Gestione di risorse per teche digitali con tecnologie MPEG-7, XML e Java

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestione di risorse per teche digitali con tecnologie MPEG-7, XML e Java"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA Tesi di Laurea Gestione di risorse per teche digitali con tecnologie MPEG-7, XML e Java Candidato Federico Tonioni Relatore prof. P.Atzeni Università degli studi Roma Tre Correlatore Ing. F.Romano Anno Accademico 2001/2002

2 Io non so perché è tutto così vero, che descrivere è impossibile bisogna immaginare 1

3 Indice Indice...2 Indice delle figure...7 Premessa...11 CONTESTO Contesto generale Internet, il grande archivio di contenuti multimediali Scenario Bisogni e prospettive: lo standard MPEG Contesto di lavoro Gli archivi audiovisivi digitali Cos è un archivio digitale? Principali questioni sui sistemi di gestione di risorse digitali I maggiori archivi multimediali mondiali Gli archivi multimediali radiotelevisivi Le Teche RAI Obiettivi e utenti delle Teche RAI Il patrimonio di risorse della RAI Il Catalogo Multimediale e il motore di ricerca Octopus Nuove possibilità di utilizzo per gli utenti Il progetto Internet TV: sua collocazione nell ambito delle Teche RAI La fase 3 del progetto Internet TV: News Archive System...29 TECNOLOGIE DI SVILUPPO Java e XML Cosa è XML (extensible Markup Language)? Cosa rende XML portabile? Importanza di XML

4 3.1.3 Usi di XML Tecnologie XML Tecnologie di validazione e schemi standard Tecnologie XML di parsing: SAX e DOM Tecnologie XML di traduzione: XSL e XSLT Tecnologie XML di manipolazione dei dati e di retrieval: XPath Tecnologie XML di salvataggio dei dati Breve introduzione a Java Le API Java per XML JAXP Uso di JAXP con DOM e XSLT I database e XML Un documento XML è un database? Uso e contesto per la scelta del tipo di database Dati o documenti Documenti data-centric Documenti document-centric Dati, documenti e database Database XML nativi Definizione e utilizzi Architetture di database XML nativi Quando utilizzare un database XML nativo Caratteristiche dei database XML nativi Normalizzazione, integrità referenziale e scalabilità Normalizzazione Integrità referenziale Scalabilità Apache Xindice Caratteristiche principali di Xindice Architettura globale di Xindice Memorizzazione dei dati L XML:DB API implementata da Xindice Un esempio concreto di utilizzo

5 5 JavaServer Pages, Servlet e JavaBeans Java Servlet Confronto con altre tecnologie JavaServer Pages (JSP) Confronto con altre tecnologie JavaBeans MPEG-7: Multimedia Content Description Interface Overview Introduzione a MPEG Obiettivi dello standard MPEG-7 nella realtà dei metadati multimediali Potenza e significato di uno standard Gli elementi dello standard MPEG I Descriptor I Description Scheme Il Description Definition Language MPEG-7 Multimedia Description Scheme Overview L elemento radice Mpeg7 ed i relativi tipi di livello superiore Content Description: segmentazione del contenuto multimediale...98 SVILUPPO DELL APPLICAZIONE Analisi dei requisiti Use case diagrams Gli attori del sistema Gli attori Database Manager e News Archive Administrator L attore User Diagrammi di sequenza di sistema DMCreate DMDeleteRead DMUpdate NAACreate NAADeleteRead

6 7.2.6 NAACreateMpeg USERQuery Progetto dell applicazione Architettura di News Archive System: il design pattern Model-View-Controller Un esempio per capire Applicazione dell'mvc alle Web Application J2EE Architettura reale di News Archive System Il modello dei dati dell applicazione: l XML Schema conforme a MPEG Le specifiche per i dati Definizione dello schema per l applicazione L elemento DescriptionMetadata L elemento MediaLocator: localizzazione temporale e fisica della risorsa L elemento StructuralUnit: il ruolo del segmento Audio-Video L elemento CreationInformation: creazione e classificazione L elemento UsageInformation: uso del contenuto audiovisivo L elemento MediaTime L elemento MediaSourceDecomposition : descrizione fisica del contenuto L elemento TemporalDecomposition : descrizione delle singole sequenze Aspetti salienti della progettazione del sito per News Archive System Architettura delle informazioni: modello concettuale e progetto della navigazione Supporto per gli utenti e versione in lingua inglese Implementazione Implementazione delle funzionalità per l User Ricerca di telegiornali Ricerca per servizi Implementazione di funzionalità per gli amministratori (DM, NAA) Creazione di collezioni (DM) Vista di documenti (DM,NAA) Cancellazione di elementi (DM,NAA) Inserimento di documenti (DM,NAA) Update di documenti (DM) Creazione facilitata di un documento MPEG-7 per i telegiornali (NAA)

7 10 Uso dell applicazione Un breve tour guidato News Archive Administrator: creazione di un documento MPEG Database Manager: un operazione di XUpdate User: esecuzione di una query Test di usabilità Definizione di usabilità I princìpi di usabilità Considerazioni di usabilità sul News Archive System IN CONCLUSIONE Risultati ottenuti e sviluppi futuri Bibliografia Appendici App.A Ambiente di sviluppo e informazioni sul codice prodotto App.B Il consorzio Elis e i Vivai d Impresa App.C I metadati App.D Unified Modeling Language App.E Lo schema dei dati App.F Un documento MPEG-7 di descrizione di un telegiornale Ringraziamenti

8 Indice delle figure Fig. 1-1 Uso della banda...16 Fig. 2-1 I maggiori archivi radiotelevisivi europei...21 Fig. 2-2 Alcuni archivi radiotelevisivi mondiali...22 Fig. 2-3 Consistenza patrimonio televisivo RAI...23 Fig. 2-4 Patrimonio area radiofonica nazionale...24 Fig. 2-5 Patrimonio di biblio-mediateca RAI...24 Fig. 2-6 Il sistema Teche RAI...27 Fig. 3-1 Gerarchia dei linguaggi XML...33 Fig. 3-2 catalog.xml - un documento XML...34 Fig. 3-3 catalog.dtd - una DTD per catalog.xml...34 Fig. 3-4 Le maggiori tecnologie e standard XML...38 Fig. 3-5 catalog.xsd - un XML Schema per catalog.xml...40 Fig. 3-6 Riferimento all XML Schema in catalog.xml...40 Fig. 3-7 La Simple API for XML...41 Fig. 3-8 Utilizzo di Document Object Model...42 Fig. 3-9 Il processo XSLT...42 Fig catalog.xsl - un foglio di stile XSL per catalog.xml...43 Fig Riferimento all XSL appropriato in catalog.xml...43 Fig Pagina HTML ottenuta dalla trasformazione XSLT di catalog.xml...44 Fig La pipeline di produzione...44 Fig Risultato di un esecuzione di un espressione XPath complessa...45 Fig Alternative XML per la memorizzazione dei dati...46 Fig Architettura di un applicazione Java...47 Fig Overview delle Java API per XML...49 Fig L architettura delle API JAXP...50 Fig I package JAXP...50 Fig Il file jaxp.properties...51 Fig L API DOM...51 Fig L API per XSLT...51 Fig Utilizzo di JAXP con XSLT...52 Fig. 4-1 Un documento data-centric

9 Fig. 4-2 Un documento document-centric...57 Fig. 4-3 I principali database XML nativi...62 Fig. 4-4 Un esempio concreto di utilizzo dell API XML:DB...74 Fig. 5-1 Architetture Web dinamiche servlet-jsp-based...77 Fig. 5-2 Una servlet di esempio...79 Fig. 5-3 Application e Web Server...82 Fig. 5-4 Separazione dei ruoli...83 Fig. 5-5 Una pagina JSP di esempio...85 Fig. 6-1 Il campo d azione dello standard MPEG Fig. 6-2 Livelli di descrizione offerti dall MDS...93 Fig. 6-3 Organizzazione dell elemento radice Mpeg7 e dei tipi di livello superiore...94 Fig. 6-4 La semantica dell elemento radice Mpeg Fig. 6-5 Strumenti di descrizione per il Content Management e il Content Description...96 Fig. 6-6 Gerarchia dei tipi di livello superiore di Content Description e Description Metadata...98 Fig. 6-7 Visione generale degli strumenti per la decomposizione dei segmenti...99 Fig. 7-1 Gli attori del sistema Fig. 7-2 Le funzionalità degli attori DM e NAA Fig. 7-3 Le funzionalità dell attore User Fig. 7-4 Diagramma di sequenza di sistema DMCreate Fig. 7-5 Diagramma di sequenza di sistema DMDeleteRead Fig. 7-6 Diagramma di sequenza di sistema DMUpdate Fig. 7-7 Diagramma di sequenza di sistema NAACreate Fig. 7-8 Diagramma di sequenza di sistema NAADeleteRead Fig. 7-9 Diagramma di sequenza di sistema NAACreateMpeg Fig Diagramma di sequenza di sistema USERQuery Fig. 8-1 Un errore progettuale Fig. 8-2 MVC Fig. 8-3 MVC nelle applicazioni Web Fig. 8-4 Architettura reale di News Archive System Fig. 8-5 Struttura dei dati per la descrizione dei telegiornali RAI Fig. 8-6 L elemento DescriptionMetadata Fig. 8-7 Semantica dei descrittori di DescriptionMetadata DS utilizzati Fig. 8-8 Struttura gerarchica del DescriptionMetadataType

10 Fig. 8-9 L elemento MediaLocator Fig Struttura gerarchica di MediaLocatorType Fig L'elemento StructuralUnit Fig L elemento CreationInformation Fig Struttura gerarchica di CreationType Fig Semantica di CreationInformationType Fig Semantica di CreationType Fig Semantica di CreatorType Fig Semantica di CreationCoordinatesType Fig Struttura gerarchica di ClassificationType Fig Semantica di ClassificationType Fig L elemento UsageInformation Fig Struttura gerarchica di UsageInformationType Fig L elemento MediaTime Fig Semantica di MediaTimeType Fig Diagramma del MediaTimeType Fig L elemento MediaSourceDecomposition Fig Struttura gerarchica di MediaInformationType Fig Semantica di MediaFormatType Fig L elemento TemporalDecomposition Fig Struttura gerarchica di TemporalDecompositionType Fig Il modello concettuale del sito Fig Gli strumenti di navigazione Fig. 9-1 Convenzioni stilistiche Fig. 9-2 Mappa dei Class Diagram UML Fig. 9-3 Il class diagram Start Fig. 9-4 Il class diagram User Fig. 9-5 Il class diagram News Search Fig. 9-6 Il diagramma di sequenza reale per una ricerca su telegiornali Fig. 9-7 Il class diagram Report Search Fig. 9-8 Il class diagram per il Real Server Fig. 9-9 Il class diagram Administrator Login Fig Funzionalità del Database Manager Fig Funzionalità del News Archive Administrator

11 Fig Il class diagram Create Collection Fig Il class diagram View Document Fig Il class diagram Delete Items Fig Il class diagram Insert Document Fig Operazioni di update implementate Fig Il class diagram Update Fig Il diagramma di sequenza reale per un operazione di update Fig Il class diagram CreateMpeg7Doc Fig Il diagramma di sequenza reale per la creazione di un documento MPEG-7 per i telegiornali Fig Scelta del tipo di amministratore di sistema Fig Homepage del News Archive Administrator Fig La form per la creazione di un documento MPEG Fig Inserimento di un servizio Fig Homepage del Database Manager Fig Scelta dell operazione di Xupdate Fig La form per le operazioni di XUpdate Fig Homepage dell User Fig La form di News Search Fig Risultato di una query sui telegiornali Fig News Media Profile Fig Pagina di visualizzazione dei servizi di un telegiornale Fig. App-1 L XML Schema dei dati conforme a MPEG Fig. App-2 Una descrizione MPEG-7 di un telegiornale

12 Premessa Delle tante metafore utilizzate per descrivere Internet per poterne apprezzare le sue potenzialità, quella dell archivio eterno è tra le più suggestive. La Rete è infatti una sorta di archivio in cui è possibile reperire risorse assai eterogenee (testi, immagini, filmati). In più, ognuno di noi può essere, al tempo stesso, produttore e consumatore di tali risorse: si pensi, ad esempio, che con l uso di telecamere digitali, dei personal computer e della Rete stessa, ogni individuo nel mondo è potenzialmente un produttore di contenuti che possono essere facilmente distribuiti e pubblicati. Tuttavia, il valore delle informazioni, spesso se non sempre, dipende dalla facilità del loro reperimento, accesso e gestione e non dalla loro quantità. Per questo motivo, la gestione dei contenuti multimediali e la dimensione dei dati quando li si vuole memorizzare o trasmettere rendono necessario un processo di standardizzazione che descriva in maniera oggettiva le informazioni multimediali. In quest ambito di problematiche, si colloca anche la RAI Radio Televisione Italiana con le sue teche digitali. Essa utilizza diversi archivi multimediali distribuiti sul territorio nazionale per ricercare e conservare le trasmissioni, tra i quali l archivio digitale Teca Fast. I contenuti audiovisivi di Teca Fast provengono dalle tre reti nazionali e sono un patrimonio di notevole importanza per i giornalisti, documentatori o addetti alla produzione di programmi come i telegiornali. L immenso patrimonio multimediale di RAI soffre principalmente di scarsa interoperabilità tra i sistemi e mancanza di standardizzazione dei contenuti che si ripercuotono in una inefficiente ricerca delle risorse. Questa tesi è stata svolta presso la Scuola di Formazione Superiore ELIS di Roma, nell'ambito della terza fase del progetto Internet TV commissionato dalla RAI a Vivai D Impresa, una iniziativa della medesima ELIS. I risultati conseguiti nelle precedenti fasi sono riassumibili nella individuazione di uno standard per la descrizione dei dati (lo standard MPEG-7) e la realizzazione di un prototipo di gestione di un archivio digitale per i telegiornali RAI. Inizialmente, si sono studiati i progetti precedenti definendo gli obiettivi per questa terza fase. Il porting del prototipo realizzato nella seconda fase verso tecnologie completamente open source e server-side (architetture Web J2EE e database XML nativo Apache Xindice) si è indicato come obiettivo primario da perseguire, facendo particolare attenzione alla 11

13 riusabilità della nuova applicazione denominata News Archive System. Altro punto su cui si è deciso di lavorare è stato il potenziamento di alcune funzionalità della precedente versione, con priorità per l update dei documenti on-line senza dover estrarre il documento dal database, modificarlo e reinserirlo. Il mio contributo individuale è stato quello di progettare la nuova architettura, definendo scelte e motivazioni progettuali e quello di supportare attivamente l implementazione del codice. Dopo una fase di studio delle tecnologie e di scelta degli strumenti da utilizzare, ci si è concentrati sull individuazione di paradigmi progettuali che consentissero il perseguimento degli obiettivi. L architettura Model-View-Controller e il pattern J2EE Data Access Object per la definizione di un persistance Layer hanno consentito il progetto modulare, riusabile e scalabile dell applicazione. La scelta di Apache Xindice, database XML nativo open source, ha permesso di svincolarsi dal database proprietario Tamino, utilizzato nella fase precedente, per la memorizzazione dei documenti relativi ai telegiornali. Inoltre, la scelta di Xindice è stata supportata dal fatto che lo standard MPEG-7 è orientato ai documenti e dalla volontà di utilizzare un sistema in cui una modifica allo schema dei dati sia più indolore rispetto, ad esempio, ad un database relazionale. Successivamente, si è passati all implementazione dell applicazione in Java realizzando, nell ordine, un interfaccia Web general-purpose per Xindice (in questo, si è soddisfatto il requisito di riutilizzo dell applicazione in altri ambiti), la parte utente di interrogazione e la parte amministratore semplificata e specifica per l applicazione. Infine, sono stati fatti dei test sulla gestione degli errori e sull uso in genere dell applicazione con un piccolo test di usabilità. Il lavoro ultimato di News Archive System è consultabile presso l URL La tesi è organizzata in 11 capitoli, i quali sostanzialmente ripercorrono il processo di sviluppo dell applicazione: nel capitolo 1 si parla delle problematiche di più ampio respiro in cui si colloca questo lavoro, per poi trattare, nel capitolo 2, del contesto specifico dell applicazione con le questioni riguardanti gli archivi digitali televisivi, le Teche RAI e il progetto Internet TV. Nei successivi capitoli (3-6), si discutono le tecnologie di sviluppo 12

14 utilizzate (Java e XML, database XML nativi, JSP-Servlet-JavaBeans e lo standard MPEG-7), in maniera non esaustiva ma piuttosto qualitativa e mirata all utilizzo nell applicazione. Nel capitolo 7, vengono descritti i requisiti funzionali dell applicazione mentre nel capitolo 8 si trattano la progettazione dell applicazione, la scelta dei componenti software, le specifiche sui dati e la definizione dello schema. Nel capitolo 9, viene descritta l implementazione dell applicazione mediante diagrammi UML, già utilizzati nei precedenti capitoli. Il capitolo 10 descrive l uso dell applicazione mediante un tour guidato e un piccolo test di usabilità. Nel capitolo 11, invece, vengono tratte le conclusioni su questa esperienza ed individuati i possibili sviluppi futuri. Nelle appendici vengono fornite informazioni sul codice prodotto e sull ambiente di sviluppo, sul centro ELIS e sui Vivai d Impresa, sui metadati, su UML e, infine, viene riportato lo schema dei dati e un documento MPEG-7 di esempio. 13

15 Contesto 14

16 1 Contesto generale 1.1 Internet, il grande archivio di contenuti multimediali Scenario Internet non è solo un entità che eroga servizi, ma soprattutto un inesauribile fonte di informazioni di ogni genere messe in rete perché possano essere condivise. Una specie di archivio senza un centro e una periferia nel quale, insomma è possibile reperire risorse spesso liberamente accessibili. Un altra importante caratteristica della rete è, inoltre, la capacità che essa ha di supportare file di tipo multimediale: non solo testi, dunque, ma anche immagini, audio e video. Abbiamo tratteggiato quindi la fisionomia del perfetto archivio: in grado di immagazzinare un numero infinito di documenti, anche multimediali, senza limiti di spazio, e di renderli accessibili a privati o ad istituzioni, gratuitamente o a pagamento. Insomma, l unico mezzo in grado di eternare testimonianze, documenti originali, rappresentazioni, che abbiano carattere storico o interesse culturale. Un altro elemento su cui porre attenzione è che, con l avvento di apparecchiature dalla potenza fino a pochi anni fa inimmaginabile, e, soprattutto, con la crescita esponenziale di Internet e delle reti di computer in generale, la diffusione di documenti multimediali si è espansa a vista d occhio. Questo è dovuto al fatto che produrre contenuto multimediale oggi è decisamente più semplice che in passato. Con l uso di telecamere digitali, dei personal computer e della Rete stessa, ad esempio, ogni individuo nel mondo è potenzialmente un produttore di contenuti che possono essere facilmente distribuiti e pubblicati. Le stesse tecnologie rendono disponibile on-line il contenuto stesso, che sarebbe rimasto, solo qualche anno fa, inaccessibile. Ne segue che al giorno d oggi, come si può facilmente verificare, qualunque tipo di informazione è corredata, come minimo, da immagini di vario tipo (fotografie, disegni, grafici) se non da contenuti di più alta complessità come suoni (musica, suoni, parlato ), filmati e una combinazione di essi in diversi scenari (fig.1-1). 15

17 Fig. 1-1 Uso della banda Inoltre è sempre più vasto il campo di sistemi elettronici che utilizzano tali media in modo automatico, non solo per lo scambio di questi ma anche per operazioni decisamente più complesse come l'indicizzazione, il filtraggio e via dicendo. Oggi quindi si può con sicurezza affermare che il valore delle informazioni spesso, se non sempre, dipende dalla facilità del loro reperimento, accesso e gestione. Altra questione fondamentale è la dimensione di tali dati quando li si deve memorizzare e/o trasmettere. Ciò fa sì che una gestione efficiente non sia per nulla semplice, sia in ambito locale (impiego di grandi quantità di dispositivi di storage secondari) che in ambito distribuito, in cui un ulteriore inconveniente risulta essere la larghezza di banda dei canali di comunicazione, tipicamente sempre troppo limitata rispetto alle reali esigenze di trasmissione. Un altro problema, tangibile per ogni utente, anche il meno esperto, è la gestione di tali contenuti multimediali, per esempio nella ricerca di immagini su Web. Gli attuali motori di ricerca, infatti, basano la loro esplorazione esclusivamente sulla parte testuale di un documento, tralasciando ogni contenuto multimediale presente, se non per il titolo del file che contiene tale informazione. Inoltre, i motori di ricerca si affidano ad operatori umani per descrivere il contenuto multimediale mediante parole chiave e annotazioni. Per due ragioni un tale fatto è sempre più inaccettabile: per prima cosa, è un processo assai costoso e il costo aumenta continuamente all aumentare dei contenuti; secondariamente, queste descrizioni sono soggettive e il loro uso è spesso limitato al dominio dell applicazione per la quale le descrizioni sono state create. I fatti dimostrano altresì che le ricerche utente sono basate sul contenuto e sulla sua semantica più che sul media stesso. L'utente, nei motori di ricerca tradizionali, trova quindi difficoltà nell' "adattarsi" al sistema e traslare le sue richieste (di alto livello) in un set di feature (caratteristiche) comprensibili dal motore (quindi di basso livello). 16

18 Viene a mancare, in ultima analisi, quello che viene chiamato quality access to content (ossia la qualità dell'accesso ai contenuti), che per essere realizzato implica soluzioni innovative nell'identificazione dei contenuti, e tecniche accurate e personalizzate di filtraggio, ricerca, reperimento e gestione Bisogni e prospettive: lo standard MPEG-7 Nello scenario appena delineato, appare dunque necessario descrivere, indicizzare e annotare, in maniera automatica e oggettiva, informazioni multimediali e specialmente dati audiovisuali per sostituire o integrare descrizioni manuali e text-based. Tali feature automaticamente estratte hanno tre vantaggi notevoli rispetto ad annotazioni umane: sono automaticamente generate, sono oggettive e indipendenti dal dominio dell applicazione e possono essere native al contenuto audiovisivo. Le descrizioni native useranno dati non testuali per descrivere contenuti, utilizzando feature come il colore, la forma, la texture (nell ambito di immagini) o timbro e melodia (nell ambito di suoni) permettendo agli utenti di fare ricerche comparando descrizioni. Ci sono, tuttavia, feature che possono essere solo espresse mediante testo, come ad esempio, l autore e il titolo di un libro. Il gruppo di esperti MPEG ( Moving Pictures Expert Group ), afferente all ISO, ha fino ad ora focalizzato la propria attenzione verso standard di compressione di dati di tipo multimediale, portando con successo alla definizione degli standard MPEG-1, MPEG-2 e MPEG-4. Attualmente, ha spostato le proprie ricerche verso nuovi scenari, riguardanti non più la compressione bensì la descrizione dei contenuti multimediali, oggi presenti in ogni ambito della comunicazione, mediante il nuovissimo standard MPEG-7 (Multimedia Content Description Interface è la denominazione formale). Il progetto MPEG-7 ha l obiettivo di specificare uno standard per descrivere i più disparati tipi di contenuto multimediale: se i suoi predecessori nella famiglia MPEG, ovvero l MPEG-1, MPEG-2 e MPEG-4, rappresentano il contenuto stesso ovvero la risorsa multimediale( i bit ), l MPEG-7 rappresenta informazione sul contenuto multimediale ( i bit sui bit ). Mentre i primi, riproducono il contenuto, l ultimo lo descrive. Alla luce di tutto ciò, si rende evidente la necessità di implementare forme di rappresentazione di tali contenuti che vadano oltre a la semplice memorizzazione e compressione dei dati (con l MPEG-1 e MPEG-2) e, al massimo, con tecnologie Object - based (con l MPEG-4). E in questo scenario che si nota l importanza di uno standard come 17

19 l MPEG-7 che come detto si basa sulla descrizione dei contenuti presenti in un documento di qualsiasi tipo. Anche senza MPEG-7, ci sono molti modi per descrivere contenuti multimediali in vari sistemi di gestione di risorse digitali. Tali sistemi, tuttavia, generalmente non permettono una ricerca su archivi differenti e non facilitano lo scambio dei contenuti tra database diversi e che usano differenti sistemi di descrizione. Tentare di risolvere questi problemi significa aumentare l interoperabilità tra sistemi differenti e la creazione di uno standard stabilisce anche un ambiente in cui strumenti di fornitori differenti possono lavorare assieme, creando un infrastruttura per una gestione trasparente dei contenuti. I punti di forza dello standard MPEG-7 sono, appunto, l aumento di interoperabilità e la prospettiva di offrire prodotti a costi più bassi attraverso la creazione di un mercato considerevole con nuovi servizi standard-based e un crescente numero di utenti. Lo standard stimolerà sia i fornitori di contenuti che gli utenti e semplificherà l intero processo di identificazione dei contenuti. Tuttavia, lo standard deve essere robusto, dato che altrimenti le soluzioni proprietarie prevarranno, ostacolando l interoperabilità. La sfida di MPEG-7 è stata quella di confrontare i bisogni con le tecnologie disponibili, o, in altre parole, di riconciliare ciò che è possibile con ciò che è utile. Nel prossimo capitolo, si vedrà come queste problematiche vengono affrontate nel campo degli archivi digitali, in particolare, concentrando l attenzione sulle Teche RAI, una struttura creata ad hoc per gestire i processi di conservazione, catalogazione e digitalizzazione sia degli archivi che dei programmi quotidianamente prodotti della RAI. 18

20 2 Contesto di lavoro In questo capitolo, si parlerà di quali siano gli aspetti fondamentali riguardanti gli archivi audiovisivi digitali, quali sono i maggiori archivi multimediali al mondo e verranno descritti gli archivi multimediali radiotelevisivi, esempio dei quali è rappresentato dalle Teche RAI. In questo contesto, si illustrerà il progetto Internet TV fino ad arrivare alle motivazioni che hanno spinto a definirne la terza fase. 2.1 Gli archivi audiovisivi digitali Cos è un archivio digitale? Un archivio digitale è un sistema di gestione di risorse digitali (Digital Asset Management System) il cui compito è quello di gestire dati in formato digitale come testo, immagini, file audio e video, di modo che questi possano essere riusabili. Un tale sistema mira a massimizzare il valore delle risorse, permettendone un agevole salvataggio e recupero accrescendo anche il loro utilizzo e protezione. Una risorsa digitale è, sostanzialmente, un file che contiene dati non strutturati come un immagine, un clip audio o video o dati strutturati come un documento che sia stato contrassegnato con informazioni descrittive. Questo metadato (per la nozione di metadato si veda l Appendice C) aiuta a definire risorse come le copertine, i capitoli o le foto di un libro, ad esempio. Così, è reso possibile il recupero e il riutilizzo di tali risorse. Alcuni esempi di risorse digitali sono rappresentati da archivi di immagini, DBMS, siti Web, ma anche dati scientifici di misurazioni o corsi di educazione a distanza (E-learning). I principali obiettivi relativi alla gestione di risorse digitali sono assicurare il controllo della proprietà (rights management) e della sicurezza, garantire l'autenticità e l integrità dei documenti, creare contenuto riusabile sia per utilizzo a breve che a lungo termine, assicurare una gestione efficace delle risorse per massimizzare efficienza, produttività e profitto, proteggere l integrità dei dati (requisiti di trasmissione e salvataggio), assicurare la permanenza dei dati (archiving), facilitare la ricerca e l aggiornamento dei contenuti (querying and updating). 19

21 2.1.2 Principali questioni sui sistemi di gestione di risorse digitali Comuni problemi che i progettisti di sistemi di gestione di risorse digitali spesso si trovano a fronteggiare sono: Scelta e limitazioni dell hardware Gestione della persistenza delle risorse nel data repository Controllo e sicurezza delle risorse digitali Gestione dei diritti Creazione del contenuto Interoperabilità tra librerie digitali 2.2 I maggiori archivi multimediali mondiali Il più alto esempio di archivio multimediale è sicuramente, anche per il valore etico dell iniziativa, il VHF, cioè Survivors of the Shoah Virtual History Fondation, nato nel 1994 per iniziativa del regista Steven Spielberg che, dopo aver girato il film Schindler s List ha provato l esigenza di approfondire lo studio della tragedia dell Olocausto. L iniziativa si è proposta di riprendere e preservare le testimonianze degli scampati ai campi di concentramento. Al momento, l archivio raccoglie oltre testimonianze di persone provenienti da 57 paesi, in 32 lingue. L accesso all incredibile messe di informazioni, preziosissime da un punto di vista storico e didattico, è possibile solo in parte, ma è allo studio la creazione di un accesso diretto via Internet anche per i privati. Il Multimedia Archive di AccuNet AP comprende il materiale raccolto dalla Associated Press, una mole imponente di fotografie, testi, audio e grafica, divisa in tre grandi database: uno dedicato interamente al nord America, uno all Europa e all Asia, e uno internazionale riservato al resto del mondo. Sono disponibili circa articoli aggiornati, audioclip dagli anni 20 fino a 48 ore fa, e in più illustrazioni, grafici e mappe. L accesso è possibile tramite abbonamento. Per quanto riguarda l Italia, da segnalare l ottimo Archivio Storico dell Istituto Luce, un organismo nato nel periodo fascista e autore dei famosi cinegiornali che anticipavano l odierna comunicazione televisiva di tipo informativa. L Istituto attualmente si occupa di promozione e distribuzione cinematografica. Sono infatti i cinegiornali, oltre i documentari e i 20

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL CONSERVAZI ONE ED ACCESSI BI LI TÀ I N NTERNETDICOLLEZI ONIAUDI OVI SI VE I PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL 1. IL RUOLO DELLE BIBLIOTECHE AUDIOVISIVE Il fine principale è la conservazione

Dettagli

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica

Università degli Studi di Parma. Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica A.A. 2007-08 CORSO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE Prof. Giulio Destri http://www.areasp.com (C) 2007 AreaSP for

Dettagli

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali

Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Applicativo verticale Applicazione: DoQui/Index - Motore di gestione dei contenuti digitali Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti

Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Gestione Documentale Applicazione: Share - Sistema per la gestione strutturata di documenti Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione,

Dettagli

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi.

Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet Internet è universalmente nota come la Rete delle reti: un insieme smisurato di computer collegati tra loro per scambiarsi dati e servizi. Internet: la rete delle reti Alberto Ferrari Connessioni

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo.

La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. La suite Dental Trey che semplifica il tuo mondo. impostazioni di sistema postazione clinica studio privato sterilizzazione magazzino segreteria amministrazione sala di attesa caratteristiche UNO tiene

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

UML Component and Deployment diagram

UML Component and Deployment diagram UML Component and Deployment diagram Ing. Orazio Tomarchio Orazio.Tomarchio@diit.unict.it Dipartimento di Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Università di Catania I diagrammi UML Classificazione

Dettagli

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo

SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo SIASFI: IL SISTEMA ED IL SUO SVILUPPO 187 SIASFi: il sistema ed il suo sviluppo Antonio Ronca Il progetto SIASFi nasce dall esperienza maturata da parte dell Archivio di Stato di Firenze nella gestione

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni:

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, Passepartout Mexal BP è disponibile in diverse versioni e configurazioni: Passepartout Mexal BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014

Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE. Versione 1.0 24 Giugno 2014 Processi di business sovra-regionali relativi ai sistemi regionali di FSE Versione 1.0 24 Giugno 2014 1 Indice Indice... 2 Indice delle figure... 3 Indice delle tabelle... 4 Obiettivi del documento...

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello del sistema 4 2.1 Requisiti hardware........................ 4 2.2 Requisiti software.........................

Dettagli

RedDot Content Management Server Content Management Server Non sottovalutate il potenziale della comunicazione online: usatela! RedDot CMS vi permette di... Implementare, gestire ed estendere progetti

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione Le Reti di Calcolatori (parte 2) Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Docente: Daniela

Dettagli

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE

ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE ORACLE BUSINESS INTELLIGENCE STANDARD EDITION ONE A WORLD CLASS PERFORMANCE Oracle Business Intelligence Standard Edition One è una soluzione BI completa, integrata destinata alle piccole e medie imprese.oracle

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

Analisi dei requisiti e casi d uso

Analisi dei requisiti e casi d uso Analisi dei requisiti e casi d uso Indice 1 Introduzione 2 1.1 Terminologia........................... 2 2 Modello della Web Application 5 3 Struttura della web Application 6 4 Casi di utilizzo della Web

Dettagli

GESTIONE ATTREZZATURE

GESTIONE ATTREZZATURE SOLUZIONE COMPLETA PER LA GESTIONE DELLE ATTREZZATURE AZIENDALI SWSQ - Solution Web Safety Quality srl Via Mons. Giulio Ratti, 2-26100 Cremona (CR) P. Iva/C.F. 06777700961 - Cap. Soc. 10.000,00 I.V. -

Dettagli

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali

DynDevice ECM. La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali DynDevice ECM La Suite di applicazioni web per velocizzare, standardizzare e ottimizzare il flusso delle informazioni aziendali Presentazione DynDevice ECM Cos è DynDevice ICMS Le soluzioni di DynDevice

Dettagli

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro.

top Le funzioni di stampa prevedono elenchi, etichette, statistiche e molto altro. La collana TOP è una famiglia di applicazioni appositamente studiata per il Terzo Settore. Essa è stata infatti realizzata in continua e fattiva collaborazione con i clienti. I programmi di questa collana

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

Curriculum Vitae Europass

Curriculum Vitae Europass Curriculum Vitae Europass Informazioni personali Cognome/i nome/i Castelli Flavio Email flavio.castelli@gmail.com Sito web personale http://www.flavio.castelli.name Nazionalità Italiana Data di nascita

Dettagli

Introduzione al GIS (Geographic Information System)

Introduzione al GIS (Geographic Information System) Introduzione al GIS (Geographic Information System) Sommario 1. COS E IL GIS?... 3 2. CARATTERISTICHE DI UN GIS... 3 3. COMPONENTI DI UN GIS... 4 4. CONTENUTI DI UN GIS... 5 5. FASI OPERATIVE CARATTERIZZANTI

Dettagli

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base

ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Un po di Storia ISP & Web Engineering ALFABETIZZAZIONE DI BASE Programma del Corso livello base Breve cenno sulla storia dell informatica: dagli albori ai giorni nostri; L evoluzione di Windows: dalla

Dettagli

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione

Piazza delle Imprese alimentari. Viale delle Manifatture. Via della Produzione Piazza delle Imprese alimentari Viale delle Manifatture Via della Produzione PASSEPARTOUT MEXAL è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente

Dettagli

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE

PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE PROPOSTE SISTEMA DI CITIZEN RELATIONSHIP MANAGEMENT (CRM) REGIONALE Versione 1.0 Via della Fisica 18/C Tel. 0971 476311 Fax 0971 476333 85100 POTENZA Via Castiglione,4 Tel. 051 7459619 Fax 051 7459619

Dettagli

Accesso in cloud alle informazioni mul1mediali, provenien1 da più fon1 e canali di comunicazione (Es. rassegna stampa)

Accesso in cloud alle informazioni mul1mediali, provenien1 da più fon1 e canali di comunicazione (Es. rassegna stampa) Accesso in cloud alle informazioni mul1mediali, provenien1 da più fon1 e canali di comunicazione (Es. rassegna stampa) Massimiliano Viglian1 Solu1on Specialist Applica1on Division CBT Comunicazione integrata

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Laura Bacci, PMP Via Tezze, 36 46100 MANTOVA Telefono (+39) 348 6947997 Fax (+39) 0376 1810801

Dettagli

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive

MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive 1 MyMedia Portal LMS un servizio SaaS di e-learning basato sul Video Streaming per la vendita on line di Lezioni Multimediali interattive Cos è un servizio di e-learning SaaS, multimediale, interattivo

Dettagli

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale

nasce il futuro v secolo a. c. agorà virtuale dell e-learning nasce il futuro v secolo a. c. Con Agorà, nell antica Grecia, si indicava la piazza principale della polis, il suo cuore pulsante, il luogo per eccellenza di una fertilità culturale e scientifica

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina

Sistemi di supporto alle decisioni Ing. Valerio Lacagnina Cosa è il DSS L elevato sviluppo dei personal computer, delle reti di calcolatori, dei sistemi database di grandi dimensioni, e la forte espansione di modelli basati sui calcolatori rappresentano gli sviluppi

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi

AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma. Unified Process. Prof. Agostino Poggi AOT Lab Dipartimento di Ingegneria dell Informazione Università degli Studi di Parma Unified Process Prof. Agostino Poggi Unified Process Unified Software Development Process (USDP), comunemente chiamato

Dettagli

Elaidon Web Solutions

Elaidon Web Solutions Elaidon Web Solutions Realizzazione siti web e pubblicità sui motori di ricerca Consulente Lorenzo Stefano Piscioli Via Siena, 6 21040 Gerenzano (VA) Telefono +39 02 96 48 10 35 elaidonwebsolutions@gmail.com

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale

Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Suite o servizio: Arkottica migliora l organizzazione aziendale Gestisci. Organizza. Risparmia. Una lunga storia, uno sguardo sempre rivolto al futuro. InfoSvil è una società nata nel gennaio 1994 come

Dettagli

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade)

2. Infrastruttura e sicurezza (Equivalente al Pillar 2-3 e 4 della Ade) AGENDA DIGITALE ITALIANA 1. Struttura dell Agenda Italia, confronto con quella Europea La cabina di regia parte con il piede sbagliato poiché ridisegna l Agenda Europea modificandone l organizzazione e

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 9 -

Informatica per la comunicazione - lezione 9 - Informatica per la comunicazione" - lezione 9 - Protocolli di livello intermedio:" TCP/IP" IP: Internet Protocol" E il protocollo che viene seguito per trasmettere un pacchetto da un host a un altro, in

Dettagli

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate

Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Email Ras - CARROZZIERI Pag. 1 di 17 Gestione Email Gruppo RAS Carrozzerie Convenzionate Notizie Generali Email Ras - CARROZZIERI Pag. 2 di 17 1.1 Protocollo Gruppo RAS Questo opuscolo e riferito al Protocollo

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 10 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Nomenclatura: 1 La rappresentazione di uno schema richiede una serie di abbreviazioni per i vari componenti. Seguiremo

Dettagli

Indicizzazione terza parte e modello booleano

Indicizzazione terza parte e modello booleano Reperimento dell informazione (IR) - aa 2014-2015 Indicizzazione terza parte e modello booleano Gruppo di ricerca su Sistemi di Gestione delle Informazioni (IMS) Dipartimento di Ingegneria dell Informazione

Dettagli

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it

Profilo Aziendale ISO 9001: 2008. METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it ISO 9001: 2008 Profilo Aziendale METISOFT spa - p.iva 00702470675 - www.metisoft.it - info@metisoft.it Sede legale: * Viale Brodolini, 117-60044 - Fabriano (AN) - Tel. 0732.251856 Sede amministrativa:

Dettagli

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA

GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA GESTIRE LA BIBLIOGRAFIA STRUMENTI DI GESTIONE BIBLIOGRAFICA I software di gestione bibliografica permettono di raccogliere, catalogare e organizzare diverse tipologie di materiali, prendere appunti, formattare

Dettagli

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi

L evoluzione del software per l azienda moderna. Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL GESTIONALE DEL FUTURO L evoluzione del software per l azienda moderna Gestirsi / Capirsi / Migliorarsi IL MERCATO ITALIANO L Italia è rappresentata da un numero elevato di piccole e medie aziende che

Dettagli

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR

I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR I N F I N I T Y Z U C C H E T T I WORKFLOW HR WORKFLOW HR Zucchetti, nell ambito delle proprie soluzioni per la gestione del personale, ha realizzato una serie di moduli di Workflow in grado di informatizzare

Dettagli

L 8 maggio 2002 il Ministero

L 8 maggio 2002 il Ministero > > > > > Prima strategia: ascoltare le esigenze degli utenti, semplificare il linguaggio e la navigazione del sito. Seconda: sviluppare al nostro interno le competenze e le tecnologie per gestire in proprio

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali

AlboTop. Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali AlboTop Software di gestione Albo per Ordini Assistenti Sociali Introduzione AlboTop è il nuovo software della ISI Sviluppo Informatico per la gestione dell Albo professionale dell Ordine Assistenti Sociali.

Dettagli

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità

Utilizzato con successo nei più svariati settori aziendali, con Passepartout Mexal BP ogni utente può disporre di funzionalità PASSEPARTOUT MEXAL BP è una soluzione gestionale potente e completa per le imprese che necessitano di un prodotto estremamente flessibile, sia dal punto di vista tecnologico sia funzionale. Con più di

Dettagli

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi

APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO. Francesco Marchione e Dario Richichi APPLICAZIONE WEB PER LA GESTIONE DELLE RICHIESTE DI ACQUISTO DEL MATERIALE INFORMATICO Francesco Marchione e Dario Richichi Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia Sezione di Palermo Indice Introduzione...

Dettagli

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control

Asset sotto controllo... in un TAC. Latitudo Total Asset Control Asset sotto controllo... in un TAC Latitudo Total Asset Control Le organizzazioni che hanno implementato e sviluppato sistemi e processi di Asset Management hanno dimostrato un significativo risparmio

Dettagli

Studio di retribuzione 2014

Studio di retribuzione 2014 Studio di retribuzione 2014 TECHNOLOGY Temporary & permanent recruitment www.pagepersonnel.it EDITORIALE Grazie ad una struttura costituita da 100 consulenti e 4 uffici in Italia, Page Personnel offre

Dettagli

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget

IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Data Sheet IBM Cognos 8 BI Midmarket Reporting Packages Per soddisfare tutte le vostre esigenze di reporting restando nel budget Panoramica Le medie aziende devono migliorare nettamente le loro capacità

Dettagli

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL?

SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? archiviazione ottica, conservazione e il protocollo dei SAI QUANTO TEMPO IMPIEGHI A RINTRACCIARE UN DOCUMENTO, UN NUMERO DI TELEFONO O UNA E-MAIL? Il software Facile! BUSINESS Organizza l informazione

Dettagli

Progettazione di un DB....in breve

Progettazione di un DB....in breve Progettazione di un DB...in breve Cosa significa progettare un DB Definirne struttura,caratteristiche e contenuto. Per farlo è opportuno seguire delle metodologie che permettono di ottenere prodotti di

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO

RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO RELAZIONI TRA SERVIZI PER L IMPIEGO E AZIENDE-UTENTI L IMPATTO DELLE PROCEDURE INFORMATIZZATE a cura di Germana Di Domenico Elaborazione grafica di ANNA NARDONE Monografie sul Mercato del lavoro e le politiche

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI

E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA OTTIMIZZAZIONE DEI PROCESSI AZIENDALI E-MAIL INTEGRATA Ottimizzazione dei processi aziendali Con il modulo E-mail Integrata, NTS Informatica ha realizzato uno strumento di posta elettronica

Dettagli

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione

Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Questionario di valutazione: la preparazione di un istituzione Abbiamo creato questo questionario per aiutarti a prepararti per il workshop e per farti pensare ai diversi aspetti delle collezioni digitali

Dettagli

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace:

Introduzione. E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Overview tecnica Introduzione E un sistema EAI molto flessibile, semplice ed efficace: Introduce un architettura ESB nella realtà del cliente Si basa su standard aperti Utilizza un qualsiasi Application

Dettagli

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001

Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Energy Data Management System (EDMS): la soluzione software per una gestione efficiente dell energia secondo lo standard ISO 50001 Oggi più che mai, le aziende italiane sentono la necessità di raccogliere,

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

Informatica. Scopo della lezione

Informatica. Scopo della lezione 1 Informatica per laurea diarea non informatica LEZIONE 1 - Cos è l informatica 2 Scopo della lezione Introdurre le nozioni base della materia Definire le differenze tra hardware e software Individuare

Dettagli

Lezione su Informatica di Base

Lezione su Informatica di Base Lezione su Informatica di Base Esplora Risorse, Gestione Cartelle, Alcuni tasti di scelta Rapida Domenico Capano D.C. Viterbo: Lunedì 21 Novembre 2005 Indice Una nota su questa lezione...4 Introduzione:

Dettagli

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA

PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA PROGETTO FORMATIVO ECM TEORICO-PRATICO in INFORMATICA MEDICA SEDE: ORDINE DEI MEDICI E DEGLI ODONTOIATRI DELLA PROVINCIA DI LECCE Via Nazario Sauro, n. 31 LECCE Presentazione Progetto: Dal 9 Novembre 2013

Dettagli

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO

REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06) ALLEGATO N. 1 CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SERVIZIO REGIONE BASILICATA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE, REALIZZAZIONE E GESTIONE DEL SISTEMA INTEGRATO SERB ECM DELLA REGIONE BASILICATA (ART. 125 DEL D.LGS. N. 163/06)

Dettagli

Mario Polito IARE: Press - ROMA

Mario Polito IARE: Press - ROMA Mario Polito info@mariopolito.it www.mariopolito.it IMPARARE A STUD IARE: LE TECNICHE DI STUDIO Come sottolineare, prendere appunti, creare schemi e mappe, archiviare Pubblicato dagli Editori Riuniti University

Dettagli

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho

Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Web conferencing e collaborazione in tempo reale su Internet: la piattaforma Meetecho Tobia Castaldi Alessandro Amirante Lorenzo Miniero Simon Pietro Romano Giorgio Ventre 02/10/2009 GARR 2009 "Network

Dettagli

BPEL: Business Process Execution Language

BPEL: Business Process Execution Language Ingegneria dei processi aziendali BPEL: Business Process Execution Language Ghilardi Dario 753708 Manenti Andrea 755454 Docente: Prof. Ernesto Damiani BPEL - definizione Business Process Execution Language

Dettagli

Company Profile 2014

Company Profile 2014 Company Profile 2014 Perché Alest? Quando una nuova azienda entra sul mercato, in particolare un mercato saturo come quello informatico viene da chiedersi: perché? Questo Company Profile vuole indicare

Dettagli

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA

MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA Allegato 1 al bando di gara SCUOLA TELECOMUNICAZIONI FF.AA. CHIAVARI REQUISITO TECNICO OPERATIVO MASTER UNIVERSITARI CORSI di PERFEZIONAMENTO CORSI di FORMAZIONE AVANZATA MASTER DI 2 LIVELLO 1. DIFESA

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

Progetto Didattico di Informatica Multimediale

Progetto Didattico di Informatica Multimediale Progetto Didattico di Informatica Multimediale VRAI - Vision, Robotics and Artificial Intelligence 20 aprile 2015 Rev. 18+ Introduzione Le videocamere di riconoscimento sono strumenti sempre più utilizzati

Dettagli

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale

Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Progetto ideato e organizzato dal Consorzio Gioventù Digitale Referenti: Coordinatore Scuole dott. Romano Santoro Coordinatrice progetto dott.ssa Cecilia Stajano c.stajano@gioventudigitale.net Via Umbria

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale

Il Business Process Management: nuova via verso la competitività aziendale Il Business Process Management: nuova via verso la competitività Renata Bortolin Che cosa significa Business Process Management? In che cosa si distingue dal Business Process Reingeneering? Cosa ha a che

Dettagli

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA

REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA REALIZZARE UN MODELLO DI IMPRESA - organizzare e gestire l insieme delle attività, utilizzando una piattaforma per la gestione aziendale: integrata, completa, flessibile, coerente e con un grado di complessità

Dettagli

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai

Articolo. Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai Articolo Dieci buoni motivi per acquistare una telecamere di rete Ovvero, quello che il vostro fornitore di telecamere analogiche non vi dirà mai INDICE Introduzione 3 Dieci cose che il vostro fornitore

Dettagli

RUP (Rational Unified Process)

RUP (Rational Unified Process) RUP (Rational Unified Process) Caratteristiche, Punti di forza, Limiti versione del tutorial: 3.3 (febbraio 2007) Pag. 1 Unified Process Booch, Rumbaugh, Jacobson UML (Unified Modeling Language) notazione

Dettagli

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT

Copyright Università degli Studi di Torino, Progetto Atlante delle Professioni 2009 IT PROCESS EXPERT IT PROCESS EXPERT 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 3 3. DOVE LAVORA... 4 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 5 5. COMPETENZE... 6 Quali competenze sono necessarie... 6 Conoscenze... 8 Abilità... 9 Comportamenti

Dettagli

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica.

FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. Studio FORM FORM Il sistema informativo di gestione della modulistica elettronica. We believe in what we create This is FORM power La soluzione FORM permette di realizzare qualsiasi documento in formato

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte

DAT@GON. Gestione Gare e Offerte DAT@GON Gestione Gare e Offerte DAT@GON partecipare e vincere nel settore pubblico La soluzione sviluppata da Revorg per il settore farmaceutico, diagnostico e di strumentazione medicale, copre l intero

Dettagli

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office

Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit. Un Prodotto della Suite BOC Management Office Gestione delle Architetture e dei Servizi IT con ADOit Un Prodotto della Suite BOC Management Office Controllo Globale e Permanente delle Architetture IT Aziendali e dei Processi IT: IT-Governance Definire

Dettagli

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009

Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Corso SOL Gestione catalogo libro moderno 21-22 settembre 2009 Introduzione generale Autenticazione dell operatore https://sebina1.unife.it/sebinatest Al primo accesso ai servizi di Back Office, utilizzando

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica

Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Università degli Studi di Bergamo Policy sull accesso aperto (Open Access) alla letteratura scientifica Indice 1 Definizioni 2 Premesse 3 Commissione di Ateneo per l Accesso aperto 4 Gruppo di lavoro 5

Dettagli

Definizione e struttura della comunicazione

Definizione e struttura della comunicazione Definizione e struttura della comunicazione Sono state date molteplici definizioni della comunicazione; la più semplice e comprensiva è forse questa: passaggio di un'informazione da un emittente ad un

Dettagli

GUIDA ALL INSTALLAZIONE

GUIDA ALL INSTALLAZIONE GUIDA ALL INSTALLAZIONE INTRODUZIONE BENVENUTO Benvenuto in SPARK XL l applicazione TC WORKS dedicata al processamento, all editing e alla masterizzazione di segnali audio digitali. Il design di nuova

Dettagli

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea

Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Assessorato regionale dell'agricoltura, dello sviluppo rurale e della pesca mediterranea Dipartimento della pesca mediterranea Ufficio del Responsabile Unico della Regione Sicilia per il Cluster Bio-Mediterraneo

Dettagli

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore)

Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Manuale d uso Apache OpenMeetings (Manuale Utente + Manuale Amministratore) Autore: Matteo Veroni Email: matver87@gmail.com Sito web: matteoveroni@altervista.org Fonti consultate: http://openmeetings.apache.org/

Dettagli

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI

I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI I MIGLIORI SI RICONOSCONO DAI RISULTATI LO STRUMENTO PER GESTIRE A 360 LE ATTIVITÀ DELLO STUDIO, CON IL MOTORE DI RICERCA PIÙ INTELLIGENTE, L UNICO CHE TI CAPISCE AL VOLO. www.studiolegale.leggiditalia.it

Dettagli

Relazione sul data warehouse e sul data mining

Relazione sul data warehouse e sul data mining Relazione sul data warehouse e sul data mining INTRODUZIONE Inquadrando il sistema informativo aziendale automatizzato come costituito dall insieme delle risorse messe a disposizione della tecnologia,

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

Attiva la APP di GoToMeeting. Clicca su ATTIVA APP

Attiva la APP di GoToMeeting. Clicca su ATTIVA APP Questo breve manuale ha lo scopo di mostrare la procedura con la quale interfacciare la piattaforma di web conferencing GoToMeeting e la tua piattaforma E-Learning Docebo. Questo interfacciamento consente

Dettagli

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1

dott.ssa C.ristina Mugnai Revisione: 1 Tipo di documento: Progetto - Commissione Didattica 27 giugno 2011 Pag. 1 di 9 Premessa Il progetto nasce con l obiettivo di: a) informatizzare il processo di presentazione della domanda di laurea in analogia

Dettagli