano già di proprietà della medesima Azienda Territoriale; PRESO ATTO: che A.T.E.R., a seguito di richieste e prescrizioni tecniche successivamente sopravvenute da parte dell Ente gestore della rete di distribuzione dell energia elettrica (ENEL), ha chiesto al Comune, con nota del 31 ottobre 2012, a PG/2012/ , la restituzione di un area a sud dell edificio di Campo dei Sassi, per destinarla alla costruzione a propria cura e spese della nuova cabina elettrica; che A.T.E.R. ha, altresì, richiesto la restituzione anche di un area limitrofa, di piccola consistenza, stante la necessità, in termini economici e funzionali, di realizzare, a ridosso della cabina elettrica e costituente corpo unico con essa, un annesso pertinenziale per servizi tecnici centralizzati; che l intera area oggetto della richiesta di restituzione è stata individuata al N.C.T. del Comune di Venezia, Sezione Mestre, Foglio 14, mappali , per una consistenza catastale totale di mq 102 (allegato B), mediante frazionamenti redatti a cura e spese dell A.T.E.R. dal geom. Giorgio Danesin, presentati in data 6 ottobre 2014, con prot. 2014/VE e 2014/VE205935, ed approvati in data 7 ottobre 2014 dall Ufficio Provinciale di Venezia dell Agenzia delle Entrate; che detta area è compresa nel compendio di aree destinate a urbanizzazione che A.T.E.R., in qualità di proprietaria delle medesime e in esecuzione della convenzione sopra citata, ha a suo tempo ceduto al Comune a titolo gratuito e senza scomputo degli oneri tabellari di urbanizzazione, e costituisce porzione dell ex mappale 4287, così allora individuato al N.C.T. del Comune di Venezia, Sezione Mestre, Foglio 14, ceduto al Comune per la sua intera consistenza catastale di ha ; che A.T.E.R. ha proposto che la restituzione della proprietà dell area, per gli scopi suindicati, avvenga per reciprocità mediante cessione a titolo gratuito da parte del Comune; che A.T.E.R. si impegna a costituire sull area le servitù di impianto richieste da ENEL; che nell istanza di permesso di costruire PG 2015/98296, presentata in data 05/03/2015, a modifica delle opere di urbanizzazione di cui ai permessi di costruire PG 2009/ e PG 2008/45558, si recepiscono, come specificato dal responsabile del Contratto di Quartiere II di Mestre-Altobello con nota PG 2015/ del 22/04/2015, anche le variazioni del tracciato e delle caratteristiche dei percorsi ciclabili nell ambito del Contratto di Quartiere II Mestre Altobello, decise dall Amministrazione Comunale (Direzione Mobilità) nel corso dell attuazione del programma, prevedendo la soppressione di un tratto di pista ciclabile e di un percorso pedonale ed integrando i relativi sedimi nel progetto di pavimentazione pedonale ed attrezzature a verde del piazzale contiguo al Centro Civico ex scuola Silvio Pellico; Deliberazione del Commissario straordinario con i poteri del Consiglio comunale n. 87 del 14 maggio 2015 Pagina 2 di 8

5 CONSIDERATO che la Direzione Patrimonio, con nota PG 2015/ del , ha espresso parere favorevole alla cessione della suddetta area; che la destinazione dell area oggetto della richiesta di restituzione dovrà comunque essere vincolata all esclusivo mantenimento della realizzata cabina elettrica (con relative fasce di servitù e/o rispetto) e dei servizi tecnici centralizzati a carattere pertinenziale, oggetto di istanza di sanatoria P.G. 2014/484566, per la quale non sussistono motivazioni ostative al rilascio, vista la proposta di provvedimento finale (rilascio del P. di C.) contenuta nell istruttoria d ufficio da parte della Direz. Sportello Unico Edilizia in data 09/02/2015; che, secondo le previsioni del comma 3 dell art. 8 della V.P.R.G. approvata con delibera n del 03/12/2004 e ss.mm.ii., sono sempre ammesse, anche in deroga alle prescrizioni di zona o su aree di urbanizzazione pubblica, strutture non residenziali di modeste dimensioni a servizio di opere e/o impianti pubblici, necessarie all erogazione di servizi a rete quali cabine elettriche o simili; che, visto il parere da parte del Settore Urbanistica Terrferma in data PG 2015/189378, la realizzazione del manufatto contiguo alla cabina enel risulta compatibile con le norme della Variante parziale al PRG ai sensi dell art. 50, comma 3, della L.R. 61/1985, in attuazione dell art. 59, comma 2 della L.R. 16/1986, per la riqualificazione urbanistica dell area di Altobello e via Turati, adottata dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 35 del 31/03/2004 ed approvata dalla Giunta Regionale del Veneto con deliberazione n del 23 maggio 2006, tenuto conto che, ai sensi dell art punto d) delle N.T.A. della V.P.R.G. vigente, tale manufatto non costituisce aumento della superficie lorda di pavimento, trattandosi di volume per servizi tecnici centralizzati, con funzioni serventi all allocazione di impianti e dispositivi tecnologici, inidonei a soddisfare alcuna finalità residenziale, completamente privi di una propria autonomia funzionale, anche potenziale; che la modifica di destinazione di tale area è ammissibile, ai sensi degli artt. 4 e 5 delle N.T.A della V.P.R.G. per la riqualificazione urbanistica dell area di Altobello e Via Turati, in quanto la riduzione dello standard a verde pubblico risulta compensata dalla realizzazione di una nuova area pedonale attrezzata con adiacente verde pubblico, contigua al Centro Civico ex scuola Silvio Pellico, che include il tratto di pista ciclabile e il percorso pedonale, originariamente destinati a viabilità e soppressi su indicazione dell Amministrazione Comunale, così come indicato nel parere tecnico di cui al punto precedente; PRESO ATTO INOLTRE: che in corso di realizzazione degli edifici da parte di A.T.E.R. sono intervenute variazioni nel posizionamento dei vari locali tecnici centralizzati, per cui occorre parzialmente ridefinire sulla base dei nuovi tracciati delle condotte i sedimi da assoggettare a servitù di sottoservizi che attraversano aree pubbliche di proprietà comunale (allegato C); che, poiché le opere di urbanizzazione realizzate da A.T.E.R. fruiscono dei finanziamenti assegnati dal Contratto di Quartiere, le stesse devono rientrare nelle procedure stabilite per tutti gli interventi finanziati, e nella fattispecie nelle modalità di collaudo stabilite dal Protocollo d intesa sottoscritto in data 25 ottobre 2006 tra Regione Veneto, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti - Direzione Generale per l Edilizia Residenziale e le Politiche Urbane ed Abitative, Comune di Venezia ed A.T.E.R. di Venezia, anziché nelle modalità di collaudo delle opere di urbanizzazione correntemente adottate dal Comune, che erano iscritte nella convenzione originaria; Deliberazione del Commissario straordinario con i poteri del Consiglio comunale n. 87 del 14 maggio 2015 Pagina 3 di 8

6 che le previsioni della Legge 9 agosto 2013, n. 98, di conversione del Decreto-Legge 21 giugno 2013, n. 69, hanno modificato l art. 24 del Testo Unico per l Edilizia (DPR 380/2001) introducendo il certificato di agibilità parziale, che può essere richiesto: 1. per singoli edifici o singoli porzioni della costruzione, purché funzionalmente autonomi, qualora siano state realizzate e collaudate le opere di urbanizzazione primarie relative all intero intervento edilizio e siano state completate le parti comuni relative al singolo edificio o singola porzione della costruzione; 2. per singole unità immobiliari, purché siano completate le opere strutturali, gli impianti, le parti comuni e le opere di urbanizzazione primaria ultimate o dichiarate funzionali rispetto all edificio oggetto di agibilità parziale. RITENUTO che, così come previsto dal comma 4 dell artico 7 della convenzione originaria, qualora allo scadere dei tempi previsti le opere di urbanizzazione non risultino effettivamente iniziate o siano incomplete, è facoltà dell Amministrazione Comunale di diffidare il completamento dei lavori e di assegnare, a propria discrezione, un nuovo termine; che le opere di urbanizzazione possano essere collaudate mediante stralci funzionali, soprattutto in considerazione dell urgenza di poter assegnare gli alloggi ERP del fabbricato n. 1; PRESO ATTO che in data 10/11/2014 PG 2014/ l Amministrazione Comunale, ha diffidato l A.T.E.R. a modificare o sostituire la polizza n emessa da COFACE ASSICURAZIONI Spa, di imminente scadenza, di importo pari ad ,00 ed ad aggiornare l A.C. in ordine all avvio delle opere di urbanizzazione; che, prima della sottoscrizione dell atto integrativo della convenzione originaria, dovrà essere presentata l appendice della polizza di cui al punto precedente, attestante che la stessa sarà tacitamente rinnovabile fino a liberatoria da parte del Comune; VALUTATA l opportunità, stante le necessità rappresentate, di dare un favorevole risconto alle richieste di A.T.E.R., al fine di salvaguardare la regolare prosecuzione dell intervento costruttivo E.R.P, consentendo l acquisizione da parte di ATER del titolo di proprietà della piccola area su cui sorge l annesso pertinenziale per servizi tecnici centralizzati e cabina di trasformaizone ENEL, necessario per il rilascio dei Permessi di Costruire PG 2015/98296 relativo alle opere di urbanizzazione e P.G. 2014/ relativo alla sanatoria del manufatto costituito da cabina Enel ed impianti tecnologici Deliberazione del Commissario straordinario con i poteri del Consiglio comunale n. 87 del 14 maggio 2015 Pagina 4 di 8

7 RITENUTO necessario ed urgente, per recepire le nuove esigenze e le variazioni sopravvenute, procedere alla stipula con A.T.E.R. di un Atto integrativo alla Convenzione per l attuazione degli interventi previsti nelle UMI della scheda norma B1 SN2 della Variante al P.R.G. per la riqualificazione urbanistica dell area di Altobello e via Turati nell ambito del Contratto di Quartiere II di Mestre-Altobello, stipulata tra Comune ed A.T.E.R. in data 11 dicembre 2009, che preveda, tra l altro, le seguenti modifiche: art. 7 collaudo delle opere di urbanizzazione - sostituzione dei commi testo precedente 6. Il Comune, entro 30 giorni dalla data di ultimazione dei lavori di tutte le opere di urbanizzazione primaria, accertata nei modi previsti al precedente comma 3), nomina il collaudatore, con onorari e spese a carico del Comune che A.T.E.R. espressamente si impegna a rimborsare con la sottoscrizione della presente convenzione. Il rimborso è garantito dalla cauzione di cui al successivo art A.T.E.R. potrà chiedere al Comune la nomina del collaudatore contestualmente all inizio dei lavori. Il Comune si riserva la facoltà unilaterale di richiedere il certificato di regolare esecuzione al Direttore dei Lavori in sostituzione del collaudo. 8. Nel caso in cui venga richiesto il collaudo, A.T.E.R. dovrà chiedere al Comune di sottoporre a collaudo le opere realizzate contestualmente con il verbale di ultimazione dei lavori. Le visite, le verifiche e tutte le operazioni necessarie al collaudo delle opere dovranno essere avviate in tempo utile al fine di consentire l emissione del certificato di collaudo dopo 180 (centottanta) giorni dalla data di ultimazione dei lavori e non oltre 360 (trecentosessanta) giorni dalla data medesima. 9. Qualora il collaudatore, nominato dal Comune entro il termine di cui sopra, non emetta il certificato di collaudo ovvero non adotti un motivato provvedimento di rifiuto di collaudo, indicante gli interventi necessari per la collaudabilità delle opere, il legale rappresentante di A.T.E.R. potrà rivolgersi per la nomina di un nuovo collaudatore al Presidente dell Ordine degli Ingegneri o Architetti di Venezia, che dovrà provvedere entro il termine di 60 (sessanta) giorni. nuovo testo proposto 6. Le modalità di affidamento e di svolgimento del collaudo delle opere di urbanizzazione realizzate da A.T.E.R. sono quelle stabilite all art. 4 del Protocollo d Intesa sottoscritto in data 25 ottobre 2006 tra Regione Veneto, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale per l Edilizia Residenziale e le Politiche Urbane ed Abitative, Comune di Venezia ed A.T.E.R. di Venezia e non modificato dal successivo Atto Integrativo del 24 ottobre 2007, il quale richiama l art. 12 dell Accordo di Programma Quadro sottoscritto in data 15 dicembre 2005 tra il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e la Regione Veneto che così recita: Stante la particolare tipologia e categoria degli interventi previsti nei Contratti di Quartiere, la Commissione di collaudo, nominata dalla stazione appaltante, degli interventi previsti da ciascun Contratto di Quartiere II compreso il programma di sperimentazione (lavorazioni straordinaria ed attività), è composta da tre membri ed un Segretario, di cui un componente, con funzione di Presidente della Commissione ed il Segretario designati dal Direttore generale per l edilizia residenziale e le politiche urbane ed abitative Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, un componente designato dal Dirigente regionale della Direzione per l edilizia abitativa della Regione Veneto ed il restante componente designato dal Comune interessato. La Commissione di collaudo emette il certificato di collaudo entro sei mesi dalla data di ultimazione dei lavori. Deliberazione del Commissario straordinario con i poteri del Consiglio comunale n. 87 del 14 maggio 2015 Pagina 5 di 8

8 Qualora il Presidente di Commissione sia in possesso dei requisiti previsti dalla legge, allo stesso è affidato altresì, ai sensi dell art. 188 del D.P.R. 554/99, l incarico di collaudo statico delle strutture ai sensi della Legge 1086/71. La Commissione di collaudo provvederà a trasmettere all Ente appaltante copia dei verbali di visita in corso d opera e del certificato di collaudo finale, integrato da una relazione sull attuazione del programma di sperimentazione e dalla relazione acclarante i rapporti Stato-Regione-Enti questi ultimi da approvarsi da parte del Comitato paritetico di cui all art Le parti danno atto che A.T.E.R. ha già incaricato la Commissione di collaudo con nota n del 28/02/2011 e che i relativi oneri di collaudo gravano sul committente. 8. A.T.E.R, entro venti giorni dalla approvazione, invierà, alla Direzione Sviluppo del Territorio Settore Edilizia Convenzionata, copia conforme del certificato di collaudo delle opere di urbanizzazione da consegnare al Comune. 9. Fermo restando l unitarietà del progetto delle opere di urbanizzazione, su richiesta di A.T.E.R, è possibile eseguire il collaudo per parti autonome e funzionali, benché appartenenti al complesso unitario delle opere di urbanizzazione. Art. 10 agibilità dei fabbricati integrazione del comma 5 Testo originario 5. L abitabilità e/o l agibilità dei fabbricati è subordinata all avvenuta ultimazione e collaudo di tutte le opere di urbanizzazione primaria di cui al precedente art. 5, comma 2. Testo integrativo 5.1. In caso di realizzazione per stralci funzionali, l agibilità dei fabbricati è subordinata al collaudo dello stralcio funzionale all interno del quale gli edifici sono inseriti, a condizione che siano realizzate tutte le opere che consentano l'accesso in condizioni di sicurezza agli edifici stessi, il loro allacciamento ai pubblici servizi e che non vi sia alcuna interferenza con le aree di cantiere destinate alla realizzazione dello stralcio successivo. La sussistenza di tali condizioni dovrà essere dettagliatamente documentata dall A.T.E.R, con specifici elaborati grafici e relazione accompagnatoria del Direttore Lavori, che dovranno, altresì, definire il costo delle opere di urbanizzazione eseguite, secondo le quantità e categorie indicate nel computo metrico estimativo allegato al suddetto permesso di costruire, redatto sulla base del Capitolato d appalto del Comune di Venezia; 5.2. A seguito dell approvazione del collaudo parziale, la polizza fideiussoria potrà essere svincolata dell importo pari al 70% del valore delle opere eseguite. Il rimanente importo (30%) resterà vincolato fino all emissione del certificato di collaudo finale e definitivo, che verificherà lo stato di esecuzione e conservazione di tutte le opere di urbanizzazione previste nell ambito Qualora, in sede di collaudo finale, le opere già collaudate non si presentassero in perfetto stato di conservazione, spetterà al soggetto attuatore provvedere alla riparazione delle imperfezioni delle stesse Ove l impresa non provvedesse, previa diffida, il Comune provvederà d ufficio e la spesa andrà a debito di A.T.E.R. 5.5 L abitabilità e/o l agibilità dei fabbricati è subordinata al preventivo conseguimento del titolo abilitativo in sanatoria, previo pagamento della sanzione dovuta, richiesto con istanza PG 2014/ del 20/11/2014, relativo al manufatto costituito da cabina ENEL e impianti tecnologici. Deliberazione del Commissario straordinario con i poteri del Consiglio comunale n. 87 del 14 maggio 2015 Pagina 6 di 8

9 Art.11 cauzione aggiungere il comma 1.1. Testo originario 1. A.T.E.R., a garanzia delle obbligazioni ed adempimenti assunti con la presente convenzione, produce all atto della stipula della presente convenzione, polizza assicurativa di primaria società nazionale emessa da COFACE ASSICURAZIONI SPA n con effetto dal 10 dicembre 2009 tacitamente rinnovabile fino a liberatoria da parte del Comune, per un ammontare di ,00 (quarantacinquemila virgola zerozero) equivalente al 100% /cento per cento) del valore presunto delle opere di urbanizzazione primaria da realizzare a proprio carico, più le relative spese di collaudo. 2. La cauzione resterà vincolata fino all emissione di relativi certificati di collaudo, ad eccezione del 5% (cinque per cento) della stessa che resterà vincolata fino alla consegna di tutte le opere al Comune, con le relative aree libere da persone e cose, e al rimborso degli onorari e spese per il collaudo. Testo integrativo 1.1. A.T.E.R., qualora i costi delle opere di urbanizzazione preventivati nell istanza di permesso di costruire PG 2015/98296 relativi al suddetto intervento, risultassero maggiori rispetto all importo della cauzione, dovrà presentare polizza integrativa prima del rilascio del suddetto permesso di costruire. La polizza dovrà essere preventivamente convalidata dal Settore Edilizia Convenzionata. VISTO lo schema di Atto integrativo allegato alla presente delibera per farne parte integrante e sostanziale (allegato 1), con relative tavole (allegati A, B, C), che recepisce le necessità di aggiornamento sopra richiamate; VISTO il parere rilasciato dal Responsabile del Contratto di Quartiere II di Mestre-Altobello, PG/2012/ del 11/12/2012, per la funzione assegnata con D.D. n del 31/03/2004 ai sensi della D.G.R. del Veneto n 2281 del 25/07/2003; VISTO il parere di regolarità tecnico-amministrativa attestante la regolarità e la correttezza dell azione amministrativa e di regolarità contabile espressi, ai sensi dell art. 49 del Dlgs. 267/2000, rispettivamente dal Dirigente del Settore Edilizia Convenzionata della Direzione Sviluppo del Territorio, dal Dirigente Sportello Unico Edilizia Settore Edilizia di Iniziativa Privata e Agibilità Terraferma e dal Direttore Finanza e Bilancio, per quanto di competenza; ATTESO che la deliberazione è stata proposta dalla Direzione Sviluppo del Territorio di concerto con la Direzione Sportello Unico Edilizia e riguarda la conclusione di un procedimento già avviato e definito dalla precedente Amministrazione. Deliberazione del Commissario straordinario con i poteri del Consiglio comunale n. 87 del 14 maggio 2015 Pagina 7 di 8

10 RITENUTO di condividere la proposta di deliberazione per le motivazioni nella stessa riportate e pertanto di poter deliberare sull argomento CONSIDERATO che l approvazione della presente delibera ha carattere d urgenza, al fine di consentire il completamento delle opere di urbanizzazione strettamente collegate all utilizzo dell edificio ERP, destinato a categorie sociali deboli; DELIBERA 1. di prendere atto delle esigenze richiamate in premessa, intervenute successivamente alla stipula tra Comune ed ATER in data 11 dicembre 2009 della Convenzione per l attuazione degli interventi previsti nelle UMI (via Fornace) della scheda norma B1 SN2 della Variante al P.R.G. per la riqualificazione urbanistica dell area di Altobello e via Turati nell ambito del Contratto di Quartiere II di Mestre-Altobello; 2. di approvare lo schema di Atto integrativo alla succitata convenzione, con relative tavole, allegato alla presente delibera per farne parte integrante e sostanziale (allegato A), a recepimento dei necessari aggiornamenti della succitata convenzione, restando confermati tutti gli impegni assunti dalle parti con la convenzione originaria non oggetto di modifica; 3. di restituire, a titolo gratuito, l area individuata al N.C.T. del Comune di Venezia, Sezione Mestre, Foglio 14, mappali , per una consistenza catastale totale di mq 102 (allegato B), mediante frazionamenti redatti a cura e spese di A.T.E.R dal geom. Giorgio Danesin, presentati in data 6 ottobre 2014, con prot. 2014/VE e 2014/VE205935, ed approvati in data 7 ottobre 2014 dall Ufficio Provinciale di Venezia dell Agenzia delle Entrate 4. di modificare i sedimi di aree pubbliche di proprietà comunale da assoggettare a servitù di sottoservizi, sulla base della variazione dei nuovi tracciati delle condotte, dovuta al diverso posizionamento dei vari locali tecnici centralizzati (allegato C); 5. di dare mandato alle Direzioni Sviluppo del Territorio, Sportello Unico Edilizia e Patrimonio e Casa di dar corso ai procedimenti di propria competenza, conseguenti alla presente deliberazione. 6. di dichiarare la presente deliberazione immediatamente eseguibile ai sensi del comma 4, articolo 134 del D.Lgs. 18/8/2000 n. 267 (TUEL). Il presente provvedimento non comporta impegno di spesa. (Proposta di deliberazione n. 295 del 8 maggio 2015) Deliberazione del Commissario straordinario con i poteri del Consiglio comunale n. 87 del 14 maggio 2015 Pagina 8 di 8

11 Il Commissario Straordinario Vittorio Zappalorto Il Segretario Generale Rita Carcò La presente deliberazione è stata affissa all Albo on line del Comune il 15 giugno 2015 per la prescritta pubblicazione fino al 15 giorno. Esecutività dal 26 giugno 2015

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

Schema di convenzione di Lottizzazione

Schema di convenzione di Lottizzazione Schema di convenzione di Lottizzazione per piani con volumetria superiore a 10.000 mc approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 del 11.03.2002 modificato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

Repertorio numero 0000000 Raccolta numero 00000. L anno duemilatredici, il giorno 30 del mese di maggio, a Venezia-Mestre, nel mio studio

Repertorio numero 0000000 Raccolta numero 00000. L anno duemilatredici, il giorno 30 del mese di maggio, a Venezia-Mestre, nel mio studio Repertorio numero 0000000 Raccolta numero 00000 2^ ATTO DI INTEGRAZIONE DI CONVENZIONE URBANISTICA REPUBBLICA ITALIANA L anno duemilatredici, il giorno 30 del mese di maggio, a Venezia-Mestre, nel mio

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA ***

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA *** COMUNE DI SPINEA *** ATTO DI MODIFICA DELL ACCORDO DI PROGRAMMA 6.10.2005 Il giorno del mese di dell anno 2014 nel Comune

Dettagli

CONVENZIONE EDILIZIA. relativa all esecuzione del progetto di ristrutturazione dell immobile sito in via REPUBBLICA ITALIANA

CONVENZIONE EDILIZIA. relativa all esecuzione del progetto di ristrutturazione dell immobile sito in via REPUBBLICA ITALIANA Repertorio n. CONVENZIONE EDILIZIA relativa all esecuzione del progetto di ristrutturazione dell immobile sito in via Colonnello Aprosio 106/108/110 Vallecrosia (ex Hotel Impero) REPUBBLICA ITALIANA L

Dettagli

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI (Provincia di Napoli) SETTORE V ASSETTO E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI (Provincia di Napoli) SETTORE V ASSETTO E SVILUPPO DEL TERRITORIO COMUNE DI MELITO DI NAPOLI (Provincia di Napoli) SETTORE V ASSETTO E SVILUPPO DEL TERRITORIO CONVENZIONE TIPO Permesso di costruire convenzionato ai sensi dell art. 28 bis DPR 380/01 L anno addì del mese

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE

SCHEMA DI CONVENZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE ALL.5 SCHEMA DI CONVENZIONE PER SANATORIA EDILIZIA, RISTRUTTURAZIONE ED AMPLIAMENTO DI UN FABBRICATO SITO IN VIA CELESEO n. 21 DI PROPRIETA DEI SIGG. GIANTIN GIANNI E SCANTAMBURLO

Dettagli

COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA Proposta di deliberazione del Consiglio comunale n. del

COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA Proposta di deliberazione del Consiglio comunale n. del COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA Proposta di deliberazione del Consiglio comunale n. del OGGETTO: Convenzione urbanistica per l attuazione del Comparto C.17 area via Cazzaghetto ad Arino - stipulato

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE

SCHEMA DI CONVENZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI SANTA CROCE CAMERINA E LE DITTE PROPRIETARIE: xxxxxxx xxxxxxx PER L ATTUAZIONE DELLA PRESCRIZIONE ESECUTIVA DELLA ZONA OMOGENEA SOTTOZONA C2/8 E LA REALIZZAZIONE

Dettagli

Comune di Cantagallo Provincia di Prato

Comune di Cantagallo Provincia di Prato Comune di Cantagallo Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE PER I CRITERI DI RIPARTIZIONE E PER LA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROCEDURA INERENTE I CONTRIBUTI INTROITATI DAL COMUNE A TITOLO DI ONERI DI URBANIZZAZIONE

Dettagli

C O M U N E D I D E R U T A

C O M U N E D I D E R U T A C O M U N E D I D E R U T A PROVINCIA DI PERUGIA OGGETTO: Piano Attuativo di iniziativa privata in Variante al PRG Parte Operativa, sensi e per gli effetti della L.R. 11/2005, riguardante l ambito urbano

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE CON IL COMUNE DI TRIGGIANO FINALIZZATO ALL ATTUAZIONE DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE - ZONA DI ESPANSIONE C4-4

SCHEMA DI CONVENZIONE SCHEMA DI CONVENZIONE CON IL COMUNE DI TRIGGIANO FINALIZZATO ALL ATTUAZIONE DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE - ZONA DI ESPANSIONE C4-4 SCHEMA DI CONVENZIONE Allegato alla deliberazione di C.C. n./.. SCHEMA DI CONVENZIONE CON IL COMUNE DI TRIGGIANO FINALIZZATO ALL ATTUAZIONE DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE - ZONA DI ESPANSIONE C4-4 REPUBBLICA

Dettagli

PROPOSTA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ADOZIONE PIANO ATTUATIVO DENOMINATO PE N. 1, IN VARIANTE AL PGT. Il Sindaco

PROPOSTA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ADOZIONE PIANO ATTUATIVO DENOMINATO PE N. 1, IN VARIANTE AL PGT. Il Sindaco PROPOSTA DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: ADOZIONE PIANO ATTUATIVO DENOMINATO PE N. 1, IN VARIANTE AL PGT Il Sindaco Sottopone al Consiglio Comunale la seguente proposta di deliberazione: IL

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ***********************************************************************************************

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE *********************************************************************************************** Codice 11044 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE *********************************************************************************************** G. C. N. 151 DATA 28.10.2015 ***********************************************************************************************

Dettagli

CITTÀ DI POTENZA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE

CITTÀ DI POTENZA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE CITTÀ DI POTENZA PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Adozione Piano di Lottizzazione della zona F4B2 PRUSST Via Ciccotti ed approvazione progetto preliminare strada di collegamento tra

Dettagli

La Giunta comunale propone al Consiglio l adozione della sotto riportata deliberazione. Il Consiglio Comunale

La Giunta comunale propone al Consiglio l adozione della sotto riportata deliberazione. Il Consiglio Comunale IRIDE 1142964 Delib. n. OGGETTO: Adozione piano attuativo per la valorizzazione di due cave poste a sud-est del centro abitato di Brescia (Ateg 20 e Ateg 23) in variante al P.G.T. vigente aree site in

Dettagli

../../2013 Tra PREMESSO

../../2013 Tra PREMESSO CONVENZIONE FRA IL COMUNE DI MONTE SAN PIETRO E LA PROPRIETA PER L ATTUAZIONE DEL PIANO PARTICOLAREGGIATO DEL COMPARTO URBANISTICO AD USO RESIDENZIALE DENOMINATO CUT 11 VIA BEGHELLI, LOCALITA BADIA Il

Dettagli

COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE

COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE PIANO DI RECUPERO AREA DI RIQUALIFICAZIONE RQ12B EX CENTRO ZOOTECNICO LE PALLE. REGIME GIURIDICO DEI SUOLI. ATTO INTEGRATIVO ALLA CONVENZIONE STIPULATA IN DATA

Dettagli

COMUNE DI CAPURSO. (Provincia di Bari) Convenzione urbanistica di lottizzazione per l organizzazione

COMUNE DI CAPURSO. (Provincia di Bari) Convenzione urbanistica di lottizzazione per l organizzazione COMUNE DI CAPURSO (Provincia di Bari) Rep. n. Convenzione urbanistica di lottizzazione per l organizzazione conformativa del territorio comunale ai sensi dell art. 28 legge regionale n. 56 del 1980, dell

Dettagli

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO

PIANO URBANISTICO ATTUATIVO REGIONE VENETO PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI CITTADELLA PIANO URBANISTICO ATTUATIVO PROGETTO PER LA REALIZZAZIONE DI N. 6 LOTTI EDIFICABILI RESIDENZIALI Spazio riservato all Ufficio Protocollo Spazio riservato

Dettagli

PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI CRESPELLANO CONVENZIONE EDILIZIA ATTO UNILATERALE D OBBLIGO

PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI CRESPELLANO CONVENZIONE EDILIZIA ATTO UNILATERALE D OBBLIGO PROVINCIA DI BOLOGNA COMUNE DI CRESPELLANO CONVENZIONE EDILIZIA ATTO UNILATERALE D OBBLIGO ATTO UNILATERALE D OBBLIGO AI SENSI DELLA DELIBERA DELL ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA DEL

Dettagli

COMUNE DI GERENZAGO Provincia di Pavia Via XXV aprile, 17 - CAP. 27010

COMUNE DI GERENZAGO Provincia di Pavia Via XXV aprile, 17 - CAP. 27010 Mod. 13/2012 COMUNE DI GERENZAGO Provincia di Pavia Via XXV aprile, 17 - CAP. 27010 P.I. e C.F.: 00493730188 Area Tecnica Sportello Unico Edilizia SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA (SCIA) (art.19

Dettagli

COMUNE DI TREVISO. (Provincia di Treviso) ATTO UNILATERALE D OBBLIGO PIANO DI LOTTIZZAZIONE / RECUPERO

COMUNE DI TREVISO. (Provincia di Treviso) ATTO UNILATERALE D OBBLIGO PIANO DI LOTTIZZAZIONE / RECUPERO Schema Atto unilaterale d'obbligo aggiornato COMUNE DI TREVISO (Provincia di Treviso) ATTO UNILATERALE D OBBLIGO PIANO DI LOTTIZZAZIONE / RECUPERO Adottato con deliberazione della Giunta comunale n. del..

Dettagli

BONETTI COSTRUZIONI SPA

BONETTI COSTRUZIONI SPA Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 176 30 settembre 2015 Oggetto : Approvazione della Bozza di Convenzione relativa al Permesso di Costruire Convenzionato

Dettagli

COMUNE DI CAMPODORO Provincia di Padova

COMUNE DI CAMPODORO Provincia di Padova COMUNE DI CAMPODORO Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE E L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Approvato con delibera di Consiglio Comunale nr. 41 del 21.12.2011-1 - INDICE TITOLO

Dettagli

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA

Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Comune di Cittadella Provincia di Padova PIANO DI LOTTIZZAZIONE DIRETTA COMPARTO OVEST C3/107 VIA PEZZE ALL. 1 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA Committente: Ferrari Vittorio e Rebellato Maria Bertilla Via

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE DATA 16.02.2015 N 12 OGGETTO: Approvazione delle Linee guida per il pagamento degli oneri concessori per il rilascio delle concessioni e/o autorizzazioni

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' (SCIA) (Ai sensi degli artt. 13 14 15 16 della Legge Regionale 30/07/2013 n. 15)

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' (SCIA) (Ai sensi degli artt. 13 14 15 16 della Legge Regionale 30/07/2013 n. 15) Protocollo di arrivo U.T.A. - Ufficio Tecnico Associato Settore Urbanistica, Edilizia, SUE, SUAP e Ambiente Borgo Tossignano Casalfiumanese Castel Guelfo di Bologna P.zza Unità d Italia 7 P.zza A. Cavalli

Dettagli

Comune di Chiuppano Provincia di Vicenza

Comune di Chiuppano Provincia di Vicenza Comune di Chiuppano Provincia di Vicenza Regolamento per l'applicazione e la determinazione del contributo di costruzione commisurato alla incidenza degli oneri di urbanizzazione e del costo di costruzione

Dettagli

CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA A SCOMPUTO DI ONERI CONCESSORI REPUBBLICA ITALIANA

CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA A SCOMPUTO DI ONERI CONCESSORI REPUBBLICA ITALIANA REPERTORIO N. RACCOLTA N. CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA E SECONDARIA A SCOMPUTO DI ONERI CONCESSORI REPUBBLICA ITALIANA Il giorno duemilaquattro ( 2004) in Pisa,

Dettagli

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 100 DEL 16 DICEMBRE 2014 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO

Dettagli

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA

COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA COMUNE DI ZIANO PIACENTINO PROVINCIA DI PIACENZA Prot.3430 OGGETTO: COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE PRIMARIA DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE RESIDENZIALE DI INIZIATIVA PRIVATA DENOMINATO DIOLA. 1. VERBALE

Dettagli

COMUNE DI BERTINORO Provincia Forlì-Cesena

COMUNE DI BERTINORO Provincia Forlì-Cesena COMUNE DI BERTINORO Provincia Forlì-Cesena PROTOCOLLO Settore Tecnico Urbanistica Servizio Edilizia Privata SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA Dati della denuncia di inizio attività/permesso di costruire: (Legge

Dettagli

Repubblica Italiana Comune di Ciampino (Provincia di Roma) CONVENZIONE SCHEMA CONVENZIONE RELATIVA AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE CONVENZIONATA

Repubblica Italiana Comune di Ciampino (Provincia di Roma) CONVENZIONE SCHEMA CONVENZIONE RELATIVA AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE CONVENZIONATA RELATIVA AL PIANO DI LOTTIZZAZIONE CONVENZIONATA CONVENZIONE Repubblica Italiana Comune di Ciampino (Provincia di Roma) Prot. n pag. i - che il progetto del Piano di Loffizzazione Convenzionata presentato

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data SETTEMBRE 2011 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

PREMESSO CHE. approvato il Piano Strutturale del Comune di..; con Deliberazione di C.C. n...del.. è stato definitivamente

PREMESSO CHE. approvato il Piano Strutturale del Comune di..; con Deliberazione di C.C. n...del.. è stato definitivamente 1 SCHEMA TIPO DI CONVENZIONE PER L ATTUAZIONE DEL PROGRAMMA AZIENDALE PLURIENNALE DI MIGLIORAMENTO AGRICOLO AMBIENTALE DI CUI ALL ART. 74 DELLA LEGGE REGIONALE N. 65/2014. CONVENZIONE DI P.M.A.A. (ex art.

Dettagli

CONVENZIONE URBANISTICA RELATIVA ALL ATTUAZIONE DELL ACCORDO EX ART. 18 DELLA L.R. 20/2000 SOTTOSCRITTO IN DATA 31/10/2014 TRA IL

CONVENZIONE URBANISTICA RELATIVA ALL ATTUAZIONE DELL ACCORDO EX ART. 18 DELLA L.R. 20/2000 SOTTOSCRITTO IN DATA 31/10/2014 TRA IL CONVENZIONE URBANISTICA RELATIVA ALL ATTUAZIONE DELL ACCORDO EX ART. 18 DELLA L.R. 20/2000 SOTTOSCRITTO IN DATA 31/10/2014 TRA IL COMUNE DI SAN GIORGIO DI PIANO E OR S CAVIAR SRL INERENTE IL CENTRO COMMERCIALE

Dettagli

COMUNE DI POVIGLIO Provincia di Reggio Emilia VIA VERDI,1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966822 FAX. 0522/966805

COMUNE DI POVIGLIO Provincia di Reggio Emilia VIA VERDI,1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966822 FAX. 0522/966805 COMUNE DI POVIGLIO Provincia di Reggio Emilia VIA VERDI,1 C.A.P. 42028 TEL. 0522/966822 FAX. 0522/966805 SCHEDA TECNICA DESCRITTIVA (Art. 20 L.R. 31 del 25/11/02) DESCRIZIONE DELL INTERVENTO.. LOCALIZZAZIONE

Dettagli

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05

DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA. Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 DIREZIONE CENTRALE PIANIFICAZIONE URBANA E ATTUAZIONE P.R. SETTORE 787 SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Prot. Gen. n. 569668/05 del 9/6/05 PROPOSTA DI DELIBERAZIONE - OGGETTO - ESTENSIONE DELL AMBITO DI

Dettagli

1. Dati del Direttore dei lavori/professionista abilitato. 2. Dati dell impianto produttivo e dichiarazione conformità

1. Dati del Direttore dei lavori/professionista abilitato. 2. Dati dell impianto produttivo e dichiarazione conformità Allo Sportello Unico Attività Produttive del Comune di ATTESTAZIONE DI CONFORMITÀ ED AGIBILITÀ DELL IMPIANTO PRODUTTIVO ai sensi dell art 25 del D.P.R. 380/2001 e s.m.i., e con le modalità di cui all art

Dettagli

GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA

GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA GIUNTA COMUNALE DI BRESCIA Delib. n. 643-17.11.2015 P.G.n. 175278 OGGETTO: Area Pianificazione Urbana e Mobilità. Settore Urbanistica. Approvazione progetto esecutivo e aggiornamento della Bozza modifica

Dettagli

REGOLAMENTO APPLICATIVO

REGOLAMENTO APPLICATIVO REGOLAMENTO APPLICATIVO DEL PIANO CASA ai sensi dell art. 9 comma 5 della L.R. 14/2009 Autore(i) nome dott.urb. Alessandro Calzavara arch. Paola Barbato data ottobre 2009 Verificato dott.urb. Alessandro

Dettagli

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono:

Il progetto come approvato prevede la realizzazione entro quattro anni delle opere di urbanizzazione. Queste consistono: allegato A Relazione tecnica SUAP1 In data 18/06/2011, prot 6146, è stata presentata da parte di Terruzzi Fercalx spa, istanza volta all ottenimento del permesso di costruire per la realizzazione di un

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA : RELAZIONE ASSEVERATA

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA : RELAZIONE ASSEVERATA COMUNE DI FOIANO DI VAL FORTORE Provincia di Benevento SPORTELLO UNICO EDILIZIA Via Nazionale SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA : RELAZIONE ASSEVERATA Il sottoscritto TECNICO PROGETTISTA: codice

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA VENDITA DEGLI IMMOBILI DI PROPRIETA COMUNALE Adottato con deliberazione consiliare n.22 dd. 4 maggio 1998. Modificato con deliberazione consiliare

Dettagli

COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 28.04.2011

COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA. Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale n. 26 del 28.04.2011 COMUNE DI DOLO *** PROVINCIA DI VENEZIA Oggetto: Determinazione del prezzo di prima cessione degli alloggi e.r.p. del Piano urbanistico attuativo PN 15/1 Cà Tron di Dolo - Indirizzi L assessore all urbanistica

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. Ritenuto che il progetto preliminare-definitivo sopra descritto rientri nelle tipologie ammesse a contributo dal D.M.

LA GIUNTA COMUNALE. Ritenuto che il progetto preliminare-definitivo sopra descritto rientri nelle tipologie ammesse a contributo dal D.M. Delibera G.C. n. 08 del 11 maggio 2015 Oggetto: Approvazione richiesta contributo finanziario di cui al D.M. 06/03/2015, riguardante il progetto preliminare-definitivo "RIQUALIFICAZIONE DELL EDIFICIO DI

Dettagli

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO MODIFICA AL PROGRAMMA DI EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE AI SENSI ART. 51 L. 865/71 AREA EX-CASERMETTE APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 94 DEL 18/12/2009 RELAZIONE

Dettagli

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Comune di Scandicci Variante al Piano di Recupero RQ 05a* - Area ex fonderia Le Cure, approvato con Deliberazione di C.C. n. 83 del 21.07.2009, già in variante rispetto all originario Piano di Recupero

Dettagli

SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. DI VIA MILANO n.227 (comparto ARE 6) che sottoscrivono la proposta di convenzione:

SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. DI VIA MILANO n.227 (comparto ARE 6) che sottoscrivono la proposta di convenzione: INDICE SOGGETTI PARTECIPANTI AL P.I.I. PAG. 1 INTERVENTI PREVISTI PAG. 1 PROIEZIONE COSTI COMPLESSIVI AI FINI DELL ATTUAZIONE DEL P.I.I. A CURA DEL SOGGETTO ATTUATORE PAG. 2 QUANTIFICAZIONE DELLE CONVENIENZE

Dettagli

III SETTORE - USO ED ASSETTO DEL TERRITORIO Servizio Territorio Urbanistica e Ambiente

III SETTORE - USO ED ASSETTO DEL TERRITORIO Servizio Territorio Urbanistica e Ambiente III SETTORE - USO ED ASSETTO DEL TERRITORIO Servizio Territorio Urbanistica e Ambiente STD 10.09.03 (agg. 03/2014) DESCRIZIONE INTERVENTO: DICHIARAZIONE ASSEVERATA DA ALLEGARE ALLA COMUNICAZIONE DI FINE

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 22-02-1993 REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 22-02-1993 REGIONE EMILIA-ROMAGNA LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 22-02-1993 REGIONE EMILIA-ROMAGNA Norme in materia di opere relative a linee ed impianti elettrici fino a 150 mila volts. Delega di funzioni amministrative Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE

Dettagli

N DEL COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA

N DEL COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA PROTOCOLLO GENERALE COMUNICAZIONE MANUTENZIONE STRAORDINARIA COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA N DEL Al COMUNE DI MONTOPOLI DI SABINA Sportello Unico per l edilizia COMUNICAZIONE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE

Dettagli

Detti comparenti della cui identità personale io Ufficiale Rogante sono certo, convengono e stipulano quanto appresso riportato.

Detti comparenti della cui identità personale io Ufficiale Rogante sono certo, convengono e stipulano quanto appresso riportato. COMUNE DI ORISTANO - Provincia di Oristano SCHEMA DI CONVENZIONE URBANISTICA per la lottizzazione a scopo edificatorio della sottozona urbanistica C3 individuata dal Piano di lottizzazione LOCCI VIA LACONI,

Dettagli

tanto premesso, le parti come sopra costituite convengono e stipulano quanto segue Art.1. Premesse Art.2. Oggetto

tanto premesso, le parti come sopra costituite convengono e stipulano quanto segue Art.1. Premesse Art.2. Oggetto SCHEMA DI CONTRATTO PRELIMINARE DI COMPRAVENDITA TRA IL COMUNE DI COSTABISSARA E LA SOCIETA AGGIUDICATARIA DELL APPALTO INTEGRATO PER LA PROGETTAZIONE ESECUTIVA E LA REALIZZAZIONE DEI LAVORI DI COSTRUZIONE

Dettagli

ATTO UNILATERALE D OBBLIGO

ATTO UNILATERALE D OBBLIGO ATTO UNILATERALE D OBBLIGO Il sottoscritto: Mion Romano, nato a Verona (VR) il 18 novembre 1949, domiciliato per la carica presso la sede sociale, il quale interviene al presente atto nella sua qualità

Dettagli

[SCHEMA DI] CONVENZIONE EMENDATO

[SCHEMA DI] CONVENZIONE EMENDATO [SCHEMA DI] CONVENZIONE EMENDATO RELATIVO AL PIANO ATTUATIVO PER LA RIQUALIFICAZIONE URBANISTICA DELLE CAVE DI VIA BOSE E DI VIA CERCA tra GRUPPO FAUSTINI S.p.A. (P.I. 03482680174), con sede in Brescia,

Dettagli

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE

TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione del Piano dei Servizi Il Piano dei Servizi è lo strumento di pianificazione comunale che ha le finalità di assicurare una

Dettagli

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA

SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA SERVIZIO EDILIZIA PRIVATA Il Servizio Edilizia privata si occupa di atti abilitativi e di controllo sui lavori edili eseguiti da parte di privati ed imprese su tutto il territorio cittadino, suddiviso

Dettagli

Città di Tarcento Provincia di Udine

Città di Tarcento Provincia di Udine Reg. delib. n 138 COPIA Città di Tarcento Provincia di Udine Medaglia d oro al merito civile Eventi sismici 1976 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: "Opere di completamento della scuola

Dettagli

2 Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE

2 Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE ELABORATO N. 14 2 Variante Piano Particolareggiato, insediamenti artigianali con annessi usi residenziali. Comparto Amandoli (Rio Salso) NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE Art. 1 - NORME GENERALI Le presenti

Dettagli

Art. 1 - Finalità... 2. Art. 2 - Interventi edilizi... 2. Art. 3 - Interventi per favorire il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente...

Art. 1 - Finalità... 2. Art. 2 - Interventi edilizi... 2. Art. 3 - Interventi per favorire il rinnovamento del patrimonio edilizio esistente... REGIONE VENETO Legge regionale 8 luglio 2009, n. 14 1 INTERVENTO REGIONALE A SOSTEGNO DEL SETTORE EDILIZIO E PER FAVORIRE L UTILIZZO DELL EDILIZIA SOSTENIBILE E MODIFICHE ALLA LEGGE REGIONALE 12 LUGLIO

Dettagli

DICHIARAZIONE ASSEVERATA

DICHIARAZIONE ASSEVERATA III SETTORE - USO ED ASSETTO DEL TERRITORIO Servizio Territorio Urbanistica e Ambiente STD 10.09.03 (agg. 03/2014) DICHIARAZIONE ASSEVERATA DA ALLEGARE ALLA COMUNICAZIONE DI FINE LAVORI E DOMANDA DI CERTIFICATO

Dettagli

ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI LIMBIATE

ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI LIMBIATE ALLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA DEL COMUNE DI LIMBIATE Oggetto: Denuncia di Inizio Attività ai sensi dell art. 4 della Legge Regionale nr. 12 dell 11/03/2005 e s.m.i. ed ai sensi D.P.R. 380/2001 e

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

DOMANDA PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA' Ai sensi del T. U. in materia edilizia - artt. 24-25 D.P.R. 06/06/2001 n. 380 e s.m.i.

DOMANDA PER IL RILASCIO DEL CERTIFICATO DI AGIBILITA' Ai sensi del T. U. in materia edilizia - artt. 24-25 D.P.R. 06/06/2001 n. 380 e s.m.i. AL COMUNE DI RIVALTA di TORINO Settore Politiche del Territorio Servizio Edilizia Privata Protocollo generale Marca da Bollo. 14,62 Via Balma n. 5 10040 Rivalta (TO) Spazio riservato al servizio protocollo

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PRELIMINARE

SCHEMA DI CONVENZIONE PRELIMINARE SCHEMA DI CONVENZIONE PRELIMINARE 1 di 17 Convenzione Piano Particolareggiato di Iniziativa Pubblica PN 18 COMPARTO _B Schema di Convenzione Urbanistica Attuativa (e/o Atto Unilaterale d'obbligo) PREMESSE

Dettagli

RITENUTO detto progetto preliminare meritevole di approvazione, sotto il profilo tecnico, amministrativo e finanziario;

RITENUTO detto progetto preliminare meritevole di approvazione, sotto il profilo tecnico, amministrativo e finanziario; Autorità d Ambito Territoriale Ottimale LAGUNA DI VENEZIA Prot. n. 671/11 di verbale del 23/06/2011 OGGETTO: Approvazione del progetto preliminare Ripristino del cedimento della fognatura in via Orlanda

Dettagli

Città di Marsala. Medaglia d oro al Valore Civile. OGGETTO: Diritti tecnici di istruttoria per la richiesta di atti di tipo urbanistico.

Città di Marsala. Medaglia d oro al Valore Civile. OGGETTO: Diritti tecnici di istruttoria per la richiesta di atti di tipo urbanistico. Città di Marsala Medaglia d oro al Valore Civile Settore Territorio e Ambiente P. I.V.A. 00139550818 Dirigente: Ing. G. F. D Orazio Pos. Org. Edilizia Privata Residenziale Condono - Abusivismo Ufficio

Dettagli

COMUNE DI CADONEGHE Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE E L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

COMUNE DI CADONEGHE Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE E L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE COMUNE DI CADONEGHE Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE E L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE Approvato con DCC 86 del 18.12.2009 TITOLO I...4 DISCIPLINA GENERALE...4 Articolo

Dettagli

L'anno 2007 il giorno 13 del mese di aprile in Bologna nella sede della Regione Emilia-Romagna, viale Aldo Moro 52. tra

L'anno 2007 il giorno 13 del mese di aprile in Bologna nella sede della Regione Emilia-Romagna, viale Aldo Moro 52. tra COMUNE DI REGGIO NELL EMILIA PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI SPERIMENTALI NEL SETTORE DELL EDILIZIA RESIDENZIALE ED ANNESSE URBANIZZAZIONI DA REALIZZARE NELL AMBITO DEL PROGRAMMA

Dettagli

Comune di Verona Sessione ordinaria di Consiglio Comunale Proposta di Deliberazione N. 42 dell ODG

Comune di Verona Sessione ordinaria di Consiglio Comunale Proposta di Deliberazione N. 42 dell ODG Comune di Verona Sessione ordinaria di Consiglio Comunale Proposta di Deliberazione N. 42 dell ODG Oggetto: URBANISTICA - PRESA D'ATTO DI UN PROGETTO PER OPERE DI RISTRUTTURAZIONE E AMPLIAMENTO IN EDIFICIO

Dettagli

C O N S O R Z I O A T T I V I T A' P R O D U T T I V E - A R E E E S E R V I Z I -

C O N S O R Z I O A T T I V I T A' P R O D U T T I V E - A R E E E S E R V I Z I - C O N S O R Z I O A T T I V I T A' P R O D U T T I V E - A R E E E S E R V I Z I - OGGETTO N. 85: Società EURO BAR Srl, proprietaria superficiaria del lotto di terreno, relativo al fabbricato ubicato nel

Dettagli

Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale Pubblica della Provincia di Roma

Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale Pubblica della Provincia di Roma Azienda Territoriale per l Edilizia Residenziale Pubblica della Provincia di Roma AVVISO PUBBLICO DI INVITO A MANIFESTARE INTERESSE ALLA CESSIONE DI IMMOBILI AVENTI DESTINAZIONE D USO RESIDENZIALE, DA

Dettagli

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo

Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo Art. 1 - Area disciplinata dal Piano attuativo 1. L area disciplinata dal presente Piano Particolareggiato è quella perimetrata nella cartografia del R.U. vigente nel Comune di Colle VE ed identificata

Dettagli

SCIA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA art. 19 L 07.08.1990 N. 241 - artt. 13-16 L. R. 15 / 2013

SCIA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA art. 19 L 07.08.1990 N. 241 - artt. 13-16 L. R. 15 / 2013 REGISTRAZIONE ARRIVO Al Responsabile dello Sportello Edilizia SCIA SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA art. 19 L 07.08.1990 N. 241 - artt. 13-16 L. R. 15 / 2013 SCIA SCIA di Variante in Corso d

Dettagli

Le semplificazioni e i procedimenti introdotti. dal decreto del fare in edilizia

Le semplificazioni e i procedimenti introdotti. dal decreto del fare in edilizia SAMANTA RICCO LUCA GRASSI mercoledì, martedì, 23 18 settembre 2014 2013 Le semplificazioni e i procedimenti introdotti Giornata del Decreto del fare dal decreto del fare in edilizia DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

5. Modulo richiesta CCEA marzo 2015

5. Modulo richiesta CCEA marzo 2015 RICHIESTA DI CERTIFICATO DI CONFORMITÀ EDILIZIA E DI AGIBILITÀ (CCEA - art. 23 LR 15/2013) allo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) allo Sportello Unico Edilizia (SUE) ( SUAP) ( SUE) richiesta CCEA

Dettagli

Provincia di Bergamo. Piazza Papa Giovanni XXIII 1. Area IV Urbanistica/Edilizia Privata/Ambiente

Provincia di Bergamo. Piazza Papa Giovanni XXIII 1. Area IV Urbanistica/Edilizia Privata/Ambiente COMUNE DI OSIO SOTTO Provincia di Bergamo Piazza Papa Giovanni XXIII, 1 Area IV Urbanistica/Edilizia Privata/Ambiente Al COMUNE DI OSIO SOTTO Piazza Papa Giovanni XXIII 1 24046 Osio Sotto (BG) SEGNALAZIONE

Dettagli

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE

PROPOSTA DI DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Piano di Recupero ambientale e di ristrutturazione urbanistica dell'area ex Eni Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 30 del 28/2/2005 e successiva variante approvata dal Consiglio

Dettagli

Comune di VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano

Comune di VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano Comune di VILLACIDRO Provincia del Medio Campidano SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' (S.C.I.A.) (ex legge 07.08.1990 n.241, art.19) Al Comune di Villacidro PROTOCOLLO GENERALE Ufficio tecnico

Dettagli

SCHEMA DELIBERA ADOZIONE

SCHEMA DELIBERA ADOZIONE SCHEMA DELIBERA ADOZIONE AREA: Politiche del Territorio DIREZIONE: Pianificazione Urbanistica, E.R.P. e Mobilità Alla Giunta Comunale Sede N Prop. Del. N Prop. Dir. OGGETTO: Adozione del Piano Attuativo

Dettagli

PROVINCIA DI VICENZA. Oggetto: ADOZIONE DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE "VECCHIE FONTANE" A CESUNA AI SENSI DELL'ARTICOLO 20 DELLA L.R. N. 11/2004.

PROVINCIA DI VICENZA. Oggetto: ADOZIONE DEL PIANO DI LOTTIZZAZIONE VECCHIE FONTANE A CESUNA AI SENSI DELL'ARTICOLO 20 DELLA L.R. N. 11/2004. Comune di Roana PROVINCIA DI VICENZA COPIA Deliberazione n. 72 Data 15-04-2014 Soggetta a ratifica Immediatamente eseguibile N N VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Oggetto: ADOZIONE DEL PIANO

Dettagli

COMUNE DI CANARO Provincia di Rovigo bollo

COMUNE DI CANARO Provincia di Rovigo bollo COMUNE DI CANARO Provincia di Rovigo bollo RICHIESTA DI AGIBILITA (Ai sensi del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380) Il sottoscritto.., nato a..., il... Codice fiscale, tel......, residente in..., località...,

Dettagli

DOMANDA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA Ai sensi art. 24 e 25 del D.P.R. 380/2001

DOMANDA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA Ai sensi art. 24 e 25 del D.P.R. 380/2001 Settore Governo del Territorio Marca da Bollo Euro 16,00 Mod Agib_01 / 09.2014 DOMANDA DI CERTIFICATO DI AGIBILITA Ai sensi art. 24 e 25 del D.P.R. 380/2001 (Da presentare entro 15 giorni dalla comunicazione

Dettagli

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI

ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI ART. 1 - OBIETTIVI GENERALI Il Comune di Cadoneghe, valutate le caratteristiche e le peculiarità del proprio territorio, considerate le esigenze di sostegno al settore edilizio, attentamente soppesati

Dettagli

COMUNE DI PONTASSIEVE (Provincia di Firenze) Area GOVERNO DEL TERRITORIO U.O.C. ASSETTO DEL TERRITORIO

COMUNE DI PONTASSIEVE (Provincia di Firenze) Area GOVERNO DEL TERRITORIO U.O.C. ASSETTO DEL TERRITORIO COMUNE DI PONTASSIEVE (Provincia di Firenze) Area GOVERNO DEL TERRITORIO U.O.C. ASSETTO DEL TERRITORIO Regolamento sulle modalità di determinazione e versamento del contributo di cui al titolo VII della

Dettagli

COMUNE DI BAGNO DI ROMAGNA

COMUNE DI BAGNO DI ROMAGNA COMUNE DI BAGNO DI ROMAGNA Sede S. Piero in Bagno Piazza Martiri 25 luglio 1944 n. 1 Provincia Forlì-Cesena Tel. 0543 900411 Fax 0543 903032 e-mail: settoreurbanistica@comune.bagnodiromagna.fc.it SCHEDA

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA COMUNE DI CRESPELLANO (Provincia di Bologna) VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DI INIZIATIVA PRIVATA IN LOCALITÀ CAPOLUOGO COMPARTO EDIFICATORIO N. 11 (C2) RELAZIONE ILLUSTRATIVA LA PROPRIETÀ: Soc. L.

Dettagli

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA

TIMBRO PROTOCOLLO N. PRATICA TIMBRO PROTOCOLLO BOLLO COMUNE DI RIVIGNANO N. PRATICA Nominativo del dichiarante (1)...... SI n altri titolari oltre al presente dichiarante NO... (in caso di più dichiaranti, compilare una scheda anagrafica

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA

IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA ESTRATTO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 13 DEL 05.05.1999 COME MODIFICATA DALLA D.C.C. N. 73 DEL 30.09.2010 E DALLA D.C.C. N. 5 DEL 15.03.2013 A IN RIFERIMENTO AL D.P.G.R. N. 373/98 IL CONSIGLIO

Dettagli

COMUNE DI BIELLA Provincia di Biella REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE VICINALI DI USO PUBBLICO

COMUNE DI BIELLA Provincia di Biella REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE VICINALI DI USO PUBBLICO COMUNE DI BIELLA Provincia di Biella REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE VICINALI DI USO PUBBLICO Approvato con Deliberazione C.C. n. 155 del 20.12.2011 PREMESSA Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio aprile 2012. Parcheggi

Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio aprile 2012. Parcheggi Segnalazioni Settore Attività amministrative e finanziarie per il Governo del territorio aprile 2012 Parcheggi Vi sono tre categorie di parcheggi, soggetti a discipline diverse: 1) i parcheggi "liberi",

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 42 del 24.03.2014 OGGETTO:Variante al PRG ai sensi dell art. 6 della L.R. 4/2011 (piano casa) e riperimetrazione area boscata Località Belvedere pratiche

Dettagli

NUOVA ADOZIONE VARIANTE PIANO ATTUATIVO DI VIA MONTE FAITO IL CONSIGLIO COMUNALE

NUOVA ADOZIONE VARIANTE PIANO ATTUATIVO DI VIA MONTE FAITO IL CONSIGLIO COMUNALE NUOVA ADOZIONE VARIANTE PIANO ATTUATIVO DI VIA MONTE FAITO IL CONSIGLIO COMUNALE PREMESSO che: il Comune di Triuggio, con deliberazione consiliare n. 7 del 12.03.2009 ha adottato il PIANO ATTUATIVO DI

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI LAZZATE PROVINCIA DI MILANO DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA (ex regime concessorio) ai sensi dell art. 41 della Legge Regionale 12/05 Il/ La sottoscritto/a Cod. fiscale/partita IVA residente /con sede in via n. CAP tel. in qualità proprietario

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE PROGRAMMAZIONE Contributi Opere Pubbliche

REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone. SETTORE PROGRAMMAZIONE Contributi Opere Pubbliche Riproduzione informale REPUBBLICA ITALIANA Provincia di Pordenone SETTORE PROGRAMMAZIONE Contributi Opere Pubbliche Proposta nr. 44 del 21/06/2011 - Determinazione nr. 1520 del 21/06/2011 OGGETTO: L.R.

Dettagli