XML. Archiviare. nel Database di Massimo Ruocchio. i dati XML. L XML si diffonde a macchia d olio. Il

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "XML. Archiviare. nel Database mruocchio@programmers.net di Massimo Ruocchio. i dati XML. L XML si diffonde a macchia d olio. Il"

Transcript

1 Con l esplosione del formato si è aperta una nuova frontiera nel mondo dei Database. Prontamente, tutti i maggiori produttori di Basi di Dati hanno raccolto la sfida... Archiviare i dati nel Database di Massimo Ruocchio È laureato in matematica ed è certificato Oracle come Application Developer. Si occupa di analisi, progettazione e sviluppo di applicazioni software in ambiente relazionale Oracle ed Tamino. L si diffonde a macchia d olio. Il W3C (http://www.w3.org), ente predisposto alla definizione degli standard in ambito Internet, chiarisce sempre meglio come utilizzare, uniformando l utilizzo dei Namespace e del DOM, il linguaggio di query, ecc. Molti cercano di entrare nel business del mondo. Tra questi, ovviamente, i produttori di database. Tutti tentano di fornire la migliore soluzione per l archiviazione dei dati in formato. La situazione è ancora molto incerta e nessuno è riuscito a conquistare questo nuovo mercato. Al momento si distinguono tre diverse strategie d approccio al problema Archiviazione. Prima di tutto c è chi ha pensato di convertire il suo esistente database in un nuovo prodotto, lanciandosi a capofitto nel mercato per dimenticare le difficoltà del passato. Poi c è chi ha esteso le funzionalità del prodotto esistente, cercando di utilizzare l importanza del proprio nome per sbancare anche il nuovo mercato. Infine c è chi ha scommesso tutto sulla nuova tecnologia, investendo uomini e mezzi per la creazione di un nuovo prodotto che gestisca in modo nativo i dati. Nei prossimi paragrafi analizzeremo un prodotto, ed un produttore, per ognuna delle tre categorie elencate. Cominceremo con Excelon ed il suo Extensible Information Server, continueremo con Oracle e le sue extension nelle versioni 8i e 9i, concluderemo con Software AG ed il suo Tamino. 36 Excelon: dall Object Oriented all Nel 1999 Object Design, un azienda americana con base non lontano da Boston, nel Massachusetts, ha cambiato il proprio nome in Excelon (http://www.exceloncorp.com), trasformando il proprio OODBMS, chiamato ObjectStore, in un database per l archiviazione di documenti. Al neonato prodotto è stato attribuito il nome di Extensible Information Server (XIS). Intorno al database, Excelon ha costruito una piattaforma completa, denominata Platform, per la gestione di progetti in. In Figura 1 è rappresentata schematicamente la struttura di Platform. La trasformazione di una struttura ad oggetti per gestire l è abbastanza naturale. Un OODBMS è basato su un modello gerarchico che consente di gestire semplicemente l ereditarietà degli oggetti. Ovviamente questo approccio si adatta perfettamente alla struttura, anch essa gerarchica, di un documento. In particolare XIS archivia i documenti usando una struttura simile all albero di decomposizione DOM.

2 Questa tecnica di archiviazione consente sia di caricare in memoria solo gli oggetti necessari per eseguire le operazioni richieste, sia di migliorare l indicizzazione del documento. Gli oggetti richiamati vengono messi in cache per migliorare l accesso concorrente e le performance complessive dell applicazione, seguendo una tecnica denominata distributed caching mechanism. Il nucleo fondamentale di XIS è il Dynamic Engine (DXE). DXE ha il compito di fornire le principali caratteristiche del database, tra cui il parsing dell (che consente la gestione dei documenti in formato DOM), l indicizzazione, la realizzazione delle query e degli update. XIS consente di indicizzare singoli elementi, o gruppi di elementi, con tre tipologie di indici: value indexes per la ricerca in dati numerici e stringhe, text indexes per ricerche lessicali, structural indexes per ricerche basate su strutture. Per quanto riguarda le query, è possibile effettuare ricerche su uno o più documenti e salvare le query effettuate nel DB. Il linguaggio di query segue lo standard XPath 1.0. È possibile effettuare operazioni di update dei singoli nodi e salvare nel database dei trigger, scritti in Java, che scattano in seguito alle operazioni di update. Nessuno ha ancora monopolizzato il mercato dei database Development Tools FIGURA 1 L architettura di Excelon Platform B2B Communication Business Process Manager Partner Interaction Business Process Automation J2EE Integration API and Transformation Repository Synchronization Framework Message Adapters DATA/APP Adapters Extensible Information Server Dal punto di vista tecnico, nasce spontanea una perplessità a proposito dell archiviazione dei documenti in formato simile al DOM. Non è chiaro se questo approccio sia stato scelto perché considerato il migliore possibile oppure perché consente di sfruttare il motore ad oggetti presente nel vecchio ObjectStore. Questo tipo di archiviazione fa sì che siano comunque necessarie un operazione di parsing ed un operazione di composizione dell anche quando il documento viene utilizzato esclusivamente nella sua interezza. Per documenti di grosse dimensioni, questo approccio può causare problemi di performance sia in fase di caricamento sia in fase di lettura dei dati. Si tratta dello stesso problema, sebbene dimezzato nell entità, che affligge i database relazionali con estensioni, ma questo lo vedremo nel prossimo paragrafo. Administration Tools Mediante la componente XConnects è possibile collegarsi ad altre sorgenti di dati di svariate tipologie. In particolare è possibile collegarsi a database relazionali mediante ODBC ed OLE DB. Altri punti di forza di XIS sono l interfaccia grafica ( Explorer) con cui possono essere gestiti i documenti in maniera estremamente intuitiva ed il tool, denominato Manager, che fornisce tutte le funzionalità classiche di amministrazione della base dati. Per agevolare la distribuzione del prodotto in tutto il mondo, Excelon ha stipulato un accordo commerciale con EDS. Nonostante tutte le buone funzionalità fornite dal prodotto, il mercato non pare riporre grande fiducia nelle possibilità di successo di XIS. Le principali perplessità sono dovute alla struttura non particolarmente grande dell azienda, che potrebbe non essere in grado di reggere la concorrenza dei grandi nomi del settore. Alcuni credono che il futuro di Excelon sia l acquisizione da parte di un azienda più grande che abbia l infrastruttura adatta alla battaglia per la conquista del mercato. Oracle: un nome, una garanzia Anche i grandi produttori di database si sono tuffati nel mondo per assicurarsi una posizione di rilievo nel nuovo mercato. I più diffusi DB relazionali - quali Oracle8i, DB2, SQLServer7 sono stati dotati di estensioni per la gestione dell. Tra i database nominati, Oracle8i ha avuto il vantaggio di partire da una base non completamente relazionale, ma che già implementava principi di object orientation. Ciò è risultato molto utile per la gestione dell. L archiviazione di un documento in Oracle8i può avvenire in tre modi. Per scegliere la giusta tecnica di archiviazione bisogna determinare se il documento è Data-Centric, Document-Centric oppure un misto dei due. Un documento è considerato Data-Centric quando sono molto importanti, e molto variabili, i singoli dati presenti nel documento. In questo caso, Oracle propone l archiviazione dei singoli dati in tabelle relazionali e la costruzione di object view che consentono di strutturare in maniera gerarchica i dati archiviati. Alternativamente è possibile inserire i dati direttamente in object table. Per comple- 37

3 38 FIGURA 2 Le componenti fondamentali di Tamino Server tezza ricordo che una object table è un nuovo tipo di tabella introdotto a partire dalla versione 8 di Oracle per la gestione di oggetti nel database. Una object view sta ad una object table esattamente come una view relazionale sta ad una tabella relazionale. Per archiviare un documento Data-Centric in un database relazionale bisogna, insomma, effettuare una doppia trasformazione. Dapprima bisogna effettuare il mapping da struttura a struttura oggetto, sostanzialmente lo stesso visto nel paragrafo precedente. Poi bisogna creare la corrispondenza tra struttura oggetto e tabelle relazionali. Un documento è considerato Document- Centric quando ciò che conta è il documento nel suo complesso, e non i singoli dati contenuti. In questo caso si propone l archiviazione del documento in un campo di tipo BLOB o CLOB, la differenza dei due è che il CLOB contiene dati in formato ASCII mentre il BLOB contiene dati in formato binario. Se il documento da archiviare è un misto delle due tipologie viste, si può procedere all archiviazione singola dei dati elementari importanti, all archiviazione complessiva del restante ed alla creazione di object view per avere una visione di insieme dei dati. Veniamo ora alle funzionalità offerte ed ai limiti dei tipi di archiviazione proposti. In caso di archiviazione dei singoli campi in object table, oppure in tabelle relazionali consultate mediante object view, è possibile effettuare la ricerca delle informazioni mediante il linguaggio di query SQL99, nato in Oracle8 come estensione dell SQL per l interrogazione degli oggetti. SQL99 ovviamente non risponde allo standard XPath descritto dal W3C per la navigazione di documenti. In più c è il problema del grosso numero di join che sono necessarie per effettuare una query sui dati scomposti. I dati possono essere anche inseriti e modificati mediante le object view solo in particolari condizioni, come l assenza di join e di campi calcolati nella select che definisce la view. Per ovviare a questo grosso limite è stato introdotto un nuovo tipo di database trigger, INSTEAD OF, il cui codice PL/SQL scatta al posto del comando DML che era stato originariamente inviato al DBMS. Per i documenti Data-Centric c è un altro grosso problema. Le eventuali modifiche di struttura del documento, variazioni del DTD, possono causare un vero e proprio terremoto nella struttura dati soggiacente. Oracle consiglia di creare una nuova struttura dati per ogni modifica della DTD oppure di implementare trasformazioni del documento, magari mediante XSL, per creare nuovamente la corrispondenza tra il documento e la struttura dati. Per quanto riguarda le prestazioni, non ci sono problemi per documenti di semplice struttura, mentre c è qualche problema con documenti complessi a causa delle multiple join e delle limitazioni nella costruzione degli indici. Nel caso di archiviazione dei documenti in campi CLOB o BLOB, le funzioni di ricerca ed indicizzazione sono garantite da Oracle Intermedia. Gli indici possono essere solo di tipo testuale. Questo tipo di archiviazione è stato migliorato in Oracle9i, mediante l introduzione di un apposito datatype, denominato Type, che inserisce il documento in un campo di tipo CLOB. Con Type non sono state introdotte nuove tecniche di indicizzazione ma sono comparse nuove funzioni (ExistsNode, Extract) che avvicinano il linguaggio di query allo standard XPath. Tamino fornisce una interfaccia grafica per la manipolazione dei dati Oltre alle funzionalità per l archiviazione dei documenti, Oracle fornisce XDK ( Developer s Kit) per Java, JavaBeans, C, C++ e PL/SQL che include parser, processori, generatori di classi e schema processor. Mediante XDK versione 9i, Oracle si è allineata alle versioni 2.0 degli standard di manipolazione per documenti DOM e SAX. Da questa panoramica risulta evidente che l adattamento di un DB relazionale (sebbene fornito di estensioni OO) per la gestione dell incontra varie difficoltà. Queste sono generate tutte dal problema di fondo che l è gerarchico. Non tutte le strutture si possono adattare perfettamente ad un relazionale e, comunque, alla fine bisogna denormalizzare la struttura dati per migliorare le performance. Ma c è un aspetto fondamentale che avvantaggia i grandi nomi rispetto ai meno famosi concorrenti che abbiamo visto nel paragrafo prece-

4 dente e vedremo nel successivo. Il mercato riconosce, comunque, un credito a chi possiede una struttura, tecnica e commerciale, molto più grande, stabile e soprattutto molto conosciuta. Inoltre pochi si fidano delle integrazioni tra piattaforme diverse. Perché dovrei archiviare i documenti in un database nativo e continuare a conservare tutti gli altri dati nel mio fidato RDBMS quando posso mettere tutto in Oracle9i? A questa domanda cercano di rispondere i produttori di database nativi, tra i quali s è messa particolarmente in luce la tedesca Software AG che conosceremo nel prossimo paragrafo. Software AG: the company Software AG (http://www.softwareag.com) è una azienda tedesca, con sede a Darmstadt e filiali in più di 70 paesi nel mondo, specializzata nella produzione di software di sistema. Fino a due anni fa i prodotti di punta di Software AG erano Adabas, un database gerarchico, e Natural, il corrispondente ambiente di sviluppo. Nel 1999 Software AG ha raccolto la sfida dell scegliendo di dedicarsi quasi completamente a questa nuova tecnologia. Oggi il prodotto di punta di Software AG è Tamino che, fonte IDC, ha già conquistato il 40,5% del mercato dei database. Ma Tamino non è solo un database, è una piattaforma completa per lo sviluppo di applicazioni, completo di editor, parser e processor nonché di un ambiente di sviluppo Java denominato Bolero. In Figura 2 sono raffigurate le componenti fondamentali di Tamino Server. La componente principale è X-Machine, il motore del Database. X-Machine ha il compito fondamentale di archiviare ed estrarre l. Bisogna subito notare che Tamino consente l archiviazione dei dati, oltre che nel proprio Data Store, anche in un Database relazionale interno e in database esterni accessibili mediante ODBC e OLE DB. Per l accesso a datasource esterne si utilizza la componente X-Node, componente nato per l integrazione con altri mondi. L utilizzo di X-Node è assolutamente trasparente all utente, un singolo documento estratto da Tamino può essere composto da dati elementari estratti da multipli database esterni. Il Data Map, l analogo del Data Dictionary negli RDBMS, fornisce le struttura dei dati e degli indici in Tamino. Lo stesso Data Map è strutturato in formato e può essere interrogato dall utente mediante semplici query eseguite con X-Query, il linguaggio di interrogazione del database. Tamino include anche un RDBMS, detto SQL Engine, ed un tool grafico di amministrazione, chiamato Tamino Manager. Il primo passo da compiere per utilizzare Tamino è la descrizione dei documenti che si intendono gestire. Alla versione attuale (2.3.1), Tamino accetta la descrizione mediante DTD, ma è già previsto il pieno supporto di Schema quando questo sarà perfettamente formalizzato dal W3C. Documenti non descritti preventivamente possono essere comunque archiviati in Tamino. La descrizione dei documenti avviene fuori di Tamino, mentre nel DB bisogna definire la struttura dei dati che viene conservata, come abbiamo visto, nel Data Map. Per la definizione della struttura dati in Tamino è disponibile uno Schema Editor grafico, oppure è possibile utilizzare un apposito linguaggio detto Schema Language. I dati vengono strutturati a tre livelli: Collection, Doctype e Nodi. Una Collection include più Doctype ognuno dei quali include più nodi. La collection è un insieme di tipi di documenti, può essere associata ad un intero database classico. Un doctype è un tipo di documento e può essere assimilato ad una tabella relazionale. Il nodo è il dato elementare e può essere associato ad una colonna dei DB relazionali. Ma un nodo può FIGURA 3 Tamino Interactive Interface, per la manipolazione dei dati 39

5 40 essere anche composto da altri nodi, consentendo di creare documenti di qualsivoglia complessità. Tamino fornisce anche la possibilità di associare dei Datatype ai nodi elementari in fase di definizione dello schema. Una volta definita la struttura dei dati, si può cominciare ad utilizzare il DB caricando, modificando e cancellando dati. Tamino fornisce una interfaccia grafica per la manipolazione dei dati, il cui nome è Tamino Interactive Interface, mostrata in Figura 3. Mediante Interactive Interface è possibile caricare, modificare e cancellare dati, eseguire query, definire e cancellare schemi dati e collection. Le stesse funzionalità possono essere ottenute anche inviando, a mezzo HTTP, dei comandi alla X-Machine. Ogni documento caricato in Tamino è automaticamente indicizzato. È possibile personalizzare l indicizzazione per ottenere risultati migliori in alcune particolari query. I parametri di indicizzazione sono conservati nel Data Map. Per ogni nodo, può essere indicizzato il valore, per migliorare le ricerche testuali su quel nodo, oppure l intera struttura che da esso discende, per migliorare le ricerche che navigano quella struttura. Il linguaggio di interrogazione in Tamino si chiama X-Query. X-Query è basato sulle regole di navigazione standard in definite dal W3C mediante XPath. Un esempio di query è il seguente: Rossi ]/ indirizzo Nell esempio ci siamo connessi al database mydb presente in locale, abbiamo individuato la collection Magazzino ed il DocType ordine. Abbiamo richiesto l indirizzo del cliente il cui cognome è Rossi. Il risultato delle query è sempre espresso in formato. È possibile anche utilizzare X-Query per ricercare documenti archiviati senza struttura, effettuando la query sulla collection di sistema ino:etc, oppure per ottenere informazioni sulla struttura del database, effettuando una query sulla collection di sistema ino:collection. In fase di query è possibile ordinare i risultati mediante sortby, un comando non presente nello standard XPath. Alla versione attuale Tamino non supporta join in fase di query. È possibile definire nella struttura dati dei Doctype che pescano i propri dati da diversi Doctype appartenenti alla stessa collection. Le join vanno dunque progettate in anticipo. Software AG dichiara che nelle future versioni di X-Query sarà aggiunta la possibilità di effettuare join in fase di query. Questa limitazione sulle join e l impossibilità di estrarre dati singoli non in formato sono, al momento, i due principali difetti di Tamino. Per incrementare la propria presenza sul mercato, Software AG ha stipulato varie partnership. In particolare sono molto importanti gli accordi con HP, IBM e Bea Systems per la distribuzione di Tamino con gli application server Bluestone, Websphere e Weblogic. Molti ricorderanno la scommessa, finita male, dei database ad oggetti a metà degli anni 90. Imparando dagli errori commessi in quel periodo dai produttori di OODBMS, Software AG ha stabilito che lo scopo di Tamino non deve essere la sostituzione dei database esistenti, ma la loro integrazione, al fine di ottenere una gestione ottimale dei documenti, rendendo trasparente all utente la distribuzione dei dati in diverse datasource. Conclusioni Anche se non abbiamo potuto approfondire molto la descrizione dei tre prodotti presentati, appare evidente che, dal punto di vista tecnico, i prodotti di Excelon e Software AG sembrano dare migliori funzionalità. Ma abbiamo visto che ci sono validi motivi anche per scegliere Oracle oppure un altro DBMS molto diffuso ed adattato per la gestione dell. Almeno per ora nessuno ha monopolizzato il mercato dei database e questo potrebbe essere un vantaggio per lo sviluppo della tecnologia. Possiamo farci un idea di come si sta orientando il mercato guardando i risultati degli award assegnati dai lettori dell -Journal. L importante rivista specializzata ha condotto un sondaggio tra esperti che si è concluso con l affermazione di Tamino con il 41,2% dei voti. Al secondo posto si è piazzato Oracle8i distanziato di circa 8 punti percentuali. Terzo e quarto sono giunti, rispettivamente, IBM DB2 ed Excelon Extensible Information Server. Per maggiori informazioni è possibile consultare il sito xml/readerschoice/index_d.html. BIBLIOGRAFIA [1] E. X. Dejesus - enters the DBMS Arena, Computerworld, [2] M. Leon - Find a home for your data, Infoworld, [3] R. Bourret - Database Products, [4] R. Bourret - And Databases, [5] excelon - Extensible Information Server, White Paper, [6] S. Muench - Using and Relational Databases for Internet Appl., Oracle corp., [7] Oracle - Using in Oracle Database Applications, White Paper, [8] L. Di Palma - L di Software Ag a caccia di Java-partner, Week.it, [9] SoftwareAG - Tamino 2.3.1, Documentazione tecnica, 2001.

Introduzione ai Sistemi di Gestione di Basi di Dati XML

Introduzione ai Sistemi di Gestione di Basi di Dati XML Introduzione ai Sistemi di Gestione di Basi di Dati Introduzione ai Sistemi di Gestione di Basi di Dati Obiettivi Memorizzare ed estrarre documenti da RDBMS. Trasformare dati tabellari in dati e viceversa.

Dettagli

INTRODUZIONE. Data Base Management Systems evoluzione tecniche gestione dati

INTRODUZIONE. Data Base Management Systems evoluzione tecniche gestione dati INTRODUZIONE Accesso ai dati tramite DBMS Livelli di astrazione Modello dei dati: schema / istanza / metadati Alcuni modelli dei dati Linguaggi per DBMS Architettura di base di un DBMS cesarini - BDSI

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

SCHEDE DI INFORMATICA GLI ARCHIVI E LE BASI DI DATI

SCHEDE DI INFORMATICA GLI ARCHIVI E LE BASI DI DATI SCHEDE DI INFORMATICA GLI ARCHIVI E LE BASI DI DATI Il Database è una collezione di archivi di dati ben organizzati e ben strutturati, in modo che possano costituire una base di lavoro per utenti diversi

Dettagli

N.E.A.T. ( Neutral Environment Application Tools )

N.E.A.T. ( Neutral Environment Application Tools ) N.E.A.T. ( Neutral Environment Application Tools ) SCOPO : Ambiente per lo sviluppo di applicazioni WEB multimediali basate su Data Base Relazionale e strutturate secondo il modello a tre livelli: Presentazione

Dettagli

Indice Prefazione... 1 1 SQL Procedurale/SQL-PSM (Persistent Stored Modules)... 3 Vincoli e Trigger... 9

Indice Prefazione... 1 1 SQL Procedurale/SQL-PSM (Persistent Stored Modules)... 3 Vincoli e Trigger... 9 Prefazione... 1 Contenuti... 1 Ringraziamenti... 2 1 SQL Procedurale/SQL-PSM (Persistent Stored Modules)... 3 1.1 Dichiarazione di funzioni e procedure... 3 1.2 Istruzioni PSM... 4 2 Vincoli e Trigger...

Dettagli

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File system verso DBSM Vantaggi di un DBMS Modelli dei dati Utenti

Dettagli

Introduzione ai sistemi di basi di dati

Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Alessandro.bardine@gmail.com alessandro.bardine@iet.unipi.it Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File

Dettagli

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ

1. BASI DI DATI: GENERALITÀ 1. BASI DI DATI: GENERALITÀ BASE DI DATI (DATABASE, DB) Raccolta di informazioni o dati strutturati, correlati tra loro in modo da risultare fruibili in maniera ottimale. Una base di dati è usualmente

Dettagli

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Roccatello Ing. Eduard L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Agenda Presentazione docente Definizione calendario Questionario pre corso

Dettagli

JDBC di base. Le classi/interfacce principali di JDBC

JDBC di base. Le classi/interfacce principali di JDBC JDBC di base Java Database Connectivity è il package Java per l accesso a database relazionali il package contiene interfacce e classi astratte completa indipendenza del codice dal tipo di database o di

Dettagli

DEFINIZIONI FONDAMENTALI

DEFINIZIONI FONDAMENTALI Consorzio per la formazione e la ricerca in Ingegneria dell'informazione DEFINIZIONI FONDAMENTALI Per vincere ci vuole una buona partenza... Docente: Cesare Colombo CEFRIEL colombo@cefriel.it http://www.cefriel.it

Dettagli

RDBMS: panorama attuale. RDBMS: panorama attuale

RDBMS: panorama attuale. RDBMS: panorama attuale RDBMS: panorama attuale Gestiscono e manipolano dati semplici (tabellari) Hanno un linguaggio di interrogazione (SQL) semplice, dichiarativo e standard Tool consolidati per lo sviluppo di applicazioni

Dettagli

Architettura e tecnologie per lo sviluppo del Setup-Dashboard. Setup Srl Information Technologies

Architettura e tecnologie per lo sviluppo del Setup-Dashboard. Setup Srl Information Technologies Architettura e tecnologie per lo sviluppo del Setup-Dashboard Setup Srl Information Technologies 1 Introduzione INTRODUZIONE In seguito a diverse richieste, Setup ha deciso di sviluppare un modulo denominato

Dettagli

JDBC: Introduzione. Java Database Connectivity (JDBC): parte 1. Schema dei legami tra le classi principali. Principali classi/interfacce di JDBC

JDBC: Introduzione. Java Database Connectivity (JDBC): parte 1. Schema dei legami tra le classi principali. Principali classi/interfacce di JDBC JDBC: Introduzione Java Database Connectivity (JDBC): parte 1 Gianluca Moro DEIS - Università di Bologna gmoro@deis.unibo.it Java Database Connectivity è il package Java per l accesso a database relazionali

Dettagli

Il sistema IBM DB2. Sistemi Informativi T. Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf

Il sistema IBM DB2. Sistemi Informativi T. Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf Il sistema IBM DB2 Sistemi Informativi T Versione elettronica: L01.1.IntroduzioneDB2.pdf IBM DB2 Il DBMS relazionale IBM DB2 è il prodotto di punta dell IBM per la gestione di basi di dati relazionali

Dettagli

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL Università Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. di Laurea in Matematica di Informatica Generale 1 Linguaggio SQL Marco (liverani@mat.uniroma3.it) Sommario Prima parte: le basi dati relazionali Basi di dati:

Dettagli

DB2 Universal Database (UDB) DB2 Universal Database (UDB)

DB2 Universal Database (UDB) DB2 Universal Database (UDB) DB2 Universal Database (UDB) Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DB2Presentazione2009.pdf Sistemi Informativi L-A DB2 Universal

Dettagli

Basi di dati (3) Ing. Integrazione di Impresa A.A. 2007/08

Basi di dati (3) Ing. Integrazione di Impresa A.A. 2007/08 Università di Modena e Reggio Emilia Panoramica Basi di dati (3) Ing. Integrazione di Impresa A.A. 2007/08 Docente: andrea.bulgarelli@gmail.com Argomento: struttura SQL Server (1.0)! Componenti! Edizioni!

Dettagli

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari

Il DBMS Oracle. Express Edition. Donatella Gubiani e Angelo Montanari Gubiani & Montanari Il DBMS Oracle 1 Il DBMS Oracle Express Edition Donatella Gubiani e Angelo Montanari Il DBMS Oracle Il DBMS Oracle Oracle 10g Express Edition Il DBMS Oracle (nelle sue versioni più

Dettagli

creiamo eccellenza per vocazione

creiamo eccellenza per vocazione creiamo eccellenza per vocazione Per K-TECH l eccellenza non è un traguardo. È un punto di partenza che applichiamo come standard. Non ci fermiamo alle nostre competenze, Ma siamo abituati ad anticipare

Dettagli

JDBC versione base. Le classi/interfacce principali di JDBC

JDBC versione base. Le classi/interfacce principali di JDBC JDBC versione base Java Database Connectivity è il package Java per l accesso a database relazionali il package contiene interfacce e classi astratte uno dei pregi è la completa indipendenza del codice

Dettagli

Introduzione al mondo della persistenza. Dott. Doria Mauro doriamauro@gmail.com

Introduzione al mondo della persistenza. Dott. Doria Mauro doriamauro@gmail.com Hibernate Introduzione al mondo della persistenza Dott. Doria Mauro doriamauro@gmail.com La questione della persistenza Il modo dei database è complesso e le tecniche e le tecnologie sono molte. Per anni

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Corso base di Informatica. Microsoft Excel. Microsoft Access INFORMATICA. Docente: Durata: 40 ore. Destinatari

Corso base di Informatica. Microsoft Excel. Microsoft Access INFORMATICA. Docente: Durata: 40 ore. Destinatari 53 Corso base di Informatica Durata: 40 ore Tutti coloro che hanno necessità di utilizzare con efficacia ed efficienza il personal computer. Introduzione agli strumenti di base del sistema operativo windows;

Dettagli

PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE

PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE PROGRAMMA CORSO Analista Programmatore JAVA - ORACLE 1. JAVA 1.1 Introduzione a Java Introduzione Cosa è Java 1.2 Sintassi e programmazione strutturata variabili e metodi tipi di dati, array operatori

Dettagli

Archivi e Basi di Dati

Archivi e Basi di Dati Archivi e Basi di Dati A B C File Programma 1 Programma 2 A B C File modificati Programma 1 DBMS DB Programma 2 Informatica Generale (CdL in E&C), A.A. 2000-2001 55 Problemi nella gestione di archivi separati

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MODULARE. Periodo mensile. Ore previste

PROGRAMMAZIONE MODULARE. Periodo mensile. Ore previste PROGRAMMAZIONE MODULARE Indirizzo: INFORMATICA SIRIO Disciplina: INFORMATICA Classe: QUINTA Ore previste: 16 di cui 66 ore di teoria e 99 ore di laboratorio. N. modulo Titolo Modulo Titolo unità didattiche

Dettagli

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1 Le Basi di dati: generalità Unità di Apprendimento A1 1 1 Cosa è una base di dati In ogni modello di organizzazione della vita dell uomo vengono trattate informazioni Una volta individuate e raccolte devono

Dettagli

Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica

Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione Facoltà di Ingegneria Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea Sistema informativo per la gestione dei processi

Dettagli

Informatica I per la. Fisica

Informatica I per la. Fisica Corso di Laurea in Fisica Informatica I per la Fisica Lezione: Software applicativo II Fogli elettronici e Data Base Software: software di sistema (BIOS) sistema operativo software applicativo ROM Dischi

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2014/2015 SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2014/2015 SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ISIS"Giulio Natta" Bergamo pag. 1 di 5 SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Disciplina INFORMATICA monte ore annuale previsto (n. ore settimanali per 33 settimane) 2X33 = 66 OBIETTIVI

Dettagli

Introduzione ai database I concetti fondamentali Database e DBMS Per comprendere appieno cos'è un Database e quali sono i vantaggi legati al suo impiego, soprattutto nel settore gestionale, è necessario

Dettagli

Basi di dati Il linguaggio SQL

Basi di dati Il linguaggio SQL Basi di dati Il linguaggio SQL teoria e pratica con Microsoft Access Riepilogando Nelle basi di dati esiste 1. una parte invariante nel tempo, lo schema, costituita dalle caratteristiche dei dati (nomi

Dettagli

Basi di dati Il linguaggio SQL

Basi di dati Il linguaggio SQL Riepilogando Basi di dati Il linguaggio SQL Nelle basi di dati esiste 1. una parte invariante nel tempo, lo schema, costituita dalle caratteristiche dei dati (nomi degli attributi, domini, 2. una parte

Dettagli

Aspetti applicativi e tecnologia

Aspetti applicativi e tecnologia Aspetti applicativi e tecnologia Premessa Architetture usate per i database Le prime applicazioni erano definite monolitiche, cioè un unico computer (mainframe) gestiva sia le applicazioni che i dati,

Dettagli

Scheda 15 Accedere ai DataBase con JDBC

Scheda 15 Accedere ai DataBase con JDBC Scheda 15 Accedere ai DataBase con JDBC G IOVANNI PULITI Panoramica: che cosa è JDBC La API JDBC, introdotta per la prima volta con il JDK 1.0, è una API che permette di accedere a database relazionali

Dettagli

Componenti di una applicazione. Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali:

Componenti di una applicazione. Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali: Componenti di una applicazione Un programma applicativo è strutturato come un insieme organizzato di tre componenti funzionali: Un sottosistema di interfaccia con l utente (IU, user interface o anche presentation

Dettagli

Informatica (Basi di Dati)

Informatica (Basi di Dati) Corso di Laurea in Biotecnologie Informatica (Basi di Dati) Introduzione alle Basi di Dati Anno Accademico 2009/2010 Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati

Dettagli

SQL: concetti base SQL. Definizione dei dati in SQL. SQL: "storia"

SQL: concetti base SQL. Definizione dei dati in SQL. SQL: storia SQL SQL: concetti base originariamente "Structured Query Language", ora "nome proprio" linguaggio con varie funzionalità: contiene sia il DDL sia il DML ne esistono varie versioni vediamo gli aspetti essenziali,

Dettagli

Programmazione Java Avanzata

Programmazione Java Avanzata Programmazione Java Avanzata Accesso ai Dati Ing. Giuseppe D'Aquì Testi Consigliati Eclipse In Action Core J2EE Patterns - DAO [http://java.sun.com/blueprints/corej2eepatterns/patterns/dataaccessobject.html]

Dettagli

Modulo 1 Concetti generali 4 settimane

Modulo 1 Concetti generali 4 settimane OBIETTIVI SPECIFICI DEL PRIMO BIENNIO - CLASSE PRIMA settore ECONOMICO: NUCLEI FONDANTI, CONOSCENZE E COMPETENZE NB per ciascuno dei moduli di insegnamento/apprendimento viene indicato il tempo di trattazione

Dettagli

Capitolo 1 Oracle: la società e il software 1 1.1 Terminologia 1 1.2 Oracle Corporation: la storia 2 1.3 L offerta corrente 12 1.

Capitolo 1 Oracle: la società e il software 1 1.1 Terminologia 1 1.2 Oracle Corporation: la storia 2 1.3 L offerta corrente 12 1. Indice INTRODUZIONE XI Capitolo 1 Oracle: la società e il software 1 1.1 Terminologia 1 1.2 Oracle Corporation: la storia 2 1.3 L offerta corrente 12 1.4 Domande 13 Capitolo 2 I servizi Oracle 15 2.1 Terminologia

Dettagli

Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI. Prof. Ciaschetti

Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI. Prof. Ciaschetti Istituto Angioy Informatica BASI DI DATI Prof. Ciaschetti Introduzione e prime definizioni Una Base di dati o Database è un archivio elettronico opportunamente organizzato per reperire in modo efficiente

Dettagli

Informatica B. Contenuti. Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS. Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati

Informatica B. Contenuti. Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS. Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati Informatica B Introduzione alle Basi di Dati e ai DBMS Contenuti Introduzione a dati e basi dati DBMS Modello dei dati Informazioni e dati Dato: elemento semanticamente significativo (data, codice, ecc.),

Dettagli

corrispondente server Web (l applicazione server) viene inviata una richiesta, alla quale il server normalmente risponde inviando la pagina HTML che

corrispondente server Web (l applicazione server) viene inviata una richiesta, alla quale il server normalmente risponde inviando la pagina HTML che Prefazione In questo volume completiamo l esplorazione del linguaggio Java che abbiamo iniziato in Java Fondamenti di programmazione. I due testi fanno parte di un percorso didattico unitario, come testimoniano

Dettagli

Tecniche Multimediali

Tecniche Multimediali Chiedersi se un computer possa pensare non è più interessante del chiedersi se un sottomarino possa nuotare Edsger Dijkstra (The threats to computing science) Tecniche Multimediali Corso di Laurea in «Informatica»

Dettagli

Lezione V. Aula Multimediale - sabato 29/03/2008

Lezione V. Aula Multimediale - sabato 29/03/2008 Lezione V Aula Multimediale - sabato 29/03/2008 LAB utilizzo di MS Access Definire gli archivi utilizzando le regole di derivazione e descrivere le caratteristiche di ciascun archivio ASSOCIAZIONE (1:1)

Dettagli

Indice. Ringraziamenti dell Editore

Indice. Ringraziamenti dell Editore Prefazione Autori Ringraziamenti dell Editore XVII XXI XXIII 1 Introduzione 1 1.1 Sistemi informativi, informazioni e dati 1 1.2 Basi di dati e sistemi di gestione di basi di dati 3 1.3 Modelli dei dati

Dettagli

Structured Query Language parte 1

Structured Query Language parte 1 Consorzio per la formazione e la ricerca in Ingegneria dell'informazione Structured Query Language parte 1 Come interrogare una base di dati relazionale ed avere la risposta esatta Docente: Gennaro Pepe

Dettagli

APPENDICE 7 AL CAPITOLATO TECNICO

APPENDICE 7 AL CAPITOLATO TECNICO APPENDICE 7 AL CAPITOLATO TECNICO Profili professionali Gara relativa all affidamento dei servizi di sviluppo, manutenzione e gestione su aree del Sistema Informativo Gestionale di ENAV Appendice 7 al

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

DEL SENDER GUIDA INTEGRATIVA ALL INSTALLAZIONE. Versione N.1.0. Data 11/05/2009. Sender - Guida integrativa alla installazione

DEL SENDER GUIDA INTEGRATIVA ALL INSTALLAZIONE. Versione N.1.0. Data 11/05/2009. Sender - Guida integrativa alla installazione GUIDA INTEGRATIVA ALL INSTALLAZIONE DEL SENDER Versione N.1.0 Data 11/05/2009 Versione 1.0, Data emissione 11/05/2009 Pag. 1 di 15 Revisione Capitolo Modifica Data 1.0 Prima Emissione 11/05/2009 Versione

Dettagli

XML e Sistemi per la Gestione di Basi di Dati Relazionali

XML e Sistemi per la Gestione di Basi di Dati Relazionali Basi di Dati Distribuite a.a. 2004/2005 XML e Sistemi per la Gestione di Basi di Dati Relazionali Luca Noce - luxnox2000@yahoo.it Elisa Marino - marino_elisa@hotmail.com Obiettivi Necessità di conciliare

Dettagli

Sistemi Informativi Aziendali II

Sistemi Informativi Aziendali II Modulo 2 Sistemi Informativi Aziendali II 1 Corso Sistemi Informativi Aziendali II - Modulo 2 Modulo 2 La gestione delle informazioni strutturate nell impresa: La progettazione di un Data Base; Le informazioni

Dettagli

Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language. a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1

Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language. a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1 Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1 XML - I XML (exstensible Markup Language): XML è un formato standard,

Dettagli

Corso di Informatica (Basi di Dati)

Corso di Informatica (Basi di Dati) Corso di Informatica (Basi di Dati) Lezione 1 (12 dicembre 2008) Introduzione alle Basi di Dati Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati 1, Prof. Carlo Batini,

Dettagli

Grid Data Management Services

Grid Data Management Services Grid Management Services D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Grid Management in Globus Toolkit GridFTP (Trasferimento Dati) RFT (Trasferimento Dati Affidabile) RLS (Gestione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2015/2016 SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE

PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE D ISTITUTO a.s. 2015/2016 SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE ISIS"Giulio Natta" Bergamo pag. 1 di 5 SECONDO BIENNIO LICEO SCIENTIFICO OPZIONE SCIENZE APPLICATE Disciplina INFORMATICA monte ore annuale previsto (n. ore settimanali per 33 settimane) 2X33 = 66 OBIETTIVI

Dettagli

Data Base. Master "Bio Info" Reti e Basi di Dati Lezione 6

Data Base. Master Bio Info Reti e Basi di Dati Lezione 6 Data Base 1 Sommario I concetti fondamentali. Database Relazionale.. Query e SQL MySql, Creazione di un db in MySQL con PHPmyAdmin Creazione database e delle Tabelle Query Inserimento Ricerca Modifica

Dettagli

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015

ITI M. FARADAY Programmazione modulare a.s. 2014-2015 Indirizzo: INFORMATICA E TELECOMUNICAZIONI Disciplina: Informatica Docente:Maria Teresa Niro Classe: Quinta B Ore settimanali previste: 6 (3 ore Teoria - 3 ore Laboratorio) ITI M. FARADAY Programmazione

Dettagli

Architetture per le applicazioni web-based. Mario Cannataro

Architetture per le applicazioni web-based. Mario Cannataro Architetture per le applicazioni web-based Mario Cannataro 1 Sommario Internet e le applicazioni web-based Caratteristiche delle applicazioni web-based Soluzioni per l architettura three-tier Livello utente

Dettagli

Programmazione Java Avanzata Spring - JDBC

Programmazione Java Avanzata Spring - JDBC Programmazione Java Avanzata Spring - JDBC Ing. Gianluca Caminiti Riferimenti Spring http://www.springsource.org/ (scaricate il reference) Beginning Spring 2 - From Novice to Professional. APress. 2008

Dettagli

UNA RELEASE ROBUSTA E COLLAUDATA IN CONTESTI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI EVOLUZIONE DELLA PIATTAFORMA ASSICURATIVA ALL IN ONE

UNA RELEASE ROBUSTA E COLLAUDATA IN CONTESTI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI EVOLUZIONE DELLA PIATTAFORMA ASSICURATIVA ALL IN ONE L offerta di Value+, in origine focalizzata sulla gestione dei Rami Vita e dei Fondi Pensione attraverso il sistema invita, diffuso in Italia e all estero, si è arricchita nel corso degli anni estendendosi

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI ELEMENTI DI INFORMATICA, LABORATORIO DI INFORMATICA RETI INTERNET Polo C. Base dei dati. Anno accademico 2009/2010-2^ anno Polo C

CORSO INTEGRATO DI ELEMENTI DI INFORMATICA, LABORATORIO DI INFORMATICA RETI INTERNET Polo C. Base dei dati. Anno accademico 2009/2010-2^ anno Polo C CORSO INTEGRATO DI ELEMENTI DI INFORMATICA, LABORATORIO DI INFORMATICA RETI INTERNET Polo C Base dei dati Anno accademico 2009/2010-2^ anno Polo C Docenti: Prof. Ing. Paolo Arena Prof. Ing. Giovanni Caffarelli

Dettagli

i5/os per processi di business efficienti e flessibili

i5/os per processi di business efficienti e flessibili L ambiente operativo integrato leader nel settore i5/os per processi di business efficienti e flessibili Caratteristiche principali Middleware integrato per processi di business efficienti. Funzioni integrate

Dettagli

Kirey Re.Search 2.0. Piattaforma di ricerca Open Source

Kirey Re.Search 2.0. Piattaforma di ricerca Open Source Kirey Re.Search 2.0 Piattaforma di ricerca Open Source Le esigenze Quando si parla di motori di ricerca si tende a pensare istintivamente solo a quelli utilizzati per effettuare ricerche in Internet, come

Dettagli

HTML e Linguaggi. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa. Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione

HTML e Linguaggi. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa. Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione HTML e Linguaggi Politecnico di Facoltà del Design Bovisa Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione cugola@elet.polimi.it http://home.dei.polimi.it/cugola Indice Il linguaggio del

Dettagli

FormScape V3.1: SUPPORTO XML

FormScape V3.1: SUPPORTO XML FormScape V3.1: SUPPORTO Maggio 2004 FormScape V3, la Soluzione Intelligente per Creare, Gestire, Visualizzare e Distribuire i Tuoi Documenti FormScape V3 Page 1 Introduzione Il formato si sta affermando

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

BASI DI DATI I Lezione n 2 25/09/2009

BASI DI DATI I Lezione n 2 25/09/2009 BASI DI DATI I Lezione n 2 25/09/2009 Fumarola Roberta, Galeano Antonio Andrea Linguaggio di modellazione Insieme di simboli e regole atto a descrivere la struttura e le funzionalità di un Database prima

Dettagli

Oracle 9i oracle text

Oracle 9i oracle text Argomenti trattati: Oracle 9i oracle text Rappresentare documenti di testo in un DBMS testuale Gestione di testi in Oracle 9i Corso di Laboratorio di Basi di dati II Autori: Myriam Mapelli, Guido Valente

Dettagli

Basi di Dati e Conoscenza

Basi di Dati e Conoscenza Basi di Dati e Conoscenza II anno Loredana Vigliano Stanza O103 TEL. 0672594645 vigliano@mat.uniroma2.it Obiettivi del corso I parte Conoscere l' algebra su cui si basa la teoria dei Database Relazionali

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

L interfaccia a riga di comando di MySql

L interfaccia a riga di comando di MySql L interfaccia a riga di comando di MySql Una volta completata la procedura di installazione possiamo finalmente testare le funzionalità di MySQL. Sia che ci si trovi in ambiente Linux che Windows, l'interfaccia

Dettagli

Sistemi Informativi e WWW

Sistemi Informativi e WWW Premesse Sistemi Informativi e WWW WWW: introduce un nuovo paradigma di diffusione (per i fornitori) e acquisizione (per gli utilizzatori) delle informazioni, con facilità d uso, flessibilità ed economicità

Dettagli

Grid Data Management Services

Grid Data Management Services Grid Management Services D. Talia - UNICAL Griglie e Sistemi di Elaborazione Ubiqui Sommario Grid Management GridFTP RFT RLS OGSA-DAI 1 GT4 Services GridFTP High-performance transfer protocol The Reliable

Dettagli

SQL Server BI Development Studio

SQL Server BI Development Studio Il Data warehouse SQL Server Business Intelligence Development Studio Analysis Service Sorgenti dati operazionali DB relazionali Fogli excel Data warehouse Staging Area e dati riconciliati Cubi Report

Dettagli

A. Bardine - Introduzione a PostgreSQL. PostgreSQL è un software relazionale e ad oggetti per la gestione di basi di dati

A. Bardine - Introduzione a PostgreSQL. PostgreSQL è un software relazionale e ad oggetti per la gestione di basi di dati Basi di dati PostgreSQL è un software relazionale e ad oggetti per la gestione di basi di dati PostgreSQL è Open-Source ed il suo sviluppo procede da 15 anni il suo codice sorgente è quindi disponibile

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE

TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LO SVILUPPO DEL SOFTWARE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI DESCRIZIONE

Dettagli

Configurazione Stampe

Configurazione Stampe Configurazione Stampe Validità: Febbraio 2013 Questa pubblicazione è puramente informativa. SISECO non offre alcuna garanzia, esplicita od implicita, sul contenuto. I marchi e le denominazioni sono di

Dettagli

Università degli studi Roma Tre Dipartimento di informatica ed automazione. Tesi di laurea

Università degli studi Roma Tre Dipartimento di informatica ed automazione. Tesi di laurea Università degli studi Roma Tre Dipartimento di informatica ed automazione Tesi di laurea Reingegnerizzazione ed estensione di uno strumento per la generazione di siti Web Relatore Prof. P.Atzeni Università

Dettagli

Il Business Performance Management & QlikView

Il Business Performance Management & QlikView Il Business Performance Management & QlikView 1 I SISTEMI DI SUPPORTO ALLE DECISIONI O DI BUSINESS INTELLIGENCE sono oggi considerati componenti di sistemi più ampi conosciuti come: CPM - CORPORATE PERFORMANCE

Dettagli

JOHN KNEILING. Tools, Tecnologie NELL AMBIENTE LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA ROMA 19-21 MAGGIO 2008 ROMA 22-23 MAGGIO 2008

JOHN KNEILING. Tools, Tecnologie NELL AMBIENTE LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA ROMA 19-21 MAGGIO 2008 ROMA 22-23 MAGGIO 2008 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JOHN KNEILING WEB SERVICES E Tools, Tecnologie e Architetture SICUREZZA NELL AMBIENTE ROMA 19-21 MAGGIO 2008 ROMA 22-23 MAGGIO 2008 VISCONTI PALACE HOTEL - VIA FEDERICO

Dettagli

Databases relazionali e architetture dei RDBMS

Databases relazionali e architetture dei RDBMS A01 87 Salvatore Sessa Ferdinando Di Martino Michele Giordano Databases relazionali e architetture dei RDBMS Introduzione ai databases relazionali e all uso di Access Copyright MMVI ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

JOHN KNEILING ROMA 27-28 NOVEMBRE 2000 ROMA 29-30 NOVEMBRE 2000 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231

JOHN KNEILING ROMA 27-28 NOVEMBRE 2000 ROMA 29-30 NOVEMBRE 2000 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 LA TECHNOLOGY TRANSFER PRESENTA JOHN KNEILING XML FOR THE ENTERPRISE WEB APPLICATION SERVERS ROMA 27-28 NOVEMBRE 2000 ROMA 29-30 NOVEMBRE 2000 RESIDENZA DI RIPETTA - VIA DI RIPETTA, 231 info@technologytransfer.it

Dettagli

Il linguaggio SQL. è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali.

Il linguaggio SQL. è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali. (Structured Query Language) : Il linguaggio è di fatto lo standard tra i linguaggi per la gestione di data base relazionali. prima versione IBM alla fine degli anni '70 per un prototipo di ricerca (System

Dettagli

Creazione ed uso di un data base in ACCESS Lezioni ed esercizi

Creazione ed uso di un data base in ACCESS Lezioni ed esercizi Creazione ed uso di un data base in ACCESS Lezioni ed esercizi 1 ACCESS Gli archivi Gli archivi sono un insieme organizzato di informazioni. Aziende Clienti e fornitori Personale Magazzino Enti pubblici

Dettagli

Introduzione al data base

Introduzione al data base Introduzione al data base L Informatica è quella disciplina che si occupa del trattamento automatico dei dati con l ausilio del computer. Trattare i dati significa: raccoglierli, elaborarli e conservarli

Dettagli

SisTabWeb Web. Sistema Tabelle. for Enterprise

SisTabWeb Web. Sistema Tabelle. for Enterprise SisTabWeb Web Sistema Tabelle for Enterprise Overview La condivisione del patrimonio dati a livello aziendale diventa essenziale nel momento in cui il sistema informativo, elemento chiave per l'efficienza

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M070 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M070 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE Pag. 1/1 Sessione ordinaria 2010 Seconda prova scritta Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca M070 ESAME DI STATO DI ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE CORSO DI ORDINAMENTO Indirizzo: INFORMATICA

Dettagli

CLAUDIO CICALI. Curriculum Vitae. Informazioni personali Domicilio: Via San Carlo 17, 40121 Bologna (ITALY) Nazionalità: Italiana

CLAUDIO CICALI. Curriculum Vitae. Informazioni personali Domicilio: Via San Carlo 17, 40121 Bologna (ITALY) Nazionalità: Italiana CLAUDIO CICALI Curriculum Vitae Informazioni personali Domicilio: Via San Carlo 17, 40121 Bologna (ITALY) Email: claudio@cicali.org, claudio.cicali@gmail.com Nazionalità: Italiana Data di nascita: 6 July

Dettagli

Introduzione all Architettura del DBMS

Introduzione all Architettura del DBMS Introduzione all Architettura del DBMS Data Base Management System (DBMS) Un DBMS è uno strumento per la creazione e la gestione efficiente di grandi quantità di dati che consente di conservarli in modo

Dettagli

LABORATORIO di INFORMATICA

LABORATORIO di INFORMATICA Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio LABORATORIO di INFORMATICA A.A. 2010/2011 Prof. Giorgio Giacinto INTRODUZIONE AI SISTEMI DI BASI

Dettagli

MODULO 5 DATA BASE PROGRAMMA. Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB

MODULO 5 DATA BASE PROGRAMMA. Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB MODULO 5 DATA BASE MODULO 5 - DATA BASE 1 PROGRAMMA Introduzione: concetti generali di teoria Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB Utilizzo di Access pratica sulla creazione e l utilizzo

Dettagli

Introduzione al linguaggio SQL

Introduzione al linguaggio SQL Introduzione al linguaggio SQL Structured Query Language (Linguaggio Strutturato di Interrogazione di Database) prof. Cleto Azzani IPSIA MORETTO BRESCIA (2004) Che cos è un Data Base (Base di dati) Insieme

Dettagli

InfoTecna ITCube Web

InfoTecna ITCube Web InfoTecna ITCubeWeb ITCubeWeb è un software avanzato per la consultazione tramite interfaccia Web di dati analitici organizzati in forma multidimensionale. L analisi multidimensionale è il sistema più

Dettagli

Simple & Efficient. www.quick-software-line.com

Simple & Efficient. www.quick-software-line.com Cosa è XML? extensible Markup Language Linguaggio è una definizione limitativa XML serve a descrivere con precisione qualsiasi informazione XML è estensibile. Ovvero non ha tag predefiniti come HTML XML

Dettagli

INTRODUZIONE. Motivazioni e Obbiettivi

INTRODUZIONE. Motivazioni e Obbiettivi INTRODUZIONE Motivazioni dei sistemi distribuiti Caratteristiche generali Alcuni richiami sui database centralizzati Standardizzazione dei dati (ANSI/SPARC) Funzioni dei DBMS relazionali Problematiche

Dettagli