Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 10: XML & DBMS. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 10: XML & DBMS. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere"

Transcript

1 Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 10: XML & DBMS Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

2 Un documento testuale Dal punto di vista del calcolatore un testo è una sequenza di caratteri alfabetici intervallati da separatori, come ad esempio lo spazio bianco o un segno di interpunzione, e caratteri di scorrimento (o controllo) del testo, come ad esempio il ritorno carrello (carriage return, per tornare accapo) e il comando nuova riga (line feed, per spostarsi sulla riga successiva) Per noi, invece, il testo è molto di più di una semplice sequenza di caratteri alfabetici, separatori e caratteri di controllo (dati) 2

3 Dati e struttura 3 il testo è innanzitutto struttura (informazione) ciascun elemento costitutivo dei dati testuali entra a far parte di un elemento più grande: i caratteri formano sillabe, le sillabe parole, le parole frasi, le frasi paragrafi, i paragrafi capitoli ecc. i capitoli si compongono a loro volta di numero, titolo e corpo del testo le frasi si compongono di sequenze di parole semanticamente coese dette sintagmi le stesse parole presentano al loro interno costituenti più piccoli solitamente chiamati morfemi nel testo (come nel linguaggio) questa struttura è quasi sempre implicita ad esempio, ogni parola del testo non mostra la sua struttura morfemica interna; analogamente, una frase del testo non presenta esplicitamente la sua segmentazione in costituenti sintagmatici il calcolatore può cogliere questa struttura implicita del testo solo se: conosce le regole che la governano (o il codice sottostante), oppure questa struttura è rappresentata esplicitamente nel testo

4 Struttura e Rappresentazione di un documento Un documento è composto di tre livelli: contenuto, struttura e rappresentazione. La rappresentazione può essere utile per migliorare la leggibilità per favorire la percezione della struttura ma non per recuperare l informazione Nel momento in cui occorre recuperare l informazione le informazioni sulla struttura sono rilevanti Infatti attraverso la struttura dell informazione è possibile ideare piani di recupero efficiente Struttura Contenuto Rappresentazione 4

5 I limiti di HTML La potenza di HTML rappresenta anche il punto di massima debolezza Se infatti realizzare pagine HTML è estremamente facile riuscire a effettuare ricerche su tali documenti è molto inefficiente Il principale motivo? Manca il concetto di struttura dei dati. Si pone l enfasi solo sulla rappresentazione Struttura e rappresentazione sono indistinte e confuse <i>, <b>, <hr>,? <h1>, <ul>, <p>, 5

6 XML - Introduzione XML = Extensible Markup Language XML is a language for creating markup languages that describe structured data. Mike Edwards, Microsoft Descrive i dati e non la loro rappresentazione Ha un formato aperto e leggibile visualmente simile all HTML Elimina la necessità di Browser e tool intermedi per aggiungere TAG speciali 6

7 Un semplice esempio etichetta elemento semplice <messaggio> <da>rachele</da> <a>vito</a> <intestazione>pro memoria</intestazione> <testo>ricorda di portare il cd!</testo> </messaggio> 7 dati elemento complesso

8 XML - Introduzione extensible - non rigido come HTML Ottimo per la trasmissione di dati da server e browser Ottimo per la trasmissione da applicazione a applicazione, da macchina a macchina E un MetaLinguaggio usato per definire nuovi domini applicativi o linguaggi specifici Attenzione esclusivamente al contenuto La Rappresentazione corrispondente può essere assegnata in un momento successivo 8

9 XML è informazione espandibile supponiamo che il nostro messaggio codificato in XML possa essere interpretato da un applicazione di interfaccia, che lo legge come segue: MESSAGE To: Vito From: Rachele heading: pro-memoria ricorda di portare il cd! 9

10 XML è espandibile supponiamo inoltre di aver arricchito il nostro messaggio codificato in XML, in modo tale che possa essere indicata anche la data: <messaggio> <data> </data> <da>rachele</da> <a>vito</a> <intestazione>pro memoria</intestazione> <testo>ricorda di portare il cd!</testo> </messaggio> 10

11 XML è espandibile l applicazione originaria continuerà ad interpretare correttamente il nostro nuovo messaggio, ignorando tuttavia il dato annotato, di cui non conosce la traduzione attraverso l interfaccia: MESSAGE To: Vito From: Rachele heading: pro-memoria ricorda di portare il cd! 11

12 XML - Aree Applicative Applicazioni che richiedono al Web Client di mediare tra due o più DB eterogenei Oracle SQL Applicazioni che cercano di distribuire porzioni significanti di dati tra Client/Server 12

13 XML Aree Applicative Compito Client User1 Applicazioni che richiedono al Web Client di mostrare più viste dello stesso dato a diversi utenti Testo Esercizio Testo Esercizio Soluzione Client User2 Soluzione Applicazioni in cui Agenti Web Intelligenti decidono su informazioni utili per un utente a partire dalle sue caratteristiche Agente Client con caratteristiche A, B, C,. 13

14 XML e HTML XML non specifica né la semantica né un insieme di TAG XML è un metalinguaggio per la descrizione dei linguaggi di markup XML fornisce un modo per definire i tag ed i rapporti strutturali fra loro Poiché non vi è un insieme predefinito di TAG, non ci può essere alcuna semantica preesistente 14

15 XML Standard collegati XML è una lingua franca che permette di descrivere la struttura di documenti Il W3C ha definito svariati standard per poter integrare la definizione di XML per consentire la: Definizione metadati Definizione link tra più documenti Trasformazione/Rappresentazione documenti XML Definizione di linguaggi di interrogazione Manipolazione documenti XML da programma Rappresentazione di informazione grafica 15

16 Rappresentazione/Trasformazione documenti XML Lo standard XML permette di strutturare documenti XML No rappresentazione Nasce XSL. XSL permette di Identificare parti di documento da rappresentare (Xpath) Trasformare le parti (attraverso il linguaggio XSLT) Rappresentare (HTML, PDF,...) il documento risultante (attraverso il linguaggio XSL-FO) 16

17 XML, DTD, CSS Sintassi ed esempi 17

18 Elemento Un elemento è un blocco elementare dei documenti XML Elemento Start-tag Contenuto End-tag Un elemento è una parte del documento delimitata da 2 TAG es: <AUTHOR>Dante Alighieri</AUTHOR> 18

19 Anatomia di un elemento XML Ogni elemento XML può essere definito da una o più coppie attributo/valore : Esempio: etichetta dato (PCDATA) <destinatario sesso= maschile > vito </destinatario> <testo formato= corsivo > questo è il testo del messaggio </testo> nome attributo valore attributo (CDATA) 19

20 Tag I tag appaiono, normalmente, in coppia, tag di apertura (start-tag) tag di chiusura (end-tag) <NOME_TAG>Dante Alighieri</NOME_TAG> Il tag rappresenta il nome dell elemento 20

21 Struttura gerarchica degli elementi LIBRO CAPITOLO SEZIONE CAPITOLO LIBRO SEZIONE SEZIONE CAPITOLO 21

22 Struttura gerarchica degli elementi LIBRO CAPITOLO SEZIONE CAPITOLO NO! Ogni elemento deve essere completamente incluso da un altro elemento 22

23 Document Element È l elemento più esterno in un documento XML Viene anche detto elemento radice Contiene tutti gli elementi del documento Esempio: <libro> </libro> Deve sempre esistere 23

24 Attributi Un elemento può avere degli attributi Gli attributi possono essere pensati come aggettivi che descrivono gli elementi Ogni attributo ha nome valore Tutti gli attributi di un elemento devono essere distinti Gli attributi vengono inseriti come parte dello start-tag: <AUTHOR nome_attributo= valore_attributo"> Dante Alighieri </AUTHOR> 24

25 Esempio di elemento con attributi <AUTHOR laurea= lettere"> Dante Maria Rossetti </AUTHOR> <AUTHOR laurea= lettere"> <name>dante</name> </AUTHOR> <name>maria</name> <lastname>rossetti</lastname> <AUTHOR laurea= lettere name1 = Dante name2 = Maria lastname = Rossetti /> 25

26 Elementi Vs Attributi Quando è meglio usare elementi o attributi per rappresentare un informazione? Un elemento, quando: Si richiede di recuperare i dati velocemente È visibile a tutti È rilevante per il significato del documento Un attributo, quando: Esprime una scelta È utilizzato dal sistema Non è rilevante per il significato del documento 26

27 Un documento XML Un file XML è un semplice file di testo con tag XML al suo interno Esso ha una estensione.xml nome_file.xml Un file XML contiene tre sezioni Una dichiarazione che si tratta di un file XML Una dichiarazione (opzionale) del tipo di documento, sul nome della DTD associata e sul nome della CSS associata Il contenuto del documento con tag XML 27

28 Cosa ci serve per iniziare Pochissimo: Il blocco-note di Windows (o altro editor di testo); Internet Explorer 5.5 e superiori, Firefox 2 questi browser contengono un parser o processore XML che legge il documento XML e ne controlla la sintassi e segnala eventuali errori 28

29 Esempio <?xml version="1.0" encoding="iso "?> <!-- Proviamo a scrivere un file xml che gestisca una rubrica di indirizzi --> <!-- apertura del tag radice --> <rubrica> <!-- istanze dell'elemento contatto --> <contatto> <nome>andrea</nome> <cognome>crevola</cognome> <telefono> </telefono> </contatto> <contatto> <nome>mario</nome> <cognome>rossi</cognome> <telefono> </telefono> </contatto> <contatto> <nome>carlo</nome> <cognome>bianchi</cognome> <telefono> </telefono> </contatto> <!-- chiusura del tag radice --> </rubrica> 29

30 Conformità dei documenti XML Indicazione della versione: Un documento XML deve iniziare con l istruzione <?xml version= 1.0 encoding="iso "?> serve per indicare al programma che interpreterà il file quale set di regole XML il documento dovrà seguire; se il documento segue senza errori queste regole, è detto well formed; è presente anche l indicazione del set di caratteri che sarà utilizzato nel documento (attributo opzionale); 30

31 Regole di conformità Un documento XML è well formed (sintatticamente conforme) se: È presente un solo elemento radice; Gli elementi hanno un tag di apertura e un tag di chiusura; I tag sono appropriatamente annidati; I valori degli attributi sono racchiusi da virgolette; Nomi di tag e attributi sono costituiti da una sola parola; Gli attributi hanno sempre un valore; Inoltre XML è case-sensitive: c è differenza tra lettere maiuscole e minuscole. <nome> <Nome> <NOME> <nome> un tag di chiusura deve essere scritto in modo identico a quello di apertura (ad eccezione dello slash / iniziale); 31

32 Indicazione della DTD (1) Le specifiche della DTD possono essere inserite direttamente nel prologo del documento (DTD interna): <!DOCTYPE rubrica [ <!ELEMENT rubrica (contatto)+ > <!ELEMENT contatto (nome, cognome,telefono, ) > <!ELEMENT nome (#PCDATA) > <!ELEMENT cognome (#PCDATA) > <!ELEMENT telefono (#PCDATA) > <!ELEMENT (#PCDATA) > ] La DTD interna vale solo per il documento a cui appartiene e non per altri file questo significa che la dovrei riscrivere ogni volta a meno che non la sposti al di fuori del file e la condivida tra tutti i documenti XML che ne hanno necessità. 32

33 Indicazione della DTD (2) Le specifiche della DTD possono essere collocate in un file esterno (es. rubrica.dtd); La DTD esterna viene richiamata con un comando presente nel prologo del documento XML; <!DOCTYPE rubrica SYSTEM rubrica.dtd > <!DOCTYPE html PUBLIC "-//W3C//DTD XHTML 1.0 Transitional//EN" "http://www.w3.org/tr/xhtml1/dtd/xhtml1-transitional.dtd"> In questo modo tutti i file di cui si vuole verificare la validità possono riferirsi ad un unico insieme di regole, e se decido di modificare le regole, non dovrò riportare i cambiamenti su tutti i file su cui sto lavorando; Applicazioni diverse possono fare riferimento ad un unica DTD per valutare la validità dei file elaborati; 33

34 Indicazione dello stile Definito il tipo di documento (conformità) e le regole di validità (DTD), manca un comando per dire alle applicazioni come rappresentare i dati. <?xml-stylesheet type="text/css" href= stile.css"?> 34

35 Esempio: file.xml <?xml version="1.0" encoding="iso "?> <!-- Inserisco il riferimento alla DTD esterna --> <!DOCTYPE rubrica SYSTEM "rubrica.dtd"> <!-- Inserisco il riferimento ad un foglio di stile esterno --> <?xml-stylesheet type="text/css" href="stile.css"?> <rubrica> <contatto> <nome>andrea</nome> <cognome>crevola</cognome> <telefono> </telefono> </contatto> </rubrica> 35 prova.xml

36 Esempio: DTD <?xml version="1.0"?> <!-- DTD della rubrica --> <!-- Dichiarazione di elementi e rispettivi attributi--> <!ELEMENT rubrica (contatto)+> <!ELEMENT contatto (nome, cognome, indirizzo, telefono+, *, foto?)> <!ATTLIST contatto id ID #REQUIRED> <!ATTLIST contatto data-insert CDATA #REQUIRED> <!ATTLIST contatto sesso (M F) "F"> <!ELEMENT nome (#PCDATA)> <!ELEMENT cognome (#PCDATA)> <!ELEMENT indirizzo (#PCDATA)> <!ELEMENT telefono (fisso mobile)> <!ELEMENT fisso (#PCDATA)> <!ELEMENT mobile (#PCDATA)> <!ELEMENT (#PCDATA)> <!ELEMENT foto EMPTY> <!ATTLIST foto src CDATA #REQUIRED> <!ATTLIST foto alt CDATA #REQUIRED> <!-- Fine della dichiarazione di elementi e attribuiti --> rubrica.dtd 36

37 Esempio: foglio di stile CSS rubrica { font-family: Verdana; } contatto { display:block; margin: 10px; background-color: #FFFFCC; padding: 10px; width: 300px; border-width: 2px; border-style: solid; } nome { display:inline; font-weight: bold; } cognome { display:inline; font-weight: bold; } { display:inline; font-weight: bold; } telefono { display:block; font-family: courier; margin-bottom: 10px; } 37 stile.css

38 XML e DataBase 38

39 Il problema Problema: è possibile/necessario memorizzare documenti XML in un DBMS? Quale tecnologia è necessaria a questo scopo? Risposta: è certamente possibile memorizzare e gestire documenti XML in un DBMS la tecnologia necessaria a questo scopo dipende dal perché vogliamo gestire documenti XML in un DBMS 39

40 Tipologie di documenti XML Due possibili usi per documenti XML: Data Centric: i documenti possono rappresentare lo strumento con il quale dati tradizionali (es. relazionali) vengono trasferiti su Web XML come veicolo per trasporto di dati Esempio: ordini di vendita, scheduling di voli, menù Document Centric: l informazione è rappresentata dal documento in sé XML come modello per la rappresentazione dei dati Esempio: libri, documenti in genere 40

41 Documenti Data Centric Struttura regolare Livello di dettaglio piuttosto fine Contenuto omogeneo L ordine con cui gli elementi allo stesso livello appaiono è ininfluente Utilizzati per machine consumption Esempi: ordini di vendita, scheduling di voli, menù, 41

42 Esempio: ordini di vendita <Orders> <SalesOrder SONumber= > <Customer CustNumber= 543 > <CustName>ABC Industries</CustName>... </Customer> <OrderDate>981215</OrderDate> <Line LineNumber= 1 > <Part PartNumber= 123 > <Description> Turkey wrench: Stainless steel, one piece... </Description> <Price>9.95</Price> </Part> <Quantity>10</Quantity> </Line> <Line LineNumber= 2 >... </Line> </SaleOrder> </Orders> 42

43 Documenti Document Centric Struttura irregolare Livello di dettaglio meno fine Contenuto eterogeneo L ordine degli elementi allo stesso livello è significativo In genere progettati per human consumption Esempi: libri, , 43

44 Product Description <Product> <Name>Turkey Wrench</Name> <Developer>Full Fabrication Labs, Inc.</Developer> <Summary>Like a monkey wrench, but not as big.</summary> <Description> <Para>The Turkey wrench, which comes in both right- and lefthanded versions...</para> <Para>You can:</para> <List> <Item><Link URL= Order.htm >Order your turkey wrench</link></item> <Item><Link URL= Wrench.html >Read about wrenches</link></item> <Item><Link URL= catalog.zip >Download the catalog</link></item> </List>... </Description> </Product> 44

45 XML e DBMS Ciascuna tipologia di documenti richiede una particolare tecnologia per la sua gestione data Relational/object-oriented DB document DB basato su XML (XML è il modello dei dati) 45

46 XML e DBMS XML-Native DBMS: comprendono un insieme di nuovi sistemi la cui architettura è stata progettata per supportare totalmente le funzionalità necessarie alla gestione di documenti XML utili per Document Centric Esempio:eXcelon XML-Enabled DBMS: comprendono tutti i DBMS che mantengono integra la propria architettura estendendola con funzionalità necessarie alla gestione di documenti XML sono tipicamente Object-Relational (DB2, Oracle8i, ) utili per Data Centric e parzialmente per Document Centric 46

47 XML-Enabled DBMS e documenti Data Centric 47

48 Problematiche per Data Centric Tre problematiche di base: come rappresentare i dati contenuti nei documenti XML nel DBMS XML doc DB come generare documenti XML partendo dai dati contenuti nel DBMS XML doc DB come interrogare i dati estratti da documenti XML DB 48

49 Rappresentazione dati È necessario definire un mapping tra la struttura dei documenti XML e lo schema del DB Per memorizzare i dati contenuti in un documenti XML in un DB, deve esistere una o più tabelle con lo schema richiesto dal mapping Vantaggi: approccio piuttosto semplice i dati sono facilmente interrogabili Svantaggi: Scarsa flessibilità: la tabella deve essere conforme al documento il documento di partenza non è più recuperabile 49

50 DBMS relazionale Un documento XML viene rappresentato come una singola tabella o un insieme di tabelle la struttura del documento XML è simile alla seguente: <database> <table> <row> <column1>...</column1> <column1>...</column1>... </row>... </table>... </database> approccio tipico per DBMS relazionali, object-relational 50

51 Esempio Documento XML <clienti> <row> <numero> 7369 </numero> <nome> PAUL </nome> <cognome> SMITH </cognome> </row> <row> <numero> 7000 </numero> <nome> STEVE </nome> <cognome> ADAM </cognome> </row> </clienti> Tabella Clienti Numero Nome Cognome 2000 MIKE SCOTT 7369 PAUL SMITH 7000 STEVE ADAM 51

52 Interrogazione dati Poiché i dati vengono rappresentati secondo il modello supportato dal DBMS (es. relazionale), è possibile utilizzare i linguaggi supportati dal DBMS per l interrogazione dei dati memorizzati approccio template-based: la query viene rappresentata nel documento XML necessità di middleware 52

53 Flight Information <?xml version= 1.0 > <FlightInfo> <Intro>The following flights have available seats:</intro> <SelectStmt> SELECT Airline, FltNumber, Depart, Arrive FROM Flights </SelectStmt> <Conclude>We hope one of these meets your needs</conclude> </FlightInfo> <?xml version= 1.0 > <FlightInfo> <Intro>The following flights have available seats:</intro> <Flight> <Row> <Airline>ACME</Airline><FltNumber>123</FltNumber> <Depart>Dec 12, :43</Depart><Arrive>...<Arrive> <Row> </Flight> <Conclude>We hope one of these meets your needs</conclude> </FlightInfo> 53

54 Interrogazione dati Doc Query Doc Result Middleware Extract Select Command Construct Document answer Submit SELECT Command Result DB 54

55 Generazione documenti XML Problema: fornire una rappresentazione XML ai dati recuperati tramite query dal DBMS si utilizza il mapping inverso rispetto a quello utilizzato per la memorizzazione operazione importante per attribuire un formato standard ai dati ritrovati, prima di inviarli sulla rete 55

56 Esempio SELECT nome, cognome FROM Clienti WHERE Numero = 7369 Tabella Clienti Numero Nome Cognome 2000 MIKE SCOTT 7369 PAUL SMITH 7000 STEVE ADAM Documento XML <clienti> <row> <nome> PAUL </nome> <cognome> SMITH </cognome> </row> </clienti> 56

57 XML-Enabled DBMS e documenti Document Centric 57

58 Problematiche per Document Centric Due problematiche di base: come rappresentare i documenti XML nel DBMS XML doc DB come interrogare i documenti XML XML doc DB 58

59 Rappresentazione Permette di mantenere integro il documento XML Due approcci: rappresentazione non strutturata documento come unico oggetto rappresentazione ibrida documento parzialmente rappresentato secondo la rappresentazione strutturata e parzialmente secondo la rappresentazione non strutturata 59

60 Interrogazione documenti Dal punto di vista del DBMS, un documento memorizzato in modo non strutturato non è che un documento di testo in genere i DBMS supportano strumenti per ritrovare i documenti in base al contenuto nel caso di documenti XML, mettono a disposizione operatori avanzati da utilizzare in statement SQL per recuperare documenti XML in base al contenuto 60

61 XML su internet 61

extensible Markup Language

extensible Markup Language XML a.s. 2010-2011 extensible Markup Language XML è un meta-linguaggio per definire la struttura di documenti e dati non è un linguaggio di programmazione un documento XML è un file di testo che contiene

Dettagli

Linguaggi per il web oltre HTML: XML

Linguaggi per il web oltre HTML: XML Linguaggi per il web oltre HTML: XML Luca Console Con XML si arriva alla separazione completa tra il contenuto e gli aspetti concernenti la presentazione (visualizzazione). XML è in realtà un meta-formalismo

Dettagli

HTML e Linguaggi. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa. Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione

HTML e Linguaggi. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa. Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione HTML e Linguaggi Politecnico di Facoltà del Design Bovisa Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione cugola@elet.polimi.it http://home.dei.polimi.it/cugola Indice Il linguaggio del

Dettagli

Infrastrutture INFormatiche Ospedaliere 2 Corso di laurea di Ingegneria Medica. Indice

Infrastrutture INFormatiche Ospedaliere 2 Corso di laurea di Ingegneria Medica. Indice Indice 4. XML Extensible Markup Language...2 4.1 Usi di XML...3 4.2 Caratteristiche di XML...3 4.3 Elementi...5 4.4 Attributi...5 4.4.1 Documento XML ben formato...6 4.5 Informazioni di controllo...6 4.5.1

Dettagli

ma l XML va ben al di là dell HTML: serve per descrivere

ma l XML va ben al di là dell HTML: serve per descrivere Il metalinguaggio XML 1 Introduzione all'xml Il futuro dei linguaggi di markup: XML = EXtensible Markup Language è una versione semplificata dell SGML Nasce con l'intento di superare alcune limitazioni

Dettagli

Linguaggi per la descrizione dei documenti

Linguaggi per la descrizione dei documenti SGML (Standard General Markup Language) Linguaggi per la descrizione dei documenti SGML,HTML,XML Molteplicità di documenti di tipo diverso (es. web): articoli, cataloghi, rubriche, tabelle di dati etc..

Dettagli

XML: sintassi. Prof. Carlo Blundo Tecnologie di Sviluppo per il Web 1

XML: sintassi. Prof. Carlo Blundo Tecnologie di Sviluppo per il Web 1 XML: sintassi Prof. Carlo Blundo Tecnologie di Sviluppo per il Web 1 Cosa è XML 1 XML (Extensible Markup Language ) è un linguaggio di markup È stato progettato per lo scambio e la interusabilità di documenti

Dettagli

Tecniche Multimediali

Tecniche Multimediali Chiedersi se un computer possa pensare non è più interessante del chiedersi se un sottomarino possa nuotare Edsger Dijkstra (The threats to computing science) Tecniche Multimediali Corso di Laurea in «Informatica»

Dettagli

Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language. a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1

Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language. a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1 Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1 XML - I XML (exstensible Markup Language): XML è un formato standard,

Dettagli

XML. XML è contemporaneamente: XML non è:

XML. XML è contemporaneamente: XML non è: XML XML è contemporaneamente: Linguaggio di annotazione (Markup) che permette di creare gruppi di marcatori (tag set) personalizzati (MathML, XHTML, chemicalml, ecc..) Formato standard per lo scambio dei

Dettagli

La struttura: DTD. Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino. laura.farinetti@polito.it

La struttura: DTD. Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino. laura.farinetti@polito.it La struttura: DTD Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino laura.farinetti@polito.it L. Farinetti - Politecnico di Torino 1 Modello di struttura I tag annidati danno origine

Dettagli

Seminario Basi di dati XML

Seminario Basi di dati XML Seminario Basi di dati XML A cura di Sergio Iacobelli I XML e il database II XML in azienda Sommario III XML Native: Tamino IV DBMS XML per il Data Mining V - DBMS XML per i metadati VI Parser XML in tecnologia

Dettagli

HTML. Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma, cui va il mio ringraziamento

HTML. Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma, cui va il mio ringraziamento HTML Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma, cui va il mio ringraziamento Cenni di HTML Hypertext Markup Language Linguaggio con cui sono scritte le pagine web Permette di realizzare

Dettagli

Modellazione e Gestione di Informazioni non Strutturate

Modellazione e Gestione di Informazioni non Strutturate Università della Calabria, Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Progettazione di Sistemi Informativi Docente: Alfredo Cuzzocrea Modellazione e Gestione di Informazioni non Strutturate

Dettagli

Linguaggi di markup. Programma e obiettivi. Laura Papaleo papaleo@disi.unige.it. I linguaggi di Markup ed il web. HTML e le sue lacune

Linguaggi di markup. Programma e obiettivi. Laura Papaleo papaleo@disi.unige.it. I linguaggi di Markup ed il web. HTML e le sue lacune Linguaggi di markup Laura Papaleo papaleo@disi.unige.it Programma e obiettivi I linguaggi di Markup ed il web HTML e le sue lacune extensible Markup Language Document Type Definition Rappresentare Documenti

Dettagli

Linguaggi per la descrizione dei documenti SGML,HTML,XML

Linguaggi per la descrizione dei documenti SGML,HTML,XML Linguaggi per la descrizione dei documenti SGML,HTML,XML SGML (Standard General Markup Language) Molteplicità di documenti di tipo diverso (es. web): articoli, cataloghi, rubriche, tabelle di dati etc..

Dettagli

Esercitazioni di HTML

Esercitazioni di HTML Esercitazioni di HTML a cura di Maria Finazzi (23 novembre-1 dicembre 2006) e-mail: maria.finazzi@unipv.it pagine web: Dietro una pagina web Alcuni esempi:

Dettagli

Introduzione ai Sistemi di Gestione di Basi di Dati XML

Introduzione ai Sistemi di Gestione di Basi di Dati XML Introduzione ai Sistemi di Gestione di Basi di Dati Introduzione ai Sistemi di Gestione di Basi di Dati Obiettivi Memorizzare ed estrarre documenti da RDBMS. Trasformare dati tabellari in dati e viceversa.

Dettagli

Prefazione. Piersalvo Ortu 1

Prefazione. Piersalvo Ortu 1 Prefazione Questa tesi ha come obiettivo principale descrivere in che modo i documenti XML possano essere utilizzati per essere visualizzati su diversi apparati, dai browser Web ai dispositivi cellulari,

Dettagli

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Daniele Silvi, Domenico Fiormonte, Fabio Ciotti fiormont@uniroma3.it - silvi@lettere.uniroma2.it - ciotti@lettere.uniroma2.it 1 La digitalizzazione

Dettagli

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione

Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 1 Aprile 2014 Architetture Web I Server Web e gli Standard della Comunicazione Il Server

Dettagli

Elaborazione di documenti elettronici

Elaborazione di documenti elettronici Elaborazione di documenti elettronici Silvio Peroni speroni@cs.unibo.it http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0 Sommario Documento, documento elettronico e codifica binaria Markup XML, HTML e fogli

Dettagli

Realizzare il layout di un sito web senza utilizzare frame e tabelle

Realizzare il layout di un sito web senza utilizzare frame e tabelle Realizzare il layout di un sito web senza utilizzare frame e tabelle Questa guida descrive in maniera semplice e essenziale i passi necessari alla realizzazione di una pagina web strutturata in maniera

Dettagli

XML e Sistemi per la Gestione di Basi di Dati Relazionali

XML e Sistemi per la Gestione di Basi di Dati Relazionali Basi di Dati Distribuite a.a. 2004/2005 XML e Sistemi per la Gestione di Basi di Dati Relazionali Luca Noce - luxnox2000@yahoo.it Elisa Marino - marino_elisa@hotmail.com Obiettivi Necessità di conciliare

Dettagli

Università degli studi Roma Tre Dipartimento di informatica ed automazione. Tesi di laurea

Università degli studi Roma Tre Dipartimento di informatica ed automazione. Tesi di laurea Università degli studi Roma Tre Dipartimento di informatica ed automazione Tesi di laurea Reingegnerizzazione ed estensione di uno strumento per la generazione di siti Web Relatore Prof. P.Atzeni Università

Dettagli

CSS. Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html. ignorare la definizione degli elementi di stile

CSS. Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html. ignorare la definizione degli elementi di stile CSS Dott. Nicole NOVIELLI novielli@di.uniba.it http://www.di.uniba.it/intint/people/nicole.html CSS: Cascading Style Sheet! Tecnologia W3C per la definizione dello stile di una pagina web! Contenuto e

Dettagli

XML e standard connessi. XML, XML-Names, XSL, XPointer, XLink

XML e standard connessi. XML, XML-Names, XSL, XPointer, XLink XML e standard connessi XML, XML-Names, XSL, XPointer, XLink 1 Sommario Introduzione XML 1.0 XML-Names XSL XPointer e XLink 2 XML XML (Extensible Markup Language [sic!]) è un meta-linguaggio di markup,

Dettagli

Il sistema IBM DB2. Sistemi Informativi T. Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf

Il sistema IBM DB2. Sistemi Informativi T. Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf Il sistema IBM DB2 Sistemi Informativi T Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf IBM DB2 Il DBMS relazionale IBM DB2 è il prodotto di punta dell IBM per la gestione di basi di dati relazionali

Dettagli

Sistemi Informativi e WWW

Sistemi Informativi e WWW Premesse Sistemi Informativi e WWW WWW: introduce un nuovo paradigma di diffusione (per i fornitori) e acquisizione (per gli utilizzatori) delle informazioni, con facilità d uso, flessibilità ed economicità

Dettagli

GUIDA HTML 4.01 andreavasini@libero.it HTML.IT

GUIDA HTML 4.01 andreavasini@libero.it HTML.IT Tutti i diritti sono riservati. Per pubblicazioni od utilizzo di questo materiale pregasi contattare l autore al seguente indirizzo: andreavasini@libero.it Andrea Vasini HTML.IT HTML.IT - Andrea Vasini

Dettagli

I principali tag nella realizzazione di pagine web

I principali tag nella realizzazione di pagine web Ministero della Pubblica Istruzione Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova Area della comunicazione e web I principali tag nella realizzazione di pagine web

Dettagli

b) Dinamicità delle pagine e interattività d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione

b) Dinamicità delle pagine e interattività d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione Evoluzione del Web Direzioni di sviluppo del web a) Multimedialità b) Dinamicità delle pagine e interattività c) Accessibilità d) Separazione del contenuto dalla forma di visualizzazione e) Web semantico

Dettagli

XML INVITO ALLO STUDIO EUROPEAN NETWORK OF INNOVATIVE SCHOOLS

XML INVITO ALLO STUDIO EUROPEAN NETWORK OF INNOVATIVE SCHOOLS XML INVITO ALLO STUDIO EUROPEAN NETWORK OF INNOVATIVE SCHOOLS Road Map Cos è XML La Struttura dell XML DTD XML Schema CSS e XML XSL,XSLT XLink Applicazioni XML (DOM, SAX) Oggi Mercoledì 12 Ottobre Mercoledì

Dettagli

Dati relazionali e XML

Dati relazionali e XML Dati relazionali e Introduzione (1) Memorizzazione dei dati Utilizzo dei dati Applicazione DBMS relazionale Applicazione Applicazione 2 Introduzione (2) Memorizzazione dei dati Utilizzo dei dati Applicazione

Dettagli

Il linguaggio XML. Capitolo 3. 3.1 Introduzione al linguaggio XML

Il linguaggio XML. Capitolo 3. 3.1 Introduzione al linguaggio XML Capitolo 3 Il linguaggio XML 3.1 Introduzione al linguaggio XML Il linguaggio XML (extensible Markup Language) è stato sviluppato nel 1996 da XML Working Group, gruppo di lavoro organizzato dal World Wide

Dettagli

Lezione V. Aula Multimediale - sabato 29/03/2008

Lezione V. Aula Multimediale - sabato 29/03/2008 Lezione V Aula Multimediale - sabato 29/03/2008 LAB utilizzo di MS Access Definire gli archivi utilizzando le regole di derivazione e descrivere le caratteristiche di ciascun archivio ASSOCIAZIONE (1:1)

Dettagli

DATI SEMISTRUTTURATI / XML. Dati strutturati / non strutturati

DATI SEMISTRUTTURATI / XML. Dati strutturati / non strutturati DATI SEMISTRUTTURATI / XML Riferimenti S.Abiteboul, P.Buneman, D.Suciu - Data on the WEB, Morgan Kaufmann, San Francisco, California, 2000. A.B.Chaudri, A.Rashid, R.Zicari XML Data Management, Addison

Dettagli

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Roccatello Ing. Eduard L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Agenda Presentazione docente Definizione calendario Questionario pre corso

Dettagli

Informatica B. Contenuti. Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS. Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati

Informatica B. Contenuti. Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS. Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati Informatica B Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS Contenuti Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati Informazioni e dati Dato: elemento semanticamente significativo (data, codice, ecc.),

Dettagli

Linguaggi per la rete: XML

Linguaggi per la rete: XML Linguaggi per la rete: XML Università degli studi di Venezia Ca' Foscari Dipartimento di Informatica a.a 2007-2008 Alessandro Sorato XML: storia Internet, la Rete delle reti e l'oramai comune World Wide

Dettagli

XML. (extensible Markup Language) Seconda parte

XML. (extensible Markup Language) Seconda parte XML (extensible Markup Language) Seconda parte XML Schema: motivazione XML è lo strumento ideale per esprimere documenti di testo, ma è anche molto di più è uno strumento per trasferire DATI STRUTTURATI

Dettagli

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Daniele Silvi, Domenico Fiormonte, Fabio Ciotti fiormont@uniroma3.it - silvi@lettere.uniroma2.it - ciotti@lettere.uniroma2.it La digitalizzazione dei

Dettagli

Simple & Efficient. www.quick-software-line.com

Simple & Efficient. www.quick-software-line.com Cosa è XML? extensible Markup Language Linguaggio è una definizione limitativa XML serve a descrivere con precisione qualsiasi informazione XML è estensibile. Ovvero non ha tag predefiniti come HTML XML

Dettagli

6. XML E RAPPRESENTAZIONE DEL FORMATO DI RISPOSTA

6. XML E RAPPRESENTAZIONE DEL FORMATO DI RISPOSTA 6. XML E RAPPRESENTAZIONE DEL FORMATO DI RISPOSTA Il permesso di fare copie digitali o fisiche di tutto o parte di questo lavoro per uso di ricerca o didattico è acconsentito senza corrispettivo in danaro,

Dettagli

Integrazione di tecnologie XML nella realizzazione di siti Web

Integrazione di tecnologie XML nella realizzazione di siti Web Integrazione di tecnologie XML nella realizzazione di siti Web Andrea Marchetti(IAT CNR) Massimo Martinelli(IEI CNR) Bologna 15 Giugno 1999 XML I Giornata di studio Presentazione della presentazione Metapresentazione

Dettagli

Database Lezione 1. Sommario. - Introduzione - Tabelle e chiave primaria - Query - Calcoli ed alias - Ordinamento

Database Lezione 1. Sommario. - Introduzione - Tabelle e chiave primaria - Query - Calcoli ed alias - Ordinamento Sommario - Introduzione - Tabelle e chiave primaria - Query - Calcoli ed alias - Ordinamento Introduzione - Un database è un archivio strutturato di dati che può essere manipolato con dei comandi nel linguaggio

Dettagli

XML Retrieval Emanuele Panzeri

XML Retrieval Emanuele Panzeri Corso di Information Retrieval XML Retrieval Emanuele Panzeri panzeri@disco.unimib.it Università degli Studi di Milano Bicocca XML? extensible Markup Language Linguaggio definito come standard dal World

Dettagli

Cultura Tecnologica di Progetto

Cultura Tecnologica di Progetto Cultura Tecnologica di Progetto Politecnico di Milano Facoltà di Disegno Industriale - DATABASE - A.A. 2003-2004 2004 DataBase DB e DataBase Management System DBMS - I database sono archivi che costituiscono

Dettagli

Informatica I per la. Fisica

Informatica I per la. Fisica Corso di Laurea in Fisica Informatica I per la Fisica Lezione: Software applicativo II Fogli elettronici e Data Base Software: software di sistema (BIOS) sistema operativo software applicativo ROM Dischi

Dettagli

Tecnologie e Programmazione Web

Tecnologie e Programmazione Web Presentazione 1 Tecnologie e Programmazione Web Html, JavaScript e PHP RgLUG Ragusa Linux Users Group SOftware LIbero RAgusa http://www.solira.org - Nunzio Brugaletta (ennebi) - Reti 2 Scopi di una rete

Dettagli

Il linguaggio SQL. è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali.

Il linguaggio SQL. è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali. (Structured Query Language) : Il linguaggio è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali. prima versione IBM alla fine degli anni '70 per un prototipo di ricerca (System

Dettagli

Sintassi XML.

Sintassi XML. <?xml version=1.0 encoding=iso-8859-1?> XML L'XML, acronimo di extensible Markup Language, ovvero «Linguaggio di marcatura estensibile» è un metalinguaggio creato e gestito dal World Wide Web Consortium (W3C), e più precisamente dal presidente

Dettagli

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari Gubiani & Montanari Il DBMS Oracle 1 Il DBMS Oracle Express Edition Donatella Gubiani e Angelo Montanari Il DBMS Oracle Il DBMS Oracle Oracle 10g Express Edition Il DBMS Oracle (nelle sue versioni più

Dettagli

Semantic Web. Semantic Web. Il Semantic Web: una semplice estensione. Il Web oggi. Il Semantic Web. Semantic Web

Semantic Web. Semantic Web. Il Semantic Web: una semplice estensione. Il Web oggi. Il Semantic Web. Semantic Web Semantic Web L. Farinetti - Politecnico di Torino Semantic Web Laura Farinetti Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino farinetti@polito.it 1 z Seconda generazione del Web z conceptual structuring

Dettagli

Linguaggi ed Applicazioni mul1mediali

Linguaggi ed Applicazioni mul1mediali Università degli Studi di Urbino "Carlo Bo" Linguaggi ed Applicazioni mul1mediali 06.01- Introduction to mark-up. 06.02- classification 06.03- SGML 06.04- XML Hypertext Maurizio Maffi ISTI Informa1on Science

Dettagli

Ipertesto, navigazione e cenni HTML. Lezione Informatica I CLAWEB

Ipertesto, navigazione e cenni HTML. Lezione Informatica I CLAWEB Ipertesto, navigazione e cenni HTML Lezione Informatica I CLAWEB 1 Il concetto di Ipertesto (1/2) Definizione: Modello testuale in cui le diverse unità di contenuti non sono articolate secondo un ordine

Dettagli

Direzione Centrale Accertamento. Indagini finanziarie. Le modalità di trasmissione telematica delle richieste di dati e delle relative risposte

Direzione Centrale Accertamento. Indagini finanziarie. Le modalità di trasmissione telematica delle richieste di dati e delle relative risposte Direzione Centrale Accertamento Indagini finanziarie Le modalità di trasmissione telematica delle richieste di dati e delle relative risposte I poteri degli uffici Ambito soggettivo E stato ampliato il

Dettagli

extensible Markup Language XML

extensible Markup Language XML Operatore informatico giuridico A.A 2003/2004 I Semestre extensible Markup Language XML Dr. Raffaella Brighi Limiti di HTML Non consente la descrizione dei dati: i marker HTML specificano come visualizzare

Dettagli

Linguaggio HTML. Reti. Il Linguaggio HTML. Il Linguaggio HTML

Linguaggio HTML. Reti. Il Linguaggio HTML. Il Linguaggio HTML Reti Linguaggio HTML 1 HTML = Hypertext Markup Language E il linguaggio usato per descrivere documenti ipertestuali Ipertesto = Testo + elementi di collegamento ad altri testi (link) Linguaggio di markup:

Dettagli

Laboratorio di Tecnologie Web Laurea in Scienze e Tecnologie Multimediali

Laboratorio di Tecnologie Web Laurea in Scienze e Tecnologie Multimediali Laboratorio di Tecnologie Web Laurea in Scienze e Tecnologie Multimediali Docente: Carlo Drioli 31 marzo 2015 Esempio I prova infracorso Esercizio 1 Si consideri un applicazione per la gestione di menu

Dettagli

Approfondimento: i sistemi di gestione delle basi di dati (DBMS)

Approfondimento: i sistemi di gestione delle basi di dati (DBMS) Approfondimento: i sistemi di gestione delle basi di dati (DBMS) Prerequisito essenziale della funzionalità delle basi di dati è il controllo e la fruibilità dell informazione in esse contenuta: a tale

Dettagli

TECN.PROG.SIST.INF. XML. Roberta Gerboni

TECN.PROG.SIST.INF. XML. Roberta Gerboni Roberta Gerboni Introduzione Lo sviluppo tecnologico relativo alle reti il crescente sviluppo della distribuzione di hardware per la comunicazione hanno reso necessaria Semantic Web significa un Web comprensibile

Dettagli

Informatica Introduzione alle basi di dati

Informatica Introduzione alle basi di dati Informatica Introduzione alle basi di dati Prof. Giovanni Giuffrida e-mail: giovanni.giuffrida@dmi.unict.it 27 November 2014 Basi di Dati - Introd. - Prof. G. Giuffrida 1 Materiale didattico Atzeni,Ceri,Paraboschi,Torlone,

Dettagli

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti:

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti: PRINCIPI DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara {cordasco,dechiara}@dia.unisa.it Dipartimento di Informatica ed Applicazioni R.M. Capocelli Laboratorio

Dettagli

UTILIZZO DEL TEMPLATE Parte 1 - struttura

UTILIZZO DEL TEMPLATE Parte 1 - struttura UTILIZZO DEL TEMPLATE Parte 1 - struttura PROGRAMMI UTILIZZATI: gestione del codice HTML - HTML-Kit è un Editor Web non di tipo visuale, che consente la costruzione ex-novo di pagine web o la loro modifica,

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 7.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

Data Base. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 6

Data Base. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 6 Data Base 1 Sommario I concetti fondamentali. Database Relazionale.. Query e SQL MySql, Creazione di un db in MySQL con PHPmyAdmin Creazione database e delle Tabelle Query Inserimento Ricerca Modifica

Dettagli

Sistemi Informativi e Basi di Dati

Sistemi Informativi e Basi di Dati Sistemi Informativi e Basi di Dati Laurea Specialistica in Tecnologie di Analisi degli Impatti Ecotossicologici Docente: Francesco Geri Dipartimento di Scienze Ambientali G. Sarfatti Via P.A. Mattioli

Dettagli

Corso di Web Programming

Corso di Web Programming Corso di Web Programming 11. PHP - Complementi Paolo Milazzo Dipartimento di Informatica, Università di Pisa http://www.di.unipi.it/ milazzo milazzo di.unipi.it Corso di Laurea in Informatica Applicata

Dettagli

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2014-2015 Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Strutture di dati: DB e DBMS DATO E INFORMAZIONE Dato: insieme

Dettagli

Parte I - Struttura. Adotta un template. Parte 1 struttura pag. - 1

Parte I - Struttura. Adotta un template. Parte 1 struttura pag. - 1 Tutorial per siti scolastici accessibili con editor web open source Parte I - Struttura Adotta un template Parte 1 struttura pag. - 1 Autore Questa guida è stata realizzata da Gianfranco Bilotti e fa parte

Dettagli

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0)

Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Uso di un browser (con riferimento a Microsoft Internet Explorer 6.0) Nota Bene: Si raccomanda di leggere queste dispense di fronte al computer, provando passo dopo passo le funzionalità descritte. Per

Dettagli

Richiami sugli elementi del linguaggio HTML

Richiami sugli elementi del linguaggio HTML Richiami sugli elementi del linguaggio HTML Un documento in formato Web può essere aperto con un browser, attraverso un collegamento a Internet oppure caricandolo dal disco del proprio computer senza connettersi

Dettagli

Master in Evidence-Based Practice e Metodologia della Ricerca Clinico Assistenziale Mita Parenti. Introduzione ai Database Relazionali

Master in Evidence-Based Practice e Metodologia della Ricerca Clinico Assistenziale Mita Parenti. Introduzione ai Database Relazionali Master in Evidence-Based Practice e Metodologia della Ricerca Clinico Assistenziale Mita Parenti Introduzione ai Database Relazionali Obiettivo e Struttura del corso Comprendere i concetti e gli aspetti

Dettagli

DEFINIZIONI FONDAMENTALI

DEFINIZIONI FONDAMENTALI Consorzio per la formazione e la ricerca in Ingegneria dell'informazione DEFINIZIONI FONDAMENTALI Per vincere ci vuole una buona partenza... Docente: Cesare Colombo CEFRIEL colombo@cefriel.it http://www.cefriel.it

Dettagli

Lo standard XML per la codifica dei dati d archivio

Lo standard XML per la codifica dei dati d archivio Corso IBC xdams, 1dic. 2010 Lo standard XML per la codifica dei dati d archivio cosa è come leggerlo come e perché utilizzarlo Contesto di riferimento L uso delle tecnologie informatiche per il trattamento

Dettagli

Verifica di Accessibilità del sito www.aots.sanita.fvg.it

Verifica di Accessibilità del sito www.aots.sanita.fvg.it Verifica di Accessibilità del sito www.aots.sanita.fvg.it NOTE: Verifica effettuata in base ai requisiti descritti nell allegato A del Decreto Ministeriale 8 luglio 2005, ai sensi della legge n.4 del 9

Dettagli

Corso sul linguaggio SQL

Corso sul linguaggio SQL Corso sul linguaggio SQL Modulo L2B (SQL) 2.1 Comandi sui database 1 Prerequisiti Introduzione ai DB Linguaggi per database Tipi fondamentali di dati 2 1 Introduzione In questa Unità introduciamo il linguaggio

Dettagli

Formati di interscambio

Formati di interscambio Università degli Studi di Brescia Elementi di informatica e Programmazione Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Industriale EXCEL Docente: Marco Sechi E-mail: marco.sechi@unibs.it Vers. 11/10/2015 Formati

Dettagli

DATABASE RELAZIONALI

DATABASE RELAZIONALI 1 di 54 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE STORICHE ETTORE LEPORE DATABASE RELAZIONALI Dott. Simone Sammartino Istituto per l Ambiente l Marino Costiero I.A.M.C. C.N.R.

Dettagli

Uso dei data bases con PHP. Prof. Francesco Accaino Iis Altiero Spinelli Sesto Sa Giovanni

Uso dei data bases con PHP. Prof. Francesco Accaino Iis Altiero Spinelli Sesto Sa Giovanni Uso dei data bases con PHP Prof. Francesco Accaino Iis Altiero Spinelli Sesto Sa Giovanni MDAC MDAC è l acronimo di Microsoft Data Access Component e fa parte della tecnologia Microsoft denominata Universal

Dettagli

Inquadramento XML. Il problema dell Information- Integration. Esempio

Inquadramento XML. Il problema dell Information- Integration. Esempio Inquadramento XML Dati semistrutturati Extensible Markup Language Document Type Definitions Leggere paragrafi 4.6, 4.7 Garcia- Molina et al. 1. Information Integration: estrarre informazioni da database

Dettagli

Modelli relazionali. Esistono diversi modi di modellare un database. Il modello piu' usato al momento e' il modello relazionale

Modelli relazionali. Esistono diversi modi di modellare un database. Il modello piu' usato al momento e' il modello relazionale Cenni sui DATABASE Cos'e' un database Un database puo' essere definito come una collezione strutturata di record (dati) I dati sono memorizzati su un computer in modo opportuno e possono essere recuperati

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Riassunto del corso e cenni ad argomenti avanzati

Riassunto del corso e cenni ad argomenti avanzati In breve Riassunto del corso e cenni ad argomenti avanzati.. Sono tutte sequenze di bit! 1 1 0 1 0 1 0 0 0 1 2 In breve In breve > Ipertesti in HTML Informazioni di natura non omogenea, cui si

Dettagli

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 9: Query Maschere Report. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 9: Query Maschere Report. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 9: Query Maschere Report Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Le QUERY 2 Che cos è una Query? Una Query rappresenta uno strumento per interrogare un database.

Dettagli

2. Costruire un database con Apache, PHP e MySql

2. Costruire un database con Apache, PHP e MySql 2. Costruire un database con Apache, PHP e MySql Lo scopo di questa esercitazione è realizzare un server web e costruire un database accessibile attraverso Internet utilizzando il server Apache, il linguaggio

Dettagli

SQL prima parte D O C E N T E P R O F. A L B E R T O B E L U S S I. Anno accademico 2011/12

SQL prima parte D O C E N T E P R O F. A L B E R T O B E L U S S I. Anno accademico 2011/12 SQL prima parte D O C E N T E P R O F. A L B E R T O B E L U S S I Anno accademico 2011/12 DEFINIZIONE Il concetto di vista 2 È una relazione derivata. Si specifica l espressione che genera il suo contenuto.

Dettagli

Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI. Prof. Ciaschetti

Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI. Prof. Ciaschetti Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI Prof. Ciaschetti Introduzione e prime definizioni Una Base di dati o Database è un archivio elettronico opportunamente organizzato per reperire in modo efficiente

Dettagli

Una metodologia di progettazione di applicazioni web centrate sui dati

Una metodologia di progettazione di applicazioni web centrate sui dati Una metodologia di progettazione di applicazioni web centrate sui dati A L B E R T O B E L U S S I A N N O A C C A D E M I C O 2 0 1 1 / 2 0 1 2 Progettazione logica di un sito web centrato sui dati Si

Dettagli

RDBMS: panorama attuale. RDBMS: panorama attuale

RDBMS: panorama attuale. RDBMS: panorama attuale RDBMS: panorama attuale Gestiscono e manipolano dati semplici (tabellari) Hanno un linguaggio di interrogazione (SQL) semplice, dichiarativo e standard Tool consolidati per lo sviluppo di applicazioni

Dettagli

Esercitazione 8. Basi di dati e web

Esercitazione 8. Basi di dati e web Esercitazione 8 Basi di dati e web Rev. 1 Basi di dati - prof. Silvio Salza - a.a. 2014-2015 E8-1 Basi di dati e web Una modalità tipica di accesso alle basi di dati è tramite interfacce web Esiste una

Dettagli

Laboratorio di Tecnologie Web HTML: Introduzione Dott. Stefano Burigat

Laboratorio di Tecnologie Web HTML: Introduzione Dott. Stefano Burigat Laboratorio di Tecnologie Web HTML: Introduzione Dott. Stefano Burigat www.dimi.uniud.it/burigat File HTML e tag Un file HTML non è nient'altro che un puro file di testo al cui interno sono presenti delle

Dettagli

EXPLOit Content Management Data Base per documenti SGML/XML

EXPLOit Content Management Data Base per documenti SGML/XML EXPLOit Content Management Data Base per documenti SGML/XML Introduzione L applicazione EXPLOit gestisce i contenuti dei documenti strutturati in SGML o XML, utilizzando il prodotto Adobe FrameMaker per

Dettagli

Universita' degli Studi di Udine, 6 luglio 2005 Introduzione all'accessibilita': motivazione ed esempi Il sito web del Comune di Udine

Universita' degli Studi di Udine, 6 luglio 2005 Introduzione all'accessibilita': motivazione ed esempi Il sito web del Comune di Udine Universita' degli Studi di Udine, 6 luglio 2005 Introduzione all'accessibilita': motivazione ed esempi Il sito web del Comune di Udine www.comune.udine.it relazione a cura di Fabrizio Chittaro fchittaro@gmail.com

Dettagli

Creazione ed uso di un data base in ACCESS Lezioni ed esercizi

Creazione ed uso di un data base in ACCESS Lezioni ed esercizi Creazione ed uso di un data base in ACCESS Lezioni ed esercizi 1 ACCESS Gli archivi Gli archivi sono un insieme organizzato di informazioni. Aziende Clienti e fornitori Personale Magazzino Enti pubblici

Dettagli

Data Base. Prof. Filippo TROTTA

Data Base. Prof. Filippo TROTTA Data Base Definizione di DataBase Un Database può essere definito come un insieme di informazioni strettamente correlate, memorizzate su un supporto di memoria di massa, costituenti un tutt uno, che possono

Dettagli

INTRODUZIONE AL LINGUAGGIO HTML. Internet + HTML + HTTP = WWW

INTRODUZIONE AL LINGUAGGIO HTML. Internet + HTML + HTTP = WWW 1 INTRODUZIONE AL LINGUAGGIO HTML Internet + HTML + HTTP = WWW Scopo della esercitazione 2 Conoscere i principali tag HTML Realizzare una propria Home Page utilizzando alcuni semplici tag HTML 3 Architettura

Dettagli

Archivi e Basi di Dati

Archivi e Basi di Dati Archivi e Basi di Dati A B C File Programma 1 Programma 2 A B C File modificati Programma 1 DBMS DB Programma 2 Informatica Generale (CdL in E&C), A.A. 2000-2001 55 Problemi nella gestione di archivi separati

Dettagli

Introduzione al Semantic Web

Introduzione al Semantic Web Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Gestionale Corso di Sistemi Informativi Modulo II A. A. 2013-2014 Giuseppe Loseto Dal Web al Semantic Web 2 Dal Web al Semantic Web: Motivazioni Il Web dovrebbe

Dettagli