COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI VENEZIA. Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale"

Transcript

1

2 COMUNE DI VENEZIA Estratto dal registro delle deliberazioni del COMMISSARIO STRAORDINARIO nella competenza del Consiglio comunale N. 87 DEL 14 MAGGIO 2015 E presente il COMMISSARIO STRAORDINARIO: VITTORIO ZAPPALORTO Partecipa il SEGRETARIO GENERALE: RITA CARCÒ

3 14 maggio 2015 N. 87 = Contratto di Quartiere II di Mestre-Altobello. Atto integrativo della convenzione stipulata tra Comune ed A.T.E.R. per l attuazione degli interventi previsti nelle UMI della scheda norma B1 SN2 della Variante al P. R. G. per la riqualificazione urbanistica dell'area di Altobello e via Turati, rep. n del 11/12/2009 notaio Stefano Bandieramonte. IL COMMISSARIO STRAORDINARIO con i poteri del Consiglio Comunale Richiamato il Decreto del Presidente della Repubblica del 22 luglio 2014 con il quale il Dott. Vittorio Zappalorto è stato nominato Commissario Straordinario per la gestione provvisoria dell'ente, con attribuzione dei poteri spettanti al Sindaco, al Consiglio ed alla Giunta; PREMESSO: che Comune e l "AZIENDA TERRITORIALE PER L'EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI VENEZIA A.T.E.R. VENEZIA, nell ambito del Contratto di Quartiere II di Mestre-Altobello, hanno stipulato in data 11 dicembre 2009, a Rep del notaio Bandieramonte, la Convenzione per l attuazione degli interventi previsti nelle UMI della scheda norma B1 SN2 della Variante al P.R.G. per la riqualificazione urbanistica dell area di Altobello e via Turati, riguardante, nello specifico, gli interventi A (Intervento Sovvenzionato: ristrutturazione edilizia dell'edificio n. 1 detto Campo dei Sassi - UMI 2), B (Intervento Sovvenzionato: ristrutturazione edilizia dell'edificio n. 2 - UMI 1), e C (Intervento Sovvenzionato: ristrutturazione edilizia dell'edificio n. 3 UMI 4) del Contratto di Quartiere, con le relative opere di urbanizzazione. che per tali interventi sono stati conseguiti i seguenti titoli edilizi: Permesso di costruire PG 2009/ relativo ai 3 fabbricati denominati Campo dei Sassi e relative opere di urbanizzazione, rilasciato in data 28/12/2009 PG 2009/ i cui termini di fine lavori sono scaduti; D.I.A. PG 2010/ del 24/06/2010 per modifiche all edificio n. 3; S.C.I.A. PG 2011/ del 09/11/2011 per modifica sistemazioni esterne per adeguamento alla normativa in materia di abbattimento barriere architettoniche; S.C.I.A. PG 2014/ del 28/10/2014 per costruzione di recinzione dell'edificio "Campo dei Sassi", realizzazione di canalizzazioni fognarie di allaccio al collettore pubblico per lo scarico di acque meteoriche e reflue, realizzazione di canalizzazioni per sottoservizi (enel-tel-teleriscaldamento) per allacciamento degli edifici; - che sono state, altresì, presentate le seguenti istanze di permesso di costruire, in corso di istruttoria: Deliberazione del Commissario straordinario con i poteri del Consiglio comunale n. 87 del 14 maggio 2015 Pagina 1 di 8

4 PG 2014/ del 20/11/2014 in sanatoria per realizzazione manufatto costituito da cabina Enel di trasformazione -impianti tecnologici su area pubblica ad uso verde urbano; PG 2015/98296 del 05/03/2015 per le sistemazioni esterne delle pertinenze degli edifici ristrutturati e delle opere di urbanizzazione, a modifica del succitato permesso di costruire PG 2009/ e del permesso di costruire 2008/ del 27/10/2008 per la ristrutturazione edilizia di n. 3 edifici denominati tettorie da Re (ed 4-5-6) ed annesse opere di urbanizzazione, facente parte della stessa scheda norma B1 SN2; che in data 10 marzo 2010 rep notaio Bandieramonte è stato sottoscritto l'atto di cessione gratuita delle aree in favore del Comune di Venezia e che contrariamente a quanto indicato nella convenzione citata non si è reso necessario procedere ad alcuna cessione a titolo gratuito da parte del Comune di Venezia ad A.T.E.R., in quanto i mappali previsti in cessione risultavano già di proprietà della medesima Azienda Territoriale; PRESO ATTO: che A.T.E.R., a seguito di richieste e prescrizioni tecniche successivamente sopravvenute da parte dell Ente gestore della rete di distribuzione dell energia elettrica (ENEL), ha chiesto al Comune, con nota del 31 ottobre 2012, a PG/2012/ , la restituzione di un area a sud dell edificio di Campo dei Sassi, per destinarla alla costruzione a propria cura e spese della nuova cabina elettrica; che A.T.E.R. ha, altresì, richiesto la restituzione anche di un area limitrofa, di piccola consistenza, stante la necessità, in termini economici e funzionali, di realizzare, a ridosso della cabina elettrica e costituente corpo unico con essa, un annesso pertinenziale per servizi tecnici centralizzati; che l intera area oggetto della richiesta di restituzione è stata individuata al N.C.T. del Comune di Venezia, Sezione Mestre, Foglio 14, mappali , per una consistenza catastale totale di mq 102 (allegato B), mediante frazionamenti redatti a cura e spese dell A.T.E.R. dal geom. Giorgio Danesin, presentati in data 6 ottobre 2014, con prot. 2014/VE e 2014/VE205935, ed approvati in data 7 ottobre 2014 dall Ufficio Provinciale di Venezia dell Agenzia delle Entrate; che detta area è compresa nel compendio di aree destinate a urbanizzazione che A.T.E.R., in qualità di proprietaria delle medesime e in esecuzione della convenzione sopra citata, ha a suo tempo ceduto al Comune a titolo gratuito e senza scomputo degli oneri tabellari di urbanizzazione, e costituisce porzione dell ex mappale 4287, così allora individuato al N.C.T. del Comune di Venezia, Sezione Mestre, Foglio 14, ceduto al Comune per la sua intera consistenza catastale di ha ; che A.T.E.R. ha proposto che la restituzione della proprietà dell area, per gli scopi suindicati, avvenga per reciprocità mediante cessione a titolo gratuito da parte del Comune; che A.T.E.R. si impegna a costituire sull area le servitù di impianto richieste da ENEL; che nell istanza di permesso di costruire PG 2015/98296, presentata in data 05/03/2015, a modifica delle opere di urbanizzazione di cui ai permessi di costruire PG 2009/ e PG 2008/45558, si recepiscono, come specificato dal responsabile del Contratto di Quartiere II di Mestre-Altobello con nota PG 2015/ del 22/04/2015, anche le variazioni del tracciato e delle caratteristiche dei percorsi ciclabili nell ambito del Contratto di Quartiere II Mestre Altobello, decise dall Amministrazione Comunale (Direzione Mobilità) nel corso dell attuazione del programma, prevedendo la soppressione di un tratto di pista ciclabile e di un percorso pedonale ed integrando i relativi sedimi nel progetto di pavimentazione pedonale ed attrezzature a verde del piazzale contiguo al Centro Civico ex scuola Silvio Pellico; Deliberazione del Commissario straordinario con i poteri del Consiglio comunale n. 87 del 14 maggio 2015 Pagina 2 di 8

5 CONSIDERATO che la Direzione Patrimonio, con nota PG 2015/ del , ha espresso parere favorevole alla cessione della suddetta area; che la destinazione dell area oggetto della richiesta di restituzione dovrà comunque essere vincolata all esclusivo mantenimento della realizzata cabina elettrica (con relative fasce di servitù e/o rispetto) e dei servizi tecnici centralizzati a carattere pertinenziale, oggetto di istanza di sanatoria P.G. 2014/484566, per la quale non sussistono motivazioni ostative al rilascio, vista la proposta di provvedimento finale (rilascio del P. di C.) contenuta nell istruttoria d ufficio da parte della Direz. Sportello Unico Edilizia in data 09/02/2015; che, secondo le previsioni del comma 3 dell art. 8 della V.P.R.G. approvata con delibera n del 03/12/2004 e ss.mm.ii., sono sempre ammesse, anche in deroga alle prescrizioni di zona o su aree di urbanizzazione pubblica, strutture non residenziali di modeste dimensioni a servizio di opere e/o impianti pubblici, necessarie all erogazione di servizi a rete quali cabine elettriche o simili; che, visto il parere da parte del Settore Urbanistica Terrferma in data PG 2015/189378, la realizzazione del manufatto contiguo alla cabina enel risulta compatibile con le norme della Variante parziale al PRG ai sensi dell art. 50, comma 3, della L.R. 61/1985, in attuazione dell art. 59, comma 2 della L.R. 16/1986, per la riqualificazione urbanistica dell area di Altobello e via Turati, adottata dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 35 del 31/03/2004 ed approvata dalla Giunta Regionale del Veneto con deliberazione n del 23 maggio 2006, tenuto conto che, ai sensi dell art punto d) delle N.T.A. della V.P.R.G. vigente, tale manufatto non costituisce aumento della superficie lorda di pavimento, trattandosi di volume per servizi tecnici centralizzati, con funzioni serventi all allocazione di impianti e dispositivi tecnologici, inidonei a soddisfare alcuna finalità residenziale, completamente privi di una propria autonomia funzionale, anche potenziale; che la modifica di destinazione di tale area è ammissibile, ai sensi degli artt. 4 e 5 delle N.T.A della V.P.R.G. per la riqualificazione urbanistica dell area di Altobello e Via Turati, in quanto la riduzione dello standard a verde pubblico risulta compensata dalla realizzazione di una nuova area pedonale attrezzata con adiacente verde pubblico, contigua al Centro Civico ex scuola Silvio Pellico, che include il tratto di pista ciclabile e il percorso pedonale, originariamente destinati a viabilità e soppressi su indicazione dell Amministrazione Comunale, così come indicato nel parere tecnico di cui al punto precedente; PRESO ATTO INOLTRE: che in corso di realizzazione degli edifici da parte di A.T.E.R. sono intervenute variazioni nel posizionamento dei vari locali tecnici centralizzati, per cui occorre parzialmente ridefinire sulla base dei nuovi tracciati delle condotte i sedimi da assoggettare a servitù di sottoservizi che attraversano aree pubbliche di proprietà comunale (allegato C); che, poiché le opere di urbanizzazione realizzate da A.T.E.R. fruiscono dei finanziamenti assegnati dal Contratto di Quartiere, le stesse devono rientrare nelle procedure stabilite per tutti gli interventi finanziati, e nella fattispecie nelle modalità di collaudo stabilite dal Protocollo d intesa sottoscritto in data 25 ottobre 2006 tra Regione Veneto, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti - Direzione Generale per l Edilizia Residenziale e le Politiche Urbane ed Abitative, Comune di Venezia ed A.T.E.R. di Venezia, anziché nelle modalità di collaudo delle opere di urbanizzazione correntemente adottate dal Comune, che erano iscritte nella convenzione originaria; Deliberazione del Commissario straordinario con i poteri del Consiglio comunale n. 87 del 14 maggio 2015 Pagina 3 di 8

6 che le previsioni della Legge 9 agosto 2013, n. 98, di conversione del Decreto-Legge 21 giugno 2013, n. 69, hanno modificato l art. 24 del Testo Unico per l Edilizia (DPR 380/2001) introducendo il certificato di agibilità parziale, che può essere richiesto: 1. per singoli edifici o singoli porzioni della costruzione, purché funzionalmente autonomi, qualora siano state realizzate e collaudate le opere di urbanizzazione primarie relative all intero intervento edilizio e siano state completate le parti comuni relative al singolo edificio o singola porzione della costruzione; 2. per singole unità immobiliari, purché siano completate le opere strutturali, gli impianti, le parti comuni e le opere di urbanizzazione primaria ultimate o dichiarate funzionali rispetto all edificio oggetto di agibilità parziale. RITENUTO che, così come previsto dal comma 4 dell artico 7 della convenzione originaria, qualora allo scadere dei tempi previsti le opere di urbanizzazione non risultino effettivamente iniziate o siano incomplete, è facoltà dell Amministrazione Comunale di diffidare il completamento dei lavori e di assegnare, a propria discrezione, un nuovo termine; che le opere di urbanizzazione possano essere collaudate mediante stralci funzionali, soprattutto in considerazione dell urgenza di poter assegnare gli alloggi ERP del fabbricato n. 1; PRESO ATTO che in data 10/11/2014 PG 2014/ l Amministrazione Comunale, ha diffidato l A.T.E.R. a modificare o sostituire la polizza n emessa da COFACE ASSICURAZIONI Spa, di imminente scadenza, di importo pari ad ,00 ed ad aggiornare l A.C. in ordine all avvio delle opere di urbanizzazione; che, prima della sottoscrizione dell atto integrativo della convenzione originaria, dovrà essere presentata l appendice della polizza di cui al punto precedente, attestante che la stessa sarà tacitamente rinnovabile fino a liberatoria da parte del Comune; VALUTATA l opportunità, stante le necessità rappresentate, di dare un favorevole risconto alle richieste di A.T.E.R., al fine di salvaguardare la regolare prosecuzione dell intervento costruttivo E.R.P, consentendo l acquisizione da parte di ATER del titolo di proprietà della piccola area su cui sorge l annesso pertinenziale per servizi tecnici centralizzati e cabina di trasformaizone ENEL, necessario per il rilascio dei Permessi di Costruire PG 2015/98296 relativo alle opere di urbanizzazione e P.G. 2014/ relativo alla sanatoria del manufatto costituito da cabina Enel ed impianti tecnologici Deliberazione del Commissario straordinario con i poteri del Consiglio comunale n. 87 del 14 maggio 2015 Pagina 4 di 8

7 RITENUTO necessario ed urgente, per recepire le nuove esigenze e le variazioni sopravvenute, procedere alla stipula con A.T.E.R. di un Atto integrativo alla Convenzione per l attuazione degli interventi previsti nelle UMI della scheda norma B1 SN2 della Variante al P.R.G. per la riqualificazione urbanistica dell area di Altobello e via Turati nell ambito del Contratto di Quartiere II di Mestre-Altobello, stipulata tra Comune ed A.T.E.R. in data 11 dicembre 2009, che preveda, tra l altro, le seguenti modifiche: art. 7 collaudo delle opere di urbanizzazione - sostituzione dei commi testo precedente 6. Il Comune, entro 30 giorni dalla data di ultimazione dei lavori di tutte le opere di urbanizzazione primaria, accertata nei modi previsti al precedente comma 3), nomina il collaudatore, con onorari e spese a carico del Comune che A.T.E.R. espressamente si impegna a rimborsare con la sottoscrizione della presente convenzione. Il rimborso è garantito dalla cauzione di cui al successivo art A.T.E.R. potrà chiedere al Comune la nomina del collaudatore contestualmente all inizio dei lavori. Il Comune si riserva la facoltà unilaterale di richiedere il certificato di regolare esecuzione al Direttore dei Lavori in sostituzione del collaudo. 8. Nel caso in cui venga richiesto il collaudo, A.T.E.R. dovrà chiedere al Comune di sottoporre a collaudo le opere realizzate contestualmente con il verbale di ultimazione dei lavori. Le visite, le verifiche e tutte le operazioni necessarie al collaudo delle opere dovranno essere avviate in tempo utile al fine di consentire l emissione del certificato di collaudo dopo 180 (centottanta) giorni dalla data di ultimazione dei lavori e non oltre 360 (trecentosessanta) giorni dalla data medesima. 9. Qualora il collaudatore, nominato dal Comune entro il termine di cui sopra, non emetta il certificato di collaudo ovvero non adotti un motivato provvedimento di rifiuto di collaudo, indicante gli interventi necessari per la collaudabilità delle opere, il legale rappresentante di A.T.E.R. potrà rivolgersi per la nomina di un nuovo collaudatore al Presidente dell Ordine degli Ingegneri o Architetti di Venezia, che dovrà provvedere entro il termine di 60 (sessanta) giorni. nuovo testo proposto 6. Le modalità di affidamento e di svolgimento del collaudo delle opere di urbanizzazione realizzate da A.T.E.R. sono quelle stabilite all art. 4 del Protocollo d Intesa sottoscritto in data 25 ottobre 2006 tra Regione Veneto, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Direzione Generale per l Edilizia Residenziale e le Politiche Urbane ed Abitative, Comune di Venezia ed A.T.E.R. di Venezia e non modificato dal successivo Atto Integrativo del 24 ottobre 2007, il quale richiama l art. 12 dell Accordo di Programma Quadro sottoscritto in data 15 dicembre 2005 tra il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e la Regione Veneto che così recita: Stante la particolare tipologia e categoria degli interventi previsti nei Contratti di Quartiere, la Commissione di collaudo, nominata dalla stazione appaltante, degli interventi previsti da ciascun Contratto di Quartiere II compreso il programma di sperimentazione (lavorazioni straordinaria ed attività), è composta da tre membri ed un Segretario, di cui un componente, con funzione di Presidente della Commissione ed il Segretario designati dal Direttore generale per l edilizia residenziale e le politiche urbane ed abitative Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti, un componente designato dal Dirigente regionale della Direzione per l edilizia abitativa della Regione Veneto ed il restante componente designato dal Comune interessato. La Commissione di collaudo emette il certificato di collaudo entro sei mesi dalla data di ultimazione dei lavori. Deliberazione del Commissario straordinario con i poteri del Consiglio comunale n. 87 del 14 maggio 2015 Pagina 5 di 8

8 Qualora il Presidente di Commissione sia in possesso dei requisiti previsti dalla legge, allo stesso è affidato altresì, ai sensi dell art. 188 del D.P.R. 554/99, l incarico di collaudo statico delle strutture ai sensi della Legge 1086/71. La Commissione di collaudo provvederà a trasmettere all Ente appaltante copia dei verbali di visita in corso d opera e del certificato di collaudo finale, integrato da una relazione sull attuazione del programma di sperimentazione e dalla relazione acclarante i rapporti Stato-Regione-Enti questi ultimi da approvarsi da parte del Comitato paritetico di cui all art Le parti danno atto che A.T.E.R. ha già incaricato la Commissione di collaudo con nota n del 28/02/2011 e che i relativi oneri di collaudo gravano sul committente. 8. A.T.E.R, entro venti giorni dalla approvazione, invierà, alla Direzione Sviluppo del Territorio Settore Edilizia Convenzionata, copia conforme del certificato di collaudo delle opere di urbanizzazione da consegnare al Comune. 9. Fermo restando l unitarietà del progetto delle opere di urbanizzazione, su richiesta di A.T.E.R, è possibile eseguire il collaudo per parti autonome e funzionali, benché appartenenti al complesso unitario delle opere di urbanizzazione. Art. 10 agibilità dei fabbricati integrazione del comma 5 Testo originario 5. L abitabilità e/o l agibilità dei fabbricati è subordinata all avvenuta ultimazione e collaudo di tutte le opere di urbanizzazione primaria di cui al precedente art. 5, comma 2. Testo integrativo 5.1. In caso di realizzazione per stralci funzionali, l agibilità dei fabbricati è subordinata al collaudo dello stralcio funzionale all interno del quale gli edifici sono inseriti, a condizione che siano realizzate tutte le opere che consentano l'accesso in condizioni di sicurezza agli edifici stessi, il loro allacciamento ai pubblici servizi e che non vi sia alcuna interferenza con le aree di cantiere destinate alla realizzazione dello stralcio successivo. La sussistenza di tali condizioni dovrà essere dettagliatamente documentata dall A.T.E.R, con specifici elaborati grafici e relazione accompagnatoria del Direttore Lavori, che dovranno, altresì, definire il costo delle opere di urbanizzazione eseguite, secondo le quantità e categorie indicate nel computo metrico estimativo allegato al suddetto permesso di costruire, redatto sulla base del Capitolato d appalto del Comune di Venezia; 5.2. A seguito dell approvazione del collaudo parziale, la polizza fideiussoria potrà essere svincolata dell importo pari al 70% del valore delle opere eseguite. Il rimanente importo (30%) resterà vincolato fino all emissione del certificato di collaudo finale e definitivo, che verificherà lo stato di esecuzione e conservazione di tutte le opere di urbanizzazione previste nell ambito Qualora, in sede di collaudo finale, le opere già collaudate non si presentassero in perfetto stato di conservazione, spetterà al soggetto attuatore provvedere alla riparazione delle imperfezioni delle stesse Ove l impresa non provvedesse, previa diffida, il Comune provvederà d ufficio e la spesa andrà a debito di A.T.E.R. 5.5 L abitabilità e/o l agibilità dei fabbricati è subordinata al preventivo conseguimento del titolo abilitativo in sanatoria, previo pagamento della sanzione dovuta, richiesto con istanza PG 2014/ del 20/11/2014, relativo al manufatto costituito da cabina ENEL e impianti tecnologici. Deliberazione del Commissario straordinario con i poteri del Consiglio comunale n. 87 del 14 maggio 2015 Pagina 6 di 8

9 Art.11 cauzione aggiungere il comma 1.1. Testo originario 1. A.T.E.R., a garanzia delle obbligazioni ed adempimenti assunti con la presente convenzione, produce all atto della stipula della presente convenzione, polizza assicurativa di primaria società nazionale emessa da COFACE ASSICURAZIONI SPA n con effetto dal 10 dicembre 2009 tacitamente rinnovabile fino a liberatoria da parte del Comune, per un ammontare di ,00 (quarantacinquemila virgola zerozero) equivalente al 100% /cento per cento) del valore presunto delle opere di urbanizzazione primaria da realizzare a proprio carico, più le relative spese di collaudo. 2. La cauzione resterà vincolata fino all emissione di relativi certificati di collaudo, ad eccezione del 5% (cinque per cento) della stessa che resterà vincolata fino alla consegna di tutte le opere al Comune, con le relative aree libere da persone e cose, e al rimborso degli onorari e spese per il collaudo. Testo integrativo 1.1. A.T.E.R., qualora i costi delle opere di urbanizzazione preventivati nell istanza di permesso di costruire PG 2015/98296 relativi al suddetto intervento, risultassero maggiori rispetto all importo della cauzione, dovrà presentare polizza integrativa prima del rilascio del suddetto permesso di costruire. La polizza dovrà essere preventivamente convalidata dal Settore Edilizia Convenzionata. VISTO lo schema di Atto integrativo allegato alla presente delibera per farne parte integrante e sostanziale (allegato 1), con relative tavole (allegati A, B, C), che recepisce le necessità di aggiornamento sopra richiamate; VISTO il parere rilasciato dal Responsabile del Contratto di Quartiere II di Mestre-Altobello, PG/2012/ del 11/12/2012, per la funzione assegnata con D.D. n del 31/03/2004 ai sensi della D.G.R. del Veneto n 2281 del 25/07/2003; VISTO il parere di regolarità tecnico-amministrativa attestante la regolarità e la correttezza dell azione amministrativa e di regolarità contabile espressi, ai sensi dell art. 49 del Dlgs. 267/2000, rispettivamente dal Dirigente del Settore Edilizia Convenzionata della Direzione Sviluppo del Territorio, dal Dirigente Sportello Unico Edilizia Settore Edilizia di Iniziativa Privata e Agibilità Terraferma e dal Direttore Finanza e Bilancio, per quanto di competenza; ATTESO che la deliberazione è stata proposta dalla Direzione Sviluppo del Territorio di concerto con la Direzione Sportello Unico Edilizia e riguarda la conclusione di un procedimento già avviato e definito dalla precedente Amministrazione. Deliberazione del Commissario straordinario con i poteri del Consiglio comunale n. 87 del 14 maggio 2015 Pagina 7 di 8

10 RITENUTO di condividere la proposta di deliberazione per le motivazioni nella stessa riportate e pertanto di poter deliberare sull argomento CONSIDERATO che l approvazione della presente delibera ha carattere d urgenza, al fine di consentire il completamento delle opere di urbanizzazione strettamente collegate all utilizzo dell edificio ERP, destinato a categorie sociali deboli; DELIBERA 1. di prendere atto delle esigenze richiamate in premessa, intervenute successivamente alla stipula tra Comune ed ATER in data 11 dicembre 2009 della Convenzione per l attuazione degli interventi previsti nelle UMI (via Fornace) della scheda norma B1 SN2 della Variante al P.R.G. per la riqualificazione urbanistica dell area di Altobello e via Turati nell ambito del Contratto di Quartiere II di Mestre-Altobello; 2. di approvare lo schema di Atto integrativo alla succitata convenzione, con relative tavole, allegato alla presente delibera per farne parte integrante e sostanziale (allegato A), a recepimento dei necessari aggiornamenti della succitata convenzione, restando confermati tutti gli impegni assunti dalle parti con la convenzione originaria non oggetto di modifica; 3. di restituire, a titolo gratuito, l area individuata al N.C.T. del Comune di Venezia, Sezione Mestre, Foglio 14, mappali , per una consistenza catastale totale di mq 102 (allegato B), mediante frazionamenti redatti a cura e spese di A.T.E.R dal geom. Giorgio Danesin, presentati in data 6 ottobre 2014, con prot. 2014/VE e 2014/VE205935, ed approvati in data 7 ottobre 2014 dall Ufficio Provinciale di Venezia dell Agenzia delle Entrate 4. di modificare i sedimi di aree pubbliche di proprietà comunale da assoggettare a servitù di sottoservizi, sulla base della variazione dei nuovi tracciati delle condotte, dovuta al diverso posizionamento dei vari locali tecnici centralizzati (allegato C); 5. di dare mandato alle Direzioni Sviluppo del Territorio, Sportello Unico Edilizia e Patrimonio e Casa di dar corso ai procedimenti di propria competenza, conseguenti alla presente deliberazione. 6. di dichiarare la presente deliberazione immediatamente eseguibile ai sensi del comma 4, articolo 134 del D.Lgs. 18/8/2000 n. 267 (TUEL). Il presente provvedimento non comporta impegno di spesa. (Proposta di deliberazione n. 295 del 8 maggio 2015) Deliberazione del Commissario straordinario con i poteri del Consiglio comunale n. 87 del 14 maggio 2015 Pagina 8 di 8

11 Il Commissario Straordinario Vittorio Zappalorto Il Segretario Generale Rita Carcò La presente deliberazione è stata affissa all Albo on line del Comune il 15 giugno 2015 per la prescritta pubblicazione fino al 15 giorno. Esecutività dal 26 giugno 2015

12

13

14

15

16

17

18

19

20

21

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12

Nuovo Piano Casa Regione Lazio. Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 Nuovo Piano Casa Regione Lazio Legge 11 agosto 2009 n. 21, come modificata dalle leggi 13 agosto 2011 nn. 10 e 12 AMBITO DI APPLICAZIONE (Art. 2) La Legge si applica agli edifici: Legittimamente realizzati

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9

Indice. Parte Prima. Premessa... pag. 2. Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3. Parte Seconda. A) Definizioni. pag. 9 Indice Parte Prima Premessa... pag. 2 Contenuti e limiti previsti dal Piano Casa 2 3 Parte Seconda A) Definizioni. pag. 9 B) Disposizioni riguardanti aspetti generali. 10 C) Disposizioni in materia di

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER ATTIVITA DI VIGILANZA E COLLAUDO DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE CAPO AREA INFRASTRUTTURE CIVILI ING. WALTER RICCI DIRIGENTE SERVIZIO STRADE ARCH. MARTA MAGNI CAPO AREA PIANIFICAZIONE TERRITORIALE

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE A SCOMPUTO

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE A SCOMPUTO REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE A SCOMPUTO APPROVATO CON DELIB. C.C. n. 55 del 30/03/2009 REGIONE EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI MODENA COMUNE DI CASTELFRANCO EMILIA Progetto:

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

CONSORZIO VALLE CRATI

CONSORZIO VALLE CRATI CONSORZIO VALLE CRATI ART. 31 Dlgs 267/2000 87036 RENDE (CS) Nr. 17 DETERMINAZIONE DELL UFFICIO TECNICO Del 16.10.2014 Prot. nr. 1833 OGGETTO: Gestione tecnica, operativa ed amministrativa di manutenzione

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 13 del 26 febbraio 2014. REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA

DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA DIA N ANNO Allo Sportello Unico per le Attività Produttive del Comune di GALLARATE DENUNCIA DI INIZIO ATTIVITA EDILIZIA ai sensi degli articoli 41 e 42 L.R. 11.03.2005 n.12 e successive modifiche ed integrazioni

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA

SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA NTA di SUA di iniziativa privata SCHEMA DI NORME TECNICHE DI ATTUAZIONE SUA.. INDICE ART. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE... pag. 2 ART. 2 ELABORATI DEL PIANO...» 2 ART. 3 DATI COMPLESSIVI DEL PIANO...» 2 ART.

Dettagli

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA

SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA SEMINARIO DI AGGIORNAMENTO ORGANIZZATO DA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA INCONTRO - 16 SETTEMBRE 2013 ARCH. VITO ROCCO PANETTA ARGOMENTI DA TRATTARE: DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI COSTRUZIONE

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE COMUNE DI FAENZA SETTORE LAVORI PUBBLICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI LAVORI DI SCAVO SU SUOLO PUBBLICO Regolamento approvato con atto C.C. verbale n. 275 del 15/11/2010 - prot. n. 44926 del 19/11/2010

Dettagli

COMUNE DI OSIMO Provincia Ancona

COMUNE DI OSIMO Provincia Ancona COMUNE DI OSIMO Provincia Ancona SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA REALIZZAZIONE E CESSIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE SOTTOSOGLIA A SCOMPUTO TOTALE O PARZIALE DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE. Adottato con

Dettagli

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO

COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI SCARNAFIGI PROVINCIA DI CUNEO OGGETTO : PIANO ESECUTIVO CONVENZIONATO PER L AREA D1 DELLA ZONA P1.8 DEL P.R.G.C. RIF. CATASTALI : FOGLIO 26 MAPP.NN.232(ex36/a), 233(ex37/a, 112, 130, 136, 171,

Dettagli

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa

COMUNE DI LARI Provincia di Pisa COMUNE DI LARI Provincia di Pisa DETERMINAZIONE N. 519 Numerazione servizio 201 Data di registrazione 17/12/2009 COPIA Oggetto : DECRETO DI ESPROPRIO RELATIVO A PROCEDIMENTO ESPROPRIATIVO PER PUBBLICA

Dettagli

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO

DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO DIREZIONE URBANISTICA SERVIZIO Edilizia Privata, DISCIPLINA DI SALVAGUARDIA DEL REGOLAMENTO URBANISTICO ADOTTATO Deliberazione Consiglio Comunale n. 13/2014 SCHEDA INFORMATIVA Aprile 2014 In data 25 marzo

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

PROCEDURE OPERATIVE PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE SISMICA E DELL ATTESTAZIONE DI DEPOSITO SISMICO

PROCEDURE OPERATIVE PER IL RILASCIO DELL AUTORIZZAZIONE SISMICA E DELL ATTESTAZIONE DI DEPOSITO SISMICO TAVOLO TECNICO DI COORDINAMENTO delle Provincie della Regione Abruzzo (L.R. n. 28/2011, art. 2, comma 4) c/o Direzione Protezione Civile e Ambiente via Salaria Antica Est 27 67100 L Aquila fax 0862.364615

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di iniziativa popolare concernente il programma di recupero urbano laurentino e l'inserimento del Fosso della Cecchignola nella componente primaria della rete ecologica e destinazione dell'intera

Dettagli

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO

DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE STRADE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO DETERMINAZIONI IN ORDINE ALLE DIMENSIONI DELLE ED ALLE DISTANZE DI RISPETTO STRADALI E DEI TRACCIATI FERROVIARI DI PROGETTO (articolo 70 della legge provinciale 5 settembre 1991, n. 22 articolo 64 della

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA

Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA Guida al PIANO CASA della Regione TOSCANA (aggiornata a gennaio 2014) 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... pag. 3 IL PIANO CASA IN TOSCANA... pag. 4 INTERVENTI DI AMPLIAMENTO....pag. 5 INTERVENTI DI DEMOLIZIONE

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE

Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE Variante al Piano di Lottizzazione Belloli RELAZIONE 1) Inquadramento della variante In attuazione delle previsioni del Piano Regolatore Generale vigente dal 10 marzo 2005 il Consiglio Comunale di Ghisalba

Dettagli

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI)

FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) FAQ (FREQUENTLY ASKED QUESTIONS DOMANDE PIU FREQUENTI) Domande frequenti inerenti la Relazione Energetico - Ambientale e la conformità delle pratiche edilizie alla normativa di settore. Aggiornamento al

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

Regol@mento edilizio ed urbanistico

Regol@mento edilizio ed urbanistico . Comune di Spoleto Direzione Pianificazione Urbanistica Regol@mento edilizio ed urbanistico.......... Il Regolamento edilizio ed urbanistico è stato adottato dal Consiglio comunale con la deliberazione

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE

Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Condono Edilizio ROMA CAPITALE ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici Ufficio Condono Edilizio Ufficio Diritto di Accesso Agli Atti Mod. 10/E (10.06.2013 )

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n.

Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni culturali (articolo 21, comma 4, d.lgs. n. PROTOCOLLO Responsabile del procedimento 14,62 Al Ministero per i beni e le attività culturali Soprintendenza..... Oggetto: Autorizzazione per l esecuzione di opere e lavori di qualunque genere sui beni

Dettagli

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE

QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE QUADRO GENERALE DELLE PARTICELLE CATASTALI RICADENTI NELLA PERIMETRAZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO PARTICOLAREGGIATO DELL'AREA COLLINARE foglio mappale dimensione in mq 23 42 1.388 mq 23 35 1.354 mq 23

Dettagli

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE

AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE PROVINCIA DI FIRENZE AREA Pianificazione e Progettazione RELAZIONE Variante normativa al Regolamento Urbanistico vigente di adeguamento al "regolamento di attuazione dell'articolo 144 della L.R. n. 1/2005

Dettagli

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche

Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche Comune di Parma Guida alla corretta applicazione della normativa sull abbattimento delle barriere architettoniche A vent anni dall entrata in vigore della più importante legge sull abbattimento delle barriere

Dettagli

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci

8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE. Prof. Pier Luigi Carci 8 - LE OPERE DI URBANIZZAZIONE Prof. Pier Luigi Carci Introduzione Introduzione Le opere di urbanizzazione costituiscono tutte le strutture e i servizi necessari per rendere un nuovo insediamento adatto

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione).

(Omissis) Art. 1. (Campo di applicazione). DECRETO MINISTERIALE 2 aprile 1968, n. 1444 (pubblicato nella g. u. 16 aprile 1968, n. 97). Limiti inderogabili di densità edilizia, di altezza, di distanza fra i fabbricati e rapporti massimi tra spazi

Dettagli

Norme del Documento di Piano

Norme del Documento di Piano Norme del Documento di Piano SOMMARIO: ART. 1. DISPOSIZIONI GENERALI... 3 ART. 2. CONTENUTO DEL DOCUMENTO DI PIANO... 4 ART. 3. RINVIO AD ALTRE DISPOSIZIONI DIFFORMITÀ E CONTRASTI TRA DISPOSIZIONI, DEROGHE...

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

C M Y K C M Y K. 5. La normativa

C M Y K C M Y K. 5. La normativa 5. La normativa 5.1 Il quadro normativo Numerose sono le norme di riferimento per la pianificazione e la progettazione delle strade. Vengono sinteticamente enunciate quelle che riguardano la regolazione

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013.

Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013. Allegato alla Delib.G.R. n. 52/20 del 23.12.2014 Sportello Unico per l edilizia (SUE). Linee guida per l attuazione della fase sperimentale ai sensi della Delib.G.R. n. 37/17 del 12.9.2013. Art. 1 Finalità

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Ministero per i Beni e le Attività Culturali Decreto dirigenziale interministeriale del 6 febbraio 2004 (G.U. n. 52 del 3 marzo 2004), concernente la Verifica dell interesse culturale dei beni immobili di utilità pubblica, così come modificato ed

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME)

MOD. A DOMANDA TIPO. Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) MOD. A DOMANDA TIPO Al Comune di Mandanici Via Roma n. 20 98020 Mandanici (ME) Il sottoscritto (cognome e nome)..., nato a..., prov...., il... codice fiscale..., partita I.V.A.... e residente a..., prov....,

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Dati Schede 2 C - Mod. C enti non commerciali COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO ENTI NON COMMERCIALI E ATTIVITÀ SOCIALI Organizzazioni, fondazioni, associazioni

Dettagli

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore

GUIDA per la richiesta dei CERTIFICATI URBANISTICI e le Visure di Piano Regolatore ROMA CAPITALE Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica Direzione Attuazione degli Strumenti Urbanistici U.O. Permessi di costruire Ufficio Sala Visure e Certificazioni Urbanistiche Viale della

Dettagli

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti)

ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) ART. 19 - G - SERVIZI GENERALI (vigenti) La zona è destinata ad accogliere attrezzature e servizi pubblici o ad uso pubblico di interesse generale su scala territoriale: uffici pubblici o privati di interesse

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

PARTE PRIMA PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 7 Aprile 2015 N. 12 Disposizioni di adeguamento della normativa regionale. pag. 2

PARTE PRIMA PARTE PRIMA. LEGGE REGIONALE 7 Aprile 2015 N. 12 Disposizioni di adeguamento della normativa regionale. pag. 2 Mercoledì 15 Aprile 2015 Anno XLVI N. 12 PARTE PRIMA CONDIZIONI DI VENDITA: Ogni fascicolo 2,50. La vendita è effettuata esclusivamente in Genova presso la Libreria Giuridica- PARTE PRIMA 3 SOMMARIO LEGGE

Dettagli

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4

INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 INDICE PREMESSE... 2 1. VALUTAZIONI TERRITORIALI URBANISTICHE... 4 2. VALUTAZIONI DI CARATTERE ECONOMICO... 6 2.1 COSTO DI PRODUZIONE DI UN FABBRICATO... 6 2.2 INCIDENZA DEL VALORE DEL TERRENO SUL FABBRICATO...

Dettagli