Prot. 262/09. Venezia, 18 dicembre 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prot. 262/09. Venezia, 18 dicembre 2009"

Transcript

1 Prot. 262/09 Venezia, 18 dicembre 2009 Ogg.: Presentazione del Progetto Europeo Sensibilizzazione ed educazione allo sviluppo in Europa anno Egregi Signori/Direttori scolastici, siamo lieti di comunicarvi che il Centro Interateneo per la Ricerca Didattica e la Formazione avanzata dell Università Ca Foscari di Venezia ha vinto un bando di concorso europeo per il progetto Sensibilizzazione ed educazione allo sviluppo in Europa nel quale sono coinvolti Paesi europei quali Italia, Francia, Bulgaria, Malta, Polonia e Romania e Paesi dell Africa sub-sahariana quali Camerun, Burkina Faso e Rwanda. Tale progetto ha già cominciato le iniziali attività di pianificazione e di contatto con i diversi attori. Il progetto si pone come obiettivo principale quello di educare i giovani e le loro famiglie allo sviluppo sostenibile al fine di modificare i loro comportamenti nei confronti delle problematiche e difficoltà incontrate dai Paesi dell Africa sub-sahariana. Il coinvolgimento del territorio è fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi del progetto pensato appositamente per le scuole, gli insegnanti, gli alunni e le loro famiglie, proprio perché si considera la scuola come una risorsa importante per la diffusione e la promozione di un processo educativo centrato sullo sviluppo sostenibile. Promuovendo una relazione attiva, collaborativa e continuativa tra le scuole del Nord e del Sud del mondo, grazie a gemellaggi e all attuazione dell Agenda 21 in ambiente scolastico, si intende concretizzare piani d azione educativi per lo sviluppo sostenibile e di solidarietà internazionale. Le scuole che aderiranno a tale progetto (una cui sintesi è qui allegata) saranno coinvolte nelle seguenti attività: 1) Corso per docenti relativo all educazione allo sviluppo sostenibile: come riuscire a realizzare un Agenda 21 in ambiente scolastico; 2) Attività di animazione nelle scuole sull educazione allo sviluppo sostenibile 3) Sperimentazione di un Agenda 21 in ambiente scolastico 4) Attività di sensibilizzazione rivolta ai genitori 5) Gemellaggi con scuole del Camerun, Burkina Faso e Rwanda. Inoltre, le scuole aderenti al progetto seguiranno un seminario di presentazione del progetto e di approfondimento delle attività connesse programmato per il 10 febbraio 2010 dalle ore alle presso il Vega Park, Palazzo Lybra (3 piano), via delle Industrie, 17/a - Porto Marghera (Ve).

2 Qualora il Vostro istituto scolastico ritenesse interessante aderire a questo progetto come scuola-partner, Vi chiediamo la cortesia di compilare la scheda di partecipazione e di inviarla al seguente indirizzo mail: Ulteriori richieste ed informazioni possono essere rivolte al seguente numero telefonico oppure inviate all indirizzo sopra riportato. Cordiali saluti F.to Il Presidente Prof. Umberto Margiotta

3 PRESENTAZIONE DEL PROGETTO DI SENSIBILIZZAZIONE ED EDUCAZONE ALLO SVILUPPO IN EUROPA PREMESSE: In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo sostenibile, le Nazioni Unite insistono non solo sul bisogno di educare ed informare le persone, ma anche sulla necessità di garantire che questo processo educativo venga sostenuto da un ragionamento etico. Ecco perché la nozione di sviluppo sostenibile non deve essere astratto, ma venir iscritto nell azione e nella partecipazione attiva con riferimento agli Obiettivi del Millennio. La scuola rappresenta, in tal senso, una risorsa. Questo progetto, infatti, ha come obiettivo la valorizzazione della risorsa scuola promuovendo una relazione attiva, collaborativa e continuativa tra le scuole del Nord e del Sud del mondo. L attuazione di Agende 21 scolastiche orientate alla cooperazione decentrata, (che è parte integrante della Dichiarazione del Millennio) si concretizza in piani d azione educativi per lo sviluppo sostenibile nell ambiente scolastico e in azioni concrete di solidarietà internazionale tra le scuole attraverso gemellaggi Nord/Sud. Questi progetti scolastici permetteranno sistematicamente di sviluppare microprogetti di cooperazione decentrata, come adozioni a distanza di alunni, insegnanti, agricoltori; microfinanziamenti per l emancipazione delle donne; la partecipazione di alunni del Nord e del Sud, la realizzazione di centri per giovani. La cooperazione allo sviluppo introdotta nello scenario scolastico ha un duplice obiettivo: mette in relazione da una parte scuole, villaggi e città del Nord e del Sud del mondo; e dall altra parte alunni, genitori, insegnanti ed imprenditori. L idea centrale del progetto, quindi, ha l ambizione di stimolare tra gli alunni un azione differenziata, ma al contempo unificata per proteggere e costruire assieme un mondo migliore: creare una sinergia trasversale forte tra gli attori locali attraverso progetti di solidarietà e collaborazione internazionale a beneficio di scuole e comunità autoctone dell Africa Sub-sahariana. PAESI PARTNER E ASSOCIATI I paesi partner al progetto sono 5: 3 dell unione Europea (Italia, Francia Bulgaria) e 2 tra i paesi in via di sviluppo (Camerun e Burkina Faso). I paesi associati al progetto sono: Malta, Polonia, Romania e Rwanda. OBIETTIVI GENERALI E SPECIFICI Il progetto promosso dall Unione Europea si pone come obiettivo generale quello di educare i giovani e le loro famiglie allo sviluppo sostenibile al fine di modificare i loro comportamenti nei confronti delle problematiche e difficoltà che i paesi dell Africa subsahariana incontrano. Attorno a questo macro-obiettivo ruotano delle azioni specifiche: 1. Sensibilizzare i giovani e le loro famiglie riguardo alle situazioni problematiche e difficili dei paesi dell Africa sub-sahariana e nella fattispecie del Camerun, Burkina Faso e Rwanda; 2. Attuare nelle scuole dei paesi partner (Italia, Francia, Bulgaria, Camerun e Burkina Faso) le Agende 21 scolastiche promotrici di piani educativi centrati sull azione e basati sulla cooperazione decentrata, atti al raggiungimento degli Obiettivi del Millennio per lo sviluppo nell Africa sub-sahariana grazie anche a gemellaggi tra le scuole; 3. Sostenere conoscenza, formazione e competenze dei dirigenti scolastici e degli insegnanti dei Paesi partner relativamente allo sviluppo sostenibile; alla sua applicazione nell ambiente scolastico attraverso la pianificazione e l attuazione dell Agenda 21 scolastica; gemellaggi scolastici Nord/Sud.

4 4. Sperimentare e diffondere un modello di formazione e di informazione degli alunni e dei loro genitori sia del Nord che del Sud sulle problematiche dello sviluppo e degli Obiettivi del Millennio; 5. Sostenere almeno 50 microprogetti di cooperazione decentrata coinvolgendo istituzioni scolastiche, insegnanti, alunni e genitori degli alunni dei paesi partner e associati; 6. Organizzare un Convegno Internazionale di educazione agli Obiettivi del Millennio per l Africa sub-sahariana grazie ad attività che sensibilizzano l opinione pubblica sulle principali problematiche dello sviluppo in Africa e che mettono in luce i risultati del progetto stesso. ATTORI COINVOLTI: - 75 scuole dei territori comunitari e partner (Italia, Francia, Bulgaria, Camerun e Burkina Faso) e asscociati (Malta, Polonia, Romania, Rwanda); alunni, 600 insegnanti, più di famiglie di alunni - una ventina di comunità locali europee, in particolare delle zone partner e associate al progetto (Italia, Francia, Malta, Polonia e Romania); - la diaspora africana in Europa che sarà coinvolta nelle azioni formative e di animazione delle attività scolastiche. a. Le scuole europee: - Esse dovranno attuare un Agenda 21 scolastica relativa allo sviluppo sostenibile. Questa azione sarà principalmente realizzata sui territori francesi, italiani e bulgari, mentre i territori di Malta, della Romania e della Polonia beneficeranno del progetto. Il punto centrale dell Agenda 21 è la cooperazione decentrata. Nell Agenda 21 dovranno essere presentate delle attività didattiche relative ai problemi di sviluppo nell Africa nera (Camerun, Burkina Faso e Rwanda) mantenendo dei legami epistolari via internet con le scuole africane, impegnandosi a raccogliere fondi per aiutare le scuole e le loro popolazioni, per esempio con adozioni a distanza degli alunni, degli agricoltori, delle donne, delle associazioni, ecc. - Esse saranno impegnate in azioni di sensibilizzazione nei confronti degli amministratori locali, dei genitori, delle imprese e dell opinione pubblica. b. Le scuole del Camerun e di Burkina Faso e indirettamente del Rwanda: - Esse saranno impegnate nell azione attraverso scambi epistolari con le scuole europee, l attuazione delle Agenda 21, la sensibilizzazione degli alunni sui problemi di sviluppo del loro continente e del loro paese, la partecipazione attiva degli alunni nell attuazione dei progetti di sviluppo locale. c. Le comunità locali europee e sub-sahariane: Esse saranno impegnate nell azione di consapevolezza politica della questione relativa alla cooperazione decentrata, assistendo le scuole, promuovendo un programma di sensibilizzazione territoriale sulle tematiche del progetto. d. Le comunità autoctone: Esse sono coinvolte nel progetto in quanto attori diretti beneficiari dei progetti. Esse dovranno mobilizzare le scuole, sensibilizzare le popolazioni, evidenziare i beneficiari diretti quali famiglie, associazioni e agricoltori che saranno adottati a distanza. e. Altri attori: Piccole e medie imprese, radio e televisione, organizzazioni non governative, associazioni di migranti africani, istituzioni pubbliche e private specializzate nello sviluppo, gli operatori del settore pubblico (università, centri di ricerca,

5 organizzazioni internazionali), organizzazioni autoctone, organizzazioni di lotta contro la corruzione, chiese o comunità religiose, i media. TEMI AFFRONTATI NELL AZIONE: Le principali questioni che saranno affrontate durante questo progetto ruotano essenzialmente attorno a due tematiche: a. I problemi di sviluppo riguardanti gli Obiettivi del Millennio riguardano: - Il problema dell educazione nell Africa sub-sahariana - I cambiamenti climatici - La deforestazione e la biodiversità culturale - Il problema sanitario - Il problema della corruzione b. I problemi relativi alla coerenza sugli obiettivi di sviluppo riguardano: - L immigrazione africana in Europa - Il ruolo dei migranti come mediatori interculturali nei progetti di cooperazione decentrata nell Africa sub-sahariana Tutti questi temi saranno oggetto di riflessioni nelle scuole attraverso scambi epistolari coadiuvate da: attività di supporto alle competenze degli insegnanti che saranno portati a comprendere in maniera più precisa le specificità africane al fine di permettere una migliore lettura dei problemi dello sviluppo nell Africa sub-sahariana; da attività didattiche e di sensibilizzazione dei genitori e dell opinione pubblica. RISULTATI ATTESI: 1. Rafforzare nelle scuole la capacità di concettualizzare, coordinare e programmare attività educative relative allo sviluppo sostenibile con il coinvolgimento di 120 dirigenti scolastici europei e africani 2. Rafforzare negli alunni la capacità a realizzare un Agenda 21 scolastica relativa alla cooperazione decentrata attraverso: - la realizzazione di 30 Agende 21 - il finanziamento di 50 microprogetti di cooperazione decentrata - il coinvolgimento di 75 scuole per l attuazione dei progetti di educazione allo sviluppo 3. Sostenere le capacità degli insegnanti attraverso una formazione iniziale e continua per riuscire ad integrare lo sviluppo sostenibile negli insegnamenti disciplinari coinvolgendo 300 insegnanti europei e 300 insegnanti africani. 4. Sviluppare le capacità degli attori, in particolar modo degli alunni, residenti nei paesi del Nord e del Sud ad elaborare, condividere e realizzare in maniera partecipativa e collaborativa un piano di cooperazione alunni europei e africani in quanto attori delle azioni del progetto; alunni impegnati nella realizzazione dei microprogetti; - 3 programmi TV realizzati da 60 alunni del Nord e del Sud sulle tematiche della cooperazione decentrata. 5. Rafforzare nelle famiglie degli alunni le conoscenze e le azioni relative allo sviluppo sostenibile e agli Obiettivi del Millennio promuovendo soprattutto l adozione a distanza ed il volontariato attraverso il coinvolgimento di circa genitori. 6. Promuovere le buone pratiche e iniziative pilota tra le diverse istituzioni e strutture coinvolte nel progetto. 7. Centinaia di migliaia di persone hanno rafforzato le loro competenze e preso coscienza della necessità di passare all azione per poter aiutare i paesi dell Africa sub-sahariana allo scopo di raggiungere gli Obiettivi del Millennio per lo

6 sviluppo attraverso la campagna di sensibilizzazione organizzata dal Convegno ed i programmi televisivi realizzati dai giovani. PRINCIPALI ATTIVITA SVILUPPO DEL PROGETTO Fase 1: Valutazione dei bisogni 1. Inchiesta partecipativa all interno delle scuole impegnate nel progetto relativamente agli Obiettivi del Millennio per lo sviluppo, ai gemellaggi scolastici, allo sviluppo sostenibile. Questa inchiesta coinvolgerà gli alunni, gli insegnanti ed i genitori degli alunni Fase 2: Pianificazione 2. Elaborazione di una guida d orientamento dell Agenda 21 scolastica sulla cooperazione decentrata atta a indirizzare le istituzioni scolastiche del Nord nello sviluppo attuando nel concreto un progetto di Agenda Elaborazione del contenuto del seminario di formazione blended (virtuale ed in presenza) degli insegnanti delle scuole coinvolte nel progetto sull Educazione allo sviluppo sostenibile nel quadro degli Obiettivi del Millennio. 4. Realizzazione di un seminario di formazione per i genitori degli alunni sulle adozioni a distanza, sulla solidarietà internazionale in Africa attraverso attività di volontariato e adozioni a distanza. Il corso ha la durata di 4 ore: si tratta di una formazione concreta centrata sulle buone pratiche, testimonianze e attività dimostrative 5. Elaborazione dei contenuti della formazione e sensibilizzazione ludica degli alunni relativamente ai 5 temi di sviluppo dell Africa (educazione, desertificazione, deforestazione, sistema sanitario, corruzione) identificati in questo progetto 6. Attuazione di una piattaforma virtuale per la formazione degli insegnanti e per gli scambi epistolari tra le scuole Fase 3: Attuazione 7. Attuazione dell Agenda 21 sulla cooperazione decentrata: questa attività consiste nella programmazione unitaria di una strategia di educazione allo sviluppo dell intera comunità scolastica, un attuazione delle linee guida con due obiettivi specifici: a) sperimentazione delle diverse attività concepite precedentemente e b) personalizzazione delle linee guida 8. Formazione blended degli insegnanti delle scuole coinvolte nel progetto sull educazione allo sviluppo sostenibile nel quadro degli Obiettivi del Millennio 9. Seminari di formazione per i genitori degli alunni sulle adozioni a distanza e sulla solidarietà internazionale in Africa. 10. Incontri di sensibilizzazione degli alunni sui 5 temi di sviluppo dell Africa identificati nel progetto. 11. Attuazione delle attività di personalizzazione dell Agenda 21 scolastica locale sulla cooperazione decentrata attraverso scambi epistolari liberi e 8 workshop virtuali sul tema del progetto 12. Attuazione di microprogetti scolastici di aiuto alle scuole africane ed in particolare nel Camerun, Rwanda e Burkina Faso 13. Ricerca di sovvenzioni per i microprogetti attraverso l organizzazione di attività di sensibilizzazione nelle imprese, di attività sportive, artistiche, musicali e teatrali da parte degli attori del progetto di sviluppo sostenibile 14. Finanziamento di 50 microprogetti e viaggio di un gruppo di alunni al fine di concretizzare l attuazione di alcuni di questi progetti

7 DIVULGAZIONE: Piano di gestione dei risultati 15. Seminari di resoconto nelle scuole ed imprese riguardante l attuazione dei microprogetti da parte degli alunni europei e delle loro famiglie di ritorno dall Africa attraverso programmi radiofonici e televisivi 16. Organizzazione del Convegno Internazionale sugli Obiettivi del Millennio per lo sviluppo dell Africa attraverso dei café tematici, spettacoli per giovani, attività all aperto (danza, musica, teatro). Il Convegno si terrà in Italia e durerà circa quindici giorni 17. Produzione di un documentario per l azione e la promozione 18. Produzione di materiale didattico 19. Diffusione dei risultati del progetto nelle radio e nelle TV dei paesi africani

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010

Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud. Università Ca Foscari. Venezia, 10 febbraio 2010 Piano di Azione Educativa sugli OdM attraverso i Gemellaggi Scolastici Nord-Sud Università Ca Foscari Venezia, 10 febbraio 2010 Premesse In riferimento all obiettivo di sensibilizzare ed educare allo sviluppo

Dettagli

Agenda 21 Scolastica e Cooperazione Decentrata in Bulgaria

Agenda 21 Scolastica e Cooperazione Decentrata in Bulgaria PROGETTO OMD PIANO D AZIONI EDUCATIVE SUGLI OBIETTIVI DI SVILUPPO DEL MILLENNIO ATTRAVERSO I GEMELLAGGI SCOLASTICI NORD / SUD (ref. DCI-NSAED/2009/202-190) Agenda 21 Scolastica e Cooperazione Decentrata

Dettagli

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana

Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Volontariato internazionale e sensibilizzazione della società civile nella Svizzera italiana Chi è Inter-Agire? Inter-Agire è un associazione di volontariato internazionale composta da candidati per una

Dettagli

Questionario sulla applicazione della Road map per l educazione artistica

Questionario sulla applicazione della Road map per l educazione artistica Questionario sulla applicazione della Road map per l educazione artistica N.B. La preghiamo di leggere con attenzione le istruzioni per ogni quesito, considerando che certe domande necessitano di risposte

Dettagli

LINK TO SCHOOL. Il tema per l anno scolastico 2015-16: il diritto alla salute e ad un ambiente sano

LINK TO SCHOOL. Il tema per l anno scolastico 2015-16: il diritto alla salute e ad un ambiente sano LINK TO SCHOOL Un progetto di gemellaggio tra scuole italiane e scuole del Kenya. Un iniziativa promossa da Amref Health Africa per l anno scolastico 2015-16 Il tema per l anno scolastico 2015-16: il diritto

Dettagli

Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità

Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità Azioni di sensibilizzazione ed educazione alla mondialità I annualità Obiettivi. costruire capacità di comunicazione e dialogo interculturale tra gli studenti delle scuole secondarie superiori italiane;.

Dettagli

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale

Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Indicatori di qualità per l Educazione alla cittadinanza mondiale Premessa La Carta di qualità di cui si parla in questa scheda è stata elaborata da ONG e associazioni di 5 regioni italiane nel corso del

Dettagli

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA

UNA LIM PER TUTTI PREMESSA UNA LIM PER TUTTI PREMESSA Nelle scuole dei Comuni di Tavarnelle Val di Pesa e Barberino Val d Elsa si è venuta rafforzando negli ultimi anni la collaborazione tra scuola e famiglie. La nascita del Comitato

Dettagli

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità

L evoluzione negli obiettivi della cooperativa l identità Carissimi/e soci/e, avete già ricevuto la lettera che vi preavvisava del Forum soci del prossimo 1 Febbraio 2004. Vi possiamo oggi confermare che il luogo dell incontro sarà il Santuario N.S. del Monte

Dettagli

1. opuscoli informativi di carattere scientifico e divulgativo; 2. azioni di coinvolgimento diretto dei cittadini.

1. opuscoli informativi di carattere scientifico e divulgativo; 2. azioni di coinvolgimento diretto dei cittadini. SCHEDA PROGETTO - A 5 Assessorato della Difesa dell Ambiente Servizio Sviluppo Sostenibile, Autorità Ambientale e Politiche Comunitarie MISURA RIFERIMENTO: Misura 1.6 Energia (Riferimento:Complemento di

Dettagli

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA

MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA MANIFESTO del Terzo Settore per la sostenibilità PREMESSA Il Gruppo tematico Politiche ambientali e educazione chiede a tutte le realtà del Terzo Settore di impegnarsi per un futuro sostenibile e propone:

Dettagli

Il centro di valorizzazione della plastica

Il centro di valorizzazione della plastica Il centro di valorizzazione della plastica Nel Centro di valorizzazione la plastica è pesata e acquistata dalle donne che, grazie alla formazione inizialmente dispensata dalla LVIA, sono in grado di selezionarla

Dettagli

La prima edizione di MEETmeTONIGHT si è svolta nel 2012.

La prima edizione di MEETmeTONIGHT si è svolta nel 2012. COS E MEETmeTONIGHT >< MEETmeTONIGHT è la Notte dei Ricercatori in Lombardia, nasce all interno dell iniziativa Researchers Night promossa dalla Commissione Europea, che coinvolge ogni anno ricercatori

Dettagli

Scheda sintetica del progetto. "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo"

Scheda sintetica del progetto. Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo Scheda sintetica del progetto "Start-up della fondazione Senegal Italia per il Co-Sviluppo" Informazioni generali Nome del proponente IPSIA Milano Progetto congiunto presentato da: Associazione partner

Dettagli

C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L

C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L FOOD FILM FEST C I N E M A & C I B O F I L M F E S T I V A L BERGAMO 15-20 SETTEMBRE 2015 piazza dante - domus bergamo quadriportico del sentierone palazzo dei contratti e delle manifestazioni COSA - DOVE

Dettagli

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA

PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PRESENTAZIONE DEL PROGETTO FORMATIVO DI EDUCAZIONE ALLA MONDIALITA PREMESSA La società attuale non solo ci invita a pensarci e a pensare in termini di globalità e di globalizzazione, ma ci chiede anche

Dettagli

SCHEDA PROGETTO - A 3. Assessorato della Difesa dell Ambiente. Servizio Sviluppo Sostenibile, Autorità Ambientale e Politiche Comunitarie

SCHEDA PROGETTO - A 3. Assessorato della Difesa dell Ambiente. Servizio Sviluppo Sostenibile, Autorità Ambientale e Politiche Comunitarie SCHEDA PROGETTO - A 3 Assessorato della Difesa dell Ambiente Servizio Sviluppo Sostenibile, Autorità Ambientale e Politiche Comunitarie MISURA RIFERIMENTO: Misura 1.4 Gestione integrata dei rifiuti, bonifica

Dettagli

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN

NOI CON GLI ALTRI CAMERUN NOI CON GLI ALTRI CAMERUN Solidarietà e cooperazione come valori fondanti per le nuove generazioni Promosso da: Fondazione Un cuore si scioglie onlus, in collaborazione con la Regione Toscana e Mèta cooperativa

Dettagli

Sportello di orientamento alla Formazione ed al Lavoro

Sportello di orientamento alla Formazione ed al Lavoro TRAINING HUMAN OCCUPATION RESEARCH ONLUS Sportello di orientamento alla Formazione ed al Lavoro Bando Garanzia Giovani Regione Molise 2015 SEDE DI ATTUAZIONE TERMOLI NUMERO VOLONTARI 2 TITOLO PROGETTO

Dettagli

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE

Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento INDICE COMUNE DI FERRARA Città Patrimonio dell Umanità Servizio Attività Produttive, Commercio e Turismo Ufficio Sportello Europa Sportello Europa Informa Bollettino sulle opportunità europee di finanziamento

Dettagli

Piano Operativo di Animazione

Piano Operativo di Animazione ALLEGATO A Direzione Regionale Risorsa Umbria. Federalismo, Risorse Finanziarie Umane e Strumentali Piano Operativo di Animazione POR FESR 2007-2013 - ASSE III Efficienza Energetica e Sviluppo delle Fonti

Dettagli

Progetto Educarsi al futuro Scuole ed Enti di Roma e Provincia

Progetto Educarsi al futuro Scuole ed Enti di Roma e Provincia Progetto Educarsi al futuro Scuole ed Enti di Roma e Provincia La premessa Alcune scuole di Roma e provincia, su invito dell'itis Einstein di Roma, si sono incontrate il 12 giugno 2006 per assistere alla

Dettagli

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality

FIABADAY 11 anni di impegno per la Total Quality La vita è un continuo movimento e cambiamento, e la forma è una specie di sistema sociale, di legge esterna, in cui l'uomo cerca di fermare e di fissare la vita; per questo l'uomo è prigioniero di queste

Dettagli

Scuola dell infanzia di Ponte Ronca via Risorgimento 217

Scuola dell infanzia di Ponte Ronca via Risorgimento 217 ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA segreteria: Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it Pec : boic86400n@pec.istruzione.it sito

Dettagli

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato

Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato Il progetto Educare alla solidarietà, scoprire il volontariato è nato in seguito ad un progetto pilota avviato durante l anno scolastico 1999/2000 e presentato

Dettagli

In collaborazione con. www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org

In collaborazione con. www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org In collaborazione con ti, ia! n o r P za, v en t r a p www.progettoscuola.expo2015.org www.expo2015.org MONZA APRIPISTA DEL PROGETTO: UN CONCORSO E 100 IDEE PER LA FASE PILOTA Sono state le scuole dell

Dettagli

ITINERARI DI EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE A BRESCIA SCHEDA SVI-BRESCIA. Volontari richiesti: 2

ITINERARI DI EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE A BRESCIA SCHEDA SVI-BRESCIA. Volontari richiesti: 2 ITINERARI DI EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE A BRESCIA SCHEDA SVI-BRESCIA Volontari richiesti: 2 SEDE DI REALIZZAZIONE DEL PROGETTO: Brescia Descrizione del contesto territoriale:

Dettagli

COMENIUS MULTILATERALE

COMENIUS MULTILATERALE COMENIUS MULTILATERALE The Earth cannot be recycled! Eco kids Eco parents 09/06/2015 1 SCUOLE PARTNER PIATTAFORMA E-TWINNING 09/06/2015 2 PROGETTO DI DURATA BIENNALE INIZIO: 1 AGOSTO 2012 FINE: 31 LUGLIO

Dettagli

PARTENARIATO MULTILATERALE COMENIUS European pupils closer together Alunni europei insieme più vicini

PARTENARIATO MULTILATERALE COMENIUS European pupils closer together Alunni europei insieme più vicini PARTENARIATO MULTILATERALE COMENIUS European pupils closer together Alunni europei insieme più vicini Il presente progetto è finanziato con il sostegno della Commissione europea. L'autore è il solo responsabile

Dettagli

Per essere utili, ovunque

Per essere utili, ovunque MASTER IN ECONOMIA DELLO SVILUPPO E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ANNO ACCADEMICO 2013-2014 In collaborazione con Con il patrocinio del Per essere utili, ovunque LINK CAMPUS UNIVERSITY VIA NOMENTANA 335

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER L ACCOGLIENZA, INSERIMENTO E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI E DELLE ALUNNE MIGRANTI E DELLE LORO FAMIGLIE 2013-2015

PROTOCOLLO D INTESA PER L ACCOGLIENZA, INSERIMENTO E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI E DELLE ALUNNE MIGRANTI E DELLE LORO FAMIGLIE 2013-2015 PROTOCOLLO D INTESA PER L ACCOGLIENZA, INSERIMENTO E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI E DELLE ALUNNE MIGRANTI E DELLE LORO FAMIGLIE 2013-2015 Il Comune di Ravenna, il Comune di Russi, il Comune di Cervia, le

Dettagli

SETTORE EDUCAZIONE ALLA LEGALITA

SETTORE EDUCAZIONE ALLA LEGALITA Ministero dell Istruzione,dell Università e della Ricerca UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER LA CAMPANIA DIREZIONE GENERALE SETTORE EDUCAZIONE ALLA LEGALITA in protocollo d Intesa MARANO RAGAZZI SPOT FESTIVAL

Dettagli

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI

VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI VI ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE B.CIARI Via Madonna del Rosario, 148 35100 PADOVA Tel. 049/617932 fax 049/607023 - CF 92200190285 e-mail: pdic883002@istruzione.it sito web:6istitutocomprensivopadova.gov.it

Dettagli

Business Opportunities and Services for Small-micro companies

Business Opportunities and Services for Small-micro companies Business Opportunities and Services for Small-micro companies ORGANIZZAZIONE DI EVENTI DI PARTENARIATO PER IMPRESE APPLICAZIONE DI UNA FORMULA GIÀ COLLAUDATA CON ESITO POSITIVO DALLA COMMISSIONE EUROPEA,

Dettagli

Intervento di Emanuela Properzj Responsabile Relazioni Esterne AIRC

Intervento di Emanuela Properzj Responsabile Relazioni Esterne AIRC Roma 4 marzo 2009 Le scienze della vita nel giornalismo e nei rapporti politico-istituzionali La comunicazione della scienza come informazione alla collettività e strumento di raccolta fondi. Il caso di

Dettagli

PROGETTO: Con-TE-Sto

PROGETTO: Con-TE-Sto ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: Con-TE-Sto TITOLO DEL PROGETTO: Con-TE-Sto SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione culturale Area d'intervento: Centri di aggregazione

Dettagli

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris

BANDO. II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris BANDO II CONCORSO LETTERARIO - EDIZIONE 2015 Promosso dall Associazione Culturale Amico Libro in collaborazione con Fondazione Paolo Ferraris Spiegami i diritti dell uomo: diritto all Educazione, diritto

Dettagli

Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo

Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo Unità Formativa 12.1: Pianificare la disseminazione: obiettivi e processo Come tutti i progetti finanziati nell ambito del LLP, anche le azioni di mobilità transnazionale debbono prevedere attività di

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE UK28U ATTIVITÀ 90.01.01 ATTIVITÀ NEL CAMPO DELLA RECITAZIONE ATTIVITÀ 90.02.02 ATTIVITÀ NEL CAMPO DELLA REGIA Maggio 2010 Documento non definitivo PREMESSA L evoluzione dello Studio di

Dettagli

La Biennale 2015. A Genova, dal 5 al 7 giugno 2015. Cos è la Biennale della Prossimità. Chi partecipa alla Biennale della Prossimità

La Biennale 2015. A Genova, dal 5 al 7 giugno 2015. Cos è la Biennale della Prossimità. Chi partecipa alla Biennale della Prossimità La Biennale 2015 Cos è la Biennale della Prossimità La Biennale della Prossimità si svolgerà a Genova dal 5 al 7 giugno 2015. È un appuntamento nazionale dedicato interamente alle comunità locali, alle

Dettagli

MILLEVOCI CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E LABORATORIO PER UN EDUCAZIONE INTERCULTURALE. La sfida di un progetto operativo interistituzionale

MILLEVOCI CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E LABORATORIO PER UN EDUCAZIONE INTERCULTURALE. La sfida di un progetto operativo interistituzionale MILLEVOCI CENTRO DI DOCUMENTAZIONE E LABORATORIO PER UN EDUCAZIONE INTERCULTURALE La sfida di un progetto operativo interistituzionale CHI SIAMO Il Centro Interculturale Millevoci è una risorsa che opera

Dettagli

LICEO CLASSICO LORENZO COSTA

LICEO CLASSICO LORENZO COSTA LICEO CLASSICO LORENZO COSTA La Spezia Piazza G. Verdi, 15 Tel 0187 734520 Il passato ti appartiene......costruisci il tuo futuro! IL NOSTRO LICEO da più di cento anni una presenza significativa nella

Dettagli

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI

LA STRATEGIA OBIETTIVI GENERALI LA STRATEGIA La comunicazione di CONCORD ITALIA è finalizzata a sensibilizzare la cittadinanza sulle attività, l impatto e la sostenibilità delle nostre azioni nell ambito degli interventi realizzati dai

Dettagli

Comunicare per crescere Corso di formazione su comunicazione e il marketing sociale

Comunicare per crescere Corso di formazione su comunicazione e il marketing sociale Comunicare per crescere Corso di formazione su comunicazione e il marketing sociale In collaborazione con 15 e 22 aprile 2015 Programma 15 aprile 2015 Tecniche e strumenti di marketing e comunicazione

Dettagli

Inaugurazione pubblica dell esperienza finale, alla quale parteciperanno anche personalità

Inaugurazione pubblica dell esperienza finale, alla quale parteciperanno anche personalità Progetto Titolo Mut(u)azioni tra arte e scienza: I Licei Artistici dell Umbria, i Musei scientifici dell Ateneo e l Accademia di Belle Arti di Perugia esplorano e sperimentano le interazioni possibili

Dettagli

A c t i n g D i v e r s i t y Un progetto di teatro interculturale per rifugiati politici e giovani 1 ottobre 2012 30 settembre 2013 Con il sostegno

A c t i n g D i v e r s i t y Un progetto di teatro interculturale per rifugiati politici e giovani 1 ottobre 2012 30 settembre 2013 Con il sostegno A c t i n g D i v e r s i t y Un progetto di teatro interculturale per rifugiati politici e giovani 1 ottobre 2012 30 settembre 2013 Con il sostegno di Anna Lindh Foundation www.euromedalex.org Acting

Dettagli

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA SCUOLA PARITARIA dell INFANZIA e PRIMARIA MADRE ANNUNCIATA COCCHETTI IL PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Chi è chiamato ad educare e ad animare educazione, deve offrire nutrimento, nascondendo la mano che

Dettagli

PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO

PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO 1 PIANO DI COMUNICAZIONE DEL PROGETTO SICOMAR Indice 1. Obiettivi del Piano di comunicazione... 4 2. Il Target della comunicazione... 6 3. La strategia di comunicazione...

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI SAN SEVERINO LUCANO (PROVINCIA DI POTENZA) ENTE PUBBLICO 2) Codice di accreditamento:

Dettagli

Storie di migranti a fumetti.

Storie di migranti a fumetti. Storie di migranti a fumetti. Il fumetto nelle scuole come strumento di sensibilizzazione e informazione per la diffusione dei contributi positivi dell immigrazione Settembre 2005 UN FUMETTO ALLA SCOPERTA

Dettagli

Scheda tecnica. Introduzione

Scheda tecnica. Introduzione Scheda tecnica Introduzione L affidamento del Servizio comporta, da parte dell aggiudicatario, la fornitura di attività individuate nell ambito del disciplinare quadro sottoscritto nel Dicembre 2011 tra

Dettagli

Workshop NEW INTERNATIONAL SPORT TELEVISION MARKET TRENDS

Workshop NEW INTERNATIONAL SPORT TELEVISION MARKET TRENDS Workshop NEW INTERNATIONAL SPORT TELEVISION MARKET TRENDS Report del PROF. FRANCO B. ASCANI - Presidente Federation Internationale Cinema Television Sportifs - Membro della Commissione Cultura ed Educazione

Dettagli

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso

Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Traccia per la scuola secondaria di primo grado: materiali e proposte di percorso Titolo: Confronto tra fiabe: Pinocchio e le fiabe di paesi lontani Possibili discipline coinvolte - Italiano, Lingua2 (inglese,

Dettagli

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016

Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 Allegato 1 - Linee di Indirizzo a.s.2015/2016 La valigia delle idee Progetti e percorsi formativi per gli studenti delle scuole dell infanzia, primarie e secondarie di primo grado di Sesto Fiorentino 1

Dettagli

Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario. Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale

Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario. Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale Non profit e cultura: stato dell arte. Alcuni dati di scenario Daria Broglio Istituto per la ricerca sociale Primi dati di scenario: Il valore aggiunto del Sistema Produttivo Culturale Il perimetro del

Dettagli

L INTERVENTO DELL UNDP IN BURKINA FASO QUADRO GENERALE.

L INTERVENTO DELL UNDP IN BURKINA FASO QUADRO GENERALE. L INTERVENTO DELL UNDP IN BURKINA FASO QUADRO GENERALE. INDICE Introduzione.. 3 1. Realizzazione degli obiettivi del Millennio per lo sviluppo e la lotta contro la povertà...3 1.1 Ampliamento delle opportunità

Dettagli

Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi terzi Annualità 2011

Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi terzi Annualità 2011 Fondo Europeo per l Integrazione di cittadini di Paesi terzi Annualità 2011 Capofila: Provincia di Arezzo Partner: Oxfam Italia, Migrantes, ARCI, Pronto Donna, TSD, Comune di Arezzo, Zona Valdarno, Cooperativa

Dettagli

Bando per il finanziamento di progetti di comunicazione nell ambito di TERRA DI TUTTI ART FESTIVAL

Bando per il finanziamento di progetti di comunicazione nell ambito di TERRA DI TUTTI ART FESTIVAL Bando per il finanziamento di progetti di comunicazione nell ambito di TERRA DI TUTTI ART FESTIVAL Diritti, comunità e collaborazione tra cinema sociale e arti performative 9a edizione speciale per l Anno

Dettagli

BANDO L. R. 28/96 2006/2007

BANDO L. R. 28/96 2006/2007 BANDO L. R. 28/96 2006/2007 Relazione progetto GIOCAFRICANDO Giocattoli, strumenti africani e favole Premessa L associazione Il Cerchio di Gesso ha attivato un accordo di programma che ha coinvolto, nella

Dettagli

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA

Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA ALLEGATO A Progetto A Scuola di dislessia Strategie didattiche, metodologiche e valutative per gli studenti con DSA 1. Titolo del progetto NON DIMENTICHIAMO! 2. Dati della scuola Denominazione: ISTITUTO

Dettagli

L OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE

L OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE L OSSERVATORIO NAZIONALE SUL DISAGIO E LA SOLIDARIETÀ NELLE STAZIONI ITALIANE L Osservatorio Nazionale sul Disagio e la Solidarietà

Dettagli

AGRI.LA. AGRICOLTURE AND LANDSCAPE (Audiovisivo)

AGRI.LA. AGRICOLTURE AND LANDSCAPE (Audiovisivo) Progetto Europeo AGRI.LA: Agricolture and Landscape sostegno a favore delle azioni d informazione sulla Politica Agricola Comune ai sensi del reg. CE n. 814/2000 del Consiglio del 17/04/2004. Progetto

Dettagli

Progetto AZIONI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA di Marilena Zanella

Progetto AZIONI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA di Marilena Zanella Progetto AZIONI PER UNA CITTADINANZA ATTIVA di Marilena Zanella Da vari anni nel territorio della città di Roma e provincia stiamo cercando di realizzare un progetto, cominciato quasi 10 anni fa da alcuni

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI

ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI ISTITUTO COMPRENSIVO G. PASCOLI Via Lamarmora - 74016 Massafra (Ta) - Tel. 0998801181 - C. F. 90214380736 cod. mec.taic85000d E-mail: taic85000d@istruzione.it Sito web www.comprensivopascoli.gov.it Cari

Dettagli

Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di

Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di Oggi parlare di educazione ambientale significa sempre più aprirsi ad un ampio ventaglio di tematiche tra loro trasversali, con l obiettivo comune di puntare ad una diffusione della sostenibilità sul territorio.

Dettagli

IL SUONO DEGLI ELEMENTI "Aria - Acqua - Terra - Fuoco"

IL SUONO DEGLI ELEMENTI Aria - Acqua - Terra - Fuoco IL SUONO DEGLI ELEMENTI "Aria - Acqua - Terra - Fuoco" Laboratorio Musicale per le classi terze (sez. A e sez. C) della Scuola Primaria C.A. Dalla Chiesa (Anno Scolastico 2014 2015) Il laboratorio si propone

Dettagli

Art. 1) Art. 2) Art. 3) Art. 4) Art. 5) L ASSESSORE (F.to Dott. Paolo Colianni)

Art. 1) Art. 2) Art. 3) Art. 4) Art. 5) L ASSESSORE (F.to Dott. Paolo Colianni) D.A. n. 0326 S/5 REPUBBLICA ITALIANA REGIONE SICILIANA Assessorato della famiglia, delle politiche sociali e delle autonomie locali Dipartimento Reg.le della famiglia, delle politiche sociali e delle autonomie

Dettagli

Regolamento del Network ICT Life Sciences (NILS)

Regolamento del Network ICT Life Sciences (NILS) Regolamento del Network ICT Life Sciences (NILS) Art. 1 Costituzione del Network Viene costituito, su iniziativa del Gruppo di Lavoro ICT operante all interno del Distretto Toscano Scienze della Vita,

Dettagli

Camp Fondazione Atm. L Orma Via De Rolandi, 12 20156 (MI) Tel: 02 33002932 Fax: 02 33000525 Iscritta al Registro Provinciale APS n 133

Camp Fondazione Atm. L Orma Via De Rolandi, 12 20156 (MI) Tel: 02 33002932 Fax: 02 33000525 Iscritta al Registro Provinciale APS n 133 PRESENTA Camp Fondazione Atm IL PROGETTO EDUCATIVO DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA Il soggiorno estivo rivolto ai bambini e ragazzi della Fondazione Atm è un percorso di azione formativa all interno del quale

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto

Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto Idee per la prosecuzione del Progetto CSR Veneto Valentina Montesarchio Vice Segretario Generale Unioncamere del Veneto Unioncamere del Veneto e Regione del Veneto stanno definendo le attività per la prosecuzione

Dettagli

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA

LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA LA POLITICA DELL UNIONE EUROPEA PER LA CULTURA Quale è la competenze dell Unione europea nell ambito della cultura? Il trattato di Maastricht (1993) ha consentito all'unione europea, storicamente orientata

Dettagli

Il quadro internazionale

Il quadro internazionale Per una politica dell insegnamento delle lingue RAGONAMENT 31 D UGO PANETTA l quadro internazionale n Europa l attenzione all importanza dello studio delle lingue si è affermata da lungo tempo. Già il

Dettagli

I PROTAGONOSTI DI ARTEPASSANTE

I PROTAGONOSTI DI ARTEPASSANTE I PROTAGONOSTI DI ARTEPASSANTE Partecipano al progetto Artepassante numerose realtà artistiche, culturali e civiche di Milano. Capofila del Progetto è l'associazione le Belle Arti del Liceo Artistico di

Dettagli

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005

CONVEGNO NAZIONALE. Palermo, 16-18 gennaio 2005 CONVEGNO NAZIONALE SCUOLA E VOLONTARIATO Palermo, 16-18 gennaio 2005 "Non so quale sarà il vostro destino, ma una cosa la so: gli unici tra voi che saranno felici davvero saranno coloro che avranno cercato

Dettagli

1. RICERCA, INFORMAZIONE, SENSIBILIZZAZIONE

1. RICERCA, INFORMAZIONE, SENSIBILIZZAZIONE 1. RICERCA, INFORMAZIONE, SENSIBILIZZAZIONE 6 Non appena si è avviato il progetto, le prime iniziative che la Spazio - Lavoro ha intrapreso sono state quelle relative alla preparazione del territorio nel

Dettagli

Progetto Life INF/2010/272 FARENAIT - FARE RETE PER NATURA 2000 IN ITALIA

Progetto Life INF/2010/272 FARENAIT - FARE RETE PER NATURA 2000 IN ITALIA Progetto Life INF/2010/272 FARENAIT - FARE RETE PER NATURA 2000 IN ITALIA Campagna di educazione ambientale LA MIA TERRA VALE! Gli studenti adottano il loro territorio Seconda edizione 2013-2014 Premessa

Dettagli

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020

Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 REPORT Comunicazione e valutazione Leader, verso la prospettiva 2020 Mestre, 28 giugno 2012 Regione del Veneto - Direzione Piani e Programmi Settore Primario Autorità di Gestione PSR Veneto 2007-2013 Il

Dettagli

PARTECIPA AL CONCORSO fa.re.na.it. E VINCI UN SOGGIORNO IN UN'AREA PROTETTA

PARTECIPA AL CONCORSO fa.re.na.it. E VINCI UN SOGGIORNO IN UN'AREA PROTETTA PARTECIPA AL CONCORSO fa.re.na.it. E VINCI UN SOGGIORNO IN UN'AREA PROTETTA Vuoi sapere cos è la Rete Natura 2000? Vuoi conoscere meglio la biodiversità del territorio italiano ed europeo? Vuoi promuovere

Dettagli

Company Overview. Progetto il Ponte SRL Company Overview

Company Overview. Progetto il Ponte SRL Company Overview Chi siamo Progetto il Ponte è una società giovane nata con l obiettivo di promuovere l eccellenza dei prodotti delle PMI italiane nei mercati esteri di maggior attrattività. Ci rivolgiamo ad imprenditori

Dettagli

INFORMARE PER COINVOLGERE:

INFORMARE PER COINVOLGERE: INFORMARE PER COINVOLGERE: I Servizi e i Progetti per i Giovani del Comune di Cinisello Balsamo Essere informati sui Servizi e sui Progetti che il Comune mette in campo per i giovani èessenziale: èla prima

Dettagli

Fate che chiunque venga a voi se ne vada sentendosi meglio e più felice. (Madre Teresa di Calcutta)

Fate che chiunque venga a voi se ne vada sentendosi meglio e più felice. (Madre Teresa di Calcutta) Fate che chiunque venga a voi se ne vada sentendosi meglio e più felice. (Madre Teresa di Calcutta) FIABA ONLUS FIABA si propone di abbattere tutte le barriere, da quelle architettoniche a quelle culturali,

Dettagli

Newsletter Associazione Atdal Over 40 Centro Sud

Newsletter Associazione Atdal Over 40 Centro Sud Newsletter Associazione Atdal Over 40 Centro Sud Avvertenza generale per i lettori: usando i tasti CTRL + CLIC potranno far funzionare i collegamenti ipertestuali (che si riconoscono dal carattere sottolineato,

Dettagli

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale

Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale Progetto Percorsi sicuri casa-scuola Schema per la redazione della Relazione finale A. PARTE DESCRITTIVA Si richiede la conferma / aggiornamento dei dati riportati nelle analoghe caselle della scheda di

Dettagli

Per essere utili, ovunque

Per essere utili, ovunque MASTER IN ECONOMIA DELLO SVILUPPO E COOPERAZIONE INTERNAZIONALE ANNO ACCADEMICO 2013-2014 In collaborazione con Per essere utili, ovunque LINK CAMPUS UNIVERSITY VIA NOMENTANA, 335 00162 Roma Tel: + 39

Dettagli

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale

LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro. Materiale propedeutico al seminario territoriale LOMBARDIA 2020 Libro Verde sulla Conciliazione Famiglia Lavoro Materiale propedeutico al seminario territoriale Il contesto OBIETTIVO REGIONE LOMBARDIA Costruire un Welfare in grado di porre al centro

Dettagli

La rete Emilia-Romagna terra d asilo

La rete Emilia-Romagna terra d asilo La rete Emilia-Romagna terra d asilo La Regione Emilia-Romagna è stata la prima Regione italiana a dotarsi di una legge sull immigrazione (legge regionale 24 marzo 2004, n.5, Norme per l integrazione sociale

Dettagli

PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA a.s.2010/2011

PIANO DELL'OFFERTA FORMATIVA a.s.2010/2011 ISTITUTO STATALE DI ISTRUZIONE SUPERIORE (COMMERCIALE - GEOMETRI - PERITI AGRARI - PERITI AZ.LI CORR.LINGUE ESTERE PERITI INDUSTRIALI) J. F. KENNEDY 35043 MONSELICE (PD) - Via A. De Gasperi, 20 tel. 0429/73270

Dettagli

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE E DI ACCOGLIENZA DEGLI ALLIEVI STRANIERI (anno scolastico 2006/2007)

BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE E DI ACCOGLIENZA DEGLI ALLIEVI STRANIERI (anno scolastico 2006/2007) BANDO PER IL FINANZIAMENTO DELLE ATTIVITÀ DIDATTICHE DI EDUCAZIONE INTERCULTURALE E DI ACCOGLIENZA DEGLI ALLIEVI STRANIERI (anno scolastico 2006/2007) Art. 1 Finalità e oggetto dell intervento 1. Sulla

Dettagli

COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA

COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA COMITATO SUI DIRITTI DELL INFANZIA CRC/C/OPAC/ITA/1 Quarantaduesima sessione 15 maggio 2 giugno 2006 OSSERVAZIONI CONCLUSIVE Analisi dei Rapporti presentati dall Italia ai sensi dell art. 8 del Protocollo

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA A SCUOLA ATTIVA-MENTE

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA A SCUOLA ATTIVA-MENTE SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE VIDES Volontariato Internazionale Donna Educazione Sviluppo Codice di accreditamento: NZ00946 Albo e classe di iscrizione: Albo

Dettagli

Dichiarazione Popolazione e cultura

Dichiarazione Popolazione e cultura IX/11/1 Dichiarazione Popolazione e cultura I Ministri delle Parti contraenti della Convenzione delle Alpi attribuiscono agli aspetti socio economici e socio culturali indicati all art 2, comma 2, lettera

Dettagli

SOLIDARIETA. Alcune delle attività alle quali la nostra scuola aderisce da anni sono:

SOLIDARIETA. Alcune delle attività alle quali la nostra scuola aderisce da anni sono: SOLIDARIETA La nostra scuola pone come elemento fondante della sua azione formativa lo sviluppo di condizioni di esercizio attivo del diritto-dovere di cittadinanza, coinvolgendo, in questo, tutte le componenti

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli

Prot. n. 2711/B1 Foggia, 31.10.2013. Il Dirigente scolastico presenta il PROGRAMMA TRIENNALE DELLA TRASPARENZA E DELL INTEGRITA 2013 2015

Prot. n. 2711/B1 Foggia, 31.10.2013. Il Dirigente scolastico presenta il PROGRAMMA TRIENNALE DELLA TRASPARENZA E DELL INTEGRITA 2013 2015 Prot. n. 2711/B1 Foggia, 31.10.2013 Il Dirigente scolastico presenta il PROGRAMMA TRIENNALE DELLA TRASPARENZA E DELL INTEGRITA 2013 2015 La riforma della Pubblica Amministrazione impone la revisione e

Dettagli

Cos è un Barcamp. Un assemblea creativa (non-conferenza) aperta i cui contenuti sono proposti dai partecipanti

Cos è un Barcamp. Un assemblea creativa (non-conferenza) aperta i cui contenuti sono proposti dai partecipanti Idee in Viaggio Cos è un Barcamp Un assemblea creativa (non-conferenza) aperta i cui contenuti sono proposti dai partecipanti stessi: chiunque può salire in cattedra, proporre un argomento e parlarne agli

Dettagli

Facciamo scuola consapevolmente

Facciamo scuola consapevolmente SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Progettazione e realizzazione di laboratori sull educazione al Consumo consapevole - Anno scolastico 2011/2012 BANDO 2011 ATTENZIONE La scheda progettuale, divisa in una parte

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO OLCESE SCUOLA DELL'INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

ISTITUTO COMPRENSIVO OLCESE SCUOLA DELL'INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ISTITUTO COMPRENSIVO OLCESE SCUOLA DELL'INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Distretto XV Via Olcese, 16 00155 ROMA Tel. 062301748 0623296321 Dirigente scolastico: prof.ssa Tiziana

Dettagli

Sez. LICEO SCIENTIFICO I.I.S. B F RUNO RANCHETTI

Sez. LICEO SCIENTIFICO I.I.S. B F RUNO RANCHETTI Sez. LICEO SCIENTIFICO I.I.S. B F RUNO RANCHETTI Il Liceo Scientifico G. Bruno, situato in centro a Mestre, vicino al Parco Albanese, è bene inserito nel ricco contesto culturale del Comune di Venezia,

Dettagli