ALBO ESPERTI DEL REGISTRO ANAGRAFICO SPECIE CUNICOLA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ALBO ESPERTI DEL REGISTRO ANAGRAFICO SPECIE CUNICOLA"

Transcript

1 ALBO ESPERTI DEL REGISTRO ANAGRAFICO SPECIE CUNICOLA CIRCOLARE 2 / 2012 Considerazioni e disposizioni di giudizio in vigore dal 1 luglio 2012 RAZZE DELLA SECONDA CLASSE

2 ALBO ESPERTI DEL REGISTRO ANAGRAFICO SPECIE CUNICOLA CIRCOLARE 2 / 2012 Considerazioni e disposizioni di giudizio: CORSO ESPERTI 21 e MAIRANO DI CASTEGGIO PAVIA RAZZE DELLA SECONDA CLASSE: Premessa: L obiettivo primo della presente circolare è quello di disporre in maniera chiara ed univoca le modalità di valutazione di alcuni dei difetti e/o pregi delle razze considerate. Queste disposizioni intendono unicamente avere funzione di analisi, approfondimento e precisazione di quanto dettato dallo Standard, allo scopo di ovviare a personalismi ed interpretazioni; LE DISPOSIZIONI DETTATE DALLA PRESENTE SARANNO RITENUTE OPERATIVE A TUTTI GLI EFFETTI A PARTIRE DAL 01 LUGLIO Raccomandazioni generali: A si ribadisce la raccomandazione di utilizzare maggiormente la scala punteggi, così, laddove possibile, da attribuire meno valutazioni di NC e, nel contempo, applicare maggiore gradualità di penalizzazione dei difetti leggeri. Si sottolinea, a tal proposito, che il singolo difetto leggero può avere maggiore o minore incidenza sul punteggio quanto maggiore o minore rilevanza lo stesso manifesta sulle caratteristiche morfologiche dell animale. Esempio classico, valido per tutte le razze, la muta potrà assumere la valenza di accenno di muta, di muta leggera, muta, muta consistente, rimanendo in ambito di difetto leggero e trovando l applicazione di penalizzazioni graduali dal ½ punto in su. E solo in caso di muta eccessiva, ossia una muta così esagerata da non permettere la valutazione delle caratteristiche della razza (struttura del pelo, presenza di giarra e borra, colore, sottocolore, ecc.), assume la valenza di difetto grave; B i soggetti che presentano scolo nasale abbinato a imbrattamento delle zampe anteriori vengono tolti dal giudizio (e dalla vendita). Il primo controllo deve essere previsto all accettazione degli animali, poi a giudizio. 2

3 Per quanto concerne l ultimo aspetto, gli animali che presentassero le predette tare (entrambe) vengono esclusi dalla mostra (non giudicati) e consegnati all organizzazione per l adozione delle dovute precauzioni sanitarie. Laddove presentassero una sola delle due, la penalizzazione dovrà essere di almeno 1 p.to in posizione 7. In presenza di problematiche particolarmente gravi ed associabili al medesimo allevatore, l organizzazione può adottare provvedimenti nei confronti di tutti gli animali dello stesso. C la definizione di sfumature di colore e macchie di colore (intese come difetti di colorazione) è così stabilita: nelle prime il pelo presenta base bianca e colore nella porzione apicale; nelle macchie il pelo è parimenti colorato, e con medesima intensità, dalla base all apice; D nelle razze della 2^ classe RAZZE CON MACCHIE le posizione 1, 4, 5 e 6 non devono essere collegate tra loro, onde evitare che le stesse caratteristiche, assai identificative, peculiari e spesso deficitarie in queste razze, laddove causa di penalizzazione lo siano in più posizioni per il medesimo difetto. Pertanto, in posizione 1 (e 4 nella razza 13) si terrà conto, esclusivamente, delle caratteristiche strutturali, dimensionali, di portamento e non anche di quelle di disegno e/o colore. nel contesto della singola posizione il giudizio deve essere equilibrato in considerazione delle singole peculiarità delle macchie. Se, prendendo ad esempio la razza 23 e la posizione 4, ho macchie sul tronco mediocri per intensità ed uniformità (13,0/13,5/14,0 p.ti), ma ho macchie su testa ed orecchie eccellenti (14,5/15,0 p.ti), il giudizio espresso non potrà discostarsi da un punteggio di 14,0; per lo stesso concetto, se, ad esempio nella razza 34 ed in posizione 4, ho macchia sul muso non ber arrotondata, la stessa si alza oltre l altezza degli occhi ed i manicotti sfumano verso l articolazione, ogni difetto porta a penalizzazione di ½ punto, quindi la valutazione delle macchie sarà di 13,5; E la razza 18 (Alaska) è da considerarsi razza leggera, pertanto da valutare con parametri previsti per tali razze (es. giogaia non ammessa); F la razza 21 (Giarra Bianca) è da considerarsi razza media, pertanto da valutare con parametri previsti per tali razze (es. giogaia ammessa); G il punteggio di prima classe, necessario per attribuire la qualifica di C.R., è stabilito, per tutte le razze, a punti 95,0, senza distinzioni tra le razze sulla base della diffusione; H qualora, nella scelta e nomina del Campione di Razza, si sia in presenza di due soggetti a pari punteggio, non è necessario forzare il giudizio togliendo o aggiungendo ½ punto dove c è spazio per farlo. Il criterio da seguire è, piuttosto, quello della prevalenza graduale del giudizio espresso a partire dalla 1 fino alla 7^ posizione. Esemplificando, dal confronto di 2 soggetti con punteggio totale di 96 p.ti, si parte dal confronto della P1; se uno dei due prevale, questo è CR, se sono pari, si passa alla P2; se uno dei due 3

4 prevale, questo è CR, se sono pari, si passa alla P3; se uno dei due prevale, questo è CR, se sono pari, si passa alla P4; se uno dei due prevale, questo è CR, se sono pari, si passa alla P5; se uno dei due prevale, questo è CR, se sono pari, si passa alla P6. Se, giunti a tal punto, permane pari punteggio, si attribuisce ad entrambi i soggetti il titolo di CR ex aequo; Raccomandazioni specifiche: Considerazioni e disposizioni di giudizio specifiche per singole razze RAZZA 10 HOTOT: POSIZIONE 5 MACCHIE i cerchi attorno agli occhi, sono, nella forma ideale, con perimetro ben regolare, senza sbavature e di spessore da 3 a 5 mm; qualora manifestino variabilità nello spessore (da 3 a 5 mm nello stesso cerchio), è penalizzato con 0,5/1 p.ti; laddove tali irregolarità superino, in alcuni punti, i predetti limiti si spessore, la penalizzazione può arrivare a 1,5/2 p.ti; se si manifesta un cerchio che per tutto il contorno dell occhio risulta di spessore oltre limiti 2,5/3 p.ti; la presenza di sbavature è difetto leggero ( 0,5/1 p.ti); se diventano frastagliature 1,5/2 p.ti; si considera che le suddette misure ideali previste dallo standard possono avere variabilità di circa 2/3, ossia non sono ammessi cerchi aventi spessore minimo sotto mm 1 o sopra mm 5 e/o spessore massimo sotto mm 2 o sopra mm 8; POSIZIONE 6 COLORE è di fondamentale importanza che le colorazioni nera e bianca siano ben nitide, pulite e lucide; il bianco puro e non tendente al giallo / avorio; la presenza di peli neri a resta che fuoriescono attorno alle macchie degli occhi è ammessa, purché sia evidente trattarsi di peli singoli ed isolati; è ideale l assenza di peli neri sul corpo, al di fuori di quelli che formano le macchie; la presenza di peli neri sparsi è difetto leggero; la presenza di ciuffi o macchie anche piccole è difetto grave; RAZZA 13 CALIFORNIANA: è razza tipicamente da carne, con struttura ossea non particolarmente importante; la caratteristica principale, da valorizzare, è il corretto sviluppo delle masse muscolari, che conferisce il tipico aspetto formoso e ben raccolto; le macchie, proprio per quanto sopra, nella loro peculiare variabilità stagionale per effetto di luce e temperature, passa quasi in secondo piano; diventa fondamentale, da questo punto di vista, che l esperto ponga in ordine di maggiore attenzione la valorizzazione dei soggetti con caratteristiche strutturali tipiche (e, come logica conseguenza, l opportuna penalizzazione dei soggetti con caratteristiche strutturali mediocri), e solo in second ordine le caratteristiche di macchie e colore. 4

5 In sostanza, un soggetto che manifesti ottime caratteristiche di macchie e colore, se non presenta anche una struttura corporea quanto meno buona non potrà essere valutato positivamente. Al contrario un soggetto che strutturalmente importante, che dimostri limiti di macchie e colore (specie nella stagione calda), potrà comunque ottenere una buona valutazione. Peraltro, occorre porre adeguata attenzione a non confondere le posizioni 5 e 6, per non penalizzare due volte un soggetto per lo stesso difetto. POSIZIONE 5 macchie sono ideali se ben delimitate nei contorni; maschera irregolare nei contorni è difetto leggero da penalizzare in maniera graduale in relazione alla misura dell irregolarità; diventa difetto grave se arriva a tangere gli occhi, la regione delle guance o quella mandibolare; la base delle orecchie molto irregolare è difetto leggero da penalizzare fino a 1/1,5 p.ti; così come la presenza di cerchi chiari; i manicotti devono arrivare almeno a copertura completa delle dita, se no è difetto grave; se sono poco delimitati, tendenti ad estendersi verso il garretto, è difetto leggero; se raggiungono il garretto è difetto grave; POSIZIONE 6 COLORE è ideale se ben intenso ed uniforme sull intera macchia; se sbiadito (in particolare nei manicotti) è difetto leggero con penalizzazione graduale; così come è difetto leggero la presenza di sfumature chiare nelle macchie; la presenza di macchie bianche nel colore è difetto grave solo se i peli che formano la macchia bianca sono bianchi interamente, dalla base alla punta); sfumature e macchie di colore sopra gli occhi è difetto grave; RAZZA 20 TURINGIA: POSIZIONE 4 MACCHIE la peculiarità delle macchie, sia sulla testa che sui fianchi, è che non vi sia netta delimitazione tra il colore di fondo (fulvo rossiccio) e la caratteristica fuliggine; bensì quest ultima, più o meno intensa, deve comunque andare sfumando; ad eccezione di cerchi attorno agli occhi e macchia sulle orecchie che devono essere ben delimitati; la macchia sulla faccia, copre il muso e forma un unica macchia con le sfumature delle guance; POSIZIONE 5 SOVRACOLORE E LUCENTEZZA è una colorazione che manifesta particolare lucentezza, cosa poco manifesta nel tipo tedesco scuro ed opaco (da penalizzare); petto e zampe anteriori non manifestano presenza di fuliggine (visti davanti); il colore della fronte dovrebbe rispecchiare la tonalità del dorso; se più chiaro o più scuro è difetto leggero; i cerchi degli occhi e le orecchie risultano scuri (fuliggine); è frequente la presenza di ciuffi bianchi nella zona dei genitali e del sottocoda, difetto grave; 5

6 POSIZIONE 6 SOTTOCOLORE dal bianco della base del pelo immediatamente a contatto con la pelle, sfuma senza netta separazione, ad una fascia giallognola intensa (circa 1 cm); RAZZA 21 GIARRA BIANCA: POSIZIONE 4 MACCHIE in questa razza il progenitore (cincillà) si manifesta con il fattore cincilla (la giarra di colore bianco) la netta separazione, in tutte le macchie, tra il bianco ed il colore è pregio da valorizzare in tutte le colorazioni. L infiltrazione è da penalizzare fino a 1,5 p.ti; più è omogenea, dove prevista, la distribuzione dei peli a testa bianca, più pregiato è l animale (da valorizzare opportunamente); il cerchio dell occhio ben visibile (bianco) e completo; se no è difetto leggero; la giarra attorno alle narici ha tendenza a sbavare e disperdersi verso la fronte (difetto leggero); il triangolo della nuca, deve essere ben formato; quando è arrotondato (difetto leggero), il colore bianco tende ad essere particolarmente ampio ai lati al collo (difetto leggero); POSIZIONE 5 SOVRACOLORE E LUCENTEZZA il petto, a differenza della razza 33 che presenta focatura intensa, non si presenta bianco, bensì colorato con presenza di peli a punta bianca uniformemente distribuiti; POSIZIONE 6 SOTTOCOLORE presente su tutto il corpo, rispecchia il sovracolore con tonalità più sbiadita ed opaca; RAZZA 23 MARTORA: dal punto di vista genetico il martora è colore recessivo, pertanto dall accoppiamento tra due soggetti di colorazione giusta nasceranno sia russi che uniformi; accoppiando russi con uniformi dovrebbero originare tutti martora giusti. POSIZIONE 4 MACCHIE è necessario contrasto di colore (sfumature caratteristiche); la scarsità evidente (quasi assente) di contrasto ha penalizzazione fino a 4 p.ti; si evidenziano con una colorazione più intensa (scura) su muso, orecchie, zampe e fascia dorsale fino e compresa la coda; la maschera, benché formi macchia unica con le occhiaie, non deve salire oltre gli occhi (difetto leggero); la presenza di sfumature chiare nella maschera sul muso è difetto leggero; la fronte deve risultare più chiara così come più chiari risultano i fianchi; se la testa è completamente scura è difetto grave; la fascia colorata sul dorso è pregio da valutare e valorizzare opportunamente; se interrotta è penalizzata come difetto leggero; nella colorazione blu il contrasto di colore è molto più irregolare ed in particolare la fascia scura è più difficile (maggiore tolleranza nel giudizio); 6

7 POSIZIONE 5 SOVRACOLORE E LUCENTEZZA il contrasto di colore parte base chiara; la scarsità evidente (quasi assente) di contrasto ha penalizzazione fino a 4 p.ti; nella colorazione blu il contrasto di colore è molto meno accentuato (maggiore tolleranza nel giudizio); RAZZA 33 FOCATA: Nelle altre razze con colorazione focata deve essere combattuta la forma delle macchie molto irregolari, l intensità dei colori spesso sbiaditi e l infiltrazione dei colori molto frequente POSIZIONE 1 TIPO E FORMA DEL CORPO difetto frequente, da penalizzare, si riscontra nella forma di testa e collo, nonché nelle proporzioni e nel portamento che ricordano la razza 19; POSIZIONE 4 MACCHIE la netta separazione tra la focatura (di tutte le macchie) ed il colore è pregio da valorizzare in tutte le colorazioni; va posta attenzione a che non ci sia mescolanza di peli di due colori; l infiltrazione è da penalizzare, soprattutto nella varietà nera nella quale si manifesta con una certa frequenza (fino a 1,5 p.ti); il cerchio degli occhi deve essere focato e completo (difetto leggero se non lo è); la macchia alla radice di ogni orecchia (corona), deve essere ben visibile sul davanti sottoforma di due macchioline (che tali non sono in quanto effetto ottico dello strabordare della corona) focate; la focatura del petto deve essere il più intensa possibile, più che nelle altre zone del corpo, e la forma della macchia deve rimanere ben ampia senza tendenza a chiudere sotto il mento; il triangolo della nuca non deve essere arrotondato (difetto leggero graduale); quando lo è tende ad essere ampia la focatura attorno (lati) al collo (difetto leggero graduale); la presenza di focatura sulla coda (anche nn intensa) va valutata e valorizzata opportunamente; capita di trovarla completamente bianca che tende a penetrare nell interno coscia (difetto grave); POSIZIONE 5 SOVRACOLORE E LUCENTEZZA la colorazione della focatura è più difficile nella varietà blu, dove tende ad essere più sbiadita; applicare maggiore tolleranza nel giudizio; POSIZIONE 6 SOTTOCOLORE è presente sul petto (corrispondenza con sovracolore) ma è assente sul ventre RAZZA 34 RUSSO: POSIZIONE 1 TIPO E FORMA DEL CORPO coniglio fine ed elegante rispetto alle altre razze piccole, sebbene il corpo debba essere ben raccolto; il dimorfismo sessuale deve manifestarsi visibilmente; POSIZIONE 4 TESTA E ORECCHIE il dimorfismo sessuale deve manifestarsi visibilmente; 7

8 POSIZIONE 5 MACCHIE la maschera è la parte più importante delle macchie, ideale se di forma ovale e senza frastagliature; è alta ideale fino al limite inferiore degli occhi; se si alza fino a metà degli occhi è difetto leggero ( 0,5 p.ti); oltre, resta difetto leggero, ma con maggiore penalizzazione, purché non oltrepassi l altezza massima degli occhi; sopra gli occhi è NC; se di forma non ovale, che tende ad aprirsi verso gli occhi, è difetto leggero da gradualizzare in base all irregolarità della forma; se la maschera raggiunge il labbro inferiore è difetto leggero se sfumatura, ma difetto grave se macchia (ovvero con intensità di colore pari alle altre macchie); spesso il contorno degli occhi è sfumato di ruggine, difetto leggero da penalizzare in base all intensità; se sono macchie NC; il colore orecchie, nero più intenso possibile (se no dedurre 0,5 p.ti) e ben delimitate tutto attorno alla base (se no difetto leggero); sulla nuca (triangolo) è ammessa sfumatura (difetto leggero); la colorazione della coda è ideale se intensa dalla punta alla radice; presenza di sfumatura attorno ai genitale è leggero; se macchia è grave; manicotti non ben delimitati che sfumano fino all articolazione è difetto leggero; se il colore arriva all articolazione è difetto grave; POSIZIONE 6 COLORE presenza di ciuffi bianchi è difetto grave; presenza di unghie bianche è difetto grave; RAZZA 35 ARIETE NANO COLORAZIONE GIARRA BIANCA: POSIZIONE 6 DISEGNO E COLORE la colorazione si presenta spesso con il cerchio dell occhio incompleto nella parte superiore. Ciò è dovuto alla particolare conformazione delle ossa craniche occipitali che comportano la formazione di una plica cutanea sovra occipitale che nasconde il bianco della giarra; RAZZA 37 NANI COLORATI COLORAZIONE SIAMESE POSIZIONE SOVRACOLORE E LUCENTEZZA si tratta di una colorazione martora con fattore giallo; clorazione recessiva; la macchia sulla testa forma la caratteristica croce sulla fronte data dalla sfumatura chiara che entra nella maschera; la fascia sul dorso è molto sbiadita, appena accennata ed anche se assente è difetto leggero; qualora presente è pregio da valutare e valorizzare opportunamente. 8

9 9

Screziato inglese (ESch)

Screziato inglese (ESch) Screziato inglese (ESch) Razza piccola con screziatura a punti Peso minimo 2,5 kg Peso ideale 2,7-3,1 kg Peso massimo 3,3 kg Caratteri ereditari recessivi Originario dell Inghilterra Discendente da conigli

Dettagli

Nani di colore (FZw) Sommario. Razza nana in diversi colori

Nani di colore (FZw) Sommario. Razza nana in diversi colori Nani di colore (FZw) Razza nana in diversi colori Peso minimo 1,1 kg Peso ideale 1,25-1,4 kg Peso massimo 1,5 kg Caratteri ereditati dominanti Grigio ferro, Hotot e martora recessivi Originario dell Inghilterra

Dettagli

Scheda tecnica del D. Mandarino mutazione Guancia Nera

Scheda tecnica del D. Mandarino mutazione Guancia Nera D. Mandarino mutazione Guancia Nera Il fattore guancia nera determina la sostituzione della feomelanina con eumelanina nel disegno delle guance e dei fianchi nei maschi formando un tuttuno con il disegno

Dettagli

Scheda tecnica del D. Mandarino mutazione Petto Nero

Scheda tecnica del D. Mandarino mutazione Petto Nero mutazione Petto Nero Disegno Petto Nero Striscia dell'occhio (Lacrima) Assente. Striscia del becco (Mustacchio) E' presente in entrambi i sessi, deve essere sempre presente a fianco della valva superiore

Dettagli

ANATRA MUTA DI BARBERIA

ANATRA MUTA DI BARBERIA ANATRA MUTA DI BARBERIA I GENERALITA Origine: America del Sud. Regione della Barberia, dove ancora oggi si trova allo stato selvatico. Uovo Peso minimo g. 70 Colore del guscio: bianco giallastro. Anello

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori OLANDESE CON CIUFFO

Associazione Lombarda Avicoltori  OLANDESE CON CIUFFO OLANDESE CON CIUFFO I GENERALITA Origine: Paesi Bassi. Da secoli molto allevato nell Europa centrale. Uovo Peso minimo g. 45 Colore del guscio: bianco. Anello Gallo : 18 Gallina : 16 II TIPOLOGIA ED INDIRIZZI

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori PLYMOUTH ROCK

Associazione Lombarda Avicoltori  PLYMOUTH ROCK PLYMOUTH ROCK I GENERALITA Origine: USA. Plymouth nel Massachusetts. Uovo Peso minimo g. 55 Colore del guscio: da crema a bruno. Anello Gallo : 22 Gallina : 20 II TIPOLOGIA ED INDIRIZZI PER LA SELEZIONE

Dettagli

Capra di Saanen ( 1 )

Capra di Saanen ( 1 ) Stato: 20.02.2008 Capra di Saanen ( 1 ) m f m f 90 80 85 60 fine bianca con corto, ben aderente bianca, tollerate piccole macchie pigmentate; Colore bianco impuro Becchi più severo macchie nere, più grandi

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori ANATRA CIUFFATA

Associazione Lombarda Avicoltori  ANATRA CIUFFATA ANATRA CIUFFATA I GENERALITA Origine: E' il risultato di una mutazione di anatre comuni europee. Uovo Peso minimo g. 60 Colore del guscio: bianco verdastro. Anello : 16 : 16 II TIPOLOGIA ED INDIRIZZI PER

Dettagli

B O L B O R H Y N C H U S

B O L B O R H Y N C H U S B O L B O R H Y N C H U S 1 CLASSIFICAZIONE Ordine: Famiglia: Sottofamiglia: Genere: Psittaciformes Psittacidae Psittacinae Bolborhynchus SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE Ferrugineifrons (Lawrence) nessuna

Dettagli

MARANS I - GENERALITA. Origine

MARANS I - GENERALITA. Origine MARANS I - GENERALITA Origine Francia, città portuale di Marans sull Oceano Atlantico. Razza selezionata incrociando polli locali con soggetti di tipologia combattente e più recentemente con la Langschan

Dettagli

F.O.I. onlus - C.T.N. ONDULATI & PSITTACIDI P O L Y T E L I S CLASSIFICAZIONE SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE. p. swainsonii nessuna Ancestrale

F.O.I. onlus - C.T.N. ONDULATI & PSITTACIDI P O L Y T E L I S CLASSIFICAZIONE SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE. p. swainsonii nessuna Ancestrale P O L Y T E L I S 1 CLASSIFICAZIONE Ordine: Psittaciformes Famiglia: Psittacidae Sottofamiglia: Psittacinae Genere: Polytelis SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE p. swainsonii nessuna Ancestrale p. anthopeplus

Dettagli

Diamante Mandarino PETTO ARANCIO

Diamante Mandarino PETTO ARANCIO Diamante Mandarino PETTO ARANCIO Scheda tecnica del D. Mandarino mutazione Petto Arancio La mutazione Petto Arancio è un fattore a carattere recessivo che agisce principalmente sull eumelanina dei disegni

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori ARAUCANA NANA

Associazione Lombarda Avicoltori  ARAUCANA NANA ARAUCANA NANA I GENERALITA Origine: Germania e Stati Uniti. Uovo Peso minimo g. 32 Colore del guscio: turchese (da blu verdastro a verde bluastro) Anello Gallo : 13 Gallina : 11 II TIPOLOGIA ED INDIRIZZI

Dettagli

ANATRA CORRITRICE INDIANA

ANATRA CORRITRICE INDIANA ANATRA CORRITRICE INDIANA I GENERALITA Origine: India Orientale. La razza progenitrice, per quanto riguarda la forma, è l'anatra Pinguino dell'india Orientale Meridionale. Selezionata alla fine del XIX

Dettagli

F.O.I. onlus - C.T.N. ONDULATI & PSITTACIDI F O R P U S CLASSIFICAZIONE SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE

F.O.I. onlus - C.T.N. ONDULATI & PSITTACIDI F O R P U S CLASSIFICAZIONE SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE F O R P U S 1 CLASSIFICAZIONE Ordine: Famiglia: Sottofamiglia: Genere: Psittaciformes Aratingidae Forpinae Forpus (Boie) SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE coelestis (Linnè) nessuna ancestrale fulvo verde ala

Dettagli

Scheda tecnica del D. Mandarino mutazione Topazio (ex Agata)

Scheda tecnica del D. Mandarino mutazione Topazio (ex Agata) Mandarino mutazione Topazio La mutazione causa la riduzione delle eumelanine sull intero fenotipo e delle feomelanine nel solo piumaggio del dorso-ali sia nei maschi che nelle femmine. La mutazione Topazio

Dettagli

Appenzell con Ciuffo

Appenzell con Ciuffo Appenzell con Ciuffo I GENERALITA Origine: Svizzera, cantone di Appenzell. Selezionata da vecchie razze ciuffate. Uovo Peso minimo g. 55 Colore del guscio: bianco. Anello Gallo : 16 Gallina : 15 II TIPOLOGIA

Dettagli

DAINO MASCHI FEMMINE Lunghezza testa-tronco tronco (cm) Lunghezza coda (cm) Altezza al garrese (cm) Pes

DAINO MASCHI FEMMINE Lunghezza testa-tronco tronco (cm) Lunghezza coda (cm) Altezza al garrese (cm) Pes Corso di formazione per la conoscenza del capriolo Caratteristiche distintive per il riconoscimento degli ungulati A cura di Lilia Orlandi e Sandro Nicoloso Foto di: Andrea Barghi CERVO MASCHI FEMMINE

Dettagli

Capra di Saanen ( 1 )

Capra di Saanen ( 1 ) Stato: 20.02.2008 Capra di Saanen ( 1 ) m f m f 90 80 85 60 fine bianca con corto, ben aderente bianca, tollerate piccole macchie pigmentate; accettati becchi e capre decornati Colore bianco impuro Becchi

Dettagli

NYMPHICUS HOLLANDICUS

NYMPHICUS HOLLANDICUS NYMPHICUS HOLLANDICUS 1 CLASSIFICAZIONE Ordine: Famiglia: Sottofamiglia: Genere: Psittaciformes Psittacidae Psittacinae Nymphicus SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE hollandicus nessuna ancestrale pezzato cannella

Dettagli

TACCHINO BRIANZOLO. Uovo Peso minimo g. 70 Bianco avorio fittamente punteggiato di marrone. Anello Maschio: 22 Femmina: 20

TACCHINO BRIANZOLO. Uovo Peso minimo g. 70 Bianco avorio fittamente punteggiato di marrone. Anello Maschio: 22 Femmina: 20 I - GENERALITA' Origine Tacchino di mole leggera, diffuso nel nord Italia, Brianza. Discende probabilmente dal Ronquieres belga, dal quale ha ereditato la variabilità nei colori della livrea. Molto conosciuto

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori BARBUTA D UCCLE

Associazione Lombarda Avicoltori  BARBUTA D UCCLE BARBUTA D UCCLE I GENERALITA Origine: Belgio, Uccle. Selezionata dal Sig. Michel van Gelber nel 1904. E' il risultato di incroci di polli nani calzati con la Barbuta d' Anversa. Uovo Peso minimo g. 35

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori COMBATTENTE INDIANO

Associazione Lombarda Avicoltori  COMBATTENTE INDIANO COMBATTENTE INDIANO I GENERALITA Origine: Creazione puramente inglese a partire dall Asyl. Create più tardi negli USA le varietà Bianca e Fulva ricorrendo alla Malese Bianca e rispettivamente alla Cocincina

Dettagli

A G A P O R N I S - 5

A G A P O R N I S - 5 A G A P O R N I S - 5 1 CLASSIFICAZIONE Ordine: Famiglia: Sottofamiglia: Genere: Psittaciformes Psittacidae Psittacinae Agapornis SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE Personatus Serie verde: verde (ancestrale),

Dettagli

A G A P O R N I S - 2

A G A P O R N I S - 2 A G A P O R N I S - 2 1 CLASSIFICAZIONE Ordine: Famiglia: Sottofamiglia: Genere: Psittaciformes Psittacidae Psittacinae Agapornis SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE Fischeri Serie verde: verde (ancestrale),

Dettagli

Schede tecniche INDIGENI ESOTICI IBRIDI. Diamante Mandarino mutazione topazio (ex agata) di G. Ficeti e M. Piccinini - foto di S.

Schede tecniche INDIGENI ESOTICI IBRIDI. Diamante Mandarino mutazione topazio (ex agata) di G. Ficeti e M. Piccinini - foto di S. Diamante Mandarino bruno topazio femmina Schede tecniche Diamante Mandarino mutazione topazio (ex agata) di G. Ficeti e M. Piccinini - foto di S. Giannetti e Foi La mutazione causa la riduzione delle eumelanine

Dettagli

A G A P O R N I S CLASSIFICAZIONE SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE. verde scuro. verde oliva. pastello verde. pastello verde scuro. pastello verde oliva

A G A P O R N I S CLASSIFICAZIONE SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE. verde scuro. verde oliva. pastello verde. pastello verde scuro. pastello verde oliva 1 A G A P O R N I S CLASSIFICAZIONE Ordine: Famiglia: Sottofamiglia: Genere: Psittaciformes Psittacidae Psittacinae Agapornis SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE nigrigenis verde verde scuro verde oliva pastello

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori BARBUTA DI GRUBBE

Associazione Lombarda Avicoltori  BARBUTA DI GRUBBE BARBUTA DI GRUBBE I GENERALITA Origine: Belgio. Apparsa agli inizi del XX secolo nell allevamento di Robert Pauwels a Everberg. Chiamata poi come la città De Grubbe. Uovo Peso minimo g. 35 Colore del guscio:

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori WYANDOTTE

Associazione Lombarda Avicoltori  WYANDOTTE WYANDOTTE I GENERALITA Origine: Selezionata negli U.S.A. e riconosciuta ufficialmente come razza nel 1883. In Europa è presente dal 1890. Uovo Peso minimo g. 60 Colore del guscio: bruno scuro: Anello Gallo

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori COCINCINA

Associazione Lombarda Avicoltori  COCINCINA COCINCINA I GENERALITA Origine: Sud della Cina. Allevata dopo la metà del XIX secolo. Uovo Peso minimo 53 g. Colore del guscio: bruno-giallo. Anello Gallo : 27 Gallina : 24 II TIPOLOGIA ED INDIRIZZI PER

Dettagli

F.O.I. onlus - C.T.N. ONDULATI & PSITTACIDI A G A P O R N I S 4 CLASSIFICAZIONE SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE. verde scuro verde oliva

F.O.I. onlus - C.T.N. ONDULATI & PSITTACIDI A G A P O R N I S 4 CLASSIFICAZIONE SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE. verde scuro verde oliva A G A P O R N I S 4 CLASSIFICAZIONE 1 Ordine: Famiglia: Sottofamiglia: Genere: Psittaciformes Psittacidae Psittacinae Agapornis SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE nigrigenis verde verde scuro verde oliva pastello*

Dettagli

F.O.I. onlus - C.T.N. ONDULATI & PSITTACIDI A G A P O R N I S 1 CLASSIFICAZIONE SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE. ablectanae essuna

F.O.I. onlus - C.T.N. ONDULATI & PSITTACIDI A G A P O R N I S 1 CLASSIFICAZIONE SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE. ablectanae essuna A G A P O R N I S 1 CLASSIFICAZIONE 1 Ordine: Famiglia: Sottofamiglia: Genere: Psittaciformes Psittacidae Psittacinae Agapornis SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE canus nessuna ablectanae essuna pullarius verde

Dettagli

Norme Tecniche del Disciplinare del Libro Genealogico del Gatto di Razza

Norme Tecniche del Disciplinare del Libro Genealogico del Gatto di Razza Norme Tecniche del Disciplinare del Libro Genealogico del Gatto di Razza llegato Standard di razza Volume V Standard IV categoria In accordo con la edizione 01.01.2013 de FIFe-Standard : Category IV ll.

Dettagli

ALBO ESPERTI DEL REGISTRO ANAGRAFICO SPECIE CUNICOLA

ALBO ESPERTI DEL REGISTRO ANAGRAFICO SPECIE CUNICOLA ALBO ESPERTI DEL REGISTRO ANAGRAFICO SPECIE CUNICOLA CIRCOLARE 1 / 2012 Considerazioni e disposizioni di giudizio 1 ALBO ESPERTI DEL REGISTRO ANAGRAFICO SPECIE CUNICOLA CIRCOLARE 1 / 2012 Considerazioni

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori PADOVANA

Associazione Lombarda Avicoltori  PADOVANA PADOVANA I GENERALITA Origine: Italia. Razza molto antica, selezionata incrociando polli di campagna ciuffati. Uovo Peso minimo g. 50 Colore del guscio: bianco. Anello Gallo : 18 Gallina : 16 II TIPOLOGIA

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori ITALIANA

Associazione Lombarda Avicoltori  ITALIANA ITALIANA I GENERALITA Origine: Germania. Selezionata da polli di campagna italiani. Uovo Peso minimo g. 55 Colore del guscio: bianco candido. Anello Gallo : 18 Gallina : 16 II TIPOLOGIA ED INDIRIZZI PER

Dettagli

F.O.I. onlus - C.T.N. ONDULATI & PSITTACIDI A G A P O R N I S 1 CLASSIFICAZIONE SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE. ablectanae essuna.

F.O.I. onlus - C.T.N. ONDULATI & PSITTACIDI A G A P O R N I S 1 CLASSIFICAZIONE SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE. ablectanae essuna. A G A P O R N I S 1 CLASSIFICAZIONE 1 Ordine: Famiglia: Sottofamiglia: Genere: Psittaciformes Psittacidae Psittacinae Agapornis SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE canus nessuna ablectanae essuna lilianae verde

Dettagli

A G A P O R N I S - 4

A G A P O R N I S - 4 A G A P O R N I S - 4 1 CLASSIFICAZIONE Ordine: Famiglia: Sottofamiglia: Genere: Psittaciformes Psittacidae Psittacinae Agapornis SPECIE SOTTOSPECIE MUTAZIONE Nigrigenis Serie verde: verde (ancestrale),

Dettagli

POLLO Famiglia: : Galliformi Genere: Gallus Specie: gallus

POLLO Famiglia: : Galliformi Genere: Gallus Specie: gallus POLLO Famiglia: : Galliformi Genere: Gallus Specie: gallus Nome comune: Modenese Codice iscrizione Registro nazionale: Sinonimi accertati: pollo Modenese, Gallina Modenese, Fulva di Modena Sinonimie errate:

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori BRAHMA

Associazione Lombarda Avicoltori  BRAHMA BRAHMA I GENERALITA Origine: Selezionata in U.S.A. da polli di origine asiatica. Uovo Peso minimo g. 60 Colore del guscio: da giallo bruno a giallo rosso. Anello Gallo : 27 Gallina : 24 II TIPOLOGIA ED

Dettagli

Tabella dei colori : SHIBA INU

Tabella dei colori : SHIBA INU 1 Tabella dei colori : SHIBA INU Introduzione By Dr Agr Elettra Grassi La seguente tabella, riporta graficamente i possibili colori e le possibili combinazioni genetiche legate al fenotipo nella razza

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori ORPINGTON

Associazione Lombarda Avicoltori  ORPINGTON ORPINGTON I GENERALITA Origine: Selezionata dall'inglese William Cook nel 1886. Il nome deriva dal villaggio dove viveva Cook. Selezionata incrociando differenti razze, quali, Minorca, Plymouth Rock e

Dettagli

FCI Standard N 8 / AUSTRALIAN TERRIER. La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

FCI Standard N 8 / AUSTRALIAN TERRIER. La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 8 / 05.09.2013 AUSTRALIAN TERRIER La fotografia non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE: tedesco ORIGINE: Australia DATA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

DATA DI PUBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE:

DATA DI PUBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: FCI Standard N 190 / 25.09.1998 HOVAWART ORIGINE: Germania DATA DI PUBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 12.01.1998 UTILIZZAZIONE: Cane da lavoro CLASSIFICAZIONE F.C.I.: Gruppo 2 Cani di tipo

Dettagli

Inquadramento Tassonomico

Inquadramento Tassonomico LE RAZZE SUINE Inquadramento Tassonomico Suino domestico Classe Mammiferi Ordine Artiodattili Sottordine Suiformi Famiglia Suidi Genere Sus Specie scrofa domesticus Suinicoltura Italiana - peculiarità

Dettagli

Razze locali di coniglio in Veneto

Razze locali di coniglio in Veneto Razze locali di coniglio in Veneto Razze locali di coniglio in Veneto Pubblicazione a cura di Maurizio Arduin Coordinamento editoriale: Maurizio Arduin, Federica Dal Molin Realizzazione grafica: Federica

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori CHABO

Associazione Lombarda Avicoltori  CHABO CHABO I GENERALITA Origine: Giappone. Uovo Peso minimo g. 28 Colore del guscio: da bianco crema a beige. Anello Gallo : 13 Gallina : 11 II TIPOLOGIA ED INDIRIZZI PER LA SELEZIONE Pollo nano autentico tranquillo,

Dettagli

CLUB ITALIANO DELLA COCINCINA ARGENTATA FRUMENTO E DORATA FRUMENTO

CLUB ITALIANO DELLA COCINCINA ARGENTATA FRUMENTO E DORATA FRUMENTO CLUB ITALIANO DELLA COCINCINA ARGENTATA FRUMENTO E DORATA FRUMENTO ARGENTATA FRUMENTO 1992 (D.Aschenbach) BELGIO (zilvertarwe; froment argentè) FRANCIA (froment argentè) GERMANIA (silber-weizenfarbig)

Dettagli

STANDARD DI RAZZA DELLA PECORA LAMON

STANDARD DI RAZZA DELLA PECORA LAMON STANDARD DI RAZZA DELLA PECORA LAMON 97 Standard di razza della Pecora Lamon CARATTERI DELLA PECORA LAMON, CONOSCIUTA ANCHE COME FELTRINA CARATTERI ESTERIORI Taglia grande. Testa acorne, in entrambi i

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE:

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: FCI Standard N 245 / 07.08.1998 CANE DA FERMA BOEMO A PELO RUVIDO ORIGINE: Repubblica Ceca, ex Cecoslovacchia DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 21.05.1963 UTILIZZAZIONE: Cane da ferma

Dettagli

TACCHINO Famiglia:Galliformi Genere: Meleagris Specie: gallopavo

TACCHINO Famiglia:Galliformi Genere: Meleagris Specie: gallopavo TACCHINO Famiglia:Galliformi Genere: Meleagris Specie: gallopavo Nome comune: Tacchino di Parma e Piacenza Sinonimi accertati: Sinonimie errate: Denominazioni dialettali locali Data inserimento nel repertorio:

Dettagli

CORDATI VERTEBRATI MAMMIFERI LAGOMORFI LEPORIDI LEPORINI

CORDATI VERTEBRATI MAMMIFERI LAGOMORFI LEPORIDI LEPORINI Classificazione Sistematica TIPO SOTTOTIPO CLASSE ORDINE FAMIGLIA SOTTOFAMIGLIA CORDATI VERTEBRATI MAMMIFERI LAGOMORFI LEPORIDI LEPORINI GENERE SPECIE LEPUS ORYCTOLAGUS SYLVILAGUS I I I LEPRE EUROPEA CONIGLIO

Dettagli

STANDARD DI RAZZA DELLA PECORA BROGNA

STANDARD DI RAZZA DELLA PECORA BROGNA STANDARD DI RAZZA DELLA PECORA BROGNA 117 Standard di razza della Pecora Brogna CARATTERI DELLA PECORA BROGNA, CONOSCIUTA ANCHE COME BROGNOLA, NOSTRANA, PROGNA, ROSS-A-VIS, TESTA ROSSA CARATTERI ESTERIORI

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori TACCHINI

Associazione Lombarda Avicoltori  TACCHINI TACCHINI I GENERALITA Origine: America. Selezionato dai tacchini selvatici. Comune negli stati dell'europa occidentale già dal 1550. Uovo Peso minimo g. 70 Colore del guscio: bruno giallastro con dei puntini

Dettagli

Moroseta perniciata argento a maglie

Moroseta perniciata argento a maglie Moroseta perniciata argento a maglie Mezza sorella della perniciata a maglie, la varietà di Moroseta perniciata argento a maglie ha visto crescere la propria popolarità a partire dagli anni 2000. Inizialmente

Dettagli

Associazione Lombarda Avicoltori LIVORNO

Associazione Lombarda Avicoltori  LIVORNO LIVORNO I GENERALITA Origine: Italia centrale. Razza selezionata usando polli leggeri allevati nelle campagne toscane. Uovo Peso minimo g. 55 Colore del guscio: bianco: Anello Gallo : 18 Gallina : 16 II

Dettagli

Standard Italiano. I - Generalità

Standard Italiano. I - Generalità PLYMOUTH ROCK D I FABRIZI IO I FOCARDI Standard Italiano Il nome di questa razza deriva dal suo luogo d origine: Plymouth, nel Massachusetts. L aggiunta di Rock - che significa roccia - sta forse a significare

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: UTILIZZAZIONE: Cane di accompagnamento, protezione e utilità

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: UTILIZZAZIONE: Cane di accompagnamento, protezione e utilità FCI Standard N 143 / 14.02.1994 DOBERMANN ORIGINE: Germania DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 14.02.1994 UTILIZZAZIONE: Cane di accompagnamento, protezione e utilità CLASSIFICAZIONE

Dettagli

STANDARD DI RAZZA DELLA PECORA ALPAGOTA

STANDARD DI RAZZA DELLA PECORA ALPAGOTA STANDARD DI RAZZA DELLA PECORA ALPAGOTA 75 Standard di razza della Pecora Alpagota CARATTERI DELLA PECORA ALPAGOTA, CONOSCIUTA ANCHE COME PAGOTA CARATTERI ESTERIORI Taglia media. Testa acorne, in entrambi

Dettagli

L. R. N. 1/2008 TUTELA DEL PATRIMONIO DI RAZZE E VARIETÀ LOCALI DI

L. R. N. 1/2008 TUTELA DEL PATRIMONIO DI RAZZE E VARIETÀ LOCALI DI L. R. N. 1/2008 TUTELA DEL PATRIMONIO DI RAZZE E VARIETÀ LOCALI DI INTERESSE AGRARIO DEL TERRITORIO EMILIANO-ROMAGNOLO SCHEDA TECNICA PER L ISCRIZIONE AL REPERTORIO (revisionata) TACCHINO DI PARMA E PIACENZA

Dettagli

Copyright Centro di Studio del Cavallo Sportivo

Copyright Centro di Studio del Cavallo Sportivo Copyright Centro di Studio del Cavallo Sportivo più frequenti nelle razze nazionali Morello (mantello-base) Baio (mantello-base) Sauro (mantello-base) Grigio Roano Silver dapple Buckskin Palomino Mouse

Dettagli

Le mutazioni del cincillà si dividono per geni : standard, tov, beige, white, ebano,bont, violett e zaffiro.

Le mutazioni del cincillà si dividono per geni : standard, tov, beige, white, ebano,bont, violett e zaffiro. Qui elencate alcune mutazioni dei nostri cincillà La Plata. Disponiamo di tutte le mutazioni di colore esistenti ed in più siamo specializzati nelle nascite dei cincillà Bont e Panda. Il cincillà è un

Dettagli

RICONOSCIMENTO E TRACCE. CORSO ACCOMPAGNATORI AL CAMOSCIO CALTRANO 2017 a cura di Gianluigi Mazzucco

RICONOSCIMENTO E TRACCE. CORSO ACCOMPAGNATORI AL CAMOSCIO CALTRANO 2017 a cura di Gianluigi Mazzucco RICONOSCIMENTO E TRACCE CORSO ACCOMPAGNATORI AL CAMOSCIO CALTRANO 2017 a cura di Gianluigi Mazzucco IL CAMOSCIO RICONOSCIMENTO E TRACCE TROFEO: nel maschio le stanghe sono generalmente sempre più grosse

Dettagli

Gatti. M odelli per DISEGNARE con griglia. Giovanni Civardi IL CASTELLO

Gatti. M odelli per DISEGNARE con griglia. Giovanni Civardi IL CASTELLO Gatti Giovanni Civardi M odelli per DISEGNARE con griglia IL CASTELLO 6 La morfologia esterna Nell osservare le forme, prima bisogna riconoscere ciò che c è di comune, poi cercare le differenze individuali.

Dettagli

ALLEGATO B: RAZZE DEL REGISTRO ANAGRAFICO ( STANDARD MORFOLOGICI )

ALLEGATO B: RAZZE DEL REGISTRO ANAGRAFICO ( STANDARD MORFOLOGICI ) ALLEGATO B: RAZZE DEL REGISTRO ANAGRAFICO ( STANDARD MORFOLOGICI ) 1. Gigante (G.) DESCRIZIONE PUNTI 1. Tipo e forma del corpo 20 2. Peso 10 3. Pelliccia 20 4. Testa e pelliccia 15 5. sovracolore e lucentezza

Dettagli

METODO TAGLIO primo livello 4 GIORNATE

METODO TAGLIO primo livello 4 GIORNATE METODO TAGLIO primo livello 4 GIORNATE il CONSULENTE di BELLEZZA è UNICO perché sà immaginare sà creare e sà emozionare il CONSULENTE di BELLEZZA rappresenta oggi la massima evoluzione della professione

Dettagli

Traduzione in italiano a cura del sig. Pietro Paolo Condo BOLOGNESE

Traduzione in italiano a cura del sig. Pietro Paolo Condo BOLOGNESE Traduzione in italiano a cura del sig. Pietro Paolo Condo FCI Standard N 196 - pubblicazione del 17.12.2015 in vigore dal 1 gennaio 2016 BOLOGNESE TRADUZIONE: Mrs. Peggy Davis. Rivisto da Renée Sporre-Willes.

Dettagli

Standard di razza. Dal sito ufficiale ANABORAPI FINALITA' DELLA SELEZIONE

Standard di razza. Dal sito ufficiale ANABORAPI FINALITA' DELLA SELEZIONE 1 Standard di razza FINALITA' DELLA SELEZIONE L'azione di miglioramento della razza bovina Piemontese riguarda la precocità intesa come conseguimento anticipato dell'età di macellazione, la velocità di

Dettagli

Il piccolo Nemo. 1.I pesci dell' acquario, così vivaci nei. 2.Per questo progetto ho scelto il MATERIALI

Il piccolo Nemo. 1.I pesci dell' acquario, così vivaci nei. 2.Per questo progetto ho scelto il MATERIALI Il piccolo Nemo Creazione di ERNESTINA GALLINA WWW.PIETREVIVE.IT MATERIALI COLORI ACRILICI : Nero, Bianco, Rosso, Giallo o oro PENNELLI : Piatto medio, piccolo e medio a punta tonda, pennello da scrittura

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE:

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: FCI Standard N 167 / 22.01.1999 COCKER AMERICANO ORIGINE: U.S.A. DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 17.05.1993 UTILIZZAZIONE: Cane da cerca e da compagnia CLASSIFICAZIONE F.C.I.: Gruppo

Dettagli

Anno d insediamento. N. riproduttori. Accessioni valutate. 1) Luoghi di conservazione ex situ: Incubatoi incaricati della moltiplicazione:

Anno d insediamento. N. riproduttori. Accessioni valutate. 1) Luoghi di conservazione ex situ: Incubatoi incaricati della moltiplicazione: COLOMBO REGGIANINO Famiglia: Genere: Columba Specie:livia Nome comune: Codice iscrizione Registro nazionale: Sinonimi accertati: Cravattato italiano, Reggianino Sinonimie errate: Denominazioni dialettali

Dettagli

ASINO ROMAGNOLO Famiglia:Equidae Genere: Equus Specie: asinus

ASINO ROMAGNOLO Famiglia:Equidae Genere: Equus Specie: asinus ASINO ROMAGNOLO Famiglia:Equidae Genere: Equus Specie: asinus Nome comune: asino Romagnolo Sinonimi accertati: S: Alberto Sinonimie errate: Denominazioni dialettali locali Data inserimento nel repertorio:

Dettagli

I COLORI DEL MANTELLO NEL CAVALLO

I COLORI DEL MANTELLO NEL CAVALLO I COLORI DEL MANTELLO NEL CAVALLO Una definizione chiara ed univoca dei mantelli tra i diversi paesi e i diversi approcci metodologici a tutt oggi non è stata elaborata. Infatti, la metodica di classificazione

Dettagli

CATEGORIA A: RIPRODUTTORI ADULTI

CATEGORIA A: RIPRODUTTORI ADULTI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CONIGLICOLTORI ITALIANI XXXVI MOSTRA NAZIONALE DEL REGISTRO ANAGRAFICO DELLA SPECIE CUNICOLA FOGGIA APRILE - MAGGIO DOMANDA DI PARTECIPAZIONE Il Sottoscritto. Codice Allevatore (C.P.

Dettagli

SEGUGIO SVIZZERO DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD DI ORIGINE IN VIGORE : 28.11.2001.

SEGUGIO SVIZZERO DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD DI ORIGINE IN VIGORE : 28.11.2001. 1 Standard FCI n 59 / 28.06.2002 / I SEGUGIO SVIZZERO ORIGINE : Svizzera. DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD DI ORIGINE IN VIGORE : 28.11.2001. UTILIZZO : Cane di taglia media della petite venerie utilizzato

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 13.10.2010. Cane da lavoro, da guardia, da sport e da

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 13.10.2010. Cane da lavoro, da guardia, da sport e da FCI Standard N 327 / 10.01.2011 TERRIER NERO RUSSO ( Russkiy Tchiorny Terrier) ORIGINE: Russia DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 13.10.2010 UTILIZZAZIONE: compagnia Cane da lavoro,

Dettagli

BCS E VALUTAZIONE DEL PESO

BCS E VALUTAZIONE DEL PESO BCS E VALUTAZIONE DEL PESO Tenere un diario periodico del BCS (body condition score) del vostro asino e una stima del suo peso può risultare molto utile nel monitorare il suo stato di salute e la sua gestione.

Dettagli

FCI Standard N 196 / BOLOGNESE

FCI Standard N 196 / BOLOGNESE FCI Standard N 196 / 20.04.1998 BOLOGNESE!"#$%"&&'#("$)**"$+()#,)-,$,.$/-)#%'+%"$!"%0'((.$12.3,.%'$)**$-"3#,'-$4565!5758/5!5759$ ORIGINE: Italia DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE:

Dettagli

COCKER SPANIEL INGLESE. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza.

COCKER SPANIEL INGLESE. L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. FCI Standard N 5 / 23.11.2012 COCKER SPANIEL INGLESE M.Davidson, illustr. NKU Picture Library L illustrazione non rappresenta necessariamente il tipo ideale della razza. 2 LINGUA ORIGINALE FCI DI TRADUZIONE:

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE:

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: FCI Standard n 335 / 09.02.2011 CANE DA PASTORE DELL ASIA CENTRALE ORIGINE: Russia (Regioni dell Asia Centrale) PATROCINIO: Russia DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 13.10.2010 UTILIZZAZIONE:

Dettagli

CANE LUPINO DEL GIGANTE LUVIN CANE DA PASTORE DELL APPENNINO REGGIANO SCHEDARIO FOTOGRAFICO & BIOMETRICO

CANE LUPINO DEL GIGANTE LUVIN CANE DA PASTORE DELL APPENNINO REGGIANO SCHEDARIO FOTOGRAFICO & BIOMETRICO CANE LUPINO DEL GIGANTE LUVIN CANE DA PASTORE DELL APPENNINO REGGIANO SCHEDARIO FOTOGRAFICO & BIOMETRICO 6^ Parte Associazione di Volontariato del Cane Lupino del Gigante Località Costa de Grassi, Castelnovo

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE:

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: FCI Standard N 59 / 28.06.2002 SEGUGI SVIZZERI ORIGINE: Svizzera DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 28.11.2001 UTILIZZAZIONE: cane da caccia a tiro; è generalmente utilizzato sulla

Dettagli

ECOSISTEMA RISAIA TRYOPS CANCRIFORMIS IBIS SACRO D EGITTO BECCACCINO AIRONE CENERINO GALLINELLA DI RISAIA LIBELLULA PAVONCELLA ZANZARA

ECOSISTEMA RISAIA TRYOPS CANCRIFORMIS IBIS SACRO D EGITTO BECCACCINO AIRONE CENERINO GALLINELLA DI RISAIA LIBELLULA PAVONCELLA ZANZARA ECOSISTEMA RISAIA IBIS SACRO D EGITTO LIBELLULA BECCACCINO AIRONE CENERINO GALLINELLA DI RISAIA PAVONCELLA TRYOPS CANCRIFORMIS ZANZARA IBIS SACRO D EGITTO Uccello caratteristico, si presenta con un piumaggio

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 08.01.1998. CLASSIFICAZIONE F.C.I. Gruppo 7 Cani da ferma Sezione 1.1.

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 08.01.1998. CLASSIFICAZIONE F.C.I. Gruppo 7 Cani da ferma Sezione 1.1. FCI Standard N 281/ 12.10.1998 GAMMEL DANSK HØNSEHUND ORIGINE: Danimarca DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 08.01.1998 UTILIZZAZIONE: Cane da piuma polivalente CLASSIFICAZIONE F.C.I.

Dettagli

IL GIUDIZIO DEL CANE DA PASTORE TEDESCO

IL GIUDIZIO DEL CANE DA PASTORE TEDESCO IL GIUDIZIO DEL CANE DA PASTORE TEDESCO IL GIUDIZIO DEL CANE DA PASTORE TEDESCO SI OTTIENE ATTRAVERSO MOLTEPLICI ANALISI 1. LA VALUTAZIONE DEI DOCUMENTI 2. IL GIUDIZIO DA FERMO 3. IL GIUDIZIO IN MOVIMENTO

Dettagli

Valutazione tecnica. Allegato A

Valutazione tecnica. Allegato A Allegato A Per definire il livello tecnico di una squadra di pallavolo (base o avanzato), si valutano tutti i giocatori sui seguenti fondamentali: palleggio, bagher, battuta e attacco. Ogni fondamentale

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: UTILIZZAZIONE: Guardiano di greggi ed eccellente cane da guardia

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: UTILIZZAZIONE: Guardiano di greggi ed eccellente cane da guardia FCI STANDARD N 357/ 19.05.2009 CIOBANESC ROMANESC DE BUCOVINA ORIGINE: Sud Est Europa PATRONATO: Romania e Serbia DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 26.03.2009 UTILIZZAZIONE: Guardiano

Dettagli

DATA DI PUBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE:

DATA DI PUBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: FCI Standard N 34 / 22.10.1992 BASSET ARTESIEN-NORMAND ORIGINE: Francia DATA DI PUBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 12.12.1991 UTILIZZAZIONE: Cane per la piccola selvaggina utilizzato per la

Dettagli

Quello sparviero di cioccolato

Quello sparviero di cioccolato La varietà è stata riconosciuta in Italia lo scorso mese di aprile Quello sparviero di cioccolato Gruppo di Moroseta cioccolato sparviero Pulcino di Moroseta cioccolato sparviero di Olivier Nicou In tutte

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 26.05.1982

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 26.05.1982 FCI Standard N 87 / 13.09.2004 CANE DA PASTORE CATALANO (GOS D ATURA CATALAN) ORIGINE: Spagna DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 26.05.1982 UTILIZZAZIONE: è nel condurre le greggi

Dettagli

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 27.02.1990. UTILIZZAZIONE: Cane da caccia versatile; cane da ferma

DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 27.02.1990. UTILIZZAZIONE: Cane da caccia versatile; cane da ferma FCI Standard N 99 /04.12.1998 WEIMARANER ORIGINE: Germania DATA DI PUBBLICAZIONE DELLO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 27.02.1990 UTILIZZAZIONE: Cane da caccia versatile; cane da ferma CLASSIFICAZIONE F.C.I.

Dettagli

Per giudicare una Razza bisogna conoscere la sua storia

Per giudicare una Razza bisogna conoscere la sua storia L AKITA INU Per giudicare una Razza bisogna conoscere la sua storia LE ORIGINI L Akita è una razza antichissima, proveniente dalla Prefettura Giapponese di Akita, questi meravigliosi cani venivano utilizzati

Dettagli

No 8 Si 12 20. Y Scadente Buono Ottimo f i. Francia 3 1 3 7 Germania 1 0 4 5 Inghilterra 3 4 1 8 Norvegia 2 1 7 10 f j 9 6 15 30

No 8 Si 12 20. Y Scadente Buono Ottimo f i. Francia 3 1 3 7 Germania 1 0 4 5 Inghilterra 3 4 1 8 Norvegia 2 1 7 10 f j 9 6 15 30 Capitolo 9 Soluzione degli esercizi a cura di Rosa Falotico Esercizio 9.1 Esercizio 9.2 Y Centro ord Sud f i o 4 0 4 8 Si 0 6 6 12 4 6 10 20 f i o 8 Si 12 20 f i Y Centro 4 ord 6 Sud 10 20 Y Scadente Buono

Dettagli

CUNICALABRIA Mostra Interregionale del R.A. della Specie Cunicola Montalto Uffugo (CS) - 7/8 DICEMBRE 2016 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

CUNICALABRIA Mostra Interregionale del R.A. della Specie Cunicola Montalto Uffugo (CS) - 7/8 DICEMBRE 2016 DOMANDA DI PARTECIPAZIONE CUNICALABRIA Mostra Interregionale del R.A. della Specie Cunicola Montalto Uffugo (CS) - / DICEMBRE DOMANDA DI PARTECIPAZIONE Il Sottoscritto nato a.il residente a.......cap provincia di... Via o località.telefono.

Dettagli

Design Sculpture Regole, Criteri & Istruzioni per i giudici Regole generali di competizione

Design Sculpture Regole, Criteri & Istruzioni per i giudici Regole generali di competizione Regole generali di competizione 1. Questa competizione unisce l'elemento della nail art con l'aspetto tecnico della struttura dell'unghia. 2. I concorrenti saranno valutati secondo un insieme di criteri

Dettagli

ARLECCHINO PORTOGHESE

ARLECCHINO PORTOGHESE ARLECCHINO PORTOGHESE Tipo: mesomorfo Canarino di razza pesante L Arlecchino portoghese (Arlequim Português in Lingua portoghese) rappresenta l evoluzione selettiva, avvenuta in cattività, dei vecchi canarini

Dettagli

SPECIMEN VERSION 2/2012. Foglio delle note finali Parrucchiera / Parrucchiere AFC. Cognome Nome Anno dell esame. Candidata/o No

SPECIMEN VERSION 2/2012. Foglio delle note finali Parrucchiera / Parrucchiere AFC. Cognome Nome Anno dell esame. Candidata/o No Foglio delle note finali Parrucchiera / Parrucchiere AFC Cognome Nome coiffuresuisse Lavori pratici Esame intermedio... a) Esame finale... Esame finale... =... : 3... x 2 =... Nota lavori pratici (arrotondata

Dettagli

SCHEDA STANDARD DEL CARDELLINO (CARDUELIS CARDUELIS)

SCHEDA STANDARD DEL CARDELLINO (CARDUELIS CARDUELIS) Scheda CARDELLINO SCHEDA STANDARD DEL CARDELLINO (CARDUELIS CARDUELIS) Il cardellino fa parte dell avifauna europea ed è uccello che si presenta in molte varietà geografiche che hanno dato luogo a diverse

Dettagli

Queste indicazioni derivano dalla "nazionalizzazione" delle norme internazionali ICAO - ISO (ISO/IEC JTC 1/SC 37 N506).

Queste indicazioni derivano dalla nazionalizzazione delle norme internazionali ICAO - ISO (ISO/IEC JTC 1/SC 37 N506). Queste indicazioni derivano dalla "nazionalizzazione" delle norme internazionali ICAO - ISO (ISO/IEC JTC 1/SC 37 N506). La foto che deve essere consegnata per il rilascio di documenti elettronici (passaporto,

Dettagli