Gestione di risorse per teche digitali con tecnologie MPEG-7, XML e Java

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gestione di risorse per teche digitali con tecnologie MPEG-7, XML e Java"

Transcript

1 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI ROMA TRE FACOLTÀ DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INFORMATICA Tesi di Laurea Gestione di risorse per teche digitali con tecnologie MPEG-7, XML e Java Candidato Federico Tonioni Relatore prof. P.Atzeni Università degli studi Roma Tre Correlatore Ing. F.Romano Anno Accademico 2001/2002

2 Io non so perché è tutto così vero, che descrivere è impossibile bisogna immaginare 1

3 Indice Indice...2 Indice delle figure...7 Premessa...11 CONTESTO Contesto generale Internet, il grande archivio di contenuti multimediali Scenario Bisogni e prospettive: lo standard MPEG Contesto di lavoro Gli archivi audiovisivi digitali Cos è un archivio digitale? Principali questioni sui sistemi di gestione di risorse digitali I maggiori archivi multimediali mondiali Gli archivi multimediali radiotelevisivi Le Teche RAI Obiettivi e utenti delle Teche RAI Il patrimonio di risorse della RAI Il Catalogo Multimediale e il motore di ricerca Octopus Nuove possibilità di utilizzo per gli utenti Il progetto Internet TV: sua collocazione nell ambito delle Teche RAI La fase 3 del progetto Internet TV: News Archive System...29 TECNOLOGIE DI SVILUPPO Java e XML Cosa è XML (extensible Markup Language)? Cosa rende XML portabile? Importanza di XML

4 3.1.3 Usi di XML Tecnologie XML Tecnologie di validazione e schemi standard Tecnologie XML di parsing: SAX e DOM Tecnologie XML di traduzione: XSL e XSLT Tecnologie XML di manipolazione dei dati e di retrieval: XPath Tecnologie XML di salvataggio dei dati Breve introduzione a Java Le API Java per XML JAXP Uso di JAXP con DOM e XSLT I database e XML Un documento XML è un database? Uso e contesto per la scelta del tipo di database Dati o documenti Documenti data-centric Documenti document-centric Dati, documenti e database Database XML nativi Definizione e utilizzi Architetture di database XML nativi Quando utilizzare un database XML nativo Caratteristiche dei database XML nativi Normalizzazione, integrità referenziale e scalabilità Normalizzazione Integrità referenziale Scalabilità Apache Xindice Caratteristiche principali di Xindice Architettura globale di Xindice Memorizzazione dei dati L XML:DB API implementata da Xindice Un esempio concreto di utilizzo

5 5 JavaServer Pages, Servlet e JavaBeans Java Servlet Confronto con altre tecnologie JavaServer Pages (JSP) Confronto con altre tecnologie JavaBeans MPEG-7: Multimedia Content Description Interface Overview Introduzione a MPEG Obiettivi dello standard MPEG-7 nella realtà dei metadati multimediali Potenza e significato di uno standard Gli elementi dello standard MPEG I Descriptor I Description Scheme Il Description Definition Language MPEG-7 Multimedia Description Scheme Overview L elemento radice Mpeg7 ed i relativi tipi di livello superiore Content Description: segmentazione del contenuto multimediale...98 SVILUPPO DELL APPLICAZIONE Analisi dei requisiti Use case diagrams Gli attori del sistema Gli attori Database Manager e News Archive Administrator L attore User Diagrammi di sequenza di sistema DMCreate DMDeleteRead DMUpdate NAACreate NAADeleteRead

6 7.2.6 NAACreateMpeg USERQuery Progetto dell applicazione Architettura di News Archive System: il design pattern Model-View-Controller Un esempio per capire Applicazione dell'mvc alle Web Application J2EE Architettura reale di News Archive System Il modello dei dati dell applicazione: l XML Schema conforme a MPEG Le specifiche per i dati Definizione dello schema per l applicazione L elemento DescriptionMetadata L elemento MediaLocator: localizzazione temporale e fisica della risorsa L elemento StructuralUnit: il ruolo del segmento Audio-Video L elemento CreationInformation: creazione e classificazione L elemento UsageInformation: uso del contenuto audiovisivo L elemento MediaTime L elemento MediaSourceDecomposition : descrizione fisica del contenuto L elemento TemporalDecomposition : descrizione delle singole sequenze Aspetti salienti della progettazione del sito per News Archive System Architettura delle informazioni: modello concettuale e progetto della navigazione Supporto per gli utenti e versione in lingua inglese Implementazione Implementazione delle funzionalità per l User Ricerca di telegiornali Ricerca per servizi Implementazione di funzionalità per gli amministratori (DM, NAA) Creazione di collezioni (DM) Vista di documenti (DM,NAA) Cancellazione di elementi (DM,NAA) Inserimento di documenti (DM,NAA) Update di documenti (DM) Creazione facilitata di un documento MPEG-7 per i telegiornali (NAA)

7 10 Uso dell applicazione Un breve tour guidato News Archive Administrator: creazione di un documento MPEG Database Manager: un operazione di XUpdate User: esecuzione di una query Test di usabilità Definizione di usabilità I princìpi di usabilità Considerazioni di usabilità sul News Archive System IN CONCLUSIONE Risultati ottenuti e sviluppi futuri Bibliografia Appendici App.A Ambiente di sviluppo e informazioni sul codice prodotto App.B Il consorzio Elis e i Vivai d Impresa App.C I metadati App.D Unified Modeling Language App.E Lo schema dei dati App.F Un documento MPEG-7 di descrizione di un telegiornale Ringraziamenti

8 Indice delle figure Fig. 1-1 Uso della banda...16 Fig. 2-1 I maggiori archivi radiotelevisivi europei...21 Fig. 2-2 Alcuni archivi radiotelevisivi mondiali...22 Fig. 2-3 Consistenza patrimonio televisivo RAI...23 Fig. 2-4 Patrimonio area radiofonica nazionale...24 Fig. 2-5 Patrimonio di biblio-mediateca RAI...24 Fig. 2-6 Il sistema Teche RAI...27 Fig. 3-1 Gerarchia dei linguaggi XML...33 Fig. 3-2 catalog.xml - un documento XML...34 Fig. 3-3 catalog.dtd - una DTD per catalog.xml...34 Fig. 3-4 Le maggiori tecnologie e standard XML...38 Fig. 3-5 catalog.xsd - un XML Schema per catalog.xml...40 Fig. 3-6 Riferimento all XML Schema in catalog.xml...40 Fig. 3-7 La Simple API for XML...41 Fig. 3-8 Utilizzo di Document Object Model...42 Fig. 3-9 Il processo XSLT...42 Fig catalog.xsl - un foglio di stile XSL per catalog.xml...43 Fig Riferimento all XSL appropriato in catalog.xml...43 Fig Pagina HTML ottenuta dalla trasformazione XSLT di catalog.xml...44 Fig La pipeline di produzione...44 Fig Risultato di un esecuzione di un espressione XPath complessa...45 Fig Alternative XML per la memorizzazione dei dati...46 Fig Architettura di un applicazione Java...47 Fig Overview delle Java API per XML...49 Fig L architettura delle API JAXP...50 Fig I package JAXP...50 Fig Il file jaxp.properties...51 Fig L API DOM...51 Fig L API per XSLT...51 Fig Utilizzo di JAXP con XSLT...52 Fig. 4-1 Un documento data-centric

9 Fig. 4-2 Un documento document-centric...57 Fig. 4-3 I principali database XML nativi...62 Fig. 4-4 Un esempio concreto di utilizzo dell API XML:DB...74 Fig. 5-1 Architetture Web dinamiche servlet-jsp-based...77 Fig. 5-2 Una servlet di esempio...79 Fig. 5-3 Application e Web Server...82 Fig. 5-4 Separazione dei ruoli...83 Fig. 5-5 Una pagina JSP di esempio...85 Fig. 6-1 Il campo d azione dello standard MPEG Fig. 6-2 Livelli di descrizione offerti dall MDS...93 Fig. 6-3 Organizzazione dell elemento radice Mpeg7 e dei tipi di livello superiore...94 Fig. 6-4 La semantica dell elemento radice Mpeg Fig. 6-5 Strumenti di descrizione per il Content Management e il Content Description...96 Fig. 6-6 Gerarchia dei tipi di livello superiore di Content Description e Description Metadata...98 Fig. 6-7 Visione generale degli strumenti per la decomposizione dei segmenti...99 Fig. 7-1 Gli attori del sistema Fig. 7-2 Le funzionalità degli attori DM e NAA Fig. 7-3 Le funzionalità dell attore User Fig. 7-4 Diagramma di sequenza di sistema DMCreate Fig. 7-5 Diagramma di sequenza di sistema DMDeleteRead Fig. 7-6 Diagramma di sequenza di sistema DMUpdate Fig. 7-7 Diagramma di sequenza di sistema NAACreate Fig. 7-8 Diagramma di sequenza di sistema NAADeleteRead Fig. 7-9 Diagramma di sequenza di sistema NAACreateMpeg Fig Diagramma di sequenza di sistema USERQuery Fig. 8-1 Un errore progettuale Fig. 8-2 MVC Fig. 8-3 MVC nelle applicazioni Web Fig. 8-4 Architettura reale di News Archive System Fig. 8-5 Struttura dei dati per la descrizione dei telegiornali RAI Fig. 8-6 L elemento DescriptionMetadata Fig. 8-7 Semantica dei descrittori di DescriptionMetadata DS utilizzati Fig. 8-8 Struttura gerarchica del DescriptionMetadataType

10 Fig. 8-9 L elemento MediaLocator Fig Struttura gerarchica di MediaLocatorType Fig L'elemento StructuralUnit Fig L elemento CreationInformation Fig Struttura gerarchica di CreationType Fig Semantica di CreationInformationType Fig Semantica di CreationType Fig Semantica di CreatorType Fig Semantica di CreationCoordinatesType Fig Struttura gerarchica di ClassificationType Fig Semantica di ClassificationType Fig L elemento UsageInformation Fig Struttura gerarchica di UsageInformationType Fig L elemento MediaTime Fig Semantica di MediaTimeType Fig Diagramma del MediaTimeType Fig L elemento MediaSourceDecomposition Fig Struttura gerarchica di MediaInformationType Fig Semantica di MediaFormatType Fig L elemento TemporalDecomposition Fig Struttura gerarchica di TemporalDecompositionType Fig Il modello concettuale del sito Fig Gli strumenti di navigazione Fig. 9-1 Convenzioni stilistiche Fig. 9-2 Mappa dei Class Diagram UML Fig. 9-3 Il class diagram Start Fig. 9-4 Il class diagram User Fig. 9-5 Il class diagram News Search Fig. 9-6 Il diagramma di sequenza reale per una ricerca su telegiornali Fig. 9-7 Il class diagram Report Search Fig. 9-8 Il class diagram per il Real Server Fig. 9-9 Il class diagram Administrator Login Fig Funzionalità del Database Manager Fig Funzionalità del News Archive Administrator

11 Fig Il class diagram Create Collection Fig Il class diagram View Document Fig Il class diagram Delete Items Fig Il class diagram Insert Document Fig Operazioni di update implementate Fig Il class diagram Update Fig Il diagramma di sequenza reale per un operazione di update Fig Il class diagram CreateMpeg7Doc Fig Il diagramma di sequenza reale per la creazione di un documento MPEG-7 per i telegiornali Fig Scelta del tipo di amministratore di sistema Fig Homepage del News Archive Administrator Fig La form per la creazione di un documento MPEG Fig Inserimento di un servizio Fig Homepage del Database Manager Fig Scelta dell operazione di Xupdate Fig La form per le operazioni di XUpdate Fig Homepage dell User Fig La form di News Search Fig Risultato di una query sui telegiornali Fig News Media Profile Fig Pagina di visualizzazione dei servizi di un telegiornale Fig. App-1 L XML Schema dei dati conforme a MPEG Fig. App-2 Una descrizione MPEG-7 di un telegiornale

12 Premessa Delle tante metafore utilizzate per descrivere Internet per poterne apprezzare le sue potenzialità, quella dell archivio eterno è tra le più suggestive. La Rete è infatti una sorta di archivio in cui è possibile reperire risorse assai eterogenee (testi, immagini, filmati). In più, ognuno di noi può essere, al tempo stesso, produttore e consumatore di tali risorse: si pensi, ad esempio, che con l uso di telecamere digitali, dei personal computer e della Rete stessa, ogni individuo nel mondo è potenzialmente un produttore di contenuti che possono essere facilmente distribuiti e pubblicati. Tuttavia, il valore delle informazioni, spesso se non sempre, dipende dalla facilità del loro reperimento, accesso e gestione e non dalla loro quantità. Per questo motivo, la gestione dei contenuti multimediali e la dimensione dei dati quando li si vuole memorizzare o trasmettere rendono necessario un processo di standardizzazione che descriva in maniera oggettiva le informazioni multimediali. In quest ambito di problematiche, si colloca anche la RAI Radio Televisione Italiana con le sue teche digitali. Essa utilizza diversi archivi multimediali distribuiti sul territorio nazionale per ricercare e conservare le trasmissioni, tra i quali l archivio digitale Teca Fast. I contenuti audiovisivi di Teca Fast provengono dalle tre reti nazionali e sono un patrimonio di notevole importanza per i giornalisti, documentatori o addetti alla produzione di programmi come i telegiornali. L immenso patrimonio multimediale di RAI soffre principalmente di scarsa interoperabilità tra i sistemi e mancanza di standardizzazione dei contenuti che si ripercuotono in una inefficiente ricerca delle risorse. Questa tesi è stata svolta presso la Scuola di Formazione Superiore ELIS di Roma, nell'ambito della terza fase del progetto Internet TV commissionato dalla RAI a Vivai D Impresa, una iniziativa della medesima ELIS. I risultati conseguiti nelle precedenti fasi sono riassumibili nella individuazione di uno standard per la descrizione dei dati (lo standard MPEG-7) e la realizzazione di un prototipo di gestione di un archivio digitale per i telegiornali RAI. Inizialmente, si sono studiati i progetti precedenti definendo gli obiettivi per questa terza fase. Il porting del prototipo realizzato nella seconda fase verso tecnologie completamente open source e server-side (architetture Web J2EE e database XML nativo Apache Xindice) si è indicato come obiettivo primario da perseguire, facendo particolare attenzione alla 11

13 riusabilità della nuova applicazione denominata News Archive System. Altro punto su cui si è deciso di lavorare è stato il potenziamento di alcune funzionalità della precedente versione, con priorità per l update dei documenti on-line senza dover estrarre il documento dal database, modificarlo e reinserirlo. Il mio contributo individuale è stato quello di progettare la nuova architettura, definendo scelte e motivazioni progettuali e quello di supportare attivamente l implementazione del codice. Dopo una fase di studio delle tecnologie e di scelta degli strumenti da utilizzare, ci si è concentrati sull individuazione di paradigmi progettuali che consentissero il perseguimento degli obiettivi. L architettura Model-View-Controller e il pattern J2EE Data Access Object per la definizione di un persistance Layer hanno consentito il progetto modulare, riusabile e scalabile dell applicazione. La scelta di Apache Xindice, database XML nativo open source, ha permesso di svincolarsi dal database proprietario Tamino, utilizzato nella fase precedente, per la memorizzazione dei documenti relativi ai telegiornali. Inoltre, la scelta di Xindice è stata supportata dal fatto che lo standard MPEG-7 è orientato ai documenti e dalla volontà di utilizzare un sistema in cui una modifica allo schema dei dati sia più indolore rispetto, ad esempio, ad un database relazionale. Successivamente, si è passati all implementazione dell applicazione in Java realizzando, nell ordine, un interfaccia Web general-purpose per Xindice (in questo, si è soddisfatto il requisito di riutilizzo dell applicazione in altri ambiti), la parte utente di interrogazione e la parte amministratore semplificata e specifica per l applicazione. Infine, sono stati fatti dei test sulla gestione degli errori e sull uso in genere dell applicazione con un piccolo test di usabilità. Il lavoro ultimato di News Archive System è consultabile presso l URL La tesi è organizzata in 11 capitoli, i quali sostanzialmente ripercorrono il processo di sviluppo dell applicazione: nel capitolo 1 si parla delle problematiche di più ampio respiro in cui si colloca questo lavoro, per poi trattare, nel capitolo 2, del contesto specifico dell applicazione con le questioni riguardanti gli archivi digitali televisivi, le Teche RAI e il progetto Internet TV. Nei successivi capitoli (3-6), si discutono le tecnologie di sviluppo 12

14 utilizzate (Java e XML, database XML nativi, JSP-Servlet-JavaBeans e lo standard MPEG-7), in maniera non esaustiva ma piuttosto qualitativa e mirata all utilizzo nell applicazione. Nel capitolo 7, vengono descritti i requisiti funzionali dell applicazione mentre nel capitolo 8 si trattano la progettazione dell applicazione, la scelta dei componenti software, le specifiche sui dati e la definizione dello schema. Nel capitolo 9, viene descritta l implementazione dell applicazione mediante diagrammi UML, già utilizzati nei precedenti capitoli. Il capitolo 10 descrive l uso dell applicazione mediante un tour guidato e un piccolo test di usabilità. Nel capitolo 11, invece, vengono tratte le conclusioni su questa esperienza ed individuati i possibili sviluppi futuri. Nelle appendici vengono fornite informazioni sul codice prodotto e sull ambiente di sviluppo, sul centro ELIS e sui Vivai d Impresa, sui metadati, su UML e, infine, viene riportato lo schema dei dati e un documento MPEG-7 di esempio. 13

15 Contesto 14

16 1 Contesto generale 1.1 Internet, il grande archivio di contenuti multimediali Scenario Internet non è solo un entità che eroga servizi, ma soprattutto un inesauribile fonte di informazioni di ogni genere messe in rete perché possano essere condivise. Una specie di archivio senza un centro e una periferia nel quale, insomma è possibile reperire risorse spesso liberamente accessibili. Un altra importante caratteristica della rete è, inoltre, la capacità che essa ha di supportare file di tipo multimediale: non solo testi, dunque, ma anche immagini, audio e video. Abbiamo tratteggiato quindi la fisionomia del perfetto archivio: in grado di immagazzinare un numero infinito di documenti, anche multimediali, senza limiti di spazio, e di renderli accessibili a privati o ad istituzioni, gratuitamente o a pagamento. Insomma, l unico mezzo in grado di eternare testimonianze, documenti originali, rappresentazioni, che abbiano carattere storico o interesse culturale. Un altro elemento su cui porre attenzione è che, con l avvento di apparecchiature dalla potenza fino a pochi anni fa inimmaginabile, e, soprattutto, con la crescita esponenziale di Internet e delle reti di computer in generale, la diffusione di documenti multimediali si è espansa a vista d occhio. Questo è dovuto al fatto che produrre contenuto multimediale oggi è decisamente più semplice che in passato. Con l uso di telecamere digitali, dei personal computer e della Rete stessa, ad esempio, ogni individuo nel mondo è potenzialmente un produttore di contenuti che possono essere facilmente distribuiti e pubblicati. Le stesse tecnologie rendono disponibile on-line il contenuto stesso, che sarebbe rimasto, solo qualche anno fa, inaccessibile. Ne segue che al giorno d oggi, come si può facilmente verificare, qualunque tipo di informazione è corredata, come minimo, da immagini di vario tipo (fotografie, disegni, grafici) se non da contenuti di più alta complessità come suoni (musica, suoni, parlato ), filmati e una combinazione di essi in diversi scenari (fig.1-1). 15

17 Fig. 1-1 Uso della banda Inoltre è sempre più vasto il campo di sistemi elettronici che utilizzano tali media in modo automatico, non solo per lo scambio di questi ma anche per operazioni decisamente più complesse come l'indicizzazione, il filtraggio e via dicendo. Oggi quindi si può con sicurezza affermare che il valore delle informazioni spesso, se non sempre, dipende dalla facilità del loro reperimento, accesso e gestione. Altra questione fondamentale è la dimensione di tali dati quando li si deve memorizzare e/o trasmettere. Ciò fa sì che una gestione efficiente non sia per nulla semplice, sia in ambito locale (impiego di grandi quantità di dispositivi di storage secondari) che in ambito distribuito, in cui un ulteriore inconveniente risulta essere la larghezza di banda dei canali di comunicazione, tipicamente sempre troppo limitata rispetto alle reali esigenze di trasmissione. Un altro problema, tangibile per ogni utente, anche il meno esperto, è la gestione di tali contenuti multimediali, per esempio nella ricerca di immagini su Web. Gli attuali motori di ricerca, infatti, basano la loro esplorazione esclusivamente sulla parte testuale di un documento, tralasciando ogni contenuto multimediale presente, se non per il titolo del file che contiene tale informazione. Inoltre, i motori di ricerca si affidano ad operatori umani per descrivere il contenuto multimediale mediante parole chiave e annotazioni. Per due ragioni un tale fatto è sempre più inaccettabile: per prima cosa, è un processo assai costoso e il costo aumenta continuamente all aumentare dei contenuti; secondariamente, queste descrizioni sono soggettive e il loro uso è spesso limitato al dominio dell applicazione per la quale le descrizioni sono state create. I fatti dimostrano altresì che le ricerche utente sono basate sul contenuto e sulla sua semantica più che sul media stesso. L'utente, nei motori di ricerca tradizionali, trova quindi difficoltà nell' "adattarsi" al sistema e traslare le sue richieste (di alto livello) in un set di feature (caratteristiche) comprensibili dal motore (quindi di basso livello). 16

18 Viene a mancare, in ultima analisi, quello che viene chiamato quality access to content (ossia la qualità dell'accesso ai contenuti), che per essere realizzato implica soluzioni innovative nell'identificazione dei contenuti, e tecniche accurate e personalizzate di filtraggio, ricerca, reperimento e gestione Bisogni e prospettive: lo standard MPEG-7 Nello scenario appena delineato, appare dunque necessario descrivere, indicizzare e annotare, in maniera automatica e oggettiva, informazioni multimediali e specialmente dati audiovisuali per sostituire o integrare descrizioni manuali e text-based. Tali feature automaticamente estratte hanno tre vantaggi notevoli rispetto ad annotazioni umane: sono automaticamente generate, sono oggettive e indipendenti dal dominio dell applicazione e possono essere native al contenuto audiovisivo. Le descrizioni native useranno dati non testuali per descrivere contenuti, utilizzando feature come il colore, la forma, la texture (nell ambito di immagini) o timbro e melodia (nell ambito di suoni) permettendo agli utenti di fare ricerche comparando descrizioni. Ci sono, tuttavia, feature che possono essere solo espresse mediante testo, come ad esempio, l autore e il titolo di un libro. Il gruppo di esperti MPEG ( Moving Pictures Expert Group ), afferente all ISO, ha fino ad ora focalizzato la propria attenzione verso standard di compressione di dati di tipo multimediale, portando con successo alla definizione degli standard MPEG-1, MPEG-2 e MPEG-4. Attualmente, ha spostato le proprie ricerche verso nuovi scenari, riguardanti non più la compressione bensì la descrizione dei contenuti multimediali, oggi presenti in ogni ambito della comunicazione, mediante il nuovissimo standard MPEG-7 (Multimedia Content Description Interface è la denominazione formale). Il progetto MPEG-7 ha l obiettivo di specificare uno standard per descrivere i più disparati tipi di contenuto multimediale: se i suoi predecessori nella famiglia MPEG, ovvero l MPEG-1, MPEG-2 e MPEG-4, rappresentano il contenuto stesso ovvero la risorsa multimediale( i bit ), l MPEG-7 rappresenta informazione sul contenuto multimediale ( i bit sui bit ). Mentre i primi, riproducono il contenuto, l ultimo lo descrive. Alla luce di tutto ciò, si rende evidente la necessità di implementare forme di rappresentazione di tali contenuti che vadano oltre a la semplice memorizzazione e compressione dei dati (con l MPEG-1 e MPEG-2) e, al massimo, con tecnologie Object - based (con l MPEG-4). E in questo scenario che si nota l importanza di uno standard come 17

19 l MPEG-7 che come detto si basa sulla descrizione dei contenuti presenti in un documento di qualsiasi tipo. Anche senza MPEG-7, ci sono molti modi per descrivere contenuti multimediali in vari sistemi di gestione di risorse digitali. Tali sistemi, tuttavia, generalmente non permettono una ricerca su archivi differenti e non facilitano lo scambio dei contenuti tra database diversi e che usano differenti sistemi di descrizione. Tentare di risolvere questi problemi significa aumentare l interoperabilità tra sistemi differenti e la creazione di uno standard stabilisce anche un ambiente in cui strumenti di fornitori differenti possono lavorare assieme, creando un infrastruttura per una gestione trasparente dei contenuti. I punti di forza dello standard MPEG-7 sono, appunto, l aumento di interoperabilità e la prospettiva di offrire prodotti a costi più bassi attraverso la creazione di un mercato considerevole con nuovi servizi standard-based e un crescente numero di utenti. Lo standard stimolerà sia i fornitori di contenuti che gli utenti e semplificherà l intero processo di identificazione dei contenuti. Tuttavia, lo standard deve essere robusto, dato che altrimenti le soluzioni proprietarie prevarranno, ostacolando l interoperabilità. La sfida di MPEG-7 è stata quella di confrontare i bisogni con le tecnologie disponibili, o, in altre parole, di riconciliare ciò che è possibile con ciò che è utile. Nel prossimo capitolo, si vedrà come queste problematiche vengono affrontate nel campo degli archivi digitali, in particolare, concentrando l attenzione sulle Teche RAI, una struttura creata ad hoc per gestire i processi di conservazione, catalogazione e digitalizzazione sia degli archivi che dei programmi quotidianamente prodotti della RAI. 18

20 2 Contesto di lavoro In questo capitolo, si parlerà di quali siano gli aspetti fondamentali riguardanti gli archivi audiovisivi digitali, quali sono i maggiori archivi multimediali al mondo e verranno descritti gli archivi multimediali radiotelevisivi, esempio dei quali è rappresentato dalle Teche RAI. In questo contesto, si illustrerà il progetto Internet TV fino ad arrivare alle motivazioni che hanno spinto a definirne la terza fase. 2.1 Gli archivi audiovisivi digitali Cos è un archivio digitale? Un archivio digitale è un sistema di gestione di risorse digitali (Digital Asset Management System) il cui compito è quello di gestire dati in formato digitale come testo, immagini, file audio e video, di modo che questi possano essere riusabili. Un tale sistema mira a massimizzare il valore delle risorse, permettendone un agevole salvataggio e recupero accrescendo anche il loro utilizzo e protezione. Una risorsa digitale è, sostanzialmente, un file che contiene dati non strutturati come un immagine, un clip audio o video o dati strutturati come un documento che sia stato contrassegnato con informazioni descrittive. Questo metadato (per la nozione di metadato si veda l Appendice C) aiuta a definire risorse come le copertine, i capitoli o le foto di un libro, ad esempio. Così, è reso possibile il recupero e il riutilizzo di tali risorse. Alcuni esempi di risorse digitali sono rappresentati da archivi di immagini, DBMS, siti Web, ma anche dati scientifici di misurazioni o corsi di educazione a distanza (E-learning). I principali obiettivi relativi alla gestione di risorse digitali sono assicurare il controllo della proprietà (rights management) e della sicurezza, garantire l'autenticità e l integrità dei documenti, creare contenuto riusabile sia per utilizzo a breve che a lungo termine, assicurare una gestione efficace delle risorse per massimizzare efficienza, produttività e profitto, proteggere l integrità dei dati (requisiti di trasmissione e salvataggio), assicurare la permanenza dei dati (archiving), facilitare la ricerca e l aggiornamento dei contenuti (querying and updating). 19

21 2.1.2 Principali questioni sui sistemi di gestione di risorse digitali Comuni problemi che i progettisti di sistemi di gestione di risorse digitali spesso si trovano a fronteggiare sono: Scelta e limitazioni dell hardware Gestione della persistenza delle risorse nel data repository Controllo e sicurezza delle risorse digitali Gestione dei diritti Creazione del contenuto Interoperabilità tra librerie digitali 2.2 I maggiori archivi multimediali mondiali Il più alto esempio di archivio multimediale è sicuramente, anche per il valore etico dell iniziativa, il VHF, cioè Survivors of the Shoah Virtual History Fondation, nato nel 1994 per iniziativa del regista Steven Spielberg che, dopo aver girato il film Schindler s List ha provato l esigenza di approfondire lo studio della tragedia dell Olocausto. L iniziativa si è proposta di riprendere e preservare le testimonianze degli scampati ai campi di concentramento. Al momento, l archivio raccoglie oltre testimonianze di persone provenienti da 57 paesi, in 32 lingue. L accesso all incredibile messe di informazioni, preziosissime da un punto di vista storico e didattico, è possibile solo in parte, ma è allo studio la creazione di un accesso diretto via Internet anche per i privati. Il Multimedia Archive di AccuNet AP comprende il materiale raccolto dalla Associated Press, una mole imponente di fotografie, testi, audio e grafica, divisa in tre grandi database: uno dedicato interamente al nord America, uno all Europa e all Asia, e uno internazionale riservato al resto del mondo. Sono disponibili circa articoli aggiornati, audioclip dagli anni 20 fino a 48 ore fa, e in più illustrazioni, grafici e mappe. L accesso è possibile tramite abbonamento. Per quanto riguarda l Italia, da segnalare l ottimo Archivio Storico dell Istituto Luce, un organismo nato nel periodo fascista e autore dei famosi cinegiornali che anticipavano l odierna comunicazione televisiva di tipo informativa. L Istituto attualmente si occupa di promozione e distribuzione cinematografica. Sono infatti i cinegiornali, oltre i documentari e i 20

Progetto e realizzazione di un sistema di gestione di risorse multimediali basato sullo standard MPEG-7

Progetto e realizzazione di un sistema di gestione di risorse multimediali basato sullo standard MPEG-7 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Facoltà di Ingegneria Tesi di laurea: Progetto e realizzazione di un sistema di gestione di risorse multimediali basato sullo standard MPEG-7 Relatore Prof. Mario

Dettagli

2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura

2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura Fondamenti di Informatica Sistemi di Elaborazione delle Informazioni Informatica Applicata 2.1 Introduzione ai linguaggi di marcatura Antonella Poggi Anno Accademico 2012-2013 DIPARTIMENTO DI SCIENZE DOCUMENTARIE

Dettagli

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn

Piattaforma ilearn di Hiteco. Presentazione Piattaforma ilearn Presentazione Piattaforma ilearn 1 Sommario 1. Introduzione alla Piattaforma Hiteco ilearn...3 1.1. Che cos è...3 1.2. A chi è rivolta...4 1.3. Vantaggi nell utilizzo...4 2. Caratteristiche della Piattaforma

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

Concetti base. Impianti Informatici. Web application

Concetti base. Impianti Informatici. Web application Concetti base Web application La diffusione del World Wide Web 2 Supporto ai ricercatori Organizzazione documentazione Condivisione informazioni Scambio di informazioni di qualsiasi natura Chat Forum Intranet

Dettagli

LA SOLUZIONE PER LA GESTIONE DINAMICA DELLE INFORMAZIONI IN UN PORTALE

LA SOLUZIONE PER LA GESTIONE DINAMICA DELLE INFORMAZIONI IN UN PORTALE LA SOLUZIONE PER LA GESTIONE DINAMICA DELLE INFORMAZIONI IN UN PORTALE WEBVISION APPARTIENE ALLA FAMIGLIA DEI CONTENT MANAGEMENT SYSTEM PER LA GESTIONE DINAMICA DELLE INFORMAZIONI E DEL LORO LAYOUT ALL

Dettagli

Introduzione ai database I concetti fondamentali Database e DBMS Per comprendere appieno cos'è un Database e quali sono i vantaggi legati al suo impiego, soprattutto nel settore gestionale, è necessario

Dettagli

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni)

Progettazione di Sistemi Interattivi. Gli strati e la rete. Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Progettazione di Sistemi Interattivi Struttura e supporti all implementazione di applicazioni in rete (cenni) Docente: Daniela Fogli Gli strati e la rete Stratificazione da un altro punto di vista: i calcolatori

Dettagli

RICERCA DELL INFORMAZIONE

RICERCA DELL INFORMAZIONE RICERCA DELL INFORMAZIONE DOCUMENTO documento (risorsa informativa) = supporto + contenuto analogico o digitale locale o remoto (accessibile in rete) testuale, grafico, multimediale DOCUMENTO risorsa continuativa

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1 Le Basi di dati: generalità Unità di Apprendimento A1 1 1 Cosa è una base di dati In ogni modello di organizzazione della vita dell uomo vengono trattate informazioni Una volta individuate e raccolte devono

Dettagli

HTML e Linguaggi. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa. Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione

HTML e Linguaggi. Politecnico di Milano Facoltà del Design Bovisa. Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione HTML e Linguaggi Politecnico di Facoltà del Design Bovisa Prof. Gianpaolo Cugola Dipartimento di Elettronica e Informazione cugola@elet.polimi.it http://home.dei.polimi.it/cugola Indice Il linguaggio del

Dettagli

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Roccatello Ing. Eduard L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Agenda Presentazione docente Definizione calendario Questionario pre corso

Dettagli

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati Basi di dati Da leggere: Cap. 6 Sawyer, Williams (testo A) Basi di dati = database Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi -> oggi anche

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag. 1 di 8 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina Tecnologie informatiche a.s. 2015/2016 Classe: 1 a Sez. Q,R,S Docente : Prof. Emanuele Ghironi / Prof.Davide Colella Pag. 2 di 8 PERCORSI MULTIDISCIPLINARI/INTERDISCIPLINARI

Dettagli

ACRL Association of College and Research Libraries

ACRL Association of College and Research Libraries ACRL Association of College and Research Libraries Standard delle competenze per il possesso dell informazione (information literacy) nell educazione superiore Standard, indicatori di performance, obiettivi

Dettagli

Università della Svizzera italiana

Università della Svizzera italiana Università della Svizzera italiana Il sito dell Università della Svizzera italiana e l accessibilità Vs.1.0 11 / 12 / 2007 TEC-LAB WEB-SERVICE 1. INTRODUZIONE Avere accesso al web, per un utente disabile,

Dettagli

WEBsfa: l automazione della forza vendita via Web

WEBsfa: l automazione della forza vendita via Web WEBsfa: l automazione della forza vendita via Web White Paper 1 Gennaio 2005 White Paper Pag. 1 1/1/2005 L automazione della Forza Vendita Le aziende commerciali che che sviluppano e alimentano il proprio

Dettagli

catalogo corsi di formazione 2015/2016

catalogo corsi di formazione 2015/2016 L offerta formativa inserita in questo catalogo è stata suddivisa in quattro sezioni tematiche che raggruppano i corsi di formazione sulla base degli argomenti trattati. Organizzazione, progettazione e

Dettagli

EXPLOit Content Management Data Base per documenti SGML/XML

EXPLOit Content Management Data Base per documenti SGML/XML EXPLOit Content Management Data Base per documenti SGML/XML Introduzione L applicazione EXPLOit gestisce i contenuti dei documenti strutturati in SGML o XML, utilizzando il prodotto Adobe FrameMaker per

Dettagli

Uso del computer e gestione dei file. Elaborazione testi. Foglio elettronico. Strumenti di presentazione

Uso del computer e gestione dei file. Elaborazione testi. Foglio elettronico. Strumenti di presentazione Il è finalizzato a elevare il livello di competenza nell utilizzo del computer, del pacchetto Office e delle principali funzionalità di Internet. Il percorso formativo si struttura in 7 moduli Concetti

Dettagli

Technical Document Release Version 1.0. Product Sheet. MediaNews. NRCS software application

Technical Document Release Version 1.0. Product Sheet. MediaNews. NRCS software application Technical Document Release Version 1.0 Product Sheet MediaNews NRCS software application MediaNews SI Media ha negli ultimi anni concentrato i propri sforzi nella realizzazione di un innovativo sistema

Dettagli

Thea PDM. Cos è Thea PDM? Il PDM (Product Data Management)

Thea PDM. Cos è Thea PDM? Il PDM (Product Data Management) Thea PDM Il PDM (Product Data Management) Nell'industria manifatturiera il PDM è un software per la raccolta ed organizzazione dei file nelle divere fasi di ideazione, progettazione, produzione ed obsolescenza

Dettagli

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL

PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL CONSERVAZI ONE ED ACCESSI BI LI TÀ I N NTERNETDICOLLEZI ONIAUDI OVI SI VE I PHILIPPE PONCIN INSTITUT NATIONAL DE L AUDIOVISUEL 1. IL RUOLO DELLE BIBLIOTECHE AUDIOVISIVE Il fine principale è la conservazione

Dettagli

Programma. Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali. Obiettivi della conservazione digitale. Laurea Magistrale in Informatica

Programma. Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali. Obiettivi della conservazione digitale. Laurea Magistrale in Informatica Laurea Magistrale in Informatica Progettazione e Produzione di Contenuti Digitali Prof.ssa E. Gentile a.a. 2011-2012 Programma Progettazione Gli standard tecnici Ciclo di vita delle risorse digitali Trattamento

Dettagli

Architetture Software

Architetture Software Università degli Studi di Parma Facoltà di Scienze MM. FF. NN. Corso di Laurea in Informatica Ingegneria del Software Architetture Software Giulio Destri Ing. del Sw: Architettura - 1 Scopo del modulo

Dettagli

Informatica. Classe Prima

Informatica. Classe Prima Informatica Classe Prima Obiettivo formativo Conoscenze Abilità Conoscere e utilizzare il computer per semplici attività didattiche Conoscere i componenti principali del computer. o Distinguere le parti

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA. Elaborato di Tecnologie del Software per Internet UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI SISTEMI E INFORMATICA Elaborato di Tecnologie del Software per Internet JMSWEB 2 SISTEMA PER LO SCAMBIO DI MESSAGGI TRA APPLICAZIONI

Dettagli

TRAME :: web 2.0 e archivi digitali

TRAME :: web 2.0 e archivi digitali TRAME :: web 2.0 e archivi digitali Gianni Corino - Andrea Bottino Politecnico di Torino Trame Tecnologie e ambienti di rete per la memoria culturale del XXI secolo Progetto PRIN biennale (2005-2007) cofinanziato

Dettagli

Introduzione al Model-View-Controller (MVC)

Introduzione al Model-View-Controller (MVC) Introduzione al Model-View-Controller (MVC) Maurizio Cozzetto 9 Luglio 2009 Indice 1 Model-View-Controller 1 1.1 Definizione.................................................. 1 1.2 Soluzione...................................................

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Introduzione ai Database! Tipologie di DB (gerarchici, reticolari, relazionali, oodb) Introduzione ai database Cos è un Database Cos e un Data Base Management System (DBMS)

Dettagli

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici

Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Introduzione alla codifica XML per i testi umanistici Daniele Silvi, Domenico Fiormonte, Fabio Ciotti fiormont@uniroma3.it - silvi@lettere.uniroma2.it - ciotti@lettere.uniroma2.it 1 La digitalizzazione

Dettagli

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca ISTITUTO TECNICO COMMERCIALE STATALE ABBA - BALLINI Via Tirandi n. 3-25128 BRESCIA www.abba-ballini.gov.it tel. 030/307332-393363 - fax 030/303379

Dettagli

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei

Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione. Gara a procedura aperta n. 1/2007. per l appalto dei Centro Nazionale per l Informatica nella Pubblica Amministrazione Gara a procedura aperta n. 1/2007 per l appalto dei Servizi di rilevazione e valutazione sullo stato di attuazione della normativa vigente

Dettagli

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati

Il File System. È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Il File System È la componente del S.O. che si occupa della gestione della memoria di massa e dell organizzazione logica dei dati Le operazioni supportate da un file system sono: eliminazione di dati modifica

Dettagli

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.Andrea Luppichini Prof. Marco Fiorentinini DISCIPLINA Informatica

PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015) Prof.Andrea Luppichini Prof. Marco Fiorentinini DISCIPLINA Informatica Istituto Tecnico Commerciale Statale e per Geometri E. Fermi Pontedera (Pi) Via Firenze, 51 - Tel. 0587/213400 - Fax 0587/52742 http://www.itcgfermi.it E-mail: mail@itcgfermi.it PIANO DI LAVORO (a.s. 2014/2015)

Dettagli

Sistemi Informativi e WWW

Sistemi Informativi e WWW Premesse Sistemi Informativi e WWW WWW: introduce un nuovo paradigma di diffusione (per i fornitori) e acquisizione (per gli utilizzatori) delle informazioni, con facilità d uso, flessibilità ed economicità

Dettagli

dei documenti audiovisivi e delle informazioni

dei documenti audiovisivi e delle informazioni I criteri di usabilità e l organizzazione on-line dei documenti audiovisivi e delle informazioni Ornella Nicotra A.A. 2001-2002 Modulo europeo Action Jean Monnet Scuola Speciale per Archivisti e Bibliotecari

Dettagli

ADA. E learning e open source

ADA. E learning e open source 1 ADA. E learning e open source ADA 1.7.1 Come cresce un Ambiente Digitale per l'apprendimento open source Maurizio Graffio Mazzoneschi 2 Cos'è il software libero Libertà 0, o libertà fondamentale: la

Dettagli

Il sistema operativo

Il sistema operativo Il sistema operativo Percorso di Preparazione agli Studi di Ingegneria Università degli Studi di Brescia Docente: Massimiliano Giacomin Cos è un Sistema Operativo? Per capirlo, immaginiamo inizialmente

Dettagli

I metadati per la gestione e conservazione dei documenti elettronici. Fiorella Foscarini Firenze, 17 giugno 2007

I metadati per la gestione e conservazione dei documenti elettronici. Fiorella Foscarini Firenze, 17 giugno 2007 I metadati per la gestione e conservazione dei documenti elettronici Fiorella Foscarini Firenze, 17 giugno 2007 Argomenti Che cosa sono i metadati Criticità relative a definizione, indentificazione e classificazione

Dettagli

I punti preliminari da trattare

I punti preliminari da trattare Alma Mater Studiorum Università di Bologna Facoltà di Economia - Bologna CLEA, CLED, CLEF,CLEM Prof. Jacopo Di Cocco Idoneità informatica e Sistemi informatici Parte prima Il word wide web e l informazione

Dettagli

Organizzazione delle informazioni: Database

Organizzazione delle informazioni: Database Organizzazione delle informazioni: Database Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica

Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria. Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione Facoltà di Ingegneria Laurea Magistrale in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea Sistema informativo per la gestione dei processi

Dettagli

INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING

INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING INFORMATICA CORSI DELL'INDIRIZZO TECNICO CLASSI PRIME AMMINISTRAZIONE - FINANZA E MARKETING Modulo propedeutico Le lezioni teoriche sono sviluppate sui seguenti argomenti: Struttura dell elaboratore: CPU,

Dettagli

Configuratore di Prodotto Diapason

Configuratore di Prodotto Diapason Configuratore di Prodotto Diapason Indice Scopo di questo documento...1 Perché il nuovo Configuratore di Prodotto...2 Il configuratore di prodotto...3 Architettura e impostazione tecnica...5 Piano dei

Dettagli

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico Introduzione alle basi di dati Introduzione alle basi di dati Gestione delle informazioni Base di dati Modello dei dati Indipendenza dei dati Accesso ai dati Vantaggi e svantaggi dei DBMS Gestione delle

Dettagli

Applicazioni e Architetture Internet. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma

Applicazioni e Architetture Internet. T. Catarci, M. Scannapieco, Corso di Basi di Dati, A.A. 2008/2009, Sapienza Università di Roma Applicazioni e Architetture Internet 1 Introduzione Introduzione alle architetture a tre livelli Formati di dati per il Web HTML, XML, DTD 2 Componenti dei sistemi dataintensive Tre tipi separati di funzionalità:

Dettagli

Video Comunicazione su Rete Internet

Video Comunicazione su Rete Internet Video Comunicazione su Rete Internet 1 Introduzione alla comunicazione video su rete Internet. La rapida evoluzione dell Information Technology negli ultimi anni ha contribuito in maniera preponderante

Dettagli

Piano didattico. Disporre il testo in colonne. Modificare l aspetto di un grafico

Piano didattico. Disporre il testo in colonne. Modificare l aspetto di un grafico Piano didattico Word Specialist Creare un documento Iniziare con Word Creare un documento Salvare un file per utilizzarlo in un altro programma Lavorare con un documento esistente Modificare un documento

Dettagli

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER

DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER DATABASE IN RETE E PROGRAMMAZIONE LATO SERVER L architettura CLIENT SERVER è l architettura standard dei sistemi di rete, dove i computer detti SERVER forniscono servizi, e computer detti CLIENT, richiedono

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

Laboratorio Matematico Informatico 2

Laboratorio Matematico Informatico 2 Laboratorio Matematico Informatico 2 (Matematica specialistica) A.A. 2006/07 Pierluigi Amodio Dipartimento di Matematica Università di Bari Laboratorio Matematico Informatico 2 p. 1/1 Informazioni Orario

Dettagli

Basi di dati. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti

Basi di dati. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti Basi di dati Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti Anno Accademico 2008/2009 Introduzione alle basi di dati Docente Pierangelo

Dettagli

Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria

Università degli Studi Roma Tre Dipartimento di Informatica ed automazione. Facoltà di Ingegneria Università degli Studi "Roma Tre" Dipartimento di Informatica ed automazione Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Tesi di Laurea AUTENTICAZIONE PER APPLICAZIONI WEB Relatore

Dettagli

CLASSE PRIMA Istruzione Professionale Servizi Commerciali a.s. 2013/14

CLASSE PRIMA Istruzione Professionale Servizi Commerciali a.s. 2013/14 IIS Almerico Da Schio - DISCIPLINA: Informatica e Laboratorio CLASSE PRIMA Istruzione Professionale Servizi Commerciali a.s. 2013/14 COMPETENZE ABILITÀ/ CAPACITÀ CONOSCENZE dei linguaggi L1 Utilizzare

Dettagli

Gestione Requisiti. Ingegneria dei Requisiti. Requisito. Tipi di Requisiti e Relativi Documenti. La gestione requisiti consiste in

Gestione Requisiti. Ingegneria dei Requisiti. Requisito. Tipi di Requisiti e Relativi Documenti. La gestione requisiti consiste in Ingegneria dei Requisiti Il processo che stabilisce i servizi che il cliente richiede I requisiti sono la descrizione dei servizi del sistema Funzionalità astratte che il sistema deve fornire Le proprietà

Dettagli

SWIM v2 Design Document

SWIM v2 Design Document PROGETTO DI INGEGNERIA DEL SOFTWARE 2 SWIM v2 DD Design Document Matteo Danelli Daniel Cantoni 22 Dicembre 2012 1 Indice Progettazione concettuale Modello ER Entità e relazioni nel dettaglio User Feedback

Dettagli

Ciclo di Vita Evolutivo

Ciclo di Vita Evolutivo Ciclo di Vita Evolutivo Prof.ssa Enrica Gentile a.a. 2011-2012 Modello del ciclo di vita Stabiliti gli obiettivi ed i requisiti Si procede: All analisi del sistema nella sua interezza Alla progettazione

Dettagli

Online Sessione AIDA

Online Sessione AIDA Online Sessione AIDA Londra 2 dicembre 2003 Roma 31 marzo 2004 Il content management per la ricerca e la didattica Paola Gargiulo gargiulo@caspur.it Sommario di cosa parliamo quando parliamo di content

Dettagli

Elementi di Informatica e Programmazione

Elementi di Informatica e Programmazione Elementi di Informatica e Programmazione La Rete Internet Corsi di Laurea in: Ingegneria Civile Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Università degli Studi di Brescia Che cos è Internet? Il punto

Dettagli

Presentazione della tesi di laurea di Flavio Casadei Della Chiesa. Newsletter: un framework per una redazione web

Presentazione della tesi di laurea di Flavio Casadei Della Chiesa. Newsletter: un framework per una redazione web Presentazione della tesi di laurea di Flavio Casadei Della Chiesa Newsletter: un framework per una redazione web Argomenti trattati nella presentazione Internet, problematiche e soluzioni Contesto nel

Dettagli

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali

Considera tutti i requisiti funzionali (use cases) NON deve necessariamente modellare i requisiti non funzionali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Informatica Corso di Ingegneria del Software A. A. 2008 - Progettazione OO E. TINELLI Punto di Partenza Il modello di analisi E una rappresentazione minima del

Dettagli

disponibili nel pacchetto software.

disponibili nel pacchetto software. Modulo syllabus 4 00 000 00 0 000 000 0 Modulo syllabus 4 DATABASE 00 000 00 0 000 000 0 Richiede che il candidato dimostri di possedere la conoscenza relativa ad alcuni concetti fondamentali sui database

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE

TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE I.C.T. Information and Communication Technology TECNICO SUPERIORE PER LE APPLICAZIONI INFORMATICHE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO PROFESSIONALI

Dettagli

1. FINALITA DELLA DISCIPLINA

1. FINALITA DELLA DISCIPLINA Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca LICEO SCIENTIFICO STATALE Donato Bramante Via Trieste, 70-20013 MAGENTA (MI) - MIUR: MIPS25000Q Tel.: +39 02 97290563/4/5 Fax: 02 97220275 Sito:

Dettagli

Tecniche Multimediali

Tecniche Multimediali Chiedersi se un computer possa pensare non è più interessante del chiedersi se un sottomarino possa nuotare Edsger Dijkstra (The threats to computing science) Tecniche Multimediali Corso di Laurea in «Informatica»

Dettagli

L archivio di impresa

L archivio di impresa L archivio di impresa Mariella Guercio Università degli studi di Urbino m.guercio@mclink.it Politecnico di Torino, 25 novembre 2011 premessa L archivistica è una disciplina della complessità, aperta, basata

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE ANNO SCOLASTICO 2014/2015 DOCENTE PROF. LUCCHI ENEA MATERIA DI INSEGNAMENTO TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE CLASSE 1 A - 1 B - 1 C Competenze di base

Dettagli

Componenti Web: client-side e server-side

Componenti Web: client-side e server-side Componenti Web: client-side e server-side side Attività di applicazioni web Applicazioni web: un insieme di componenti che interagiscono attraverso una rete (geografica) Sono applicazioni distribuite logicamente

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE MATEMATICO INFORMATICA Cattani Barbara monoennio CLASSE: quinta CORSO D SEZIONE LICEO SCIENZE APPLICATE

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

CONTENT MANAGMENT SYSTEMS

CONTENT MANAGMENT SYSTEMS CONTENT MANAGMENT SYSTEMS ESTRATTO DA: Ileana D'Incecco, Progettare la comunicazione web per organizzazioni non-profit con strumenti open source: ideazione e realizzazione del sito web della Casa delle

Dettagli

ECDL Base. Moduli compresi: Descrizione.

ECDL Base. Moduli compresi: Descrizione. ECDL Base Com'è facilmente deducibile anche dal nome, la certificazione ECDL Base attesta il livello essenziale di competenze informatiche e web del suo titolare, aggiornate alle funzionalità introdotte

Dettagli

Introduzione alle basi di dati (prima parte)

Introduzione alle basi di dati (prima parte) Introduzione alle basi di dati (prima parte) Università degli Studi di Salerno Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Informatica generale (matr. Dispari) Docente: Angela Peduto A.A. 2007/2008

Dettagli

Cataloghi per i dati aperti

Cataloghi per i dati aperti Progetto PerformancePA Ambito A - Linea 1 - Una rete per la riforma della PA Cataloghi per i dati aperti Autore: Vincenzo Patruno Creatore: Formez PA, Progetto Performance PA Diritti: Dipartimento della

Dettagli

Sistema di autopubblicazione di siti Web

Sistema di autopubblicazione di siti Web Sistema di autopubblicazione di siti Web Manuale d'uso Versione: SW 2.0 Manuale 2.0 Gennaio 2007 CEDCAMERA tutti i diritti sono riservati CEDCAMERA - Manuale d'uso 1 1 Introduzione Benvenuti nel sistema

Dettagli

connessioni tra i singoli elementi Hanno caratteristiche diverse e sono presentati con modalità diverse Tali relazioni vengono rappresentate QUINDI

connessioni tra i singoli elementi Hanno caratteristiche diverse e sono presentati con modalità diverse Tali relazioni vengono rappresentate QUINDI Documenti su Internet LINGUAGGI DI MARKUP Internet permette (tra l altro) di accedere a documenti remoti In generale, i documenti acceduti via Internet sono multimediali, cioè che possono essere riprodotti

Dettagli

principalmente un programma per la gestione di bibliografie: dalla raccolta dei riferimenti alla formattazione delle citazioni

principalmente un programma per la gestione di bibliografie: dalla raccolta dei riferimenti alla formattazione delle citazioni COS È? principalmente un programma per la gestione di bibliografie: dalla raccolta dei riferimenti alla formattazione delle citazioni un programma gratuito: la versione base offre 300 MB di spazio disco

Dettagli

Autorità garante per l infanzia e l adolescenza

Autorità garante per l infanzia e l adolescenza Servizio di rassegna stampa telematica e monitoraggio radio-televisivo per l Autorità garante per l infanzia e l adolescenza Capitolato tecnico (Allegato alle lettere invito prot.nn.2246-2248-2249-2250-2252

Dettagli

Architetture Applicative

Architetture Applicative Alessandro Martinelli alessandro.martinelli@unipv.it 6 Marzo 2012 Architetture Architetture Applicative Introduzione Alcuni esempi di Architetture Applicative Architetture con più Applicazioni Architetture

Dettagli

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco

Strumenti di modellazione. Gabriella Trucco Strumenti di modellazione Gabriella Trucco Linguaggio di modellazione Linguaggio formale che può essere utilizzato per descrivere (modellare) un sistema Il concetto trova applicazione soprattutto nell

Dettagli

G I O R D A N I A L E S S A N D R A I T T S E R A L E G. M A R C O N I

G I O R D A N I A L E S S A N D R A I T T S E R A L E G. M A R C O N I Introduzione ad XML G I O R D A N I A L E S S A N D R A I T T S E R A L E G. M A R C O N I XML XML (Extensible Markup Language) è un insieme standard di regole sintattiche per modellare la struttura di

Dettagli

Progetto di Applicazioni Software

Progetto di Applicazioni Software Progetto di Applicazioni Software Antonella Poggi Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti SAPIENZA Università di Roma Anno Accademico 2010/2011 Questi lucidi sono stati prodotti sulla

Dettagli

Base Dati Introduzione

Base Dati Introduzione Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Modulo di Alfabetizzazione Informatica Base Dati Introduzione Si ringrazia l ing. Francesco Colace dell Università di Salerno Gli archivi costituiscono una memoria

Dettagli

LEZIONE 3. Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito

LEZIONE 3. Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito LEZIONE 3 Il pannello di amministrazione di Drupal, configurazione del sito Figura 12 pannello di controllo di Drupal il back-end Come già descritto nella lezione precedente il pannello di amministrazione

Dettagli

Introduzione ai lavori del Gruppo di studio sui metadati descrittivi. Cristina Magliano

Introduzione ai lavori del Gruppo di studio sui metadati descrittivi. Cristina Magliano Introduzione ai lavori del Gruppo di studio sui metadati descrittivi Cristina Magliano Il Gruppo di lavoro sui metadati descrittivi ha iniziato l attività partendo dall'analisi del primo standard di metadati

Dettagli

Uso delle basi di dati DBMS. Cos è un database. DataBase. Esempi di database

Uso delle basi di dati DBMS. Cos è un database. DataBase. Esempi di database Uso delle basi di dati Uso delle Basi di Dati Il modulo richiede che il candidato comprenda il concetto di base dati (database) e dimostri di possedere competenza nel suo utilizzo. Cosa è un database,

Dettagli

Estensione di un sistema per la gestione semi-automatica di siti didattici con XML

Estensione di un sistema per la gestione semi-automatica di siti didattici con XML Università degli Studi di Milano Bicocca Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica Estensione di un sistema per la gestione semi-automatica di siti didattici con

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica CL3 - Biotecnologie Orientarsi nel Web Prof. Mauro Giacomini Dott. Josiane Tcheuko Informatica - 2006-2007 1 Obiettivi Internet e WWW Usare ed impostare il browser Navigare in internet

Dettagli

Introduzione al data base

Introduzione al data base Introduzione al data base L Informatica è quella disciplina che si occupa del trattamento automatico dei dati con l ausilio del computer. Trattare i dati significa: raccoglierli, elaborarli e conservarli

Dettagli

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT. Formazione informatica di base IC 3 /MOS. http://www.ammega.it

CORSI DI FORMAZIONE AMMEGA.IT. Formazione informatica di base IC 3 /MOS. http://www.ammega.it Formazione informatica di base IC 3 /MOS http://www.ammega.it Formazione informatica di base IC 3 Descrizione sintetica IC 3 è un Programma di Formazione e Certificazione Informatica di base e fornisce

Dettagli

XML. XML è contemporaneamente: XML non è:

XML. XML è contemporaneamente: XML non è: XML XML è contemporaneamente: Linguaggio di annotazione (Markup) che permette di creare gruppi di marcatori (tag set) personalizzati (MathML, XHTML, chemicalml, ecc..) Formato standard per lo scambio dei

Dettagli

Tecnologie di Sviluppo per il Web

Tecnologie di Sviluppo per il Web Tecnologie di Sviluppo per il Web Applicazioni Web J2EE Framework per il Modello 2 it.unibas.pinco versione 3.2 Questo lavoro è concesso in uso secondo i termini di una licenza Creative Commons (vedi ultima

Dettagli

Il funzionamento delle reti

Il funzionamento delle reti Il funzionamento delle reti La rete ci cambia la vita L Età dell Informazione ha prodotto profondi cambiamenti nessun luogo è remoto le persone sono interconnesse le relazioni sociali stanno mutando l

Dettagli

Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language. a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1

Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language. a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1 Introduzione a XML: Document Type Definition; parser XML; XML-schema; extensible Stylesheet Language a.a. 2004/05 Tecnologie Web 1 XML - I XML (exstensible Markup Language): XML è un formato standard,

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Lezione 6 a.a. 2010/2011 Francesco Fontanella La Complessità del Hardware Il modello di Von Neumann è uno schema di principio. Attualmente in commercio esistono: diversi

Dettagli

LABORATORIO di INFORMATICA

LABORATORIO di INFORMATICA Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente ed il Territorio LABORATORIO di INFORMATICA A.A. 2010/2011 Prof. Giorgio Giacinto INTRODUZIONE AI SISTEMI DI BASI

Dettagli

Cataloghi per i dati aperti

Cataloghi per i dati aperti Cataloghi per i dati aperti Questo materiale didattico è stato realizzato da Formez PA nel Progetto PerformancePA, Ambito A Linea 1, in convenzione con il Dipartimento della Funzione Pubblica, organismo

Dettagli